Focus. Inflazione: causa, definizioni e prospettive. Giugno 2014 Consultant Note. Punti chiave

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Focus. Inflazione: causa, definizioni e prospettive. Giugno 2014 Consultant Note. Punti chiave"

Transcript

1 Inflazione: causa, definizioni e prospettive Consultant Note «L inflazione è violenta come un ladro, spaventosa come un rapinatore e letale come un sicario.» Ronald Reagan «Non credo sia esagerato affermare che la storia è in gran parte la storia dell inflazione, solitamente di inflazioni generate dai governi e per il guadagno dei governi.» Friedrich August von Hayek «L inflazione è quella forma di tassazione che può essere imposta senza legislazione.» Milton Friedman «Attraverso un processo d inflazione continuo, i governi in segreto e inosservati possono confiscare una parte importante della ricchezza dei loro cittadini.» John Maynard Keynes Punti chiave Sin dall avvento della moneta fiduciaria (dal latino fides = fiducia), l accelerazione dell inflazione è sempre stata una delle grandi «paure fondamentali» degli investitori. Dopotutto, non è legittimo temere che la fiducia riposta in chi ha il potere di stampare moneta venga tradita? Tanto più che la storia mostra diversi esempi di ricorsi abusivi da parte di uno stato alla svalutazione della moneta e dimostra quindi che il rischio è tutt altro che teorico. Dopo la crisi finanziaria del 2008, le politiche economiche attuate nei paesi avanzati hanno mantenuto viva o fatto crescere la paura di un accelerazione dell inflazione. E vero che l arsenale dispiegato da allora riempie molte delle condizioni che in passato hanno causato episodi inflazionistici: forte aumento dei debiti pubblici, abbondante creazione di moneta da parte delle banche centrali (o la combinazione di entrambi), monetizzazione del debito pubblico. Per il momento, non vi è alcun segnale che indichi che tali politiche si stanno traducendo con un accelerazione dell aumento dei prezzi. In primavera 2014, l inflazione annua nelle principali economie avanzate oscillava fra 0% e 2% e in molti di questi paesi ciò che prevale è il rischio di deflazione (Giappone, ma anche Svizzera e area euro). Guardando indietro, sono ormai più di venti anni che il mondo avanzato non ha conosciuto una vera inflazione: il Giappone a metà degli anni 1990 è caduto in deflazione e nel mondo occidentale, il ritmo di aumento dei prezzi ha oscillato fra 0 e 4% all anno. La storia recente è quindi caratterizzata da una straordinaria stabilità. Ma con la progressiva accelerazione della crescita nell insieme delle economie avanzate, il rischio che le liquidità senza precedenti iniettate nel sistema provochino un accelerazione della spirale inflazionistica non può essere escluso. E giacché «investitore avvisato mezzo salvato», è arrivato il momento di analizzare i diversi tipi d inflazione, con le rispettive conseguenze, in modo tale da poterle affrontare nella maniera più efficace qualora l inflazione dovesse risvegliarsi. Pubblicazione curata dal team Global Macro & Fixed Income Strategy SYZ Asset Management Tel. +41 (0) Autori : Fabrizio Quirighetti, Capo economista Adrien Pichoud, Economista Page 1

2 L inflazione non è unica ma ne esistono diversi tipi La definizione di inflazione del dizionario Larousse è: situazione o fenomeno caratterizzato dall aumento generalizzato e continuo del livello dei prezzi. Ma i fattori all origine di questo fenomeno possono essere molteplici: L eccesso di domanda rispetto all offerta. E la definizione keynesiana dell inflazione, secondo la quale l inflazione appare in seguito a un accelerazione delle spese (del settore privato o dello stato), oppure in seguito al calo dell offerta (distruzione dell apparato produttivo conseguente a una catastrofe naturale o a un evento bellico, aumento dei costi di produzione). L adeguamento delle aspettative il quale innesca la spirale stipendi/prezzi. L ancoraggio delle aspettative d inflazione spinge gli operatori economici a inglobare l inflazione nei loro comportamenti di spesa, di risparmio, d investimento e nelle contrattazioni salariali, e questo tende a mantenere (o amplificare) la dinamica inflazionistica. L inflazione monetaria. L eccessiva creazione di moneta da parte della banca centrale (monetizzazione del debito pubblico, espansione delle riserve del sistema bancario, massa monetaria che aumenta più della crescita nominale dell economia) provoca una lievitazione dei prezzi. «L inflazione è sempre e comunque un fenomeno monetario» diceva Milton Friedman Se le cause possono variare in funzione delle circostanze e dei punti di vista, un fatto è certo: l episodio inflazionistico ha sempre come conseguenza diretta quella di erodere il potere d acquisto della moneta. L inflazione, un fenomeno del XX secolo La storia riporta alcuni importanti episodi che dimostrano come l inflazione non sia un invenzione «moderna»: la svalutazione della moneta nel V secolo condusse alla caduta dell Impero romano, e l emissione massiccia di assegnati durante la rivoluzione francese alla fine del XVIII secolo provocò una forte inflazione. Fu però con l avvento della moneta fiduciaria (o cartamoneta) nel XVII secolo - la cui diffusione avvenne però solo nel secolo scorso - che l inflazione diventò un fenomeno economico ricorrente. L iperinflazione in Germania e in Europa orientale all inizio degli anni 1920 fu il primo episodio «moderno» di questo tipo. E la fine del sistema di Bretton Woods nel 1971 segnò l inizio di un periodo di accelerazione dell inflazione nei paesi avanzati seguito poi dal moltiplicarsi di episodi d iperinflazione nel mondo emergente. Tasso annuo d inflazione nei paesi del G7 + Svizzera dal 1950 Tuttavia, nelle principali economie avanzate, gli episodi di febbre inflazionistica saranno relativamente di breve durata: apparsi dopo l abbandono della convertibilità aurea del dollaro USA e il primo choc petrolifero nella prima metà degli anni 1970, questi episodi inflazionistici diminuiranno qualche decennio più tardi per effetto del calo dei prezzi dell energia e delle politiche monetarie restrittive adottate da Stati Uniti e Spagna. Gli ultimi venti anni sono stati caratterizzati da un inflazione stabile intorno a livelli molto bassi nel mondo avanzato che oscilla tra 0% e 5% all anno. Alla fine degli anni 1990 il Giappone è caduto in deflazione e anche la Svizzera si è trovata più volte a sfiorare il fenomeno della flessione dei prezzi. In questi due decenni, tranne che in Giappone e in Svizzera, il tasso medio d inflazione si è mantenuto vicino all obiettivo delle banche centrali (2%). All inizio del 2014 l inflazione oscillava fra 0% e 2% in tutti i paesi che abbiamo menzionato. Tabella inflazione storica Stati Uniti Canada Regno Unito Giappone Germania Francia Italia Svizzera Long Terme dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 dal 1951 Moyenne 3.7% 3.7% 5.6% 3.4% 2.6% 4.5% 6.2% 2.5% Médiane 3.0% 2.7% 4.2% 2.2% 2.1% 2.9% 4.5% 1.9% Minimum -2.1% -2.1% -1.6% -2.9% -2.4% -0.7% -2.4% -1.3% Maximum 14.8% 13.0% 26.9% 26.2% 11.4% 15.2% 25.6% 11.9% Dal 1994 (Gli ultimi 20 anni) Media 2.4% 1.8% 2.9% -0.1% 1.6% 1.6% 2.5% 0.7% Mediana 2.5% 1.9% 3.0% -0.2% 1.5% 1.7% 2.3% 0.6% Minimo -2.1% -0.9% -1.6% -2.9% -0.5% -0.7% 0.0% -1.2% Massimo 5.6% 4.7% 5.6% 2.8% 3.3% 3.6% 5.7% 3.1% Percentuale di referenza 2.0% Page 2

3 Alcuni fatti sull inflazione Anche se l esistenza della moneta è un presupposto dell inflazione, molto rapidamente questi due elementi si sono mossi in parallelo: infatti, non c è voluto molto perché i dirigenti dell epoca capissero che potevano aumentare i loro introiti abbassando il valore intrinseco delle monete in circolazione. Diversi casi sono già riportati nell antichità, sia in Grecia che a Roma. Ma tranne un eccezione, gli episodi più acuti sono tutti avvenuti dopo il XX secolo (vedi tabella a fianco) e sono una conseguenza nefasta del progresso tecnico che ha fatto sì che dalla moneta «coniata» si passasse ai «biglietti stampati» sull onda dei cambiamenti del regime monetario o delle costituzioni che regolavano l offerta e il controllo della moneta (passaggio dal sistema aureo o da riferimenti a metalli alla moneta legale, o «moneta fiat»). Il termine inflazione, che descrive l aumento generalizzato dei prezzi, proviene dal latino «inflare» ed entra in uso dopo il XIX secolo. Secondo i suoi diversi gradi di intensità, l inflazione è definita moderata, sostenuta, alta o galoppante, ma fino ad oggi non è fornita una precisa definizione di questi livelli. L iperinflazione è un eccezione perché di questo fenomeno l economista Philip Cagan (1956) ha fornito una precisa descrizione: la situazione in cui l inflazione mensile raggiunge o supera (almeno una volta) il 50%. La tabella a fianco, dove sono censiti tutti i casi di iperinflazione, mette in evidenza che si sono tutti verificati dopo il 1914, in regime di «biglietti stampati», tranne nel caso della rivoluzione francese ( ) quando furono introdotti gli assegnati, simili alla cartamoneta. Sembra quindi che il denominatore comune sia l adozione della cartamoneta convertibile. Questo sembra smentire la diffusa convinzione secondo la quale i casi estremi di iperinflazione sono unicamente dovuti alle guerre. Ciò è vero nella maggior parte dei casi, ma nell elenco troviamo anche episodi avvenuti in periodi di pace (Sud America, ). Inoltre, nonostante le guerre, anche le più devastanti, nessun episodio di iperinflazione è avvenuto prima del Anche i due grafici sotto riportati tendono a dimostrare, quantomeno empiricamente, che l abbandono del riferimento ai metalli in media si è tradotto con un inflazione più alta. O piuttosto, che in passato i periodi d inflazione positiva si alternavano con periodi di deflazione e di conseguenza, a medio - lungo termine, il costo della vita aumentava in misura molto limitata o nulla. Il grafico 1 mette in evidenza che nel Regno Unito l inflazione cumulata ha iniziato ad aumentare solo dal XX secolo. Il grafico 2 mostra che l alternanza di periodi d inflazione positiva e negativa a livello mondiale dal medio evo fino al 1925 è molto chiara. In compenso, da oltre un secolo, dopo l introduzione della «fiat money», l inflazione mediana è restata esclusivamente in territorio positivo. Paese Casi d iperinflazioni censiti Anno(i) Inflazione maggiore sile % Argentina 1989/ Armenia 1993/94 43'800 Austria 1921/ Azerbaijan 1991/ Bielorussia Bolivia 1984/ Brasile 1989/93 84 Bulgaria Cina 1947/49 4'209 Congo 1991/ Francia 1789/ Georgia 1993/ Germania 1920/23 25'526 Grecia 1942/45 11'288 Ungheria 1923/24 82 Ungheria 1945/ * Kazakistan Kyrgyzstan Nicaragua 1986/ Perù 1988/ Polonia 1921/ Polonia 1989/90 77 Serbia 1992/94 309'000'000 Unione Sovietica 1922/ Taiwan 1945/ Tajikistan Turkmenistan 1993/96 63 Ucraina 1992/ Yoguslavia Israele 1984/85 28 Zimbawe 2006/09 circa 10'000 Page 3

4 Grafico 1 Indice dei prezzi al consumo nel Regno Unito, Gennaio 1974 = 100 (scala logaritmica) Grafico 2 Tasso d inflazione mediana (media su 5 anni) in tutti i paesi, Source: Office for National Statistics, Economic Trends March 2004, Consumer Price Inflation since 1750 Source: Reinhart and Rogoff (2008) «This time is different» Grafico 3 Indice dei prezzi al consumo In vari paesi dal 1950 Infine, il grafico 3 evidenzia tre elementi: (1) un andamento di tipo inflazionistico nell intero periodo, (2) l accelerazione dell inflazione dagli anni 1970 e (3) la dispersione fra il gruppo formato da Svizzera, Germania occidentale e Stati Uniti, e le altre economie, che hanno registrato un inflazione media più alta. Come si spiega questa differenza? Peter Bernholz («Monetary Regimes and Inflation: Economic and Political Relationships») propone una spiegazione che ci sembra soddisfacente: la causa dell inflazione più contenuta in Svizzera, Germania occidentale e Stati Uniti sarebbe la maggiore libertà di cui godono le banche centrali di questi paesi. Di conseguenza, una costituzione monetaria che garantisce l indipendenza della banca centrale sarebbe in grado di contenere l inflazione, anche se non quanto il sistema aureo. Source: Datastream, SYZ AM Le politiche per far fronte alla crisi hanno creato le condizioni per il ritorno dell inflazione Da circa venti anni, l inflazione è praticamente scomparsa dai radar degli investitori e oscilla entro una forbice relativamente stretta intorno al target d inflazione delle principali banche centrali. La crisi del 2008/2009 e le sue ripercussioni hanno fatto improvvisamente balzare la deflazione (calo continuo e durevole del livello generale dei prezzi) al primo posto fra le monacce più temute. La caduta della produzione durante la recessione (seguita da una seconda ondata in Europa dovuta alla crisi dei debiti sovrani) ha improvvisamente lasciato una percentuale importante della popolazione attiva senza lavoro, mentre le capacità produttive restano inutilizzate. Le pressioni al ribasso sui costi di produzione e l indebolimento della domanda hanno aggravato le pressioni deflazionistiche strutturali dovute all invecchiamento della popolazione, alla globalizzazione e all aumento di produttività. Tutto ciò fa sì che il rischio di un accelerazione dell inflazione, in un orizzonte a uno - due anni, appare oggi molto limitato per le economie avanzate. Page 4

5 Andamento aggregato delle politiche monetarie e di bilancio delle principali economie avanzate* dal 2000 Bilancio delle banche centrali e debito pubblico(in % del PIL) Tasso di riferimento delle banche centrali a breve termine Source: SYZ AM, central banks, IMF, Datastream Source: Thomson Reuters Datastream *Stati Uniti, area euro, Regno Unito, Giappone, Svizzera Ma il rischio di vedere a medio termine l inflazione risvegliarsi dal suo letargo non può essere escluso. Nel dispiegare tutto l arsenale disponibile per allontanare il rischio di deflazione, le autorità politiche e monetarie delle grandi economie sviluppate hanno adottato dal 2008 dei provvedimenti senza precedenti. La conseguenza è stata il rapido aumento del debito pubblico, un periodo prolungato di tassi a breve termine vicini a 0%, una creazione senza precedenti di liquidità da parte delle banche centrali mediante l acquisto di attivi, con l aumento del volume dei loro bilanci a livelli finora mai visti. Tutte politiche che - almeno in teoria rischiano fortemente di generare un accelerazione della spirale inflazionistica (soprattutto se attuate insieme ). Finora nei paesi avanzati il prolungato periodo di politiche economiche ultra accomodanti ha permesso a fatica di innescare la ripresa della crescita. Stati Uniti e Regno Unito registrano un reale miglioramento da appena due anni, mentre l Europa è uscita dalla recessione solo l anno scorso. Dal canto suo il Giappone ha varato una serie di provvedimenti nel tentativo di vincere la deflazione che da 15 anni tiene l economia nella sua morsa. In questo quadro, le tensioni inflazionistiche finora non si sono manifestate. Ma gli effetti potenzialmente inflazionistici di queste politiche potrebbero manifestarsi una volta che l accelerazione della crescita avrà permesso di ridurre significativamente gli squilibri nati dalla recessione: alta disoccupazione e tasso d utilizzo tuttora basso delle capacità produttive nelle grandi economie avanzate. allora che gestire gli strumenti «convenzionali» (tasso d interesse) e «non convenzionali» (iniezioni di liquidità ed espansione del volume dei bilanci) della politica monetaria diventerà un compito particolarmente arduo per le banche centrali: dopo avere versato tanto olio sul fuoco per impedire che si spegnesse e per farlo ripartire, il rischio di un impennata incontrollata dell inflazione è reale Oggi le banche commerciali americane ed europee sono alle prese con una debole domanda di credito e con l inasprimento dei requisiti per il risanamento dei loro bilanci fissati dagli organismi di sorveglianza. Ma se la crescita economica accelera, una volta ultimato il processo di disindebitamento (delle famiglie, delle aziende, delle banche, degli stati ), la domanda di credito si riprenderà e troverà banche più che disposte a fare (finalmente) fruttare le abbondanti riserve di liquidità accumulate negli ultimi anni. Le banche centrali pensano (o sperano?) di poter controllare questa situazione grazie a strumenti ad hoc. Ma la situazione, oltre ad essere reale e non teorica, è anche del tutto inedita e perciò inevitabilmente incerta. In un simile scenario, il rischio è quello di una fiammata dell inflazione, quantomeno temporanea. Infatti, fra due mali (deflazione e inflazione) le banche centrali preferiranno di certo correre il secondo, che conoscono meglio, piuttosto che il primo, dal quale come il Giappone insegna è particolarmente difficile districarsi. In particolare, il calo della disoccupazione, appena avviato in Europa ma ormai più avanzato nel Regno Unito, ridarà prima o poi un po di potere contrattuale ai lavoratori. E questo dovrebbe mettere fine alla fase di stagnazione degli stipendi reali (corretti per l aumento dei prezzi) che dura dallo scoppio della crisi. Sarà Page 5

6 Pensare il rendimento degli attivi in termini reali From the investor s point of view, the fact that the spectrum of possible scenarios is broad today (a marked acceleration of inflation, persistence of the moderate-inflation environment, a plunge into a deflationary scenario) has in any case some very practical implications on how one understands the return on assets. Nominal returns and real returns (adjusted for price changes) are likely to diverge strongly in the future. For an investor who is equally keen to protect the purchasing power of his capital and to earn a return on it, the need to think in terms of real return will be felt more and more acutely, unlike over the last twenty years, when the stability and low level of inflation allowed investors to disregard the distinction without too much damage. L illusione dei tassi nominali e l importanza dell inflazione A seconda che fra cinque o dieci anni l inflazione sia negativa (scenario deflazionistico), moderata (fra 0 e 5%) o forte (durevolmente superiore al 5%), la percezione dei rendimenti attuali e futuri cambia completamente. Un tasso d interesse annuo a 10 anni dell ordine dell 1.5% o dello 0.8%, come quello delle obbligazioni governative tedesche o svizzere, è da ritenersi basso, accettabile o interessante? E prendendo un caso ancora più estremo, come valutare i tassi a tre mesi sui depositi a termine in euro o in dollari che sono intorno allo 0.2%? La risposta la troviamo nelle prospettive di andamento dell inflazione! In uno scenario di deflazione con prezzi in discesa tra l 1% e l 1.5% all anno (come nello scorso decennio in Giappone), il rendimento reale di questi investimenti praticamente privi di rischio è interessante e nettamente positivo! Al contrario, se l inflazione accelera oltre il 2%, questi tassi diventano molto puntivi poiché il rendimento reale di questi investimenti sarà nettamente negativo. Le conseguenze dell eventuale risveglio dell inflazione sulle diverse asset class finanziarie non devono essere ignorate. Dopo la crisi finanziaria del 2008/2009, delle forti pressioni deflazionistiche sono apparse in Europa ma anche negli Stati Uniti. Nel tentativo di tenerle sotto controllo, le banche centrali e i governi hanno adottato misure senza precedenti in termini sia di qualità che di quantità. E se oggi è difficile prevedere da quale parte penderà l ago della bilancia, un fatto è probabile: il periodo d inflazione positiva, debole e stabile che abbiamo avuto negli ultimi due decenni molto probabilmente lascerà il posto a un quadro nettamente più instabile. E il tasso d inflazione potrebbe ridiventare una variabile economica chiave quanto lo sono oggi i dati sull occupazione o sulla produzioni industriale. Acerca de Fabrizio Quirighetti, Capo economista Fabrizio Quirighetti è responsabile della visione d insieme sull economia e i mercati. Siede nel comitato d investimento e strategie per i portafogli discrezionali, concentrandosi sul reddito fisso e il FOREX. Dal 2003 è co-gestore per le strategie Absolute Return e gestisce diversi fondi, tra i quali OYSTER USD Bonds, OYSTER European Fixed Income e OYSTER Multi-Asset Inflation Shield. Inoltre, cogestisce il fondo OYSTER Absolute Return EUR. Prima di entrare a far parte di SYZ & CO nel 2002, Fabrizio Quirighetti è stato assistente di econometria all università di Ginevra. Titolare di un MBA in econometria e di un diploma in economia quantitativa conseguito. Fabrizio Quirighetti ha inoltre collaborato con Banque SYZ & CO in veste di consulente dal 1999 al 2002, e con Artprice dal 1997 al Dal primo gennaio 2014 è entrato a far parte del comitato di allocazione tattica dell AVS in qualità di consulente esterno. Adrien Pichoud, Economista Adrien Pichoud è entrato a far parte di SYZ & CO nel 2010 in qualità di economista. Gestisce il fondo OYSTER ForExtra Yield (USD) e go-gestisce il fondo OYSTER Multi- Asset Inflation Shield. In precedenza ha lavorato per sette anni presso una società d intermediazione mobiliare a Parigi con l incarico di economista responsabile delle ricerche e delle pubblicazioni macroeconomiche. Adrien Pichoud ha conseguito il Master in finanza all Università di Grenoble (Francia) e il Bachelor in economia all università del Sussex (UK). Page 6

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO

I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO Incontro Annuale con gli Investitori del Fondo Sator I CAMBIAMENTI DELLO SCENARIO MACROECONOMICO di Stefano Fantacone (direttore del CER) Nell arco di pochi mesi, lo scenario macroeconomico è profondamente

Dettagli

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta:

La formula che regola l inflazione prende il nome di equazione di Fisher ed è di seguito esposta: Le 7 Frodi Capitali dell Economia Neoliberista (parte 3 di 7) L inflazione. (di Marco Cavedon, postato l 11-02-2014). Esamineremo in questo capitolo uno dei più perniciosi falsi miti che l ideologia neoclassica

Dettagli

Università degli Studi Guglielmo Marconi

Università degli Studi Guglielmo Marconi I cambi flessibili e le politiche di intervento sui mercati valutari: 1971(-3)-2007 Argomenti 1. Il periodo 1971-2001 2. La globalizzazione e la crescita mondiale nel 1 Il periodo 1971-2001 Gli assetti

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Strategia d investimento obbligazionaria. Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Strategia d investimento obbligazionaria Bollettino mensile no. 8 agosto 2015 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi Disclaimer: tutte le informazioni e le opinioni contenute in questo documento rivestono

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income

Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura economica Gli effetti dell aumento della curva dei tassi nel mercato del fixed income Angelo Drusiani Banca Albertini Syz & C. SpA - Milano

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente

Gardoni Finanza Consulenza finanziaria indipendente Cosa ci dobbiamo aspettare dai mercati obbligazionari nel 2015? Intervista a Paul Read (Co-Head di Invesco Fixed Interest Henley Gestore di Invesco Euro Corporate Bond, Invesco Pan European High Income

Dettagli

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog

Asset allocation: settembre 2015. www.adviseonly.com www.adviseonly.com/blog Asset allocation: settembre 2015 /blog Come sono andati i mercati? Il rallentamento della Cina, la crisi in Grecia, il crollo delle materie prime e la moderata crescita dell economia americana hanno sollevato

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti:

L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: MARKET OUTLOOK 2016 Cosa ci lascia in eredità il 2015 L anno appena trascorso è stato caratterizzato da alcuni eventi rilevanti: - La fine della politica dei tassi zero in USA - L avvio del QE in Europa

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano)

Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia. Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Politica Monetaria, Politica Fiscale e prospettive per la crescita in Italia Marco Lossani (Università Cattolica di Milano) Scenario internazionale Economia globale sconta ancora l eredità della crisi

Dettagli

Azioni: la nuova opzione sicura

Azioni: la nuova opzione sicura 6 Azioni Update II/2014 Azioni: la nuova opzione sicura In un orizzonte d investimento di lungo periodo le azioni sono più sicure rispetto alle obbligazioni governative con rating elevati. Tutto dipende

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST JUNE 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZENITH OPTIMEDIA 2 10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale.

DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA. 2bis) Definire e confrontare i seguenti concetti: PIL, PIL pro-capite, PIL reale, PIL nominale. DOMANDE DI ESERCITAZIONE DI MACROECONOMIA PARTE I: I FONDAMENTI DELLA MACRO 1) Dopo aver spiegato la distinzione tra micro e macro economia, lo studente definisca e spieghi il concetto di Prodotto Interno

Dettagli

Economia italiana e settori industriali

Economia italiana e settori industriali OPEN DAY ATTIVITÀ INTERNAZIONALI ANIE Economia italiana e settori industriali Stefania Trenti Direzione Studi e Ricerche Milano, 16 dicembre 2015 Italia: il gap con l Eurozona si sta riducendo Su base

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 19. Crescita economica, produttività e tenore di vita. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 19 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa, la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve

L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve News sulla previdenza 1/2012 Swisscanto Fondazione collettiva L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve 2011: Un anno all insegna del consolidamento, dell estensione e dell innovazione 2 Cifre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

CAP 11 LA GRANDE CRISI

CAP 11 LA GRANDE CRISI CAP 11 LA GRANDE CRISI Alcuni richiami teorici Alla fine degli anni Venti si sviluppa nei paesi capitalistici occidentali una crisi di proporzioni mai viste rispetto alla quale esistono tre scuole di pensiero

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?!

Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! Previsioni ottimistiche, irrealistiche, fuorvianti Il caso italiano: ci sono o ci fanno?! (9 febbraio 2015) In queste settimane sono in corso di aggiornamento tutte le previsioni macroeconomiche delle

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it

Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica. Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Grande Depressione e Grande Recessione: una prospettiva storica Lezione 16_2 Mauro Rota mauro.rota@uniroma1.it Il Quadro attuale Anche prima della crisi le economie europee avevano bassi tassi di crescita

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ALIMENTARE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione L industria alimentare è piuttosto importante per l economia italiana; il valore aggiunto prodotto da questo settore rappresenta

Dettagli

L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve

L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve News sulla previdenza 1/2012 Swisscanto Supra L'esercizio commerciale 2011: L'essen ziale in breve 2011: Un anno all insegna del consolidamento 2 Cifre indicative 2011 3 Investimenti del patrimonio 4 Performance:

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il rischio debito affonda le Borse, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta corretta è una soltanto. FRANCOFORTE.

Dettagli

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari

L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari EURO 6 L euro e l integrazione dei mercati bancari e finanziari Giovanni Berneschi Dopo anni di attesa e di preparazione, a partire dal 1 gennaio 2002 l Euro ha preso il posto di dodici monete nazionali

Dettagli

La penultima spiaggia

La penultima spiaggia 6 Giugno 2014 La penultima spiaggia Come avevamo previsto lo scorso aprile (si veda Solo questione di tempo 4 aprile 2014), la BCE ha deciso di ricorrere ad una serie di misure sia convenzionali che di

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA:

MICROECONOMIA: MACROECONOMIA: MICROECONOMIA/MACROECONOMIA MICROECONOMIA: STUDIA IL COMPORTAMENTO DI SINGOLI SOGGETTI ECONOMICI (TEORIA DEL CONSUMATORE, TEORIA DELL IMPRESA), E IL FUNZIONAMENTO DI SINGOLE COMPONENTI (MERCATI) DEL SISTEMA

Dettagli

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO?

UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 478 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com UNA BOLLA SPECULATIVA SUI TITOLI DI STATO? 24 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Una bolla pronta a scoppiare? Le parole di un esperto

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap

Piccole imprese grandi opportunità. Small Cap Small Cap Piccole imprese grandi opportunità. A sei anni dall inizio della crisi finanziaria internazionale, l economia mondiale sembra recuperare, pur in presenza di previsioni di crescita moderata. In

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Dipartimento di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 13 Il Patto di Stabilità Per poter usare la moneta unica, occorreva la convergenza

Dettagli

Debito pubblico, perché no?

Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Debito pubblico, perché no? Paolo Palazzi Come un aumento generalizzato della spesa pubblica finanziata da un aumento del debito pubblico può farci uscire dall'intreccio letale

Dettagli

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds

Fondo Raiffeisen Strategie Fonds Relazione Semestrale al 30.06.2013 Fondo ADVAM Partners SGR S.p.A. Sede Legale: Via Turati 9, 20121 Milano Tel 02.620808 Telefax 02.874984 Capitale Sociale Euro 1.903.000 i.v. Codice Fiscale, Partita IVA

Dettagli

1 MESE IN 10 IMMAGINI

1 MESE IN 10 IMMAGINI 1 MESE IN 10 IMMAGINI Con 1 mese in 10 immagini SYZ Wealth Management presenta una panoramica mensile dell attività economica mondiale. Visto che un immagine può valere più di mille parole, selezioniamo

Dettagli

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti 11-1 Facoltà di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale Prof. Gianfranco Viesti Modulo 17 I regimi di cambio Hill, cap.11 (prima parte) C.W.L. Hill, International Business

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/03/201 Pagina 1 Questa

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Globalizzazione dell Economia e delle Relazioni Internazionali

Globalizzazione dell Economia e delle Relazioni Internazionali Conferenze di Economia Liceo Statale Margherita di Savoia Globalizzazione dell Economia e delle Relazioni Internazionali (dollari, euro, sterline, yuan e potere) Società Italiana degli Economisti Prof.

Dettagli

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016)

I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) I dati significativi del mercato assicurativo italiano nel contesto economico (dati aggiornati a febbraio 2016) Servizio Attuariato, Statistiche e Analisi Banche Dati ANIA Agenda Il contesto economico

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013

lo scenario internazionale lorena vincenzi Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 lo scenario Ozzano dell Emila 22 aprile 2013 internazionale lorena vincenzi riservatezza Questo documento è la base per una presentazione orale, senza la quale ha quindi limitata significatività e può

Dettagli

Facoltà di Economia Sapienza

Facoltà di Economia Sapienza Lezione 10 L integrazione monetaria Stefano Papa Università di Roma Sapienza stefano.papa@uniroma1.it Facoltà di Economia Sapienza Storia monetaria Storia monetaria Storia monetaria Sistema aureo (gold

Dettagli

Liberalizzazione del mercato dei capitali

Liberalizzazione del mercato dei capitali Liberalizzazione del mercato dei capitali euros euros Curve del prodotto marginale del capitale K Capital flow Esportazione di capitale r o r MPK* A MPK r r* o K o K*o * K o +K* o 1 Effetti di benessere

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive

Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive 17-04-2015 Numero 15-8 NOTA DAL CSC Gli USA battono l Eurozona con politiche di bilancio pubblico più espansive Il PIL USA nel 2014 ha superato del 10,1% il livello pre-crisi, quello dell Areaeuro è dello

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Alla ricerca del rendimento perduto

Alla ricerca del rendimento perduto Milano, 10 aprile 2012 Alla ricerca del rendimento perduto Dalle obbligazioni alle azioni. La ricerca del rendimento perduto passa attraverso un deciso cambio di passo nella composizione dei portafogli

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione ATTIVITÀ FINANZIARIE Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il settore dell intermediazione monetaria e finanziaria ha acquistato rilevanza nel corso degli ultimi vent anni:

Dettagli

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Aprile 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Aprile 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori

Ottobre 2015 www.sif.admin.ch. Piazza finanziaria svizzera Indicatori Ottobre 2015 www.sif.admin.ch Piazza finanziaria svizzera Indicatori 1 Importanza economica della piazza finanziaria svizzera Negli ultimi dieci anni, il contributo delle assicurazioni alla creazione di

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17

Introduzione 1. I Macroeconomia monetaria nazionale 17 Indice Indice delle tavole Indice delle figure Ringraziamenti Prefazione xiii xv xvii xix Introduzione 1 I Macroeconomia monetaria nazionale 17 1 La moneta flusso e la moneta stock 19 La moneta come forma

Dettagli

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012

Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 CASSA DI PREVIDENZA - FONDO PENSIONE PER I DIPENDENTI DELLA RAI E DELLE ALTRE SOCIETÀ DEL GRUPPO RAI - CRAIPI Report semestrale sulla Gestione Finanziaria al 30 Giugno 2012 SETTEMBRE 2012 Studio Olivieri

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 -

Analisi Settimanale 31.10.2015. sabato 31 ottobre 2015-1 - Analisi Settimanale 31.10.2015 sabato 31 ottobre 2015-1 - Le pagelle delle banche centrali In questa settimanale vogliamo fare un analisi delle banche centrali, alla luce del loro operato e dei loro target.

Dettagli

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva

MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Data Pubblicazione 04/06/2015 Sito Web www.impresamia.com MERCATI-Ambrosetti A.M. SIM: commento giugno 2015, stabile l esposizione azionaria complessiva Commento mensile di Giugno 2015 a firma di Alessandro

Dettagli

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA

LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA LA MONETA E L INFLAZIONE PARTE SECONDA 0 Inflazione e tassi di interesse Tasso di interesse nominale, i non tiene conto dell inflazione Tasso di interesse reale, r invece tiene conto dell inflazione: r

Dettagli

Il debito dei mercati emergenti Quali opportunità per gli investitori

Il debito dei mercati emergenti Quali opportunità per gli investitori Il debito dei mercati emergenti Quali opportunità per gli investitori La maggior parte dei rischi macro che si sono presentati negli ultimi tempi sono esogeni ai mercati emergenti. In particolare nelle

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita

Capitolo 13. Crescita economica, produttività e tenore di vita Capitolo 13 Crescita economica, produttività e tenore di vita Crescita economica prima di tutto Fino a 100 anni fa la ricchezza delle nazioni (anche di quelle più sviluppate) era assai modesta rispetto

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Sistemi monetari. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Sistemi monetari Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Sistema monetario Insieme di regole relative agli aspetti monetari di un sistema

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016

Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016 Trend e cicli economici nell'economia mondiale: le opportunità per il 2016 Professor Lucrezia Reichlin London Business School Mondohedge Roma 26 novembre 2015 Disclaimer Previsioni FMI 10 GDP, constant

Dettagli