il viaggio verso il cloud, fra business e tecnologia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il viaggio verso il cloud, fra business e tecnologia"

Transcript

1 NOVEMBRE 2013 Non è banale il percorso per giungere in maniera armonica alla realizzazione di servizi cloud efficienti e affidabili, senza sconvolgere pesantemente consolidate metodologie di sourcing, monitoraggio e amministrazione dei servizi e delle risorse IT. L itinerario prevede diverse tappe e passaggi, che devono tener conto non solo degli aspetti tecnologici, ma anche di quelli organizzativi e strategici. In questa eguide di ICT4Executive alcuni consigli sugli approcci e le iniziative chiave da attuare per cogliere appieno i benefici del cloud il viaggio verso il cloud, fra business e tecnologia La tua azienda è pronta per il cloud? Le best practice da adottare Migrare al cloud facendo leva sui processi ITIL Il concetto di personal cloud: dal PC al BYOD Il ruolo del CIO nell era del cloud SPONSORED BY

2 .1. pronti per il cloud? le best practice da adottare I l viaggio verso il cloud è affascinante, ma va pianificato. Un approccio alla ventura zaino in spalla non è indicato per arrivare alla meta e cogliere i vantaggi che il cloud può fornire. E come nei viaggi si ascoltano i consigli e i suggerimenti di chi ci è già stato, di seguito elenchiamo alcune best practice, alcune indicazioni di chi questo viaggio lo ha già intrapreso. Le best practice fanno riferimento alle analisi di Gartner e dell Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano. FOCALIZZARSI SULLA GESTIONE DEI PROCESSI E DELLE PERSONE Introducendo un modello alternativo di utilizzo e consumo dei servizi IT, il cloud computing viene talvolta malinteso, ed essenzialmente concepito, come una pura questione tecnologica. Non si tiene conto che l apporto della tecnologia al cambiamento complessivo, in seguito all applicazione del paradigma cloud, è limitato in confronto ai cambiamenti nei processi e nelle persone, necessari per concretizzare l adozione della nuvola. In effetti, il passaggio al cloud produce un notevole impatto sulle modalità con cui i reparti IT definiscono i servizi, e su come questi vengono forniti. Un impatto che si riflette anche in termini di necessità di ri-formazione del personale esistente, oltre che nell esigenza di definire, monitorare e gestire SLA (Service Level Agreement) e contratti, adottando best practice e standard nei processi. Perciò, i dipartimenti IT dovrebbero concentrarsi maggiormente sui processi e le competenze dei collaboratori, e poi sulle questioni tecnologiche. Quando le metodologie di gestione dei processi e del personale non sono corrette e robuste, qualunque piattaforma di gestione cloud allo stato dell arte l organizzazione possa acquisire, non riuscirà a produrre il valore desiderato. NEL CLOUD MEGLIO PRENDERE DECISIONI STRATEGICHE CHE TATTICHE Gli asset infrastrutturali dell IT sono investimenti costosi, quindi è meglio considerare la loro pianificazione secondo una visione strategica, e non tattica e focalizzata sul breve periodo. In particolare per i reparti I&O (Infrastructure & Operations) diventa critico valutare le iniziative cloud nel contesto del framework e dell architettura complessiva di IT governance dell organizzazione. Se ad esempio si sceglie d investire in un infrastruttura cloud privata a livello aziendale partendo da solide competenze di gestione, gli investimenti saranno ben messi a frutto. Se in- 2 ICT4E.Guide

3 vece tali decisioni di cambiamento sono prese in fretta e senza la dovuta attenzione, potrà in seguito rivelarsi molto difficile gestirle nel corso del loro ciclo di vita, quindi, ad esempio, modificarle o ritirarle in maniera giustificabile. E ciò accade soprattutto quando i responsabili I&O non possiedono la necessaria lungimiranza nel pianificare il contemporaneo riuso degli asset esistenti, mentre stanno programmando la modernizzazione del data center. GUARDARE CON ATTENZIONE ALLE SCELTE TECNOLOGICHE Un analisi metodica e accurata dei pro e contro di una soluzione è sempre consigliabile da fare, perché anche quando si adottano tecnologie di base, come la virtualizzazione, le tecnologie VDI (Virtual Desktop Interface) o il modello SaaS (Software-as-a-Service), non significa che soluzioni come queste, considerate universali per tutti i problemi, si possano scegliere alla cieca. Ad esempio, applicare policy di virtualizzazione onnicomprensive e generalizzate su infrastrutture eterogenee e non standardizzate potrebbe dimostrarsi non sempre la cosa migliore per raggiungere una gestione efficace e massimizzare il valore del business. Allo stesso modo, quando si valutano modalità di provisioning automatizzato, elastico o dinamico, e tecnologie di gestione dei workload, con i relativi costi d implementazione e integrazione, è sempre bene concentrare l attenzione sulle esigenze di business specifiche della propria organizzazione, a livello strategico, operativo, di punti critici e di priorità dei servizi IT. Nessuna tecnologia informatica, cloud compresa, può essere dispiegata così com è, out-ofthe-box, perché tutte richiedono investimenti in personale, processi e capacità di gestione del business. Si deve sempre essere in grado di giustificare le decisioni prese, basandole sulla criticità e il valore aziendale dei servizi IT forniti e supportati da ciascun componente, e sui requisiti e priorità propri della singola organizzazione. DEFINIRE UN SISTEMA DI METRICHE E KPI Un altra cosa importante, parlando di qualità del servizio, è attivare sistemi di misurazione, per far sì che gli utenti business percepiscano di ottenere esattamente ciò per cui sono pronti a pagare, e niente di più. Altrimenti, tenderanno a credere di ricevere tale livello di qualità come una concessione, e non come un valore. I parametri sul livello e la qualità dei servizi vanno sincronizzati esattamente in rapporto alle esigenze e ai valori del business, per amministrare in modo armonico le necessità, le aspettative, le priorità e le difficoltà degli utenti. In questo senso il cloud porta spesso il vantaggio di avere un unico interlocutore: in caso si malfunzionamento del sistema sarà lui in ultima istanza il responsabile di trovare la soluzione. 3 ICT4E.Guide

4 .2. migrare al cloud facendo leva sui processi itil L a natura dinamica, transitoria e multiforme dei servizi cloud, ad esempio in termini di prezzi, modelli di fatturato, parametri di servizio delle differenti offerte as-a-service, rende insufficienti i tradizionali approcci di ITSM (IT Service Management) richiedendo la messa in campo di un modello olistico di valutazione dei servizi stessi, anche in relazione ai processi di gestione del cambiamento. Le linee guida ITIL qui illustrate spiegano quali processi integrare per fare questa valutazione, che si muove in un più ampio contesto di osservazione del ciclo di vita, e dell evoluzione dei servizi IT che nel tempo migrano verso il cloud. DALLA TECNOLOGIA AI PROCESSI E ALLE PERSONE È vero che, grazie a nuove opzioni di sourcing e automazione (server dinamici, virtual machine, storage provisioning, ecc.), il modello cloud può permettere di ridurre e semplificare alcuni classici problemi tecnici dei centri dati, fra cui le operazioni di upgrade, espansione, supporto, come anche favorire l integrazione delle applicazioni legacy o la più rapida fornitura dei servizi. È però altresì vero che, in mancanza di solide procedure ITSM (IT service management), i mal di testa causati dalla tecnologia vengono sostituiti da altre complicazioni connesse agli aspetti legali, di sicurezza, di multisourcing, e di gestione dei vendor tipici del cloud pubblico o dai problemi di gestione dei servizi e delle relazioni di business che possono insorgere in un cloud privato. MIGRAZIONE VERSO IL CLOUD, È FONDAMENTALE UN APPROCCIO OLISTICO Se manca una visione unitaria dei servizi IT che stanno migrando verso il cloud, vi possono essere rischi di insuccesso che vanno oltre le perdite finanziarie, e arrivano a toccare gli asset intangibili dell azienda, come il valore del brand e la sua percezione da parte del mercato, specialmente se ci sono problemi di performance, dati o sicurezza transazionale. I processi di transizione verso il cloud sono multidimensionali e più articolati, in confronto alle decisioni di acquisto di qualche tecnologia off-the-shelf, fondamentalmente a causa della natura transitoria dei servizi nella nuvola: gli aspetti base di ITSM e gestione del business, come il prezzo dei servizi, i processi di fatturazione, la definizione delle unità e dei parametri di servizio, variano infatti a seconda delle offerte as-a-service (IaaS, PaaS, SaaS) rese disponibili dai vari fornitori. Il costo dei servizi, i modelli di chargeback e pricing, gli aspetti di continuità e gestione dei livelli di servizio, sono grandemente influenzati dalla transizione dei servizi IT verso il cloud, 4 ICT4E.Guide

5 sia esso privato, pubblico o ibrido. COME ITIL PUÒ AIUTARE NELLA TRANSIZIONE DEI SERVIZI IT VERSO IL CLOUD Le linee guida ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 2011 includono, processi, esempi e tecniche utilizzabili per realizzare una efficace transizione dei servizi IT verso il cloud. Vediamone alcuni: Ragionare in termini di incidenti, cambiamenti, configurazioni, gestione dei rilasci software. Le difficoltà di gestione del costante cambiamento e le lacune di standardizzazione possono essere affrontate facendo procedere i processi base di ITSM (incident, change, configuration, release management) in parallelo con le iniziative di transizione verso il cloud. Integrare i processi di change e release management. Le linee guida ITIL 2011 per elaborare le tecniche di valutazione dell impatto dei cambiamenti, e la programmazione degli stessi, aiutano a gestire meglio i processi. La natura on-demand e real-time del cloud rende i dati dinamici, e l integrazione dei processi di change management può aiutare a gestire molte cose: ad esempio, le operazioni di migrazione, integrazione e sincronizzazione con gli asset proprietari esistenti, le variazioni nelle configurazioni; ma anche il provisioning dinamico, e la stretta dipendenza dei sistemi e delle piattaforme dal vendor della soluzione (vendor lock-in). Quest ultima, nel caso del cloud, può essere ancora più difficile da amministrare, essendo la nuvola un dominio abbastanza emergente in termini di disponibilità di standard unificati e modelli di governance. Nel complesso, l integrazione dei processi di change e release management (comprensivo anche del supporto) fornisce una essenziale visibilità nella catena di fornitura dei servizi IT, aiutando a superare la sfida dei frequenti cambiamenti in maniera controllata e prevedibile. Mettere in relazione i servizi IT con le Line of business. Fondamentale è chiarire le connessioni fra la strategia organizzativa e la conseguente strategia IT, con le relative implicazioni sulle priorità dei servizi informatici nel breve e lungo termine. Ciò aiuta ad amministrare in modo proattivo le esigenze degli utenti per i vari servizi, e a supportare le loro diverse richieste e feedback. Inoltre, facendo leva sulla conoscenza dei processi delle linee di business, i responsabili IT hanno la possibilità di raccogliere tutti i requisiti e le priorità di base (agilità, resilienza, affidabilità, continuità, ecc.) che i servizi IT devono soddisfare in relazione alle attività di business, in modo da giustificare le scelte, e motivare meglio davanti al top management le ragioni di una transizione verso il cloud, anche attraverso la realizzazione di business case specifici. LE PRIORITÀ DI TRAINING ITIL IN BASE A TRE SCENARI Come abbiamo accennato, il cloud non è solo 5 ICT4E.Guide

6 una questione tecnologica ma investe anche le competenze e gli skill della divisione IT. In questo senso si possono sfruttare le linee guida ITIL per definire delle priorità di training in base ai 3 possibili scenari di implementazione del cloud. 1. Cloud privato. Per le organizzazioni che decidono di costruire una nuvola privata vi sono alcune aree prioritarie su cui focalizzare le attività di formazione dello staff I&O. Per prima cosa, occorre incrementare la base di competenze disponibili per supportare una gestione integrata della virtualizzazione nei differenti domini tecnici. Servono poi persone con competenze multidisciplinari, piuttosto che esperti in singole materie, oltre a figure come i change manager o i service manager, in grado di gestire processi e ruoli service-based. Utile è anche la capacità di comunicare e impegnarsi con efficacia con gli utenti business, per comprendere e includere le loro priorità sui servizi informatici nella misurazione, nelle metriche e nella pianificazione delle operazioni IT. In aggiunta, i processi BRM (Business Relationship Management) della strategia di servizio ITIL 2011, integrati con quelli SLM (Service Level Management) possono migliorare in modo significativo la qualità e il valore di queste attività. 2. Cloud pubblico. Quando si sceglie di fare affidamento sulle più flessibili opzioni di sourcing delle offerte di public cloud in termini di espansione della capacità, gestione dinamica dei workload, agilità, elasticità, resilienza i processi di formazione, secondo le linee guida ITIL, devono concentrarsi su alcune priorità in certe aree. Ad esempio, sulla gestione integrata dei carichi e della capacità, dei processi SLM, della disponibilità, della continuità del servizio, della sicurezza, e dei processi di gestione dei rischi. Occorre poi integrare il servizio di supporto e gestione incidenti con le attività di gestione eventi (per il monitoraggio e l intervento proattivo), problemi (per identificare in anticipo le cause che generano il ripetersi di inconvenienti), cambiamenti, configurazioni, e con l amministrazione e dispiegamento dei rilasci software. Anche i processi di gestione dei fornitori e delle attività di sourcing vanno strettamente integrati e monitorati, assieme a quelli SLM e di gestione della capacità, dei carichi, della disponibilità e della continuità dei servizi. 3. Cloud ibrido. Qualora l organizzazione I&O voglia sfruttare appieno le capacità del cloud ibrido, diventa importante possedere processi integrati, un personale maturo, ampia disponibilità di competenze e capacità tecniche multidisciplinari su molteplici piattaforme. Le priorità base qui risultano dalla combinazione dei due gruppi di priorità menzionate nei due punti precedenti. 6 ICT4E.Guide

7 .3. il concetto di personal cloud: dal pc al byod C on l avvento del paradigma cloud, un epoca del personal computing sembra progressivamente tramontare, per aprire le porte alla diffusione di dispositivi mobile, tablet e smartphone leggeri e potenti, sempre connessi alla nuvola e in grado di sfruttarne la potenza informativa attraverso agili App. L avanzata delle soluzioni di personal cloud sta ancora una volta introducendo nuovi standard di produttività, nel lavoro e nella vita privata, e cambiando la cultura e il modo di comunicare delle persone. Ormai sono gli utenti e le loro necessità a dettare lo sviluppo dei nuovi servizi, ma, nell esaudire queste istanze e assecondare processi irreversibili come il BYOD (Bring You Own Device), le organizzazioni IT non possono perdere di vista il rispetto di requisiti base indispensabili da garantire in ogni realtà aziendale, come la sicurezza e protezione di applicazioni e dati, ma anche principi come l interoperabilità multipiattaforma e la semplicità di amministrazione dei dispositivi. I TREND DI CONSUMERIZZAZIONE E VIRTUALIZZAZIONE DELL IT Quella che si sta vivendo è stata definita da molti era post-pc, ma è più realistico definirla era del personal cloud. Una nuvola personale, che gradualmente sostituirà il personal computer come luogo dove gli utenti memorizzano i contenuti e gestiscono le proprie vite digitali. Il personal cloud è anche la colla che connette il Web ai vari dispositivi, scelti in funzione dell uso, e tipicamente tablet e smartphone. Una delle forze alla base di questa nuova era è la cosiddetta consumerizzazione dell IT. Gli utenti e consumatori possono non capire i dettagli di come la tecnologia funziona, ma sanno cosa può fare. Interagiscono ormai in tempo reale sui social media, si affidano a canali informativi personalizzati e possiedono dispositivi portatili abbastanza potenti per lavorare o giocare. Anche i dati aziendali risiedono ormai su device e applicazioni dettati dagli utenti, con conseguenze non sempre positive per le varie imprese e organizzazioni, che devono continuare a mantenere la tecnologia funzionante e sicura. L altro trend è la tecnologia di virtualizzazione che, rispetto al passato, oggi può contare su risorse hardware molto più potenti, ed ha espanso le sua flessibilità e capacità, attraverso la virtualizzazione di interi sistemi, e la possibilità, in un certa misura, di liberare le applicazioni dalle peculiarità dei singoli dispositivi, sistemi operativi o architetture di processore. In questa prospettiva, anche le applicazioni proprietarie (ad esempio le applicazioni legacy Windows) possono essere fatte migrare nel cloud. 7 ICT4E.Guide

8 DALLE APPLICAZIONI ALLE APP, COSA CAMBIA PER LA DIVISIONE IT L ascesa delle App sta anche cambiando il modo in cui le applicazioni vengono progettate, distribuite e utilizzate: piccoli, leggeri e convenienti applet oggi coprono le esigenze della maggior parte degli utenti, mentre le grandi applicazioni restano sempre valide, ma per usi più specifici. Gli App store stanno mutando i modelli di prezzo, fornendo prodotti a basso costo a chi necessita solo di poche funzionalità, mentre la maggior parte delle applicazioni è di tipo Webbased. Tutto ciò sta avendo un forte impatto su come le applicazioni sono scritte e gestite negli ambienti corporate, perché in sostanza occorre modificare software residente su server o su cloud, per conferirgli una portabilità cross-platform e la capacità di adattarsi anche alle caratteristiche di specifici device. In questo scenario i reparti IT devono lottare con problemi di incompatibilità applicativa, nonché di sicurezza e protezione dei dati in ambienti corporate e cloud-based. IL CLOUD SELF-SERVICE SEMPRE A DISPOSIZIONE L avvento del personal cloud, in grado di fornire servizi a singoli utenti, sta incoraggiando la diffusione di una cultura del self-service, che gli utenti dimostrano di possedere in ogni momento della propria esperienza digitale, facendo nel Web le proprie scelte su applicazioni, contenuti, servizi. Ora gli utilizzatori possono memorizzare il loro spazio di lavoro virtuale online, e accedervi in ogni momento, dovunque vi sia banda disponibile, e da svariati dispositivi. I servizi cloud personali (si pensi ad esempio a Dropbox, icloud o SkyDrive) consentono lo storage e la condivisione di qualunque tipo di file, anche se, allo stato attuale, la velocità e i tempi di caricamento possono ancora risultare problematici e condizionati dalla limitatezza della banda disponibile. LE RACCOMANDAZIONI PER LE AZIENDE Per non essere colte di sorpresa da tutti questi cambiamenti, e saper rispondere in modo adeguato alle attuali aspettative degli utenti, le varie imprese e organizzazioni devono compiere alcuni passi critici. Primo, occorre stabilire un programma BYOD, completo di relative policy e processi, per governare il fenomeno che in modo crescente porta a usare in azienda dispositivi non forniti dall impresa stessa. Secondo, bisogna seguire una filosofia progettuale capace di supportare molteplici ambienti operativi, e sviluppare competenze nelle tecnologie di virtualizzazione dei desktop, rivedendo le tecniche di sviluppo applicativo e le operation. L attenzione per gli aspetti di security deve concentrarsi sulla sicurezza di applicazioni e dati, non sui dispositivi. Assecondare lo sviluppo della cultura self-service è altrettanto importante, facendo in modo che gli utenti, ove consentito, diventino il più possibile autosufficienti nelle scelte tecnologiche, e limitando l intervento del personale IT solo ai casi in cui si manifesta una reale necessità di guida e assistenza. Un altra raccomandazione è spostare le risorse corporate su un cloud 8 ICT4E.Guide

9 aziendale sicuro (privato o pubblico), in modo che applicazioni e servizi risultino disponibili in tutta l organizzazione e da diverse posizioni e dispositivi. Naturalmente, ciò non toglie la necessità di prevedere nell infrastruttura la presenza di restrizioni e permessi di accesso a informazioni particolari o riservate, come i dati sensibili. Infine, è bene adottare applicazioni browserbased. Anche se è chiaro che non tutte le applicazioni si possono ricondurre a questo modello, occorre contenere il più possibile la base di applicazioni che dipendono da uno specifico dispositivo e necessitano di installazioni locali. Non meno importante è puntare su tecniche e strategie di fornitura applicativa capaci di semplificare e alleggerire i compiti e gli oneri amministrativi dell IT. 9 ICT4E.Guide

10 .4. il ruolo del cio nell era del cloud N ell era della nuvola, forse come mai prima d ora, per i CIO assumere atteggiamenti conservativi di fronte al nuovo che avanza può determinare conseguenze alla lunga deleterie per la propria professionalità. Sottovalutare la portata della rivoluzione cloud, disinteressarsene, non partecipare alle discussioni, significa restare estromessi domani dai processi decisionali, che sempre più guardano al cloud come a una soluzione necessaria per risolvere molti attuali problemi di gestione dell IT e dei data center. LE SFIDE DEI CIO Oggi i responsabili dei sistemi informativi non possono più permettersi di imporre all organizzazione le loro regole di gestione tecnologica del data center, ma sono chiamati a uscire dalla sala dati, per imparare ad ascoltare il management dell impresa, dialogando con esso e cercando di volta in volta soluzioni in grado di esaudire le necessità del business. L avvento del cloud computing accentua queste esigenze e accresce per il CIO il rischio di estromissione dai tradizionali ruoli decisionali, se si dimostra incapace di comprendere e assecondare le nuove istanze e necessità degli utilizzatori dell IT. TAGLI DI BUDGET La crescente ristrettezza delle risorse finanziarie da destinare al mantenimento dell operatività dell IT, e al suo periodico aggiornamento, rende la nuvola un modello di gestione sempre più appetibile. Perché, nella versione public cloud, promette di slegare il CIO dalla dipendenza dai costi Capex (Capital Expenditure) in favore di un modello Opex (Operational Expenditure) più abbordabile e flessibile, che consente di tagliare i classici costi di gestione del data center aziendale, e liberare risorse e personale da destinare a compiti più strategici. ESIGENZE DELLE LINEE DI BUSINESS I fenomeni come il BYOD, e le necessità espresse da dipendenti e collaboratori di sempre maggior autosufficienza nell uso degli strumenti e servizi IT, non sono più richieste ripudiabili dal CIO. Egli è obbligato a trovare risposte tecnologiche al desiderio di questi utenti, nei diversi ambiti dell organizzazione, di poter lavorare in modo molto più flessibile, dinamico e rapido, utilizzando più dispositivi e operando in ambienti e momenti che, ormai, esulano dai classici canoni spazio-temporali imposti dai tradizionali ambienti d ufficio. IL RISCHIO DEL SORPASSO A DESTRA Oggi, dal punto di vista tecnico, nel processo decisionale che porta un organizzazione a optare per il passaggio al cloud computing, l appro- 10 ICT4E.Guide

11 vazione del CIO non è più ritenuta necessaria, perché può accadere che tale scelta scaturisca naturalmente anche dall esito di una riunione dei vertici aziendali, con un «sorpasso a destra», come lo definisce l Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano. Nel caso del public cloud, la convinzione del management, probabilmente, è che in fondo si tratti di acquistare solo un servizio, con implicazioni e responsabilità ben diverse dal dover pianificare costosi investimenti in hardware e software. Ma è proprio qui che il CIO può far valere la propria competenza, facendo comprendere al management la diversità delle varie offerte cloud in termini di clausole dei contratti, specifiche SLA, criteri di sicurezza, rischi connessi e quant altro. UN CIO SEMPRE PIÙ CHIEF INTEGRATION OFFICER Oggi il cloud computing fornisce al CIO l opportunità di sfruttare il proprio prezioso bagaglio di conoscenze tecnologiche, metodologiche e pratiche informatiche, consolidate in anni di carriera, per far evolvere il proprio profilo professionale verso quello che si può definire chief integration officer. Una figura di consulente, un orchestratore, una guida capace di proteggere l azienda dalle iniziative di acquisizione di soluzioni e servizi che risultino affrettate, scoordinate e prive di analisi in grado di verificare l aderenza ai requisiti base di sicurezza, affidabilità, conformità, interoperabilità e compatibilità applicativa. Un CIO, insomma, armonizzatore, che ha la facoltà di giustapporre con maestria i tasselli tecnologici più corretti per costruire un architettura cloud al passo con tutte le moderne esigenze del business. CONCLUSIONI La natura multiforme e dinamica dei servizi cloud rende il viaggio verso l adozione della nuvola un percorso a curve dove bisogna fare i passi giusti, e dove l itinerario non va improvvisato ma pianificato, tenendo conto soprattutto della gestione dei processi e cambiamenti organizzativi, e non solo della scelte tecnologiche. In questo percorso di trasformazione dell IT, le linee guida ITIL possono fornire un utile orientamento per identificare i processi di gestione da integrare, per raggiungere una visione olistica delle dinamiche di evoluzione dei servizi IT che migrano verso il cloud. L emergere dei modelli di personal cloud e la diffusione di fenomeni come il BYOD sono trend ormai inarrestabili, a cui le varie organizzazioni devono fornire risposte e soluzioni soddisfacenti, pur preservando i basilari requisiti aziendali di sicurezza, privacy, incolumità di dati e applicazioni, e i principi di interoperabilità e semplicità di amministrazione dei dispositivi. Nello scenario di costante evoluzione dei servizi IT verso il cloud, i CIO non si possono permettere di stare affacciati alla finestra, ma devono far tesoro delle proprie consolidate conoscenze per studiare la nuvola in tutti i suoi punti di forza e debolezza. Solo così potranno acquisire voce in capitolo nel processi decisionali aziendali, che sempre più considerano il cloud un modello di computing capace di traghettare l IT verso una nuova era di produttività e di servizi. 11 ICT4E.Guide

12 ICT4EXECUTIVE -

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT

1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT Via Turati 4/3, 16128 Genova Tel. 348/4103643 Fax 010/8932429 ITIL (Information Technology Infrastructure Library) 1.1 ITIL e la gestione dei servizi IT In un mercato in cui il successo delle aziende è

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi

CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 La discontinuità digitale e la trasformazione dell ICT nelle aziende italiane Report di sintesi dei risultati emersi CIO Survey 2014 NetConsulting 2014 1 INDICE 1 Gli obiettivi della Survey...

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti

L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti L ultima versione di ITIL: V3 Elementi salienti Federico Corradi Workshop SIAM Cogitek Milano, 17/2/2009 COGITEK s.r.l. Via Montecuccoli 9 10121 TORINO Tel. 0115660912 Fax. 0115132623Cod. Fisc.. E Part.

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos

Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos Proteggere le informazioni in tempo di crisi: si può essere sicuri con investimenti contenuti? Lino Fornaro Net1 sas Giovanni Giovannelli - Sophos L Autore Lino Fornaro, Security Consultant Amministratore

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale. Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo

Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale. Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo Ottimizzare la gestione ferie ed assenze del personale Come la tecnologia aiuta a raggiungere questo obiettivo Introduzione Gestire le assenze in modo efficiente è probabilmente uno dei processi amministrativi

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli