CORSO INTEGRATO DI SCIENZE BIOMEDICHE I. Docente Responsabile: Prof. Bond

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO INTEGRATO DI SCIENZE BIOMEDICHE I. Docente Responsabile: Prof. Bond"

Transcript

1 CORSO INTEGRATO DI SCIENZE BIOMEDICHE I Docente Responsabile: Prof. Bond Altri Docenti: Proff.: Bulotta Vescio Chirchiglia Mesuraca Minchella Iuele Cuzzola Ricchio Cuzzola PROGRAMMI MODULO DI BIOLOGIA APPLICATA L ORGANIZZAZIONE INTERNA DELLA CELLULA. Caratteristiche generali cellula procariotica ed eucariotica. Macromolecole biologiche: carboidrati, lipidi, proteine, acidi nucleici Le membrane cellulari: la struttura della membrana: il doppio strato lipidico; le proteine di membrana. Il trasporto di membrana: i principi; le proteine trasportatrici e il trasporto attivo e passivo. Il citoscheletro: principali caratteristiche strutturali dei microfilamenti, dei microtubuli e dei filamenti intermedi I compartimenti delle cellule: il nucleo delle cellule eucariotiche; reticolo endoplasmatico; l apparato di Golgi; i mitocondri; i lisosomi. MECCANISMI GENETICI DI BASE. La struttura e la funzione del DNA; la struttura della cromatina e dei cromosomi; struttura del nucleo. La replicazione del DNA. Da DNA a RNA: la trascrizione; le modificazioni post-trascrizionali del RNA. Da RNA a proteine: la traduzione; il codice genetico; il trna; il ribosoma; il meccanismo della sintesi proteica; definizione di gene. IL CICLO CELLULARE. Caratteristiche generali LA MECCANICA DELLA DIVISIONE CELLULARE. Caratteristiche generali: la mitosi; la citochinesi; la meiosi. CONVERSIONE DELL ENERGIA. Il metabolismo cellulare. La fosforilazione ossidativa: la catena di trasporto degli elettroni, l ATP-sintasi. TESTI CONSIGLIATI - Chimica, biochimica e biologia applicata. Seconda edizione (Autori: Stefani, Taddei. Ed. Zanichelli) - Elementi di Biologia. (Autori: Solomon, Berg, Martin. Ed. EdiSES)

2 MODULO DI BIOCHIMICA INTRODUZIONE Concetti generali di metabolismo: anabolismo, catabolismo. Biomolecole, gruppi funzionali. L'acqua, legami idrogeno e ph. 2. AMINOACIDI Classificazione. Il carbonio asimmetrico, dissociazione degli amminoacidi, amminoacidi standard ed amminoacidi essenziali. Le caratteristiche della catena laterale: amminoacidi idrofobici, neutri, acidi e basici. Legame peptidico e ponti disolfuro. 3. STRUTTURA DELLE PROTEINE Struttura primaria, secondaria, terziaria e quaternaria delle proteine. Alfa elica e foglietto beta. Proteine globulari e fibrose. Mioglobina ed emoglobina. 4. ENZIMI La funzione di un enzima, energia di attivazione. Meccanismi di azione di un enzima (Costante di Michaelis-Menten). Inibizione enzimatica reversibile ed irreversibile, competitiva e non competitiva. 5. CARBOIDRATI Struttura e classificazione. Monosaccaridi. Disaccaridi e Polisaccaridi di interesse biologico.l insulina e il glucagone nella regolazione della glicemia. 6. METABOLISMO DEI CARBOIDRATI Glicolisi, bilancio energetico e regolazione. Destini del piruvato in condizioni aerobiche e anaerobiche. Ciclo dell acido citrico. 7. LIPIDI Struttura e classificazione dei lipidi. Lipidi di riserva: acidi grassi, acilgliceroli. Lipidi di membrana, colesterolo, ormoni steroidei. Le lipoproteine per il trasporto dei grassi. Testi consigliati Nelson, Cox INTRODUZIONE ALLA BIOCHIMICA DI LEHNINGER Zanichelli Champe, Harvey LE BASI DELLA BIOCHIMICA Zanichelli Può comunque essere utilizzato qualsiasi testo di Biochimica

3 MODULO DI ANATOMIA UMANA Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e struttura generale del corpo La cellula Struttura cellulare Tessuti e Membrane Tessuto epiteliale, connettivo, muscolare, nervoso, le membrane Apparato Scheletrico Generalità del tessuto osseo Classificazione delle ossa Le ossa del cranio Le ossa del tronco Le ossa degli arti Il sistema articolare Apparato Muscolare Struttura muscolare Muscoli mimici Muscoli masticatori Muscoli principali del tronco e dell addome Diaframma respiratorio e perineale Il Cuore Membrane pericardiche Cavità cardiache Vasi coronarici Vie cardiache di conduzione Apparato Vascolare Arterie, vene, capillari Piccola e Grande Circolazione Circolazione fetale Poligono di Willis,

4 Sistema Portale Il Sangue Caratteristiche del sangue,plasma, cellule ematiche Gruppo sanguigno e fattore RH Apparato Respiratorio Naso e cavità nasali, faringe, laringe, trachea, polmoni, alveoli. Membrane pleuriche, cavità toracica, mediastino Apparato Digerente Cavità orale, faringe, esofago. stomaco, intestino tenue e crasso, fegato, colecisti e vie biliari, pancreas. Cavità peritoneale, le regioni e i quadranti dell addome Apparato Urinario Reni, ureteri, vescica, uretra. Apparato Riproduttivo maschile e femminile Testicolo, epididimo, condotto deferente, prostata, genitali esterni. Ovaio, tube uterine, utero, vagina. Sistema Endocrino Generalità degli ormoni Sistema ipotalamo ipofisario, epifisi, tiroide,paratiroidi, pancreas, surrene, ovaie, testicoli Sistema Nervoso Suddivisione del sistema nervoso, sistema nervoso centrale e periferico, neurone, meningi, liquido cerebrospinale, encefalo, midollo spinale, nervi cranici, nervi spinali, sistema nervoso autonomo, principali vie della sensibilità e della motricità volontaria. Testi Consigliati Anatomia umana- G.Goglia Grande Atlante di anatomia umana-viguè-martin Anatomia dell Uomo- G. Ambrosi Edi-Ermes Anatomia Umana - Idelson Gnocchi Risultati d apprendimento previsti: Introdurre gli studenti alla comprensione della struttura e funzione delle molecole, delle macromolecole di interesse biologico, e alla conoscenza della struttura e funzione delle componenti cellulari nonchè conoscere l'organizzazione e la struttura dei tessuti e dei principali apparati del corpo umano. Inoltre correlare la struttura di

5 un tessuto e di un organo con le principali funzioni svolte nell'organismo. Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite calendario delle prove di esame : consultabili sul portale

6 CORSO INTEGRATO DI SCIENZE FISICHE, INFORMATICHE E STATISTICHE Docente Responsabile: Prof. Lamanna Altri Docenti: Proff.: Laganà Siciliano Sceni Scardamaglio Calabrese Gallo Masciari Ponti Raffaeli Valentini - PROGRAMMI MODULO DI FISICA APPLICATA Le scienze e il metodo scientifico Matematica "leggera" Le grandezze fisiche I vettori Il movimento ; Integrazione 1 ; Integrazione 2 La forza Il moto dei fluidi L'energia L'energia nei fluidi I fenomeni termici I fenomeni elettrici ; Integrazione Le onde Radiazione Elettromagnetica in Medicina Fisica Nucleare Testi Consigliati Trasparenze del Corso del Prof. P. Montagna Web page: P. Montagna, A. Panzarasa: DALLA MATEMATICA ALLA FISICA - Richiami di Matematica e semplici esercizi di Fisica tra scuola superiore e Università Ed. CLU Pavia, 2003 F. Borsa, S. Altieri: LEZIONI DI FISICA con Laboratorio - Ed. Goliardica, Pavia (più semplice e sintetico) F. Borsa, G. L. Introzzi, D. Scannicchio: ELEMENTI DI FISICA PER DIPLOMI DI INDIRIZZO MEDICO- BIOL. Ed. Unicopli, Milano (più complesso e completo)

7 MODULO DI INFORMATICA 1. Introduzione al corso a. Codifica dell Informazione b. Algoritmi e Programmi 2. Architettura del Calcolatore a. Hardware & Software b. Architettura (Schema a Blocchi per Unità Funzionali Von Neumann) c. Memorie d. Processore e. Periferiche (Data Storage & I/O) 3. Il Sistema Operativo a. Struttura Organizzativa b. Classificazioni c. Tipologie d. File System e. Panoramica di MS Windows 4. Elaboratori di Testo (MS Word) 5. Fogli di Calcolo (MS Excel) 6. Le Reti & Internet a. Protocolli e TCP/IP b. Indirizzi IP & DNS c. Router d. Architettura Client-Server e. Applicazioni i. Browser e WWW ii. Posta Elettronica iii. Motori di Ricerca Testi consigliati: La guida McGraw-Hill alla patente europea del computer, McGraw-Hill, 2002 Informatica una panoramica generale (brookshear) Manuali ECDL (modulo 1 e 2) Ulteriori informazioni e materiale didattico su

8 MODULO DI STATISTICA MEDICA Introduzione alla STATISTICA MEDICA STATISTICA DESCRITTIVA: Metodi di rilevazione dei fenomeni statistici 1. Caratteri, unità statistiche e collettivo 2. Classificazione dei caratteri statistici 3. Suddivisione in classi di un carattere quantitativo 4. I diversi tipi di rilevazione dei dati Distribuzione di un carattere e sua rappresentazione 1. Dalle distribuzioni unitarie alle distribuzioni di frequenza 2. Frequenze relative e percentuali 3. Frequenze cumulate 4. Rappresentazione grafica delle distribuzioni semplici Misure di tendenza centrale: medie analitiche e di posizione 1. La media aritmetica 2. La media geometrica 3. La mediana 4. La moda 5. I percentili Misure di dispersione 1. La variabilità di una distribuzione 2. Range o campo di variazione 3. La varianza 4. Lo scarto quadratico medio 5. Differenza interquartilica STATISTICA INFERENZIALE: La Probabilità 1. Concetti di base della probabilità 2. Le variabili casuali (cenni) 3. Distribuzione di probabilità per v.c. discrete : Binomiale, Bernoulli 4. Distribuzione di probabilità per v.c. continue: Normale, t di Student Il campionamento 1. Introduzione 2. Popolazione e parametri della popolazione 3. Il campionamento da popolazioni finite 4. Il campionamento da popolazioni infinite

9 Il problema della stima 1. La stima puntuale 2. La stima per intervalli I test statistici 1. Introduzione 2. Formulazione delle ipotesi 3. Regione di accettazione e regione di rifiuto 4. Gli errori di primo e secondo tipo Cenni alla regressione lineare Testi di riferimento Dispense fornite dal docente Risultati d apprendimento previsti; Lo scopo del corso è di introdurre gli studenti ai concetti ed alle problematiche che stanno alla base della programmazione, alla conoscenza di base delle leggi fisiche e alla capacità di collegare le nozioni apprese nelle lezioni frontali ad alcuni fenomeni fisici che avvengono nella nostra quotidianità ed alla conoscenza della metodologia statistica e dei suoi aspetti applicativi nel settore biomedico Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite calendario dele prove di esame : consultabili sul portale

10 CORSO INTEGRATO DI SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI E TEORIE DEL NURSING Docente Responsabile: Prof. Doldo Altri Docenti: Proff :. Morelli Luongo Gigliotti Albanese Muraca Scarcelli Fotia Imbrogno Stilo Fiorillo PROGRAMMI MODULO DI INFERMIERISTICHE OSTETRICO GINECOLOGICHE GENERALE Programma 1. Dipartimento materno infantile, macroarea ospedaliera e macroarea territoriale. 2. Cenni di anatomia e fisiologia dell apparato genitale maschile e femminile. 3. Biologia della riproduzione umana. 4. Prevenzione dei tumori della sfera genitale femminile (esami diagnostici e screening). 5. Contraccezione: descrizione e metodi applicativi. Modalità di verifica dell'apprendimento Prova orale su argomenti relativi al programma. Strumenti a supporto della didattica Presentazioni in formato Ms-Power Point, fotocopie didattiche preparate dal docente

11 Orario di ricevimento Docente: Prof. Michele Morelli Luogo e giorno: durante tutta la settimana previo appuntamento MODULO DI INFERMIERISTICA GENERALE Evoluzione storica e culturale dell assistenza infermieristica e degli infermieri I principi, i luoghi, i modi, le figure dell assistenza attraverso i secoli compreso l evoluzione dei concetti di salute -malattia nella storia. Le origini storiche del prendersi cura. L assistenza nei secoli prima di Cristo. Cristianesimo e assistenza nei primi secoli dopo Cristo. Cura e assistenza durante il medioevo. I primi ospedali. I tre santi riformatori dell assistenza. La dimensione pubblica e statale dell assistenza nel XVIII e XIX secolo. IlXX secolo: l assistenza infermieristica in Italia. Evoluzione dell esercizio professionale infermieristico. R.D. n.1310/40, DPR n.225/1974, DM n. 739/94, Legge n. 42/1999, Legge n. 251/2000, Legge 1/ 2002 Evoluzione della formazione infermieristica in Italia. R.D.n.1832/1925; R.D.n.2330/1929, AccordodiStrasburgo1967, Legge124/1971, Legge795/1973, DPR867/1975, D. Murst2/12/91(tabella XXXIX-ter),D. Murst24/7/96 (Tabella XVIII-ter),D. Murst 2/4/2001. La dimensione collettiva dell erogazione dell assistenza infermieristica. Le altre figure del servizio sanitario nazionale. I profili professionali, il personale di supporto all assistenza infermieristica, il personale ausiliario. L affidamento di attività. La delega. Modelli di erogazione. Modello di assistenza funzionale (Functional Nursing). Modello di assistenza per Equipe (TeamNursing). Modello di assistenza globale (Total patient Care). Modello di assistenza primaria (Primary Nursing). Modello digestione dei casi(case Management).Il sistema ordinistico: tra evoluzione e trasformazione. Il

12 collegio IPASVI :il concetto di ordine e collegio. Cenni storici e riferimenti legislativi. Gli organi, le attribuzioni e i fini istituzionali. L albo professionale. Il potere disciplinare. Il potere tariffario. La Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI: gli organi, le attribuzioni:commissione centrale esercenti le professioni sanitarie: Composizione, le attribuzioni. L Associazionismo professionale: i primi movimenti associativi infermieristici: Il concetto di associazione. Elementi delle associazioni. Le associazioni infermieristiche nazionali(c.n.a.i, A.C.O.S,) F.I.R.O.S,) ed internazionali( C.I.I, C.I.C.I.A.M.S.) più rappresentative. Istituzioni che hanno rapporti con il sistema salute. Istituzioni nazionali: Il Ministero della Salute, Le Regioni,gli enti locali. istituzioni Internazionali: Organizzazione Mondiale Sanità (OMS ), Comunità Europea (CEE),ONU,FAO,UNESCO. Bibliografia -A A.VV., Moderni principi nella formazione infermieristica, Rosini Firenze, 1981; -Cecilia Sironi, Storia dell assistenza infermieristica,nis Roma,1991;-M :Patricia Donahue, Nursing-Storia illustrata dell assistenza infermieristica, A. Delfino,1991; -Marisa Siccardi, Viaggio nella notte di San Giovanni, Rosini Firenze,1992; -Carlo Calamandrei, L assistenza Infermieristica, NIS Roma, 1993; - Olga Passera, Assistenza infermieristica Storia sociale,ambrosiana Milano, 1993; -Sandro Spinsanti, Curare e prendersi cura, CIDAS,2000; -Paolo Chiari, l infermiere Case Manager,McGraw.Hill,2001;-Sherwin BNuland, Storia della Medicina,Mondadori,2004; -Luca Benci, Manuale giuridico professionale per l esercizio del Nursing, II Edizione M cgraw.,2004;- Luca Benci, Aspetti Giuridici della Professione Infermieristica: Elementi di Legislazione Sanitaria.

13 MODULO DI TEORIE DEL NURSING Obiettivo del modulo Al termine del corso lo studente deve essere in grado di: Descrivere l evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale in Italia dalla Legge 833/78 al D. lgs 229/99 Definire lo specifico professionale in riferimento agli orientamenti normativi attuali e alle caratteristiche del Servizio Sanitario Nazionale Individuare le principali responsabilità etiche e deontologiche dell infermiere nell esercizio professionale Definire gli elementi della pianificazione assistenziale Riconoscere i principali elementi che caratterizzano il progetto di cura Riconoscere ed utilizzare la dimensione psicologica nell azione infermieristica Individuare i principali elementi costitutivi della relazione umana in generale e della relazione professionale infermieristica in particolare Programma Il sapere culturale e il sapere disciplinare: la matrice culturale, religiosa, sociale, professionale L inquadramento epistemologico del Nursing. Lo sviluppo della conoscenza infermieristica: nascita, modelli da altre discipline, evoluzione, attualità. L Infermieristica in rapporto ad altre professioni sanitarie. Le relazioni tra filosofia,modelli e teorie La disciplina Infermieristica. L oggetto, lo scopo, il metodo e gli strumenti Il metaparadigma Persona,Salute,Ambiente, Assistenza Infermieristica Alcune elaborazioni teoriche della disciplina infermieristica. Nigthingale, Henderson, Peplau, Orem,Roy, Leininger, Cantarelli Zanotti Il metodo e gli strumenti Il problem solving quale processo logico della risoluzione dei problemi. Dal problem solving al processo di Nursing. Il metodo infermieristico:il carattere clinico, il carattere ipotetico- deduttivo, il carattere dialogico, il carattere strategico Definizione, caratteristiche e fasi del processo di assistenza infermieristica: accertamento/raccolta dati. Analisi e interpretazione dei dati. Diagnosi infermieristiche e problemi collaborativi. Pianificazione degli obiettivi. Pianificazione e attuazione degli interventi. Valutazione. Bibliografia Bizier N., Dal pensiero al gesto, Milano,Ed. Sorbona, 1990 Calamandrei C., I fondamenti della scienza infermieristica: metaparadigmi e paradigmi, Nursing oggi, Calamandrei C., Riflessioni sull Infermieristica e sulla scienza infermieristica, Nursing oggi, Carpenito L.J., Diagnosi infermieristiche,applicazione alla pratica clinica,milano, Casa Editrice Ambrosiana, 2006 Leininger M., Farland M. Tomey A., La teoria del Nursing,Milano,McGraw -

14 hill,2007 Motta P. C., Introduzione alle scienze infermieristiche, Rom a, Carocci, 2002 Manzoni E. Storia e filosofia dell assistenza infermieristica,milano,masson,1996 Wilkinson J., Processo infermieristico e pensiero critico, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, PROGRAMMA MODULO DI INFERMIERISTICA RELAZIONALE Correlazioni e implicazioni: la relazione, vari tipi di relazione. Relazione infermierepaziente. La relazione d aiuto. Le risposte umane all esperienza di malattia, implicazioni infermieristiche: stress, coping, adattamento. Famiglia e relazioni al suo interno. Accompagnamento al morente. La sessualità. Cenni di analisi transazionale Bibliografia Carpineta La comunicazione infermiere-paziente NIS Roma Ricci Bitti Pio E. Zani Bruna: La Comunicazione come processo sociale Il Mulino Bologna Pinkus L Psicologia del malato Edizioni San Paolo Sadrin L Compagni di viaggio- il malato e chi lo cura Edizioni Paoline Federazione cure palliative Decalogo dei diritti della famiglia nell assistenza al malato terminale Kaplan Harold Sadock Benjamin Y. Rapporto medico-paziente e tecniche di colloquio, in Psichiatria. Manuale di scienze del comportamento e Psichiatria Clinica Centro Scientifico Internazionale Torino Risultati d apprendimento previsti: Al termine del corso lo studente deve essere in grado di: Descrivere l evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale in Italia dalla Legge 833/78 al D. lgs 229/99 Definire lo specifico professionale in riferimento agli orientamenti normativi attuali e alle caratteristiche del Servizio Sanitario Nazionale Individuare le principali responsabilità etiche e deontologiche dell infermiere nell esercizio professionale Definire gli elementi della pianificazione assistenziale

15 Riconoscere i principali elementi che caratterizzano il progetto di cura Riconoscere ed utilizzare la dimensione psicologica nell azione infermieristica Individuare i principali elementi costitutivi della relazione umana in generale e della relazione professionale infermieristica in particolare Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite

16 CORSO INTEGRATO SCIENZE UMANE DELLA PREVENZIONE E DEI SERVIZI SANITARI Docente Responsabile: Prof. Segura Altri Docenti: Proff.: Venneri Nobile - Di Mizio Fittante Manfredi- De Vito Squillace- Di Nunzio Vinci - Garofalo Martelli - De Paola Vazana PROGRAMMI MODULO DI PSICOLOGIA CLINICA Funzioni psichiche Elementi della comunicazione Comunicazione verbale e non verbale Elementi che influenzano la comunicazione/relazione tra il personale sanitario ed il paziente La comunicazione in situazioni particolari: breaking bad news, paziente terminale. Testi consigliati: - Marinella Sommaruga. Comunicare con il paziente. CAROCCI FABER, MODULO DI SOCIOLOGIA Sociologia e società. La metafora della rete sociale: interazione e relazione sociale; tipi di relazione sociale. Il concetto di professione: il dibattito sociologico sulle professioni; il processo di professionalizzazione del lavoro sanitario; il sistema delle occupazioni sanitarie; la dominanza medica. I concetti sociologici fondamentali: ruolo, status, gruppo, classe, potere, ideologia. Applicazioni alla professione infermieristica. I processi sociali fondamentali: integrazione sociale; consenso e conflitto sociale; fonti endogene ed esogene del mutamento e stratificazione sociale; socializzazione; devianza; controllo sociale. Le organizzazioni complesse: scopi e struttura dell organizzazione sanitaria. Malattia e persona oltre il dualismo cartesiano. Dal paradigma biomedico al paradigma olistico: i concetti di desease, illness, sickness. Sociologia della medicina e Sociologia della salute. La relazione professionista-paziente: modelli di analisi. Testo di riferimento Venneri E., 2003, Sociologia e professioni sanitarie, Rubbettino. Letture consigliate Bagnasco A., Barbagli M., Cavalli A, 2004, Elementi di sociologia, Il Mulino (capp. I, II, III, V, VII).

17 MODULO DI SOCIOLOGIA OBIETTIVI Il Corso si propone di introdurre gli studenti alla conoscenza dei fondamenti epistemologici della Sociologia delineando le principali acquisizioni teoriche e metodologiche della disciplina sui temi della salute e della malattia. PROGRAMMA I. Fondamenti epistemologici e teorici Scienze sociali e scienze naturali: per una nuova epistemologia connessionista. Microsociologia: persona e vita quotidiana tra soggettività e struttura sociale. Mesosociologia: la trama della vita sociale. Macrosociologia: processi sociali e sistemi societari. II. Lineamenti di sociologia della salute e della medicina La malattia tra persona, medicina e società. La relazione medico-paziente. L ospedale come organizzazione complessa. Le professioni nelle organizzazioni sanitarie. Le disuguaglianze di salute nell era della globalizzazione. Società multietnica, differenze culturali e servizi sanitari. TESTO D ESAME (per le parti relative al programma) Giarelli G., Venneri E., 2009, Sociologia della salute e della medicina. Manuale per le professioni mediche, sanitarie e sociali, Milano, FrancoAngeli.

18 MODULO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA 1.MEDICINA PREVENTIVA 1.1 Prevenzione primaria 1.2 Prevenzione secondaria 1.3 Prevenzione terziaria 1.4 Educazione sanitaria 2. EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE 2.1 Modalità evolutive 2.2 La catena contagionistica 3. PROFILASSI DIRETTA DELLE MALATTIE INFETTIVE 3.1 Strategie generali 3.2 Profilassi diretta Notifica o denuncia Accertamento Inchiesta epidemiologica Isolamento Disinfezione e sterilizzazione 4. INFEZIONI OSPEDALIERE 4.1 Inquadramento nosologico 4.2 Inquadramento eziologico 4.3 Inquadramento epidemiologico 4.4 Inquadramento preventivo 5.MODALITA E MEZZI PER LA STERILIZZAZIONE E LA DISINFEZIONE 5.1 Sterilizzazione Sterilizzazione con il calore Raggi ultravioletti (UV) 5.2 Disinfezione e disinfettanti Resistenza dei microrganismi Modalità d azione dei disinfettanti Disinfezione con agenti fisici Disinfettanti chimici Alcune applicazioni dei disinfettanti Disinfezione dello strumentario L antisepsi Disinfezione delle mani (antisepsi) Disinfezione della cute (antisepsi) Mucose Ferite 6. VACCINAZIONI Testo consigliato: Barbuti S., Bellelli E., Fara G.M., Giammanco G.: Igiene e Medicina Preventiva. Monduzzi Editore 2003.

19 MODULO DI MEDICINA LEGALE 1. Elementi costitutivi del reato: a. Delitto doloso, colposo e preterintenzionale; b. Soggetto attivo, passivo e oggetto giuridico; c. Circostanze attenuanti ed aggravanti comuni e speciali; 2. I possibili profili di reato: a. Percosse; b. Lesioni personali: classificazione; c. Pericolo di vita e prognosi riservata; d. Violenza sessuale; e. I reati tipicamente professionali dell infermiere. 3. Consenso informato all atto diagnostico-terapeutico: a. Consenso dell avente diritto; b. Stato di necessità; c. Caso fortuito o forza maggiore; d. Infermiere, informazione e consenso; 4. Segreto professionale: a. Giusta causa di rivelazione; b. Problemi relativi alla testimonianza dell operatore sanitario in sede giudiziale; c. Il segreto professionale; 5. Responsabilità professionale: a. La responsabilità penale; b. La responsabilità professionale contrattuale ed extracontrattuale; c. La c.d. responsabilità d equipe; d. La responsabilità disciplinare; e. L omissione di soccorso; f. L omicidio colposo e lesioni personali colpose; g. Le qualifiche giuridiche dell operatore sanitario e codice penale; h. Il Servizio Sanitario Nazionale, L. 833/78 e successive mod. ed integr.; i. Il profilo professionale dell infermiere ed i requisiti per l esercizio della professione; j. Le possibili tutele assicurative; 6. Il rapporto con il paziente: a. Riservatezza, informazione al paziente ed ai congiunti; b. Aspetti e profili deontologici dell infermiere; 7. La documentazione clinica: a. Cartella clinica; b. Cartella infermieristica; c. Certificato medico; d. Il reato di falso relativo alla documentazione sanitaria;

20 8. I trattamenti sanitari obbligatori TESTI CONSIGLIATI Puccini C.: Istituzioni di Medicina legale, Casa Editrice Ambrosiana, Milano 2003 Carnevale A. D Ovidio C.: La professione di Infermiere PICCIN 2005 I sigg.ri Studenti degli anni precedenti (o provenienti da altre Università) che non hanno ancora sostenuto l esame di medicina legale dovranno, dopo aver seguito il corso, far riferimento al presente programma didattico ed ai relativi testi consigliati Risultati d apprendimento previsti: Il Corso si propone di descrivere e comprendere la professione infermieristica attraverso gli strumenti concettuali della disciplina sociologica sui temi della salute, la conoscenza delle principali fonti di rischio nelle professioni sanitarie, nonchè la loro prevenzione, gli aspetti giuridici e medico-legali sanitaria ed i concetti base di responsabilità professionale. Inoltre, lo studente al temine del corso deve avere piena comprensione di ciò che attiene al concetto di salute, di malattia, di benessere nel proprio e in altri contesti culturali Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite calendario delle prove di esame : consultabili sul portale

21 MODULO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA 1. MEDICINA PREVENTIVA 1.1 Prevenzione primaria 1.2 Prevenzione secondaria 1.3 Prevenzione terziaria 1.4 Educazione sanitaria 2. EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE 2.1 Modalità evolutive 2.2 La catena contagionistica 3. PROFILASSI DIRETTA DELLE MALATTIE INFETTIVE 3.1 Strategie generali 3.2 Profilassi diretta Notifica o denuncia Accertamento Inchiesta epidemiologica Isolamento Disinfezione e sterilizzazione 4. INFEZIONI OSPEDALIERE 4.1 Inquadramento nosologico 4.2 Inquadramento eziologico 4.3 Inquadramento epidemiologico

22 4.4 Inquadramento preventivo 5. MODALITA E MEZZI PER LA STERILIZZAZIONE E LA DISINFEZIONE 5.1 Sterilizzazione Sterilizzazione con il calore Raggi ultravioletti (UV) 5.2 Disinfezione e disinfettanti Resistenza dei microrganismi Modalità d azione dei disinfettanti Disinfezione con agenti fisici Disinfettanti chimici Alcune applicazioni dei disinfettanti Disinfezione dello strumentario L antisepsi Disinfezione delle mani (antisepsi) Disinfezione della cute (antisepsi) Mucose Ferite 6. VACCINAZIONI Testo consigliato: Barbuti S., Bellelli E., Fara G.M., Giammanco G.: Igiene e Medicina Preventiva. Monduzzi Editore 2003.

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Programmazione annuale a.s. 2012/2013

Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Programmazione annuale a.s. 2012/2013 Docente: Mendo Daniela Materia: biologia Classe: 4 B sociale Nel singolo consiglio di classe sono stati definiti i seguenti obiettivi educativo-cognitivi generali:

Dettagli

INDICE. Presentazione

INDICE. Presentazione INDICE Autore Presentazione XI XIII Capitolo 1 LA FORMAZIONE INFERMIERISTICA 1 Cenni storici 1 La formazione universitaria 2 Il superamento del diploma universitario e l istituzione delle lauree 3 Le indicazioni

Dettagli

Prefazione Presentazione dell edizione italiana

Prefazione Presentazione dell edizione italiana INDICE V Capitolo 28 Indice Autori Prefazione Presentazione dell edizione italiana XI XIII 1 LA CELLULA 1 La cellula 1 Nucleo 7 Citoplasma 17 Complesso di Golgi 21 Mitocondri 24 Lisosomi 28 Perossisomi

Dettagli

MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11

MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11 MODULI DI ANATOMIA a.s. 2010-11 Classe 1 odontotecnico 1 quadrimestre MODULO 1: Concetti base- definizioni 1. Le si per lo studio dell anatomia e della fisiologia 2. Il concetto di salute e malattia. 3.

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza

ITI ENRICO MEDI. Programmazione. Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza ITI ENRICO MEDI Programmazione Materia:Igiene - Anatomia - Fisiologia - Patologia Classe Terza L insegnamento di Igiene, Anatomia, Fisiologia e Patologia, in particolare, vuol far acquisire agli alunni:

Dettagli

Corso di Laurea in OSTETRICIA

Corso di Laurea in OSTETRICIA Disciplina: STATISTICA MEDICA Docente: Prof. Marco FERRARIO Processo induttivo e deduttivo della conoscenza: definizione di popolazioni, campione e unità statistiche, nozioni di teoria del campionamento;

Dettagli

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI

ISTITUTO TECNICO ECONOMICO MOSSOTTI SECONDE AFM - TUR UdA n. 1 Titolo: biosfera/evoluzione dei viventi/tassonomia Acquisire e decodificare concetto di complessità e di interdipendenza all'interno di un sistema biologico Generalità sulla

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Scienze. Infermieristiche e Ostetriche

Corso di Laurea Specialistica in Scienze. Infermieristiche e Ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche e Ostetriche a.a. 2004/2005 Programma dei corsi Medicina del Lavoro (docente A.

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

CLASSI SECONDE. Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015

CLASSI SECONDE. Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015 KIT DI RECUPERO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Grafico a.s. 2014/ 2015 1 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Grafico a.s. 2014

Dettagli

PATOLOGIA MEDICA VETERINARIA

PATOLOGIA MEDICA VETERINARIA PATOLOGIA MEDICA VETERINARIA Presentazione del corso Prof. Carlo Guglielmini Patologia Medica e Legislazione Veterinaria Calendario delle lezioni 6 CFU 60 ore per l intero Corso integrato Patologia Medica

Dettagli

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE

ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ITIS M.FARADAY PROGRAMMAZIONE ANNUALE DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Materia: BIOLOGIA Classe: 2E Docente: Toccoli Simona Livelli di partenza Per verificare i livelli di partenza è stato svolto un colloquio

Dettagli

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione

Riproduzione molecolare. Riproduzione cellulare. Riproduzione degli organismi. Gametogenesi (femminile e maschile) Fecondazione ARGOMENTO STRUTTURA CELLULARE CONCETTO DI REGOLAZIONE GENICA REGOLAZIONE GENICA PROCARIOTI REGOLAZIONE GENICA EUCARIOTI trascrizione e maturazione RNA trasporto nucleo-citoplasma sintesi proteica via secretiva

Dettagli

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Le Biomolecole I parte. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Le Biomolecole I parte Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti LE BIOMOLECOLE Le biomolecole, presenti in tutti gli esseri viventi, sono molecole composte principalmente da carbonio, idrogeno, azoto e ossigeno.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web Anno scolastico 2012-13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (Articolazione: Biotecnologie sanitarie) PROGRAMMA PREVENTIVO MATERIA Biologia, Microbiologia e

Dettagli

CLASSI SECONDE. Tecnico nel Turismo a.s. 2014/ 2015. 1 Dipartimento di Scienze KIT DI RECUPERO. Scienze Integrate BIOLOGIA

CLASSI SECONDE. Tecnico nel Turismo a.s. 2014/ 2015. 1 Dipartimento di Scienze KIT DI RECUPERO. Scienze Integrate BIOLOGIA KIT DI RECUPERO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico nel Turismo a.s. 2014/ 2015 1 MATERIALE DIDATTICO SOSPENSIONE DI GIUDIZIO Scienze Integrate BIOLOGIA CLASSI SECONDE Tecnico Turistico a.s.

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI IGIENE E CULTURA MEDICO SANITARIA CLASSI QUINTE SOCIALI

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI IGIENE E CULTURA MEDICO SANITARIA CLASSI QUINTE SOCIALI IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI IGIENE E CULTURA MEDICO SANITARIA CLASSI QUINTE SOCIALI DOCENTE: BENVENUTI CLASSI: 5R, 5S SCANSIONE DEI CONTENUTI

Dettagli

Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Tipologia Corso di Laurea

Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Tipologia Corso di Laurea Contenuti del SYLLABUS per Corsi Integrati Facoltà Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia Tipologia Corso di Laurea Triennale Nota per la compilazione:

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12. Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-12 Programma di SCIENZE DELLA TERRA E BIOLOGIA - Classi prime Testo in adozione: di: M. Di Stefano - S. Pederzoli - A. Pizzirani UNA INTRODUZIONE ALLO STUDIO DEL

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «Via Silvestri 301» Programma di BIOLOGIA Classe 2 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA n.1 Titolo La cellula La struttura della cellula La teoria

Dettagli

I Composti Organici. Le Biomolecole

I Composti Organici. Le Biomolecole I Composti Organici I composti organici sono molecole tutte contenenti carbonio. Essi comprendono. 1. composti di interesse energetico che sono gli Idrocarburi ( i derivati del petrolio), 2. composti a

Dettagli

LA CODIFICA DEI TUMORI

LA CODIFICA DEI TUMORI LA CODIFICA DEI TUMORI San Severino Marche, 22 novembre 2007 Stefano Brocco Obiettivo Evidenziare le peculiarità ed i principi nella codifica dei tumori nella schede di morte con ICD10 - Classificazione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

corso di laurea in INFERMIERISTICA

corso di laurea in INFERMIERISTICA corso di laurea in INFERMIERISTICA a.a. 00/005 Corso di laurea triennale in Infermieristica INFORMAZIONI GENERALI Classe di appartenenza: Professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria

Dettagli

CELLULE EUCARIOTICHE

CELLULE EUCARIOTICHE CELLULE EUCARIOTICHE Le cellule eucariotiche sono di maggiori dimensioni, rispetto a quelle procariotiche (almeno 10 volte più grandi) Oltre a: membrana plasmatica, citoplasma, DNA e ribosomi (comuni a

Dettagli

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Corso integrato: MEDICINA LEGALE Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Programma: Definizione della medicina legale; Metodologia medico-legale;

Dettagli

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO

Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO Esempio di domande possibili alla prova orale di Biochimica AA 2011-12 Farmacia1 - FERIOTTO Lo studente spieghi: - Geometria dei legami del carbonio. - Principali gruppi funzionali delle biomolecole. -

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A

Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A INDICE Parte I Il profilo professionale dell operatore socio-assistenziale Capitolo 1: Evoluzione storico-normativa della figura professionale dell OS A 1. L ausiliario socio-assistenziale (asa), l ausiliario

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ANATOMIA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ANATOMIA G. CIGNA G. BARUFFI F. GARELLI Via di Curazza 15 12084 MONDOVÍ tel. 0174/42601 fax 0174/551401 A.S. 2014/15 Classe 1 ODO A Docente: Prof. Angelo Lotrecchiano LIBRI DI TESTO ADOTTATI Anatomia, fisiologia

Dettagli

PIANO DI STUDI. Biologia applicata agli studi medici 6. Genetica medica 5. Storia della medicina 2

PIANO DI STUDI. Biologia applicata agli studi medici 6. Genetica medica 5. Storia della medicina 2 PIANO DI STUDI Laurea Magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia (DM 70/04) LM-4 DENOMINAZIONE Primo anno di corso Biologia, genetica e scienze umane Biologia applicata agli studi medici 6 Genetica

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine)

ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) ALLEGATO A (il presente allegato è costituito da n. 3 pagine) CORSO DI RIQUALIFICAZIONE IN OPERATORI SOCIO SANITARI PER ADEST (Assistente Domiciliare e dei Servizi Tutelari) CORSO DI 330 ORE ARTICOLAZIONE

Dettagli

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE

TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE TIPI DI CELLULE : PROCARIOTE ED EUCARIOTE Tutti i tipi cellulari presenti sul nostro pianeta appartengono ad uno di due gruppi fondamentali: procarioti ed eucarioti. I termini procariota (dal greco pro

Dettagli

Posizione Organizzativa - Dipartimento dei Servizi

Posizione Organizzativa - Dipartimento dei Servizi INFORMAZIONI PERSONALI Nome Andronico Pasquale Data di nascita 15/04/1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Coordinatore infermieristico titolare di posizione organizzativa

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute ALBA - ALESSANDRIA BIELLA VERBANIA - TORTONA La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN  PSICOLOGIA  MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN " PSICOLOGIA " MEDICINA DEL LAVORO PROF..SSA ANTONELLA BASSO FINALITA : il corso propone di fornire agli studenti le nozioni di base della Medicina del lavoro al fine di

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in OSTETRICIA

Dettagli

DISCIPLINA. CHIMICA ORGANICA A.S. 2013/2014

DISCIPLINA. CHIMICA ORGANICA A.S. 2013/2014 DISCIPLINA. CHIMICA ORGANICA A.S. 2013/2014 di dipartimento X individuale dei docenti: Maria Grazia Sannazzaro, Mirella Toffoletto per la/e classe V CHA 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA - LM - 41 (DM 270/04) PERCORSO FORMATIVO TRADIZIONALE - coorte studenti immatricolati a.a.

LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA - LM - 41 (DM 270/04) PERCORSO FORMATIVO TRADIZIONALE - coorte studenti immatricolati a.a. Pagina di LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA - LM - (DM 70/0) Il Corso di Studio, per gli studenti che si immatricolano nell'a.a. 0/0, prevede esami distribuiti in anni di corso. Il Corso di Studio

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire

Nome completo del Corso d insegnamento. Docente titolare del Corso d insegnamento Lingua d insegnamento. Conoscenze e abilità da conseguire C.I. Fisiopatologia Applicata All infermieristica Infermieristica Clinica (CFU2) D. Calatozzo, F. Frisone Italiano Lo studente al termine del corso sarà in grado di identificare e definire i bisogni di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 400 ore. Operatore Socio Sanitario 400 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 400 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 400 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico

PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico PROGRAMMA di BIOLOGIA/MICROBIOLOGIA per la classe IIIB Tecnologico Prof. Bozzato Andrea Prof.ssa Rosa Monica (Laboratorio) Il libro di testo è: Terra Ed. Verde, autori E.L.Palmieri, M.Parotto casa editrice

Dettagli

Corso di Laurea in Igiene Dentale Riconoscimento carriera pregressa Recupero dei debiti formativi. Anno Accademico 2007-2008

Corso di Laurea in Igiene Dentale Riconoscimento carriera pregressa Recupero dei debiti formativi. Anno Accademico 2007-2008 Riconoscimento carriera pregressa Recupero dei debiti formativi Anno Accademico 2007-2008 Il Consiglio di Area Didattica del ha predisposto le seguenti tabelle riportanti le discipline che costituiscono

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario

CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015. 1 B19 Scienze umane, politiche della salute e management sanitario I ANNO - I SEMESTRE CORSO DI LAUREA A.A. 2014/2015 CHIMICA APPLICATA ALLE SCIENZE BIOMEDICHE FISICA INFORMATICA E STATISTICA BIOLOGIA E GENETICA 8 SCIENZE UMANE I ANNO- I SEMESTRE AMBITI DISCIPLINARI 6

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME

PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME PROGRAMMA DEL CORSO DI FORMAZIONE IN OSTEOPATIA IV ANNO FULL TIME OSTEOPATIA IV Osteopatia strutturale: l arto inferiore Piede: Test di mobilità e tecniche di riduzione di: o Astragalo o Calcagno o Scafoide

Dettagli

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Orario disponibile nel calendario ufficiale del corso di Laurea di Fisioterapia ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 201/2014 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO Riabilitazione Fisioterapica in ambito pediatrico TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

Livello di organizzazione degli esseri viventi

Livello di organizzazione degli esseri viventi Livello di organizzazione degli esseri viventi _Organismo; _Apparato; _Organo; _Tessuti; _Cellule; _Organelli cellulari; _Molecole. Atomo, elemento, molecola, composto, formula, legame, elettronegativita.

Dettagli

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI:

ORE TIROCINIO 450 ORE ESERCITAZIONI: ALLEGATO 1 Programma CORSO OSS 1000 ore Il programma analitico è suddiviso in moduli ed unità didattiche secondo le UC di riferimento; ore di aula complessive 450. Per i soggetti che intendono erogare

Dettagli

Classe 3 A od. a.s. 2009-10 Prof. Rosalia Spallina

Classe 3 A od. a.s. 2009-10 Prof. Rosalia Spallina Classe 3 A od. Apparato riproduttore maschile e femminile. citologia 2. membrana cellulare: struttura e funzione 3. passaggio delle sostanze idrosolubili e liposolubili attraverso la membrana, diffusione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Giuseppe Marmo marmogiuseppe@tiscali.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione

Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Responsabilità professionale e raccomandazioni ministeriali: il caso della prevenzione degli errori in terapia. 2 edizione Collegio IPASVI di TORINO Torino, 22 novembre 2012 Hanno collaborato alla realizzazione

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 IL DANNO ALLA PERSONA IN RESPONSABILITÀ CIVILE

INDICE CAPITOLO 1 IL DANNO ALLA PERSONA IN RESPONSABILITÀ CIVILE Prefazioni alla seconda edizione............................ XI Prefazione alla prima edizione............................. XIX Introduzione....................................... 1 CAPITOLO 1 IL DANNO

Dettagli

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore

Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.) 1000 ore. Operatore Socio Sanitario 1000 ore Corso per OPERATORE SOCIO SANITARIO (O.S.S.)" 1000 ore Titolo Destinatari Obiettivi e Finalità Operatore Socio Sanitario 1000 ore Il corso è rivolto a tutti gli interessati all ottenimento della qualifica

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA.

Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. Scuola di specializzazione in CHIRURGIA PLASTICA, RICOSTRUTTIVA ED ESTETICA. La Scuola di specializzazione in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica afferisce all Area Chirurgica Classe delle Chirurgie

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO

ONCOLOGIA 2013/2014 I ANNO ONCOLOGIA 201/2014 I ANNO Corsi Integrati Moduli Tipologia Ambito SSD Docenti CFU CFU C.I. C.I. Genetica Medica Meccanismi genetici nello svilupppo delle neoplasie Diagnostico MED/0 D'alessandro E. C.I.

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE. Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5. Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au

PROGRAMMA DI SCIENZE. Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5. Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au Argomenti svolti anno scolastico 2014\1 5 Docente: Gennaro Sollo Classe: I sez.: Au ASTRONOMIA: Nascita dell Universo Galassie Sistema solare Teoria geocentrica ed eliocentrica Leggi di Keplero Legge di

Dettagli

PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S.

PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S. Protocollo Autoptico ALLEGATO 7 PROTOCOLLO AUTOPTICO PER LE MORTI IMPROVVISE INFANTILI - S.I.D.S. AUTOPSIA n data ora SETTORE DR.... DEL SERVIZIO... ASL ANAGRAFICA PAZIENTE: Cognome... Nome... Età ( in

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015

ANNO ACCADEMICO 2014-2015 ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Sistema di coordinamento Donazione e Trapianto (L.91/99) Centro Nazionale Trapianti (CNT) Centri Interregionali Centri Regionali Trapianti Coordinamenti Locali Interfaccia Operativa

Dettagli

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea

Metabolismo degli amminoacidi. Ciclo dell urea Metabolismo degli amminoacidi Ciclo dell urea Biosintesi di amminoacidiporfirine, creatina, carnitina, ormoni, nucleotidi Gli amminoacidi possono subire una degradazione ossidativa in 3 diverse situazioni

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ACCONCIATORE (Corso Libero ai sensi dell art. 40 della L.R. 18/85, Legge n. 845/78, Legge n.

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ACCONCIATORE (Corso Libero ai sensi dell art. 40 della L.R. 18/85, Legge n. 845/78, Legge n. CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE PER ACCONCIATORE (Corso Libero ai sensi dell art. 40 della L.R. 18/85, Legge n. 845/78, Legge n. 174/05) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA 1 BIENNIO Modulo n 1 Presentazione del

Dettagli

CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA

CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA CORSO TEORICO DI FORMAZIONE IN ULTRASONOLOGIA PIACENZA I 17/20 MAGGIO 2014 Auditorium Università Cattolica del Sacro Cuore Coordinatori: G. Di Candio (Scuola di Pisa), C. Serra PRESENTAZIONE DEL CORSO

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 08 /09 /2015 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 08 /09 /2015 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 2016 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

ASSISTENZA OSTETRICA ALLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA ATTRAVERSO LA LETTURA DELLE EVIDENZE SCIENTIFICHE

ASSISTENZA OSTETRICA ALLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA ATTRAVERSO LA LETTURA DELLE EVIDENZE SCIENTIFICHE Teatro di Formazione e Ricerca Ostetrica Specializzante Lachesis Via Giovanni XXIII, 3A Monteriggioni (Siena) Dott.ssa Antonella Marchi, ostetrica legale forense formazione@nascitadolce.it info@formazioneostetrica.com

Dettagli

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie

9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9. Test ufficiali assegnati alle prove di selezione dei corsi di laurea in Scienze motorie 9.1 PROVA N. 1 Biologia TEST DI VERIFICA S O L U Z I O N I A P A G I N A 2 8 7 9 01 Il colon fa parte di: a intestino

Dettagli

TEST D AMMISSIONE. Corso di Laurea in Biotecnologie Anno accademico 2003-2004

TEST D AMMISSIONE. Corso di Laurea in Biotecnologie Anno accademico 2003-2004 TEST D AMMISSIONE Corso di Laurea in Biotecnologie Anno accademico 2003-2004 MATEMATICA, FISICA E INFORMATICA 1. Le due rette y = 2 e y = -3x + 2 si incontrano per x uguale a: A 0 B - 3 C + 2 D - 2 E -

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN "EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA'" - SEDE DI TARANTO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA' - SEDE DI TARANTO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN "EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA'" - SEDE DI TARANTO DIRITTO PENITENZIARIO Prof. Rana IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

Dettagli

Corso di laurea in ASSISTENZA SANITARIA (abilitante alla professione sanitaria di Assistente sanitario) (classe L/SNT4)

Corso di laurea in ASSISTENZA SANITARIA (abilitante alla professione sanitaria di Assistente sanitario) (classe L/SNT4) Corso di laurea in ASSISTENZA SANITARIA (abilitante alla professione di Assistente sanitario) (classe L/SNT4) 1 SCHEDA INFORMATIVA Sede didattica: Genova CLASSE DELLE LAUREE PROFESSIONI SANITARIE DELLA

Dettagli

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria ostetrica Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA SNT/1 - Classe delle lauree in professioni sanitarie, infermieristiche e professione sanitaria Data del DM di approvazione

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento

La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati. Durante l invecchiamento La biostimolazione, alcuni passaggi obbligati Durante l invecchiamento L invecchiamento è l incapacità di organi, tessuti, cellule e molecole a mantenere la propria integrità funzionale e strutturale perturbata

Dettagli

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO

PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 PERCORSO FORMATIVO Liceo Scientifico Statale Vito Volterra - Ciampino PIANO DIDATTICO CLASSE II BIOLOGIA ANNO SCOLASTICO 2010 2011 Finalità - Comprensione del testo e sua utilizzazione come strumento conoscitivo - Sviluppo

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

F1 - CORSO INTEGRATO DI RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA E NEUROPSICOLOGICA

F1 - CORSO INTEGRATO DI RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA E NEUROPSICOLOGICA CORSI INTEGRATI TERZO ANNO, SECONDO SEMESTRE F1 - CORSO INTEGRATO DI RIABILITAZIONE NEUROMOTORIA E NEUROPSICOLOGICA Obiettivi del corso integrato: Conoscenze approfondite dei principi e dei metodi di riabilitazione

Dettagli

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica

Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domande relative alla specializzazione in: Biochimica clinica Domanda #1 (codice domanda: n.403) : Nell'ibridazione fluorescente in situ (Fluorescent in situ hybridization "FISH"), che tipo di sonde fluorescenti

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

SETTORE DI SCIENZE MEDICHE ARGOMENTI ASSEGNATI NEI CONCORSI DEGLI ANNI PRECEDENTI

SETTORE DI SCIENZE MEDICHE ARGOMENTI ASSEGNATI NEI CONCORSI DEGLI ANNI PRECEDENTI SETTORE DI SCIENZE MEDICHE ARGOMENTI ASSEGNATI NEI CONCORSI DEGLI ANNI PRECEDENTI AMMISSIONE AL PRIMO ANNO TEMI A CARATTERE BIOLOGICO - L acqua: elemento di vita e di lotta. Il candidato presenti una riflessione.

Dettagli

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino

Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole. Prof. C. Guarino Strutture molecolari della cellula: Bio-macromolecole Prof. C. Guarino INTRO Ogni cellula vivente racchiude una pluralità di molecole diverse L acqua è l elemento dominante, nelle cellule vegetali e nei

Dettagli

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli.

Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. Questi atleti possono scattare e correre grazie allo scheletro e ai muscoli. LE FUNZIONI DEL CORPO UMANO Questo nuotatore ha la bocca aperta. Perché? Perché deve coordinare i movimenti del corpo con una

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA

LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA LICEO SCIENTIFICO STATALE G. B. MORGAGNI - ROMA PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE NATURALI CHIMICA GEOGRAFIA GENERALE Anno scolastico 4/5 Docenti: Tiziana Duranti, Antonella Marmora, PatriziaPetrini, Roberta Pratesi,

Dettagli

ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti

ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI GHIRETTI GIORGIA ARGONNE, 7 PARMA (ITALIA) +390521994165 +393338581037 +390521702473 giorgia.ghiretti@unipr.it www.unipr.it Skype g.ghiretti Sesso Femminile Data

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM

OPUSCOLO INFORMATIVO FtM 2 INTRODUZIONE Scopo di queste pagine è di fornire alcune informazioni di carattere generale, ma scientificamente corrette, circa il trattamento ormonale che viene somministrato alle persone affette da

Dettagli