CORSO INTEGRATO DI SCIENZE BIOMEDICHE I. Docente Responsabile: Prof. Bond

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORSO INTEGRATO DI SCIENZE BIOMEDICHE I. Docente Responsabile: Prof. Bond"

Transcript

1 CORSO INTEGRATO DI SCIENZE BIOMEDICHE I Docente Responsabile: Prof. Bond Altri Docenti: Proff.: Bulotta Vescio Chirchiglia Mesuraca Minchella Iuele Cuzzola Ricchio Cuzzola PROGRAMMI MODULO DI BIOLOGIA APPLICATA L ORGANIZZAZIONE INTERNA DELLA CELLULA. Caratteristiche generali cellula procariotica ed eucariotica. Macromolecole biologiche: carboidrati, lipidi, proteine, acidi nucleici Le membrane cellulari: la struttura della membrana: il doppio strato lipidico; le proteine di membrana. Il trasporto di membrana: i principi; le proteine trasportatrici e il trasporto attivo e passivo. Il citoscheletro: principali caratteristiche strutturali dei microfilamenti, dei microtubuli e dei filamenti intermedi I compartimenti delle cellule: il nucleo delle cellule eucariotiche; reticolo endoplasmatico; l apparato di Golgi; i mitocondri; i lisosomi. MECCANISMI GENETICI DI BASE. La struttura e la funzione del DNA; la struttura della cromatina e dei cromosomi; struttura del nucleo. La replicazione del DNA. Da DNA a RNA: la trascrizione; le modificazioni post-trascrizionali del RNA. Da RNA a proteine: la traduzione; il codice genetico; il trna; il ribosoma; il meccanismo della sintesi proteica; definizione di gene. IL CICLO CELLULARE. Caratteristiche generali LA MECCANICA DELLA DIVISIONE CELLULARE. Caratteristiche generali: la mitosi; la citochinesi; la meiosi. CONVERSIONE DELL ENERGIA. Il metabolismo cellulare. La fosforilazione ossidativa: la catena di trasporto degli elettroni, l ATP-sintasi. TESTI CONSIGLIATI - Chimica, biochimica e biologia applicata. Seconda edizione (Autori: Stefani, Taddei. Ed. Zanichelli) - Elementi di Biologia. (Autori: Solomon, Berg, Martin. Ed. EdiSES)

2 MODULO DI BIOCHIMICA INTRODUZIONE Concetti generali di metabolismo: anabolismo, catabolismo. Biomolecole, gruppi funzionali. L'acqua, legami idrogeno e ph. 2. AMINOACIDI Classificazione. Il carbonio asimmetrico, dissociazione degli amminoacidi, amminoacidi standard ed amminoacidi essenziali. Le caratteristiche della catena laterale: amminoacidi idrofobici, neutri, acidi e basici. Legame peptidico e ponti disolfuro. 3. STRUTTURA DELLE PROTEINE Struttura primaria, secondaria, terziaria e quaternaria delle proteine. Alfa elica e foglietto beta. Proteine globulari e fibrose. Mioglobina ed emoglobina. 4. ENZIMI La funzione di un enzima, energia di attivazione. Meccanismi di azione di un enzima (Costante di Michaelis-Menten). Inibizione enzimatica reversibile ed irreversibile, competitiva e non competitiva. 5. CARBOIDRATI Struttura e classificazione. Monosaccaridi. Disaccaridi e Polisaccaridi di interesse biologico.l insulina e il glucagone nella regolazione della glicemia. 6. METABOLISMO DEI CARBOIDRATI Glicolisi, bilancio energetico e regolazione. Destini del piruvato in condizioni aerobiche e anaerobiche. Ciclo dell acido citrico. 7. LIPIDI Struttura e classificazione dei lipidi. Lipidi di riserva: acidi grassi, acilgliceroli. Lipidi di membrana, colesterolo, ormoni steroidei. Le lipoproteine per il trasporto dei grassi. Testi consigliati Nelson, Cox INTRODUZIONE ALLA BIOCHIMICA DI LEHNINGER Zanichelli Champe, Harvey LE BASI DELLA BIOCHIMICA Zanichelli Può comunque essere utilizzato qualsiasi testo di Biochimica

3 MODULO DI ANATOMIA UMANA Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e struttura generale del corpo La cellula Struttura cellulare Tessuti e Membrane Tessuto epiteliale, connettivo, muscolare, nervoso, le membrane Apparato Scheletrico Generalità del tessuto osseo Classificazione delle ossa Le ossa del cranio Le ossa del tronco Le ossa degli arti Il sistema articolare Apparato Muscolare Struttura muscolare Muscoli mimici Muscoli masticatori Muscoli principali del tronco e dell addome Diaframma respiratorio e perineale Il Cuore Membrane pericardiche Cavità cardiache Vasi coronarici Vie cardiache di conduzione Apparato Vascolare Arterie, vene, capillari Piccola e Grande Circolazione Circolazione fetale Poligono di Willis,

4 Sistema Portale Il Sangue Caratteristiche del sangue,plasma, cellule ematiche Gruppo sanguigno e fattore RH Apparato Respiratorio Naso e cavità nasali, faringe, laringe, trachea, polmoni, alveoli. Membrane pleuriche, cavità toracica, mediastino Apparato Digerente Cavità orale, faringe, esofago. stomaco, intestino tenue e crasso, fegato, colecisti e vie biliari, pancreas. Cavità peritoneale, le regioni e i quadranti dell addome Apparato Urinario Reni, ureteri, vescica, uretra. Apparato Riproduttivo maschile e femminile Testicolo, epididimo, condotto deferente, prostata, genitali esterni. Ovaio, tube uterine, utero, vagina. Sistema Endocrino Generalità degli ormoni Sistema ipotalamo ipofisario, epifisi, tiroide,paratiroidi, pancreas, surrene, ovaie, testicoli Sistema Nervoso Suddivisione del sistema nervoso, sistema nervoso centrale e periferico, neurone, meningi, liquido cerebrospinale, encefalo, midollo spinale, nervi cranici, nervi spinali, sistema nervoso autonomo, principali vie della sensibilità e della motricità volontaria. Testi Consigliati Anatomia umana- G.Goglia Grande Atlante di anatomia umana-viguè-martin Anatomia dell Uomo- G. Ambrosi Edi-Ermes Anatomia Umana - Idelson Gnocchi Risultati d apprendimento previsti: Introdurre gli studenti alla comprensione della struttura e funzione delle molecole, delle macromolecole di interesse biologico, e alla conoscenza della struttura e funzione delle componenti cellulari nonchè conoscere l'organizzazione e la struttura dei tessuti e dei principali apparati del corpo umano. Inoltre correlare la struttura di

5 un tessuto e di un organo con le principali funzioni svolte nell'organismo. Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite calendario delle prove di esame : consultabili sul portale

6 CORSO INTEGRATO DI SCIENZE FISICHE, INFORMATICHE E STATISTICHE Docente Responsabile: Prof. Lamanna Altri Docenti: Proff.: Laganà Siciliano Sceni Scardamaglio Calabrese Gallo Masciari Ponti Raffaeli Valentini - PROGRAMMI MODULO DI FISICA APPLICATA Le scienze e il metodo scientifico Matematica "leggera" Le grandezze fisiche I vettori Il movimento ; Integrazione 1 ; Integrazione 2 La forza Il moto dei fluidi L'energia L'energia nei fluidi I fenomeni termici I fenomeni elettrici ; Integrazione Le onde Radiazione Elettromagnetica in Medicina Fisica Nucleare Testi Consigliati Trasparenze del Corso del Prof. P. Montagna Web page: P. Montagna, A. Panzarasa: DALLA MATEMATICA ALLA FISICA - Richiami di Matematica e semplici esercizi di Fisica tra scuola superiore e Università Ed. CLU Pavia, 2003 F. Borsa, S. Altieri: LEZIONI DI FISICA con Laboratorio - Ed. Goliardica, Pavia (più semplice e sintetico) F. Borsa, G. L. Introzzi, D. Scannicchio: ELEMENTI DI FISICA PER DIPLOMI DI INDIRIZZO MEDICO- BIOL. Ed. Unicopli, Milano (più complesso e completo)

7 MODULO DI INFORMATICA 1. Introduzione al corso a. Codifica dell Informazione b. Algoritmi e Programmi 2. Architettura del Calcolatore a. Hardware & Software b. Architettura (Schema a Blocchi per Unità Funzionali Von Neumann) c. Memorie d. Processore e. Periferiche (Data Storage & I/O) 3. Il Sistema Operativo a. Struttura Organizzativa b. Classificazioni c. Tipologie d. File System e. Panoramica di MS Windows 4. Elaboratori di Testo (MS Word) 5. Fogli di Calcolo (MS Excel) 6. Le Reti & Internet a. Protocolli e TCP/IP b. Indirizzi IP & DNS c. Router d. Architettura Client-Server e. Applicazioni i. Browser e WWW ii. Posta Elettronica iii. Motori di Ricerca Testi consigliati: La guida McGraw-Hill alla patente europea del computer, McGraw-Hill, 2002 Informatica una panoramica generale (brookshear) Manuali ECDL (modulo 1 e 2) Ulteriori informazioni e materiale didattico su

8 MODULO DI STATISTICA MEDICA Introduzione alla STATISTICA MEDICA STATISTICA DESCRITTIVA: Metodi di rilevazione dei fenomeni statistici 1. Caratteri, unità statistiche e collettivo 2. Classificazione dei caratteri statistici 3. Suddivisione in classi di un carattere quantitativo 4. I diversi tipi di rilevazione dei dati Distribuzione di un carattere e sua rappresentazione 1. Dalle distribuzioni unitarie alle distribuzioni di frequenza 2. Frequenze relative e percentuali 3. Frequenze cumulate 4. Rappresentazione grafica delle distribuzioni semplici Misure di tendenza centrale: medie analitiche e di posizione 1. La media aritmetica 2. La media geometrica 3. La mediana 4. La moda 5. I percentili Misure di dispersione 1. La variabilità di una distribuzione 2. Range o campo di variazione 3. La varianza 4. Lo scarto quadratico medio 5. Differenza interquartilica STATISTICA INFERENZIALE: La Probabilità 1. Concetti di base della probabilità 2. Le variabili casuali (cenni) 3. Distribuzione di probabilità per v.c. discrete : Binomiale, Bernoulli 4. Distribuzione di probabilità per v.c. continue: Normale, t di Student Il campionamento 1. Introduzione 2. Popolazione e parametri della popolazione 3. Il campionamento da popolazioni finite 4. Il campionamento da popolazioni infinite

9 Il problema della stima 1. La stima puntuale 2. La stima per intervalli I test statistici 1. Introduzione 2. Formulazione delle ipotesi 3. Regione di accettazione e regione di rifiuto 4. Gli errori di primo e secondo tipo Cenni alla regressione lineare Testi di riferimento Dispense fornite dal docente Risultati d apprendimento previsti; Lo scopo del corso è di introdurre gli studenti ai concetti ed alle problematiche che stanno alla base della programmazione, alla conoscenza di base delle leggi fisiche e alla capacità di collegare le nozioni apprese nelle lezioni frontali ad alcuni fenomeni fisici che avvengono nella nostra quotidianità ed alla conoscenza della metodologia statistica e dei suoi aspetti applicativi nel settore biomedico Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite calendario dele prove di esame : consultabili sul portale

10 CORSO INTEGRATO DI SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI E TEORIE DEL NURSING Docente Responsabile: Prof. Doldo Altri Docenti: Proff :. Morelli Luongo Gigliotti Albanese Muraca Scarcelli Fotia Imbrogno Stilo Fiorillo PROGRAMMI MODULO DI INFERMIERISTICHE OSTETRICO GINECOLOGICHE GENERALE Programma 1. Dipartimento materno infantile, macroarea ospedaliera e macroarea territoriale. 2. Cenni di anatomia e fisiologia dell apparato genitale maschile e femminile. 3. Biologia della riproduzione umana. 4. Prevenzione dei tumori della sfera genitale femminile (esami diagnostici e screening). 5. Contraccezione: descrizione e metodi applicativi. Modalità di verifica dell'apprendimento Prova orale su argomenti relativi al programma. Strumenti a supporto della didattica Presentazioni in formato Ms-Power Point, fotocopie didattiche preparate dal docente

11 Orario di ricevimento Docente: Prof. Michele Morelli Luogo e giorno: durante tutta la settimana previo appuntamento MODULO DI INFERMIERISTICA GENERALE Evoluzione storica e culturale dell assistenza infermieristica e degli infermieri I principi, i luoghi, i modi, le figure dell assistenza attraverso i secoli compreso l evoluzione dei concetti di salute -malattia nella storia. Le origini storiche del prendersi cura. L assistenza nei secoli prima di Cristo. Cristianesimo e assistenza nei primi secoli dopo Cristo. Cura e assistenza durante il medioevo. I primi ospedali. I tre santi riformatori dell assistenza. La dimensione pubblica e statale dell assistenza nel XVIII e XIX secolo. IlXX secolo: l assistenza infermieristica in Italia. Evoluzione dell esercizio professionale infermieristico. R.D. n.1310/40, DPR n.225/1974, DM n. 739/94, Legge n. 42/1999, Legge n. 251/2000, Legge 1/ 2002 Evoluzione della formazione infermieristica in Italia. R.D.n.1832/1925; R.D.n.2330/1929, AccordodiStrasburgo1967, Legge124/1971, Legge795/1973, DPR867/1975, D. Murst2/12/91(tabella XXXIX-ter),D. Murst24/7/96 (Tabella XVIII-ter),D. Murst 2/4/2001. La dimensione collettiva dell erogazione dell assistenza infermieristica. Le altre figure del servizio sanitario nazionale. I profili professionali, il personale di supporto all assistenza infermieristica, il personale ausiliario. L affidamento di attività. La delega. Modelli di erogazione. Modello di assistenza funzionale (Functional Nursing). Modello di assistenza per Equipe (TeamNursing). Modello di assistenza globale (Total patient Care). Modello di assistenza primaria (Primary Nursing). Modello digestione dei casi(case Management).Il sistema ordinistico: tra evoluzione e trasformazione. Il

12 collegio IPASVI :il concetto di ordine e collegio. Cenni storici e riferimenti legislativi. Gli organi, le attribuzioni e i fini istituzionali. L albo professionale. Il potere disciplinare. Il potere tariffario. La Federazione Nazionale dei Collegi IPASVI: gli organi, le attribuzioni:commissione centrale esercenti le professioni sanitarie: Composizione, le attribuzioni. L Associazionismo professionale: i primi movimenti associativi infermieristici: Il concetto di associazione. Elementi delle associazioni. Le associazioni infermieristiche nazionali(c.n.a.i, A.C.O.S,) F.I.R.O.S,) ed internazionali( C.I.I, C.I.C.I.A.M.S.) più rappresentative. Istituzioni che hanno rapporti con il sistema salute. Istituzioni nazionali: Il Ministero della Salute, Le Regioni,gli enti locali. istituzioni Internazionali: Organizzazione Mondiale Sanità (OMS ), Comunità Europea (CEE),ONU,FAO,UNESCO. Bibliografia -A A.VV., Moderni principi nella formazione infermieristica, Rosini Firenze, 1981; -Cecilia Sironi, Storia dell assistenza infermieristica,nis Roma,1991;-M :Patricia Donahue, Nursing-Storia illustrata dell assistenza infermieristica, A. Delfino,1991; -Marisa Siccardi, Viaggio nella notte di San Giovanni, Rosini Firenze,1992; -Carlo Calamandrei, L assistenza Infermieristica, NIS Roma, 1993; - Olga Passera, Assistenza infermieristica Storia sociale,ambrosiana Milano, 1993; -Sandro Spinsanti, Curare e prendersi cura, CIDAS,2000; -Paolo Chiari, l infermiere Case Manager,McGraw.Hill,2001;-Sherwin BNuland, Storia della Medicina,Mondadori,2004; -Luca Benci, Manuale giuridico professionale per l esercizio del Nursing, II Edizione M cgraw.,2004;- Luca Benci, Aspetti Giuridici della Professione Infermieristica: Elementi di Legislazione Sanitaria.

13 MODULO DI TEORIE DEL NURSING Obiettivo del modulo Al termine del corso lo studente deve essere in grado di: Descrivere l evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale in Italia dalla Legge 833/78 al D. lgs 229/99 Definire lo specifico professionale in riferimento agli orientamenti normativi attuali e alle caratteristiche del Servizio Sanitario Nazionale Individuare le principali responsabilità etiche e deontologiche dell infermiere nell esercizio professionale Definire gli elementi della pianificazione assistenziale Riconoscere i principali elementi che caratterizzano il progetto di cura Riconoscere ed utilizzare la dimensione psicologica nell azione infermieristica Individuare i principali elementi costitutivi della relazione umana in generale e della relazione professionale infermieristica in particolare Programma Il sapere culturale e il sapere disciplinare: la matrice culturale, religiosa, sociale, professionale L inquadramento epistemologico del Nursing. Lo sviluppo della conoscenza infermieristica: nascita, modelli da altre discipline, evoluzione, attualità. L Infermieristica in rapporto ad altre professioni sanitarie. Le relazioni tra filosofia,modelli e teorie La disciplina Infermieristica. L oggetto, lo scopo, il metodo e gli strumenti Il metaparadigma Persona,Salute,Ambiente, Assistenza Infermieristica Alcune elaborazioni teoriche della disciplina infermieristica. Nigthingale, Henderson, Peplau, Orem,Roy, Leininger, Cantarelli Zanotti Il metodo e gli strumenti Il problem solving quale processo logico della risoluzione dei problemi. Dal problem solving al processo di Nursing. Il metodo infermieristico:il carattere clinico, il carattere ipotetico- deduttivo, il carattere dialogico, il carattere strategico Definizione, caratteristiche e fasi del processo di assistenza infermieristica: accertamento/raccolta dati. Analisi e interpretazione dei dati. Diagnosi infermieristiche e problemi collaborativi. Pianificazione degli obiettivi. Pianificazione e attuazione degli interventi. Valutazione. Bibliografia Bizier N., Dal pensiero al gesto, Milano,Ed. Sorbona, 1990 Calamandrei C., I fondamenti della scienza infermieristica: metaparadigmi e paradigmi, Nursing oggi, Calamandrei C., Riflessioni sull Infermieristica e sulla scienza infermieristica, Nursing oggi, Carpenito L.J., Diagnosi infermieristiche,applicazione alla pratica clinica,milano, Casa Editrice Ambrosiana, 2006 Leininger M., Farland M. Tomey A., La teoria del Nursing,Milano,McGraw -

14 hill,2007 Motta P. C., Introduzione alle scienze infermieristiche, Rom a, Carocci, 2002 Manzoni E. Storia e filosofia dell assistenza infermieristica,milano,masson,1996 Wilkinson J., Processo infermieristico e pensiero critico, Milano, Casa Editrice Ambrosiana, PROGRAMMA MODULO DI INFERMIERISTICA RELAZIONALE Correlazioni e implicazioni: la relazione, vari tipi di relazione. Relazione infermierepaziente. La relazione d aiuto. Le risposte umane all esperienza di malattia, implicazioni infermieristiche: stress, coping, adattamento. Famiglia e relazioni al suo interno. Accompagnamento al morente. La sessualità. Cenni di analisi transazionale Bibliografia Carpineta La comunicazione infermiere-paziente NIS Roma Ricci Bitti Pio E. Zani Bruna: La Comunicazione come processo sociale Il Mulino Bologna Pinkus L Psicologia del malato Edizioni San Paolo Sadrin L Compagni di viaggio- il malato e chi lo cura Edizioni Paoline Federazione cure palliative Decalogo dei diritti della famiglia nell assistenza al malato terminale Kaplan Harold Sadock Benjamin Y. Rapporto medico-paziente e tecniche di colloquio, in Psichiatria. Manuale di scienze del comportamento e Psichiatria Clinica Centro Scientifico Internazionale Torino Risultati d apprendimento previsti: Al termine del corso lo studente deve essere in grado di: Descrivere l evoluzione del Servizio Sanitario Nazionale in Italia dalla Legge 833/78 al D. lgs 229/99 Definire lo specifico professionale in riferimento agli orientamenti normativi attuali e alle caratteristiche del Servizio Sanitario Nazionale Individuare le principali responsabilità etiche e deontologiche dell infermiere nell esercizio professionale Definire gli elementi della pianificazione assistenziale

15 Riconoscere i principali elementi che caratterizzano il progetto di cura Riconoscere ed utilizzare la dimensione psicologica nell azione infermieristica Individuare i principali elementi costitutivi della relazione umana in generale e della relazione professionale infermieristica in particolare Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite

16 CORSO INTEGRATO SCIENZE UMANE DELLA PREVENZIONE E DEI SERVIZI SANITARI Docente Responsabile: Prof. Segura Altri Docenti: Proff.: Venneri Nobile - Di Mizio Fittante Manfredi- De Vito Squillace- Di Nunzio Vinci - Garofalo Martelli - De Paola Vazana PROGRAMMI MODULO DI PSICOLOGIA CLINICA Funzioni psichiche Elementi della comunicazione Comunicazione verbale e non verbale Elementi che influenzano la comunicazione/relazione tra il personale sanitario ed il paziente La comunicazione in situazioni particolari: breaking bad news, paziente terminale. Testi consigliati: - Marinella Sommaruga. Comunicare con il paziente. CAROCCI FABER, MODULO DI SOCIOLOGIA Sociologia e società. La metafora della rete sociale: interazione e relazione sociale; tipi di relazione sociale. Il concetto di professione: il dibattito sociologico sulle professioni; il processo di professionalizzazione del lavoro sanitario; il sistema delle occupazioni sanitarie; la dominanza medica. I concetti sociologici fondamentali: ruolo, status, gruppo, classe, potere, ideologia. Applicazioni alla professione infermieristica. I processi sociali fondamentali: integrazione sociale; consenso e conflitto sociale; fonti endogene ed esogene del mutamento e stratificazione sociale; socializzazione; devianza; controllo sociale. Le organizzazioni complesse: scopi e struttura dell organizzazione sanitaria. Malattia e persona oltre il dualismo cartesiano. Dal paradigma biomedico al paradigma olistico: i concetti di desease, illness, sickness. Sociologia della medicina e Sociologia della salute. La relazione professionista-paziente: modelli di analisi. Testo di riferimento Venneri E., 2003, Sociologia e professioni sanitarie, Rubbettino. Letture consigliate Bagnasco A., Barbagli M., Cavalli A, 2004, Elementi di sociologia, Il Mulino (capp. I, II, III, V, VII).

17 MODULO DI SOCIOLOGIA OBIETTIVI Il Corso si propone di introdurre gli studenti alla conoscenza dei fondamenti epistemologici della Sociologia delineando le principali acquisizioni teoriche e metodologiche della disciplina sui temi della salute e della malattia. PROGRAMMA I. Fondamenti epistemologici e teorici Scienze sociali e scienze naturali: per una nuova epistemologia connessionista. Microsociologia: persona e vita quotidiana tra soggettività e struttura sociale. Mesosociologia: la trama della vita sociale. Macrosociologia: processi sociali e sistemi societari. II. Lineamenti di sociologia della salute e della medicina La malattia tra persona, medicina e società. La relazione medico-paziente. L ospedale come organizzazione complessa. Le professioni nelle organizzazioni sanitarie. Le disuguaglianze di salute nell era della globalizzazione. Società multietnica, differenze culturali e servizi sanitari. TESTO D ESAME (per le parti relative al programma) Giarelli G., Venneri E., 2009, Sociologia della salute e della medicina. Manuale per le professioni mediche, sanitarie e sociali, Milano, FrancoAngeli.

18 MODULO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA 1.MEDICINA PREVENTIVA 1.1 Prevenzione primaria 1.2 Prevenzione secondaria 1.3 Prevenzione terziaria 1.4 Educazione sanitaria 2. EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE 2.1 Modalità evolutive 2.2 La catena contagionistica 3. PROFILASSI DIRETTA DELLE MALATTIE INFETTIVE 3.1 Strategie generali 3.2 Profilassi diretta Notifica o denuncia Accertamento Inchiesta epidemiologica Isolamento Disinfezione e sterilizzazione 4. INFEZIONI OSPEDALIERE 4.1 Inquadramento nosologico 4.2 Inquadramento eziologico 4.3 Inquadramento epidemiologico 4.4 Inquadramento preventivo 5.MODALITA E MEZZI PER LA STERILIZZAZIONE E LA DISINFEZIONE 5.1 Sterilizzazione Sterilizzazione con il calore Raggi ultravioletti (UV) 5.2 Disinfezione e disinfettanti Resistenza dei microrganismi Modalità d azione dei disinfettanti Disinfezione con agenti fisici Disinfettanti chimici Alcune applicazioni dei disinfettanti Disinfezione dello strumentario L antisepsi Disinfezione delle mani (antisepsi) Disinfezione della cute (antisepsi) Mucose Ferite 6. VACCINAZIONI Testo consigliato: Barbuti S., Bellelli E., Fara G.M., Giammanco G.: Igiene e Medicina Preventiva. Monduzzi Editore 2003.

19 MODULO DI MEDICINA LEGALE 1. Elementi costitutivi del reato: a. Delitto doloso, colposo e preterintenzionale; b. Soggetto attivo, passivo e oggetto giuridico; c. Circostanze attenuanti ed aggravanti comuni e speciali; 2. I possibili profili di reato: a. Percosse; b. Lesioni personali: classificazione; c. Pericolo di vita e prognosi riservata; d. Violenza sessuale; e. I reati tipicamente professionali dell infermiere. 3. Consenso informato all atto diagnostico-terapeutico: a. Consenso dell avente diritto; b. Stato di necessità; c. Caso fortuito o forza maggiore; d. Infermiere, informazione e consenso; 4. Segreto professionale: a. Giusta causa di rivelazione; b. Problemi relativi alla testimonianza dell operatore sanitario in sede giudiziale; c. Il segreto professionale; 5. Responsabilità professionale: a. La responsabilità penale; b. La responsabilità professionale contrattuale ed extracontrattuale; c. La c.d. responsabilità d equipe; d. La responsabilità disciplinare; e. L omissione di soccorso; f. L omicidio colposo e lesioni personali colpose; g. Le qualifiche giuridiche dell operatore sanitario e codice penale; h. Il Servizio Sanitario Nazionale, L. 833/78 e successive mod. ed integr.; i. Il profilo professionale dell infermiere ed i requisiti per l esercizio della professione; j. Le possibili tutele assicurative; 6. Il rapporto con il paziente: a. Riservatezza, informazione al paziente ed ai congiunti; b. Aspetti e profili deontologici dell infermiere; 7. La documentazione clinica: a. Cartella clinica; b. Cartella infermieristica; c. Certificato medico; d. Il reato di falso relativo alla documentazione sanitaria;

20 8. I trattamenti sanitari obbligatori TESTI CONSIGLIATI Puccini C.: Istituzioni di Medicina legale, Casa Editrice Ambrosiana, Milano 2003 Carnevale A. D Ovidio C.: La professione di Infermiere PICCIN 2005 I sigg.ri Studenti degli anni precedenti (o provenienti da altre Università) che non hanno ancora sostenuto l esame di medicina legale dovranno, dopo aver seguito il corso, far riferimento al presente programma didattico ed ai relativi testi consigliati Risultati d apprendimento previsti: Il Corso si propone di descrivere e comprendere la professione infermieristica attraverso gli strumenti concettuali della disciplina sociologica sui temi della salute, la conoscenza delle principali fonti di rischio nelle professioni sanitarie, nonchè la loro prevenzione, gli aspetti giuridici e medico-legali sanitaria ed i concetti base di responsabilità professionale. Inoltre, lo studente al temine del corso deve avere piena comprensione di ciò che attiene al concetto di salute, di malattia, di benessere nel proprio e in altri contesti culturali Curricula scientifici del docente responsabile e degli altri docenti coinvolti: sono disponibili sul sito dell Università alla seguente url Propedeuticità: Nessuna Anno di corso: I semestre: I sede: aule corpo H Campus Salvatore Venuta Germaneto - Catanzaro organizzazione della didattica: lezioni ed esercitazioni modalità di frequenza: obbligatoria metodi di valutazione: prova orale date di inizio e termine e il calendario delle attività didattiche: consultabili sul portale orari di ricevimento dei docenti: durante tutta la settimana previo appuntamento tramite calendario delle prove di esame : consultabili sul portale

21 MODULO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA 1. MEDICINA PREVENTIVA 1.1 Prevenzione primaria 1.2 Prevenzione secondaria 1.3 Prevenzione terziaria 1.4 Educazione sanitaria 2. EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE 2.1 Modalità evolutive 2.2 La catena contagionistica 3. PROFILASSI DIRETTA DELLE MALATTIE INFETTIVE 3.1 Strategie generali 3.2 Profilassi diretta Notifica o denuncia Accertamento Inchiesta epidemiologica Isolamento Disinfezione e sterilizzazione 4. INFEZIONI OSPEDALIERE 4.1 Inquadramento nosologico 4.2 Inquadramento eziologico 4.3 Inquadramento epidemiologico

22 4.4 Inquadramento preventivo 5. MODALITA E MEZZI PER LA STERILIZZAZIONE E LA DISINFEZIONE 5.1 Sterilizzazione Sterilizzazione con il calore Raggi ultravioletti (UV) 5.2 Disinfezione e disinfettanti Resistenza dei microrganismi Modalità d azione dei disinfettanti Disinfezione con agenti fisici Disinfettanti chimici Alcune applicazioni dei disinfettanti Disinfezione dello strumentario L antisepsi Disinfezione delle mani (antisepsi) Disinfezione della cute (antisepsi) Mucose Ferite 6. VACCINAZIONI Testo consigliato: Barbuti S., Bellelli E., Fara G.M., Giammanco G.: Igiene e Medicina Preventiva. Monduzzi Editore 2003.

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA

QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA capitolo 1 QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA Danilo Cenerelli IL METODO DISCIPLINARE: IL PROCESSO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA La parola metodo deriva dal greco methodos ed è composta da

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Attivazione dei linfociti T

Attivazione dei linfociti T Attivazione dei linfociti T Attivazione linfociti T: caratteristiche generali Eventi extracellulari - Riconoscimento dell antigene - Interazione dei recettori costimolatori Eventi intracellulari - Trasduzione

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli