MICROCOPY RESOLUTION TEST CHART

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MICROCOPY RESOLUTION TEST CHART"

Transcript

1 MICROCOPY RESOLUTION TEST CHART NATIONAL IUREAU OF STANOAtOS-i*63

2 Comitto Nzionle Energi Nuclere Sull composizione ell sbbi e ell'rgill el CRN ell Trisi e sulle loro proprietà i ssorbimento i lcuni prootti i issione Rpporto N. 2 G. CASSANO, G. LENZl, A. MARZOCCHI Il rpporto N 1 er intitolto «Ingine preliminre su lcuni tipi litologici el CRN ell Trisi in reiezione lle possibilità i contminzione riottiv elle le cquiere». Il presente rpporto, pertnto, è l prosecuzione el preceente, nche se con titolo iverso. CrtéH- RT/PROT(70)5

3 Comitto Nzionle Energi Nuclere Sull composizione ell sbbi e ell'rgill el CRN ell Trisi e sulle loro proprietà i ssorbimento i lcuni prootti i issione Rpporto N. 2 G. CASSANO, C. LENZI, A. MARZOCCHI Il rpporto N 1 er intitolto «Ingine preliminre su lcuni tipi litologici el CRN ell Trisi in relzione lle possibilità i contminzione riottiv elle le cquiere». Il presente rpporto, pertnto, è l prosecuzione el preceente, nche se con titolo iverso. RT/PROT(70)5

4 INDICE 1. INTRODUZIONE p Testo pervenuto il 4 mrzo GENERALITÀ' SULL'AMBIENTE» 3. PARTE SPERIMENTALE» 3.1 COMPOSIZIONE DELLA SABBIA.» COMPOSIZIONE MINERALOGICA DELLA SABBIA #.. # it COMPOSIZIONE DELLA PARTE ARGILLOSA CONT ENUTA NELLA SABBIA» COMPOSIZIONE DELL'ARGILLA DI FONDO " 3.2 STUDIO DELL'INFLUENZA DEGLI IONI ESTRANEI SULL'ASSORBIMENTO DI Cs E Sr NEI TIPI LITO LOGICI CONSIDERATI " 3. 3 STUDIO DELL'INFLUENZA DEL ph SULLO ASSORBIMENTO DI Cs E Sr NEI TIPI LITOLO GICI CONSIDERATI " 4. CONCLUSIONI " BIBLIOGRAFIA» ^ii-i x."s^~ ' ^T umut *** «.*» ««, ut n».»*^ &/iù\ '-'C!->»> - ijmm^m «È

5 1 1. INTRODUZIONE E 1 noto ornni lungo tempo, come uno ei problemi connessi con l'instllzione, in un certo sito, i un impinto nuclere, è quello ell possibile contminzione ell'mbiente circostnte prte i rionuclii rilsciti si in conizioni i normle unzionmento, si nel cso i un inciente. Vi sono ei criteri che possono, in prtic, grntire l sicurezz ell'mbiente prte ell riottività; tli criteri coinvolgono iverse iscipline, quli l geogri, l emogri, l geologi, l sismologi, l chimic, l ocenogri, quést ultim soprttutto quno un impinto nuclere, come quello el PCUT el CNEN, nell loclità oggetto el nostro stuio, gice in vicinnz el mre, l'ingegneri snitri ecc. (l) (2) (3). Nell vlutzione ei rischi i contminzione ell'mbiente, in seguito inciente, però, non è possibile eterminre in moo ssoluto e completo, priori, tutte le componenti che possono re luogo un contminzione nell'interno o l i uori el Centro in questione. Intti, nell scelt i un sito per l costruzione i un impinto nuclere bisogn tenere conto i un certo compromesso r tutti i criteri che ovrebbero grntire l sicurezz contro i pericoli ell riottività, si che ess veng contenut, si che si ion nell bioser sotto orm gssos o liqui. opportuno, quini, conoscere, reltivmente i pr oblemi geologici posti i cso in cso (quli esempio, quelli i cui ci interessimo) se i terreni su cui sorge un impinto possono o no vere l'bilità i ssorbire uno o più rionuclii, sotto eterminte conizioni, in qunto, nel cso i un inebito rilscio i liquii contminti verso l'mbiente esterno, il terreno si present come il primo e nturle recpito i tli prootti. Or, in lcune zone el Centro ell Trisi verrnno sepolti ei riiuti riottivi solii i bss ttività entro trincee ppositmente scvte, mentre in ltre zone verrnno sepolti ei riiuti solii i mei e lt ttività costituiti lle cmice elle brre i combustibile, pezzi i mcchine elle celle cle contminte ecc. ecc. ; in ppositi serbtoi i cciio inox, sistemti in cmere blinte e interrte vri metri i proonità verrnno, poi, immessi i liquii ltissim ttività provenienti l riprocessmento elle brre i combustibile, in ttes che, in un prossimo uturo, possno E 1

6 2 3 venire soliiicti ttrverso opportuni proceimenti. Pertnto bbimo creuto opportuno conoscere in ettglio l composizione e le proprietà ei mterili litoii che compongono il sottosuolo nei punti critici, l ine i spere se tli rocce sono in gro i trttenere eterminti rionuclii qulor questi venissero riversrsi nell'mbiente geologico e, quini, successivmente, trmite le cque circolnti el sottosuolo, nelle cque supericili. I criteri usre per tle scopo sono iversi e si possono rissumere nei seguenti: (4) 1) Conoscenz elle crtteristiche ell'cquiero (livello retico più o meno proono, coeiciente i permebilità, porosità, irezione e velocità ell l cquier, gro i essurzione, eventule presenz i glie ecc.) 2) Conoscenz ell composizione chimic e minerlogic elle rocce interesste, el loro gro i lterzione, i grnulometri ecc. 3) Conoscenz elle proprietà isi co-chimi che i tli rocce, sotto einite conizioni sperimentli, il che ipene si' li loro composizione minerlogic, si i ctioni in questione e l gro i ciità elle soluzioni. Trlscino, per il momento, il primo punto per il qule srnno necessri più pprooniti esmi sul sito, bbimo voluto, per il momento, in vi preliminre, limitrci llo stuio ell composizione e ell bilità i ssorbimento ei terreni che ovrnno essere in conttto con i riiuti solii. Per or sono stti esminti lcuni cmpioni provenienti ll oss estint ccogliere i riiuti i me i e lt ttività riservnoci, poi, i estenere le nlisi ltri cmpioni ' rccolti in zone ugulmente interesste l seppellimento i riiuti solii. GENERALITÀ' SULL'AMBIENTE Il Centro Ricerche Nucleri (CRN) el CNEN ell Trisi è situto in provinci i Mter, sull estr el iume Sinni, pochi chilometri i istnz l mre Ionio; esso occup un're i 200 h. su i un terrzzo mrino monte ell sttle Ionic n # 106; il rilievo geologico eseguito nei intorni, h permesso i ricostruire l serie ei terreni come ppresso speciicte: ) Olocene (quternrio recente); lluvioni recenti, epositi luvili, limi e sbbie, con livelli i ghii specilmente lungo i corsi 'cqu principli. b) Pleistocene 1) Terrzzi mrini con sbbie grossolne ocrcee tlvolt ebolmente rgillose, e con lenti i rgill e ghii ll bse, e conglomerto più o meno cementto elementi grossolni, tlvolt con pnchin l tetto ell ormzione. 2) Argille mmose-grigio-zzurre, spesso gillstre per lterzione supericile e crboniose. Sotto quest serie, i songgi eseguiti ll'agip, hnno messo in luce un potente ormzione llocton rgillos, sotto l qule, sembr che si trovi ncor un ormzione pliocenic e irittur quternri (5). Non bbimo voluto entrre nel merito tle questione e pertnto bbimo riportto l serie rilevt secono l tzione uicile ell Crt Geologic. Al tetto i tutt l serie c'è uno strto i terreno grrio con potenz oscillnte intorno i 1 +2 metri, tlvolt che i più. L bse elle sbbie pleistoceniche costituisce un copioso cquiero, con circolzione i cqu bbstnz elevt, soprttutto nell stgione umi, che potrebbe re luogo spontnee uscite 'cqu lungo l scrpt no e #JP**** ove il penio topogrico tglilo strto cquiero* cstone generle ei Sxto è inict : jmgc. mentre in Tig. ** Z ytmm #&*&&.*&&: strtctti e i i.«r & %èm?%. ><** '/ * " - J V. T - %

7 4 5 PARTE SPERIMENTALE Sono stti presi in consierzione, per or, ei cmpioni i sbbie e i rgille, in qunto le prime sono see ell'cquiero e le secone rppresentno l supericie i scorrimento ello stesso. Tli tipi litologici, per l loro ntur, sono più importnti ell ormzione ciottolos sovrstnte (conglomerto) in qunto quest'ultimo per le crtteristiche ell prte cementnte, h un comportmento isico-chimico nlogo quello elle sbbie: inoltre le sbbie e le rgille sono quei mterili che controllno tutto il movimento ei rionuelii nel terreno (13) (14). 1 COMPOSIZIONE DELLA SABBIA E 1 stt conott un'nlisi grnulometric preliminre sull sbbi che h to i risultti espressi nell tbell n # 1 e sul grico i Fig. n 4 è riportto l'nmento crtteristico ell grnulometri. Successivmente è stt prelevt l prte rgillos ell sbbi un cmpione i 100 grmmi, opportunmente essiccto, meinte ecntzioni successive in un beker ino l momento-in cui l sbbi non er più in gro i re luogo un torbi quno veniv gitt in cqu. L sospensione i torbi è stt centriugt e opportunmente essicct, ini pest: è risultt essere, quini, circ il 4 + 5% el totle. Successivmente è stt sottopost nlisi rggi X per conoscerne i componenti minerlogici. L sbbi è stt, opo essicczione, pest e sottopost l trttmento con i liquii pesnti in moo seprrne i costituenti essenzili, che, in seguito, sono stti sottoposti un ingine rggi X per conoscerne l ntur. I risultti elle seprzioni con i liquii pesnti sono espressi nell tbell n 2. TABELLA N* 2 Percentuli ei minerli vrie ensità nell sbbi ell Trisi TABELLA I Grnulometri crtteristic ell sbbi ell Trisi. Densità > 3,17 Quntità in % (peso) 0, 30 i cui circ 0 1 % Mgnetite Mesh Dimetro ei grnuli in mm. % + 1% 3, , 97 0, pssnte 400 >1,00 1,00-0,595 0, 595-0, 297 0,297-0,210 0,210-0, 149 0,149-0,105 0,105-0,074 0, 074-0, 053 0,053-0,037 < 0, ,97 + 2,83 2,83 + 2,60 2,60 + 2,53 2,53+1,94 <1,94 Totle mm mm 9,00 53,00 31,40 6,00 0,00 9*, SO «Mn mrm i cui il 45% i qurzo e plgioclsio e 1! 8% i CCQ 3 mtmmmmm^mmmmmmttm»mimm0mm^m''*»*i^'* p««wmpmm*n '4i > totle 100

8 ^mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm I COMPOSIZIONE MINERALOG1 CA DELLA SABBIA Sulle principli rzioni seprte con i liquii pesnti è stt tt l'nlisi rggi X per conoscere i costituenti minerlogici essenzili e l ntur ell prte rgillos cementnte. Sono stti tti i irttogrnimi, nche per le rzioni con ensità mggiore i 2,97 che hnno to egli spettri rieribili un termine ei pirosseni e/o egli niboli, m, t l loro scrs quntità rispetto l totle ell mss, non creimo utile soermrci su i essi. D'ltr prte è noto (6) (7) che l loro bilità i ssorbimento i certi rionuclie è qusi el tutto null, mentre, l contrrio, i minerli i tipo rgilloso e/o micceo hnno un certo ruolo nell isico-chimic ell'ssorbimento ei ctioni riottivi nel sottosuolo (8) (9) (10). L rzione ensità compres r 2, , 97, inoltre, è stt sottopost nche ll'esme ottico l microscopio polrizztore per ulteriore precisione; ess è intti costituit grnelli o scgliette, i colore vere scuro, vere cupo, lucenti, visibili nche occhio nuo, che nno pensre, prim vist, minerli i tipo micceo. All'ingine ottic si notno minerli con slture, nette e ini e con un serie i crtteri tli che nno pensre trttrsi i un minerle el gruppo ell clorite o ell vermiculite (il). Sono stti notti, poi, ltri minerli le cui crtteristiche ottiche ci inucono ritenere che si trtti i mic muscovite. Queste ttribuzioni hnno trovto conerm, poi, nell successiv ingine rggi X come iremo più vnti. Nell rzione i ensità compres r 2, 83 e 2,60, poi, sono stti istrutti i crbonti meinte HC1 IN, i quli, per ierenz i pest sono risultti circ il 7 8% el totle. Le nlisi rggi X eono stte tte con cmer DEBYE-Scherrer 114,6 mm i imetro e rizione CurUCper le rzioni i ensità 2, 83 e con rizione FeK* o CrKAper quelle superiori Z, 83 più ricche in erro. Fr i minerli presenti nell sbbi sono stti riconosciuti il qurzo e un plgioclgio cio i tipo lbite? nelle rzioni più leggere unitmente l crbonto i clcio sotto orm i clcite, preceen- temente trovto per vi chimic nell rzione i ensità 2, , 83, mentre nelle rzioni più pesnti sono presenti minerli el tipo ell muscovite e vermiculite. Più prticolreggitmente si espongono sull tbell N* 3 i*risultti con i minerli i conronto COMPOSIZIONE DELLA PARTE ARGILLOSA CON TENUTA NELLA SABBIA Come preceentemente etto, l sbbi ocrce contiene un cert quntità, si pure minim, i mterile rgilloso, sotto orm i polvere inissim che è stt seprt per ecntzioni successive. Tle prte è stt sottopost inoltre successive seprzioni con le quli si sono ottenute vrie rzioni come ppresso speciicto: 1) mterile tl qule 2) mterile tl qule pssnte l setccio i 400 Mesh 3) sospensione nel seprtore i Anresen r 0 e 10 cm òpo 12 ore e opo 24 ore 4) sospensione nel seprtore i Anre sen r 10 e 20 cm opo 12 ore e opo 24 ore. Tli rzioni sono stte sottoposte ll'nlisi rggi X. Il mterile I) e 2) h, to egli spettri perettmente uguli. Il mterile 3) e 4) h to egli spettri in grn prte simili quelli 1) e 2) con in più lcune leggerissime ierenze ovute ll'rricchimento in minerli * rgillosi, vvenuto in ette rzioni. Sono riconoscibili in etti spettri le righe el qurzo, i un minerle rgilloso i tipo illitico, ell clcite e, molto probbilmente ell Vermiculite, nche se in trcce qunto, mi minime. Si riport, comunque, nell tbell n 4 lo spettro ei mterili in questione, con i cor risponenti minerli i ttribuzione. Senz volerci entrre in prticolri che, in questo lvorò, non srebbero el tutto utiu i nostri ini/iremo solo che, osservno l preseti* tbèll, può sorgere il ubbio se l ri 14,3 A 4jr^ÉJMt» r t }Z V *W* : ^Wmmmt ;* ' : '-.^em? mm% < -.' v < i.i' yrjm

9 . 8 9 Vernicui ite A ,10 l/l 0 Muscovite i 9, "è ensità 2 É,97e 2,B3 i 14, ,08 4,97 l/l. TABELLA N* 3 Prte ensità 2,83e-2,60 Z I/i. Prte ensità 2,60M- 2,53 i l/l. Qurzo i l/l. Plgioclsio ci Ibi te l/l. TABELLA N* 4 Coposizione ell prt rgillos ell sbbi ll Trisi Mterile pssnte 400 Mesh e non psnte 400 Mesh Mterile risto in sospensione nel seprtore i Anresen r 10 e 20 c r 0 10 e opo 12 e 24 h A I/Io Minerle i ttribuzione A l/io Minerle i ttribuzione 4,75 3,75 3,51 3,42 2,81 2,74 2,63 2,006 1,53 i 4,47 4,30 3,87 3,75 3,44 3,32 3,22 2,99 2,86 2,77 I' 58 2,56 2,45 2,38 2,34 2,19 2,13 1,99 1,66 1,60 1,55 1,50 I 4,75 4,45 4,27 3.R6 j 3,75 ; 3.51 ; 3,33 : 3,20 : 3,02 : 2,88! 2,82 2,70 ; 2,58 2,56 2,45 2,39 2, ,660 1,60 1,546 r ' I» 4,26 4,01 i 3,79 3,65 3,33 ; 3,19 * 2,94 2,65 2,56, i 2,45 ; 2,28 2,23 2,18 : 2,12 ; 1,97 1,81 1,72 1,66 1,60 1,54 M5 i \>& 1*38 1,375 1,287 1,256 I M 4,26) 4,0l i i j 3,70J! i 3,33j 3,20 i : 2,57 2,459 2,28 2,24 2,13 1,97 1,82 1,67 1,54. 1, ,376 m 1,289 1,258 I 4,26 3,34 2,458; 2,28 2,237: 2,128; 1,él7! i 1,67[ 1,60j I 1,541! 1,45! 1.418! t.3b 1,375 j 1,288 1,254 i I " ' 4,05 3,80 3,66 2,96-2,65 2,56 2,44 2,32 2,18 2,13 1,99 1,83 1,73 lj67 1,58 1,54 1,46 1,38 1,27 m 9,9 7,18 4,45 4,26 3,88 3,34 3,03 2,57 2,48 2,40 2,28 2,14 2,09 1,98 1,92 1,88 ì,82 1,60 1,54 1,50 1,42 1,38 1,29 1,08 m Ver»Icui ite (?) Qurzo + Clcite Qurzo Clcite Clcite Qurzo Clcite Qurzo Clcit Qurzo Clcit Clcite Qurzo Clcite Qurzo Qurzo Qurzo Qurzo Qurzo 14,3 10,1 7,2 4,47 3,88 3,36 3,03 2,62 2,56 2,49 2,41 2,28 2,09 2,00 1,98 1,87 1,60 1,54 1,50! m Vernicui ite (?) Verniculi te (?) Clcit Clcit Clcit Qurzo Clcite Clcit Clit Clcite Clcit VereicwlIte (?) Illlt

10 10 11 ttribuit ll vermiculite o ll Clorite. Ci sembr comunque che l rig in questione, insieme vrie ltre consierzioni, poss ttribuirsi ll vermiculite poiché l Clorite h nche un rig 4, 79 A i intensità ortissim, che nel nostro spettro non compre, mentre l Vermiculite h tle rig con intensità ebolissim; pertnto ci sembr più opportuno, sull bse i tli consierzioni, propenere verso l presenz i Vermiculite piuttosto che i Clorite. Per queste e ltre prticolrità srà etto, eventulmente, in un successivo lvoro. Le ttribuzioni i cui sopr, l punto i vist qulittivo, trovno conerm nelle preceenti nlisi ell sbbi più grossoln, nell qule sono stti trovti, r i minerli più inictivi, il qurzo, il plgicls io cio i tipo lbitico, l vermiculite e un mic i tipo muscovitico. L'intensità elle righe, poi, ci pensre che tli minerli sino qunto mi scrsi in quest prte rgillos e ciò è in ccoro con qunto trovto si ll'nlisi grnulometric, si con l seprzione mezzo liquii pesnti COMPOSI2IQNE DEL L'ARGILLA DI FONDO (PLEISTOCENICA) Su i un cmpione ell'rgill i ono el pozzo estinto rccogliere i riiuti solii i lt ttività sono stte conotte elle ingini preliminri per conoscerne l ntur. Dopo opportun essicczione 105 *C in stu, mcinzione, rimozione i vrie impurezze i tipo orgnico (resiui crboniosi, resti i orgnismi ecc. ) e i tipo inorgnico (ciottoletti e minerletti provenienti gli strti superiori ecc.) e ltri ccorgimenti, si è tt l irttometri i cui risultti sono espressi nell tbell n 5. Sospensione compres r 0+10 cm opo 170 h (400 Mesh) o A 14,0 10,0 7, 18 4,45 4,24 3,86 3,33 3,19 3,02 2,56 2,48 2,46 2,279 2,24 2,09 2,02 1,91 1,87 1,81 1,608 I/Io m m m m TABELLA N*5 Spettri ell'rgill i bse el pozzo Minerle i ttribuzione Vermiculite mite Vermiculite Ulite mite Qurzo Clcite + Illite mite + Qurzo Ulite Clcite Illite Clcite + mite Qurzo Elite Clcite + Qurzo Qurzo Clcite Qurzo + Ulite Clcite Clcite Qurzo Qurzo Sospensione r cm opo 170 h pssnte 400 Mesh A 10,1 7,18 4,48 4,30 3,34 3,03 2,57 2,49. 2,39 2,28 2, 09 1,98 1,91 1,87 1,81 I/Io s i m

11 12 13 Anche per ciò che si rierisce i risultti ell preceente tbell ci sembr i poter ire, pur non entrno nei prticolri i ntur minerlogic che esulno l nostro compito, e per i quli occorrerebbe un completo e lungo lvoro prte, e ne l ormzione rgillos i bse su cui poggi l serie sbbios e congiomertic è costituit un mescolnz i qurzo, clcite e un minerle rgilloso scrivibile ll illite, con trcce ininitesime probbilmente i vermiculite. L curv termoierenzile ottenut sul mterile essiccto e pssnte l vglio 400 Mesh opo sospensione nel seprtore i Anresen conermerebbe l'ttribuzione i cui sopr, come può veersi ll Fig. no.5 che mostr i tre picchi enotermici ell illite con stnr i conronto (12). 3.2 STUDIO DELL'INFLUENZA DEGLI IONI ESTRANEI SULL'ASSORBIMENTO DI Cs e Sr NEI TIPI LITOLO GICI CONSIDERATI Si è nche voluto stuire l'inluenz ei ctioni estrnei sull'ssorbimento ei rionuclii nei tipi litologici quli le sbbie e le rgille. Le vrie rzioni vri ensità, seprte con i liquii pesnti provenienti l cmpione i sbbi sono stte me^se in equilibrio con soluzioni i Cesio, Stronzio e Cerio bss concentrzione (10"^ N) nelle quli er presente lo ione N + concentrzioni più lte e ph neutro. Ogni rzione, costituit minerli venti un cert ensità è stt ivis in ue prti un elle quli è rimst tl qule, l'ltr è stt mcint ino 400 Mesh l ine i osservre elle eventuli ierenze i comportmento. In reltà non si è vut ierenz pprezzbile r le ue prti tnto che nell tbell n* 6 viene riportt soltnto un sol colonn con il vlore meio. Per le rgille gli esperimenti sull'inluenz egli ioni estrnei sono stti conotti sull rzione pssnte 400 Mesh, cioè sull prte più "ttiv" ell mss rgillos. Qunto lle sbbie si può osservre un cert preerenz ei mterili in questione ssorbire lo stronzio nche in presenz i lte concentrzioni i N + j m nel cso che osse presente lo ione C ++ ci ovremmo spettre uns- sorbimento molto minore inluenzto solo ll cpcità i scmbio el mterile. Come enomeno generle si può osservre che l'ssorbimento ument qunto più l grnulometri è ine (cso, questo, non contemplto in tbell, perchè non ortemente signiictivo, rispetto l mterile tl qule) e qunto minore è l ensità ei costituenti, poiché ciò è in relzione irett con l presenz i componenti rgillosi. L'inluenz i ioni estrnei intererisce negtivmente sull'ssorbimento e ciò è in ccoro con i risultti già molte volte ottenuti ltri Autori (7) (8); tle inluenz cominci essere importnte in concentrzione superiore IO' 2 N i N +. Nell sbbi i K per il Cerio, reltivmente grni sono custi, molto probbilmente, llo "ssorbimento" el rionuclie combinto con l precipitzione ello irossio i Cerio. Nell tbell n 6 vengono espressi i risultti rissuntivi ottenuti sui costituenti ell sbbi in unzione ell sol concentrzione ello ione N. Per ciò che rigur l'rgill, si può osservre che l più grne inluenz sull'ssorbimento el Cesio è stt cust llo ione K +, to che tle ione h un somiglinz chimic con il Cesio per qunto rigur le imensioni el rggio ello ione irtto. Invece, l'inluenz egli ltri ioni, come N +, Mg ++, e C ++ non è così orte inluenzre negtivmente l'ssorbimento el Cesio nche in presenz i orti concentrzioni i tli ioni come si può osservre ll tbell n* 7. Completmento ivèrso è, invece, il comportmento ell stess rgill nei riguri ell'ssorbimento ello Stronzio in competizione con elementi lclini e lclino-terrosi (tbell n* 7 bis). Qui l più grne inluenz sull'ssorbimento i Sr, come el resto er ttenersi, è ovut llo ione C ++, t l su orte somiglinz chimic con lo Sr ++, già concentrzioni meie i IO" 2 N. Fortissimmente negtiv è, poi, l'inluenz el C+ e el Mg lte concentrzioni ( 10- * N e 0,5 N). A prità i conizioni, inoltre, lo ione N* è quello che inluisce meno i tutti gli ltri sull'ssorbimento el Os e ello Sr per lo meno ino concentrzioni i 10 r * H.

12 14 15 TABELLA N* 6 K (ml/gr) in unzione ell concentrzione i N ev* sbbi ell Trisi sui costituenti TABELLA N* 7 K (ml/gr) (Cs) nell'rgill ell Trisi in unzione ell concentrzione i ioni estrnei Costituenti ell sbbi ensità vri 2,83+ 2,60 Concentrzione ello ione N ph 7 10" 3 N 60 10" 2 N 55 10~*N 25 0, 5 N N,. Concentrzione Ione ^^v^^ estrneo ^*-*w^ K (ml/gr) per Cesio 10' 3 N IO" 2 N IO" 1 N 5. IO" 1 N K(Cs) 2,60+ 2,53 2,53+ 1, K K(Ce) 2,83+ 2,60 2,60+ 2, N + ++ Mg IH , , C ,83+ 2, K(Sr) 2,60+ 2, ,53+ 1,

13 16 17 TABELLA N 7 BIS K (ml/gr) (Sr) nell'rgill ell Trisi in unzione ell concentrzione i ioni estrnei. ^Concentrzione N. Ione >v Estrneo X. + K N + ++ Mg K (per Stronzio) (ml/gr) IO" 3 N IO" N.- IO" N 5.10' ! N - STUDIO DELL'INFLUENZA DEL ph SULL'ASSORBIMENTO DI CESIO E STRONZIO NEI TIPI LITOLOGICI CONSIDE RATI Anlogmente qunto tto per gli ioni estrnei, è stt stuit l'inluenz el ph sull'bilità i ssorbimento el Cesio e ello Stronzio prte ei ue tipi litologici più importnti, cioè l sbbi e l'rgill i ono. Gli esperimenti sono stti conotti con l stess tecnic prim escritt, metteno in equilibrio i cmpioni i terreno con soluzioni i "Moel Wter" 25*F i urezz e ph mn mno iverso; le soluzioni sono stte ciiicte con HO e lclinizzte con NH.OH, Si è ottenuto - come, el resto, er spettrsi - che i K(Sr) sono notevolmente minori ei K(Cs) nell sbbi, prità i ph, mentre per l'rgill i K(Sr) sono mggiori i quelli ottenuti sull sbbi, pur mntenenosi quntittivmente ineriori i K(Cs). Il minore ssorbimento si h in corrisponenz i ph ortemente cii o ortemente lclini, mentre r ph=4 e ph=8 si h un K prticmente costnte. Nell tbell n* 8 seguente vengono ti i vlori ottenuti l vrire el ph sui cmpioni in esme (r prentesi le rispettive rimozioni percentuli). ++ C Tli vlori, comunque, pur non poteno essere pplicti ll letter, un rele situzione esistente nel terreno* 1 ; sono ssi inictivi, poiché ci orniscono un orine i grn* ezz nell vlutzione el enomeno ell migrzione ei ctioni riottivi nel sottosuolo. Intti un soluzione, per es. ph=2 che penetri nel terreno non sì mntiene tle ph per lungo tempo e per lungo trtto, poiché ess si mescol con le cque sotterrnee ell zon sturt, rggiungeno un certo equilibrio che tene verso l neutrlità, to che il ph ell l retic.eli Trisi ti mntiene sul vlore i 7 circ (solo leggermente spostto verso l lclinità) come risult vrie misure già eettute.

14 18 19 TABELLA N * 8 K(ml/gr) per Cs e Sr nell sbbi e nell'rgill ell Trisi in unzione el ph ell soluzione Sbbi Trisi Argill non pssnte 400 Mesh Argill pssnte 400 Mesh K(Sr) K(Cs) K(Sr) K(Cs) K(Sr) K(Cs) ph=2 15 (13,2) 285 (74, 0) 200 (66, 7) 539 (84, 3) 248 (571,3) 588 (85, 5) ph=4 34 (25, 3) 574 (85,1) 242 (70, 7) 673 (87,6) 310 (75,6) 800 (88,9) ph=6 36 (26,6) 460 (82,1) 250 (71,4) 577 (85, 2) 320 (76, 2) 706 (87,6) ph=8 33 (25, 0) 444 (81,6) 244 (70, 9) 569 (85, 0) 313 (75,8) 705. (87,6) ph=10 22 (18,0) 132 (56, 9) 129 (56, 3) 634 (86, 3) 184 (64, 8) 343 (77,4) CONCLUSIONI D tutto qunto precee possono trrsi le seguenti conclusioni: 1) L sbbi ell Trisi è i tipo bbstnz cio esseno compost, in grne mggiornz, qurzo, pigioclsio lbitico, clcite e, in ssi minor quntità, minerli pesnti, come le miche e i pirosseni, con qulche rro nibolo; un piccol prte i tipo rgilloso è, invece, compost illite, sempre con trcce i clcite e, probbilmente, trcce minime i vermiculite. Circ il 73% ell sbbi è ormto grnuli compresi r 70 e 140 Mesh, cioè con imensioni i 0, , 105 millimetri i imetro. 2) L'rgill i bse è costituit un miscel i mterile orgnico e inorgnico: l prte orgnic è ell'orine el %, mentre l restnte prte inorgnic è costituit in grn prte mterile moro e minerli i tipo illitico con notevoli quntità i ccessori quli il qurzo e l clcite, con minime trcce i vermiculite. 3) Lo stuio ell'inluenz egli ioni estrnei e ei vri costituenti minerlogici nell sbbi, h mostrto che i minerli più leggeri ( ensità minore i 2, 6 2, 5) sono quelli che mggiormente trttengono i ctioni in questione e che l'inluenz ell concentrzione egli ioni estrnei si bbstnz sensibile prtire concentrzioni i 10 N. I minerli pesnti, in prtic, pur presentno ei K molto bssi, non potrnno re lcun inluenz negtiv sull'ssorbimento ei nuclii consierti, to che, nell sbbi, essi sono presenti per circ il 9%. Il Cesio quini, può essere trttenuto nche in presenz i Soio, o i clcio, in ebole concentrzione ll prte minerle legger (intti ess costituisce l grne mggiornz ell sbbi), mentre tle prte h tenènz trttenere lo Stronzio nche in pr e senz i lte concentrzioni i Soio, L presenz i clcio, invece, come si rilev esperienze già conotte e in lettertur (4) (7) è controproucente tl ine.

15 20 21 Il Cerio è trttenuto molto bene ll sbbi, tto, questo el resto plusibile, - e l punto i vist ell sicurezz, vorevole - cus ell precipitzione ell'irossio. Per qunto ttiene ll grnulometri, poi, non si è nott un ierenz sostnzile, r le vrie rzioni ensità ivers, nell'ssorbimento el Cerio, el Cesio e ello Stronzio, si soli che in presenz i ioni estrnei. Pertnto le proprietà i "ssorbimento" ei prootti i issione prte ell sbbi sono te, per l grn prte, lle prticelle el imetro compreso tr 0, 210 e 0, 105 mm, e in più, ll piccol prte i tipo rgilloso (circ 4% -«-5% el totle) costituit minerli strti i tipo micceo (illite, clorite, vermiculite) presenti nell sbbi come prte el cemento stesso. 8) N + C ++ Mg ++ IO" 1 N 10" 2 N 10" 2 N N 1 " IO -2 C 10 Mg ++ io" 3 L» "optimum" i ssorbimento el Cesio e *1i«Q. N N N L'ssorbimento el Cesio prte ell'rgill in presenz i vri ctioni estrnei è prticmente inluenzto solo l 2 ++ potssio già in concentrzione i 10 N, mentre il C e il Mg prticmente inluenzno tle ssorbimento nello stesso moo, comincino inluire negtivmente solo in concentrzioni superiori IO" 1 N, Il N, inine, è il ctione che, nell'rgill consiert, inluenz in moo reltivmente minore egli ltri ctióni, l'ssorbimento el Cesio, L'ssorbimento ello Stronzio prte ell'rgill in presenz i vri ctioni estrnei è prticmente inluenzto, come è plusibile, l Mgnesio e l Clcio, già in concentrzioni i 10"^ N, mentre il potssio inluenz tle ssorbimento in prtic, prtire orti concentrzioni i 10~* N, Anche in questo cso il N è il ctione che. inluenz meno i tutti gli ltri, il meccnismo i ssorbimento ello Stronzio. Teoricmente, quini, voleno "trccire un limite i sicurezz ccettbile" per l'ssorbìmento i Cs e Sr TT prte ell'rgill non si ovrebbero vere elle soluzioni che presentno concentrzioni ioniche superiori quelle ppresso speciicte: + ++ mx. ssorbimento i Cs mx. ssorbirci, i Sr 9) Lo Stronzio, comunque, prità i coni ltr «««*. e sempre meno ssorbito, che non il C ^ 0 u Cert K + 10" 3 N K + IO" 2 N

16 ) G. Lenzi 2) Autori Vri BIBLIOGRAFIA Ingine sulle crtteristiche geologiche e chimiche i un sito in relzione ll possibilità i contminzione riottiv elle le cquiere. RT/PROT(66) 20 CNEN Rom 1966 Contminzione riottiv ei mri. Gior nt nuclere. Plermo 1 giugno 1961 Eiz. CNEN Vllecchi (Firenze 1961). 13) Simpson E.S., Betslé L.. Stner P., Lenzi G., Sourriu J. 14) Betslé L. Etue e l penetrtion e solutions queuses ns l zone non sturee 'un proil. - Progrmme e recherche sur le tritement. A V L * rcsius ri *ctis. Rpport N- 6 CEN Mol R 2055 (1961). Physicochimie e l migrtion e ctions 0963)! S01 ' RpP rt0 EUR ATOM EUR 141 3) Autori Vri Disposl o rioctive wstes into ses, ocens n surce wters E. IAEA, Vienn ) Boenzi D., Dlouhy Z., Lenzi G. A stuy on the sorption properties o nturl tus occurring in the lke Brccino Region (Rome). RT/PROT(65) 19 CNEN Rom ) Crt Geologic 'Itli Foglio 212 E. el Servizio Geologico i Itli in scl 1: II eiz ) Boenzi D., Lenzi G. A contribution to the stuy o the site o the Cscci Nucler Reserch Center. Progress Report N # 2 RT/PROT(67)14 CNEN (Rom) ) Bérk L. The sorption o microstrontium n microcesium on the silicte minerls n rocks. IAEA reserch contrct N* ) Dlouhy Z. Clssiiction o the properties o pyroclstic rocks or uptke o ission proucts. IAEA Reserch contrct N - 137/RB ) Tmur T. Selective sorption rection o Cs with soil minerls. Nucler Sety Sect. V ) Tmur T., Jcobs D.C. Structurl implictions in cesium sorption. Helth Physics Science pg ) Roubult M. Determintion es minerux es roches u microscope polrisnt. E. Lmrre- Point (Pris) 1963.

17 I.I-:<;I-:M>.\ I) Ingresso e portineri; 2) Cbin iric; 3) Mgzzino; 4) Mgzzino inimmbili; 5) Irriti mgzzino; 6) Oicin : 7) Mens e oresteri: 8) I.bortorio i protezione snitri: V) Stzione elettric: IO) Serbtoio irico; II) Impinto trttmento liqumi; li) COMPLESSO ITREC; 12-1) Eiìcio urlici; 12-2) Eiìcio i processo; 12-3) Eiìcio servìzi usiliri; 12-4) Lbortori; 12-5) Eiìcio trttmento riiuti riottivi; 12-Ó) Cmer iltri e pompe eluenti gssosi;!2-7) Serbtoio nt; 12-8) Mcini i contenimento eluenti ìiiiuti' L zon cerchit^ e mess mggiormente in evien nell seguente. Plnimetri generle <el CRN ell Trisi LEGENDA 1) Corpo Uici; 2) Eiicio, i Processo; 3) Eiicio Impinti Ausiliri; 4) Corpo Lbortori; 5) Eiicio Trttmento Riiuti; 6) Cmer iltri e pompe eluenti gssosi; 7) Cmino; 8) Bcini i contenimento; 9) Serbtoio Irico. 1 cmpioni stuiti tnj presente lvoro provéhpà 1 gono quest zon Vei nche strtigri

18 STRATIGRAFIA DELLA ZONA DEI POE SI DESTITI ATI A CONTENERE GII S CARI CHI RADIOATTIVI SOLIDI DI ALTA ATTIVITÀ ' Quote 0,00 *- 1 5 Simbolo vm Sigl Denominzione ^ino i cmpgn Suolo grri Ghii e conglomerto poco cementto osi l ODI H Eni i HI HI > H i i HI HI l o H +> CD -H ; o o co o o o CSI -i o / O- evi I o o i * «I e H -H <D O -H H 0) o H ri Puing elementi minuti Sbbie si i H +*l (DI 4 j,-4,80 JkZllìl Ì-I&*--&Ì0'A&& '.' :. '.' ' '.' '' '. ".J- * * "* : -ó'c r-ò Ghii Conglomerto Sbbie H g IL / 00 o 1- O CM O.-. : < *. :, :'.»,;:< -,.:,;v.-.:%/, * :v '.;-A- -...;' ±zlél ;. -, : * : - # *.:.'. './' ' » *... " -> - ' -*;, *li' :. ;v.';": : "-.'' '.-'. -.*'.' -.'.."?.-.'v..:»'. v, w,-.:.» ; ; Argille \ tt-8t?0 FIG. N 2 Bis ^sk». i >» i,*v/-?»* *& (<* &*+< :~; * -.

19 ANALISI TEHNOLIFFERENZIALI DI ILI.ITI STANDARD E DELL'ARGILLA BELLA/\ TRISAIA FIG. N 5 Illinois (USA) Argill ell Trii Illite 'Oln T in 0

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia.

10. Completare la seguente tabella, in cui sono riportate le produzioni assolute e relative di tre colture altamente diffuse in Italia. ESERCIZI DI BASE 1. I soci proprietri di un piccol compgni gricol sono tre: i signori A, B, C. Mentre i signori A e C hnno l stess quot di prtecipzione ll ziend, il signor B h solo il 50% dell quot degli

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

F (r(t)), d dt r(t) dt

F (r(t)), d dt r(t) dt Cmpi vettorili Un cmpo vettorile è un funzione vlori vettorili F : A R, con A R n, ove in questo cso l imensione el ominio e el coominio è l stess. F ( 1, 2,..., n ) (f 1 ( 1, 2,..., n ), f 2 ( 1, 2,...,

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo)

Catalogo dettagliato delle prestazioni 2015 (cfr. art. 14 del regolamento del fondo) Ctlogo ettglito elle prestzioni 2015 (cfr. rt. 14 el regolmento el fono) Prestzioni e gli OML reg. e cnt. (Slute e) Socile : Sviluppo e mntenimento i un sistem completo i formzione professionle i bse e

Dettagli

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO

Esercitazione n. 2. Gian Carlo Bondi VERO/FALSO Eseritzioni svolte 2010 Suol Duemil 1 Eseritzione n. 2 Aspetti eonomii e lusole el ontrtto i omprvenit Risultti ttesi Spere: gli spetti tenii, giuriii e eonomii el ontrtto i omprvenit. Sper fre: eterminre

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di Primo Grado Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri i Primo Gro Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

d coulomb d volt b trasformatore d alternatore b amperometro d reostato

d coulomb d volt b trasformatore d alternatore b amperometro d reostato ppunti 7 TEST DI VERIFICA 1 Unità i misur ell ri elettri: henry weer volt oulom 2 Unità i misur ell pità elettri: oulom henry fr volt 3 Gener orrente lternt: umultore resistenz 4 Misur l tensione: resistometro

Dettagli

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2

CA SA A NZIA NI C A S L A NO - 2 S NZI NI S L NO - 2 LEGEND :. NUOV S NZINI. INGRESSO PRINIPLE. INGRESSO ENTRO DIURNO E NOTTURNO D. PRHEGGI E. INGRESSO VEIOLRE UTORIMESS F. ORTE G. GIRDINO OMUNE H. GIRDINO PROTETTO D + 0.00 H + 6.50 G

Dettagli

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO

ESERCIZI IN PIÙ ESERCIZI DI FINE CAPITOLO L RLZIONI L FUNZIONI serizi in più SRIZI IN PIÙ SRIZI I FIN PITOLO TST Nell insieme ell figur, l relzione rppresentt goe ell o elle proprietà: TST L relzione «essere isenente i», efinit nell insieme egli

Dettagli

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director.

«ECOFILLER» Iniezione diretta di cariche minerali o di poliuretano riciclato. Eraldo Greco. Guido Podrecca. Commercial Director. «ECOFILLER» Iniezione dirett di criche minerli o di poliuretno riciclto Erldo Greco Commercil Director Guido Podrecc R&D Mnger ANPE - 2 2 Conferenz Conferenz Nzionle Nzionle Premess Nei vri processi produttivi

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Automazione INFORMATICA INDUSTRIALE Appello COGNOME E NOME. 11 febbraio 2008 RIGA COLONNA MATRICOLA

Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Automazione INFORMATICA INDUSTRIALE Appello COGNOME E NOME. 11 febbraio 2008 RIGA COLONNA MATRICOLA Politecnico i Milno Fcoltà i Ingegneri ell Automzione INFORMATICA INDUSTRIALE Appello COGNOME E NOME ebbrio 2008 RIGA COLONNA MATRICOLA Il presente plico pinzto, composto i quttro ogli (ronte/retro)eve

Dettagli

Imparare: cosa, come, perché.

Imparare: cosa, come, perché. GIOCO n. 1 Imprre: cos, come, perché. L pprendimento scolstico non è solo questione di metodo di studio, m di numerose situzioni di tipo personle e di gruppo, oppure legte l contesto in cui pprendimo.

Dettagli

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche.

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche. Prestzioni PONTI TERMICI Normlmente il clcolo delle dispersioni termiche di un edificio viene svolto considerndo che le temperture interne ed esterne sino costnti (Regime Termico tzionrio). Questo signific

Dettagli

tubi corrugati in polietilene

tubi corrugati in polietilene tubi corrugti in polietilene Sistemi integrli per trsporto ed il trttmento dei fluidi tubi corrugti in polietilene istino cvidotti e drenggi PERETE INTERNA PRODOTTA CON PE ADDITIVATO PER FACIITARE O SCORRIMENTO

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

Allegato 1 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE FASI DI CANTIERIZZAZIONE

Allegato 1 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE FASI DI CANTIERIZZAZIONE - Progettzione impinti recupero e smltimento rifiuti - Consulenz mbientle - Sviluppo prtiche utorizztive - Prtiche Albo Gestori Rifiuti - Perizie Tecniche utomezzi - Consulenz A.D.R., Sicurezz sul lvoro,

Dettagli

Le proprietà fondamentali del campo magnetico

Le proprietà fondamentali del campo magnetico 1) Ftti sperimentli. Le proprietà fonmentli el mpo mgnetio Riportimo ue ftti sperimentli: ) Un filo rettilineo infinito perorso orrente I gener un mpo mgnetio on le seguenti proprietà: l intensità ument

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI

IRRAGGIAMENTO: APPLICAZIONI ED ESERCIZI Elis Gonizzi N mtricol: 3886 Lezione del -- :3-:3 IRRAGGIAMENO: APPLICAZIONI ED EERCIZI E utile l fine di comprendere meglio le ppliczioni e gli esercizi ricordre cos si intend con i termini CORPI NERI

Dettagli

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli:

Acidi Deboli. Si definisce acido debole un acido con K a < 1 che risulta perciò solo parzialmente dissociato in soluzione. Esempi di acidi deboli: Acidi Deboli Si definisce cido debole un cido con < 1 che risult perciò solo przilmente dissocito in soluzione. Esempi di cidi deboli: Acido cetico (H OOH) 1.75 1-5 Acido scorbico (vitmin ) 1 6.76 1-5.5

Dettagli

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x).

Siano α(x), β(x) due funzioni continue in un intervallo [a, b] IR tali che. α(x) β(x). OMINI NORMALI. efinizione Sino α(), β() due funzioni continue in un intervllo [, b] IR tli che L insieme del pino (figur 5. pg. ) α() β(). = {(, ) [, b] IR : α() β()} si chim dominio normle rispetto ll

Dettagli

COLLETTORI MODULARI PER IMPIANTI IDROTERMICI

COLLETTORI MODULARI PER IMPIANTI IDROTERMICI COLLETTORI MODULARI PER IMPIANTI IDROTERMICI PRODOTTI E SISTEMI PER L IDROTERMICA Coettori mouri Generità Ne mggior prte egi impinti irici, istribuzione e cqu c e fre (nt e ritorno ne riscmento) si reizz

Dettagli

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez.

Facoltà di Economia - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Dispense Corso di Econometria Docente: Luciano Gutierrez. Fcoltà di Economi - Università di Sssri Anno Accdemico 2004-2005 Dispense Corso di Econometri Docente: Lucino Gutierrez Algebr Linere Progrmm: 1.1 Definizione di mtrice e vettore 1.2 Addizione e sottrzione

Dettagli

Allegato 3 Elenco BAT ed esempio interventi efficientamento

Allegato 3 Elenco BAT ed esempio interventi efficientamento Allegto 3 Eleno BAT e esempio interventi effiientmento LINEE GUIDA per l onuzione ell ignosi energeti nel settore rtrio Pg. 1 i 6 Riepilogo BAT sul onsumo e sull effiienz energetii estrtte ll DECISIONE

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n.

AUTOVALORI ED AUTOVETTORI. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione finita n. AUTOVALORI ED AUTOVETTORI Si V uno spzio vettorile di dimensione finit n. Dicesi endomorfismo di V ogni ppliczione linere f : V V dello spzio vettorile in sé. Se f è un endomorfismo di V in V, considert

Dettagli

Due classi dell Istituto Comprensivo Carano - Mazzini diretto dal professor Antonio Pavone - 5 e la 4. C, e nel corso della premiazione anche la 5

Due classi dell Istituto Comprensivo Carano - Mazzini diretto dal professor Antonio Pavone - 5 e la 4. C, e nel corso della premiazione anche la 5 Scritto d Dlil Bellcicco Lunedì 25 Mrzo 2013 07:15 Due clssi dell Istituto Comprensivo Crno - Mzzini diretto dl professor Antonio Pvone - 5 e l 4 C, e nel corso dell premizione nche l 5 C - hnno prtecipto

Dettagli

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14)

3. Funzioni iniettive, suriettive e biiettive (Ref p.14) . Funzioni iniettive, suriettive e iiettive (Ref p.4) Dll definizione di funzione si ricv che, not un funzione y f( ), comunque preso un vlore di pprtenente l dominio di f( ) esiste un solo vlore di y

Dettagli

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio *

Le spese di ricerca e sviluppo: gestione contabile ed iscrizione in bilancio * www.solmp.it Le : gestione contbile ed iscrizione in bilncio * Piero Pisoni, Fbrizio Bv, Dontell Busso e Alin Devlle ** 1. Premess Le sono esminte nei seguenti spetti: Il presente elborto è trtto d: definizione

Dettagli

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003

Liceo Scientifico Sperimentale anno 2002-2003 Problema 1 Bernardo Pedone. ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI anno 2002-2003 Liceo Scientifico Sperimentle nno - Problem Bernrdo Pedone ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO SPERIMENTALE PNI nno - PROBLEMA Nel pino sono dti: il cerchio γ di dimetro OA =, l rett t tngente γ

Dettagli

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario

Modulo 6. La raccolta bancaria e il rapporto di conto corrente. Unità didattiche che compongono il modulo. Tempo necessario 58 Modulo 6 L rccolt bncri e il rpporto di conto corrente I destintri del Modulo sono gli studenti del quinto nno che, dopo ver nlizzto e ppreso le crtteristiche fondmentli dell ttività delle ziende di

Dettagli

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione

Manuale Generale Sintel Guida alle formule di aggiudicazione MANUALE DI SUPPOTO ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFOMA SINTEL GUIDA ALLE FOMULE DI AGGIUDICAZIONE Pgin 1 di 21 AGENZIA EGIONALE CENTALE ACQUISTI Indice 1 INTODUZIONE... 3 1.1 Cso di studio... 4 2 FOMULE DI CUI

Dettagli

LE RETTIFICHE DI STORNO

LE RETTIFICHE DI STORNO Cpitolo 11 LE RETTIFICHE DI STORNO cur di Alfredo Vignò Le scritture di rettific di fine esercizio Sono composte l termine del periodo mministrtivo per inserire nel sistem vlori stimti e congetturti di

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Sondaggio piace l eolico?

Sondaggio piace l eolico? Songgio pie l eolio? Durnte l inugurzione i Stell sono stti istriuiti ei questionri per vlutre l inie i grimento ell eolio prte ell popolzione Sono stti ompilti e quini nlizzti 50 questionri Quest presentzione

Dettagli

Confronto fra Tecniche di Allevamento e Gestione del Noceto da Frutto

Confronto fra Tecniche di Allevamento e Gestione del Noceto da Frutto Confronto fr Tecniche di Allevmento e Gestione del Noceto d Frutto Tesi di Lure di Irene Tsini Reltore: Prof. Bruno Mrngoni Correltrice: Dr.ss Dontell Mlguti Cenni storici dell coltivzione del noce comune

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DIREZIONE DI AREA 3 Orgnizzzione e Risorse SETTORE SEDI, LOGISTICA E INTERVENTI PER LA SICUREZZA SERVIZIO DI INDAGINI PRELIMINARI AL PROGETTO DI RESTAURO DELLE SUPERFICI DECORATE DI ALCUNE SALE DEI PALAZZI

Dettagli

A.A.2009/10 Fisica 1 1

A.A.2009/10 Fisica 1 1 Mhine termihe e frigoriferi Un mhin termi è un mhin he, grzie un sequenz i trsformzioni termoinmihe i un t sostnz, proue lvoro he può essere utilizzto. Un mhin solitmente lvor su i un ilo i trsformzioni

Dettagli

Tassi di cambio, prezzi e

Tassi di cambio, prezzi e Tssi di cmbio, prezzi e tssi di interesse 2009 1 Introduzione L relzione tr l ndmento del livello generle dei prezzi e i tssi di cmbio: l Prità dei Poteri di Acquisto Le relzione tr i tssi di cmbio e i

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA2016

CERTIFICAZIONE UNICA2016 CERTIICZIONE UNIC201 CERTIICZIONE I CUI LL RT., COMMI -ter e -quater, EL.P.R. 22 LUGLIO 1998, n. 322, RELTIV LL NNO TI NGRICI fiscale Cognome o enominazione Nome 1 2 3 TI RELTIVI L TORE I LVORO, ENTE PENSIONISTICO

Dettagli

Macchine elettriche in corrente continua

Macchine elettriche in corrente continua cchine elettriche in corrente continu Generlità Può essere definit mcchin un dispositivo che convert energi d un form un ltr. Le mcchine elettriche in prticolre convertono energi elettric in energi meccnic

Dettagli

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna

30 quesiti. 1 Febbraio 2011. Scuola... Classe... Alunno... Copyright 2011 Zanichelli Editore SpA, Bologna verso LA RILEVAZIONE INVALSI SCUOLA SECONDARIA DI secondo GRADO PROVA DI Mtemtic 30 quesiti Febbrio 0 Scuol... Clsse... Alunno... e b sono numeri reli che verificno quest uguglinz: Qunto vle il loro prodotto?

Dettagli

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners.

STUDIO COMMERCIALE TRIBUTARIO TOMASSETTI & PARTNERS Corso Trieste 88 00198 Roma Tel. 06/8848666 (RA) Fax 068844588 info@mt-partners. CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 14 del 30/11/2012 ARGOMENTO: IMPOSTA SOSTITUIVA TFR 2013 Scde il prossimo 16 dicembre il termine per pgre l impost sostitutiv sul TFR. Tle impost rppresent l nticipo di tsse dovute

Dettagli

SOLUZIONE PROBLEMI Insegnamento di Fisica dell Atmosfera Seconda prova in itinere

SOLUZIONE PROBLEMI Insegnamento di Fisica dell Atmosfera Seconda prova in itinere Doente: rof Dino Zri serittore: in lessio Bertò OLUZION PROBLMI Insenento i Fisi ell tosfer eon rov in itinere /3 Vlori elle ostnti Rio terrestre eio: 637 Rio solre eio: 7 5 Distnz ei terr-sole : 9 6 Vlore

Dettagli

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma

INTEGRALI IMPROPRI. f(x) dx. e la funzione f(x) si dice integrabile in senso improprio su (a, b]. Se tale limite esiste ma INTEGRALI IMPROPRI. Integrli impropri su intervlli itti Dt un funzione f() continu in [, b), ponimo ε f() = f() ε + qundo il ite esiste. Se tle ite esiste finito, l integrle improprio si dice convergente

Dettagli

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ)

PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everyday Memory Questionnaire - EMQ) PRESENTAZIONE AL QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE DELLA MEMORIA (Everydy Memory Questionnire - EMQ) Drio Slmso e Giuseppin Viol CNR-Psicologi, Vile Mrx 15-00137 ROMA) L'EMQ (Sunderlnd et l., 1983) si propone

Dettagli

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA

2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA 2. PROPRIETÀ E TRASFORMAZIONI DELL ARIA UMIDA 2.1. Ari Atmosferic L'ri tmosferic é costituit d un insieme di componenti gssosi (N 2, O 2, Ar, CO 2, Ne, He, ) e d ltre sostnze che possono presentrsi in

Dettagli

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto

I costi dell impresa. Litri di benzene per unità di tempo. Linea di isocosto 7 I costi dell impres 7.1. Per l combinzione di equilibrio dei due input, si ved il grfico successivo. L pendenz dell line di isocosto e` pri ll opposto del rpporto tr i prezzi dei fttori: -10 = 2 = -5.

Dettagli

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA

All'Inpdap sede di. Prov. CHIEDO LA PENSIONE DI VECCHIAIA DA COMPILARE SE IL RICHIEDENTE OPTA PER LA LIQUIDAZIONE IN FORMA CONTRIBUTIVA io chiedo l pensione di vecchii P R O T O C O L L O I N P D A P All'Inpdp sede di 0 1 0 1 0 1 0 1 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento.

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI

ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI Corso di Fisic tecnic e mbientle.. 011/01 - Docente: Prof. Crlo Isetti ELEMENTI DI DINAMICA DEI FLUIDI 6.1 GENERALITÀ Il moto più semplice cui si f riferimento è in genere il moto stzionrio, che è crtterizzto

Dettagli

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1

La scelta di equilibrio del consumatore. Integrazione del Cap. 21 del testo di Mankiw 1 M.Blconi e R.Fontn, Disense di conomi: 3) quilirio del consumtore L scelt di equilirio del consumtore ntegrzione del C. 21 del testo di Mnkiw 1 Prte 1 l vincolo di ilncio Suonimo che il reddito di un consumtore

Dettagli

( P r o v i n c i a d i F i r e n z e )

( P r o v i n c i a d i F i r e n z e ) C O M U N E D I F U C E C C H I O ( P r o v i n c i d i F i r e n z e ) SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO E AMBIENTE ALLEGATO A VERBALE DI ASSEGNAZIONE AUTORIZZAZIONI RELATIVE AL PER IL RILASCIO DI N. 4 AUTORIZZAZIONI

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore

Attuatori pneumatici fino 700 cm 2 Tipo 3271 e Tipo 3277 per montaggio integrato del posizionatore Attutori pneumtici fino cm Tipo e Tipo per montggio integrto del posiziontore Appliczione Attutore linere per il montggio su vlvole di regolzione, soprttutto per l Serie,, e vlvol microflusso Tipo dimensione

Dettagli

ANCORANTI CHIMICI EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE. Scheda tecnica rev. 1

ANCORANTI CHIMICI EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE. Scheda tecnica rev. 1 Sched tecnic rev. 1 EV II TASSELLO CHIMICO STRUTTURALE ncornte chimico d iniezione in resin epossicrilto/vinilestere bicomponente d ltissim resistenz Che cos'è È un ncornte chimico d iniezione composto

Dettagli

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia

COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA. 1. La funzione matematica e la sua utilità in economia COME SOPRAVVIVERE ALLA MATEMATICA di Giuli Cnzin e Dominique Cppelletti Come potrete notre inoltrndovi nel corso di Introduzione ll economi, l interpretzione dell teori economic non presuppone conoscenze

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS

-STRUTTURE DI LEWIS SIMBOLI DI LEWIS STRUTTURE DI LEWIS SIMBLI DI LEWIS ELETTRI DI VALEZA: sono gli elettroni del guscio esterno, i responsbili principli delle proprietà chimiche di un tomo e quindi dell ntur dei legmi chimici che vengono

Dettagli

La fertilità del suolo e la qualità della sostanza organica

La fertilità del suolo e la qualità della sostanza organica Dniel Sid-Pullicino, Luisell Celi, Elisbett Brberis DiVPRA Settore di Chimic Agrri e Pedologi, Università degli Studi di Torino L fertilità del suolo e l qulità dell sostnz orgnic Sistemi colturli risicoli

Dettagli

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro.

Vietata la pubblicazione, la riproduzione e la divulgazione a scopo di lucro. Viett l pubbliczione, l riprouzione e l ivulgzione scopo i lucro. GA00001 Qul è l mpiezz ell ngolo che si ottiene ) 95 b) 275 c) 265 ) 5 b sottreno 85 un ngolo giro? GA00002 Due ngoli ll circonferenz che

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno...

VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria Superiore Classe Prima. Scuola... Classe... Alunno... VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE E DELLE ABILITÀ DI BASE PROVA DI MATEMATICA Suol Seonri Superiore Clsse Prim Suol..........................................................................................................................................

Dettagli

La statistica nei test Invalsi

La statistica nei test Invalsi L sttisti nei test Invlsi 1) Osserv il grfio seguente he rppresent l distriuzione perentule di fmiglie per numero di omponenti, in se l ensimento 2001.. Qul è l perentule di fmiglie on 2 omponenti? Rispost:..%.

Dettagli

L associazione in partecipazione: la regolamentazione dell'affare e il trattamento contabile di Fabio Giommoni *

L associazione in partecipazione: la regolamentazione dell'affare e il trattamento contabile di Fabio Giommoni * L ssocizione in prtecipzione: l regolmentzione ell'ffre e il trttmento contbile i Fbio Giommoni * Il trttmento contbile ell ssocizione in prtecipzione è strettmente legto ll ttule isciplin fiscle ell istituto

Dettagli

PROGETTO CL@SSI 2.0. 3. Quali di questi strumenti possedete? Mettere una crocetta in una o più caselle. a a. a a

PROGETTO CL@SSI 2.0. 3. Quali di questi strumenti possedete? Mettere una crocetta in una o più caselle. a a. a a Nome scuol... Clsse PROGETTO CL@SSI 2.0 QUESTIONARIO PER LA FASE DI RILEVAZIONE DELLA DOMANDA 1. Genitore ell'lunno/... 3. Quli i questi strumenti posseete? Mettere un crocett in un o più cselle SÌ NO

Dettagli

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi

www.scuolaazienda.it MARIO FLORES L OPERATORE TURISTICO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi www.scuolaazienda.it MRIO FLORES L OPERTORE 4 TURISTIO SOLUZIONI Vero o falso? Verifica le tue conoscenze Esercizi VERO O FLSO? MOULO 1 1 V, 2 V, 3 F, 4 F 1 V, 2 V, 3 V, 4 F 1 V, 2 F, 3 F, 4 V 1 F, 2 F,

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA2015

CERTIFICAZIONE UNICA2015 CERTIICZIONE UNIC05 CERTIICZIONE I CUI LL RT. 4, COMMI 6-ter e 6-quater, EL.P.R. LUGLIO 998, n., RELTIV LL NNO 04 TI NGRICI TI RELTIVI L TORE I LVORO, ENTE PENSIONISTICO O LTRO SOSTITUTO IMPOST TI RELTIVI

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "FERMI"

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE FERMI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE STATALE "EMI" TEVISO GAA NAZIONALE DI MECCANICA 212 ropost di soluzione rim rov cur di Benetton rncesco (vincitore edizione 211 unzionmento: L gru bndier girevole sopr riportt

Dettagli

CERTIFICAZIONE UNICA2015

CERTIFICAZIONE UNICA2015 CERTIICZIONE UNIC0 CERTIICZIONE I CUI LL RT. 4, COMMI 6-ter e 6-quater, EL.P.R. LUGLIO 8, n., RELTIV LL NNO 04 TI NGRICI TI RELTIVI L TORE I LVORO, ENTE PENSIONISTICO O LTRO SOSTITUTO IMPOST TI RELTIVI

Dettagli

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per

( X, Y ) che danno un livello costante di utilità (curva di livello). Fissando per esempio il valore U 0 per Funzioni di utilità (finlmente un po di geroglifici, dopo i grffiti) NB: non fte leggere queste pgine un mtemtico, ltrimenti mi msscr!. Definizione e proprietà Considerimo due eni e di interesse per un

Dettagli

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata

Comparazione delle performance di 6 cloni di Gamay ad altitudine elevata Comprzione delle performnce di 6 cloni di Gmy d ltitudine elevt 1 / 46 Motivzioni Selezione clonle IAR-4 Lo IAR-4 è stto selezionto in mbiente montno d un prticolre popolzione di mterile stndrd, dll qule

Dettagli

Ing. Alessandro Pochì

Ing. Alessandro Pochì Dispense di Mtemtic clsse quint -Gli integrli Quest oper è distriuit con: Licenz Cretive Commons Attriuzione - Non commercile - Non opere derivte. Itli Ing. Alessndro Pochì Appunti di lezione svolti ll

Dettagli

SE-147 80 Tumba. Sds.question@alfalaval.com. Numero d'emergenza: +46 8 33 40 43

SE-147 80 Tumba. Sds.question@alfalaval.com. Numero d'emergenza: +46 8 33 40 43 Sched di sicurezz Numero documento Dt crezione Dt revisione N. revisione Autore Pgin 546098-ITA-2 2005-03-07 2007-07-20 1 Jenette Hsseson 1 di 5 1. Identificzione dell sostnz/preprzione e società/esecuzione

Dettagli

Automobile Club d'italia

Automobile Club d'italia Automobile Club d'itli SCHDA DI SINTSI MODALITA' DI AUTNTICA PRMSSA L'rt. 7 L. 24812006 non specific le modlit8 d seguire per I'utentic delle sottoscrizioni, né richim lcun disciplin già esistente, qule

Dettagli

io chiedo la pensione di vecchiaia

io chiedo la pensione di vecchiaia io chiedo l pensione di vecchii PROTOCOLLO INPDAP All'Inpdp sede di 01010101 Acquisizione di ftti o stti del richiedente ttrverso l esibizione del suo documento di riconoscimento. (Art.45 del Testo Unico

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Marcianise Provincia di Caserta. Lavori di Manutenzione Straordinaria -Parco Mazziotti Edificio B OGGETTO:

COMPUTO METRICO. Comune di Marcianise Provincia di Caserta. Lavori di Manutenzione Straordinaria -Parco Mazziotti Edificio B OGGETTO: Comune di Mrcinise Provinci di Csert pg. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: Lvori di Mnutenzione Strordinri -Prco Mzziotti Edificio B COMMITTENTE: I.A.C.P. di Csert Dt, 01/04/2008 IL TECNICO PriMus by Guido Cinciulli

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

www.forzearmate.org PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmte.org SIDEWEB è un società di servizi nt dll entusismo e dll esperienz pluriennle di coloro che hnno operto per nni nelle orgnizzzioni di tutel individule e collettiv, contribuendo con l propri

Dettagli

PARAMETRI DI VALUTAZIONE PER AUTOBUS INTERURBANI E CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI ALLEGATO 6/lotto 1

PARAMETRI DI VALUTAZIONE PER AUTOBUS INTERURBANI E CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI ALLEGATO 6/lotto 1 PARAMETRI DI VALUTAZIONE PER AUTOBUS INTERURBANI E CRITERI PER L'ASSEGNAZIONE DEI PUNTEGGI ALLEGATO 6/lotto 1 PUNTEGGIO PARAMETRI INTERURBANO NORMALE Punteggio Vlutzioni 1 PREZZO DEL VEICOLO COMPLETO (vesi

Dettagli

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015

PROGRAMMA SOCIO EDUCATIVO DI ANIMAZIONE 2014/2015 PROGRMM SOCIO EDUCTIVO DI NIMZIONE 2014/2015 PRESENTZIONE DELLE TTIVIT' EDUCTIVE INTEGRTE ORDINRIE MENSILI - SETTIMNLI ED EXTR ORDINRIE DI NIMZIONE. Relazione e comunicazione : interventi educativi individuali

Dettagli

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo

Variazioni di sviluppo del lobo frontale nell'uomo Istituto di Antropologi dell Regi Università di Rom Vrizioni di sviluppo del lobo frontle nell'uomo pel Dott. SERGIO SERGI Libero docente ed iuto ll cttedr di Antropologi. Il problem dei rpporti di sviluppo

Dettagli

La disciplina del conferimento d azienda

La disciplina del conferimento d azienda di Dniele Cherubini Dottore in Economi in Perugi 1. Premess Il conferimento d ziend rientr tr le operzioni strordinrie, in qunto esul di normli ftti di gestione, essendo volto d un rdicle riorgnizzzione

Dettagli

Le verifiche finali e le scritture di assestamento

Le verifiche finali e le scritture di assestamento Numero 60/2012 Pgin 1 di 8 Le verifiche finli e le scritture di ssestmento Numero : 60/2012 Gruppo : Oggetto : Norme e prssi : Scric l guid complet sulle scritture di chiusur e il pssggio del bilncio d

Dettagli

a cura di: ing. Ernesto Grande e.grande@unicas.it http://www.docente.unicas.it/ernesto_grande

a cura di: ing. Ernesto Grande e.grande@unicas.it http://www.docente.unicas.it/ernesto_grande Università degli Studi di Cssino Progetto di Strutture Costruzioni i in Acciio i cur di: ing. Ernesto Grnde e.grnde@unics.it http://www.docente.unics.it/ernesto_grnde t it/ t d Testi consigliti 1. G. Bllio,

Dettagli

DUOSTEEL 25. Canne Fumarie Doppia Parete Coibentazione 25 mm. Canne fumarie in acciaio Inox

DUOSTEEL 25. Canne Fumarie Doppia Parete Coibentazione 25 mm. Canne fumarie in acciaio Inox Cnne Fumrie Doppi Prete Coibentzione 25 mm Cnne fumrie in cciio Inox CERTIFICAZIONI Cnne fumrie Doppi Prete INDICE 1 Elemento diritto mm 250... pg. 4 2 Elemento diritto mm 500... pg. 4 3 Elemento dritto

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE Cm er dei D eputti 81 Sen to dell R epubblic XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE PAGINA BIANCA Cm er dei D eputti - 83 - S en to dell R epubblic

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. km BELGIO. Parigi. n a. Bacino di Parigi MASSICCIO CENTRALE. Aquitano MONACO ANDORRA

VOLUME 2 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. km BELGIO. Parigi. n a. Bacino di Parigi MASSICCIO CENTRALE. Aquitano MONACO ANDORRA VOLUME 2 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE LA FRANCIA Cose d spere A. Le idee importnti l Qudro fisico l L Frnci h qusi 60 milioni di bitnti l L economi frncese è un delle più sviluppte del

Dettagli

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe

Tecniche innovative per la gestione del vigneto : la defogliazione pre-fioritura e l allevamento a Siepe Tecniche innovtive per l gestione del vigneto : l defoglizione pre-fioritur e l llevmento Siepe Ilri Filippetti e Cesre Intrieri Diprtimento di Colture Aroree Università di Bologn - morfologi del grppolo

Dettagli

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI

8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI 8. MOVIMENTAZIONE DI MAGAZZINO: LE PRINCIPALI SCRITTURE CONTABILI Movimentzione di mgzzino: le principli scritture contbili 8. Le rilevzioni contbili 8.1. 8.1. LE RILEVAZIONI CONTABILI Le rilevzioni ttinenti

Dettagli

REGIONE CALABRIA 14 POLITICHE DELL AMBIENTE

REGIONE CALABRIA 14 POLITICHE DELL AMBIENTE REGIONE CAABRIA Diprtimento 14 POITICHE DE AMBIENTE Responsbile delle inizitive finnzite l definitivo subentro dell Regione Clbri nel coordinmento degli interventi d eseguirsi nel contesto di criticità

Dettagli

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVISIBILI PERIMETER

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVISIBILI PERIMETER ITEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE INVIIBILI P R O T E Z I O N I P E R I M E T R A L I I N V I I B I L I Immunità lle conizioni climtiche Neve istemi i protezione PERIMETRALE INVIIBILI Pioggi Grnine I sistemi

Dettagli

Questionario customer satisfaction Career Day 2014

Questionario customer satisfaction Career Day 2014 Questionrio customer stisfction Creer Dy 2014 INTRODUZIONE Attrverso il softwre Survey System è stto sottoposto un questionrio gli/lle studenti/studentesse e lureti/e dell'università di Mcert che hnno

Dettagli

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta

ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI a cura di Daniela Corbetta ESERCIZI RELATIVI AL CAP. 8 GLI INVESTIMENTI E I DISINVESTIMENTI IN TITOLI E PARTECIPAZIONI cur di Dniel Corbett P.S.: l fine di trttre in modo esustivo l rgomento, si precis che nei seguenti esercizi

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2002 Sessione straordinaria ESAME DI STAT DI LICE SCIENTIFIC CRS DI RDINAMENT 00 Sessione strordinri Il cndidto risolv uno dei due problemi e 5 dei 0 quesiti in cui si rticol il questionrio. PRBLEMA Con riferimento un sistem monometrico

Dettagli

LINEA Aquera Soluzioni modulari di griglie di drenaggio e ventilazione.

LINEA Aquera Soluzioni modulari di griglie di drenaggio e ventilazione. Aquer LINEA Aquer Soluzioni modulri di griglie di drenggio e ventilzione. L'mbiente urbno è prte integrnte dell nostr società modern. Questo h portto d un incremento delle zone edificte crtterizzte d superfici

Dettagli