IL MERCATO DEI CAMBI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MERCATO DEI CAMBI"

Transcript

1 IL MERCATO DEI CAMBI CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO TOSCANA PROMOZIONE GRUPPO BANCA CR FIRENZE Prato, 13 ottobre 2005

2 LE OPERAZIONI IN DIVISA NASCONO.. DALLA COESISTENZA DELL INTERNAZIONALISMO COMMERCIALE E DEL NAZIONALISMO MONETARIO

3 DEFINIZIONI DIVISE (di conto valutario): BANCONOTE: CONVERTIBILITA Sono tutti i crediti stilati in moneta estera e pagabili all estero sono i biglietti di stato aventi corso legale nei paesi di emissione. Possono essere convertiti in divisa (salvo limitazioni) una moneta (divisa o banconota) è detta convertibile quando il detentore può cambiare liberament i mezzi di pagamento denominati i tale moneta, in qualsiasi altra (salv limitazioni)

4 L ATTIVITA IN CAMBI DELLA BANCA SI SVILUPPA SU DUE SEGMENTI DI MERCATO COMMERCIALE: attraverso la rete delle filiali o direttamente (Customer Desk della tesoreria) INTERBANCARIO: attraverso la propria sala cambi

5 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI MONETARI. GOLD STANDARD ( ): a) parità fissa tra ciascuna moneta e l oro b) convertibilità di ciascuna moneta in oro c) legame tra quantità di moneta in CAMBI FLESSIBILI ( ): BRETTON WOODS ( ): SMITHSONIAN AGR. ( ): DOLLAR STANDARD (DAL 1976): circolazione e quantità di oro posseduta. a) non convertibilità in oro b) i livelli di cambio sono determinati dal mercato (domanda/offerta) secondo la legge della Parità dei Poteri di Acquisto. a) vengono creati il FMI a la BIRS b) parità fissa tra ciascuna moneta e il dollaro USA c) parità del dollaro USA rispetto all oro d) convertibilità di ogni moneta in dollari USA (non residenti) a) parità fissa tra ciascuna moneta ed il dollaro USA (+/- 2,25%) b) non convertibilità del dolla USA in oro a) libertà di scelta, per ogni paese, circa l adozione di parità fisse o flessibili

6 IL SISTEMA MONETARIO EUROPEO SERPENTE MON. EUROPEO ( ): a) corridoio di oscillazione tra le valute compreso tra +/- 2,25% SISTEMA MON. EUROPEO (dal 1979): a) stesso corridoio di oscillazione, con possibilità di opzione banda larga +/- 6% b) creazione dell ECU, inteso come perno del sistema, rispetto al quale tutte le valute devono mantenersi nel limite del +/- 2,25%. SISTEMA MON. EUROPEO (dal 1993): Dopo l uscita dell Italia (1992), della Gran Bretagna e la crisi del Franco Francese, per tenere in piedi ciò che resta dello S.M.E., la banda ufficiale di oscillazione viene portata al +/- 15%. Opzione +/- 2,25%.

7 IL MERCATO DEI CAMBI ( foreign exchange market) Il mercato dei cambi è il luogo di incontro tra venditore e compratore di divise estere (tra prestatori o prenditori di divise estere) e tra compratori e venditori di contratti di assicurazione di divise estere. Come in tutti i mercati, vige la legge della domanda e della offerta. Il rapporto di prezzo è denominato cambio.

8 FOREX Foreign Exchange ercato interbancario delle valute rattate operazioni per CONTANTI, TERMINE, DERIVATI, DEPOSITI perto 24 ore al giorno un mercato OTC: non esiste una sede fisica e Banche Centrali intervengono per regolare il mercato edia giornaliera degli scambi circa miliardi di dollari

9 FOREX Foreign Exchange ERAZIONI CONTANTE INCIPALI RAPPORTI DI CAMBI TRATTATI: LLARO USA - YEN GIAPPONE LLARO USA - FRANCO SVIZZERO ERLINA INGLESE - DOLLARO USA RO - DOLLARO USA

10 FOREX Foreign Exchange LUTA FOREX: luta con la quale si regolano le operazioni per contanti (SPOT) della giornata incide normalmente con il secondo giorno lavorativo successivo alla data di ntrattazione dell operazione festività nei vari Paesi del mondo provocano lo slittamento della valuta forex r le contrattazioni nelle divise dei Paesi interessati festività negli U.S.A. fanno normalmente slittare la valuta forex per tutte le ise (le quotazioni delle divise sono normalmente contro dollaro USA)

11 LE BANCHE NEL MERCATO DEI CAMBI: QUALE COMPITO Il compito principale del servizio dei cambi di una banca consiste nel consentire alla clientela commerciale o privata di convertire averi stilati in una determinata valuta in un altra. Questo può avvenire con operazioni contanti (a pronti) oppure a termine.

12 LE BANCHE NEL MERCATO DEI CAMBI: QUALE COMPITO Le operazioni a pronti sono quelle che si realizzano acquistando o vendendo divise estere contro unità di conto nazionale, con l immediata consegna delle prime entro il secondo giorno successivo non festivo, oppure cedendo una divisa e acquistandone contemporaneamente dell altra, addebitandone ed accreditandone i rispettivi controvalori alla controparte. Queste operazioni compiute dalle banche vengono denominate Arbitraggi. Le operazioni a termine sono quelle nelle quali l acquisto o la vendita della divisa si effettuano con consegna differita, ad un cambio prefissato, oltre 7 giorni dalla data dell operazione.

13 FOREX Foreign Exchange ERAZIONI A CONTANTI: SPOT = REGOLAMENTO VALUTA FOREX TOM NEXT = REGOLAMENTO VALUTA PRIMO GIORNO LAVORATIVO SUCCESSIVO OVERNIGHT = REGOLAMENTO VALUTA OGGI

14 FOREX Foreign Exchange ERAZIONI A TERMINE (FORWARD): OUTRIGHT SWAP OPTION FUTURE

15 QUOTAZIONI DEL CAMBIO AMMONTARE FISSO DI DIVISA ESTERA INCERTO PER CERTO AMMONTARE INCERTO DI DIVISA NAZIONALE I CAMBI SONO ESPRESSI IN MONETA NAZIONALE AMMONTARE FISSO DI DIVISA NAZIONALE CERTO PER INCERTO AMMONTARE INCERTO DI DIVISA ESTERA I CAMBI SONO ESPRESSI IN DIVISA ESTERA

16 CAMBIO SPOT DEL DOLLARO USA CONTRO EURO 1,2010 1,2015 OTAZIONE CERTO PER INCERTO I FORNISCE LA QUOTAZIONE E DISPOSTO, A 1,2010 (DENARO) ACQUISTARE EURO E VENDERE USD 1,2015 (LETTERA) VENDERE EURO ED ACQUISTARE USD

17 RISCHIO DI CAMBIO SI PRESENTA QUANDO UNA TRANSAZIONE COMMERCIALE VIENE REGOLATA IN UNA MONETA DIVERSA DA QUELLA NAZIONALE. DERIVA DALL INCERTEZZA CIRCA LA QUANTITÀ DI MONETA NAZIONALE CHE SI DOVRÀ UTILIZZARE PER EFFETTUARE UN PAGAMENTO IN DIVISA ESTERA O LA QUANTITÀ DI MONETA NAZIONALE CHE SI INCASSERÀ QUANDO SI RICEVE UN PAGAMENTO A PROPRIO FAVORE ESPRESSO IN DIVISA ESTERA

18 ELEMENTI CHE DETERMINANO LA SCELTA DELLA MONETA DI FATTURAZIONE Situazione dei mercati; Prodotto commercializzato (petrolio - USD); Rapporti inesistenti fra banche (es. nei PVS le banche non hanno conti in EURO); Forza contrattuale delle parti.

19 ELEMENTI CHE INFLUENZANO LA SCELTA DEGLI STRUMENTI TECNICI DI COPERTURA DEL RISCHIO DI CAMBIO Numerosità delle operazioni espresse in valuta estera; Tipologia e volume delle stesse; Moneta di fatturazione; Risorse interne dell imprese.

20 PRINCIPALI OBIETTIVI CHE POSSONO ESSERE PERSEGUITI DA UN IMPRESE Stabilità del reddito aziendale nel tempo; Maggiore tranquillità operativa; Possibilità per le funzioni operative di concentrarsi sugli aspetti principali della loro attività; Focalizzazione del rapporto con i clienti sul posizionamento reale del prodotto; Continuità nei rapporti con i clienti o con i fornitori.

21 TECNICHE DI COPERTURA DEL RISCHIO DI CAMBIO La fatturazione in unità di conto nazionale; L anticipazione in valuta; Il finanziamento in valuta; La copertura a termine; L acquisto di opzioni; Gli swaps; I futures.

22 ANTICIPI ALL ESPORTAZIONE NORMA LA DATA DI ACCENSIONE CORRISPONDE ALLA DATA IN CUI VIENE EFFETTUATA ONTRATTATA L ESPORTAZIONE NORMA L ESTINZIONE AVVIENE MEDIANTE INTROITO DALL ESTERO NECESSARIO AFFIDARE IL CLIENTE, PREVEDENDO APPOSITE LINEE DI FIDO L ANTICIPO E NELLA STESSA DIVISA PREVISTA PER L INTROITO, ESSO RAPPRESENTA VALIDO STRUMENTO DI COPERTURA DEL RISCHIO DI CAMBIO CASO DI ANMTICIPO IN DIVISA E DI MANCATO INTROITO DALL ESTERO, IL CLIENTE, RRE RISCHIO DI CAMBIO

23 ANTICIPI ALL ESPORTAZIONE RIMBORSO ANTICIPO ANTICIPO SU FATTURA 1 APRILE INTROITO 1 MARZO TICIPO SU ORDINE LA MERCE VIENE ESPORTATA 1 GENNAIO ESPORTATORE ED IMPORTATORE STIPULANO IL CONTRATTO PER L OPERAZIONE COMMERCIALE

24 FINANZIAMENTI ALL IMPORTAZIONE NORMA LA DATA DI ACCENSIONE CORRISPONDE ALLA DATA IN CUI VIENE PAGATA MPORTAZIONE NORMA L ESTINZIONE AVVIENE MEDIANTE INTROITO DERIVANTI DALLA VENDITA I BENI ACQUISTATI NECESSARIO AFFIDARE IL CLIENTE, PREVEDENDO APPOSITE LINEE DI FIDO O ESSERE EROGATO IN EURO O IN DIVISA ESTERA CASO DI FINANZIAMENTO IN DIVISA IL CLIENTE CORRE RISCHIO DI CAMBIO

25 FINANZIAMENTI ALL IMPORTAZIONE RIMBORSO VENDITA DE MERCE ACCENSIONE DEL FINANZIAMENTO IMPORTAZIONE DELLA MERCE PAGAMENTO ANTICIPATO DEL VALORE DELL IMPORTAZIONE PULA DEL CONTRATTO PER L IMPORTAZIONE

26 IL COSTO TOTALE EFFETTIVO DI UN FINANZIAMENTO IN VALUTA IL TASSO DI INTERESSE LA VARIAZIONE DEL CAMBIO LE SPESE BANCARIE (spread, commissioni di negoziazione ) LE PENALI EVENTUALI SU ARBITRAGGI O ESTINZIONI ANTE-SCADENZA.

27 ALCUNE CONSIDERAZIONI SUI FINANZIAMENTI IN VALUTA Nelle operazioni a breve (max 18 mesi) il rischio di tasso è abbastanza contenuto. Le spese bancarie, ivi compreso lo spread da aggiungere al tasso Euromercato, sono il frutto di un accordo tra la banca ed il cliente e quindi dipendono quasi esclusivamente dal potere contrattuale di quest ultimo. Le penali su arbitraggi o estinzioni ante-scadenza vengono percepite solo nel caso che l Euromercato si sia verificato un abbassamento dei tassi. La banca, infatti, registra una perdita dovuta al ricollocamento, a livelli di remunerazione inferiore, della valuta anticipatamente resa. Il rischio di cambio è quindi la variabile che più di ogni altra influenza il costo totale effettivo dell operazione. Tale rischio è nullo per l esportatore che si indebita nella stessa valuta di fatturazione. In questo caso il finanziamento diventa un valido strumento di copertura di detto rischio. In tutti gli altri casi, a meno che l azienda non sia in grado di ribaltare la perdita in cambi sul prezzo del prodotto finito, il rischio di cambio deve essere gestito.

28 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) CQUISTO O VENDITA DI DIVISA SENZA UNA CORRISPONDENTE OPERAZIONE A PRONT POT). CONTRATTO A TERMINE PREVEDE LA DEFINIZIONE A PRONTI, DELLE QUOTAZIONI ELATIVE A UNA COMPRAVENDITA CHE AVVERRÀ IN DATA DIFFERITA. CLIENTE ACQUISTA O VENDE DALLA/ALLA BANCA DIVISA DI CUI AVRÀ LA ISPONIBILITÀ IN FUTURO, FISSANDO SUBITO IL CAMBIO. ON QUESTA OPERAZIONE L AZIENDA (CLIENTE) SI ASSICURA CONTRO I ISCHI DI CAMBIO.

29 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) QUOTAZIONE USD CONTRO EURO AD UN MESE 1,2027 1,2032 OTAZIONE CERTO PER INCERTO I FORNISCE LA QUOTAZIONE E DISPOSTO, A 1,2027 ACQUISTARE EURO E VENDERE USD AD UN MESE 1,2032 VENDERE EURO ED ACQUISTARE USD AD UN MESE

30 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) QUOTAZIONE USD CONTRO EURO AD UN MESE FORMAZIONE DEL PREZZO DENARO LETTERA OTAZIONE SPOT 1,2010 1,2015 FORWARD ,0017 PREZZO A TERMINE 1,2027 1,2032

31 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) QUOTAZIONE USD CONTRO EURO AD UN MESE FORMAZIONE DEL PREZZO L PREMIO/DEPREMIO È RICAVATO DALLA SEGUENTE FORMULA: conto = Pr ezzo Pr onti ( TassoDIVISA TassoEURO) Divisore 100 gg

32 OPZIONE OPZIONI SONO STRUMENTI FINANZIARI COSTITUITI DA UN CONTRATTO CHE FERISCE IL DIRITTO, MA NON L OBBLIGO, PER L ACQUIRENTE DI ACQUISTARE O DI DERE UNA DETERMINATA ATTIVITÀ FINANZIARIA O REALE AD UN PREZZO STABILITO D UNA CERTA DATA O ENTRO UN PERIODO DI TEMPO PREFISSATO. IRITTO È RILASCIATO DAL VENDITORE ALL ACQUIRENTE CONTRO PAGAMENTO TESTUALE DI UN PREMIO CHE COSTITUISCE IL PREZZO DELL OPZIONE.

33 OPZIONE CALL OPTION L ACQUIRENTE HA DIRITTO DI DICHIARARSI COMPRATORE DI UNA PREFISSATA QUANTITÀ DELLO STRUMENTO FINANZIARIO O MERCE CUI L OPZIONE È RIFERITA A UN PREZZO PREDEFINITO (STRIKE PRICE O PREZZO BASE) PUT OPTION L ACQUIRENTE HA DIRITTO DI DICHIARARSI VENDITORE DI UNA PREFISSATA QUANTITÀ DELLO STRUMENTO FINANZIARIO O MERCE CUI L OPZIONE È RIFERITA A UN PREZZO PREDEFINITO (STRIKE PRICE O PREZZO BASE)

34 OPZIONE TIPO EUROPEO L ACQUIRENTE PUÒ ESERCITARE IL SUO DIRITTO SOLO ALL EPOCA STABILITA. TIPO AMERICANO L ACQUIRENTE PUÒ ESERCITARE IL SUO DIRITTO IN QUALUNQUE MOMENTO COMPRES TRA L ACQUISTO DELL OPZIONE E LA SCADENZA DELLA STESSA

35 SWAP (RIPORTO IN CAMBI) CURRENCY SWAP SI INTENDONO I CONTRATTI AVENTI PER OGGETTO LO SCAMBIO D CIFICI AMMONTARI DI VALORE ATTUALE NETTO EQUIVALENTE RELATIVI AD IVITÀ E PASSIVITÀ ESPRESSE IN VALUTE DIVERSE. PARTI EFFETTUANO UNO SCAMBIO INIZAILE DI IMPORTI DEFINITI, ESPRESSI IN DUE ISE DIVERSE, AL TASSO DI CAMBIO CORRENTE, SEGUITO DA UN SECONDO SCAMBIO EGNO OPPOSTO, ALLA SCADENZA. ESEMPIO, SI ACQUISTA UNA SOMMA DI YEN GIAPPONESI A PRONTI CONTRO DOLLAR AL CAMBIO SPOT E SI DEFINISCE IMMEDIATAMENTE LA RIVENDITA, AD UNA DATA URA, DELLA STESSA SOMMA DI YEN GIAPPONESI CONTRO ACQUISTO DI DOLLARI, AL CAMBIO A TERMINE CORRENTE DEFINITO TRAMITE I TASSI DI INTERESSE.

36 FUTURE NTRATTI DI FUTURES RAPPRESENTANO L IMPEGNO TRA DUE CONTROPARTI AD MPIERE AD UNA CERTA DATA A UN OBBLIGAZIONE, GENERALMENTE MA NON ESSARIAMENTE DI ACQUISTO/VENDITA, SECONDO CONDIZIONI STABILITE AL MENTO DELLA STIPULA DEI CONTRATTI STESSI RIGUARDANTI PREZZO, QUANTITÀ UALITÀ. O STRUMENTI A TERMINE E SI DISTINGUONO DAI CONTRATTI A TERMINE IN QUANTO LORO TRATTAZIONE AVVIENE IN MERCATI ORGANIZZATI E CENTRALIZZATI, ANZICHÉ ENIRE ATTRAVERSO IL CONTATTO DIRETTO E NON ISTITUZIONALIZZATO DEGLI RATORI. RRENCY FUTURES SONO CONTRATTI CHE RAPPRESENTANO L IMPEGNO ALLA SIONE O ALL ACQUISTO A TERMINE DI DIVISA A UN CAMBIO PREFISSATO. POSIZIONE SI CHIUDE CON L EFFETTIVA CONSEGNA O L EFFETTIVO RITIRO DELLA ISA IN QUESTIONE ALLA DATA DI SCADENZA DEI CONTRATTI, OPPURE TRAMITE LA DITA O L ACQUISTO DEI CONTRATTI ENTRO TALE DATA.

37 Contratto a termine (outright) one Con il contratto a termine viene determinato un cambio (cambio a termine) per l acquisto o la vendita di valuta estera ad una scadenza prestabilita. Il contratto a termine prevede la consegna, alla scadenza, della divisa del contratto con il relativo addebito/accredito del controvalore al cambio prestabilito. Il cambio alla scadenza (cambio a termine) viene calcolato sulla base del cambio a pronti vigente al momento della stipula del contratto, aumentato o diminuito di un margine ( premio o sconto, secondo le condizioni del mercato) che deriva dal differenziale dei tassi tra le due divise oggetto della negoziazione. rametri hiave Divisa sottostante: E la valuta estera che verrà acquistata (import) o venduta (export) a termine Scadenza: E la data valuta in cui verrà acquistata (import) o venduta (export) la valuta estera Importo del contratto: E la quantità di valuta che verrà acquistata (import) o venduta (export) a termine. Cambio Spot: si tratta del cambio a pronti vigente al momento della stipula del contratto Premio/depremio: Margine in aumento/diminuzione applicato sul cambio a pronti Cambio a termine:si tratta del cambio ( cambio spot aumentato o diminuito del premio) al quale verrà acquistata (import) o (export) la valuta estera alla scadenza prefissata. venduta ntaggi I destinatari di questo genere di operazione sono essenzialmente le imprese importatrici ed esportatrici. L impresa che opera con l estero viene a trovarsi esposta alla fluttuazione dei corsi del cambio, per le posizioni di debito e di credito denominate in valuta estera, e pertanto, pone tra i suoi principali obiettivi quello di annullare o minimizzare il rischio collegato alle predette fluttuazioni termine il cliente ha la possibilità di estinguere anticipatamente (parzialmente o totalmente) il contratto a dizioni orevoli orevoli Il cliente importatore non ottiene benefici nel caso di aumento del cambio (viceversa per l esportatore)

38 Contratto a termine (outright) Esempio Esempio di contratto a termine import IPOTESI Importatore che dovrà effettuare fra 3 mesi un bonifico in dollari pari a $ Attraverso un contratto a termine import può fissare il cambio in data odierna Cambio spot: 1,3351 Importo: $ Scadenza : 07/03/2005 Premio/Depremio: (calcolato in base al differenziale tra il tasso sulla valuta e il tasso euro per i giorni di durata del contratto) Cambio a termine: 1,3353 In questo caso l importatore si copre da eventuali fluttuazioni del tasso di cambio. Esempio di contratto a termine export IPOTESI Esportatore che riceverà un pagamento in dollari fra 3 mesi a $ Attraverso un contratto a termine export può fissare il cambio in data odierna Cambio spot: 1,3368 Importo: $ Scadenza : 07/03/2005 Premio/Depremio: (calcolato in base al differenziale tra il tasso sulla valuta Usd e il tasso euro per i giorni di durata del Cambio a termine: 1,3382 In questo caso l esportatore si copre da eventuali fluttuazioni del tasso di cambio. contratto)

39 Acquisto Opzione Call su valuta inizione Tale opzione conferisce all acquirente, previo pagamento di un premio, il diritto, ma non l obbligo, di acquistare una quantità prefissata valuta, contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad una scadenza stabilita. Parametri chiave Vantaggi Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione e che, alla scadenza, può essere comprata. Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Divisa di scambio: è la divisa che viene ceduta per l acquisto della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile e al quale la valuta estera viene comprata. Premio dell opzione: Rappresenta il costo dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effettiv scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Adatta per un cliente importatore che si aspetta di dover far fronte ad un uscita di divisa in un determinat momento futuro e vuole proteggersi da movimenti avversi del cambio Si tratta di una copertura flessibile, in quanto a scadenza il cliente eserciterà solo se ne avrà convenienza. La perdita massima è rappresentata dal costo del premio Condizioni sfavorevoli Il cliente non ottiene benefici nel caso di movimenti rialzisti delcambio: in tal caso risulterebbe infat conveniente alla scadenza acquistare la valuta sul mercato non esercitando l opzione

40 Acquisto Opzione Call su valuta Esempio Esempio di copertura IMPORT Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista PUT Eur CALL Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il costo della struttura è pari a L importatore si assicura di comprare valuta ad un prezzo massimo pari allo strike, cioè più il premio pagato. A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il cliente ha convenienza ad acquistare valuta sul mercato 2) Il cambio è = 1,3350: per il cliente risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il cliente ha convenienza ad esercitare l opzione. Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Acquisto CALL Usd/ PUT ur Area di profitto PERDITA PROFITTO Break even point 1,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio spot a scadenza Area di perdita limitata al premio

41 Vendita Opzione Call su valuta inizione Tale opzione comporta per il venditore, previa riscossione di un premio, nel caso in cui l acquirente eserciti il proprio diritto di acquisto, u obbligo a vendere una quantità prefissata di valuta, contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad un scadenza stabilita. Parametri chiave Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Divisa di scambio: è la divisa che viene ricevuta per l eventuale vendita della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile e al quale la valuta estera viene venduta in caso di esercizio dell opzione da parte della controparte Premio dell opzione: Rappresenta il ricavo per il venditore dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effettiv scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Vantaggi Consigliabile ad un cliente che ritiene che il cambio si mantenga al di sopra dello strike price Condizioni sfavorevoli Il cliente fissa un introito massimo, rappresentato dall incasso del premio, dando luogo per contro ad un possibile perdita futura infinita.

42 Vendita Opzione Call su valuta Esempio Esempio di vendita PUT Eur / CALL Usd Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente vende PUT Eur / CALL Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il cliente incassa A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il compratore dell opzione non esercita il proprio diritto ed il venditore ottiene il max profitto (dato dal premio) 2) Il cambio è = 1,3350: per il compratore risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il compratore ha convenienza ad esercitare l opzione ed il profitto del venditore si riduce proporzionalmente alla diminuzio del cambio Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Break even point Vendita CALL Usd/ PUT ur Area di profitto Perdita Profitto ,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio a scadenza Area di perdita

43 Acquisto Opzione Put su valuta inizione Tale opzione conferisce all acquirente, previo pagamento di un premio, il diritto, ma non l obbligo, di vendere una quantità prefissata di valut contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad una scadenza stabilita. Parametri chiave Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione e che, alla scadenza, può essere venduta. Divisa di scambio: è la divisa che viene ricevuta per la vendita della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile al quale la valuta estera viene venduta. Premio dell opzione: Rappresenta il costo dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effet scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Vantaggi Adatta per un cliente esportatore che si aspetta di dover far fronte ad un entrata di divisa in determinato momento futuro e vuole proteggersi da movimenti avversi del cambio convenienza. Si tratta di una copertura flessibile, in quanto a scadenza il cliente eserciterà solo se ne a La perdita massima è rappresentata dal costo del premio Condizioni sfavorevoli Il cliente non ottiene benefici nel caso di movimenti al ribasso del cambio: in tal caso risultereb infatti conveniente alla scadenza vendere la valuta sul mercato non esercitando l opzione

44 Acquisto Opzione Put su valuta Esempio Esempio di copertura EXPORT Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista CALL Eur /PUT Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il costo della struttura è pari a L esportatore si assicura di comprare valuta ad un prezzo massimo pari allo strike, cioè più il premio pagato. A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il cliente ha convenienza ad esercitare l opzione 2) Il cambio è = 1,3350: per il cliente risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il cliente ha convenienza a vendere valuta sul mercato Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Acquisto PUT Usd/ CALL ur Area di perdita limitata al premio Perdita Profitto Break even point Area di profitto 1,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio spot a scadenza

45 Vendita Opzione Put su valuta inizione Tale opzione comporta per il venditore, previa riscossione di un premio, nel caso in cui l acquirente eserciti il proprio diritto di vendita, u obbligo a comprare una quantità prefissata di valuta, contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad un scadenza stabilita. Parametri chiave Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Divisa di scambio: è la divisa che viene ceduta per l eventuale acquisto della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile e al quale la valuta estera viene comprata in caso di esercizio dell opzione da parte della controparte. Premio dell opzione: Rappresenta il ricavo per il venditore dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effettiv scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Vantaggi price Consigliabile ad un cliente che ritiene che il cambio abbia un evoluzione al ribasso ad di sotto dello strik Condizioni sfavorevoli Il cliente fissa un introito massimo, rappresentato dall incasso del ad una possibile perdita futura infinita. premio, dando luogo per contr

46 Vendita Opzione Put su valuta Esempio Esempio di vendita CALL ur / PUT $ Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente vende CALL Eur PUT Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il cliente incassa A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il compratore dell opzione esercita il proprio diritto ed il profitto del venditore si riduce proporzionalmente all aumento del cambio 2) Il cambio è = 1,3350: per il compratore risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il compratore non ha convenienza ad esercitare l opzione ed il venditore ottiene il massimo profitto Area di profitto Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Vendita PUT Usd/ PUT ur Perdita Profitto Breakeven point Area di perdita 1,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio a scadenza

47 Opzione con Knock In (Barriera Attivante) one Si tratta di un opzione la cui esistenza è subordinata al raggiungimento di un determinato livello di barriera (Knock in). Se la barriera è raggiunta, l opzione si trasforma in una normale opzione Plain Vanilla. Al contrario, nel caso in cui la barriera non sia raggiunta, l opzione non attribuisce alcun diritto. metri iave taggi Barriera: si fa distinzione tra Barriera americana e Barriera europea. Barriera americana: la clausola di attivazione viene verificata continuativamente dal momento della sottoscrizione dell opzione fino alla scadenza. Barriera europea: l attivazione viene verificata solo al momento della scadenza. Eventualmente la barriera può avere un periodo di validità diverso rispetto alla durata dell opzione. Ad esempio, opzione con scadenza tre mesi e Knock In valido solo per i primi due mesi: l opzione entra in essere solo se la barriera è raggiunta entro i primi due mesi. La verifica del raggiungimento della barriera può essere: continua (24 ore su 24) o discreta limitata a valori specifici di cambio a pronti ( ad esempio il fixing della Banca Centrale Europea). Per l acquirente la perdita massima è rappresentata dal costo del premio Per l acquirente dell opzione con Knock in il premio pagato risulta inferiore rispetto a quello pagato per l acquisto di un opzione Plain Vanilla con le medesime caratteristiche. Il venditore di un opzione con knock in incassa un premio inferiore rispetto a quello ottenuto con la vendita di un opzione Plain Vanilla con le medesime caratteristiche: nello stesso tempo però il rischio di esercizio è allontanato e subordinato all eventuale raggiungimento del livello di knock in. dizioni orevoli cambio Il cliente acquirente dell opzione non ottiene benefici nel caso di movimenti avversi del tasso di Il premio relativo ad un opzione con knock in è inferiore rispetto a quello relativo ad un opzione plain vanilla con le medesime caratteristiche: questo proprio perché con l aggiunta del knock in viene limitata la possibilità di esercizio dell opzione.

48 Opzione con Knock In (Barriera Attivante) sempio Esempio di acquisto PUT Eur / CALL Usd Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista PUT Eur CALL Usd 1,3350 KI 1,3450 di tipo americano Nominale Eur scadenza a 3 mesi Il premio pagato è pari a Se, durante la vita dell opzione, il cambio ur/usd non tocca mai la barriera (1,3450), l opzione non attribuisce alcun diritto, indipendentemente dal cambio spot del giorno di scadenza ed il cliente avrà in totale sostenuto il costo del premio pari a Se, al contrario, la barriera è toccata, l opzione diviene una normale Plain Vanilla PUT ur / CALL Usd con strike 1,3350 Esempio di acquisto CALL Eur / PUT Usd Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista CALL Eur PUT Usd 1,3350 KI 1,3450 di tipo americano Nominale Eur scadenza a 3 mesi Il premio pagato è pari a Se, durante la vita dell opzione, il cambio ur/usd non tocca mai la barriera (1,3450), l opzione non attribuisce alcun diritto, indipendentemente dal cambio spot del giorno di scadenza ed il cliente avrà in totale sostenuto il costo del premio pari a Se, al contrario, la barriera è toccata, l opzione diviene una normale Plain Vanilla CALL Eur / PUT Usd con strike 1,3350

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE

GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Titolo GUIDA ALLE OPZIONI BINARIE Comprende strategie operative Autore Dove Investire Sito internet http://www.doveinvestire.com Broker consigliato http://www.anyoption.it ATTENZIONE: tutti i diritti sono

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo

I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo I Futures: copertura del rischio finanziario e strumento speculativo Luca Cappellina GRETA, Venezia Che cosa sono i futures. Il futures è un contratto che impegna ad acquistare o vendere, ad una data futura,

Dettagli

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I principali prodotti derivati. Elementi informativi di base. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I principali prodotti derivati Elementi informativi di base Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice I - Premessa 3 II - Cosa sono i prodotti derivati 4 III - I principali prodotti

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario!

Manuale del Trader. Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Manuale del Trader Benvenuti nel fantastico mondo del trading binario! Questo manuale spiega esattamente cosa sono le opzioni binarie, come investire e familiarizzare con il nostro sito web. Se avete delle

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli

Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari. Operativitàin derivati. Marialaura Napoli Master Regolazione dell attività e dei mercati finanziari Operativitàin derivati Marialaura Napoli 2 Agenda I contratti derivati nell attuale quadro normativo Novità introdotte dalla Dir. 2004/39 Le sedi

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA

OPERATIVITA' ESTERO E ORDINARI IN DIVISA Foglio N. 6.07.0 informativo Codice Prodotto Redatto in ottemperanza al D.Lgs. 385 del 1 settembre 1993 Testo Unico delle leggi in materia bancarie creditizia (e successive modifiche ed integrazioni) e

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA IL TRADING DI STRUMENTI DERIVATI. RELAZIONE DI STAGE PRESSO LA T4T. RELATORE: CH.MO PROF.

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

001-818- 728-0421. (800) 98 42 41 or 001-818- 530-0944

001-818- 728-0421. (800) 98 42 41 or 001-818- 530-0944 Perfavore inviare al numero di fax: 001-818- 728-0421 Per ulteriori domande la prego di contattarci al numero: (800) 98 42 41 or 001-818- 530-0944 Nome del titolare del conto Nome del broker Apertura del

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX

Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Benvenuti al libro elettronico sul FOREX Indice 1. Riguardo al MARCHIO... 2 2. Piattaforme di Trading... 3 3. Su cosa si Opera nel Mercato Forex?... 4 4. Cos è il Forex?... 4 5. Vantaggi del Mercato Forex...

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti trarre dall esperienza australiana 1

Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti trarre dall esperienza australiana 1 Guy Debelle +612 9551-8400 debelleg@rba.gov.au Jacob Gyntelberg +852 2878-7145 jacob.gyntelberg@bis.org Michael Plumb +612 9551-8450 plumbm@rba.gov.au Mercati valutari a termine in Asia: quali insegnamenti

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante:

Regolamento delle fatture di acquisto. Esempio 1 pagamento con denaro contante: Regolamento delle fatture di acquisto. Quando paghiamo una fattura di acquisto il nostro patrimonio netto non subisce variazione dal punto di vista quantitativo, ma solo qualitativo. Se paghiamo in contante

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli