Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezione 6. Livello e finanziamento del capitale produttivo"

Transcript

1 Lezione 6. Livello e finanziamento del caitale oduttivo Il fabbisogno di fondi delle imese coisonde all eccesso della sesa e investimenti isetto all autofinanziamento, integato dall accumulo di nuove attività finanziaie. incolo di bilancio lega la sesa e investimenti lodi al flusso di fondi, inteni ed esteni, che la finanziano: condizione cui è soggetta l imesa nelle scelte di finanziamento dell accumulazione eale e finanziaia. Sono decisioni integate ma aticolabili in 3 fasi distinte: 1. decisioni di investimento dato il costo del caitale; 2. costo del caitale data la stuttua del assivo; 3. stuttua desideata del assivo e (quindi) offeta di indebitamento. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 1

2 Il tasso di endimento inteno Peché investie? Necessità di disoe di una maggio caacità oduttiva e soddisfae la maggioe domanda futua attesa (inciio di acceleazione). L investimento è costituito da beni caitali che: (i) sostituiscono quelli deezzati; (ii) incementano lo stoc esistente. Pogetto di investimento I nel bene caitale, il cui costo coente è I, osetta all imesa a un flusso di maggioi edditi futui R ae (t+1) e n eiodi; gaantisce un tasso di endimento inteno ( a ), o efficienza maginale del caitale, dato dal tasso di sconto che eguaglia il valoe attuale dei flussi di eddito futui attesi al costo del ogetto. aloe investimento: I n R ae t 0 1+ ( t + 1) a t ( ) (Memo: lezione 2) G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 2

3 Il flusso di maggioi edditi futui attesi emette di ammotizzae, su n eiodi, la sesa e l investimento e fonie un endimento inteno atteso a. a tanto maggioe quanto maggioe è il flusso dei edditi attesi e quanto minoe è I. L imesa odina gli a di divesi ogetti dal iù al meno edditizio; ealizza quelli che osettano a maggioi del tasso di inteesse di mecato (costo del caitale a estito, o costo-ootunità dei fondi oi). Se questo cesce, alcuni ogetti diventano non ofittevoli: minoe sesa e investimenti. unzione di investimento: elazione decescente ta investimento e tasso di inteesse (a aità del ezzo di acquisto e delle asettative sui flussi di eddito futui). Gado di incetezza sui flussi di eddito futui: a deve tene conto dei flussi di eddito attesi nelle divese situazioni futue. Ad ogni ogetto si associano tanti a quanti sono i ossibili stati del mondo. Ogni ogetto esenta un ischio (σ a ), dovuto alla vaiabilità del endimento in ognuno di questi. Il temine di confonto con il tasso di mecato è il tasso di endimento inteno deuato dal emio e il ischio. Al vaiae delle condizioni futue un ogetto cambia classe di ischio. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 3

4 Comosizione dell attivo Attivo e assivo di un imesa sono costituiti da attività finanziaie eteogenee. Time to build: necessità di tattenee in foma liquida fondi non ancoa utilizzati e acquistae beni caitali (finance motive). Alti motivi e itadae l investimento e detenee attività finanziaie: incetezza e ievesibilità dell investimento: in attesa di nuove infomazioni sulle osettive futue, mantenee i fondi disonibili in moneta o alte attività liquide. Confonto ta costo-ootunità di intaendee subito l investimento e l ozione di invialo (o non falo): mantenesi liquidi tiene aete le ozioni sul futuo (aumento dell incetezza sul futuo oduttivo iduce il vantaggio dei beni eali isetto alle attività finanziaie); l imesa valuta conveniente acquisie titoli aesentativi della caacità oduttiva di alte imese (ateciazioni al caitale), o concedee finanziamenti a medio-lungo temine a fonitoi e clienti, e stabilizzae elazioni o sostenee sbocchi di mecato. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 4

5 Il costo del caitale: la q di Tobin Data la domanda di investimenti l imesa investe in tutti i ogetti e i quali il tasso di endimento inteno a è maggioe del suo costo del caitale a. Al cescee della sesa e investimento il endimento inteno del ogetto maginale è via via minoe. Condizione di equilibio: a a : l ultimo ogetto di investimento in beni eali o attività finanziaie ha un tasso di endimento atteso uguale al suo costo del caitale. Dimostiamolo. In equilibio, il endimento ottenuto su ogni attività atimoniale è uguale: l imesa (che ha fondi) è indiffeente ta acquisie nuovi beni caitali o nuove attività finanziaie. Emissione di assività finanziaie (titoli di oietà o titoli di debito) necessaie e finanziae l investimento effettuata alle condizioni di mecato: l imesa deve gaantie ai suoi finanziatoi lo stesso endimento di equilibio che essi otebbeo ottenee da qualunque alta attività finanziaia. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 5

6 Deve dunque valee: I (i) dove è il nuovo indebitamento, e è il suo ezzo coente. La (i) vale anche a livello atimoniale se: (a) attivo e assivo dell imesa costituiti da attività al loo inteno omogenee; (b) attivo costituito solo da beni caitali. Ciò emette di sommae tutti i beni caitali e moltilicali e lo stesso ezzo e lo stesso tasso di endimento, e tutti i titoli e moltilicali e lo stesso ezzo e lo stesso tasso di endimento: I > K In equilibio, l imesa deve ottenee dal oio caitale oduttivo (il cui valoe coente di imiazzo è K) un flusso di eddito che consente di soddisfae gli imegni assunti nei confonti dei finanziatoi (il cui valoe di mecato è ). Deve valee:. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 6

7 G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 7 Se il tasso di endimento ichiesto dai finanziatoi sui titoli sottoscitti è *, il flusso di eddito R* che l imesa deve geneae saà ai a: * R* Il tasso di endimento atteso dall imesa sul suo caitale, K *, in gado di soddisfae le ichieste dei ossessoi dei titoli (flusso di ofitti e unità di caitale valutato al costo di imiazzo ) deve soddisfae R K * * * : q K K K R * * * * * ) ( (ii) o anche * K */q (iii) q di Tobin: K q : aoto ta valoe di mecato del caitale e costo di ioduzione del caitale fisico; emette di analizzae l influenza delle elazioni finanziaie sull accumulazione del caitale.

8 Se le attese di ofitto (il tasso di endimento del caitale) dell imesa diminuiscono all aumentae dello stoc di caitale (K): l uguaglianza di equilibio * * q imlica che l imesa è indotta ad accumulae caitale fino al livello che gaantisce il flusso di eddito ichiesto dai finanziatoi. L investimento è oientato dalle ichieste del mecato finanziaio. q > 1. Il sistema finanziaio valuta i titoli al disoa del valoe di imiazzo del caitale; data la elazione * * q, ciò significa che il costo del caitale * è infeioe a quello che le imese si attendono dal caitale ( K *); si accesce il finanziamento esteno; le imese hanno investito meno (si sono indebitate meno) di quanto ea ossibile alle condizioni vigenti. q < 1. Le imese hanno sovainvestito. q 1. Posizione di equilibio: nessun vantaggio e l imesa ad aumentae o a idue lo stoc di caitale. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 8

9 Stuttua del assivo e costo del caitale aloe del assivo di un imesa indebitata sul mecato ( ) scomosto in: caitale azionaio (valoe dei titoli di oietà ); caitale di debito (valoe dei titoli di debito emessi ): + (iv) Il flusso di edditi da distibuie agli azionisti (R e ) è la ate dei edditi comlessivi (R e ) che esidua doo ave soddisfatto i ceditoi dell imesa (R e ): Tassi di endimento: R e R e R e (v) 1. R e / costo del caitale di debito (tasso di endimento dei titoli di debito): aoto ta flusso di inteessi ai ceditoi e valoe di mecato del debito; 2. R e / costo del caitale azionaio (tasso di endimento dei titoli di oietà): aoto ta edditi distibuiti agli azionisti e valoe dei titoli azionai; 3. R e / costo comlessivo del caitale (tasso di endimento del debito totale): aoto ta flusso di ofitti e valoe comlessivo dell imesa. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 9

10 G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 10 Sostituendo le definizioni di endimento nella (v), R e R e R e, si ottiene il vincolo che lega tali costi ta loo: ( ) ( ) ( ) +, o anche: + (vi) Sostituendo la (iv),, nella (vi): + + (vii) L equazione (vii) uò essee ielaboata in due modi (h: il costo del caitale azionaio è sueioe a quello del caitale di debito)

11 G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 11 + a) ( ) : il costo del caitale comlessivo decesce al cescee della quota di debito sul finanziamento totale; b) ( ) v + : il costo del caitale azionaio coisonde al costo del caitale comlessivo aumentato del diffeenziale ta lo stesso costo comlessivo e il costo del debito esato dalla leva finanziaia, o leveage, ( / ) dell imesa. [Pe ottenee la b), isciviamo + come 1, da cui > >, e dunque, inseendo la (iv): +.]

12 ( ) + ( ) Pe una quota cescente del debito isetto al assivo totale (leveage cescente), si iduce se è dato (e la a) e questo aumenta (e la b) se è invece dato. v L imesa uò dunque influenzae le condizioni finanziaie imoste dal mecato modificando la stuttua del suo assivo: - fissato e, la ossibilità di esandee il debito iduce ; - fissato e, la ossibilità di esandee il debito aumenta e quindi il endimento degli azionisti. NOTA. Relazione di causalità ta i vai costi del caitale non ecisata: si devono deteminae due dei te tassi. Eue G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 12

13 Teoema Modigliani Mille (1958) Se imese e azionisti hanno le medesime infomazioni, eseguono il medesimo obiettivo e non sostengono costi nella gestione del loo caitale, l imesa non uò modificae a oio favoe il costo del caitale comlessivo (teoema dell iilevanza della stuttua finanziaia). Due h: 1) mecati dei caitali efetti; 2) comotamento finanziaio dell imesa non altea il suo livello di ischio. Dato il eddito atteso e il ischio delle attività dell imesa, è dato anche il eddito e il ischio dell inteo assivo, e quindi è dato anche il tasso di caitalizzazione dei edditi. Aumento del leveage: sostituzione di caitale azionaio con caitale di debito; minoe base azionaia sulla quale iatie il ischio dell imesa; comensazione con maggio endimento offeto da ciascuna azione. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 13

14 Una modificazione della comosizione del assivo non fa alto che tasfeie eddito e ischio ta i finanziatoi, senza vaiae il costo del caitale comlessivo: iilevanza e il costo del caitale del tentativo di modificae la comosizione dell offeta dei titoli. aiazioni nei dividendi, onei e inteessi e/o guadagni in conto caitale si comensano seme. Esemio. Se il finanziamento esteno sostituisce quello inteno (autofinanziamento), l aumento dei dividendi e degli onei e inteessi bilancia la diminuzione dei guadagni in conto caitale; oue, se aumenta il caitale di debito isetto a quello azionaio l aumento del agamento e inteessi bilancia esattamente la iduzione dei dividendi (o dei guadagni in conto caitale). Non esistono oblemi di finanziamento: tutti i canali sono fuibili ed equivalenti; le scelte finanziaie dell imesa sono iilevanti (amministatoi non hanno autonomia). Sono le scelte (massimizzanti) dei detentoi di titoli a dominae il mecato: il lato della domanda detemina la comosizione della icchezza. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 14

15 La ilevanza delle scelte finanziaie delle imese Cosa significa essee in esenza di mecati di caitali efetti? a) i mecati finanziai sono efficienti; b) le imese hanno come obiettivo l inteesse degli azionisti; c) tutte infomazioni su imesa sono ienamente disonibili agli azionisti; d) non vi sono ostacoli all abitaggio sul mecato dei caitali. Nella ealtà, il funzionamento dei mecati finanziai si discosta dalle iotesi di Modigliani-Mille. Imese e investitoi finanziai (azionisti e ceditoi) non hanno le medesime ootunità: - stategie e obiettivi divesi; - asimmetie infomative e divegenti valutazioni del ischio; - condizioni di cedito diffeenti e esenza di azionamento. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 15

16 Due classi di fattoi e cui non vale l iilevanza: 1. fattoi oggettivi (sesso di caattee istituzionale): deteminano osizioni asimmetiche e i divesi oeatoi nel mecato dei caitali, nonostante essi eseguano azionalmente medesimi obiettivi; 2. fattoi soggettivi : situazioni di infomazione imefetta e loo imlicazioni sulla divegenza ta gli obiettivi eseguiti da imese, azionisti, ceditoi e alti soggetti otatoi di inteessi. Il comotamento dei manage è ilevante quando essi eseguono obiettivi oi e divesi dalla massimizzazione del valoe dell imesa, (es. elevato tasso di cescita del fattuato). Il contollo degli azionisti sulla gestione degli amministatoi è un attività costosa: aumento del costo del caitale azionaio. La distibuzione delle infomazioni ta i soggetti inteessati non consente seme ai contolloi di valutae con ecisione i contollati. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 16

17 Conflitto ta divesi obiettivi: aumento dell autofinanziamento, limitando i dividendi, accesce le isose intene e emette ai manage di non assoggettasi al contollo del mecato dei caitali e accogliee fondi; olitica di elevati dividendi: a aità di fonti di finanziamento, minoi investimenti e minoi osettive di sviluo dell imesa danneggiano i ceditoi e ossono innestae un conflitto ta questi e gli azionisti se mette in discussione il sevizio del debito; amliamento della base azionaia valutato sfavoevolmente dai oietai, a meno che non seva a finanziae investimenti con un endimento iù elevato di quello ichiesto dal mecato; se oietai favoevoli a icoee all indebitamento e finanziae la cescita, i ceditoi, in esenza di elevati livelli di indebitamento, vedono aumentae i costi attesi di insolvenza e fallimento; azionisti: accettae investimenti di maggioe ischiosità finanziati con debito iuttosto che con caitale azionaio (edite sueioi al atimonio a caico dei ceditoi; endimenti sueioi al tasso d inteesse). G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 17

18 Con infomazione non simmetica, la iatizione ta fondi inteni, azioni e debito aesenta un segnale sulla situazione e sulle osettive dell imesa. La olitica dei dividendi non è un segnale univoco: otebbe essee il modo e indue il mecato a itenee che la ofittabilità sia sueioe a quella eale. Asimmetie infomative ta imese e isamiatoi enalizzano nella accolta di fondi soattutto le imese giovani e ive di solidi aoti di clientela; autofinanziamento unico modo e ealizzae gli investimenti desideati. In esenza di asimmetie infomative, le imese hanno un odinamento di efeenze sulle fonti di finanziamento: ima l autofinanziamento, oi il icoso all indebitamento ed infine l emissione di azioni. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 18

19 Il finanziamento del disavanzo e la gestione del debito ubblico Il costo, esente e futuo, del debito ubblico diende dalle condizioni contattuali stabilite al momento della sua emissione. Contesto economico-istituzionale: libealizzazione dei mecati finanziai intenazionali e divieto imosto dal Tattato di Maasticht alle C di finanziae il Tesoo a condizioni di favoe. L oeatoe ubblico deve offie titoli aetibili, miando ad allentae l onee del sevizio del debito attaveso una gestione efficiente. Ciò ichiede: a. vaietà nella tiologia dei titoli offeti; b. flessibilità nella gestione delle emissioni; c. allungamento della vita media del debito. G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 19

20 Una coetta definizione della tiologia dei titoli emette di combinae diffeenti ischi (di inteesse, di valoe eale, di liquidità). lessibilità nel decidee la distibuzione temoale delle emissioni: condizione fondamentale affinché il Tesoo non sia costetto ad effettuale in condizioni di mecato sfavoevoli; una minoe flessibilità si iflette in una maggioe vaiabilità dei cosi e quindi in un maggio ischio di inteesse. Allungamento delle scadenze e della loo distibuzione temoale evita di concentae i innovi in deteminati momenti e iduce il ischio che momentanei shoc avvesi deteminino aumenti del costo eale del debito (l incemento è tanto maggioe quanto minoe è la vita media del debito; si ceano cisi di fiducia e ulteioi aumenti dei tassi d inteesse). G. Ciccaone, Economia e Politica Monetaia a.a ; Lezione 6 Pagina 20

FAST FOURIER TRASFORM-FFT

FAST FOURIER TRASFORM-FFT A p p e n d i c e B FAST FOURIER TRASFORM-FFT La tasfomata disceta di Fouie svolge un uolo molto impotante nello studio, nell analisi e nell implementazione di algoitmi dei segnali in tempo disceto. Come

Dettagli

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE

R-402A R-404A R-410A R-507 SIZE COLOR CODE La temostatica BQ può essee pesonalizzata pe qualsiasi applicazione di efigeazione e condizionamento. Devi solo selezionae il coetto elemento temostatico, la giusta taglia dell oifizio ed il tipo di copo

Dettagli

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia

I principi della Dinamica. L azione di una forza è descritta dalle leggi di Newton, possono fare Lavoro e trasferire Energia I pincipi della Dinamica Un oggetto si mette in movimento quando viene spinto o tiato o meglio quando è soggetto ad una foza 1. Le foze sono gandezze fisiche vettoiali che influiscono su un copo in modo

Dettagli

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr

durante lo spostamento infinitesimo dr la quantità data dal prodotto scalare F dr 4. Lavoo ed enegia Definizione di lavoo di una foza Si considea un copo di massa m in moto lungo una ceta taiettoia. Si definisce lavoo infinitesimo fatto dalla foza F duante lo spostamento infinitesimo

Dettagli

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e,

3. La velocità v di un satellite in un orbita circolare di raggio r intorno alla Terra è v = e, Capitolo 10 La gavitazione Domande 1. La massa di un oggetto è una misua quantitativa della sua inezia ed è una popietà intinseca dell oggetto, indipendentemente dal luogo in cui esso si tova. Il peso

Dettagli

Elementi della teoria della diffusione

Elementi della teoria della diffusione Elementi della teoia della diffusione Pe ottenee infomazioni sulla stuttua della mateia, dai nuclei ai solidi, si studia la diffusione scatteing) di paticelle: elettoni, paticelle alfa, potoni, neutoni,

Dettagli

Gravitazione Universale

Gravitazione Universale Gavitazione Univesale Liceo Ginnasio Statale S.M. Legnani Anno Scolastico 2007/08 Classe 3B IndiizzoClassico Pof.Robeto Squellati 1 Le leggi di Kepleo Ossevando la posizione di Mate ispetto alle alte stelle,

Dettagli

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia.

Dinamica. Se un corpo non interagisce con altri corpi la sua velocità non cambia. Poblema fondamentale: deteminae il moto note le cause (foze) pe oa copi «puntifomi» Dinamica Se un copo non inteagisce con alti copi la sua velocità non cambia. Se inizialmente femo imane in quiete, se

Dettagli

Campo elettrostatico nei conduttori

Campo elettrostatico nei conduttori Campo elettostatico nei conduttoi Consideeemo conduttoi metallici (no gas, semiconduttoi, ecc): elettoni di conduzione libei di muovesi Applichiamo un campo elettostatico: movimento di caiche tansiente

Dettagli

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI

4. FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOTTI Politenio di oino Lauea a Distanza in Ingegneia Meania Coso di Mahine 4 FLUIDI AERIFORMI NEI CONDOI Nello studio delle ahine si one il oblea di deteinae la onfoazione dei ondotti in odo he il fluido subisa

Dettagli

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2

). Per i tre casi indicati sarà allora: 1: L L 2 apitolo 0 Enegia potenziale elettica Domane. Il lavoo pe spostae una caica ta ue punti è: L 0(! ). Pe i te casi inicati saà alloa: L (50! 00 ) (50 ) : 0 0 : L 0! 0 3: L 0! 0 [5 ( 5 )] (50 ) [ 0 ( 60 )]

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori

Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori Concorso Premiamo i risultati Esempi di Indicatori 1 ESEMPIO INDICATOI PE UN POGETTO DI DEFINIZIONE ED ATTUAZIONE DI UN PIANO DELLA FOMAZIONE AMBITO DI INTEVENTO: MIGLIOAMENTO NELLE PATICHE DI GESTIONE

Dettagli

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p

Capitolo Ventitrè. Offerta nel breve. Offerta dell industria. Offerta di un industria concorrenziale Offerta impresa 1 Offerta impresa 2 p Caitolo Ventitrè Offerta dell industria Offerta dell industria concorrenziale Come si combinano le decisioni di offerta di molte imrese singole in un industria concorrenziale er costituire l offerta di

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

NUMERI RAZIONALI E REALI

NUMERI RAZIONALI E REALI NUMERI RAZIONALI E REALI CARLANGELO LIVERANI. Numeri Razionali Tutti sanno che i numeri razionali sono numeri del tio q con N e q N. Purtuttavia molte frazioni ossono corrisondere allo stesso numero, er

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile

ELETTROMAGNETI IBK Elettromagneti per l automazione flessibile INDUCTIVE COMPONENTS I 0 I 0 IBK ELETTROMAGNETI IBK Elettomneti e l utomzione flessibile Ctloo eli elettomneti IBK e l zionmento ei sistemi oscillnti Eizione Mio 2004 www.eoitli.it/ootti/feee.tml Elettomneti

Dettagli

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza

5 LAVORO ED ENERGIA. 5.1 Lavoro di una forza 5 LAVR ED ENERGIA La valutazione dell equazione del moto di una articella a artire dalla forza agente su di essa risulta articolarmente semlice qualora la forza è costante; in tal caso è ossibile stabilire

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 Controlli Digitali Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica CONTROLLORI PID Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it Introduzione regolatore Proorzionale, Integrale, Derivativo PID regolatori

Dettagli

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato

MERCATI NON CONCORRENZIALI. 2. grande numero di produttori e consumatori in ciascun mercato; 3. omogeneità del bene prodotto/venduto in ogni mercato MERCATI NON CONCORRENZIALI Le iotesi che sorreono lo schema di concorrenza eretta sono: 1. inormazione eretta e comleta er tutti li aenti; 2. rande numero di roduttori e consumatori in ciascun mercato;

Dettagli

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI

MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI MATRICI SIMILI E MATRICI DIAGONALIZZABILI DEFINIZIONE: Due mtici qudte A e B, dello stesso odine n, si dicono simili se esiste un mtice non singole S, tle che isulti: B S A S L mtice S si chim nche mtice

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROVA DI AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA E DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO DIRETTAMENTE FINALIZZATI ALLA FORMAZIONE DI ARCHITETTO Anno Accademico

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI

STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI STABILITÀ DEI SISTEMI LINEARI Quando un sistema fisico inizialmente in quiete viene sottoosto ad un ingresso di durata finita o di amiezza limitata, l uscita del sistema dovrebbe stabilizzarsi a un certo

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate)

6 Collegamento cerniera con piastra d anima (Fin Plate) 6 Collegamento cerniera con iastra d anima (in Plate) 6. Generalità e caratteristiche del collegamento Il collegamento a cerniera con iastra d anima si realizza saldando in oicina una iastra all elemento

Dettagli

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1

Dispensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 Disensa n.1 Esercitazioni di Analisi Mat. 1 (a cura di L. Pisani) C.d.L. in Matematica Università degli Studi di Bari a.a. 2003/04 i Indice Notazioni iii 1 Princii di sostituzione 1 1.1 Funzioni equivalenti

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CAP.1: FINANZA AZIENDALE.

CAP.1: FINANZA AZIENDALE. FINANZA AZIENDALE CAP.1: FINANZA AZIENDALE. Studio dei principi di valutazione della convenienza economica delle decisioni (finanziarie) di investimento e di finanziamento delle imprese. Il mercato si

Dettagli

Momento di una forza rispettto ad un punto

Momento di una forza rispettto ad un punto Momento di un fo ispettto d un punto Rihimimo lune delle definiioni e popietà sui vettoi già disusse ll iniio del oso Podotto vettoile: ϑ ϑ sin sin θ Il vettoe è dietto lungo l pependiole l pino individuto

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04

SWIM. SKF World-class Invoice Matching. fatture e documenti di consegna. Rev 04 SWIM SKF World-class Invoice Matching Specifiche SKF per fatture e documenti di consegna Rev 04 Indice 1 Scopo...3 2 Introduzione...3 3 Dati contenuti in fattura...3 4 Dati obbligatori richiesti in una

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria

Lezione n. 3. Le determinanti della dinamica finanziaria FINANZA AZIENDALE Lezione n. 3 Le determinanti della dinamica finanziaria 1 SCOPO DELLA LEZIONE Comprendere i principali fenomeni in grado di influenzare la dinamica finanziaria aziendale Sviluppare un

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5

Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Analisi Costi e Benefici Laura Vici laura.vici@unibo.it LEZIONE 5 Rimini, 26 aprile 2006 1 The Inter temporal Effects of International Trade Valore in $ del consumo di beni oggi G D F H 1/(1+r) G Valore

Dettagli

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA

COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA Coop intern - 1 COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E INTERDIPENDENZA ECONOMICA VARIE ACCEZIONI DEL TERMINE COOPERAZIONE INTERNAZIONALE CONSULTAZIONE TRA STATI COORDINAMENTO STRETTO DELLE POLITICHE COORDINAMENTO:

Dettagli

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO

SPERIMENTAZIONE FARMACI - RIPARTO SPEIMENTAZIONE FAMAI - IPATO - Sperimentazione SOBIHAEM89-001 sper. n. 18/2014 - Medico esponsabile TOSETTO ALBETO 4.160,00 A. (riscosso con fatt. n. Z 1141 del 12/03/2015 ) - FONDO 3.952,00 - SEVIZIO

Dettagli

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V

Consideriamo un gas ideale in equilibrio termodinamico alla pressione p 1. , contenuto in un volume V LEGGI DEI GS Per gas si intende un fluido rivo di forma o volume rorio e facilmente comrimibile in modo da conseguire notevoli variazioni di ressione e densità. Le variabili termodinamiche iù aroriate

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali

Capitolo 10. Analisi degli investimenti in beni strumentali Capitolo 10 Analisi degli investimenti in beni strumentali 1 I criteri tradizionali di valutazione degli investimenti 1. Il tempo di recupero (payback period) 2. Il payback period attualizzato 3. Il rendimento

Dettagli

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria.

La necessità di trasmettere potenza tra organi in moto rotatorio è un problema frequentissimo e di grande importanza nell ingegneria. La ecessità di tasmettee poteza ta ogai i moto otatoio è u poblema fequetissimo e di gade impotaza ell igegeia. Gli assi di otazioe ta i quali deve essee tasmesso il moto possoo essee paalleli I questo

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1

Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 Corso di matematica classe quinta-anno 2010-2011-Giunti scuola- Annarita Monaco 1 352*(77$=,21(','$77,&$ 3UHVHQWD]LRQH: Consolidiamo la conoscenza dei numeri naturali, decimali e interi relativi, dei procedimenti

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD

$UW 5(*2/$0(172 (',/,=,2 ±,QWHUYHQWL GL ULVWUXWWXUD]LRQH XUEDQLVWLFD H QXRYD &2081(',&$625$7(6(03,21( 3URYLQFLDGL9DUHVH $UW5(*2/$0(172(',/,=,2±,QWHUYHQWLGLULVWUXWWXUD]LRQHHGLOL]LD La domanda di Permesso di Costruire dev essere corredata dai seguenti documenti in duplice copia:

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE RRISIH D SOIZIO bbiamo visto che la trave uò essere definita come un solido generato da una figura iana S (detta seione retta o seione ortogonale) che si muove nello saio mantenendosi semre ortogonale

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Introduzione alla trigonometria

Introduzione alla trigonometria Introduzione alla trigonometria Angoli e loro misure In questa unità introdurremo e studieremo una classe di funzioni che non hai ancora incontrato, le funzioni goniometriche. Esse sono imortanti sorattutto

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo

Rapporto sull Impatto della Sanità d Iniziativa. Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Raorto sull Imatto della Sanità d Iniziativa Valentina Barletta Paolo Francesconi Francesco Profili Laura Policardo Novembre 2013 Indice 1 Storia e sviluo del rogetto sanità d iniziativa in Regione Toscana

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014

COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI POTENZA AREA: SETTORE AMMINISTRATIVO. DETERMINAZIONE DSG N 00954/2014 del 09/12/2014 N PAP-01410-2014 Si attesta che il resente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 09/12/2014 al 24/12/2014 L'incaricato della ubblicazione GENNARO COLASURDO COMUNE DI CALVELLO PROVINCIA DI

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C.

Curve caratteristiche meccaniche di motori elettrici C.C. Motoi 1 Idie ue aatteistihe meaihe di motoi elettii.. osideazioi geeali Motoi ad eitazioe idipedete 1 Opeazioi o oete d eitazioe ostate Opeazioi o oete d eitazioe aiabile e tesioe d amatua ostate Motoi

Dettagli

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta

Spread. C è anche quello dei prezzi. Inchiesta Spread C è anche quello dei prezzi LA NOSTRA INCHIESTA Le grandi catene internazionali, da Zara a McDonald s, praticano prezzi diversi in Europa. I consumatori italiani tra i più penalizzati. Le grandi

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Urti tra due punti materiali

Urti tra due punti materiali Uti ta due punti ateiali URTO: eento isolato nel quale una foza elatiaente intensa agisce pe un tepo elatiaente bee su due o più copi in contatto ta loo isultato di un contatto fisico F F isultato di una

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001

Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 2000-2001 Matematica per la nuova maturità scientifica A. Bernardo M. Pedone Maturità Scientifica PNI, sessione ordinaria 000-00 Problema Sia AB un segmento di lunghezza a e il suo punto medio. Fissato un conveniente

Dettagli