Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati. Versione 3.1 MANUALE D USO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati. Versione 3.1 MANUALE D USO"

Transcript

1 Provincia di Milano Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati URS ITALIA S.p.A. Versione 3.1 1

2 GIUDITTA versione 3.1 è stato prodotto da: Provincia di Milano e URS ITALIA S.p.A. Proprietà della Provincia di Milano e URS ITALIA S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Il logotipo di GIUDITTA è stato ideato e realizzato da Alberto Longhi Il software GIUDITTA v. 3.1 ed il relativo manuale d uso, sono distribuiti gratuitamente da: Provincia di Milano Direzione Centrale Ambiente Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati Corso di Porta Vittoria, Milano 2

3 INTRODUZIONE ALLA VERSIONE 3.1 Questa versione del software Giuditta 3.1 costituisce un aggiornamento della precedente versione Giuditta 3.0; le principali modifiche apportate sono relative ai seguenti aspetti: 1. Aggiornamento delle formule inserite in base agli standard internazionali ASTM E (reapproved 2004) in particolare con l introduzione dei bilanci di massa per le seguenti vie di esposizione: inalazione vapori outdoor da suolo profondo; inalazione vapori indoor da suolo profondo; leaching in falda da suolo superficiale; leaching in falda da suolo profondo. 2. Modifica e aggiornamento dei parametri del data base utilizzando le seguenti fonti: Database ISS/APAT/ISPESL; Database US/EPA (RAIS); Database SYRACUSE, TOXNET, GSI.NET, CAL EPA. Per ogni parametro è stato calcolato il rapporto tra i valori presenti nei database ISS/APAT/ISPESL e USEPA (RAIS): - se il rapporto è risultato minore o uguale a 1,2 nel data base è stato adottato il valore presente nel data base ISS/APAT; - se il rapporto è risultato compreso tra 1,2 e 10 si è adottato il valore che maggiormente tutela la salute umana; - se il rapporto è risultato maggiore di 10 è stato adottato il valore individuato mediante una specifica ricerca utilizzando i database SYRACUSE, TOXNET, GSI.NET, CAL EPA. 3. Sono stati inoltre introdotti vari altri miglioramenti e modifiche non strutturali finalizzati ad incrementare la facilità di utilizzo. Si specifica che, per quanto attiene il criterio di valutazione del rischio per la falda (paragrafo ), in assenza di una prassi consolidata a livello nazionale e di specifici standard di riferimento, è stata operata una scelta di ragionevole cautela che si discosta da quanto indicato nell allegato 1 al titolo V del D. Lgs. 152/06 per il quale il punto di conformità Rappresenta il punto tra la sorgente e il punto di esposizione dove le concentrazioni delle sostanze contaminanti nelle acque sotterranee devono essere inferiori alle CSR calcolate con l analisi di rischio. Nello specifico, anche in previsione/attesa di orientamenti e di indicazioni tecniche da parte degli organismi preposti alla formazione di linee guida sull applicazione delle procedure di analisi di rischio, si è attribuito al punto di conformità un significato derivato dalla consolidata applicazione delle procedure di analisi di rischio al contesto italiano durante l applicazione del D.M. 471/99 ossia come il punto teorico in corrispondenza del quale si vuole che i valori di concentrazioni di contaminanti nelle acque sotterranee siano conformi ai limiti di accettabilità tabellari riportati nella casella Livello 1 di analisi (CSC) e pertanto abbiano intrinsecamente un rischio accettabile per qualsiasi recettore e per qualsiasi utilizzo. Quindi, ritenendo questa condizione come utile e necessaria almeno all esterno dell area oggetto di procedura di analisi di rischio, si fornisce l indicazione di porre il punto di conformità ad una distanza praticamente coincidente con il perimetro esterno del sito, compatibilmente con quanto indicato dal D.Lgs. 152/06 di porre il punto di conformità al di fuori del sito contaminato, indicativamente ad una distanza variabile tra 50 e 500 metri dalla sorgente di contaminazione. Risulta del tutto evidente che, a fronte di formali espressioni da parte di Autorità e Istituti centrali, si rivedrà la posizione assunta. 3

4 Nel caso in cui durante l utilizzo del programma dovessero verificarsi eventuali anomalie e bugs, queste potranno essere segnalate al seguente indirizzo di posta elettronica: Riteniamo infine importante ricordare che questo manuale d uso descrive il funzionamento di un software Giuditta 3.1 che simula e quantifica fenomeni di natura generalmente complessa relativi alla diffusione e al trasporto di contaminanti organici e inorganici nel sottosuolo. Un corretto utilizzo di questo software presuppone pertanto la conoscenza, in termini generali, delle caratteristiche chimico-fisiche e tossicologiche dei diversi contaminanti e dei meccanismi alla base dei fenomeni rappresentati. In tal senso la Provincia di Milano e URS Italia non sono responsabili dei risultati che vengono forniti dal software i quali sono nella responsabilità esclusiva di chi effettua lo studio di analisi di rischio. La lettura di questo manuale d uso prima dell esecuzione dello studio di analisi di rischio è raccomandata per un adeguata conoscenza delle procedure di calcolo adottate e delle modalità di utilizzo del software. 4

5 INDICE 1. INSTALLAZIONE ED AVVIO 6 2. ALLEGATI 7 3. MODALITÀ DI UTILIZZO 8 4. CASO SEMPLICE Apertura di un progetto Nuovo progetto Progetto esistente Acquisizione dati - Definizione area di campionamento Acquisizione dati - Contaminazione nei punti Livello 1 Comparazione con CSC (Concentrazione Soglia Contaminazione) Parametri Caratteristiche della zona Percorsi di esposizione Introduzione dei parametri Modifica dei parametri Analisi dei dati Metodi statistici Risultati Rischio per sostanze cancerogene HI per sostanze non cancerogene HI per la falda Raccordo con il D.Lgs. 152/ Concentrazioni Soglia di Rischio (CSR) CSR maggiori del valore di saturazione Rischio da Idrocarburi Concentrazioni Soglia di Rischio Idrocarburi Peso dei percorsi CASO COMPLESSO Acquisizione dati - Definizione Area di campionamento Parametri - Caratteristiche del sito e percorsi d esposizione Analisi dei dati Metodi statistici Risultati OPZIONI 48 ALLEGATI Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Allegato 5 Trattazione delle sommatorie presenti nelle concentrazioni soglia di contaminazione (CSC) Trattazione della contaminazione da Idrocarburi Struttura delle tabelle e dei dati contenuti nel database Tabelle Formule 5

6 1. Installazione ed avvio Il software GIUDITTA può essere installato su ogni computer che abbia i seguenti requisiti minimi: un processore del tipo 486 o superiori; 64 MB di RAM; 10 MB di spazio disponibile sul disco fisso; risoluzione dello schermo 800 x 640 dpi. I requisiti software minimi sono i seguenti: Microsoft Windows 3.1 o Windows 95 o Windows 98, Windows NT. L installazione è generalmente incompatibile con la presenza di versioni precedenti di Giuditta che dovranno pertanto essere disinstallate precedentemente ad ogni procedura di installazione. Per quanto riguarda le analisi di rischio eseguite con precedenti versioni di Giuditta è possibile recuperare esclusivamente i dati relativi alla definizione delle aree di campionamento e la contaminazione nei punti mediante l esportazione degli stessi e la reimportazione nella nuova versione. Verificata positivamente la presenza dei requisiti minimi hardware e software, e accertato di avere chiuso tutte le applicazioni in corso di esecuzione, seguire la seguente procedura per l installazione di GIUDITTA CASO 1: Installazione diretta da sito web, consigliato in caso di connessione internet a banda larga (ADSL o superiore) A. Ciccare due volte sul file giuditta_31.exe (il programma verrà installato automaticamente sul PC) B. seguire le istruzioni che compaiono a video; le istruzioni che compaiono riguardano essenzialmente la scelta della sotto directory all interno della quale installare GIUDITTA. Questa sotto directory può essere quella proposta (C:\PROGRAMMI\GIUDITTA) oppure una scelta a piacimento. C. prima di effettuare il run del programma verificare che vi sia nella directory del file eseguibile il database Giuditta31.mdb. D. al termine dell installazione sarà possibile avviare il programma eseguendo il file GIUDITTA.exe all interno della directory selezionata oppure cliccando con il mouse direttamente sulla relativa icona. CASO 2: Installazione previo download delle partizioni dei pacchetti di installazione del software, consigliato in caso di connessione telefonica analogica A. copiare in un unica directory temporanea i file giuditta_31.part1.exe; giuditta_31.part2.rar; giuditta_31.part 3.rar; giuditta_31.part 4.rar; giuditta_31.part 5.rar B. Cliccare due volte sul file giuditta_31.part1.exe l installazione sarà automaticamente avviata; C. seguire le istruzioni che compaiono a video; le istruzioni che compaiono riguardano essenzialmente la scelta della sotto directory all interno della quale installare GIUDITTA. Questa sotto directory può essere quella proposta (C:\PROGRAMMI\GIUDITTA) oppure una scelta a piacimento. D. prima di effettuare il run del programma verificare che vi sia nella directory del file eseguibile il database Giuditta31.mdb. E. al termine dell installazione sarà possibile avviare il programma eseguendo il file GIUDITTA.exe all interno della directory selezionata oppure cliccando con il mouse direttamente sulla relativa icona. Utilizzo di file creati con versioni precedenti di Giuditta Per quanto riguarda analisi di rischio eseguite con precedenti versioni di Giuditta è possibile recuperare esclusivamente i dati relativi alla definizione delle aree di campionamento e la contaminazione nei punti mediante l esportazione degli stessi e la reimportazione nella nuova versione. Le istruzioni che compaiono a video riguardano essenzialmente la scelta della sotto directory all interno della quale installare GIUDITTA. Questa sotto directory può essere quella proposta (C:\PROGRAMMI\GIUDITTA) oppure una scelta a piacimento. Al termine dell installazione sarà possibile avviare il programma eseguendo il file GIUDITTA.exe all interno della directory selezionata oppure cliccando con il mouse direttamente sulla relativa icona. 6

7 2. Allegati Alla fine del presente manuale sono presenti cinque allegati per l approfondimento e la spiegazione di alcuni degli argomenti trattati. Allegato 1: Trattazione delle sommatorie Viene affrontata la trattazione delle sommatorie presenti nelle CSC adottate in particolare per il suolo (vedi Allegato 4, Tabella 1a ): Sommatoria organici monoaromatici; Sommatoria IPA, Sommatoria ammine aromatiche, Metilfenolo (o-,m-,p-), DDD-DDT-DDE. Per le acque sotterranee (vedi Allegato 4, Tabella 1b): Sommatoria IPA, Sommatoria organo alogenati, DDD-DDT-DDE, Sommatoria fitofarmaci. Allegato 2: Trattazione della contaminazione da Idrocarburi In questo allegato viene approfondita la trattazione della contaminazione da Idrocarburi, per una migliore comprensione dei due metodi utilizzati dal software: Total Petroleum Hydrocarbons Criteria Working Group (TPHCWG); Massachussetts Department of Environmental Protection (MADEP). Allegato 3: Struttura delle tabelle dei dati contenuti nel database In questo allegato sono riportate le strutture delle tabelle che vengono utilizzate nel database di Giuditta 3.1. per l inserimento, l elaborazione e l esportazione dei dati. Vengono inoltre segnalati i nomi dei files che vengono dati di default dal software quando si importano o esportano le tabelle di database. Per una maggiore comprensione di tali procedure di import/export dei dati, si rimanda alla directory Esempi, dove sono stati inseriti i files di esempio per l import e l export diversificati in due sotto-directory, a seconda dei separatori di campo utilizzati: Esportazione chr_124 Esportazione_TAB Allegato 4: Tabelle Vengono riportate le seguenti tabelle: Tabella 1a: Concentrazione soglia di contaminazione (CSC) nei terreni riferite alla specifica destinazione d uso dei siti. Tabella 1b: Concentrazione soglia di contaminazione (CSC) nelle acque sotterranee. Allegato 5: Formule In questo allegato vengono presentate le formule che sono state utilizzate in Giuditta

8 3. Modalità di utilizzo La videata iniziale del software riporta il logo GIUDITTA versione 3.1 e dei soggetti che lo hanno realizzato e che ne sono proprietari: la Provincia di Milano e URS Italia S.p.A. Dalla videata iniziale è possibile scegliere tra la versione italiana e quella inglese del software, cliccando sulla bandiera italiana o su quella inglese rispettivamente. In questa nuova versione GIUDITTA 3.1 è possibile utilizzare il software in due modalità differenti corrispondenti a: Caso Semplice: Questa opzione è stato implementata per rispondere alle esigenze di esecuzione di un analisi di rischio preliminare ovvero nei casi in cui l utente abbia a disposizione ridotte informazioni sul sito e voglia valutare preliminarmente i rischi corrispondenti alle concentrazioni rilevate nei terreni e nelle acque sotterranee. Nel Caso Semplice si possono inserire solamente 3 punti di campionamento corrispondenti a suolo superficiale, suolo profondo e falda. Caso complesso. Questa opzione, differentemente dal caso semplice, permette l inserimento di più zone d esposizione e più punti di campionamento. Di conseguenza, sono visualizzabili i metodi statistici per il calcolo delle concentrazioni per il calcolo dl rischio e l analisi di rischio viene effettuata per zone diverse. La scelta tra le due possibilità di utilizzo viene proposta automaticamente la prima volta in cui viene utilizzato il software. A fronte di ogni apertura successiva di Giuditta 3.1, la modalità precedentemente scelta rimarrà impostata; per cambiarla è necessario selezionare dal menù principale Opzioni e Impostazioni utente, quindi selezionare la modalità d uso prescelta. Un diagramma di flusso, insieme al menù principale appare quindi sullo schermo in modo che l utente sia guidato nel percorso d esecuzione dell analisi di rischio. In ogni chart del flusso è presente una freccina che corrisponde all help in linea: cliccandoci sopra appariranno sullo schermo le informazioni relative alle operazioni che devono essere eseguite nella fase prescelta. L utente potrà quindi scegliere se utilizzare le caselle del flusso del menù guidato o, in modo equivalente se usare le caselle del menù principale (come nella precedenti versioni di Giuditta) che vengono anch esse attivate in modo sequenziale per guidare l utente al percorso per la realizzazione dell analisi di rischio. 8

9 4. Caso semplice Il Caso Semplice è stato implementato in Giuditta 3.1 per rispondere alle esigenze di esecuzione di un analisi di rischio preliminare ovvero nei casi in cui l utente abbia a disposizione ridotte informazioni sul sito e voglia valutare preliminarmente i rischi corrispondenti alle concentrazioni rilevate nei terreni e nelle acque sotterranee. Nel Caso Semplice si possono inserire solamente 3 punti di campionamento corrispondenti a suolo superficiale, suolo profondo e falda. Inoltre l utente sarà guidato nell esecuzione del software tramite percorsi obbligati che vengono descritti nei paragrafi successivi. Quando le charts lampeggiano di giallo l utente dovrà obbligatoriamente cliccare sulla chart e accedere alla schermata corrispondente. Una volta chiusa la schermata, vengono evidenziate in verde le charts corrispondenti alle operazioni effettuate. 4.1 Apertura di un progetto Una volta scelta la modalità d uso nel menù guidato appare lampeggiante la chart per l apertura di un progetto Nuovo progetto La creazione di un nuovo progetto avviene selezionando la casella Nuovo ; ciò determina la creazione automatica di un file con estensione.mdb che avrà lo stesso nome del progetto e conterrà i dati ad esso relativi. In particolare, selezionando la casella Nuovo si apre una finestra che permette all utente di scegliere la localizzazione nel disco fisso del file.mdb creato e di specificarne il nome. Creato il file, il nome del progetto verrà visualizzato nel diagramma di flusso e lampeggerà in giallo la chart successiva. 9

10 4.1.2 Progetto esistente L apertura del progetto esistente avviene selezionando la casella Apri e identificando il file corrispondente, oltre alla sua localizzazione nel disco fisso, nell elenco che compare. In questo caso appariranno colorate tutte le chart corrispondenti alle operazioni effettuate precedentemente sul progetto prescelto e sarà possibile riaprire anche in modalità non sequenziale le schermate d interesse. 4.2 Acquisizione dati - Definizione area di campionamento Selezionando la casella Definizione area di campionamento si accede ad una schermata comprendente tre aree distinte: 1. Area generale; 2. Zone d esposizione; 3. Punti di campionamento. In modalità semplice è possibile inserire un unica zona d esposizione e solamente tre punti di campionamento corrispondenti alle matrici suolo superficiale, profondo e falda. Qui di seguito vengono riportati i dettagli per l inserimento dei dati. 1. Area generale: viene specificato il Codice, la Descrizione e il Proprietario dell area di interesse; 2. Zona di esposizione: viene descritta in dettaglio la zona di esposizione e devono essere specificati il Codice, il Codice interno, la Descrizione della zona di esposizione, la sua Destinazione urbanistica (Verde, Residenziale, Commerciale, Industriale). Tramite la casella Conferma le informazioni inserite vengono salvate e visualizzate in una tabella. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati inseriti. Sono inoltre disponibili i tasti: Modifica ed Elimina, qualora si volesse modificare o eliminare la zona già inserita. 3. Punti di campionamento: per inserire i punti di campionamento è possibile effettuare sia un importazione da file CSV, sia l inserimento manuale. 10

11 Per l importazione dei punti tramite file in formato CSV è necessario aver completato le parti riguardanti l area generale e la zona d esposizione. Il file CSV da importare deve contenere le informazioni relative ai punti, agganciabili con le zone d esposizione precedentemente definite. L intestazione delle colonne del file e il contenuto dei record deve essere il seguente: CCATZONA CODICE SONDAGGIO COORDX COORDY COORDZ PCAMP UMIDITA CSUOLO CFALDA CELU CELU2 LNAPL a pz1/2.5 pz a s1/0.5 s a s2/3 s dove: CCATZONA: è il codice della zona in cui sono stati eseguiti i sondaggi; CODICE: è il codice del punto di indagine dato dal nome sondaggio/ profondità di prelievo; SONDAGGIO: è il nome del sondaggio; COORDX: è la coordinata georeferenziata x del sondaggio; COORDY: è la coordinata georeferenziata y del sondaggio; COORDZ: è la profondità di campionamento; PCAMP: è l altezza sul livello del mare del piano campagna; UMIDITA : è l umidità del campione prelevato; CSUOLO: è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è un campione di suolo; CFALDA: è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è un campione di acqua; CELU: è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è da cui si è estratto l eluato; CELU2: è un campo flag che va posto pari 1 se il campione è da cui si è estratto l eluato da una frazione superiore a 2mm; LNAPL: : è un campo flag che va posto pari a 1 se il campione è di prodotto surnatante. Per l inserimento manuale dei punti di campionamento nel caso semplice sono a disposizione 3 bottoni: Inserisci Suolo sup Inserisci Suolo prof Inserisci falda. Vanno quindi inseriti i dati relativi all identificativo del campione, alla profondità di campionamento (Z), e la percentuale di umidità del campione, e l indicazione relativa al tipo di analisi effettuato (suolo; falda; eluato; eluato sopra i 2 m). Dopo l inserimento, in una tabella a 11 colonne, viene evidenziato il Codice del campione, le sue coordinate x, y, z nello spazio (dove z rappresenta la soggiacenza del campione 11

12 rispetto al piano campagna espressa in metri), l altezza assoluta del piano campagna sul livello del mare, la percentuale di umidità del campione, e l indicazione relativa al tipo di analisi effettuato (suolo; falda; eluato; eluato sopra i 2 mm). Il codice del campione appare automaticamente come somma del nome del sondaggio inserito e della relativa soggiacenza rispetto al piano campagna. Per specificare la tipologia del campione in questione è necessario cliccare il rad box nell apposita casella quando si attiva il tasto aggiungi o modifica. Qualora si sia osservata la presenza di prodotto in fase separata in galleggiamento sulla superficie freatica (LNAPL Light Non Aqueous Phase Liquids) è necessario cliccare il rad box nell apposita casella quando si attiva il tasto aggiungi o modifica. Per quanto riguarda i risultati dei test di eluizione, e quindi le concentrazioni dell eluato, si precisa che questo dato viene utilizzato unicamente per calcolare il percorso di dilavamento del suolo verso la falda da parte delle acque di infiltrazione e quindi calcolare l impatto della contaminazione presente nel suolo sulla qualità delle acque sotterranee. L effettuazione dei test di eluizione, sia per le sostanze organiche che per quelle inorganiche, non è indispensabile in quanto all interno del codice è presente un equazione che permette di calcolare l eluato teorico a partire dalla concentrazione tal quale ottenuta dalle analisi di laboratorio. Per quanto riguarda il prodotto in fase separata in galleggiamento sulla falda è possibile evidenziarne la presenza unicamente per le sostanze chimiche classificate come LNAPL: Benzene, Etilbenzene, Toluene, Xileni totali, Stirene, Idrocarburi. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati inseriti. La presenza o meno di un analisi per le varie componenti viene rappresentata in tabella tramite i valori 0 o 1. Inoltre è possibile esportare in formato CSV, come definito per l importazione, il file relativo ai punti definiti, tramite il comando Esporta in CSV. 4.3 Acquisizione dati - Contaminazione nei punti Cliccando sulla casella Contaminazione nei punti si accede alla schermata in cui viene trattata la contaminazione presente in ogni punto di campionamento. In alto, per ogni area di interesse, vengono riportati i relativi punti di campionamento effettuati. Non è necessario specificare per ogni punto se la concentrazione di contaminante presente nel suolo sia superficiale o profonda, in quanto GIUDITTA 3.1 è in grado di distinguere automaticamente, basandosi sul parametro Z inserito nella definizione del punto di campionamento, se si tratta di una contaminazione superficiale (0 1 m di profondità) o profonda (> 1 m di profondità). Nell analisi di rischio, la distinzione tra suolo superficiale e suolo profondo viene introdotta per differenziare le modalità (percorsi di esposizione) attraverso le quali i recettori umani possono venire a contatto con la contaminazione. Infatti si presuppone che solo il primo metro di suolo (suolo superficiale) possa dare origine a fenomeni di contatto diretto con la contaminazione, mentre il suolo profondo possa causare rischi per gli esseri umani presenti in superficie, attraverso la migrazione e successiva inalazione di vapori. La contaminazione nei punti può essere inserita in modo manuale oppure è possibile importare i dati da un file in formato CSV. 12

13 L inserimento dei dati da file CSV avviene selezionando la casella Importa CSV. L intestazione delle colonne del file e il contenuto dei record deve essere il seguente: CCATZONA CODPUNTO IDCONT SUOLOSS SUOLOTQ FALDA ELU ELU2 a c4/ a c4/ a pro/ a pro/ a sx/ Dove: CCATZONA: è il codice della zona in cui sono stati eseguiti i sondaggi; CODPUNTO: è il codice del punto di indagine dato dal nome sondaggio/ profondità di prelievo; IDCONT: è il codice numerico associato ad ogni contaminante, reperibile nella tabella Elenco Contaminanti del database Giuditta; SUOLOSS: è la concentrazione rilevata nel suolo come sostanza secca; SUOLOTQ: è la concentrazione rilevata nel suolo come tal quale; FALDA: è la concentrazione rilevata nelle acque di falda; ELU: è la concentrazione rilevata nell eluato; ELU2: è la concentrazione rilevata nell eluato ricavato da una frazione superiore ai 2mm. Per l inserimento manuale, premendo il tasto Inserisci, appare l elenco dei contaminanti da selezionare. Cliccando sul contaminante di interesse, appare una finestra per l introduzione delle concentrazioni nelle varie matrici ambientali (suolo, falda, eluato, eluato>2mm). E da sottolineare che, nei casi di contaminazione dei suoli, per il proseguimento dell analisi è indispensabile l inserimento della concentrazione riferita al Tal Quale. In mancanza di tale dato, il software consente un calcolo approssimato a partire dalla concentrazione riferita alla Sostanza Secca tenendo conto dell umidità, tramite l apposito tasto Calcola T.Q.. Selezionando uno specifico punto di campionamento, si rende visibile, nell area sottostante, una tabella a 7 13

14 colonne recante l elenco dei contaminanti ritrovati, per ognuno dei quali è specificato il CAS number, la concentrazione nel suolo riferita alla sostanza secca (SS) e quella riferita al tal quale (TQ), la concentrazione ritrovata in falda, la concentrazione dell eluato e la concentrazione dell eluato sopra i 2 mm. Sono inoltre disponibili i tasti: Inserisci, Modifica, Elimina, qualora si volessero aggiungere una o più contaminanti, modificare o eliminare quelli già inseriti. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati inseriti. Inoltre il tasto Esporta CSV permette di esportare un file CSV con le informazioni riguardanti le concentrazioni dei contaminanti ritrovati nei punti, strutturato come il file di ingresso. Per la gestione delle contaminazioni da Idrocarburi, è possibile selezionare il tasto Idrocarburi. In tal modo, si accede ad una schermata che permette l inserimento dei valori di concentrazione delle frazioni idrocarburiche da esaminare. L utente, disponendo delle analisi di speciazione dei TPH dei campioni di terreno analizzati, vede comparire due finestre distinte, una per il gruppo degli idrocarburi caratterizzati da C 12, l altra per quello C>12. Per ogni gruppo, appare una suddivisione degli idrocarburi in Alifatici e Aromatici, e per ognuna di esse vi è la possibilità di inserire i dati di concentrazione (riferiti in termini di suolo-ss e suolo-tq, eluato sotto i 2mm e sopra i 2mm), sia secondo la metodologia del Total Petroleum Hydrocarbon Criteria Working Group (TPHCWG) che secondo quella del Massachussetts Department of Environmental Protection (MADEP). Per una dettagliata descrizione dei due metodi si rimanda all allegato 2 presente alla fine del manuale. Dopo aver inserito i dati di concentrazione delle singole frazioni, il software calcola in automatico, per ognuno dei due approcci, il totale delle concentrazioni per il suolo e per la falda delle frazioni caratterizzate da C 12 e delle frazioni caratterizzate da C>12. Tali valori, visualizzati nelle tabelle poste nella parte alta dello schermo, vengono utilizzati per il confronto con i CSC. 14

15 4.4 Livello 1 Comparazione con CSC (Concentrazione Soglia Contaminazione) Al Livello 1 di analisi si accede dal menù principale selezionando la casella Comparazione con CSC. Prima di procedere con la spiegazione dettagliata di tale sezione, è necessario sottolineare la differenza tra Analisi di Livello 1 e Analisi di Livello 2. Per analisi di Livello 1 si intende il puro confronto tabellare tra le concentrazioni dei contaminanti ritrovate nelle diverse matrici ambientali e le concentrazioni soglia di contaminazione definiti per i terreni e per le acque sotterranee (CSC). Dopo questo confronto di tipo tabellare, per quelle sostanze che siano state ritrovate, in una o più matrici ambientali, in concentrazioni eccedenti le CSC previste, oppure per le quali manchino dei Limiti di Accettabilità di riferimento, si accede al Livello 2 di analisi. Il Livello 2 implementa le metodologie di calcolo di analisi di rischio sito specifica. A tal scopo si è partiti dalle metodologie internazionali più accreditate in materia di analisi di rischio, e sono state apportate modifiche tali da rendere l approccio conforme alle specifiche condizioni italiane, sia da un punto di vista tecnico che normativo. Si è pertanto proceduto a: analizzare e definire i recettori potenzialmente esposti (adulti, bambini e risorsa idrica sotterranea) per le destinazioni d uso previste; analizzare criticamente i percorsi di esposizione per la salute umana e per la protezione della risorsa idrica che sono stati presi in considerazione nella letteratura internazionale; effettuare, per ognuna delle sostanze di potenziale interesse, uno studio per scegliere i parametri chimico fisici di interesse (limitatamente a quelli che concorrono a definire la mobilità della sostanza nell ambiente e che sono utilizzati nelle equazioni prescelte per la modellazione dei percorsi di esposizione); effettuare, per ognuna delle sostanze, una revisione dei dati tossicologici riportati nelle banche dati per definire i parametri tossicologici di riferimento, sia per le sostanze cancerogene che per quelle non cancerogene; analizzare i livelli di accettabilità del rischio proposti sia in ambito nazionale che internazionale, sia per le sostanze cancerogene che per quelle non cancerogene, in modo da scegliere quelli più opportuni. Dopo aver selezionato dal menù guidato la casella Comparazione CSC, si apre una schermata in cui si distinguono due aree: 15

16 1. Punti di campionamento che eccedono le CSC: vengono riportati i punti di la zona d interesse. Cliccando su uno specifico punto di campionamento, viene reso visibile nell area sottostante l elenco dei contaminanti di interesse. 2. Contaminanti che eccedono le CSC: per ogni punto di campionamento selezionato appare una tabella a 15 colonne in cui, per ogni contaminante, sono specificati il CAS number, le concentrazioni che sono state ritrovate nel suolo, nella falda, nell eluato, e nell eluato sopra i 2 mm, i limiti di accettabilità tabellari del Livello 1 per il suolo e per la falda, e il valore dei superamenti relativi a tali limiti, ottenuto per differenza tra la concentrazione ritrovata e la rispettiva concentrazione limite del Livello 1. Per il suolo viene specificato il tipo di limite che, in accordo col Regolamento Attuativo, può essere riferito alle seguenti destinazioni d uso: A. residenziale/verde pubblico e privato; B. industriale/commerciale. Il software effettua automaticamente un confronto tra i limiti di accettabilità tabellari di Livello 1 delle matrici ambientali (suolo e acque sotterranee) presenti nella normativa per la specifica destinazione d uso e le concentrazioni delle sostanze e dei gruppi sostanze (sommatorie) ritrovate nel punto di campionamento in questione. Qualora uno dei gruppi di sostanze (sommatoria) presenti un eccedenza, verranno analizzati nel Livello 2 i singoli composti che costituiscono il gruppo e che presentano concentrazioni diverse da 0. I composti del gruppo che superano singolarmente i limiti di Livello 1 saranno comunque analizzati al Livello 2. Qualora non vi sia nessuna eccedenza l analisi del sito è da considerarsi conclusa. Per quanto riguarda la contaminazione da idrocarburi, una volta assegnate, sia secondo la metodologia TPHCWG sia secondo MADEP, le concentrazioni derivanti dalla speciazione degli idrocarburi nel suolo, si procede a verificare se tali valori comportano un superamento dei limiti di accettabilità tabellari di Livello 1. Per quanto riguarda la contaminazione delle acque sotterranee, il software opera una sommatoria dei valori di concentrazione di tutte le frazioni idrocarburiche considerate. Quando la concentrazione totale così calcolata supera il limite di accettabilità, ossia il valore di 0,35 mg/l inteso come idrocarburi totali espressi come n-esano, si accede al Livello 2 dell analisi di rischio. Per quanto riguarda la contaminazione nei suoli, il software opera una sommatoria dei valori di concentrazione delle frazioni caratterizzate da C 12 e C>12, ed effettua il confronto con i limiti di accettabilità per entrambe le classi di idrocarburi. 16

17 Se una o entrambe le classi superano i rispettivi CSC si accede al Livello 2 dell analisi di rischio. Il confronto della concentrazione corrispondente ai gruppi di idrocarburi (idrocarburi leggeri e pesanti per il suolo, idrocarburi disciolti per le acque) con i Limiti di Livello 1 viene visualizzato, come per gli altri contaminanti, in Livello 1 di analisi, nella finestra Contaminanti che eccedono le CSC. Il software effettua automaticamente un confronto tra i limiti di accettabilità tabellari di Livello 1 delle matrici ambientali (suolo e acque sotterranee) presenti nella normativa per la specifica destinazione d uso e le concentrazioni ritrovate in sito. Quando uno o entrambi le classi di idrocarburi (C 12 o C>12) presentano un eccedenza, il sistema analizza nel livello 2 le singole frazioni che costituiscono la classe e che presentano concentrazioni maggiori di 0. Selezionando il tasto Riassuntivo generale appare una tabella a 15 colonne in cui vengono elencati, secondo lo stesso criterio della tabella dei Contaminanti che eccedono le CSC, i superamenti di tutti i punti di campionamento effettuati, distinti punto per punto ed il totale delle zone che superano il limite. Sono disponibili i tasti Stampa ed Esporta in excel per stampare o esportare su foglio di lavoro excel i dati visualizzati in tabella. 17

18 4.5 Parametri Selezionando dal menù guidato la casella relativa alla sezione Caratteristiche del sito e percorsi di esposizione, si accede ad una schermata divisa in due aree distinte: a sinistra, viene riportata l area in esame e la zona da cui essa è caratterizzata; a destra sono riportati i parametri. Cliccando su ogni sotto-area si apre un menù recante le seguenti 3 sotto-sezioni: 1. Caratteristiche della zona; 2. Percorsi di esposizione; 3. Introduzione dei parametri Caratteristiche della zona Le caratteristiche della zona da selezionare sono tre e sono poste in termini di domanda: Il sito è completamente pavimentato? Sono presenti spazi confinati? C è una falda al di sotto del sito? Si risponde Si o No selezionando le rispettive caselle. Queste tre domande sono state scelte per facilitare l utente nella scelta delle modalità (percorsi di esposizione) attraverso cui il recettore umano può venire a contato con la contaminazione. Ad esempio, in un sito completamente pavimentato non dovrebbero essere possibili i contatti diretti con la contaminazione (ingestione e contatto dermico, ma anche inalazione di polveri). E da sottolineare che se il sito è completamente pavimentato, non si devono selezionare nella fase di scelta dei percorsi d esposizione quelli relativi all esposizione diretta ed eventualmente, se si ritiene che non via sia infiltrazione delle acque meteoriche nel suolo, il percorso relativo al dilavamento dal suolo verso la falda. Se non sono presenti in sito spazi confinati, non sarà in generale possibile per gli esseri umani inalare vapori o polveri contaminate in ambienti chiusi (indoor). Analogo discorso può essere fatto per la domanda relativa alla presenza di una falda nel sottosuolo: solo in presenza di una falda sottostante potranno essere generati vapori potenzialmente nocivi per la salute umana dalla falda. 18

19 La finestra sottostante evidenzia la destinazione d uso selezionata in fase di definizione della zona di esposizione Percorsi di esposizione Selezionando questa casella viene visualizzata la finestra di selezione dei percorsi di esposizione dal suolo, dalla falda e dal prodotto libero. I percorsi di esposizione possibili per il suolo sono nove: ingestione di suolo; contatto dermico; inalazione indoor di polveri; inalazione all aperto di polveri; vapori indoor dal suolo superficiale; vapori all aperto dal suolo superficiale; vapori indoor dal suolo profondo; vapori all aperto dal suolo profondo; dilavamento del suolo verso la falda. I percorsi di esposizione possibili dalla falda sono tre: vapori indoor dalla falda; vapori all aperto dalla falda; migrazione della fase dissolta in falda. I percorsi di esposizione possibili dal prodotto libero sono tre: vapori indoor dal prodotto libero; vapori all aperto dal prodotto libero; 19

20 migrazione della fase dissolta in falda. Per ogni percorso di esposizione attivo, è associata la casella Formule, selezionando la quale si accede ad una schermata in cui è possibile visualizzare la formula che il software utilizza per calcolare il rischio associato a quel percorso d esposizione. 20

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Servizio Tecnologie e Siti Contaminati APAT 1 Software - Modelli applicativi I software maggiormente utilizzati in Italia sono:

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO SANITARIO COME STRUMENTO DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

ANALISI DI RISCHIO SANITARIO COME STRUMENTO DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO RELAZIONE DEL TIROCINIO SVOLTO PRESSO L ENTE ARPA SICILIA ANALISI DI RISCHIO SANITARIO COME STRUMENTO DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI - Luogo -Messina data 18/09/2009

Dettagli

Analisi di rischio sanitarioambientale

Analisi di rischio sanitarioambientale Analisi di rischio sanitarioambientale sito specifica Metodi analitici e ripristino ambientale LM STAmT - ACAT Marco De Zuani Giacomo Santoiemma Introduzione COS È IL RISCHIO? Nel caso di siti inquinati,

Dettagli

Bonifica di siti contaminati e Analisi di Rischio

Bonifica di siti contaminati e Analisi di Rischio Bonifica di siti contaminati e Analisi di Rischio Il software RISKNET e il confronto tra applicativi 01 luglio 2015 andreaforni@email.it Risk-net ver. 1.0: presentazione Ing. Iason Verginelli, 2012 2 Risk-net

Dettagli

RISK-NET. Manuale D uso Versione 1.0 Marzo 2012. RECONnet Rete Nazionale sulla gestione e la Bonifica dei Siti Contaminati

RISK-NET. Manuale D uso Versione 1.0 Marzo 2012. RECONnet Rete Nazionale sulla gestione e la Bonifica dei Siti Contaminati RISK-NET Manuale D uso Versione 1.0 Marzo 2012 RECONnet Rete Nazionale sulla gestione e la Bonifica dei Siti Contaminati Risk-net Versione 1.0 RISK-NET Versione 1.0 SOFTWARE PER L APPLICAZIONE DELL ANALISI

Dettagli

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Vai Tiziana, Campo Calogera - Servizio PSAL Colombo Laura, Careghini Alessandro, Trovato Monica - SSD Salute Ambiente Milano, 26

Dettagli

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A. UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica

Dettagli

Bonifica dei siti inquinati e Analisi di Rischio. Modulo 7 - esempi di applicazione di casi reali con il software Risknet. Bologna, 1 luglio 2015

Bonifica dei siti inquinati e Analisi di Rischio. Modulo 7 - esempi di applicazione di casi reali con il software Risknet. Bologna, 1 luglio 2015 Bonifica dei siti inquinati e Analisi di Rischio Modulo 7 - esempi di applicazione di casi reali con il software Risknet Bologna, 1 luglio 2015 1 Modello concettuale Caratteristiche del sito: Deposito

Dettagli

MANUALE D USO DEL SOFTWARE PROGETTI IFTS 2.3

MANUALE D USO DEL SOFTWARE PROGETTI IFTS 2.3 MANUALE D USO DEL SOFTWARE PROGETTI IFTS 2.3 Il Software Progetti IFTS 2.3 è la versione software del formulario per la presentazione dei progetti IFTS e contiene reinserito: - lo Standard Minimo delle

Dettagli

Analisi di rischio applicata ai siti contaminati

Analisi di rischio applicata ai siti contaminati Analisi di rischio applicata ai siti contaminati Renato Baciocchi, Iason Verginelli L Analisi di Rischio sanitario-ambientale è la procedura prevista dalla normativa italiana per la valutazione dello stato

Dettagli

Criteri di Calcolo del Rischio e degli Obiettivi di Bonifica Sito Specifici

Criteri di Calcolo del Rischio e degli Obiettivi di Bonifica Sito Specifici Criteri di Calcolo del Rischio e degli Obiettivi di Bonifica Sito Specifici Laura D Aprile ISPRA 1 Rischio Individuale e Rischio Cumulato Obiettivo dell AdR La procedura di analisi di rischio assoluta

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

SOFTWARE Febbario 2012. RECONnet Rete Nazionale sulla gestione e la Bonifica dei Siti Contaminati. Validazione del software Risk-net pag.

SOFTWARE Febbario 2012. RECONnet Rete Nazionale sulla gestione e la Bonifica dei Siti Contaminati. Validazione del software Risk-net pag. VALIDAZIONE DEL Rev.0 SOFTWARE Febbario 2012 RISK-NET RECONnet Rete Nazionale sulla gestione e la Bonifica dei Siti Contaminati pag. 1 VALIDAZIONE DEL SOFTWARE RISK-NET Marzo 2012 (Rev. 0) Gruppo di lavoro

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

La Stampa Unione. Individuare la lista indirizzi per la Stampa Unione

La Stampa Unione. Individuare la lista indirizzi per la Stampa Unione La Stampa Unione La Stampa unione consente di personalizzare con il nome, il cognome, l'indirizzo e altri dati i documenti e le buste per l'invio a più destinatari. Basterà avere un database con i dati

Dettagli

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE

COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE COMUNE DI PESCARA SETTORE TRIBUTI COMUNICAZIONE ICI PROCEDURA DI COMPILAZIONE INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA Requisisti di sistema L applicazione COMUNICAZIONI ICI è stata installata e provata sui seguenti

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

PeCo-Graph. Manuale per l utente

PeCo-Graph. Manuale per l utente PeCo-Graph Manuale per l utente 1. INTRODUZIONE...2 2. INSTALLAZIONE...3 2.1 REQUISITI...3 2.2 INSTALLAZIONE ED AVVIO...3 3. FUNZIONALITÀ ED UTILIZZO DEL PROGRAMMA...4 3.1 FUNZIONALITÀ...4 3.2 USO DEL

Dettagli

Progetto IAAM. esistenti sul territorio:

Progetto IAAM. esistenti sul territorio: Progetto IAAM (Indagine Ambientale Alto Mantovano) Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti sul territorio: I SITI CONTAMINATI A cura dell Area Suolo e Bonifiche U.O. Sistemi Ambientali ARPA Lombardia

Dettagli

Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale 2000-2003. Manuale d uso in breve

Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale 2000-2003. Manuale d uso in breve SICPCV Quality Società Italiana di Colposcopia e Patologia Cervico Vaginale 2000-2003 Manuale d uso in breve Indice: Introduzione pag.1 Interfaccia utente pag.2 Gestione assistiti, visite, statistiche

Dettagli

Note di utilizzo del programma

Note di utilizzo del programma Note di utilizzo del programma Queste sono delle brevi note che illustrano come eseguire l'installazione del programma per la gestione dei contest VHF UHF SHF ed il suo utilizzo, per eventuali problemi

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

I MENU IMPOSTAZIONI. Codice: indica il codice di abilitazione. Lingua: versioni in italiano, inglese e francese

I MENU IMPOSTAZIONI. Codice: indica il codice di abilitazione. Lingua: versioni in italiano, inglese e francese I MENU IMPOSTAZIONI Aggiorna dopo ricerca automatica: Selezionando questa opzione il programma farà partire automaticamente l'aggiornamento degli storici dopo che avrà caricato da Internet i dati. Codice:

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

Prontuario PlaNet Contabilità lavori

Prontuario PlaNet Contabilità lavori Prontuario PlaNet Contabilità lavori Status: Definitivo Pag. 1/34 File: Prontuario PlaNet Fornitori_00.doc INDICE PREMESSA...3 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE...4 ATTIVITÀ AMBITO DEL PROCESSO...5 Accesso

Dettagli

Legge 808/85 Vademecum per la compilazione della domanda di finanziamento. Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della difesa

Legge 808/85 Vademecum per la compilazione della domanda di finanziamento. Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della difesa Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per l Impresa e l Internazionalizzazione Direzione generale per la politica industriale e la competitività Divisione VIII Industria dell'aerospazio e della

Dettagli

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ver. 6 Dario Flaccovio Editore srl Settembre 2011 ISBN 978-88-579-0105-8 PREMESSA Il programma Impianti di riscaldamento ver. 6 nasce dall esigenza di aggiornare la versione precedente

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

GUIDA OPERATIVA CGM CSE CGM CSE. 1 of 22

GUIDA OPERATIVA CGM CSE CGM CSE. 1 of 22 GUIDA OPERATIVA 1 of 22 2 of 22 INDICE 1 INSTALLAZIONE 4 1.1 Verifiche preliminari 4 Requisiti minimi di sistema 5 1.1.1 Requisiti hardware e di connettività 5 1.2 Installazione postazione medico 6 1.3

Dettagli

WinRiPCo GESTIONE INOLTRO ISTANZE EDILIZIE

WinRiPCo GESTIONE INOLTRO ISTANZE EDILIZIE WinRiPCo GESTIONE INOLTRO ISTANZE EDILIZIE GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SOFTWARE L installazione e successiva configurazione del software complessivamente non richiedono più di 5 minuti. Affinché tutta

Dettagli

GESTIONE CONTO CORRENTE BANCARIO

GESTIONE CONTO CORRENTE BANCARIO GESTIONE CONTO CORRENTE BANCARIO parte seconda LA GESTIONE DEL CONTO CORRENTE PER TUTTI manuale seconda parte pag. 1 La gestione dei movimenti Prima di caricare i movimenti, è indispensabile aprire il

Dettagli

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE

GESTIONE PRESENZE MANUALE PER COMINCIARE GESTIONE PRESENZE MANUALE Gestione archivi La prima operazione da effettuare, per poter utilizzare gestione presenze, è la creazione dell archivio dove saranno memorizzati tutti i dati riconducibili ad

Dettagli

Introduzione...2. 1. Requisiti di sistema.. 4. 2. Accesso alla piattaforma...5. 3. Come registrarsi e navigare nella piattaforma...

Introduzione...2. 1. Requisiti di sistema.. 4. 2. Accesso alla piattaforma...5. 3. Come registrarsi e navigare nella piattaforma... Piattaforma @pprendo Manuale Tutor aziendale INDICE Introduzione...2 1. Requisiti di sistema.. 4 2. Accesso alla piattaforma.....5 3. Come registrarsi e navigare nella piattaforma..... 6 3.1 Iscriversi

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Edilnet Soldo Edilnet Web Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 Cfp Informatica Srl

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

EasyVote v.1.0. Logos Av Com. Manuale d uso

EasyVote v.1.0. Logos Av Com. Manuale d uso EasyVote v.1.0 Logos Av Com Manuale d uso Revisions table Revision Date Author Pages Notes 1.0 05/06/2012 P.A. Aisa 30 First Emission File name EasyVote_UserManual_1.0 Revisions table 2 / 30 Indice 1 INTRODUZIONE

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database

Basi di dati. Introduzione. Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database Basi di dati Introduzione Una breve introduzione sulla suite di OpenOffice.org e la gestione dei database OpenOffice.org (www.openoffice.org) è un potente software opensource che ha, quale scopo primario,

Dettagli

Monitor Orientamento. Manuale Utente

Monitor Orientamento. Manuale Utente Monitor Orientamento Manuale Utente 1 Indice 1 Accesso al portale... 3 2 Trattamento dei dati personali... 4 3 Home Page... 5 4 Monitor... 5 4.1 Raggruppamento e ordinamento dati... 6 4.2 Esportazione...

Dettagli

"LA SICUREZZA NEL CANTIERE"

LA SICUREZZA NEL CANTIERE Andrea Maria Moro "LA SICUREZZA NEL CANTIERE" 1 Il programma allegato al volume è un utile strumento di lavoro per gestire correttamente in ogni momento il cantiere, nel rispetto delle norme a tutela della

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS...

ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... Manuale Utente (Gestione Formazione) Versione 2.0.2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. ACCESSO AL SISTEMA HELIOS... 4 2.1. Pagina Iniziale... 6 3. CARICAMENTO ORE FORMAZIONE GENERALE... 9 3.1. RECUPERO MODELLO

Dettagli

Versione 2.0. Manuale d uso. Software per la gestione. degli applicativi Bticino. TiManager 03/07-01 PC

Versione 2.0. Manuale d uso. Software per la gestione. degli applicativi Bticino. TiManager 03/07-01 PC Versione 2.0 03/07-01 PC Manuale d uso TiManager Software per la gestione degli applicativi Bticino TiManager INDICE 2 1. Requisiti Hardware e Software Pag. 4 2. Installazione Pag. 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

pag. 1 INDICE MODALITA' DI PRENOTAZIONE...9 9.1 inserimento nuova prenotazione 9.2 modifica prenotazione...10 10 SCHEDA REGISTRAZIONE CENTRO...

pag. 1 INDICE MODALITA' DI PRENOTAZIONE...9 9.1 inserimento nuova prenotazione 9.2 modifica prenotazione...10 10 SCHEDA REGISTRAZIONE CENTRO... INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 1.2 obiettivo 1.3 metodologia 2. CARATTERISTICHE... 2 3. MANUALE DI UTILIZZO... 2 3.1 installazione 3.2 avvio della procedura... 3 4. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 3 5. UTILIZZO

Dettagli

PeCo-Graph. Manuale per l utente

PeCo-Graph. Manuale per l utente PeCo-Graph Manuale per l utente Indice 1. INTRODUZIONE...4 2. INSTALLAZIONE...5 2.1 REQUISITI...5 2.2 INSTALLAZIONE ED AVVIO... 5 3. DESCRIZIONE DELL APPLICAZIONE...6 4. MENU DI CONFIGURAZIONE...7 4.1

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 Nota tecnica. La procedura è stata progettata ed ottimizzata per essere utilizzata con il browser Internet Explorer, si consiglia

Dettagli

Circolari e lettere da Word con anagrafiche e indirizzi da Metodo

Circolari e lettere da Word con anagrafiche e indirizzi da Metodo Circolari e lettere da Word con anagrafiche e indirizzi da Metodo Metodo sfrutta tutte le potenzialità messe a disposizione da Microsoft Windows integrandosi perfettamente su tale piattaforma e permettendo

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

Archivio Parrocchiale

Archivio Parrocchiale BREVI INFORMAZIONI PER L UTILIZZO DEL PROGRAMMA Archivio Parrocchiale 1 INDICE PREMESSA...3 CENNI SUL PROGRAMMA...4 REQUISITI MINIMI DEL PC...5 LA FINESTRA PRINCIPALE...6 I PULSANTI DEL MENU PRINCIPALE...7

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE

PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE PRATICHE EDILIZIE ON LINE MANUALE UTENTE MARZO 2006 INDICE 1. INTRODUZIONE... 4 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO... 4 1.2 RIFERIMENTI NORMATIVI... 4 2. STRUMENTAZIONE NECESSARIA... 5 3. ACCESSO AL SERVIZIO... 6

Dettagli

Studio comparativo di software di analisi di rischio sanitario-ambientale (D.Lgs.152/06 e s.m.i.)

Studio comparativo di software di analisi di rischio sanitario-ambientale (D.Lgs.152/06 e s.m.i.) Studio comparativo di software di analisi di rischio sanitario-ambientale (D.Lgs.152/06 e s.m.i.) Febbraio 2013 (Rev. 0) Gruppo di lavoro RECONnet: Simona Berardi, INAIL Andrea Forni, Libero Professionista

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

Manuale d uso M-bus View

Manuale d uso M-bus View Manuale d uso M-bus View Indice Richieste minime...3 installazione...3 Definizioni...4 Lista Hot-Keys...4 sommario banca dati...5 simboli per l edificio...6 simboli per gli apparecchi...6 Stato di lettura

Dettagli

Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL

Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL MINISTERO DELLA SALUTE Direttiva 2011/24/UE Reporting ASL Manuale dell applicazione A cura del Punto Nazionale di Contatto Italiano maggio 2014 Sommario I. Panoramica generale... 2 Campo di applicazione...

Dettagli

Manuale Utente -Versione 3.10

Manuale Utente -Versione 3.10 Software per la pianificazione della produzione Manuale Utente -Versione 3.10 Sommario SOMMARIO... 1 INTRODUZIONE... 3 Generalità...3 La tastiera...3 Struttura di una finestra...4 Unitá di misura e limiti

Dettagli

ebridge 730 2015 PROFESSIONISTI

ebridge 730 2015 PROFESSIONISTI PREMESSA... 2 NOVITA - GESTIONE RICHIESTA DELEGA E 730 PRECOMPILATO... 2 Fase Preliminare... 3 Prima Fase Richiesta Delega... 5 Seconda Fase Richiesta 730 Precompilato... 8 Gestore File Telematico Archiviaz.\Visualizzaz.

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10]

4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] - 88 - Manuale di Aggiornamento 4.6 LISTINI PLUS: Importazione listini fornitori [5.20.0/10] È ora possibile importare i listini fornitori elencati in un file Excel. Si accede alla funzione dal menù Magazzino

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE)

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) Agenda 21 locale Dott.ssa Laura Michela Spinetti Boretto, 29 Maggio 2003 Ecologia Soluzione Ambiente S.r.l. dal

Dettagli

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni

Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni Manuale delle funzioni client per lo scambio dei dati tra cassa ed enti esterni EdilnetSoldo EdilnetWeb Sistema On Line Denunce Operai Sportello virtuale per gli utenti aperto h24 CfpInformaticaSrl Release1.4

Dettagli

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio

Sondaggi OnLine. Documento Tecnico. Descrizione delle funzionalità del servizio Documento Tecnico Sondaggi OnLine Descrizione delle funzionalità del servizio Prosa S.r.l. - www.prosa.com Versione documento: 1, del 30 Maggio 2005. Redatto da: Michela Michielan, michielan@prosa.com

Dettagli

RILEVA LIGHT Manuale dell Utente

RILEVA LIGHT Manuale dell Utente RILEVA LIGHT Manuale dell Utente 1. COME INSTALLARE RILEVA LIGHT (per la prima volta) NUOVO UTENTE Entrare nel sito internet www.centropaghe.it Cliccare per visitare l area riservata alla Rilevazione Presenze.

Dettagli

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. (Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al

Dettagli

SOFTW AR E GESTION AL E. Aggiornamento v3.4 SP1. DMT Professional v3.4 SP1 aggiorna il database di DMT Professional v3.4

SOFTW AR E GESTION AL E. Aggiornamento v3.4 SP1. DMT Professional v3.4 SP1 aggiorna il database di DMT Professional v3.4 SOFTW AR E GESTION AL E Aggiornamento v3.4 SP1 DMT Professional v3.4 SP1 aggiorna il database di DMT Professional v3.4 Sommario degli argomenti Importazione anagrafiche pubblicate dal commercialista...3

Dettagli

MANUALE SEMPLIFICATO D USO DI ZW

MANUALE SEMPLIFICATO D USO DI ZW MANUALE SEMPLIFICATO D USO DI ZW Questo Manuale non vuole essere esaustivo, e si limita a fornire una veloce guida pratica per coloro che per la prima volta si accingono ad usare le funzioni più semplici

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono pacchetti applicativi per microcomputer

FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono pacchetti applicativi per microcomputer FOGLIO ELETTRONICO (SPREADSHEET) I fogli elettronici sono pacchetti applicativi per microcomputer molto diffusi. Dal 1979 (VISICALC) al 1983 sono stati venduti oltre 1 milione di copie (5 ogni micro-computer).

Dettagli

Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator

Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator Istruzioni per creare un file PDF/A tramite software PDFCreator Il formato PDF/A rappresenta lo standard dei documenti delle Pubbliche Amministrazioni adottato per consentire la conservazione digitale

Dettagli

CONTI CORRENTI CONTI CORRENTI PREMESSA MENU PRINCIPALE

CONTI CORRENTI CONTI CORRENTI PREMESSA MENU PRINCIPALE PREMESSA MENU PRINCIPALE Il programma ARGO costituisce uno strumento flessibile, affidabile e semplice per venire incontro alle esigenze delle Istituzioni scolastiche in materia di gestione informatizzata

Dettagli

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla

Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Capitolo 7 Guida operativa del programma TQ Controlla Panoramica delle funzionalità Fornisce un ampio ventaglio di strumenti per il controllo statistico dei processi (SPC) in modo da soddisfare ogni esigenza

Dettagli

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite

PhoneSuite Manuale dell utente. Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite PhoneSuite Manuale dell utente Istruzioni preliminari: installazione e primo impiego di Phone Suite Il software PhoneSuite può essere utilizzato direttamente da CD o essere installato sul PC. Quando si

Dettagli

GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO. Manuale Back-Office. Alphasoft S.r.l.

GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO. Manuale Back-Office. Alphasoft S.r.l. GESTIONE CIMITERIALE CASI D USO Manuale Back-Office Alphasoft S.r.l. CASI D USO SOFTWARE GESTIONE CIMITERI ALPHASOFT S.R.L. 1 Sommario 1 Gestione anagrafica Utente.... 3 1.1 Inserimento nuova anagrafica....

Dettagli

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara

Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Corso introduttivo all utilizzo di TQ Tara Le pagine che seguono introducono l utente all uso delle principali funzionalità di TQ Tara mediante un corso organizzato in otto lezioni. Ogni lezione spiega

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Creare e formattare i documenti

Creare e formattare i documenti Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Elaborazione di testi Creare e formattare i documenti 1 IL WORD PROCESSOR I programmi per l elaborazione di testi ( detti anche di videoscrittura

Dettagli

CONSULTAZIONE BANCA DATI CATASTO LE VISURE

CONSULTAZIONE BANCA DATI CATASTO LE VISURE Agenzia del Territorio CONSULTAZIONE BANCA DATI CATASTO LE VISURE Versione 1.1 SOMMARIO Il servizio Sister... 3 Corretta navigazione... 3 Costi... 3 Abbonamento... 3 Consultazioni... 5 Visure catastali...

Dettagli

BCS WORLD Auditor Client 2012 - Manuale d uso -

BCS WORLD Auditor Client 2012 - Manuale d uso - BCS WORLD Auditor Client 2012 - Manuale d uso - Revisione: 3.0 Data ultima modifica: 16 marzo 2012 Pag. 2 / 27 INDICE Indice... 2 1. Download e installazione... 3 1.1 Download del Microsoft.NET Framework

Dettagli

MANUALE UTENTE. Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati

MANUALE UTENTE. Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati MANUALE UTENTE Versione 1.2 novembre 2011 2011 MAILDEM Tutti i diritti sono riservati INDICE ACCESSO AL SERVIZIO... 3 GESTIONE DESTINATARI... 4 Aggiungere destinatari singoli... 5 Importazione utenti...

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 12 febbraio 2015, n. 31. Regolamento recante criteri sempli cati per la caratterizzazione, messa in

Dettagli

Manuale Blumatica Itaca

Manuale Blumatica Itaca 0 MANUALE BLUMATICA ITACA Il Protocollo ITACA è uno strumento adottato dalle Regioni per la valutazione del grado di sostenibilità energetico ambientale delle costruzioni approvato il 15 gennaio 2004 dalla

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Menù magazzino. ITALSOFT StudioXp manuale utente. Menù magazzino. Categoria prodotti. Descrizione campi. Categoria prodotti

Menù magazzino. ITALSOFT StudioXp manuale utente. Menù magazzino. Categoria prodotti. Descrizione campi. Categoria prodotti Categoria prodotti 153 Menù magazzino In StudioXp è possibile gestire per ciascuna ditta delle funzionalità minime di magazzino. La gestione integrata con la procedura consente di gestire un archivio di

Dettagli

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto.

Marchi registrati Microsoft Windows 95 / 98 / NT, Word, Autocad sono marchi registrati dai legittimi proprietari e dagli aventi diritto. Manuale operativo Multicompact 7 2. PREMESSA Il software Acquedotti consente la verifica di reti a maglie o aperte in ipotesi di moto permanente. Risultati del calcolo sono: portata, velocità e perdita

Dettagli

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso

Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso Andrea Maioli Instant Developer: guida all uso 11.8 L editor di temi grafici A partire dalla versione 11.5, Instant Developer contiene uno strumento di aiuto alla personalizzazione dei temi grafici e degli

Dettagli

M:\Manuali\VARIE\GENERAZIONE REPORT PARAMETRICI.doc GENERAZIONE REPORT PARAMETRICI

M:\Manuali\VARIE\GENERAZIONE REPORT PARAMETRICI.doc GENERAZIONE REPORT PARAMETRICI M:\Manuali\VARIE\GENERAZIONE REPORT PARAMETRICI.doc GENERAZIONE REPORT PARAMETRICI Di seguito, riportiamo le istruzioni per la gestione delle query parametriche utile ad eventuali ricerche di casi particolari,

Dettagli

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti

MS Word per la TESI. Barra degli strumenti. Rientri. Formattare un paragrafo. Cos è? Barra degli strumenti MS Word per la TESI Barra degli strumenti Cos è? Barra degli strumenti Formattazione di un paragrafo Formattazione dei caratteri Gli stili Tabelle, figure, formule Intestazione e piè di pagina Indice e

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Nuove funzionalità SEE Electrical V5

Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi, dati, ed

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

MANUALE D USO Agosto 2013

MANUALE D USO Agosto 2013 MANUALE D USO Agosto 2013 Descrizione generale MATCHSHARE è un software per la condivisione dei video e dati (statistiche, roster, ) delle gare sportive. Ogni utente abilitato potrà caricare o scaricare

Dettagli