Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati. Versione 3.1 MANUALE D USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati. Versione 3.1 MANUALE D USO"

Transcript

1 Provincia di Milano Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati URS ITALIA S.p.A. Versione 3.1 1

2 GIUDITTA versione 3.1 è stato prodotto da: Provincia di Milano e URS ITALIA S.p.A. Proprietà della Provincia di Milano e URS ITALIA S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Il logotipo di GIUDITTA è stato ideato e realizzato da Alberto Longhi Il software GIUDITTA v. 3.1 ed il relativo manuale d uso, sono distribuiti gratuitamente da: Provincia di Milano Direzione Centrale Ambiente Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati Corso di Porta Vittoria, Milano 2

3 INTRODUZIONE ALLA VERSIONE 3.1 Questa versione del software Giuditta 3.1 costituisce un aggiornamento della precedente versione Giuditta 3.0; le principali modifiche apportate sono relative ai seguenti aspetti: 1. Aggiornamento delle formule inserite in base agli standard internazionali ASTM E (reapproved 2004) in particolare con l introduzione dei bilanci di massa per le seguenti vie di esposizione: inalazione vapori outdoor da suolo profondo; inalazione vapori indoor da suolo profondo; leaching in falda da suolo superficiale; leaching in falda da suolo profondo. 2. Modifica e aggiornamento dei parametri del data base utilizzando le seguenti fonti: Database ISS/APAT/ISPESL; Database US/EPA (RAIS); Database SYRACUSE, TOXNET, GSI.NET, CAL EPA. Per ogni parametro è stato calcolato il rapporto tra i valori presenti nei database ISS/APAT/ISPESL e USEPA (RAIS): - se il rapporto è risultato minore o uguale a 1,2 nel data base è stato adottato il valore presente nel data base ISS/APAT; - se il rapporto è risultato compreso tra 1,2 e 10 si è adottato il valore che maggiormente tutela la salute umana; - se il rapporto è risultato maggiore di 10 è stato adottato il valore individuato mediante una specifica ricerca utilizzando i database SYRACUSE, TOXNET, GSI.NET, CAL EPA. 3. Sono stati inoltre introdotti vari altri miglioramenti e modifiche non strutturali finalizzati ad incrementare la facilità di utilizzo. Si specifica che, per quanto attiene il criterio di valutazione del rischio per la falda (paragrafo ), in assenza di una prassi consolidata a livello nazionale e di specifici standard di riferimento, è stata operata una scelta di ragionevole cautela che si discosta da quanto indicato nell allegato 1 al titolo V del D. Lgs. 152/06 per il quale il punto di conformità Rappresenta il punto tra la sorgente e il punto di esposizione dove le concentrazioni delle sostanze contaminanti nelle acque sotterranee devono essere inferiori alle CSR calcolate con l analisi di rischio. Nello specifico, anche in previsione/attesa di orientamenti e di indicazioni tecniche da parte degli organismi preposti alla formazione di linee guida sull applicazione delle procedure di analisi di rischio, si è attribuito al punto di conformità un significato derivato dalla consolidata applicazione delle procedure di analisi di rischio al contesto italiano durante l applicazione del D.M. 471/99 ossia come il punto teorico in corrispondenza del quale si vuole che i valori di concentrazioni di contaminanti nelle acque sotterranee siano conformi ai limiti di accettabilità tabellari riportati nella casella Livello 1 di analisi (CSC) e pertanto abbiano intrinsecamente un rischio accettabile per qualsiasi recettore e per qualsiasi utilizzo. Quindi, ritenendo questa condizione come utile e necessaria almeno all esterno dell area oggetto di procedura di analisi di rischio, si fornisce l indicazione di porre il punto di conformità ad una distanza praticamente coincidente con il perimetro esterno del sito, compatibilmente con quanto indicato dal D.Lgs. 152/06 di porre il punto di conformità al di fuori del sito contaminato, indicativamente ad una distanza variabile tra 50 e 500 metri dalla sorgente di contaminazione. Risulta del tutto evidente che, a fronte di formali espressioni da parte di Autorità e Istituti centrali, si rivedrà la posizione assunta. 3

4 Nel caso in cui durante l utilizzo del programma dovessero verificarsi eventuali anomalie e bugs, queste potranno essere segnalate al seguente indirizzo di posta elettronica: Riteniamo infine importante ricordare che questo manuale d uso descrive il funzionamento di un software Giuditta 3.1 che simula e quantifica fenomeni di natura generalmente complessa relativi alla diffusione e al trasporto di contaminanti organici e inorganici nel sottosuolo. Un corretto utilizzo di questo software presuppone pertanto la conoscenza, in termini generali, delle caratteristiche chimico-fisiche e tossicologiche dei diversi contaminanti e dei meccanismi alla base dei fenomeni rappresentati. In tal senso la Provincia di Milano e URS Italia non sono responsabili dei risultati che vengono forniti dal software i quali sono nella responsabilità esclusiva di chi effettua lo studio di analisi di rischio. La lettura di questo manuale d uso prima dell esecuzione dello studio di analisi di rischio è raccomandata per un adeguata conoscenza delle procedure di calcolo adottate e delle modalità di utilizzo del software. 4

5 INDICE 1. INSTALLAZIONE ED AVVIO 6 2. ALLEGATI 7 3. MODALITÀ DI UTILIZZO 8 4. CASO SEMPLICE Apertura di un progetto Nuovo progetto Progetto esistente Acquisizione dati - Definizione area di campionamento Acquisizione dati - Contaminazione nei punti Livello 1 Comparazione con CSC (Concentrazione Soglia Contaminazione) Parametri Caratteristiche della zona Percorsi di esposizione Introduzione dei parametri Modifica dei parametri Analisi dei dati Metodi statistici Risultati Rischio per sostanze cancerogene HI per sostanze non cancerogene HI per la falda Raccordo con il D.Lgs. 152/ Concentrazioni Soglia di Rischio (CSR) CSR maggiori del valore di saturazione Rischio da Idrocarburi Concentrazioni Soglia di Rischio Idrocarburi Peso dei percorsi CASO COMPLESSO Acquisizione dati - Definizione Area di campionamento Parametri - Caratteristiche del sito e percorsi d esposizione Analisi dei dati Metodi statistici Risultati OPZIONI 48 ALLEGATI Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Trattazione delle sommatorie presenti nelle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) Trattazione della contaminazione da Idrocarburi Struttura delle tabelle e dei dati contenuti nel database Tabelle Formule 5

6 1. Installazione ed avvio Il software GIUDITTA può essere installato su ogni computer che abbia i seguenti requisiti minimi: un processore del tipo 486 o superiori; 64 MB di RAM; 10 MB di spazio disponibile sul disco fisso; risoluzione dello schermo 800 x 640 dpi. I requisiti software minimi sono i seguenti: Microsoft Windows 3.1 o Windows 95 o Windows 98, Windows NT. L installazione è generalmente incompatibile con la presenza di versioni precedenti di Giuditta che dovranno pertanto essere disinstallate precedentemente ad ogni procedura di installazione. Per quanto riguarda le analisi di rischio eseguite con precedenti versioni di Giuditta è possibile recuperare esclusivamente i dati relativi alla definizione delle aree di campionamento e la contaminazione nei punti mediante l esportazione degli stessi e la reimportazione nella nuova versione. Verificata positivamente la presenza dei requisiti minimi hardware e software, e accertato di avere chiuso tutte le applicazioni in corso di esecuzione, seguire la seguente procedura per l installazione di GIUDITTA CASO 1: Installazione diretta da sito web, consigliato in caso di connessione internet a banda larga (ADSL o superiore) A. Ciccare due volte sul file giuditta_31.exe (il programma verrà installato automaticamente sul PC) B. seguire le istruzioni che compaiono a video; le istruzioni che compaiono riguardano essenzialmente la scelta della sotto directory all interno della quale installare GIUDITTA. Questa sotto directory può essere quella proposta (C:\PROGRAMMI\GIUDITTA) oppure una scelta a piacimento. C. prima di effettuare il run del programma verificare che vi sia nella directory del file eseguibile il database Giuditta31.mdb. D. al termine dell installazione sarà possibile avviare il programma eseguendo il file GIUDITTA.exe all interno della directory selezionata oppure cliccando con il mouse direttamente sulla relativa icona. CASO 2: Installazione previo download delle partizioni dei pacchetti di installazione del software, consigliato in caso di connessione telefonica analogica A. copiare in un unica directory temporanea i file giuditta_31.part1.exe; giuditta_31.part2.rar; giuditta_31.part 3.rar; giuditta_31.part 4.rar; giuditta_31.part 5.rar B. Cliccare due volte sul file giuditta_31.part1.exe l installazione sarà automaticamente avviata; C. seguire le istruzioni che compaiono a video; le istruzioni che compaiono riguardano essenzialmente la scelta della sotto directory all interno della quale installare GIUDITTA. Questa sotto directory può essere quella proposta (C:\PROGRAMMI\GIUDITTA) oppure una scelta a piacimento. D. prima di effettuare il run del programma verificare che vi sia nella directory del file eseguibile il database Giuditta31.mdb. E. al termine dell installazione sarà possibile avviare il programma eseguendo il file GIUDITTA.exe all interno della directory selezionata oppure cliccando con il mouse direttamente sulla relativa icona. Utilizzo di file creati con versioni precedenti di Giuditta Per quanto riguarda analisi di rischio eseguite con precedenti versioni di Giuditta è possibile recuperare esclusivamente i dati relativi alla definizione delle aree di campionamento e la contaminazione nei punti mediante l esportazione degli stessi e la reimportazione nella nuova versione. Le istruzioni che compaiono a video riguardano essenzialmente la scelta della sotto directory all interno della quale installare GIUDITTA. Questa sotto directory può essere quella proposta (C:\PROGRAMMI\GIUDITTA) oppure una scelta a piacimento. Al termine dell installazione sarà possibile avviare il programma eseguendo il file GIUDITTA.exe all interno della directory selezionata oppure cliccando con il mouse direttamente sulla relativa icona. 6

7 2. Allegati Alla fine del presente manuale sono presenti cinque allegati per l approfondimento e la spiegazione di alcuni degli argomenti trattati. Allegato 1: Trattazione delle sommatorie Viene affrontata la trattazione delle sommatorie presenti nelle CSC adottate in particolare per il suolo (vedi Allegato 4, Tabella 1a ): Sommatoria organici monoaromatici; Sommatoria IPA, Sommatoria ammine aromatiche, Metilfenolo (o-,m-,p-), DDD-DDT-DDE. Per le acque sotterranee (vedi Allegato 4, Tabella 1b): Sommatoria IPA, Sommatoria organo alogenati, DDD-DDT-DDE, Sommatoria fitofarmaci. Allegato 2: Trattazione della contaminazione da Idrocarburi In questo allegato viene approfondita la trattazione della contaminazione da Idrocarburi, per una migliore comprensione dei due metodi utilizzati dal software: Total Petroleum Hydrocarbons Criteria Working Group (TPHCWG); Massachussetts Department of Environmental Protection (MADEP). Allegato 3: Struttura delle tabelle dei dati contenuti nel database In questo allegato sono riportate le strutture delle tabelle che vengono utilizzate nel database di Giuditta 3.1. per l inserimento, l elaborazione e l esportazione dei dati. Vengono inoltre segnalati i nomi dei files che vengono dati di default dal software quando si importano o esportano le tabelle di database. Per una maggiore comprensione di tali procedure di import/export dei dati, si rimanda alla directory Esempi, dove sono stati inseriti i files di esempio per l import e l export diversificati in due sotto-directory, a seconda dei separatori di campo utilizzati: Esportazione chr_124 Esportazione_TAB Allegato 4: Tabelle Vengono riportate le seguenti tabelle: Tabella 1a: Concentrazione soglia di contaminazione (CSC) nei terreni riferite alla specifica destinazione d uso dei siti. Tabella 1b: Concentrazione soglia di contaminazione (CSC) nelle acque sotterranee. Allegato 5: Formule In questo allegato vengono presentate le formule che sono state utilizzate in Giuditta

8 3. Modalità di utilizzo La videata iniziale del software riporta il logo GIUDITTA versione 3.1 e dei soggetti che lo hanno realizzato e che ne sono proprietari: la Provincia di Milano e URS Italia S.p.A. Dalla videata iniziale è possibile scegliere tra la versione italiana e quella inglese del software, cliccando sulla bandiera italiana o su quella inglese rispettivamente. In questa nuova versione GIUDITTA 3.1 è possibile utilizzare il software in due modalità differenti corrispondenti a: Caso Semplice: Questa opzione è stato implementata per rispondere alle esigenze di esecuzione di un analisi di rischio preliminare ovvero nei casi in cui l utente abbia a disposizione ridotte informazioni sul sito e voglia valutare preliminarmente i rischi corrispondenti alle concentrazioni rilevate nei terreni e nelle acque sotterranee. Nel Caso Semplice si possono inserire solamente 3 punti di campionamento corrispondenti a suolo superficiale, suolo profondo e falda. Caso complesso. Questa opzione, differentemente dal caso semplice, permette l inserimento di più zone d esposizione e più punti di campionamento. Di conseguenza, sono visualizzabili i metodi statistici per il calcolo delle concentrazioni per il calcolo dl rischio e l analisi di rischio viene effettuata per zone diverse. La scelta tra le due possibilità di utilizzo viene proposta automaticamente la prima volta in cui viene utilizzato il software. A fronte di ogni apertura successiva di Giuditta 3.1, la modalità precedentemente scelta rimarrà impostata; per cambiarla è necessario selezionare dal menù principale Opzioni e Impostazioni utente, quindi selezionare la modalità d uso prescelta. Un diagramma di flusso, insieme al menù principale appare quindi sullo schermo in modo che l utente sia guidato nel percorso d esecuzione dell analisi di rischio. In ogni chart del flusso è presente una freccina che corrisponde all help in linea: cliccandoci sopra appariranno sullo schermo le informazioni relative alle operazioni che devono essere eseguite nella fase prescelta. L utente potrà quindi scegliere se utilizzare le caselle del flusso del menù guidato o, in modo equivalente se usare le caselle del menù principale (come nella precedenti versioni di Giuditta) che vengono anch esse attivate in modo sequenziale per guidare l utente al percorso per la realizzazione dell analisi di rischio. 8

9 4. Caso semplice Il Caso Semplice è stato implementato in Giuditta 3.1 per rispondere alle esigenze di esecuzione di un analisi di rischio preliminare ovvero nei casi in cui l utente abbia a disposizione ridotte informazioni sul sito e voglia valutare preliminarmente i rischi corrispondenti alle concentrazioni rilevate nei terreni e nelle acque sotterranee. Nel Caso Semplice si possono inserire solamente 3 punti di campionamento corrispondenti a suolo superficiale, suolo profondo e falda. Inoltre l utente sarà guidato nell esecuzione del software tramite percorsi obbligati che vengono descritti nei paragrafi successivi. Quando le charts lampeggiano di giallo l utente dovrà obbligatoriamente cliccare sulla chart e accedere alla schermata corrispondente. Una volta chiusa la schermata, vengono evidenziate in verde le charts corrispondenti alle operazioni effettuate. 4.1 Apertura di un progetto Una volta scelta la modalità d uso nel menù guidato appare lampeggiante la chart per l apertura di un progetto Nuovo progetto La creazione di un nuovo progetto avviene selezionando la casella Nuovo ; ciò determina la creazione automatica di un file con estensione.mdb che avrà lo stesso nome del progetto e conterrà i dati ad esso relativi. In particolare, selezionando la casella Nuovo si apre una finestra che permette all utente di scegliere la localizzazione nel disco fisso del file.mdb creato e di specificarne il nome. Creato il file, il nome del progetto verrà visualizzato nel diagramma di flusso e lampeggerà in giallo la chart successiva. 9

10 4.1.2 Progetto esistente L apertura del progetto esistente avviene selezionando la casella Apri e identificando il file corrispondente, oltre alla sua localizzazione nel disco fisso, nell elenco che compare. In questo caso appariranno colorate tutte le chart corrispondenti alle operazioni effettuate precedentemente sul progetto prescelto e sarà possibile riaprire anche in modalità non sequenziale le schermate d interesse. 4.2 Acquisizione dati - Definizione area di campionamento Selezionando la casella Definizione area di campionamento si accede ad una schermata comprendente tre aree distinte: 1. Area generale; 2. Zone d esposizione; 3. Punti di campionamento. In modalità semplice è possibile inserire un unica zona d esposizione e solamente tre punti di campionamento corrispondenti alle matrici suolo superficiale, profondo e falda. Qui di seguito vengono riportati i dettagli per l inserimento dei dati. 1. Area generale: viene specificato il Codice, la Descrizione e il Proprietario dell area di interesse; 2. Zona di esposizione: viene descritta in dettaglio la zona di esposizione e devono essere specificati il Codice, il Codice interno, la Descrizione della zona di esposizione, la sua Destinazione urbanistica (Verde, Residenziale, Commerciale, Industriale). Tramite la casella Conferma le informazioni inserite vengono salvate e visualizzate in una tabella. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati inseriti. Sono inoltre disponibili i tasti: Modifica ed Elimina, qualora si volesse modificare o eliminare la zona già inserita. 3. Punti di campionamento: per inserire i punti di campionamento è possibile effettuare sia un importazione da file CSV, sia l inserimento manuale. 10

11 Per l importazione dei punti tramite file in formato CSV è necessario aver completato le parti riguardanti l area generale e la zona d esposizione. Il file CSV da importare deve contenere le informazioni relative ai punti, agganciabili con le zone d esposizione precedentemente definite. L intestazione delle colonne del file e il contenuto dei record deve essere il seguente: CCATZONA CODICE SONDAGGIO COORDX COORDY COORDZ PCAMP UMIDITA CSUOLO CFALDA CELU CELU2 LNAPL a pz1/2.5 pz a s1/0.5 s a s2/3 s dove: CCATZONA: è il codice della zona in cui sono stati eseguiti i sondaggi; CODICE: è il codice del punto di indagine dato dal nome sondaggio/ profondità di prelievo; SONDAGGIO: è il nome del sondaggio; COORDX: è la coordinata georeferenziata x del sondaggio; COORDY: è la coordinata georeferenziata y del sondaggio; COORDZ: è la profondità di campionamento; PCAMP: è l altezza sul livello del mare del piano campagna; UMIDITA : è l umidità del campione prelevato; CSUOLO: è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è un campione di suolo; CFALDA: è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è un campione di acqua; CELU: è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è da cui si è estratto l eluato; CELU2: è un campo flag che va posto pari 1 se il campione è da cui si è estratto l eluato da una frazione superiore a 2mm; LNAPL: : è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è di prodotto surnatante. Per l inserimento manuale dei punti di campionamento nel caso semplice sono a disposizione 3 bottoni: Inserisci Suolo sup Inserisci Suolo prof Inserisci falda. Vanno quindi inseriti i dati relativi all identificativo del campione, alla profondità di campionamento (Z), e la percentuale di umidità del campione, e l indicazione relativa al tipo di analisi effettuato (suolo; falda; eluato; eluato sopra i 2 m). Dopo l inserimento, in una tabella a 11 colonne, viene evidenziato il Codice del campione, le sue coordinate x, y, z nello spazio (dove z rappresenta la soggiacenza del campione 11

12 rispetto al piano campagna espressa in metri), l altezza assoluta del piano campagna sul livello del mare, la percentuale di umidità del campione, e l indicazione relativa al tipo di analisi effettuato (suolo; falda; eluato; eluato sopra i 2 mm). Il codice del campione appare automaticamente come somma del nome del sondaggio inserito e della relativa soggiacenza rispetto al piano campagna. Per specificare la tipologia del campione in questione è necessario cliccare il rad box nell apposita casella quando si attiva il tasto aggiungi o modifica. Qualora si sia osservata la presenza di prodotto in fase separata in galleggiamento sulla superficie freatica (LNAPL Light Non Aqueous Phase Liquids) è necessario cliccare il rad box nell apposita casella quando si attiva il tasto aggiungi o modifica. Per quanto riguarda i risultati dei test di eluizione, e quindi le concentrazioni dell eluato, si precisa che questo dato viene utilizzato unicamente per calcolare il percorso di dilavamento del suolo verso la falda da parte delle acque di infiltrazione e quindi calcolare l impatto della contaminazione presente nel suolo sulla qualità delle acque sotterranee. L effettuazione dei test di eluizione, sia per le sostanze organiche che per quelle inorganiche, non è indispensabile in quanto all interno del codice è presente un equazione che permette di calcolare l eluato teorico a partire dalla concentrazione tal quale ottenuta dalle analisi di laboratorio. Per quanto riguarda il prodotto in fase separata in galleggiamento sulla falda è possibile evidenziarne la presenza unicamente per le sostanze chimiche classificate come LNAPL: Benzene, Etilbenzene, Toluene, Xileni totali, Stirene, Idrocarburi. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati inseriti. La presenza o meno di un analisi per le varie componenti viene rappresentata in tabella tramite i valori 0 o 1. Inoltre è possibile esportare in formato CSV, come definito per l importazione, il file relativo ai punti definiti, tramite il comando Esporta in CSV. 4.3 Acquisizione dati - Contaminazione nei punti Cliccando sulla casella Contaminazione nei punti si accede alla schermata in cui viene trattata la contaminazione presente in ogni punto di campionamento. In alto, per ogni area di interesse, vengono riportati i relativi punti di campionamento effettuati. Non è necessario specificare per ogni punto se la concentrazione di contaminante presente nel suolo sia superficiale o profonda, in quanto GIUDITTA 3.1 è in grado di distinguere automaticamente, basandosi sul parametro Z inserito nella definizione del punto di campionamento, se si tratta di una contaminazione superficiale (0 1 m di profondità) o profonda (> 1 m di profondità). Nell analisi di rischio, la distinzione tra suolo superficiale e suolo profondo viene introdotta per differenziare le modalità (percorsi di esposizione) attraverso le quali i recettori umani possono venire a contatto con la contaminazione. Infatti si presuppone che solo il primo metro di suolo (suolo superficiale) possa dare origine a fenomeni di contatto diretto con la contaminazione, mentre il suolo profondo possa causare rischi per gli esseri umani presenti in superficie, attraverso la migrazione e successiva inalazione di vapori. La contaminazione nei punti può essere inserita in modo manuale oppure è possibile importare i dati da un file in formato CSV. 12

13 L inserimento dei dati da file CSV avviene selezionando la casella Importa CSV. L intestazione delle colonne del file e il contenuto dei record deve essere il seguente: CCATZONA CODPUNTO IDCONT SUOLOSS SUOLOTQ FALDA ELU ELU2 a c4/ a c4/ a pro/ a pro/ a sx/ Dove: CCATZONA: è il codice della zona in cui sono stati eseguiti i sondaggi; CODPUNTO: è il codice del punto di indagine dato dal nome sondaggio/ profondità di prelievo; IDCONT: è il codice numerico associato ad ogni contaminante, reperibile nella tabella Elenco Contaminanti del database Giuditta; SUOLOSS: è la concentrazione rilevata nel suolo come sostanza secca; SUOLOTQ: è la concentrazione rilevata nel suolo come tal quale; FALDA: è la concentrazione rilevata nelle acque di falda; ELU: è la concentrazione rilevata nell eluato; ELU2: è la concentrazione rilevata nell eluato ricavato da una frazione superiore ai 2mm. Per l inserimento manuale, premendo il tasto Inserisci, appare l elenco dei contaminanti da selezionare. Cliccando sul contaminante di interesse, appare una finestra per l introduzione delle concentrazioni nelle varie matrici ambientali (suolo, falda, eluato, eluato>2mm). E da sottolineare che, nei casi di contaminazione dei suoli, per il proseguimento dell analisi è indispensabile l inserimento della concentrazione riferita al Tal Quale. In mancanza di tale dato, il software consente un calcolo approssimato a partire dalla concentrazione riferita alla Sostanza Secca tenendo conto dell umidità, tramite l apposito tasto Calcola T.Q.. Selezionando uno specifico punto di campionamento, si rende visibile, nell area sottostante, una tabella a 7 13

14 colonne recante l elenco dei contaminanti ritrovati, per ognuno dei quali è specificato il CAS number, la concentrazione nel suolo riferita alla sostanza secca (SS) e quella riferita al tal quale (TQ), la concentrazione ritrovata in falda, la concentrazione dell eluato e la concentrazione dell eluato sopra i 2 mm. Sono inoltre disponibili i tasti: Inserisci, Modifica, Elimina, qualora si volessero aggiungere una o più contaminanti, modificare o eliminare quelli già inseriti. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati inseriti. Inoltre il tasto Esporta CSV permette di esportare un file CSV con le informazioni riguardanti le concentrazioni dei contaminanti ritrovati nei punti, strutturato come il file di ingresso. Per la gestione delle contaminazioni da Idrocarburi, è possibile selezionare il tasto Idrocarburi. In tal modo, si accede ad una schermata che permette l inserimento dei valori di concentrazione delle frazioni idrocarburiche da esaminare. L utente, disponendo delle analisi di speciazione dei TPH dei campioni di terreno analizzati, vede comparire due finestre distinte, una per il gruppo degli idrocarburi caratterizzati da C 12, l altra per quello C>12. Per ogni gruppo, appare una suddivisione degli idrocarburi in Alifatici e Aromatici, e per ognuna di esse vi è la possibilità di inserire i dati di concentrazione (riferiti in termini di suolo-ss e suolo-tq, eluato sotto i 2mm e sopra i 2mm), sia secondo la metodologia del Total Petroleum Hydrocarbon Criteria Working Group (TPHCWG) che secondo quella del Massachussetts Department of Environmental Protection (MADEP). Per una dettagliata descrizione dei due metodi si rimanda all allegato 2 presente alla fine del manuale. Dopo aver inserito i dati di concentrazione delle singole frazioni, il software calcola in automatico, per ognuno dei due approcci, il totale delle concentrazioni per il suolo e per la falda delle frazioni caratterizzate da C 12 e delle frazioni caratterizzate da C>12. Tali valori, visualizzati nelle tabelle poste nella parte alta dello schermo, vengono utilizzati per il confronto con i CSC. 14

15 4.4 Livello 1 Comparazione con CSC (Concentrazione Soglia Contaminazione) Al Livello 1 di analisi si accede dal menù principale selezionando la casella Comparazione con CSC. Prima di procedere con la spiegazione dettagliata di tale sezione, è necessario sottolineare la differenza tra Analisi di Livello 1 e Analisi di Livello 2. Per analisi di Livello 1 si intende il puro confronto tabellare tra le concentrazioni dei contaminanti ritrovate nelle diverse matrici ambientali e le concentrazioni soglia di contaminazione definiti per i terreni e per le acque sotterranee (CSC). Dopo questo confronto di tipo tabellare, per quelle sostanze che siano state ritrovate, in una o più matrici ambientali, in concentrazioni eccedenti le CSC previste, oppure per le quali manchino dei Limiti di Accettabilità di riferimento, si accede al Livello 2 di analisi. Il Livello 2 implementa le metodologie di calcolo di analisi di rischio sito specifica. A tal scopo si è partiti dalle metodologie internazionali più accreditate in materia di analisi di rischio, e sono state apportate modifiche tali da rendere l approccio conforme alle specifiche condizioni italiane, sia da un punto di vista tecnico che normativo. Si è pertanto proceduto a: analizzare e definire i recettori potenzialmente esposti (adulti, bambini e risorsa idrica sotterranea) per le destinazioni d uso previste; analizzare criticamente i percorsi di esposizione per la salute umana e per la protezione della risorsa idrica che sono stati presi in considerazione nella letteratura internazionale; effettuare, per ognuna delle sostanze di potenziale interesse, uno studio per scegliere i parametri chimico fisici di interesse (limitatamente a quelli che concorrono a definire la mobilità della sostanza nell ambiente e che sono utilizzati nelle equazioni prescelte per la modellazione dei percorsi di esposizione); effettuare, per ognuna delle sostanze, una revisione dei dati tossicologici riportati nelle banche dati per definire i parametri tossicologici di riferimento, sia per le sostanze cancerogene che per quelle non cancerogene; analizzare i livelli di accettabilità del rischio proposti sia in ambito nazionale che internazionale, sia per le sostanze cancerogene che per quelle non cancerogene, in modo da scegliere quelli più opportuni. Dopo aver selezionato dal menù guidato la casella Comparazione CSC, si apre una schermata in cui si distinguono due aree: 15

16 1. Punti di campionamento che eccedono le CSC: vengono riportati i punti di la zona d interesse. Cliccando su uno specifico punto di campionamento, viene reso visibile nell area sottostante l elenco dei contaminanti di interesse. 2. Contaminanti che eccedono le CSC: per ogni punto di campionamento selezionato appare una tabella a 15 colonne in cui, per ogni contaminante, sono specificati il CAS number, le concentrazioni che sono state ritrovate nel suolo, nella falda, nell eluato, e nell eluato sopra i 2 mm, i limiti di accettabilità tabellari del Livello 1 per il suolo e per la falda, e il valore dei superamenti relativi a tali limiti, ottenuto per differenza tra la concentrazione ritrovata e la rispettiva concentrazione limite del Livello 1. Per il suolo viene specificato il tipo di limite che, in accordo col Regolamento Attuativo, può essere riferito alle seguenti destinazioni d uso: A. residenziale/verde pubblico e privato; B. industriale/commerciale. Il software effettua automaticamente un confronto tra i limiti di accettabilità tabellari di Livello 1 delle matrici ambientali (suolo e acque sotterranee) presenti nella normativa per la specifica destinazione d uso e le concentrazioni delle sostanze e dei gruppi sostanze (sommatorie) ritrovate nel punto di campionamento in questione. Qualora uno dei gruppi di sostanze (sommatoria) presenti un eccedenza, verranno analizzati nel Livello 2 i singoli composti che costituiscono il gruppo e che presentano concentrazioni diverse da 0. I composti del gruppo che superano singolarmente i limiti di Livello 1 saranno comunque analizzati al Livello 2. Qualora non vi sia nessuna eccedenza l analisi del sito è da considerarsi conclusa. Per quanto riguarda la contaminazione da idrocarburi, una volta assegnate, sia secondo la metodologia TPHCWG sia secondo MADEP, le concentrazioni derivanti dalla speciazione degli idrocarburi nel suolo, si procede a verificare se tali valori comportano un superamento dei limiti di accettabilità tabellari di Livello 1. Per quanto riguarda la contaminazione delle acque sotterranee, il software opera una sommatoria dei valori di concentrazione di tutte le frazioni idrocarburiche considerate. Quando la concentrazione totale così calcolata supera il limite di accettabilità, ossia il valore di 0,35 mg/l inteso come idrocarburi totali espressi come n-esano, si accede al Livello 2 dell analisi di rischio. Per quanto riguarda la contaminazione nei suoli, il software opera una sommatoria dei valori di concentrazione delle frazioni caratterizzate da C 12 e C>12, ed effettua il confronto con i limiti di accettabilità per entrambe le classi di idrocarburi. 16

17 Se una o entrambe le classi superano i rispettivi CSC si accede al Livello 2 dell analisi di rischio. Il confronto della concentrazione corrispondente ai gruppi di idrocarburi (idrocarburi leggeri e pesanti per il suolo, idrocarburi disciolti per le acque) con i Limiti di Livello 1 viene visualizzato, come per gli altri contaminanti, in Livello 1 di analisi, nella finestra Contaminanti che eccedono le CSC. Il software effettua automaticamente un confronto tra i limiti di accettabilità tabellari di Livello 1 delle matrici ambientali (suolo e acque sotterranee) presenti nella normativa per la specifica destinazione d uso e le concentrazioni ritrovate in sito. Quando uno o entrambi le classi di idrocarburi (C 12 o C>12) presentano un eccedenza, il sistema analizza nel livello 2 le singole frazioni che costituiscono la classe e che presentano concentrazioni maggiori di 0. Selezionando il tasto Riassuntivo generale appare una tabella a 15 colonne in cui vengono elencati, secondo lo stesso criterio della tabella dei Contaminanti che eccedono le CSC, i superamenti di tutti i punti di campionamento effettuati, distinti punto per punto ed il totale delle zone che superano il limite. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati visualizzati in tabella. 17

18 4.5 Parametri Selezionando dal menù guidato la casella relativa alla sezione Caratteristiche del sito e percorsi di esposizione, si accede ad una schermata divisa in due aree distinte: a sinistra, viene riportata l area in esame e la zona da cui essa è caratterizzata; a destra sono riportati i parametri. Cliccando su ogni sotto-area si apre un menù recante le seguenti 3 sotto-sezioni: 1. Caratteristiche della zona; 2. Percorsi di esposizione; 3. Introduzione dei parametri Caratteristiche della zona Le caratteristiche della zona da selezionare sono tre e sono poste in termini di domanda: Il sito è completamente pavimentato? Sono presenti spazi confinati? C è una falda al di sotto del sito? Si risponde Si o No selezionando le rispettive caselle. Queste tre domande sono state scelte per facilitare l utente nella scelta delle modalità (percorsi di esposizione) attraverso cui il recettore umano può venire a contato con la contaminazione. Ad esempio, in un sito completamente pavimentato non dovrebbero essere possibili i contatti diretti con la contaminazione (ingestione e contatto dermico, ma anche inalazione di polveri). E da sottolineare che se il sito è completamente pavimentato, non si devono selezionare nella fase di scelta dei percorsi d esposizione quelli relativi all esposizione diretta ed eventualmente, se si ritiene che non via sia infiltrazione delle acque meteoriche nel suolo, il percorso relativo al dilavamento dal suolo verso la falda. Se non sono presenti in sito spazi confinati, non sarà in generale possibile per gli esseri umani inalare vapori o polveri contaminate in ambienti chiusi (indoor). Analogo discorso può essere fatto per la domanda relativa alla presenza di una falda nel sottosuolo: solo in presenza di una falda sottostante potranno essere generati vapori potenzialmente nocivi per la salute umana dalla falda. 18

19 La finestra sottostante evidenzia la destinazione d uso selezionata in fase di definizione della zona di esposizione Percorsi di esposizione Selezionando questa casella viene visualizzata la finestra di selezione dei percorsi di esposizione dal suolo, dalla falda e dal prodotto libero. I percorsi di esposizione possibili per il suolo sono nove: ingestione di suolo; contatto dermico; inalazione indoor di polveri; inalazione all aperto di polveri; vapori indoor dal suolo superficiale; vapori all aperto dal suolo superficiale; vapori indoor dal suolo profondo; vapori all aperto dal suolo profondo; dilavamento del suolo verso la falda. I percorsi di esposizione possibili dalla falda sono tre: vapori indoor dalla falda; vapori all aperto dalla falda; migrazione della fase dissolta in falda. I percorsi di esposizione possibili dal prodotto libero sono tre: vapori indoor dal prodotto libero; vapori all aperto dal prodotto libero; 19

20 migrazione della fase dissolta in falda. Per ogni percorso di esposizione attivo, è associata la casella Formule, selezionando la quale si accede ad una schermata in cui è possibile visualizzare la formula che il software utilizza per calcolare il rischio associato a quel percorso d esposizione. 20

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

APPENDICE V. Applicazione dell Analisi di Rischio ai Punti Vendita Carburante APPLICAZIONE DELL ANALISI DI RISCHIO AI PUNTI VENDITA CARBURANTE

APPENDICE V. Applicazione dell Analisi di Rischio ai Punti Vendita Carburante APPLICAZIONE DELL ANALISI DI RISCHIO AI PUNTI VENDITA CARBURANTE APPENDICE V APPLICAZIONE DELL ANALISI DI RISCHIO AI PUNTI VENDITA CARBURANTE 1 Composizione del GdL ristretto per l elaborazione dell APPENDICE V: ISPRA: Laura D Aprile (coordinatore), Marco Falconi, Antonella

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

MANUALE DI RIFERIMENTO

MANUALE DI RIFERIMENTO - Dominio Provinciale Tecnologia dei Processi UALE DI RIFERIMENTO Procedura COB Import tracciato Ministeriale Preparato da: Paolo.Meyer Firma Data Verificato da: Carlo di Fede Firma Data Approvato da:

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi:

A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: A seguito di specifica richiesta questo Istituto ha emanato il seguente parere in merito alla classificazione dei rifiuti contenenti idrocarburi: Riferimenti ISS: Protocollo N. 32074-23/06/2009 Criteri

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli

Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli Guida Studenti per i servizi online: compilazione dei questionari per la valutazione della didattica Iscrizione agli appelli v 4.0 1. Requisiti software Lo studente deve essere dotato di connessione internet

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Importazione dati da Excel

Importazione dati da Excel Nota Salvatempo Spesometro 4.3 19 MARZO 2015 Importazione dati da Excel In previsione della prossima scadenza dell'invio del Modello Polivalente (Spesometro scadenza aprile 2015), è stata implementata

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Simplex Gestione Hotel

Simplex Gestione Hotel Simplex Gestione Hotel Revisione documento 01-2012 Questo documento contiene le istruzioni per l'utilizzo del software Simplex Gestione Hotel. E' consentita la riproduzione e la distribuzione da parte

Dettagli

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO:

ASTA IN GRIGLIA PRO. COSA PERMETTE DI FARE (per ora) Asta In Griglia PRO: ASTA IN GRIGLIA PRO Asta in Griglia PRO è un software creato per aiutare il venditore Ebay nella fase di post-vendita, da quando l inserzione finisce con una vendita fino alla spedizione. Il programma

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

1 Configurazioni SOL per export SIBIB

1 Configurazioni SOL per export SIBIB Pag.1 di 7 1 Configurazioni SOL per export SIBIB Le configurazioni per l export dei dati verso SIBIB si trovano in: Amministrazione Sistema > Import-Export dati > Configurazioni. Tutte le configurazioni

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.

1x1 qs-stat. Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità. Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n. 1x1 qs-stat Pacchetto Software per la Soluzione di Problemi Statistici nel Controllo Qualità Versione: 1 / Marzo 2010 Doc. n.: PD-0012 Copyright 2010 Q-DAS GmbH & Co. KG Eisleber Str. 2 D - 69469 Weinheim

Dettagli

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI

SID - GESTIONE FLUSSI SALDI Dalla Home page del sito dell Agenzia delle Entrate Cliccare sulla voce SID Selezionare ACCREDITAMENTO Impostare UTENTE e PASSWORD Gli stessi abilitati ad entrare nella AREA RISERVATA del sito (Fisconline

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile

DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile GUIDA AI SERVIZI DESIOLINE DesioWeb Banking DesioWeb Banking Light DesioWeb Trade DesioPhone DesioMobile Versione 1.8 del 10/6/2013 Pagina 1 di 96 Documentazione destinata all uso da parte dei clienti

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

MANUALE UTENTE CARICO MASSIVO ANAGRAFICA PRODOTTI INDICE DEL DOCUMENTO 1 Introduzione... 1-1 Contenuto del documento...... 1-1 2 Template file Excel... 2-2 3 Carico prodotti... 3-4 4 Caricamento tabella

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x

MANUALE OPERATIVO. Programma per la gestione associativa Versione 5.x Associazione Volontari Italiani del Sangue Viale E. Forlanini, 23 20134 Milano Tel. 02/70006786 Fax. 02/70006643 Sito Internet: www.avis.it - Email: avis.nazionale@avis.it Programma per la gestione associativa

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Manuale Utente IMPORT IATROS XP

Manuale Utente IMPORT IATROS XP Manuale Utente IMPORT IATROS XP Sommario Prerequisiti per l installazione... 2 Installazione del software IMPORT IATROS XP... 2 Utilizzo dell importatore... 3 Report della procedura di importazione da

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php.

MASTERCOM. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. MASTERCOM La piattaforma MASTERCOM funziona con Mozilla Firefox. L indirizzo internet per accedere al registro elettronico è: https://82.185.224.202/mastercom/index.php. Tramite l indirizzo https://82.185.224.202/registro/index.php

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli