INDIA. A cura di: Ambasciata d'italia - INDIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIA. A cura di: Ambasciata d'italia - INDIA. Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese dgsp1@esteri.it"

Transcript

1 A cura di: Ambasciata d'italia - Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Con la collaborazione di: Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane - ICE Camere di Commercio italiane all'estero

2 INDICE PERCHE' Perchè Dati generali Dove investire Cosa vendere OUTLOOK POLITICO Politica interna Relazioni internazionali OUTLOOK ECONOMICO Quadro macroeconomico Politica economica Indicatori macroeconomici Tasso di cambio Bilancia commerciale Saldi e riserve internazionali Investimenti - Stock Investimenti - Flussi Materie prime Barriere tariffarie e non tariffarie COMPETITIVITA' E BUSINESS ENVIRONMENT Indici di Global Competitiveness e Libertà Economica Indici di Apertura al commercio internazionale Fattori maggiormente problematici per fare business Business Cost Indice Doing Business ACCESSO AL CREDITO RISCHI Accesso al credito Rischi politici Rischi economici Rischi operativi RAPPORTI CON L'ITALIA Overview Scambi commerciali Investimenti con l'italia - Stock Investimenti con l'italia - Flussi Flussi turistici

3 PERCHE' PERCHÈ Sentiero di crescita potenziale Dimensione del mercato e crescita della domanda Disponibilita' e basso costo del fattore lavoro La disponibilita' di risorse qualificate e di ingegneri rendono l'india una destinazione privilegiata per l'apertura di centri di R&D Disponibilita' di materie prime Sentiero di crescita potenziale La creazione di un ambiente favorevole agli investitori, il rilancio dell'industria e dell'occupazione rientrano tra le priorita' del Governo a guida BJP insediatosi nel maggio La maggioranza assoluta dei seggi alla camera bassa garantisce al Premier Modi una capacità di governo più forte dei suoi predecessori. Da lui si attende un maggiore impegno in tema di liberalizzazioni, sulla scia del modello economico che ha fatto del Gujarat, di cui e' ex Chief Minister, lo stato più ricco dell'india. Dimensione del mercato e crescita della domanda Mentre nella maggior parte delle economie di storica industrializzazione la domanda e' ormai stagnante, i consumi indiani continuano a crescere, trainati dal sensibile dinamismo della "aspiring middle class", che si allarga di anno in anno ed il cui reddito medio e' in costante aumento (il reddito pro-capite disponibile e' raddoppiato tra il 2005 ed il 2011).Tale trend positivo di consumo trova vantaggio nel dividendo demografico, con quasi la meta' della popolazione (603 milioni di persone) al di sotto dei 25 anni di eta'. Disponibilita' e basso costo del fattore lavoro La disponibilita' di lavoro a costi competitivi rimane uno delle principali ragioni alla base degli investimenti in India nel settore manifatturiero. Grazie anche ad un tasso di alfabetizzazione del 74%, e' possibile reperire manodopera qualificata e che conosce la lingua inglese, motivo principale per cui in India si e' sviluppata una fiorente industria di outsourcing di servizi. La disponibilita' di risorse qualificate e di ingegneri rendono l'india una destinazione privilegiata per l'apertura di centri di R&D Nokia). L'India ha una solido e ben radicato sistema formativo, con oltre universita' ed istituti di formazione, con un focus sulle discipline scientifiche. Ogni hanno si laureano in India 2 milioni di ingegneri (mentre 2,5 milioni concludono gli studi post-laurea). Il numero di laureati nelle discipline tecniche e scientifiche e' raddoppiato negli ultimi 10 anni. La disponibilita' di risorse umane preparate in campo scientifico e tecnologico e' una delle ragioni per cui molte multinazionali decidono di aprire qui i propri certi di R&S (Chrysler-Fiat, Microsoft, GE, Disponibilita' di materie prime L'India e' ricca in risorse naturali, specialmente carbone, ferro e bauxite. E' il secondo produttore al mondo di cemento, il terzo di acciaio ed il primo di ferro ridotto (direct reduced iron). E' inoltre tra i maggiori produttori al mondo di pellame. Le riserve indiane di terre rare sono stimate in 3,1 milioni di tonnellate, ovvero pari a circa il 3% delle riserve mondiali, di cui l'india sta aumentando le capacita' estrattive. L'India ha inoltre disponibilita' di cotone e grande varieta' di tessuti, che ne fanno una destinazione privilegiata per l'outsourcing delle aziende di abbigliamento Ultimo aggiornamento: 04/08/2015 DATI GENERALI Forma di stato Repubblica Federale, 29 Stati e 7 Unioni territoriali Superficie Km. q. Lingua Hindi lingua nazionale, 14 lingue ufficiali, inglese seconda lingua Religione Hindu (80,5%), Musulmana (13,4%), Cristiana (2,3%), altre(3,8%) Moneta Rupia indiana Ultimo aggiornamento: 19/03/2014 1

4 DOVE INVESTIRE Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Costruzioni Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) Prodotti alimentari Mobili Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Gli investimenti stranieri nel settore automotive sono ammessi in India fino al 100% e sono stati prossimi o superiori al miliardo di dollari in ciascuno degli ultimi 4 anni fiscali. I dazi ancora relativamente alti, uniti al basso costo del lavoro, sono alla base degli ingenti investimenti produttivi in India da parte di tutte le case automobilistiche mondiali. Negli ultimi anni tutti i principali gruppi stranieri (Toyota, Ford, General Motors, Nissan-Renault, Volkswagen, Honda, Hyundai e Fiat) hanno avviato significative espansioni della loro capicita produttiva in India, in particolare nei segmenti delle automobili di piccola dimensione, che incidono per quasi i tre quarti della domanda interna. Nonstante un recente declino della domanda nazionale nell ultimo anno, dovuto anche alla politica della Banca Centrale Indiana che ha mantenuto relativamente alti i tassi di interesse in funzione anti-inflattiva, il tasso di penetrazione delle automobili e ancora talmente basso (poco piu dell 1% della popolazione) che le prospettive di crescita del mercato sono enormi. Inoltre, anche in virtu dei sempre piu numerosi accordi commerciali regionali e con i paesi limitrofi, l India si sta sempre piu' posizionando come un hub globale per la produzione dei mezzi di trasporto, con particolare attenzione al mercato asiatico (l export di veicoli dall India e aumentato del 25% negli ultimi 5 anni). Secondo un recente studio di Ernst&Young la produzione crescera a ritmi sostenuti fino al 2020 in tutti i segmenti: veicoli per passeggeri, veicoli commerciali, due e tre ruote, trattori. Il segmento automobili ha attualmente una dimensione di circa 2,6 milioni di veicoli commerciali all anno. I due ruote venduti annualmente sono invece piu di 13 milioni. Il settore della componentistica auto - in forte espansione tanto che si stima possa triplicare entro il 2020, raggiungendo un valore pari a circa il 3,5% del Pil nazionale entro il è caratterizzato da una vivace competizione tra aziende sempre piu conscie dell importanza dell aspetto qualità. Una vasta base produttiva a basso costo ed alta specializzazione ha attirato numerosi partner stranieri in questo settore, ma anche la produzione nazionale è ben sviluppata, con numerose aziende in grado di fornire prodotti di standard certificati. La produzione si estende su tutta la gamma di componenti richieste, cosi segmentata: 31% motori e loro parti, 19% trasmissioni, 12% sospensioni e freni, 9% parti elettriche, 10% equipaggiamenti. Il mercato della componentistica auto e in piena espansione: nell anno fiscale 2009/2010 esso ha raggiunto i 22 miliardi di dollari (dal 9 miliardi di dollari del 2004/5); secondo un rapporto Ernst&Young nel prossimo decennio esso potrebbe quintuplicare arrivando a 110 miliardi di dollari. (Red. Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Costruzioni L India sta compiendo un imponente sforzo di adeguamento infrastrutturale: nel quinquennio (12 piano quinquennale) il Governo indiano ha annunciato investimenti per 750 miliardi di Euro (circa mille miliardi di $, rispetto ai 500 miliardi di dollari dell 11 piano ed ai 220 miliardi di $ del 10 ). Il Governo punta a coinvolgere il più possibile il settore privato, ivi compresi investitori stranieri, nella grande opera di modernizzazione delle infrastrutture (autostrade, ferrovie, porti e aeroporti) secondo la formula delle Private-Public Partnerships e con operazioni BOT (Build - Operate - Transfer). Tra le opere in programma figurano: Strade e autostrade Il National Highways Development Programme (NHDP), affidato per la sua attuazione ad un agenzia ad hoc (la National Highway Authority of India - NHAI), ha l ambizioso obiettivo di costruire, ampliare o riabilitare km di autostrade, con un investimento stimato in 60 miliardi di $, ad un tasso di 20 km di strada al giorno, pari a circa 7300 km all anno. Tra i progetti piu significativi si segnala il cosidetto Quadrilatero d Oro, che dovrebbe collegare le metropoli di Delhi, Mumbai, Kolkata, Chennai e Bangalore con una strada ad alto scorrimento a sei corsie. Complessivamente tra il 2011 ed il 2016 il settore strade/autostrade dovrebbe mobilizzare circa 150 miliardi di $ di investimento. Ciononostante, sinora, i risultati in termini di progetti assegnati sono stati piuttosto deludenti, se confrontati agli obiettivi (nell'anno fiscale in corso sarebbero stati assegnati poco piu' di 700 km di autostrade, contro un target di dieci volte maggiore) Ferrovie. Sono previsti interventi tra cui l ammodernamento di 236 stazioni, la costruzione di nuovi terminal, lo sviluppo di una rete di alta velocità e la realizzazione di 25 mila km di ferrovie entro il 2020, per una spesa totale di oltre 70 miliardi di $ e 18 miliardi di in stanziamenti pubblici. Forte enfasi sul rinnovamento delle grandi stazioni ferroviarie. Aeroporti: la Airport Authority prevede la modernizzazione di 35 aeroporti non metropolitani e 15 nuovi aeroporti (greenfield airports). Un investimento complessivo di 57 milioni di e inoltre programmato per tre aeroporti del Nord Est. Porti: Nel quadro del National Maritime Development Program (NMDP) e prevista la realizzazione di 254 progetti miranti a potenziare le capacità portuali attraverso una maggiore dotazione di macchinari ed equipaggiamenti per la gestione dei cargo, delle connessioni 2

5 con le vie di trasporto terrestre e dell informatizzazione delle operazioni. Sviluppo Urbano: nel prossimo decennio da 40 a 60 miliardi di $ all anno dovranno essere mobilizzati per finanziare lo sviluppo urbano. Particolare attenzione viene posta ella costruzione di metropolitane in 8 tra i maggiori centri del Paese. L accesso alle commesse pubbliche nel settore infrastrutturale non e tuttavia sempre trasparente e garantito su un piano di parità, anche tenuto conto del fatto che l India non e tra i firmatari del General Procurement Acgreement (GPA) dell OMC. In aggiunta, la problematica della risoluzione delle controversie rimane importate, considerati i tempi lunghi e dell incertezza della tutela legale, nonche il fatto che l India non e parte dell ICSID (centro internazionale per la risoluzione delle controversie in materia di investimenti). Inoltre il criterio determinante nella selezione del vincitore della gara di appalto rimane quello del prezzo minimo, che premia enormemente i competitors locali e non tiene conto di altri fattori quali qualità, assistenza ecc. Ciò finisce per svantaggiare notevolmente le nostre imprese, che faticano ad aggiudicarsi commesse per grandi progetti infrastrutturali. Enormi sono gli spazi per l'industria dei materiali ed attrezzature da costruzioni, per i fornitori di servizi di progettazione, ecc. (Red. Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale). Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) Il settore energetico in India e stato quello che, a partire dal 2000, ha attratto maggiori volumi di investimenti diretti esteri. Gli IDE sono ammessi fino al 100%. Numerosi sono gli schemi e le politiche di incentivo che mirano a promuovere questo settore, nel tentativo di ridurre il deficit energetico del Paese. Il consumo pro-capite in India è ancora estremamente basso, pari a 13,2 KW al giorno, contro 234,6 KW giornalieri negli USA e 58,8 KW in Cina. La sola domanda di energia elettrica cresce annualmente dell 8%; al contempo il deficit del fabbisogno elettrico e stimato attorno al 10%-15%, con buona parte della popolazione rurale priva di accesso alla corrente elettrica e frequenti black out persino nella capitale. Con una capacità installata di circa 22 GW (su un totale di capacita elettrica del Paese pari a quasi 160 GW), ma un potenziale stimato in 88 GW entro il 2032, le energie rinnovabili sono la chiave per soddisfare i bisogni energetici attuali e futuri dell India. Gli investimenti da qui al 2030 sono stimati in 800 miliardi di dollari, affiancati da un articolato piano di incentivi fiscali e finanziari messo a punto dal Governo Indiano L eolico contribuisce per la fetta piu grande (circa 71%), seguono i piccoli impianti idroelettrici (15%), le biomasse (13%) e, con solamente lo 0,2%, il solare/fotovoltaico. Eppure proprio il solare e considerato il settore piu promettente e certamente quello su cui il governo indiano maggiormente insiste: l attuale capacita installata e di soli 38MW; nel 2010 il Governo indiano ha lanciato la "Jawaharlal Nehru National Solar Mission" con l'ambizioso obiettivo di raggiungere il target di 20 GW di energia solare entro il 2020 (a tal fine E&Y ha stimato necessari investimenti cumulativi superiori ai 50 miliardi di $, che il Governo indiano intende sostenere con un programma mirato di incentivi ed agevolazioni fiscali e doganali). L eolico si e sviluppato enormemente in India a partire dagli anni 90, soprattutto nella produzione di turbine, attirando colossi internazionali del settore specialmente negli Stati del Tamil Nadu (di gran lunga il più attivo), del Maharashtra e del Gujarat. Al marzo 2011 la capacita installata nel Paese era di MW, il che fa dell India il quinto maggiore produttore al mondo dopo USA, Germania, Cina e Spagna. Il potenziale tuttavia e stimato attorno ai 48GW, che potrebbero diventare GW in considerazione dei recenti sviluppi tecnologici. Si tratta dunque di un settore sufficientemente maturo in India, che gode gia della fiducia del sistema bancario e riesce ad attirare buoni finanziamenti. Anche nel settore delle biomasse le potenzialita sono enormi: la capacita installata non raggiunge i 2 GW, mentre il potenziale sarebbe di quasi 20 GW. In India non esistono, invece, centrali geotermiche, tuttavia sarebbero state identificate piu di 300 sorgenti, pari a una capacita stimata in oltre 10 GW. Nel 2010 l India si e posizionata all ottavo posto al mondo per investimenti nel settore delle energie rinnovabili, per un valore che dovrebbe superare i 15 miliardi di dollari nel corso dell undicesimo piano quinquennale ( ). Ernst & Young ha elaborato un indice di attrattivita degli investimenti nelle rinnovabili, sulla base del quale l India si aggiudicherebbe complessivamente la terza posizione, dopo Cina ed Usa (l Italia figura in quinta posizione, subito dopo la Germania), ma sarebbe seconda nel solare e quinta nell eolico. (Red. Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Prodotti alimentari Il settore agricolo indiano e' uno dei piu' grandi al mondo in termini di produzione e consumo: l'india e' il secondo produttore di frutta e verdura al mondo e la sua produzione agricola costuituisce l'8% di quella mondiale. L'agricoltura contribuisce al PIL indiano solo per il 16% (pur impiegando oltre la meta' della forza lavoro indiana). Le opportunita' sono considerevoli sia nel settore dei macchinari agricoli (forte apprezzamento dei marchi italiani che ben rispondono alla domanda locale di attrezzature di piccole dimensioni e adattabilita' alle necessita' locali) che in quello dei processi di conservazione e trasformazione agro-alimentare. Circa il 40% della produzione agricola indiana deperisce prima di arrivare al consumatore, proprio a causa delle mancanze ed inefficienze nella supply chain, nelle tecnologie di conservazione (la catena del freddo e' praticamente inesistente) e trasformazione alimentare. 3

6 Nel settore del food processing gli Investimenti Diretti Esteri sono ammessi al 100% con approvazione automatica. Il Governo indiano sta inoltre cercando di sviluppare un progetto di Food Mega Parks, zone speciali caratterizzate da incentivi ed agevolazioni amministrative, per attirare investitori stranieri. (Red. Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Mobili Il settore dell'arredo e design e' particolarmente promettente in India alla luce del grande sviluppo dell'edizlizia residenziale e del segmento ospitalita'. Studi sulle abitudini del consumatore indiano, sempre piu' attento a tendenze di carattere internazionale, confermabno l'elevato potenziale del settore. Le importazioni italiane di prodotti d'arredo sono in crescita costante (oltre il 30% negli ultimi anni) ed i prodotti del Made in Italy sono generalmente apprezzati per ricchezza di materiali usati, alto contenuto di design, qualita' ed attenzione al dettaglio. Si puo' certamente parlare di un "pregiudizio positivo" nei confronti dei prodotti italiani in questo settore. Numerose case di design del segmento arredo (mobili, ma anche lampade ecomplementi luce, bagni, cucine, complementi d'arredo) sono ngeli ultimi anni entrati nel mercato indiano, aprendo in alcuni casi showroom esclusivi, direttamente o in Joint Venture con partners locali. Fondamentale per la penetrazine del mercato indiano in questo settore sono i contatti con i costruttori ed ancora piu' con gli architetti, che rappresentano la leva chiave per avere successo in un contesto dove il consumatore finale va ancora educato allo stile occidentale e alla qualita' (Red. Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Ultimo aggiornamento: 21/02/2014 4

7 COSA VENDERE Macchinari e apparecchiature Mobili Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi Prodotti della metallurgia Macchinari e apparecchiature L India importa gia tra il 65% ed il 75% del suo fabbisogno di macchinari. Anche il contenuto di componenti importate nelle limitate ma crescenti filiere indiane della meccanica si e espanso nel tempo ed equivale oggi al 30/40% dei macchinari made in India. Secondo le previsioni del 12 Piano Quinquennale ( ), il settore manifatturiero dovrebbe crescere ad un tasso annuo del 14% fino a ragguagliarsi, nel 2025, al 25% del PIL nazionale, divenendo il nuovo motore della economia indiana. Perche tale transizione dell apparato produttivo indiano possa compiersi, le dotazioni di macchinari del paese dovrebbero espandersi ad un ritmo del 17-19%: cio dovrebbe tradursi in una crescita media annua del 20% delle importazioni (per un totale di oltre 32 miliardi di Euro) ed in un incremento del contenuto di input importati fino all 85% delle produzioni domestiche. In altre parole, sia che l India continui a ricorrere alle importazioni per soddisfare le sue esigenze produttive, sia che essa riesca nel tempo a svincolarsi da tale dipendenza, compiendo un percorso analogo a quello della Cina, questo paese appare destinato ad essere uno dei principali acquirenti di tecnologie produttive su scala globale. L FTA India- UE dovrebbe ampliare le opportunita derivanti da tali tendenze per l industria dei macchinari europea. I macchinari rappresentano gia oltre il 40% del nostro export verso l India ed il nostro paese, terzo esportatore mondiale di macchine utensili con una quota del 10% del mercato globale, intercetta circa il 5.5% della domanda di importazioni articolata dal Subcontinente in questo settore. Anticipando le prossime fasi di quella che si preannuncia come una mirabolante crescita di importanza dell economia indiana negli scenari della globalizzazione, si evince pertanto come tale crescita, incentrata sullo sviluppo dell industria manifatturiera, tendera naturalmente a premiare un ambito centrale di specializzazione settoriale del sistema produttivo italiano quale quello dei macchinari, verso il quale sia la Corporate India che l influente settore pubblico indiano esprimono peraltro un apprezzamento gia elevato e tangibile. (Red: Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Mobili Il settore dell'arredo e' particolarmente promettente in India alla luce del grande sviluppo dell'edizlizia residenziale e del segmento ospitalita'. Studi sulle abitudini del consumatore indiano, sempre piu' attento a tendenze di carattere internazionale, confermando l'elevato potenziale del settore. Le importazioni italiane di prodotti d'arredo sono in crescita costante (oltre il 30% negli ultimi anni) ed i prodotti del Made in Italy sono generalmente apprezzati per ricchezza di materiali usati, alto contenuto di design, qualita' ed attenzione al dettaglio. Si puo' certamente parlare di un "pregiudizio positivo" nei confronti dei prodotti italiani in questo settore. Numerose case di design del segmento arredo (mobili, ma anche lampade ecomplementi luce, bagni, cucine, complementi d'arredo) sono ngeli ultimi anni entrati nel mercato indiano, aprendo spesso showroom esclusivi in Joint Venture con partners locali. (Red: Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) Le potenzialità che l'india offre nel segmento dei prodotti di alta gamma sono estremamente significative, in particolare per quanto riguarda abbigliamento, accessori, gioielleria ed arredo, caratterizzati da un elevato contenuto in termini di design. L India rappresenta oggi appena l 1% del mercato del lusso mondiale, corrispondente a stime vicine ai 5 miliardi di dollari, tuttavia le proiezioni di crescita di questo segmento di mercato sono qui estremamente positive, pari ad oltre il 20% all anno. Secondo uno studio commissionato dalla Confederazione dell Industria Indiana tale mercato sfiorerà i 15 miliardi di dollari nel Quasi il 50% delle vendite del segmento lusso sono concentrate nell area di Delhi, mentre il 30% circa in quella di Mumbai. Tuttavia stanno gradualmente emergendo nuove piazze, quali Bangalore, Chennai, Hyderabad e Pune. La popolazione nella fascia alta del reddito con una ricchezza sopra il milione di dollari e stimata in circa individui, che tuttavia si espandono a ritmi ben superiori rispetto a quelli cui siamo abituati in Europa. In generale, l India oscilla tra il dodicesimo e il quattordicesimo posto per numero di milionari, quarto Paese in Asia dopo Giappone, Cina ed Australia. Salendo ulterioremente nella scala del benessere, la rivista Forbes ha inserito 48 miliardari indiani nella classifica 2012 degli uomini piu ricchi del mondo. Allo stesso tempo la classe media cresce ad un ritmo sostenuto e, secondo un rapporto del National Council for Applied Economic Research, noto think tank indiano, entro il le famiglie classificabili nella fascia di reddito media saranno oltre 53 milioni, corrispondenti a circa 300 milioni di individui. Se a cio si aggiunge uno stile di vita e preferenze di consumo che gradualmente si stanno avvicinando a quelle occidentali, e facile comprendere quali siano le potenzialita di questo mercato per il lusso Made in Italy. Inoltre, poiche il consumatore e indiano e ancora relativamente nuovo a questo segmento, l italianità del prodotto gioca un ruolo particolarmente importante, dal momento che il nostro Paese e ancora automaticamente associato, nell immaginario del consumatore indiano, a tutto ciò che e stile, design, qualità. 5

8 Tale scenario apparentemente assai positivo non spiega, e sembra anzi contrastare, con la realtà di una proiezione in India dei marchi del lusso, italiani ma non solo, ancora estremamente ridotta, limitata a pochi flagship shops nelle principali metropoli del Subcontinente, che non regge il confronto con la presenza massiccia e capillare dei brand di alta gamma in Cina. Le ragioni vanno ricercante nelle difficili condizioni di policy che le aziende del lusso si trovano ad affrontare in India: dazi elevati, nell ordine del 30-40%; carenze infrastrutturali che si traducono in pochi spazi commerciali adeguati, con costi di affitto esorbitanti; limitazioni agli investimenti esteri particolarmente gravose (nonostante la nuova normativa sul retail mono-marca abbia finalmente permesso ai marchi stranieri di acquisire il controllo esclusivo delle reti di vendita in India, si impone agli stessi di ricorrere a forniture locali per il 30% dei beni impiegati nei nuovi punti di distribuzione, una condizione impraticabile per i prodotti del lusso Made in Italy ). Proprio per le ragioni di cui sopra l'ambasciata, insieme agli altri attori del Sistema Italia in India ed in stretta collaborazione con Altagamma, ha avviato un azione di coscientizzazione e di lobby nei confronti delle autorità indiane, per spronarle ad un miglioramento di tali condizioni, mettendo in particolare in luce il significativo apporto in termini di investimenti, opportunità occupazionali, trasferimento di formazione e conoscenze che la nostra industria del lusso e del design può dare all economia indiana, in presenza di una maggiore apertura. (Red: Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi l'india e' il quinto mercato automobilistico al mondo, con una domanda ad una competizione vivace in particolare nei segmenti delle automobili di piccola dimensione, che incidono per quasi i tre quarti della domanda interna. Nonstante un recente declino della domanda nazionale nell ultimo anno, dovuto anche alla politica della Banca Centrale Indiana che ha mantenuto relativamente alti i tassi di interesse in funzione anti-inflattiva, il tasso di penetrazione delle automobili e ancora talmente basso (poco piu dell 1% della popolazione) che le prospettive di crescita del mercato sono enormi. Comincia a crescere anche il segmento SUV ed auto di lusso: marchi come Ferrari, Maserati, Porsche, Bentley e Lamborghini hanno negli ultimi anni aperto show room esclusivi nelle principali metropoli del Paese. Il settore della componentistica auto - in forte espansione tanto che si stima possa triplicare entro il 2020, raggiungendo un valore pari a circa il 3,5% del Pil nazionale entro il offre una frontiera particolarmente promettente per l'esportazione di componenti di qualita'. (Red: Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Prodotti della metallurgia Guardando alla composizione merceologica del nostro export verso l'india, metalli e prodotti in metallo rappresentano tradizionalmente la nostra seconda voce di esportazione, con una quota attorno al 13% ( dopo i macchinari, prima voce, con una quota superiore al 40%). L'India e' il quinto produttore di acciaio al mondo ed il primo di ferro ridotto (direct reduced iron). I metalli e prodotti in metalli sono del resto anche la seconda voce di importazione dall'india (con una quota prossima al 12%). Le complementarieta' e le opportunita' per accrescere il flusso commerciale bidirezionale in questo segmento sono pertanto significative. (Red: Ambasciata d'italia, Ufficio Commerciale) Ultimo aggiornamento: 27/02/2013 6

9 OUTLOOK POLITICO POLITICA INTERNA L India e uno Stato federale formato da 29 Stati e 7 territori, con Parlamenti e Governi locali. La Costituzione del 1950 definisce il Paese come una Repubblica sovrana, socialista, laica e democratica, con un Parlamento bicamerale e tripartizione dei poteri. Il Capo dello Stato ha compiti di rappresentanza, mentre il potere esecutivo è esercitato dal Governo, guidato dal Primo Ministro. Dopo due mandati al Governo del Primo ministro Singh, proveniente dalla fila del Partito del Congresso, le elezioni del 2014 hanno aperto una nuova fase politica in India, conferendo un ampia maggioranza alla Camera Bassa al Partito BJP (mentre alla Camera Alta, espressione degli Stati, il BJP e ancora in minoranza). Nel giugno 2014 si e quindi insediato un Esecutivo guidato dal Primo Ministro Narendra Modi, gia Chief Minister dello Stato del Gujarat, che e sostenuto da una colazioni di partiti nazionali e locali denominata NDA. Il Governo Modi ha dato priorita ad un agenda di riforme e investimenti infrastrutturali, con l obiettivo di rilanciare la crescita economica ed attirare maggiori investimenti esteri, suscettibili di accrescere la capacita manifatturiera del Paese. In questa prospettiva, l Esecutivo ha lanciato una campagna per favorire lo sviluppo industriale denominata Make in India. Nel corso del 2014 e 2015 si sono tenute una serie di elezioni locali che hanno confermato la fase positiva per il Partito BJP, rafforzando l impressione di solidita del Governo, e la flessione del Partito del Congresso. In occasione delle elezioni nella municipalita di Delhi, a febbraio 2015, si e registrata invece l ampia vittoria del Partito emergente AAP. Ultimo aggiornamento: 02/04/2015 RELAZIONI INTERNAZIONALI Tradizionalmente, a partire dall indipendenza, l India ha incentrato la sua politica estera sul Movimento dei Non Allineati e su una forte relazione con l Unione Sovietica. Dal 1991 e iniziata una fase di apertura dell economia e di maggiore vicinanza ai Paesi occidentali, nonche un accentuata attenzione ai paesi dell Est asiatico. Sul piano multilaterale, l India e membro del G20 e delle organizzazioni ASEM, BRICS e IBSA. Aspira inoltre apertamente ad un seggio permanente nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Sin dall inizio del suo mandato, nel 2014, il Primo Ministro Modi ha dato alla politica estera indiana una maggiore connotazione economica, rafforzando le iniziative per favorire l attrazione degli investimenti esteri, sia da parte dei paesi asiatici (a partire da Giappone e Cina), che da altri partner (come tradizionalmente la Russia ma anche Canada, Australia e Paesi europei). A questa componente, si affianca una politica di forte attenzione alle dinamiche regionali (compreso nel quadro dell organizzazione SAARC) e all approfondimento delle relazioni con i Paesi vicini, alcune delle quali restano complesse. Il Primo Ministro Modi ha dato inoltre un forte personale impulso ai rapporti con gli Stati Uniti. Dal 2004, esiste inoltre una partnership strategica tra l India e l Unione Europea. In questo contesto, sono in corso i negoziati per la conclusione di un possibile Trattato di Libero Commercio (FTA). Ultimo aggiornamento: 02/04/2015 7

10 OUTLOOK ECONOMICO QUADRO MACROECONOMICO Nel 2014, l'economia indiana e' entrata in una fase di transizione che dovrebbe,nelle intenzioni del Governo, riportare al ritmo di crescita pre-crisi. Il Primo Ministro Modi si propone di affrontare in toto i problemi strutturali dell'economia: debolezza degli investimenti, infrastrutture carenti, tassazione distorsiva, inadeguate leggi del lavoro, burocrazia inefficiente e penuria di personale qualificato. L'annunciato rilassamento dei criteri relativi agli investimenti esteri (IDE) e stato accolto con interesse dagli osservatori internazionali. Il clima di fiducia connesso all'avvio di tali riforme e al processo di rinnovamento dell'azione della Reserve Bank of India (RBI) fa ritenere che la crescita del PIL possa attestarsi attorno al 5,4% nell'anno fiscale (marzo-aprile) e al 6,4% nel Secondo statistiche preliminari, nel 2014 sarebbe stato il settore servizi (finanziari, immobiliari e di supporto al business) a trainare la crescita, mentre l'attivita' industriale sarebbe cresciuta solo dell'1%, scontando le carenze infrastrutturali e una tassazione inefficiente. Nell'ultimo quinquennio il governo ha varato diverse iniziative per il rilancio del settore produttivo. Dalla "National Manufactoring Policy" del 2011, che si proponeva di portare al 25% la quota del manifatturiero sul PIL entro il 2022 creando 100 milioni di nuovi posti di lavoro, si e' passati alla recente iniziativa "Make in India", incentrata sullo sviluppo infrastrutturale e sulla formazione delle risorse umane. A febbraio 2015 verra' discussa in Parlamento una proposta legislativa per l'introduzione, a partire dall'aprile 2016, di un'unica "good and service tax" (GST) nazionale sul valore aggiunto che rilancerebbe la competitivita' dell'industria, penalizzata dai numerosi dazi in essere tra uno Stato e l'altro dell'unione. A fine anno, i mercati finanziari e valutari hanno risentito solo debolmente della volatilita' connessa alle attese di rialzo dei tassi d'interesse negli USA e alla crisi russa. Infatti, contrariamente alla fase di tensioni dell'estate 2013, da inizio anno la valuta indiana ha perso solamente il 2,5% nei confronti del dollaro USA (anche grazie a interventi discrezionali sul mercato forex da parte della RBI), a differenza di valute di altri Paesi emergenti, come Russia, Brasile e Turchia. Sulla scia delle turbolenze sui mercati russi e di timori di un ulteriore rallentamento della crescita globale, l'indice azionario Sensex ha ceduto il 7% nella prima meta' di dicembre, rimanendo ampiamente superiore ai livelli di inizio anno; nel primi tre trimestri 2014, i mercati indiani hanno registrato afflussi netti di portafoglio (azioni e obbligazioni) per circa 32 miliardi di dollari, in netto aumento rispetto al Nel 2014, l'indice Sensex e' salito del 30%, risultando top performer tra i maggiori Paesi emergenti. Per il 2015, i principali analisti privati continuano a raccomandare acquisti nel comparto azionario, favoriti da attese di consolidamento della crescita indiana e di rafforzamento della rupia. Alla luce della recente dinamica dei prezzi si attendono limitate riduzioni dei tassi d'interesse di riferimento (attualmente all'8%) nella prima meta' del Grazie alla caduta delle quotazioni energetiche sui mercati internazionali (l'india importa l'80% del fabbisogno annuale con esborso pari a circa il 6% del PIL) e al rallentamento dei prezzi alimentari, a novembre 2014 l'inflazione al consumo e' scesa al 4,4% (sui 12 mesi), dall'11,2% nello stesso periodo del 2014, ben sotto gli obiettivi fissati dalle stesse autorita' monetarie per il 2015 e Nel complesso, nel 2015 il proseguimento degli sforzi congiunti per il consolidamento fiscale e la riforma della governance, insieme alla prudenza monetaria della RBI e alla progressiva convergenza verso i nuovi obiettivi di vigilanza per il settore bancario dovrebbero garantire il complesso equilibrio su cui il governo basa il rilancio dell economia. (red: Addetto Finanziario e Ufficio Commerciale, Ambasciata d Italia) Ultimo aggiornamento: 05/02/2015 POLITICA ECONOMICA Nel giugno 2015, per la terza volta da inizio anno, la Reserve Bank of India (RBI) ha ridotto di 25 punti base (pb) il tasso di interesse di riferimento per il sistema bancario, portandolo al 7,25%. Ad oggi, il tasso base sui prestiti privati praticato dalle banche commerciali indiane continua a collocarsi tra il 9,5 e il 10%. Il settore bancario e' infatti afflitto da rilevanti sofferenze nel portafoglio dei prestiti che ne hanno negativamente influenzato la qualita' dell'attivo e la profittabilita': la riduzione del costo di provvista sarebbe quindi servita agli istituti commerciali per beneficiare di un differenziale positivo sui collocamenti piu' congruo, attirando al contempo depositi da parte dei risparmiatori. Le decisioni che riguardano la dinamica dei tassi di interesse fanno comunque emergere forti divergenze anche tra le stesse autorita' monetarie, con un ruolo sempre piu' indipendente del Governatore: la maggioranza del comitato tecnico che supporta le scelte di politica monetaria si sarebbe infatti espressa piu' volte per misure espansive piu' consistenti, scontrandosi tuttavia con l'approccio piu' cautoimposto da Raghuram Rajan. Nel piu' ampio quadro della conduzione della politica monetaria del Paese, il 20 febbraio scorso, la Banca centrale e il Ministero delle Finanze hanno sottoscritto un accordo, 8

11 i cui punti dovranno essere inseriti come emendamenti allo Statuto della Banca centrale. Tale accordo, per alcuni osservatori di portata storica, e' di grande rilevanza rilevante per tre motivi: 1) alla politica monetaria sara' ora attribuita formalmente la priorita' di garantire la stabilita' dei prezzi, pur tenendo in considerazione gli obiettivi di crescita, 2) il Governo riconosce la competenza esclusiva in materia alla Banca centrale, rinunciando ad avere un'influenza diretta sulla politica monetaria "per finalita' di pubblica utilita'", come sino ad ora consentito e 3) e' introdotto un regime di targeting dell'inflazione al consumo, con obiettivo esplicito tra il 2 e il 6% da conseguirsi nell'anno fiscale La fissazione di un obiettivo esplicito, numericamente definito come nelle best practices internazionali, e' peraltro elemento di estrema rilevanza per legare le aspettative del settore privato, specie in un Paese con una recente storia di inflazione elevata come l'india. Il targeting e' da considerarsi "flessibile" dato che saranno tollerate deviazioni dell'inflazione rispetto all'obiettivo stabilito per un periodo massimo di tre trimestri consecutivi. Con l'accordo in parola, l'india si allinea cosi' alle maggiori economie occidentali, adottando un sistema che, sia pure limitando fortemente le possibilita' di intervento diretto del Governo, rafforza quegli elementi a presidio della stabilita' macroeconomica, che la rendono cosi' piu' competitiva sui mercati internazionali e ne rafforza la credibilita' di fornte ad analisti e policy makers. I dati macroeconomici pubblicati nel corso delle ultime settimane evidenzierebbero ancora incertezze sullo stato effettivo dell'economia reale: a fronte di una crescita della produzione industriale in aprile piu' alta delle attese (al 4,1% sui 12 mesi, da 2,5) e di una risalita dell'indice PMI manifatturiero in maggio a 52,6 (ampiamente sopra la soglia di espansione economica fissata a 50), le esportazioni del Paese continuano a flettere (-20% sui 12 mesi in maggio), registrando il sesto calo consecutivo. L'attivita' economica continuerebbe ad essere trainata dai consumi interni, mentre la debole domanda globale non starebbe dando supporto al saldo commerciale. Anche per queste ragioni, le autorita' monetarie attenderanno plausibilmente nuovi dati al fine di conoscere se i segnali positivi arrivati recentemente si tradurranno in un ritmo di espansione sostenibile. (Red: Ambasciata d'italia, Addetto finanziario della Banca d'italia -Ufficio Commerciale) Ultimo aggiornamento: 08/07/2015 9

12 INDICATORI MACROECONOMICI PIL Nominale (mln ) Variazione del PIL reale (%) 6,7 4,5 6,9 7,3 7,5 7,7 Popolazione (mln) , ,8 1, ,9 PIL pro-capite a parita di potere d'acquisto ( $) ,74 Disoccupazione (%) 3,6 6,8 8,9 8,7 8,6 Debito pubblico (% PIL) ,1 51,3 51,4 47,9 Inflazione (%) 8,9 9,3 10 7,2 6,2 Variazione del volume delle importazioni di beni e servizi (%) 30,3 32-3,7 9,58 11,1 6,86 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU e IMF. Ultimo aggiornamento: 04/08/2015 TASSO DI CAMBIO Controlla il cambio giornaliero sul sito di Banca d'italia 10

13 BILANCIA COMMERCIALE EXPORT Export Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale ,84 mln ,9 mln. nd mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) USA ,33 nd nd nd nd EMIRATI ARABI UNITI ,33 nd nd nd nd CINA ,37 nd nd nd nd Italia Position: ,39 Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Merci (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura ,34 Prodotti delle miniere e delle cave 4.932,75 Prodotti alimentari ,2 Bevande 159,03 Tabacco 181,88 Prodotti tessili ,37 Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) ,27 Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 3.247,51 Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 219,39 Carta e prodotti in carta 752,1 Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati 15,3 Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,39 Prodotti chimici ,84 Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 8.963,34 Articoli in gomma e materie plastiche 4.031,19 Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 1.877,89 Prodotti della metallurgia ,29 Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 5.285,06 Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi 5.902,72 Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche 3.961,37 Macchinari e apparecchiature 8.611,97 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 7.354,75 Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 6.166,43 Mobili 463,21 Prodotti delle altre industrie manufatturiere ,05 Altri prodotti e attività 3.233,94 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU per la parte previsionale e OnuComtrade elaborati dall'agenzia ICE, per i dati settoriali e i totali, nonché per i dati relativi ai principali partner. 11

14 IMPORT Import Previsioni di crescita 2015 Previsioni di crescita 2016 Totale ,27 mln ,1 mln. nd mln. nd % nd % PRINCIPALI FORNITORI 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) CINA ,54 nd nd nd nd EMIRATI ARABI UNITI ,46 nd nd nd nd ARABIA SAUDITA ,2 nd nd nd nd Italia Posizione: ,96 Italia Posizione: nd nd Italia Posizione: nd nd Merci (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura 6.718,61 Prodotti delle miniere e delle cave ,3 Prodotti alimentari 9.930,74 Bevande 237,41 Tabacco 19,68 Prodotti tessili 2.531,53 Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 347,2 Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili 774,17 Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio 496,27 Carta e prodotti in carta 2.343,74 Prodotti della stampa e della riproduzione di supporti registrati 30,99 Coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio ,35 Prodotti chimici ,74 Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 2.853,56 Articoli in gomma e materie plastiche 2.730,78 Altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 1.909,66 Prodotti della metallurgia ,02 Prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 3.769,45 Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi ,88 Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche 7.262,64 Macchinari e apparecchiature ,09 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 4.635,53 Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 7.111,74 Mobili 483,92 Prodotti delle altre industrie manufatturiere ,27 Altri prodotti e attività ,99 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU per la parte previsionale e OnuComtrade elaborati dall'agenzia ICE, per i dati settoriali e i totali, nonché per i dati relativi ai principali partner. OSSERVAZIONI 12

15 SALDI E RISERVE INTERNAZIONALI Saldo commerciale (Exp. - Imp.) (mln. ) Saldo dei Servizi (mln. ) ,4 Saldo dei Redditi (mln. ) ,8 Saldo dei Trasferimenti correnti (mln. ) ,7 Saldo delle partite correnti (mln. ) , ,8 Riserve internazionali (mln. ) , ,5 Fonte: Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati EIU. Ultimo aggiornamento: 04/08/

16 INVESTIMENTI - STOCK STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI DEL PAESE: (OUTWARD) Stock di investimenti diretti esteri del paese: (Outward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 5,7 % % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) ,51 mln. mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) SINGAPORE ,25 MAURITIUS 8.312,02 PAESI BASSI 4.698,41 Italia Position:nd 236 Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Settori (mln. ) Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura 3.548,95 Manufatturiero ,17 Costruzioni 1.048,88 Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli 3.728,56 Trasporto e magazzinaggio 2.047,47 Attività finanziarie e assicurative ,55 Sanità e assistenza sociale 1.041,7 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD, Eurostat, EIU, Ministry of Commerce and Industry - Government of India, Reserve Bank of India NB: principali paesi destinazione e settori (outward) dati anni finanziari e ; principali investitori in India dati cumulati gennaio 2000-dicembre 2010 e gennaio 2000-dicembre

17 STOCK DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI NEL PAESE: (INWARD) Stock di investimenti diretti esteri nel paese: (Inward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 12,5 % % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) ,86 mln. mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI INVESTITORI MAURITIUS ,45 SINGAPORE ,41 GIAPPONE 8.699,86 Italia Position: ,66 Settori (mln. ) Prodotti delle miniere e delle cave 671,53 Prodotti alimentari, bevande e tabacco 990,21 Prodotti tessili e abbigliamento 755,35 Legno e prodotti in legno e sugheri (esclusi i mobili); articoli in paglia e materiali da intreccio; carta e prodotti in carta; stampa e riproduzione 572,06 Chimica e prodotti chimici 2.308,45 Prodotti farmaceutici di base e preparati farmaceutici 6.606,9 Gomma, plastica e prodotti in queste materie 312,35 Prodotti della metallurgia e prodotti in metallo, esclusi macchinari e attrezzature 4.139,03 Computer e prodotti di elettronica e ottica; apparecchi elettromedicali, apparecchi di misurazione e orologi 7.900,46 Macchinari e apparecchiature 1.466,12 Autoveicoli, rimorchi e semirimorchi 4.742,32 Altri mezzi di trasporto (navi e imbarcazioni, locomotive e materiale rotabile, aeromobili e veicoli spaziali, mezzi militari) 167,71 Altre industrie manufatturiere 5.584,4 Costruzioni 7.355,94 Servizi ,94 Servizi di informazione e comunicazione ,65 Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili) 6.071,26 Commercio all'ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli 2.246,07 Trasporto e magazzinaggio 1.100,27 Servizi di alloggio e ristorazione 2.295,83 Attività immobiliari 7.854,05 Istruzione 335 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD, Eurostat, EIU, Ministry of Commerce and Industry - Government of India, Reserve Bank of India NB: principali paesi destinazione e settori (outward) dati anni finanziari e ; principali investitori in India dati cumulati gennaio 2000-dicembre 2010 e gennaio 2000-dicembre 2011 OSSERVAZIONI 15

18 INVESTIMENTI - FLUSSI FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN USCITA DAL PAESE: (OUTWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in uscita dal paese: (Outward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) -0,7 % % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) ,01 mln. mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI DESTINATARI 2011 (mln. ) 2012 (mln. ) 2013 (mln. ) 2014 (mln. ) MAURITIUS 1,63 SINGAPORE 1,34 USA 0,63 Italia Position:nd 66 Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Italia Position:nd nd Settori (mln. )) Manufatturiero 1 Attività finanziarie e assicurative 1,82 Elaborazioni Ambasciata d'italia su dati UNCTAD, Eurostat, EIU, Ministry of Commerce and Industry - Government of India, International Trade Center, Reserve Bank of India NB: investimenti in uscita principali destinatari e settori dati anno fiscale apr-marzo e aprfebr

19 FLUSSI DI INVESTIMENTI DIRETTI ESTERI IN INGRESSO NEL PAESE: (INWARD) Flussi di investimenti diretti esteri in ingresso nel paese: (Inward) Previsioni 2015 Previsioni 2016 Totale (% PIL) 1,8 % % % % nd % nd % Totale (mln e var. %) ,77 mln. mln. mln. mln. nd % nd % PRINCIPALI INVESTITORI MAURITIUS 6.814,25 SINGAPORE 3.056,91 GIAPPONE 2.197,13 Italia Position:14 96,3 OSSERVAZIONI 17

20 MATERIE PRIME MATERIE PRIME Materia Unità Carbone milioni short tons 611,72 639, gas naturale miliardi piedi cubi petrolio migliaia barili/giorno 911,7 934,

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan

Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Veneto. Interscambio commerciale con il Kazakhstan Gian Angelo Bellati Segretario Generale Unioncamere Veneto Inaugurazione Consolato Onorario della Repubblica del Kazakhstan 29 gennaio 2013 Venezia www.unioncamereveneto.it

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

IMPORTARE IN AUSTRALIA

IMPORTARE IN AUSTRALIA IMPORTARE IN AUSTRALIA Superficie Popolazione Densità di Popolaz. Lingua Ufficiale Religione Unità Monetaria Forma Istituzionale Capitale 7,617,930 kmq 23,530,708 (luglio 2014)) 2.9 ab/kmq Inglese Cristiani

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO

ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO AMBASCIATA D ITALIA BERLINO ITALIA E GERMANIA DATI ECONOMICI A CONFRONTO PRINCIPALI DATI MACROECONOMICI (Fonti: Istat, Destatis, Ministero federale delle Finanze, Ministero Economia e Finanze, Ministero

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari

INTERSCAMBIO USA - Mondo gennaio - marzo Valori in milioni di dollari. INTERSCAMBIO USA - Unione Europea gennaio - marzo Valori in milioni di dollari INTERSCAMBIO USA - Mondo 2011 2012 Var. IMPORT USA dal Mondo 508.850 552.432 8,56% EXPORT USA verso il Mondo 351.109 381.471 8,65% Saldo Commerciale - 157.741-170.961 INTERSCAMBIO USA - Unione Europea

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y QATAR DISCIPLINA IMPORT EXPORT IN QATAR di Avv. Francesco Misuraca Regole dell import-export in Qatar Licenza d importazione, iscrizione nel Registro Importatori, altre regole La legge doganale del Qatar,

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI

Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Nota 5 PREZZI E IMPORT DI COMMODITIES ENERGETICHE E METALLI Roberta Mosca (settembre 2008) 1 - L impennata dei prezzi delle materie prime La stabilità e la crescita dell economia globale è stata di recente

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto

FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto FOCUS ON Iran, alla rincorsa del tempo perduto A cura dell Ufficio Studi Economici EXECUTIVE SUMMARY Il raggiungimento di un accordo sul nucleare iraniano potrebbe aprire interessanti opportunità per le

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE

Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE Stima degli impatti sull economia italiana derivanti dall accordo di libero scambio USA-UE giugno 2013 Il presente rapporto è stato elaborato con le informazioni disponibili al 14 giugno 2013 da: Giulia

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione

Capitolo 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Capitolo 17 Commercio con l estero e internazionalizzazione 17. Commercio con l estero e internazionalizzazione Le statistiche sul commercio con l estero e sulle attività internazionali delle imprese

Dettagli

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali

Progetto IMPORT STRATEGICO 2015. Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Progetto IMPORT STRATEGICO 2015 Dr. Francesco Pensabene Dirigente Ufficio Partenariato Industriale e Rapporti con gli Organismi Internazionali Milano, 10 febbraio 2015 IRAN - dati macroeconomici 2013 2014

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2

Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Indice dell'economia e della società digitali 1 2015 2 Profilo per paese L', con un 3 complessivo pari a 0,36, è venticinquesima nella classifica dei Stati membri dell'. Nell'ultimo anno ha fatto progressi

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a

Già negli anni precedenti, la nostra scuola. problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a Già negli anni precedenti, la nostra scuola si è dimostrata t sensibile alle problematiche dello sviluppo sostenibile, consentendo a noi alunni di partecipare a stage in aziende e in centri di ricerca

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098

ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina. Data evasione. Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Vs. richiesta su ZHEJIANG YUEJIN IMPORT CO LTD - Cina Recte ZHEJIANG YUEJIN IMPORT & EXPORT CO. LTD - Cina Cliente ALFA SPA Data evasione Redattore E.L./FC Rev. 1 Marzo 2010 FAC_COR098 Zhejiang Yuejin

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA

LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA LA META PER LA MODA, LO SPORT E LO SVAGO, IN CINA I DESTINATION CENTER I Destination Center COS è UN DESTINATION CENTER? SHOPPING SPORT DIVERTIMENTO Un Destination Center e una combinazione di aree tematiche,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015

IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 IRAQ Rapporto Congiunto Ambasciate/Consolati/ENIT 2015 1 INDICE : 1. Analisi del quadro socio-economico 1.a Principali indicatori economici 1.b Principali indicatori sociali e demografici 2. Analisi del

Dettagli

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale

La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale La crisi finanziaria e il suo impatto sull economia globale n. 30 - febbraio 2012 a cura di Franco Bruni e Antonio Villafranca 1 ABSTRACT: La Nota fornisce una breve analisi e delle indicazioni di policy

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due

Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due Nel 1980 l Italia conta per l 1,27 per cento della popolazione mondiale. Due decenni più tardi, nel 2001, solo lo 0,98 per cento della popolazione del pianeta risiede ancora nel nostro Paese. La perdita

Dettagli

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo:

La ricetta italiana. Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: AMICI DELLA TERRA ITALIA www.amicidellaterra.it La ricetta italiana Le proposte degli Amici della Terra in occasione dell iniziativa del Governo: Verso Parigi 2015. Gli Stati generali dei cambiamenti climatici

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie

Agricoltura Bio nel mondo: la superficie Agricoltura Bio nel mondo: la superficie L agricoltura biologica occupa una superficie di circa 37,04 milioni di ettari nel 2010. Le dimensioni a livello globale sono rimaste pressoché stabili rispetto

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

TRASPORTO MERCI SU STRADA

TRASPORTO MERCI SU STRADA TRASPORTO MERCI SU STRADA Analisi economico-statistica delle potenzialità e criticità di un settore strategico per lo sviluppo sostenibile Trasporto merci su strada è una pubblicazione a cura di: ANFIA

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli