Focus. Inflazione: causa, definizioni e prospettive. Giugno 2014 Consultant Note. Punti chiave

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus. Inflazione: causa, definizioni e prospettive. Giugno 2014 Consultant Note. Punti chiave"

Transcript

1 Inflazione: causa, definizioni e prospettive Consultant Note «L inflazione è violenta come un ladro, spaventosa come un rapinatore e letale come un sicario.» Ronald Reagan «Non credo sia esagerato affermare che la storia è in gran parte la storia dell inflazione, solitamente di inflazioni generate dai governi e per il guadagno dei governi.» Friedrich August von Hayek «L inflazione è quella forma di tassazione che può essere imposta senza legislazione.» Milton Friedman «Attraverso un processo d inflazione continuo, i governi in segreto e inosservati possono confiscare una parte importante della ricchezza dei loro cittadini.» John Maynard Keynes Punti chiave Sin dall avvento della moneta fiduciaria (dal latino fides = fiducia), l accelerazione dell inflazione è sempre stata una delle grandi «paure fondamentali» degli investitori. Dopotutto, non è legittimo temere che la fiducia riposta in chi ha il potere di stampare moneta venga tradita? Tanto più che la storia mostra diversi esempi di ricorsi abusivi da parte di uno stato alla svalutazione della moneta e dimostra quindi che il rischio è tutt altro che teorico. Dopo la crisi finanziaria del 2008, le politiche economiche attuate nei paesi avanzati hanno mantenuto viva o fatto crescere la paura di un accelerazione dell inflazione. E vero che l arsenale dispiegato da allora riempie molte delle condizioni che in passato hanno causato episodi inflazionistici: forte aumento dei debiti pubblici, abbondante creazione di moneta da parte delle banche centrali (o la combinazione di entrambi), monetizzazione del debito pubblico. Per il momento, non vi è alcun segnale che indichi che tali politiche si stanno traducendo con un accelerazione dell aumento dei prezzi. In primavera 2014, l inflazione annua nelle principali economie avanzate oscillava fra 0% e 2% e in molti di questi paesi ciò che prevale è il rischio di deflazione (Giappone, ma anche Svizzera e area euro). Guardando indietro, sono ormai più di venti anni che il mondo avanzato non ha conosciuto una vera inflazione: il Giappone a metà degli anni 1990 è caduto in deflazione e nel mondo occidentale, il ritmo di aumento dei prezzi ha oscillato fra 0 e 4% all anno. La storia recente è quindi caratterizzata da una straordinaria stabilità. Ma con la progressiva accelerazione della crescita nell insieme delle economie avanzate, il rischio che le liquidità senza precedenti iniettate nel sistema provochino un accelerazione della spirale inflazionistica non può essere escluso. E giacché «investitore avvisato mezzo salvato», è arrivato il momento di analizzare i diversi tipi d inflazione, con le rispettive conseguenze, in modo tale da poterle affrontare nella maniera più efficace qualora l inflazione dovesse risvegliarsi. Pubblicazione curata dal team Global Macro & Fixed Income Strategy SYZ Asset Management Tel. +41 (0) Autori : Fabrizio Quirighetti, Capo economista Adrien Pichoud, Economista Page 1

2 L inflazione non è unica ma ne esistono diversi tipi La definizione di inflazione del dizionario Larousse è: situazione o fenomeno caratterizzato dall aumento generalizzato e continuo del livello dei prezzi. Ma i fattori all origine di questo fenomeno possono essere molteplici: L eccesso di domanda rispetto all offerta. E la definizione keynesiana dell inflazione, secondo la quale l inflazione appare in seguito a un accelerazione delle spese (del settore privato o dello stato), oppure in seguito al calo dell offerta (distruzione dell apparato produttivo conseguente a una catastrofe naturale o a un evento bellico, aumento dei costi di produzione). L adeguamento delle aspettative il quale innesca la spirale stipendi/prezzi. L ancoraggio delle aspettative d inflazione spinge gli operatori economici a inglobare l inflazione nei loro comportamenti di spesa, di risparmio, d investimento e nelle contrattazioni salariali, e questo tende a mantenere (o amplificare) la dinamica inflazionistica. L inflazione monetaria. L eccessiva creazione di moneta da parte della banca centrale (monetizzazione del debito pubblico, espansione delle riserve del sistema bancario, massa monetaria che aumenta più della crescita nominale dell economia) provoca una lievitazione dei prezzi. «L inflazione è sempre e comunque un fenomeno monetario» diceva Milton Friedman Se le cause possono variare in funzione delle circostanze e dei punti di vista, un fatto è certo: l episodio inflazionistico ha sempre come conseguenza diretta quella di erodere il potere d acquisto della moneta. L inflazione, un fenomeno del XX secolo La storia riporta alcuni importanti episodi che dimostrano come l inflazione non sia un invenzione «moderna»: la svalutazione della moneta nel V secolo condusse alla caduta dell Impero romano, e l emissione massiccia di assegnati durante la rivoluzione francese alla fine del XVIII secolo provocò una forte inflazione. Fu però con l avvento della moneta fiduciaria (o cartamoneta) nel XVII secolo - la cui diffusione avvenne però solo nel secolo scorso - che l inflazione diventò un fenomeno economico ricorrente. L iperinflazione in Germania e in Europa orientale all inizio degli anni 1920 fu il primo episodio «moderno» di questo tipo. E la fine del sistema di Bretton Woods nel 1971 segnò l inizio di un periodo di accelerazione dell inflazione nei paesi avanzati seguito poi dal moltiplicarsi di episodi d iperinflazione nel mondo emergente. Tasso annuo d inflazione nei paesi del G7 + Svizzera dal 1950 Tuttavia, nelle principali economie avanzate, gli episodi di febbre inflazionistica saranno relativamente di breve durata: apparsi dopo l abbandono della convertibilità aurea del dollaro USA e il primo choc petrolifero nella prima metà degli anni 1970, questi episodi inflazionistici diminuiranno qualche decennio più tardi per effetto del calo dei prezzi dell energia e delle politiche monetarie restrittive adottate da Stati Uniti e Spagna. Gli ultimi venti anni sono stati caratterizzati da un inflazione stabile intorno a livelli molto bassi nel mondo avanzato che oscilla tra 0% e 5% all anno. Alla fine degli anni 1990 il Giappone è caduto in deflazione e anche la Svizzera si è trovata più volte a sfiorare il fenomeno della flessione dei prezzi. In questi due decenni, tranne che in Giappone e in Svizzera, il tasso medio d inflazione si è mantenuto vicino all obiettivo delle banche centrali (2%). All inizio del 2014 l inflazione oscillava fra 0% e 2% in tutti i paesi che abbiamo menzionato. Tabella inflazione storica Stati Uniti Canada Regno Unito Giappone Germania Francia Italia Svizzera Long Terme dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 Moyenne 3.7% 3.7% 5.6% 3.4% 2.6% 4.5% 6.2% 2.5% Médiane 3.0% 2.7% 4.2% 2.2% 2.1% 2.9% 4.5% 1.9% Minimum -2.1% -2.1% -1.6% -2.9% -2.4% -0.7% -2.4% -1.3% Maximum 14.8% 13.0% 26.9% 26.2% 11.4% 15.2% 25.6% 11.9% Dal 1994 (Gli ultimi 20 anni) Media 2.4% 1.8% 2.9% -0.1% 1.6% 1.6% 2.5% 0.7% Mediana 2.5% 1.9% 3.0% -0.2% 1.5% 1.7% 2.3% 0.6% Minimo -2.1% -0.9% -1.6% -2.9% -0.5% -0.7% 0.0% -1.2% Massimo 5.6% 4.7% 5.6% 2.8% 3.3% 3.6% 5.7% 3.1% Percentuale di referenza 2.0% Page 2

3 Alcuni fatti sull inflazione Anche se l esistenza della moneta è un presupposto dell inflazione, molto rapidamente questi due elementi si sono mossi in parallelo: infatti, non c è voluto molto perché i dirigenti dell epoca capissero che potevano aumentare i loro introiti abbassando il valore intrinseco delle monete in circolazione. Diversi casi sono già riportati nell antichità, sia in Grecia che a Roma. Ma tranne un eccezione, gli episodi più acuti sono tutti avvenuti dopo il XX secolo (vedi tabella a fianco) e sono una conseguenza nefasta del progresso tecnico che ha fatto sì che dalla moneta «coniata» si passasse ai «biglietti stampati» sull onda dei cambiamenti del regime monetario o delle costituzioni che regolavano l offerta e il controllo della moneta (passaggio dal sistema aureo o da riferimenti a metalli alla moneta legale, o «moneta fiat»). Il termine inflazione, che descrive l aumento generalizzato dei prezzi, proviene dal latino «inflare» ed entra in uso dopo il XIX secolo. Secondo i suoi diversi gradi di intensità, l inflazione è definita moderata, sostenuta, alta o galoppante, ma fino ad oggi non è fornita una precisa definizione di questi livelli. L iperinflazione è un eccezione perché di questo fenomeno l economista Philip Cagan (1956) ha fornito una precisa descrizione: la situazione in cui l inflazione mensile raggiunge o supera (almeno una volta) il 50%. La tabella a fianco, dove sono censiti tutti i casi di iperinflazione, mette in evidenza che si sono tutti verificati dopo il 1914, in regime di «biglietti stampati», tranne nel caso della rivoluzione francese ( ) quando furono introdotti gli assegnati, simili alla cartamoneta. Sembra quindi che il denominatore comune sia l adozione della cartamoneta convertibile. Questo sembra smentire la diffusa convinzione secondo la quale i casi estremi di iperinflazione sono unicamente dovuti alle guerre. Ciò è vero nella maggior parte dei casi, ma nell elenco troviamo anche episodi avvenuti in periodi di pace (Sud America, ). Inoltre, nonostante le guerre, anche le più devastanti, nessun episodio di iperinflazione è avvenuto prima del Anche i due grafici sotto riportati tendono a dimostrare, quantomeno empiricamente, che l abbandono del riferimento ai metalli in media si è tradotto con un inflazione più alta. O piuttosto, che in passato i periodi d inflazione positiva si alternavano con periodi di deflazione e di conseguenza, a medio - lungo termine, il costo della vita aumentava in misura molto limitata o nulla. Il grafico 1 mette in evidenza che nel Regno Unito l inflazione cumulata ha iniziato ad aumentare solo dal XX secolo. Il grafico 2 mostra che l alternanza di periodi d inflazione positiva e negativa a livello mondiale dal medio evo fino al 1925 è molto chiara. In compenso, da oltre un secolo, dopo l introduzione della «fiat money», l inflazione mediana è restata esclusivamente in territorio positivo. Paese Casi d iperinflazioni censiti Anno(i) Inflazione maggiore sile % Argentina 1989/ Armenia 1993/94 43'800 Austria 1921/ Azerbaijan 1991/ Bielorussia Bolivia 1984/ Brasile 1989/93 84 Bulgaria Cina 1947/49 4'209 Congo 1991/ Francia 1789/ Georgia 1993/ Germania 1920/23 25'526 Grecia 1942/45 11'288 Ungheria 1923/24 82 Ungheria 1945/ * Kazakistan Kyrgyzstan Nicaragua 1986/ Perù 1988/ Polonia 1921/ Polonia 1989/90 77 Serbia 1992/94 309'000'000 Unione Sovietica 1922/ Taiwan 1945/ Tajikistan Turkmenistan 1993/96 63 Ucraina 1992/ Yoguslavia Israele 1984/85 28 Zimbawe 2006/09 circa 10'000 Page 3

4 Grafico 1 Indice dei prezzi al consumo nel Regno Unito, Gennaio 1974 = 100 (scala logaritmica) Grafico 2 Tasso d inflazione mediana (media su 5 anni) in tutti i paesi, Source: Office for National Statistics, Economic Trends March 2004, Consumer Price Inflation since 1750 Source: Reinhart and Rogoff (2008) «This time is different» Grafico 3 Indice dei prezzi al consumo In vari paesi dal 1950 Infine, il grafico 3 evidenzia tre elementi: (1) un andamento di tipo inflazionistico nell intero periodo, (2) l accelerazione dell inflazione dagli anni 1970 e (3) la dispersione fra il gruppo formato da Svizzera, Germania occidentale e Stati Uniti, e le altre economie, che hanno registrato un inflazione media più alta. Come si spiega questa differenza? Peter Bernholz («Monetary Regimes and Inflation: Economic and Political Relationships») propone una spiegazione che ci sembra soddisfacente: la causa dell inflazione più contenuta in Svizzera, Germania occidentale e Stati Uniti sarebbe la maggiore libertà di cui godono le banche centrali di questi paesi. Di conseguenza, una costituzione monetaria che garantisce l indipendenza della banca centrale sarebbe in grado di contenere l inflazione, anche se non quanto il sistema aureo. Source: Datastream, SYZ AM Le politiche per far fronte alla crisi hanno creato le condizioni per il ritorno dell inflazione Da circa venti anni, l inflazione è praticamente scomparsa dai radar degli investitori e oscilla entro una forbice relativamente stretta intorno al target d inflazione delle principali banche centrali. La crisi del 2008/2009 e le sue ripercussioni hanno fatto improvvisamente balzare la deflazione (calo continuo e durevole del livello generale dei prezzi) al primo posto fra le monacce più temute. La caduta della produzione durante la recessione (seguita da una seconda ondata in Europa dovuta alla crisi dei debiti sovrani) ha improvvisamente lasciato una percentuale importante della popolazione attiva senza lavoro, mentre le capacità produttive restano inutilizzate. Le pressioni al ribasso sui costi di produzione e l indebolimento della domanda hanno aggravato le pressioni deflazionistiche strutturali dovute all invecchiamento della popolazione, alla globalizzazione e all aumento di produttività. Tutto ciò fa sì che il rischio di un accelerazione dell inflazione, in un orizzonte a uno - due anni, appare oggi molto limitato per le economie avanzate. Page 4

5 Andamento aggregato delle politiche monetarie e di bilancio delle principali economie avanzate* dal 2000 Bilancio delle banche centrali e debito pubblico(in % del PIL) Tasso di riferimento delle banche centrali a breve termine Source: SYZ AM, central banks, IMF, Datastream Source: Thomson Reuters Datastream *Stati Uniti, area euro, Regno Unito, Giappone, Svizzera Ma il rischio di vedere a medio termine l inflazione risvegliarsi dal suo letargo non può essere escluso. Nel dispiegare tutto l arsenale disponibile per allontanare il rischio di deflazione, le autorità politiche e monetarie delle grandi economie sviluppate hanno adottato dal 2008 dei provvedimenti senza precedenti. La conseguenza è stata il rapido aumento del debito pubblico, un periodo prolungato di tassi a breve termine vicini a 0%, una creazione senza precedenti di liquidità da parte delle banche centrali mediante l acquisto di attivi, con l aumento del volume dei loro bilanci a livelli finora mai visti. Tutte politiche che - almeno in teoria rischiano fortemente di generare un accelerazione della spirale inflazionistica (soprattutto se attuate insieme ). Finora nei paesi avanzati il prolungato periodo di politiche economiche ultra accomodanti ha permesso a fatica di innescare la ripresa della crescita. Stati Uniti e Regno Unito registrano un reale miglioramento da appena due anni, mentre l Europa è uscita dalla recessione solo l anno scorso. Dal canto suo il Giappone ha varato una serie di provvedimenti nel tentativo di vincere la deflazione che da 15 anni tiene l economia nella sua morsa. In questo quadro, le tensioni inflazionistiche finora non si sono manifestate. Ma gli effetti potenzialmente inflazionistici di queste politiche potrebbero manifestarsi una volta che l accelerazione della crescita avrà permesso di ridurre significativamente gli squilibri nati dalla recessione: alta disoccupazione e tasso d utilizzo tuttora basso delle capacità produttive nelle grandi economie avanzate. allora che gestire gli strumenti «convenzionali» (tasso d interesse) e «non convenzionali» (iniezioni di liquidità ed espansione del volume dei bilanci) della politica monetaria diventerà un compito particolarmente arduo per le banche centrali: dopo avere versato tanto olio sul fuoco per impedire che si spegnesse e per farlo ripartire, il rischio di un impennata incontrollata dell inflazione è reale Oggi le banche commerciali americane ed europee sono alle prese con una debole domanda di credito e con l inasprimento dei requisiti per il risanamento dei loro bilanci fissati dagli organismi di sorveglianza. Ma se la crescita economica accelera, una volta ultimato il processo di disindebitamento (delle famiglie, delle aziende, delle banche, degli stati ), la domanda di credito si riprenderà e troverà banche più che disposte a fare (finalmente) fruttare le abbondanti riserve di liquidità accumulate negli ultimi anni. Le banche centrali pensano (o sperano?) di poter controllare questa situazione grazie a strumenti ad hoc. Ma la situazione, oltre ad essere reale e non teorica, è anche del tutto inedita e perciò inevitabilmente incerta. In un simile scenario, il rischio è quello di una fiammata dell inflazione, quantomeno temporanea. Infatti, fra due mali (deflazione e inflazione) le banche centrali preferiranno di certo correre il secondo, che conoscono meglio, piuttosto che il primo, dal quale come il Giappone insegna è particolarmente difficile districarsi. In particolare, il calo della disoccupazione, appena avviato in Europa ma ormai più avanzato nel Regno Unito, ridarà prima o poi un po di potere contrattuale ai lavoratori. E questo dovrebbe mettere fine alla fase di stagnazione degli stipendi reali (corretti per l aumento dei prezzi) che dura dallo scoppio della crisi. Sarà Page 5

6 Pensare il rendimento degli attivi in termini reali From the investor s point of view, the fact that the spectrum of possible scenarios is broad today (a marked acceleration of inflation, persistence of the moderate-inflation environment, a plunge into a deflationary scenario) has in any case some very practical implications on how one understands the return on assets. Nominal returns and real returns (adjusted for price changes) are likely to diverge strongly in the future. For an investor who is equally keen to protect the purchasing power of his capital and to earn a return on it, the need to think in terms of real return will be felt more and more acutely, unlike over the last twenty years, when the stability and low level of inflation allowed investors to disregard the distinction without too much damage. L illusione dei tassi nominali e l importanza dell inflazione A seconda che fra cinque o dieci anni l inflazione sia negativa (scenario deflazionistico), moderata (fra 0 e 5%) o forte (durevolmente superiore al 5%), la percezione dei rendimenti attuali e futuri cambia completamente. Un tasso d interesse annuo a 10 anni dell ordine dell 1.5% o dello 0.8%, come quello delle obbligazioni governative tedesche o svizzere, è da ritenersi basso, accettabile o interessante? E prendendo un caso ancora più estremo, come valutare i tassi a tre mesi sui depositi a termine in euro o in dollari che sono intorno allo 0.2%? La risposta la troviamo nelle prospettive di andamento dell inflazione! In uno scenario di deflazione con prezzi in discesa tra l 1% e l 1.5% all anno (come nello scorso decennio in Giappone), il rendimento reale di questi investimenti praticamente privi di rischio è interessante e nettamente positivo! Al contrario, se l inflazione accelera oltre il 2%, questi tassi diventano molto puntivi poiché il rendimento reale di questi investimenti sarà nettamente negativo. Le conseguenze dell eventuale risveglio dell inflazione sulle diverse asset class finanziarie non devono essere ignorate. Dopo la crisi finanziaria del 2008/2009, delle forti pressioni deflazionistiche sono apparse in Europa ma anche negli Stati Uniti. Nel tentativo di tenerle sotto controllo, le banche centrali e i governi hanno adottato misure senza precedenti in termini sia di qualità che di quantità. E se oggi è difficile prevedere da quale parte penderà l ago della bilancia, un fatto è probabile: il periodo d inflazione positiva, debole e stabile che abbiamo avuto negli ultimi due decenni molto probabilmente lascerà il posto a un quadro nettamente più instabile. E il tasso d inflazione potrebbe ridiventare una variabile economica chiave quanto lo sono oggi i dati sull occupazione o sulla produzioni industriale. Acerca de Fabrizio Quirighetti, Capo economista Fabrizio Quirighetti è responsabile della visione d insieme sull economia e i mercati. Siede nel comitato d investimento e strategie per i portafogli discrezionali, concentrandosi sul reddito fisso e il FOREX. Dal 2003 è co-gestore per le strategie Absolute Return e gestisce diversi fondi, tra i quali OYSTER USD Bonds, OYSTER European Fixed Income e OYSTER Multi-Asset Inflation Shield. Inoltre, cogestisce il fondo OYSTER Absolute Return EUR. Prima di entrare a far parte di SYZ & CO nel 2002, Fabrizio Quirighetti è stato assistente di econometria all università di Ginevra. Titolare di un MBA in econometria e di un diploma in economia quantitativa conseguito. Fabrizio Quirighetti ha inoltre collaborato con Banque SYZ & CO in veste di consulente dal 1999 al 2002, e con Artprice dal 1997 al Dal primo gennaio 2014 è entrato a far parte del comitato di allocazione tattica dell AVS in qualità di consulente esterno. Adrien Pichoud, Economista Adrien Pichoud è entrato a far parte di SYZ & CO nel 2010 in qualità di economista. Gestisce il fondo OYSTER ForExtra Yield (USD) e go-gestisce il fondo OYSTER Multi- Asset Inflation Shield. In precedenza ha lavorato per sette anni presso una società d intermediazione mobiliare a Parigi con l incarico di economista responsabile delle ricerche e delle pubblicazioni macroeconomiche. Adrien Pichoud ha conseguito il Master in finanza all Università di Grenoble (Francia) e il Bachelor in economia all università del Sussex (UK). Page 6

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente

LA DECOLONIZZAZIONE. Nel 1947 l India diventa indipendente LA DECOLONIZZAZIONE Nel 1939 quasi 4.000.000 km quadrati di terre e 710 milioni di persone (meno di un terzo del totale) erano sottoposti al dominio coloniale di una potenza europea. Nel 1941, in piena

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011

GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE. Anno 2011 GLI OPERATORI DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Anno 2011 La rilevazione riguarda gli operatori della cooperazione internazionale che hanno usufruito dell assistenza assicurativa della Siscos. Definizione

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri

LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri LE TASSE CHE DISTRUGGONO L ECONOMIA EUROPEA di Simone Bressan e Carlo Lottieri La ricerca promossa da ImpresaLavoro, avvalsasi della collaborazione di ricercatori e studiosi di dieci diversi Paesi europei,

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA

VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA VINCOLO ESTERO E POLITICA ECONOMICA NEGLI ANNI NOVANTA CONCETTO PAOLO VINCI * 1. Introduzione Sebbene si possa obiettare che è ancora troppo presto per formulare un giudizio su alcune misure in particolare

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo

Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Parla Weidmann: Grecia, c è il rischio contagio, Ma l euro non è in pericolo Il presidente della Bundesbank a La Stampa: nei trattati va previsto il crac di uno Stato TONIA MASTROBUONI INVIATA A FRANCOFORTE

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde

LETTERA DA WALL STREET. Di John Mauldin. Dio salvi il dollaro. Tutti i privilegi del biglietto verde LETTERA DA WALL STREET Di John Mauldin Dio salvi il dollaro Tutti i privilegi del biglietto verde Il termine privilegio esorbitante si riferisce al presunto vantaggio da parte degli Stati Uniti di avere

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch

Analisi Settimanale. 29 Giugno - 05 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercato FX Termini Legali Svizzera: aggiornamenti - Arnaud Masset Difficoltà del Canada e bassi

Dettagli

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014

Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 Commissione speciale dell Informazione (III) RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO 2013-2014 30 settembre 2014 Il Rapporto CNEL sul mercato del lavoro 2013-2014 è suddiviso in due sezioni realizzate da un gruppo

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia

Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia Il Rosso e il Nero Settimanale di strategia SCHREBERGARTEN 8 luglio 2015 Questione greca e scontro di civiltà Le città del mondo sono fatte di case, strade, piazze, fabbriche e parchi ma sono anche piene

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce

Salentini nel mondo. Le statistiche ufficiali. Provincia di Lecce Salentini nel mondo Le statistiche ufficiali Provincia di Lecce 1 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI 150 ANNI DI PARTENZE DAL SALENTO I TRASFERIMENTI ALL ESTERO NEL TERZO MILLENNIO 2 I SALENTINI NEL MONDO, OGGI

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli