Lezioni di economia degli intermediari finanziari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lezioni di economia degli intermediari finanziari"

Transcript

1 Lezioni di economia degli intermediari finanziari Prof.Alessandro Berti Istituto di studi aziendali Facoltà di Economia Università di Urbino Carlo Bo Urbino, a.a

2 Le azioni

3 Le azioni Sono titoli che rappresentano la partecipazione al capitale di una società (S.p.A. o S.a.p.A). Esse pertanto: conferiscono la qualifica di socio; sono prive di scadenza predeterminata; offrono un reddito variabile. Prof. Alessandro Berti 3

4 Le azioni: aspetti economici Rischio la remunerazione delle azioni è soggetta all'alea dell'andamento aziendale sia per la componente reddito (dividendo), sia per il capitale investito = "titoli a reddito variabile Funzione economica l'azione costituisce una fonte di finanziamento, privo di scadenza, da parte dei soci dell'azienda garanzia per i creditori della società Prof. Alessandro Berti 4

5 Le azioni: aspetti economici (segue) Valore il valore nominale, prescelto dall'emittente ed è costituito dalla ripartizione unitaria del capitale sociale (capitale sociale/ n di azioni emesse) il valore patrimoniale = mezzi propri a cui si aggiungono le plusvalenze insite nei cespiti di bilancio e dalle prospettive di reddito atteso in merito alla gestione aziendale il valore di quotazione, determinato dalla dinamica del mercato esclusivamente per le società quotate in mercati regolamentati Prof. Alessandro Berti 5

6 Le azioni: aspetti economici (segue) Emissione contrariamente alle obbligazioni le azioni non sono mai emettibili sotto la pari a causa della natura giuridica di garanzia per i terzi, dovendo rappresentare il conferimento in denaro almeno uguale al valore iscritto a bilancio alla voce "capitale sociale" Prof. Alessandro Berti 6

7 Diritti degli azionisti Amministrativi chiedere la convocazione dell'assemblea, parteciparvi, intervenire, votarne le delibere (ogni azione rappresenta un diritto di voto) o impugnare le stesse qualora si sia espresso voto contrario; esaminare il libro soci o il libro delibere delle assemblee; chiedere risarcimenti per colpa o dolo degli amministratori. Prof. Alessandro Berti 7

8 Diritti degli azionisti (segue) Patrimoniali incassare gli utili quando distribuiti (dividendi); concorrere all'aumento di capitale in proporzione alla quota posseduta o cedere il diritto (diritto di opzione); ottenere il rimborso in caso di liquidazione; recedere nei casi di: variazione dell'oggetto sociale trasformazione della ragione sociale trasferimento della sede all'estero. Prof. Alessandro Berti 8

9 Categorie di azioni ordinarie privilegiate di risparmio Prof. Alessandro Berti 9

10 Azioni privilegiate diritto di voto viene limitato alle sole assemblee straordinarie, non è esercitabile nelle assemblee ordinarie distribuzione del dividendo le azioni privilegiate beneficiano di una maggiorazione rispetto al dividendo riconosciuto alle azioni ordinarie Prof. Alessandro Berti 10

11 Azioni privilegiate (segue) limiti quantitativi la legge prevede un limite alla emissione di azioni privilegiate (unitamente a quelle di risparmio) entro il 50% del capitale sociale, poiché almeno la metà del capitale sociale deve essere rappresentata da azioni con diritto pieno (azioni ordinarie) Prof. Alessandro Berti 11

12 Azioni di risparmio fonte legislativa: Legge 216 del 1974 caratteristiche le azioni di risparmio sono prive di diritti amministrativi: non conferiscono mai diritto di voto possono essere titoli al portatore Prof. Alessandro Berti 12

13 Azioni di risparmio (segue) esse implementano i diritti patrimoniali: conferiscono una prelazione sugli utili di bilancio pari almeno al 5% del valore nominale del titolo; se gli utili vengono distribuiti anche ad altre categorie di azioni, alle azioni di risparmio compete una maggiorazione nel dividendo pari almeno al 2% del valore nominale del titolo rispetto al dividendo delle ordinarie; Prof. Alessandro Berti 13

14 Azioni di risparmio (segue) se l'esercizio chiudesse senza utili, o venisse decisa la loro non distribuzione, le azioni di risparmio mantengono il credito (almeno il 5%) per i due esercizi successivi, cumulabile con successive erogazioni; nella liquidazione della società le azioni di risparmio hanno diritto di prelazione rispetto alle altre azioni; Prof. Alessandro Berti 14

15 Gli aumenti di capitale l'emissione di nuove azioni a pagamento è lo strumento meno oneroso che consente alla Società di risparmiare il costo dell'interesse e di non assoggettarsi ad un obbligo di rimborso di una scadenza delle risorse reperite; condizioni negative del mercato borsistico possono compromettere le operazioni di aumento a pagamento; non è pertanto raro il ricorso alternativo all'emissione di obbligazioni più o meno convertibili. Prof. Alessandro Berti 15

16 Gli aumenti di capitale (segue) le azioni di nuova emissione possono essere offerte in opzione ai vecchi azionisti: alla pari con sovrapprezzo con rimborso spese con quota di conguaglio del godimento (qualora l'aumento avvenisse nel corso di un esercizio) Prof. Alessandro Berti 16

17 Diritto di opzione Ogni azione esistente in data anteriore all'aumento di capitale conferisce al titolare della stessa un diritto di partecipare all'operazione secondo le modalità previste dall emittente, ossia conferisce un DIRITTO DI OPZIONE = diritto (mai obbligo) al mantenimento della propria quota di partecipazione al capitale. Prof. Alessandro Berti 17

18 Diritto di opzione (segue) Art codice civile: Le azioni di nuova emissione e le obbligazioni convertibili in azioni devono essere offerte in opzione ai soci in proporzione al numero di azioni possedute. Se vi sono obbligazioni convertibili il diritto di opzione spetta anche ai possessori di queste, in concorso con i soci, sulla base del rapporto di cambio. Prof. Alessandro Berti 18

19 Diritto di opzione (segue) L art c.c. prevede una deroga alla regola per la quale il diritto d'opzione compete ai titolari di vecchie azioni nei casi di aumenti di capitale rinvenienti da: conferimenti in natura; offerta di nuove azioni ai dipendenti dell'emittente; quando l'interesse della società lo esige (ad es. per l'ingresso di un nuovo socio strategico). Prof. Alessandro Berti 19

20 Diritto di opzione (segue) se l'azionista non intendesse partecipare all'operazione avrebbe perciò la possibilità di cedere il proprio diritto poiché esso circola separatamente rispetto al titolo (è rappresentato da Buoni d'opzione) e può formare oggetto di negoziazione; il prezzo di trasferimento è determinato dal mercato in base alla domanda ed offerta e può discostarsi dal valore teorico; Prof. Alessandro Berti 20

21 Diritto di opzione (segue) le azioni in circolazione prima dell'aumento di capitale verranno definite azioni piene (piene del diritto) e la loro quotazione sarà definita quotazione piena; successivamente alla data di stacco del diritto (che coincide con l'inizio del periodo dell aumento di capitale) la quotazione dei titoli sarà ex (ex diritto) ed il titolo sarà definito "optato. Prof. Alessandro Berti 21

22 La selezione degli investimenti azionari

23 La selezione degli investimenti azionari L utilizzo di criteri di analisi fondamentale presuppone, nel medio periodo, un comportamento razionale del mercato che determina una convergenza dei prezzi verso il valore intrinseco di equilibrio delle azioni, spiegato, appunto, dai c.d. fondamentali scontati dal mercato per le rispettive società emittenti. Prof. Alessandro Berti 23

24 La selezione degli investimenti azionari (segue) L applicazione dei criteri in questione è spesso presentata come una difesa dagli effetti delle oscillazioni speculative del mercato. In realtà occorre usare cautela nell attribuire sistematicamente a fattori irrazionali la responsabilità di anomale variazioni dei corsi. Prof. Alessandro Berti 24

25 La selezione degli investimenti azionari (segue) In molti casi è la stessa applicazione, parziale ed erronea, dei criteri di analisi fondamentale a mettere in moto violenti processi di estrapolazione ed autorafforzamento delle aspettative che si traducono in variazioni cicliche molto accentuate. Prof. Alessandro Berti 25

26 La selezione degli investimenti azionari (segue) In ogni caso si rende necessario utilizzare alcune misure di sintesi, sia pure con tutte le cautele necessarie, al fine di pervenire ad alcune indicazioni in merito alla combinazione rischio rendimento propria di ogni titolo. Prof. Alessandro Berti 26

27 La combinazione rischio/rendimento di un titolo azionario Valutare la combinazione rischio rendimento di un titolo azionario risulta più complesso rispetto ai titoli obbligazionari, per le seguenti cause: variabilità dei rendimenti nessun rimborso previsto fino alla scadenza, normalmente indeterminata maggiore sensibilità al rischio sistemico (o di mercato) Prof. Alessandro Berti 27

28 La combinazione rischio/rendimento di un titolo azionario (segue) Indicatori di rischio: la volatilità il beta azionario Indicatori di rendimento il dividend yield il rapporto prezzo/utili per azioni o price earnings ratio il price/cash-flow Prof. Alessandro Berti 28

29 La combinazione rischio/rendimento (segue) La volatilità. Poiché il rischio insito nel possesso di uno strumento azionario può essere identificato con la variabilità del suo rendimento, si può affermare che un azione è tanto più rischiosa quanto più elevata è la variabilità del suo rendimento rispetto al suo valore atteso (futuro) o medio (passato). La volatilità, pertanto, può essere definita come dispersione dei rendimenti intorno alla media (cfr. indice di Sharpe) Prof. Alessandro Berti 29

30 La combinazione rischio/rendimento (segue) Il beta azionario. Il beta di un titolo azionario misura la correlazione esistente fra le variazioni del titolo stesso e le variazioni dell indice rappresentativo del mercato nel quale il titolo è negoziato. Prof. Alessandro Berti 30

31 La combinazione rischio/rendimento (segue) Il beta azionario (segue). Le variazioni del beta potranno, pertanto assumere valori differenti: Se<1, il beta indica che il titolo è sensibile in misura meno che proporzionale alle variazioni dell indice; Se>1, il beta indica che il titolo è sensibile in misura più che proporzionale alle variazioni dell indice; Se<0, il beta indica che il titolo è correlato negativamente alle variazioni dell indice. Prof. Alessandro Berti 31

32 La combinazione rischio/rendimento (segue) Il beta azionario (segue). Le variazioni del beta indicano, pertanto, che la variabilità del rendimento di un titolo si compone di due fattori differenti: il primo fattore è collegato specificamente alla rischiosità dell emittente; il secondo fattore, invece, si riferisce alle condizioni generali del mercato nel quale il titolo è negoziato. Prof. Alessandro Berti 32

33 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione settoriale e geografica Una strategia normalmente utilizzata al fine di diversificare = ridurre i rischi propri dell investimento in azioni consiste nel comporre portafogli che equilibrino al loro interno varie componenti di rischio, per esempio di tipo settoriale e geografico. Prof. Alessandro Berti 33

34 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione settoriale Per mettere in atto tale tipo di strategia si devono combinare diversi tipi di azioni il cui andamento settoriale risulti negativamente correlato, il cui andamento risulti, cioè, divergente. Prof. Alessandro Berti 34

35 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione settoriale (segue) Per esempio, si acquisteranno sia titoli ciclici, sia titoli anticiclici, titoli legati alla tecnologia e titoli assicurativi, titoli industriali e titoli internet. Prof. Alessandro Berti 35

36 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione settoriale (segue): es. titoli ciclici: industriali (FIAT), beni di consumo (MERLONI), entertainment (GRANDI VIAGGI, MEDIASET, LAZIO), tessili e lusso (BENETTON, BULGARI), costruzioni (ITALCEMENTI); titoli anticiclici: alimentari (CREMONINI), farmaceutici (SCHIAPPARELLI, RECORDATI). Prof. Alessandro Berti 36

37 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione settoriale (segue): titoli ciclici: correlati positivamente al ciclo economico al cui sviluppo corrispondono maggiori consumi di beni e servizi prodotti dalle imprese emittenti; titoli anticiclici: il loro andamento non dipende da quello economico (i consumi alimentari e farmaceutici non seguono la congiuntura). Prof. Alessandro Berti 37

38 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione settoriale (segue): titoli finanziari e bancari: correlati negativamente al rialzo dei tassi (perché il rialzo dei tassi fa diminuire il valore dei titoli classati al loro attivo); titoli tecnologici, tlc e internet: anch essi correlati negativamente al rialzo dei tassi, poiché il credito più caro rende più difficoltosi i forti investimenti che caratterizzano tali settori. Prof. Alessandro Berti 38

39 La combinazione rischio/rendimento (segue) Diversificazione geografica: difficilmente attuabile dal singolo investitore, mette in relazione titoli di aree geografiche fra loro non collegate o correlate negativamente (es.: Eurolandia e USA, ASIATICHE) l avvento dell euro ha reso possibile tale diversificazione per tutti i paesi di Eurolandia, tenuto conto delle diverse velocità delle singole economie. Prof. Alessandro Berti 39

40 Gli indicatori di rendimento Il dividend yield il dividend yield viene calcolato quale rapporto fra l ultimo dividendo ed il valore di mercato del titolo; a priori, pertanto, maggiore è il dividend yield, maggiore è la convenienza all acquisto del titolo. Prof. Alessandro Berti 40

41 Gli indicatori di rendimento (segue) Il dividend yield : difetti i dati sono sfasati temporalmente (prezzo attuale, dividendo passato); le società quotate tendono a mantenere stabile il dividendo, pur in presenza di utili in calo, per ragioni di immagine ; gli utili potenzialmente destinati agli azionisti non sono solo quelli di competenza, ma anche quelli accantonati a riserva. Prof. Alessandro Berti 41

42 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione Il moltiplicatore prezzo/utili per azione, più noto come price/earnings (P/E) si ricava rapportando il prezzo di mercato corrente all'utile corrente per azione desunto dalle più recenti risultanze contabili o da uno o più bilanci previsionali a breve ed a medio termine. Prof. Alessandro Berti 42

43 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione (segue) Si tratta dell indicatore di redditività/congruità di prezzo più diffuso sul mercato azionario. Fra i motivi di questa diffusione si possono menzionare: a) la natura sintetica del rapporto, riferito ad una misura completa della redditività dell'azione, non limitata ai dividendi; Prof. Alessandro Berti 43

44 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione (segue) b) la tendenza del mercato a generare valutazioni distorte degli indicatori fondamentali, o a generare aspettative che estrapolano inerzialmente le tendenze in atto è dimostrata dalle regolarità nella manifestazione di rendimenti anomali nel caso di azioni con particolari attributi (ad esempio basso P/E, dimensioni contenute, trend crescente degli utili); Prof. Alessandro Berti 44

45 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione(segue) c) la semplicità di rilevazione dei valori impiegati nel calcolo, reperibili in modo sufficientemente oggettivo e senza necessità di formulare ardue previsioni a lungo termine; d) la facilità di calcolo. Prof. Alessandro Berti 45

46 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione (segue) La facilità di interpretazione (e in una certa misura anche di calcolo) del P/E è un pregio più apparente che reale, in quanto l'analista finanziario deve comunque tenere conto della gamma di fattori che spiegano la correlazione fra prezzi ed utili. Prof. Alessandro Berti 46

47 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione (segue) Il price/earnings diventa uno strumento molto potente di comparazione e di previsione dei prezzi azionari soltanto in mercati azionari sviluppati nei quali siano adeguatamente rappresentati i principali settori produttivi. Prof. Alessandro Berti 47

48 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione (segue) La valutazione della congruità dei P/E si basa sulla misurazione e sull'interpretazione degli scostamenti fra : il P/E del titolo; Il P/E medio dei titoli del suo settore di appartenenza; il P/E medio del mercato. Prof. Alessandro Berti 48

49 Il moltiplicatore Prezzo/Utili per azione (segue) ciò richiede che siano disponibili stime aggiornate e fra loro comparabili dei redditi per azione, ed inoltre che i criteri di valutazione all'interno del mercato siano sufficientemente stabili nel corso del tempo; a maggior ragione queste condizioni devono sussistere quando si voglia utilizzare il P/E come strumento previsionale. Prof. Alessandro Berti 49

50 Il rapporto P/E: determinanti teoriche Il rapporto P/E consente di collegare il prezzo di un'azione alla misura di sintesi della sua redditività; in altri termini il P/E funge da moltiplicatore del livello di utile corrente. Prof. Alessandro Berti 50

51 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) se il mercato evidenzia livelli differenziati di questo rapporto, significa che viene attribuito un peso parimenti differenziato al livello corrente degli utili per azione nella determinazione del prezzo di mercato del titolo; ne deriva che un livello elevato di P/E denota o dovrebbe denotare una sopravalutazione dell azione. Prof. Alessandro Berti 51

52 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Il prezzo si ricava come somma del valore attuale dei dividendi attesi sino ad infinito, impiegando un tasso di attualizzazione r appropriato in relazione al rischio del titolo e al rendimento di investimenti alternativi. Prof. Alessandro Berti 52

53 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Sulla base dei dati riguardanti il livello di reddito medio normale, la politica dei dividendi della società, il tasso di rendimento desiderato, la crescita attesa degli utili-dividendi nel medio-lungo periodo. Prof. Alessandro Berti 53

54 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Il livello congruo del rapporto P/E, a parità di altre condizioni, risulta spiegato come segue: a) diminuisce al crescere del rendimento dall'azione; b) cresce al crescere del tasso di crescita degli utili e dei dividendi. Prof. Alessandro Berti 54

55 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Le conclusioni raggiunte per via analitica coincidono con quelle formulate su basi empiriche ed intuitive, che portano a riconoscere P/E di equilibrio più elevati alle società con prospettive di crescita superiori alla media, grado di rischio inferiore e politiche dei dividendi più stabili e generose, o una combinazione di tali prerogative. Prof. Alessandro Berti 55

56 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) N.B.: il P/E compensa gli effetti di segno opposto delle diverse variabili. ad esempio un P/E di un certo livello può scaturire nel modello da un alto payout, un basso premio per il rischio incorporato in r e un basso tasso di crescita; oppure può risultare da un payout contenuto, un alto premio per il rischio r e da un alto tasso di crescita. Prof. Alessandro Berti 56

57 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Risulta pertanto indispensabile effettuare confronti solo fra titoli simili per almeno una delle caratteristiche considerate. Prof. Alessandro Berti 57

58 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Nella teoria e nelle analisi operative è molto dibattuta la questione della rilevanza del payout ratio e del tasso di crescita degli utili nella determinazione del P/E. In effetti si tratta di un problema complesso al quale non è possibile dare una risposta univoca se non a costo di grosse semplificazioni. Prof. Alessandro Berti 58

59 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) Il problema può essere così impostato: la società, nel decidere il tasso di distribuzione dei dividendi (payout ratio), stabilisce la ripartizione del reddito netto fra: utili distribuiti utili accantonati Prof. Alessandro Berti 59

60 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) In altre parole: una quota liquidata all'azionista, che questi può reinvestire nella società o nelle attività alternative che risultino più convenienti in termini di rendimento/rischio, e una quota di autofinanziamento che viene reinvestita direttamente nella società. Prof. Alessandro Berti 60

61 Il rapporto P/E: determinanti teoriche (segue) l'azionista beneficia dell accantonamento di una quota degli utili a riserva ove si consegua su tale incremento del patrimonio una redditività (R.O.E.) superiore a quella di investimenti alternativi omogenei per rischio. in caso contrario egli trova più conveniente ottenere in distribuzione una quota il più possibile ampia degli utili. Prof. Alessandro Berti 61

62 Il rapporto P/E: problemi di calcolo e di interpretazione Nel calcolo degli indici P/E occorre selezionare e rapportare valori del prezzo di borsa e degli utili per azione che siano legati da relazioni causali, in modo che il risultato ottenuto rifletta nel modo più fedele possibile i criteri di valutazione impiegati dal mercato nel dare un peso agli utili per azione nella formazione del prezzo. Prof. Alessandro Berti 62

63 Il rapporto P/E: problemi di calcolo e di interpretazione (segue) I criteri di rilevazione e di interpretazione sono diversi nei casi di analisi a consuntivo e di analisi previsionali. Prof. Alessandro Berti 63

64 Il rapporto P/E: problemi di calcolo e di interpretazione (segue) per verificare se la metodologia in questione è applicabile in un dato contesto di mercato è di grossa utilità costruire serie storiche degli indici P/E: dal loro esame emergono indicazioni riguardo alle modalità e ai tempi di recepimento nei prezzi delle informazioni sulla redditività delle società emittenti. Nella situazione italiana è possibile costruire su basi oggettive soltanto serie storiche annuali, basate sulle risultanze dei bilanci ufficiali. Prof. Alessandro Berti 64

65 La Borsa Valori

66 La Borsa Valori La società di gestione della borsa valori Borsa Italiana S.P.A. è stata costituita nel 1997 ed è una vera e propria società privata incaricata della gestione della borsa valori del mercato ristretto del mercato per la negoziazione dei derivati (IDEM) Prof. Alessandro Berti 66

67 La Borsa Valori La società di gestione della borsa valori propone per ogni mercato un regolamento da approvare da parte della CO.N.SO.B. in merito a: ammissione, esclusione e sospensione degli operatori e degli strumenti condizioni e modalità per lo svolgimento delle negoziazioni modalità di accertamento, pubblicazione e diffusione prezzi tipologia di contratti ammessi e criteri per i lotti minimi Prof. Alessandro Berti 67

68 La Borsa Valori La vigilanza su ogni mercato viene ripartita fra CO.N.SO.B. e Bankitalia. alla prima spetta di assicurare: la trasparenza; l ordinato svolgimento delle negoziazioni; la tutela dei risparmiatori. alla seconda spetta il controllo in merito a: condizioni organizzative degli intermediari, condizioni di liquidità e solvibilità degli stessi. Prof. Alessandro Berti 68

69 L ammissione alla quotazione ufficiale di Borsa Condizioni per l ammissione Società emittenti pubblicazione e deposito di almeno 3 (eccezionalmente 1, tuttavia, di recente molto spesso) bilanci annuali di cui almeno 1 certificato positivamente; l emittente deve esercitare, direttamente o attraverso controllate, un attività in grado di generare ricavi; l attivo non deve essere rappresentato in misura prevalente da partecipazioni in società quotate. Prof. Alessandro Berti 69

70 Condizioni per l ammissione (segue) Requisiti delle azioni capitalizzazione di mercato prevedibile pari ad almeno 5 milioni di euro (possono essere ammesse azioni qualora si preveda che tali requisiti possano essere raggiunti successivamente) sufficiente diffusione presso il pubblico, che si presume realizzata quando almeno il 25% del capitale della categoria di appartenenza è ripartito tra il pubblico (derogabile, ma non per le azioni di risparmio). Prof. Alessandro Berti 70

71 Condizioni per l ammissione (segue) Requisiti delle azioni (segue) non possono essere ammesse azioni prive del diritto di voto nelle assemblee ordinarie (eccezione: banche popolari), salvo che: 1) le azioni ordinarie siano già quotate 2) le azioni prive del diritto di voto siano oggetto di contestuale provvedimento di ammissione alla quotazione insieme alle ordinarie. Prof. Alessandro Berti 71

72 Condizioni per l ammissione (segue) Requisiti delle azioni (segue) libera trasferibilità idoneità dei titoli ad essere oggetto di liquidazione mediante servizio di compensazione e di liquidazione di cui all art.69 TUF (Montetitoli). Prof. Alessandro Berti 72

73 Condizioni per l ammissione (segue) Requisiti delle obbligazioni prestito obbligazionario residuo deve essere pari ad almeno 15 milioni di euro (5 milioni nel caso di convertibili); diffusione presso il pubblico ritenuta idonea dalla Borsa italiana; disponibilità entro 10 gg. di borsa aperta delle azioni se obbligazioni convertibili Prof. Alessandro Berti 73

74 Mercato Telematico Azionario Fasi di negoziazione 1.Pre-apertura 2.Validazione 3.Apertura 4.Negoziazione in continua 5.Chiusura Prof. Alessandro Berti 74

75 Mercato Telematico Azionario (segue) 1. Pre-apertura In questa fase: non si concludono contratti il sistema ricalcola ed espone continuamente a titolo informativo il prezzo teorico di apertura Prof. Alessandro Berti 75

76 Mercato Telematico Azionario (segue) Prezzo teorico di apertura Si determina in base ai seguenti requisiti: è il prezzo al quale è negoziabile il maggior numero di strumenti finanziari; in caso di più prezzi per lo stesso quantitativo si sceglie il prezzo che produce le minori differenze non eseguite; in caso di differenze identiche, si sceglie il prezzo più vicino a quello di riferimento in caso di equidistanza, il maggiore dei due Prof. Alessandro Berti 76

77 Mercato Telematico Azionario (segue) 2. Validazione del prezzo teorico di apertura Al termine della fase di validazione: il prezzo teorico viene validato qualora lo scostamento rispetto al prezzo di riferimento del giorno prima non superi le percentuali stabilite dalla Borsa italiana (10%); qualora vi sia scostamento in eccesso viene riattivata la fase di pre-apertura a intervalli Prof. Alessandro Berti 77

78 Mercato Telematico Azionario (segue) 3. Apertura In caso di validazione del prezzo teorico: Vengono conclusi contratti al prezzo di apertura abbinando automaticamente le proposte in acquisto aventi prezzo uguale o superiore a quelle in vendita aventi prezzi uguali o inferiori; I contratti vengono conclusi in base alle priorità di prezzo e di tempo; Le proposte intere ineseguite vengono automaticamente trasferite alla negoziazione continua. Prof. Alessandro Berti 78

79 Mercato Telematico Azionario (segue) 4. Negoziazione in continua Consiste essenzialmente nella conclusione di contratti, per lotti minimi o multipli, mediante abbinamento automatico (vedi art Borsa Italiana SPA), con l eccezione della sospensione per i seguenti motivi: eccesso di rialzo o di ribasso (qualora il contratto in corso di conclusione superi i limiti del 10% in + o in-); andamenti anomali per variazioni di prezzi o quantità negoziabili; quando si renda necessario acquisire ulteriori informazioni in merito a particolari situazioni di mercato di uno strumento. Prof. Alessandro Berti 79

80 Mercato Telematico Azionario (segue) 5. Chiusura Comunicazione dei prezzi e registrazione contratti prezzo ufficiale: prezzo medio ponderato dell intera quantità dello strumento negoziata durante la seduta; prezzo di riferimento: prezzo medio ponderato relativo all ultimo dieci per cento della quantità dello strumento negoziata nel mercato; registrazione dei contratti in un apposito archivio elettronico Prof. Alessandro Berti 80

81 Mercato Telematico Azionario (segue) Indicatori di borsa Si tratta di medie ponderate dei prezzi dei titoli negoziati in un mercato regolamentato MIBTEL: indice rappresentativo di tutti i titoli quotati sul mercato telematico MIB30: indice rappresentativo dei 30 titoli principali per grado di capitalizzazione e volume di contrattazioni (base per il future relativo); MIDEX: indice rappresentativo dei 25 titoli a media capitalizzazione (base per il future relativo); Prof. Alessandro Berti 81

82 Nuovo Mercato Condizioni per l ammissione pubblicazione di almeno un bilancio d esercizio (derogabile nell interesse degli investitori) sottoposto a revisione contabile; patrimonio netto contabile pari a 3 mld. di lire o equivalente in euro; sufficiente diffusione presso il pubblico (almeno il 20% sia diffuso presso il pubblico e gli investitori istituzionali); offerta iniziale pari ad almeno 10 mld. di lire su almeno azioni. è possibile negoziare anche solo 1 azione Prof. Alessandro Berti 82

83 Nuovo Mercato Ruolo dello sponsor Deve essere nominato dall emittente al fine di: svolgere assistenza nella procedura di ammissione; intervenire nel mercato per sostenere la liquidità; svolgere attività di analisi finanziaria. Prof. Alessandro Berti 83

84 Nuovo Mercato Ruolo dello sponsor (segue) Lo sponsor svolge funzione di specialista e di market maker, ossia: espone continuativamente sul mercato proposte di acquisto e vendita a prezzi che non si discostino fra loro (bid-ask spread) di una percentuale stabilita da Borsa italiana spa; fornisce analisi finanziarie periodiche (almeno 2 all anno) sull emittente, complete di previsioni. Prof. Alessandro Berti 84

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

La valutazione implicita dei titoli azionari

La valutazione implicita dei titoli azionari La valutazione implicita dei titoli azionari Ma quanto vale un azione??? La domanda per chi si occupa di mercati finanziari è un interrogativo consueto, a cui cercano di rispondere i vari reports degli

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3

GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 GUIDA ALLE OPZIONI SU AZIONI SU T3 SERVIZIO SULLE OPZIONI SU AZIONI (ISOALPHA) 1. INTRODUZIONE Con la piattaforma T3 di Webank possono essere negoziate le Opzioni su Azioni (Isoalpha), contratti di opzione

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v.

LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma. Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. LOTTOMATICA S.p.A. Viale del Campo Boario, 56/d - 00153 Roma Capitale sociale Euro 150.212.152,00 i.v. Partita IVA, codice fiscale ed iscrizione presso il registro delle imprese di Roma n. 08028081001

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano

FUNZIONAMENTO GEM GLIS. Manuela Lombardi Ester Treglia Gianluca Bove Vito Miceli. Giancarlo Valerio Sonia Stati Ilaria Richichi Luca Cipriano CONOSCERE LA BORSA FUNZIONAMENTO I partecipanti formano delle squadre ed elaborano una strategia di investimento per il proprio capitale virtuale iniziale (50.000 euro). Nel nostro caso si sono costituite

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi

OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi OIC 28: Il Patrimonio netto Sintesi dei principali interventi Format Si è modificata la struttura del principio utilizzando il format standard dei nuovi principi salvo apportare i necessari adeguamenti

Dettagli

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE.

GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. GUIDA ALL AUMENTO DI CAPITALE. CONSERVA QUESTA GUIDA, TI SARÀ UTILE NEL PERIODO DI OFFERTA. IL PRESENTE DOCUMENTO NON È UN PROSPETTO INFORMATIVO, OGNI DECISIONE DI INVESTIMENTO DEVE ESSERE ASSUNTA SOLO

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

V1pc Internet Banking

V1pc Internet Banking 2.6 Area Portafoglio In questa area è possibile ottenere informazioni sull'andamento del portafoglio titoli relativa al dossier selezionato tenendo così costantemente aggiornati l utente sul valore degli

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12

Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Finanza Aziendale Decisioni di finanziamento e mercati finanziari efficienti BMAS Capitolo 12 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl 1 Argomenti Decisioni di finanziamento e VAN Informazioni e

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE POSTE DI BILANCIO: una breve disamina sul fair value A cura Alessio D'Oca Premessa Nell ambito dei principi che orientano la valutazione del bilancio delle società uno dei

Dettagli

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE REGOLAMENTO OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Delibera n. 17221 del 12.3.2010 A cura della Divisione Tutela del Consumatore Ufficio Relazioni con il Pubblico Giugno 2010 [pagina bianca] Regolamento recante

Dettagli

Maggio 2014. Guida dell Azionista

Maggio 2014. Guida dell Azionista Maggio 2014 Guida dell Azionista Con la presente Guida intendiamo offrire un utile supporto ai nostri azionisti, evidenziando i diritti connessi alle azioni possedute e consentendo loro di instaurare un

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

Tipologie di strumenti finanziari

Tipologie di strumenti finanziari Tipologie di strumenti finanziari PRINCIPALI TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI: Azioni Obbligazioni ETF Opzioni 1 Azioni: definizione L azione è un titolo nominativo rappresentativo di una quota della

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Fideiussione Corporate (la "Garanzia")

Fideiussione Corporate (la Garanzia) Fideiussione Corporate (la "Garanzia") OGGETTO: A ciascun detentore di obbligazioni convertibili in azioni della società Sacom S.p.A. denominati "Sacom 2013 2018 Obbligazioni Convertibili" (ciascun Obbligazionista,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio

Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli. Le migliori condizioni per il suo patrimonio Panoramica dei prezzi per le operazioni d'investimento e su titoli Le migliori condizioni per il suo patrimonio 2-3 Sommario 01 Il nostro modello dei prezzi 4 02 La nostra gestione patrimoniale 5 03 La

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA Mid Industry Capital S.p.A Sede Legale Galleria Sala dei Longobardi 2, 20121 Milano Cod. Fisc. e P.IVA R.I. Milano 05244910963, R.E.A. Mi 1806317, Capitale Sociale Euro 5.000.225 i.v. CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA

Dettagli