IMMUNOFLUORESCENZA: TECNICHE DI PREPARAZIONE DEI CAMPIONI. Massimo Riccio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMMUNOFLUORESCENZA: TECNICHE DI PREPARAZIONE DEI CAMPIONI. Massimo Riccio"

Transcript

1 IMMUNOFLUORESCENZA: TECNICHE DI PREPARAZIONE DEI CAMPIONI Massimo Riccio

2 LOCALIZZAZIONE DI PROTEINE TRAMITE FLUORESCENZA IMMUNOFLUORESCENZA - disponibilità di Abs specifici - tecniche immunocitochimiche che prevedono l uso di Ab coniugati con fluorocromi PROTEINE FLUORESCENTI (FP) - Chimerizzazione della proteina in esame con proteine fluorescenti (BFP, GFP, YFP, RFP) - Transfezione di cellule in coltura - Produzione di organismi transgenici MARCATURE MULTIPLE - Impiego simultaneo di 2 o più Abs e/o FP per co-analizzare la distribuzione di due o più proteine

3 IMMUNO-FLUORESCENZA Metodo diretto L anticorpo specifico per la molecola di interesse è direttamente coniugato al Fluorocromo FITC-mouse anti X X I II I Metodo indiretto Si usa un anticorpo (primario) per rilevare l antigene d interesse. L Ab primario è rivelato da un secondo Ab (secondario), coniugato al fluorocromo e diretto contro la specie in cui è stato prodotto il primario FITC-goat anti mouse mouse anti X X

4 IMMUNO-FLUORESCENZA: METODO DIRETTO Fissazione Lavaggio in PBS Permeabilizzazione Lavaggio in PBS Saturazione dei siti aspecifici con BSA 3% in PBS Anticorpo coniugato (FITC, TRITC, Cy3, ecc ) Lavaggio in PBS Montaggio con anti-fading Si possono avere problemi di segnale scarso o insufficiente a causa dell ingombro sterico fra le molecole di fluorocromo E utile nelle marcature di Ag di superficie in cellule vive

5 IMMUNO-FLUORESCENZA: METODO INDIRETTO Fissazione Lavaggio in PBS Permeabilizzazione Lavaggio in PBS Saturazione dei siti aspecifici con BSA 3% in PBS Anticorpi primari Lavaggio con BSA 3% in PBS Anticorpi secondari (coniugati con FITC, TRITC, Cy3, ecc ) Lavaggio in PBS Montaggio con anti-fading Vantaggi: - notevole riduzione dei problemi dovuti ad ingombro sterico - amplificazione del segnale; su una molecola di Ab primario si legano più molecole di Ab secondario

6 CAMPIONI BIOLOGICI Cellule in coltura adese su vetrino coprioggetto Sezioni di tessuto Preparati in toto piccoli organismi, ovociti, embrioni, da osservasi in microscopia confocale

7 FISSAZIONE Formalina (formaldeide 4%): troppo acida, può compromettere l antigenicità Paraformaldeide 4% PBS ph , è di sicuro quella ottimale Glutaraldeide: sconsigliata, può indurre autofluorescenza nei tessuti Fissazioni alcoliche: metanolo; acetone; metanolo/acetone; metanolo/ac. acetico - possono essere utili per smascherare alcuni antigeni nucleari - Impiegati nelle tecniche di biologia molecolare in situ perché smascherano il DNA e l RNA

8 SEZIONAMENTO Inclusione in paraffina e taglio al microtomo - spessore delle sezioni: da 5-7 mm a 30 mm o più dipende dal microscopio con cui si osserverà il preparato - utilizzare vetrini polilisinati o polisilanati Criostato - da preferire quando possibile poiché crea meno artefatti e limita il mascheramento antigenico - se l antigene lo richiede si può omettere la fissazione

9 PERMEABILIZZAZIONE E indispensabile: - per immunomarcature su cellule in coltura in quanto permeabilizza le membrane permettendo l ingresso dell Ab negli organuli Non è necessaria: - per marcature di Ag di membrana - per preparati ottenuti per sezionamento, ma si può usare per smascherare antigeni celati Si effettua trattando i campioni fissati con detergenti blandi e preferibilmente non-ionici Detergenti non-ionici Triton X100: 0.02% - 0.2% in PBS Tween 20 Nonidet P-40 (NP40) Saponin

10 SMASCHERAMENTO ANTIGENICO Può essere utile nel caso che alcuni antigeni vengano mascherati dal processo di fissazione, inclusione, ecc ; si usa soprattutto in sezioni in paraffina o ottenute al criostato Trattamento Termico - Microonde con vetrini immersi in tamponi salini: Citrato 10mM ph 6.6 Tris/HCl 10mM ph 8.0 EDTA 1 mm ph 8.0 Enzimi Proteolitici - Tripsina a bassa concentrazione - Pronasi allo 0.1% in Tris 0.5M, ph 7,.5 - Pepsina 0.4% in HCl 0.01N.

11 SATURAZIONE SITI ASPECIFICI - BSA (sieroalbumina bovina) al 3% in PBS satura i siti di legame aspecifici determinati da interazioni di carica elettrica - Siero non immune proveniente dalla stessa specie animale che ha prodotto l'anticorpo secondario NGS (normal goat serum) NRS (normal rabbit serum) Saturano le eventuali aspecificità specie-specifiche Possono essere utilizzati entrambi in combinazione L uso dei sieri è sempre meno necessario grazie alla purificazione per affinità e alla disponibilità di secondari Fabbati E opportuno usare la BSA anche nei lavaggi fra primario e secondario

12 ANTICORPI Abs Primari Abs Primari direttamente coniugati Abs Secondari Coniugati Molecola integra F(ab ) 2 fragment

13 ANTICORPI: DILUIZIONE E INCUBAZIONE Abs Primari DILUIZIONE: da 1:10 a 1:3000 (determinata per ogni Ab) in PBS con 3% BSA + eventuali sieri non immuni INCUBAZIONE: 1-2h a RT (in camera umida) 12h (overnight) a 4 C (in camera umida) LAVAGGI CON PBS + 3% BSA!!! Abs Secondari DILUIZIONE: da 1:10 a 1:1000 (determinata per ogni Ab) in PBS con 3% BSA INCUBAZIONE: 30min - 1h a RT al Buio (in camera umida)

14 Intercalanti del DNA Utilizzati in gran parte per colorare nuclei e/o cromosomi, i più comuni sono: - DAPI (4',6-Diamidino-2-fenilindolo cloridrato) - PI (Ioduro di Propidio) Si intercalano fra le basi azotate che costituiscono la doppia elica del DNA PI PI PI

15 Il fading viene generalmente definito come una riduzione di intensità dell emissione fluorescente. Molti autori suddividono il fading in bleaching e quenching. Il bleaching è l irreversibile decomposizione delle molecole fluorescenti a causa dell intensità della luce e della presenza di molecole di ossigeno. Il quenching è la riduzione dell intensità della fluorescenza dovuta ad agenti ossidanti come sali, metalli pesanti o composti alogeni.

16 FADING Anti-fading (sostanze che attenuano il decadimento della fluorescenza) p-phenylenediamine phenylenediamine: il più efficiente reagente per FITC. Efficace anche per la Rodamina. L effetto si attenua alla luce. Tossico n-propylgallate: il più efficiente reagente per Rodamina. Efficace anche per FITC. DABCO (1,4-diazabi-cyclo-2,2,2-octane): Molto efficiente per la FITC. Più resistente alla luce della p-phenylenediamine e meno tossico. Si usano allo 0.1% in glicerolo/tris o glicerolo/pbs.

17 CONTROLLI Presenza di Autofluorescenza del Campione Controllo del Secondario Si omette l Ab primario dalla reazione di immunocitochimica Non si deve ottenere marcatura II I Controllo di secificità: L Ab primario viene preincubato con l Ag usato per generarlo con concentrazione di cento volte maggiore di quella dell Ab L Ab primario una volta preincubato non deve marcare E cruciale per capire se l Ab primario riconosce l Ag in modo specifico. Spesso si unisce ad un controllo in Western Blot. Reazione Contr. del Secondario Contr. di Specificità

18 OSSERVAZIONE DEI PREPARATI!"# $!# $! %& " $ '( $ ')* * +,(&(-) +& $ +,".)("" " $ &- " $-$ %*& " ) * " "$ & / (

19 FLUORESCENZA La fluorescenza è un fenomeno ottico in cui l assorbimento molecolare di un fotone ad una determinata lunghezza d onda (λ) è seguito dall emissione di un altro fotone ad una l maggiore. Ogni sostanza fluorescente è caratterizzata da uno spettro di assorbimento (o eccitazione) e da uno di emissione.

20 FLUORESCENZA: SHIFT DI STOKES La differenza di energia fra il fotone assorbito (λ minore) e quello emesso (λ maggiore) è dovuta alla dispersione di energia sotto forma di calore o di vibrazione molecolare. La differenza di λ di assorbimento e λ di emissione viene sfruttata per separare, tramite filtri, la fluorescenza emessa dal campione dalla luce usata per eccitarlo.

21 INTERCALANTI DEL DNA: DAPI Fissazione in Para 4% PBS DAPI 1 µg/ml in H 2 O per 5-10 min. Antifading DABCO

22 INTERCALANTI DEL DNA: PI PI 1 µg/ml in H 2 O per 5-10 min. Fissazione Alcolica: ottimale Para 4%: è opportuna una digestione con RNAsi

23 FLUOROCROMI: FITC (ex: 490; em:525 ) Fissazione in Para 4% PBS a RT (evita la depolimerizzazione dell actina) Permeabilizzazione: Triton 0.1% PBS per 5 min. RT Ab primario: mouse anti-actina 1h RT Ab secondario: goat anti-mouse FITC 1h RT al buio Osservazione con filtro LP

24 FLUOROCROMI: FITC (ex: 490; em:525 ) Fissazione in Para 4% PBS a 4 C Permeabilizzazione: Triton 0.1% PBS per 5 min. RT Ab primario: mouse anti-cnpasi (marker degli oligodendrociti) 1h RT Ab secondario: goat anti-mouse FITC 1h RT al buio osservazione con Filtro BP

25 FLUOROCROMI: Cy3 TM (ex: 554; em: 568) Fissazione in Para 4% PBS a 4 C Ab primario: mouse anti-gfap (marker degli astrociti) 1h RT Ab secondario: Donkey anti-mouse Cy3 TM 1h RT al buio

26 FLUOROCROMI: Cy5 TM (ex: 649; em: 666) Fissazione in Para 4% PBS a 4 C Ab primario: guinea pig anti-blbp (marker della glia radiale) 1h RT Ab secondario: goat anti- guinea pig Cy5 TM 1h RT al buio Cy5 TM : emette nell alto rosso; è molto utile nelle marcature multiple per separare due o più segnali con buona efficienza

27 MARCATURE MULTIPLE Consentono la visualizzazione di 2 o più molecole nello stesso campione Se i due (o più) segnali sono ben separati nello spettro si può analizzare la colocalizzazione tramite software specifici Le combinazioni più comuni sono: Coloranti (DAPI; PI) e Abs 2 o più Abs contemporaneamente Espressione di GFP e Abs

28 DOPPIA MARCATURA: DAPI + Ab DAPI DAPI Cy3 TM Rabbit anti-mater Sheep anti-rabbit Cy3 TM Cy3 TM DAPI merge

29 DOPPIA MARCATURA: 2 Abs PRIMARI mouse anti-tollip rabbit anti-sumo SECONDARI donkey anti-mouse FITC sheep anti-rabbit Cy3 TM PRIMARI mouse anti-tollip rabbit anti-sumo SECONDARI rabbit anti-mouse FITC mouse anti-rabbit Cy3 TM!!!!! NON VA BENE PRIMARI mouse anti-tollip rabbit anti-sumo SECONDARI donkey anti-mouse FITC 1 2 mouse anti-rabbit Cy3 TM!!!!! Non va bene ma si può fare sequenzialmente

30 DOPPIA MARCATURA: FILTRI NO FITC LP SI FITC BP Cy3 TM Cy3 TM

31 DOPPIA MARCATURA: 2 Abs e colocalizzazione Tollip-FITC Sumo-Cy3 TM merge Tollip-FITC / Sumo-Cy3 TM Colocalization map

32 DOPPIA MARCATURA Cathepsin B Cystatin B merge Colocalizzazione o overlap fra anticorpi? Come capirlo? 1. Controllare che non ci siano possibilità di cross reazioni fra Abs 2. Controllo dei secondari 3. Controllo con un primario e il secondario dell altro primario (e viceversa) 4. Controllo con Primario A, Secondari A e B (non deve esserci rosso) 5. Controllo con Primario B, Secondari A e B (non deve esserci verde)

33 TRIPLA MARCATURA DAPI PREPARATO IN TOTO: oocita Para 4% PBS a 4 C per 30 min Triton 0.2% PBS per 10 min. RT FITC Goat anti-lamin A/C overnight 4 C Rabbit anti MATER 1h RT Donkey anti Goat FITC Sheep anti rabbit Cy3 TM DAPI 1 µg/ml 5 min. RT 1h RT Cy3 TM

34 TRIPLA MARCATURA DAPI Lamin A/C FITC MATER Cy3 TM merge phase contr.

35 TRIPLA MARCATURA: 3 Abs FITC Cellule in coltura: Para 4% PBS a 4 C per 15 min Triton 0.1% PBS per 5 min. RT Cy3 TM chicken anti-ng2 mouse anti GFAP rabbit anti-cystatin B 1h RT donkey anti-chicken FITC sheep anti-mouse Cy3 TM Donkey anti rabbit Cy5 TM 1h RT Cy5 TM

36 TRIPLA MARCATURA NG2 FITC GFAP Cy3 TM Cyst.B Cy5 TM

37 TRIPLA MARCATURA Corteccia Cerebellare: chicken anti-ng2 donkey anti-chicken FITC rabbit anti-cystatin B donkey anti rabbit Cy3 TM mouse anti MAP-2 sheep anti-mouse Cy5 TM

38 QUADRUPLA MARCATURA: 3 Abs + DAPI Mesenchimal Stem Cell: rabbit anti-ckit (CD117) goat anti-rabbit FITC Mouse IgM anti-stro-1 goat anti-mouse IgM Cy3 TM mouse anti CD34 Donkey anti-mouse Cy5 TM DAPI

39 La GFP (Green Fluorescent Protein) è una proteina di 238 aa (27 KDa) isolata dalla medusa Aequorea victoria. Il suo gene è stato clonato ed è disponibile commercialmente in diversi vettori plasmidici Inducendo mutazioni nel gene della GFP sono state prodotte varianti di questa proteina con caratteristici spettri di assorbimento ed emissione (BFP; CFP, YFP; DsRed) APPLICAZIONI : Over-espressione di proteine in cellule in coltura e analisi in vivo Coespressione di due o più molecole Analisi della colocalizzazione tramite FRET Generazioni di organismi transgenici

40 PROTEINE FLUORESCENTI BFP: blue fluorescent protein GFP: green fluorescent protein YFP: yellow fluorescent protein RFP (DsRed): red fluorescent protein

41 Costruzione di un vettore che contiene sequenzialmente il gene per GFP e per la proteina da studiare Tranfezione di cellule in coltura Espressione di una chime ra GFP-Proteina GFP Proteina in esame E anche possibile generare organismi transgenici che esprimono la chimera GFP-Proteina

42 PROTEINE FLUORESCENTI Neuroni: Co-tranfezione - doublecortin (DCX) DsRed - mannose phosphate receptor (MPR) GFP.

43 PROTEINE FLUORESCENTI: FRET FRET (Fluorescence Resonance Energy Transfer) Se la molecola-cfp e la molecola-yfp sono sufficientemente vicine l emissione della CFP causa l eccitazione di YFP

44 PROTEINE FLUORESCENTI: FRET R CFP Gp YFP Utilizzo della FRET per analizzare l interazione fra un determinato recettore e una G protein 430 nm 480 nm stimolo R CFP Gp YFP FRET 430 nm 480 nm 535 nm Nobles et al. 2005; PNAS, 102(51):

45 PROTEINE FLUORESCENTI: Organismi Transgenici Embrione di Zebrafish: marker neurale Embrione di Zebrafish: marker emopoietico Sezione di encefalo di topo transgenico per due marker neuronali cimerici con CFP e GFP

46 GRAZIE PER L ATTENZIONE Per eventuali contatti

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi

Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Metodi biochimici che utilizzano anticorpi Produzione di anticorpi policlonali 1. Si inietta nel topo (o coniglio) l antigene X purificato 2. Si preleva il siero, che contiene anticorpi contro X 3. Eventualmente

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 L'immunoistochimica e' una tecnica ampiamente utilizzata per l'identificazione e la localizzazione di costituenti cellulari

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008. 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008. 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 2008 Lezione 28 Marzo 2008 Ore 11-13 13 Continuiamo il discorso sulla fluorescenza ricordando alcuni fra i più comuni utilizzi dei fluorocromi Istochimica

Dettagli

Tecniche Immunologiche

Tecniche Immunologiche Tecniche Immunologiche Reazioni Antigene (Ag)/Anticorpo (Ab) Modello Chiave-Serratura Legami non covalenti: Ag Interazione Lisozima/Anti-Lisozima Legami Idrogeno Legami Elettrostatici Legami Idrofobici

Dettagli

Tecniche Immunologiche

Tecniche Immunologiche Tecniche Immunologiche Reazioni Antigene (Ag)/Anticorpo (Ab) Modello Chiave-Serratura Legami non covalenti: Ag Interazione Lisozima/Anti-Lisozima Legami Idrogeno Legami Elettrostatici Legami Idrofobici

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe Z-2117-200 Z-2117-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del riarrangiamento dei geni ALK- EML4 mediante ibridazione in situ fluorescente (FISH).... Dispositivo

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

04_12_08. Microscopia confocale. Esempio di analisi con focale: vedi il filmato corrispondente. Vedi filmato

04_12_08. Microscopia confocale. Esempio di analisi con focale: vedi il filmato corrispondente. Vedi filmato Citologia Animale e Vegetale (corso A - I. Perroteau) - microscopia confocale Microscopia confocale 1 Citologia Animale e Vegetale (corso A - I. Perroteau) - microscopia confocale Esempio di analisi con

Dettagli

Tecniche di studio in Biologia Cellulare. - Colture cellulari. - Gi an-corpi: policlonali e monoclonali

Tecniche di studio in Biologia Cellulare. - Colture cellulari. - Gi an-corpi: policlonali e monoclonali - Colture cellulari - Gi an-corpi: policlonali e monoclonali - Tecniche morfologiche: la microscopia - Colorazioni e immunocitochimica - Microscopia o?ca: a campo chiaro, a fluorescenza (confocale) - Microscopia

Dettagli

Tipi di microscopio ottico

Tipi di microscopio ottico Tipi di microscopio ottico MIcroscopio brightfield: quello piu usato: il campione e retroilluminato Microscopio darkfield: il campione e illuminato lateralmente e viene osservato con uno sfondo nero Microscopio

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Z-2015-200 Z-2015-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del gene umano HER2 e degli alfa-satelliti del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe Z-2124-200 20 (0.2 ml) Z-2124-50 5 (0.05 ml) Per la rilevazione della traslocazione che coinvolge il gene ALK a 2p23 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica

Maria Antonietta Lepore. Principali tecniche di biologia molecolare clinica Maria Antonietta Lepore Principali tecniche di biologia molecolare clinica Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 a/b 00173 Roma (06)

Dettagli

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Produttore: ZytoVision GmbH Codice: Z-2138-200 (0.2ml).. Per l identificazione della traslocazione che coinvolge

Dettagli

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici

Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici Analisi Molecolare di sequenze di acidi nucleici 1. L Analisi di restrizione di frammenti o RFLP (Restriction Fragment Lenght Polymorphism) di DNA comporta lo studio delle dimensioni dei frammenti di DNA

Dettagli

Come si organizza la Làmina nucleare e a cosa provvede: proteine coinvolte in malattie genetiche di Làmina

Come si organizza la Làmina nucleare e a cosa provvede: proteine coinvolte in malattie genetiche di Làmina Come si organizza la Làmina nucleare e a cosa provvede: proteine coinvolte in malattie genetiche di Làmina Stoian Larisa Oana, ITIS Belluzzi Bologna Francesca Petrillo, Liceo Righi Bologna Istituto di

Dettagli

03/11/15. Metodi vigorosi

03/11/15. Metodi vigorosi Metodi blandi Lisi cellulare con detergenti Metodi vigorosi 1 1. Centrifugazione preparativa Centrifugazione preparativa permette di separare i vari elementi di un omogenato cellulare 2. Ultracentrifugazione

Dettagli

Esperienza 14: il test ELISA

Esperienza 14: il test ELISA Esperienza 14: il test ELISA La tecnica di dosaggio immuno-assorbente legato a un enzima (in inglese Enzyme-Linked Immuno Assay) o ELISA è principalmente utilizzato in immunologia al fine di rilevare e/o

Dettagli

FLUORESCENZA. 1. Emissione di radiazioni di una molecola che torna

FLUORESCENZA. 1. Emissione di radiazioni di una molecola che torna FLURESCENZA allo stato fondamentale da uno stato elettronico 1. Emissione di radiazioni di una molecola che torna eccitato 2. L emissione è spostata verso il rosso rispetto alla eccitazione (= lunghezza

Dettagli

Microscopio convenzionale

Microscopio convenzionale Microscopio convenzionale 160 mm 195 mm 45 mm Midollo osseo normale Anti-kappa vs. Anti-lambda DEFINIZIONI Citometria a flusso Metodologia per misurare le proprietà di cellule in flusso Cell Sorting Separazione

Dettagli

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO

LA CELLULA VEGETALE. Il MICROSCOPIO OTTICO LA CELLULA VEGETALE Il MICROSCOPIO OTTICO L origine del microscopio ottico è ancora materia di discussione. La maggior parte degli studiosi, tuttavia, fanno risalire i primi microscopi ottici alla fine

Dettagli

Misurazione e uso di anticorpi. Misurazione delle funzioni dei linfociti T

Misurazione e uso di anticorpi. Misurazione delle funzioni dei linfociti T Misurazione e uso di anticorpi Misurazione delle funzioni dei linfociti T Misurazione e uso di Abs Saggio ELISA ELISPOT Cromatografia d affinità Western Blotting Microscopia ad immunofluorescenza Citometria

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

ADESIONE CELLULARE SU MATERIALI BIOCOMPATIBILI

ADESIONE CELLULARE SU MATERIALI BIOCOMPATIBILI Capitolo 11 - studi sperimentali e di ricerca ADESIONE CELLULARE SU MATERIALI BIOCOMPATIBILI a cura di Maristella Di Carmine Marco Marchisio Sebastiano Miscia 237 Implantologia Pratica Caratterizzazione

Dettagli

DNA footprinting. Interazioni DNA-proteine. Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi.

DNA footprinting. Interazioni DNA-proteine. Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi. Interazioni DNA-proteine Il promotore è la regione di DNA al 5 di un gene, dove si lega la RNA polimerasi. L analisi della sequenza dei primi promotori nei batteri non rivelò, come atteso, la stessa sequenza

Dettagli

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE.

LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. LA FISSAZIONE E LA PROCESSAZIONE DEI CAMPIONI ISTOLOGICI CON SOSTANZE A BASE ALCOLICA: POSSIBILI VANTAGGI E PROSPETTIVE FUTURE. Dott.ssa Marchi Barbara Biologa sanitaria COMBINAZIONE TRA LA BIOLOGIA MOLECOLARE

Dettagli

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri).

Il primer utilizzato può essere specifico per il gene che si intende amplificare oppure aspecifico (oligo (dt) oppure random esameri). Retrotrascrizione l mrna viene convertito in cdna per mezzo dell enzima trascrittasi inversa (DNA polimerasi RNAdipendenti ricavate dai virus della mieloblastosi aviaria AMV o della leucemia murina di

Dettagli

Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine?

Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine? Perche usare Gel di Poliacrilammide per separare le proteine? I gel di poliacrilammide hanno una trama piu compatta I pori hanno dimensioni minori che nei gel di agarosio Le proteine sono molto piu piccole

Dettagli

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi

Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Tecniche basate sull impiego degli anticorpi Il materiale presente in questo documento viene distribuito solamente per uso interno ed esclusivamente a scopo didattico. Anticorpo o immunoglobulina! IL legame

Dettagli

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR)

AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) AMPLIFICAZIONE IN VITRO DEL DNA REAZIONE A CATENA DELLA POLIMERASI (PCR) PCR: reazione polimerasica a catena Inventata da Kary Mullis negli anni 80 (premio Nobel 1993) Serve per ottenere una grande quantita

Dettagli

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica.

TOSSICOLOGIA. TOSSICO Ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali DANNOSE mediante una azione fisica o chimica. TOSSICOLOGIA COS E UN FARMACO? - ogni sostanza capace di provocare in un organismo modificazioni funzionali mediante un azione fisica o chimica. - Per l OMS è farmaco una sostanza o un prodotto utilizzato

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Biotecnologie e bonifica ambientale

Biotecnologie e bonifica ambientale Biotecnologie e bonifica ambientale Prof. Laura Martinis Liceo Scientifico G. Marinelli Prof. Massimo Vischi e Luca Marchiol - Facoltà di Scienze Agrarie dell Università di Udine Cl. III B Noi studenti

Dettagli

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione

Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3. Criteri di identificazione Identificazione dei microrganismi mediante tecniche di biologia molecolare Esercitazione n 3 Criteri di identificazione Tradizionale (fenotipo) Tecniche di biologia molecolare Il livello di risoluzione

Dettagli

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5

Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Metodi per l analisi morfo-funzionale delle cellule Prof. Marisa Levi Parte 5 Colture cellulari Un organismo è un sistema molto complesso, costituito da organi, che a loro volta sono costituiti da diversi

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit Z-2020-20 20 Z-2020-5 5 Per la rilevazione del gene umano HER2 e delle regioni alfa-satellite del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

ELISA (Enzyme-Linked. ImmunoSorbent Assay)

ELISA (Enzyme-Linked. ImmunoSorbent Assay) LISA (nzyme-linked ImmunoSorbent Assay) Tecnica immunoenzimatica che utilizza un enzima come marker dell anticorpo specifico o dell anti-gammaglobulina L antigene o l anticorpo l possono essere legati

Dettagli

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali

Tecnologie per lo studio. delle cellule staminali Tecnologie per lo studio delle cellule staminali Dr.ssa Annalisa Buffo Università degli Studi di Torino Dipartimento di Neuroscienze Introduzione: come smascherare le cellule staminali Le cellule staminali

Dettagli

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine

Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi basati sulla ricerca del DNA e delle proteine Università degli Studi del Piemonte Orientale A. Avogadro CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE Metodi per il rilevamento degli OGM in matrici alimentari: principi ed i metodi di analisi

Dettagli

PCR (Polymerase Chain Reaction)

PCR (Polymerase Chain Reaction) PCR (Polymerase Chain Reaction) Metodo enzimatico estremamente rapido e semplice per produrre una quantità illimitata di copie della sequenza di un singolo gene Sometime a good idea comes to yow when you

Dettagli

Il Programma ISTSCUOLA

Il Programma ISTSCUOLA esercitazioni pratiche guidate per insegnanti anno scolastico 2009/2010 Il Programma ISTSCUOLA L IST, Istituto nazionale per la ricerca sul cancro di Genova è un ente di diritto pubblico riconosciuto dal

Dettagli

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI

12-05-2010 ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI ESTRAZIONE E PURIFICAZIONE DI ACIDI NUCLEICI Il primo passaggio per la maggior parte delle procedure che verranno trattate in questo corso consiste nell estrazione del DNA (e dell RNA) da materiale biologico, e nella sua purificazione mediante separazione

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus)

EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) Codice K8010 5 a edizione Il kit contiene reagenti sufficienti per 400 600 test. Per Dako Autostainer/Autostainer Plus Reagenti facoltativi:

Dettagli

Lezioni di biotecnologie

Lezioni di biotecnologie Lezioni di biotecnologie 2 Lezione 2 Analisi del DNA e delle proteine 3 Analizzare DNA e proteine Per le applicazioni delle biotecnologie è di fondamentale importanza: 1. essere in grado di identificare

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule

STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule STAGE DIPARTIMENTO DI FISICA Biofisica: microscopia confocale e costruzione di nanocapsule Bocchio Marco (Leonardo da Vinci, Genova) Gadoglia Edoardo (Galileo Ferrarsi, Savona) Zilioli Andrea (Nicoloso,

Dettagli

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA.

ANALISI POST-GENOMICHE TRASCRITTOMA: CONTENUTO DI RNA DI UNA CELLULA. TECNICHE PER L ANALISI DELL ESPRESSIONE GENICA RT-PCR REAL TIME PCR NORTHERN BLOTTING ANALISI POST-GENOMICHE Conoscere la sequenza genomica di un organismo non è che l inizio di una serie di esperimenti

Dettagli

SAPIENZA Università di Roma Laurea magistrale in Ingegneria delle Nanotecnologie A.A. 2014-2015 Corso di Laboratorio di Biofotonica

SAPIENZA Università di Roma Laurea magistrale in Ingegneria delle Nanotecnologie A.A. 2014-2015 Corso di Laboratorio di Biofotonica SAPIENZA Università di Roma Laurea magistrale in Ingegneria delle Nanotecnologie A.A. 2014-2015 Corso di Laboratorio di Biofotonica Prof. Francesco Michelotti SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Metodiche Molecolari

Metodiche Molecolari Metodiche Molecolari La rivelazione degli acidi nucleici virali è un altro saggio che può essere utilizzato sia per verificare la presenza di un virus in un determinato campione biologico, sia per studiare

Dettagli

SDS-PAGE/Western blot

SDS-PAGE/Western blot SDS-PAGE/Western blot preparare 2 gels: 7.5% di acrilamide, SPACERS 1.5 mm. Uno verrà utilizzato per il trasferimento su nitrocellulosa, l altro colorato con il blu di coomassie. caricare i campioni dell

Dettagli

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici

TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE. LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici TECNICHE DI BIOLOGIA MOLECOLARE LA REAZIONE POLIMERASICA A CATENA Principi teorici e aspetti pratici POLYMERASE CHAIN REACTION (PCR) 1955 A. Kronembreg e coll. (Stanford University) scoprono la DNA-polimerasi

Dettagli

La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur

La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur La citometria a flusso con...... BD FACSCalibur Citometria a Flusso (CFM) La CFM è una tecnica che consente la misurazione e la caratterizzazione di cellule sospese in un mezzo fluido. SOSPENSIONI CELLULARI

Dettagli

LM Sc.Biosanitarie Ricerca Diagnostica 2013-14 PROTOCOLLO FISH. lezione 12. By NA

LM Sc.Biosanitarie Ricerca Diagnostica 2013-14 PROTOCOLLO FISH. lezione 12. By NA PROTOCOLLO FISH lezione 12 LM Sc.Biosanitarie Ricerca Diagnostica 2013-14 cromosoma sul vetrino sintesi di una sonda complementare marcata con un fluorocromo FISH denaturazione doppia elica di DNA AT C

Dettagli

PURIFICAZIONE DI DNA

PURIFICAZIONE DI DNA PURIFICAZIONE DI DNA Esistono diverse metodiche per la purificazione di DNA da cellule microbiche, più o meno complesse secondo il grado di purezza e d integrità che si desidera ottenere. In tutti i casi

Dettagli

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA

COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA PROGETTO ISPESL/CNR: COLTURE DI CELLULE LEUCEMICHE ESPOSTE A CAMPI ELETTROMAGNETICI, VALUTAZIONE DEGLI INDICI DI PROLIFERAZIONE E DEI PROFILI DI ESPRESSIONE GENICA - INTRODUZIONE 2 - MATERIALI E METODI:..

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono (+39) 0828952171 Mobile (+39) 3391016708 E-mail Nazionalità Data di nascita 25 Gennaio

Dettagli

EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red)

EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red) EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red) Codice K5361 Seconda edizione Per l uso con anticorpi primari di coniglio e topo. Idoneo per 150 test. (114146-002) K5361/IT/SGA/13.10.06

Dettagli

Strategie di purificazione di proteine

Strategie di purificazione di proteine Laurea Magistrale in Scienze e Biotecnologie degli Alimenti Strategie di purificazione di proteine Lezione n.xx-2-23 PRINCIPIO - ALIMENTI DA MATRICI SOLIDE E LIQUIDE MATRICI SOLIDE - ROMPERE LA STRUTTURA

Dettagli

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino

Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler. Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino Note Tecniche al LightCycler Selezione di sonde di ibridazione per LightCycler Olfert Landt e Andreas Nitsche, TIB MOLBIOL, Berlino 1. Introduzione Scopo di questa nota La detezione di amplicon specifici

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico. 17-18 Ottobre 2007

Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico. 17-18 Ottobre 2007 Applicazioni della citometria a flusso nel laboratorio di ricerca: Corso teorico-metodologico 17-18 Ottobre 2007 Ciclo cellulare - Contenuto di DNA - Apoptosi Delia Mezzanzanica Il ciclo cellulare Analisi

Dettagli

Report di Adesione Cellulare su Impianti dentali Tecom

Report di Adesione Cellulare su Impianti dentali Tecom Report di Adesione Cellulare su Impianti dentali Tecom Committente: Titanmed s.r.l. Scopo del lavoro: Lo scopo del lavoro consiste nello studio morfologico dell adesione cellulare all interfaccia con impianti

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori

Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori Applicazioni biomediche e biotecnologiche di biomolecole: I Biosensori I Biosensori Sono strumenti analitici in grado di fornire informazioni quantitative o semiquantitative utilizzando un elemento di

Dettagli

Ibridizzazione in situ

Ibridizzazione in situ ANALISI DELL RNA Northen blot E un metodo simile a quello di traferimento e di ibridizzazione del DNA (Southern blot) e si usa per sondare molecole di RNA. Gli mrna sono molecole brevi, in genere meno

Dettagli

MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI

MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI MARCATURA DEGLI ACIDI NUCLEICI La marcatura degli acidi nucleici è una delle tecniche di base nello studio della Biologia Molecolare, rappresenta infatti una tappa preliminare

Dettagli

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA

DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA CLM Biotecnologie per l Alimentazione CLM in Biotecnologie Sanitarie Corso di Chimica e certificazione degli alimenti DETERMINAZIONE DI ENTEROVIRUS IN CAMPONI DI ACQUA VIRUS ENTERICI virus escreti tramite

Dettagli

ESERCIZI LUMINESCENZA

ESERCIZI LUMINESCENZA ESERCIZI LUMINESCENZA A SPUNTI DI RIFLESSIONE 1. Spiegare le differenze fra assorbimento, fosforescenza e fluorescenza. 2. Chiarire la differenza fra stato di singoletto e di tripletto. 3. Quali fattori

Dettagli

Cara$eris(che stru$urali e funzionali del corpo luteo nella bovina Raffaele Boni

Cara$eris(che stru$urali e funzionali del corpo luteo nella bovina Raffaele Boni Dipartimento di Scienze, Università della Basilicata, Potenza Cara$eris(che stru$urali e funzionali del corpo luteo nella bovina Raffaele Boni Impossibile visualizzare l'immagine. La memoria del computer

Dettagli

Metodi di studio delle interazioni proteina-proteina. Metodi biochimici

Metodi di studio delle interazioni proteina-proteina. Metodi biochimici Metodi di studio delle interazioni proteina-proteina Metodi biochimici Interazioni proteina-proteina Giocano un ruolo fondamentale nell organizzazione strutturale e funzionale della cellula Interazioni

Dettagli

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità SOLUBILITA DELLE PROTEINE ph FORZA IONICA SOLVENTI POLIMERI ORGANICI TEMPERATURA Effetto del ph Precipitazione

Dettagli

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno

Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo. alla realtà di ogni giorno Editoriale n.10 Newsletter aprile 2013 Come si traccia un alimento di origine animale? Dalle lasagne con carne di cavallo alla realtà di ogni giorno Identificare la specie, un obiettivo fondamentale quando

Dettagli

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione

Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Protocollo di laboratorio per la purificazione manuale del DNA a partire da 0,5 ml di campione Per la purificazione del DNA genomico proveniente dai kit di prelievo Oragene e ORAcollect. Per le istruzioni

Dettagli

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica:

Cenni storici. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di ricerca biologica: DNA Microarray: griglia di DNA costruita artificialmente, in cui ogni elemento della griglia riconosce una specifica sequenza target di RNA o cdna. Tale tecnica trova largo impiego in tutte le aree di

Dettagli

Nuovi prodotti Eppendorf Cell Imaging per colture cellulari

Nuovi prodotti Eppendorf Cell Imaging per colture cellulari NOVITÀ! Nuovi prodotti Eppendorf Cell Imaging per colture cellulari Sia che si tratti di microscopia invertita, di imaging di cellule viventi o di analisi di fluorescenza, i consumabili Eppendorf Cell

Dettagli

LA FISSAZIONE DEI TESSUTI

LA FISSAZIONE DEI TESSUTI LA FISSAZIONE DEI TESSUTI NATURA E SCOPO DELLA FISSAZIONE Consiste nella stabilizzazione fisica e chimica dei costituenti cellulari e tissutali Determina nel tessuto il cambiamento verso uno stato il più

Dettagli

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento

Spettroscopia Raman. Trasmissione-assorbimento Spettroscopia Raman Quando una radiazione monocromatica di frequenza n o e incidente ad un sistema molecolare la luce viene: assorbita se ha energia pari ad una possibile transizione ad un livello energetico

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

Misura della concentrazione intracellulare di ioni calcio con tecniche di video-imaging

Misura della concentrazione intracellulare di ioni calcio con tecniche di video-imaging Misura della concentrazione intracellulare di ioni calcio con tecniche di video-imaging Lo ione Calcio è il catione più abbondante nel corpo umano La concentrazione intracellulare di Calcio è bassa (100

Dettagli

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse.

frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata la quantità di proteine totali e le unità di attività enzimatica della proteina di interesse. Ogni passaggio della procedura di purificazione determina la separazione delle proteine totali presenti nel campione in una serie di frazioni (frazionamento( frazionamento). Per ciascuna frazione è determinata

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

Corso di Laurea in Biotecnologie Anno-Accademico 2009-2010. Percorso nº 3: Clonaggio di segmenti di DNA

Corso di Laurea in Biotecnologie Anno-Accademico 2009-2010. Percorso nº 3: Clonaggio di segmenti di DNA Corso di Laurea in Biotecnologie Anno-Accademico 2009-2010 Percorso nº 3: Clonaggio di segmenti di DNA 11-5-2010 I plasmidi: un mondo da esplorare. Elementi genetici capaci di replicarsi autonomamente

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging.

UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1. Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging. UNIVERSITÀ - OSPEDALE di PADOVA MEDICINA NUCLEARE 1 Medicina Nucleare in Vitro o metodiche radionuclidiche non imaging Lezione 7: Generalità à sul RIA D. Cecchin, F. Bui Diverse tipologie di RIA? 1) DOSAGGIO

Dettagli

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane

Servizio colture primarie. Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Servizio colture primarie Istruzioni per l uso di cellule epiteliali bronchiali umane Riassunto del procedimento Il metodo di coltura è basato su due fasi distinte: 1) Espansione del numero di cellule:

Dettagli

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli:

La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: La possibilita di conoscere i geni deriva dalla capacita di manipolarli: -isolare un gene (enzimi di restrizione) -clonaggio (amplificazione) vettori -sequenziamento -funzione Il gene o la sequenza

Dettagli

Percorso della luce quando attraversa un preparato colorato (A) e non colorato (B).

Percorso della luce quando attraversa un preparato colorato (A) e non colorato (B). Il microscopio ottico Percorso della luce quando attraversa un preparato colorato (A) e non colorato (B). preparato colorato il raggio (rosso) che emerge è modificato sia in ampiezza sia in lunghezza d

Dettagli

La FLUORESCENZA è un processo di emissione di luce a seguito del rilassamento di uno stato elettronico eccitato generato da un assorbimento di luce.

La FLUORESCENZA è un processo di emissione di luce a seguito del rilassamento di uno stato elettronico eccitato generato da un assorbimento di luce. FLUORESCENZA La FLUORESCENZA è un processo di emissione di luce a seguito del rilassamento di uno stato elettronico eccitato generato da un assorbimento di luce. L assorbimento di luce da parte di una

Dettagli

Caratterizzazione delle proteine

Caratterizzazione delle proteine Caratterizzazione delle proteine Controllo di qualità (peso molecolare, modificazioni post traduzionali) Attività biologica Struttura tridimensionale Analisi tramite SDS-PAGE (qualitativa) Spettrometria

Dettagli

Proliferazione cellulare: CFSE staining

Proliferazione cellulare: CFSE staining Proliferazione cellulare: CFSE staining La CFSE (Carboxyfluorescein Succinimidyl ester) e una molecola fluorescente lipofilica, in grado di diffondere liberamente attraverso la membrana cellulare. All

Dettagli

Apoptosi. Geni espressi Proteine correlate Apoptosi. Induzione. Attività delle Caspasi Identificazione dell apoptosi. Induzione. Kit INDUTTORI CHIMICI

Apoptosi. Geni espressi Proteine correlate Apoptosi. Induzione. Attività delle Caspasi Identificazione dell apoptosi. Induzione. Kit INDUTTORI CHIMICI LINEA BIOTECH Apoptosi Geni espressi Proteine correlate Apoptosi Induzione Attività delle Caspasi Identificazione dell apoptosi Induzione INDUTTORI CHIMICI Actinomycin D, Anisomycin, Antibiotic A23187,

Dettagli

ELETTROFORESI SU GEL

ELETTROFORESI SU GEL ELETTROFORESI SU GEL Permette la separazione di frammenti di DNA/RNA da una miscela complessa E una tecnica fondamentale per: l analisi (elettroforesi analitica) la purificazione degli acidi nucleici (elettroforesi

Dettagli

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus

ITIS ENRICO MEDI. Individuare l organizzazione strutturale, le funzioni e classificare i virus UDA UDA N. 1 I Virus UDA 2 Attività patogena dei microrganismi ITIS ENRICO MEDI PIANO DELLA DISCIPLINA: Biologia, Microbiologia e Tecnologie di controllo Ambientale Classe 4Ab PIANO DELLE UDA ANNO 2013-2014

Dettagli

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E

Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E Si può ottenere un a grande quantità di copie di DNA a partire da una singola molecola di DNA stampo La reazione è semplice ed automatizzabile E possibile scegliere selettivamente cosa amplificare (specificità)

Dettagli

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico.

Real Time PCR. La PCR Real Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. eal Time PC La PC eal Time è in grado di misurare in tempo reale la concentrazione iniziale di una sequenza target in un campione biologico. Gli strumenti per PC eal Time, oltre a fungere da termociclatori,

Dettagli

Immunochimica: il rapporto antigene-anticorpo

Immunochimica: il rapporto antigene-anticorpo Immunochimica: il rapporto antigene-anticorpo L immunologia è lo studio della risposta immunitaria, ciò del processo tramite il quale un animale si difende dall invasione di organismi estranei. Le risposte

Dettagli

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA

Soluzioni e tamponi utilizzati per la PCR, senza DNA Materiali biologici In questo file sono elencati, capitolo per capitolo, i materiali biologici da richiedere al CusMiBio (o centro simile) per realizzare gli esperimenti che abbiamo illustrato (www.cusmibio.unimi.it).

Dettagli

Caratterizzazione delle proteine

Caratterizzazione delle proteine Caratterizzazione delle proteine Controllo di qualità (peso molecolare, modificazioni post traduzionali) Attività ità biologica i Struttura tridimensionale Analisi tramite SDS-PAGE (qualitativa) Spettrometria

Dettagli