MINERALOGIA SISTEMATICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINERALOGIA SISTEMATICA"

Transcript

1 MINERALOGIA SISTEMATICA Classificazione dei minerali Sulla base della composizione chimica i minerali vengono suddivisi in gruppi o classi: 1. Elementi nativi: appartengono a questa classe elementi non legati ad altri come zolfo, diamante e grafite. 2. Solfuri: lo zolfo è il principale anione. Sono solfuri: la galena (solfuro di piombo), la pirite (solfuro di ferro) e la sfalerite (solfuro di zinco). 3. Alogenuri: il principale anione può essere il cloro, il bromo, il fluoro o lo iodio. Appartengono a questa classe il salgemma e la fluorite. 4. Ossidi: l ossigeno è il principale anione. Ricordiamo l ematite e la magnetite che sono due ossidi di ferro. 5. Carbonati: il carbonio e l ossigeno insieme formano il principale complesso anionico, come nella calcite e nella dolomite. 6. Solfati: lo zolfo e l ossigeno insieme formano il principale complesso anionico, come nella barite e nel gesso, che è un solfato di calcio. 7. Fosfati: il fosforo e l ossigeno insieme formano il principale complesso anionico, come nell apatite. 8. Silicati: i silicati sono costituiti da una base strutturale di tetraedri SiO 4.

2 Silicati Il tetraedro di silicio SiO 4 è l unità elementare della struttura dei silicati. In questa struttura un atomo di silicioèal centromentreaiverticisi trovano quattro atomi di ossigeno. Le varie strutture dei silicati derivano dai diversi modi con cui questi tetraedri si associano e su queste strutture si basa la loro classificazione. Alcuni minerali sono formati da tetraedri individuali, altri dall unione in varie configurazioni di due o più tetraedri. 1. Nesosilicati: i gruppi tetraedrici sono isolati. Tra i minerali di questo gruppo ricordiamo l olivina dal tipico colore verde oliva, lo zircone, i granati, la cianite, il topazio. 2. Sorosilicati: in questi silicati i tetraedri sono legati tra loro in piccoli gruppi, con un vertice in comune. Ricordiamo l emimorfite e la vesuvianite. 3. Ciclosilicati: i gruppi tetraedrici sono legati tra loro a formare anelli, solitamente a sei membri. Ricordiamo la tormalina e il berillo che si presenta in due varietà, una verde, nota come smeraldo, e l altra verde-azzurra, nota come acquamarina. 4. Inosilicati: i gruppi tetraedrici sono legati tra loro a formare lunghe catene. Vi appartengono i pirosseni e gli anfiboli, due importanti famiglie di minerali componenti di molte rocce. 5. Fillosilicati: sono costituiti da più strati di tetraedri. Hanno aspetto lamellare. Ricordiamo il serpentino, il talco, la caolinite e la famiglia delle miche i cui termini più importanti sono la mica biotite e la mica muscovite. 6. Tectosilicati: i gruppi tetraedrici sono legati tra loro in modo tale da formare una impalcatura tridimensionale. Il quarzo è il minerale più importante e di gran lunga il più famoso. Altri tectosilicati appartengono alla famiglia dei feldspati; sono elementi fondamentali nella costituzione di molte rocce. Essi si possono considerare come soluzioni solide di tre minerali: l ortoclasio, contenente potassio, l albite contenente sodio e l anortite, contenente calcio. Affini ai feldspati sono la leucite, la nefelina e la lazurite.

3 Struttura dei silicati:

4 Le strutture dei silicati seguono i seguenti principi: (1) Quasi tutti i silicati sono costituiti da tetraedri SiO 4. (2) I tetraedri sono uniti per i vertici a dare unità polimeriche più grandi. (3) Non più di due tetraedri SiO 4 possono scambiare un vertice. (4) I tetraedri SiO 4 non scambiano mai lati o facce. Il fattore chiave per comprendere la relazione formula/struttura è il rapporto Si : O Questo rapporto è variabile perchè nei silicati si possono distinguere due tipi di atomi di O: ossigeni ponte e ossigeni apicali.

5 Formula e struttura dei silicati Si:O O P O A Tipo Esempi 1: isolati SiO 4 4- Mg 2 SiO 4 olivina 1: dimeri Si 2 O 7 6- CaMg 2 Si 2 O 7 melilite 1: catene (SiO 3 ) 2- doppia (Si 4 O 11 ) 6- MgSiO 3 enstatite CaMgSi 2 O 6 Diopside CaMg 5 Si 8 O 22 (OH) 2 1: strati (Si 2 O 5 ) 2- KMg 3 AlSi 3 O 10 (OH) 2 Mica Al 2 Si 2 O 5 (OH) 4 Caolinite 1: Network 3D SiO 2 Quarzo (K,Na,Ca)AlSi 3 O 8 Feldspati

6 Ciclosilicati (strutture ad anelli)

7 Inosilicati (strutture a catena) Catena semplice Catena doppia Pirosseno Anfibolo Catena semplice in Enstatite

8 Fillosilicati (strutture a fogli)

9 Quarzo (struttura tectosilicato) (0001) A 6 Quarzo-β Quarzo-α: Classe Trapezoedrica ditrigonale A 3 Quarzo-α (0001) Struttura del quarzo

10 Inosilicato: anfibolo orneblenda NaCa 2 (Mg,Fe,Al) 5 (Si,Al) 8 O 22 (OH,F) 2

11 Fillosilicato: mica muscovite KAl 3 (Si,Al) 4 O 10 (OH) 2

12 Tectosilicato: K-feldspato K[AlSi 3 O 8 ]

13 Tectosilicato: quarzo SiO 2

14 Nesosilicati: tetraedri isolati (SiO 4 ) 4- Catione (Mg, Fe)

15 Olivine Il gruppo delle olivine è composto di minerali con formula generale: X 2 ZO 4 dove X = Mg, Fe 2+, (Ca, Ni); Z = Si. Formula generica delle olivine: (Fe,Mg) 2 SiO 4 I termini estremi (end-members) delle olivine sono: Mg 2 [SiO 4 ] (Fosterite) Fe 2 [SiO 4 ] (Fayalite) Sistema di cristallizzazione: ortorombico (Pbmn)

16 Forsterite: Mg 2 SiO 4 Roccia Peridotite Peridoto (Forsterite) Sruttura della Forsterite

17 Fayalite: Fe 2 SiO 4 Struttura della fayalite

18 Olivina al microscopio ottico

19 Grafico composizionale del gruppo delle olivine

20 Grafico di cristallizzazione dell olivina X Solido + liquido Solido + liquido 100% Fo Ol 1 Ol 2 X 1 X 2 100% Fa Ol 1, Ol 2 = composizione dell Olivina da un fuso di partenza di composizione X; X,X 1 = concentrazione del fuso di partenza; X 2 = concentrazione del fuso dopo cristallizzazione di Ol 2

21 Serpentiniti (peridotiti metamorfosate) Olivina Serpentino (fillosilicato) Mg 2 SiO 4 + H 2 O Mg 3 Si 2 O 5 (OH) 4

22 Serpentino Crisotilo Immagine SEM

23 M 2+ = Ca, Mg, Mn, Fe 2+ M 3+ = Al, Cr, Fe 3+ Granati: M 2+ 3 M3+ 2 (SiO 4 ) 3 (Piralspite) (Ugrandite) Piropo Mg 3 Al 2 (SiO 4 ) 3 Almandino Fe 2+ 3 Al 2 (SiO 4 ) 3 Spessartina Mn 3 Al 2 (SiO 4 ) 3 Uvarovite Ca 3 Cr 2 (SiO 4 ) 3 Grossularia Ca 3 Al 2 (SiO 4 ) 3 Andradite Ca 3 Fe 3+ 2 (SiO 4 ) 3

24 Struttura dei granati (monometrici)

25 Andradite Grossularia Uvarovite

26 Granati in sezione sottile Granati in gemme

27 Sorosilicati: (Si 2 O 7 ) 6- Epidoto: Ca 2 (Fe 3+ Al)Al 2 O(SiO 4 )(Si 2 O 7 )(OH) Vesuviana: Ca 10 (Mg,Fe) 2 Al 4 (SiO 4 ) 5 (Si 2 O 7 ) 2 (OH) 4

28 Ciclosilicati: (Si 3 O 9 ), (Si 4 O 12 ), (Si 6 O 18 )

29 Berillo

30 Tormalina: (Na,Ca)(Li,Mg,Al)(Al,Fe,Mn) 6 (BO 3 ) 3 (Si 6 O 18 )(OH) 4

31 INOSILICATI Catena semplice Pirosseni -Rombici - Monoclini Catena doppia Anfiboli -Rombici - Monoclini

32 Catena semplice (Pirosseni) Catena doppia (anfiboli)

33 Inosilicati Mineral Chemistry Acmite NaFe3+[Si2O6] Actinolite Ca2(Mg,Fe2+)5[(OH) Si4O11]2 Aegirine CaFe2+[Si2O6] Aenigmatite Na4Fe2+10Ti2[O4 (Si2O6)6] Anthophyllite (Mg,Fe)7[OH Si4O11]2 Arfvedsonite Na2,5Fe2+4Fe3+[(OH) Si4O11]2 Augite CaMg[(Si,Al)2O6] Bronzite (Mg,Fe)2[Si2O6] Cummingtonit (Mg,Fe)7[OH Si4O11]2 Diallagea (Mg,Al)[(Al,Si)SiO6] Diopside CaMg[Si2O6] Enstatite (Mg,Fe)2[Si2O6] Fassaite CaMg[(Si,Al)2O6] Ferrocarpholite FeAl2[(OH)4 Si2O6] Glaukophane Na2Mg3Al2[(OH,F) Si4O11]2 Hedenbergite CaFe[Si2O6] Hornblende (Ca,Na,K)2(Mg,Fe2+,Fe3+,Al)5[OH (Si,Al)4O11]2 Hypersthene (Mg,Fe)2[Si2O6] Jadeite NaAl[Si2O6] Johannsenite CaMn[Si2O6] Neptunite KNa2Li(Fe,Mn)2Ti2[O Si4O11]2 Omphacite (Ca,Na)(Mg,Fe2+,Fe3+,Al)[Si2O6] Pargasite NaCa2Mg4(Al,Fe3+)[(OH,F)2 AlSi6O22] Pectolite Ca2Na[(OH) Si3O8] Pyroxmangite (Fe,Mn)7[Si7O21] Rhodonite CaMn4[Si5O15] Richterite Na2Ca(Mg,Fe2+,Mn,Fe3+,Al)5[(OH,F) Si4O11]2 Riebeckite Na2Fe2+Fe3+2[(OH,F) Si4O11]2 Spodumene LiAl[Si2O6] Tremolite Ca2Mg5[(OH,F) Si4O11]2 Wollastonite Ca3[Si3O9]

34 I PIROSSENI Formula generale: XYZ 2 O 6 X = Na +, Ca 2+, Mn 2+, Fe 2+, Mg 2+ ( VIII M2) Y = Mn 2+, Fe 2+, Mg 2+, Fe 3+, Al 3+, Cr 3+, Ti 4+ ( VI M1) Z = Si 4+, Al 3+ ( IV T) Ortopirosseni: (Rombici 2/m2/m2/m) Enstatite-Ferrosilite (En-Fs) MgSiO 3 -FeSiO 3 (Mg,Fe)SiO 3 Pigeonite Ca 0.25 (Mg,Fe) 1.75 SiO 3 (Monoclina 2/m) Clinopirosseni: (Monoclini 2/m) Diopside-Hedenbergite (Di-Hd) CaMgSi 2 O 6 -CaFeSi 2 O 6 Augite (Ca,Na)(Mg, Fe 2+ Fe 3+,Al)(Si,Al) 2 O 6

35 Inosilicato: pirosseno augitico (Ca,Na)(Mg,Fe,Al Ti)(Si,Al) 2 O 6

36 Pirosseni sodici: Aegirina NaFe 3+ Si 2 O 6 Giadeite NaAlSi 2 O 6 Aegirina-augite (Na,Ca)(Fe 3+,Mg,Fe 2+,Al)Si 2 O 6 Pirosseni rari: Spodumene LiAlSi 2 O 6 Onfacite (Augite ricca del componente giadeitico)

37 Rappresentazione grafica della composizione dei pirosseni (rombici e monoclini). Quadrilatero Ca-Mg-ΣFe Ca Mg Fe

38 Struttura del Diopside CaMgSi 2 O 6 Mg Ca

39 Sfaldature Pirosseni Anfiboli

40 GLI ANFIBOLI Sono INOSILICATI Dal punto di vista morfologico si distinguono in: rombici e monoclini La loro struttura è caratterizzata da: catene di tetraedri SiO 4 formate da successioni di gruppi [Si 4 O 11 ] 6- disposti lungo l asse z del cristallo; fra questi si trovano intercalati gruppi (Mg, Fe) (OH, F) 2. La composizione chimica degli anfiboli può essere espressa dalla formula generale: (W, X,Y) 7-8 (Z 4 O 11 ) 2 (OH, F) 2 nella quale W = Na,K; X = Ca,Mg; Y = Mg,Fe 2+,Fe 3+,Ti, Al; Z = Si, Al

41 Struttura degli anfiboli Proiezione basale (a, b)

42 Struttura dell Orneblenda: NaCa 2 Mg 5 Si 8 O 22 (OH,F) 2 Mg Na Ca b OH,F

43 Distribuzione degli ioni nei siti strutturali

44 Da un punto di vista composizionale, gli anfiboli possono essere divisi in quattro gruppi: 1) ferro-magnesiaci 2) calcici 3) calco-sodici 4) sodici Le serie degli anfiboli più comuni sono: Antofillite-Gedrite (Mg,Fe 2+ ) 7-5 Al 0-2 [Si 8-6 Al 0-2 O 22 ](OH,F) 2 Cummingtonite-Grunerite (Mg,Fe 2+,Mn) 7 [Si 8 O 22 ](OH,F) 2 Tremolite-Actinolite-Fe-actinolite Ca 2 (Mg,Fe 2+ ) 5 [Si 8 O 22 ](OH,F) 2 Orneblenda Ca 2 (Mg,Fe 2+ ) 4 Al[Si 7 AlO 22 ](OH,F) 2 Edenite-Fe-edenite NaCa 2 (Mg,Fe 2+ ) 4 Al[Si 7 AlO 22 ](OH,F) 2 Pargasite-Fe-pargasite NaCa 2 (Mg,Fe 2+ ) 4 Al[Si 6 Al 2 O 22 ](OH,F) 2 Richterite-Fe-richterite NaCaNa(Mg,Fe 2+ ) 5 [Si 8 O 22 ] (OH,F) 2 Glaucofane-Riebeckite Na 2 (Mg,Fe 2+ ) 3 (Al,Fe 3+ ) 2 [Si 8 O 22 ](OH,F) 2

45 Rappresentazione grafica della composizione degli anfiboli (rombici e monoclini). Quadrilatero Ca-Mg-ΣFe

46 Comportamento ottico A differenza dei pirosseni, gli anfiboli presentano spesso forte e caratteristico pleocroismo. 90

47 Morfologia degli anfiboli Prismatica Aciculare Fibrosa

48 Anfiboli fibrosi appartenenti al gruppo dell amianto (o asbesto) Fibre di anfibolo: Riebeckite (Crocidolite) Na 2 (Fe,Mg) 3 Fe 2 Si 8 O 22 (OH) 2 Grunerite (Amosite) (Fe,Mg) 7 Si 8 O 22 (OH) 2 Antofillite (Mg,Fe) 7 Si 8 O 22 (OH) 2 Tremolite Ca 2 Mg 5 Si 8 O 22 (OH,F) 2 Actinolite Ca 2 (Mg,Fe) 5 Si 8 O 22 (OH,F) 2

49 Amianto crocidolite (Riebeckite)

50 Nuovo anfibolo Fluoro-edenite: NaCa 2 Mg 5 Si 7 AlO 22 F mm Varietà asbestiforme

51 Fillosilicati (Si 2 O 5 ) 2-

52 Strutture diottaedriche (Al) e triottaedriche (Mg)

53 Struttura delle miche Struttura della muscovite (diottaedrica) Struttura della flogopite (triottaedrica)

54 Struttura monoclina delle miche c

55 POLITIPIA

56 Muscovite: KAl 2 (AlSi 3 O 10 )(OH,F) 2 Al solo polarizzatore A polarizzatori incrociati

57 Flogopite: KMg 3 (AlSi 3 O 10 )(OH,F) 2

58 Biotite: K(Fe,Mg) 3 (AlSi 3 O 10 )(OH,F) 2

59 Lepidolite: K(Li,Al) 2-3 (AlSi 3 O 10 )(O,OH,F) 2

60 Curvatura dei serpentini

61 Osservazioni al TEM (Microscopio Elettronico a Trasmissione)

62 I minerali argillosi

63 Strutture dei principali minerali delle argille

64 Scambio cationico nelle argille

65 TECTOSILICATI

66 Grafico composizionale dei feldspati

67 Struttura del K-feldspato

68 Struttura dell Albite: NaAlSi 3 O 8 Struttura dell Anortite: CaAl 2 Si 2 O 8

69 Granito

70 K-feldspato (ortoclasio): KAlSi 3 O 8 (sist. monoclino)

71 Geminazioni dei feldspati Legge fondamentale della geminazione: i piani e gli assi di geminazione non possono corrispondere agli elementi di simmetria del cristallo

72 Microclino: KAlSi 3 O 8 (sist. triclino)

73 Plagioclasio (Na,Ca)Al 1-2 Si 2-3 O 8

74 Feldspatoidi

75 Leucite: KAlSi 2 O 6

76 Zeoliti: (Na 2,Ca,K 2,Ba) x [(Al,Si)O 2 ] 2x n(h 2 O) Per lo più rombiche o monocline Aspetto: Si distinguono zeoliti fibrose (es. natrolite, scolecite, erionite), fibrosoraggiate, tabulari (es. stilbite, heulandite, clinoptilolite), 'equidimensionali' (es. phillipsite, cabasite). Sono incolori, bianche, ma a volte giallo-rossastre. Mostrano spesso forme cristalline caratteristiche. Proprietà: Semidure, leggere, fragili e solitamente perfettamente sfaldabili. Trasparenti o traslucide, con lucentezza vitrea, ma spiccatamente madreperlacea sulle superfici di sfaldatura delle zeoliti tabulari. Associazioni: Tipicamente come riempimento secondario di geodi e fratture in rocce vulcaniche (per lo più basiche), assieme a calcite e analcime, e metamorfiche. In depositi sfruttabili derivati da alterazione di vetri vulcanici in vulcanoclastiti (soprattutto clinoptilolite, phillipsite, erionite).

77 Sodalite: Na 8 (AlSiO 4 ) 6 Cl 2 Struttura delle zeoliti

78 Phillipsite (K 2 Na 2 Ca)(Al 2 Si 4 )O H 2 O Chabasite Ca 2 (Al 2 Si 4 )O 12 6H 2 O Natrolite Na 2 (Al 2 Si 3 O 10 ) 2H 2 O

79 Carbonati I carbonati hanno in comune l'anione bivalente (CO 3 ) 2- CN = Numero di Coordinazione e.v. = valenza elettrostatica e.v. = Valenza/CN Coordinazione planare

80 I Carbonati si dividono in sottoclassi: - carbonati anidri - carbonati idrati Nella sottoclasse principale (anidri) si individuano tre serie: calcite aragonite dolomite

81 Simmetrie dei carbonati anidri - ESAGONALI (Romboedrici 32/m), con i cationi di media grandezza (Ca, Mg, Fe, Mn, Zn) - ROMBICI (2/m 2/m 2/m), con cationi più grandi (Ca, Ba, Sr, Pb) Il limite di separazione è un raggio ionico di circa 1 Å, come quello del Calcio: per questa ragione è presente in entrambe le serie. La serie della dolomite, costituita da carbonati doppi (CO 3 ) 2, è caratterizzata dalla perdita di simmetria ( - 3) dovuta alle differenti dimensioni dei due cationi presenti (Ca e Mg).

82 Classificazione dei Carbonati

83

84

85

86 Calcite CaCO 3 : scalenoedrica ditrigonale (esagonale) A 3 Romboedro Struttura della Calcite

87 Calcite

88 Altri carbonati della serie della Calcite Magnesite MgCO3 Smithsonite ZnCO3 Rodocrosite MnCO3

89 Carbonati rombici: 2/m 2/m 2/m Aragonite: CaCO 3 Geminato pseudoesagonale

90 Witherite: BaCO3 Stronzianite: SrCO3 Sruttura di un carbonato rombico

91 Dolomite: CaMg(CO 3 ) 2

92 Carbonati idrati (monoclini) Malachite: Cu 2 CO 3 (OH) 2 La Malachite è quasi sempre associata all Azzurrite: Cu 3 (CO 3 ) 2 (OH) 2

93 Solfati: (SO 4 ) 2- Solfati idrati: Gesso CaSO 4.2H 2 O Antlerite Cu 3 SO 4.(OH) 4 Alunite KAl 3 (SO 4 ) 2 (OH) 6 Solfati anidri: Baritina BaSO 4 Celestina SrSO 4 Anglesite PbSO 4 Anidrite CaSO 4

94 Gesso: CaSO 4.2H 2 O

95 Solfati anidri Baritina BaSO 4 Anidrite CaSO 4 Celestina SrSO 4 Anglesite PbSO 4

96 Fosfati: (PO 4 ) 3- Gruppo dell Apatite: Ca 5 (PO 4 ) 3 (OH,F,Cl) Idrossiapatite Ca 5 (PO 4 ) 3 OH Fluorapatite Ca 5 (PO 4 ) 3 F Clorapatite Ca 5 (PO 4 ) 3 Cl Carbonatapatite Ca 5 (PO 4,CO 3,OH) 3 F

97 Apatite: Ca 5 (PO 4 ) 3 (OH,F,Cl) (OH, F, Cl) 6/m Ca P (0001)

98 Apatite Cristallo prismatico di apatite Sezione basale (0001). Solo polarizzatore. Apatite aciculare Rilievo alto dell apatite. Solo polarizzatore.

99 Altri minerali del gruppo dei fosfati Turchese: CuAl 6 (PO 4 ) 4 (OH) 8 4H 2 O Monazite: (Ce, La, Y, Th)PO 4 Wavellite: Al 3 (PO 4 ) 2 (OH) 3 8H 2 O

100 OSSIDI Negli ossidi l ossigeno si trova combinato con uno o più metalli. Si dividono in: ossidi semplici e ossidi multipli -Gli ossidi semplici sono formati da un metallo e l ossigeno, con differenti rapporti X : O (X 2 O, XO, X 2 O 3, XO 2 ) -Gli ossidi multipli hanno due siti atomici (A e B) non equivalenti, occupati da metalli, con formula generale XY 2 O 4 Tipo X 2 O e XO Tipo X 2 O 3 Tipo XO 2 Tipo XY 2 O 4 Gruppo dell ematite Gruppo del rutilo Gruppo dello spinello Cuprite Cu 2 O Ematite Fe 2 O 3 Rutilo TiO 2 Spinello MgAl 2 O 4 Periclasio MgO Corindone Al 2 O 3 Pirolusite MnO 2 Gahnite ZnAl 2 O 4 Zincite ZnO Ilmenite FeTiO 3 Cassiterite SnO 2 Magnetite FeFe 2 O 4 Uraninite UO 2 Cromite FeCr 2 O 3

101 Ematite: Fe 2 O 3 Ematite lamellare (o micacea) Ematite rosa di ferro Ematite reniforme (o mammellonare)

102 Struttura dell ematite Esagonale: -32/m

103 Ilmenite: FeTiO 3 Struttura dell ilmenite: strati alterni di Fe e Ti

104 Gruppo degli spinelli: XY 2 O 4 Gli spinelli, sulla base della distribuzione dei cationi nei siti strutturali, si dividono in: Spinelli normali Spinelli inversi Spinello MgAl 2 O 4 Magnetite Fe 3+ (Fe 2+ Fe 3+ ) 2 O 4 Hercinite FeAl 2 O 4 Magnesioferrite Fe 3+ (Mg 2+ Fe 3+ ) 2 O 4 Gahnite ZnAl 2 O 4 Jacobsite Fe 3+ (Mn 2+ Fe 3+ ) 2 O 4 Galaxite MnFe 2 O 4 Ulvospinello Fe 3+ (Fe 2+ Ti 4+ ) 2 O 4 Franklinite ZnFe 2 O 4 Cromite FeCr 2 O 4 Magnesiocromite MgCr 2 O 4

105 Magnetite: Fe 3 O 4 (FeFe 2 O 4 ) Magnetite massiva Magnetite ad abito ottaedrico

106 Franklinite: (Zn,Fe,Mn)(Fe,Mn) 2 O 4 Cromite: FeCr 2 O 4

107 Grupo del Rutilo: XO 2 Rutilo: TiO 2 (4/m2/m2/m)

108 Altri minerali del gruppo del Rutilo Cassiterite: SnO 2 Anatasio: TiO 2 Pirolusite: MnO 2

109 Idrossidi Brucite: Mg(OH) 2 Manganite: MnO(OH) Romanechite: BaMn 2+ Mn 4+ 8 O 16 (OH) 4 Goethite: αfeo(oh) Diasporo: αalo(oh)

110 Limonite: FeO. OH. nh 2 O

111 Alogenuri Minerali caratterizzati dalla presenza di alogeni elettronegativi: Cl -, Br -, F -, I - Salgemma: NaCl

112 Fluorite: CaF 2

113 SILICE SiO 2 Tectosilicato: Si : O = 1 : 2 Ossido: SiO 2 Polimorfi della Silice:

114 Diagramma di fase della Silice

115 Quarzo-α (trig.) Quarzo-β (esag.) Tridimite (rombica) Cristobalite (cubica)

116 Varietà di quarzo Quarzo ialino Quarzo citrino Quarzo rosa Quarzo ametista

117 Gemme di quarzo Quarzo citrino Quarzo ametista Il quarzo in sezione sottile

118 Altre forme di Quarzo Geode di quarzo Geode piena (Calcedonio) Varietà di Agata

119 Piezoelettricità del quarzo

120 Tridimite-β (esagonale) Cristobalite (tetrag. o cubica) Immagine al SEM

121 ELEMENTI NATIVI Si dividono in: - Metalli - Semimetalli - Non-metalli I metalli nativi costituiscono tre gruppi: - gruppo dell oro (Fm3m), comprende: oro (Au), argento (Ag), rame (Cu) e piombo (Pb) - gruppo del platino (Fm3m), comprende: platino (Pt), palladio (Pd), iridio (Ir), osmio (Os) - gruppo del ferro: comprende ferro (Fe) (Im3m), e ferro-nickel (Fe-Ni) (Fm3m)

122 Semimetalli nativi: Arsenico (As), Antimonio (Sb) e Bismuto (Bi) R-3m (struttura a legame covalente) Non-metalli nativi: Zolfo (S), Carbonio (C): Diamante e Grafite Zolfo: ortorombico Fddd (molto rare le forme monocline) Struttura: anelli ondulati di 8 atomi

123 I polimorfi del Carbonio Diamante: struttura cubica (tetraedrica), ma non ad impacchettamento compatto buona sfaldatura {111} simmetria: 4/m-32/m abito: ottaedrico Grafite: struttura esagonale (anelli di sei atomi) sfaldatura facile: {0001} simmetria: 6/m2/m2/m abito: lamellare

124 X = elemento metallico Z = elemento non metallico (S) Acantite (Argentite) Ag 2 S Calcocite Cu 2 S Bornite Cu 5 FeS 4 Galena PbS Blenda ZnS Calcopirite CuFeS 2 Pirrotina Fe 1-x S Millerite NiS Pentlandite (Fe,Ni) 9 S 8 Covellina CuS Cinabro HgS Realgar AsS Orpimento As 2 S 3 Antimonite Sb 2 S 3 Pirite FeS 2 Marcasite FeS 2 Molibdenite MoS 2 Cobaltite (Co,Fe)AsS Arsenopirite FeAsS SOLFURI Formula generale: X m Z n

125 Acantite (Argentite) Ag 2 S Galena PbS Calcopirite CuFeS 2 Pirrotina FeS

126 Cinabro HgS Realgar AsS Antimonite Sb 2 S 3 Pirite FeS 2 Molibdenite MoS 2

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1):

I legami. 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): Percorso 3 I legami E S E R C I Z I A Legame covalente omeopolare 1) Rappresenta la struttura della molecola di idrogeno (numero atomico ZH = 1): 2) Rappresenta la struttura della molecola di ossigeno

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore.

1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. ESERCIZI pag: 458 1. Agli estremi di una resistenza di 30 ohm è applicata una tensione di 120 volt. Calcolare la quantità di elettricità passata in 12 ore. 2. Una dinamo produce 6 amp a 160 v. Calcolare

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 375) 1 Le equazioni di reazione 1 Che cosa si intende per reagente? Che cosa si intende per prodotto? 2 Disegna lo schema delle seguenti reazioni (che devono essere

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi.

1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. 1 INCONTRO CHIMICA (PROF.SSA PAOLA BURANI) 1 Atomi e Legami Ogni sostanza chimica è costituita dalla combinazione, in diverse proporzioni, di 92 tipi di atomi. Il termine atomo significa indivisibile e

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Appendice A: tabelle descrittive residenti

Appendice A: tabelle descrittive residenti Appendice A: tabelle descrittive residenti 1. PARAMETRI EMATOCHIMICI DI BASE Nelle tabelle 1-12 sono riportati in dettaglio i risultati delle analisi descrittive riguardanti i parametri ematochimici di

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

TECNICHE per la RICERCA e l IDENTIFICAZIONE dell AMIANTO al microscopio

TECNICHE per la RICERCA e l IDENTIFICAZIONE dell AMIANTO al microscopio Art. n 26 TECNICHE per la RICERCA e l IDENTIFICAZIONE dell AMIANTO al microscopio Col termine commerciale e generico di amianto 1 vanno indicati alcuni silicati e fillosilicati con abito cristallino fibroso.

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Lo Strano Mondo degli Atomi. Concezione e testo : Jacques Deferne Disegni : Alain Gassener Traduzione di Enrico Fantini

Lo Strano Mondo degli Atomi. Concezione e testo : Jacques Deferne Disegni : Alain Gassener Traduzione di Enrico Fantini Lo Strano Mondo degli Atomi Concezione e testo : Jacques Deferne Disegni : Alain Gassener Traduzione di Enrico Fantini Jacques Deferne, 1 mai 2014 2 Avviso ai lettori Che i chimici e fisici mi perdonino!

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi.

Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. CHIMICA INORGANICA Principali caratteristiche degli elementi dei primi cinque Gruppi Analitici, del magnesio, dei più importanti anioni e cenni sui complessi. Struttura 3D del calcicromo, un complessante

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

GEOMETRIA MOLECOLARE

GEOMETRIA MOLECOLARE GEOMETRIA MOLECOLARE Le molecole hanno geometrie spaziali ben definite caratterizzate da distanze di legame ed angoli di legame. Questi possono essere determinati sperimentalmente (es. raggi X). Si vede

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici

Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici 1 Espansione 6.2 Le regole della nomenclatura tradizionale e IUPAC dei composti inorganici Dalle formule ai nomi dei composti: 1) Riconoscere classi di composti dalla formula Per dare un nome a una formula

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Soluzioni degli esercizi

Soluzioni degli esercizi 3 Soluzioni degli esercizi Valitutti, Tifi, Gentile LINEAMENTI DI CIMICA Terza edizione Zanichelli 2012 69 CAPITL 1 CAPITL 1 LE MISURE E LE GRANDEZZE Soluzioni capitolo 1 1. Il Sistema Internazionale di

Dettagli

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25

Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 Linee guida sui dispositivi di trattamento delle acque destinate al consumo umano ai sensi del D.M. 7 febbraio 2012, n. 25 20 marzo 2013 Indice RIASSUNTO 2 INTRODUZIONE 4 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata».

Esercizi sul calcolo del ph. Generalità introduttive. 2. Spiega il significato del termine «acido coniugato» e «base coniugata». Esercizi sul calcolo del ph Generalità introduttive 1. L'ammoniaca :NH 3 non possiede alcun ruppo ossidrilico. Come puoi spieare il suo comportamento basico? 2. Spiea il sinificato del termine «acido coniuato»

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione

Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione Competizione tra reazioni di sostituzione e di eliminazione C δ + δ - CH 2 G Centro elettrofilo δ + H Centro elettrofilo Potenziale buon gruppo uscente Si distinguono due principali meccanismi di eliminazione:

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali

Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Uso del Calcolatore nella Scienza dei Materiali Difetti locali nei materiali cristallini Adattato dalle lezioni del prof. Cesare Pisani Dalle molecole ai cristalli Bartolomeo Civalleri/Lorenzo Maschio

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI

INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI INDICE TRATTAMENTO SUPERFICI CODICE ARTICOLO DESCRIZIONE U.M. 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ASTA PER SCOVOLI IN PPL MM.1400 SIT PEZZO 5752050 SPAZZOLE-PAG.8 ATTACCO FLESSIBILE IN ACCIAIO PER SCOVOLI M.12 SIT

Dettagli

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo.

Anello commutativo. Un anello è commutativo se il prodotto è commutativo. Anello. Un anello (A, +, ) è un insieme A con due operazioni + e, dette somma e prodotto, tali che (A, +) è un gruppo abeliano, (A, ) è un monoide, e valgono le proprietà di distributività (a destra e

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA. in RADIAZIONE POLARIZZATA

INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA. in RADIAZIONE POLARIZZATA ISTITUTO NAZIONALE di FISICA NUCLEARE Sezione di Bologna DIPARTIMENTO di FISICA Università degli Studi di Bologna Giovanni Pietro SINI INTRODUZIONE ALLA MICROSCOPIA in RADIAZIONE POLARIZZATA Revisione

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH

DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH DIFFERENZE TRA SPIRULINA E KLAMATH La Klamath è da preferire ad altre verdi-azzurre per la sua ricchezza di nutrienti completamente naturali e perfettamente bilanciati. Inoltre svolge un'azione stimolante

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA. 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra

1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA. 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra 1 - COMPOSIZIONE CHIMICA DELLA TERRA 1.1 - Di che cosa è fatta la Terra La Terra (fig. 1.1) può essere suddivisa nel seguente modo: biosfera, insieme di tutti gli organismi viventi sulla Terra; atmosfera,

Dettagli

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition

Un legame stabile. Oliver Brix. Oliver Brix - Eris for E2 - Special Edition Oliver Brix Un legame stabile file:///c /infodental.it/articoli/oliver%20brix/art1/art1.html (1 of 17)28/07/2006 16.11.35 Dal 1998 esiste il sistema di ceramica a termopressione IPS Empress 2 per la realizzazione

Dettagli

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i

NUMERI COMPLESSI. Esercizi svolti., e) i 34, f) i 7. 10 i NUMERI COMPLESSI Esercizi svolti 1. Calcolare le seguenti potenze di i: a) i, b) i, c) i 4, d) 1 i, e) i 4, f) i 7. Semplificare le seguenti espressioni: a) ( i) i(1 ( 1 i), b) ( + i)( i) 5 + 1 ) 10 i,

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Versione A Libretto Test

Versione A Libretto Test LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 2 Linguaggio Matematico di Base LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 1. La media aritmetica di due numeri s e t è 2 3. Allora t è uguale a A. B. C. D. E. 4 2s 3 3 2s 2 4 3s 2 4 3s

Dettagli

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI

COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI COS È L ALLUMINIO? UN PROGETTO DI 1. STORIA DELL ALLUMINIO 2. COME SI PRODUCE 3. CICLO DELL ALLUMINIO 4. ALLUMINIO INTORNO A NOI 5. LO SAPEVI CHE? UN PROGETTO DI STORIA DELL ALLUMINIO LE ORIGINI DELL ALLUMINIO

Dettagli

Gli orbitali: modello atomico probabilistico

Gli orbitali: modello atomico probabilistico 1 Approfondimento 2.1 Gli orbitali: modello atomico probabilistico Modello atomico planetario (o a gusci): gli elettroni ruotano intorno al nucleo percorrendo orbite prefissate. Il modello atomico planetario

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

Formule di Struttura delle Molecole Organiche

Formule di Struttura delle Molecole Organiche Formule di Struttura delle Molecole Organiche Costituzione L ordine in cui gli atomi di una molecola sono connessi è chiamata costituzione o connettività. La costituzione di una molecola deve essere determinata

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

CODICI CER NON PERICOLOSI

CODICI CER NON PERICOLOSI CODICI CER NON PERICOLOSI 01 RIFIUTI DERIVANTI DA PROSPEZIONE, ESTRAZIONE DA MINIERA O CAVA, NONCHÉ DAL TRATTAMENTO FISICO O CHIMICO DI MINERALI 01 01 rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali 01 01

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Areni Composti aromatici

Areni Composti aromatici Areni Composti aromatici Areni: composti contenenti l anello benzenico Aromatico: aggettivo usato un tempo per indicare fragrante, ora indica la elevata stabilità di un sistema ciclico contenente elettroni

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa

Trasmissione del suono attraverso una parete. Prof. Ing. Cesare Boffa Trasmissione del suono attraverso una parete Prof. ng. Cesare offa W t W i scoltatore W r orgente W a La frazione di energia trasmessa dalla parete è data dal fattore di trasmissione t=w t /W i. Più spesso

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

1. Conoscenze di base per le Scienze della Terra

1. Conoscenze di base per le Scienze della Terra . Conoscenze di base per le Scienze della Terra Il Lago Natron è un lago salino che si trova in Tanzania. Il suo bellissimo colore rosso non è dovuto a una bizzarra forma di inquinamento, ma deriva dalla

Dettagli