Governare la complessità: l INAIL e i nuovi scenari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Governare la complessità: l INAIL e i nuovi scenari"

Transcript

1

2 Atti del convegno Governare la complessità: l INAIL e i nuovi scenari febbraio 2011 Edizione 2011

3 Consulenza per l Innovazione Tecnologica Responsabile: Dott. Alessandro Di Agostino Stampato dalla Tipolitografia INAIL di Milano nel mese di novembre 2011

4 La scienza è costruita di fatti, come una casa è costruita di mattoni; ma un accumulo di fatti non è una scienza di più che un mucchio di mattoni. Jules Henri Poincaré

5

6 PRESENTAZIONE Lo studio della complessità, che si avvale di molte discipline, cognitive, metodologiche, della cibernetica, dell'intelligenza artificiale, della teoria dei sistemi, della teoria del caos, dell'informatica e del management, appare un fattore abilitante nella costruzione dei grandi sistemi informativi come quelli delle Pubbliche Amministrazioni. È, altresì, opinione condivisa che, per affrontare la complessità, avvalendosi dei modelli elaborati dalle varie discipline, occorra comunque elaborare una propria visione che consenta di tracciare in maniera coerente percorsi, fornire indirizzi, nonché elaborare obiettivi e strategie necessari per gestire la complessa rete di interazioni con il mondo reale. Per rispondere alle sfide della complessità, indotta altresì dalle trasformazioni sollecitate da scenari in sempre più rapido mutamento, occorre mettere insieme intelligenze provenienti da tutte le sensibilità tecnico-amministrative nel pensare a dei servizi in grado di utilizzare, in modo coerente, la firma digitale, i documenti informatici, le tecniche di comunicazione web e multicanale, per interagire con il nuovo mondo digitale. L evento, condotto dalla Consulenza per l Innovazione Tecnologica, con il valido supporto della Direzione Centrale Programmazione Organizzazione e Controllo, dei colleghi della Consulenza Statistico Attuariale, dell ex-ispesl e dell ex-ipsema, ha inteso costituire un momento di riflessione e confronto - aperto alle più autorevoli voci dell Istituto ed a significativi rappresentanti del mondo esterno - su come si possa operare per governare la complessità in un contesto in cui l innovazione tecnologica e organizzativa viene sempre più chiamata a sostenere le scelte necessarie per l evoluzione sul piano informativo dell Istituto.

7

8 INDICE Pag. INTERVENTI E MONOGRAFIE IL PROCESSO DI VIRTUALIZZAZIONE DELLE RISORSE TECNOLOGICHE Augusto Albo L OTTIMIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE DEI DATA CENTER Augusto Albo LA VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA SALUTE E SICUREZZA NELLE AZIENDE Silvia Amatucci - Giuseppe Morinelli - Maria Ilaria Barra - Antonio Terracina TESTO UNICO E DANNO BIOLOGICO: UN IPOTESI DI ARMONIZZAZIONE DELLE DUE DISCIPLINE Laura Baradel IL BILANCIO TECNICO DELL EX IPSEMA. L EQUILIBRIO DELLA GESTIONE E LE ANALISI DI TIPO WHAT IF Roberta Bencini COMPLESSITÀ NELLO SVILUPPO DEL SOFTWARE: IL RUOLO DEL COMMITTENTE.. 57 Guido Borsetti LA SICUREZZA DELLE INFORMAZIONI Carmela De Padova COMPLESSITÀ E CONTROLLI - dalla teoria alla pratica Paolo Di Panfilo AFFRONTARE LA COMPLESSITÀ - quali le regole d oro? Paolo Di Panfilo LA DIFFUSIONE DELLA CONOSCENZA DEGLI STRUMENTI DI COMUNICAZIONE E COLLABORAZIONE IN AMBITO LOCALE Mario Laurelli

9 IL METODO DEGLI SCENARI: UNO STRUMENTO PER GOVERNARE UN MONDO COMPLESSO Mario Laurelli ALCUNE CONSIDERAZIONI SULL ALLINEAMENTO FRA LE RISERVE INAIL NEL SETTORE INDUSTRIA E LE RISERVE IPSEMA Raffaello Marcelloni L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI IN AMBITO DOMESTICO. UN ESEMPIO DI GESTIONE DELLA COMPLESSITA TRAMITE LA TECNICA ATTUARIALE Daniela Martini CONTRASTO ALLE FRODI, PROBLEMATICHE E POSSIBILI SOLUZIONI Vittorio Mordanini APPLICAZIONE DEL MODELLO DI CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO, DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE (ICF) AGLI INABILI INAIL COME AUSILIO AL GOVERNO DEL SISTEMA Maria Cristina Paoletti LA MISURAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DELL UTENTE: UN INDICE PER IL GOVERNO DEL SISTEMA Alessandro Simonetta - Maria Cristina Paoletti MODELLI STATISTICI MULTIVARIATI COME STRUMENTO PER LA GESTIONE DELLA COMPLESSITÀ: UN APPLICAZIONE DI ANALISI FATTORIALE PER LA VALUTAZIONE SINTETICA E LA COMPARAZIONE DELLE REALTÀ ASSICURATIVE DI SEDE Massimiliano Veltroni

10 Interventi e Monografie

11

12 IL PROCESSO DI VIRTUALIZZAZIONE DELLE RISORSE TECNOLOGICHE AUGUSTO ALBO * SOMMARIO 1. Premessa La virtualizzazione Vantaggi principali Aree di utilizzo della Virtualizzazione. 1. PREMESSA I reparti IT di ogni Organizzazione devono confrontarsi con la necessità di offrire al proprio interno e al mondo esterno una moltitudine di servizi informatici. Fino a qualche tempo fa l andamento generale era di istallare ogni servizio o applicativo su una macchina server differente. Tuttavia col passare del tempo i progressi tecnologici hanno reso i componenti hardware così potenti da superare le reali necessità di utilizzo. Per questa ragione si è giunti a un punto in cui, da una parte, i sistemi Server offrono una piattaforma hardware molto performante mentre, dall altra, i sistemi e le applicazioni ne utilizzano soltanto una bassa percentuale. Ciò ha reso più complesse le operazioni di gestione dei sistemi IT come conseguenza dell utilizzo di hardware, sistemi operativi, storage e di rete diversi in un ambiente di rete eterogeneo. Infine la proliferazione del numero dei server ha reso ancora più complessa e difficile l interazione tra tutti i sistemi aumentando la complessità degli strati (layer) legati alla comunicazione. La virtualizzazione è una tecnologia collaudata che è stata sviluppata negli anni 60 per partizionare l hardware dei mainframe di grandi dimensioni. La tecnologia di virtualizzazione per gli ambienti open basati su piattaforma x86 è nata già diversi anni fa per soddisfare l esigenza di avere più sistemi in esecuzione sulla stessa macchina. Gli attuali computer basati sull architettura x86 ripropongono, quindi, gli stessi problemi di rigidità e sottoutilizzo che caratterizzavano i mainframe negli anni sessanta. Per far fronte a questa proliferazione di server sono stati messi a punto dei metodi per l installazione di sistemi operativi, applicazioni ed hardware all interno di macchine virtuali. In tal modo, rete, storage e potenza elaborativa diventano pool di risorse raccolti e gestiti tramite un * Consulenza per l Innovazione Tecnologica - Direzione Generale INAIL. 11

13 ATTI DEL CONVEGNO livello di virtualizzazione. Rendere disponibile la potenza di elaborazione come pool di risorse fa sì che queste siano utilizzate in modo più efficiente rispetto all approccio tradizionale che prevede l utilizzo di un applicazione per server. 2. LA VIRTUALIZZAZIONE I sistemi operativi di nuova generazione sfruttano la potenza della virtualizzazione per trasformare i data center in infrastrutture di cloud computing semplificate e consentono alle organizzazioni IT di erogare servizi di nuova generazione, affidabili e flessibili, che fanno uso delle risorse interne ed esterne e garantiscono massima sicurezza e rischi contenuti. Facendo leva sulla potenza delle piattaforme virtualizzate, ormai adottate con successo da migliaia di utenti, si riducono sensibilmente sia i costi operativi sia di capitale, incrementando il controllo sui servizi IT garantendo al tempo stesso la libertà di scegliere qualunque tipo di sistema operativo, applicazione e dispositivo hardware, sia eseguito internamente all azienda, sia erogato da risorse esterne (cloud computing). La virtualizzazione consente a un hardware fisico di ospitare più macchine virtuali, condividendo le risorse fisiche disponibili attraverso differenti ambienti. I server virtuali e i desktop virtuali consentono di ospitare differenti sistemi operativi e applicazioni localmente e in remoto, annullando tutti i problemi delle infrastrutture fisiche e superando i limiti geografici. La virtualizzazione consente, quindi, di eseguire simultaneamente applicazioni differenti, e persino sistemi operativi differenti, sullo stesso server di fascia enterprise partizionando le risorse del sistema in più macchine virtuali (VM). L esecuzione di più applicazioni su un unico server aumenta l efficienza del sistema e riduce il numero di server da gestire e mantenere. Quando i carichi di lavoro aumentano, è possibile creare rapidamente altre VM per rispondere in modo flessibile alle mutate esigenze senza aggiungere fisicamente altri server. Inoltre il miglior utilizzo delle risorse hardware porta a importanti risparmi di costi sia di capitale sia di energia consumata. Aumentano anche la disponibilità delle risorse, migliora e si semplifica la gestione dei desktop, aumenta il livello di sicurezza dell infrastruttura. Con un infrastruttura virtuale è anche possibile migliorare i processi legati al disaster recovery e alla disponibilità complessiva dei sistemi. Stack Fisico Standard Stack Logici con Virtualizzazione 12

14 GOVERNARE LA COMPLESSITÀ: L INAIL E I NUOVI SCENARI La virtualizzazione garantisce, rispetto alla macchina reale, una maggiore scalabilità e contemporaneamente una cooperazione ottimizzata con altri componenti di rete, come ad esempio sistemi di storage condiviso. Utilizzando il potenziale completo di ciascun server, l incremento in utilizzo per unità consente un significativo risparmio economico, altrimenti speso nell acquisto di hardware aggiuntivo e componenti necessari ad implementarlo ed a supportarlo. Minore è la quantità di hardware, minore sarà il supporto necessario, il che si traduce in una riduzione dello spazio richiesto per le operazioni del data center, in un risparmio di energia elettrica utilizzata per l alimentazione ed il raffreddamento delle macchine e così via. Le tecnologie di virtualizzazione si sono evolute nel tempo fino a coprire molteplici aree: il modo in cui gli utenti accedono alle soluzioni di elaborazione, le modalità di sviluppo, implementazione ed utilizzo delle applicazioni, la posizione e il modo in cui le applicazioni vengono archiviate, le modalità di comunicazione tra i sistemi e, naturalmente, le soluzioni per rendere sicuro e allo stesso tempo gestibile un ambiente di sistema esteso. La più conosciuta tecnica di virtualizzazione è la Virtualizzazione dei Server, un metodo in base al quale differenti ambienti operativi condividono le risorse di elaborazione (CPU, memoria, etc.) sulla stessa macchina. Tuttavia, il mercato della virtualizzazione offre anche altre differenti soluzioni, includendo, ad esempio: Virtualizzazione delle applicazioni - garantire una singola applicazione senza la necessità di installarla completamente su un sistema locale dedicato; Virtualizzazione dei Desktop - fornire un ambiente elaborativo completo (con un sistema operativo indipendente, applicazioni e dati) a un utente finale, indipendentemente dal suo desktop fisico di accesso; Virtualizzazione dello Storage - fornire l accesso ai dati senza necessità di definire ai sistemi e alle applicazioni dove lo storage è fisicamente dislocato e gestito; Virtualizzazione del Network - astraendo i servizi di rete, le risorse o i componenti dai sistemi, le applicazioni ed i sottosistemi di rete che utilizzano o comunicano con questi componenti. La virtualizzazione permette, quindi, di modificare tutto l approccio sino ad ora seguito nell adeguare le risorse di elaborazione, di storage o di rete alle esigenze delle applicazioni. La sua validità consiste proprio nel fatto che è applicabile a tutti i diversi sottoinsiemi dell ICT e non solo a una sua esclusiva parte. Le soluzioni di virtualizzazione su più livelli (server, rete, storage, etc.) garantiscono gli stessi livelli di servizio pre-virtualizzazione riducendo i costi, i consumi energetici e la complessità dell infrastruttura. Si tratta, in definitiva, di un approccio che permette di non sprecare risorse e che rappresenta un ulteriore elemento di una visione globale orientata al Green IT. 3. VANTAGGI PRINCIPALI La virtualizzazione astrae le applicazioni e i dati della complessa infrastruttura sottostante per creare un infrastruttura cloud interna che consenta al dipartimento IT di concentrarsi sul supporto e sul conseguimento degli obiettivi istituzionali. I vantaggi della virtualizzazione sono così riassumibili. 13

15 ATTI DEL CONVEGNO Riduzione dei costi e massimizzazione dell efficienza IT: la virtualizzazione aiuta le organizzazioni a erogare i servizi IT in maniera più efficiente eliminando gli investimenti non necessari e riducendo costi e complessità associati alla gestione e manutenzione dell infrastruttura IT. Con l adozione della virtualizzazione si possono ridurre del 50% gli investimenti di capitale e di oltre il 60% le spese operative di ciascuna applicazione, abbattendo il costo complessivo di gestione delle applicazioni aziendali. Le organizzazioni che utilizzano la virtualizzazione sono in grado di conseguire rapporti di consolidamento molto elevati, con gestione automatizzata e allocazione dinamica delle risorse alle applicazioni eseguite in infrastrutture cloud interne ed esterne. Come risultato, si abbandona il tradizionale e costoso modello di distribuzione delle applicazioni e dei dati vincolato a specifici sistemi e architetture, per passare a un ambiente IT autogestito e ottimizzato in modo dinamico capace di assicurare la massima efficienza nell erogazione dei servizi aziendali. Maggiore controllo IT attraverso l automazione dei livelli di servizio: poiché le organizzazioni dipendono in misura sempre maggiore dai servizi IT, la distribuzione efficace delle applicazioni può fare la differenza tra sviluppo e declino, successo e fallimento. Le organizzazioni si affidano completamente al dipartimento IT che è tenuto a controllare e garantire la qualità del servizio per quanto concerne la distribuzione delle applicazioni. La virtualizzazione automatizza gli accordi sui livelli di servizio (SLA, Service Level Agreement) relativi a disponibilità, sicurezza e scalabilità spostando il paradigma della gestione data center dall infrastruttura all erogazione del servizio. I responsabili delle applicazioni che hanno l esigenza di implementare nuovi servizi aziendali sono perciò al riparo dalla complessità di server, storage e infrastruttura di rete e possono concentrarsi sulla realizzazione del valore per l azienda. Ne consegue un ambiente controllato e automatizzato, resiliente agli errori e in grado di rispondere prontamente a esigenze in rapida evoluzione, senza tuttavia incidere negativamente sulla complessità o i costi generali di esercizio. Potenziamento dei dipartimenti IT e libertà di scelta: la virtualizzazione crea ambienti IT a prova di futuro e fornisce servizi aziendali on demand, consentendo di scegliere, fra i componenti standard di settore per hardware, architettura applicativa, sistema operativo e infrastruttura interna o esterna, quelli più adatti alle esigenze aziendali attuali e future. Con la virtualizzazione si conservano la flessibilità di scelta e l indipendenza da hardware, sistema operativo, stack applicativo e service provider. In altri termini, si possono supportare le applicazioni esistenti senza alcun timore per le applicazioni future e si possono utilizzare in infrastrutture cloud interne o esterne. Consolidamento e ottimizzazione costante di server, storage e hardware di rete: la virtualizzazione elimina la proliferazione dei server eseguendo le applicazioni all interno di macchine virtuali installate su un numero inferiore di server e con un utilizzo più efficiente delle risorse di rete e storage. In questo modo si riduce la complessità di gestione dell hardware mediante la virtualizzazione totale di server, storage e hardware di rete. Le organizzazioni che utilizzano la virtualizzazione in media riescono a ridurre di almeno il 50% le spese di capitale per singola applicazione e ad abbattere di oltre il 60% i costi operativi (manodopera). Miglioramento della business continuity: la virtualizzazione aiuta a realizzare una solida 14

16 GOVERNARE LA COMPLESSITÀ: L INAIL E I NUOVI SCENARI infrastruttura protetta che garantisce la continuità aziendale anche in presenza di guasti hardware o di indisponibilità del data center. Oltre ad eliminare i downtime applicativi imputabili ad attività di manutenzione pianificata di server, storage o rete, la virtualizzazione fornisce funzioni per l alta disponibilità semplici e convenienti per fronteggiare tempi d inattività non pianificati, ad esempio per guasti server. Anche il ripristino in caso d indisponibilità dell intero data center viene semplificato senza che sia necessario disporre di costoso hardware ridondante. Semplificazione delle operazioni IT: la virtualizzazione semplifica la gestione operativa di ambienti di test, sviluppo e produzione dislocati su più sedi e che eseguono applicazioni o sistemi operativi di qualunque tipo. Utilizzando la virtualizzazione è possibile condividere e sostituire facilmente le risorse hardware e semplificare la gestione ricorrendo a policy, procedure operative e di gestione automatizzata comuni a più insiemi di applicazioni e utenti aziendali. La virtualizzazione semplifica il provisioning dei servizi aziendali e garantisce livelli di servizio uniformi a prescindere dall infrastruttura fisica o dalla dislocazione degli stessi. Ciò non solo riduce i costi generali d esercizio, ma abilita anche la portabilità delle applicazioni tra infrastrutture cloud interne ed esterne senza che i livelli di servizio ne risentano, o che siano richiesti interventi di personalizzazione. 4. AREE DI UTILIZZO DELLA VIRTUALIZZAZIONE In considerazione dei benefici che le tecnologie di virtualizzazione stanno concretamente mostrando tanto dal lato dei costi, quanto dall aumentata e migliorata flessibilità e gestibilità dei sistemi, nel tempo sono state sviluppate numerose aree di applicazione le più rappresentative delle quali sono riportate di seguito: Server Consolidation - con le tecnologie di virtualizzazione si possono avere più sistemi server su di un unico hardware fisico migliorando la gestibilità, diminuendo i server e abbassando il TCO; Test e Sviluppo - la virtualizzazione offre la possibilità di eseguire tutto il ciclo di sviluppo e test in ambienti identici a quelli di produzione (in linea di principio è possibile ed ipotizzabile un numero grande a piacere di ambienti di test, uguali e/o diversi e sempre isolati tra di loro), consentendo di individuare ed eliminare un numero maggiore di criticità e malfunzionamenti e rendendo le prove ed i test ripetibili a parità di condizioni iniziali; Migrazioni di piattaforma Hardware e aggiornamenti - l astrazione dei sistemi software dalla piattaforma hardware sottostante svincola le scelte tecnologiche dalle eventuali compatibilità e dalle criticità legate ai tempi d indisponibilità durante l implementazione dei nuovi sistemi; Provisioning - la virtualizzazione fornisce una nuova modalità di gestione dell infrastruttura IT e consente di aumentare la flessibilità e la rapidità di risposta alle nuove esigenze e richieste da parte dell utenza; permette, inoltre, agli amministratori di dedicare meno tempo ad attività ripetitive, quali la configurazione, l aggiornamento, il monitoraggio e la manutenzione; Business Continuity - le tecnologie di virtualizzazione permettono l implementazione di migliori e più efficaci strategie di protezione dei dati e alta disponibilità che permetto- 15

17 ATTI DEL CONVEGNO no di essere pronti in caso di necessità o di disastro. Il tutto si traduce in una riduzione generale dei tempi d inattività, anche pianificata, attraverso un aumento della semplicità e affidabilità delle soluzioni a elevata disponibilità e disaster recovery; Capacity Planning e Gestione delle Risorse - la virtualizzazione offre la possibilità di ridisegnare e ridimensionare i sistemi con un basso o nullo tempo d indisponibilità (downtime). Le tecnologie di accesso dinamico alle risorse permettono di far fronte anche a carichi computazionali e di spazio storage non previsti. La virtualizzazione è però un processo che coinvolge non solo le infrastrutture centrali, ma progressivamente scende verso il desktop, thin client o dispositivi portatili. In questo ambito permette di razionalizzare la gestione delle release, controllare meglio l utilizzo delle risorse e proteggere più efficacemente i dati aziendali. Si tratta quindi di un processo che coinvolge progressivamente tutti i livelli di un sistema informativo. La considerazione generale è che con un utilizzo opportuno del mix delle possibilità offerte dalle tecnologie di Virtualizzazione è possibile migliorare il controllo dei sistemi e delle dinamiche dei costi iniziali e operativi. RIASSUNTO I sistemi operativi di nuova generazione sfruttano la potenza della virtualizzazione per trasformare i data center in infrastrutture semplificate e consentono alle organizzazioni IT di erogare servizi di nuova generazione, affidabili e flessibili, che fanno uso delle risorse interne ed esterne e garantiscono massima sicurezza e rischi contenuti. Facendo leva sulla potenza delle piattaforme virtualizzate, ormai adottate con successo da migliaia di utenti, si riducono sensibilmente sia i costi operativi sia di capitale, incrementando il controllo sui servizi IT garantendo al tempo stesso la libertà di scegliere qualunque tipo di sistema operativo, applicazione e dispositivo hardware. 16

18 L OTTIMIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE DEI DATA CENTER AUGUSTO ALBO * SOMMARIO 1. Consolidamento Consolidamento di ambienti server Ottimizzazione del Data Center. 1. PREMESSA Un Data Center rappresenta per le Aziende un notevole investimento dovuto all impiego di centinaia di servers per supportare le applicazioni e i servizi che gli utenti le richiedono. Le Aziende che oggi hanno un così ampio range di tecnologie differenti, hanno ora il problema di ottimizzare le prestazioni attraverso l impiego di un opportuno mix di piattaforme applicative. I Data Center stanno vivendo una fase di profonda trasformazione evolutiva. Entrambi i fattori tecnologici e di business stanno influenzando questo processo di trasformazione. L arrivo e la successiva maturazione della tecnica di virtualizzazione, che provvede a separare le infrastrutture logiche da quelle fisiche, costituisce la pietra miliare di questo processo di trasformazione dei Data Center. Dopo aver retto il primo urto della tecnologia di virtualizzazione, le organizzazioni stanno ora cercando di ottenere altre efficienze dall impiego delle tecnologie IT. Queste efficienze possono essere ottenute attraverso percorsi come altri processi di virtualizzazione delle risorse, un maggior consolidamento degli attuali servers per finire con l adozione di cambiamenti nelle strategie concernenti i miglioramenti infrastrutturali. Tuttavia, l adozione di corrette decisioni strategiche che possano comportare poi benefici futuri è difficile se non si hanno adeguate informazioni. Un aiuto in queste situazioni può derivare da un monitoraggio degli utenti e di come loro interagiscono con le applicazioni attraverso l infrastruttura IT dell Organizzazione. La struttura responsabile del processo di ottimizzazione del Data Center, magari con l impiego di tools appropriati di monitoring, può rendersi facilmente conto di come i servizi stessi vengono utilizzati e di conseguenza come ricavare ulteriori benefici attraverso il cambiamento della strategia IT. * Consulenza per l Innovazione Tecnologica - Direzione Generale INAIL. 17

19 ATTI DEL CONVEGNO Ad esempio, nel caso di un certo numero di utenti che accede ad un applicazione basata su alcuni server, mentre un numero decisamente inferiore di utenti accede ad un applicazione ospitata su differenti servers. A questo punto il responsabile del Data Center potrebbe decidere di spostare quest ultima applicazione su di un ambiente elaborativo basato su servers virtualizzati, oppure lasciarla nella sua attuale sede. 2. CONSOLIDAMENTO DI AMBIENTI SERVER Questo potrebbe essere il caso in cui è già presente una server farm virtualizzata e il passo successivo è quello di consolidare questo ambiente tenendo conto dell impatto che si avrebbe sugli utenti e nello stesso tempo analizzare il potenziale risparmio che questa operazione comporterebbe. In questo esempio, le informazioni necessarie per prendere la corretta decisione potrebbero essere desunte dall analisi dei dati di utilizzo delle applicazioni. Se l utilizzo delle applicazioni ospitate su server fisici dovesse risultare basso, allora le applicazioni stesse potrebbero essere seriamente candidate ad essere oggetto di virtualizzazione. Analogamente, un ambiente virtuale con un basso livello di utilizzo, potrebbe avere le sue risorse gradualmente ridotte per consentire un successivo consolidamento. Le informazioni ottenute possono essere utilizzate per un analisi costi-benefici. Analizzando quanto costerebbe rilasciare l intero servizio su di un infrastruttura (piattaforme e licenze) con differenti scelte tecnologiche, si potrebbero scoprire ulteriori opportunità di investimenti nell ottimizzazione del Data Center. Troppo spesso, il Data Center è suddiviso in silos tecnologici, la cui responsabilità è ripartita tra i diversi componenti del Team IT dedicato alla gestione del Data Center stesso. Questo comporta per il Responsabile del Centro maggiori difficoltà nel prendere decisioni finalizzate a ottenere dei risparmi di gestione. Superando queste logiche settarie di gestione e guardando alle applicazioni non più suddivise per aree circoscritte ma disponibili a essere ospitate su piattaforme elaborative virtualizzate e dinamicamente modificabili, è possibile effettuare le scelte giuste e prendere le decisioni corrette per il futuro. Un altra situazione che ricorre di sovente è quella derivante dalla presenza di più Data Center ciascuno dotato di autonome e differenti infrastrutture tecnologiche. È questo il caso ad esempio derivante da fusioni e incorporazioni che rendono più difficile il confronto tra le diverse tecnologie, come pure tra i differenti cost models e relative strategie di acquisto in precedenza adottate. Anche in questo caso la corretta strategia per il futuro deriva dal possedere le giuste informazioni su come gli utenti utilizzano il servizio. Basandosi su queste informazioni, l IT Manager può agire sull operatività degli utenti di questi servizi, per determinare se è possibile concentrare la tecnologia in un unico Data Center, oppure continuare a tenere distinti i vari siti. I dati sull utilizzo delle applicazioni possono infine comportare benefici attraverso la razionalizzazione nell uso delle licenze in possesso dell Organizzazione eliminando quelle non più utilizzate. 3. OTTIMIZZAZIONE DEL DATA CENTER L obiettivo di un Data Center altamente virtualizzato è di passare da una piattaforma vinco- 18

20 GOVERNARE LA COMPLESSITÀ: L INAIL E I NUOVI SCENARI lata e sotto-utilizzata ad una più flessibile, dinamica e rispondente alle esigenze di riduzione dei costi. Di conseguenza sarà necessario adottare dei tools in grado di gestire adeguatamente il mix di ambienti fisici e virtuali che si verranno a creare. Comunque il passaggio a un più alto utilizzo di risorse, a una maggiore densità, associato a minori costi energetici e di requisiti di spazio, dovrebbe aiutare le Organizzazioni a passare da una situazione in cui il 70%-80% del budget IT è dedicato a tenere le luci accese a una in cui solo il 50% del budget sia utilizzato per questi scopi. Risparmiando il 20%-30% del budget IT, la Direzione IT potrà rispondere più efficacemente alla richiesta di fare di più con meno risorse proveniente dagli utenti, per migliorare le applicazioni che costituiscono il core business dell Organizzazione. Una volta raggiunto un adeguato livello di consolidamento, il passo successivo consisterà nell ottimizzazione della componente energetica ed infrastrutturale del Data Center. Occorrerà quindi rivedere la gestione dell alimentazione, le necessità di raffreddamento, la razionalizzazione degli spazi e altri aspetti per essere certi che ciascuno di questi elementi possa ancora soddisfare le esigenze di un ambiente a questo punto più densamente popolato. Un ridisegno del sistema di raffreddamento più mirato si renderà necessario per ridurre i consumi energetici. Il processo di virtualizzazione e l ottimizzazione infrastrutturale garantiscono inoltre all Organizzazione la possibilità di muoversi verso approcci di razionalizzazione del Data Center più orientati ad aspetti ecologici come ad esempio il raffreddamento ad aria libera o ad acqua, il recupero di energia, il riuso e così via. La maniera con cui sono stati gestiti i Data Center ha subito continui cambiamenti, man mano che la tecnologia è passata dai mainframe ai mini computer fino ad arrivare ai server cosiddetti rack-mounted per finire con i più recenti server blade. Il vecchio modo di concepire le necessità applicative (una o al massimo due applicazioni per server) ha comportato dei livelli di stress nella gestione del Data Center, relativamente agli aspetti di alimentazione ed alle necessità di raffreddamento, tutto sommato contenuti, anche se andava aumentando la densità dei dispositivi. La virtualizzazione ha cambiato questo paradigma. Man mano che sono stati introdotti nuovi progetti di virtualizzazione, come elementi per la razionalizzazione e il consolidamento del software, come pure dell hardware, la gran parte delle Organizzazioni è passata da una situazione che prevedeva un elevata densità dell hardware ad una in cui si aumentava la percentuale di utilizzo del singolo server. Questo alla fine ha comportato elevati livelli di stress riguardo agli aspetti di alimentazione e di raffreddamento, nel caso in cui non si fosse provveduto ad una buona progettazione del Data Center. Tuttavia nonostante queste preoccupazioni, in numerose e recenti implementazioni della virtualizzazione, l approccio di collocare dispositivi simili tra loro in aree ben specifiche ha prodotto risultati disastrosi. Ad esempio, l aver collocato tutti gli alimentatori in una pila, tutte le CPU in un altra e tutto lo storage in un altra ancora ha generato seri problemi relativamente agli aspetti di fornitura di potenza elettrica. Inoltre lo smaltimento del calore da una sorgente cosi altamente dissipativa ha richiesto sistemi di raffreddamento notevolmente specializzati allo scopo di prevenire casi di surriscaldamento. La maggior parte degli specialisti di virtualizzazione e implementazione di Data Center, ha enfatizzato la propria capacità di progettazione di piattaforme per ambienti altamente virtualizzati. Tuttavia essi non hanno tenuto in conto, oltre le componenti fondamentali, anche degli aspetti relativi alle interconnessioni, al dimensionamento della potenza in ingresso ed alla necessità di una capacità di crescita dinamica e di una contestuale riduzione delle risorse. 19

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

8. Le scelte che determinano impatti sui costi

8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8. Le scelte che determinano impatti sui costi 8.1 INTRODUZIONE Per valutare e controllare i costi di una soluzione e-learning è necessario conoscere in maniera approfondita i fattori da cui dipendono

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale

Guida al backup. 1. Introduzione al backup. Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi. Backup su nastro media ideale 1. Introduzione al backup Guida al backup Backup dei dati una parte necessaria nella gestione dei rischi Con l aumentare dei rischi associati a virus, attacchi informatici e rotture hardware, implementare

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli