UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITA OPERATIVA. Istituto Superiore di Sanità. Bagnoli Futura S. p. A."

Transcript

1 UNITA OPERATIVA Istituto Superiore di Sanità Dott.ssa Loredana Musmeci (Direttore del Reparto Suolo e Rifiuti) Dott.ssa Eleonora Beccaloni Dott.ssa Maria Rita Cicero Dott. Fabrizio Falleni Dott.ssa Federica Scaini Sig. Massimiliano Beccaloni Bagnoli Futura S. p. A. Ing. Gianfranco Caligiuri Dott. Vincenzo di Pastena 1

2 ALLEGATO TECNICO Considerando l estensione dell area oggetto di intervento e sulla base delle differenti destinazioni d uso previste dal Piano Urbanistico Attuativo (PUA) elaborato dal Comune di Napoli, l analisi di rischio è stata effettuata attraverso la suddivisione in subaree, aventi ciascuna caratteristiche univoche dal punto di vista idrogeologico, geochimico e chimico-tossicologico rispetto ai bersagli individuati dalla procedura dell analisi di rischio. In tabella 1 sono riportate le subaree considerate con le destinazioni d uso previste dal PUA, le superfici e le aree tematiche di appartenenza. Tab. 1: Suddivisione in subaree DENOMINAZIONE DESTINAZIONE D USO BERSAGLI AREA SERVIZI E RICERCA INFRASTRUTTURE CANALE PEDEMONTANO PRODUZIONE DI SERVIZI E STRUTTURE PER LA RICERCA SERVIZI ED IMPIANTI TECNOLOGICI STRUTTURE ALBERGHIERE STRUTTURE TURISTICHE ADULTI/BAMBINI PARCO URBANO VERDE PUBBLICO ADULTI/BAMBINI PARCO SPORT VERDE E SPAZI PUBBLICI ADULTI/BAMBINI L analisi di rischio è stata elaborata per le seguenti subaree, in relazione agli interventi previsti di bonifica, alle destinazioni d uso definite dal PUA ed alla presenza di potenziali bersagli dell inquinamento: AREA SERVIZI E RICERCA (AREA AD USO COMMERCIALE) INFRASTRUTTURE DEL CANALE PEDEMONTANO (AREA AD USO COMMERCIALE) STRUTTURE ALBERGHIERE (AREE RESIDENZIALI) PARCO URBANO - (AREE A VERDE PUBBLICO) PARCO SPORT - (AREE A VERDE PUBBLICO) L analisi di rischio è stata condotta utilizzando il software Giuditta versione 3.1 elaborato dalla Provincia di Milano in collaborazione con Dames & Moore e secondo le linee guida APAT, ARPA S, ISS, ISPESL e ICRAM definite nel documento Criteri metodologici per l applicazione 2

3 dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati (Rev., 0 giugno 2005), in particolare per quel che concerne la durata e la frequenza di esposizione. Per ognuna delle sub-aree investigate è stata definita: 1. l analisi di rischio allo stato attuale (pre-bonifica); 2. l analisi di rischio successiva agli interventi di bonifica e/o messa in sicurezza (postbonifica). Per le elaborazioni sono state adottate le condizioni più cautelative di seguito elencate: punto di conformità (distanza dalla sorgente della contaminazione) pari a 0 m; non è mai stato applicato il Soil Attenuation Model (SAM) escludendo così la possibilità di calcolare il fattore di eluizione dal suolo verso la falda. Il valore di concentrazione dell inquinante è infatti il valore medio dell intero carotaggio avente profondità diverse fino al raggiungimento della falda; è stato posto il parametro Z (profondità dal p.c.) pari a 0,05 m per valutare il contatto diretto tra i recettori umani e la sorgente di contaminazione; i valori di concentrazione considerati sono quelli riscontrati nel terreno di riporto; tutte le analisi della falda si riferiscono alla situazione attuale pre-bonifica. Le attività di rimozione dei terreni contaminati certamente modificheranno il chimismo delle acque in quanto si avrà una riduzione del carico inquinante e conseguentemente si riduranno le possibilità di migrazione dei contaminanti residui verso la falda (con riduzione del rischio dal suolo verso il bersaglio falda). 3

4 Il software GIUDITTA comprende l inputizzazione e l analisi dei seguenti dati: caratteristiche del sito; contaminazione dei punti; comparazione limiti D.M. 471/99; caratteristiche del sito e percorsi di esposizione; analisi statistiche dei dati 4

5 AREA SERVIZI E RICERCA L area servizi e ricerca ha come obiettivi di bonifica la rimozione dei terreni con contaminazione superiore ai valori di col. B del D.m. 471/99 ed il disinquinamento delle acque delle falda. L analisi di rischio è stata condotta considerando una destinazione futura dell area ad uso commerciale. Non essendo previsti per tale sub-area interventi di ricostruzione pedologica le analisi di rischio pree post-bonifica risultano coincidenti. Considerata la nuova destinazione d uso prevista, l analisi di rischio è stata elaborata calcolando le concentrazioni al punto sorgente mediante il software PRO-UCL e seguendo le linee guida APAT, ARPA S, ISS, ISPESL e ICRAM, definite nel documento Criteri metodologici per l applicazione dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati. E stato considerato un suolo superficiale (riporto) la cui analisi è riferita in via cautelativa ad una profondità dal piano campagna pari a 0,05 m. La percentuale di umidità è stata misurata in laboratorio per un numero rappresentativo di campioni distribuiti sull intera area ILVA ed è risultata pari ad un valore medio del 12%. Per quel che riguarda i valori dei contaminanti rilevati nel punto di campionamento sono stati considerati in via cautelativa: i valori massimi per gli analiti nei riporti con numerosità inferiore a 30, i limiti superiori di confidenza della media (UCL) per gli analiti nei riporti con numerosità superiore a 30 (secondo le linee guida APAT definite nel documento Criteri metodologici per l applicazione dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati ) calcolati mediante il software PRO-UCL. I valori massimi per gli analiti nella falda (campagne mensili da Febbraio 2005 a Marzo 2006). Tab. 1 Contaminanti al punto sorgente (Area servizi e ricerca) Suolo SS (mg/kg ss) Falda (mg/l) ARSENICO UCL MAX BERILLIO MAX 9.3 MAX COBALTO MAX 13.7 MAX CADMIO UCL MAX CROMO TOTALE UCL MAX FERRO MAX MANGANESE MAX MERCURIO UCL 0.38 MAX NICHEL UCL MAX PIOMBO UCL MAX RAME UCL MAX STAGNO UCL VANADIO UCL ZINCO UCL MAX PIRENE MAX MAX BENZO(A)ANTRACENE MAX MAX

6 CRISENE MAX MAX BENZO(K,J)FLUORANTENE MAX MAX BENZO(B)FLUORANTENE MAX MAX BENZO(A)PIRENE MAX MAX DIBENZO(A,H)ANTRACENE MAX MAX BENZO(G,H,I)PERILENE MAX MAX INDENO(1,2,3,c,d)PERILENE MAX MAX DIBENZO(A,I)PIRENE MAX C>12-16 ALIFATICI MAX 270 MAX Le caratteristiche del sito ed i percorsi di esposizione selezionati sono: 6

7 7

8 La durata e la frequenza di esposizione dei lavoratori sono pari rispettivamente a 25 anni e 240 giorni/anno. I parametri relativi al terreno ed all acquifero sono quelli di default ad eccezione dei seguenti dati specifici del sito rilevati nel corso delle attività di caratterizzazione: soggiacenza della falda: è stato adottato il valore minimo rilevato nei sondaggi eseguiti nell area pari a 9,2 m; conducibilità idraulica: è stato adottato in via cautelativa il valore di permeabilità tipico delle sabbie medio-fini (sandy loam) ricavato dai criteri metodologici APAT pari a 1,23x10-5 m/s corrispondenti a 1,06 m/giorno; la classificazione granulometrica è quella media dei riporti rilevati nel sito ed è riportata nel piano di caratterizzazione (permeabilità medio-bassa); gradiente idraulico: è stato adottato un valore medio dell acquifero in esame pari a ricavato dalla piezometria dell area; peso specifico del terreno: 1.3 g/cm 3 ricavato dalla medie delle prove di laboratorio eseguite sui campioni di suolo prelevati in area ILVA. porosità efficace: 0.15 ricavato dalla media delle analisi geotecniche eseguite su campioni saturi in area ILVA (corrisponde al default); frangia capillare: è stato adottato un valore pari a 25 cm tipico delle sabbie medio-fini (sandy loam) ricavato dai criteri metodologici APAT; contenuto di sostanza organica (Carbonio organico): il contenuto medio (Foc) è risultato pari a Nel mezzo saturo è stato adottato nei calcoli un valore cautelativo di infiltrazione efficace: al fine di ottenere un dato di piovosità media annua sufficientemente affidabile per l area in esame sono stati presi in considerazione dati provenienti dalle serie storiche delle stazioni meteorologiche limitrofe all area in esame. Sulla base dei dati disponibili si può ritenere che una piovosità media pari a 950 mm/anno costituisca un valore cautelativo per l area in esame. Al fine di valutare l entità dell infiltrazione efficace è stato applicato il metodo proposto da Connor J.A. et al., 1997 basato sulla piovosità media annua e sulla tessitura dei suoli. In presenza di un suolo a tessitura prevalentemente sabbiosa l infiltrazione efficace risulta pari a * (95)2 = m/anno. umidità del campione: 12% (da analisi di laboratorio) 8

9 9

10 I valori degli indici di rischio cumulativi ottenuti per questa area sono: AREA SERVIZI E RICERCA (suolo e falda) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SITUAZIONE ATTUALE RISCHIO DAL SUOLO E+00 RISCHIO DALLA E E E-06 SOSTANZE 1.00E E E-02 SOSTANZE NON E-03 In Allegato 1 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. INFRASTRUTTURE DEL CANALE PEDEMONTANO L area interessata dalla realizzazione delle infrastrutture del canale pedemontano, dal recupero paesaggistico delle aree pedemontane di Posillipo e dalle opere di messa in sicurezza delle pendici della collina ha come obiettivi di bonifica la rimozione dei terreni con contaminazione superiore ai valori di col. B del D.m. 471/99 ed il disinquinamento delle acque delle falda. Su tale area verranno realizzate le opere infrastrutturali utilizzando il materiale inerte proveniente dai trattamenti dei terreni, la cui contaminazione risulta inferiore ai limiti tabellari di colonna B del D.M. 471/99, e successivamente si realizzerà una copertura vegetale per la connessione paesaggistica tra il versante e la piana flegrea (vedi Fig. 6). L analisi di rischio è stata condotta considerando una destinazione futura dell area ad uso commerciale con esposizione dei lavoratori limitata alle attività realizzative e manutentive ed al transito occasionale di non addetti sui camminamenti predisposti allo scopo, sono stati quindi scelti rispettivamente i valori di 90 gg/anno e 25 anni come frequenza e durata di esposizione umana per detti lavoratori. Per tale area sono state elaborate analisi di rischio relative a 5 possibili scenari che rappresentano l evoluzione delle attività in corso: 1 scenario analisi di rischio situazione attuale (utilizzando i soli dati geochimici dei terreni ottenuti nelle fasi di caratterizzazione); 2 scenario analisi di rischio situazione attuale (dati geochimici dei terreni e della falda ottenuti nelle fasi di caratterizzazione); 3 scenario analisi di rischio scenario futuro dopo la realizzazione dei rilevati sagomati e con distanza della falda corrispondente al minimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 5 m; 10

11 4 scenario analisi di rischio scenario futuro dopo la realizzazione dei nuovi profili paesaggistici e con distanza della falda corrispondente al massimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 35 m; 5 scenario - analisi di rischio scenario futuro dopo la realizzazione dei rilevati sagomati e con distanza della falda corrispondente al minimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 5 m con dati geochimici ridotti del 20%, in relazione all attività di vagliatura e lavaggio dei suoli contaminati scavati; 6 scenario analisi di rischio scenario futuro dopo la realizzazione dei nuovi profili paesaggistici e con distanze della falda rispettivamente di 5 e 35 m con abbattimento del 90% del valore sito-specifico di infiltrazione efficace. 1 SCENARIO ANALISI DI RISCHIO SITUAZIONE ATTUALE (solo concentrazioni nel suolo) E stato considerato un suolo superficiale la cui analisi è riferita in via cautelativa ad una profondità dal piano campagna pari a 0,05 m. La percentuale di umidità è stata misurata in laboratorio per un numero rappresentativo di campioni distribuiti sull intera area ILVA ed è risultata pari ad un valore medio del 12%. In via cautelativa sono stati considerati i seguenti valori dei contaminanti nel punto di campionamento: i valori massimi per gli analiti nei terreni con numerosità inferiore a 30, i limiti superiori di confidenza della media (UCL) per gli analiti nei terreni con numerosità superiore a 30 (secondo le linee guida APAT definite nel documento Criteri metodologici per l applicazione dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati ) calcolati mediante il software PRO-UCL. Tab. 2 Contaminanti al punto sorgente (Area canale pedemontano Situazione attuale con analisi suolo) Suolo SS (mg/kg ss) ARSENICO UCL BERILLIO MAX 12.5 COBALTO MAX 9.4 CADMIO UCL CROMO TOTALE UCL FERRO MANGANESE MERCURIO UCL NICHEL UCL PIOMBO UCL RAME UCL STAGNO UCL VANADIO UCL ZINCO UCL PIRENE MAX BENZO(A)ANTRACENE MAX CRISENE MAX BENZO(K,J)FLUORANTENE MAX BENZO(B)FLUORANTENE MAX BENZO(A)PIRENE MAX DIBENZO(A,H)ANTRACENE MAX 0.04 BENZO(G,H,I)PERILENE MAX INDENO(1,2,3,c,d)PERILENE MAX DIBENZO(A,I)PIRENE MAX C>12-16 ALIFATICI MAX

12 Le caratteristiche del sito ed i percorsi di esposizione selezionati sono: 12

13 I parametri relativi al terreno ed all acquifero sono quelli di default ad eccezione dei dati specifici del sito rilevati nel corso delle attività di caratterizzazione. Essi sono identici a quelli elencati nel paragrafo relativo alla sub-area servizi e ricerca ad eccezione di: soggiacenza della falda: è stato adottato il valore minimo rilevato nei sondaggi eseguiti nell area pari a 5,0 m; 13

14 14

15 I valori degli indici di rischio cumulativi ottenuti per questo scenario sono: AREA CANALE PEDEMONTANO (solo suolo) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SITUAZIONE ATTUALE SCENARIO 1 SOSTANZE SOSTANZE NON RISCHIO DAL SUOLO E-01 RISCHIO DALLA 1 RISCHIO DALL ELUATO E E E E-03 1 In Allegato 2 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 15

16 2 SCENARIO ANALISI DI RISCHIO SITUAZIONE ATTUALE (concentrazione nel suolo e nella falda) Questo secondo scenario presenta gli stessi parametri di esposizione e gli stessi parametri sito specifici dello scenario precedentemente esposto ad eccezione dell aggiunta delle concentrazioni massime per gli analiti nella falda (campagne mensili da Febbraio 2005 a Marzo 2006). Tab. 3 Contaminanti al punto sorgente (Area canale pedemontano Situazione attuale con analisi suolo e falda) Suolo SS (mg/kg ss) Falda (mg/l) ARSENICO UCL MAX BERILLIO MAX 12.5 MAX COBALTO MAX 9.4 MAX CADMIO UCL MAX CROMO TOTALE UCL MAX FERRO MAX MANGANESE MAX MERCURIO UCL MAX NICHEL UCL MAX PIOMBO UCL MAX RAME UCL MAX STAGNO UCL MAX VANADIO UCL MAX ZINCO UCL MAX PIRENE MAX MAX BENZO(A)ANTRACENE MAX MAX CRISENE MAX MAX BENZO(K,J)FLUORANTENE MAX MAX BENZO(B)FLUORANTENE MAX MAX BENZO(A)PIRENE MAX MAX DIBENZO(A,H)ANTRACENE MAX 0.04 MAX BENZO(G,H,I)PERILENE MAX MAX INDENO(1,2,3,c,d)PERILENE MAX MAX DIBENZO(A,I)PIRENE MAX MAX C>12-16 ALIFATICI MAX MAX I valori degli indici di rischio cumulativi ottenuti per questo scenario sono: AREA CANALE PEDEMONTANO (suolo e falda) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SITUAZIONE ATTUALE SCENARIO 2 SOSTANZE SOSTANZE NON RISCHIO DAL SUOLO E+00 RISCHIO DALLA E+00 RISCHIO DALL ELUATO E E E E E E-05 In Allegato 3 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 16

17 3 SCENARIO ANALISI DI RISCHIO SCENARIO FUTURO (dopo la realizzazione dei rilevati sagomati e con distanza della falda corrispondente al minimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 5 m) L assetto litostratigrafico futuro dell area infrastrutturale pedemontana prevede dal basso verso l alto: una terreno di base la cui caratterizzazione comprensiva di analisi di rischio è stata descritta e valutata nei precedenti paragrafi; un rilevato costituito da materiale inerte proveniente dai cicli di trattamento di spessore variabile fino ad un massimo di 30 m; una copertura vegetale di 1 m realizzata mediante l utilizzo di suolo vegetale/compost con carico di inquinanti inferiore ai limiti di col. A del D.M. 471/99. In virtù della sagomatura del rilevato si avranno profondità di falda variabili da un valore minimo di 5 m ad un massimo di 35 m dal piano campagna. L analisi di rischio è stata condotta utilizzando, per il rilevato, i dati geochimici dei riporti inquinati (con concentrazioni degli inquinanti inferiori alla colonna B del D.M. 471/99) movimentati in area ILVA-Eternit. E stato considerato un suolo superficiale la cui analisi è riferita ad una profondità dal piano campagna pari a 1 m, inoltre non essendo disponibili dati di falda per la situazione futura sono stati inputizzati i valori degli eluati nei riporti e suoli eseguiti su campioni fortemente contaminati da metalli pesanti e da composti organici. In via cautelativa per gli eluati sono stati considerati: i valori massimi per gli analiti con numerosità inferiore a 30 (composti organici), i limiti superiori di confidenza della media (UCL) per gli analiti con numerosità superiore a 30 (secondo le linee guida APAT definite nel documento Criteri metodologici per l applicazione dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati ) calcolati mediante il software PRO-UCL (metalli pesanti). 17

18 Tab. 4 Contaminanti al punto sorgente (Area canale pedemontano falda a 5 m) Suolo SS (mg/kg ss) Eluato (MG/L) ARSENICO UCL UCL BERILLIO UCL UCL COBALTO UCL UCL CADMIO UCL 1.89 UCL CROMO TOTALE UCL UCL FERRO UCL MERCURIO UCL UCL NICHEL UCL UCL PIOMBO UCL UCL RAME UCL 208 UCL STAGNO UCL UCL VANADIO UCL UCL ZINCO UCL UCL PIRENE UCL MAX BENZO(A)ANTRACENE UCL MAX CRISENE UCL MAX BENZO(K,J)FLUORANTENE UCL 0.39 MAX BENZO(B)FLUORANTENE UCL MAX BENZO(A)PIRENE UCL MAX DIBENZO(A,H)ANTRACENE UCL MAX BENZO(G,H,I)PERILENE UCL MAX INDENO(1,2,3,c,d)PERILENE UCL 0.22 MAX DIBENZO(A,I)PIRENE UCL MAX C>12-16 ALIFATICI UCL MAX I parametri relativi al terreno ed all acquifero sono quelli di default ad eccezione dei dati specifici del sito rilevati nel corso delle attività di caratterizzazione identici alla sub-area area servizi e ricerche ad eccezione di: soggiacenza della falda: pari a 5,0 m. 18

19 19

20 20

21 I valori degli indici di rischio cumulativi ottenuti per questo scenario sono: AREA CANALE PEDEMONTANO (falda a 5m) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SCENARIO FUTURO SCENARI O 3 SOSTANZE SOSTANZE NON RISCHIO DAL SUOLO E+00 RISCHIO DALLA 1 RISCHIO DALL ELUATO E E E E E-02 1 In Allegato 4 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 4 SCENARIO ANALISI DI RISCHIO SCENARIO FUTURO (dopo la realizzazione dei rilevati sagomati e con distanza della falda corrispondente al massimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 35 m) Per questo scenario i valori di concentrazione nel suolo e nell eluato ed i parametri sito specifici e quelli di esposizione sono esattamente identici allo scenario 3 precedentemente analizzato ad eccezione della soggiacenza della falda per la quale è stato adottato il valore di 35,0 m. I valori degli indici di rischio cumulativi ottenuti sono identici a quelli dello scenario 3: AREA CANALE PEDEMONTANO (falda a 35m) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SCENARIO FUTURO SCENARI O 4 SOSTANZE SOSTANZE NON RISCHIO DAL SUOLO E+00 RISCHIO DALLA 1 RISCHIO DALL ELUATO E E E E E-02 1 In Allegato 5 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 21

22 5 SCENARIO - ANALISI DI RISCHIO SCENARIO FUTURO (dopo la realizzazione dei rilevati sagomati e con distanza della falda corrispondente al minimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 5 m con dati geochimici ridotti del 20%) E stata elaborata un ulteriore analisi di rischio dopo la realizzazione dei nuovi profili paesaggistici e con distanza della falda corrispondente al minimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 5 m e con i dati geochimici ridotti del 20 % per effetto del trattamento dei materiali (vagliatura e lavaggio dei suoli contaminati escavati). Per quest ultimo scenario della sub-area infrastrutture del canale pedemontano vengono utilizzati tutti i parametri dello scenario 3 (analisi di rischio scenario futuro dopo la realizzazione dei rilevati sagomati e con distanza della falda corrispondente al minimo spessore dei materiali inerti riportati pari a 5 m) ad eccezione delle concentrazioni del punto sorgente. Tab. 5 Contaminanti (Area canale pedemontano carico inquinante ridotto del 20%, falda a 5m) Suolo SS (mg/kg ss) Eluato (mg/l) ARSENICO UCL 47,912 UCL BERILLIO UCL 4,87 UCL COBALTO UCL 1,512 UCL CADMIO UCL 13,304 UCL CROMO TOTALE UCL 97,08 UCL FERRO 0 UCL MERCURIO UCL 1,556 UCL NICHEL UCL 38,704 UCL PIOMBO UCL 436,16 UCL RAME UCL 166,4 UCL STAGNO UCL 22,312 UCL VANADIO UCL 132,744 UCL ZINCO UCL 654,256 UCL PIRENE UCL 0,66 MAX BENZO(A)ANTRACENE UCL 0,4712 MAX CRISENE UCL 0,5552 MAX BENZO(K,J)FLUORANTENE UCL 0,312 MAX BENZO(B)FLUORANTENE UCL 0,2616 MAX BENZO(A)PIRENE UCL 0,4376 MAX DIBENZO(A,H)ANTRACENE UCL 0,1152 MAX BENZO(G,H,I)PERILENE UCL 0,2096 MAX INDENO(1,2,3,c,d)PERILENE UCL 0,176 MAX DIBENZO(A,I)PIRENE UCL 0,05696 MAX C>12-16 ALIFATICI UCL 132,176 MAX I valori degli indici di rischio cumulativi sono: SOSTANZE SOSTANZE NON AREA CANALE PEDEMONTANO (falda a 5m) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SCENARIO FUTURO SCENARIO 5 CARICO INQUINANTE RIDOTTO DEL 20 % RISCHIO DAL SUOLO E-01 RISCHIO DALLA 1 RISCHIO DALL ELUATO E E E E E-05 In Allegato 6 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 1 22

23 6 SCENARIO ANALISI DI RISCHIO SCENARIO INTEGRATIVO (dopo la realizzazione dei nuovi profili paesaggistici e con distanze della falda rispettivamente di 5 e 35 m con abbattimento del 90% del valore sito-specifico di infiltrazione efficace) Per tale scenario è stata eseguita un analisi di rischio utilizzando gli stessi parametri di esposizione e le stesse concentrazioni dei contaminanti degli scenari 3 e 4, precedentemente presi in considerazione. Riguardo i parametri sito specifici vengono presi in considerazione, anche in questo caso, quelli relativi agli scenari 3 e 4, ad eccezione del valore di infiltrazione efficace. Tale parametro verrà diminuito, ottimizzando il drenaggio delle acque meteoriche, al fine di avere una minore infiltrazione delle stesse nell ammasso di materiali. I valori degli indici di rischio cumulativi e degli indici di rischio dei singoli contaminanti ottenuti utilizzando le due distanze dalla falda di 5 e 35 m risultano coincidenti. AREA CANALE PEDEMONTANO (falda a 5 e a 35m) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SCENARIO FUTURO SCENARI O 4 SOSTANZE SOSTANZE NON RISCHIO DAL SUOLO E-01 RISCHIO DALLA 1 RISCHIO DALL ELUATO E E E E E-02 1 In Allegato 7 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 23

24 PARCO URBANO E stata eseguita un analisi di rischio in quanto la tipologia di intervento prescelta per la bonifica della sub-area destinata a parco urbano prevede di lasciare in sito una modesta contaminazione residua costituita da elementi inorganici, superiore ai limiti della Tabella 1 colonna A (uso residenziale) del D.M. 471/99 corretta con i valori di background, mentre i composti organici saranno completamente asportati. Per tale area sono state condotte: l analisi di rischio allo stato attuale (pre-bonifica); l analisi di rischio successiva agli interventi di bonifica e/o messa in sicurezza. L analisi di rischio allo stato attuale è stata definita utilizzando i valori di concentrazione del terreno più superficiale (riporto o suolo) rilevato nel corso della caratterizzazione. L analisi di rischio post-bonifica è stata condotta per i soli elementi inorganici (poiché è prevista la completa rimozione dei composti organici IPA) e per gli Idrocarburi totali, utilizzando come valori di concentrazione la media ponderata in accordo con quanto già definito per l analisi di rischio precedentemente approvata ed oggetto di decreto approvativo. Sono stati riaggiornati i calcoli in considerazione della nuova perimetrazione del parco urbano, utilizzando le stesse procedure. L analisi di rischio è stata condotta considerando una destinazione futura dell area ad uso verde pubblico e ipotizzando tre scenari distinti: 1 scenario- analisi di rischio situazione attuale (dati geochimici dei terreni e della falda ottenuti nelle fasi di caratterizzazione); 2 scenario- analisi di rischio scenario futuro (media ponderata); 3 scenario- analisi di rischio scenario futuro con riduzione del carico inquinante del 20% (media ponderata) 1 SCENARIO- ANALISI DI RISCHIO SITUAZIONE ATTUALE (dati geochimici dei terreni e della falda ottenuti nelle fasi di caratterizzazione) E stato considerato un suolo superficiale la cui analisi è riferita in via cautelativa ad una profondità dal piano campagna pari a 0,05 m. I valori dei contaminanti rilevati nel punto di campionamento sono: i valori massimi per gli analiti nei terreni con numerosità inferiore a 30, i limiti superiori di confidenza della media (UCL) per gli analiti nei terreni con numerosità superiore a 30 (secondo le linee guida APAT definite nel documento Criteri metodologici per l applicazione dell analisi assoluta di rischio ai siti contaminati ) calcolati mediante il software PRO-UCL. 24

25 Tab. 6 Contaminanti al punto sorgente (Area parco urbano Situazione attuale) Falda (mg/l) Suolo SS (mg/kg ss) Dic 2004 Mar 2006 ARSENICO UCL 59,15 UCL 0,052 BERILLIO UCL 4,08 UCL 0,0014 CADMIO UCL 2,05 UCL 0,00028 COBALTO UCL 19,31 UCL 0,0014 CROMO TOTALE UCL 165,29 UCL 0,0048 MERCURIO UCL 1,97 UCL 0,0001 FERRO UCL 3,725 MANGANESE UCL 1,171 NICHEL UCL 35,67 UCL 0,012 PIOMBO UCL 906,93 UCL 0,0027 RAME UCL 190,9 UCL 0,035 STAGNO UCL 26,69 VANADIO UCL 175,25 ZINCO UCL 781,17 UCL 0,072 C>12-16 ALIFATICI UCL 246,52 UCL 0,15 PIRENE UCL 0,52 UCL 0,00032 BENZO(A)ANTRACENE UCL 0,411 UCL 0, CRISENE UCL 0,401 UCL 0,0001 BENZO(K,J)FLUORANTENE UCL 0,228 UCL 0,00001 BENZO(B)FLUORANTENE UCL 0,326 UCL 0, BENZO(A)PIRENE UCL 0,587 UCL 0, DIBENZO(A,H)ANTRACENE UCL 0,084 UCL 0, BENZO(G,H,I)PERILENE UCL 0,426 UCL 0, INDENO(1,2,3,c,d)PERILENE UCL 0,081 UCL 0, DIBENZO(A,I)PIRENE UCL 0,032 I parametri ambientali considerati sono quelli di default del sistema. I parametri relativi al terreno ed all acquifero sono quelli di default ad eccezione dei dati specifici del sito rilevati nel corso delle attività di caratterizzazione. Essi sono identici a quelli elencati nelle sub-aree precedenti ad eccezione di: soggiacenza della falda: è stato adottato il valore medio rilevato nei sondaggi eseguiti nell area pari a 4,0 m; 25

26 26

27 27

28 I valori degli indici di rischio cumulativi sono: AREA PARCO URBANO (suolo e falda) RISCHIO LIVELLO DI RISCHIO ACCETTABILE SITUAZIONE ATTUALE SCENARIO 1 SOSTANZE SOSTANZE NON IDROCARBURI RISCHIO DAL SUOLO E+02 RISCHIO DALLA E+00 RESIDENTI E 1.00E E-04 RESIDENTI E 1.00E E-10 ADULTI E+00 ADULTI E-02 BAMBINI E+01 SUOLO SUPEFICIALE BAMBINI E-02 VAPORI INDOOR SUOLO SUP - ADULTI E+00 VAPORI INDOOR SUOLO SUP - BAMBINI E+00 In Allegato 8 vengono riportati i valori degli indici di rischio dei singoli contaminanti. 28

29 2 SCENARIO- ANALISI DI RISCHIO SCENARIO FUTURO (media ponderata) Per calcolare la concentrazione media ponderata dei materiali all uscita dai cicli di trattamento sono state prese in considerazione le concentrazioni dei terreni inquinati da composti organici che saranno movimentati e sottoposti a trattamento; le concentrazioni degli elementi inorganici residue sono state calcolate in relazione agli effettivi spessori dei litotipi contaminati ed in base alla sequenza stratigrafica ed alle operazioni di ricostruzione che saranno eseguite in tali aree. Tale stima è la più affidabile in quanto tiene conto della estrema variabilità degli spessori e dell effettivo carico inquinante residuo. E stato considerato un suolo superficiale la cui analisi è riferita in via cautelativa ad una profondità dal piano campagna pari a 0,05 m. Per la falda sono stati utilizzati i valori di concentrazione rilevati nel periodo dicembre marzo Tali valori sono cautelativi in quanto è prevedibile che le concentrazioni post-bonifica saranno inferiori a seguito della riduzione del carico inquinante. I valori dei contaminanti rilevati nel punto di campionamento sono: Tab. 7 Contaminanti (Area parco urbano scenario futuro, media ponderata) Suolo superficiale SS (mg/kg ss) Falda (mg/l) dic 2004 mar 2006 ARSENICO ^ 29,85 UCL 0,052 BERILLIO ^ 2,82 UCL 0,0014 CADMIO ^ 0,94 UCL 0,00028 COBALTO ^ 11,90 UCL 0,0014 CROMO TOTALE ^ 75,28 UCL 0,0048 FERRO UCL 3,725 MANGANESE UCL 1,171 MERCURIO ^ 0,83 UCL 0,0001 NICHEL ^ 19,66 UCL 0,012 PIOMBO ^ 257,31 UCL 0,0027 RAME ^ 88,76 UCL 0,035 STAGNO ^ 15,87 VANADIO ^ 87,3 ZINCO ^ 394,96 UCL 0,072 C>12-16 ALIFATICI ^ UCL 0,15 ^ Valori calcolati con la stessa procedura applicata nella precedente analisi di rischio I parametri relativi al terreno ed all acquifero sono quelli di default ad eccezione dei dati specifici del sito rilevati nel corso delle attività di caratterizzazione. Essi sono identici a quelli elencati nei paragrafi precedenti ad eccezione di: soggiacenza della falda: è stato adottato il valore medio rilevato nei sondaggi eseguiti nell area pari a 4,0 m; E stata considerata per il presente scenario una esposizione umana riferita all intero anno. 29

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità

Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Software applicativi per l Analisi di Rischio Caratteristiche - Criticità Servizio Tecnologie e Siti Contaminati APAT 1 Software - Modelli applicativi I software maggiormente utilizzati in Italia sono:

Dettagli

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA

ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO AMBIENTALE 8 giugno 2010 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ATTIVITÀ CONDOTTE DA ARPA Ricerca di microinquinanti in suoli superficiali della provincia

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente Ligure Validazione della Caratterizzazione Ambientale dei Cantieri Navali Michelini s.r.l. V.le S. Bartolomeo S.I.N. Pitelli La Spezia 1 Indice INDICE...2 1 PREMESSA...3 2 RISULTATI DELLA CARATTERIZZAZIONE...5

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI

COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI REGIONE VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA COMPLETAMENTO DEL PIANO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DEL SITO PRODUTTIVO DISMESSO CENTRALE DEL LATTE DI VICENZA IN VIA MEDICI IN COMUNE DI VICENZA.

Dettagli

SITO DI INTERESSE NAZIONALE POLO CHIMICO EX-SISAS NEI COMUNI DI PIOLTELLO E RODANO (MI)

SITO DI INTERESSE NAZIONALE POLO CHIMICO EX-SISAS NEI COMUNI DI PIOLTELLO E RODANO (MI) SITO DI INTERESSE NAZIONALE POLO CHIMICO EX-SISAS NEI COMUNI DI PIOLTELLO E RODANO (MI) (O.P.C.M. n. 3874 del 30 aprile 2010) AREALE EX DISCARICA A ANALISI DI RISCHIO SITO SPECIFICA INTEGRAZIONE (ai sensi

Dettagli

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti

Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Sito di Interesse Nazionale di Porto Marghera Proposta di integrazione del Protocollo Operativo per il campionamento e l analisi dei siti contaminati Fondo scavo e Pareti Novembre 2006 Elaborato da: Ing.

Dettagli

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio

La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio La gestione dei materiali di risulta nei cantieri Evoluzione normativa e casi di studio IL SITO CONTAMINATO DELLA NUOVA STAZIONE AV DI BOLOGNA Gestione dell iter amministrativo e delle interferenze con

Dettagli

Analisi di rischio sanitarioambientale

Analisi di rischio sanitarioambientale Analisi di rischio sanitarioambientale sito specifica Metodi analitici e ripristino ambientale LM STAmT - ACAT Marco De Zuani Giacomo Santoiemma Introduzione COS È IL RISCHIO? Nel caso di siti inquinati,

Dettagli

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004.

esecuzione delle attività stesse e l avvio delle operazioni, come comunicato al Ministero dell Ambiente con nota prot. SAE/156 del 26.07.2004. STABILIMENTO DI TARANTO Relazione sulle procedure di bonifica ambientale Febbraio 2007 1. PREMESSA Gran parte delle aree dello stabilimento ILVA S.P.A. di Taranto ricade fra quelle del sito di interesse

Dettagli

Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL * * *

Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL * * * Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL * * * Documento di riferimento per la e la validazione dei parametri

Dettagli

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi.

La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: affidabilità dei risultati d analisi. R&C Lab S.r.l. La caratterizzazione analitica delle terre e rocce da scavo: rintracciabilità come garanzia di affidabilità dei risultati d analisi. Dr. Dino Celadon Responsabile Ricerca & Sviluppo Ambientale

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l.

SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIONE AMBIENTALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARANTO s.c.a r.l. SERVIZIO DI CARATTERIZZAZIOE AMBIETALE DELL AREA DI PROPRIETA DISTRIPARK TARATO s.c.a r.l. ELECO PREZZI UITARI DISTRIPARK TARATO SOCIETA COSORTILE A RESPOSABILITA LIMITATA Iscritta al Registro delle Imprese

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA

ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEI CORPI IDRICI NEL BACINO SCOLANTE NELLA LAGUNA DI VENEZIA Paolo Parati ARPAV (Direzione Tecnica Servizio Acque Interne) 5 Marzo 2009 INTERVENTI FINANZIATI DALLA REGIONE CON

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SANITA'

DIREZIONE GENERALE SANITA' 2275 13/03/2013 Identificativo Atto n. 180 DIREZIONE GENERALE ANITA' AGGIORNAMENTO DEL REGITRO DELLA REGIONE LOMBARDIA DEI LABORATORI CHE EFFETTUANO ANALII NELL'AMBITO DELLE PROCEDURE DI AUTOCONTROLLO

Dettagli

Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici. Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali. Settore Siti Contaminati

Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici. Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali. Settore Siti Contaminati Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici Servizio Interdipartimentale per le Emergenze Ambientali Settore Siti Contaminati GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL

Dettagli

Comune di Camposanto Provincia di Modena

Comune di Camposanto Provincia di Modena P r o g e t t o U r b a n i s t i c o Coordinamento di progetto: Codice Progetto Piano Particolareggiato di Iniziativa Privata Comparto D.2/IV "Martini"_ Aree artigianali e industriali di nuovo insediamento

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO E MESSA IN SICUREZZA OPERATIVA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI

ANALISI DI RISCHIO E MESSA IN SICUREZZA OPERATIVA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Dipartimento di Ingegneria Chimica, Mineraria e delle Tecnologie

Dettagli

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06.

Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06. Confronto tra concentrazioni limite accettabili ex D.M. 471/99 e concentrazioni soglia di contaminazione ex D.Lgs 152/06 Acque sotterranee D.M. 471/99 D.Lgs. 152/06 Sostanze Valori limite (μ/l) Sostanze

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

dott. geol. Madela Torretta - ing. Sara Puricelli U.O.C. F.S.T. Bonifiche di Siti di interesse Significativo e Analisi di Rischio

dott. geol. Madela Torretta - ing. Sara Puricelli U.O.C. F.S.T. Bonifiche di Siti di interesse Significativo e Analisi di Rischio Il test di cessione sul materiale di riporto: presentazione del protocollo condiviso per il SIN di Sesto San Giovanni e proposte di trattazione dei dati dott. geol. Madela Torretta - ing. Sara Puricelli

Dettagli

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

(Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. (Rev. 1) DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008

Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali. Comune di Levico Terme. Trento 14 gennaio 2008 Provincia Autonoma di Trento Progetto Speciale recupero urbanistico e ambientale aree industriali Comune di Levico Terme MAPPATURA AMBIENTALE DEL CONTENUTO IN METALLI DEL TERRENO AL FINE DELLA DEFINIZIONE

Dettagli

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati

ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati ATTIVITÀ 2.02 : Opere necessarie e produzione nuovi dati 2.02.4 - Svolgimento di campagne di misura sul campo I dati raccolti all interno del Progetto Eur-eau-pa sono stati organizzati in due differenti

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L.

IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO SU TERRE E ROCCE DA SCAVO IL PUNTO DI VISTA DEI LABORATORI EUROLAB S.R.L. Hotel Fortino (TO) 29 maggio 2013 1 ORDINE DEI GEOLOGI DEL PIEMONTE

Dettagli

DELIMITAZIONE DI PIÙ SORGENTI DI CONTAMINAZIONE IN CASI COMPLESSI

DELIMITAZIONE DI PIÙ SORGENTI DI CONTAMINAZIONE IN CASI COMPLESSI DELIMITAZIONE DI PIÙ SORGENTI DI CONTAMINAZIONE IN CASI COMPLESSI Marco Falconi, Antonella Vecchio APAT 1 Parametri relativi alla sorgente Concentrazione Rappresentativa alla Sorgente CRS CRITERIO PER

Dettagli

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012.

DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. DISCIPLINARE ISPRA PER LA DEFINIZIONE DELLE INFORMAZIONI DEGLI STANDARD E DELLE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DI CUI ALL ART. 13 DEL DM161/2012. 1. Premessa L art. 13 del DM 161/2012 prevede che al fine di

Dettagli

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo

Tab.1 Punti di monitoraggio oggetto di campionamento di suolo ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Dipartimento Provinciale di Arezzo U.O. C. Prevenzione e Controlli Ambientali Integrati 52100 Arezzo - viale Maginardo, 1 tel. 0575939105

Dettagli

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI

MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI MONITORAGGIO DEL SUOLO E ALTRI MONITORAGGI 16 febbraio 2011 Sezione Provinciale di Ferrara Via Bologna, 534 44124 Ferrara ENRICA CANOSSA-MANUELA MENGONI-CLAUDIA MILAN (ecanossa@arpa.emr.it) (mmengoni@arpa.emr.it)

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali

PROGETTO ESECUTIVO. Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali PROGETTO SISTEMA IRRIGUO VALLI GIRALDA-GAFFARO-FALCE PROGETTO ESECUTIVO Opere di competenza del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali Salvaguardia ambientale e riassetto irriguo del comprensorio

Dettagli

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014

Laboratorio CONSUL AB S.r.l. analisi chimiche e consulenze ambientali RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 Spett.le AUTOSERVIZI DE ZEN MICHELE s.a.s. Via del Capitello, 5 31011 Asolo (TV) RAPPORTO DI PROVA N. : 586/14/M DEL: 26/03/2014 DATI IDENTIFICATIVI DEL CAMPIONE N richiesta Prove : 2014 0586 Del : 17/03/2014

Dettagli

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori

Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Matrici ambientali inquinate: la valutazione dei rischi per i lavoratori Vai Tiziana, Campo Calogera - Servizio PSAL Colombo Laura, Careghini Alessandro, Trovato Monica - SSD Salute Ambiente Milano, 26

Dettagli

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0

ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Scheda 1 di 6 ELENCO PROVE ACCREDITATE - CATEGORIA: 0 Acqua sotterranea, superficiale potabile, Acqua di scarico, percolato Idrocarburi totali come n-esano APAT CNR IRSA 5160B2 Man 29 2003 Acque di scarico

Dettagli

7 Ipotesi di formulazione del modello

7 Ipotesi di formulazione del modello 7 Ipotesi di formulazione del modello concettuale Il Modello Concettuale esplicita i legami tra le diverse componenti (sorgenti di contaminazione, percorsi di migrazione e vie di esposizione, bersagli),

Dettagli

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico

Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio. Marco Maglionico Best Management Practices per l invarianza idraulica e ambientale del territorio Marco Maglionico Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione provoca alterazioni al regime delle acque

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL * * *

GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL * * * GRUPPO DI LAVORO ANALISI DI RISCHIO APAT-ARPA-ISS-ISPESL * * * Documento di riferimento per la valutazione della conformità dell analisi rischio sanitario-ambientale di Livello 2 ai Criteri Metodologici

Dettagli

Le bonifiche dei Siti Contaminati: Analisi degli aspetti normativi, procedurali, modalità di prelievo e conservazione dei campioni.

Le bonifiche dei Siti Contaminati: Analisi degli aspetti normativi, procedurali, modalità di prelievo e conservazione dei campioni. Le bonifiche dei Siti Contaminati: Analisi degli aspetti normativi, procedurali, modalità di prelievo e conservazione dei campioni. Eleonora Beccaloni ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ suolo@iss.it BONIFICA

Dettagli

ANALISI DI RISCHIO SANITARIO COME STRUMENTO DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI

ANALISI DI RISCHIO SANITARIO COME STRUMENTO DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI PROGETTO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO RELAZIONE DEL TIROCINIO SVOLTO PRESSO L ENTE ARPA SICILIA ANALISI DI RISCHIO SANITARIO COME STRUMENTO DI BONIFICA DEI SITI CONTAMINATI - Luogo -Messina data 18/09/2009

Dettagli

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Committente: Università degli Studi di Ferrara Cantiere: Cona (FE), nuovo Arcispedale S.Anna INDAGINE AMBIENTALE Revisione n 0 Dicembre 2011 Tavole 3 Allegati 4 Sede

Dettagli

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM

Marco Maglionico Università di Bologna Dipartimento DICAM La gestione delle acque meteoriche nelle aree urbane: aspetti idraulici e ambientali Marco Maglionico Dipartimento marco.maglionico@unibo.it Effetti dell urbanizzazione sul ciclo idrologico L urbanizzazione

Dettagli

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO

SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SIN LAGUNA DI MARANO E GRADO 175 SUOLI AGRICOLI ADIACENTI AL SITO INQUINATO DI INTERESSE NAZIONALE LAGUNA DI MARANO E GRADO La presenza di sostanze potenzialmente pericolose

Dettagli

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale

permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Piano di Monitoraggio Ambientale permesso di ricerca Badile Pozzo esplorativo Moirago 1 dir Dr. Stefano C. A. Rossi Geologo Professionista OGL 667 Milano Milano, ottobre 2014 Sommario Sommario 1. Obiettivi... 3 2. Definizioni... 3 3.

Dettagli

Sito di Venezia Porto Marghera

Sito di Venezia Porto Marghera Dipartimento Installazioni di Produzione e Insediamenti Antropici Dipartimento Ambiente e Connessa Prevenzione Primaria Dipartimento di Prevenzione AULSS 12 Veneziana Protocollo per il monitoraggio dell

Dettagli

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali

Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Sala Porta Soprana - Fondazione CARIGE 15 maggio 2006 Ripascimenti stagionali Inquadramento generale LE COMPETENZE L.r. 28 aprile 1999 n.13 Disciplina delle funzioni in materia di difesa della costa, ripascimento

Dettagli

Risorsa Srl (referente dott. Antonio di Gennaro): traduzione dei protocolli tecnici in manuali operativi e strumenti normativi.

Risorsa Srl (referente dott. Antonio di Gennaro): traduzione dei protocolli tecnici in manuali operativi e strumenti normativi. Total Cost = 5,774,074 EC contribution=2,707,256 Coordinatore del progetto: Centro Interdipartimentale di ricerca Ambiente dell Università degli Studi di Napoli Federico II (CIRAM, project manager Massimo

Dettagli

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati

Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Geofluid,, 4 ottobre 2012 Il monitoraggio delle acque sotterranee in siti contaminati Dott. Geol. Giovanni Dondi (ECOVIVA S.a.s.) ECOVIVA S.a.s. Via Passo della Cisa,, 7 43123 Parma Tel. 0521 486372 338

Dettagli

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA

PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA committente Comune di Pesaro PROGETTO OPERATIVO DEGLI INTERVENTI DI BONIFICA ai sensi del D.Lgs. 152/06 sito Area Centro Direzionale Benelli sottocomparto 1 via Morosini, 12 Pesaro (PU) PROGETTO N : B3

Dettagli

LA GESTIONE DELLE PENDENZE AMBIENTALI NELLE AREE EDIFICATE INDUSTRIALI, COMMERCIALI E RESIDENZIALI

LA GESTIONE DELLE PENDENZE AMBIENTALI NELLE AREE EDIFICATE INDUSTRIALI, COMMERCIALI E RESIDENZIALI Provincia di Pordenone - Settore Ecologia Incontro studio sui siti potenzialmente contaminati LA GESTIONE DELLE PENDENZE AMBIENTALI NELLE AREE EDIFICATE INDUSTRIALI, COMMERCIALI E RESIDENZIALI Stefano

Dettagli

ANALISI DELLE AZIONI DI PIANO E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI AMBIENTALI.

ANALISI DELLE AZIONI DI PIANO E VALUTAZIONI DEGLI EFFETTI AMBIENTALI. PREMESSA Il presente documento è stato redatto allo scopo di evidenziare come la progettazione abbia tenuto conto delle prescrizioni esperesse dall Organo tecnico regionale per la VAS nella Fase di Verifica

Dettagli

SAFETY DAY LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI FONDERIA

SAFETY DAY LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI FONDERIA SAFETY DAY LA SICUREZZA NELLE ATTIVITA DI FONDERIA Residui di fonderia: una risorsa non un problema Gualtiero CORELLI - Assofond Alessandro GIAMBANCO Omnisyst S.p.A. Castenedolo (BS), Giovedì 13 Marzo

Dettagli

Bonifica di siti contaminati e Analisi di Rischio

Bonifica di siti contaminati e Analisi di Rischio Bonifica di siti contaminati e Analisi di Rischio Il software RISKNET e il confronto tra applicativi 01 luglio 2015 andreaforni@email.it Risk-net ver. 1.0: presentazione Ing. Iason Verginelli, 2012 2 Risk-net

Dettagli

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT)

DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) DAISY S.R.L. Discarica per rifiuti non pericolosi sita in località San Procopio, S.P. 12 Km 4 76121 Barletta (BT) A.I.A. n.124 del 09.12.2008 Relazione Annuale Gennaio Dicembre Data 28/01/14 Rev: 0 Pagina

Dettagli

R E L A Z I O N E SULLO STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RISANAMENTO DEI SITI INDUSTRIALI DELL AREA DI BAGNOLI

R E L A Z I O N E SULLO STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RISANAMENTO DEI SITI INDUSTRIALI DELL AREA DI BAGNOLI S E N AT O D E L L A R E P U B B L I C A XVII LEGISLATURA Doc. n. CXXIX 1 R E L A Z I O N E SULLO STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI RISANAMENTO DEI SITI INDUSTRIALI DELL AREA DI BAGNOLI (Aggiornata

Dettagli

IMMOBILIARE 2Z S.r.l.

IMMOBILIARE 2Z S.r.l. Ingegneria Ambientale del Sottosuolo Subsoil Environmental Engineering Sede Operativa Via Privata De Vitalis 2-25124 Brescia Sede Legale Via San Zeno 145-25124 Brescia IMMOBILIARE 2Z S.r.l. Sito ex fonderie

Dettagli

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I

Servizi Consulenze Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I Servizi Analisi Ambientali i S.C.A. s.n.c. - Analisi ambientali e alimentari, formazione I CARATTERIZZAZIONE CHIMICO-FISICA DI SEDIMENTI FLUVIALI PER SOSPETTA PRESENZA DIIDROCARBURI PRESSO LA FOCE DEL

Dettagli

A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott.ssa Geol. S. Agosti

A cura di: Dott. Geol. R. Cortiana Dott. Geol. F. Valentini Dott.ssa Geol. S. Agosti Dott. Geol. Riccardo Cortiana r.cortiana@geotecnoindagini.it Via Liguria 1 20900 Monza Telefono e fax 039 837656 geotecnoindagini@pec.it Dott. Geol. Filippo Valentini f.valentini@geotecnoindagini.it RELAZIONE

Dettagli

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa

Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce. Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Regione Liguria Dipartimento Ambiente Settore Ecosistema Costiero Ilaria Fasce Normativa e linee guida per gli interventi di difesa della costa Direttiva Habitat mantenere l habitat naturale prioritario

Dettagli

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE

LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR MISCELA PER OPERE DI IMMOBILIZZAZIONE E STABILIZZAZIONE LIPIDUR LIPIDUR è un prodotto premiscelato composto da leganti minerali cementizi e aggiunte speciali. LIPIDUR viene sempre confezionato

Dettagli

Regione Veneto Provincia di Verona

Regione Veneto Provincia di Verona Regione Veneto Provincia di Verona Comune di Villafranca di Verona CAMPAGNA MOBILE DI RECUPERO RIFIUTI NELL EX CAVA IN LOCALITÀ VALENE VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ ALLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO

Dettagli

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING...

Indice 1 INTRODUZIONE... 2 2 INDAGINI GEOGNOSTICHE E RICOSTRUZIONE IDROGEOLOGICA... 3 3 RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ E DEWATERING... DIMENSIONAMENTO DI UN INTERVENTO DI DEWATERING CON RIDUZIONE DELLA PERMEABILITÀ A cura di Giovanni Formentin, Loris Colombo, Vincenzo Francani Giovanni.Formenti@tethys-geco.it, Loris.colombo@polimi.it,

Dettagli

BONIFICHE DI SITI CONTAMINATI

BONIFICHE DI SITI CONTAMINATI Anno accademico 2005-2006 BONIFICHE DI SITI CONTAMINATI Prof. Candida Vannini Prof. Fabio Conti ART. 17: DAL DLgs 22/97 al DM 471/99 introduce in Italia disciplina generale (attività amministrative e tecniche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

Progetto IAAM. esistenti sul territorio:

Progetto IAAM. esistenti sul territorio: Progetto IAAM (Indagine Ambientale Alto Mantovano) Raccolta e sistematizzazione dei dati esistenti sul territorio: I SITI CONTAMINATI A cura dell Area Suolo e Bonifiche U.O. Sistemi Ambientali ARPA Lombardia

Dettagli

Comune di Avellino. Settore 4 - Lavori Pubblici N. 405 del 25/05/2015 ANNO DUEMILAQUINDICI COPIA DETERMINAZIONE DIRIGENTE COMUNALE

Comune di Avellino. Settore 4 - Lavori Pubblici N. 405 del 25/05/2015 ANNO DUEMILAQUINDICI COPIA DETERMINAZIONE DIRIGENTE COMUNALE Comune di Avellino Settore 4 - Lavori Pubblici N. 405 del 25/05/2015 ANNO DUEMILAQUINDICI COPIA DETERMINAZIONE DIRIGENTE COMUNALE OGGETTO: Impegno di spesa ed affidamento diretto in economia dei servizi,

Dettagli

Sito di Interesse Nazionale di Brescia Caffaro- Analisi di Rischio Sito Specifica- aree giardini privati quartiere 1 Maggio

Sito di Interesse Nazionale di Brescia Caffaro- Analisi di Rischio Sito Specifica- aree giardini privati quartiere 1 Maggio Sito di Interesse Nazionale di Brescia Caffaro- Analisi di Rischio Sito Specifica- aree giardini privati quartiere 1 Maggio PREMESSA: L elaborazione di un analisi di rischio costituisce una procedura avanzata

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali

Rapporto finale di sintesi dei risultati delle indagini ambientali HIA21 - Participative assessment of the health, environmental and socio-economic impacts resulting from urban waste treatment LIFE10 ENV/IT/000331 AZIONE D1 Rapporto finale di sintesi dei risultati delle

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA per la bonifica DEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE MASSA E CARRARA

ACCORDO DI PROGRAMMA per la bonifica DEL SITO DI INTERESSE NAZIONALE MASSA E CARRARA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Regione Toscana Provincia di Massa Carrara Comune di Massa Comune di Carrara Arpa Toscana Associazion edegli industriali di Massa e Carrara

Dettagli

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT

ACEA Distribuzione Direzione Operazioni Rete AT Capitolato Tecnico per le prestazioni professionali relative alla redazione di documentazione inerente la gestione delle terre e rocce da scavo DATA rev. 00 ottobre 2012 Elaborato N. 7-3-329 REDATTO VERIFICATO

Dettagli

PROGETTAZIONE DELL INTERVENTO DI RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN AMBIENTE CONFINATO A. Festuccia

PROGETTAZIONE DELL INTERVENTO DI RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN AMBIENTE CONFINATO A. Festuccia PROGETTAZIONE DELL INTERVENTO DI RIMOZIONE DEI RIFIUTI IN AMBIENTE CONFINATO A. Festuccia INTRODUZIONE La società Italgas SpA ha iniziato nei primi mesi del 2000 le attività di riqualificazione ambientale

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO

9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO 9 RELAZIONE ATTIVITA DI MONITORAGGIO DEL GOLFO DELLA SPEZIA PER IL DRAGAGGIO DELLO SPECCHIO ACQUEO ANTISTANTE TERMINAL RAVANO Campagne di monitoraggio Marzo - Ottobre 2012 INDICE 1 INTROduZIONE... 3 2

Dettagli

Introduzione. Le attività dell ARPACal

Introduzione. Le attività dell ARPACal Sommario Premessa... 3 Introduzione... 4 Le attività dell ARPACal... 4 L attività di bonifica in Calabria... 5 I siti ad alto in provincia di Cosenza... 7 Risultati dell attività... 19 Conclusioni... 20

Dettagli

Il Dm 27 settembre 2010 definisce le

Il Dm 27 settembre 2010 definisce le La valutazione del rischio per le discariche di rifiuti Le richieste di deroga ai CRITERI DI AMMISSIBILITÀ DEI RIFIUTI IN DISCARICA devono essere supportate dalla VALUTAZIONE DEL RISCHIO. L ESPERIENZA

Dettagli

La gestione dei siti contaminati nell esperienza Italferr

La gestione dei siti contaminati nell esperienza Italferr REMTECH 2014 WORKSHOP OICE LE BONIFICHE IN EMERGENZA NELLA REALIZZAZIONE DI GRANDI INFRASTRUTTURE La gestione dei siti contaminati nell esperienza Italferr Ferrara, 18 settembre 2014 Ing. Anna Rita Ferrari

Dettagli

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte

Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Il contributo del Sistema Nazionale per la Protezione dell'ambiente alla Sicurezza Alimentare: l'esperienza di Arpa Piemonte Angelo ROBOTTO Direttore Generale ARPA Piemonte Ambiente Sano per una Alimentazione

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Via S.Marco (cimitero comunale) Periodo di attuazione: 12 aprile 17 maggio 2013 (semestre estivo) 18 settembre 29 ottobre 2013 (semestre invernale) RELAZIONE

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B

CARATTERIZZAZIONE DELL AMBIENTE MARINO CIRCOSTANTE LA PIATTAFORMA RSM-B VARIAZIONE PROGRAMMA LAVORI NELL AMBITO DELLA CONCESSIONE DI COLTIVAZIONE B.C8.LF : PERFORAZIONE DI NUOVI POZZI DI COLTIVAZIONE E ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ESISTENTI PER L OTTIMIZZAZIONE DEL RECUPERO

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2165 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore CAMBURSANO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 APRILE 2003 Disposizioni urgenti per il risanamento ambientale del

Dettagli

7.7 Indagini ambientali matrice suolo

7.7 Indagini ambientali matrice suolo 7.7 Indagini ambientali matrice suolo L area del Comune di Brescia interessata dal fenomeno di inquinamento del suolo è quella riportata nella mappa che segue. Sito nazionale Brescia Caffaro : Area Industriale

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI CARATTERIZZAZIONE DEI SITI DA PRESENTARSI A CURA DEI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI CARATTERIZZAZIONE DEI SITI DA PRESENTARSI A CURA DEI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA DEFINIZIONE DEI PIANI DI CARATTERIZZAZIONE DEI SITI DA PRESENTARSI A CURA DEI SOGGETTI OBBLIGATI, AI SENSI DEL D. LGS. 152/06 E DELL ACCORDO DI PROGRAMMA PER IL SITO DI INTERESSE

Dettagli

Comune di Avigliana PIANO DI UTILIZZO

Comune di Avigliana PIANO DI UTILIZZO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO Comune di Avigliana PIANO DI UTILIZZO T.U. D. Lgs. 152/2006 D.M. 10/08/2012 n.161 Regolamento recante la disciplina dell utilizzazione delle terre e rocce da scavo

Dettagli

Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati. Versione 3.1 MANUALE D USO

Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati. Versione 3.1 MANUALE D USO Provincia di Milano Settore Rifiuti e Bonifiche Servizio Bonifiche Siti Contaminati URS ITALIA S.p.A. Versione 3.1 1 GIUDITTA versione 3.1 è stato prodotto da: Provincia di Milano e URS ITALIA S.p.A. Proprietà

Dettagli

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova

INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE. Dipartimento IMAGE, Università di Padova INDAGINI ED INTERVENTI PER LA BONIFICA DELLE VECCHIE DISCARICHE Dipartimento IMAGE, Università di Padova Indagini conoscitive per la bonifica delle vecchie discariche analisi della situazione ambientale

Dettagli

CRITERI GENERALI PER LA MESSA IN SICUREZZA, LA BONIFICA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI

CRITERI GENERALI PER LA MESSA IN SICUREZZA, LA BONIFICA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI CRITERI GENERALI PER LA MESSA IN SICUREZZA, LA BONIFICA ED IL RIPRISTINO AMBIENTALE DEI SITI INQUINATI Interventi di messa in sicurezza Gli interventi di messa in sicurezza sono interventi che non eliminano

Dettagli

RISCHIO SANITARIO E AMBIENTALE ASSOCIATO AI SITI INQUINATI. Premessa

RISCHIO SANITARIO E AMBIENTALE ASSOCIATO AI SITI INQUINATI. Premessa RISCHIO SANITARIO E AMBIENTALE ASSOCIATO AI SITI INQUINATI Loredana Musmeci, Mirella Bellino, Eleonora Beccaloni, Fabrizio Falleni, Maria Rita Cicero, Federica Scaini Dipartimento di Ambiente e Connessa

Dettagli

Bonifica in situ. matrice suolo.

Bonifica in situ. matrice suolo. Bonifica in situ Decontaminazione da VOC clorurati: la case history del porto di Rotterdam n di GiuseppeProsperieJaapdeRijk, MWH S.p.A. Per la bonifica dell area del porto di Rotterdam, contaminata principalmente

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE)

INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) INDAGINE GEOGNOSTICA E BONIFICA DI UN SITO CONTAMINATO DA IDROCARBURI IN LOC. BORETTO (RE) Agenda 21 locale Dott.ssa Laura Michela Spinetti Boretto, 29 Maggio 2003 Ecologia Soluzione Ambiente S.r.l. dal

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

SITO D INTERESSE NAZIONALE NAPOLI ORIENTALE COMPUTO METRICO

SITO D INTERESSE NAZIONALE NAPOLI ORIENTALE COMPUTO METRICO SITO D INTERESSE NAZIONALE NAPOLI ORIENTALE pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: INDAGINI GEOTECNICHE-IDROGEOLOGICHE E QUALITATIVE SULLE ACQUE DI FALDA PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DEFINITIVO DI MESSA IN SICUREZZA

Dettagli

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008)

Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 2008) STRUTTURA COMPLESSA 11 DIPARTIMENTO DI NOVARA Struttura Semplice SS 11.2 Campagna di monitoraggio di Meina Verifica effetto del provvedimento di Deviazione traffico pesante (5 agosto 29 settembre 28) Redazione

Dettagli

Cos è la Bonifica (1/2)

Cos è la Bonifica (1/2) Cos è la Bonifica (1/2) Con il DM 471/99, IL Ministero dell Ambiente ha fissato i limiti di concentrazione che alcune sostanze (soprattutto pericolose) possono avere nei terreni e nelle acque di falda.

Dettagli

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale

Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale III SESSIONE Gli studi sulle vie di contaminazione tramite la catena alimentare Stato di avanzamento dell'orto Sperimentale Dr. Fabrizio Speziani Direttore Dipartimento di ASL di Brescia Brescia, 22 Settembre

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli