Alla ricerca dell Eroe

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alla ricerca dell Eroe"

Transcript

1 Alla ricerca dell Eroe Linda Franchini, VC Liceo Artistico Cardarelli - La Spezia a.s. 2011/2012

2

3 Alla ricerca dell Eroe Linda Franchini, VC Liceo Artistico Cardarelli - La Spezia a.s. 2011/2012

4 I veri eroi sono quelli che ogni giorno si alzano dal letto e affrontano la vita anche se gli hanno rubato i sogni e il futuro. Quelli che alzano la saracinesca di un bar o di un officina, che vanno in un ufficio, in una fabbrica. Che non lottano per la gloria o per la fama, ma per la sopravvivenza. Sono coraggiosi. Gli eroi veri non stanno a cavallo. Esco a fare due passi di Fabio Volo

5 Alla ricerca dell eroe Per cominciare Sfogliando il dizionario, alla voce EROE si trova scritto: eroe [e-rò-e] nome maschile(f. eroìna), persona che dimostra grande coraggio e si sacrifica per gli altri. protagonista in un opera. nella mitologia, individuo mezzo dio e mezzo uomo, figlio di un dio e di un mortale, che aveva speciali poteri. Ma perché l uomo ha bisogno degli Eroi? Cos è che lo ha spinto a creare o identificare in alcuni individui determinate caratteristiche al di fuori dell ordinario, scrivendo di loro pagine e pagine nelle letterature e nell immaginario di tutto il mondo? Quanto l uomo ha bisogno della protezione degli Eroi e quanto sente il bisogno di esserlo lui stesso? E, oggi, dove si sono nascosti i veri Eroi?

6 l Eroe divino Eroe Basta la parola e inevitabilmente la prima figura che viene in mente risale all antica Grecia, alla scoperta dei miti, dei labirinti e dei vasi di Pandora. Omero (o chi per esso, dato che la questione omerica non ha ancora dato una risposta certa sulla sua identità) è sicuramente il padre dell eroe in quanto tale. Chi non ha sognato le battaglie rumorose e le armature luccicanti dei semidèi e dei principi che combattevano fino alla morte per valori quali famiglia, patria, onore? Ma se Achille è l eroe forte e valoroso, l eroe che per orgoglio entra in guerra e comandato dalla rabbia cieca, ad esso si contrappone Ettore, l eroe capace di essere guerriero impavido dall elmo straordinario e spaventoso e padre tenero e amorevole che si toglie quello stesso elmo, simbolo e segno della propria forza, per non spaventare il suo piccolo bimbo Astianatte. Già nel mondo antico Omero è un problema storico e critico. Xenone e Ellanico sostenevano che i due poemi fossero opera di due diversi autori; al contrario Aristarco (II sec. a.c.) attribuiva la paternità di entrambi i poemi a un unico autore, Omero. Un altra ipotesi abbastanza accreditata è quella di una relazione pisistratea. Pisistrato, tiranno si Atene, nel VI sec. a.c. avrebbe fatto riunire in un unico corpus tutti i canti dei poemi epici di Omero, che erano stati tramandati in ordine sparso. L impostazione moderna e critica della questione omerica si delinea tra la fine del XVII e l inizio del XVIII secolo. L abate di Aubignac sostiene che Omero non è mai esistito e che i due poemi non solo sono frutto di una redazione, ma sono anche stati composti da due diversi autori. Gianbattista Vico sostiene che i poemi omerici sono il prodotto della coscienza storico-narrativa di un popolo e la loro composizione e trasmissione furono orali. Oggi, la tesi unitaria secondo la quale sia esistito effettivamente un unico autore quale Omero non trova largo seguito, mentre riscuote grande successo tra i critici la tesi neounitaria, secondo cui i due poemi furono composti da due persone diverse, una per l Iliade e una per l Odissea.

7 Alla ricerca dell eroe E quando la Moira distratta si dimentica di donare forza fisica e capelli dorati, ecco che nascono eroi come Ulisse, forse più amati proprio perché imperfetti, forse perché più reali. Egli ha da sempre rappresentato la figura dell uomo errante per eccellenza, affascinato dal sapere e dalla ricerca, quella stessa ricerca che secoli dopo lo catapulterà nell Inferno, nel girone dei consiglieri fraudolenti, complice un Dante implacabile con coloro che sfidano il volere divino*. Ulisse è l eroe multiforme, polytropos, ripreso più volte dalla letteratura nel corso del tempo: Dante, Foscolo, Pascoli, D Annunzio, Saba sono solo alcuni degli autori italiani che recuperano il mito dell uomo lontano dalla patria. [...] l onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l inclito verso di colui che l acque cantò fatali, ed il diverso esiglio per cui bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. [...] A Zacinto, U. Foscolo

8 e volta nostra poppa nel mattino, de remi facemmo ali al folle volo, sempre acquistando dal lato mancino. Dante, Inferno Virgilio e Dante,E. Delacroix 1822

9 Alla ricerca dell eroe Ma se all origine l Eroe era impareggiabile e distante, più simile ad un dìo che ad un essere umano, pian piano è costretto a fare i conti con le sue debolezze umane e anche a farne la sua forza. Deve quindi essere una persona vera. La civiltà non ha forse creato queste figure letterarie con il preciso scopo di identificarsi in loro? Lo scopo principale dell Eroe è di fare in modo che chiunque possa essere lui, possa ritrovarvi le stesse qualità ed emozioni, anche se esasperate, esagerate. Ecco quindi che l eroe greco diventa il cittadino modello, carico di tutte quelle qualità che l uomo esalta, incarnando poi il mos maiorum romano. Il giuramento degli Orazi, Jean Luis David, 1784 Con l espressione mos maiorum (letteralmente il costume degli antenati ) i Romani indicavano quel complesso di valori e di tradizioni che costituiva il fondamento della loro cultura e della loro civiltà. Essere fedeli al mos maiorum significava riconoscersi membri di uno stesso popolo, avvertire i vincoli di continuità col proprio passato e col proprio futuro, sentirsi parte di un tutto. Il mos maiorum era, in altri termini, l insieme dei valori collettivi e dei modelli di comportamento a cui doveva conformarsi qualsiasi innovazione: rispettare il mos maiorum significava quindi incanalare le energie e le spinte innovative entro l alveo della tradizione, così da renderle funzionali al bene comune. Cardine fondamentale di questo sistema di valori è infatti l assoluta preminenza dello Stato, della collettività, sul singolo cittadino: questa è l ottica da cui va esaminato qualunque valore e comportamento; così ad esempio non era tanto il coraggio in sé ad essere apprezzato, ma il coraggio che veniva dimostrato nell interesse e per la salvezza dello Stato.

10 10

11 l Eroe cavaliere The Accolade, E. Leighton,

12 Alla ricerca dell eroe Nel viaggio singolare ed incerto della vita, siamo tutti Eroi che dovranno affrontare mostri, battaglie, amicizie, amori. Proprio per questo, l eroe classico del kalòs kai agatòs, non può che cambiare assieme alla cultura umana, pur mantenendo il primato Ruggiero che libera Angelica, Ingres, 1819 kalòs kai agatòs. letteralmente, bello e buono. Nella cultura ellenica veniva così indicato l ideale di perfezione umana: l unità nella stessa persona di bellezza e valore morale, un principio che coinvolge dunque la sfera etica ed estetica ed estende la propria influenza anche sulla produzione artistica.

13 della figura eroica per eccellenza. Con l evolversi della civiltà, quindi, anche la figura dell eroe cambia. E sempre l uomo superiore alle masse, l uomo che ama di più, che combatte di più, che soffre anche di più, però ora questo eroe-cavaliere combatte per Dio, per il suo sovrano, per la giustizia: dopo la diffusione del messaggio cristiano, infatti, l Eroe diventa il paladino delle virtù nobili, della gentilezza, del trionfo del messaggio del suo Credo. Già nel famosissimo ciclo bretone de La Tavola Rotonda (Historia regum Britanniae, di Goffredo Monmouth) l eroe greco ha perduto tutte le sue qualità classiche, mantenendo pur sempre una forza fisica ed intellettuale superiore alle media. Adesso, non è più un insieme di virtù e vizi, ma possiede tutti i pregi della morale cristiana ed è in grado di soggiogare le passioni, pur di fare il giusto. Ma anche il poeta è in realtà Eroe del suo tempo: quando, negli ultimi secoli dell età buia (XIII-XIV sec.), l interesse per la cultura antica sembra rinascere, Dante diventa paladino della sua storia e di tutta la storia umana4, crociato a servizio della fede e della salvezza dell umanità. Se il guerriero greco si affidava alla sua forza, al coraggio, alla vendetta, adesso la sola cosa che spinge l eroe in avanti è la completa fiducia nelle leggi di Dio. Orlando furioso, G.Dorè Grande esempio dell eroe-santo è Sant Agostin: egli, infatti, lotta per cercare Dio, imparando a guardare dentro di sé, per quello che si è, diventando una sorta di EROE IN LOTTA CON SE STES- SO. Poiché Dio è verità, l uomo trova la sua prima fondamentale verità in se stesso, nella propria anima che tende all amore infinito e nel colloquio con il Creatore che va incontro alla sua creatura. Dio si rivela come Amore e in Lui l uomo si rifugia comprendendo la propria finitezza e scoprendo la presenza dell infinito Creatore nella propria interiorità. Per la profondità e l acutezza di tale analisi, la vicenda spirituale di Agostino si eleva ad exemplum del travaglio spirituale dell uomo che anela alla fede, che si avvilisce quando essa vacilla e che procede tra speranza e disperazione,tra rettitudine ed errore. La figura di Agostino domina incontrastata fra i Padri della Chiesa latina: oltre ad avere avuto un ruolo di primo piano nella vita ecclesiale del suo tempo, egli fu filosofo di grande originalità. Ma fu anche scrittore di grandissimo talento,e le sue Confessioni sono uno dei capolavori della letteratura mondiale. 14

14 Alla ricerca dell eroe Non a caso, questo è un periodo in cui l eroe, il santo e il poeta si confondono. Prototipo del paladino per eccellenza e protagonista di vari poemi, entra nell immaginario collettivo dell eroe Orlando (o Rolando). Appare per la prima volta nella Chanson de Roland di un tale Turoldo, poco dopo la fine della Prima Crociata: egli è servitore e soldato devoto di Carlo Magno, in guerra contro i mussulmani, e sacrificherà la sua stessa vita per il suo re e per la sua patria. Non abbiamo nessuna notizia certa dell esistenza di Turoldo: nel manoscritto più antico che ci è pervenuto, risalente al XII secolo, la lingua usata è anglo-normanno e l autore risulta essere un letterato, Turoldo appunto, ma non è chiaro se fu l autore dell opera oppure semplicemente un copista che scrisse il manoscritto (all epoca non c era ancora la coscienza da parte dell autore dell opera d arte) Astolfo sulla luna, G.Dorè

15 Ma con l avvento della borghesia i temi del ciclo bretone e carolingio vanno via via modificandosi e il lessico raffinato abbassandosi. E anche Orlando non può che avvicinarsi lentamente a quell olimpo di eroi insicuri e travolti dalle inspiegabili passioni che porteranno i personaggi futuri sempre più distanti dalla realtà che non sentono propria. Ne L Orlando innamorato, di Matteo Maria Boiardo, l eroe è sempre forte, generoso e ricco di bontà, ma si ritrova a dover far fronte a qualcosa a cui non è preparato, una cosa spesso crudele ed inspiegabile: l amore. Ecco quindi il nuovo aspetto umano del paladino senza macchia e senza paura, che pare continuare la sua caduta verso il mondo degli uomini, ritrovandosi a far fronte a debolezze ed emozioni che non sa controllare. Proprio per questo, contro un amore nuovo, imperfetto e per nulla casto, così lontano da quello divino tanto cantato da Dante, Orlando non può che diventare furioso : il nuovo protagonista de L Orlando furioso di Ludovico Ariosto combatte contro un sentimento esclusivamente materiale, che non si può sconfiggere con la spada. Le donne, i cavallier, l arme, gli amori, le cortesie, l audaci imprese io canto, che furo al tempo che passaro i Mori d Africa il mare, e in Francia nocquer tanto, seguendo l ire e i giovenil furori d Agramante lor re, che si diè vanto di vendicar la morte di Troiano sopra re Carlo imperator romano L. Ariosto Notturno, F.L.Catel,

16 Alla ricerca dell eroe l Eroe addolorato Prima usavamo santificare i nostri eroi. L orientamento moderno è quello di volgarizzarli. Edizioni economiche di grandi libri possono essere deliziose, ma edizioni economiche di grandi uomini sono assolutamente detestabili. (Oscar Wilde) Ma si può passare da una vita religiosa a una vita folle per amore? O a una vita folle, e basta? Dopo che Petrarca inserì indelebilmente l Io nella sua poetica, dandogli forma e significato, diventando eroe e protagonista del suo stesso personaggio letterario, la letteratura si riempie di figure ribelli e malinconiche, insoddisfatte, arrabbiate, limpido specchio dei loro autori delusi dal mondo vero e dalle libertà negate. Grande esempio inglese della scissione indivisibile tra vita tra le pagine e vita reale è la leggenda affascinante che incornicia l esistenza di Lord Byron. La sua capacità di confondere esistenza e letteratura ci offre l immagine di un eroe celato nel mistero della propria origine, inquieto, segnato dalle passioni, perennemente diviso tra il desiderio di salvare l umanità e il disprezzo per essa. Questo eroe è l eroe che si spinge al limite, insaziabile, che si ribella ad ogni legge, regola e convenzione, ma che, allo stesso tempo, si autodistrugge, è incompleto, escluso, solo. Un eroe quasi cattivo. Un eroe macchiato di quei sentimenti oscuri che ogni lettore può sentire propri. Prender l armi contro un mare di problemi e combattendo disperderli Amleto, William Shakespeare Un curioso aneddoto ci fa intuire la natura ribelle ed originale di Byron: nel 1822 trascorre un periodo a Porto Venere dove si dedica alla scrittura e alla pratica del nuoto di cui è appassionato cultore. Qui, avrebbe attraversato a nuoto il golfo, nuotando per otto chilometri fino a San Terenzo, per andare a trovare i coniugi Shelley, che già aveva incontrato a Ginevra

17 Non è forse per il suo lato cinico ed oscuro che Amleto, uno dei personaggi più riusciti a Shakespeare, è rimasto nella memoria culturale per secoli? Questo perché nessuno può evitare di identificarsi con lui: anticipando le ricerche di Freud, Amleto ci pone per la prima volta di fronte all autocoscienza individuale. Ancora distante dalla rivoluzione della psicanalisi, Shakespeare introduce in un opera così complessa quelli che sembrano riferimenti alla futura scoperta della nevrosi: il comportamento della regina, madre di Amleto, è riconducibile ai lapsus freudiani, come quando, corrosa dal rimorso per la morte del marito, continua a strofinarsi le mani come se le sentisse sporche di sangue, oppure vagheggia con precisi riferimenti a quei ricordi immorali che Freud poi inserirà nella parte più profonda dell uomo, perché rimossi. Quello che gli storici chiamano Romanticismo è nato qui, con questo eroe, sebbene ci sia voluto quasi un secolo prima che Nietzsche dicesse che Amleto possedeva «la vera conoscenza, un intuizione dell orribile realtà», che costituisce l abisso tra la realtà terrena una coscienza in continua aspirazione a qualcosa che è oltre. Secondo lo studioso shakespeariano Agostino Lombardo : Amleto è sempre diverso, e se per Goethe era un uomo costretto ad affrontare una realtà eroica senza avere la stoffa dell eroe, Coleridge e Schlegel vedevano nel suo dramma una tragedia della volontà ( ); per i decadenti e i simbolisti l immagine del loro spleen e noia e male di vivere; per gli artisti del Novecento, l emblema della nuova nevrosi ed alienazione. Ophelia, W.Morris,

18 Alla ricerca dell eroe Per questi motivi, lo statunitense Harold Bloom, che analizza le principali opere dell occidente nel suo libro «The Western Canon» (Il canone occidentale), l eroe Shakespeariano ha ispirato tutti gli altri scrittori successivi: da Milton a Goethe, da Joyce a Beckett. Golconde, Magritte L eroe romantico, quindi, è voce singola di quel modello comune di un intera generazione di intellettuali, dilaniata da un profondo e costante male di vivere. Qui si colloca la figura originale di Jacopo Ortis di Ugo Foscolo, figlio dello stesso periodo letterario ma obbligato a fare i conti non solo con l amore tiranno, ma anche con gli obblighi che sente nei confronti della sua patria. Infatti, al contrario del testo di Goethe I dolori del giovane Werther, il romanzo epistolare di Foscolo (genere tanto in voga negli ultimi anni del Settecento) mette in evidenza l aspetto politico e patriottico tanto caro all autore, oltre che alla tragica storia conflittuale del personaggio. Jacopo, infatti, con il cuore sempre in conflitto con la ragione e con la natura come sola corrispondente, protesta contro qualsiasi forma di tirannide.

19 Un uomo e una donna che guardano la luna, Friedrich, 1824 L eroe foscoliano è diviso da due passioni: quella politica, che, col suo fallimento, mette in evidenza da un lato i rapporti negativi con il potere e dall altro il desiderio di un Italia che avrebbe potuto essere unificata proprio alla luce delle idee diffuse dalla Rivoluzione francese, e quella amorosa, che sottolinea i rapporti negativi dell individuo con gli usi, i costumi e le consuetudini che vogliono ancora la donna oggetto del padre o del marito: la forza non è ancora nel sentimento (o non lo sarà se non sporadicamente), ma nel potere soprattutto economico. Proprio a queste convenzioni Jacopo si ribellerà, diventando martire di quei sentimenti e valori puri che in ogni modo aveva cercato di redimere. Quando si risveglierà il tuo martirio, e lo spirito sarà vinto dalla passione, io ti verrò dietro per sostenerti in mezzo al cammino e per guidarti, se ti smarrirai, alla mia casa; ma ti verrò dietro tacitamente per lasciarti libero almeno il conforto del pianto. Ugo Foscolo, Ultime lettere di Jacopo Ortis Sola fra tutte le rivoluzioni contemporanee, quella francese fu una rivoluzione ecumenica. I suoi eserciti si levarono per rivoluzionare il mondo; le sue idee lo rivoluzionarono veramente. [...] La sua influenza indiretta è universale, perché fornì il modello a tutti i movimenti rivoluzionari successivi, e i suoi insegnamenti - interpretati da un punto di vista particolare - sono contenuti nel socialismo e nel comunismo moderno. (E. J. Hobsbawm) Questo passo riassume in poche righe dieci anni di storia francese. Per quanto ispirata e condizionata, nelle sue premesse, dall altra rivoluzione borghese, quella Americana, è stata proprio questa ad aver cambiato la faccia del mondo che fino ad allora era stato, scrivendo la parola fine al sistema dell Antico Regime. Nonostante il suo fallimento, è diventata il punto di riferimento per tutta la storia contemporanea. 20

20 Alla ricerca dell eroe La morte, infatti, appare come inevitabile alla fine del romanzo, come l unica possibile chiusura di un cerchio all interno del quale c è solo impotenza e dolore. Se l Ortis era profondamente legato alla natura, vissuta non come palcoscenico del suo dolore ma come voce e volto di esso, presto questa si ribella contro l eroe e ne diventa una nemica al pari di una società ormai poco interessata alle profezie dei poeti. O natura, o natura perché non rendi poi quel che prometti allor? Perché di tanto inganni i figli tuoi? Giacomo Leopardi La Natura Matrigna di Giacomo Leopardi è cosa nota: da madre benigna di tutta l umanità, presto essa assume le caratteristiche che aveva il Fato per gli eroi greci o la provvidenza per quelli cristiani. La colpa dell infelicità non è più della società umana, ma solo della Natura. E se causa dell infelicità è la Natura stessa, tutti gli uomini sono inevitabilmente infelici. Eccolo il pessimismo cosmico di Leopardi: l infelicità non è più legata ad una condizione storica e relativa dell uomo, ma ad una condizione assoluta, perenne ed inevitabile. Ma è proprio qui che questo grande pessimismo trova una consolazione, un eroe in grado di portare speranza. Infatti, nella sua ultima opera La ginestra il poeta ci propone una visione eroica dell uomo molto distante dal titanismo dell eroe antico, teso a generose imprese: egli non combatte più grandi imprese, mostri, guerre con la rabbia cieca di chi vorrebbe cambiare il mondo, ma, come la ginestra è un fiore che riesce A un certo punto della sua riflessione poetica, Leopardi approfondisce la sua meditazione sul problema del dolore e conclude scoprendo che la causa di esso è proprio la natura, perché è proprio essa che ha creato l uomo con un profondo desiderio di felicità, pur sapendo che egli non l avrebbe mai raggiunta. E questo il terzo aspetto del pessimismo leopardiano che investe tutte le creature (sia gli uomini che gli animali). Ma in questo momento della sua meditazione il Leopardi rivaluta la ragione, prima considerata causa di infelicità. Essa gli appare colpevole di aver distrutto le illusioni con la scoperta del vero, ma è anche l unico bene rimasto agli uomini, i quali, forti della loro ragione, possono non solo porsi eroicamente di fronte al vero, ma anche conservare nelle sventure la propria dignità, anzi, unendosi tra loro con fraterna solidarietà, come egli dice nella Ginestra, possono vincere o almeno lenire il dolore.. a sopravvivere anche nelle condizioni più difficili e più dure, allo stesso modo l eroe leopardiano deve affrontare con coraggio e fierezza il suo triste destino, derivante dal fatto che la Natura è una matrigna cattiva nei riguardi del genere umano, ed aiutare quest ultimo a sopravvivere a tale condizione. Nobil natura è quella Che a sollevar s ardisce Gli occhi mortali incontra Al comun fato, e che con franca lingua, Nulla al ver detraendo, Confessa il mal che ci fu dato in sorte, E il basso stato e frale; Quella che grande e forte Mostra sé nel soffrir, né gli odii e l ire Fraterne, ancor più gravi D ogni altro danno, accresce Giacomo Leopardi

21 Abbazia nel querceto, Friedrich, 1810 Non sono felice! Mi disse Teresa; e con questa parola mi strappò il cuore. ( ) Non sono felice! Io aveva concepito tutto il terribile significato di queste parole, e gemeva dentro l anima, veggendomi innanzi la vittima che doveva sacrificarsi a pregiudizi ed all interesse. Ugo Foscolo, Ultime lettere di Jacopo Ortis 22

22 Alla ricerca dell eroe l Eroe addolorato Ma non c è posto per l eroe in un mondo che cambia, che si evolve, che corre a tutta velocità sulle rotaie del progresso. Le scienze Deterministiche non hanno più bisogno di uomini valorosi in grado di andare alla ricerca delle verità nascoste. Il Positivismo10 non tiene conto del singolo e il suo è il linguaggio della scienza e della semplice oggettività. Ecco quindi che l eroe scompare, sostituito repentinamente da personaggi comuni, reali, spesso appartenenti a quella classe lavorativa che assume le sembianze di un agitato animale il cui scopo è la pura osservazione scientifica. Persino l intellettuale abbandona il suo ruolo di eroe-scrittore per porsi al di fuori delle sue storie, acquistando l occhio critico dell uomo di scienza e non del ribelle corroso dalla malinconia e dalle passioni. La Natura matrigna non fa più paura, perché si può conoscere e controllare. Scriveva Gustave Flaubert: L artista deve essere nella sua opera come Dio nella creazione, invisibile e onnipotente, sì che lo si senta ovunque, ma non lo si veda mai. E poi l arte deve innalzarsi al di sopra dei sentimenti personali e delle suscettibilità nervose. È ormai tempo di darle, mediante un metodo implacabile, la precisione delle scienze fisiche. G. Flaubert, Scritti inediti, 1857 Il Positivismo è una corrente filosofica che investì l Europa verso la fine dell Ottocento. Questo termine indica il proposito di rifiutare le tendenze astratte, metafisiche e sentimentali proprie del romanticismo e di prendere invece in esame i fatti concreti per analizzarli alla luce delle scienze deterministiche. Il Positivismo cerca di capire il mondo partendo unicamente dalla scienza alla quale si riconosce la capacità di giudicare gli uomini nella loro corsa verso il progresso e di costruire una società di giustizia e benessere. Gli autori di questo periodo, infatti, scrivono quelli che potrebbero essere definiti romanzi-documentari, in quanto il loro scopo era quello di analizzare e studiare le classi sociali con la stessa oggettiva e fredda sicurezza degli scienziati di fronte ad un esperimento. L esempio più importante di questo genere di letteratura Naturalistica è l Ammazzatoio di Zola. Flaubert rappresenta la reazione contro il romanzo romantico per eccellenza. Il suo sguardo attento cerca l oggettività con gli occhi dei suoi personaggi, eliminando la visione onnisciente di autori come Manzoni. E qui l eroe della generazione precedente muore per lasciare spazio ad un teatro composto da spettatori mediocri che invadono la scena trasformandolo in cruda realtà. La letteratura della disillusione. Ritrovatosi spogliato dei valori romantici, Flaubert scrive L educazione sentimentale, in cui deride e distrugge ciò in cui ha creduto per tutta la vita, ovvero l amore puro ed immortale del secolo che sta finendo. Il romanzo è un altalena tra il

23 sentimento a cui tutti vorremmo cedere e in cui tutti vorremmo credere (anche Flaubert) e la sua derisione, tra l illusione romantica e la delusione realistica e scettica, tra l innalzarsi del sentimento amoroso e la sua rovinosa caduta. Ma è Madame Bovary la vera eroina annientata completamente dalla nuova realtà industriale dove la borghesia trionfa. Privata dell aspetto individuale già nel titolo (il libro presenta subito il cognome della protagonista: difatti, nell ambito del realismo l individuo non può essere rappresentato se non nelle sue relazioni con l ambiente di provenienza e con quello in cui vive), Emma appare nella sua situazione sociale di donna maritata e, in un certo qual modo, estraniata da quel cognome che non le appartiene. Le borghesi ammiravano in lei il senso dell economia, i clienti la cortesia, i poveri la carità. Ma Emma era piena di bramosia, di rabbia, di odio. Quell abito dalle pieghe diritte nascondeva un cuore sconvolto e le labbra pudiche tacevano le tempeste. Era innamorata di Léon e cercava la solitudine per poter a suo agio dilettarsi con l immagine di lui. Vederlo di persona significava turbare la voluttà di tale meditazione. Il suono dei suoi passi faceva palpitare il cuore: poi, la sua presenza faceva svanire ogni emozione e in seguito in lei restava soltanto un immenso sbigottimento che si trasformava in tristezza. G.Flaubert, Madame Bovary Ritratto femminile, Renoir 24

24 Alla ricerca dell eroe Il pranzo dei canottieri, Renoir, 1892 Probabile alter ego dell autore, Emma è l eroina romantica sconfitta dal nuovo mondo concreto e borghese, dove l amore idealizzato non può portare che alla morte psicologica (in questo caso anche fisica) di tutti coloro che pretendono di vivere ancora secondo gli ideali romantici. Come aveva già fatto in L educazione sentimentale, romanzo apparso nel 1869, Flaubert ci presenta la caduta degli eroi con l oggettività dei suoi contemporanei scrittori Naturalisti, senza però sopprimere l Arte, vera protagonista di un romanzo che ha tutte le caratteristiche di un moderno film realistico, dove il sublime ci viene presentato sotto forma della cruda e a tratti disarmante realtà. In Italia, con i romanzi veristi di Giovanni Verga, è evidente quanto l eroe moderno abbia trasformato la sua lotta contro il male e le rivendicazioni virtuose con il desiderio insaziabile di raggiungere una condizione economica sicura: la famiglia Toscano, i Malavoglia dell omonimo romanzo, si prodigano per modificare il loro status sociale, andando incontro ad un esito disastroso e fallimentare, inevitabile secondo la selezione naturale della poetica verghiana. Non a caso, il solo vero eroe positivo della vicenda è il patriarca Padron Ntoni, in grado di recuperare le origini e i valori della tradizione. Egli è un eroe che abbassa la testa di fronte ad un mondo in evoluzione a cui non può appartenere. E solo in grado di essere un Vinto del progresso, che tuttavia si aggrappa tenacemente alla sua cultura nella naturale grandezza del contadino siciliano. A nave rotta ogni vento è contrario. Giovanni Verga, I Malavoglia

25 Non si può nulla contro la provvidenza, gemella della stessa Moira con cui l eroe greco non poteva combattere e che quindi accettava. I mangiatori di patate, Van Gogh, 1885 La provvidenza verghiana si distacca molto dal vero concetto legato alla visione cristiana, poiché essa è più riconducibile ad una sorta di divinità pagana del progresso, piuttosto che a Dio. E infatti più simile alla stessa Moira (o Fato) degli antichi greci, che decideva senza pietà le reali sorti di eroi e dèi, perché neppure questi ultimi potevano scampare al suo volere: se, per esempio, Manzoni vedeva la Provvidenza come l entità che riportava l ordine nel mondo, il lieto fine, per Verga in sostanza questa forza non esiste. Lui descrive la realtà, in cui non c è salvezza per chi cerca di cavalcare l onda del progresso senza esserne veramente destinato. 26

26 Alla ricerca dell eroe Con lo sviluppo delle scienze in campo filosofico e scientifico e la presa di posizione sempre più marcata della nuova psicanalisi, l Eroe alle porte del nuovo secolo si trova di fronte a due strade: diventare un uomo senza volontà afflitto da una insopportabile e a tratti immaginaria malattia interiore che lo rende inadatto alla società, oppure prendere in mano le redini della propria esistenza ed essere pervaso da un eccessivo vitalismo, cosa che lo porterà ad intraprendere imprese pari agli eroi classici, continuamente alla ricerca della realizzazione di se stesso. L eroe che ci si presenta davanti pare sempre più lontano dalle sue origini classiche: emana quasi la stessa volontà di ricerca interiore,di autoconsapevolezza e di allontanamento dall azione oggettiva delle grandi filosofie indiane, del poema indiano di Hermann Hesse del 1922, Siddharta. A volte percepiva, nella profondità dell anima, una voce lieve, spirante, che piano lo ammoniva, piano si lamentava, così piano ch egli appena se ne accorgeva. Allora si rendeva conto per un momento che viveva una strana vita, che faceva cose ch erano un mero gioco, che certamente era lieto e talvolta provava gioia, ma che tuttavia la vita vera e propria gli scorreva accanto senza toccarlo. Come un giocoliere con i suoi arnesi, così egli giocava coi propri affari e con gli uomini che lo circondavano, li osservava, si pigliava spasso di loro: ma col cuore, con la fonte dell essere suo, egli non era presente a queste cose. E qualche volta rabbrividì a simili pensieri, e si augurò che anche a lui fosse dato di partecipare con la passione di tutto il suo cuore a questo puerile travaglio quotidiano, di vivere realmente, di agire realmente e di godere e di esistere realmente, e non solo star lì come uno spettatore. Siddharta,Hermann Hesse Siddharta è l opera di Hesse più nota. Pubblicato nel 1922, narra la storia di uno che cerca, un cercatore, un uomo inquieto, bisognoso di trovare una certezza tra le tante incertezze della vita, l Assoluto nella relatività dell esistenza e dei rapporti, che tenta di vivere in profondità la propria esistenza, attraversando tutte le esperienze possibili, la sensualità, il misticismo, la meditazione filosofica, ricercando il tutto nel particolare, forte della convinzione che nessuna acquisizione è definitiva, e che la conoscenza ha sempre innumerevoli aspetti da scoprire. L Oriente ha sempre significato per Hesse il simbolo assoluto dell altra patria, quella vera, staccata dal mondo fisico, patria del cuore, luogo dove dubbi e fedi si ricompongono in una superiore unità e Siddharta è appunto un viaggio spirituale, nel cui protagonista, come nel poema dantesco, si cela lo stesso autore.

27 copertina compagnia teatrale Amici di San Giovanni

28 Alla ricerca dell eroe Il Non-Eroe È un azione indegna per un uomo! Io non ho alcuna voglia di ammazzarmi, ma non v è dubbio che se decidessi di farlo vi riuscirei subito! La coscienza di Zeno,Italo Svevo. Zeno Cosini, protagonista de La coscienza di Zeno di Italo Svevo, dà avvio al nuovo eroe inetto che diventerà figura principale di tutta la sua letteratura. Zeno non riesce più a coincidere con l immagine pragmatica, forte e sicura elogiata dalla società borghese e allora, consapevole della sua inferiorità. L inetto è escluso dalla vita, a causa di una sottile malattia che corrode la sua volontà. Può solo rifugiarsi nelle sue fantasie, nelle quali può diventare l uomo d azione che vorrebbe essere. Vorrebbe provare forti passioni, ma si sente inaridito, isterilito, impotente. Più che vivere, si osserva vivere. E allora si ammala, perdendo i contatti con il mondo esterno, talora sprofondando in una lucida follia. Forse traverso una catastrofe inaudita prodotta dagli ordigni ritorneremo alla salute. Quando i gas velenosi non basteranno più, un uomo fatto come tutti gli altri, nel segreto di una stanza di questo mondo, inventerà un esplosivo incomparabile, in confronto al quale gli esplosivi attualmente esistenti saranno considerati quali innocui giocattoli. Ed un altro uomo fatto anche lui come tutti gli altri, ma degli altri un più ammalato, ruberà tale esplosivo e s arrampicherà al centro della terra per porlo nel punto ove il suo effetto potrà essere il massimo. Ci sarà un esplosione enorme che nessuno udrà e la terra ritornata alla forma di nebulosa errerà nei cieli proba di parassiti e malattie. La coscienza di Zeno,Italo Svevo L eroe sfaccettato, che cresce e migliora, si frantuma e va alla ricerca di quel se stesso che ha perduto, complice o causa la società che cristallizza l individuo e lo cancella. Disperso in milioni di pezzi, egli è Uno, nessuno e centomila: Pirandello ce lo presenta drammaticamente sdoppiato tra il ruolo fisso che la vita gli impone e i voleri tumultuosi del suo essere più inconscio che urge e preme.

29 Recuperando il binomio maschera-morale di Nietzsche, lo scrittore siciliano inserisce i suoi eroi in forme stabilite e cristallizzate che non possono che portare alla follia. La vita pulsante che scivola dentro ognuno di noi non può che fuoriuscire nei modi più improvvisi dopo una lunga costrizione al silenzio: l eroe fugge da se stesso per ritrovarsi, per riscoprirsi. Diventa ciò che sei affermava Nietzsche. Il concetto di maschera è uno dei fili conduttori del pensiero di Nietzsche, in quanto da questo concetto si sviluppano i temi essenziali della sua filosofia. Il problema della maschera è il problema del rapporto tra essere e apparenza, tematica che il filosofo trova già elaborata nel pensiero di Schopenhauer: la maschera non è altro che il frutto dell inevitabile divergenza tra essere e apparire nella società. Confrontando diversi modelli di vita presente e passata, Nietzsche vede la vita presente caratterizzata dalla decadenza, intesa non come mancanza di bellezza, ma come assenza di unità stilistica, assenza di coerenza tra forma e contenuto. Per questo ad un osservatore la forma non può apparire che come travestimento. Il travestimento è qualcosa che non appartiene all uomo naturalmente, ma che si assume deliberatamente in vista di qualche scopo: nell uomo moderno questo travestimento viene assunto per combattere uno stato di paura e di debolezza. Tale paura ha radici specifiche nell eccesso di cultura storica e nell affermarsi del sapere scientifico: la finzione, nella sua accezione più generale, copre il dissimularsi e l escogitare finzioni utili quali i concetti scientifici ed è in ogni caso legata alla paura, alla insicurezza, alla lotta per l esistenza. Attraverso un triste umorismo, l eroe pirandelliano non trova rifugio neppure nella famiglia (al contrario di quella di Verga, infatti, qui il nucleo familiare porta spesso oppressione e decadimento) e neppure nell abbandono delle regole e delle convenzioni sociali, perché si rende immediatamente conto che, senza di esse, non è nessuno. Ne è un esempio Il fu Mattia Pascal, romanzo del 1904, in cui il protagonista, abbandonata la sua primaria identità, ne cerca una nuova, lontana dagli schemi e dalle costrizioni che alla fine risulterà comunque invivibile. 30

30 Alla ricerca dell eroe Autoritratto con sigaretta, E.Munch,1895 L Eroe quindi ha perso completamente il suo ruolo di guerriero eccezionale, perché il contesto in cui vive gli rende impossibile non solo l esito positivo delle sue azioni, ma egli fallisce prima ancora di aver intrapreso qualcosa.

31 Nessuna cosa gli avrebbe fatto più dolore quanto l esser da lei creduto un uomo comune Gabriele D Annunzio 32

32 Alla ricerca dell eroe L oltre uomo Tra Ottocento e Novecento si assiste ad una straordinaria diffusione e reinterpretazione del pensiero di Nietzsche, filosofo critico e provocatorio verso la società del suo tempo. Condannando i miti del progresso, egli esalta i valori della gioia di vivere e del corporeo, in cui la morale e leggi sociali hanno solo un aspetto negativo. Qui nasce la figura del Superuomo, ovvero colui capace di spingersi oltre tutte le repressioni morali, le contraddizioni e le lacerazioni in cui è costretto da tutta una tradizione di pensiero idealistico e cristiano, per raggiungere un livello di moralità superiore, in cui bisogna vivere ogni istante come se la morte non fosse sempre in agguato. In Italia il superuomo del filosofo tedesco è stato recuperato da Gabriele D Annunzio, che gli ha dato sembianze completamente nuove. Il mito del superuomo, infatti, dall immagine utopica e idealizzata che gli aveva dato Nietzsche adesso diventa semplice esaltazione dell individuo superiore a tutto, capace di liberarsi dalle catene della morale convenzionale, elevandosi sulla folla dei mediocri, senza la pretesa di volerli salvare dal grigiore del progresso. La vita, per il superuomo dannunziano, diventa arte pura, fine a se stessa, a cui ogni cosa, ogni istante, ogni gesto, ha il solo fine estetico. D Annunzio applica, in un modo tutto personale, le idee di Nietzsche alla situazione politica italiana. Ne parla per la prima volta in un articolo, La bestia elettiva, del 1892, e presenta il filosofo di Zarathustra come il modello del rivoluzionario aristocratico, come un uomo che piega ogni cosa che lo circonda al proprio progetto di affermazione, sia essa donna o macchina. In Forse che sì forse che no, infatti, il protagonista Paolo Tarsisi trova un nuovo strumento con il quale superare i limiti e ritrovarsi vicino a quel cielo che per Baudeleire, autore ottocentesco de I fiori del male, era il luogo sconfinato dove regnava l arte: Vivere ardendo e non bruciarsi mai Gabriele D Annunzio l aereo. Questo romanzo mostra come, nonostante D Annunzio ricerchi quella dinastia nobiliare surclassata dalla nuova borghesia popolare, aderisca completamente alle nuove scoperte della contemporaneità e fa muovere i suoi personaggi tra automobili, aeroplani, fucili. Così parlò Zarathustra è l opera che riassume il pensiero dell ultima fase intellettuale di Nietzsche. L opera è scritta secondo un modello che richiama lo stile del Nuovo Testamento, in cui Nietzsche prende congedo dal moralista e dallo psicologo e prende i toni di un profeta e di un lirico. Ma chi é Zarathustra, il folgorante profeta del superuomo? Egli é il senzadio per eccellenza, il sostenitore della teoria dell oltreuomo e dell eterno ritorno, colui che, dopo essersi allontanato dalla sua città e dopo averne passati 10 sui monti, in compagnia di se stesso e dei suoi amici animali, all età di 40 anni sente il bisogno di tornare in mezzo agli uomini per insegnare loro ad apprezzare il mondo terreno per quello che é, senza vivere aspettando un presunto mondo ultraterreno che non può che non esserci, senza più morale, senza più un Dio

33 Figura : Apollo e Dafne, Canova 34

34 Alla ricerca dell eroe In un Italia travolta dall onda dell interventismo, D Annunzio poteva essere l uomo del momento: Il pugnale votivo di Gabriele D Annunzio-Orazioni e messaggi fiumani ( ) di Giancarlo Lancellotti per la prima volta raccoglie gli scritti e le orazioni che hanno costellato l impresa di Fiume15 (settembre dicembre 1920), che Mussolini guarda da lontano, con apprensione e diffidenza: un eventuale successo avrebbe lanciato una volta per tutte il Comandante nel firmamento della politica italiana. Mio caro compagno, il dado è tratto! Parto ora. Domattina prenderò Fiume con le armi. Il Dio d Italia ci assista. Mi levo dal letto, febbricitante. Ma non è possibile differire. Anche una volta lo spirito domerà la carne miserabile. Sostenete la causa vigorosamente, durante il conflitto. Vi abbraccio, Gabriele D Annunzio 11 settembre Così Gabriele D Annunzio scriveva a Benito Mussolini: iniziava l impresa di Fiume. D Annunzio riesce ad organizzare un gruppo di spedizione composto da circa 1000 uomini. Il 12 settembre 1919 i soldati e D Annunzio entrano in fiume. Il generale Pittaluga favorì l avanzata nella città facendo strada all esercito. Il successo è immediato in quanto le truppe alleate non si oppongono agli uomini e sgombrano il territorio. Il 20 settembre dello stesso anno, D Annunzio si dichiara comandante della città di Fiume ed il 16 ottobre dichiara fiume piazzaforte in tempo di guerra. Il 26 ottobre D Annunzio esce vincitore dal plebiscito fiumano dove su 7155 votanti, 6999 furono a suo favore. Spronato dal successo, il poeta propone a Mussolini l idea della marcia su Roma, ma quest ultimo lo dissuade dall idea perchè il suo progetto segreto era quello di essere il solo protagonista della marcia e non di venire subordinato al poeta che, dopo l impresa fiumana, aveva riscosso molto più successo di lui. Gli alleati presero posizioni piuttosto moderate cercando di allertare il governo circa le conseguenze della presa della città, mentre Nitti si limitò a contrattare con D Annunzio attraverso negoziati pacifici. Per la vigilia delle elezioni D annunzio sbarca a Zara, senza essere eccessivamente intralciato dagli alleati e, dopo averla occupata, lascia un piccolo contingente di soldati a presidiarla. Quando gli italiani vanno alle urne ignorano le ultime imprese di D Annunzio, perchè il governo blocca la notizia attraverso la censura, credendo ed avendo paura che l ultima impresa militare possa cambiare il corso della consultazione. Nelle elezioni del 1919 i fascisti vengono sconfitti e nel 1920 Giolitti sostituisce Nitti. In questo stesso anno D Annunzio è costretto a chiudere definitivamente l impresa fiumana. Il 12 novembre, dopo una riunione degli alleati, Fiume viene dichiarato stato indipendente e la città di Zara passa all Italia ad eccezione della Jugoslavia e della Dalmazia. Questo segna la fine della gratitudine dell esercito e della marina italiana nei riguardi del poeta soldato. Nel periodo natalizio Enrico Caviglia libera Fiume e risponde alle minacce di D Annunzio facendo fuoco sul palazzo del governo. Il Vate è costretto ad andarsene seguito dai suoi legionari. Indossano una divisa che in seguito diverrà un simbolo: camicia nera sotto il grigioverde e fez nero. Ma mentre l Italia scendeva in guerra, in D Annunzio la letteratura prende il sopravvento sulla politica e lo allontana dal quadro pubblico del tempo. Un esempio riportato da Lancellotti cita la modifica del «Bollettino Ufficiale», che da freddo rapporto burocratico diventa uno scritto quasi letterario, sottolineando ancora l immensa importanza che il poeta dava allo stile e al lessico. Alla fine D Annunzio, ricorda ancora Lancellotti, si chiude e si compiace forse della sua reclusione al Vittoriale. Ogni tanto riemergerà con incontri e interventi nei confronti del rivale Mussolini, come per opporsi, a Verona nel settembre del 1937, al prossimo patto d acciaio tra Mussolini e Hitler. Dopo essere stato trattato freddamente

35 da Mussolini, Gabriele D Annunzio se ne ritorna al Vittoriale affranto e angosciato, consapevole che la sua amata Italia sta andando verso la rovina. Il vate morirà il primo marzo 1938, per emorragia cerebrale, ma c è anche chi sospetta che la sua cameriera, Emy Heufler, che subito dopo la morte di D Annunzio andrà al servizio di Ribbentrop, ministro degli Esteri della Germania nazista, abbia avuto il compito di affrettare il suo declino o la morte, a causa della sua manifesta ostilità nei confronti del nazismo. In ogni caso, ha vissuto cercando in tutti i modi di essere l eroe dei suoi romanzi. Da un pubblico genovese scatta fuori anche questo. Ma tu canti gli Eroi come Omero Sono forse un Omero motorizzato poiché le sue divinità facevano azzuffare i popoli perché i poeti avessero qualcosa da cantare. Ora pregano Iddio artista degli artisti moltiplicatore di eroi mirabili al punto di fare della parola Italia la più bella parola di tutte le lingue e di vincere la mia aeropoesia registratrice di soldati gloriosi» F.T.Marinetti. A 300 km dalla città, Dottori 36

36 Alla ricerca dell eroe L EROE SOLDATO Abbagliato dalla gloria che la Grande Guerra pareva portare, l Eroe presto esce sempre di più dalle pagine scritte per venire a far parte della realtà quotidiana. E probabilmente in questo periodo che la figura dell eroe acquista il significato che troviamo nella prima voce del vocabolario: persona che dimostra grande coraggio e si sacrifica per gli altri. Proprio adesso, infatti, gli uomini sono costretti a trasformarsi in soldati e poi in eroi per la patria, per la famiglia, per ideali che a volte sentono propri e a volte non sentono proprio. L Eroe ritorna ad avere le sembianze dei semidei greci, anche se il modo di fare la guerra è cambiato e la morte non è più un ultimo estremo atto di gloria. fotografia di soldati inglesi

37 Nonostante i pareri contrastanti sull effettiva spinta eroica dei soldati delle guerre mondiali (molti si chiedono, infatti, se essi non siano semplicemente stati vittime dei fini politici ed economici dei potenti), non si può negare il loro coraggio. Delfino Borroni, l ultimo rappresentante della Seconda Guerra mondiale, morto nel 2008 a 110 anni, ha raccontato ad un intervista al Corriere della Sera poco prima della sua morte: Delfino Borroni Se non è eroismo questo Caporetto è stato il posto peggiore che ho visto durante la guerra. La vita in trincea era terribile. Il freddo, la fame, il rombo delle granate, poi c erano gli attacchi con il gas. Quando pioveva, poi, si aveva la tentazione di dormire, ma quello era il momento in cui un attacco era più facile, allora il capitano passava, con indosso il suo cappello nero e ci urlava di stare all erta. Una sera dei soldati del suo battaglione fuggirono dall accampamento per andare a trovare le loro mogli, che vivevano in un paese lì vicino. Furono scoperti e mandati davanti al plotone d esecuzione, ma noi compagni impedimmo la loro morte urlando allora ammazzateci tutti, perché tanta era la nostalgia delle nostre famiglie Delfino Borroni 38

38 Alla ricerca dell eroe Figura : La città che sale (il lavoro), Boccioni, 1910 Da quando ho imparato a camminare mi piace correre. F.W. Nietzsche Portavoce di questo nuovo eroe-soldato degli inizi del Novecento è sicuramente il movimento Futurista, il cui padre fondatore, Filippo Tommaso Marinetti, delinea un personaggio simbolo della filosofia futurista nel suo romanzo Mafarka le futuriste, roman africain. Scritto e pubblicato per la prima volta presso la casa editrice francese Sansot, nel 1909, portò l autore a subire un processo a causa di alcune descrizioni provocatorie ed esagerate. Infatti, nell opera Marinetti crea il re di Tell-el-Kibir, Mafarka-el-Bar, per riproporre alcuni dei punti elencati nei suoi manifesti, come la glorificazione della guerra, il disprezzo per il sentimentalismo, l inferiorità della donna, la guerra come sola igiene del mondo Tutta la storia ruota attorno alle gesta eroiche del sovrano, il cui scopo principale è di raggiungere quella soglia del superomismo fisico e spirituale decantata da Nietzsche, finché, alla morte improvvisa del fratello, egli non rinuncia al trono e intraprende un viaggio in mare per consegnare la salma ai genitori. Di ritorno da questo viaggio purificatore, Mafarka sarà un uomo nuovo, con uno scopo nuovo: creare, attraverso la propria volontà, un figlio, Gazurmah. Egli è l archetipo dell immaginario marinettiano: il fisico d acciaio e le ali lo rendono il simbolo del

39 movimento, mentre il fatto di essere immortale lo pone al di sopra della natura. La prima cosa che farà, infatti, è alzarsi in volo e prendere il posto del sole, diventando così un dio. Così la grande speranza del mondo, il gran sogno della musica totale, si realizzava finalmente nelle ali di Gazurmah...Il volo di tutti i canti della terra si sublimava nel loro ampio remeggiare ispirato!... Divina brama della Poesia! Desiderio di fluidità! Nobili consigli dei fumi e delle fiamme!... E Gazurmah saliva. La melodia esaltante e soave delle sue ali aranciate aveva ammansato uno stormo di condor, che lo seguiva pel cielo, lunga sciarpa continuamente annodata e snodata... Mafarka il Futurista, Marinetti I manifesti del Futurismo Manifesto del Futurismo (Pubblicato da Le Figaro il 20 Febbario 1909) Marinetti Uccidiamo il Chiaro di luna (Aprile 1909 ) Marinetti Manifesto dei Pittori futuristi (11Febbraio 1910)Boccioni, Carrà, Russolo, Balla e Severini La pittura futurista - Manifesto tecnico (11Aprile1910)Boccioni, Carrà, Russolo, Balla e Severini Contro la Venezia passatista (27Aprile 1910) Marinetti, Boccioni, Carrà, Russolo Manifesto dei Musicisti futuristi (11Gennaio 1911)Pratella La musica futurista-manifesto tecnico (29 Marzo 1911) Pratella Manifesto della Donna futurista (25 Marzo 1912) Valentine de Saint-Point Manifesto della Scultura futurista (11Aprile 1912) Boccioni Manifesto tecnico della Letteratura futurista (11 Maggio 1912) Marinetti L arte dei Rumori (11 Marzo 1913) Russolo L immaginazione senza fili e le Parole in libertà (11 Maggio 1913) Marinetti L Antitradizione futurista (29 Giugno 1913) Guillaume Apollinaire La pittura dei suoni, rumori e odori (11Agosto 1913) Carrà Pittura e scultura futuriste (1914) Boccioni Manifesto dell Architettura futurista (1914) Sant Elia Il teatro futurista sintetico (1915) Carrà, Settimelli, Marinetti La ricostruzione futurista dell universo (1915) Balla, Depero La Scenografia futurista (1915) Prampolini Manifesto del cinema futuristi(1916) Marinetti, Corra, Settimelli, Ginna, Balla,Chiti Manifesto della danza futurista (1917) Marinetti Manifesto del partito futurista italiano (1918) Marinetti Futurismo e Fascismo (1924) Marinetti Manifesto dell Aeropittura (1929) Marinetti 40

40 Alla ricerca dell eroe L EROE SENZA ARMATURA Allora, il buon Medardo disse: _O Pamela, questo è il bene dell essere dimezzato: il capire d ogni persona e cosa al mondo la pena che ognuno e ognuna ha per la propria incompletezza. Io ero intero e non capivo, e mi muovevo sordo e incomunicabile tra i dolori e le ferite seminati dovunque, là dove meno da intero uno osa credere. Non io solo, Pamela, sono un essere spaccato e divelto, ma tu pure e tutti. Ecco ora io ho una fraternità che prima, da intero, non conoscevo: quella con tutte le mutilazioni e le mancanze del mondo. Se verrai con me, Pamela, imparerai a soffrire dei mali di ciascuno e a curare i tuoi curando i loro Italo Calvino Italo Calvino si pone nel mondo dei creatori di eroi in modo alquanto nuovo: mettendo da parte l ineluttabile fallimento dell eroe contemporaneo, egli cerca di ricrearne uno nuovo, ma più vero e razionale, lontano dai gesti grandiosi eppure significativi. Ne Il barone rampante, infatti, il protagonista Cosimo Piovasco di Rondò, per sfuggire alle provocazioni del padre, decide di vivere sugli alberi, solo, in una condizione che all apparenza porterebbe solo all esclusione sociale, ma che in verità permette una più completa visione delle cose e della vita. Una realtà razionale e giusta, che può essere realizzata solo osservando le cose dall esterno, non ha bisogno di eroi. Il cavaliere inestente, Arzan

41 Ma è con Il cavaliere inesistente che Calvino rappresenta pienamente l uomo moderno nella sua impossibilità di esistere, di essere vero, autentico: recuperando l epopea cavalleresca di Agilulfo, l autore ci presenta in modo ironico un eroe che altro non è che una un idea astratta, un affascinante, coraggiosa ed allettante armatura di niente, perché ricca di virtù ma priva di tutti quei difetti che rendono gli uomini tali. Come gli uomini moderni rinchiusi in leggi morali e città grigie, l eroe inesistente non è altro che un armatura abbagliante al cui interno non c è nulla e perciò non è più un eroe, ma solo parole vane. Ecco che Calvino sembra trasformare gli altri personaggi, più rozzi, più umani, negli eroi autentici. Pubblicato nel 1959, Il cavaliere inesistente fa parte della trilogia I nostri Antenat i, assieme il barone rampante e Il visconte dimezzato. Questo racconto vuole in realtà rappresentare una realtà sociale, cioè la conquista dell essere, oggi divenuta molto difficile visto tutti i modelli che ci vengono proposti. Agilulfo che in verità era vuoto rappresenta la società di oggi, in cui l uomo è sempre più vuoto, più superficiale e attaccato alle cose frivole come se fosse privo di qualcosa: ma non di qualcosa di piccolo ed insignificante ma probabilmen- Icaro, Matisse, 1944 te quello che si va sempre più dimenticando sono i valori fondamentali e basilari come lo può essere importante e basilare un corpo per un cavaliere. Calvino, grazie alla completa padronanza del linguaggio, ha saputo rendere piacevole e scorrevole l intero racconto. 42

42 Alla ricerca dell eroe Imparerà anche lui...neppure noi sapevamo d essere al mondo..anche ad essere si impara. La Sfida del Corpo dovrebbe aver dimostrato a ognuno di voi che la mente controlla il corpo. Il corpo può continuare ad andare fintanto che la mente è forte. Una volta che ne avete la consapevolezza, non ci sono limiti a ciò che potete raggiungere. L impossibile diviene possibile, se soltanto la mente ci crede. dal libro La via della spada. Young samurai di Chris Bradford

43 L EROE SAGGIO foto da il codice segreto dei samurai 44

44 Alla ricerca dell eroe Uno sguardo verso Oriente Nel giapponese moderno, il termine che esprime il concetto di eroe è eiyu, la cui denominazione sarebbe: Individuo che eccelle nelle arti letterarie e militari, dotato di straordinarie facoltà e per questo in grado di compiere imprese fuori dal comune. Già dal linguaggio è possibile notare come l Eroe nipponico differisca per certi aspetti da quello occidentale: egli, infatti, deve avere una grande competenza di arti militari come anche nelle arti letterarie, che sono considerate inscindibili e necessarie per lo sviluppo del guerriero. Quello che appare dall analisi di una delle leggende più importanti del Giappone classico, Yamato Takeru, considerato l eroe per eccellenza, è la figura di un eroe diverso. Al contrario degli eroi della tradizione occidentale, che sono quasi sempre vincenti, quello giapponese spesso prova una certa simpatia per la sconfitta, andando incontro ad una morte inevitabile e dignitosa pur di contrapporre la loro purezza alla condotta eticamente scorretta che in realtà lo condurrebbe al successo. Il principe Yamato, figlio dell imperatore Keiko nel IV secolo d.c., compie gesti estremi ed efferati, che lo costringeranno a stare lontano dalla famiglia e dalla società (egli, infatti, in un impeto di rabbia, ucciderà il gemello e lo taglierà a pezzi, destinandosi ad un futuro di lotte continue e solitudine). Solo verso la fine della sua vita si rende conto della sua mancanza di rispetto nei confronti del padre e della famiglia e diventerà effettivamente un eroe solo dopo la morte. Ma non si può comprendere a fondo il valore della morte nella vita dell eroe orientale senza introdurre il concetto di on. Esso è alla base della società giapponese ed identifica principalmente un obbligo, un debito che si ha verso qualcuno. Samurai, Rodolfotroll

45 Senza addentrarci in una filosofia sociale piuttosto complessa, l on è il concetto chiave che lega qualsiasi legame interpersonale, in particolar modo quando da questo debito ne va dell onore stesso. L esagerazione della concezione dell on si ha con la creazione delle virtù che i Samurai dovevano possedere a tutti i costi. Ritenuti gli eroi più fedeli e forti del Giappone, la storia dei Samurai è racchiusa in una singola vicenda avvenuta nel periodo Edo ( ), conosciuta come l episodio dei Quarantasette Ronin. Ma il testo più famoso è sicuramente l opera di Yamamoto Tsunetomo, Hagakure, in cui il samurai fa trascrivere ad un suo allievo i pensieri e le massime più importanti della filosofia di questa classe di guerrieri. Benchè Tsunemoto avesse espressamente ordinato che il volume venisse bruciato dopo la sua morte, esso divenne il testo fondamentale dell etica segreta marziale. Solo nel 1906 divenne pubblico, tanto che alle soglie della In sintesi, la storia dei Quarantasette Ronin parla degli uomini del guerriero Asano (ucciso per non aver portato un dono al suo signore) che, dopo aver atteso per due anni, pianificando l attacco, lo vendicarono uccidendo il cortigiano e tutti i suoi discendenti maschi. Nonostante avessero seguito i precetti del bushidō vendicando il loro padrone e la loro impresa fosse stata vista con forte approvazione dai nobili di corte, 46 dei 47 rōnin vennero a loro volta obbligati a commettere seppuku per aver sfidato l autorità imperiale. Il più giovane di loro, Terasaka Kichiemon, invece ricevette l ordine di rimanere in vita per continuare a fare con regolarità le offerte in favore degli spiriti degli altri condannati, poiché solo uno dei quarantasette rōnin era abbastanza valoroso da essere degno di farlo. La vicenda, che si è svolta tra la prima metà di marzo del 1701 (Asano commetterà seppuku il 14) ed il quattro febbraio del 1703 (anno in cui i ronin saranno costretti dal bakufu, il governo, ad uccidersi), ha ispirato un gran numero di racconti e rappresentazioni di teatro Kabuki, la più nota delle quali è il Chushingura. Gli uomini di Asano divennero eroi popolari, incarnando lo spirito del bushidō e furono in ogni tempo oggetto di un vero e proprio culto. Poiché la parola rōnin ha, nel linguaggio comune, una valenza spregiativa, i protagonisti della vicenda sono designati come Quarantasette gishi (uomini retti). Il loro leader, Oishi Kuranosuke, è rappresentato da una statua bronzea posta nel 1921 all entrata del tempio Sengakuji di Tokyo, cioè nel luogo in cui si compì il loro destino e in cui si trovano le loro tombe[1]. Ogni anno sulla tomba i giapponesi arrivano da tutta la nazione per deporre dei fiori in ricordo del loro eroico sacrificio. Grazie al cinema, al teatro e alla letteratura questa vicenda è diventata popolare in tutto il mondo, caratterizzando in se stessa il vero spirito del bushidō (un interpretazione in chiave moderna è il film Ronin, con Robert De Niro). Un interpretazione comica dei fatti si trova anche in Il tesoro di Kira, un episodio della seconda serie di Lupin III. 46

46 Alla ricerca dell eroe Guerra Mondiale venne strumentalizzato per indurre il popolo alla cieca obbedienza, alimentando il fanatismo dei giovani arruolati nel corpo speciale dei kamikaze. Quando Nakano Takumi era in punto di morte, la sua casa intera si raccolse intorno a lui ed egli disse: <<Tre sono le regole che il samurai deve rispettare: obbedire alla volontà del daimio, essere forte e sempre pronto a morire. (VIII, 70) La morte, infatti, era per i samurai un atto di volontà, un grande gesto di onore per l animo nobile. Si legge nel libro: Su queste basi l antropologa Ruth Benedict rivolse particolare attenzione agli aspetti della società giapponese connessi con l idea della guerra. Nel suo libro Il crisantemo e la spada, quando durante la Seconda Guerra Mondiale l America si ritrovò a dover raccogliere informazioni per poter conoscere l estraneo e sconosciuto nemico che era il Giappone, Bededict sottolinea come il fine principale della potenza nipponica fosse di imporre i propri canoni di vita a tutte le altre nazioni e il loro concetto secondo il quale la materia non è necessaria ma subordinata allo spirito li abbia portati ad avere l arma più potente di cui un esercito potesse disporre: un grandioso spirito di sacrificio. I piloti suicidi chiamati kamikaze e denominati dai soldati americani come baka bomb (bomba idiota)erano conosciuti dai giapponesi con la definizione Oka. Questo nome evoca i fiori di ciliegio, simbolo di purezza ed evanescenza. Piloti suicidi giapponesi impiegati nella seconda guerra mondiale dall ottobre 1944 all agosto La strategia degli attacchi suicidi con aeroplani destinati a schiantarsi sulle navi statunitensi fu decisa dal viceammiraglio Oonishi Takijirou, comandante del 1 Kokukantai (Prima Flotta Aerea). Nella riunione del 19 ottobre 1944 a Mabalacat (Filippine), fu stabilita la formazione dello Shinpuu tokubetsu kougekitai (Gruppo speciale d assalto vento divino). Il nome kamikaze (vento divino) fu attribuito in ricordo della tempesta, così chiamata, che nel XIII secolo spazzò via la flotta d invasione di Kubilai Khan. La grave decisione fu adottata a causa delle pessime condizioni in cui versavano le forze nipponiche. Dopo la sconfitta a Leyte (Filippine) e il fallimento dell operazione Shou (vittoria), l inferiorità in mezzi, rifornimenti e uomini era netta. Ogni attacco aereo era destinato al fallimento, il velivolo sarebbe stato abbattuto dai caccia avversari o dalla contraerea. Perciò si decise di continuare a combattere a costo del sacrifico supremo. Molti piloti accettarono con entusiasmo la scelta di continuare la lotta con questo mezzo estremo, e tanti furono anche i volontari. Gli attacchi kamikaze furono dal punto di vista militare un fallimento. Infatti i danni recati al nemico furono limitati e mai decisivi. Ma dal punto di vista morale essi furono impressionati. Gli americani rimasero stupefatti nel constatare la determinazione del nemico, e per ovvie ragioni culturali avvertirono come disumana quella strategia di guerra. Combattere contro un nemico che non si comprendeva rendeva tutto ciò destabilizzante. Oggi i nomi dei piloti kamikaze sono conservati nello Yasukuni Jinja, un tempio shintoista di Tokyo. Le visite al tempio di alcuni premier giapponesi (come quelle di Nakasone nel 1985 e di Koizumi nel 2001) sono state oggetto di aspre critiche. Ma si deve ricordare che i kamikaze sacrificarono le loro vite per il Giappone, non contro qualcosa e qualcuno, oppure a favore di una classe politica, ma per l intero paese.

47 copertina di Kamikaze, l epopea dei guerrieri suicidi, L.v.Arena I fiori di ciliegio selvatico- spiegava un ufficiale volontario in una di queste unità dispiegano il loro splendore, poi perdono i petali senza rimpianti: è così che noi dobbiamo prepararci a morire, senza rimpianti. Nonostante gli alleati vedessero in Hagakure-il libro segreto dei samurai la causa del militarismo dei soldati giapponesi e bruciarono migliaia di copie al termine dello scontro mondiale, non si può negare quanto la figura letteraria dell eroe giapponese sia vissuta e viva in stretta identificazione con il suo reale popolo: il samurai è stato certamente cancellato dalla sua elevazione sociale, pur vivendo nella quotidianità vera. 48

48 Alla ricerca dell eroe Infatti, come è accaduto in Occidente, questo eroe si è ritrovato a scontrarsi con una società massificata e materialista dove non c è più spazio per l onore. Ultimo atto di un moderno samurai quale Mishima Yukio è stato appunto il suicidio rituale, l urlo più efficace per testimoniare l esistenza di un valore più alto persino della vita, in una vita dove non esistono più ideali. Per questo ultimo eroe di un era passata, il suicidio era l ultimo atto di libertà che richiamava gli antichi valori giapponesi. Ma in verità non si è dimostrato altro che un nuovo volto dell autodistruzione moderna. Yukio Mishima è stato uno scrittore, drammaturgo, patriota e artista marziale giapponese. Con la sua tragica morte avvenuta in diretta televisiva nel 1970 all età di quarantacinque anni (data studiata e ponderata accuratamente), con il suicidio rituale (seppuku), durante l occupazione simbolica del ministero della difesa, suggellò la conclusione insieme della sua vita e della sua vicenda letteraria. La sua uscita di scena era stata organizzata con lucidità e freddezza. Uscendo dal suo studio per andare incontro all epilogo della sua vita lascia un biglietto in cui era scritto «La vita umana è breve, ma io vorrei vivere per sempre». Tuttavia è necessario ed indispensabile ricordare che la morte ha sempre ossessionato Mishima durante tutta la sua vita, un ossessione che si riflette chiaramente nelle sue opere.

49 L EROE OGGI locandina del film 300, Zack Snyder 50

50 Alla ricerca dell eroe Allyson Felix

51 locandina del film Scontro tra Titani, di Louis Leterrier E oggi dove sono gli Eroi? L antropologo francese Marc Auge, specializzato in miti e comportamenti della contemporaneità, è convinto che gli eroi siano tornati. E un eroe che sceglie il dovere e l anonimato. Non cerca sesso e potere, né celebrità e successo. Ciò che motiva la sua scelta è il desiderio di ritrovarsi dalla parte dell azione, in nome di valori e ideali. In lui ritroviamo due elementi: il sacrifico e la redenzione La differenza sostanziale che Augé sottolinea tra l eroe moderno e quello del passato è il fatto che il primo non cerca di superare limiti naturali, né si vuole porre al di sopra della massa, ma anzi tenta in tutti i modi di essere normale. Come protagonisti del cinema o gli sportivi, i nuovi eroi sono effimeri e momentanei, hanno perso la loro immortalità. Viviamo in un periodo poco epico, senza grandi progetti. E l universo mediatico funziona come una nuova cosmologia, al cui interno si muovono personaggi eroici di tutti i tipi e per tutti i gusti, dal militante all artista allo scienziato, l importante però è che esistano e che, la nostra società ne ha bisogno crescente 52

52 Alla ricerca dell eroe Wu Ming (per esteso: Wu Ming Foundation) è un collettivo di scrittori provenienti divenuto celebre con il romanzo Q. A differenza dello pseudonimo aperto Luther Blissett, Wu Ming indica un preciso nucleo di persone, attivo e presente sulle scene culturali dal gennaio del Il gruppo è autore di numerosi romanzi, tradotti e pubblicati in molti paesi, autodefinitesi parte del corpus (o nebulosa ) del New Italian Epic. Il gruppo ha riassunto questa impostazione in un motto: Trasparenti verso i lettori, opachi verso i media. Ecco come Wu Ming 1 ha spiegato la posizione del gruppo in un intervista del 2007: «Una volta che lo scrittore diventa un volto separato e alienato (nel senso letterale), comincia una ridda cannibalica, quel volto appare ovunque, quasi sempre a sproposito. La foto testimonia la mia assenza, è un vessillo di distanza e solitudine. La foto mi blocca, congela la mia vita in un istante, nega il mio trasformarmi in qualcos altro, il mio divenire. Divento un personaggio, un tappabuchi per impaginazioni frettolose, uno strumento che amplifica la banalità. Al contrario la mia voce, con la sua grana, con i suoi accenti, con la sua dizione imprecisa, le sue tonalità, ritmo e pausa, tentennamenti, è la testimonianza di una presenza anche quando non ci sono, mi porta vicino alle persone, e non nega il mio divenire perché è una presenza dinamica, mossa, tremolante anche quando sembra ferma». un immagine dal sito italiano della WU MING FOUNDATION

53 Mai come oggi, infatti, eroi mitici e supereroi riprendono vita grazie al cinema e alla televisione: i protagonisti dei romanzi prendono vita sullo schermo ed entrano nelle nostre case con un volto, un corpo, un espressione ben definita, forse impoverendo il potere della fantasia, ma comunque diventandoci più familiare, più vicini. Difatti, per muovendosi in trame e spazi legati al fantasy o all epica da cui nascono, i nuovi eroi hanno perso la sicurezza che li rendeva tali, che li rendeva più simili agli dèi. Oggi l Eroe ha sceso definitivamente le scale che lo ponevano accanto alle divinità, per diventare una persona comune, spesso con difetti ben superiori alla media. copertina fumetto I vendicatori, Marvel Afferma il sociologo Phillipe Corcuff, nel suo saggio Una società di vetro: Si sta delineando un eroismo che di Achille, più che la spada, fa suo il tallone 54

54 Alla ricerca dell eroe Sceso dall olimpo degli eroi, questo nuovo personaggio acquista infatti tratti sempre più ambigui, come dimostrano gli innumerevoli romanzi dai tratti gotici e grotteschi. Nel suo articolo sulla letteratura moderna, pubblicata il 26 dicembre 2009 sul web, Leonardo Guzzo scrive riguardo a vampiri e pirati, i nuovi protagonisti dell immaginario collettivo. Vi sembrano davvero creature fantastiche? Quanto sono estranei, o piuttosto incredibilmente vicini, al mondo che ci circonda? Non è proprio l ambiguità il tratto caratteristico di questa nostra epoca, sospesa tra cinismo distruttivo e promesse incompiute, prigioniera del vorrei ma non posso o, peggio, del potrei ma non voglio? Nati come trappole acchiappa-lettori, pirati e vampiri diventano ingegnose, e forse involontarie, metafore dei tempi, simboli disumani di una umanità in crisi. Altro che fantasia: nella tortuga delle guerre invisibili e dei guasti climatici, del precariato e del disagio sociale, della giustizia ingiusta e della politica gridata, nel crepuscolo dell insicurezza, dell indecenza, dell ipocrisia pirati e vampiri siamo un po tutti. Ne L eroe imperfetto di Wu Ming4 l autore (gli autori) ci presenta un eroe in crisi ma necessario, che si rivela più utile proprio nei momenti in cui non sembra essere necessario. E mai più di oggi ritengo che le persone abbiano un estremo bisogno di eroi nuovi, di eroi che forse dovrebbero appartenere più alla Morale dei signori che a quella degli schiavi, per citare ancora una volta Nietzsche: persone normali, con problemi normali, che però decidono di tentare qualcosa di nuovo per il bene di molti. La morale dei signori privilegia i valori dell individualismo e del disinteresse, della fierezza e dell orgoglio, della volontà di potenza e della generosità. La morale degli schiavi è invece una morale sociale ed utilitaristica, interamente sospettosa e diffidente, che sul piano individuale predica l umiltà e il rispetto delle forme, e sul piano sociale la democrazia e il socialismo. Ognuno di noi è un eroe tutti i giorni, perché ci vuole coraggio per vivere e per scegliere. Ci si può consolare leggendo libri, fumetti, guardando film, ma credo che troppo spesso finzione e realtà si trovino a coincidere e così a confondere le idee: si sente sempre più spesso dire che siamo un unico grande popolo, dove non esistono più barriere e limitazioni grazie alle comunicazioni, eppure siamo sempre più distanti dalla realtà vera. E bello sentire che, accanto ai calciatori, alle modelle, ai cartoni animati, i bambini dicano che i loro eroi possono essere figure come Gandhi, Martin L. King, Mandela Perché gli eroi dei romanzi possono anche nascere nella realtà, ma sta a noi aiutarli a diventare tali. Sono proprio contento che quello di domani sarà un eroe non mitologico, ma uno che, pur avendo coscienza della finitezza umana, non rinuncerà a mettersi in gioco. Per sé e per gli altri Conclude Augé: Speriamo di non attendere troppo questo nuovo eroe.

55 Bibliografia Amleto, Shakespeare, Biblioteca ideale Giunti Ultime lettere di Jacopo Ortis, Foscolo, Biblioteca ideale Giunti Siddharta, Hermann Hesse, Piccola Biblioteca 32, ADELPHI Il cavaliere inesistente, Italo Calvino, Oscar Mondadori junior Il barone rampante, Italo Calvino, Biblioteca dei ragazzi L eroe tragico moderno, Agostino Lombardo, Donzelli editore La comunicazione filosofica-il pensiero contemporaneo, Domenico Massaro, edizione paravia Letture e lettori-antologia italiana per il biennio, Franca Gavino Olivieri, casa editrice G.Principato Hagakure-il libro segreto dei samurai, Yamamoto Tsunetomo, oscar mondadori Storia della letteratura italiana-dalle origini a Dante, diretto da Enrico Malato, Piccola Biblioteca del Sole 24 ore Lezioni spirituali per giovani samurai,yukio Mishima Milano, Feltrinelli, 1990, pag La Divina Commedia, Dante Alighieri, Principato Manuale di Letteratura, volume 2-3, Romano Luperini, Pietro Cataldi, Lidia Marchiani, Franco Marchese, G.B. Palumbo editore Antologia della letteratura italiana-parte seconda A.Gianni, M. Balestreri, A. Pasquali, casa editrice G. D Anna Il pugnale votivo di Gabriele d Annunzio. Orazioni e messaggi fiumane, Giancarlo Lancellotti Sitografia Chi sono i Kamikaze, articolo on line della dottoressa Simonetta Costanzo Aspetti socio-culturali dell eroismo in Giappone, di Capocelli Mirko Mario Frasi e Aforismi, PensieriParole annunzio. Net Doc.studenti.it>l orlandofurioso Balbruno.altervista.org-ludovico ariosto Google immagini

56 Alla ricerca dell eroe Indice 1. Per cominciare....pag L Eroe divino....pag.3 3. L Eroe cavaliere...pag.7 4. L Eroe addolorato.....pag L Eroe sconfitto... pag Il Non-eroe... pag L Oltre-uomo... pag L Eroe soldato....pag Eroe senza armatura....pag L Eroe saggio: uno sguardo verso Oriente pag L Eroe oggi... pag Bibliografia e Sitografia..... pag.56

57 58

58 E mai più di oggi ritengo che le persone abbiano un estremo bisogno di eroi nuovi, di eroi che forse dovrebbero appartenere più alla Morale dei signori che a quella degli schiavi, per citare Nietzsche: persone normali, con problemi normali, purchè decidano di tentare qualcosa di nuovo per il bene di molti. Ognuno di noi è un eroe, tutti i giorni, perché ci vuole coraggio per vivere e per scegliere.

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI LETTERA AI CERCATORI DI DIO

CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI LETTERA AI CERCATORI DI DIO CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA COMMISSIONE EPISCOPALE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, L ANNUNCIO E LA CATECHESI LETTERA AI CERCATORI DI DIO Presentazione Questa Lettera ai cercatori di Dio è stata preparata

Dettagli

Parte Terza Tra Settecento e Ottocento

Parte Terza Tra Settecento e Ottocento Parte Terza Tra Settecento e Ottocento Introduzione PANORAMICA STORICO-CULTURALE Capitolo Primo I GENERI LETTERARI GLI AUTORI MINORI GLI STRANIERI Capitolo Secondo I GRANDI AUTORI Introduzione PANORAMICA

Dettagli

Il vero, i vinti e il dramma attraverso gli occhi di un narratore impersonale

Il vero, i vinti e il dramma attraverso gli occhi di un narratore impersonale Hugvísindasvið Il vero, i vinti e il dramma attraverso gli occhi di un narratore impersonale Analisi della teoria letteraria Verismo e la sua rappresentazione in quattro novelle di Giovanni Verga Ritgerð

Dettagli

una carezza per l anima

una carezza per l anima una carezza per l anima l amore e la saggezza delle guide per manifestare la tua essenza stazione celeste Caro Lettore, Questo è un dono per te, si tratta di un libretto speciale. Abbine cura perché contiene

Dettagli

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21

LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA. Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi. Gv 20,21 LUCIANO MONARI VESCOVO DI BRESCIA Come il Padre ha mandato me, anch io mando voi Gv 20,21 LETTERA PASTORALE PER L ANNO 2013-2014 LUCIANO MONARI vescovo di brescia Come il Padre ha mandato me, anch io

Dettagli

Tornare. i n n a m o r a rs i

Tornare. i n n a m o r a rs i Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XIII n 2/2009 ad Tornare i n n a m o r a rs

Dettagli

ALLA RICERCA DI SE La sintesi degli opposti come processo dinamico

ALLA RICERCA DI SE La sintesi degli opposti come processo dinamico GIGLIOLA ZANETTI ALLA RICERCA DI SE La sintesi degli opposti come processo dinamico La via più breve per giungere a se stessi gira intorno al mondo Hermann Keyserling Sono una matita nelle mani di Dio

Dettagli

Percorso a schede sul dialogo interreligioso

Percorso a schede sul dialogo interreligioso Percorso a schede sul dialogo interreligioso Pubblicazione a cura della Fondazione Centro Astalli - Onlus Via del Collegio Romano, 1 00186 Roma Tel. 06 69925099 fax 06 69782898 e-mail: astalli@jrs.net

Dettagli

LE FATICHE DI ERCOLE

LE FATICHE DI ERCOLE LE FATICHE DI ERCOLE di Alice A. Bailey Opere di Alice A. Bailey Iniziazione Umana e Solare Lettere sulla Meditazione Occulta La coscienza dell atomo Trattato sul Fuoco Cosmico La Luce dell Anima L Anima

Dettagli

Fabio Murgia L ESSERE. Tesina d esame di maturità Anno scolastico 2013-2014 Liceo scientifico A. Volta, Ghilarza

Fabio Murgia L ESSERE. Tesina d esame di maturità Anno scolastico 2013-2014 Liceo scientifico A. Volta, Ghilarza Fabio Murgia L ESSERE Tesina d esame di maturità Anno scolastico 2013-2014 Liceo scientifico A. Volta, Ghilarza «Be as different as you want to be». Jared Leto In copertina Il frontespizio è una ripresa

Dettagli

Appunti su. I promessi sposi. a cura di Pietro Genesini

Appunti su. I promessi sposi. a cura di Pietro Genesini Appunti su I promessi sposi a cura di Pietro Genesini Padova 2003 Indice ALESSANDRO MANZONI (1785-1873)...3 La vita....3 Le opere...3 La poetica...3 Riassunto del romanzo...5 Commento...5 I promessi sposi...6

Dettagli

Approfitto della pubblicazione del nostro giornale per rivolgere a tutti. In un contesto di crisi globale, Perché essere giovani oggi è così

Approfitto della pubblicazione del nostro giornale per rivolgere a tutti. In un contesto di crisi globale, Perché essere giovani oggi è così LICEO SCIENTIFICO E CLASSICO G. S TA M PA C C HIA - T RIC A SE - LE Periodico del Liceo Scientifico-Classico G. Stampacchia - Piazza Galilei, Tricase (Le) - Anno XVI - Numero 1 - A.S. 2011-2012 La Scuola

Dettagli

Achille Campanile tra letteratura e cinema: Ma che cosa è quest amore? come romanzo cinematografico

Achille Campanile tra letteratura e cinema: Ma che cosa è quest amore? come romanzo cinematografico Achille Campanile tra letteratura e cinema: Ma che cosa è quest amore? come romanzo cinematografico Satoko Ishida Premessa Achille Campanile (1900?-1977) lo si può considerare un orfano della letteratura.

Dettagli

Dov è tuo fratello? Una domanda che risuona anche oggi

Dov è tuo fratello? Una domanda che risuona anche oggi Giorni i Via del Seminario, 61-57122 - tel. e fax 0586/210217 - lasettimana.livorno@tiscali.it Diocesi di Periodico di informazione N. 4 28 APRILE 2015 I QUADERNI DEL PROGETTO CULTURALE - La Settimana

Dettagli

EssERE figli una sfida un avventura

EssERE figli una sfida un avventura 1 OTTOBRE 2014-31 MARZO 2015 MOVIMENTO PER LA VITA FORUM delle ASSOCIAZIONI FAMILIARI 28 CONCORsO scolastico EUROPEO sono stati richiesti EssERE figli una sfida un avventura l Alto patronato del Presidente

Dettagli

SERGIO TRIPI RIFLESSIONI SU TEMA. Argomenti di attualità per il nuovo millennio CASA EDITRICE NUOVA ERA

SERGIO TRIPI RIFLESSIONI SU TEMA. Argomenti di attualità per il nuovo millennio CASA EDITRICE NUOVA ERA SERGIO TRIPI RIFLESSIONI SU TEMA Argomenti di attualità per il nuovo millennio CASA EDITRICE NUOVA ERA RIFLESSIONI SU TEMA Copyright 1999 dell Autore Prima edizione 2000 ISBN 88-86408 - 32-3 CASA EDITRICE

Dettagli

INTRODUZIONE. Milano 1976, p. 78. 1 Lauretta, Enzo, Come leggere Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello, Gruppo Ugo Mursia Editore,

INTRODUZIONE. Milano 1976, p. 78. 1 Lauretta, Enzo, Come leggere Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello, Gruppo Ugo Mursia Editore, INTRODUZIONE Lo scopo di questa tesi di laurea è di presentare Il fu Mattia Pascal, uno dei romanzi del narratore, autore di opere teatrali e professore Luigi Pirandello. Questo romanzo, che si può considerare

Dettagli

XII - 3/2008 1, 2, DCB/43/2004

XII - 3/2008 1, 2, DCB/43/2004 Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/2004 - Arezzo - Anno XII n 3/2008 Chiamati dal futuro 1 3 Primapagina

Dettagli

L ANALISI Dopo aver confrontato la Carità con queste cose, San Paolo ci presenta in tre versetti molto brevi

L ANALISI Dopo aver confrontato la Carità con queste cose, San Paolo ci presenta in tre versetti molto brevi «Se anche parlassi le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi la carità, sono come un bronzo che risuona o un cembalo che tintinna. E se avessi il dono della profezia e conoscessi tutti i misteri

Dettagli

Come essere se stessi

Come essere se stessi Pic-dossier Come essere se stessi Raccolta tratta dal giornale Il Ritorno Foto di F. Errera tratta da http://www.dfn.it/arte/efc/veron3.htm Pubblicazione dell ottobre 2008 Impaginazione a cura di Monica

Dettagli

LA SCIENZA CHE HA DIMOSTRATO L ALDILA

LA SCIENZA CHE HA DIMOSTRATO L ALDILA FRANCESCA SCARRICA LA SCIENZA CHE HA DIMOSTRATO L ALDILA 87 fra scienziati e brillanti ricercatori che hanno dimostrato la realtà della sopravvivenza dell anima alla morte fisica 2008 2008 Francesca Scarrica

Dettagli

L immaginazione attiva: origini ed evoluzione

L immaginazione attiva: origini ed evoluzione Parlo per immagini Non posso infatti esprimere in altro modo le parole che vengono dal profondo. C.G.Jung, Libro Rosso 1. Immaginazione attiva ed esperienza simbolica L immaginazione attiva: origini ed

Dettagli

CHE COS E LO STOICISMO

CHE COS E LO STOICISMO CHE COS E LO STOICISMO La Scuola stoica Le origini dello stoicismo risalgono all inizio del III secolo a.c., quando un fenicio, Zenone di Cizio (333-263 a.c.), dopo aver frequentato ad Atene filosofi accademici,

Dettagli

Gli Internati Militari Italiani e la memoria di una storia producente

Gli Internati Militari Italiani e la memoria di una storia producente Gli Internati Militari Italiani e la memoria di una storia producente di Erika Lorenzon Non ci sono orrori : qui si tratta di una vicenda triste, ma non deprimente. La storia di migliaia di uomini che

Dettagli

La speranza dell uomo

La speranza dell uomo Ellen G. White La speranza dell uomo Edizioni ADV Titolo originale dell opera: The Desire of ages Traduzione dall inglese: Franco Santini Revisione: Alessandra Olivucci Grafica: Valeria Cesarale Sesta

Dettagli

DALL INTELLETTO ALL INTUIZIONE

DALL INTELLETTO ALL INTUIZIONE COLLEZIONE LUCIS 8 DALL INTELLETTO ALL INTUIZIONE di ALICE A. BAILEY Altre opere di Alice A. Bailey: Iniziazione umana e solare. Lettere sulla Meditazione Occulta. Trattato sul Fuoco cosmico. La luce dell

Dettagli

ECCLESIASTE «Ho applicato il mio cuore a cercare e a investigare con sapienza tutto ciò che si fa sotto il cielo» (Eccl.1:13)

ECCLESIASTE «Ho applicato il mio cuore a cercare e a investigare con sapienza tutto ciò che si fa sotto il cielo» (Eccl.1:13) ECCLESIASTE «Ho applicato il mio cuore a cercare e a investigare con sapienza tutto ciò che si fa sotto il cielo» (Eccl.1:13) (Argentino Quintavalle) INTRODUZIONE L Ecclesiaste appartiene alla letteratura

Dettagli

Attilio Gardini Luigi Riceputi LO SCAUTISMO. in ventidue parole

Attilio Gardini Luigi Riceputi LO SCAUTISMO. in ventidue parole Attilio Gardini Luigi Riceputi LO SCAUTISMO estote parati 1 9 0 7-2 0 0 7 Lo scautismo 1 2 Lo scautismo Attilio Gardini Luigi Riceputi LO SCAUTISMO Ventidue tracce che invitano a camminare su sentieri

Dettagli

LE LETTERE ALLE CHIESE DELL ASIA

LE LETTERE ALLE CHIESE DELL ASIA LE LETTERE ALLE CHIESE DELL ASIA Riflessioni dal libro dell Apocalisse a cura di Andrea Miola 2 Prefazione Nel 1997 ho tenuto, presso la chiesa di Cristo di Udine, una serie di lezioni sulle lettere alle

Dettagli