Economia politica Intervento pubblico nell economia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Economia politica Intervento pubblico nell economia"

Transcript

1 Economia politica Intervento pubblico nell economia 11. Macroeconomia delle economie aperte Giuseppe Vittucci Marzetti 1 Corso di laurea in Scienze dell Organizzazione Facoltà di Sociologia Università degli Studi di Milano-Bicocca A.A Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Via Bicocca degli Arcimboldi 8, 20126, Milano, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 1/74

2 Layout 1 Evidenze su commercio internazionale e Investimenti Diretti Esteri Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri 2 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale 3 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse 4 Modello IS-LM ed equilibrio di breve periodo in economia aperta Effetti delle politiche in regimi di cambi flessibili Effetti delle politiche in regimi di cambi fissi Crisi valutarie Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 2/74

3 Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Tasso di crescita del commercio internazionale e del PIL Fonte: World Trade Report, Figura: Tasso di crescita annuale del volume di commercio di merci e PIL, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 3/74

4 Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Esportazioni mondiali in percentuale del PIL Fonte: Targetti & Fracasso, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 4/74

5 Grado di apertura dei Paesi Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Paese Australia Canada Danimarca Francia Germania Italia Giappone Norvegia Svezia UK USA Fonte: Kuznets (1967); WB Development Report (1997). Tabella: Rapporto tra esportazioni e importazioni di beni e PIL: (X + M)/Y Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 5/74

6 Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Attori più importanti nel commercio internazionale Fonte: World Trade Report, Figura: Quota degli esportatori maggiori sul totale del commercio internazionale mondiale di merci, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 6/74

7 Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Attori più importanti nel commercio internazionale Fonte: COMTRADE, Figura: Quota delle esportazioni e importazioni mondiali, 2007 (Paesi che insieme contano per più del 70% del commercio totale) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 7/74

8 Aumentati negli ultimi 15 anni del XX secolo superando la crescita di PIL ed esportazioni, per poi stabilizzarsi nel ; Provenienti prevalentemente da paesi sviluppati: 90% da paesi sviluppati nel ; 24% dagli USA nel ; 54% dall UE nel Rivolti prevalentemente verso paesi sviluppati, ma quota dei paesi in via di sviluppo aumentata: 66% verso paesi sviluppati nel ; 11% verso gli USA nel ; 48% verso l UE nel Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 8/74 Evidenze su commercio internazionale e Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Investimenti Diretti Esteri, IDE (Foreign Direct Investment, FDI) Investimenti in imprese estere di nuova costituzione (greenfield) o attraverso acquisizione o fusione (Merge & Acquisition) in cui l investitore straniero possiede almeno il 10% delle azioni ordinarie, con l obiettivo di stabilire un interesse duraturo nel paese, una relazione a lungo termine e una significativa influenza nella gestione dell impresa.

9 IDE in uscita (% PIL) Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Fonte: UNCTAD, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 9/74

10 IDE in uscita (% PIL) Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Fonte: UNCTAD, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 10/74

11 IDE in entrata (% PIL) Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Fonte: UNCTAD, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 11/74

12 IDE in entrata (% PIL) Commercio internazionale Investimenti Diretti Esteri Fonte: UNCTAD, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 12/74

13 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio (nominale) (nominal exchange rate) tra due valute: numero di unità di una valuta che è possibile scambiare sul mercato con un unità dell altra valuta. Es.: cambio USD/EUR indica quanti dollari è possibile acquistare con un euro; Tasso di cambio USD/EUR pari a 1.3, indica che: e1 vale 1.3; o in modo equivalente 1 valee0.769 (1/1.3) (EUR/USD = 0.769). Se il cambio USD/EUR: aumenta, l euro si apprezza: possibile acquistare più dollari con un euro; diminuisce, l euro si deprezza: possibile acquistare meno dollari con un euro. NB: Nei mercati dei cambi (foreign exchange markets, FOREX o FX), vale la convenzione opposta: si indica per prima la valuta certa (o valuta base), e per seconda la valuta incerta (o valuta di riferimento). Es. cambio Euro/USD indica quanti dollari si scambiano con un euro. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 13/74

14 Tasso di cambio Euro-dollaro USA Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Fonte: BCE, Figura: Tasso di cambio nominale bilaterale USD/EUR, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 14/74

15 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio Euro-sterlina britannica Fonte: BCE, Figura: Tasso di cambio nominale bilaterale GBP/EUR, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 15/74

16 Tasso di cambio Euro-Yen giapponese Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Fonte: BCE, Figura: Tasso di cambio nominale bilaterale JPY/EUR, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 16/74

17 Tasso di cambio Euro-Yuan cinese Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Fonte: BCE, Figura: Tasso di cambio nominale bilaterale CNY/EUR, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 17/74

18 Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio: bilaterale: definito tra due valute; multilaterale o effettivo (nominal effective exchange rate, EER): media ponderata dei tassi di cambio bilaterali. Pesi di ponderazione rispecchiano l importanza relativa degli scambi bilaterali, e incorporano informazioni su importazioni ed esportazioni; EER calcolato per l Euro dalla BCE utilizzando tassi di cambio bilaterali dei 20 maggiori partner commerciali dell area Euro. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 18/74

19 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Pesi della BCE per il calcolo del tasso di cambio effettivo nei diversi periodi di riferimento Fonte: BCE, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 19/74

20 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio nominale effettivo Euro Fonte: BCE, Figura: ECB Nominal EER, Euro area-17 countries vis-a-vis the EER-20 group of trading partners against Euro, ( = 100) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 20/74

21 Tasso di cambio reale Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio reale (bilaterale): rapporto di scambio tra beni e servizi prodotti in due paesi differenti; Esempio: P: prezzo di un Big Mac in Italia; P : prezzo di un Big Mac negli USA; E: tasso di cambio nominale bilaterale USD/EUR tasso di cambio reale prezzo del Big Mac in Italia in termini di Big Mac negli Stati Uniti dato da: ǫ = Prezzo del Big Mac italiano in dollari { }} { E P P }{{} Prezzo del Big Mac USA in dollari Utilizzando per P e P indici del livello generale dei prezzi, rispettivamente, in Italia e negli Stati Uniti. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 21/74

22 Tasso di cambio reale Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio reale come tasso di cambio nominale deflazionato con i prezzi relativi dei beni nazionali: ǫ = E P P Calcolato con riferimento all economia nel complesso, P e P deflatori del PIL, rispettivamente, nazionale ed estero: ǫ come numero indice senza significato in termini assoluti; rilevano le variazioni e non il livello assoluto: ǫ ǫ E E + P P P = E +π P π E Se il tasso di cambio reale: aumenta, si ha un apprezzamento reale della valuta; diminuisce, si ha un deprezzamento reale della valuta. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 22/74

23 Tasso di cambio reale effettivo USA Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Fonte: BIS, Figura: Tasso di cambio reale effettivo, (Indici ristretti che includono 27 economie) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 23/74

24 Tasso di cambio reale effettivo UK Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Fonte: BIS, Figura: Tasso di cambio reale effettivo, (Indici ristretti che includono 27 economie) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 24/74

25 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio reale effettivo Giappone Fonte: BIS, Figura: Tasso di cambio reale effettivo, (Indici ristretti che includono 27 economie) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 25/74

26 Tasso di cambio reale effettivo Italia Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Fonte: BIS, Figura: Tasso di cambio reale effettivo, (Indici ristretti che includono 27 economie) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 26/74

27 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio reale effettivo Euro zona Fonte: BIS, Figura: Tasso di cambio reale effettivo, (Indici ristretti che includono 27 economie) Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 27/74

28 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Deprezzamento della valuta domestica: diminuisce il prezzo dei beni domestici in valuta estera aumento domanda estera di beni domestici (aumento volume esportazioni); aumenta il prezzo delle importazioni in valuta domestica diminuzione della domanda domestica di beni esteri (diminuzione volume importazioni); aumento del valore delle importazioni. I primi due effetti migliorano la bilancia commerciale (trade balance) (esportazioni nette), mentre l ultimo la peggiora; Condizione Marshall-Lerner (o Marshall-Lerner-Robinson): affinché un deprezzamento migliori la bilancia commerciale di un Paese (e quindi i primi due effetti prevalgano sul terzo), la somma in valore assoluto delle elasticità di prezzo di esportazioni e importazioni deve essere maggiore di uno. La condizione risulta in pratica sempre soddisfatta nel medio periodo. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 28/74

29 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Derivazione formale della condizione di Marshall-Lerner Bilancia commerciale (esportazioni nette): B = PX P P M = PX P E E P M = PX P1 ǫ M Partendo da una situazione di pareggio di bilancia commerciale si ha: P X(ǫ) P M(ǫ) ǫ = 0 ǫ X(ǫ) M(ǫ) = 0 con X (esportazioni) e M (importazioni) funzioni di ǫ. Differenziando rispetto ad ǫ otteniamo: X(ǫ) dǫ+ǫ dx(ǫ) dm(ǫ) = 0 1+ ǫ X(ǫ) 1+ ǫ X(ǫ) dx(ǫ) dǫ dx(ǫ) dǫ 1 X(ǫ) ǫ M(ǫ) dm(ǫ) dǫ dm(ǫ) dǫ = 0 = 0 Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 29/74

30 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Derivazione formale della condizione di Marshall-Lerner Affinché la bilancia commerciale rimanga in pareggio deve aversi: ovvero: ǫ dx(ǫ) ǫ dm(ǫ) + = 1 X(ǫ) dǫ M(ǫ) dǫ } {{ } } {{ } Elasticità delle esportazioni Elasticità delle importazioni ε X +ε M = 1 Se la somma delle elasticità è uguale ad uno un apprezzamento del cambio mantiene la bilancia commerciale in pareggio; Quando invece: ε X +ε M > 1 un apprezzamento (deprezzamento) del cambio peggiora (migliora) la bilancia commerciale. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 30/74

31 Curva J Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Nella realtà, ad un deprezzamento della valuta nazionale segue sempre nell immediato un peggioramento della bilancia commerciale; L ulteriore disavanzo tuttavia scompare nel giro di qualche mese, e la bilancia commerciale in seguito migliora rispetto alla situazione precedente la svalutazione; Tale fenomeno, denominato effetto J (o curva J), è causato dalla bassa elasticità di prezzo della domanda di importazioni ed esportazioni nel brevissimo periodo, dovuta a: rigidità contrattuali; abitudini dei consumatori. Fonte: Wikipedia, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 31/74

32 Tasso di cambio nominale Tasso di cambio bilaterale ed effettivo Tasso di cambio reale Tasso di cambio reale e bilancia commerciale Relazione tra tasso di cambio reale e bilancia commerciale ǫ Deficit commerciale Surplus commerciale NX < 0 NX > 0 0 NX Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 32/74

33 Legge del prezzo unico Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Assumiamo che: in due paesi si vende un bene perfettamente omogeneo e commerciabile internazionalmente (es. Big Mac); non esistono frizioni al commercio di alcun tipo (es. costi di trasporto, dazi doganali, ecc.). Dati i due beni omogenei, indipendentemente da dove sono prodotti o consumati, devono scambiarsi in quantità fisiche in rapporto 1/1; Legge del prezzo unico (law of one price): dati due beni identici, il tasso di cambio nominale deve attestarsi ad un livello che rende uguali i due prezzi espressi nella medesima valuta (ǫ = 1): ǫ = E P P = 1 E = P P Esempio: prezzo del Big Mac in Italia: 4e; prezzo del Big Mac negli Stati Uniti: 6 ; la legge del prezzo unico implica un tasso di cambio USD/EUR pari a: E = 6/4 = 1.5. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 33/74

34 Parità del Potere di Acquisto (PPA) Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse In assenza di costi di trasporto o altri costi di transazione, mercati competitivi dovrebbero eguagliare tra paesi i prezzi, espressi nella stessa valuta, di beni omogenei; Assumendo che: i paesi consumano lo stesso paniere di beni; tutti i beni sono commerciabili (tradeable) la legge del prezzo unico implica che il tasso di cambio nominale sia tale da garantire la Parità del Potere di Acquisto (PPA) (Purchasing Power Parity, PPP): ǫ = E P P = 1 E = P P P (P ) livello generale dei prezzi nell economia domestica (estera). In base alla versione relativa della teoria della PPA (relative PPP), il tasso di cambio reale resta costante, per cui: ǫ = E ǫ E +π π = 0 E E = π π apprezzamento nominale pari al differenziale di inflazione. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 34/74

35 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Tasso di cambio reale e bilancia commerciale nel caso in cui vale la PPA Se vale la PPA, l elasticità delle esportazioni nette al tasso di cambio reale è molto alta (al limite infinita). ǫ Deficit commerciale Surplus commerciale NX < 0 NX > 0 ǫ 0 NX Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 35/74

36 Inflazione e tassi di cambio nominali Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Fonte: Mankiw (2003), Macroeconomics, Worth Publishers, 5 ed. Figura: Differenziale di inflazione medio rispetto agli USA e variazione percentuale del tasso di cambio nominale Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 36/74

37 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Sopravvalutazione del cambio rispetto al dollaro in base alla PPP Fonte: OECD, Figura: Scarto percentuale del tasso di cambio nominale bilaterale con il dollaro rispetto alla PPA per il PIL, 2010 Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 37/74

38 Burgernomics Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Big Mac index: indice calcolato da The Economist e basato sulla teoria della PPA: Big Mac come bene omogeneo prodotto e consumato in tutto il mondo; P: prezzo di un Big Mac in America (attualmente 4.2); P /E: prezzo di un Big Mac venduto all estero e convertito in dollari sulla base del tasso di cambio nominale corrente con il dollaro; sopravvalutazione della valuta estera rispetto al dollaro: P E P P Dal 2004 The Economist calcola anche lo Starbucks tall-latte index. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 38/74

39 Big Mac index Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Fonte: The Economist, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 39/74

40 Perché la PPA fallisce Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Rigidità dei prezzi; Differenze nel paniere di beni prodotti/consumati nei diversi paesi; Esistenza di costi di trasporto e restrizioni al commercio: una parte dei beni non commerciabile internazionalmente (non tradeable); Pratiche oligopolistiche o monopolistiche in alcuni paesi per alcuni beni, che, interagendo con le altre barriere al commercio, incidono ulteriormente sulla relazione tra prezzi di beni simili venduti in paesi differenti. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 40/74

41 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Beni non commerciabili e tasso di cambio reale Presenza di beni non commerciabili viola una delle assunzioni della PPA: anche se la legge del prezzo unico vale per i beni commerciabili, non vale per quelli non commerciabili; Dato un indice dei prezzi P = PN αp1 α T, con P N (P T ) indice dei prezzi dei beni (non) tradeable, tasso di cambio reale: ǫ = EP P = E Pα N P1 α T PN α P 1 α T = EP T P T ( PN ( P N P T ) α P T ) α = dove EP T P = 1 per la legge del prezzo unico. T Esprimendo in termini di variazioni relative si ha: ǫ ǫ ( PN ) α P T ( ) P α N = α( P N P T ) α ( P N P N P T PN P T PT ) il tasso di cambio reale si apprezza in caso di aumento (diminuzione) del prezzo relativo dei beni non tradeable nell economia domestica (estera). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 41/74 P T

42 Effetto Balassa-Samuelson Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Dati due Paesi e due beni T (tradeable) e N (non tradeable) ipotizzando un solo fattore produttivo omogeneo (lavoro), si ha: P T = w P N = w PT γ T γ = w N γt PT = w γn con γ i produttività del lavoro nel settore i e w salario nominale; Tasso di cambio reale: ǫ = ( PN ( P N P T ) α P T ) α = ( ) α γt γ N ( ) γ α T da cui: ǫ = α( γ T γ N ) α ( γ T ǫ γ T γ N γt γ N γn ) Con differenziale di produttività tra beni tradeable e non tradeable maggiore nei Paesi più sviluppati rispetto a quelli meno sviluppati, relazione positiva tra grado di sviluppo e apprezzamento del cambio reale (effetto Balassa-Samuelson); Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 42/74 γ N

43 Risparmi e investimenti in economia aperta Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse In economia chiusa, uguaglianza tra risparmi e investimenti (comprese variazioni in scorte non programmate): S I; In economia aperta, saldo delle partite correnti (current account balance) somma dei saldi di merci, servizi, redditi e trasferimenti unilaterali correnti pari alla differenza tra risparmi e investimenti: CAB S I Saldo delle partite correnti pari al saldo (cambiato di segno) dei movimenti di capitale (conto capitale + conto finanziario), cioè flussi di capitale netti in uscita (net capital outflow): risparmi nazionali in eccesso rispetto agli investimenti vanno a finanziare i deficit commerciali esteri; investimenti in eccesso rispetto ai risparmi nazionali sono finanziati dal resto del mondo. Tralasciando conto redditi e trasferimenti unilaterali, si ha: NX S I bilancia commerciale pari alla differenza tra risparmi e investimenti. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 43/74

44 Risparmi e investimenti in economia aperta Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Dato il tasso d interesse, l eccesso di offerta di fondi mutuabili determina il saldo della bilancia commerciale. r r S NX < 0 NX > 0 r r NX S-I I I S 0 NX Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 44/74

45 Risparmi, investimenti e tasso di cambio Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse r NX < 0 NX > 0 S-I r ǫ NX ǫ 0 NX NX Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 45/74

46 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Deficit commerciali e sostenibilità del debito estero Eccedenza di investimenti su risparmi nazionali porta ad equilibrio con deficit di bilancia commerciale; Cambiamento nella posizione patrimoniale netta verso l estero (Net International Investment position, NIIP) differenza fra attività estere detenute da residenti e attività nazionali detenute da non residenti pari al saldo delle partite correnti (+ conto capitale + effetti di valutazione): CA t NIIP t Pagamento per interessi sullo stock di debito estero (external debt, foreign debt) accumulato entra come passivo nel conto redditi (Net Investment Income, NII); Necessari surplus commerciali per controbilanciare il passivo; Sostenibile equilibrio con deficit strutturali di bilancia commerciale? Sì, almeno con tasso di crescita dell economia maggiore del tasso d interesse. Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 46/74

47 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Bilancia commerciale e partite correnti in rapporto al PIL negli USA, Fonte: Schmitt-Grohé & Uribe (2012). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 47/74

48 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Saldi di bilancia commerciale e partite correnti nel 2005 Fonte: Schmitt-Grohé & Uribe (2012). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 48/74

49 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Saldo delle partite correnti e posizione patrimoniale netta verso l estero negli USA Fonte: Schmitt-Grohé & Uribe (2012). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 49/74

50 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Posizione patrimoniale netta verso l estero USA, Fonte: Wikipedia, Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 50/74

51 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse NIIP effettiva ed ipotetica senza effetti di valutazione in USA dal 1976 Fonte: Schmitt-Grohé & Uribe (2012). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 51/74

52 NII e NIIP negli USA, Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Fonte: Schmitt-Grohé & Uribe (2012). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 52/74

53 Saldo delle partite correnti in Cina e USA Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Fonte: Schmitt-Grohé & Uribe (2012). Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 53/74

54 Legge del prezzo unico e Parità del Potere di Acquisto (PPA) Evidenza sulla PPA ed effetto Balassa-Samuelson Interazione tra mercati di beni e capitali nella determinazione del cambio Parità dei tassi di interesse Condizione di non arbitraggio nella scelta tra attività finanziarie nazionali ed estere Dato il tasso di cambio USD/EUR (E), è possibile: 1 investire 1e in attività denominate in euro, ottenendo dopo un anno (1+i t) euro; 2 oppure: convertire l euro in dollari ottenendo E t dollari; investire i dollari in attività denominate in dollari, ottenendo dopo un anno (1+it )Et dollari; riconvertire i dollari in euro ottenendo (1 +it )Et/E t+1 euro. Le due strategie devono dare lo stesso rendimento (condizione di non arbitraggio): 1+i t = (1+it ) E t E t+1 ( 1+ E ) t+1 E t (1+i t ) = 1+it E t E t+1 E t E t +i t i t Giuseppe Vittucci Marzetti Economia politica Intervento pubblico nell economia 54/74

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 5.3.2014 COM(2014) 150 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO E ALL'EUROGRUPPO Risultati degli esami approfonditi ai sensi del regolamento

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4

10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese grande 4 I SUSSIDI ALLE ESPORTAZIONI NELL AGRICOLTURA E NEI SETTORI AD ALTA TECNOLOGIA 10 1 Gli obiettivi dell OMC 2 I sussidi alle esportazioni agricole in un Paese piccolo 3 I sussidi alle esportazioni agricole

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia DEL VIZIO E DELLA VIRTÙ 15 maggio 2014 Dollaro ed euro, cicale intelligenti e formiche così così Dissertazione per un esame di filosofia morale. È da considerare

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 28.11.214 COM(214) 94 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, ALLA BANCA CENTRALE EUROPEA E AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO Relazione

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica

l uscita dall euro non è la soluzione più pratica 32 l uscita dall euro non è la soluzione più pratica Lorenzo Bini Smaghi, precedentemente parte del del consiglio d amministrazione della BCE, e per molti anni uomo italiano a Francoforte (sede della BCE),

Dettagli

Nota su Crescita e Convergenza

Nota su Crescita e Convergenza Nota su Crescita e Convergenza S. Modica 28 Ottobre 2007 Nella prima sezione si considerano crescita lineare ed esponenziale e le loro proprietà elementari. Nella seconda sezione si spiega la misura di

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

L Italia: una crisi nella crisi

L Italia: una crisi nella crisi Moneta e Credito, vol. 64 n. 255 (2011), 189-227 L Italia: una crisi nella crisi CARLO D IPPOLITI e ALESSANDRO RONCAGLIA * 1. Introduzione La nostra rivista ha offerto e continua ad offrire contributi

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO. La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 14.11.2012 COM(2012) 652 final RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO La situazione del mercato europeo del carbonio nel 2012 (Testo rilevante ai

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni

I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni I costi per mantenere e crescere un figlio/a da 0 a 18 anni Premessa Il senso comune suggerisce che i figli non hanno prezzo ma l esperienza insegna che per farli diventare grandi e sperabilmente autonomi,

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS

Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS Grafici di redditività BREAK-EVEN ANALYSIS 1 Analisi del punto di equilibrio o di pareggio Consiste nella determinazione grafica o matematica del quantitativo di vendita al quale i costi totali e i ricavi

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

L Italia nell economia internazionale

L Italia nell economia internazionale Sistema Statistico Nazionale L Italia nell economia internazionale Rapporto ICE 2012-2013 ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Sistema Statistico

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa

Fiscal News N. 15. La valutazione degli intangibili. La circolare di aggiornamento professionale 17.01.2014. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 15 17.01.2014 La valutazione degli intangibili Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie Diversi sono i motivi per i quali un azienda può avere

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI

IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI IMPARA IL MERCATO IN 10 MINUTI AVVERTENZA SUGLI INVESTIMENTI AD ALTO RISCHIO: Il Trading sulle valute estere (Forex) ed i Contratti per Differenza (CFD) sono altamente speculativi, comportano un alto livello

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.

Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E. La crisi globale del 2007-2009: cause e conseguenze Prof. Carluccio Bianchi Università di Pavia (aggiornamento ed estensione di uno schema elaborato da alcuni dottorandi italiani alla L.S.E.) Stiamo ancora

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni

INDICE. Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni OPZIONI FORMAZIONE INDICE Introduzione Cosa sono le Opzioni FX? Trading 101 ITM, ATM e OTM Opzioni e strategie di Trading Glossario Contatti e Informazioni 3 5 6 8 9 10 16 ATTENZIONE AI RISCHI: Prima di

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Le ragazze e le carriere scientifiche

Le ragazze e le carriere scientifiche Le ragazze e le carriere scientifiche La cittadinanza subalterna delle donne nelle carriere scientifiche Perché le donne sono tanto poco rappresentate ai vertici delle carriere scientifiche, sia nel settore

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento

Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Il Mercato Elettrico del GME: finalità, organizzazione e funzionamento Indice 1. Funzionamento e organizzazione del sistema elettrico... 5 1.1 Vincoli tecnici del sistema elettrico... 5 1.2 Gestione del

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli