La corsa al cloud. Sommario. La parola al redattore

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La corsa al cloud. Sommario. La parola al redattore"

Transcript

1 La parola al redattore PUBBLICAZIONE PERSONALIZZATA Sommario VOLUME 4, NUMERO VOLUME V 4, NUMERO O 2 La corsa al cloud Il cloud computing è cresciuto, passando da buona idea a megatrend praticamente da un giorno all'altro. Ai CIO "smart" viene offerta la grande opportunità sfruttarlo al massimo. È successo molto in fretta, vero? Il cloud computing, che appena ieri era una buona alternativa, oggi è ventato un elemento tecnologico irrinunciabile. Vi sono indubbiamente molte buone ragioni per questa rapida trasformazione: dopo tutto, il cloud computing promette ai CIO un nuovo percorso retto a una maggiore agilità del business, una migliore flessibilità e un controllo superiore sui costi IT. E i primi dati cono che il cloud computing mantiene le sue promesse, e non solo. Per sottolineare l'importanza del cloud computing per i CIO, abbiamo decato più metà questa ezione Smart Enterprise a un singolo argomento. Non solo: dato che esiste più una modalità approccio al cloud computing, affronteremo questa tematica dal punto vista più CIO. Il pezzo principale, "A spasso tra le nuvole, esamina come il cloud computing stia trasformando non solo l'it, ma anche il ruolo del CIO. Come illustrato dal nostro articolo, per i leader IT non basta più essere semplici implementatori tecnologia: oggi, nell'epoca del cloud computing, i CIO devono ventare facilitatori tecnologici, attori che inviduano e offrono al business sempre nuove opportunità. Analogamente, la nostra cover story, decata a Qualcomm, esamina in che modo questo fornitore tecnologia e servizi wireless utilizzi il cloud per sodsfare la crescente richiesta potenza calcolo e storage, in combinazione con lo stimolo a migliorare l'esperienza utente. Un secondo case study, relativo alla società servizi finanziari Raymond James, mostra come un cloud interno abbia contribuito a ridurre la spesa decata ai server del 90 per cento, pur aumentando la potenza calcolo. Anche il centro dati aziendale viene trasformato dal cloud computing. In effetti, come spiegato nella sezione Smart Strategy, il cloud arriverà a influenzare ogni singolo aspetto del centro dati: dalla mensione e dai servizi all interazione con i clienti, fino ai suoi addetti e alle loro mansioni. Come spiega Bill McCracken, CEO CA Technologies, nella sua rubrica Una grande verità, il centro dati sta ventando un fornitore servizi business, namico ed efficiente, anche dal punto vista economico. Service level management e governance, due eterni problemi dei CIO, assumono entrambi una nuova importanza nel cloud, come mostrano le sezioni Ezione speciale e Smart Solutions. E i CIO che passano al cloud devono anche gestire il fattore umano, come spiega Chris O Malley, VP esecutivo Prodotti e soluzioni business cloud CA Technologies, nella sua rubrica Prospettiva leadership. E per quanto riguarda voi e la vostra azienda? State per lanciarvi nel cloud, vi muovete con prudenza o preferite rimanere nelle retrovie? Riceverò volentieri risposte e altri commenti. 14 COPERTINA Il fornitore comunicazioni wireless Qualcomm necessitava urgentemente più potenza calcolo, più capacità storage e una migliore esperienza A SPASSO cliente. Il suo team TRA leader LE NUVOLE IT ha ottenuto tutto questo Qualcomm dalla virtualizzazione utilizza il e dal cloud cloud computing. per 18 stimolare CASE STUDY l'innovazione LE PROMESSE L'IT "a catena montaggio" DEL CLOUD è il concetto chiave per l'azienda Maggiore servizi finanziari agilità Raymond del business, James più Financial, un nuovo dove ruolo Bruce Philipoom, per CIO VP Infrastructure Hosting, sta creando un cloud interno server virtualizzati. IN QUESTO NUMERO 8 ARTICOLO PRINCIPALE 24 SMART MANAGEMENT 28 SMART BUSINESS 3 2 SMART STRATEGY RUBRICHE 7 UNA GRANDE VERITÀ REPARTI 4 PARLANO I TECNICI 13 SMART TREND 23 PROSPETTIVA LEADERSHIP Intuizioni e prospettive per il CIO DIRETTORE Gabrielle Lukianchuk VICE DIRETTORE Loni Frazita CAPOREDATTORE Peter Krass REDATTORE ESECUTIVO Karen J. Bannan COPY CHIEF Claire Meirowitz Per abbonarsi a Smart Enterprise, è possibile collegarsi all'inrizzo smartenterprisemag.com Peter Krass Caporedattore Copyright 2010 CA Tutti i ritti riservati. Tutti i marchi commerciali sono proprietà delle rispettive società. La riproduzione del materiale contenuto in Smart Enterprise è vietata senza autorizzazione SMART ENTERPRISE 3

2

3 La parola al redattore Sommario VOLUME 4, NUMERO 2 La corsa al cloud Il cloud computing è cresciuto, passando da buona idea a megatrend praticamente da un giorno all'altro. Ai CIO "smart" viene offerta la grande opportunità sfruttarlo al massimo. È successo molto in fretta, vero? Il cloud computing, che appena ieri era una buona alternativa, oggi è ventato un elemento tecnologico irrinunciabile. Vi sono indubbiamente molte buone ragioni per questa rapida trasformazione: dopo tutto, il cloud computing promette ai CIO un nuovo percorso retto a una maggiore agilità del business, una migliore flessibilità e un controllo superiore sui costi IT. E i primi dati cono che il cloud computing mantiene le sue promesse, e non solo. Per sottolineare l'importanza del cloud computing per i CIO, abbiamo decato più metà questa ezione Smart Enterprise a un singolo argomento. Non solo: dato che esiste più una modalità approccio al cloud computing, affronteremo questa tematica dal punto vista più CIO. Il pezzo principale, "A spasso tra le nuvole, esamina come il cloud computing stia trasformando non solo l'it, ma anche il ruolo del CIO. Come illustrato dal nostro articolo, per i leader IT non basta più essere semplici implementatori tecnologia: oggi, nell'epoca del cloud computing, i CIO devono ventare facilitatori tecnologici, attori che inviduano e offrono al business sempre nuove opportunità. Analogamente, la nostra cover story, decata a Qualcomm, esamina in che modo questo fornitore tecnologia e servizi wireless utilizzi il cloud per sodsfare la crescente richiesta potenza calcolo e storage, in combinazione con lo stimolo a migliorare l'esperienza utente. Un secondo case study, relativo alla società servizi finanziari Raymond James, mostra come un cloud interno abbia contribuito a ridurre la spesa decata ai server del 90 per cento, pur aumentando la potenza calcolo. Anche il centro dati aziendale viene trasformato dal cloud computing. In effetti, come spiegato nella sezione Smart Strategy, il cloud arriverà a influenzare ogni singolo aspetto del centro dati: dalla mensione e dai servizi all interazione con i clienti, fino ai suoi addetti e alle loro mansioni. Come spiega Bill McCracken, CEO CA Technologies, nella sua rubrica Una grande verità, il centro dati sta ventando un fornitore servizi business, namico ed efficiente, anche dal punto vista economico. Service level management e governance, due eterni problemi dei CIO, assumono entrambi una nuova importanza nel cloud, come mostrano le sezioni Ezione speciale e Smart Solutions. E i CIO che passano al cloud devono anche gestire il fattore umano, come spiega Chris O Malley, VP esecutivo Prodotti e soluzioni business cloud CA Technologies, nella sua rubrica Prospettiva leadership. E per quanto riguarda voi e la vostra azienda? State per lanciarvi nel cloud, vi muovete con prudenza o preferite rimanere nelle retrovie? Riceverò volentieri risposte e altri commenti. Peter Krass Caporedattore 14 COPERTINA Il fornitore comunicazioni wireless Qualcomm necessitava urgentemente più potenza calcolo, più capacità storage e una migliore esperienza cliente. Il suo team leader IT ha ottenuto tutto questo dalla virtualizzazione e dal cloud computing. 18 CASE STUDY L'IT "a catena montaggio" è il concetto chiave per l'azienda servizi finanziari Raymond James Financial, dove Bruce Philipoom, VP Infrastructure Hosting, sta creando un cloud interno server virtualizzati. IN QUESTO NUMERO 8 ARTICOLO PRINCIPALE 24 SMART MANAGEMENT 28 SMART BUSINESS 3 2 SMART STRATEGY RUBRICHE 7 UNA GRANDE VERITÀ REPARTI 4 PARLANO I TECNICI 13 SMART TREND 23 PROSPETTIVA LEADERSHIP Intuizioni e prospettive per il CIO DIRETTORE Gabrielle Lukianchuk VICE DIRETTORE Loni Frazita CAPOREDATTORE Peter Krass REDATTORE ESECUTIVO Karen J. Bannan COPY CHIEF Claire Meirowitz Per abbonarsi a Smart Enterprise, è possibile collegarsi all'inrizzo smartenterprisemag.com Copyright 2010 CA Tutti i ritti riservati. Tutti i marchi commerciali sono proprietà delle rispettive società. La riproduzione del materiale contenuto in Smart Enterprise è vietata senza autorizzazione SMART ENTERPRISE 3

4 La visione dalle

5 Parlano i tecnici Con il software gestione IT come servizio, i CIO stanno portando le rispettive infrastrutture IT al prossimo livello, aumentando il loro focus sul business. Karen J. Bannan A volte, il monitoraggio e il tracking dei componenti dell'infrastruttura IT possono assomigliare a un puzzle: i pezzi ci sono tutti, ma l'immagine finale non è chiara. Questi "pezzi" possono includere non solo hardware e software del centro dati, ma anche applicazioni e dati su un cloud pubblico o privato. Nuovi strumenti possono consentire ai CIO assemblare il puzzle dell'infrastruttura IT rapidamente e con relativa semplicità. Alcune queste soluzioni per la gestione IT consentono ai CIO ottenere una visione più chiara e migliore dei progetti in corso. Altri monitorano supporto IT, governance e altri servizi, tutti attualmente sponibili online. Il monitoraggio unificato termine e tecnologia coniati da Nimsoft, recentemente acquisita da CA Technologies sta guadagnando parecchio terreno e presenta un potenziale elevato per il cambiamento in azienda. "Il software consente monitorare e ottimizzare le risorse con più efficacia" sostiene Dennis Callaghan, Senior Analyst presso lo stuo ricerca The 451 Group. Il monitoraggio unificato offre ai CIO una dashboard che assembla e presenta cinque aree chiave dell'infrastruttura: virtualizzazione, applicazioni, server, database e reti. La dashboard evidenzia inoltre eventuali aree problematiche, consente ai CIO gestire e monitorare l'intera rete e collega tra loro le applicazioni gestione. Inoltre, può essere utilizzata per il provisioning e il deprovisioning dei componenti del sistema, come storage, server e larghezza banda, da una singola posizione. Forse ancora più importante per l'azienda, tramite l'inviduazione e la correzione rapida dei problemi e una semplificata identificazione delle esigenze e delle tendenze business, la dashboard monitoraggio unificato consente ai CIO migliorare il servizio alla clientela e l'esperienza degli utenti finali. Appena un anno fa, il software monitoraggio unificato era sponibile solo come offerta in situ. Ma oggi, grazie all'emergere del cloud e alla crescente ffusione del modello software come servizio (SaaS), alcuni fornitori selezionati hanno creato soluzioni monitoraggio unificato tipo SaaS. Questo significa, per i CIO, poter stribuire soluzioni monitoraggio unificato che non solo tengono traccia del contenuto del cloud, ma ne sono anche rettamente parte. I leader del settore IT sostengono che questo tipo visibilità darà impulso all'impiego e all'accettazione delle applicazioni basate sul cloud. "Una delle sfide del cloud computing è il fatto costituire un'architettura in fase maturazione" sostiene Rich Adduci, CIO Boston Scientific, produttore spositivi mecali. "Questo rende impegnativo ottenere dati precisi sui livelli servizio forniti". Dato che il monitoraggio unificato è sponibile come prodotto a richiesta, i CIO possono utilizzarlo come software gestione IT come servizio (ITMSaaS). Varie business unit, partner e clienti possono affidarsi al software solo quando è necessario o quando lo desiderano, pagando esclusivamente in base all utilizzo. "L'ITMSaaS consente all'it assumere maggiormente il ruolo driver dell'attività, migliorando servizio, processi e tecnologia, a parità costi" sostiene Gary Lettura, VP Senior e General Manager della business unit Nimsoft in CA Technologies. Per i CIO, questo può essere entusiasmante, ma anche fare paura. Dopo tutto, monitoraggio e riduzione dei problemi in un'infrastruttura IT sono le attività svolte dal personale IT. "Molti nell'it hanno paura che gli strumenti gestione elimineranno la parte strategica del loro lavoro" sostiene Renee Symons, VP Operazioni servizi SyCom Technologies Inc., un fornitore servizi Richmond, Virginia. "Ma il fatto è che questi strumenti consentono loro essere proattivi sugli aspetti tattici e strategici dei processi. L'80 per cento del tempo speso per reagire ai problemi e applicare correzioni, così recuperato, può essere decato a migliorare proattivamente le applicazioni e l'esperienza degli utenti finali, come pure a ottimizzare l'infrastruttura". Cloud tracking I clienti American Integration Inc., fornitore servizi gestiti Richland Hills, Texas, che offre servizi IT a piccole e mee imprese, hanno sperimentato questi vantaggi rettamente. American Integration utilizza Nimsoft on Demand, una soluzione monitoraggio unificato tipo SaaS, sia rettamente che come servizio da offrire ai clienti. La soluzione consente ad American Integration e ai suoi clienti tenere traccia tutte le risorse nei centri dati della società e, per quanto riguarda i componenti IT, presso le se dei clienti o nel cloud. Dato che anche Nimsoft on Demand si trova nel cloud, American Integration può gestire più rapidamente ogni eventuale problema, dato che l'it ha accesso alla piattaforma ovunque e in qualsiasi momento: l'azienda accede all'infrastruttura del cliente e apporta le necessarie mofiche immeatamente, oppure sono i clienti a farlo in autonomia. "I clienti possono visualizzare tutti i spositivi e gli elementi, e non solo la loro situazione, ma anche la velocità e le prestazioni dei sistemi" sostiene Danny Owens, Presidente American Integration. "Dato che tutto è visibile su una dashboard, i clienti non devono più aspettare ricevere i nostri report". American Integration è passata recente IMMAGINE: ANDREW JUDD/MASTERFILE 2010 SMART ENTERPRISE 5

6 alla soluzione Nimsoft in quanto offre un elevato livello personalizzazione e la capacità aggiungere rapidamente e monitorare nuovi spositivi man mano che vengono aggiunti sulla rete, come firewall, router, switch e server, sostiene Owens. Senza questa visibilità sarebbe fficile identificare rapidamente i problemi non appena si verificano, aggiunge. Come spiega Callaghan 451 Group, "monitorare quel che si trova fuori dal firewall con software in esecuzione al suo interno non è un'idea intelligente, perché può rallentare l'ambiente produzione. Un software gestione basato sul cloud spesso ha più senso in termini costi, spese generali e gestibilità". Con una soluzione monitoraggio unificato basata sul cloud, ventano possibili anche risparmi sui costi. Utilizzando un modello SaaS, i CIO eseguono il provisioning solo dei componenti necessari e solo quando serve. E i vantaggi non si fermano qui. Con un'offerta ITM- SaaS, i CIO possono monitorare ogni elemento dell'infrastruttura IT e riuscire a prevedere con anticipo se saranno necessari server, storage o banda aggiuntiva. Queste offerte possono inoltre consentire il commissioning delle risorse solo quando necessario. "La gestione IT basata su SaaS offre funzionalità paragonabili al monitoraggio unificato in situ, ma anche capacità ABC per MSP aggiuntive non sponibili con la maggioranza delle soluzioni legacy" sostiene Jeffrey Kaplan, Managing Director THINKstrategies Inc., stuo ricerca e consulenza. "Gli utenti vedono novità ogni trimestre, e questi aggiornamenti sono gestiti automaticamente, quin non c'è bisogno patch software o decare tempo alla manutenzione routine". Non solo, l'utilizzo una soluzione automatizzata non richiede personale aggiuntivo. In passato, l'aggiunta server significava, spesso, aggiungere anche personale. Ma oggi non è necessario che i tecnici dechino tempo prezioso a stribuire e configurare software o hardware. Invece, i CIO possono inrizzare gli operatori IT allo svolgimento delle sole attività che supportano i principali obiettivi business dell'organizzazione. L'ITMSaaS, inoltre, semplifica il miglioramento dell'esperienza degli utenti finali. Queste soluzioni offrono funzionalità che consentono sodsfare esigenze e obiettivi business specifici. Non solo, ma facilitano ai CIO l'assegnazione del personale alle attività importanza tattica, che migliorano l'esperienza dell'utente finale, anziché alla gestione reattiva delle emergenze. Ad esempio, uno dei principali clienti American Integration, uno stuo meco con più 140 operatori in 40 se, gestisce una serie applicazioni e punti Il software gestione IT come servizio (ITMSaaS) si rivolge ad aziende meo-gran, ma l'offerta si sta ora inrizzando anche all'ambito delle piccole imprese. I fornitori servizi gestiti (MSP) stanno sfruttando l'itmsaas meante soluzioni "white-labeling". Naturalmente, gli MSP non possono semplicemente attivare le capacità monitoraggio delle soluzioni ITMSaaS e quin sinteressarsene. Devono invece decare tempo a informarsi sull'attività del cliente, sostiene Danny Owens, Presidente American Integration Inc., MSP con sede a Richland Hills, Texas. Owens offre i seguenti suggerimenti agli MSP, e ai CIO alla ricerca offerte ITMSaaS per altre organizzazioni IT interne, desiderosi "aiutare i clienti ad aiutarsi". COMPRENDERE I FLUSSI DELLE ATTIVITÀ DEI CLIENTI. "È necessario esaminare gli aspetti prestazionali chiave cui i clienti sono maggiormente interessati e quale tipo interruzione avrebbe il maggiore impatto" sostiene Owens. "Fino a quando non si conoscono questi elementi, il software resterà un prodotto monitoraggio". PARLARE DEL FUTURO. Anche sapendo cosa c'è oggi all'interno dell'azienda, è necessario stabilire in che modo i piani futuri influenzeranno gli elementi monitorati, e quali saranno questi elementi. "La compatibilità non dovrebbe essere un problema, ma è importante essere al corrente e pianificare con anticipo" sostiene Owens. LIMITARE L'ACCESSO. "Ai clienti non consentiamo accedere e moficare i loro spositivi" sostiene Owens. "Questo per evitare avere a che fare con la gestione delle mofiche. Molti sanno cosa vogliono, ma non sanno come ottenerlo". Owens suggerisce consentire ai clienti richiedere le mofiche, ma poi gestirle al posto loro. K.J.B. 6 SMARTENTERPRISEMAG.COM connettività. Ma non ogni applicazione è essenziale per l'attività. Utilizzando Nimsoft on Demand, spiega Owens, la società segue il flusso del traffico dall'utente al database, e viceversa, per assicurare la produttività tutti i soggetti coinvolti. "La visibilità su ogni singolo elemento fino a livello dell'infrastruttura ci consente capire cos'è importante per i meci nelle sale visita" sostiene Owens. "Inoltre, possiamo connetterci con il sistema delle cartelle cliniche basato sul cloud e in hosting, utilizzato da alcuni nostri clienti. Quando ci sono problemi, contano su noi per fare sì che il fornitore software si assuma la responsabilità delle fficoltà del servizio e vada alla race del problema". Software cooperativo Dato che Nimsoft on Demand si trova nel cloud, si integra A SPASSO bene con altre TRA offerte basate LE NUVOLE sul cloud o SaaS. SyCom Technologies Qualcomm utilizza la soluzione il cloud Nimsoft computing combinazione e la con virtualizzazione una soluzione gestione terzi che automatizza fatturazione e rimborsi a reparti e clienti. L'integrazione delle soluzioni è stata semplice, sostiene il VP Symons. In effetti, ora ha la possibilità vedere quali risorse sono utilizzate dai suoi clienti, e quin addebitare loro tale utilizzo. Symons può inoltre offrire funzionalità analoghe ai suoi clienti, perché possano utilizzare un modello rimborso per i propri reparti interni. Questa capacità vedere tutti gli aspetti un'impresa, le rispettive interazioni e collaborazioni, e come un'applicazione o risorsa influenzi la funzionalità delle altre, è il segno stintivo un'offerta valida, sostengono gli esperti del settore. "È necessario guardare alla profontà e all'estensione delle capacità monitoraggio" sostiene Callaghan 451 Group. "In particolare quando le società passano sempre più al cloud, i CIO necessitano un'offerta gestione per rilevare quando è il momento stribuire più server e fornire un qualche livello automazione". Altro vantaggio: nell'ambiente tipo open source per le applicazioni SaaS e basate sul cloud, gli utenti decano parecchio tempo a parlare tra loro, a convidere best practice, domande e informazioni. "Questo amplia le risorse a loro sposizione" sostiene Kaplan THINKstrategies. Queste risorse, in ultima analisi, creano valore per i CIO, il personale IT e i clienti. "Ai clienti interessa risparmiare tempo e velocizzare la soluzione dei problemi", sostiene Owens American Integration, "non stabilire responsabilità. Vogliono soltanto tornare al lavoro. La gestione come servizio consente proprio questo". KAREN J. BANNAN è redattore esecutivo Smart Enterprise.

7 Una grande verità IMMAGINE: CA TECHNOLOGIES Il centro dati del futuro L'IT esce dalle sue quattro mura e il centro dati venta un fornitore servizi per l'attività, namico ed efficiente, anche economicamente. Bill McCracken La maggioranza dei CIO con cui parlo vuole sapere come ottenere il massimo da nuove tecnologie, piattaforme erogazione e modelli computing come la virtualizzazione, il software come servizio (SaaS) e il cloud computing. Mi sembra che il vero argomento interesse sia il centro dati del futuro: come sarà, cosa cambierà e cosa rimarrà invariato. In base alla mia esperienza, il modo migliore per rispondere a queste domande è pensare ai risultati business che vogliamo ottenere. Sempre più, i CIO subiscono pressioni perché forniscano i servizi business in modo migliore, più rapido e meno costoso. Il business pretende maggiore agilità e scalabilità. Molte organizzazioni sono alla ricerca efficienze per ridurre non solo i costi, ma anche il loro impatto ambientale. Il reparto IT deve essere proattivo, innovativo, efficiente e flessibile. Per sodsfare questa escalation richieste, i CIO devono ripensare l'it. Concentrarsi sul centro dati è come pensare allo stabilimento anziché al prodotto. Quando il prodotto è al centro (in questo caso, il servizio business offerto dall'it), venta possibile vedere l'it come una catena dell'offerta. Smart Start Come funziona, quin, l'applicazione del concetto catena dell'offerta all'it? Si parte dal risultato desiderato e quin si stabilisce cosa sia necessario per ottenerlo. Si ottimizzano le risorse già presenti nel centro dati: mainframe, componenti stribuiti e applicazioni Web. Quando vengono rilevate inefficienze, si cercano alternative. Serve che una nuova applicazione essenziale sia operativa oggi pomeriggio? Forse ha senso sfruttare l'applicazione tramite SaaS. Serve ottenere una maggiore efficienza all'interno dell'organizzazione riducendo i rischi? Forse la risposta ideale è configurare un cloud privato. I carichi picco sono un problema, e minacciano mettere KO la capacità attuale? Potrebbe essere il momento per accedere al cloud pubblico per gestire l'esigenza capacità extra. Alla fine, credo che ci si ritroverà a gestire un'azienda connessa al cloud, con la capacità utilizzare un'ampia gamma alternative, on site e off site. Nel corso della mia carriera nell'it, ho partecipato all'innovazione nelle sue varie incarnazioni. Ho imparato che, mentre nuove tecnologie, piattaforme erogazione e modelli computing apportano vantaggi enormi, nessun tipo innovazione elimina completamente ciò che l'ha preceduta. Infatti, i CIO selezionano quel che funziona per loro e aggiungono nuovi componenti al centro dati, affiancandoli ai precedenti. Quando è cominciata l'era dell'informatica moderna, l'ambiente IT era chiuso: gestione e sicurezza erano semplici. Poi è arrivato il computing stribuito, che ha ampliato l'ambiente e aggiunto un nuovo livello complessità. Ancora oltre, la rivoluzione rappresentata da Internet ha significato per i CIO una complessità crescente e una nuova serie sfide in termini gestione e sicurezza. Oggi, l'ambiente IT si sta ampliando oltre le quattro mura del centro dati, ma la sfida per il CIO rimane la stessa: integrare, gestire e proteggere tutte le risorse, per ottenere i massimi vantaggi business. In CA Technologies, veamo il centro dati del futuro come un fornitore servizi per l'attività, namico ed efficiente, anche economicamente. Riteniamo che i CIO affronteranno questo futuro al ritmo e alla velocità più adatti per loro, a partire dalla situazione attuale e dalle richieste in evoluzione dell'azienda. Il traguardo è alla portata, ma il percorso ogni azienda sarà unico. Bill McCracken è presidente e CEO CA Technologies 2010 SMART ENTERPRISE 7

8

9 Articolo principale LEGGERI G E tra le nuvole I leader IT utilizzano il cloud computing per creare un nuovo computing percorso e la virtualizzazione verso una maggiore agilità del business. Larry Lange I l cloud computing promette trasformare re il panorama dell'it e il ruolo del CIO. In effetti, etti, Peter Hinssen, Managing Partner Across Technology, propone trasformare il significato "CIO" da Chief Information Officer a Cloud Interface Officer. "I CIO dovrebbero trasformarsi da semplici implementatori della tecnologia atta a sodsfare gli obiettivi business in veri e propri facilitatori tecnologici" sostiene Hinssen. "Una fferenza fondamentale rispetto al passato, dato che il nuovo standard d implica che i CIO deb- bano non solo implementare il cloud computing, ma anche inviduare sempre nuove opportunità offerte dalla tecnologia". Di certo, i vantaggi potenziali del cloud computing sono eccezio- nalmente attraenti. I CIO che implementano il cloud computing con successo possono ottenere guadagni notevoli in termini agilità del business. Possono inoltre controllare i costi IT e migliorare la scalabilità, ovvero la capacità dei propri sistemi IT ampliarsi o ridursi al moficarsi della domanda. "Il cloud consente abbreviare il time-to-market dei nuovi prodotti otti e servizi" sostiene Philip Garland, CIO Advisory Solution Leader presso so l'azienda aut e consulenza PricewaterhouseCoopers (PwC). "E questo ha come conseguenza un apporto porto valore reale". Tutto questo ha attirato l'interesse molti CIO. "Questo è l'anno in cui i CIO passeranno dal semplice interesse e verso il cloud alla sua effettiva ettiva implementazione" sostiene Stephen Elliot, VP Strategia, virtualizzazione e automazione servizi CA Technologies. In effetti, etti, gli analisti settore avanzano previsioni piuttosto baldan- zose per il mercato del cloud. Ad esempio, IDC prevede che la spesa monale in servizi cloud arriverà a 42 miliar i dollari entro il Gartner, altra a azienda del settore, si aspetta che i ricavi globali legati ai servizi i cloud supereranno i 150 miliar nel E Bank of America Merrill Lynch prece e che il mercato del cloud computing arriverà a valere 160 uv ol miliar entro il Prima ragione tutte queste previsioni: il cloud computing sfrutta la tecnologia e il personale dei reparti IT aziendali, supportandoli nel raggiungere gli obiettivi ivi business. Un'altra ragione è che il cloud computing può offrire maggiore flessibilità e velocità business. Il processo per rendere operativo o un nuovo server utilizzando l'infrastruttura come servizio (IaaS) nel modello cloud richiede pochi minuti, rispetto ai tre/sei mesi necessari per una procedura trazionale. Questo, a sua volta, può velocizzare la capacità un team progetto portare sul mercato un nuovo servizio io o prodotto, o reagire alle nuove richieste del mercato. "Questo rende una società più competitiva, e stimola i ricavi" sostiene An Mann, VP Marketing prodotto per le soluzioni Virtualization Management CA Technologies. L'elasticità, o la capacità adeguare i servizi IT in termini men- sioni, è un altro vantaggio che i CIO otterranno dalla ffusione approcci basati sul cloud computing. Questo aiuta i riventori al det- taglio e altre attività basate sui volumi, sostiene Ron Brown, rettore Cloud computing EMEA dell'integratore e sistemi CSC. Ad esempio, i dettaglianti possono dotarsi capacità aggiuntive basate sul cloud durante le festività natalizie, evitando l'acquisto server che rimarrebbero ero inutilizzati per il resto dell'anno. "A febbraio, possono iniziare a ridurre i servizi cloud e smettere pagarli" aggiunge Brown. Arrampicarsi tra le nuvole I CIO interessati ai molti vantaggi del cloud computing possono rivol- gersi a un numero crescente fornitori servizi gestiti (MSP). Logicalis Group, dal canto suo, ha recentemente investito 7,5 milioni sterline in un nuovo centro dati che offrirà un'ampia gamma servizi cloud. La società, un integratore t sistemi e MSP con sede nel Regno Unito, ha inoltre creato un gruppo decato allaa fornitura soluzioni e servizi FIGURA: C.J. BURTON 2010 SMART ENTERPRISE 9

10 La strada verso il cloud Per rendere il cloud computing una realtà, i CIO devono comprendere queste categorie essenziali. Cosa c'è in un cloud? Più quel che può pensare la maggioranza dei CIO. Una definizione del National Institute of Standards and Technology (NIST) potrebbe sembrare sufficientemente esauriente: il cloud computing viene definito un "modello per consentire accesso rete comodo e a richiesta a un pool conviso risorse informatiche configurabili (ad esempio reti, server, storage, applicazioni e servizi), cui è possibile seguire rapidamente provisioning e release con un minimo sforzo gestionale o interazione con il fornitore servizi". Ma, come sottolinea Gregor Petri, Senior Director Marketing EMEA CA Technologies, questa definizione ha resistito per soli nove mesi. In effetti, con l'arrivo della primavera, la definizione del NIST era alla sua 15 versione. Aggiunge Chris Gabriel, rettore Marketing del fornitore servizi britannico Logicalis Group: "Chiedete a 10 CIO cosa sia il cloud, e otterrete 11 risposte". IL CENTRO In effetti, tutti DATI i fornitori DINAMICO servizi cloud offrono tre modelli versi tra i quali Oltre scegliere: le quattro software mura come servizio (SaaS), piattaforma come servizio (PaaS) e infrastruttura come servizio (IaaS). Nella tabella i tre modelli vengono messi a confronto: Creare SaaS un cloud interno per Un rendere primo passo l'it verso l'adozione applicazioni da ufficio desktop alternative. Per cominciare basta una carta creto. Come fare per integrare i modelli sicurezza rendendo possibile lo scambio dati? PaaS Specificatamente pensato per piccole e mee imprese, ma i modelli si applicano a tutti i tipi aziende. Le gran aziende otterranno vantaggi dall'adeguamento verso l'alto dei servizi e dall orientamento del modello verso strumenti e processi sviluppo software. IaaS Approccio elettrizzante all'utility computing, per dare impulso a un renmento elevato delle risorse. Eventuali picchi capacità vengono inrizzati verso il fornitore esterno, per evitare spese extra in conto capitale. Tempi più lunghi a causa immaturità degli strumenti e resistenza al cambiamento. FONTE: PricewaterhouseCoopers, "Security in the Cloud," 2010 Quin, i CIO devono comprendere in che modo i tre tipi cloud si adegueranno ai rispettivi obiettivi business ed esigenze tecniche: CLOUD PUBBLICO: in questo caso, l'infrastruttura cloud viene fornita da un terzo, come Amazon, e offerta al pubblico o a un grande gruppo industriale. CLOUD PRIVATO: il cloud è attivo esclusivamente per una singola organizzazione, sebbene possa essere gestito da un terzo e non trovarsi presso la sede dell'azienda. Rappresenta spesso la scelta ideale per CIO preoccupati per la sicurezza organizzazioni gran mensioni, sostiene Petri. CLOUD IBRIDO: in questo caso, il cloud collega cloud pubblici e privati per consentire la portabilità dati e applicazioni. Un'opzione è il "cloud bursting", essa inca l'integrazione cloud privato, durante i perio picco, con uno pubblico. La maggioranza delle applicazioni coinvolgono dati meno sensibili come la posta elettronica. L.L. 10 SMARTENTERPRISEMAG.COM cloud. Nel Regno Unito, l'avvento dei servizi cloud nel settore pubblico sarà gestito rettamente tramite cloud classe aziendale, basati sulla tecnologia già ampiamente impiegata dalle strategie IT esistenti. Il cloud Logicalis gestirà rettamente la domanda cloud servizi convisi per il settore pubblico. Logicalis offrirà il suo Cooperative Enterprise Service Cloud, un tipo servizio cloud ibrido, privato e pubblico, pendente da tre partner. L'architettura dell'offerta è basata su Unified Computing System (UCS) e sul software storage NetApp Cisco, e utilizza le soluzioni CA Service Assurance e CA Service Automation per assicurare sponibilità dei servizi, prestazioni e scalabilità. Logicalis prevede che il servizio sarà particolarmente attraente per gran aziende con centri dati in rapida obsolescenza. Chris Gabriel, Direttore Marketing Logicalis, sostiene che dal 10 al 15 per cento dei server in tutto il mondo sarà obsoleto entro la fine dell'anno e richiederà un aggiornamento. "Se sono un CIO con server che richiedono un aggiornamento, oggi posso rivolgermi a un fornitore esterno per ottenere quel che mi serve; e fare in modo che si occupi anche eventuali aggiornamenti futuri" chiara. Un altro MSP, Fujitsu Australia e Nuova Zelanda, ha già una solida base clienti che utilizza il primo quelli che l'azienda definisce servizi cloud a "quattro livelli impiego". Rod Vawdrey, CEO della società, prevede che fino al 30 per cento dei suoi clienti utilizzerà qualche forma cloud computing entro il Entro il 2020, questa percentuale potrebbe raggiungere il 60 per cento, aggiunge. Una speciale caratteristica del servizio cloud Fujitsu Australia e Nuova Zelanda: tutti i dati dei clienti dell'area sono memorizzati nei centri dati della società in Australia, anziché in archivi offshore. "In questo modo, rimangono soggetti alla legislazione australiana e al controllo dei clienti" sostiene Vawdrey. "La nostra infrastruttura cloud è totalmente verificabile, per sodsfare requisiti governance e normativi". Allo stesso tempo, Fujitsu gestisce oltre 95 centri dati in tutto il mondo, e molti questi sono utilizzabili per supportare un futuro servizio IaaS. CSC è un altro importante MSP che offre servizi cloud. La società, con sede a Falls Church, Virginia, ha recentemente presentato un servizio nel Regno Unito per mettere a sposizione dei clienti cloud privati. Uno dei suoi primi clienti è il Royal Mail Group, che gestisce il servizio postale britannico. Prima nel settore, Royal Mail sta attualmente avviando una completa iniziativa basata sul cloud, a partire dalla piattaforma produttività e collaborazione in hosting Microsoft. Il programma gestito da

11 Perché i CIO apprezzano il cloud... Percentuale che valuta i vantaggi del cloud computing come abbastanza importanti, importanti o molto importanti'... E cosa hanno ancora bisogno Percentuale che si definisce, rispetto alle sfide del cloud computing, abbastanza preoccupato', preoccupato' o molto preoccupato' Si paga solo quello che si utilizza Sicurezza 78% 86% Semplicità/rapità stribuzione agli utenti finali Disponibilità 78% 83% Pagamenti mensili 75% Prestazioni 83% Stimola la standarzzazione dei sistemi 69% Può costare più 81% Richiede meno personale IT in-house, riduce i costi Offre sempre le funzionalità più recenti Apparentemente, è il futuro 54% 67% 65% La convisione dei sistemi con i partner è semplificata 64% 0% CSC consentirà a tutti i pendenti operativi nelle se Royal Mail beneficiare un nuovo ambiente comunicazione ottimizzato, basato sul cloud. CSC è il primo Partner Microsoft a realizzare un progetto servizi cloud computing queste mensioni. Il passaggio al cloud Royal Mail è stato determinato da una serie pressioni business, ma anche opportunità. Malgrado la crescente concorrenza altri servizi commerciali analoghi, l'azienda conserva l'obbligo consegnare a qualsiasi inrizzo nel paese, a tariffe coerenti e competitive e in tempi rapi. Inoltre, Royal Mail ha dovuto evolvere rapidamente, con il moficarsi dell'impiego del servizio postale a livello personale e commerciale: ad esempio, mentre la corrispondenza personale parrebbe in rapido declino, la crescita dello shopping online ha determinato un netto aumento della domanda consegna pacchi e colli. CSC è entrata anche sul mercato USA. Ha avviato un progetto quinquennale del valore $ 7,25 milioni per la sostituzione del sistema posta elettronica esistente della contea Los Angeles, utilizzato dai suoi pendenti, con gli strumenti produttività basati sul cloud Google. "Abbiamo ridotto notevolmente i costi operativi e migliorato parecchio l'esperienza dell'utente finale e la produttività" sostiene Brown. Sta ventando sponibile una nuova generazione soluzioni gestione del cloud e servizi, che facilita ai CIO la migrazione al cloud e quin la realizzazione dei risultati business. E siamo appena in tempo, sostiene Mann CA Technologies: "Stiamo arrivando a un punto svolta, in cui le organizzazioni non potranno utilizzare il cloud senza una gestione adeguata". Ciò riguarda le problematiche legate non solo a prestazioni e sponibilità, ma anche a prevenzione della perta dati, sicurezza, gestione identità e accessi e business continuity. "C'è ancora molto da fare per far arrivare il cloud computing a un livello aziendale" aggiunge Mann. "Saperlo gestire sarà un'esigenza irrinunciabile". Assenza standard interoperabilità Riportare le strutture in-house può essere fficoltoso Difficoltà integrazione con l'it in-house Non sufficientemente personalizzabile 80% 80% LE PROMESSE 77% DEL CLOUD più un nuovo 76% ruolo per il CIO 0% DATI: IDC Enterprise Panel, sondaggio condotto su 263 professionisti IT, 3 trimestre 2009 NOTA: erano consentite risposte multiple Preparare la strada al cloud Sicuramente CA Technologies è stata tra i primi a constatare l'importanza del cloud. Dall'estate scorsa, la società ha acquisito svariate aziende per supportare le proprie offerte e ventare un fornitore soluzioni cloud-ready. Queste acquisizioni includono Cassatt Corp., che offre soluzioni automazione per il centro dati con ottimizzazione intelligente; NetQoS Inc., fornitore soluzioni gestione per l'erogazione servizi e le prestazioni rete; Oblicore, che offre tecnologia Service Level Management; e Nimsoft Inc., fornitore soluzioni per prestazioni e monitoraggio IT per MSP e aziende emergenti. "Collaboriamo con i clienti per consentire loro gestire e automatizzare i carichi lavoro delle applicazioni virtualizzate, sfruttando al contempo soluzioni e processi gestione fisici già esistenti" sostiene il VP Elliot. "Vogliamo portarli a considerare la migrazione e la gestione delle applicazioni dal loro cloud privato interno, come stribuire al meglio il cloud pubblico e come muoversi all'interno cloud versi". Più recente, a marzo, CA Technologies ha acquisito 3Tera Inc., un fornitore IaaS nel cloud. La tecnologia AppLogic 3Tera fornisce ai CIO una posizione singola per configurare e stribuire applicazioni e server virtuali. Utilizzando una GUI intuitiva, le aziende possono eseguire facilmente inviduazione e selezione da un catalogo componenti preconfigurati, relativi a server virtuali e software, per progettare e stribuire applicazioni composite come singole entità nel cloud. È un processo che normalmente richiederebbe giorni o settimane, ma che con AppLogic può essere completato in pochi minuti. Tutto questo proietta CA Technologies in un nuovo ambito: i suoi partner MSP costituiscono un canale nuovo, che ben posiziona il fornitore soluzioni rispetto alla penetrazione in un nuovo mercato e in aziende emergenti. "Senza una buona gestione degli ambienti fisici 2010 SMART ENTERPRISE 11

12 e virtuali, non è veramente possibile parlare cloud, e tantomeno stribuirlo" sostiene Elliot. "I clienti vogliono che li guiamo, e che guiamo il mercato gestione del cloud; riducendo i rischi legati all'adozione nuove architetture virtuali e fisiche, cloud e piattaforme hardware nei prossimi anni. È un elemento grande importanza per i clienti e un imperativo strategico per noi, rettamente connesso con i nostri punti forza". Partner nel cloud Anche con i partner migliori, i CIO che utilizzano il cloud devono restare comunque consapevoli dover gestire alcune sfide chiave. La principale: la sicurezza. Gary Loveland, responsabile delle politiche Sicurezza e gestione delle identità PwC, sostiene che i CIO dovrebbero comprendere non solo i tipi dati che passeranno nel cloud, ma anche i rischi e l'impatto potenziale su essi, qualora dovessero venire compromessi o andare perduti. Inoltre, all'interno dell'unione Europea, il cloud computing ha sollevato sfide normative che potrebbero limitare le società nel realizzare tutti i vantaggi dei cloud pubblici, quantomeno nel breve periodo. Una serie leggi sulla riservatezza dei dati, a livello dell'unione e dei singoli paesi, ha portato a pratiche implementazione IT e applicazione dei dati non coerenti tra gli Stati membri. Ad esempio, il Data Protection Act del Regno Unito (1998) prevede che una società debba essere in grado incare l'ubicazione dei suoi dati in qualsiasi momento; e questo non è semplice quando i dati si trovano nel cloud. La governance nel cloud è una problematica strettamente correlata. I CIO continueranno a dover dare mostrazione della conformità con i molti regolamenti settore pubblici, locali, nazionali o internazionali. "Dovreste chiedervi quale tipo misure protezione sono operative e se i dati saranno crittografati al momento della migrazione da una piattaforma a un'altra" ce Loveland. Inoltre, c'è il problema degli standard cloud. Data la velocità del fenomeno cloud, i consorzi tecnici no-profit semplicemente non riescono a stare al passo. In effetti, secondo un indagine del marzo 2010 patrocinata dall IEEE e dalla Cloud Security Alliance (CSA), l'82 per cento Alla ricerca del cloud? Potreste già esserci I CIO che utilizzano la tecnologia virtualizzazione potrebbero già essere a metà strada, o anche oltre, nel loro percorso verso il cloud: questo perché la scalabilità del cloud si basa in modo notevole sulla virtualizzazione, riducendo i tempi stribuzione da giorni a ore e migliorando ampiamente l'utilizzo delle risorse. La virtualizzazione consente inoltre un certo consolidamento, vantaggio notevole per le PMI come per le gran organizzazioni. In effetti, è questa combinazione consolidamento e scalabilità che avvicina la virtualizzazione al cloud computing: senza virtualizzazione, il cloud richiederebbe massicce quantità hardware, e perderebbe molte delle sue capacità failover e sponibilità elevata. Fondamentalmente, le architetture cloud funzionano appoggiandosi al livello virtuale: non solo la virtualizzazione è parte del cloud computing ma, soprattutto, il cloud computing richiede la virtualizzazione per raggiungere i suoi principali obiettivi. "La virtualizzazione", sostiene Rod Vawdrey, dei professionisti IT considerano urgenti lo sviluppo e l'adozione standard sicurezza per il cloud. Gli SLA tra clienti e fornitori servizi cloud sono un altro ambito che i CIO devono tenere d'occhio. Secondo Hinssen, "per quanto riguarda gli SLA, il cloud è un territorio totalmente nuovo". Alcuni membri del settore sostengono che queste problematiche si risolveranno da sole, col tempo. Brown CSC, ad esempio, traccia un'analogia tra la crescita del cloud e quella dell'outsourcing IT. "Se torniamo agli anni 80, all'outsourcing si ponevano gli stessi ostacoli che il cloud incontra oggi" chiara. "Ma questi ostacoli sono stati superati nel tempo, e oggi un outsourcing sicuro e standarzzato rappresenta la norma". Un'altra questione è a quale livello il cloud computing può coesistere con modelli meno recenti e più convenzionali. Mann CA Technologies ritiene che il cloud andrà a integrare l'it trazionale, ma non lo sostituirà. "Proprio come il computing stribuito non ha sostituito i mainframe, Windows non ha sostituito UNIX e il Web il computing decato basato su client, il cloud non sostituirà completamente l'it così come lo conosciamo" chiara. "L'investimento in persone, processi e tecnologie è troppo grande perché questo succeda". Una volta risolte queste problematiche, i CIO possono concentrarsi su quello che potrebbe essere il principale vantaggio del cloud: il modo in cui consente all'it riallocare applicazioni non mission-critical. La capacità dell'it gestire al meglio, ad esempio, i server Microsoft Exchange non significa necessariamente un migliore andamento dell'azienda; piuttosto, è la capacità vendere "widget" meglio chiunque altro che ha questo effetto, sostiene Mann. "Di conseguenza, inserire il server Exchange nel cloud consentirà una migliore gestione interna dell'attività IT fondamentale" chiara. "E in ultima analisi, questo è positivo per il business, dato che significa potersi concentrare maggiormente sulla venta quei widget cui si ceva". LARRY LANGE scrive tecnologia ed è stato redattore capo presso TechWeb, PlanetIT.com, EE Times e IEEE Spectrum. CEO Fujitsu Australia e Nuova Zelanda, un fornitore servizi basati sul cloud, "è il punto partenza logico verso la creazione una base per il modello erogazione cloud". Aggiunge Peter Hinssen, Managing Partner Across Technology, stuo consulenza gestione con sede in Belgio: "Con la virtualizzazione, i CIO possono ottenere più dal panorama applicativo con una dotazione hardware molto inferiore, eliminando i costi superflui dall'infrastruttura legacy". Non solo, ma il cloud computing può essere visto come la fase successiva nell'evoluzione tre modelli IT piuttosto recenti: software come servizio (SaaS), piattaforma come servizio (PaaS) e infrastruttura come servizio (IaaS). Molte gran aziende già utilizzano uno o più questi servizi. "Pensiamo ai fornitori servizi applicativi alla fine degli anni 90," ce Hinssen. "Oggi abbiamo il cloud. Non è rivoluzione, ma evoluzione". L.L. 12 SMARTENTERPRISEMAG.COM

13 Ultimissime notizie, sviluppi e statistiche per il CIO moderno. Smart Trend raccolti da Alan Joch 2010 VOLUME 4, NUMERO O 2 60 per cento rigenti IT IL prevede CENTRO DATI avviare DINAMICO iniziative Oltre cloud le quattro durante mura il prossimo anno, secondo un sondaggio RAYMOND dei consulenti JAMES per il 2.0 centro dati GlassHouse Technologies. Oltre il 70 per cento degli intervistati ha definito il cloud interno la loro massima priorità. 71per cento dei rigenti IT aziendali prevede che i rispettivi budget per il cloud computing cresceranno nei prossimi due anni, secondo uno stuo condotto recente da Applied Research e sponsorizzato da F5 Networks. Quasi l'85 per cento dei rigenti IT chiara che collaudo, implementazione o utilizzo dei cloud privati sono già in corso. Virtualmente migliorato La virtualizzazione ha migliorato qualità del servizio e produttività del personale operativo, secondo un recente sondaggio condotto su 257 professionisti IT in USA, Regno Unito, Francia, Germania e Giappone. Dal sondaggio, condotto da Forrester Consulting per conto CA Technologies, è emerso che quasi il 75 per cento dei professionisti IT ritiene che la virtualizzazione abbia migliorato la qualità del servizio. E più del 70 per cento ha chiarato che la virtualizzazione ha migliorato la produttività operativa dell'it aziendale. Il valore del mercato giapponese per le soluzioni SaaS ha raggiunto 1miliardo dollari nel 2009, più del resto dell'asia considerato nel suo complesso, secondo Springboard Research. La società prevede che il mercato SaaS giapponese continuerà a crescere del 24 per cento annuo fino al 2013, rappresentando uno dei segmenti dalla crescita più rapida dell'it giapponese. La costante adozione A SPASSO e maturazione TRA LE NUVOLE dei servizi cloud Qualcomm è la forza utilizza il cloud trasformazione computing e la che virtualizzazione lascerà l'impronta per più stimolare forte sull'it l'innovazione quest'anno, sostiene IDC. L'azienda Maggiore intelligence agilità del business, settore definisce più un nuovo inoltre ruolo i servizi per il CIO livello enterprise un "tema unificante" nell'emergere delle piattaforme applicazioni cloud. V 275+ per cento delle aziende che utilizzano il cloud computing sta ottenendo risparmi sulle spese in conto capitale e gestione con guadagni me superiori al 20 per cento, segnala Enterprise Management Associates (EMA). FONTI: [1] "60 per cento...": glasshouse.com [2] "71 per cento...": f5.com [3] "La virtualizzazione ha...": ca.com [4] "Il valore del mercato giapponese per...": springboardresearch.com [5] "La costante adozione...": idc.com [6] "75+ per cento...": enterprisemanagement.com FIGURE (DA SINISTRA A DESTRA): MARK WEBER /SIS/GETTY; YVES LEFEVRE/SIS/GETTY 2010 SMART ENTERPRISE 13

14 Copertina C opertina Qualcomm PUBBLICAZIONE PERSONALIZZATA 2010 VOLUME NUMERO VOLUME 4, NUMER O2 I cloud possono essere oggetti eterei, ma non in Qualcomm, dove il cloud è il motore del progetto e della strategia IT della società San Diego. Negli ultimi anni, Qualcomm, sviluppatore leader e innovatore nell'ambito tecnologie wireless, prodotti e servizi avanzati, si è trasformata in un laboratorio agile e orientato ai servizi, che sfrutta il cloud per allineare strettamente l'infrastruttura con il business che essa supporta. Non è cosa da poco, considerando che la società ha comunicato ricavi per 10,42 miliar dollari nell'anno fiscale 2009 e impiega oltre pendenti in 146 se nel mondo. Il motore dei successi IT Qualcomm è quello che il CIO Norm Fjeldheim ha definito lo "stabilimento innovazione", un ambiente dove la risoluzione creativa dei problemi e i rischi calcolati vengono bilanciati da una forte pretesa accountability e da un ROI sperimentato. Questa innovazione concreta ha funzionato bene per la società, in particolare in termini gestione dell'onnipresente sfida rappresentata da un centro dati completo. "Siamo una società che guarda alla tecnologia per risolvere i problemi business, e incoraggiamo le business unit a collaborare con noi per trovare nuove soluzioni" sostiene Fjeldheim. "Tuttavia, queste soluzioni devono anche essere economicamente efficienti e al contempo comportare una costante innovazione". Qualcomm ha combattuto per anni per conservare la capacità del suo centro dati al passo con la crescita dei dati. Lo spazio storage in particolare è stato una sfida, così come l'esigenza costante energia aggiuntiva, necessaria per il conzionamento. Cinque anni fa, tuttavia, la rigenza ha deciso che aggiungere capacità a un centro dati già sovraccarico non era un'opzione praticabile. "Abbiamo pensato che non c'era modo andare in quella rezione" sostiene Paul Ferraro, rettore IT. "Questo ci ha spinto all'innovazione, a dare impulso alla tecnologia così come agli utenti interni e arrivare al consolidamento, insomma a fare tutto il necessario per sfruttare al massimo le risorse già sponibili". La soluzione è stata la virtualizzazione e, per certi versi, IMMAGINE: TOM ALLEMAN Il cloud computing consente a Qualcomm creare un percorso virtualizzato verso l'agilità del business. Mary E. Morrison 14 SMARTENTERPRISEMAG.COM

15 I membri del team IT Qualcomm (da sinistra): Il CIO Norm Fjeldheim, il rettore senior Matt Clark, il VP Brian Baker e il rettore Paul Ferraro SMART ENTERPRISE 15

16 il cloud computing, nonché i pod centri dati essenzialmente, autoarticolati che fungono da centri dati perfettamente funzionanti. Di recente, la società ha inviduato un modo per unire queste tre componenti: Unified Computing System (UCS) Cisco, una piattaforma presentata nel 2009 e che mira a riunire computer, rete, accesso allo storage e risorse virtualizzazione in un singolo sistema. "È molto stimolante, perché rappresenta una vera innovazione. Sta trasformando l'intero settore" sostiene Brian Baker, VP Operazioni globali e servizi infrastruttura in Qualcomm. Qualcomm sta lavorando rettamente con Cisco e con CA Technologies per collaudare la piattaforma con il software CA. "Abbiamo costruito una partnership molto solida con CA, e investito parecchio nella loro linea prodotti" chiara Baker. "È quin naturale per noi far evolvere, espandere e sviluppare quel medesimo set strumenti". La piattaforma virtualizzerà molte delle capacità networking Qualcomm, integrando la trazionale piattaforma hardware networking Cisco nella piattaforma server, spiega Baker. Questo consentirà rimuovere una quantità collegamenti e interconnessioni tra livelli storage e rete. "Ridurrà inoltre i requisiti hardware rete, e questo significa più risparmi sui costi, più efficienze, più renmento e prestazioni migliori" sostiene Baker. Non solo, chiara: anziché imporre ai tecnici rete moficare i spositivi rete e agli amministratori dei server moficare i server, un amministratore potrà apportare tutte le mofiche senza soluzione continuità, tramite una console generale. "Possiamo ottenere più densità, un maggiore livello impiego dello spazio del centro dati, più ottimizzazione" sostiene Baker. "Questa iniziativa ha inoltre un impatto importante dal punto vista ambientale e della riduzione dei costi globali. Disponiamo più potenza calcolo e un maggiore renmento. I vantaggi sono davvero notevoli". E l'attrezzatura UCS sarà, in particolare, un'ottima scelta per i pod Tre passi verso il cloud computing Confusi su come passare al cloud computing? Ecco i suggerimenti Brian Baker, VP Operazioni globali e servizi infrastruttura Qualcomm Valutare attentamente quali siano i requisiti dell'attività e quali fornitori possano sodsfarli. Tenere in considerazione le certificazioni dei fornitori; la SAS70 è fondamentale. "È molto incativo che il fornitore servizio cloud esterno sappia o meno comunicare una certa sicurezza, all'avvio del progetto" sostiene Baker. Identificare quali dati o applicazioni passeranno al cloud esterno. "Questo determinerà il tipo misure o controlli conformità e sicurezza necessari". Considerare la tolleranza al rischio dell'organizzazione. "Per noi, certi dati, ad esempio le risorse essenziali proprietà intellettuale, non passeranno mai al cloud esterno". M.E.M. 16 SMARTENTERPRISEMAG.COM centri dati. "Credo che l'attrezzatura sarà particolarmente adatta a questo ambito, dato che nei pod lo spazio scarseggia" spiega. Il box UCS include meno cavi e minore complessità, e sarà ideale per gli spazi limitati, chiara. "I pod potrebbero ventare i nostri centri dati effettivi in futuro. Sono molto meno costosi che costruire un centro dati trazionale". Il cloud operativo Mentre l'ucs è in fase test con un occhio al futuro, le soluzioni cloud sono una parte importante della strategia IT attuale della società. "Siamo decisamente in moto" sostiene Baker. "Il cloud avrà utilizzi versi per le verse business unit. Un unico fornitore servizi cloud non è adatto a tutte le nostre esigenze, e quin ci rivolgeremo un po' a tutti". Qualcomm ha avviato il suo progetto cloud circa quattro anni fa, creando una "griglia" interna in grado raggruppare i server e consentire lo spostamento delle applicazioni da un server all'altro, a richiesta. Ad esempio, le applicazioni finanziarie Qualcomm sono state tra le prime a passare su quel cloud, spiega Matt Clark, Direttore IT senior dell'azienda. Questo perché erano le candate ideali, non richiedendo normalmente quantità CPU o memoria rilevanti. Tuttavia, al termine ogni mese, trimestre e anno, le applicazioni finanziarie svolgono una quantità notevole elaborazione, mettendo a dura prova le risorse del sistema e influenzando le prestazioni delle altre applicazioni. L'obiettivo, sostiene Clark, era la capacità allocare più server in quei momenti, senza doverlo fare manualmente, ed evitando agli utenti finali problemi o rallentamenti del servizio. Il cloud computing può alleviare queste problematiche. Attualmente, il team IT sta valutando alcuni fornitori come Amazon, AT&T, Verizon e Microsoft per determinare quali applicazioni e ambienti desktop non essenziali possano essere trasferiti su cloud esterni. "L'obiettivo finale è fare in modo che il nostro cloud interno gestisca i sistemi fondamentali" sostiene Clark. "Tutto ciò che è importante per Qualcomm dal punto vista della riservatezza dei dati e della sicurezza e che richiede potenza calcolo elevata rimane in Qualcomm. Tutto il resto, lo spostiamo su un cloud esterno". La società sta inoltre lavorando a un portale che semplifica la modalità richiesta servizi da parte degli utenti IT. In passato, gli utenti IT utilizzavano varie pagine Web per richiedere risorse verse, inclusi servizi fisici Windows e UNIX e macchine virtuali Windows. "L'idea è che gli utenti possano avere a sposizione una posizione unica e che la richiesta un computer, fisico o virtuale che sia, si riduca a un'unica operazione" sostiene il Direttore IT Ferraro. "In sintesi, occorre che per loro non sia necessario tentare stabilire cosa significhi la richiesta dal punto vista dell'infrastruttura IT". Gli utenti sono arrivati ad aspettarsi opzioni menu semplificate e tempi risposta più rapi, perché i fornitori cloud come Amazon hanno definito un nuovo standard, sostiene Ferraro. "Se parliamo tempi una settimana la risposta è: 'Con Amazon possono avere un server in un'ora, non potete farlo anche voi?'" spiega. "Siamo costretti a fornire lo stesso livello servizio Amazon e altri fornitori cloud". Il passaggio al cloud computing ha posto a Qualcomm alcune sfide. Gli utenti IT, almeno inizialmente, avevano riserve sul passaggio al cloud, anche interno; molti continuavano a volere computer propri, fisici o virtuali che fossero. "Quando si comincia a parlare cloud, il concetto macchina virtuale personale non si applica più; i dati si spostano all'interno più computer in ogni momento" sostiene Clark. "Questo, inizialmente, spaventa". Una sfida ancora maggiore è stato determinare le implicazioni finanziarie del cloud computing. Mentre la virtualizzazione comportava

17 per la società risparmi hard e soft sui costi operativi guest in esecuzione (Qualcomm è stata in grado conservare su una piattaforma hardware. Qualcomm in breve i livelli servizio e aggiungere nuove "È possibile ottenere variazioni risorse), mettere in evidenza i vantaggi chiave SEDE PRINCIPALE: San Diego, California verse sul tema del tipo prestazioni da ottenere" sostiene del cloud è meno semplice. "Una cloud interna non permette ridurre i costi lato COSTITUZIONE: 1985 Ferraro. La società fa lo stesso hardware, ma può farti fare un salto qualità RICAVI: 10,42 miliar dollari (anno fiscale 2009) con lo storage. nella modalità fornitura un server Oggi, Qualcomm gestisce applicazioni, in termini maggiore velocità, DIPENDENTI: oltre server fisici che forniscono o nella sponibilità funzioni on-demand" ATTIVITÀ: istanze server virtuali sostiene Ferraro. "Abbiamo dovuto tornare attive in tutto il mondo, con un sui nostri passi un paio volte e sviluppare SEDI NEL MONDO: 146 rapporto meo 10 macchine nuovi processi e algoritmi finanziari per virtuali per ogni computer fisico. DATI: Qualcomm determinare quale fosse il ROI effettivo". Un sorprendente 75 per cento Anche sviluppare un framework erogazione del servizio, automatizzando le modalità con cui un'applicazione server aziendali Windows livello corporate e un 30 per cento server aziendali Linux livello arriva al cloud, è stato impegnativo. L'organizzazione IT non sponeva un processo robusto controllo delle mofiche, sul quale abbiamo iniziato a lavorare insieme a CA Technologies, sostiene Clark. Inoltre, è stato creato un comitato revisione del controllo delle mofiche. Nel frattempo, Qualcomm ha ottenuto la certificazione IS (standard internazionale per la gestione dei servizi IT) in alcuni ambiti, e attualmente è attiva per ottenere la certificazione per il framework ITIL. "Tutte queste iniziative rendono molto più semplice costruire e ampliare i processi che forniscono il miglior livello servizio ai clienti" chiara Clark. L'importanza dei framework La certificazione ISO e il framework best practice ITIL sono stati estremamente importanti per l'it Qualcomm, perché definiscono processi ripetibili e standarzzati. Applicare questo framework comune all'interno dell'azienda ha consentito all'it supportare le verse business unit con maggiore rapità e a costi inferiori, sostiene Baker. Le certificazioni ISO e ITIL sono significative perché comprovano alla rigenza che l'organizzazione IT sta lavorando bene, sostiene Marc Strohlein, Chief Agility Officer Outsell, una società ricerca IT. "Per le organizzazioni IT e i CIO, il Santo Graal è sedersi allo stesso tavolo del team rigente e venire considerati una componente strategica dell'azienda, anziché quei tizi che fanno funzionare i computer e per farlo spendono una montagna denaro" chiara. "Per ottenere questo, tuttavia, è necessario gestire quei computer davvero bene e fornire un livello servizio base. L'aspetto importante degli standard ISO e ITIL è assicurare che quei servizi vengano forniti correttamente". Uno dei principali successi Qualcomm è stato il suo sforzo virtualizzazione, avviato nel La società ha iniziato a stribuire istanze server Windows utilizzando VMware ESX, presto seguite dall'implementazione con istanze Linux, sempre utilizzando VMware ESX. In anni recenti, Qualcomm ha avviato la virtualizzazione dei sistemi Solaris UNIX utilizzando Sun/Solaris Zones. I server virtuali si sono mostrati affidabili e hanno fornito tempi reazione rapi e risparmi sui costi. La notizia si è ffusa in tutta l'azienda, gli utenti hanno acquisito familiarità con il concetto computer conviso e Qualcomm ha continuato a virtualizzare. Il progetto non è stato privo fficoltà, comunque. Con la crescita della base installata, hanno iniziato a svilupparsi problematiche prestazionali e colli bottiglia. Ma l'it ha saputo implementare una soluzione elegante: la strutturazione a livelli dei sistemi virtuali e la sponibilità capacità verse per esigenze verse. Ad esempio, una macchina virtuale (VM) livello uno avrà solo 2 sistemi operativi guest su una piattaforma fisica, mentre una VM livello tre potrà avere 20 o 30 sistemi corporate sono virtualizzati. La società stima che queste stribuzioni abbiano portato un risparmio circa 25 milioni dollari in risorse hardware e connesse al centro dati. Grazie alla virtualizzazione dei server, Qualcomm risparmia circa 17 milioni kilowatt-ora l'anno nei suoi centri dati. Un elemento chiave del successo degli sforzi virtualizzazione è l'incentivo che Qualcomm ha previsto per l'utilizzo macchine virtuali. I reparti che vogliono un server fisico devono pagare dollari per averlo; per quelli che scelgono le macchine virtuali, i server sono gratis. Lo stesso vale per le risorse storage virtuale: quelle decate vengono addebitate alle singole business unit, mentre quelle convise sono assorbite dall'it. Rendere le business unit una parte importante del processo decisionale dell'it è stata una strategia chiave per il CIO Fjeldheim. Per oltre 10 anni, i progetti IT sono stati finanziati con risorse rottate dall'it verso le business unit. Come risultato, le business unit sono più coinvolte nel facilitare all'it la comprensione delle loro esigenze e del miglior modo per sodsfarle. "In passato, quando chiedevamo supporto o quale fosse l'opinione dell'azienda su un progetto specifico, fondamentalmente non ottenevamo nulla" sostiene Fjeldheim. "Ma rottando il denaro per i progetti IT verso le business unit, queste vogliono venire coinvolte fin dall'inizio e sono molto più interessate a garantire collaborazione e supporto". Questo è esattamente il motivo per il quale Fjeldheim ha imposto che i progetti IT debbano auto-finanziarsi entro un certo periodo tempo. Se un progetto costoso non determina un ROI effettivo, viene eliminato. Questo significa che è più probabile che i progetti approvati siano quelli che riusciranno. Nella valutazione costi e ricavi, l IT Qualcomm si affida al valore totale sulla metrica proprietà, ottenuta dalla somma costi e dell attivazione dei servizi, piuttosto che al costo totale proprietà, sostiene Baker. Questo incatore si è mostrato estremamente utile nel consentire alle business unit determinare il ROI, chiara. "Ha evidenziato immeatamente miglioramenti del livello servizio, riduzione dei costi, miglioramenti a livello gestione della manodopera e delle risorse" spiega. "Ci ha fatto ottenere anche un valore immeato a livello ricavi, livello servizio e tempi attività per i clienti". MARY E. MORRISON scrive tecnologia da Chicago. ITIL è un marchio registrato e un marchio comunitario registrato dell'office of Government Commerce e presso l'ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti (USPTO, U.S. Patent and Trademark Office) SMART ENTERPRISE 17

18 Case study Raymond James 2.0 RITORNO AL FUTURO Guardando Bruce Philipoom all'interno del moderno centro dati conzionato St. Petersburg, Florida, non si rebbe mai che il suo scopo sia arrivare a gestire il corrispondente una vecchia fabbrica. Eppure, questo è esattamente l'obiettivo che il VP Infrastructure Hosting del fornitore servizi finanziari Raymond James Financial Inc. si è prefisso. Nelle sue parole, il reparto IT della società sta affrontando una vera e propria rivoluzione industriale, con un accento particolare sull'adozione delle tecniche produzione massa. Per rendere l'it più simile a uno stabilimento manifatturiero, con operazioni concentrate su un set risorse altamente standarzzate, ma agili e a basso costo, Philipoom sta dotando Raymond James un suo cloud interno computer virtualizzati. "Stiamo passando da un'epoca in cui ogni applicazione e ogni sistema necessitano provisioning personalizzato", chiara, "a un'altra in cui i sistemi vengono prodotti in massa a partire da componenti standarzzati". Raymond James, fornitore servizi finanziari, adatta all'it concetti dell'industria del passato: ma i risultati, grazie a un cloud interno, sono tutto meno che "all'antica". John W. Verity Philipoom vuole che, in Raymond James, il provisioning dell'infrastruttura IT venga gestito come un processo manifatturiero: la società fa l'inventario delle sue materie prime (in questo caso, server, storage e altre risorse informatiche) e le assegna ai progetti secondo necessità. "La virtualizzazione e il cloud computing trasformano l'intero ambito dell'architettura sistemi in un processo assemblaggio quasi banale" sostiene Philipoom. Il piano sembra funzionare. Nell'esercizio fiscale 2009, la spesa aziendale per i server è crollata del 90 per cento rispetto all'anno precedente, anche se il numero istanze server utilizzate da Raymond James è aumentato del 15 per cento. Inoltre, dato l'aumento dei livelli impiego, è necessario un minor numero server fisici; e anche i costi delle licenze software sono calati notevolmente. "Le efficienze che siamo stati in grado ottenere sono assolutamente significative" sostiene Philipoom. Allo stesso tempo, i consumi elettrici del centro dati aziendale sono crollati, con un guadagno spazio fisico. "In passato, nel nostro centro dati c'erano informazioni che andavano inetro circa due anni" chiara Philipoom. "La virtualizzazione server ci ha consentito arrivare fino a cinque". Questo tipo guadagni è estremamente attraente, da un punto vista economico e tecnico, per un numero sempre maggiore reparti IT nei servizi finanziari. IMMAGINE: KIM KULISH 18 SMARTENTERPRISEMAG.COM

19 "In passato, le informazioni nel nostro centro dati andavano inetro circa due anni" sostiene Bruce Philipoom Raymond James Financial. "La virtualizzazione server ci ha consentito arrivare fino a cinque" SMART ENTERPRISE 19

20 "Il settore dei servizi finanziari impiega circa il 40 per cento della spesa IT totale" sostiene William Fellows, Principal Analyst presso The 451 Group, uno stuo analisi e ricerca. "Di conseguenza, il settore è costantemente alla ricerca mo per impiegare meglio queste risorse". Inoltre, aggiunge Fellows, "le società servizi finanziari tentano emulare e replicare l'informatica a basso costo sponibile tramite fornitori servizi cloud pubblici, e ottenere gli stessi vantaggi internamente". Il passaggio a un cloud interno, nonmeno, stimola l'agilità globale dell'attività Raymond James, la semplicità e la rapità con cui l'it riesce a rispondere alle nuove opportunità business, nota Philipoom. Gli esperti del settore cono che questo, ancora più dei risparmi sui costi, è il vero vantaggio della virtualizzazione e del cloud interno per il settore finanziario. "Il cloud può consentire alle aziende ridurre i rischi IT e business" sostiene Steve O Donnell, Managing Director e Senior Analyst Enterprise Strategy Group (ESG), azienda analisi e strategia IT. "Grazie alla maggiore flessibilità del cloud, gli utenti possono rapidamente rendere operative nuove piattaforme computing, anche mensioni molto gran, e quin moficarle secondo le necessità". Oggi, il provisioning un server virtuale può essere eseguito, con la corretta dotazione CPU, memoria, storage, larghezza banda I/O e software sistema, in poche ore. In passato, questa attività richiedeva, in genere, alcune settimane. "I nostri utenti sono sodsfatti perché il servizio è più rapido" sostiene Philipoom. Bruce Philipoom Vice Presidente, Infrastructure Hosting Raymond James "Non devono attendere che i server vengano ornati e installati". Il progetto Philipoom sta inoltre consentendo a Raymond James sodsfare alcuni dei suoi obiettivi business strategici. "Uno dei gran obiettivi dell'azienda per il prossimo triennio è ridurre le spese gestione ornaria e aumentare quelle decate alla crescita e al cambiamento" spiega Philipoom. "Il mio capo, il CIO Tim Eitel, si aspetta che molta parte questi risparmi derivi da una mia migliore gestione dell'infrastruttura IT. Il mio lavoro è ottenere risparmi sul lato della spesa IT decata ai beni fisici, per liberare capitali da decare agli investimenti in applicazioni business-facing". In effetti, Raymond James conta su un piùrapido provisioning dei server e su una maggiore spesa in applicazioni innovative per supportare la propria spinta strategica, già decisamente in corso, volta ad attrarre i migliori advisor del settore. I advisor Budget IT: oltre le semplici ipotesi Certamente, la standarzzazione delle risorse IT meante virtualizzazione e un catalogo servizi facilitano le operazioni ogni giorno; ma possono anche consentire migliorare budget e previsioni relativi alla spesa, secondo Bruce Philipoom, VP Infrastructure Hosting presso l'azienda servizi finanziari Raymond James Financial. "In passato iniziavamo a lavorare sul budget IT in agosto e riuscivamo a farlo approvare in ottobre, o comunque dopo l'inizio dell'anno fiscale" sostiene Philipoom, aggiungendo: "Di conseguenza, quando arrivava la richiesta per un nuovo server, la nostra domanda era sempre la stessa: Il budget lo prevede? Ma i budget sono, in larga misura, solo ipotetici". Viceversa, utilizzando server e altre risorse virtualizzate le problematiche risultano semplificate, con una maggiore visibilità sulle spese da affrontare, sostiene Philipoom. Ad esempio, quando un team progetto IT definisce le risorse per un nuovo sistema, queste informazioni possono essere registrate in un documento specifico per il progetto, che viene approvato dall'azienda; questo documento può contribuire a ridurre incomprensioni e overprovisioning. "L'unica domanda è: Questa richiesta risorse è stata approvata nello statuto del pro- getto?. C'è qualcuno in azienda sposto a pagare per questo?" spiega Philipoom. "Se c'è l'approvazione, proceamo a ornare la capacità necessaria ad approvvigionare il tutto quando il progetto inizierà". Risultato: meno incomprensioni, meno overprovisioning e grande riduzione spese superflue. J.W.V. 20 SMARTENTERPRISEMAG.COM "Il mio lavoro è ottenere risparmi sul lato della spesa IT decata ai beni fisici, per liberare capitali da decare agli investimenti in applicazioni business-facing". finanziari Raymond James, le truppe scelte che gestiscono rettamente la clientela, sono posizionati nei 50 stati americani e in Canada, all'interno filiali. E Raymond James continua a crescere; l'anno scorso, ha assunto quasi 780 nuovi advisor negli USA. L'azienda è costantemente impegnata per dotare questi advisor strumenti IT livello superiore. L'elemento chiave, tra questi strumenti, è un "advisor desktop" che rende immeatamente sponibile un patrimonio dati sulla clientela e sul mercato, nonché funzioni ricerca sui titoli. "Molti dei nostri nuovi advisor provengono da aziende più gran, che hanno investito pesantemente in tecnologia, e quin hanno aspettative elevate in relazione agli strumenti IT" chiara Philipoom. "Per offrire un'esperienza utilizzo delle applicazioni più ricca e maggiormente integrata, è essenziale aumentare il nostro investimento business nello sviluppo delle applicazioni". Raymond James, inoltre, ha aperto una ventina nuovi ruoli nell'ambito del software engineering. Un investimento crescente "Gli advisor finanziari si aspettano un'integrazione senza soluzione continuità tra le applicazioni" spiega Philipoom, "per non dover immettere un numero conto troppe volte e per passare facilmente dal sistema CRM a quello conformità a quello pianificazione finanziaria". Che un advisor stia gestendo pochi singoli dal patrimonio importante, oppure un maggior numero account meno significativi, il nuovo advisor desktop Raymond James "consentirà svolgere l'attività e farla crescere, continuando ad assicurare un livello servizio sempre più elevato" aggiunge. Gli advisor finanziari in Raymond James non avranno bisogno sapere che la suite integrata app che utilizzano, in realtà, è in hosting da qualche parte all'interno del cloud informatico "all'antica" dell'azienda. Ma, all'interno del reparto IT, i notevoli cambiamenti organizzativi che ne sono derivati hanno reso imprescinbile la conoscenza del cloud interno. Sulle prime, sostiene Philipoom, il suo scorso sulla rivoluzione industriale e sul passaggio dell'it dalla manualità totale a una "catena montaggio" a molti non è piaciuto. "La chiave del cloud non è la tecnologia, ma la trasformazione dei processi" sostiene Philipoom. "Di conseguenza, porta con sé una quantità ramificazioni tipo politico e organizzativo". Trazionalmente, i membri del team IT Raymond James, inclusi sviluppatori software, architetti IT, amministratori sistema ed esperti infrastruttura, tenevano una serie riunioni all'avvio ogni nuovo progetto. Il

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client

Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client Manuale di sopravvivenza per CIO: convergenza di collaborazione, cloud e client I CIO più esperti possono sfruttare le tecnologie di oggi per formare interi che sono più grandi della somma delle parti.

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY

GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY GUIDA ALLE BEST PRACTICE PER MOBILE DEVICE MANAGEMENT E MOBILE SECURITY Con Kaspersky, adesso è possibile. www.kaspersky.it/business Be Ready for What's Next SOMMARIO Pagina 1. APERTI 24 ORE SU 24...2

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Introduzione. Report sullo studio. Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha Hiten Sethi

Introduzione. Report sullo studio. Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha Hiten Sethi L'Impatto del cloud sui modelli di utilizzo dell'it Conclusioni dello studio condotto da Cisco e Intel su 4.226 leader IT di 18 settori in 9 mercati di riferimento Joseph Bradley James Macaulay Andy Noronha

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1

Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 White paper Citrix XenDesktop rende più facile la migrazione a Windows 7/8.1 Di Mark Bowker, analista senior Ottobre 2013 Il presente white paper di ESG è stato commissionato da Citrix ed è distribuito

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi

Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Cloud computing Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi Schede di documentazione www.garanteprivacy.it Cloud computing: indicazioni per l utilizzo consapevole dei servizi INDICE

Dettagli

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY

CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY CLOUD COMPUTING MADE IN ITALY L evoluzione dell IT attraverso il Cloud White Paper per www.netalia.it Marzo 2015 SIRMI assicura che la presente indagine è stata effettuata con la massima cura e con tutta

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi

Analisi per tutti. Panoramica. Considerazioni principali. Business Analytics Scheda tecnica. Software per analisi Analisi per tutti Considerazioni principali Soddisfare le esigenze di una vasta gamma di utenti con analisi semplici e avanzate Coinvolgere le persone giuste nei processi decisionali Consentire l'analisi

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE RACCOMANDAZIONI E PROPOSTE SULL UTILIZZO DEL CLOUD COMPUTING NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Versione 2.0 del 28 giugno 2012 Sommario Premessa... 3 Contesto... 3 Obiettivi... 3 Destinatari... 3 Prossimi

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare

cio & cloud: i casi di successo, i benefici e i miti da sfatare maggio 2014 E giunto il momento di allontanare per sempre l idea che la Nuvola possa identificarsi unicamente come un collage di soluzioni e servizi IT standard o commodity. Un sempre maggior numero di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Servizi di supporto Enterprise Symantec: Manuale per Essential Support e Basic Maintenance

Servizi di supporto Enterprise Symantec: Manuale per Essential Support e Basic Maintenance Servizi di supporto Enterprise Symantec: Manuale per Essential Support e Basic Maintenance Manuale dei servizi di supporto Enterprise Symantec per Essential Support e Basic Maintenance Note legali Copyright

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

rischi del cloud computing

rischi del cloud computing rischi del cloud computing maurizio pizzonia dipartimento di informatica e automazione università degli studi roma tre 1 due tipologie di rischi rischi legati alla sicurezza informatica vulnerabilità affidabilità

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

DESIGNA Portfolio. italiano

DESIGNA Portfolio. italiano DESIGNA Portfolio italiano ///02/03 Stefan Ille CTO DESIGNA Dr. Thomas Waibel CEO DESIGNA Intro Un futuro con radici profonde. Saper cambiare modo di pensare. Saper cambiare modo di operare. Continuando

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati?

Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? Articolo pubblicato sul numero di febbraio 2010 di La rivista del business ad alte performance Information Technology Quanto sono al sicuro i vostri dati riservati? di Alastair MacWillson L'approccio aziendale

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer

TeamViewer introduce l applicazione per Outlook. Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Press Release TeamViewer introduce l applicazione per Outlook Il collegamento diretto con i contatti di Outlook è ora possibile grazie a TeamViewer Goeppingen, Germania, 28 aprile 2015 TeamViewer, uno

Dettagli

La piattaforma IBM Cognos

La piattaforma IBM Cognos La piattaforma IBM Cognos Fornire informazioni complete, coerenti e puntuali a tutti gli utenti, con una soluzione economicamente scalabile Caratteristiche principali Accedere a tutte le informazioni in

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio.

+Strofina & annusa. tecnologie informatiche l business l innovazione l design l. www.digitalic.it. Smaltimento e riciclaggio. www.digitalic.it tecnologie informatiche l business l innovazione l design l Smaltimento e riciclaggio Power Management Data Center Green Tec h +Strofina & annusa DOSSIER GREEN DATA CENTER l TUTTO È GREEN.

Dettagli

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014

La comunicazione multicanale per il Customer Management efficace. Milano, Settembre 2014 Milano, Settembre 2014 la nostra promessa Dialogare con centinaia, migliaia o milioni di persone. Una per una, interattivamente. 10/1/2014 2 la nostra expertise YourVoice è il principale operatore italiano

Dettagli

DIVENTA UN PERFETTO DECISION-MAKER

DIVENTA UN PERFETTO DECISION-MAKER 2012 NUMERO 16 SOLUZIONI PER IL TUO BUSINESS IN PRIMO PIANO PRENDI LA DECISIONE GIUSTA Assumi il controllo dei tuoi dati UN NUOVO SGUARDO AI DATI ANALITICI Trasforma le informazioni sul tuo business MAGGIORE

Dettagli

Report di The Economist Intelligence Unit. Il CIO strategico. Rischi, opportunità e risultati. Sponsorizzato da

Report di The Economist Intelligence Unit. Il CIO strategico. Rischi, opportunità e risultati. Sponsorizzato da Report di The Economist Intelligence Unit Il CIO strategico Rischi, opportunità e risultati Sponsorizzato da Sommario Informazioni sul report 2 Executive Summary Introduzione 5 Il CIO strategico: un ruolo

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli