La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009"

Transcript

1

2 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo o supporo, ivi compreso foocopie, scansioni, memorizzazioni eleroniche, messa a disposizione al pubblico con qualsiasi mezzo (anche online) nonché la raduzione e l adaameno oale o parziale. L uso auorizzao delle SAM regionali è grauio e desinao alle sole Amminisrazioni Regionali, uavia si richiede la ciazione della fone negli elaborai. Per la richiesa del maeriale informaivo e dei CD operaivi per l uso delle SAM regionali è necessario fare richiesa formale scria all IPI viale Pilsudski, Roma (el: ). Il gruppo di lavoro e ricerca MSE-IPI-TorVergaa dedicao alle SAM regionali è coordinao dall Ing. Gerardo Baione dell IPI con il coordinameno scienifico del Prof. Pasquale Lucio Scandizzo dell Universià di Tor Vergaa. Inolre i membri del gruppo di lavoro e ricerca sono Marielda Caiazzo (IPI), Caaldo Ferrarese (Universià di Tor Vergaa), Silvia Grandi (IPI), Sefano Maiolo (IPI), Silvia Marini (IPI), Maria Ria Pierleoni (IPI), Sara Savasano (MSE-DPS e Universià di Tor Vergaa), Renzo Turao (MSE-DPS), Anonio Vezzani (Universià di Tor Vergaa).

3 Premessa L edizione 2009 delle marici di conabilià sociale (SAM) regionali, con dai aggiornai al 2006, segue la linea meodologica delle precedeni versioni, edie a parire dal 2006 nell ambio di un progeo di collaborazione ra il Minisero dello Sviluppo Economico e l IPI - Isiuo Promozione Indusriale con il supporo del gruppo di ricerca dell Universià di Tor Vergaa coordinao dal Prof. Pasquale Lucio Scandizzo. In ques edizione aggiornaa, sono disponibili le SAM per le oo regioni del Mezzogiorno e quelle per le macroaree Cenro-nord e Mezzogiorno per la valuazione d impao degli invesimeni nel periodo di caniere e di regime. In paricolare, le marici a disposizione sono simae considerando 58 seori produivi dell economia suddivisi in 3 seori agricoli, in 29 seori indusriali, nel seore cosruzioni e in 25 seori di servizi. A quesi vanno aggiuni i faori produivi (capiale e lavoro), quelli isiuzionali (famiglie, imprese e governo), la formazione del capiale ed i rappori di scambio con il Reso del mondo, il Reso del Mezzogiorno e il Reso d Ialia. I dai conabili conenui nelle marici sono aggiornai al 2006, in linea con le più receni pubblicazioni dell Isa sulle serie soriche regionali e sono calcolai enendo cono di ue le serie soriche disponibili. Per quano riguarda l impao ambienale, queso è misurao sia in ermini di onnellae di inquinane emesso, sia in ermini di spesa in cosi di riprisino. La sima dei faori inquinani ha come base di parenza la serie sorica dei coni ambienali NAMEA per l Ialia. La presene edizione 2009 delle SAM regionali è composa dal maeriale informaivo inroduivo e dal sofware aggiornao conenuo in due CD-rom : CD1 SAM per la valuazione d impao degli invesimeni nel periodo di caniere; CD2 SAM per la valuazione d impao degli invesimeni nel periodo di regime accompagnai dai rispeivi manuali d uso. Tra il maeriale informaivo si rova una pare inroduiva generale Elemeni eorici di base, curao dal Prof. Pasquale Lucio Scandizzo, Dr. Caaldo Ferrarese e Dr. Anonio Vezzani, che presena lo sviluppo eorico ed analiico del modello eorico su cui si basa l uilizzo delle SAM per la valuazione dell impao di un invesimeno. In quesa pare vengono illusrai, 3

4 ra l alro, la meodologia saisica di sima della famiglia di marici SAM nazionali e regionali. Le Appendici A e B sono dei brevi manuali soprauo pensai per supporare l uene nell uso del sofware conenuo nei rispeivi CD. L appendice A descrive le procedure di uilizzo dei file conenui nel CD1 a disposizione di ciascuna Regione, nonché il modello di SAM per la valuazione nel periodo di caniere, menre l appendice B coniene il manuale di uilizzo dei file conenui nel CD2 per la valuazione nel periodo di regime. 4

5 INDICE Capiolo 1: I modelli economici di coneso... 7 Capiolo 2: Equilibrio Economico Generale e Valuazione dei Progei di Invesimeno: il modello di base Inroduzione Alcuni concei di equilibrio economico generale Le chiusure del modello Il modello proposo La cosruzione del modello Equilibrio parziale ed equilibrio generale La marice di conabilià sociale Un modello differenziale Verifica delle condizioni di equilibrio economico generale Generalizzazione del modello differenziale Conclusioni Capiolo 3: Le marici di conabilià sociale regionali: una nuova meodologia di sima Inroduzione La meodologia Una formulazione alernaiva La valuazione d impao del periodo di regime Dall analisi finanziaria alla valuazione di impao nel periodo di regime La SAM e le opzioni reali Capiolo 4: La regionalizzazione della Marice di Conabilià Sociale Le marici SAM regionali

6 4.2 La regionalizzazione della marice di conabilià sociale nazionale Il compleameno del modello L uilizzo delle marici SAM APPENDICE A - Documenazione inroduiva all uilizzo della SAM regionale nel periodo di caniere (con CD della marice aggiornaa al 2006) APPENDICE B - Documenazione inroduiva all uilizzo della SAM regionale nel periodo di regime (con CD della marice aggiornaa al 2006) 6

7 Capiolo 1: I modelli economici di coneso Pasquale Lucio Scandizzo 1 La valuazione dei progei di invesimeno è basaa su una doppia dicoomia, che deriva dal fao che l invesimeno non viene definio direamene, ma come differenza fra sai della naura. In ermini di effei, l invesimeno risula, infai, definio dal confrono della siuazione con il progeo con la siuazione senza il progeo, ed emerge quindi come differenza fra due sai della naura che, all ao della valuazione, sono enrambi ipoeici. In ermini emporali, la naura speciale dell invesimeno come ao di accumulazione di capiale risula dalla conrapposizione della fase di caniere o di cosruzione, che aiene all invesimeno come impegno di risorse senza immediai riorni, e della fase di regime, che invece coniene il riorno differio dovuo all incremeno di capacià produiva. Menre il confrono della siuazione, con con la siuazione senza pone le basi per una ecnica di sima neurale rispeo al modello secondo cui si assume che l economia funzioni, la disinzione ra fase di caniere e fase di regime è meno innocua dal puno di visa dei paradigmi di eoria economica. Essa è propria di un imposazione dell analisi economica che considera significaivi solo i benefici derivani dalla accresciua capacià produiva. In ale analisi, in alre parole, i benefici dell invesimeno si originano soprauo nella fase di regime araverso l aumeno della produzione, deerminaa a sua vola da un aumeno del capiale fisso. I cosi sono invece concenrai nella fase di caniere, perché è in ale fase che si cosruisce il capiale fisso del progeo araverso l immobilizzazione 1 Professore ordinario di Poliica Economica, Facolà di Economia, Universià di Roma Tor Vergaa. 7

8 ecnica di risorse produive. Il conceo sesso di invesimeno produivo risula quindi definio dalla dicoomia ra una fase di anicipazione di cosi ed una fase di realizzazione di benefici secondo un profilo emporale che cosiuirà una delle deerminani fondamenali della reddiivià del progeo. Quesa imposazione classica dell analisi degli invesimeni non è mai saa scalfia in modo serio da dubbi keynesiani, anche quando, come in Lile e Mirrlees (1974) si è presao aenzione alla possibilià che l invesimeno generasse occupazione araverso un meccanismo moliplicaivo, o quando, come in Chevel e Le Gall (1976) si suggeriva di simare gli effei del progeo sull economia araverso esercizi inpu-oupu o di equilibrio economico generale. Lo scenario in cui si muove la valuazione del progeo è quindi caraerizzao da una condizione di pieno impiego, poiché, a meno di casi paricolari, le risorse impiegae nel progeo hanno ue un coso che (è rappresenao?) dai benefici a cui darebbe luogo il loro uso alernaivo. Daa una condizione di piena occupazione o, almeno di occupazione daa, esogena e non modificabile con l azione progeuale, l invesimeno deermina un incremeno seleivo di capacià produiva. Tale capacià, addizionale, uilizzaa anch essa pienamene da luogo a quell aumeno di produzione che è alla radice dell effeo benefico dell invesimeno sull occupazione, sui reddii, e sui consumi. La Figura 1 schemaizza la sequenza degli eveni (la cosiddea caena causale ) nella parabola classica così sommariamene descria. La direzione del nesso di casualià, come nel modello macro-economico radizionale, procede dalla produzione al consumo, con la differenza rispeo alla descrizione che ale modello dà del processo economico, che l invesimeno è viso come un ao auonomo anziché come una delle conseguenze di un cero livello di produzione e di consumi. Tale auonomia dell invesimeno, essenziale dal puno di visa del valuaore, viene uavia ridoa a quella di una variazione esogena in un esercizio di saica comparaa. 8

9 Figura 1: la caena causale Invesimeno Capacià produiva Incremeno produzione Incremeno occupazione Incremeno reddio Incremeno consumi Daa una siuazione senza caraerizzaa da piena occupazione, in alre parole, l invesimeno mee in moo una serie benefica di incremeni di capacià produiva, produzione, occupazione, reddii e consumi. Tali incremeni, uavia, non si verificano rispeo ad una siuazione di parenza, ma rispeo alla siuazione senza progeo. Essi cosiuiscono cioè migliorameni rispeo a quano sarebbe possibile oenere se invece di effeuare l invesimeno prescelo, le risorse in esame fossero uilizzae per un alro progeo o per alri scopi produivi. Poiché sia nella siuazione senza, sia nella siuazione con, l economia presena risorse pienamene occupae, è d alra pare improbabile, che si inneschino rero-azioni viruose ed incremeni indoi. Una vola valuai gli effei benefici del progeo, non ci si può aspeare, di regola che quesi si moliplichino in qualche modo nel reso dell economia. Che cosa avviene se la valuazione dell invesimeno viene re-inerpreaa alla luce di una caena causale di ipo keynesiano? 9

10 La Figura 2 mosra una ipica sequenza di eveni immaginabile in una siuazione, come quella esaminaa da Keynes e poi da Leonief, ove alcune risorse non sono pienamene occupae, pur avendo il sisema sufficiene capacià produiva per assorbirle compleamene. Poiché la srozzaura che impedisce la piena occupazione è cosiuia dall insufficienza della domanda aggregaa, l invesimeno agisce come uno simolo che mee in moo, araverso l incremeno del reddio moneario, dei consumi e dell occupazione, la macchina produiva, causando in definiiva un aumeno di reddio reale. In ale sequenza di eveni, inolre, emergono due circoli viruosi: uno causao dalla rero-azione posiiva dell incremeno dei reddii moneari sugli invesimeni araverso i risparmi e l alro deerminao dall effeo indoo che l incremeno di produzione genera araverso i legami a mone e a valle delle indusrie ove si verificano gli aumeni direi come conseguenza della spesa generaa dall invesimeno. 10

11 Figura 2: sequenza di Keynes Invesimeno Incremeno reddio moneario Incremeno Consumi e risparmi Incremeno occupazione Incremeno produzione Incremeno Reddio reale Rispeo alla caena classica è imporane noare che l incremeno di produzione descrio deriva dalla maggior spesa generaa nella fase di caniere anche per le aivià indoe. Per quano riguarda l incremeno di produzione della fase di regime lo schema classico della Figura 1 è di nuovo pienamene appropriao, ecceo nel caso ora esaminao il periodo di regime comprenderà anche gli incremeni di capacià produiva di ue le aivià per cui sono sai indoi invesimeni nel periodo di caniere. Se limiiamo all essenziale le caraerisiche disinive dell ipoesi classica e keynesiana, un semplice modello algebrico può servire ad illusrarne le implicazioni sugli effei dell invesimeno: 11

12 Y = C + I Q = AK α 1 α L * C = a + by K = K 1 + I g Y = Q Y = Y * dove: Y = spesa (domanda) al empo ; Y * = spesa (domanda) aesa al empo ; C = consumo al empo ; I = invesimeno al empo ; Q = oupu al empo ; K = sock di capiale al empo ; L = lavoro occupao al empo ; g =" riardo di gesazione" dei progei di invesimeni, misurao dal numero di anni che inercorrono in media ra fas di caniere e fase di regime Per risolvere il modello 1-5 abbiamo un opzione di base: possiamo assumere che il livello di occupazione del lavoro al empo sia dao (o auonomo) o che esso sia endogeno. Se adoiamo la prima ipoesi, essendo in ogni periodo pre-deerminao ano lo sock di capiale che il livello dell occupazione, ed essendo alresì dao il livello del consumo delle equazioni (3) e (6), l equazione di equilibrio fra domanda ed offera in (5) può essere rispeaa solo aggiusando opporunamene la variabile invesimeno. Ciò significa che l invesimeno dovrà essere uguale, ex-pos, a: da: I = (1 b)a(k 1 + I g ) α L l 1 α a In queso modello l invesimeno non ha moliplicaore e la sua produivià è daa Q = αa(k 1 + I g ) α 1 1 α L I g 12

13 Gli unici effei dell invesimeno sono quindi dai dagli incremeni di produzione realizzai nella fase di regime dei progei. Il moliplicaore dell invesimeno sesso e quindi zero. L ipoesi alernaiva, di ipo keynesiano, è che il livello di invesimeno è auonomo menre l occupazione divena la variabile endogena capace di eguagliare la domanda e l offera di beni. In queso caso, risolvendo l uguaglianza Y=Q per L abbiamo: L = (a + I ) 1+ b.c. L L ed è uguale a: 1 1 α 1 (1+α A ) (K 1 + I g ) α dove L 1 α è la forza lavoro disponibile al empo. La produivià dell invesimeno I è quindi simulanea all impegno delle risorse Q = 1 I 1 b Essa eguaglia cioè il moliplicaore keynesiano. Il beneficio oale dell invesimeno sarà quindi dao dal valore presene degli incremeni di consumo generai nella fase di caniere e nella fase di regime: g 1 bdi db = + (1 b)(1+ r) = 0 g +v = g αba(k 1 + I g ) α 1 L 1 α (1+ r) di g Benefici della fase di caniere Benefici della fase di regime sociale. dove v è la via economica dell invesimeno considerao ed r il asso di scono Per ognuno degli anni della fase di caniere, l invesimeno genera inolre occupazione secondo un espressione ricavabile per differenziazione dalla (9): L 1 (L = /Q ) I (1 α) (1 b) = Moliplicaore Produivià marginale del lavoro 13

14 L elasicià dell occupazione rispeo all invesimeno nella fase di caniere è invece daa dall espressione: L I elasicià = I (1 b) 1 = L (1 α) I Q ovvero Moliplicaore * Quoa dell'invesimeno sulla produzione Elasicià di Produzione del Lavoro Le espressioni ricavae in (8) (13), pur essendo derivae da un modello esremamene semplice, riassumono gli elemeni essenziali degli effei della fase di caniere e della fase di regime. Tali effei consano: a) di una componene di breve periodo che agisce in ogni anno di cosruzione del progeo araverso un moliplicaore di ipo keynesiano e, b) di una componene di medio - lungo ermine che opera successivamene alla fase di cosruzione (nella cosiddea fase di regime) araverso una funzione di produzione di ipo neoclassico. Enrambe le componeni (a) e (b) comporano uavia dei cosi, ano in ermini di lavoro che di capiale: come calcolarli? Nel caso della fase di regime i cosi rappresenano il valore economico in ermini di coso opporunià di risorse fisse. Se quindi vige un regime di mercao, essi sono semplicemene i prezzi di mercao dei faori, a loro vola uguali al valore delle produivià marginali dei faori sessi. Nel caso della fase di caniere, d alra pare, le cose non sono così semplici. Menre lo sock di capiale non subisce variazioni durane ale fase, il progeo genera occupazione secondo quano descrio dall espressione (12). Il coso, in ermini di lavoro durane il periodo di caniere, può quindi essere scrio come: o L W = 1 I 1 b W o VPM e dove W o è un saggio di salario ombra da deerminare e VMPe è la produivià marginale del lavoro generao dalle aivià di cosruzione del progeo. Il saggio di salario ombra W o dipende a sua vola dalle aivià in cui erano impegnae le unià lavoraive addizionali prima di essere chiamae al caniere del progeo Poiché abbiamo assuno che ali unià fossero disoccupae, le aivià senza il progeo dovranno essere di empo libero, di lavoro domesico o di alro seore informale. In 14

15 o ermini generali, possiamo dire che il salario ombra W cosiuisce l uilià marginale dell occupazione alernaiva (incluso il empo libero) a cui sono sae sorae le unià lavoraive del progeo. Poiché il progeo non sarebbe in grado alrimeni di ararre lavoro, ale uilià marginale deve essere necessariamene maggiore della produivià marginale del lavoro sesso W o VMP e. Com è noo, il valore auale neo (VAN) dell invesimeno è uguale alla differenza ra benefici e cosi sconai all aualià. Nella fase di caniere avremo quindi: g 1 bdi VAN c = (1 W o (1 b)(1+ r) /VMP e ) = = 0 g 1 = 0 bdi (1 b)(1+ r) (1 γ ) o dove γ = W rappresena il coefficiene di conversione del lavoro, ossia quel VMP e numero che moliplicao per il salario di mercao (uguale alla produivià marginale degli occupai) lo convere nel salario ombra. Ci si porebbe chiedere a queso puno in che modo si iene cono dei cosi relaivi all invesimeno di che, nella fase di caniere, impegna risorse produive (risorse srumenali e beni inermedi) nella produzione di beni capiali che cominceranno a produrre solo dopo g periodi di empo, ossia nella fase di regime 2. La risposa a quesa domanda è duplice, a seconda che il progeo d invesimeno si paragoni ad un alernaiva specifica (ossia ad un alro progeo) o ad una generica. Nel primo caso (alernaiva specifica), i cosi dell invesimeno emergono dal paragone ra i due progei. Il VAN della fase di caniere sarà, infai, dao dall espressione: VAN c = Benefici nei della fase di caniere g 1 = 0 bdi 1 (1 γ (1 b)(1+ r) 1 ) g 1 = 0 bdi 2 (1 b)(1+ r) (1 γ 2 ) dove l indice sooscrio i = 1,2 si riferisce, rispeivamene, al primo ed al secondo progeo. 2 Si noi, uavia, che un primo elemeno di coso associao all invesimeno è già sao considerao includendo nei benefici solo una frazione dell oupu generao. Ciò equivale a sorarre da ale invesimeno la frazione (1-b) invesia. 15

16 Nel caso in cui non sia invece disponibile un alernaiva specifica al progeo in esame, il coso opporunià delle risorse impiegae dovrà essere riflesso in un prezzo ombra dell invesimeno sesso. Tale prezzo ombra dipenderà dalla produivià degli invesimeni che vengono spiazzai dal progeo in esame. Tale prezzo ombra dipenderà dalla capacià moliplicaiva dell incremeno di spesa che si realizzerebbe ove il progeo non avesse luogo. Anche in queso caso le possibilià sono due: (a) in assenza del progeo la spesa pubblica rimane invariaa, (b) la spesa pubblica diminuisce dell ammonare del progeo. Consideriamo prima il caso (a). Se la spesa pubblica nella siuazione senza il progeo rimane invariaa, la desinazione alernaiva dei fondi impiegai nel progeo sarà anch essa di naura pubblica. Per valuare il coso-opporunià di ali fondi sarà quindi necessario simare l effeo moliplicaore di ale uilizzazione alernaiva. Nel semplice caso aggregao che siamo considerando, l unica differenza nel moliplicaore di due operazioni alernaive di spesa auonoma consise nel coso-opporunià dell occupazione generaa. Dall espressione (15), infai, se di1 = di2, si ricava: VAN c = g 1 1 = 0 b(γ 2 γ 1 )di (1 b)(1+ r) = g 1 1 = 0 bdi (1 b)(1+ r) g 1 1 = 0 b(1+ γ 2 γ 1 )di (1 b)(1+ r) Nel caso aggregao il coso dell invesimeno in fase di caniere sarà quindi dao dalla naura dell effeo moliplicaivo sull occupazione, e dal valore delle aivià a cui i nuovi occupai devono rinunciare come conseguenza del progeo. Più specificaamene, il coso dell invesimeno è dao in ogni periodo da: C(I ) = dove b (1 b)(1+ r) (1+ γ 2 γ 1 ) = b (1 b)(1+ r) (1+ W o 1 W o 2 ) VMP 1 VMP 2 W 1 o = saggio di salario ombra (uilià marginale dell occupazione alernaiva) del progeo in esame caniere) W o 2 = idem per l alernaiva generica VMP 1 = valore della produivià marginale del lavoro nel progeo (fase di VMP 2 = valore della produivià marginale del lavoro nell alernaiva generica 16

17 Se il progeo riesce a migliorare il modello di creazione di occupazione della spesa pubblica pagando un salario più elevao e/o uilizzando lavoro occupao in aivià aveni valore sociale minore, queso coso può divenare posiivo. Viceversa, se l alernaiva generica è una più efficiene crearice di nuovi posi di lavoro, il coso sarà posiivo e dovrà essere sorao al moliplicaore keynesiano descrio. In generale, poiché la creazione di lavoro nella fase di caniere assorbe prevalenemene manodopera non qualificaa, si può pensare che il coso di assorbimeno di ale manodopera sia progressivamene maggiore, fino ad eguagliare il salario quando uo il lavoro mobiliabile araverso il moliplicaore è sao assorbio (ossia al livello di piena occupazione). A parià di salario (valore del prodoo marginale) pagao dal progeo e dall alernaiva generica, dovremmo quindi avere posiivo dell invesimeno nella fase di caniere. Veniamo ora al caso (b). Se la spesa pubblica nella siuazione senza il progeo è minore dell ammonare dei cosi del progeo sesso si pone il problema di simare il livello della spesa (e dell invesimeno) privaa nella siuazione alernaiva. Tale livello dipende da vari faori, il più imporane dei quali è uavia il ruolo in cui la spesa addizionale dell aivià pubblica viene finanziaa. In praica, possiamo disinguere re possibilià: (a) incremeno di imposizione fiscale, (b) aumeno del defici pubblico con finanziameno sul mercao dei capiali, (c) aumeno dell offera di monea. Il coso dell imposizione fiscale è dovuo ano ai cosi di amminisrazione e raccola delle impose, quano ai cosi derivani dall evenuale mis-allocazione delle risorse. Nel caso delle impose diree, ale mis-allocazione è la conseguenza, iner alia, di una riduzione delle aivià di lavoro e di una espansione delle aivià di empo libero. L aumeno del defici pubblico con finanziameno sul mercao dei capiali si raduce in genere in uno spiazzameno di invesimeno privao. Il coso di un incremeno di spesa in queso caso è dao dall ammonare di invesimeno perduo a causa dell espansione del defici moliplicao per il rapporo salario ombra/produivià marginale relaivo all invesimeno sesso. Infine, nel caso di un aumeno di offera di monea, il coso del defici sorge dall impulso inflazionisico che ale aumeno ende ad inrodurre nel sisema economico. 17

18 Queso impulso è uavia difficile da quanificare ed ancor di più da valorizzare in ermini reali. Si consideri ora la fase di regime. Tano lo sock di capiale che l ammonare di lavoro uilizzao non dipendono in senso sreo dal progeo. Per il capiale, infai, pur dividendo lo sock disponibile al empo g da quano invesio al empo del caniere del progeo, la quanià uilizzaa di ale sock non è una conseguenza del progeo, ma della ecnologia. Per il lavoro, il caso è anche più chiaro poiché abbiamo ipoizzao che il asso di occupazione nel lungo periodo sia esogeno. Tuavia, come nella fase di caniere, vale anche nel periodo produivo del progeo il principio che evenuali cosi e benefici possono emergere dal confrono con un alernaiva progeuale specifica. Ciò significa che il VAN della fase di regime può essere espresso in modo analogo a quello della fase di caniere secondo l espressione (15): VAN = g 1 +v 1 = g 1 αba(k I 1 g1 ) α 1 L 1 α (1+ r) di 1 g1 g 2 +v 2 = g 2 αba(k I 2 g 2 ) α 1 L 1 α (1+ r) di 2 g2 Alernaivamene, ancora una vola come nella fase di caniere, il coso opporunià delle risorse invesie nel progeo può essere ricavao dall esame necessariamene più sommario della profiabilià di una serie di alernaive. In queso caso sarà il asso di scono r a rifleere ale valuazione per l invesimeno, menre per il lavoro bisognerà simare un asso di salario ombra. 18

19 Capiolo 2: Equilibrio Economico Generale e Valuazione dei Progei di Invesimeno: il modello di base Pasquale Lucio Scandizzo Inroduzione La valuazione individuale dei progei di invesimeno così come è saa sviluppaa dalla eoria economica, è basaa sulla considerazione di caraerisiche quaniaive relaive alla reddiivià finanziaria ed economica del progeo. Quese ulime sono misurae a parire dalla differenza ra i cosi nella siuazione con e senza il progeo in esame, generalmene concenrai nella fase di invesimeno o di cosruzione del progeo sesso, e dalla differenza ra i benefici con e senza, che invece sono quasi esclusivamene pare della successiva fase operaiva. Poiché la valuazione individuale si basa sulle sole caraerisiche del progeo, essa considera dae ed eserne le condizioni del sisema economico complessivo, che sono sineicamene rappresenae dai cosiddei prezzi ombra uilizzai. Per ale ragione i cosi e i benefici che dipendono dall inerazione ra progeo e suo ambiene economico vengono in genere rascurai in uo o in pare nelle analisi cosi-benefici, paricolarmene per ciò che concerne gli effei di simolo dell aivià economica che prevalgono nella fase di cosruzione. Vengono inolre rascurae dao che ogni progeo viene valuao indipendenemene dagli alri le evenuali inerdipendenze ra i progei selezionai, creando così il rischio di commeere un errore di aggregazione, che enderà ad essere ano maggiore, quano maggiori saranno le dimensioni e il grado di complessià del gruppo di progei presceli per il finanziameno. Sono infine del uo asseni i cosiddei effei eserni, ossia l impao sull offera di beni pubblici e ambienali del progeo. Tali effei sono paricolarmene rilevani nel caso di progei pubblici, i quali si pongono, in ulima analisi, come veicolo per il migliorameno dell ambiene fisico ed economico del paese. 3 Professore ordinario di Poliica Economica, Facolà di Economia, Universià di Roma Tor Vergaa 19

20 Come abbiamo deo la deerminazione quaniaiva dei cosi e dei benefici dei progei di invesimeno è basaa sulla dicoomia: fase di cosruzione fase di regime. Quesa dicoomia è propria di un imposazione che non iene cono degli effei moliplicaivi dell invesimeno sull occupazione. Nell analisi radizionale, infai, i benefici dell invesimeno, si originano soprauo nella fase di regime araverso l aumeno della produzione, deerminaa a sua vola da un incremeno di capiale fisso. I cosi sono invece concenrai nella fase di caniere, perché è in ale fase che si cosruisce il capiale fisso del progeo araverso l immobilizzazione ecnica di risorse produive. Il conceo sesso di invesimeno produivo risula quindi definio dalla dicoomia ra una fase di anicipazione di cosi e una di realizzazione di benefici secondo un profilo emporale che cosiuisce una delle deerminani fondamenali della reddiivià del progeo. La possibilià di calcolare i valori di equilibrio di prezzi, quanià, reddii e alre variabili di ineresse in complessi modelli muli - seoriali è d alra pare una conquisa recene dell economia applicaa. Essa si basa sulla specificazione di sruure maemaiche che da un lao rifleono le definizioni rigorose dell equilibrio economico Walrasiano formalizzae sviluppae da Kenneh Arrow, Gerard Debreu, Michio Morishima ed alri, e dall alro inroducono semplificazioni e approssimazioni sufficieni a consenire il calcolo dei valori di equilibrio. In queso capiolo si propone una famiglia di modelli di equilibrio economico generale, che esendono i risulai già oenui da Boussard (1984) e Scandizzo (1986), con l obieivo principale di valuare gli effei di programmi alernaivi di invesimeno, enendo cono dei diversi legami "a mone e a valle che caraerizzano la sruura produiva e degli effei moliplicaivi che si verificano araverso la variazione dei prezzi e dei consumi. La meodologia di valuazione risulane è in grado di ener cono sia delle variazioni che i progei apporano ai livelli di aivià economica, sia dei cambiameni ecnologici che essi incorporano, sia dell impao ambienale che essi generano. Quese caraerisiche sono analizzae con l aiuo di un modello inpu-oupu paricolare, ove sia le aivià sia i coefficieni rispondono all inroduzione del progeo nel quadro dell equilibrio economico generale. 20

21 Il fao che la valuazione sia compiua con un modello inpu- oupu di equilibrio economico generale fornisce inolre una prospeiva peculiare sulle inerdipendenze sruurali del sisema economico. Quese ulime sono, infai, simae sia dal puno di visa dei legami inerindusriali e inerisiuzionali, sia da quello della duplice naura del progeo di invesimeno pubblico, caraerizzao dal dualismo ra periodo di cosruzione, in cui prevalgono i cosi, e periodo di regime in cui dovrebbero prevalere i benefici. 2.2 Alcuni concei di equilibrio economico generale I concei principali della caegoria che va soo il nome di equilibrio economico generale sono rinracciabili solo con un noevole sforzo nella leeraura economica. Ciò perché sia la nozione di equilibrio, sia quella della generalià dell equilibrio sesso dipendono del coneso sorico in cui vengono uilizzai, e dal modello dell economia a cui si riferiscono. Gli economisi classici e, in paricolare, Adam Smih, David Ricardo, J.S. Mill, e Karl Marx rienevano che il valore fosse deerminao dal coso di produzione e dalla condizione di assenza di profii. Enrambe quese condizioni possono rienersi caraerisiche di una siuazione di equilibrio: l eguaglianza dei prezzi ai cosi di produzione, infai, assicura che i singoli produori non desiderino modificare i propri piani, menre l assenza di profii implica assenza di pressioni compeiive da pare di nuove imprese che enano di enrare nei mercai. Quesa siuazione di equilibrio si può definire generale se essa si esende a ui i mercai. Benché a prima visa soddisfacene, soprauo per la sua semplicià, quesa visione classica dell equilibrio rivela due puni deboli. Anziuo l uguaglianza ra prezzi e cosi uniari di produzione, se acceabili come condizione di equilibrio per beni e servizi prodoi, nulla dice sul valore dei faori di produzione primari e in paricolare sul lavoro. La condizione di equilibrio uilizzaa non è quindi generale perché non si esende al mercao dei faori. In secondo luogo, poiché i consumaori non sono chiamai in causa né dalla condizione uguaglianza ra rezzi e cosi, né da quella di assenza di profii, anch essi appaiono esclusi dall equilibrio descrio che si rivela, di conseguenza, del uo parziale. 21

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI

CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 356/2013/R/IDR CONSULTAZIONE PUBBLICA IN MATERIA DI REGOLAZIONE TARIFFARIA DEI SERVIZI IDRICI Documeno per la consulazione nell ambio del procedimeno avviao con la deliberazione

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

7 I convertitori Analogico/Digitali.

7 I convertitori Analogico/Digitali. 7 I converiori Analogico/Digiali. 7 1. Generalià Un volmero numerico, come si evince dal nome, è uno srumeno che effeua misure di ensione mediane una conversione analogicodigiale della grandezza in ingresso

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI

MODELLI PER LA STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI Alma Maer Sudiorum Universià di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Maemaica Maeria di Tesi: Maemaica per le applicazioni economiche e finanziarie MODELLI PER

Dettagli

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF

TEMPORIZZATORE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A. GARRO ) SCHEMA A BLOCCHI : NE555 1 T. reset (4) VCC R6 10K. C5 10uF TEMPOIZZATOE CON Ic NE 555 ( a cura del prof A GAO ) SCHEMA A BLOCCHI : M (8) NE555 00K C7 00uF STAT S 4 K C6 0uF (6) (5) () TH C T A B 0 0 Q S Q rese T DIS (7) OUT () 0 T T09*()*C7 (sec) GND () (4) 6

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 19 a. Conversione elettromeccanica dell'energia Trasmissione e distribuzione dell'energia elettrica Principi di ingegneria elerica Lezione 19 a Conversione eleromeccanica dell'energia Trasmissione e disribuzione dell'energia elerica acchina elerica elemenare Una barra condurice di lunghezza l immersa

Dettagli

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico

Il condensatore. Carica del condensatore: tempo caratteristico Il condensaore IASSUNTO: apacia ondensaori a geomeria piana, cilindrica, sferica La cosane dielerica ε r ondensaore ceramico, a cara, eleroliico Il condensaore come elemeno di circuio: ondensaori in serie

Dettagli

Esercizi svolti di teoria dei segnali

Esercizi svolti di teoria dei segnali Esercizi svoli di eoria dei segnali Alessia De Rosa Mauro Barni Novembre Indice Inroduzione ii Caraerisiche dei segnali deerminai Sviluppo in Serie di Fourier di segnali periodici Trasformaa di Fourier

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici

seguendo un trend di costante crescita, ciò grazie ad un assiduo impegno nella progettazione, nello sviluppo e nella produzione di motori elettrici OTORI A ORRENTE ONTINUA OTORIDUTTORI W W W.DAGU.IT cerificazioni Dagu s.r.l. è un azienda che si è sviluppaa negli anni con discrea rapidià, seguendo un rend di cosane crescia, ciò grazie ad un assiduo

Dettagli

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO

TELEGESTIONE E CONTROLLO DI QUALUNQUE TIPO DI CALDAIE E BRUCIATORI PER QUALUNQUE TIPO DI IMPIANTO NUMERO 2 del 23.04.08 COSER COSER IME Applicazioni Apparecchiature Numero 2 del 23-04-08 APPLICAZIONI APPARECCHIAURE E IMPIANI LE VARIE SOLUZIONI SARANNO ELENCAE NEL MODO PIÙ SINEICO POSSIBILE. ROVAA LA

Dettagli

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A.

Esercizio 1 ( es 1 lez 11) La matrice è diagonalizzabile: verificare, trovando la matrice diagonalizzante, che A è simile a A. Eserciio ( es le La marice è diagonaliabile: verificare, rovando la marice diagonaliane, che è simile a. Esisono re auovalori: mol.alg(- dim V - ; mol.alg( dim V ; mol.alg(- dim V -. Esise una marice simile

Dettagli

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere

Allegato A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere 1 La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione. Appendice A Documentazione introduttiva all utilizzo della SAM regionale nel periodo di cantiere IPI, 2009 Sono vietate le riproduzioni

Dettagli

Circuiti del primo ordine

Circuiti del primo ordine Circuii del primo ordine Un circuio del primo ordine è caraerizzao da un equazione differenziale del primo ordine I circuii del primo ordine sono di due ipi: L o C Teoria dei Circuii Prof. Luca Perregrini

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus

Lampade: MASTER SON-T PIA Plus 13, Seembre 10 Lampade: Plus Lampade ai vapori di sodio ad ala pressione di ala qualià realizzae con ecnologia PIA (Philips Inegraed Anenna). Vanaggi La ecnologia PIA aumena l'affidabilià e riduce il asso

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future.

La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. La Valutazione della Ricerca nelle Università Italiane: la SUA-RD e le prospettive future. Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Roma, 11.11.2014

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività

Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto anno tra contenuti e attività XXXII CONVEGNO UMI-CIIM IL VALORE FORMATIVO DELLA MATEMATICA NELLA SCUOLA DI OGGI dedicato a Federigo Enriques Livorno, 16-18 ottobre 2014 Una proposta per la matematica del Secondo Biennio e per il quinto

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono

Buon appetito 3. comunicazione. grammatica. vocabolario Espresso. bene / buono Buon appeio comunicazione Cosa desidera? Vorrei solo un primo Che cosa avee oggi? Prende un caffè? Scusi, mi pora ancora un po di pane? Il cono, per coresia È possibile prenoare un avolo? grammaica I verbi

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

Valore di costo procedimen+ sinte+ci

Valore di costo procedimen+ sinte+ci Corso di valutazione es+ma+va del proge5o Clasa a.a. 2012/13 Valore di costo procedimen+ sinte+ci Docente Collaboratore prof. Stefano Stanghellini arch. Pietro Bonifaci Il mercato delle costruzioni LE

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Il sistema AVA e la VQR: la Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Massimo Castagnaro Coordinatore AVA - Consiglio Direttivo ANVUR massimo.castagnaro@anvur.org Lecce, 19.02.2014 La

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 1-3 Offerta di lavoro -Le preferenze del lavoratore 1 Offerta di lavoro Le preferenze del lavoratore Il comportamento dell offerta di lavoro è analizzato dagli economisti

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015

Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Università degli studi di Pavia Facoltà di Economia a.a. 2014-2015 Corso di Economia Aziendale II modulo Capitolo 4 Lo scambio monetario e i valori scaturenti da esso 1 Stru%ura del corso Introduzione

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

La do&rina del precedente

La do&rina del precedente La do&rina del precedente I Stare Decisis Lo stare decisis è invece una tecnica decisionale elaborata dai giudici per garan6re stabilità, una sorta di «gerarchia» tra le fon6 giurisprudenziali. Esprime

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :,

TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Una trasformazione geometrica del piano in sé è una corrispondenza biunivoca tra i punti del piano: ( ) , :, TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE Un rsforzione geoeric del pino in sé è un corrispondenz iunivoc r i puni del pino P P, P P P è l igine di P rispeo ll rsforzione. Ad ogni puno P(,) corrisponde uno ed un solo

Dettagli

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA

INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA INTERAZIONI TRA ATMOSFERA E IDROSFERA PIETRO CALOI Isiuo Naionale di Geofisica - Roma. RIASSUNTO: Fra i legami che vincolano i movimeni di pari della idrosfera mari, laghi a quelli dell'amosfera, si prendono

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ

COME MASSIMIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ icroeconomia Douglas Bernheim, ichael Whinston Copyright 009 The cgraw-hill Companies srl COE ASSIIZZARE UNA FUNZIONE DI UTILITÀ Supponiamo che il reddito mensile di Elena sia pari a Y e sia interamente

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS)

Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) Il modello metodologico del Sistema di Misurazione e Valutazione della sicurezza aziendale (MVS) >> Il Sistema MVS permette di misurare e valutare la sicurezza aziendale (nell accezione di Security) nei

Dettagli

Beni pubblici e analisi costi benefici

Beni pubblici e analisi costi benefici Beni pubblici e analisi costi benefici Arch. Laura Gabrielli Valutazione economica del progetto a.a. 2005/06 Economia pubblica L Economia pubblica è quella branca della scienza economica che spiega come

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali

15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Informa(on and Communica(on Technology supply chain security 15 Aggiornamento Circolare 263/2006: Esternalizzazione di funzioni aziendali Luca Lazzaretto Rosangela D'Affuso Padova, 29 aprile 2015 1 15

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Corso di Politica Economica Lezione 6: Equilibrio economico generale (part 2) David Bartolini Università Politecnica delle Marche (Sede di S.Benedetto del Tronto) d.bartolini@univpm.it (email) http://utenti.dea.univpm.it/politica

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me

Grafi, alberi e re1: modelli su cui cercare soluzioni o;me Università degli Studi Roma Tre Dipar-mento di Scienze della Formazione Laboratorio di Matema-ca per la Formazione Primaria Grafi, alberi e re: modelli su cui cercare soluzioni o;me Mini corso Informa.ca

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE

API (FORMATO JSON) PER IMPORT DATI IN CONTABILITA' FACILE ONLINE API (FORMAO JSON) PER IMPOR DAI IN CONABILIA' FACILE ONLINE Lo Staff della Geritec SRL mette a disposizione delle API per lo scambio DAI tra applicativi di terze parti e Contabilità facile online (di seguito

Dettagli

La ricerca operativa

La ricerca operativa S.S.I.S. PUGLIA Anno Accademico 2003/2004 Laboratorio di didattica della matematica per l economia e la finanza La ricerca operativa Prof. Palmira Ronchi (palmira.ronchi@ssis.uniba.it) Gli esercizi presenti

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

L Economia del Benessere

L Economia del Benessere L Economia del Benessere L'Economia del Benessere è la branca normativa della Scienza Economica. In quest'area della ricerca vengono studiate e definite delle regole (o dei metodi) per poter classificare,

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015

Compito di SISTEMI E MODELLI. 19 Febbraio 2015 Compito di SISTEMI E MODELLI 9 Febbraio 5 Non é ammessa la consultazione di libri o quaderni. Le risposte vanno giustificate. Saranno rilevanti per la valutazione anche l ordine e la chiarezza di esposizione.

Dettagli