IL BAROMETRO DEI MERCATI Gennaio 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL BAROMETRO DEI MERCATI Gennaio 2012"

Transcript

1 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Gennaio 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano

2 Premessa Il barometro Il barometro è uno strumento che indica il tempo atmosferico (precisamente la pressione atmosferica) del momento in cui si compie la misurazione: confrontando il dato attuale a quello precedente, è possibile fare una inferenza (trarre qualche conclusione logica) sul futuro; ma è uno strumento incompleto (ad esempio, mancano indicazioni sulla intensità e direzione del vento); tuttavia è stato un valido metodo per le previsioni del tempo; la sua validità è legata alla capacità di analisi dell utilizzatore, alla sua esperienza e conoscenza dei fenomeni atmosferici locali. Anche sui mercati possiamo confrontare i dati passati con quelli attuali, per ottenere delle indicazioni di massima ma attenzione, sempre con una dose di buon senso 2 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

3 Il Barometro dei mercati Il Barometro è diviso in due sezioni: Tassi d interesse europei - EURIBOR (dedicata alla gestione finanziaria) Tasso di cambio eurodollaro e commodity (indirizzata a chi vuole osservare la dinamica della produzione/vendita) L obiettivo è L obiettivo è fornire una visione sintetica delle principali dinamiche dei mercati di riferimento, per valutare la situazione di acquisizione dei fattori produttivi e avere una base di analisi, ad esempio per la definizione dei budget. 3 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

4 Tassi di interesse europei EURIBOR Le notizie più significative (headlines) Febbraio feb-12 Euribor: tre mesi fissati in calo a 1,102% da 1,108% 01-feb-12 Bce: nel 1* trim banche sembrano allentare stretta sul credito Gennaio gen-12 La Bce non interrompera' gli acquisti di bond europei 31-gen-12 Le prospettive BCE incoraggiano la propensione al rischio 31-gen-12 Banche Ue pronte a raddoppiare richiesta prestiti a Bce in asta Ltro di febbraio (FT) 30-gen-12 Bce: riduce quasi a zero acquisti bond. Scorsa settimana spesi 63 mln 30-gen-12 Governo in linea con Bce, nuovi assunti senza art.18 (Repubblica) 30-gen-12 Bce: banche italiane hanno ridotto posizioni in titoli Stato 27-gen-12 Banche Italia: per Barclays maxi asta Bce ha ridotto i rischi di rifinanziamento 4 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

5 Tassi di interesse europei EURIBOR Gennaio gen-12 Bce: a dicembre nuovo calo del credito bancario a famiglie e imprese 27-gen-12 Bce: a dicembre massa monetaria M3 +1,6%, molto peggio di stime 24-gen-12 Monti vede evoluzione ruolo Bce, fiducioso su risorse Esm 24-gen-12 Euribor ancora in calo 24-gen-12 Banche Italiane Prime Beneficiarie Prestito Bce a Tre Anni 19-gen-12 Draghi ad Abu Dhabi: tassi Bce hanno evitato una seria crisi di liquidità in Europa 19-gen-12 Bollettino Bce: fiscal compact importante contributo per sostenibilità finanze pubbliche 19-gen-12 Bce: Area Euro,Alta Incertezza Ma Nel 2012 Ripresa Graduale 19-gen-12 Bce: Ulteriori Misure Austerita' Hanno Attenuato Tensioni Su Mercati 19-gen-12 Bce: Urge Rendere Operativi Fondo Salva Stati e Meccanismo Stabilita' 19-gen-12 Bce: Si Stanno Deteriorando Condizioni Nei Mercati Lavoro 19-gen-12 Bce: Nel 2011 Beni Energetici Hanno Pesato Per Quasi Meta' Su Inflazione 5 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

6 Tassi di interesse europei EURIBOR Gennaio gen-12 Bce: ricapitalizzazione banche non deve pesare su economia area euro 18-gen-12 Bce: Depositi Banche Salgono a Nuovo Livello Record 18-gen-12 Per l'italia e l'eurozona un 2012 in recessione 18-gen-12 Bce conferma tassi, vede effetti "concreti" da p/t a 3 anni Reuters 12-gen-12 Bce, Draghi: politica monetaria sarà "accomodante" anche nel futuro, pronti ad agire se necessario 12-gen-12 Bce, Draghi: molto preoccupato per la situazione in Ungheria, 12-gen-12 Bce, Draghi: accordo fiscale forse firmato già a fine mese 12-gen-12 Bce, Draghi: mercati stanno apprezzando sforzi di alcuni Paesi per risanare conti 11-gen-12 Forex, euro in risalita su dlr, mercato attende aste e Bce Reuters 11-gen-12 Euro debole su dollaro e yen, cautela prima di Bce, aste domani Reuters 09-gen-12 Crisi: Bce, Record Depositi Banche a 463,6 Mld, Ai Massimi Da Euro 06-gen-12 Knot (Bce): e' la Germania l'ostacolo al fondo anticrisi 6 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

7 Tassi di interesse europei EURIBOR Commento sintetico Nel mese di Gennaio la crisi ha dato qualche segno di allentamento, grazie alle nuove iniziative politiche nella eurozona; il downgrading di Francia e Italia è stato poco enfatizzato dai mercati, in parte perché atteso e in parte per una sempre più diffusa sensazione che le agenzie di rating prestino eccessiva attenzione ad aspetti esclusivamente politici. Le aste dei titoli di stato italiano spagnoli e francesi hanno avuto un buon accoglimento da parte del mercato, e i parte dei timori che ad inizio anno si sono risolti: la liquidità, congelata nelle banche in attesa di un segnale di rasserenamento, sta iniziando a circolare Il governo italiano prosegue con una serie di innovazioni, per evitare che la stretta fiscali abbia effetti troppo recessivi sul PIL: questo programma segue quanto suggerito dalla lettera della BCE di agosto, anche se ovviamente le liberalizzazioni avranno effetto nel medio-lungo periodo: stime del Governo e di Confindustria indicano variamente circa dieci punti di PIL in 5-7 anni. Il nuovo ruolo italiano però è mitigato da una minor presenza francese, a causa delle prossime elezioni presidenziali a fine aprile ( 6 maggio il secondo turno): la politica fiscale dei due candidati è assai divergente, e questo potrebbe essere causa di incertezze suimercatineiprossimimesi:merkelhadichiaratoilsuogradimento per una rielezione di Sarkozy, (Hollande ha dichiarato una politica fiscale più espansiva) ma i sondaggi attualmente non sono favorevoli ad una rielezione ( circa 60% a favore di un cambiamento). Ricordiamo che tra un anno ci saranno elezioni statali anche in Germania Lo spread ha seguito ogni fibrillazione politica a livello europeo ma soprattutto il gradimento dei mercati sulle operazioni di rifinanziamento statale e del settore bancario ( ricordiamo l aumento di capitale UNICREDIT ) e negli ultimi giorni è sceso sotto livello 400, con una serie continua che fa ben sperare in un proseguimento. Ancora più importante è la discesa dei tassi a breve, che è stata ancor più marcata dei tassi a 10 anni: Gli interveti della BCE continuano nonostante che l inflazione resti intorno al 2,7% ; la politica di acquisto di debito pubblico è eseguita con molta attenzione alle vicende del mercato, alternando settimane di forte presenza ad altre con minore intensità: da notare la precisa attenzione del sostegno in vicinanza alle aste 7 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

8 Tassi di interesse europei EURIBOR Commento sintetico (segue) Il vertice europeo ha fissato nuove regole deficit di bilancio pari a zero, se sopra lo 0,5% sanzioni semiautomatiche riduzione del debito al 60% del PIL in 20 anni : Monti ha trattato per sanzioni non automatiche in caso di sforamento, ed inoltre attenuanti ( come già previste nel precedente Six Pack ) legate all entità del debito privato e all andamento dell economia European Stability Mechanism : decisioni rimandate a marzo, ma la Germania ha promesso una accelerazione del suo sostegno a quanto già deliberato ( circa 500 miliardi di euro) e, se venisse approvato in forma definitiva il fiscal compact e venisse risolta in modo definitivo la questione della Grecia ( su cui le banche tedesche sono molto esposte) è possibile che si possa arrivare fino a 740 miliardi : e a questo punto, con il sostegno dello FMI, il firewall (capitale a sostegno contro la speculazione) arriverebbe a 1500 miliardi Mercato unico e liberalizzazioni : impegno comune per i prossimi mesi per standardizzare e semplificare le leggi su brevetti, requisiti contabili, commercio elettronico, diritti d autore, tassazione alle imprese ; inoltre ogni governo dovrà redigere delle linee guida su politiche economiche e di occupazione in sintesi, in cambio di manovre fiscali di lungo periodo, sarà possibile ottenere fondi per superare la crisi finanziaria nel breve; e nel medio termine si cerca uno sviluppo collettivo nella eurozona Il nuovo clima di fiducia sull Italia, che ha già approvato importanti riforme e sta continuando a procedere sulla innovazione ( entro la fine di marzo è prevista una revisione sulla normativa del lavoro) ha ridotto lo spread di rischio-paese che grava sul rifinanziamento bancario; e la manovra di rifinanziamento a tre anni al 1% della BCE, per oltre 400 miliardi di cui le banche italiane hanno utilizzato una quota maggiore rispetto alle concorrenti europee, ha ridotto il costo del funding bancario. Manca ora l aspetto più importante, il ritorno del credito alle PMI e ai privati, che sono stati costretti ad intervenire per risolvere il problema finanziario ma, dopo aver sostenuto i costi, ancora non hanno i benefici. Le banche dichiarano di aver mantenuto e persino aumentato il credito erogato, ma le recenti indagini ( Andaf, Banca d Italia) mostrano difficoltà di finanziamento costanti, e spread in crescita. 8 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

9 Tassi di interesse europei EURIBOR Il punto sui mercati: tassi di interesse L allentamento della crisi ha riportato la curva dei tassi ad una forma più armonica e i tassi sono scesi su tutte le scadenze, in particolare sul segmento 1y-2y ( ricordiamo che la curva mostrata è quella del forward, che mostra il tasso a tre mesi tra le date future) Lo spread di cui si legge abitualmente è sul segmento 10y, e molti osservatori cominciano a ritenere che i livelli così alti del Bund siano più legati al fly-to-quality che a ragionevoli aspettative sulla economia: il tasso sul decennale tedesco è infatti 1,82% per dieci anni (rendimento reale negativo, data l inflazione al 2,7%), ma ancora più basso lo Schatz a due anni allo 0,17% (sic) fino ad arrivare a tassi negativi per i titoli a 6 mesi. Il problema adesso non è quello della liquidità, dato che il funding delle banche è stato agevolato dalla BCE: è la gestione del rischio, dato che le banche devono accantonare quote di capitale a fronte di ogni prestito erogato, e una percezione di rischiosità del cliente è vista con estrema difficoltà. Attenuare il rischio bancario con garanzie collaterali è la strada seguita da molte aziende. Si conferma la necessità di un rigido controllo del circolante e una accurata pianificazione finanziaria, con particolare attenzione alle esposizioni per crediti verso clienti: mantenere grande attenzione ai flussi dei pagamenti, e segmentare i crediti con un sistema anche semplice di rating per evitare incagli imprevisti negli incassi. 9 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

10 Tassi di interesse europei EURIBOR Tabella tassi forward di Euribor a 3 mesi 10 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

11 Tassi di interesse europei EURIBOR Grafico Euribor a 3 mesi (*): (*) Fino al gennaio 2012 dati storici, dopo dati forward di Euribor a 3 mesi 11 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

12 Tassi di interesse europei EURIBOR 12 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

13 Tassi di interesse europei EURIBOR Grafico spread BTP BUND fonte: Bloomberg 13 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

14 Tassi di interesse europei EURIBOR Grafico BUND 14 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

15 Tassi di interesse europei EURIBOR Confronto tra Euribor12mesi e titoli di stato tedeschi a tre anni Schatz: il loro valore ( pari circa a 100) mostra che il loro interesse è prossimo a zero, e sono costanti mentre Euribor è in discesa 15 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

16 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Le notizie più significative (headlines) Febbraio feb-12 il dilemma della Germania e il futuro della Eurozona 03-feb-12 gli interventi BCE comprano tempo per cercare le soluzioni alla eurozona 03-feb-12 Meeting sulla Grecia rinviato alla prossima settimana 03-feb-12 il Dollaro cresce dopo i dati sulla occupazione 03-feb-12 la Cina considera di sottoscrivere quote di ESM 02-feb-12 Euro cala per mancata conclusione accordo su Grecia 02-feb-12 S&P ritiene che la recessione europea potrebbe finire nel secondo semestre feb-12 Dollaro sotto pressione mentre sale l'appetito al rischio, yen sotto osservazione 02-feb-12 Inflazione europea costante al 2,7 % 02-feb-12 Le manovre draconiane aumentano la disoccupazione europea 02-feb-12 Euro in caduta dopo dati americani, yen in salita su dollaro 02-feb-12 la Polonia non prevede di adottare l'euro nel Commissione Finanza e Controllo di Gestione

17 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Gennaio gen-12 Euro scende dal massimo delle ultime 6 settimane su incertezza Grecia 30-gen-12 Tassi italiani in discesa dopo l'asta BTP 10y 30-gen-12 L'oro è la valuta più richiesta 27-gen-12 Offerta di moneta zona euro in calo 27-gen-12 Euro cresce su speranza di chiusura accordo su Grecia 26-gen-12 La crisi eurozona sta lentamente migliorando 26-gen-12 Euro crescxe su dollaro dopo dati economici americani 26-gen-12 Dollaro recupera dopo il minimo da 7 settimane dopo commento FED 26-gen-12 Fitch: la crisi della eurozona continua a guidare l'outlook sul credito globale 26-gen-12 Grandi imprese si preparano al worst scenario su euro 24-gen-12 Declassamenti debiti Francia e Italia riduce prezzi azioni bancarie 23-gen-12 Euro vulnerabile agli accordi su Grecia: meeting vertici EU sotto osservazione 20-gen-12 Euro sostenuto da buoni dati economia, operatori tornano risk taker 17 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

18 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Gennaio gen-12 Euro in attesa di notizie economia, operatori in attesa 11-gen-12 Euro cerca di recuperare, rally mercati azionari sostengono la moneta 18 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

19 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Commento sintetico La politica europea sta prendendo le decisioni a lungo rimandate, anche se la Francia mostra due diverse impostazioni da parte dei due candidati alla presidenza: un nuovo elemento di incertezza sui mercati. Lacampagnaelettoraleamericana,aisuoiinizi,avràunpesocrescentesullaeconomiadatoche il presidente uscente potrebbe tentare di fornire stimoli all economia USA per agevolare la sua rielezione LoESMstaprendendoformaconmaggiorforza,elaGermaniasembraorientataaversarela sua quota anche prima di quanto ipotizzato precedentemente: permangono resistenze ad aumentare la dotazione, resistenze che però potrebbero essere superate politicamente da patti fiscali stringenti tra i partner europei. La Germania potrà eventualmente impegnarsi maggiormente solo dopo aver conosciuto la soluzione del problema greco, dato che le sue banche sono molto esposte: ogni notizia in merito avrà effetti sull andamento del cambio. Il sostegno dello FMI pare sempre più deciso, anche se condizionato dalle scelte europee. I bassi tassi di interesse del dollaro, legati alla relativa forza della valuta, lo rendono interessante per operazioni di carry-trade ( indebitamento in dollari a basso tasso, con rischi contenuti di perdita di valore per apprezzamento del debito): gli operatori però seguono i mercati con attenzione, dato che ogni decisione politica può mutare le aspettative 19 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

20 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Commento sintetico (segue) Si diffondono segnali di debole ripresa o meglio di un rallentamento della crisi: il FMI prevede che nel 2012 l economia mondiale crescerà del 3,3% ( +5,2% nel 2010, +3,8% nel 2011) con USA + 1,8%, area Euro -0,5% ( Germania +0,3%, Italia -2,2%) e Giappone +1,7% e Cina +8,2%. I dati sull economia hanno immediato riflesso sui cambi, oltre che per la ovvia relazione con gli scambi commerciali, anche perché le politiche di rigore fiscale europee possono essere sostenute solo con una ripresa economica che aiuti a sostenere l economia. Importante per l Italia che le tensioni finanziarie si abbassino, dato che agli attuali livelli di tassi d interesse non è possibile mantenere un livello di deficit annuo senza rischiare nuove manovre correttive con ulteriori effetti depressivi sul PIL. Lo scenario della Banca d Italia è chiarissimo, indicando una flessione nel 2012 ma ipotizzando una ripresa del +0,8% nel 2013 se lo spread scendesse sotto i 300 punti Più correttamente, si deve intendere tassi di interesse a10y in valore assoluto vicino al 5% rispetto all attuale 6% circa: questo perché non è detto che il tasso dei BUND non possa risalire, e mantenere un differenziale costante ma legandolo ad un tasso potenzialmente crescente Le materie prime e l energia, in uno scenario di moderata crescita globale e di elevata incertezza ( e il perdurare di timori sui debiti sovrani) mostrano stabilità, né lo FMI prevede particolari tensioni nel prossimo futuro. 20 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

21 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Il punto sui mercati: Dopo due mesi di prudenza, forse sostenuta anche dalla chiusura dell anno fiscale, qualchetimoresièrisolto sulla eurozona; gli operatori mostrano nuovamente appetito al rischio e i mercati azionari hanno dato segni di ripresa nonostante le previsioni sul 2012, per lo meno sul primo semestre, siano ancora pessimistiche. Ma i mercati guardano nel futuro, o per lo meno si mitigano i recenti eccessi Dal punto di vista grafico, dopo la rottura settembre della resistenza formata dalla media mobile a 200 giorni, ora la stessa media ha una inclinazione negativa, a causa della costante discesa dei corsi. Il minimo del 16 gennaio a è il minimo da agosto 2010, 16 mesi circa. Rimbalzo su riunione eu recente ripresa deve trovare conferma su resustenze ararea 1,32 livelli di ottobre novembre La volatilità implicita è ulteriormente ridotta, fattore che potrebbe far ritenere che gli operatori abbiano identificato nei livelli attuali una certa stabilità, facendo così mancare una pressione all acquisto di opzioni a copertura delle posizioni. Ilvaloredelfuture a marzo 2012 è A titolo di mera indicazione operativa, i valori di opzioni (*): le call OTM base 1,34 scadenza marzo 2012 sono pari a le put OTM base 1,29 scadenza marzo 2012 sono pari a (*) Dati aggiornati al 3 febbraio Commissione Finanza e Controllo di Gestione

22 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Grafico eurodollaro Sovrapposta la media mobile 200, indicatore comunemente utilizzato per mostrare il trend. Si nota come, dopo la crescita di inizio anno, damaggio a settembre èrimastotra1,45 e 1,40 a settembre è sceso fino ai minimi di 1,32 di ottobre per poi risalire dal mese di novembre ha preso una posizione negativa. Minimi di periodo a metà gennaio, poi ripresa fino a 1, Commissione Finanza e Controllo di Gestione

23 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Grafico andamento prezzi del rame, considerato proxy dell andamento dell economia Si vede la relativa costanza dei prezzi fino ad agosto, la discesa fino ad ottobre. Stabilità fino a conclusione Nel 2012 una decisa risalita dei prezzi ma ancora inferiore ai massimi del Commissione Finanza e Controllo di Gestione

24 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Grafico andamento prezzo petrolio Crude Oil WTI Si nota la risalita dei prezzi da gennaio a maggio, la discesa fino ad ottobre e la risalita a novembre, finoadunarelativa stabilità: ora ha ripreso un movimento ascendente, ma ancora intorno 100 $/barile. Nel 2012 una sostanziale stabilità intorno a 100$, nonostante le tensioni con l Iran 24 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

25 Tassi di cambio eurodollaro e commodity Andamento della volatilità implicita sull eurodollaro L indicatore è calcolato con la metodologia del VIX : volatilità implicita delle opzioni ATM a 30 giorni Notiamoladiscesa da novembre 2010 a maggio 2011, larisalita fino al massimo di fine settembre eleoscillazioni del mese di ottobre e novembre elariduzione in dicembre :nel 2012 una costante anche se non lineare discesa, e il costo della protezione con opzioni è contenuto e in riduzione. 25 Commissione Finanza e Controllo di Gestione

IL BAROMETRO DEI MERCATI Marzo 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Marzo 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Marzo 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il barometro Il barometro è uno strumento che indica il tempo atmosferico

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Maggio 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Maggio 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Maggio 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione -Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Dicembre 2012

IL BAROMETRO DEI MERCATI Dicembre 2012 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Dicembre 2012 Commissione Finanza e Controllo di Gestione - Milano Premessa Il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che indica

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane

La ricchezza finanziaria delle famiglie italiane Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015

Relazione Semestrale Consolidata. al 30 giugno 2015 Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2015 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.09 POLITICA FINANZIARIA

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4

2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3. LA CONGIUNTURA E IL CONTESTO ECONOMICO DI RIFERIMENTO 4 2.3.1. IL CONTESTO INTERNAZIONALE Fin dalla primavera la ripresa dell economia mondiale ha perso vigore. Le turbolenze finanziarie e il peggioramento

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Bilancio Consolidato e Separato

Bilancio Consolidato e Separato 2014 Bilancio Consolidato e Separato 9 Gruppo Hera il Bilancio consolidato e d esercizio Introduzione Relazione sulla gestione capitolo 1 RELAZIONE SULLA GESTIONE 1.06.03 POLITICA FINANZIARIA E RATING

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

S. Polo, 2605 30125 Venezia Tel. 041/5238178 Fax 041/5286166 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE

S. Polo, 2605 30125 Venezia Tel. 041/5238178 Fax 041/5286166 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE S. Polo, Venezia Tel. / Fax / MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE SCENARI MACROECONOMICI... DELINEAZIONE DEGLI SCENARI... COMMENTO AI RISULTATI DEL MODELLO... GRAFICI SU VARIABILI

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene

Morning Call 18 GIUGNO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Morning Call 18 GIUGNO 2015 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento I temi del giorno Oggi l incontro dei Ministri delle Finanze dell Area euro: nessun accordo su Atene Il Fomc riduce di 25bp le proiezioni

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso.

Market movers Europa: oggi la produzione industriale della Francia, Itala e Regno Unito. Stati Uniti: oggi le vendite all ingrosso. Morning Call 10 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Grecia, rendimento del benchmark a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: in rialzo il saldo della bilancia commerciale tedesca a 19,1 mld di euro;

Dettagli

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA

VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA VIEW DI MERCATO: DALL ANALISI MACRO ALL ASSET ALLOCATION STRATEGICA relatori: Alessandro Stanzini, Fabio Bottani Corso istituzionale - Neo private banking: una prima formazione tecnico relazionale VIEW

Dettagli

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016

Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 Morning Call 6 FEBBRAIO 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Le previsioni della Commissione Ue: Pil Italia al +0,6% nel 2015, +1,3% nel 2016 L analisi dei mercati

Dettagli

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011

Morning Call 31 MARZO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Morning Call 31 MARZO 2015 Sotto i riflettori Fiducia delle imprese in Italia: andamento I temi del giorno Macro: in Italia la fiducia delle imprese sale al valore più alto del giugno 2011 Tassi: nuovi

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5

CONGIUNTURA FLASH. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO. Anno 2012. N. Doc A 8 Pagine 5 5 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Nello scenario globale si accentua la divaricazione tra le grandi aree. Gli USA conservano un moderato incremento

Dettagli

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia

Morning Call 21 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Morning Call 21 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Indie FtseMib: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Grecia, ha effettuato il rimborso per 6,8mld a Fmi, Bce e Banca di Grecia Prosegue la tendenza

Dettagli

Consumi finali delle famiglie pro-capite

Consumi finali delle famiglie pro-capite Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo.

Europa: oggi le prime stime sui Pmi di Francia, Germania ed Area euro. Stati Uniti: oggi nessun dato di rilievo. Morning Call 21 AGOSTO 2015 Sotto i riflettori Indice di volatilità sul Dax: andamento I temi del giorno Mercati nervosi: nuove elezioni in Grecia, economia cinese in rallentamento, valute dei Paesi emergenti

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

Crisi in Europa, peculiarità e scenari

Crisi in Europa, peculiarità e scenari Crisi in Europa, peculiarità e scenari Appunti della lezione tenuta presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia Economica Gorizia, aprile

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati

Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Il contesto attuale e le prospettive dei mercati Petrolio, progressivo rialzo... Brent dal 2010 Fonte: Bloomberg 2 Tassi, in aumento l interbancario... Euribor 3 mesi e tasso Bce a confronto Fonte: Bloomberg

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist

Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano. Gregorio De Felice Chief Economist Il rapporto banca impresa nella crisi del debito sovrano Gregorio De Felice Chief Economist 1 Credito alle imprese in forte crescita negli ultimi 1 anni La recente flessione del credito segue un periodo

Dettagli

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania

Il mercato assicurativo internazionale nel 2012. (quote % del mercato mondiale) Altro 36,0% Premi totali 4.612 mld Usd. Italia 3,1% Germania Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro

Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la. nell Area euro Morning Call 12 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento Btp a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: oggi l inflazione in Germania e Francia e la produzione industriale nell Area euro Tassi: per

Dettagli

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014

pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 pag. 1 Antonio Cesarano Responsabile Ufficio Market Strategy Milano 23 ottobre 2014 Quadro macro globale 60 ISM manif atturiero Usa PMI manif atturiero Germania PMI manif atturiero Cina 55 50 45 Fonte:

Dettagli

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59

Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Morning Call 4 NOVEMBRE 2014 Sotto i riflettori Eur/Jpy: andamento I temi del giorno Macro: Ism manifatturiero in rialzo ad ottobre sopra le attese a 59 Tassi: Treasury a 10 anni in lieve rialzo al 2,35%;

Dettagli

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti

20 marzo 2015. USA: ricchezza netta delle famiglie e sue componenti Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

Morning Call I temi della settimana La Bce riduce i tassi e vara nuove misure Tasso di riferimen- to allo 0,15%, tasso sui depositi negativo TLTRO,

Morning Call I temi della settimana La Bce riduce i tassi e vara nuove misure Tasso di riferimen- to allo 0,15%, tasso sui depositi negativo TLTRO, Morning Call 6 GIUGNO 2014 I temi della settimana La Bce riduce i tassi e vara nuove misure Tasso di riferimento allo 0,15%, tasso sui depositi negativo TLTRO, acquisti di Abs e fine della sterilizzazione

Dettagli

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro

Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed Area euro Morning Call 13 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del benchmark tedesco a 2 anni: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro: oggi i dati del Pil in Francia, Germania, Italia ed

Dettagli

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 3 LUGLIO 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 3 LUGLIO 2015 Sotto i riflettori Usa, tasso di disoccupazione: andamento I temi del giorno L analisi dei mercati Macro Usa: rallenta la crescita dei nuovi occupati, +223mila a giugno; il tasso

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 SETTEMBRE 2015 Sotto i riflettori Spread Btp/Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro Area euro: inflazione in ripresa in Italia, +0,2% a/a l indice nazionale e +0,5% a/a quello

Dettagli

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm

BEGHELLI ELISABETTA. CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm BEGHELLI ELISABETTA CONSULENTE FINANZIARIO CERTIFICATO EUROPEAN FINANCIAL PLANNER AND ADVISER ALBO EFPA tm Analista di Bilancio Aiaf CTU Tribunale di Cuneo Albo PF iscrizione nr 13491 1 LO SCENARIO ECONOMICO

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Marzo 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Marzo 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. L'appuntamento con il rialzo dei tassi si avvicina. Lo ha detto la presidente della

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE Nel corso dell ultimo mese non sono emersi segnali tali da modificare i percorsi evolutivi ipotizzati per le maggiori economie, che restano pertanto incamminate su sentieri di

Dettagli

IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2014

IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2014 Strumenti di finanza per commercialisti IL BAROMETRO DEI MERCATI Settembre 2014 Commissione Finanza e Controllo di Gestione -Milano Premessa : il concetto del barometro Il barometro è uno strumento che

Dettagli

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua

Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 DAILY. Sotto i riflettori. Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Morning Call 11 NOVEMBRE 2015 Sotto i riflettori Eur/Usd: andamento a 5 giorni I temi del giorno Macro: in Italia la produzione industriale a settembre in crescita dell 1,7% su base annua Tassi: le aspettative

Dettagli

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da

La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Quadro Macroeconomico attuale e previsioni future La settimana appena conclusa non ha portato nuove buone notizie sul fronte crisi area euro. Da Eurogruppo/Ecofin e dal G7 non sono emerse novità di rilievo.

Dettagli

Europa: oggi la fiducia dei consumatori e delle imprese in Italia. Stati Uniti: oggi la decisione sui tassi della Fed.

Europa: oggi la fiducia dei consumatori e delle imprese in Italia. Stati Uniti: oggi la decisione sui tassi della Fed. Morning Call 28 OTTOBRE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: cala la fiducia dei consumatori negli Usa, Pil del Regno Unito del terzo trimestre sotto

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

SE LA BCE FOSSE LA FED

SE LA BCE FOSSE LA FED 38 i dossier www.freefoundation.com SE LA BCE FOSSE LA FED (seconda puntata) quantitative easing in salsa europea? 15 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta Indice 2 Le mosse della Bce Grazie Draghi!

Dettagli

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T

26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T 26/6 I T STATI UNITI REALE Pil 1,8% t/t 0,4% t/t 1,6% a/a 1,7% a/a Consumi privati 2,6% t/t 1,8% t/t 1,9% a/a 1,8% a/a 3% t/t 14% t/t 5,5% a/a 7,2% a/a 0,4% t/t 13,2% t/t non residenziali 3,7% a/a 5,5% a/a 14%

Dettagli

Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Ufficio Studi AVM. Gianluigi Montagner

Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Ufficio Studi AVM. Gianluigi Montagner Analisi, Ricerche e Testi Luglio 2015 Anno II N. 6 A cura dell Editoriale La parola al Direttore Generale Italia Cosa aspettarsi dai mercati da qui alla fine dell anno? Ci sono tanti temi caldi che tratteremo

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

Partiamo dall Eurostoxx future e vediamo il Ciclo Trimestrale partito il 24 giugno (dati ad 1 ora):

Partiamo dall Eurostoxx future e vediamo il Ciclo Trimestrale partito il 24 giugno (dati ad 1 ora): Iniziamo con uno sguardo Intermarket generale - l Euro/Dollaro resta forte ed ha chiuso come la scorsa settimana intorno a 1,352 - l Oro ha leggermente recuperato chiudendo a 1338 dollari, resta comunque

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese

NOTA CONGIUNTURALE. Aprile 2015. 3. Mercati finanziari. - Sommario. - Analisi del mese NOTA CONGIUNTURALE Aprile 2015 3. Mercati finanziari - Sommario - Analisi del mese 1 3.Mercati finanziari Sommario FED. Abbandonato l impegno ad essere pazienti, nell attendere i tempi e le condizioni

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa

Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Le cicatrici della recessione, gli inciampi della ripresa Prometeia ritocca al ribasso la crescita italiana per il primo trimestre 2015 (a +0,1% rispetto a +0,2%) e conferma la crescita del Pil 2015 a

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Febbraio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi Macro: Cina & India Pag.8 - Analisi del Rischio Pag.11

Dettagli

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori

Morning Call 1 APRILE 2015 DAILY. Sotto i riflettori Morning Call 1 APRILE 2015 Sotto i riflettori Rendimento del Bund a 10 anni: andamento I temi del giorno Macro: nell Area euro a marzo i prezzi al consumo a -0,1% a/a, oggi i Pmi dell attività manifatturiera

Dettagli

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5

MAGGIO 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-6 Pagine 5 5 MAGGIO 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 L economia italiana va meglio dell atteso. È indispensabile cogliere l opportunità di innalzare il potenziale

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 41 i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SU SPREAD, ASTE, BTP E NESSUNO VI HA MAI DETTO 27 febbraio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 A leggere i dati

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico

Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 DAILY. Sotto i riflettori. La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Morning Call 5 SETTEMBRE 2014 Sotto i riflettori Cambio Eur/Usd: andamento intraday ieri e oggi I temi del giorno La Bce riduce ancora il costo del denaro: tasso repo allo 0,05%, nuovo minimo storico Tassi:

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio)

Vediamo ora la Situazione Ciclica sui vari mercati che seguo (dati di chiusura del 10 luglio) (12-lug-2015) Facciamo prima un breve quadro Intermarket: Valute: L Eur/Usd (1,1157) resta in fase di indecisione- l Usd/Yen (122,75) è in correzione dal 5 giugno. Commodities: il Crb Index (218,25) è

Dettagli

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing

Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Il monitoraggio degli effetti della politica monetaria: il Quantitative easing Daniela Fantozzi e Claudio Vicarelli fantozzi@istat.it cvicarelli@istat.it Forum PA, Roma 28 Maggio 2015 Indice 1. Il monitoraggio

Dettagli

SCENARIO INTERNAZIONALE

SCENARIO INTERNAZIONALE 1 SCENARIO INTERNAZIONALE I segnali di ripresa del ciclo internazionale si sono rafforzati in maniera significativa nel corso dell estate. Gli effetti stimolativi della politica economica americana hanno

Dettagli

rappor r to t sul leasing anno 2013

rappor r to t sul leasing anno 2013 rapporto sul leasing anno chiuso per la stampa il 26 aprile 2014 edito a cura dell Area Studi e Statistiche Assilea Servizi S.u.r.l. responsabile del progetto Beatrice Tibuzzi realizzato con la collaborazione

Dettagli

Il Bollettino economico-finanziario

Il Bollettino economico-finanziario Il Bollettino economico-finanziario Settimana 02-06 2013 Numero 33 Il punto in breve La performance del mercato azionario inizia ad intimorire anche i più ottimisti. A Wall Street i listini continuano

Dettagli

Dollaro. Un grande punto interrogativo

Dollaro. Un grande punto interrogativo Dollaro. Un grande punto interrogativo Qualcosa sembra sfuggire, in questi giorni, agli occhi di noi comuni mortali. Dopo numerosi anni, il target del 6,5 così tanto ambito dalla Fed, sul tasso di disoccupazione,

Dettagli

S. Polo, 2605 30125 Venezia Tel. 041/5238178 Fax 041/5286166 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE

S. Polo, 2605 30125 Venezia Tel. 041/5238178 Fax 041/5286166 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE S. Polo, Venezia Tel. /88 Fax /8 MEFIM MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO INTERNAZIONALE MENSILE SCENARI MACROECONOMICI... DELINEAZIONE DEGLI SCENARI... COMMENTO AI RISULTATI DEL MODELLO... GRAFICI SU VARIABILI

Dettagli