IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMMAGINE RICONOSCIMENTO. 6.1 La densità di vegetazione: l indice NDVI DELLA VEGETAZIONE SULL I"

Transcript

1 CAPITOLO SESTO RICONOSCIMENTO DELLA VEGETAZIONE SULL I IMMAGINE QUICKBIRDIRD 6.1 La denstà d vegetazone: l ndce NDVI Allo scopo d caratterzzare la dstrbuzone della vegetazone sulle superfc d barena s è provveduto all elaborazone delle mmagn corrette radometrcamente e geometrcamente. La prma fase è consstta nella valutazone della denstà vegetale medante l utlzzo d un ndce d vegetazone. Gl ndc sfruttano la dfferenza d rflettanza della vegetazone nel vsble (n partcolare nel blu e nel rosso) e nel vcno nfrarosso, e possono basars semplcemente su rapport fra bande o essere espress n formule pù complesse che rchedono nformazon relatve a parametr del suolo e alla composzone atmosferca. Queste anals non consentono n generale d valutare l abbondanza d cascuna spece presente al suolo, ma fornscono ad ogn modo utl nformazon sullo stato fenologco della vegetazone e sulla sua denstà. L ndce d vegetazone pù dffuso è l NDVI (Normalzed Dfference Vegetaton Index), che ha l vantaggo d consentre l confronto fra mmagn rprese n temp dvers. L NDVI mette n relazone l assorbmento spettrale della cloroflla nel rosso

2 con la tpca rflessone nel vcno nfrarosso dove è fortemente nfluenzata dal tpo d struttura foglare (Gomarasca, 1997). Il valore dell NDVI è defnto dalla relazone: NDVI IR R [2] IR R Questa funzone può assumere valor dell ntervallo [-1,+1] che, n genere, sono compres tra -0,1 e +0,6. -0,6<NDVI<-0,15-0,15<NDVI<0,00 0,00<NDVI<+0,05 +0,05<NDVI<+0,13 +0,13<NDVI<+0,24 +0,24<NDVI<+0,30 Fg NDVI calcolato su dat QuckBrd relatv all area d S.Felce. Il rsultato dell applcazone dell ndce alle bande 3 e 4 del QuckBrd è un mmagne n scala d grg n cu pxel pù char rappresentano valor maggor d NDVI. Medante una tecnca dsponble nel software ENVI che consente d suddvdere n ntervall la scala contnua d grgo e d assegnare a cascuno d ess

3 un colore predefnto (densty slcng), è stato possble vsualzzare l mmagne n modo che fosse pù agevole apprezzare la dstrbuzone sulla scena delle zone a dversa denstà vegetale (fg.6.1). La scala de valor assunt dall ndce rsulta puttosto rdotta e valor non sono molto alt, come c è da aspettars consderando che l mmagne è stata acqusta nel mese d maggo, quando ancora la vegetazone non era ancora crescuta completamente; noltre dall mmagne rsulta evdente la notevole presenza d suolo, dovuta essenzalmente ad una condzone d marea partcolarmente bassa che ha fatto emergere le zone d bassofondo e meandr d molt gheb e canal. Un ulterore formulazone dell NDVI è rappresentata dal Fractonal Vegetaton Cover (FVC), che normalzza l NDVI e lo trasforma n un ndce d copertura percentuale d vegetazone. Il valore d FVC è defnto dalla relazone: FVC NDVI NDVI mn [3] NDVI max NDVI mn dove, n questo caso, NDVI max = 0,30 ed NDVI mn = -0,6. La [3] ha qund l effetto d normalzzare l NDVI tra valor che rappresentano lo 0% (NDVI mn ) d l 100% d copertura vegetale (NDVI max ). Medante l applcazone della funzone densty slcng all mmagne ottenuta, s nota che le aree relatve ad acqua e suolo sono state consderate dall ndce come aree a copertura percentuale mnore d 67,5%, mentre solamente per denstà maggor d questo valore l ndce rconosce la presenza d vegetazone e ne stma l abbondanza sulla base dell NDVI calcolato. Anche n questo caso, lo spostamento del valore mnmo d copertura vegetale rlevable dal sensore dpende essenzalmente dal perodo d acquszone dell mmagne, rlevata a metà maggo e qund n condzon d vegetazone ancora n buona parte secca e non n fore. La dversa rflettanza della vegetazone n questo stado fenologco può qund aver attenuato la dfferenza nella rsposta nel rosso e nell nfrarosso vcno. Il rsultato sulla mappa è che la maggor parte della copertura vegetale s assesta n meda tra l 67,5% e l 87,5%, mentre solo n poche zone s raggunge una denstà d vegetazone consderevole vcna al 100% (fg.6.2). Entrambe le elaborazon llustrano noltre come la denstà d vegetazone

4 rsult maggore lungo bord de gheb e de canal, e dmnusca nvece procedendo verso le zone pù nterne della barena. 0,00<FVC<0,50 0,50<FVC<0,675 0,675<FVC<0,75 0,75<FVC<0,875 0,875<FVC<1,00 Fg FVC calcolato su dat QuckBrd relatv all area d S.Felce. 6.2 L ndvduazone delle aree d vertà a terra sull mmagne Il rconoscmento della vegetazone alofla d barena sulle mmagn avvene tramte la defnzone a terra d aree a composzone nota e la successva localzzazone delle stesse sull mmagne. Come gà vsto nel captolo IV, nelle barene d San Felce, Paglaga, Salne e Palude Maggore sono stat effettuat prm rlev vegetazonal prevst dal progetto TIDE. Nelle uscte n campo s sono ndvduate pù d 70 aree d vegetazone monospecfca da utlzzare per la classfcazone. In fg.6.3 vene rportato un esempo d localzzazone d alcune delle aree rlevate nella zona d Spacco Tralo presso la barena d San Felce. Come s nota nel dettaglo ngrandto, polgon traccat vanno a coprre pù pxel dell mmagne

5 aggregandol n categore, o class, con caratterstche omogenee d copertura; n partcolare nell mmagne sono ndcate alcune aree d bordo rlevate lungo gheb o canal prncpal e caratterzzate da elevata eterogenetà, e aree nterne pù vaste, formate da consorz vegetal d due o tre spece al massmo. D ogn area permetrata è stata stmata anche la presenza percentuale d suolo nudo, n modo da poter determnare l nterferenza d questo elemento con la rsposta spettrale della vegetazone e l suo effetto sulla classfcazone che ne derva. Fg Indvduazone delle aree rlevate a San Felce sull mmagne multspettrale QuckBrd (banda MS1). Il prncpale problema ncontrato n questa fase d elaborazone ha rguardato l unone de punt che defnscono le aree d vegetazone a terra per formare le ROI (Regons Of Interest) nell mmagne multspettrale: la congunzone fra GCP (Ground Control Ponts) può nfatt avvenre solamente n corrspondenza de vertc de pxel (qu d lato 2,8 m), che sono le untà mnme d rappresentazone della scena; come s osserva n fg.6.4, nel caso n cu le coordnate rcadano all nterno d un pxel (punto n 2 rosso) le superfc che s possono selezonare hanno dmenson

6 molto dverse, e cò può compromettere l grado d omogenetà de pxel appartenent ad ogn area e qund la frma spettrale della classe ndvduata dalla ROI. Il problema può essere rsolto sceglendo l vertce nterno all area pù vcno al vero GCP (cas 2-3) e ottenendo aree leggermente meno estese, ma a composzone pù omogenea dal momento che pxel d confne sono esclus dalla ROI. Ad ogn modo, n ENVI è presente una funzone (Reconcle ROIs va Map) che permette d sovrapporre ROI defnte su mmagn dverse a condzone che esse sano Fg Modfcazone dell area delle ROI n funzone delle coordnate d vertce scelte. state georeferenzate. Cò ha consentto d dentfcare con maggor precsone le coordnate d vertce delle aree sull mmagne pancromatca, sfruttandone l elevata rsoluzone spazale, e d ottenere po la localzzazone delle medesme ROIs sull mmagne multspettrale utlzzata per la classfcazone. 6.3 Le tecnche d classfcazone dell mmagne Il processo d classfcazone consente d dentfcare nell mmagne dgtale pxel caratterzzat da rsposte spettral molto sml e d raggrupparl n categore che rappresentano le class d superfc esstent al suolo. Le tecnche d classfcazone possono essere dstnte n non gudate e gudate: la procedura non controllata, o unsupervsed, non rchede la conoscenza degl element da dscrmnare sulla scena, ma s basa esclusvamente su valor d radanza de pxel dell mmagne, consentendo d aggregare dat n famgle o cluster. I crter secondo cu dscrmnare grupp sono d natura statstca e vengono fornt al calcolatore come nucle central con determnat attrbut

7 spettral, attorno a cu vengono raggruppat pxel con caratterstche sml; non è qund necessara alcuna nformazone sulla loro corrspondenza con l effettva copertura del suolo; le tecnche controllate, o supervsed, sfruttano nvece la defnzone a pror delle class tematche d nteresse al suolo: la scelta sull mmagne d alcune aree campone rappresentatve delle categore d copertura consente d calcolare parametr statstc relatv alle class tematche prescelte, n base a valor de pxel appartenent alle aree campone. In questo modo s ottengono gl spettr d radanza meda tpc d ogn classe, con cu condurre la classfcazone dell ntera scena (tranng sets), che avvene per confronto tra pxel dell mmagne e le rsposte spettral delle class d nteresse secondo un crtero d somglanza prescelto (algortmo d classfcazone). Il rsultato della procedura è n entramb cas un mmagne n cu pxel vengono dentfcat, classe per classe, con ton d grgo dfferent o con un colore convenzonale caratterstco per ogn categora. I due sstem llustrat rspondono ad esgenze d classfcazone dverse: quando è mportante mettere n relazone grupp d pxel con categore d copertura effettvamente present sulla scena, l metodo gudato permette d defnre delle class nformatve d estrema utltà; quando nvece s devono analzzare superfc poco conoscute e scarsamente accessbl, la tecnca non gudata consente d esegure una prelmnare anals esploratva dell mmagne, defnendo grupp d pxel n termn d class spettral, la cu relazone con le class nformatve può emergere solo attraverso sopralluogh n campo o l confronto con mappe tematche (Mather, 1987). Con l aumento della rsoluzone spazale de modern sstem d telerlevamento è mglorata la possbltà d dscrmnare tra dvers oggett al suolo, ma è anche crescuta la dffcoltà nel rconoscmento e nell nterpretazone; nfatt, con la maggor defnzone aumenta anche l numero d pxel che rappresentano un oggetto, ed è qund preferble la scelta d sstem d classfcazone non pù puntual, che assegnano coè ogn pxel ad una classe tematca n modo ndpendente da pxel adacent, ma contestual, n modo che sa prevsta una fase d ntroduzone d nformazon sulla relazone spazale d cascun pxel con quell adacent (Rossell et al., 2001).

8 6.3.1 Classfcazone non supervsonata: ISODATA e k-means I due metod d classfcazone non gudata pù utlzzat n remote sensng sono l ISODATA e l k-means. S tratta n entramb cas d procedure teratve: n base alla scelta d alcun parametr nzal defnt dall operatore, s ndvduano de cluster d confronto ne qual var pxel vengono collocat secondo un crtero d somglanza spettrale. Ad ogn terazone l assegnazone de pxel vene rcalcolata n base alle caratterstche de cluster pù vcn, fnché non s raggunge un numero d rcollocazon mnore d una sogla scelta dall operatore (es. 5%). L algortmo ISODATA è smle al k-means, con l unca dfferenza che l numero d cluster può varare durante l terazone, mentre l k-means prevede che l numero d class sa defnto a pror (Mather, 1987). In fg.6.5 vengono rportat rsultat ottenut da alcun tentatv d classfcazone dell mmagne QuckBrd de target acqua, vegetazone e suolo a San Lorenzo medante due algortm, per valutare l grado d dfferenza spettrale rlevable da due classfcator n corrspondenza de prncpal element dell mmagne. In entramb cas è stata mascherata la componente acqua nell mmagne multspettrale 1. Come s osserva, per valor nzal abbastanza sml le due tecnche fornscono rsultat confrontabl: n partcolare, sembra che la classfcazone ISODATA sottostm la presenza d suolo nell area sa nel multspettrale che nel pancromatco, mentre la k-means resce a dstnguere la presenza delle tre class, nonostante l estrazone della rete de canal nel pancromatco non da buon rsultat n nessuno de due cas. Complessvamente le nformazon fornte dal sensore sono qund suffcent per la dscrmnazone delle prncpal caratterstche dell area d ndagne, sebbene tentatv d classfcazone esegut aumentando l numero d clusters d partenza non consentano d ottenere rsultat soddsfacent nel rconoscmento de dvers popolament vegetal. I prncpal problem che s ncontrano nell applcazone delle procedure ISODATA e k-means rguardano la scarsa rproducbltà delle classfcazon e la sensbltà de due algortm alle condzon scelte dall operatore nella fase nzale. Per questo motvo l rconoscmento delle aree d vegetazone d barena è avvenuto 1 L esclusone d una categora d pxel dall anals s effettua rcorrendo all algortmo d classfcazone supervsonata SAM che sarà llustrato n dettaglo nel paragrafo

9 medante l mpego delle numerose vertà a terra acquste sull area d studo, che hanno costtuto l tranng set per le procedure d classfcazone controllata. A B C D Fg Classfcazon ISODATA e k-means della porzone d mmagne che comprende la barena d San Lorenzo (A: ISODATA multspettrale; 3class; sogla 3%; B: ISODATA pancromatco; 4 class; sogla 3%; C: k-means multspettrale; 4 class; sogla 5%; D: k-means pancromatco; 4 class; sogla 5%) La classfcazone controllata: l algortmo SAM Esstono numeros algortm d classfcazone gudata. Tra prncpal, dsponbl nel software ENVI: Parallelepped, Maxmum Lkelhood, Mnmum Dstance, Mahalanobs Dstance, Bnary Encodng. Le dverse tecnche vengono scelte n base a temp d calcolo, all accuratezza valutata n funzone de dat d controllo dsponbl per la valdazone, a cost per la raccolta delle vertà a terra durante le campagne d msura.

10 In questo lavoro la classfcazone de popolament vegetal è stata effettuata applcando l algortmo SAM (Spectral Angle Mapper) (Kruse et al., 1993), che n occasone d precedent stud condott s è dmostrato partcolarmente ndcato per l rconoscmento degl element al suolo n aree umde (Tortato, 2001; Saccardo, 2000). In partcolare l SAM ha fornto rsultat molto soddsfacent nella dstnzone tra le zone vegetate d barena e quelle occupate dall acqua. In base al funzonamento dell algortmo SAM, l operatore selezona sull mmagne alcune regon d nteresse, o vertà a terra, che vengono attrbute a popolament vegetal che s voglono dentfcare (endmember): la frma spettrale che rappresenta ogn classe è lo spettro medo calcolato sull nseme de pxel appartenent a cascuna ROI. Il vettore dello spettro d rfermento così calcolato vene confrontato con lo spettro del pxel da classfcare medante l calcolo dell angolo compreso tra le due curve d rsposta nello spazo delle bande spettral, e ogn pxel vene assegnato alla classe con cu l suo spettro forma l angolo mnore (fg.6.6). Il pxel non vene classfcato se questa dstanza angolare è superore ad una sogla fssata a pror dall operatore. Il prodotto scalare tra due vettor (s p) è defnto dalla relazone: n s p = s p 1 s p cos [4] dove s e p sono le component de due vettor nello spazo n-dmensonale delle bande, mentre s e p sono modul de vettor stess. Il valore dell angolo sogla che determna l appartenenza del pxel alla classe d rfermento è defnto dalla seguente relazone: s p arccos s p arccos n 1 n 1 s 2 s p n 1 p 2 [5] banda 2 spettro medo ROI α pxel da classfcare

11 Fg Spazo generato da due bande spettral: α è l angolo che separa lo spettro d rfermento da quello del pxel da classfcare. Il vantaggo che l uso d questo classfcatore comporta rsede nell nvaranza dell angolo d separazone fra gl spettr alle dfferenze d llumnazone della scena: dal momento che l algortmo confronta l angolo compreso tra vettor della classe d rfermento e del pxel da classfcare, consderandone qund solo la drezone e non la lunghezza, qualsas fattore moltplcatvo che ne modfch l valore non nflusce sulla sogla d separazone; questa caratterstca fa n modo che pxel appartenent alla medesma classe ma llumnat n modo dfferente a causa della varable topografa delle superfc d barena vengano consderat analogh dal classfcatore SAM (Shrestha, 2002). L accuratezza della mappa d vegetazone ottenuta va n seguto verfcata valutando la capactà dell algortmo d assegnare all esatta categora grupp d pxel d classe nota, esclus dalla fase d calbrazone dell mmagne (test set). 6.4 La selezone degl endmember La scelta delle aree campone da usare come set d addestramento (tranng set) e set d verfca (test set) per calbrare e valdare le mmagn rappresenta una fase molto delcata della classfcazone controllata. In partcolare, prncpal fattor che ne condzonano l accuratezza possono essere così schematzzat (Foody, 2002; Muchoney e Strahler, 2002): mperfetta coregstrazone delle mmagn: nel caso n cu le aree d rfermento vengano a loro volta ndvduate all nterno d mappe o foto telerlevate 2, anche d dversa rsoluzone spazale, è ndspensable che la georeferenzazone e la messa a regstro delle mmagn sano molto accurate, per evtare l erronea assegnazone de pxel da classfcare alle categore 2 In genere, l uso d dat acqust da sensor remot come test set è dffuso nella valdazone d mappe a bassa rsoluzone che rproducono superfc estese n cu non sono possbl acquszon d vertà a terra (Thomlnson, 1999).

12 rconoscute sulla scena; la selezone degl endmembers per la classfcazone dell mmagne QuckBrd è avvenuta medante sopralluogh n campo e la georeferenzazone è rsultata molto buona, qund questo fattore non è da consderars per ora nfluente, anche se dventerà mportante quando s confronteranno tra loro dat acqust da dvers sensor (MIVIS, CASI e QuckBrd); accuratezza nella defnzone degl attrbut degl endmember: dat d rfermento usat come tranng sets sono n genere consderat una fedele rappresentazone dell effettva composzone della scena; n realtà le aree rlevate a terra sono a loro volta l rsultato d una classfcazone la cu affdabltà dpende strettamente dalla soggettvtà nell nterpretare le dfferenze fra le class present al suolo (Therry e Lowell, 2001). La stma dell accuratezza nella classfcazone s rduce qund alla msura del suo grado d accordo con dat rlevat a terra, pù che con l effettva realtà (Congalton e Green, 1993). La stma delle percentual d copertura vegetale ne st d studo presenta n effett una quota d soggettvtà, n quanto è stata effettuata da alcun de partecpant alle campagne d msura medante osservazone vsva delle aree; n realtà, per rsolvere l problema, l assegnazone defntva delle percentual è stata verfcata medante l confronto con le fotografe dgtal acquste su ogn area da un altezza d 2,5m, e nelle prossme fas dell ndagne s potranno utlzzare allo scopo anche le mmagn acquste dal pallone aerostatco, caratterzzate da una rsoluzone spazale molto elevata (da 2 a 4cm); la rappresentatvtà (statstca, spazale e complessva) delle vertà a terra (Muchoney e Strahler, 2002): l estensone delle aree campone dpende essenzalmente dal numero d varabl (bande spettral) d cu s voglono determnare le propretà statstche; Mather (1987) ndca un valore d crca 30 pxel per ogn caratterstca da estrarre dalla classe, ma rtene che tale dmensone mnma sa valda solo n caso d ndpendenza de pxel dell mmagne. In realtà, pxel adacent presentano n genere caratterstche sml (autocorrelazone spazale), e d conseguenza, un buon tranng set dovrebbe comprendere un numero consderevole d pxel, d modo che le statstche effettuate sulle class fornscano rsultat attendbl.

13 La rappresentatvtà delle vertà a terra è asscurata anche dalla possbltà d defnre un dsegno d camponamento: una procedura random è ndcata nell esplorazone d aree suffcentemente vaste da garantre che tutte le class sano adeguatamente rappresentate; nel caso delle superfc d barena, l mpratcabltà d alcune zone lmta l acquszone delle vertà a terra a determnat st pù accessbl, ne qual è possble effettuare le msurazon e rlev vegetazonal (Edwards et al., 1999). Spesso, noltre, l camponamento s lmta alle aree pù vaste ed omogenee, mentre le zone d confne o d bordo sono escluse per evtare dmnuzon nell accuratezza della classfcazone (Rchards, 1996); cò n realtà rduce la capactà del tranng set d fornre una rappresentazone completa della scena osservata e può compromettere l successo della classfcazone. Durante le campagne d rlevamento TIDE sono state rlevate numerose aree d bordo, n quanto necessare alla completa descrzone della complesstà dell ambente d barena, qund la rappresentatvtà delle class d copertura al suolo può consderars buona; la corrspondenza fra la superfce delle aree e de pxel: le dfferenze d dmensone tra le vertà a terra ed pxel dell mmagne possono dmnure l accuratezza della classfcazone. È necessaro nfatt che le aree rlevate n campo occupno una superfce confrontable con la rsoluzone geometrca dell mmagne, e che l loro grado d omogenetà garantsca la purezza della rsposta spettrale d rfermento (Atknson, 2000). Il sensore Quckbrd ntegra l segnale d rflettanza rcevuto da una superfce d 2,8m d lato, qund le aree d vegetazone utl per l rconoscmento sono state selezonate tra quelle d maggor dmenson, con l accortezza d non compromettere l omogenetà della copertura. Per le classfcazon s è decso d utlzzare solo pxel central appartenent alle aree permetrate n campo, per dmnure l effetto d eventual ncertezze nella georeferenzazone e l nterferenza spettrale de pxel d confne con aree adacent d dversa composzone; l grado d separabltà degl endmember: classfcator rsultano tanto pù effcent quanto maggor sono le dfferenze tra le class d rfermento e quanto mnor sono le dfferenze al loro nterno. La msura del grado d separabltà delle ROI consente d selezonare le aree che ncrementano l accuratezza della classfcazone. Il software ENVI calcola la dstanza

14 spettrale tra le vertà a terra secondo la formula d Jeffres-Matusta [6] e la Dvergenza trasformata [7]: queste due msure d dstanza sembrano partcolarmente ndcate nell estrazone delle caratterstche delle mmagn multspettral (Swan e Kng, 1973). La prma msura separa le class n base alla loro frma, assumendo che sano caratterzzate da una dstrbuzone normale multvarata; la seconda msura la dstanza statstca tra le denstà d probabltà che caratterzzano la dstrbuzone delle class. La dstanza d Jeffres-Matusta ha la seguente forma: dove: 1 α 8 C C JM j 1 1 T j μ μ μ μ j 2 2 e [6] j 1 C 1 ln 2 2 C C C e j ndcano gl spettr da confrontare, C è la matrce d covaranza dello spettro, μ è l vettore spettro medo, C è l determnante d C e T è la funzone trasposzone. La Dvergenza è defnta nvece dall espressone: j j D j TD 8 j 2 1 e [7] con: D j 1 tr C C j C C j trc C μ μ j μ μ j 2 T dove e j ndcano gl spettr da confrontare, C è la matrce d covaranza dello spettro, μ è l vettore spettro medo, T è la funzone trasposzone e tr è la tracca della matrce argomento. I valor assunt dalle due funzon varano tra 0 e 2,0: se maggor d 1,9 ndcano buona separabltà, mentre per valor nferor è n genere preferble selezonare altre ROI o aggregarle n un unca classe. Come sarà messo n evdenza nel prossmo paragrafo, la selezone de set d addestramento e d verfca per l elaborazone dell mmagne QuckBrd s è

15 rvelata puttosto buona, consentendo classfcazon con elevato grado d accuratezza. 6.5 Classfcazon dell mmagne QuckBrd Prelmnarmente è stata costruta sull mmagne la maschera dell acqua per escludere la rete de canal e de gheb dalle elaborazon successve, rducendo così l numero de dat ed temp d calcolo. L ndvduazone della ROI rappresentatva delle superfc d acqua avvene nella banda dell nfrarosso vcno: la bassa rflettanza de corp d acqua n tale ntervallo spettrale consente nfatt d dstnguerl agevolmente dalle aree d vegetazone. La maschera è stata realzzata eseguendo una classfcazone SAM con angolo spettrale massmo par a 0,25 radant e assegnando l valore 0 alla classe acqua e l valore 1 alla classe rmanente (mmagne bnara). L applcazone della maschera consste nella moltplcazone dell mmagne orgnara per l mmagne bnara: pxel moltplcat per 1 rmangono nalterat, mentre la moltplcazone per 0 annulla l valore de pxel corrspondent. La seconda fase d elaborazone è consstta nella classfcazone dell mmagne sulla base d tranng set a copertura monospecfca maggore dell 80%. L accuratezza de rsultat è stata valutata medante la classfcazone d test set effettuando l anals della matrce d confusone, che confronta la classe d appartenenza osservata con la categora d assegnazone nell mmagne classfcata. La valutazone dell accuratezza d classfcazone costtusce una fase molto delcata nella produzone d cartografa tematca ottenuta da nformazon telerlevate n quanto: fornsce un ndce della qualtà complessva della mappa; effettua l confronto tra dfferent algortm d classfcazone; permette d dentfcare eventual error nell elaborazone delle mmagn (Hay, 1979). Un ndagne condotta da Trodd nel 1995 ha tuttava rvelato che su un campone d 84 classfcazon rportate n 25 artcol pubblcat sulle maggor rvste scentfche tra l 1994 e l 1995, l 8% de lavor non rportava alcuna valutazone sulla qualtà della classfcazone; noltre solamente l 60% de rsultat era fornto d matrce d confusone e l 44% dava due o pù msure quanttatve d accuratezza: n quest cas

16 l valore raggunto era ad ogn modo nferore alla sogla mnma raccomandata d accuratezza dell 85% (Foody, 2002). Tra le numerose procedure d verfca, l uso della matrce d confusone è molto dffuso, n quanto non solo fornsce nformazon pù complete della semplce stma percentuale d pxel correttamente classfcat, ma caratterzza gl error commess nella procedura consentendo d mglorare la classfcazone e le consderazon che ne dervano. Tuttava, l uso della matrce d confusone s basa su alcune potes raramente soddsfatte dalle mmagn telerlevate, tra le qual l assunto che ogn pxel da classfcare appartene nteramente a solo una categora defnta n un suffcentemente completo set d class dstnte ed esclusve (Townsend, 2000). Come sarà llustrato nel paragrafo 6.6, sstem d classfcazone soft sembrano poter fornre una soluzone al problema de pxel mst present nell mmagne (Foody, 1996). Dalla matrce d confusone dervano dverse msure d accuratezza: una delle pù note è l overall accuracy, A, che s ottene per ogn categora dvdendo l numero d pxel correttamente classfcat per l numero totale d pxel d quella classe: r p [8] A 1 N dove p sono gl element della dagonale della matrce, lungo cu s trovano pxel classfcat correttamente, ndca la classe, N è l numero complessvo d pxel classfcat ed r rappresenta le rghe della matrce (ENVI User s Gude, 2001). Dvers autor crtcano l uso d A affermando che alcun pxel possono essere assegnat casualmente alla classe corretta (Pontus, 2000) e ndvduano nel coeffcente k d Cohen l ndce standard d accuratezza della classfcazone: r N K N 1 2 p 1 r 1 r p dove R corrsponde alle categore a cu l classfcatore assegna pxel dell mmagne (rghe della matrce) e C rappresenta le class effettvamente present al suolo (colonne della matrce) 3. R p R p C p C [9] 3 Il coeffcente k è utle per esprmere l grado d qualtà complessvo della classfcazone, n quanto rappresenta la dfferenza tra l accuratezza raggunta e quella che potrebbe essere ottenuta da una classfcazone completamente casuale dell mmagne: per esempo un coeffcente k d 0,8 sgnfca che l classfcatore non ha commesso l 82% degl error che una classfcazone random avrebbe generato.

17 Le assegnazon scorrette esegute da classfcator all nterno dell area osservata non sono n genere casual, ma spesso c è una dstnta dstrbuzone spazale degl error n funzone delle propretà del sensore, delle condzon al suolo o della presenza de pxel d confne, che possono essere spazalmente autocorrelat o rsentre d un mprecsa georeferenzazone (Steele et al., 1998). Sfortunatamente la matrce d confusone non fornsce nformazon crca la dstrbuzone degl error d classfcazone, anche se l mpego d tecnche geostatstche può rsultare utle nel rappresentarne la varazone spazale Rconoscmento d tre endmember Con l esecuzone delle prme classfcazon sull mmagne Quckbrd s è cercato d valutare la capactà dell algortmo SAM d rconoscere le aree d vegetazone d barena, n modo da mettere a punto un sstema d rappresentazone della complesstà della zonazone che fosse effcente ed affdable. La selezone d tre endmember (acqua, suolo e vegetazone) e l utlzzo d una sogla d separazone fra class d tpo multangolo (0,25 rad per l acqua, 0,06 per l suolo, 0,15 per la vegetazone) ha consentto d raggungere ottm rsultat d classfcazone (con un accuratezza complessva A par a 96,9% e un coeffcente k d 0,95 (fg.6.7)), com era prevedble date le notevol dfferenze d frma spettrale de tre endemember nel vsble e nel vcno nfrarosso (fg.6.8). I valor rportat nella matrce d confusone ndcano che la totaltà de pxel suolo è stata assegnata alla categora corretta, mentre l 3,8% d pxel d vegetazone e l 4,4% de pxel acqua sono stat classfcat come suolo, probablmente a causa d un eccessvo valore d angolo spettrale mpostato nella defnzone d questa categora.

18 Suolo Vegetazone Acqua Totale Non Classfcato Suolo 100 3,8 4,4 25,2 Vegetazone 0 96,2 0 53,5 Acqua ,5 21,3 Totale A = 96,9% k = 0,95 Fg.6.7: Classfcazone SAM e matrce d confusone con la selezone d tre endmembers. Barena d San Felce. Fg.6.8: Curve spettral d vegetazone, suolo e acqua: la dversa rflettanza delle tre categore Nel vsble e nel vcno nfrarosso ne consente la dstnzone nell mmagne multspettrale.

19 6.5.2 Rconoscmento d quattro endmember A = 85% k = 0,8008 Sarcocorna Spartna Suolo Lmonum Totale Non classfcato ,86 0,93 Sarcocorna 78, ,43 27,1 Spartna 21, ,57 24,3 Suolo ,86 23,36 Lmonum ,29 24,3 Totale Fg.6.9: Classfcazone SAM e matrce d confusone con la selezone d quattro endmember. Barena d San Felce. In fg.6.9 sono rportat rsultat della classfcazone eseguta con quattro endmember (suolo e aree d vegetazone a copertura omogenea maggore dell 80%) e angolo spettrale d 15, sull mmagne mascherata dall acqua. L ncertezza nella classfcazone delle aree test selezonate a terra n termn d accuratezza A e coeffcente k rsulta aumentata (par a 85% e 0,8 rspettvamente), ma s mantene ancora a lvell puttosto buon secondo le sogle ndcate da Foody (2002). L accuratezza mnore s nota nella stma d Lmonum sp., che n buona parte vene classfcato come Sarcocorna e Spartna spp., sebbene l ncertezza maggore rguard la categora Sarcocorna sp., che vene attrbuta alla classe Spartna sp. per l 21,8%

20 de pxel. Suolo e Spartna sp. rsultano nvece perfettamente dstngubl dalle altre class (accuratezza del 100%). Sembra qund esstere una certa dffcoltà nella dstnzone delle aree a Lmonum sp. da parte del sensore, che non ne dscrmna nettamente la frma spettrale, confondendola con quella d Sarcocorna sp. Tale crcostanza è probablmente da rcondurs al perodo d acquszone dell mmagne (metà maggo), quando ancora le pante d Lmonum narbonense non sono forte e sono rconoscbl solo dalla tpca rosetta basale, e alla vcnanza spazale che n genere caratterzza la presenza d queste due spece sulle barene. La stma della separabltà fra le class e la loro curva spettrale meda (fg.6.10 e 6.11) confermano rsultat ottenut: sebbene la dfferenza tra le categore Lmonum e Sarcocorna sa molto bassa, l tranng set scelto è comunque n grado d garantre una buona classfcazone anche d aree test che non sono perfettamente dstngubl tra loro, come dmostrano bass valor d separabltà rportat n tabella. 70 Jeffres Matusta Transf. Dverg. Sarcocorna e Lmonum 1,227 1,662 Spartna e Lmonum 1,988 2,000 Sarcocorna e Spartna 1,989 1,997 Sarcocorna e suolo 2,000 2,000 Suolo e Spartna 2,000 2,000 Suolo e Lmonum 2,000 2,000 Fg.6.10: Msure d dstanza fra le class e spettr med delle ROIs tranng set DN L Sa Sp s uo lo Fg.6.11: Msure d dstanza fra le class e spettr med delle ROIs test ses

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

Alberi di copertura minimi

Alberi di copertura minimi Albr d coprtur mnm Sommro Albr d coprtur mnm pr grf pst Algortmo d Kruskl Algortmo d Prm Albro d coprtur mnmo Un problm d notvol mportnz consst nl dtrmnr com ntrconnttr fr d loro dvrs lmnt mnmzzndo crt

Dettagli

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII

CAPITOLO 18 STABILITÀ DEI PENDII Captolo 8 CAPITOLO 8 8. Frae 8.. Fattor e cause de movmet fraos Per fraa s tede u rapdo spostameto d ua massa d rocca o d terra l cu cetro d gravtà s muove verso l basso e verso l estero. I prcpal fattor

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE

175 CAPITOLO 14: ANALISI DEI PROBLEMI GEOTECNICI IN CONDIZIONI LIMITE 175 ntroduzione all analisi dei problemi di collasso. L analisi del comportamento del terreno potrebbe essere fatta attraverso dei modelli di comportamento elasto plastici, ma questo tipo di analisi richiede

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE

VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE La contraffazione in cifre: NUOVA METODOLOGIA PER LA STIMA DEL VALORE DELLE MERCI SEQUESTRATE Roma, Giugno 2013 Giugno 2013-1 Il valore economico dei sequestri In questo Focus si approfondiscono alcune

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam

Urban Sprawl e Adattamento al Cambiamento Climatico: il caso di Dar es Salaam XVI CONFERENZA NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DEGLI URBANISTI 9 Maggio 2013 Luca Congedo 1, Silvia Macchi 1, Liana Ricci 1, Giuseppe Faldi 2 1 DICEA - Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale,

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA)

4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) 4.2. IL TEST F DI FISHER O ANALISI DELLA VARIANZA (ANOVA) L analisi della varianza è un metodo sviluppato da Fisher, che è fondamentale per l interpretazione statistica di molti dati biologici ed è alla

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP)

Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Breve introduzione al metodo del Analytic Hierarchy Process (AHP) Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova 2 Il metodo SAW costruisce un peso con cui valutare le alternative

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito

Voto attribuito COME SI VOTA Voto non attribuito Voto attribuito O S VOT Voto non attribuito OO PU O RTURO TOS PPPO USPP VR PURO OO ROSS OR PTRO S PO TOO VV SPROO RO O Si può mettere un segno sul candidato alla presidenza e un altro sul simbolo del candidato

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar:

Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Appendice per dispositivi multifunzione Navico compatibili che supportano le seguenti funzionalità Broadband 4G Radar: Doppio radar Doppia scala Controlli Radar 4G -Separazione - obiettivi -- Eliminazione

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità

La protezione delle culture agricole è la nostra specialità La protezione delle culture agricole è la nostra specialità Ugelli antideriva ad aspirazione d aria ed accessori per irrorazione AirMix e TurboDrop i più conosciuti e diffusi nel mondo per la protezione

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

Impiego Appropriato dei font

Impiego Appropriato dei font Impiego Appropriato dei font Quando si vuol comunicare applicando i principi della grafica bisogna prestare attenzione a un considerevole numero di particolari. Se si individuano i dettegli giusti s ottiene,

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli