Determinare la sequenza del DNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Determinare la sequenza del DNA"

Transcript

1 Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceu9che a.a Università di Catania Determinare la sequenza del DNA Sequenziamento Sanger, NGS e Bioinforma9ca Stefano Forte

2 Sequenziare significa determinare la successione dei monomeri che costituiscono un polimero biologico PROTEINE (sequenza di Aminoacidi) DNA (sequenza di nucleotidi) DNA Genomico cdna Sequenziamento

3 Principi del sequenziamento del DNA Molte tecniche di biologia molecolare si basano sulla possibilità di replicare molecole di DNA in vitro: - Molecola stampo - Nucleotidi trifosfato - DNA polimerasi - Primers - Appropriato buffer di reazione

4 Metodo di Sanger

5 Metodo di Sanger

6 Sequenziamento automatico Stesso principio del metodo di Sanger Il primer o i ddntp sono marcati con un marcatore fuorescente Lettura tramite laser della molecola appena questa esce dal gel Utilizzo di una sola corsia Se si marca il primer? Se si marcano i ddntp Gel di poliacrillamide o capillare Dato di sequenza acquisito automaticamente e trasferito al computer

7 Interpretazione automatica del dato elettroferogramma

8 Allungare la sequenza Con i metodi automatici è possibile ottenere sequenze oltre il migliaio di basi Con l allungamento della sequenza diminuisce la risoluzione e l intensità del segnale Aumento probabilità che una struttura secondaria termini la sintesi L affidabilità diminuisce allontanandosi dal primer

9 Walking

10 Sequenziamento shotgun Per sequenziare un frammento lungo la migliore stratgia è quella di dividerlo in framenti più piccoli. Il DNA può essere frammentato e clonato in una librerie M13 o in plasmidi. La libreria deve contenere frammenti parzialmente sovrapposti Dalla libreria si prelevano cloni a caso e si sequenziano

11 Sequenziamento shotgun

12 Diminuzione della produttività Una accurata determinazione del 90% della sequenza può essere ottenuta molto rapidamente Per ottenere un ulteriore 9% sarà necessario un tempo paragonabile a quello utilizzato per ottenere il 90% Una quantità simile di lavoro sarà necessaria per ottenere un ulteriore 0,9%

13 Le piahaforme di NGS Tra le piahaforme disponibili descriviamo: Tecnologia 454 (pirosequenziamento) PiaHaforma Solexa/Illumina PiaHaforma Ion Torrent Sistema SOLid

14 Il pirosequenziamento Il pirosequenziamento si basa sulla possibilità di rilevare la luminescenza emessa dalla luciferasi che viene attivata (per produzione di ATP) da una reazione accoppiata alla sintesi del DNA. - Il primer si lega allo stampo e viene incubato con: DNA polimerasi, ATP solforilasi, luciferasi e luciferina, apirasi, dntp, adenosin 5 fosfosolfato (APS) -nucleotidi trifosfato complementare alla prima base dello stampo viene incorporato dalla polimerasi. Viene rilasciato pirofosfato (PPi) -In presenza di APS, la solforilasi converte stechiometricamente il PPi ad ATP. La luciferasi utilizza l'atp per produrre (tramite la conversione della luciferina ad ossiluciferina) luce.

15 Il pirosequenziamento Il pirosequenziamento può essere automatizzato grazie all utilizzo di una tecnologia con micropozzetti. Un pozzetto ha il volume inferiore a 100 pl In un vetrino 6x6 cm possono essere contenuti più di un milione di pozzetti. Il pirosequenziamento può determinare sequenze più corte rispetto al metodo di Sanger ma è possibile parallelizzare il processo per ottenere globalmente sequenze molto più lunghe

16 PiaHaforma illumina - Produzione di frammen9 con protrusione di A - Ligazione di adahatori - Ligazione sulla superficie di una cella a flusso - Amplificazione a ponte - Denaturazione e generazione di cluster clonali - Aggiunta dei 4 nucleo9di con fluoroforo e gruppo bloccante - Lavaggio - Rilevazione della fluorescenza - Sbloccaggio

17 Ion Torrent

18 Sistema SOLid

19

20 Confronto fra Biosequenze I polimeri biologici a più alto ocntenuto di informazione sono gli acidi nucleici e le proteine. Le unità informa9ve di base sono rispexvamente le 4 basi azotate ed i 20 aminocidi. Perché è possibile confrontare biosequenze? Quali sono gli obie9vi di un confronto di sequenze? Filogenesi molecolare; Evoluzione dei singoli genomi (confronto tra banche da9); CaraHerizzazione di proteine con funzione sconosciuta (ed iden9ficazione di domini funzionali). Possibilità di iden9ficare mutazioni responsabili di un feno9po

21 Confronto fra biosequenze (2) La filogenesi classica è basata sull osservazione di caraheris9che morfologiche e fisologiche. La filogenesi molecolare è basata sulla tendenza a divergere che hanno sequenze nucleo9diche o aminoacidiche originatesi da un progenitore comune. Consente di costruire alberi filogene9ci che illustrino le distanze ed i rappor9 evolu9vi tra le molecole analizzate.

22 Similarità e Omologia Similarità: somiglianza nella composizione di due sequenze biologiche Omologia: relazione filogene9ca tra due sequenze. Spesso 2 sequenze omologhe hanno un elevato grado di omologia, ma possono divergere per mutazione ed evoluzione: possono restare omologhe anche se non troppo simili. Le regioni che tendono a restare simili sono quelle più importan9 per l axvità della proteina

23 Allineamento di sequenze Per poter procedere al confronto tra sequenze nucleo9diche o tra sequenze proteiche è necessario che queste sequenze vengano allineate. Questo è un esempio di allineamento mul9plo di 5 brevi sequenze aminoacidiche.

24 Allineamento di stringhe Cominciamo con l affrontare il problema più generale dell allineamento di una coppia di stringhe. Date due stringhe acbcdb e cadbd, in che modo possiamo stabilire quanto sono simili? La similarità scaturisce dall allineamento oxmale delle due stringhe. Ecco un possibile allineamento: a c - - b c d b - c a d b - d - Il carahere speciale - rappresenta l inserimento di uno spazio, che sta a significare una cancellazione nella sequenza o, equivalentemente, un inserzione nell altra sequenza (Operazioni di INDEL).

25 Similarità e distanza a c - c b c d b - c a d b - d - Per valutare il grado di correlazione tra stringhe possiamo calcolare la similarità o la distanza. Alta similarità - > bassa distanza, Bassa similarità - > elevata distanza.

26 Distanza di Edi9ng E possibile calcolare la distanza tra due stringhe u9lizzando, per esempio, la distanza di edi9ng. La distanza di edi9ng è definita come il minimo numero di operazioni da eseguire (inserimen9, cancellazioni, sos9tuzioni) per trasformare una stringa in un altra. a - c c t g a a g c t t - a In questo caso per trasformare la prima stringa nella seconda dobbiamo inserire una g, sos9tuire una c con una t e cancellare una g. La distanza di edi9ng tra le due stringhe è dunque 3.

27 La scoring func9on: similarità a c - c b c d b a c a d b - d - n In generale è possibile valutare il grado di similarità o la distanza tra due stringhe, assegnando un punteggio (score) all allineamento u9lizzando un opportuna scoring func6on. n Per esempio, se assegniamo un punteggio di +2 per ogni match esaho e un punteggio di - 1 per ogni mismatch o indel, la similarità tra le due sequenze secondo l allineamento considerato sarà: S = ( 1) = 4

28 La scoring func9on: distanza a c - c b c d b a c a d b - d - Se assegniamo uno score pari a 0 nel caso di matches, pari ad 1 in caso di sos9tuzione di caraheri e pari a 2 in caso di allineamento con uno spazio, la distanza tra le due stringhe preceden9 secondo l allineamento considerato è: d = = 7

29 Matrici di Sos9tuzione Un par9colare allinemento è casulae o biologicamnete significa9vo? E possibile quen9ficare la sua significa9vità biologica? Abbiamo visto che la scoring func9on associa un valore numerico ad ogni coppia di caraheri. Le matrici di sos9tuzione associano un valore numerico ad ogni possibile coppia di aminoacidi, tenendo conto delle similarità chimiche tra di essi. Tali matrici possono quindi essere u9lizzate come scoring func9ons per l allineamento di proteine.

30 Similarità chimica tra aminoacidi

31 Matrici PAM Le matrici PAM (Percent Accepted Muta9ons) furono sviluppate esaminando le mutazioni all interno di superfamiglie di sequenze aminoacidiche strehamente correlate tra loro. Si notò che le sos9tuzioni che occorrevano tra sequenze strehamente correlate non erano casuali. Si concluse che alcune sos9tuzioni di aminoacidi occorrono più facilmente di altre, probabilmente a causa del faho che tali sos9tuzioni non alterano significa9vamente la struhura e la funzione di una proteina. Ciò significa che proteine omologhe non devono necessariamente avere gli stessi aminoacidi in ogni posizione.

32 Unità e matrici PAM Usiamo le unità PAM per misurare la distanza tra sequenze aminoacidiche. Due sequenze S1 ed S2 distano 1 unità PAM se S1 può essere trasformata in S2 con una media di 1 mutazione puntuale ogni 100 aminoacidi. In una sequenza la stessa posizione può mutare più volte e tornare quindi al carahere originario; dunque due sequenze che distano 1 PAM possono differire di meno dell 1%.

33 Matrici PAM Esistono diversi 9pi di matrici PAM. Ognuna di esse è u9lizzata per confrontare due sequenze che distano un certo numero di unità PAM l una dall altra. Ad es. la PAM120 può essere u9lizzata per confrontare sequenze che distano 120 unità PAM. La entry (i,j) della matrice PAM120 con9ene lo score assegnato alla coppia di aminoacidi (Ai,Aj); tale score è proporzionale alla frequenza con cui ci si aspeha che Ai sos9tuisca Aj in due sequenze che distano 120 unità PAM.

34 A 2 R -2 6 N D Matrice PAM 120 C Q E G H I L K M F P S T W Y V A R N D C Q E G H I L K M F P S T W Y V

35 Matrici BLOSUM Le matrici BLOSUM sono matrici di sos9tuzione di aminoacidi simili alle PAM. Mentre la matrici PAM si basano su allineamen9 globali tra sequenze, le BLOSUM si basano su allineamen9 di blocchi di segmen9 di sequenze strehamente correlate. I segmen9 appartenen9 a ciascun blocco vengono suddivisi in clusters in base alla percentuale di similarità. Ogni cluster sarà considerato come un unica sequenza. Ad es. nella costruzione della matrice BLOSUM62 ogni cluster sarà cos9tuito da sequenze che hanno iden9tà superiore al 62%. Anche in questo caso la entry (i,j) della matrice è proporzionale alla frequenza di sos9tuzione dell aminoacido Ai con l aminoacido Aj.

36 Gaps Abbiamo visto che due sequenze biologiche possono differire tra loro non solo per sos9tuzione di un residuo con un altro ma anche per inserzione o delezione di residui. E quindi spesso necessario introdurre degli spazi - in una o in entrambe le sequenze da allineare, anche al fine di portare le sequenze alla stessa lunghezza. Una sequenza di spazi con9gui si definisce gap. Ovviamente è necessario determinare un criterio per l inserimento di tali gap. L inserimento di un gap abbassa lo score dell allineamento; in questo modo, essendo il nostro scopo quello di massimizzare lo score dell allineamento, verranno inseri9 gaps solo quando ciò è strehamente necessario.

37 Gap Penal9es La maggior parte degli algoritmi di allineamento usano delle gap penal6es diverse per l apertura di un nuovo gap e per l estensione di un gap già esistente. Il GOP (Gap Opening Penalty) è la penalità da pagare ogni qual volta viene inserito un gap. Il GEP (Gap Extension Penalty) è la penalità da pagare ogni qual volta viene esteso un gap già esistente. Solitamente GOP>GEP, cioè aprire un nuovo gap è più costoso che estenderne uno esistente; in questo modo si tende ad avere inserzioni e delezioni di parecchi residui per volta piuhosto che inserzioni o delezioni sparse.

38 Gap Penal9es Esempio di apertura di un gap: a c t c a a t c a t c a - t c a t c Esempio di estensione di un gap già esistente: a c t c a a - - t t c c a a t t c

39 Algoritmi per il l allineamento Pairwise Come trovare l allinemento oxmale? Il metodo più ovvio per determinare l allineamento oxmale tra due sequenze consiste nel costruire tux i possibili allineamen9 e valutare quello con lo score più alto: APPROCCIO IMPRATICABILE Allineare sequenze di appena 20 caraheri (lunghezza inusuale per una biosequenza, che solitamente è formata da un numero molto maggiore di caraheri) richiederebbe un tempo sicuramente inaccehabile.

40 Allineamento mediante Programmazione Dinamica Date due stringhe S e T, con S =n e T =m, il nostro obiexvo è il calcolo dell allineamento oxmale di S e T. Gli algoritmi di programmazione dinamica vengono u9lizza9 nella risoluzione di problemi di oxmizzazione; nel nostro caso ci interessa massimizzare lo score dell allineamento. Un algoritmo di programmazione dinamica trova la soluzione migliore spezzando il problema originale in sohoproblemi più semplici da risolvere. La soluzione di ogni sohoproblema si basa sulle soluzioni dei sohoproblemi già risol9.

41 Allineamento globale e locale L algoritmo di allineamento che abbiamo considerato, produce l allineamento globale di due sequenze, ovvero allinea due sequenze su tuha la loro lunghezza. Una variante dell algoritmo di Needleman- Wunsch consente di eseguire l allineamento locale di due sequenze; Questo è u9le quando abbiamo a che fare con sequenze che non presentano un alta similarità su tuha la loro lunghezza ma che contengono comunque regioni ad alta similarità (Vedi BLAST). L algoritmo di local alignment res9tuisce gli n allineamen9 di sohosequenze di S e T di massimo score.

42 Allineamento Mul9plo Fino ad ora abbiamo visto come produrre allineamen9 di coppie di sequenze. Gli algoritmi vis9 hanno complessità quadra9ca (nella lunghezza delle sequenze) in tempo e spazio. La variante di Myers- Miller consente di produrre allineamen9 di coppie di sequenze in tempo quadra9co e spazio lineare. Il problema dell allineamento di n sequenze non è risolubile in tempo polinomiale. Occorre quindi ricorrere ad euris9che ed approssimazioni.

43 Allineamento Progressivo Il metodo più comune per eseguire un allineamento mul9plo è il cosiddeho allineamento progressivo, basato sulla costruzione di una successione di allineamen9 a coppie. Dato un insieme S cos9tuito da n sequenze da allineare, si scelgono due sequenze s1 ed s2 e si allineano; questo allineamento rimane fissato nei passi successivi. Si sceglie quindi una terza sequenza s3 e si allinea al precedente allineamento, e così via. Questo è un approccio euris9co e non garan9sce di trovare l allineamento mul9plo oxmale; tuhavia è efficiente e nella pra9ca dà dei risulta9 ragionevoli.

44 Allineamento Progressivo (2) L euris9ca più importante u9lizzata negli algoritmi di allineamento progressivo prevede che le coppie che presentano un maggior grado di similarità siano allineate per prime. Ciò è gius9ficato dal faho che coppie di sequenze maggiormente somiglian9 hanno maggiore probabilità di essere derivate più recentemente da un antenato comune e quindi il loro allineamento fornisce l informazione più affidabile che è possibile ricavare dalle sequenze. Inoltre le posizioni dei gaps in sequenze maggiormente correlate sono 9picamente più accurate rispeho a quelle rela9ve a sequenze meno simili, per cui i gaps degli allineamen9 iniziali vanno preserva9 durante l allineamento progressivo.

45 ClustalW ClustalW è il tool più popolare per l allineamento mul9plo di biosequenze. Dato un insieme S di n sequenze da allineare, ClustalW allinea tuhe le coppie di sequenze di S separatamente e costruisce una matrice con le distanze tra ogni coppia di sequenze. Seq. A Seq. B Seq. C Seq. D Seq. A 0.00 Seq. B Seq. C Seq. D

46 ClustalW: Albero filogene9co n n Viene quindi costruito un albero guida filogene9co u9lizzando il metodo neighbour- joining. Si sceglie la coppia più vicina: questa andrà a formare il primo sohoalbero: Seq. A Seq. B Seq. C Seq. D Seq. A 0.00 Seq. B Seq. C Seq. D A AB B

47 ClustalW: Albero filogene9co (2) Sostituiamo nella tabella la entry AB alle singole entry A e B e calcoliamo le distanze di AB dalle sequenze rimanenti facendo una semplice media aritmetica: Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il file. Se viene visualizzata di nuovo la x rossa, potrebbe essere necessario eliminare l'immagine e inserirla di nuovo. Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer potrebbe essere insufficiente per aprire l'immagine oppure l'immagine potrebbe essere danneggiata. Riavviare il computer e aprire di nuovo il file. Se viene visualizzata di nuovo la x rossa, potrebbe essere necessario eliminare l'immagine e inserirla di nuovo. Seq. AB Seq. C Seq. D Seq. AB 0.00 Seq. C 0.375? 0.00 Seq. D 0.175? D( AB, D) = D( A, D) + D( B, D) = = D( AB, C) = D( A, C) + D( B, C) = = Iterando il procedimento si ottiene l albero completo.

48 ClustalW: Albero filogene9co (3) OHerremo un albero i cui rami hanno lunghezza proporzionale alla distanza tra le sequenze : Quest albero verrà u9lizzato per guidare l allineamento progressivo. Nel nostro esempio verranno allineate per prime le sequenze A e B. Successivamente verrà allineata la sequenza D all allineamento AB e infine verrà allineata la sequenza C all allineamento ABD. A B D C

49 Albero filogene9co: un esempio L albero filogene9co in figura è costruito mediante ClustalW a par9re dalle sequenze della proteina mnsod su diversi organismi: il clustering ohenuto rispecchia in maniera abbastanza fedele quella che è la filogenesi classica (cioè basata su da9 geopaleontologici).

50 Allineamento con ClustalW n n n La presenza di un simbolo * in fondo ad una colonna indica un match del 100%. Il simbolo : indica un alta similarità (>75%). Il simbolo. indica una media similarità (50%- 75%). Nell allineamento di sequenze nucleo9diche è possibile trovare solo simboli * nel caso di iden9tà della colonna al 100%.

51 ClustalW: Server on line Il server ufficiale di ClustalW si trova sul sito dell EMBL: hhp://www.ebi.ac.uk/clustalw/index.html Vi sono comunque mol9 altri server di ClustalW; uno dei più popolari è quello dello Swiss Ins9tute of Bioinforma9cs: hhp://www.ch.embnet.org/sosware/clustalw.html Questa versione di ClustalW ha un interfaccia semplificata rispeho a quella ufficiale su EMBL.

52 ClustalW: uso locale E anche possibile scaricare la versione locale di ClustalW per ambien9 Windows (DOS) e Linux: sp://sp.ebi.ac.uk/pub/sosware/dos/clustalw/ sp://sp.ebi.ac.uk/pub/sosware/unix/clustalw/ sp://sp- igbmc.u- strasbg.fr/pub/clustalw/ hhp://www.biolinux.org/clustalw.html

53 Blast2Seq Blast2Seq è un tool della famiglia BLAST che permehe di eseguire l allineamento di una coppia di sequenze u9lizzando l algoritmo di allineamento locale di BLAST. E importante soholineare la differenza tra questo 9po di approccio e quello mostrato nelle slides preceden9: L allineamento Pairwise Globale di coppie di sequenze mehe in luce l eventuale similarità globale tra le due sequenze. L allineamento Pairwise effehuato da Blast2Seq mehe in luce le eventuali similarità locali tra le due sequenze. Due sequenze possono anche essere molto diverse nella loro interezza ma avere comunque delle regioni molto simili: a par9re da tale similarità è spesso possibile formulare interessan9 ipotesi sulla presenza di determina9 mo9vi e quindi sulla funzione delle molecole analizzate.

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della

La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della La struttura dell RNA Struttura dell RNA mediante analisi comparativa Predizione della struttura secondaria: L algoritmo di Nussinov Predizione della struttura secondaria: Minimizzazione dell energia Un

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico.

Elettroforesi su gel. L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. Elettroforesi su gel L elettroforesi è definita come la migrazione di particelle sotto l influenza di un campo elettrico. La mobilità della particella dipende dalla forza elettrostatica netta che agisce

Dettagli

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE

> MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE > MULTI TASKING > MULTI PROCESS > MULTI CORE WorkNC V21 multicore 64 bits : Benefici di WorkNC Aumento generale della produttività, grazie alle nuove tecnologie multi-core, 64 bit e Windows 7 Calcolo di

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica

Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Una proteina nella rete: Caccia al tesoro bioinformatica Nel corso di questa attivita utilizzeremo alcune delle piu importanti banche dati disponibili in rete per cercare informazioni su una proteina.

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale

Nella prima lezione... Che cos è il Digitale. Prima parte: Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale. Che cos è il Digitale !"$#%!" #% Nella prima lezione... Definizione di Informatica Cosa è una soluzione algoritmica Esempi di algoritmi cicalese@dia.unisa.it 2 Prima parte: Società dell informazione Ma cosa vuol dire società

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

Matematica Discreta PARTE II

Matematica Discreta PARTE II Matematica Discreta PARTE II Giuseppe Lancia Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Indice 1 Piccioni e buche 1 1.1 Il principio della piccionaia, forma semplice............................

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

Messa a punto dell analisi della

Messa a punto dell analisi della SSMT Locarno 2012/2013 Lavoro di diploma per il corso di Tecnici in Analisi Biomediche Presso l Istituto Cantonale di Patologia di Locarno Messa a punto dell analisi della traslocazione RET/PTC Lavoro

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic

Famiglie di font. roman ( normale ) corsivo o italic grassetto o bold grassetto corsivo o bold italic Famiglie di font Nella maggior parte dei casi, un font appartiene a una famiglia I font della stessa famiglia hanno lo stesso stile grafico, ma presentano varianti Le varianti più comuni sono: roman (

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Student Per studenti di quarta e quinta della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Angela è nata nel 1997,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta

Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le leggi di Mendel esposte in modo ragionato e critico di Luciano Porta Le tre leggi di Mendel, che descrivono la trasmissione dei caratteri ereditari da una generazione all altra, segnano l inizio della

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

Rette e piani con le matrici e i determinanti

Rette e piani con le matrici e i determinanti CAPITOLO Rette e piani con le matrici e i determinanti Esercizio.. Stabilire se i punti A(, ), B(, ) e C(, ) sono allineati. Esercizio.. Stabilire se i punti A(,,), B(,,), C(,, ) e D(4,,0) sono complanari.

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA

DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA 1. I PROBLEMI E LA LORO SOLUZIONE DAL PROBLEMA AL PROGRAMMA L'uomo, per affrontare gli innumerevoli problemi postigli dallo sviluppo della civiltà, si è avvalso della scienza e della tecnica, i cui destini

Dettagli

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale

Prof. Caterina Rizzi Dipartimento di Ingegneria Industriale RUOLO DELLA MODELLAZIONE GEOMETRICA E LIVELLI DI MODELLAZIONE PARTE 2 Prof. Caterina Rizzi... IN QUESTA LEZIONE Modelli 2D/3D Modelli 3D/3D Dimensione delle primitive di modellazione Dimensione dell oggettoy

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i

Le pr p in i c n ip i ali ali st s rategie ie i d regola zio i n o e n d e d ll esp s re p ss s ion ion g ni n c i a n e n i i pr p oc o ariot i i Le principali strategie di regolazione dell espressione genica nei procarioti Regolazione metabolica Nel genoma di un microorganismo sono presenti migliaia di geni (3000-6000). Alcuni geni vengono espressi

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli