Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dilenab@arssa-mail.it"

Transcript

1

2 Introduzione L Aridità è una caratteristica climatica determinata dalla contemporanea scarsità di piogge e dalla forte evaporazione che sottrae umidità al terreno (UNEP Indici di aridità basati prevalentemente sulla temperatura e sulle precipitazioni 2

3 Introduzione Gli indicatori agro-meteorologici sono basati su variabili climatiche che hanno un impatto sulla vita delle piante (Cramer, 2002) Sono utilizzati per vari scopi, tra cui: valutazione dell adeguatezza di un areale per una determinata coltura valutazione degli spostamenti degli areali occupati dalle varie colture in scenari di cambiamento climatico fornire stime sintetiche di anomalie nelle serie storiche effettuare zonazioni non tengono conto della capacità del suolo di fornire acqua alle colture 3

4 Introduzione Indice di Crowter IC = P - 3,3 T P: precipitazione totale annua in cm T: temperatura media annua in C Pluviofattore di Lang = P: precipitazione totale annua in mm T: temperatura media annua in C Indice di desertificazione (DI; UNEP, 1992) DI = 365 i= P i ET 0 i= 1 i ET0: evapotraspirazione di riferimento (mm) Pi: precipitazione totale annua in mm. 4

5 Introduzione E stato recentemente proposto un nuovo indice di aridità: Synthetic AgroMeteorological Indicator (SAM; Confalonieri et al., 2010b) SAM = P P + ET 0 ET0 P: precipitazioni cumulate nel periodo ET0: evapotraspirazione di riferimento cumulata nel periodo Rispetto agli altri indici di aridità, SAM è normalizzato, assumendo valori tra -1 e +1 5

6 Obiettivi Monitoraggio delle condizioni di aridità in alcune località della regione Abruzzo confrontando i risultati ottenuti con l impiego degli indici di aridità con quelli coeguiti in modo indiretto con l applicazione di un modello di bilancio idrico colturale (coltura di riferimento mais da granella) Approccio empirico Approccio meccanicistico Indici di aridità Modello di bilancio idrico 6

7 Materiali e Metodi Dati termo-pluviometrici giornalieri del periodo per le stazioni di Scerni, lanciano, Chieti, Pescara, Nereto, Teramo, Penne, Alanno, Sulmona e Avezzano (controlli di coistenza interna e persistenza temporale) Calcolo degli indici di aridità su base annua Valutazione dei fabbisogni irrigui del mais da granella mediante l impiego del software Arssa-Irriguida Impiego del test di Man-kendall per valutare l esistenza di trend nelle serie storiche degli indici e dei fabbisogni irrigui e stima robusta del coefficiente angolare della retta interpolante i dati 7

8 Materiali e Metodi Bilancio idrico colturale (mais da granella) L evapotraspirazione di riferimento è stata determinata con la formula di Hargreaves ((Hargreaves Samani 1982) mentre per i coumi idrici è stato adottato l approccio previsto nell irrigation and drainage paper n. 56 della FAO (htpp//www.fao.org/docrep/xo490e/x0490e00.htm) che prevede la scomposizione del coefficiente colturale (Kc) in due termini: il coefficiente colturale basale (Kcb) e il coefficiente di evaporazione dal suolo (Ke). In assenza della coltura sono state coiderate solo le perdite per evaporazione dal suolo e le precipitazioni In Arssa-Irriguida l approccio implementato per valutare l estrazione di acqua da parte delle radici nei diversi strati del suolo è mutuato dal modello EPIC 8

9 Materiali e Metodi CICLO COLTURALE Bilancio idrico colturale (mais da granella) inizio 10 aprile STAGIONE IRRIGUA IRRIGAZIONE TRA VALORI DI ACQUA UTILE PROFONDITA MASSIMA RADICALE PROFONDITA MASSIMA DI IRRIGAZIONE inizio fine % acqua utile minima % acqua utile massima cm. cm. 10 aprile 20 agosto SUOLO C.I.C % vol. P.A. % vol. Acqua disponibile in % vol. ARGILLOSO MEDIO IMPASTO SABBIOSO

10 Materiali e Metodi Marche Mare Adriatico Lazio Molise 10

11 Caratterizzazione Risultati climatica di alcuni e areali della Discussione Regione Abruzzo mediante l indice agrometeorologico SAM, AIAM, Bari Giugno 2010 Stazione Indice Indice di Indice SAM CROWTER FAO_UNEP NERETO TERAMO PESCARA PENNE ALANNO CHIETI LANCIANO SCERNI SULMONA 11

12 Risultati e Discussione Stazione Indice Indice di Indice SAM CROWTER FAO_UNEP β β β β Sign. Sign. Sign. Sign. NERETO TERAMO PESCARA PENNE ALANNO CHIETI LANCIANO SCERNI SULMONA 12

13 Indice Indice FAO-UNEP SAM PLUVIOFATTORE Indice di CROWTER DI LANG 0,0500 1, ,0000 1, ,0500 0,9000-0, ,8000-0, ,7000-0, ,6000-0, ,3000 0,5000-0,3500 0,

14 Risultati e Discussione Fabbisogni irrigui medi del mais da granella nelle diverse tipologie di suolo mm 550 T.ARGILLOSO T.FRANCO T.SABBIOSO NERETO TERAMO PESCARA PENNE ALANNO CHIETI LANCIANO SCERNI SULMONA 14

15 Risultati e Discussione STAZIONE TERRENO TERRENO TERRENO ARGILLOSO FRANCO SABBIOSO β β β Sign. Sign. Sign. NERETO -0,539-0,740-0,750 * TERAMO 0,328 0,185 0,460 PESCARA -0,052-0,359-0,165 PENNE -1,014 * -1,091 * -1,238 * ALANNO 0,539 1,035 1,034 * CHIETI 1,018 * 1,126 * 0,836 LANCIANO 0,143 0,192 0,123 SCERNI -1,085 * -1,065 * -0,992 * SULMONA -0,052-0,359-0,165 15

16 Risultati e Discussione Andamenti dell evapotraspirazione di riferimento e delle precipitazioni nel periodo 10/4-20/8 CHIETI Pioggia Eto mm mm 0 16

17 Risultati e Discussione Andamenti dell evapotraspirazione di riferimento e delle precipitazioni nel periodo 10/4-20/8 ALANNO Pioggia Eto mm mm

18 Risultati e Discussione Andamenti dell evapotraspirazione di riferimento e delle precipitazioni nel periodo 10/4-20/8 SCERNI Pioggia Eto mm mm 0 18

19 Risultati e Discussione Andamenti dell evapotraspirazione di riferimento e delle precipitazioni nel periodo 10/4-20/8 PENNE Pioggia Eto mm mm 0 19

20 Risultati e Discussione Andamenti dell evapotraspirazione di riferimento e delle precipitazioni nel periodo 10/4-20/8 NERETO Pioggia Eto mm mm 0 20

21 Conclusioni Lo studio ha evidenziato che nella regione Abruzzo, limitatamente al periodo coiderato, non si sono verificate, in generale, condizioni tali da determinare un incremento generalizzato dei fabbisogni irrigui per il mais. Le variazioni positive o negative dei fabbisogni irrigui osservate appaiono associate a variazioni dell evapotraspirazione di riferimento mentre stazionarie appaiono le precipitazioni. In base a tali dati è possibile affermare che nel periodo non si sono manifestati incrementi generalizzati delle condizioni di aridità. l analisi dei trend di alcuni indici di agrometeorologici ha evidenziato, al contrario, l aumento delle condizioni di aridità principalmente alla fascia costiera 21

22 22

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura

Risparmio idrico. Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Luca Barbero Sett. Provinciale Agricoltura Perché risparmiare acqua in agricoltura? Non è un bene infinito Riduzione riserva terrestre acqua dolce Scioglimento dei ghiacci competizione utilizzatori (aumento

Dettagli

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE

ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE ALLEGATO 4 APPLICAZIONE PER LA STIMA DELL EVAPOTRASPIRAZIONE EFFETTIVA DELLE COLTURE L applicazione realizzata si propone la stima dei consumi idrici delle colture attraverso l integrazioni di più moduli

Dettagli

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40

Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 giunta regionale Allegato C al Decreto n. 50 del 11.05.2012 pag. 1/40 PSR - REGIONE DEL VENETO. MISURA 214/i AZIONE 3 (alternativa 1, 2 e 2bis) PER GLI IMPEGNI DI Riduzione del 25% dei volumi irrigui per

Dettagli

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali

Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Sezione Ingegneria dei Biosistemi Agrari e Forestali Comparazione dell Efficacia Agronomica

Dettagli

Evapotraspirazione potenziale ETP

Evapotraspirazione potenziale ETP Evapotraspirazione potenziale ETP Modello - calcolo dell evapotraspirazione Pagina 1 Calcolo dell'evapotraspirazione potenziale Il concetto di evapotraspirazione potenziale (ETP) espresso intorno al 1950

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Riteniamo importante affrontare in questo contributo alcune delle criticità

Riteniamo importante affrontare in questo contributo alcune delle criticità ECONOMIA E TECNICA Suggerimenti per il migliore utilizzo di sistemi esperti per l irrigazione Bartolomeo Dichio* - Giuseppe Montanaro - Cristos Xiloyannis Dip.to delle Culture Europee e del Mediterraneo:

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012

Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Confronto fra ibridi di mais in Piemonte nel 2012 Ricerca Finanziata dalla Regione Piemonte Carlo Ferrero, Andrea Pilati - Capac Soc, Coop. Agr. Roberta Pons - Cooperativa Agrovalli S. C. Nel 2012, nonostante

Dettagli

Scopo della concimazione è

Scopo della concimazione è PECIALE S DOSI, TIPOLOGIE DI CONCIMI E MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE La concimazione azotata ideale dipende dall obiettivo produttivo È solo dopo aver definito quantità e qualità della produzione da ottenere

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde

EVAPOTRASPIRAZIONE. Marco Acutis. Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde EVAPOTRASPIRAZIONE Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L evapotraspirazione EVAPOTRASPIRAZIONE = CONSUMI IDRICI DI UNA COLTURA EVAPORAZIONE DAL SUOLO

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale. Irrigare

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale. Irrigare SERVIZIO AGROMETEOROLOGICO REGIONALE PER LA SARDEGNA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dell Agricoltura e Riforma Agro-Pastorale Irrigare Opuscolo divulgativo per l ottimizzazione della pratica

Dettagli

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo

CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione delle colture ortive di pieno campo Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Conferenza delle regioni e delle provincie Autonome Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste CAL FERT 1.2 Calcolatore del piano di concimazione

Dettagli

12. Nozioni elementari e applicazioni pratiche di tecnica irrigua

12. Nozioni elementari e applicazioni pratiche di tecnica irrigua 12. Nozioni elementari e applicazioni pratiche di tecnica irrigua Marcello Bertolacci Introduzione Cognizioni tecniche e impianti d irrigazione opportunamente progettati e realizzati sono le basi fondamentali

Dettagli

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G.

Politecnico di Milano. MOPI-Centro Epson Meteo. M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani, L. Boscarello, G. Previsione meteo idrologica per la gestione irrigua Pre.G.I. Politecnico di Milano Alessandro Ceppi MOPI-Centro Epson Meteo Raffaele Salerno M. Mancini, G. Ravazzani, C. Corbari, D. Masseroni, G. Ercolani,

Dettagli

Bollettino mensile di monitoraggio della siccità

Bollettino mensile di monitoraggio della siccità REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento Meteoclimatico Servizio Meteorologico, Agrometeorologico ed Ecosistemi Bollettino mensile di monitoraggio della siccità AGENZIA

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

Il consumo di suolo in Italia e in Abruzzo Fonte Dati: rapporto Ispra 2015)

Il consumo di suolo in Italia e in Abruzzo Fonte Dati: rapporto Ispra 2015) Il consumo di suolo in Italia e in Abruzzo Fonte Dati: rapporto Ispra 2015) Per consumo del suolo si intende qualunque fenomeno associato alla perdita di una risorsa ambientale fondamentale che originariamente

Dettagli

sintesi delle attività del Centro

sintesi delle attività del Centro sintesi delle attività del Centro Previsioni meteorologiche Monitoraggio agro-idro-meteorologico Gestione allerte meteorologiche Agrometeorologia Biometeorologia Climatologia Realizzazione e diffusione

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE

REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE REGIONE SICILIANA ENTE DI SVILUPPO AGRICOLO Sezione di Assistenza Tecnica Agricola S.O.P.A.T. n. 64 CAMPOREALE PROVA PARCELLARE MAIS IBRIDO DA GRANELLA COLTIVATO IN ASCIUTTO IN AMBIENTE CALDO ARIDO DELLA

Dettagli

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI.

IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. IMPIEGO DI UN MODELLO AGROMETEOROLOGICO PER LA CARATTERIZZAZIONE DEL RISCHIO POTENZIALE DI PRODUZIONE DI MICOTOSSINE NELLE AREE MAIDICOLE PIEMONTESI. F. Spanna 1, G. Cressano 1, T. La Iacona 1, I. Vercellino

Dettagli

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi

In uno scenario di aumento dei costi di beni e servizi SPERIMENTAZIONE IRRIGUA DI 6 ANNI IN UNA LOCALITÀ IN TOSCANA Costi irrigui a confronto tra pioggia e goccia su pomodoro Dalla prova su sei anni descritta in questo articolo si evidenzia una migliore risposta

Dettagli

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010

Aspetti quantitativi e qualitativi della produzione di frumento duro in Campania. Annata agraria 2009-2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II AZIENDA AGRARIA TORRE LAMA Via G. Fortunato, 3 84092 BELLIZZI ITALY Tel/Fax.: +39 089 51110 Convenzione tra Pastificio Lucio Garofalo e Azienda Torre Lama Aspetti

Dettagli

Acqua = Oro blu. Save the water

Acqua = Oro blu. Save the water Save the water seconda edizione Acqua = Oro blu Nel 2050 si prevede che la popolazione mondiale raggiungerà i 9 miliardi di persone, aumentando vertiginosamente la domanda complessiva di risorse naturali.

Dettagli

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura

Planta. Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Sementi e Soluzioni per l Agricoltura Una nuova gamma di prodotti per l agricoltura italiana Ibridi di mais IBRIDO Classe FAO Giorni GDM 437 300 105 SNH 9402 400 115

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani

Assessorato Agricoltura e Foreste Regione Siciliana Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Valorizzazione dei vitigni autoctoni siciliani Agrocllimatollogia e viticolltura Studi di vocazionallità territorialle e zonazioni dii Anttoniino Drrago Assessorato Agriicolltura e Foreste Regiione Siiciilliiana

Dettagli

QUANDO E QUANTO IRRIGARE

QUANDO E QUANTO IRRIGARE QUANDO E QUANTO IRRIGARE Il bilancio idrico della coltura - ossia il calcolo, continuamente aggiornato, della quantità d acqua presente nello strato di terreno occupato dalle radici - costituisce un ottima

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Risultati della Ricerca Titolo Mappe di conducibilità elettrica Descrizione estesa del risultato Le mappe ottenute con il cokriging per le variabili di induzione elettromagnetica (EMI) sembrano rivelare

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Situazione climatica. Linee di ricerca Agroscenari interessate:

Situazione climatica. Linee di ricerca Agroscenari interessate: Area di studio Destra Sele L area di studio ricade nella provincia di Salerno. E una pianura irrigua di 16.500 ha caratterizzata da una notevole diversità di sistemi geomorfologici e suoli. Il sistema

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali

Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali FACOLTA DI AGRARIA Laurea in Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Corso di Agronomia e Sistemi foraggeri Modulo di Sistemi foraggeri ESERCITAZIONE - QUESTIONARIO n. 2 Nome e cognome... n. di matricola.

Dettagli

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm

Salinità delle acque. Ecw: conducibilità elettrica dell acqua. Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Salinità delle acque Ecw: conducibilità elettrica dell acqua Unità di misura: 1 mmho/cm = 1 ds/m = 0,1s/m = 100 ms/m = 1ms/cm = 1000 μs/cm Limiti di accettabilità per la salinità delle acque secondo la

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano

Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Gestione delle risorse idriche in aree rurali del Libano Il caso della Piana di Marjayoun Khiam Arianna Facchi Unità di Ingegneria Agraria CICSAA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO LIBANO SIRIA ISRAELE GIORDANIA

Dettagli

Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura

Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura Prof. Stefano Tibaldi UniBo e ARPA Emilia-Romagna Romagna Acque - Società delle Fonti S.p.A. Prospettive nella gestione della risorsa

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti

Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti Calcolo dell Impronta Idrica dell Azienda Mutti Dr. Monia Santini Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici e Università degli Studi della Tuscia Risorse idriche e cambiamento climatico nel Mediterraneo

Dettagli

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella

Minimizzare la presenza di micotossine nella granella n. 14/2013 [ SPECIALE DIFESA MAIS ] Terra e Vita 45 Minimizzare la presenza di micotossine nella granella [ DI RICCARDO BUGIANI ] Le strategie agronomiche, il possibile contributo dei bio control agents

Dettagli

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine

Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine FERTILIZZAZIONE RISULTATI DI UNA SPERIMENTAZIONE BIENNALE SU 4 VARIETÀ Frumento: quanto azoto serve per produrre granella e proteine L azoto è fondamentale per arrivare a rese soddisfacenti nei frumenti

Dettagli

SUGAR WORLD 2004 STRUMENTI PER IL MIGLIORAMENTO E IL CONSOLIDAMENTO DELLE RESE IN BIETICOLTURA: ASPETI TECNICO- ECONOMICI DELL IRRIGAZIONE

SUGAR WORLD 2004 STRUMENTI PER IL MIGLIORAMENTO E IL CONSOLIDAMENTO DELLE RESE IN BIETICOLTURA: ASPETI TECNICO- ECONOMICI DELL IRRIGAZIONE SUGAR WORLD 2004 STRUMENTI PER IL MIGLIORAMENTO E IL CONSOLIDAMENTO DELLE RESE IN BIETICOLTURA: ASPETI TECNICO- ECONOMICI DELL IRRIGAZIONE Erman Gabellini, Giovanni Bettini, Giuseppe Ciuffreda Settore

Dettagli

dall esperienza SCARABELLI sistemi di subirrigazione in aree verdi ornamentali e sportive

dall esperienza SCARABELLI sistemi di subirrigazione in aree verdi ornamentali e sportive dall esperienza SCARABELLI sistemi di subirrigazione in aree verdi ornamentali e sportive LA SUB-IRRIGAZIONE È UN SISTEMA AVANZATO CHE INTEGRA AMBIENTE E TECNOLOGIA UTILIZZANDO L ALA GOCCIOLANTE INTERRATA

Dettagli

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio

Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio Sistema GARANTES: Rete di monitoraggio La definizione della struttura della rete di monitoraggio (numero e tipo di sensori e loro localizzazione spaziale) dipende dall estensione e dalle caratteristiche

Dettagli

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni

ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA. Fertilizzazioni ESERCITAZIONE DI AGRONOMIA Fertilizzazioni 17 aprile 2012 Introduzione Concimazione: apporto di elementi nutritivi direttamente utilizzabili dalla pianta fertilizzazione Ammendamento: apporto di sostanze

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS

DOCUMENTO TECNICO DTP 02 DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS Pag. 1 di 7 DOCUMENTO TECNICO DISCIPLINARE PER LA PREVENZIONE DI MICOTOSSINE (AFLATOSSINA B1) SU MAIS CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it

Dettagli

RAIN SENSORE PIOGGIA RAIN STOP SENSORI CARATTERISTICHE TECNICHE. Connessione RAIN STOP 3 fili. Connessione sensore RAIN STOP 4 fili

RAIN SENSORE PIOGGIA RAIN STOP SENSORI CARATTERISTICHE TECNICHE. Connessione RAIN STOP 3 fili. Connessione sensore RAIN STOP 4 fili RAIN SENSORE PIOGGIA RAIN STOP Il sensore pioggia RAIN STOP può essere installato su qualsiasi centralina elettrica a 24 VAC anche se questa non dispone dell ingresso sensore nella morsettiera. RAIN STOP

Dettagli

Il monitoraggio idrologico per il supporto alle decisioni Enrico Zini ARPA Lombardia

Il monitoraggio idrologico per il supporto alle decisioni Enrico Zini ARPA Lombardia Il monitoraggio idrologico per il supporto alle decisioni Enrico Zini ARPA Lombardia Laghi della Bilancia I laghi lombardi e il cambiamento clima3co Como, 22 Marzo 2014 Sommario 1. 10 anni dalla acquisizione

Dettagli

Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell altopiano centrale del Guatemala

Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell altopiano centrale del Guatemala Sfruttamento delle risorse agroforestali in una comunità indigena Maya dell altopiano centrale del Guatemala Guatemala: il contesto forestale nazionale Guatemala Copertura forestale: 3.866.383 ha 35,5%

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione

6. L acqua e la tecnica dell irrigazione Sansavini_p145-172_c06 24/03/2005 08:58 Pagina 145 6. L acqua e la tecnica dell irrigazione CristosXiloyannis, Rossano Massai, Bartolomeo Dichio 6.1. Il ruolo dell acqua nella pianta L acqua è il costituente

Dettagli

Mais: impianto e tecnica colturale

Mais: impianto e tecnica colturale Mais: impianto e tecnica colturale Modulo di sistemi foraggeri Andrea Onofri Perugia, A.A. 2009-2010 1 Contenuti Contents 1 Tipologie di ibridi 1 2 Impianto 3 3 Fertilizzazione 4 4 Cure colturali 4 5 Raccolta

Dettagli

DATI METEO INDICI CLIMATICI

DATI METEO INDICI CLIMATICI DATI METEO I dati meteo utilizzati nelle elaborazioni sono quelli derivanti dalla rete regionale di stazioni meteo dell Osservatorio Meteo Idrologico della Regione Liguria (OMIRL) www.arpal.gov.it. Questi

Dettagli

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007)

Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) SETTORE RISCHIO IDRICO - CENTRO FUNZIONALE CENTRALE Aggiornamento della situazione idrologica in Italia ai fini della prevenzione delle crisi idriche (al 6 maggio 2007) Servizio Rischio idro-geologico,

Dettagli

SCIA. Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale

SCIA. Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale SCIA Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale Criteri di calcolo degli indicatori meteoclimatici Aprile 2005 F. Baffo, F. Desiato, F. Lena,

Dettagli

IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue

IRRIGAZIONE. Diffusione di portinnesti deboli, Infittimento sesti d impianto, Nuove tecniche irrigue IRRIGAZIONE Nei nuovi impianti fin dall inizio si installa l impianto d irrigazione. In passato l irrigazione era riservata agli agrumi e specie coltivate in zone siccitose. Motivi dello sviluppo dell

Dettagli

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo

Antonio Motisi. Dipartimento di Colture Arboree Università degli Studi di Palermo Giornate di Studio: Un approccio integrato allo studio dei flussi di massa e di energia nel sistema suolo pianta atmosfera: esperienze e prospettive di applicazione in Sicilia Tecniche di misura dei flussi

Dettagli

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee.

Cereali. Nome botanico. Famiglia. Origine e diffusione. Utilizzazioni. Esigenze climatiche. schede colturali. Mais. Graminacee. Cereali primaveriliestivi ed estivi schede colturali Mais Nome botanico Zea mais Famiglia Graminacee Origine e diffusione Produzione mondiale di Mais (FAO 2001) Produzione europea di Mais (FAO 2001) Produzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE E TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali TESI

Dettagli

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A.

Il sottoscritto in qualità di titolare legale rappresentante della Ditta denominata con sede legale in Provincia via n C.A.P.. C.F. Partita I.V.A. Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali, acque reflue industriali assimilate alle domestiche, acque reflue assimilate alle domestiche, acque reflue di dilavamento, acque di prima

Dettagli

LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio."

LINEA DI RICERCA 2.8: Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio. Relazione II anno Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura sottoprogetto 2: Agricoltura Italiana e Cambiamenti Climatici LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici

Dettagli

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici . Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici.1. Obiettivi I dati di precipitazioni in Piemonte sin dall inizio del secolo scorso sono stati raccolti da stazioni di misura in parte

Dettagli

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo.

Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. EROSIONE DEL SUOLO Erosione del Suolo Tutto comincia da una goccia di pioggia che colpisce il suolo e lo distacca allontanandolo. splash erosion: indotta dall impatto diretto delle gocce sul suolo, determina

Dettagli

La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale

La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale La qualità dei fertilizzanti e il loro impatto ambientale da 100 anni Agricoltori per l Agricoltura Fabbrica Cooperativa Perfosfati Cerea Fiera di Verona 07.02.2008 Prof. Paolo Sequi CRA-RPS Consiglio

Dettagli

Irrigazione per ASPERSIONE

Irrigazione per ASPERSIONE RISPARMIO IDRICO / METODI E SISTEMI IRRIGUI Irrigazione per ASPERSIONE La sollecitazione ad un uso più parsimonioso e corretto dell acqua vede nella sostituzione dei metodi scarsamente efficienti, con

Dettagli

Antonella VELTRI CNR ISAFOM

Antonella VELTRI CNR ISAFOM Antonella VELTRI CNR ISAFOM Ruolo dei sistemi i forestali sulla regimazione i idrica i e sul controllo dell erosione Ciclo di Seminari: Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

SOLUZIONI IRRIGUE PER UN'AGRICOLTURA SOSTENIBILE SOLUZIONI NETAFIM PER LA COLTURA DEL MAIS

SOLUZIONI IRRIGUE PER UN'AGRICOLTURA SOSTENIBILE SOLUZIONI NETAFIM PER LA COLTURA DEL MAIS SOLUZIONI IRRIGUE PER UN'AGRICOLTURA SOSTENIBILE SOLUZIONI NETAFIM PER LA COLTURA DEL MAIS IL MAIS E' UNA PIANTA DI ORIGINE SUB-TROPICALE CON UN CICLO PRODUTTIVO DI CIRCA 140 GIORNI IL PERIODO PIU' SENSIBILE

Dettagli

Fermate Servizio feriale Servizio festivo

Fermate Servizio feriale Servizio festivo IN AUTOBUS Pescara - Chieti Scalo - no stop Vettori Arpa DiFonzo Arpa DiFonzo DiFebo Arpa DiFonzo DiFebo DiFebo Arpa Arpa Arpa DiFonzo DiFebo DiFebo Arpa Arpa DiFebo Giulianova Staz. Ferrovie dello Stato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA TEMPERATURA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA TEMPERATURA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA TEMPERATURA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde Temperatura Il

Dettagli

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri

Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri CAPITOLO 6 Organizzazione di dati fenologici in un database relazionale: l'esempio della banca dati del Progetto Finalizzato Phenagri A. Calì, G. Dal Monte 6.1 - Introduzione Le informazioni provenienti

Dettagli

Notizie Sull'Azienda

Notizie Sull'Azienda Notizie Sull'Azienda Forma di conduzione Distribuzione percentuale della Forma di Conduzione (regione Abruzzo) % delle aziende con Conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare % delle

Dettagli

ELENCO DEI PROVVEDIMENTI ADOTTATI PER LA SCELTA DEL CONTRAENTE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI E FORNITURE Art. 23 D.Lgs.vo 33/2013 ANNO 2013

ELENCO DEI PROVVEDIMENTI ADOTTATI PER LA SCELTA DEL CONTRAENTE PER L'AFFIDAMENTO DI SERVIZI E FORNITURE Art. 23 D.Lgs.vo 33/2013 ANNO 2013 GIUNTA REGIONALE e di Sviluppo Rurale, Forestale, Caccia e Pesca, Emigrazione 1 presso la sede di ex Arssa 7.283,01 Enel Energia P.I. 06655971007 contratto antecedente 2010 fattura n. 2302966862 del 24/1/2012

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA

IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Con il patrocinio di 14 SETTEMBRE 2015 IL VALORE AMBIENTALE DELL IRRIGAZIONE LA RICARICA DELLA FALDA Relatore: ing. Umberto Niceforo direttore Consorzio Brenta Le radici nella geografia e nella storia

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura

Utilizzi dell'acqua. Il consumo di acqua. Dove va l acqua? Acqua e agricoltura Utilizzi dell'acqua Il consumo di acqua All uomo interessa in particolare l acqua potabile, sempre più scarsa in rapporto all aumento della popolazione mondiale e per effetto dell inquinamento. Oggi sono

Dettagli

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni:

Il sito del CF Umbria pubblica, ad esempio, le seguenti sezioni: 1 2 Una breve descrizione del network dei Centri Funzionali: nei confronti del rischio idrogeologico, il sistema di allerta nazionale è assicurato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile (DPCN),

Dettagli

STIMA DEL BILANCIO IDRICO A DIVERSE SCALE SPAZIALI E TEMPORALI

STIMA DEL BILANCIO IDRICO A DIVERSE SCALE SPAZIALI E TEMPORALI 15 Russel G., Wilson G.W., 1994. An agro pedo - climatological knowledge base of wheat in Europe, Joint Research Centre, Report EUR 15789 EN. WMO, 1980. Guide to meteorological instruments and methods

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana

L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana L utilizzo sostenibile delle risorse idriche nel settore agricolo: le iniziative della Regione Toscana Stefania Nuvoli Gestione e Tutela delle Risorse Idriche In Agricoltura Regione Toscana USO SOSTENIBILE

Dettagli

DOTTORATO DI RICERCA Colture Arboree ed Agrosistemi Forestali, Ornamentali e Paesaggistici

DOTTORATO DI RICERCA Colture Arboree ed Agrosistemi Forestali, Ornamentali e Paesaggistici Alla mia famiglia e Bill i Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA Colture Arboree ed Agrosistemi Forestali, Ornamentali e Paesaggistici Ciclo XX Settore scientifico disciplinare

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

Affidabilità del modello di Winkler

Affidabilità del modello di Winkler COMASTRI imp 14-09-2004 11:00 Pagina 50 Dal punto di vista fisico il mezzo alla Winkler può essere assimilato a un letto di molle elastiche mutuamente indipendenti, o meglio a un liquido di peso specifico

Dettagli

Risorse idriche globali e alimentazione

Risorse idriche globali e alimentazione Risorse idriche globali e alimentazione sfide per il futuro Guido Santini FAO Land and Water Division ACQUA 2.0 - II EDIZIONE, Roma, 27 Marzo 2014 Introduzione Quadro diagnostico: Panoramica sulle risorse

Dettagli

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE COMMISSIONE EUROPEA DECISIONE DI ESECUZIONE DELLA COMMISSIONE che concede una deroga richiesta dall Italia con riguardo alle regioni Emilia - Romagna, Lombardia, Piemonte e Veneto a norma della direttiva

Dettagli

TURNING INFORMATION INTO PROFITS. La gestione dell'irrigazione con i sistemi di. dell'integrated Crop Management

TURNING INFORMATION INTO PROFITS. La gestione dell'irrigazione con i sistemi di. dell'integrated Crop Management La gestione dell'irrigazione con i sistemi di monitoraggio PESSL, a supporto dell'integrated Crop Management Indice Indice Il contesto (1) Il futuro dell agricoltura deve essere sostenibile Il contesto

Dettagli

IL BILANCIO IDROGEOLOGICO COME STRUMENTO PER UNA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE IDROSTRUSTRUTTURE PUGLIESI

IL BILANCIO IDROGEOLOGICO COME STRUMENTO PER UNA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE IDROSTRUSTRUTTURE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 79 IL BILANCIO IDROGEOLOGICO COME STRUMENTO PER UNA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE IDROSTRUSTRUTTURE PUGLIESI

Dettagli

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di

Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Le politiche di adattamento per rispondere all esigenza climatica Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente Ufficio Scientifico di Legambiente Rischio Idrogeologico: Un problema nazionale

Dettagli

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE

STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e della qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale STATISTICHE AGRONOMICHE DI SUPERFICIE, RESA E PRODUZIONE Bollettino

Dettagli

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI

ONDATE DI CALORE ED EFFETTI SULLA SALUTE ESTATE 2014 SINTESI DEI RISULTATI Piano Operativo Nazionale per la Prevenzione degli effetti del Caldo sulla Salute Ministero della Salute, Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie ONDATE DI CALORE ED EFFETTI

Dettagli

Progettazione del lavoro: gennaio 2010 settembre 2010 Inizio del lavoro: maggio 2011

Progettazione del lavoro: gennaio 2010 settembre 2010 Inizio del lavoro: maggio 2011 REALIZZAZIONE DELLA PIATTAFORMA INTEGRATA CARTOGRAFICA AGRIVITICOLA (P.I.C.A.) E STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL TERRITORIO E DELLE POTENZIALITA VITICOLE DELL AREA DI PRODUZIONE DELLE CANTINE SOCIALI AFFERENTI

Dettagli

Statistica descrittiva

Statistica descrittiva Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Statistica descrittiva Ing. Antonino Cancelliere Dipartimento

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli