IVA 2015: decreto semplificazioni, legge di stabilita e direttiva sui servizi elettronici. Decreti delegati della riforma tributaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IVA 2015: decreto semplificazioni, legge di stabilita e direttiva sui servizi elettronici. Decreti delegati della riforma tributaria"

Transcript

1 IVA 2015: decreto semplificazioni, legge di stabilita e direttiva sui servizi elettronici Decreti delegati della riforma tributaria RAFFAELE RIZZARDI Rezzato, 21 marzo 2015

2 Le fonti normative e interpretative Legge di stabilità 2015 (LS): legge 23 dicembre 2014,n.190 articolounico 735commi Decreto «semplificazioni» (DS) D. Lgs. 21 novembre 2014, n. 175 AdE circolari : 31/E(generale) 32/E(rimborsi) Telefisco (TF) risposte dell Agenzia delle entrate a Italia-Oggi e Il Sole-24ore gennaio 2015 >> circolare 6/E del

3 Le operazioni prive del requisito territoriale Dichiarazione IVA per il 2014 VE30 analisi per natura delle operazioni che danno diritto al plafond le causali di non imponibilità riguardano le fatture a clienti italiani, quelle a clienti esteri riportano solo il richiamo all art. 7-ter > VE34 che non dà diritto al plafond VF34,codice8 calcolodelpro-rata computodelle operazioni non territoriali che non danno diritto alla detrazione(es. operazioni esenti a cliente estero) 3

4 Gli esportatori abituali DS,art.20 gli esportatori trasmettono la dichiarazione di intento all Agenzia delle Entrate, che rilascia una ricevuta telematica solo successivamente il cliente può inviare la dichiarazione al fornitore o presentarlaindogana(dichiarazionesinoa enonper ) quest ultimo deve controllare la presenza della dichiarazione, con il relativo protocollo, nel sito dell Agenzia delle Entrate (anche tramite il proprio cassetto fiscale) viene meno la comunicazione telematica da parte del fornitore all Agenzia delle entrate, fermo restando l obbligo di annotazione delle dichiarazioni in un registro e l indicazione degli estremi in fattura valutare comunque il merito del cliente, per non essere coinvolti in frodi carosello Sino alle forniture dell 11 febbraio 2015 si poteva utilizzare la vecchia procedura. In tal caso(tf 4.1) né cliente né fornitore effettuano comunicazioni all AdE 4

5 Gli esportatori abituali Quadro A comunicazione telematica tipologia plafond (fisso o mobile) tipologia delle operazioni che concorrono al plafond operazioni che danno diritto al plafond (ricordare sempre la prevalenza del 7-ter) sanzioni per mancata trasmissione passano dal fornitore al cliente (favor rei per il fornitore in passato?) 5

6 VIES Quando non occorre Operazioneinterna(noVIES)=ordineaunfornitoreUEche ha già introdotto la merce in Italia acquisto interno assimilato e INTRASTAT da parte sua(art b DL 331/93) vs. sua partita IVA IT o del suo spedizioniere per l acquirente reverse charge art legge IVA spesometro quadro BL(aggregato) rigo BL0002- casella 3 (operazioni con soggetti non residenti); quadro FN in forma analitica; no INTRASTAT per l acquirente italiano fattura emessa con partita IVA estera del fornitore (ris. 21/E del ) Operazione intracomunitaria (VIES e INTRASTAT) = ordine adunfornitoreuechespediscelamercealclienteit 6

7 VIES DS, art. 22 iscrizione al VIES (operazioni intracomunitarie non sono tali quando il fornitore estero ha già introdotto la merce in Italia) Adeguamento all articolo 18 del regolamento UE 282/2011 > effetto immediato, senza attesa 30 giorni di inattività Cancellazione dopo quattro trimestri consecutivi senza alcun INTRASTAT (irrilevanza ante circolare 31/E) 7

8 VIES Inizio attività, quadro I «operazioni intracomunitarie» (no quadro B, che si riferisce agli acquisti sospetti dell art. 60-bis: autoveicoli, telefoni, PC e componenti, animali e carni, pneumatici) In corso di attività iscrizione telematica Possibile sanatoria per operazioni precedenti eseguite durante la sospensiva di 30 giorni 8

9 Elenchi INTRASTAT DS,art.23 Limitazione delle informazioni per i servizi: partita IVA della controparte, importo, codice della natura dell operazione, Paese di pagamento Il Parlamento aveva proposto senza successo - la soppressione dell elenco degli acquisti I modelli precedenti non sono stati modificati, ma il provvedimento del (Dogane, Entrate, ISTAT) dichiara facoltativa la compilazione dei campi soppressi: numero e data fattura, modalità di erogazione (Istantanea o a più Riprese), modalità di incasso (bonifico, accredito, altro) DS,art.25 Sanzioni per la parte statistica dei modelli solo a carico delle imprese con spedizioni o arrivi mensili da euro D.P.R , in GU n. 201 del

10 Elenco operazioni Paesi black list DS,art.21 Precedentesogliaperoperazione 500 DDL2013> schemad.lgs> Parere commissione parlamentare e provvedimento definitivo: elenco annuale se totale (attive + passive) > Nessuna soglia per singola operazione non era la volontà legislativa (per la decorrenza parla di operazioni poste in essere nel 2014) TF chiesto all Agenzia, senza risposta Il2014sipuòconcludereconlevecchieregole 10

11 Rimborsi IVA DS art. 13 riscrive IVA, 38-bis rimborsi senza garanzia sino a (calcolo separato per compensazioni e rimborsi) rimborsi di importo superiore con garanzia: 1)mancanza del visto di conformità 2)imprese iscritte da meno di due anni (salvo start up innovative) no lavoratori autonomi (TF 8.3) 3) notifica di accertamenti significativi 4) senza attestazione relativa alla patrimonializzazione ed al controllo della società (bilancio chiusoante istanza per gli ex virtuosi era quello approvato) 5) alla cessazione dell attività 11

12 Rimborsi IVA effetto anche per rimborsi già chiesti e non ancora eseguiti (Circ. 32/E restituzione garanzie per rimborsi non ancora eseguiti al TF 8.4) visto di conformità anche per rimborsi trimestrali risoluzione 99/E dell : possibilità di cambiare la scelta tra rimborso e compensazione o viceversa, previa rettifica dell istanza e verifica della posizione con l ufficio Quadro VX-4 per istanza di rimborso, attestazioni non di comodo e patrimonializzazione/controllo firma e documento di identità conservati da chi trasmette la dichiarazione. Da esibire a richiesta dell AdE 12

13 Detrazione forfetaria per sponsorizzazioni DS,art.29 allineamento dal 10% al 50% previsto per le altre prestazioni (diverse dai diritti televisivi), tra cui la pubblicità. Si evitano scomposizioni anomale del corrispettivo unitario attività soggette all imposta sugli intrattenimenti associazioni sportive e altre non profit per attività commerciale(legge 398/91) sino a

14 Definizione «prima casa» dall era già in vigore per il registro DS art. 33 abolizione del riferimento al DM (Tupini) abitativo non A1, A8 e A9, per l aliquota 4% prima casa; circolare 31/E-2014 anche per i punti non indicati (appalti numero 39 tab. AII 4% e cessione diversa dalla prima casa aliquota tab. AIII 10%) possibilità di emettere nota di variazione se acconto ad aliquota più elevata con il vecchio criterio 14

15 Operazioni nei confronti di enti pubblici Contrasto a situazioni di frode nelle forniture ad elevato valore aggiunto split payment (pagamento separato) decorrenza immediata anche se necessita di autorizzazione UE LS, comma 629 > art. 17-ter legge IVA D.M. 21 gennaio 2015 (G.U ) IVA sulle cessioni e prestazioni versata dall ente all erario e non al fornitore Disposizione non applicabile ai compensi per prestazioni di servizi assoggettate a ritenuta fiscale, anche a titolo di acconto (TF 8.7) no per regimi speciali senza IVA in evidenza (es. editoria o scontrini/ricevute) L ente non deve essere debitore di imposta (es. servizi di pulizia acquisiti nell ambito di una attività commerciale) 15

16 Operazioni nei confronti di enti pubblici Fatture dall indicare «scissione dei pagamenti» - no totale imponibile + IVA - vecchie situazioni dell esigibilità differita (decade il quinto comma, secondo periodo dell art. 6 legge IVA) rilevazione nei registri ma non nelle liquidazioni L ente per gli acquisti dell attività istituzionale versa l IVA con riferimento al mese di pagamento della fattura o a sua scelta alla ricezione entro il giorno 16 del mese successivo; per gli acquisti dell attività commerciale calcola l imposta a debito nel registro fatture (procedura equivalente al reverse charge in entrambi i casi chi ha emesso la fattura non riscuote l IVA e l ente la liquida a proprio debito) Aumento delle situazioni creditorie rimborso anche trimestrale in via prioritaria (come se fosse un aliquota 0%) sino all importo dell IVA non oggetto di rivalsa 16

17 Operazioni nei confronti di enti pubblici Circolare 1/E del 9 febbraio 2015 Conferme: meccanismo escluso per ricevuta fiscale o scontrino escluso per fatture 2014 pagate nel 2015 Elenco delle pubbliche amministrazioni incluse, nelle sottocategorie dell elenco generale (le descrizioni sono nel sito ma non i codici). Le Agenzie fiscali si ritengono escluse. Esclusi gli enti privati inquadrati in queste categorie Presentare interpello nei casi dubbi Sanatoria per violazioni commesse sino al : fatture erroneamente con rivalsa e liquidate, l ente paga l IVA al fornitore; idem per fatture emesse erroneamente con scissione dei pagamenti 17

18 Il reverse charge - Nozione Obbligo «rovesciato» dal soggetto di imposta che pone in essere l operazione attiva al soggetto obbligato all adempimento/debitore di imposta Nessun obbligo se il cliente non è un soggetto passivo (es. «privato», come il condominio), o non lo è il prestatore(es. occasionale) Situazioni particolari nei rapporti internazionali (soggetti minimi) Obbligo per le cessioni o prestazioni interne da non residenti privi di stabile organizzazione DPR 633, art. 17,secondocomma(opzioneart.194direttiva nonin tutti i Paesi) 18

19 Estensione del reverse charge LS, commi Estensione del reverse charge: a) alle prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative ad edifici, sia in regime di appalto che di subappalto che di contratto d opera b) alle forniture di elettricità e gas ad un soggetto passivo-rivenditore e per ilcommerciodellequotediemissionidigasaeffettoserra c) alle cessioni di pallets di recupero verso i cicli di utilizzo successivi al primo(art. 74 legge IVA) d) alle cessioni di beni effettuate nei confronti di ipermercati, supermercati e discount alimentari - previa autorizzazione UE altamente improbabile (sostituita da un aumento delle accise sui carburanti ) Oneri amministrativi per i committenti esenti (es. medici, assicuratori): versamento(iva dovuta e non detraibile) dichiarazione annuale 19

20 Completamento di edifici ATECO altri lavori di completamento e finitura di edifici Note esplicative: I lavori di completamento comprendono le attività che contribuiscono alla finitura di una costruzione quali posa in opera di vetrate, intonacatura, tinteggiatura e imbiancatura, lavori di rivestimento di muri e pavimenti o di rivestimento con altri materiali quali parquet, moquette, carta da parati eccetera, levigatura di pavimenti, lavori di carpenteria per finitura, lavori di isolamento acustico eccetera. Sono inoltre incluse tutte le attività di riparazione dei lavori citati. 20

21 21

22 22

23 23

24 La vendita con posa in opera Risoluzione n. 25/E del Produzione di infissi: caratteristiche standardizzate con«semplici» variazioni di misura E cessione di beni. La prestazione di posa è assorbita dalla vendita(legge IVA, art. 12) Quindi se questa operazione interviene tra imprese non c è reverse charge La voce ATECO posa in opera di infissi (fa parte del «completamento di edifici») - riguarda le imprese che si occupano solo della posa (prestazione di servizi) 24

25 La fiscalità agevolata per le nuove attività Ricordiamo le disposizioni vigenti sino al 2014 La riforma del 2012, che avrebbe dovuto «concentrare» i regimi ne ha fatto sorgere tre, con diverse funzioni e modalità. Utilizziamo i termini previsti dai provvedimenti dell Agenzia delle Entrate 25

26 Il regime fiscale di vantaggio («minimi») Articolo27,commi1e2,D.L.98/2011 persone fisiche residenti sino al quinto anno dall inizio dell attività o giovani sino a 35 anni opzione congiunta: IVA non dovuta sulle cessioni o prestazioni, non detraibile sugli acquisti; reddito 5% dei corrispettivi, senza ritenuta; no IRAP ricavi o compensi sino a ; acquisti di beni strumentali nel triennio max (circolare 7/E-2008: non accesso per canone locazione > 400/mese, assimilato ad una spesa per investimenti) no export o forniture a esportatori no compensi a dipendenti, collaboratori o associati d opera (sì impresa familiare) no contabilità, sì ricevuta o scontrini se obbligatori per l attività 26

27 Il regime contabile agevolato Articolo 27, comma 3, D.L. 98/2011 soggetti che escono dal regime dei minimi per superamento dei limiti temporali soggetti che avrebbero titolo per accedervi, ma non optano, o che non hanno alcuni specifici requisiti (es. chi ha come committente l ex datore di lavoro) calcolo IVA e redditi nei modi ordinari; IRAP non dovuta in assenza di autonoma organizzazione versamento IVA solo in dichiarazione annuale esonero dalla tenuta della contabilità 27

28 Precedente regime delle nuove attività art.13legge388/2000 IVA ordinaria reddito pari al 10% dei corrispettivi 28

29 I nuovi minimi regime forfetario articolo1,commi54a74ls: differenziazione massimali ricavi e compensi in funzione della tipologia di attività(da per servizi e lavoro autonomo sino a per commercio e ricettività) aliquota 15% sulla redditività forfetaria, presunta tra il 40% e l 86% dei compensi o ricavi percepiti (78% per le attività professionali = 11,70% sui corrispettivi) 29

30 30

31 Ulteriori requisiti di accesso possibilità di usufruire di lavoro accessorio (art. 70 Dlgs. 276/03), dipendenti, collaboratori anche a progetto, associati d opera, coniuge o figli minori max beni strumentali utilizzati, al lordo degli ammortamenti, - max : costo di acquisto del bene in leasing, valore normale nel caso di locazione o comodato, beni promiscui al 50% (contrasta con la presunzione dell auto al 20%), irrilevanza dei beni sino a 516,46, irrilevanza degli immobili comunque acquisiti opzione all inizio di attività (dati presunti) o in qualsiasi successivo periodo di imposta, se il precedente evidenzia il possesso dei requisiti nessuna scadenza del regime (timore di operazioni «in nero» per non uscire dall agevolazione) 31

32 Residenza attività escluse residenza in Italia oppure nella UE o in Stati collaborativi SEE (al momento Norvegia e Islanda), a condizione che i redditi prodotti in Italia siano almeno il 75% del complessivo esclusa l attività di cessioni di fabbricati, aree fabbricabili, mezzi di trasporto nuovi escluse le persone fisiche anche partecipanti a società di persone, associazioni professionali o s.r.l. in regime di trasparenza(art. 116 TUIR) 32

33 Il regime IVA imposta non dovuta («non esercitano la rivalsa» - sono esonerati dal versamento) e non detraibile possono fare operazioni non imponibili, ma non beneficiano del regime dell esportatore abituale versano all erario solo l imposta di cui sono debitori in reverse charge(acquisti di beni intraue, servizi«generici» 7-ter da soggetti esteri, e altre ipotesi dell articolo 17 legge IVA) sono esonerati dagli obblighi contabili, salvo: certificazione dei corrispettivi (se dovuta), numerazione e conservazione fatture di acquisto rettifica della detrazione (articolo 19-bis2) al cambio di regime 33

34 Le nuove attività riduzionedelredditodiunterzo nessuna riduzione per le ipotesi che in passato avrebbero negato l accesso al regime: - esercizio di altra attività professionale, di impresa o associata nel triennio precedente; - prosecuzione di altra attività svolta come dipendente o autonomo, salvo il caso della pratica obbligatoria per l esercizio professionale - prosecuzione di altra attività se i ricavi o compensi erano nei limiti 34

35 L uscita dal regime per opzione, con vincolo triennale. Trascorso tale termine si può rientrare in qualunque momento di sussistenza dei requisiti dall anno successivo a quello della perdita di uno o più requisiti rideterminazione dei componenti positivi secondo il principio di competenza per l attività di impresa, in quanto il reddito durante l appartenenza al regime è calcolato su ricavi e compensi percepiti(criterio di cassa) 35

36 Disposizioni finali e transitorie abrogazione di tutti i regimi precedenti per i soggetti in uno dei tre regimi 2014 passaggio automatico al nuovo regime, sussistendone i requisiti, con la riduzione ad un terzo del reddito sino alla scadenza del primo triennio facoltà di proseguire con il precedente regime «di vantaggio» sino al suo termine (quinquennio o periodo di imposta di compimento del trentacinquesimo anno di età) Decreto «milleproroghe»: art. 10, comma 12-undecies D.L. 192/2014, introdotto dalla legge di conversione , n. 11: riapre per tutto il 2015 l opzione di avvalersi del precedente«regime di vantaggio» 36

37 Aliquota dei libri e dei pellet LS, comma IVA 4% considerando libri tutte le pubblicazioni identificate da codice ISBN e veicolate attraverso qualsiasi supporto fisico o tramite mezzi di comunicazione elettronica direttiva 2006/112/CE: libri su qualsiasi supporto fisico direttiva 2002/38/CE: aliquota ordinaria per qualunque acquisto di servizi online (tale è il file, anche se poi viene stampato) procedura di infrazione già in corso per Francia e Lussemburgo, condannate con le sentenze del necessità di una decisione politica europea LS, comma 711 pellets IVA da 10% a 22% (esclusione tab.aiii,n.98 legnadaardere) 37

38 Cosa sono i servizi online Acquisto di files o accesso a banche dati remote, anche se il file viene utilizzato per produrre un bene: stampa di un libro, masterizzazione di un DVD, produzione di un oggetto con le stampanti laser L utilizzo di una rete non è di per sé significativo (es. consulenza resa in videoconferenza): la regola generale èchesidialogaconuncomputer Definizioni comunitarie: allegato II direttiva 2006/112/CE e regolamento 282/2011/UE integrato dal regolamento 1042/2013/UE (individuazione del luogo di domicilio del cliente privato) 38

39 Allegato II direttiva 2006/112/CE + regolamento 282/2011/UE 1) Fornitura di siti web e web hosting, gestione a distanza di programmi e attrezzature Hosting di siti web e di pagine web; manutenzione automatica di programmi, remota e on line; amministrazione remota di sistemi; conservazione (warehousing) dei dati on line, quando dati specifici sono conservati e recuperati elettronicamente; fornitura on line di spazio sul disco in funzione delle richieste 2) fornitura di software e relativo aggiornamento Accesso o scaricamento di software, tra cui programmi di aggiudicazione/contabilità, software antivirus e loro aggiornamenti; bannerblocker, ossia software per bloccare la comparsa di banner pubblicitari; driver di scaricamento, come il software di interfaccia tra computer e periferiche quali le stampanti; installazione automatica on line di filtri per i siti web; installazione automatica on line di sbarramenti (firewalls). 39

40 3) fornitura di immagini, testi e informazioni e messa a disposizione di basi di dati Accesso o scaricamento di temi dell interfaccia grafica; accesso o scaricamento di fotografie e immagini o salvaschermi; contenuto digitalizzato di libri e altre pubblicazioni elettroniche; abbonamento a giornali o riviste on line; siti personali (weblog) e statistiche relative ai siti web; notizie, informazioni sul traffico e previsioni meteorologiche on line; informazioni on line generate automaticamente da software sulla base di immissioni di dati specifici da parte del cliente, come dati di tipo giuridico o finanziario, compresi dati sui mercati azionari ad aggiornamento continuo; fornitura di spazio pubblicitario, compresi banner pubblicitari su una pagina o un sito web; utilizzo di motori di ricerca e di elenchi su Internet.. 40

41 4) fornitura di musica, film, giochi, compresi i giochi di sorte o d'azzardo, programmi o manifestazioni politici, culturali, artistici, sportivi, scientifici o di intrattenimento; Accesso o scaricamento di musica su computer e su telefoni cellulari; accesso o scaricamento di sigle o brani musicali, suonerie o altri suoni; accesso o scaricamento di film; scaricamento di giochi su computer e su telefoni cellulari; accesso a giochi on line automatici dipendenti da Internet o reti elettroniche analoghe, nei quali i giocatori sono geograficamente lontani gli uni dagli altri. 5) fornitura di prestazioni di insegnamento a distanza. Tutte le forme di insegnamento a distanza automatizzato che funziona attraverso Internet o reti elettroniche analoghe e la cui fornitura richiede un intervento umano limitato o nullo, incluse le classi virtuali, ad eccezione dei casi in cui Internet o una rete elettronica analoga vengono utilizzati semplicemente come uno strumento di comunicazione tra il docente e lo studente; libri di esercizi completati dagli studenti on line e corretti e valutati automaticamente, senza intervento umano. 41

42 I servizi «prestati per via elettronica» B2B criterio generale reverse charge se prestatore non stabilito (caso Google e comma 33 legge stabilità 2014) B2C sino al providernon UE iscrizione in qualsiasi Paese (MOSS mini one stop shop), rilevazione della residenza del cliente o criteri convenzionali (es. alberghi, ristoranti), addebito dell aliquota di quel Paese, versamento all ufficio di iscrizione, ripartizione del gettito;- provider UE: IVA della sua sede(molti in LUX IVA15%) - dall MOSS per tutti (in Italia gestito dal Centro Operativo di Venezia) criteri analoghi per telecomunicazioni e radiodiffusione vantaggio per le imprese italiane che vendono servizi online a privati UE Decreto legislativo presentato alle Camere per il parere, non ancora deliberato e pubblicato(disposizioni già operanti in base alla direttiva) 42

43 Regole speciali di territorialià per committenti privati 7-sexies a) Intermediazioni - luogo dell operazione intermediata b) Trasporto di beni non intraue pro quota della percorrenza c) Trasporto di beni intraue punto di partenza d) Lavorazioni, prestazioni relative a beni mobili luogo di esecuzione e) Locazione, noleggio, di mezzi di trasporto domicilio del committente ed utilizzo UE (presunto per legge se messi a disposizione fuori UE e utilizzati nello Stato) e-bis) imbarcazioni da diporto criteri particolari f) IVA italiana per servizi elettronici resi da chiunque a clienti IT(*) g) Telecomunicazioni, teleradiodiffusione per clienti IT, se utilizzate nel territorio UE(*) (*) dall

44 Senza IVA per committenti privati extra-ue art. 7-septies a) Acquisto di intangibles(royalties) b) Pubblicità c) Consulenza e assistenza tecnica o legale, elaborazione e fornitura di dati d) Operazioni bancarie e assicurative e) Messa a disposizione di personale f) Locazione anche finanziaria di beni mobili materiali diversi dai mezzi di trasporto g) Vettoriamento di gas o energia elettrica h) Telecomunicazioni e teleradiodiffusione non utilizzate nello Stato(*) i) Servizi online(*) l) Obbligazioni di non esercitare interamente o parzialmente un attività o un diritto delle lettere precedenti (*) regole assorbite dall articolo 7-sexies 44

45 Mancato reverse charge Inesistenza di danno erariale se l imposta è interamente detraibile Impossibilità di applicare la sanzione del 3% (articolo 6, comma 9-bis, D.Lgs. 471/97): considera il caso in cui l adempimento formale ci sia stato, anche se invertito (fattura anziché reverse o viceversa) Corte di Giustizia, sentenza 8 maggio 2008, nella causa C- 95/07 Ecotrade: imposta dovuta e detraibile simultaneamente anche in caso di accertamento Agenzia delle entrate, risoluzione 56/E del : l imposta non deve essere versata se detraibile (conferma nella circolare 35/E del ); ma sanzione dal 100% al200%???) 45

46 Mancato reverse charge Posizione contrastante della Cassazione, che ha un ulteriore rinvio alla Corte di Giustizia Sentenza dell , nella causa C-590/13 - Idexx Laboratories Italia s.r.l. ribadisce le conclusioni della sentenza Ecotrade la detrazione spetta se ci sono i requisiti sostanziali di esercizio dell attività Cassazione chiude il caso Idexx con la sentenza n del : l imposta è detraibile e, nel caso di specie, la sanzione era coperta dal condono delle violazioni formali Statuto dei diritti del contribuente: articolo 10, comma 3 - legge 212/00: "Le sanzioni non sono comunque irrogate quando la violazione... si traduce in una mera violazione formale senza alcun debito di imposta" 46

47 Reverse charge in luogo del versamento in dogana Corte di Giustizia sentenza nella causa C-272/13 Equoland s.c.r.l Il contribuente aveva introdotto i beni nel deposito fiscale solo formalmente, e la dogana richiedeva il versamento dell IVA La Corte di Giustizia ritiene che il reverse charge all estrazione del bene dal deposito(art. 50-bis, comma 6, D.L. 331) sia equivalente al versamento in dogana, e che si debba applicare solo una sanzione ragionevole L Agenzia delle Dogane recepisce queste conclusioni con la circolare 16/D del del , «in mancanza di un tentativo di frode o di danno al bilancio dello Stato». La sanzione è quella del versamento tardivo (art. 13 Dlgs. 472/97 2% al giorno di ritardo sino a 15, poi 30% - tra giorno del debito in dogana e autofattura) 2% anche se l autofattura è emessa lo stesso giorno dello sdoganamento 47

48 Settore immobiliare Contratto rent-to-buy Articolo 23 D.L. 12 settembre 2014, n. 133: «contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili» Soggetti a trascrizione a tutela del futuro possibile acquirente, che dovrà manifestare una ulteriore opzione di acquisto. Nell inadempimento del concedente si può chiedere l esecuzione in forma specifica ex articolo 2932 del codice. L operazione deve chiudersi entro la data fissata nel contratto, max. dieci anni Scomposizione del corrispettivo periodico tra quota locazione e quota acconto. Nel caso di mancata conclusione della vendita il contratto può prevedere un acquisizione parziale o totale delle quote di acconto Circolare 4/E del per gli aspetti fiscali dell operazione 48

49 Revisione black list dal 2015 LS, comma 678 TUIR acquisti da evidenziare e documentare criterio esclusivo della non trasparenza (mancanza di adeguato scambio di informazioni) LS, comma 680 TUIR 167 regime CFC livello di tassazione inferiore al 50% di quello italiano elenco non esaustivo Paesi in ogni caso se la società estera ha ottenuto un ruling che le fa sostenere una tassazione di questo livello Uscita S. Marino (DM 12 febbraio 2014) e Lussemburgo(DM 16 dicembre 2014) 49

50 50

51 51

52 Decreti delegati della riforma tributaria Leggedelega11marzo2014,n.23 Estrema genericità della delega possibile violazione dell articolo 76 della Costituzione > due passaggi al parere parlamentare (ma il governo può comunque non accogliere il parere es. soppressione INTRASTAT servizi acquistati) Un solo provvedimento adottato il cd. «decreto semplificazioni» 175/2014. In realtà è la riproposizione (con l errore degli elenchi black list) del disegno di legge S/958 del

53 Decreti delegati della riforma tributaria Fine dicembre 2014 schema abuso del diritto e sanzioni penali sospeso sine die perché forse avrebbe potuto aiutare Berlusconi. E così da sempre: la norma transitoria del D.L. 277/86 sulle «bare fiscali» bloccava le operazioni di un gruppo e lasciava passare quelle di un altro. Non c era nessun bisogno del rinvio, perché non era il provvedimento, ma uno schema per il primo dei due pareri. La correzione poteva venire dal Parlamento 20 febbraio 2015: per questo e per altri importanti decreti (IVA di gruppo, fiscalità internazionale) annuncio di un ripensamento di 15 giorni(dopo un anno dalla delega.) Dopo un mese non si è visto nessun altro testo ufficiale/ufficioso e si parla di proroga per il recepimento della legge delega 53

54 Il raddoppio dei termini di accertamento Legge delega art. 8,comma 2:IlGovernoèdelegatoaltresìadefinire, la portata applicativa della disciplina del raddoppio dei termini, prevedendo che tale raddoppio si verifichi soltanto in presenza di effettivo invio della denuncia, ai sensi dell articolo 331 del codice di procedura penale, effettuato entro un termine correlato allo scadere del termine ordinario di decadenza, fatti comunque salvi gli effetti degli atti di controllo già notificati alla data di entrata in vigore dei decreti legislativi Schema di decreto legislativo del dicembre 2014: Il raddoppio opera a condizione che la denuncia sia presentata o trasmessa entro la scadenza ordinaria dei termini. Sono comunque fatti salvi gli effetti degli atti di controllo divenuti definitivi alla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo Il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha detto al Parlamento che ci sarebbero 15 miliardi di accertamenti(contestati) per il raddoppio dopo i termini ordinari. E nella circolare sulla voluntary disclosure (pag. 46) si dice che: «rimane sempre operativo il raddoppio dei termini di decadenza della potestà di accertamento, a prescindere dal fatto che il perfezionarsi della procedura comporti la non punibilità del reato» 54

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA

COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA Periodico quindicinale FE n. 02 7 marzo 2012 COMMERCIO ELETTRONICO: ANALISI DELLA DISCIPLINA ABSTRACT Il crescente utilizzo del web ha contribuito alla diffusione dell e-commerce quale mezzo alternativo

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 27 marzo 2015 CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 marzo 2015 OGGETTO: Reverse charge Estensione a nuove fattispecie nel settore edile, energetico, nonché alle cessioni di pallets recuperati ai cicli

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export

La documentazione contabile delle operazioni di import/export. Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export La documentazione contabile delle operazioni di import/export Importazioni - Esportazioni Le registrazioni contabili delle operazioni di import/export Importazioni GRUPPO DI LAVORO OPERAZIONI DOGANALI

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti

Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti Suite Contabile Fiscale 08 novembre 2013 Spesometro/Modello di comunicazione polivalente risposte alle domande più frequenti 1) Domanda: Come posso verificare i codici fiscali errati delle anagrafiche

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013

La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 La Comunicazione annuale dei dati IVA: scadenza al 28 febbraio 2013 Premessa rmativa Entro il 28 febbraio 2013 i soggetti pasvi IVA devo presentare telematicamente il Modello per la comunicazione dati

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI

GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI GUIDA FISCALE PER GIOVANI AVVOCATI Ordine degli avvocati di Genova Direzione Regionale della Liguria La Guida prende spunto dal confronto tra Agenzia delle Entrate e Ordine degli Avvocati di Genova. Principale

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ)

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 7 luglio 2015 OGGETTO: EXPO MILANO 2015 Ulteriori chiarimenti - Risposte a quesiti in materia fiscale (Frequently Asked Questions FAQ) 2 1. PREMESSA...

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

REVERSE CHARGE E SPLIT PAYMENT: IN FUMO LA LIQUIDITA DELLE IMPRESE. Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle piccole imprese in Italia

REVERSE CHARGE E SPLIT PAYMENT: IN FUMO LA LIQUIDITA DELLE IMPRESE. Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle piccole imprese in Italia REVERSE CHARGE E SPLIT PAYMENT: IN FUMO LA LIQUIDITA DELLE IMPRESE Osservatorio permanente CNA sulla tassazione delle piccole imprese in Italia Roma, 24 marzo 2015 Sommario Abstract... 4 1. Premessa: gli

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Quesiti su reverse charge e split payment

Quesiti su reverse charge e split payment Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa POLITICHE FISCALI E SOCIETARIE DIREZIONE POLITICHE FISCALI Quesiti su reverse charge e split payment REVERSE CHARGE Applicazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag.

Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI. 2. I contribuenti minimi pag. Ordine dei dottori commercialisti e degli esperi contabili di Modena Commissione imposte dirette I REGIMI AGEVOLATI A cura di: Dott.ssa Luana Bernardoni Dott.ssa Antonella Scaglioni Dott. Marco Ferri Dott.

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli