il viaggio verso il cloud, fra business e tecnologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il viaggio verso il cloud, fra business e tecnologia"

Transcript

1 NOVEMBRE 2013 Non è banale il percorso per giungere in maniera armonica alla realizzazione di servizi cloud efficienti e affidabili, senza sconvolgere pesantemente consolidate metodologie di sourcing, monitoraggio e amministrazione dei servizi e delle risorse IT. L itinerario prevede diverse tappe e passaggi, che devono tener conto non solo degli aspetti tecnologici, ma anche di quelli organizzativi e strategici. In questa eguide di ICT4Executive alcuni consigli sugli approcci e le iniziative chiave da attuare per cogliere appieno i benefici del cloud il viaggio verso il cloud, fra business e tecnologia La tua azienda è pronta per il cloud? Le best practice da adottare Migrare al cloud facendo leva sui processi ITIL Il concetto di personal cloud: dal PC al BYOD Il ruolo del CIO nell era del cloud SPONSORED BY

2 .1. pronti per il cloud? le best practice da adottare I l viaggio verso il cloud è affascinante, ma va pianificato. Un approccio alla ventura zaino in spalla non è indicato per arrivare alla meta e cogliere i vantaggi che il cloud può fornire. E come nei viaggi si ascoltano i consigli e i suggerimenti di chi ci è già stato, di seguito elenchiamo alcune best practice, alcune indicazioni di chi questo viaggio lo ha già intrapreso. Le best practice fanno riferimento alle analisi di Gartner e dell Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano. FOCALIZZARSI SULLA GESTIONE DEI PROCESSI E DELLE PERSONE Introducendo un modello alternativo di utilizzo e consumo dei servizi IT, il cloud computing viene talvolta malinteso, ed essenzialmente concepito, come una pura questione tecnologica. Non si tiene conto che l apporto della tecnologia al cambiamento complessivo, in seguito all applicazione del paradigma cloud, è limitato in confronto ai cambiamenti nei processi e nelle persone, necessari per concretizzare l adozione della nuvola. In effetti, il passaggio al cloud produce un notevole impatto sulle modalità con cui i reparti IT definiscono i servizi, e su come questi vengono forniti. Un impatto che si riflette anche in termini di necessità di ri-formazione del personale esistente, oltre che nell esigenza di definire, monitorare e gestire SLA (Service Level Agreement) e contratti, adottando best practice e standard nei processi. Perciò, i dipartimenti IT dovrebbero concentrarsi maggiormente sui processi e le competenze dei collaboratori, e poi sulle questioni tecnologiche. Quando le metodologie di gestione dei processi e del personale non sono corrette e robuste, qualunque piattaforma di gestione cloud allo stato dell arte l organizzazione possa acquisire, non riuscirà a produrre il valore desiderato. NEL CLOUD MEGLIO PRENDERE DECISIONI STRATEGICHE CHE TATTICHE Gli asset infrastrutturali dell IT sono investimenti costosi, quindi è meglio considerare la loro pianificazione secondo una visione strategica, e non tattica e focalizzata sul breve periodo. In particolare per i reparti I&O (Infrastructure & Operations) diventa critico valutare le iniziative cloud nel contesto del framework e dell architettura complessiva di IT governance dell organizzazione. Se ad esempio si sceglie d investire in un infrastruttura cloud privata a livello aziendale partendo da solide competenze di gestione, gli investimenti saranno ben messi a frutto. Se in- 2 ICT4E.Guide

3 vece tali decisioni di cambiamento sono prese in fretta e senza la dovuta attenzione, potrà in seguito rivelarsi molto difficile gestirle nel corso del loro ciclo di vita, quindi, ad esempio, modificarle o ritirarle in maniera giustificabile. E ciò accade soprattutto quando i responsabili I&O non possiedono la necessaria lungimiranza nel pianificare il contemporaneo riuso degli asset esistenti, mentre stanno programmando la modernizzazione del data center. GUARDARE CON ATTENZIONE ALLE SCELTE TECNOLOGICHE Un analisi metodica e accurata dei pro e contro di una soluzione è sempre consigliabile da fare, perché anche quando si adottano tecnologie di base, come la virtualizzazione, le tecnologie VDI (Virtual Desktop Interface) o il modello SaaS (Software-as-a-Service), non significa che soluzioni come queste, considerate universali per tutti i problemi, si possano scegliere alla cieca. Ad esempio, applicare policy di virtualizzazione onnicomprensive e generalizzate su infrastrutture eterogenee e non standardizzate potrebbe dimostrarsi non sempre la cosa migliore per raggiungere una gestione efficace e massimizzare il valore del business. Allo stesso modo, quando si valutano modalità di provisioning automatizzato, elastico o dinamico, e tecnologie di gestione dei workload, con i relativi costi d implementazione e integrazione, è sempre bene concentrare l attenzione sulle esigenze di business specifiche della propria organizzazione, a livello strategico, operativo, di punti critici e di priorità dei servizi IT. Nessuna tecnologia informatica, cloud compresa, può essere dispiegata così com è, out-ofthe-box, perché tutte richiedono investimenti in personale, processi e capacità di gestione del business. Si deve sempre essere in grado di giustificare le decisioni prese, basandole sulla criticità e il valore aziendale dei servizi IT forniti e supportati da ciascun componente, e sui requisiti e priorità propri della singola organizzazione. DEFINIRE UN SISTEMA DI METRICHE E KPI Un altra cosa importante, parlando di qualità del servizio, è attivare sistemi di misurazione, per far sì che gli utenti business percepiscano di ottenere esattamente ciò per cui sono pronti a pagare, e niente di più. Altrimenti, tenderanno a credere di ricevere tale livello di qualità come una concessione, e non come un valore. I parametri sul livello e la qualità dei servizi vanno sincronizzati esattamente in rapporto alle esigenze e ai valori del business, per amministrare in modo armonico le necessità, le aspettative, le priorità e le difficoltà degli utenti. In questo senso il cloud porta spesso il vantaggio di avere un unico interlocutore: in caso si malfunzionamento del sistema sarà lui in ultima istanza il responsabile di trovare la soluzione. 3 ICT4E.Guide

4 .2. migrare al cloud facendo leva sui processi itil L a natura dinamica, transitoria e multiforme dei servizi cloud, ad esempio in termini di prezzi, modelli di fatturato, parametri di servizio delle differenti offerte as-a-service, rende insufficienti i tradizionali approcci di ITSM (IT Service Management) richiedendo la messa in campo di un modello olistico di valutazione dei servizi stessi, anche in relazione ai processi di gestione del cambiamento. Le linee guida ITIL qui illustrate spiegano quali processi integrare per fare questa valutazione, che si muove in un più ampio contesto di osservazione del ciclo di vita, e dell evoluzione dei servizi IT che nel tempo migrano verso il cloud. DALLA TECNOLOGIA AI PROCESSI E ALLE PERSONE È vero che, grazie a nuove opzioni di sourcing e automazione (server dinamici, virtual machine, storage provisioning, ecc.), il modello cloud può permettere di ridurre e semplificare alcuni classici problemi tecnici dei centri dati, fra cui le operazioni di upgrade, espansione, supporto, come anche favorire l integrazione delle applicazioni legacy o la più rapida fornitura dei servizi. È però altresì vero che, in mancanza di solide procedure ITSM (IT service management), i mal di testa causati dalla tecnologia vengono sostituiti da altre complicazioni connesse agli aspetti legali, di sicurezza, di multisourcing, e di gestione dei vendor tipici del cloud pubblico o dai problemi di gestione dei servizi e delle relazioni di business che possono insorgere in un cloud privato. MIGRAZIONE VERSO IL CLOUD, È FONDAMENTALE UN APPROCCIO OLISTICO Se manca una visione unitaria dei servizi IT che stanno migrando verso il cloud, vi possono essere rischi di insuccesso che vanno oltre le perdite finanziarie, e arrivano a toccare gli asset intangibili dell azienda, come il valore del brand e la sua percezione da parte del mercato, specialmente se ci sono problemi di performance, dati o sicurezza transazionale. I processi di transizione verso il cloud sono multidimensionali e più articolati, in confronto alle decisioni di acquisto di qualche tecnologia off-the-shelf, fondamentalmente a causa della natura transitoria dei servizi nella nuvola: gli aspetti base di ITSM e gestione del business, come il prezzo dei servizi, i processi di fatturazione, la definizione delle unità e dei parametri di servizio, variano infatti a seconda delle offerte as-a-service (IaaS, PaaS, SaaS) rese disponibili dai vari fornitori. Il costo dei servizi, i modelli di chargeback e pricing, gli aspetti di continuità e gestione dei livelli di servizio, sono grandemente influenzati dalla transizione dei servizi IT verso il cloud, 4 ICT4E.Guide

5 sia esso privato, pubblico o ibrido. COME ITIL PUÒ AIUTARE NELLA TRANSIZIONE DEI SERVIZI IT VERSO IL CLOUD Le linee guida ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 2011 includono, processi, esempi e tecniche utilizzabili per realizzare una efficace transizione dei servizi IT verso il cloud. Vediamone alcuni: Ragionare in termini di incidenti, cambiamenti, configurazioni, gestione dei rilasci software. Le difficoltà di gestione del costante cambiamento e le lacune di standardizzazione possono essere affrontate facendo procedere i processi base di ITSM (incident, change, configuration, release management) in parallelo con le iniziative di transizione verso il cloud. Integrare i processi di change e release management. Le linee guida ITIL 2011 per elaborare le tecniche di valutazione dell impatto dei cambiamenti, e la programmazione degli stessi, aiutano a gestire meglio i processi. La natura on-demand e real-time del cloud rende i dati dinamici, e l integrazione dei processi di change management può aiutare a gestire molte cose: ad esempio, le operazioni di migrazione, integrazione e sincronizzazione con gli asset proprietari esistenti, le variazioni nelle configurazioni; ma anche il provisioning dinamico, e la stretta dipendenza dei sistemi e delle piattaforme dal vendor della soluzione (vendor lock-in). Quest ultima, nel caso del cloud, può essere ancora più difficile da amministrare, essendo la nuvola un dominio abbastanza emergente in termini di disponibilità di standard unificati e modelli di governance. Nel complesso, l integrazione dei processi di change e release management (comprensivo anche del supporto) fornisce una essenziale visibilità nella catena di fornitura dei servizi IT, aiutando a superare la sfida dei frequenti cambiamenti in maniera controllata e prevedibile. Mettere in relazione i servizi IT con le Line of business. Fondamentale è chiarire le connessioni fra la strategia organizzativa e la conseguente strategia IT, con le relative implicazioni sulle priorità dei servizi informatici nel breve e lungo termine. Ciò aiuta ad amministrare in modo proattivo le esigenze degli utenti per i vari servizi, e a supportare le loro diverse richieste e feedback. Inoltre, facendo leva sulla conoscenza dei processi delle linee di business, i responsabili IT hanno la possibilità di raccogliere tutti i requisiti e le priorità di base (agilità, resilienza, affidabilità, continuità, ecc.) che i servizi IT devono soddisfare in relazione alle attività di business, in modo da giustificare le scelte, e motivare meglio davanti al top management le ragioni di una transizione verso il cloud, anche attraverso la realizzazione di business case specifici. LE PRIORITÀ DI TRAINING ITIL IN BASE A TRE SCENARI Come abbiamo accennato, il cloud non è solo 5 ICT4E.Guide

6 una questione tecnologica ma investe anche le competenze e gli skill della divisione IT. In questo senso si possono sfruttare le linee guida ITIL per definire delle priorità di training in base ai 3 possibili scenari di implementazione del cloud. 1. Cloud privato. Per le organizzazioni che decidono di costruire una nuvola privata vi sono alcune aree prioritarie su cui focalizzare le attività di formazione dello staff I&O. Per prima cosa, occorre incrementare la base di competenze disponibili per supportare una gestione integrata della virtualizzazione nei differenti domini tecnici. Servono poi persone con competenze multidisciplinari, piuttosto che esperti in singole materie, oltre a figure come i change manager o i service manager, in grado di gestire processi e ruoli service-based. Utile è anche la capacità di comunicare e impegnarsi con efficacia con gli utenti business, per comprendere e includere le loro priorità sui servizi informatici nella misurazione, nelle metriche e nella pianificazione delle operazioni IT. In aggiunta, i processi BRM (Business Relationship Management) della strategia di servizio ITIL 2011, integrati con quelli SLM (Service Level Management) possono migliorare in modo significativo la qualità e il valore di queste attività. 2. Cloud pubblico. Quando si sceglie di fare affidamento sulle più flessibili opzioni di sourcing delle offerte di public cloud in termini di espansione della capacità, gestione dinamica dei workload, agilità, elasticità, resilienza i processi di formazione, secondo le linee guida ITIL, devono concentrarsi su alcune priorità in certe aree. Ad esempio, sulla gestione integrata dei carichi e della capacità, dei processi SLM, della disponibilità, della continuità del servizio, della sicurezza, e dei processi di gestione dei rischi. Occorre poi integrare il servizio di supporto e gestione incidenti con le attività di gestione eventi (per il monitoraggio e l intervento proattivo), problemi (per identificare in anticipo le cause che generano il ripetersi di inconvenienti), cambiamenti, configurazioni, e con l amministrazione e dispiegamento dei rilasci software. Anche i processi di gestione dei fornitori e delle attività di sourcing vanno strettamente integrati e monitorati, assieme a quelli SLM e di gestione della capacità, dei carichi, della disponibilità e della continuità dei servizi. 3. Cloud ibrido. Qualora l organizzazione I&O voglia sfruttare appieno le capacità del cloud ibrido, diventa importante possedere processi integrati, un personale maturo, ampia disponibilità di competenze e capacità tecniche multidisciplinari su molteplici piattaforme. Le priorità base qui risultano dalla combinazione dei due gruppi di priorità menzionate nei due punti precedenti. 6 ICT4E.Guide

7 .3. il concetto di personal cloud: dal pc al byod C on l avvento del paradigma cloud, un epoca del personal computing sembra progressivamente tramontare, per aprire le porte alla diffusione di dispositivi mobile, tablet e smartphone leggeri e potenti, sempre connessi alla nuvola e in grado di sfruttarne la potenza informativa attraverso agili App. L avanzata delle soluzioni di personal cloud sta ancora una volta introducendo nuovi standard di produttività, nel lavoro e nella vita privata, e cambiando la cultura e il modo di comunicare delle persone. Ormai sono gli utenti e le loro necessità a dettare lo sviluppo dei nuovi servizi, ma, nell esaudire queste istanze e assecondare processi irreversibili come il BYOD (Bring You Own Device), le organizzazioni IT non possono perdere di vista il rispetto di requisiti base indispensabili da garantire in ogni realtà aziendale, come la sicurezza e protezione di applicazioni e dati, ma anche principi come l interoperabilità multipiattaforma e la semplicità di amministrazione dei dispositivi. I TREND DI CONSUMERIZZAZIONE E VIRTUALIZZAZIONE DELL IT Quella che si sta vivendo è stata definita da molti era post-pc, ma è più realistico definirla era del personal cloud. Una nuvola personale, che gradualmente sostituirà il personal computer come luogo dove gli utenti memorizzano i contenuti e gestiscono le proprie vite digitali. Il personal cloud è anche la colla che connette il Web ai vari dispositivi, scelti in funzione dell uso, e tipicamente tablet e smartphone. Una delle forze alla base di questa nuova era è la cosiddetta consumerizzazione dell IT. Gli utenti e consumatori possono non capire i dettagli di come la tecnologia funziona, ma sanno cosa può fare. Interagiscono ormai in tempo reale sui social media, si affidano a canali informativi personalizzati e possiedono dispositivi portatili abbastanza potenti per lavorare o giocare. Anche i dati aziendali risiedono ormai su device e applicazioni dettati dagli utenti, con conseguenze non sempre positive per le varie imprese e organizzazioni, che devono continuare a mantenere la tecnologia funzionante e sicura. L altro trend è la tecnologia di virtualizzazione che, rispetto al passato, oggi può contare su risorse hardware molto più potenti, ed ha espanso le sua flessibilità e capacità, attraverso la virtualizzazione di interi sistemi, e la possibilità, in un certa misura, di liberare le applicazioni dalle peculiarità dei singoli dispositivi, sistemi operativi o architetture di processore. In questa prospettiva, anche le applicazioni proprietarie (ad esempio le applicazioni legacy Windows) possono essere fatte migrare nel cloud. 7 ICT4E.Guide

8 DALLE APPLICAZIONI ALLE APP, COSA CAMBIA PER LA DIVISIONE IT L ascesa delle App sta anche cambiando il modo in cui le applicazioni vengono progettate, distribuite e utilizzate: piccoli, leggeri e convenienti applet oggi coprono le esigenze della maggior parte degli utenti, mentre le grandi applicazioni restano sempre valide, ma per usi più specifici. Gli App store stanno mutando i modelli di prezzo, fornendo prodotti a basso costo a chi necessita solo di poche funzionalità, mentre la maggior parte delle applicazioni è di tipo Webbased. Tutto ciò sta avendo un forte impatto su come le applicazioni sono scritte e gestite negli ambienti corporate, perché in sostanza occorre modificare software residente su server o su cloud, per conferirgli una portabilità cross-platform e la capacità di adattarsi anche alle caratteristiche di specifici device. In questo scenario i reparti IT devono lottare con problemi di incompatibilità applicativa, nonché di sicurezza e protezione dei dati in ambienti corporate e cloud-based. IL CLOUD SELF-SERVICE SEMPRE A DISPOSIZIONE L avvento del personal cloud, in grado di fornire servizi a singoli utenti, sta incoraggiando la diffusione di una cultura del self-service, che gli utenti dimostrano di possedere in ogni momento della propria esperienza digitale, facendo nel Web le proprie scelte su applicazioni, contenuti, servizi. Ora gli utilizzatori possono memorizzare il loro spazio di lavoro virtuale online, e accedervi in ogni momento, dovunque vi sia banda disponibile, e da svariati dispositivi. I servizi cloud personali (si pensi ad esempio a Dropbox, icloud o SkyDrive) consentono lo storage e la condivisione di qualunque tipo di file, anche se, allo stato attuale, la velocità e i tempi di caricamento possono ancora risultare problematici e condizionati dalla limitatezza della banda disponibile. LE RACCOMANDAZIONI PER LE AZIENDE Per non essere colte di sorpresa da tutti questi cambiamenti, e saper rispondere in modo adeguato alle attuali aspettative degli utenti, le varie imprese e organizzazioni devono compiere alcuni passi critici. Primo, occorre stabilire un programma BYOD, completo di relative policy e processi, per governare il fenomeno che in modo crescente porta a usare in azienda dispositivi non forniti dall impresa stessa. Secondo, bisogna seguire una filosofia progettuale capace di supportare molteplici ambienti operativi, e sviluppare competenze nelle tecnologie di virtualizzazione dei desktop, rivedendo le tecniche di sviluppo applicativo e le operation. L attenzione per gli aspetti di security deve concentrarsi sulla sicurezza di applicazioni e dati, non sui dispositivi. Assecondare lo sviluppo della cultura self-service è altrettanto importante, facendo in modo che gli utenti, ove consentito, diventino il più possibile autosufficienti nelle scelte tecnologiche, e limitando l intervento del personale IT solo ai casi in cui si manifesta una reale necessità di guida e assistenza. Un altra raccomandazione è spostare le risorse corporate su un cloud 8 ICT4E.Guide

9 aziendale sicuro (privato o pubblico), in modo che applicazioni e servizi risultino disponibili in tutta l organizzazione e da diverse posizioni e dispositivi. Naturalmente, ciò non toglie la necessità di prevedere nell infrastruttura la presenza di restrizioni e permessi di accesso a informazioni particolari o riservate, come i dati sensibili. Infine, è bene adottare applicazioni browserbased. Anche se è chiaro che non tutte le applicazioni si possono ricondurre a questo modello, occorre contenere il più possibile la base di applicazioni che dipendono da uno specifico dispositivo e necessitano di installazioni locali. Non meno importante è puntare su tecniche e strategie di fornitura applicativa capaci di semplificare e alleggerire i compiti e gli oneri amministrativi dell IT. 9 ICT4E.Guide

10 .4. il ruolo del cio nell era del cloud N ell era della nuvola, forse come mai prima d ora, per i CIO assumere atteggiamenti conservativi di fronte al nuovo che avanza può determinare conseguenze alla lunga deleterie per la propria professionalità. Sottovalutare la portata della rivoluzione cloud, disinteressarsene, non partecipare alle discussioni, significa restare estromessi domani dai processi decisionali, che sempre più guardano al cloud come a una soluzione necessaria per risolvere molti attuali problemi di gestione dell IT e dei data center. LE SFIDE DEI CIO Oggi i responsabili dei sistemi informativi non possono più permettersi di imporre all organizzazione le loro regole di gestione tecnologica del data center, ma sono chiamati a uscire dalla sala dati, per imparare ad ascoltare il management dell impresa, dialogando con esso e cercando di volta in volta soluzioni in grado di esaudire le necessità del business. L avvento del cloud computing accentua queste esigenze e accresce per il CIO il rischio di estromissione dai tradizionali ruoli decisionali, se si dimostra incapace di comprendere e assecondare le nuove istanze e necessità degli utilizzatori dell IT. TAGLI DI BUDGET La crescente ristrettezza delle risorse finanziarie da destinare al mantenimento dell operatività dell IT, e al suo periodico aggiornamento, rende la nuvola un modello di gestione sempre più appetibile. Perché, nella versione public cloud, promette di slegare il CIO dalla dipendenza dai costi Capex (Capital Expenditure) in favore di un modello Opex (Operational Expenditure) più abbordabile e flessibile, che consente di tagliare i classici costi di gestione del data center aziendale, e liberare risorse e personale da destinare a compiti più strategici. ESIGENZE DELLE LINEE DI BUSINESS I fenomeni come il BYOD, e le necessità espresse da dipendenti e collaboratori di sempre maggior autosufficienza nell uso degli strumenti e servizi IT, non sono più richieste ripudiabili dal CIO. Egli è obbligato a trovare risposte tecnologiche al desiderio di questi utenti, nei diversi ambiti dell organizzazione, di poter lavorare in modo molto più flessibile, dinamico e rapido, utilizzando più dispositivi e operando in ambienti e momenti che, ormai, esulano dai classici canoni spazio-temporali imposti dai tradizionali ambienti d ufficio. IL RISCHIO DEL SORPASSO A DESTRA Oggi, dal punto di vista tecnico, nel processo decisionale che porta un organizzazione a optare per il passaggio al cloud computing, l appro- 10 ICT4E.Guide

11 vazione del CIO non è più ritenuta necessaria, perché può accadere che tale scelta scaturisca naturalmente anche dall esito di una riunione dei vertici aziendali, con un «sorpasso a destra», come lo definisce l Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano. Nel caso del public cloud, la convinzione del management, probabilmente, è che in fondo si tratti di acquistare solo un servizio, con implicazioni e responsabilità ben diverse dal dover pianificare costosi investimenti in hardware e software. Ma è proprio qui che il CIO può far valere la propria competenza, facendo comprendere al management la diversità delle varie offerte cloud in termini di clausole dei contratti, specifiche SLA, criteri di sicurezza, rischi connessi e quant altro. UN CIO SEMPRE PIÙ CHIEF INTEGRATION OFFICER Oggi il cloud computing fornisce al CIO l opportunità di sfruttare il proprio prezioso bagaglio di conoscenze tecnologiche, metodologiche e pratiche informatiche, consolidate in anni di carriera, per far evolvere il proprio profilo professionale verso quello che si può definire chief integration officer. Una figura di consulente, un orchestratore, una guida capace di proteggere l azienda dalle iniziative di acquisizione di soluzioni e servizi che risultino affrettate, scoordinate e prive di analisi in grado di verificare l aderenza ai requisiti base di sicurezza, affidabilità, conformità, interoperabilità e compatibilità applicativa. Un CIO, insomma, armonizzatore, che ha la facoltà di giustapporre con maestria i tasselli tecnologici più corretti per costruire un architettura cloud al passo con tutte le moderne esigenze del business. CONCLUSIONI La natura multiforme e dinamica dei servizi cloud rende il viaggio verso l adozione della nuvola un percorso a curve dove bisogna fare i passi giusti, e dove l itinerario non va improvvisato ma pianificato, tenendo conto soprattutto della gestione dei processi e cambiamenti organizzativi, e non solo della scelte tecnologiche. In questo percorso di trasformazione dell IT, le linee guida ITIL possono fornire un utile orientamento per identificare i processi di gestione da integrare, per raggiungere una visione olistica delle dinamiche di evoluzione dei servizi IT che migrano verso il cloud. L emergere dei modelli di personal cloud e la diffusione di fenomeni come il BYOD sono trend ormai inarrestabili, a cui le varie organizzazioni devono fornire risposte e soluzioni soddisfacenti, pur preservando i basilari requisiti aziendali di sicurezza, privacy, incolumità di dati e applicazioni, e i principi di interoperabilità e semplicità di amministrazione dei dispositivi. Nello scenario di costante evoluzione dei servizi IT verso il cloud, i CIO non si possono permettere di stare affacciati alla finestra, ma devono far tesoro delle proprie consolidate conoscenze per studiare la nuvola in tutti i suoi punti di forza e debolezza. Solo così potranno acquisire voce in capitolo nel processi decisionali aziendali, che sempre più considerano il cloud un modello di computing capace di traghettare l IT verso una nuova era di produttività e di servizi. 11 ICT4E.Guide

12 ICT4EXECUTIVE -

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

L evoluzione dei data center verso il cloud

L evoluzione dei data center verso il cloud DICEMBRE 2012 Nonostante la virtualizzazione abbia dato il via a una fase di investimenti nell ottica del consolidamento e della razionalizzazione dei data center, oggi molte imprese si trovano a metà

Dettagli

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business

Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Il Cloud Computing: uno strumento per migliorare il business Luca Zanetta Uniontrasporti I venti dell'innovazione - Imprese a banda larga Varese, 9 luglio 2014 1 / 22 Sommario Cos è il cloud computing

Dettagli

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center

Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Come ottenere la flessibilità aziendale con un Agile Data Center Panoramica: implementare un Agile Data Center L obiettivo principale è la flessibilità del business Nello scenario economico attuale i clienti

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità

CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità CloudComputing: scenari di mercato, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Milano, 7 Giugno 2012 Cloud Computing: una naturale evoluzione delle ICT Trend n. 1 - ICT Industrialization

Dettagli

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum

Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Spunti ed Elementi da Intel Cloud Forum Intel incontra il canale sul tema del Cloud Computing, Milano, 8 Settembre 2011 L Information e Communication Technology per oltre vent anni si è sviluppata attorno

Dettagli

La trasformazione in atto nei Data center

La trasformazione in atto nei Data center La trasformazione in atto nei Data center Data Center Hands On Milano, 13 marzo 2012 Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it I nuovi dispositivi Videocamera Console & Player Tablet Smart TV Dual screen

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo

Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI. Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo Digitalizzazione e Trasformazione delle PMI Giuliano Faini School of Management Politecnico di Milano 25 ottobre 2012 Bergamo I trend tecnologici che influenzano le nostre imprese? Collaboration Sentiment

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano Quale Roadmap per il Cloud Computing? Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@fondazione.polimi.it La definizione classica del Cloud Computing 4 modelli di deployment Cloud private

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Gestire il laboratorio in maniera semplice

Gestire il laboratorio in maniera semplice Gestire il laboratorio in maniera semplice Guida al LIMS Software as a Service Eusoft White Paper Introduzione La tecnologia oggi offre alle organizzazioni grandi possibilità di innovazione e trasformazione

Dettagli

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti.

Guadagnare con il Cloud. Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. Guida al Cloud Come guadagnare di più rispondendo alle esigenze dei clienti. La situazione del mercato Le esigenze delle Piccole e Medie Imprese I vantaggi per dealer, ISV e integratori I vantaggi per

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw.

Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing. Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ. Alessandro Graziani, Avvocato alessandrograziani@iuslaw. Apps4Law: Riflessioni sul Cloud Computing Roma 21 marzo 2013 Sala Seminari UNIRIZ 2 3 Il Cloud Computing si definisce consuetamente secondo due distinte accezioni: 1. un di carattere tecnologico 2. l altra

Dettagli

Studi Legali /Avvocati. Pensare in grande con il cloud. Costruire il vantaggio competitivo con il software

Studi Legali /Avvocati. Pensare in grande con il cloud. Costruire il vantaggio competitivo con il software Pensare in grande con il cloud Costruire il vantaggio competitivo con il software La promessa del cloud Pagare solo quello che effettivamente si utilizza, quando realmente serve. È la promessa del cloud

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO DI SUCCESSO Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.7 Cloud

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l

IL CLOUD COMPUTING DALLE PMI ALLE ENTERPRISE. Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l IL CLOUD COMPUTING Salvatore Giannetto Presidente Salvix S.r.l Agenda. - Introduzione generale : il cloud computing Presentazione e definizione del cloud computing, che cos è il cloud computing, cosa serve

Dettagli

ZeroUno Executive Dinner

ZeroUno Executive Dinner L ICT per il business nelle aziende italiane: mito o realtà? 30 settembre 2008 Milano, 30 settembre 2008 Slide 0 I principali obiettivi strategici delle aziende Quali sono i primi 3 obiettivi di business

Dettagli

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi

Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Soluzioni per la gestione di risorse e servizi A supporto dei vostri obiettivi di business Ottimizzate i processi IT, massimizzate il ROA (return on assets) e migliorate il livello dei servizi Utilizzate

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Il ROI del consolidamento dei Server

Il ROI del consolidamento dei Server Il ROI del consolidamento dei Server Sul lungo periodo, un attività di consolidamento dei server è in grado di far scendere i costi IT in modo significativo. Con meno server, le aziende saranno in grado

Dettagli

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera

EasyCloud400. Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna. Società del Gruppo Hera EasyCloud400 Il tuo AS/400. Come vuoi, quanto vuoi. Telecomunicazioni per l Emilia Romagna Società del Gruppo Hera L opportunità Aumentare la flessibilità dell azienda in risposta ai cambiamenti dei mercati.

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL

GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL GRANDE INTERESSE DEI CIO ITALIANI VERSO IL CLOUD: TREND RILEVANTE PER IL 66% Una survey del Politecnico di Milano mostra dati positivi sia per la rilevanza percepita sia per la diffusione dei progetti.

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology

Cloud Computing....una scelta migliore. ICT Information & Communication Technology Cloud Computing...una scelta migliore Communication Technology Che cos è il cloud computing Tutti parlano del cloud. Ma cosa si intende con questo termine? Le applicazioni aziendali stanno passando al

Dettagli

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità

Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Cloud Computing: Mercato in Italia, trend e opportunità Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Legnano, 24 maggio 2012 Risorse computazionali 2041 The Time, 2011 I nuovi dispositivi Videocamera Console

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 1 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici ITSM

Dettagli

egovernment e Cloud computing

egovernment e Cloud computing egovernment e Cloud computing Alte prestazioni con meno risorse Giornata di studio CNEL Stefano Devescovi Business Development Executive IBM Agenda Quali sono le implicazioni del cloud computing? Quale

Dettagli

Zerouno IBM IT Maintenance

Zerouno IBM IT Maintenance Zerouno IBM IT Maintenance Affidabilità e flessibilità dei servizi per supportare l innovazione d impresa Riccardo Zanchi Partner NetConsulting Roma, 30 novembre 2010 Il mercato dell ICT in Italia (2008-2010P)

Dettagli

L esperienza d integrazione in SSC

L esperienza d integrazione in SSC Roma, 10 dicembre 2010 Centro Congressi Cavour L esperienza d integrazione in SSC Approcci multimodello nelle pratiche aziendali Il presente documento contiene informazioni e dati di S.S.C. s.r.l., pertanto

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Sistemi gestionali as a Service:

Sistemi gestionali as a Service: Sistemi gestionali as a Service: Una reale opportunità per le imprese? Andrea Gaschi School of Management Politecnico di Milano Agenda Un introduzione ai sistemi gestionali La situazione in Italia Le spinte

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Enterprise Cloud Computing Report

Enterprise Cloud Computing Report 2013 Enterprise Cloud Computing Report Una Ricerca di: The Innovation Group A cura di: Camilla Bellini, Michele Ghisetti, Elena Vaciago The Innovation Innovation Group The Group Innovatingbusiness business

Dettagli

Continuando a Navigare sulle Nuvole...

Continuando a Navigare sulle Nuvole... Continuando a Navigare sulle Nuvole... Andrea Pasquinucci A. Pasquinucci -- Continuando Navigare sulle Nuvole -- 17/10/2012 -- Pag. 1 Indice: Il Cloud: Veloce Riassunto Alcune Caratteristiche delle Nuvole

Dettagli

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti

Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Una roadmap evolutiva verso le infrastrutture convergenti Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it Modena, 9 Ottobre 2013 Le tendenze emergenti Quattro grandi forze che stanno contemporaneamente determinando

Dettagli

Lista delle descrizioni dei Profili

Lista delle descrizioni dei Profili Lista delle descrizioni dei Profili La seguente lista dei Profili Professionali ICT è stata definita dal CEN Workshop on ICT Skills nell'ambito del Comitato Europeo di Standardizzazione. I profili fanno

Dettagli

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra.

soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. soluzioni e servizi per fare grande una media impresa Soluzioni di Cloud Computing per imprese con i piedi per terra. FASTCLOUD È un dato di fatto che le soluzioni IT tradizionali richiedono investimenti

Dettagli

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA);

Documentare, negoziare e concordare gli obiettivi di qualità e le responsabilità del Cliente e dei Fornitori nei Service Level Agreements (SLA); L economia della conoscenza presuppone che l informazione venga considerata come la risorsa strategica più importante che ogni organizzazione si trova a dover gestire. La chiave per la raccolta, l analisi,

Dettagli

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione.

Resta inteso che il seguente studio rimane di esclusiva proprietà della SIRMI, che si riserva tutti i diritti relativi all utilizzazione. L evoluzione delle società di Servizi IT Il fenomeno MSP SIRMI SPA per IBM ITALIA SPA Settembre 2013 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta la professionalità

Dettagli

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016

Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano Industriale 2014-2016 Gruppo Telecom Italia Linee Guida del Nuovo Piano Industriale 2014-2016 - 1 - Piano IT 2014-2016 Digital Telco: perché ora I paradigmi di mercato stabile

Dettagli

Cloud Road Map Easycloud.it

Cloud Road Map Easycloud.it Cloud Road Map Pag. 1 è un Cloud Service Broker(CSB) fondata nel 2012 da Alessandro Greco. Ha sede presso il Parco Scientifico Tecnologico ComoNExT, situato in Via Cavour 2, a Lomazzo (Como). La missione

Dettagli

BYOD e virtualizzazione

BYOD e virtualizzazione Sondaggio BYOD e virtualizzazione Risultati dello studio Joel Barbier Joseph Bradley James Macaulay Richard Medcalf Christopher Reberger Introduzione Al giorno d'oggi occorre prendere atto dell'esistenza

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO BOOKINGSHOW Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Hitachi Systems CBT S.p.A.

Hitachi Systems CBT S.p.A. Hitachi Systems CBT S.p.A. EasyCloud : Cloud Business Transformation LA TECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL RINNOVAMENTO AZIENDALE Accompagniamo aziende di ogni dimensione e settore nella trasformazione strategica

Dettagli

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader

La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane. Rossella Macinante Practice Leader La governance dei Sistemi Informativi nelle aziende italiane Rossella Macinante Practice Leader Firenze, 30 Giugno 2010 Previsioni sull andamento del PIL nei principali Paesi nel 2010-2011 Variazioni %

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Direzione Centrale Sistemi Informativi

Direzione Centrale Sistemi Informativi Direzione Centrale Sistemi Informativi Missione Contribuire, in coerenza con le strategie e gli obiettivi aziendali, alla definizione della strategia ICT del Gruppo, con proposta al Chief Operating Officer

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Enterprise Cloud Computing Report

Enterprise Cloud Computing Report Enterprise Cloud Computing Report La Verità sul Cloud Computing Una Ricerca di The Innovation Group Elena Vaciago Research Manager Cloud Computing Summit 2013 Milano, 21 Marzo 2013 Moving to the Cloud.

Dettagli

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente.

vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape rimodella il tuo data center. Immediatamente. vshape Spiana la strada verso la virtualizzazione e il cloud Trovo sempre affascinante vedere come riusciamo a raggiungere ogni angolo del globo in

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc.

Via F. Bulgherini 1 25020 FLERO (BS) Tel. 030/2563480 Fax. 030/2563470 Via Verdi, 70-20038 SEREGNO (MI) Tel. 0362/237874 P.IVA 03248470175 Cap. Soc. AS/400 STAMPANTI SERVER WINDOWS WORKSTATIONS MATERIALI DI CONSUMO SERVER LINUX CORSI DI FORMAZIONE CHI SIAMO Solution Line è una società di consulenza composta da professionisti di pluriennale esperienza,

Dettagli

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud

Semplifica la Gestione HR. Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Semplifica la Gestione HR Una guida per scegliere il giusto Software HR Cloud Indice Introduzione 3 Vantaggi per tutti 4 Cosa è il Cloud? 4 Quali sono i benefici? 5 Cibo per le menti 7 Domande indispensabili

Dettagli

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni

SERVER E VIRTUALIZZAZIONE. Windows Server 2012. Guida alle edizioni SERVER E VIRTUALIZZAZIONE Windows Server 2012 Guida alle edizioni 1 1 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente documento viene fornito così come

Dettagli

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud)

Brochure DATA CENTER. www.novell.com. Novell Cloud Manager. Costruite e gestite ambienti cloud privati. (Finalmente è arrivato il cloud) Brochure DATA CENTER Novell Cloud Manager Costruite e gestite ambienti cloud privati (Finalmente è arrivato il cloud) Novell Cloud Manager: il modo più semplice per creare e gestire ambienti cloud WorkloadIQ

Dettagli

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni

Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni Una soluzione di collaborazione completa per aziende di medie dimensioni La tua azienda è perfettamente connessa? È questa la sfida cruciale dell attuale panorama aziendale virtuale e mobile, mentre le

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Gestione Operativa e Supporto

Gestione Operativa e Supporto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A6_1 V1.0 Gestione Operativa e Supporto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per

Dettagli

Le opportunità offerte dal Cloud Computing

Le opportunità offerte dal Cloud Computing Le opportunità offerte dal Cloud Computing Ing. Alessandro Piva Politecnico di Milano Alessandro.piva@polimi.it Agenda L impatto sulla catena del valore La definizione di Cloud Computing Le variabili decisionali

Dettagli

Le aree funzionali ed i processi

Le aree funzionali ed i processi Le aree funzionali ed i processi Gestione Operativa ITIL Information Technology Infrastructure Library (ITIL) è un insieme di linee guida ispirate dalla pratica (Best Practice) nella gestione dei servizi

Dettagli

The ITIL Foundation Examination

The ITIL Foundation Examination The ITIL Foundation Examination Esempio di Prova Scritta A, versione 5.1 Risposte Multiple Istruzioni 1. Tutte le 40 domande dovrebbero essere tentate. 2. Le risposte devono essere fornite negli spazi

Dettagli

Il Successo nel Cloud Computing con Oracle Advanced Customer Services (ACS)

<Insert Picture Here> Il Successo nel Cloud Computing con Oracle Advanced Customer Services (ACS) Il Successo nel Cloud Computing con Oracle Advanced Customer Services (ACS) Sandro Tassoni Oracle Support Director Maggio 2011 Agenda Panoramica Strategia Portafoglio ACS per Cloud

Dettagli

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader

Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance. Rossella Macinante Practice Leader Il percorso delle aziende italiane verso l IT Governance Rossella Macinante Practice Leader 11 Marzo 2009 Previsioni sull andamento dell economia nei principali Paesi nel 2009 Dati in % 3,4% 0,5% 1,1%

Dettagli

Cloud Service Broker

Cloud Service Broker Cloud Service Broker La nostra missione Easycloud.it è un Cloud Service Broker fondato nel 2012, che ha partnership commerciali con i principali operatori del settore. La nostra missione: aiutare le imprese

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione

Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Forum PA Roma 19 maggio 2010 Il Cloud Computing e la Pubblica Amministrazione Daniela Battisti Chair Working Party on the Information Economy Committee for Information Computer Communications Policies

Dettagli

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT

PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio Lean IT CDC -Corte dei conti DGSIA Direzione Generale Sistemi Informativi Automatizzati SGCUS Servizio per la gestione del Centro Unico dei Servizi PROCESSI IT: Ottimizzazione e riduzione degli sprechi - Approccio

Dettagli

STRUTTURA OPERATIVA 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO LUCA GIUMAN MASSIMO TECCHIO

STRUTTURA OPERATIVA 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO LUCA GIUMAN MASSIMO TECCHIO DARIO TECCHIO partner - direttore area customer LUCA GIUMAN direttore generale MASSIMO TECCHIO partner - direttore area delivery ROBERTO TECCHIO partner -direttore area support amministratore unico STRUTTURA

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso INCA CGIL Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso INCA CGIL Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.1 L innovazione nella gestione dei

Dettagli

company profile struttura operativa 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE

company profile struttura operativa 1AREA CUSTOMER 1AREA DELIVERY 1AREA SUPPORT 1AREA DIREZIONE E AMMINISTRAZIONE DARIO TECCHIO partner - direttore area customer MASSIMO TECCHIO partner - direttore area delivery LUCA GIUMAN direttore generale STEFANO RAGNO direttore commerciale Infonet NW company profile Infonet Solutions

Dettagli

Il valore del Cloud per le aziende. Stefano Mainetti 10 Aprile 2014

Il valore del Cloud per le aziende. Stefano Mainetti 10 Aprile 2014 Il valore del Cloud per le aziende Stefano Mainetti 10 Aprile 2014 Indice Gli Osservatori della School of Management del Politecnico di Milano Cos è il Cloud? Gli impatti sulla Direzione ICT La Cloud Journey

Dettagli

Perchè il cloud fa risparmiare

Perchè il cloud fa risparmiare 1 Perchè il cloud fa risparmiare Tecnologia e servizi per superare la crisi 2 L Europa Nella strategia Europa 2020 dedicata alla competitività, l UE sottolinea l importanza di una crescita definita intelligente

Dettagli

Sicurezza nel cloud, i benefici e le sfide

Sicurezza nel cloud, i benefici e le sfide APRILE 2013 I servizi di sicurezza IT gestiti e fruiti via Cloud risultano di forte interesse per gli utenti aziendali, e soprattutto per le piccole e medie imprese, grazie alla maggior agilità di attivazione

Dettagli

La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola" Come scongiurare il maltempo?

La sicurezza del datacenter all'ombra della nuvola Come scongiurare il maltempo? La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola" Come scongiurare il maltempo? Luca Bechelli & Riccardo Morsicani Security Summit - Bari 2013 1 La sicurezza del datacenter all'ombra della "nuvola"

Dettagli

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico

IT Cloud Service. Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service Semplice - accessibile - sicuro - economico IT Cloud Service - Cos è IT Cloud Service è una soluzione flessibile per la sincronizzazione dei file e la loro condivisione. Sia che si utilizzi

Dettagli

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia

Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia Cloud Survey 2012: lo stato del cloud computing in Italia INTRODUZIONE EXECUTIVE SUMMARY Il cloud computing nelle strategie aziendali Cresce il numero di aziende che scelgono infrastrutture cloud Perché

Dettagli

CALENDARIO EVENTI 2013 2014

CALENDARIO EVENTI 2013 2014 CALENDARIO EVENTI 2013 2014 BIG DATA CONFERENCE II 2013 Bologna, 19 Novembre Half Day BANKING FORUM 2014 Milano, 12 Febbraio Full Day MOBIZ - MOBILITY FORUM 2014 Roma, 12 Marzo Full Day SMART ENERGY FORUM

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Engagement semplice per aziende di medie dimensioni

Engagement semplice per aziende di medie dimensioni Engagement semplice per aziende di medie dimensioni La tua azienda è ben connessa? È questa la sfida cruciale dell attuale panorama aziendale virtuale e mobile, mentre le aziende si sforzano di garantire

Dettagli

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia

La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia La strategia IBM a supporto delle politiche della Pubblica Amministrazione Locale (PAL) in Italia Il 2006 ha registrato alcuni segnali positivi di ripresa, sia dell'economia italiana che dell Information

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA

Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Forum Banche e PA 2012 Roma, 23 24 Febbraio 2012 Il Cloud Computing nel mondo dei servizi: prospettive per Banche e PA Monica Pellegrino Research Analyst, ABI Lab Roma, 23 Febbraio 2012-1- Agenda L evoluzione

Dettagli