IL MERCATO DEI CAMBI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MERCATO DEI CAMBI"

Transcript

1 IL MERCATO DEI CAMBI CAMERA DI COMMERCIO DI PRATO TOSCANA PROMOZIONE GRUPPO BANCA CR FIRENZE Prato, 13 ottobre 2005

2 LE OPERAZIONI IN DIVISA NASCONO.. DALLA COESISTENZA DELL INTERNAZIONALISMO COMMERCIALE E DEL NAZIONALISMO MONETARIO

3 DEFINIZIONI DIVISE (di conto valutario): BANCONOTE: CONVERTIBILITA Sono tutti i crediti stilati in moneta estera e pagabili all estero sono i biglietti di stato aventi corso legale nei paesi di emissione. Possono essere convertiti in divisa (salvo limitazioni) una moneta (divisa o banconota) è detta convertibile quando il detentore può cambiare liberament i mezzi di pagamento denominati i tale moneta, in qualsiasi altra (salv limitazioni)

4 L ATTIVITA IN CAMBI DELLA BANCA SI SVILUPPA SU DUE SEGMENTI DI MERCATO COMMERCIALE: attraverso la rete delle filiali o direttamente (Customer Desk della tesoreria) INTERBANCARIO: attraverso la propria sala cambi

5 CARATTERISTICHE DEI SISTEMI MONETARI. GOLD STANDARD ( ): a) parità fissa tra ciascuna moneta e l oro b) convertibilità di ciascuna moneta in oro c) legame tra quantità di moneta in CAMBI FLESSIBILI ( ): BRETTON WOODS ( ): SMITHSONIAN AGR. ( ): DOLLAR STANDARD (DAL 1976): circolazione e quantità di oro posseduta. a) non convertibilità in oro b) i livelli di cambio sono determinati dal mercato (domanda/offerta) secondo la legge della Parità dei Poteri di Acquisto. a) vengono creati il FMI a la BIRS b) parità fissa tra ciascuna moneta e il dollaro USA c) parità del dollaro USA rispetto all oro d) convertibilità di ogni moneta in dollari USA (non residenti) a) parità fissa tra ciascuna moneta ed il dollaro USA (+/- 2,25%) b) non convertibilità del dolla USA in oro a) libertà di scelta, per ogni paese, circa l adozione di parità fisse o flessibili

6 IL SISTEMA MONETARIO EUROPEO SERPENTE MON. EUROPEO ( ): a) corridoio di oscillazione tra le valute compreso tra +/- 2,25% SISTEMA MON. EUROPEO (dal 1979): a) stesso corridoio di oscillazione, con possibilità di opzione banda larga +/- 6% b) creazione dell ECU, inteso come perno del sistema, rispetto al quale tutte le valute devono mantenersi nel limite del +/- 2,25%. SISTEMA MON. EUROPEO (dal 1993): Dopo l uscita dell Italia (1992), della Gran Bretagna e la crisi del Franco Francese, per tenere in piedi ciò che resta dello S.M.E., la banda ufficiale di oscillazione viene portata al +/- 15%. Opzione +/- 2,25%.

7 IL MERCATO DEI CAMBI ( foreign exchange market) Il mercato dei cambi è il luogo di incontro tra venditore e compratore di divise estere (tra prestatori o prenditori di divise estere) e tra compratori e venditori di contratti di assicurazione di divise estere. Come in tutti i mercati, vige la legge della domanda e della offerta. Il rapporto di prezzo è denominato cambio.

8 FOREX Foreign Exchange ercato interbancario delle valute rattate operazioni per CONTANTI, TERMINE, DERIVATI, DEPOSITI perto 24 ore al giorno un mercato OTC: non esiste una sede fisica e Banche Centrali intervengono per regolare il mercato edia giornaliera degli scambi circa miliardi di dollari

9 FOREX Foreign Exchange ERAZIONI CONTANTE INCIPALI RAPPORTI DI CAMBI TRATTATI: LLARO USA - YEN GIAPPONE LLARO USA - FRANCO SVIZZERO ERLINA INGLESE - DOLLARO USA RO - DOLLARO USA

10 FOREX Foreign Exchange LUTA FOREX: luta con la quale si regolano le operazioni per contanti (SPOT) della giornata incide normalmente con il secondo giorno lavorativo successivo alla data di ntrattazione dell operazione festività nei vari Paesi del mondo provocano lo slittamento della valuta forex r le contrattazioni nelle divise dei Paesi interessati festività negli U.S.A. fanno normalmente slittare la valuta forex per tutte le ise (le quotazioni delle divise sono normalmente contro dollaro USA)

11 LE BANCHE NEL MERCATO DEI CAMBI: QUALE COMPITO Il compito principale del servizio dei cambi di una banca consiste nel consentire alla clientela commerciale o privata di convertire averi stilati in una determinata valuta in un altra. Questo può avvenire con operazioni contanti (a pronti) oppure a termine.

12 LE BANCHE NEL MERCATO DEI CAMBI: QUALE COMPITO Le operazioni a pronti sono quelle che si realizzano acquistando o vendendo divise estere contro unità di conto nazionale, con l immediata consegna delle prime entro il secondo giorno successivo non festivo, oppure cedendo una divisa e acquistandone contemporaneamente dell altra, addebitandone ed accreditandone i rispettivi controvalori alla controparte. Queste operazioni compiute dalle banche vengono denominate Arbitraggi. Le operazioni a termine sono quelle nelle quali l acquisto o la vendita della divisa si effettuano con consegna differita, ad un cambio prefissato, oltre 7 giorni dalla data dell operazione.

13 FOREX Foreign Exchange ERAZIONI A CONTANTI: SPOT = REGOLAMENTO VALUTA FOREX TOM NEXT = REGOLAMENTO VALUTA PRIMO GIORNO LAVORATIVO SUCCESSIVO OVERNIGHT = REGOLAMENTO VALUTA OGGI

14 FOREX Foreign Exchange ERAZIONI A TERMINE (FORWARD): OUTRIGHT SWAP OPTION FUTURE

15 QUOTAZIONI DEL CAMBIO AMMONTARE FISSO DI DIVISA ESTERA INCERTO PER CERTO AMMONTARE INCERTO DI DIVISA NAZIONALE I CAMBI SONO ESPRESSI IN MONETA NAZIONALE AMMONTARE FISSO DI DIVISA NAZIONALE CERTO PER INCERTO AMMONTARE INCERTO DI DIVISA ESTERA I CAMBI SONO ESPRESSI IN DIVISA ESTERA

16 CAMBIO SPOT DEL DOLLARO USA CONTRO EURO 1,2010 1,2015 OTAZIONE CERTO PER INCERTO I FORNISCE LA QUOTAZIONE E DISPOSTO, A 1,2010 (DENARO) ACQUISTARE EURO E VENDERE USD 1,2015 (LETTERA) VENDERE EURO ED ACQUISTARE USD

17 RISCHIO DI CAMBIO SI PRESENTA QUANDO UNA TRANSAZIONE COMMERCIALE VIENE REGOLATA IN UNA MONETA DIVERSA DA QUELLA NAZIONALE. DERIVA DALL INCERTEZZA CIRCA LA QUANTITÀ DI MONETA NAZIONALE CHE SI DOVRÀ UTILIZZARE PER EFFETTUARE UN PAGAMENTO IN DIVISA ESTERA O LA QUANTITÀ DI MONETA NAZIONALE CHE SI INCASSERÀ QUANDO SI RICEVE UN PAGAMENTO A PROPRIO FAVORE ESPRESSO IN DIVISA ESTERA

18 ELEMENTI CHE DETERMINANO LA SCELTA DELLA MONETA DI FATTURAZIONE Situazione dei mercati; Prodotto commercializzato (petrolio - USD); Rapporti inesistenti fra banche (es. nei PVS le banche non hanno conti in EURO); Forza contrattuale delle parti.

19 ELEMENTI CHE INFLUENZANO LA SCELTA DEGLI STRUMENTI TECNICI DI COPERTURA DEL RISCHIO DI CAMBIO Numerosità delle operazioni espresse in valuta estera; Tipologia e volume delle stesse; Moneta di fatturazione; Risorse interne dell imprese.

20 PRINCIPALI OBIETTIVI CHE POSSONO ESSERE PERSEGUITI DA UN IMPRESE Stabilità del reddito aziendale nel tempo; Maggiore tranquillità operativa; Possibilità per le funzioni operative di concentrarsi sugli aspetti principali della loro attività; Focalizzazione del rapporto con i clienti sul posizionamento reale del prodotto; Continuità nei rapporti con i clienti o con i fornitori.

21 TECNICHE DI COPERTURA DEL RISCHIO DI CAMBIO La fatturazione in unità di conto nazionale; L anticipazione in valuta; Il finanziamento in valuta; La copertura a termine; L acquisto di opzioni; Gli swaps; I futures.

22 ANTICIPI ALL ESPORTAZIONE NORMA LA DATA DI ACCENSIONE CORRISPONDE ALLA DATA IN CUI VIENE EFFETTUATA ONTRATTATA L ESPORTAZIONE NORMA L ESTINZIONE AVVIENE MEDIANTE INTROITO DALL ESTERO NECESSARIO AFFIDARE IL CLIENTE, PREVEDENDO APPOSITE LINEE DI FIDO L ANTICIPO E NELLA STESSA DIVISA PREVISTA PER L INTROITO, ESSO RAPPRESENTA VALIDO STRUMENTO DI COPERTURA DEL RISCHIO DI CAMBIO CASO DI ANMTICIPO IN DIVISA E DI MANCATO INTROITO DALL ESTERO, IL CLIENTE, RRE RISCHIO DI CAMBIO

23 ANTICIPI ALL ESPORTAZIONE RIMBORSO ANTICIPO ANTICIPO SU FATTURA 1 APRILE INTROITO 1 MARZO TICIPO SU ORDINE LA MERCE VIENE ESPORTATA 1 GENNAIO ESPORTATORE ED IMPORTATORE STIPULANO IL CONTRATTO PER L OPERAZIONE COMMERCIALE

24 FINANZIAMENTI ALL IMPORTAZIONE NORMA LA DATA DI ACCENSIONE CORRISPONDE ALLA DATA IN CUI VIENE PAGATA MPORTAZIONE NORMA L ESTINZIONE AVVIENE MEDIANTE INTROITO DERIVANTI DALLA VENDITA I BENI ACQUISTATI NECESSARIO AFFIDARE IL CLIENTE, PREVEDENDO APPOSITE LINEE DI FIDO O ESSERE EROGATO IN EURO O IN DIVISA ESTERA CASO DI FINANZIAMENTO IN DIVISA IL CLIENTE CORRE RISCHIO DI CAMBIO

25 FINANZIAMENTI ALL IMPORTAZIONE RIMBORSO VENDITA DE MERCE ACCENSIONE DEL FINANZIAMENTO IMPORTAZIONE DELLA MERCE PAGAMENTO ANTICIPATO DEL VALORE DELL IMPORTAZIONE PULA DEL CONTRATTO PER L IMPORTAZIONE

26 IL COSTO TOTALE EFFETTIVO DI UN FINANZIAMENTO IN VALUTA IL TASSO DI INTERESSE LA VARIAZIONE DEL CAMBIO LE SPESE BANCARIE (spread, commissioni di negoziazione ) LE PENALI EVENTUALI SU ARBITRAGGI O ESTINZIONI ANTE-SCADENZA.

27 ALCUNE CONSIDERAZIONI SUI FINANZIAMENTI IN VALUTA Nelle operazioni a breve (max 18 mesi) il rischio di tasso è abbastanza contenuto. Le spese bancarie, ivi compreso lo spread da aggiungere al tasso Euromercato, sono il frutto di un accordo tra la banca ed il cliente e quindi dipendono quasi esclusivamente dal potere contrattuale di quest ultimo. Le penali su arbitraggi o estinzioni ante-scadenza vengono percepite solo nel caso che l Euromercato si sia verificato un abbassamento dei tassi. La banca, infatti, registra una perdita dovuta al ricollocamento, a livelli di remunerazione inferiore, della valuta anticipatamente resa. Il rischio di cambio è quindi la variabile che più di ogni altra influenza il costo totale effettivo dell operazione. Tale rischio è nullo per l esportatore che si indebita nella stessa valuta di fatturazione. In questo caso il finanziamento diventa un valido strumento di copertura di detto rischio. In tutti gli altri casi, a meno che l azienda non sia in grado di ribaltare la perdita in cambi sul prezzo del prodotto finito, il rischio di cambio deve essere gestito.

28 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) CQUISTO O VENDITA DI DIVISA SENZA UNA CORRISPONDENTE OPERAZIONE A PRONT POT). CONTRATTO A TERMINE PREVEDE LA DEFINIZIONE A PRONTI, DELLE QUOTAZIONI ELATIVE A UNA COMPRAVENDITA CHE AVVERRÀ IN DATA DIFFERITA. CLIENTE ACQUISTA O VENDE DALLA/ALLA BANCA DIVISA DI CUI AVRÀ LA ISPONIBILITÀ IN FUTURO, FISSANDO SUBITO IL CAMBIO. ON QUESTA OPERAZIONE L AZIENDA (CLIENTE) SI ASSICURA CONTRO I ISCHI DI CAMBIO.

29 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) QUOTAZIONE USD CONTRO EURO AD UN MESE 1,2027 1,2032 OTAZIONE CERTO PER INCERTO I FORNISCE LA QUOTAZIONE E DISPOSTO, A 1,2027 ACQUISTARE EURO E VENDERE USD AD UN MESE 1,2032 VENDERE EURO ED ACQUISTARE USD AD UN MESE

30 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) QUOTAZIONE USD CONTRO EURO AD UN MESE FORMAZIONE DEL PREZZO DENARO LETTERA OTAZIONE SPOT 1,2010 1,2015 FORWARD ,0017 PREZZO A TERMINE 1,2027 1,2032

31 OUTRIGHT (TERMINE SECCO) QUOTAZIONE USD CONTRO EURO AD UN MESE FORMAZIONE DEL PREZZO L PREMIO/DEPREMIO È RICAVATO DALLA SEGUENTE FORMULA: conto = Pr ezzo Pr onti ( TassoDIVISA TassoEURO) Divisore 100 gg

32 OPZIONE OPZIONI SONO STRUMENTI FINANZIARI COSTITUITI DA UN CONTRATTO CHE FERISCE IL DIRITTO, MA NON L OBBLIGO, PER L ACQUIRENTE DI ACQUISTARE O DI DERE UNA DETERMINATA ATTIVITÀ FINANZIARIA O REALE AD UN PREZZO STABILITO D UNA CERTA DATA O ENTRO UN PERIODO DI TEMPO PREFISSATO. IRITTO È RILASCIATO DAL VENDITORE ALL ACQUIRENTE CONTRO PAGAMENTO TESTUALE DI UN PREMIO CHE COSTITUISCE IL PREZZO DELL OPZIONE.

33 OPZIONE CALL OPTION L ACQUIRENTE HA DIRITTO DI DICHIARARSI COMPRATORE DI UNA PREFISSATA QUANTITÀ DELLO STRUMENTO FINANZIARIO O MERCE CUI L OPZIONE È RIFERITA A UN PREZZO PREDEFINITO (STRIKE PRICE O PREZZO BASE) PUT OPTION L ACQUIRENTE HA DIRITTO DI DICHIARARSI VENDITORE DI UNA PREFISSATA QUANTITÀ DELLO STRUMENTO FINANZIARIO O MERCE CUI L OPZIONE È RIFERITA A UN PREZZO PREDEFINITO (STRIKE PRICE O PREZZO BASE)

34 OPZIONE TIPO EUROPEO L ACQUIRENTE PUÒ ESERCITARE IL SUO DIRITTO SOLO ALL EPOCA STABILITA. TIPO AMERICANO L ACQUIRENTE PUÒ ESERCITARE IL SUO DIRITTO IN QUALUNQUE MOMENTO COMPRES TRA L ACQUISTO DELL OPZIONE E LA SCADENZA DELLA STESSA

35 SWAP (RIPORTO IN CAMBI) CURRENCY SWAP SI INTENDONO I CONTRATTI AVENTI PER OGGETTO LO SCAMBIO D CIFICI AMMONTARI DI VALORE ATTUALE NETTO EQUIVALENTE RELATIVI AD IVITÀ E PASSIVITÀ ESPRESSE IN VALUTE DIVERSE. PARTI EFFETTUANO UNO SCAMBIO INIZAILE DI IMPORTI DEFINITI, ESPRESSI IN DUE ISE DIVERSE, AL TASSO DI CAMBIO CORRENTE, SEGUITO DA UN SECONDO SCAMBIO EGNO OPPOSTO, ALLA SCADENZA. ESEMPIO, SI ACQUISTA UNA SOMMA DI YEN GIAPPONESI A PRONTI CONTRO DOLLAR AL CAMBIO SPOT E SI DEFINISCE IMMEDIATAMENTE LA RIVENDITA, AD UNA DATA URA, DELLA STESSA SOMMA DI YEN GIAPPONESI CONTRO ACQUISTO DI DOLLARI, AL CAMBIO A TERMINE CORRENTE DEFINITO TRAMITE I TASSI DI INTERESSE.

36 FUTURE NTRATTI DI FUTURES RAPPRESENTANO L IMPEGNO TRA DUE CONTROPARTI AD MPIERE AD UNA CERTA DATA A UN OBBLIGAZIONE, GENERALMENTE MA NON ESSARIAMENTE DI ACQUISTO/VENDITA, SECONDO CONDIZIONI STABILITE AL MENTO DELLA STIPULA DEI CONTRATTI STESSI RIGUARDANTI PREZZO, QUANTITÀ UALITÀ. O STRUMENTI A TERMINE E SI DISTINGUONO DAI CONTRATTI A TERMINE IN QUANTO LORO TRATTAZIONE AVVIENE IN MERCATI ORGANIZZATI E CENTRALIZZATI, ANZICHÉ ENIRE ATTRAVERSO IL CONTATTO DIRETTO E NON ISTITUZIONALIZZATO DEGLI RATORI. RRENCY FUTURES SONO CONTRATTI CHE RAPPRESENTANO L IMPEGNO ALLA SIONE O ALL ACQUISTO A TERMINE DI DIVISA A UN CAMBIO PREFISSATO. POSIZIONE SI CHIUDE CON L EFFETTIVA CONSEGNA O L EFFETTIVO RITIRO DELLA ISA IN QUESTIONE ALLA DATA DI SCADENZA DEI CONTRATTI, OPPURE TRAMITE LA DITA O L ACQUISTO DEI CONTRATTI ENTRO TALE DATA.

37 Contratto a termine (outright) one Con il contratto a termine viene determinato un cambio (cambio a termine) per l acquisto o la vendita di valuta estera ad una scadenza prestabilita. Il contratto a termine prevede la consegna, alla scadenza, della divisa del contratto con il relativo addebito/accredito del controvalore al cambio prestabilito. Il cambio alla scadenza (cambio a termine) viene calcolato sulla base del cambio a pronti vigente al momento della stipula del contratto, aumentato o diminuito di un margine ( premio o sconto, secondo le condizioni del mercato) che deriva dal differenziale dei tassi tra le due divise oggetto della negoziazione. rametri hiave Divisa sottostante: E la valuta estera che verrà acquistata (import) o venduta (export) a termine Scadenza: E la data valuta in cui verrà acquistata (import) o venduta (export) la valuta estera Importo del contratto: E la quantità di valuta che verrà acquistata (import) o venduta (export) a termine. Cambio Spot: si tratta del cambio a pronti vigente al momento della stipula del contratto Premio/depremio: Margine in aumento/diminuzione applicato sul cambio a pronti Cambio a termine:si tratta del cambio ( cambio spot aumentato o diminuito del premio) al quale verrà acquistata (import) o (export) la valuta estera alla scadenza prefissata. venduta ntaggi I destinatari di questo genere di operazione sono essenzialmente le imprese importatrici ed esportatrici. L impresa che opera con l estero viene a trovarsi esposta alla fluttuazione dei corsi del cambio, per le posizioni di debito e di credito denominate in valuta estera, e pertanto, pone tra i suoi principali obiettivi quello di annullare o minimizzare il rischio collegato alle predette fluttuazioni termine il cliente ha la possibilità di estinguere anticipatamente (parzialmente o totalmente) il contratto a dizioni orevoli orevoli Il cliente importatore non ottiene benefici nel caso di aumento del cambio (viceversa per l esportatore)

38 Contratto a termine (outright) Esempio Esempio di contratto a termine import IPOTESI Importatore che dovrà effettuare fra 3 mesi un bonifico in dollari pari a $ Attraverso un contratto a termine import può fissare il cambio in data odierna Cambio spot: 1,3351 Importo: $ Scadenza : 07/03/2005 Premio/Depremio: (calcolato in base al differenziale tra il tasso sulla valuta e il tasso euro per i giorni di durata del contratto) Cambio a termine: 1,3353 In questo caso l importatore si copre da eventuali fluttuazioni del tasso di cambio. Esempio di contratto a termine export IPOTESI Esportatore che riceverà un pagamento in dollari fra 3 mesi a $ Attraverso un contratto a termine export può fissare il cambio in data odierna Cambio spot: 1,3368 Importo: $ Scadenza : 07/03/2005 Premio/Depremio: (calcolato in base al differenziale tra il tasso sulla valuta Usd e il tasso euro per i giorni di durata del Cambio a termine: 1,3382 In questo caso l esportatore si copre da eventuali fluttuazioni del tasso di cambio. contratto)

39 Acquisto Opzione Call su valuta inizione Tale opzione conferisce all acquirente, previo pagamento di un premio, il diritto, ma non l obbligo, di acquistare una quantità prefissata valuta, contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad una scadenza stabilita. Parametri chiave Vantaggi Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione e che, alla scadenza, può essere comprata. Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Divisa di scambio: è la divisa che viene ceduta per l acquisto della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile e al quale la valuta estera viene comprata. Premio dell opzione: Rappresenta il costo dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effettiv scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Adatta per un cliente importatore che si aspetta di dover far fronte ad un uscita di divisa in un determinat momento futuro e vuole proteggersi da movimenti avversi del cambio Si tratta di una copertura flessibile, in quanto a scadenza il cliente eserciterà solo se ne avrà convenienza. La perdita massima è rappresentata dal costo del premio Condizioni sfavorevoli Il cliente non ottiene benefici nel caso di movimenti rialzisti delcambio: in tal caso risulterebbe infat conveniente alla scadenza acquistare la valuta sul mercato non esercitando l opzione

40 Acquisto Opzione Call su valuta Esempio Esempio di copertura IMPORT Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista PUT Eur CALL Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il costo della struttura è pari a L importatore si assicura di comprare valuta ad un prezzo massimo pari allo strike, cioè più il premio pagato. A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il cliente ha convenienza ad acquistare valuta sul mercato 2) Il cambio è = 1,3350: per il cliente risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il cliente ha convenienza ad esercitare l opzione. Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Acquisto CALL Usd/ PUT ur Area di profitto PERDITA PROFITTO Break even point 1,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio spot a scadenza Area di perdita limitata al premio

41 Vendita Opzione Call su valuta inizione Tale opzione comporta per il venditore, previa riscossione di un premio, nel caso in cui l acquirente eserciti il proprio diritto di acquisto, u obbligo a vendere una quantità prefissata di valuta, contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad un scadenza stabilita. Parametri chiave Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Divisa di scambio: è la divisa che viene ricevuta per l eventuale vendita della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile e al quale la valuta estera viene venduta in caso di esercizio dell opzione da parte della controparte Premio dell opzione: Rappresenta il ricavo per il venditore dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effettiv scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Vantaggi Consigliabile ad un cliente che ritiene che il cambio si mantenga al di sopra dello strike price Condizioni sfavorevoli Il cliente fissa un introito massimo, rappresentato dall incasso del premio, dando luogo per contro ad un possibile perdita futura infinita.

42 Vendita Opzione Call su valuta Esempio Esempio di vendita PUT Eur / CALL Usd Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente vende PUT Eur / CALL Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il cliente incassa A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il compratore dell opzione non esercita il proprio diritto ed il venditore ottiene il max profitto (dato dal premio) 2) Il cambio è = 1,3350: per il compratore risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il compratore ha convenienza ad esercitare l opzione ed il profitto del venditore si riduce proporzionalmente alla diminuzio del cambio Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Break even point Vendita CALL Usd/ PUT ur Area di profitto Perdita Profitto ,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio a scadenza Area di perdita

43 Acquisto Opzione Put su valuta inizione Tale opzione conferisce all acquirente, previo pagamento di un premio, il diritto, ma non l obbligo, di vendere una quantità prefissata di valut contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad una scadenza stabilita. Parametri chiave Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione e che, alla scadenza, può essere venduta. Divisa di scambio: è la divisa che viene ricevuta per la vendita della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile al quale la valuta estera viene venduta. Premio dell opzione: Rappresenta il costo dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effet scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Vantaggi Adatta per un cliente esportatore che si aspetta di dover far fronte ad un entrata di divisa in determinato momento futuro e vuole proteggersi da movimenti avversi del cambio convenienza. Si tratta di una copertura flessibile, in quanto a scadenza il cliente eserciterà solo se ne a La perdita massima è rappresentata dal costo del premio Condizioni sfavorevoli Il cliente non ottiene benefici nel caso di movimenti al ribasso del cambio: in tal caso risultereb infatti conveniente alla scadenza vendere la valuta sul mercato non esercitando l opzione

44 Acquisto Opzione Put su valuta Esempio Esempio di copertura EXPORT Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista CALL Eur /PUT Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il costo della struttura è pari a L esportatore si assicura di comprare valuta ad un prezzo massimo pari allo strike, cioè più il premio pagato. A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il cliente ha convenienza ad esercitare l opzione 2) Il cambio è = 1,3350: per il cliente risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il cliente ha convenienza a vendere valuta sul mercato Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Acquisto PUT Usd/ CALL ur Area di perdita limitata al premio Perdita Profitto Break even point Area di profitto 1,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio spot a scadenza

45 Vendita Opzione Put su valuta inizione Tale opzione comporta per il venditore, previa riscossione di un premio, nel caso in cui l acquirente eserciti il proprio diritto di vendita, u obbligo a comprare una quantità prefissata di valuta, contro una divisa di scambio, ad un rapporto di cambio fissato (strike price), ad un scadenza stabilita. Parametri chiave Divisa sottostante: E la valuta estera per la quale è stata contratta l opzione Importo di riferimento: rappresenta la base sulla quale calcolare l ammontare di valuta oggetto dell eventuale scambio. Divisa di scambio: è la divisa che viene ceduta per l eventuale acquisto della valuta estera (solitamente si tratta di euro) Prezzo di esercizio strike price : è il tasso di cambio, fissato al momento della conclusione del contratto, al quale l opzione è esercitabile e al quale la valuta estera viene comprata in caso di esercizio dell opzione da parte della controparte. Premio dell opzione: Rappresenta il ricavo per il venditore dell opzione. Scadenza: per questa è necessario distinguere tra EXPIRY (giorno in cui l opzione deve essere esercitata) e DELIVERY (giorno dell effettiv scambio delle divise oggetto del contratto (solitamente 2gg lavorativi seguenti l expiry). Tipo di opzione: Stile americano: conferisce all acquirente il diritto di esercizio in qualunque momento entro il giorno di scadenza. Stile europeo: si tratta di un opzione esercitabile solo il giorno della scadenza. Vantaggi price Consigliabile ad un cliente che ritiene che il cambio abbia un evoluzione al ribasso ad di sotto dello strik Condizioni sfavorevoli Il cliente fissa un introito massimo, rappresentato dall incasso del ad una possibile perdita futura infinita. premio, dando luogo per contr

46 Vendita Opzione Put su valuta Esempio Esempio di vendita CALL ur / PUT $ Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente vende CALL Eur PUT Usd 1,3350 Nominale mesi con pagamento premio Euro Il cliente incassa A scadenza si può verificare: 1) Il cambio è > 1,3350: il compratore dell opzione esercita il proprio diritto ed il profitto del venditore si riduce proporzionalmente all aumento del cambio 2) Il cambio è = 1,3350: per il compratore risulta indifferente esercitare o meno l opzione 3) Il cambio è < 1,3350: il compratore non ha convenienza ad esercitare l opzione ed il venditore ottiene il massimo profitto Area di profitto Schematicamente, il profilo dei profitti e delle perdite a scadenza è il seguente: Vendita PUT Usd/ PUT ur Perdita Profitto Breakeven point Area di perdita 1,3000 1,3050 1,3100 1,3150 1,3200 1,3250 1,3300 1,3350 1,3400 1,3450 1,3500 1,3550 1,3600 1,3650 1,3700 1,3750 1,3800 cambio a scadenza

47 Opzione con Knock In (Barriera Attivante) one Si tratta di un opzione la cui esistenza è subordinata al raggiungimento di un determinato livello di barriera (Knock in). Se la barriera è raggiunta, l opzione si trasforma in una normale opzione Plain Vanilla. Al contrario, nel caso in cui la barriera non sia raggiunta, l opzione non attribuisce alcun diritto. metri iave taggi Barriera: si fa distinzione tra Barriera americana e Barriera europea. Barriera americana: la clausola di attivazione viene verificata continuativamente dal momento della sottoscrizione dell opzione fino alla scadenza. Barriera europea: l attivazione viene verificata solo al momento della scadenza. Eventualmente la barriera può avere un periodo di validità diverso rispetto alla durata dell opzione. Ad esempio, opzione con scadenza tre mesi e Knock In valido solo per i primi due mesi: l opzione entra in essere solo se la barriera è raggiunta entro i primi due mesi. La verifica del raggiungimento della barriera può essere: continua (24 ore su 24) o discreta limitata a valori specifici di cambio a pronti ( ad esempio il fixing della Banca Centrale Europea). Per l acquirente la perdita massima è rappresentata dal costo del premio Per l acquirente dell opzione con Knock in il premio pagato risulta inferiore rispetto a quello pagato per l acquisto di un opzione Plain Vanilla con le medesime caratteristiche. Il venditore di un opzione con knock in incassa un premio inferiore rispetto a quello ottenuto con la vendita di un opzione Plain Vanilla con le medesime caratteristiche: nello stesso tempo però il rischio di esercizio è allontanato e subordinato all eventuale raggiungimento del livello di knock in. dizioni orevoli cambio Il cliente acquirente dell opzione non ottiene benefici nel caso di movimenti avversi del tasso di Il premio relativo ad un opzione con knock in è inferiore rispetto a quello relativo ad un opzione plain vanilla con le medesime caratteristiche: questo proprio perché con l aggiunta del knock in viene limitata la possibilità di esercizio dell opzione.

48 Opzione con Knock In (Barriera Attivante) sempio Esempio di acquisto PUT Eur / CALL Usd Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista PUT Eur CALL Usd 1,3350 KI 1,3450 di tipo americano Nominale Eur scadenza a 3 mesi Il premio pagato è pari a Se, durante la vita dell opzione, il cambio ur/usd non tocca mai la barriera (1,3450), l opzione non attribuisce alcun diritto, indipendentemente dal cambio spot del giorno di scadenza ed il cliente avrà in totale sostenuto il costo del premio pari a Se, al contrario, la barriera è toccata, l opzione diviene una normale Plain Vanilla PUT ur / CALL Usd con strike 1,3350 Esempio di acquisto CALL Eur / PUT Usd Ipotesi: cambio a termine a tre mesi EUR/USD 1,3350 Il cliente acquista CALL Eur PUT Usd 1,3350 KI 1,3450 di tipo americano Nominale Eur scadenza a 3 mesi Il premio pagato è pari a Se, durante la vita dell opzione, il cambio ur/usd non tocca mai la barriera (1,3450), l opzione non attribuisce alcun diritto, indipendentemente dal cambio spot del giorno di scadenza ed il cliente avrà in totale sostenuto il costo del premio pari a Se, al contrario, la barriera è toccata, l opzione diviene una normale Plain Vanilla CALL Eur / PUT Usd con strike 1,3350

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni

Il rischio di cambio CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI. Luisa Graziani. 25 ottobre 2011 - Sala Convegni CAPIRE E GESTIRE I RISCHI FINANZIARI Il rischio di cambio Luisa Graziani 25 ottobre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Comprendere il mercato dei cambi per proteggersi

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario

1. Modalità di pagamento. 1.1 Regolamento con bonifico. 1.2 Regolamento con rimessa documentaria. 1.3 Regolamento con apertura di credito documentario 1. Modalità di pagamento Per il regolamento degli ordini l esportatore può richiedere diverse forme di pagamento che presentano vari profili di rischio. Nell ottica del cliente tali modalità hanno diversi

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Il mercato dei cambi

Il mercato dei cambi Il mercato dei cambi 18 maggio 2009 Agenda Il mercato valutario Nozioni fondamentali Tassi di cambio Operazioni in cambi Cross rates Operatori del mercato Andamento del tasso di cambio 2 Nozioni fondamentali

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di

1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale all altra per le necessità di MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 2 IL MKT DEI CAMBI E il mkt nel quale si vendono ed acquistano valute estere. Funzioni del mkt dei cambi 1) Trasferire potere di acquisto da una valuta nazionale

Dettagli

Strumenti di copertura del rischio di cambio Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Strumenti di copertura del rischio di cambio Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 10 / 2004 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. Strumenti di copertura del rischio di cambio Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione Dopo la fine

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

FINANZIAMENTI ESTERO

FINANZIAMENTI ESTERO FINANZIAMENTI ESTERO Foglio informativo in ottemperanza alle disposizioni di cui alla delibera CICR del 4 marzo 2003 e alle successive Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia del 15 luglio 2015 INFORMAZIONI

Dettagli

IL MERCATO DEI CAMBI IL MERCATO, LE DINAMICHE DEI CAMBI E LE RELAZIONI CON I TASSI DI INTERESSE. Lezione 9 CAPITOLO 14 1

IL MERCATO DEI CAMBI IL MERCATO, LE DINAMICHE DEI CAMBI E LE RELAZIONI CON I TASSI DI INTERESSE. Lezione 9 CAPITOLO 14 1 IL MERCATO DEI CAMBI IL MERCATO, LE DINAMICHE DEI CAMBI E LE RELAZIONI CON I TASSI DI INTERESSE Lezione 9 CAPITOLO 14 1 SAPRESTE RISPOSNDERE A QUESTA DOMANDA? Nel corso dell attuale decennio, le aziende

Dettagli

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007

INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI AI SENSI DELL ART. 31 DEL REGOLAMENTO CONSOB 16190/2007 14. Obbligazioni strutturate 14.1 Caratteristiche dei Titoli di debito (obbligazioni) Acquistando titoli

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Tassi di cambio e mercati valutari

Tassi di cambio e mercati valutari Tassi di cambio e mercati valutari Anteprima Principi di base sui tassi di cambio Tassi di cambio e prezzi dei beni I mercati dei cambi La domanda di valuta e di altre attività Un modello dei mercati valutari

Dettagli

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta

Le opzioni. (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta Le opzioni (1 parte) A cura di Stefano Zanchetta 1 Disclaimer La pubblicazione del presente documento non costituisce attività di sollecitazione del pubblico risparmio da parte di Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

CATALOGO PRODOTTI STRATEGIE DI COPERTURA EXPORT DOLLARO

CATALOGO PRODOTTI STRATEGIE DI COPERTURA EXPORT DOLLARO FUNZIONE CORPORATE DESK UFFICIO VERONA (+39) 045 8042 102 UFFICIO BERGAMO (+39) 035 350 500 UFFICIO NOVARA (+39) 0321 662 790 UFFICIO MODENA (+39) 059 588 575 28 agosto 2006 QUOTAZIONI INFORMATIVE (in

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO

Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO Capitolo sesto LE OPERAZIONI IN CAMBI E IL COMMERCIO ESTERO 7.1. I cambi esteri Lo sviluppo dell economia, la continua ricerca di nuovi mercati di sbocco, il miglioramento dei mezzi di comunicazione e

Dettagli

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato

Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Articolo pubblicato sul n 02 / 2005 di Amministrazione e Finanza edito da Ipsoa. Strumenti per la copertura del rischio sul tasso d interesse Di : Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Premessa

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Gamma dei prodotti La vostra guida per le opzioni esotiche FX

Gamma dei prodotti La vostra guida per le opzioni esotiche FX Gamma dei prodotti La vostra guida per le opzioni esotiche FX Knock Out (Kick Out) La Knock Out (o Kick Out) è un opzione standard che si estingue automaticamente se, durante la vita dell opzione, lo spot

Dettagli

Operazioni di compravendita di divisa estera a termine e accessorio servizio di negoziazione a pronti di divisa (c.d.

Operazioni di compravendita di divisa estera a termine e accessorio servizio di negoziazione a pronti di divisa (c.d. FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Operazioni di compravendita di divisa estera a termine e accessorio servizio di negoziazione a pronti di

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI

FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI RISERVATO A PROMOTORI/AGENTI Cognome e nome Qualifica N. iscrizione albo.. FOGLIO INFORMATIVO REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI OBBLIGAZIONI

Dettagli

Corso di Economia Politica. Il mercato dei cambi. Stefano Papa

Corso di Economia Politica. Il mercato dei cambi. Stefano Papa Corso di Economia Politica Il mercato dei cambi Stefano Papa Mercato della valuta Mercato: Non è (necessariamente) un luogo fisico preciso, ma è l insieme della domanda e dell offerta e delle istituzioni

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 26 Le opzioni sui tassi di interesse Giugno 2003 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Documento Aristeia n. 26 LE OPZIONI SUI TASSI DI INTERESSE SOMMARIO: 1. Introduzione 2.

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali

La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Corso di Laurea Magistrale in Amministrazione, finanza e controllo Tesi di Laurea La contabilizzazione dei derivati secondo i principi contabili nazionali Relatore Ch.mo Prof. Carlo Marcon Laureando Riccardo

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE

APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE APPROFONDIMENTO IL TWIN WIN DA IL MEGLIO SUL BIGLIETTO VERDE Per puntare sul recupero del dollaro, o per difendere investimenti in valuta da un ulteriore allungo dell euro, i risparmiatori italiani possono

Dettagli

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale

di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale RISCHIO DI TASSO: DALLA DEFINIZIONE AGLI STRUMENTI DI COPERTURA di Pietro Bottani Amministrazione e finanza>> Finanza aziendale PREMESSA Si definisce il tasso d interesse come il costo del credito, quindi

Dettagli

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI

PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI Allegato A PROSPETTI CONTABILI DEI FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO APERTI A1. Schema di prospetto del valore della quota dei fondi aperti FONDO... PROSPETTO DEL VALORE DELLA QUOTA AL.../.../... A. Strumenti

Dettagli

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department

MARIO ANTONIO VINZIA. Copyright SDA Bocconi 2010. SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department LA GESTIONE DELL ESPOSIZIONE VALUTARIA MARIO ANTONIO VINZIA SDA Bocconi - Corporate Finance and Real Estate Department Risk management Come si copre? Previsione dell esposizione esposizione aziendale al

Dettagli

Finanziamenti e Anticipi all Import/Export ed altri finanziamenti in divisa

Finanziamenti e Anticipi all Import/Export ed altri finanziamenti in divisa Pag. 1/7 Finanziamenti e Anticipi all Import/Export ed altri finanziamenti in divisa INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare

Dettagli

ANTICIPI EXPORT IN EURO

ANTICIPI EXPORT IN EURO Data release 30/11/2015 N release 0010 Pagina 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede legale: P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Edizione 01/10/2015 Pag. 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA

Edizione 01/10/2015 Pag. 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Edizione 01/10/2015 Pag. 1 di 5 INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca del Monte di Lucca spa sede legale Piazza S.Martino, 4-55100 Lucca Tel.centralino 0583-4501 fax 0583-48721 Internet : www.bmlucca.it - email:

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate

Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Sezione 8 - Il capitale, le riserve, il fondo per rischi bancari generali e le passività subordinate Variazioni della voce 100 Fondo per rischi bancari generali Saldo al 1.1.2002... 516 Variazione dell

Dettagli

Le Valute come forma di Investimento

Le Valute come forma di Investimento Bologna, 20 ottobre Le Valute come forma di Investimento Intervento di Angelo Ciavarella Agenda Il Forex Exchange Market Gli Attori e le Currency Pairs Lo spot, Il Forward e lo Swap Fattori che influenzano

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Le Valute come forma di investimento

Le Valute come forma di investimento La gestione dei rischi finanziari in tempo di crisi Le Valute come forma di investimento R e l a t o r e : A n g e l o C i a v a r e l l a Agenda Il Forex Exchange Market Gli Attori e le Currency Pairs

Dettagli

Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani

Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani Pillole di Finanza: l adeguata gestione del rischi, di Rupert Limentani L adeguata gestione del rischio consente alle aziende di pianificare con maggiore tranquillità le proprie risorse finanziarie e di

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice Indice 1. Premessa. pag.3 2. Il rischio cambio in Xxxx. pag.3 3. Strutture coinvolte nella gestione del rischio cambio. pag.5 4. Identificazione del rischio cambio oggetto di copertura. pag.8 5. Strategia

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri

ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri ECONOMIA INTERNAZIONALE Biennio CLEM - Prof. B. Quintieri IL TASSO DI CAMBIO Anno Accademico 2013-2014, I Semestre (Tratto da: Feenstra-Taylor: International Economics) Si propone, di seguito, una breve

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Il mercato dei cambi. Premessa

Il mercato dei cambi. Premessa Il mercato dei cambi 2009 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale (vista fino ad ora) solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: la moneta con le sue funzioni tradizionali

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 20 I forward rate agreement DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 20 I forward rate agreement Maggio 2003 I FORWARD RATE AGREEMENT DOCUMENTO ARISTEIA N. 20 I FORWARD RATE AGREEMENT SOMMARIO: 1. Introduzione 2. Aspetti generali sui Forward

Dettagli

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire

B) Collocamento Il collocamento dell accettazione bancaria sul mercato monetario può avvenire Capitolo Primo 1. L ACCETTAZIONE BANCARIA A) Definizione Gli strumenti di mercato monetario L accettazione bancaria si sostanzia in una cambiale tratta con la quale un impresa (traente) ordina ad una banca

Dettagli

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE

LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE Prof. Andrea Niutta Diritto dei Mercati Finanziari (A.A. 2013-2014) 1 LEZIONE 5 IL CONTRATTO FUTURE 1) Definizione. I futures vengono ascritti tra gli strumenti finanziari derivati (per inquadrarli dal

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale

Il Mercato dei Cambi. Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale Il Mercato dei Cambi Giuseppe De Arcangelis 2015 Economia Internazionale 1 Premessa Nella teoria del commercio internazionale esiste solo baratto Ora, in ognuna delle economie, si introducono: -la moneta

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Esercitazione sui certificati di deposito

Esercitazione sui certificati di deposito Esercitazione sui certificati di deposito In data 30 marzo un investitore sottoscrive un certificato di deposito a 390 gg al prezzo di emissione di 94,6 e prezzo di rimborso pari a 100. Valore nominale

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

ANTICIPO EXPORT: SU FATTURE E CONTRATTI

ANTICIPO EXPORT: SU FATTURE E CONTRATTI Aggiornato allo 01/01/2015 N release 0005 Pagina 1 di 9 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile

Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Finanza Aziendale Internazionale I La visione tradizionale: esposizione economica, transattiva e contabile Letture di riferimento: Bertinetti, Paragrafo 2.1 Il rischio rilevante per l azienda Rischio =

Dettagli

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse

FLOOR - INTEREST RATE FLOOR. Opzione su tassi d interesse Scheda Prodotto FLOOR IMPORTANTE: Le caratteristiche del prodotto sotto riportato hanno pura finalità informativa e non riportano né approfondiscono tutti gli elementi di rischiosità connessi al prodotto

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

SEZ.I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

SEZ.I - INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE FOGLIO INFORMATIVO PER LA RACCOLTA IN TITOLI DELLE BANCHE REDATTO AI SENSI DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI AGGIORNAMENTO 10 OTTOBRE 2004 Emissione N 29 - Prestito Subordinato

Dettagli

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting

Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting Oscillazione dei mercati valutari e percezione del cambio in fase di budgeting di Giuseppe Zillo (*) e Elisabetta Cecchetto (**) La definizione del cambio obiettivo nell azienda industriale non è solo

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

ANTICIPI EXPORT IN DIVISA

ANTICIPI EXPORT IN DIVISA Data release 23/10/2015 N release 0010 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari

L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari L importanza della corretta gestione dei rischi finanziari Rupert Limentani L&P- Limentani & Partners L adeguata gestione del rischio consente alle aziende di pianificare con maggiore tranquillità le proprie

Dettagli

Prodotti Finanziari Derivati

Prodotti Finanziari Derivati 2 Edizioni R.E.I. 3 Italo Degregori Prodotti Finanziari Derivati ISBN 978-88-97362-03-6 Copyright 2011 - Edizioni R.E.I. www.edizionirei.com Stampa: Greco & Greco - Milano Le informazioni sui prodotti

Dettagli

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas

Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Perizia contratti derivati NUOVA B.B. Sas Contratto n 1 Banca CRT IRS Plain Vanilla Caratteristiche Strumento Derivato Data Sottoscrizione 04/09/2000 Nominale 516.456,90 Data iniziale 06/09/2000 Scadenza

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 2

Economia monetaria e creditizia. Slide 2 Economia monetaria e creditizia Slide 2 Le attività e i mercati finanziari Oltre alla moneta, un altra istituzione consente di ridurre i costi di transazione negli scambi: i mercati Si tratta dei contesti

Dettagli

Foglio informativo n. 300/007. Operatività con l estero. Operazioni in cambi a pronti ed a termine e Servizio Greentrade.

Foglio informativo n. 300/007. Operatività con l estero. Operazioni in cambi a pronti ed a termine e Servizio Greentrade. Foglio informativo n. 300/007. Operatività con l estero. Operazioni in cambi a pronti ed a termine e Servizio Greentrade. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa:

Dettagli