CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani"

Transcript

1 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007

2 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più esterna del nostro pianeta: il suo spessore varia fra 5 e 70 Km ed è formata da minerali e rocce di differenti origini e composizione. Le rocce sono per lo più aggregati naturali di diversi minerali o, a volte, di sostanze non cristalline e si classificano come omogenee (se formate da un solo minerale) o eterogenee (costituite da più minerali). Le masse rocciose di cui è costituita la crosta originano ed evolvono in condizioni ambientali molto varie; i tre fondamentali processi litogenetici sono detti magmatico o igneo, sedimentario e metamorfico. Il processo magmatico genera le rocce ignee: un magma ad alta temperatura e in condizioni di elevata pressione, raffreddandosi con modalità diverse, cristallizza in minerali che si aggregano a formare rocce. La cristallizzazione di un magma si completa a temperature non inferiori a 650 C: i fluidi residui, originariamente sciolti nel magma, caldissimi e ricchi di numerose specie ioniche, raffreddandosi danno luogo ad un corteo di ammassi minerali. Il processo sedimentario comprende l alterazione e l erosione dei materiali rocciosi affioranti in superficie dovuta ad agenti fisici e chimici: il trasporto delle sostanze erose e l accumulo in ambiente marino, portano, in tempi lunghissimi, alla formazione di rocce sedimentarie. Il processo sedimentario si svolge sulla superficie terrestre o nelle immediate vicinanze: è caratterizzato da basse temperature (fra 0 e 150 C) e da bassa pressione. Il processo metamorfico consiste nella trasformazione, allo stato solido, di rocce preesistenti sia magmatiche che sedimentarie, in condizioni ambientali assai diverse da quelle di origine: i minerali preesistenti sono distrutti e se ne formano altri con caratteristiche strutturali in equilibrio con le nuove condizioni ambientali. Le reazioni che portano alle rocce metamorfiche si verificano a temperature comprese fra 300 e 800 C e le pressioni sono quasi sempre elevate. Il processo si svolge entro la crosta e coinvolge nelle trasformazioni ampi spessori di roccia. Quando le temperature raggiungono valori elevati (fra 650 e 800 C), le condizioni ambientali vengono a coincidere con quelle di alcuni fusi magmatici, per cui si può avere il passaggio da metamorfismo a magmatismo (fusi anatettici). Sedimenti e rocce sedimentarie coprono gran parte della superficie delle terre emerse e dei fondali marini mentre gran parte del volume della crosta terrestre è costituito da rocce ignee e da rocce metamorfiche. Teoricamente, la superficie delle terre emerse, asportati vegetazione e suolo, risulterebbe formata per il 55-60% da rocce metamorfiche, per il 35-40% da rocce ignee e per circa il 5% da rocce sedimentarie ROCCE IGNEE La cristallizzazione delle prime rocce ignee, nelle fasi precoci della storia della Terra, diede origine alla formazione della crosta terrestre, e fu l inizio del ciclo geologico tuttora in atto. Le rocce ignee si formano per cristallizzazione in profondità o sulla superficie terrestre di magmi presenti allo stato fluido nel mantello superiore o nella crosta terrestre profonda.

3 Le rocce ignee si distinguono in intrusive (o plutoniche) e in effusive. Le prime (ad esempio il granito) originano nelle profondità della crosta terrestre e presentano cristalli di grandi dimensioni la cui formazione è legata ai lunghi tempi del processo di raffreddamento; le seconde si formano sulla superficie del pianeta per raffreddamento rapido dopo eruzioni vulcaniche: sono composte da cristalli piccoli e vetri vulcanici (ad esempio, ossidiane). Quarzo, feldspati, miche, pirosseni, anfiboli, olivina sono i minerali più comuni presenti nelle rocce ignee. La composizione chimica di tali rocce e la struttura dei silicati che in percentuali diverse le compongono è riportata nella Tabella 1.1. TABELLA Minerali comunemente presenti nelle rocce ignee. Minerale Composizione chimica Struttura dei silicati Minerali femici Olivina (Mg, Fe) 2 SiO 4 Tetraedri isolati Pirosseni (Mg, Fe, Ca,Al)SiO 3 Catene semplici Anfiboli (Mg, Fe, Ca, Al)Si 8 O 22 (OH) 2 Catene doppie Biotite (mica) (K, Mg, Ca, Al)Si 3 O 10 (OH) 2 Strati Minerali sialici Muscovite (mica) KAl 3 Si 3 O 10 (OH) Strati Plagioclasio (feldspato) NaAlSi 3 O 8, CaAl 2 Si 2 O 8 Impalcature tridimensionali Feldspato potassico KAlSi 3 O 8 Impalcature tridimensionali Quarzo SiO 2 Impalcature tridimensionali (da F. Press, R. Siever, 1997) Le rocce più ricche in silice sono dette sialiche o felsiche, quelle più povere sono dette femiche o mafiche. La composizione mineralogica delle rocce ignee è rappresentata come percentuale in volume di un dato minerale (anfibolo, biotite, plagioclasio, ecc.) per una roccia avente un dato contenuto in silice. La grande varietà di rocce ignee riscontrabile in natura dipende dalla composizione iniziale dei magmi: questa varia in funzione dell origine e delle varietà dei tipi di rocce che sono andate incontro a fusione, generando il magma. La parziale fusione delle rocce presenti nella parte superiore del mantello produce magma basaltico; un miscuglio di rocce sedimentarie e di rocce oceaniche basaltiche possono fondere insieme per formare magma andesitico; la fusione di rocce sedimentarie, ignee e metamorfiche continentali possono produrre un magma granitico Rocce acide e basiche I magmi ricchi in silice e alluminio danno origine a rocce di colore generalmente chiaro, formate da pochi silicati, molti alluminosilicati e una certa quantità di silice libera che solidifica in granuli di quarzo. Tali magmi sono detti acidi (silice presente in misura superiore al 65% in peso): ne derivano rocce acide o sialiche. Altri magmi hanno una quantità di silice inferiore al 52% e sono relativamente più ricchi in Fe, Mg e Ca: questi magmi sono detti basici e danno origine a rocce di colore scuro (dal verde, al grigio scuro, al nero), dette basiche o femiche, composte da molti silicati, pochi alluminosilicati e privi di silice libera. Un terzo gruppo di magmi ha composizione intermedia; contengono dal 52 al 65% in peso di silice, hanno un rapporto equilibrato fra silicati e alluminosilicati e sono detti neutri. Da magmi ultrabasici, con percentuale di silice inferiore al 45%, derivano rocce ultrabasiche o ultrafemiche, di colore molto scuro e formate essenzialmente da silicati di Fe e Mg.

4 La serie delle rocce intrusive Usando come base per la classificazione le percentuali di silice e la presenza di silicati caratteristici, la serie delle rocce intrusive inizia con il granito. Granito Il granito contiene circa il 70% di silice, una quantità abbondante di quarzo e di feldspato potassico, una minore quantità di plagioclasi, feldspati ricchi di sodio: questi minerali sialici di colore chiaro conferiscono al granito il suo colore rosa o grigio. Granodiorite La granodiorite è roccia sialica, di colore chiaro simile al granito e contiene un abbondante quantità di quarzo; il feldspato predominante è il plagioclasio. Diorite La diorite è costituita in prevalenza da plagioclasio e contiene una quantità scarsa o nulla di quarzo. Le dioriti contengono una quantità moderata di minerali femici (biotite, anfiboli e pirosseni) e tendono ad essere più scure dei graniti e delle granodioriti. Gabbro Il gabbro è roccia di colore grigio-scuro ricca di minerali femici, specialmente di pirosseni, ma priva di quarzo e con modeste quantità di plagioclasi. A percentuali molto basse di silice (solo il 45%) si trova la peridotite, una roccia di colore grigio verdastro scuro, costituita principalmente da pirosseni e olivina. FIGURA 1.1 Rocce ignee intrusive ed effusive e loro composizione. (da F. Press, R. Siever, 1997)

5 I plagioclasi sono più ricchi di sodio vicino all estremo del granito e più ricchi di calcio vicino all estremo del gabbro. Le rocce magmatiche effusive o vulcaniche sono classificate nello stesso modo delle rocce intrusive: Riolite Equivalente vulcanico del granito, ha la stessa composizione sialica e, spesso, la stessa colorazione chiara del granito, ma ha grana molto più fine. Andesite Equivalente vulcanico della diorite. Dacite Equivalente vulcanico della granodiorite. Basalto Il basalto, all estremo femico della serie, di colore da grigio scuro a nero, è l equivalente a grana fine del gabbro Rocce effusive con tessitura speciale Le tessiture speciali di alcune rocce sono in relazione con i molti modi in cui vengono effuse. Molte di esse solidificano da colate di lava; rocce piroclastiche, costituite da frammenti di lava e vetro lanciati nell aria fino a una quota elevata, sono prodotte da attività vulcanica esplosiva; frammenti più fini costituiscono le ceneri vulcaniche. Le rocce che ne derivano assumono il nome di piroclastiti Tettonica delle placche, magmi e rocce Per la teoria della tettonica delle placche esiste una connessione fra plutonismo e processo orogenetico e tra questi due e la dinamica dei movimenti delle placche. La subduzione dà origine alla formazione di vari tipi di magmi. La parte superiore di una placca oceanica in subduzione comprende crosta oceanica, costituita in gran parte da basalto derivato dalla dorsale, acqua e sedimenti deposti durante il tragitto della placca dalla dorsale oceanica alla zona di subduzione e non ancora compattati. Mentre la placca oceanica sprofonda, l aumento di temperatura e di pressione trasforma i sedimenti prima in rocce sedimentarie poi, a maggiori profondità, in rocce metamorfiche. Man mano che la litosfera scende a profondità maggiori, raggiunge le temperature di fusione delle rocce sedimentarie o delle rocce metamorfiche, con formazione di magmi. Questi, risalendo nella crosta, possono far fondere parti della placca sovrastante e, miscelandosi con tali fusi, subire cambiamenti di composizione. Da tali processi origina tutta una gamma di rocce ignee, sia intrusive sia effusive, con varia rappresentazione di minerali ed elementi chimici. I vulcani localizzati sulle parti più profonde della zona di subduzione, dove il processo di fusione è attivo, eruttano lave da basaltiche ad andesitiche o anche più siliciche. Questi vulcani e le loro rocce effusive formano gli archi vulcanici insulari. Quando la subduzione avviene al di sotto di un continente, vulcani e rocce effusive formano archi montuosi sulle terre emerse. Man mano che le catene montuose si formano, rocce intrusive cristallizzano in profondità in corpi di rocce ignee da femiche a sialiche, a seconda della composizione del magma di origine e del grado della sua differenziazione. Ogni evento della tettonica delle placche produce la propria distribuzione di rocce ignee: le colate laviche e le pirocla-

6 stiti eruttate dai vulcani; i batoliti, i dicchi e i filoni-strato intrusi in profondità; tutta un ampia varietà di rocce che derivano da magmi di composizioni varie, differenziati per vie diverse. Ciascuna di tali entità, affiorata in superficie, diviene oggetto di disgregazione e dissoluzione: i minerali e gli elementi che costituiscono le rocce ignee giocano ruoli differenti ed essenziali nell origine e nel perpetuarsi dei cicli vitali ROCCE SEDIMENTARIE Le rocce sedimentarie derivano dai processi che si svolgono nella parte del ciclo litologico relativa alla superficie: degradazione meteorica, erosione, trasporto, deposizione, sedimentazione, seppellimento e diagenesi. Le rocce sedimentarie rappresentino il 5% della composizione complessiva della crosta superiore e, tuttavia, coprono gran parte della superficie del pianeta. Ogni roccia che arrivi ad affiorare in superficie è attaccata dagli agenti atmosferici che ne provocano la disgregazione in frammenti e l alterazione dei minerali originari, con intensità e modi diversi secondo i climi. Gran parte dei sedimenti è formata da frammenti di rocce disgregate e trasportate da ghiacciai e da fiumi; seguono gusci o scheletri di macro e microrganismi animali e vegetali, sabbie trasportate dal vento, ceneri vulcaniche, polveri cosmiche e prodotti di disgregazione delle meteoriti che entrano nell atmosfera. La litificazione avviene essenzialmente attraverso processi di compattazione (dovuta al peso dei materiali che progressivamente vanno sovrapponendosi) e di cementazione (per precipitazione di sali trasportati da acque circolanti). La maggior parte delle rocce sedimentarie è prodotta dall accumulo meccanico di frammenti derivati da rocce preesistenti, spesso alterate chimicamente dal contatto con fluidi e gas contenuti nell atmosfera e disgregate ad opera di agenti quali il gelo, le acque dilavanti, i fiumi, il vento, la caduta per gravità ecc. (agenti esogeni). Si è soliti distinguere rocce sedimentarie detritiche o clastiche, rocce organogene o biogene e rocce di origine chimica Le rocce clastiche o detritiche Sono rocce formate da frammenti di altre rocce di ogni tipo, che si accumulano in trappole di sedimentazione, quando il mezzo che li trasporta (acqua, vento, ghiaccio) perde la sua energia. Nella loro classificazione si tiene conto delle dimensioni dei clasti: si distinguono psefiti o ruditi se i clasti sono grossolani (diametro massimo superiore a 2 mm); psammiti o areniti, con clasti medio-fini (tra 2 e 1/16 di mm) e peliti o lutiti, con clasti finissimi (sotto 1/16 di mm). Le psefiti sono i conglomerati che derivano dalla lenta cementazione delle ghiaie. Si dividono in brecce, con ciottoli spigolosi, e puddinghe, con ciottoli arrotondati. Psammiti Comprendono le arenarie, sabbie cementate che possono essere ricche di granuli di quarzo (arenarie quarzose), o di frammenti di feldspati (arenarie feldspatiche), o di detriti di calcare (arenarie calcaree). Peliti Tipiche peliti sono le argille: assumono il nome di argilliti quando si compattano per diagenesi, perdendo acqua. Flysch I flysch sono masse rocciose miste, formate spesso da alternanze di strati di arenarie e di argilliti (da risedimentazione su una piana abissale, in seguito a correnti di torbida) a debole spessore ma ripetute migliaia di volte. Marne Le marne derivano da una mescolanza di calcare di origine detritica o chimica e di argilla di origine detritica, secondo varie proporzioni; si distinguono calcari, marne argillose e calcari marnosi.

7 Piroclastiti Depositi di materiali di varie dimensioni (ceneri e lapilli) emesse dalle esplosioni vulcaniche Rocce organogene Sono formate quasi esclusivamente da accumulo di sostanze legate ad un attività biologica. Si possono distinguere semplici accumuli di gusci e apparati scheletrici, ammassi di organismi costruttori quali coralli e spugne, ecc.. Tipiche rocce organogene sono le rocce carbonatiche, formate quasi esclusivamente da carbonato di calcio (CaCO3, calcite); tra queste sono comunissimi i calcari organogeni, sia bioclastici (per accumulo di gusci) sia biocostruiti. L accumulo di gusci di organismi che utilizzano la silice invece della calcite, porta alle rocce organogene silicee. Tra queste la più diffusa è la selce, formata da SiO 2. Altre rocce a base di silice sono le diatomiti, lacustri o marine, formate da miliardi di gusci di diatomee e resti più scarsi di altri microorganismi. Rocce organogene sono anche i carboni fossili e gli idrocarburi Rocce sedimentarie di origine chimica Si depongono per semplice precipitazione sul fondo di bacini acquei, di composti sciolti nell acqua del mare o dei laghi. Appartengono a questo gruppo i carbonati, calcari e dolomie: a volte questi materiali derivano da precipitazione di CaCO 3 o di CaMg(CO 3 ) 2 nell acqua del mare, senza l intervento di organismi viventi. sovrapposti e/o concentrici, non di rado a colore diverso. Anche alcune rocce silicee possono derivare direttamente da precipitazione chimica, sul fondo del mare o in corrispondenza di sorgenti termali. Fenomeni di precipitazioni per evaporazione del solvente sono invece all origine delle evaporiti. Quando un bacino marino rimasto isolato evapora completamente o quasi, sul suo fondo si depositano i sali contenuti nell acqua di mare, in ordine inverso di solubilità: prima la calcite e la dolomite, poi il gesso e l anidrite, infine il salgemma, la silvite e la carnallite (cloruri di Na, K, Mg). Sono di origine chimica anche le rocce residuali dovute ad alterazione della roccia affiorante e successivo dilavamento delle sostanze solubili. L alterazione meteorica dei silicati contenuti nelle rocce ignee o metamorfiche provoca, in aree tropicali, a clima caldo e molto umido, l allontanamento in soluzione di silice insieme a Mg, Ca, Na, K, con formazione di lateriti, costituite da idrossidi ricchi di Al e Fe, e di bauxiti, se anche il Fe viene allontanato ROCCE METAMORFICHE Il termine metamorfismo indica la trasformazione, in termini di specie di minerali e di struttura interna, di una qualsiasi delle rocce ignee e sedimentarie quando cambiano le condizioni ambientali (temperatura, pressione) in cui si trovano. Il metamorfismo si verifica all interno della crosta terrestre, spesso in seguito a processi di sprofondamento di rocce poste in superficie; durante tale processo le rocce mantengono lo stato solido, senza passare allo stato fuso. Al termine della cristallizzazione metamorfica compaiono nuove associazioni mineralogiche, espressione del nuovo equilibrio fra roccia e ambiente. Si distingue un metamorfismo da contatto in cui le rocce, a diretto contatto di un magma in risalita, modificano la loro composizione in minerali, e un metamorfismo regionale in cui movimenti della crosta terrestre fanno sprofondare masse di rocce sedimentarie o magmatiche, che sono così sottoposte a temperature crescenti e a forti pressioni. Quando prevale l azione delle forti pressioni, a profondità relativamente basse, risulta accentuato il carattere della scistosità delle rocce; al crescere della temperatura e della profondità tale carattere viene perduto.

8 L associazione minerale di una roccia metamorfica dipende principalmente dalla composizione della roccia originaria Famiglie di rocce metamorfiche Le rocce metamorfiche costituiscono il 55-60% delle rocce esposte sulla crosta terrestre. Tra i tipi principali vi sono: Filladi Derivate da metamorfismo di basso grado di rocce argillose o argillo-sabbiose; sono formate da minutissimi cristalli di quarzo, mica e clorite e la scistosità è molto accentuata. Micascisti Sottili strati alternati di piccoli cristalli di quarzo e miche che conferiscono alla roccia la tipica scistosità. Derivano da metamorfismo regionale di grado da medio ad elevato di rocce argillose e si distinguono in numerosi tipi secondo i minerali prevalenti: micascisti a granati, ad anfiboli, a tormalina o anche a grafite. I micascisti sono tipici delle facies degli scisti verdi e delle anfiboliti. Gneiss Derivano da metamorfismo regionale da medio ad alto su originarie rocce argillose contenenti quarzo in granuli minuti e alluminosilicati; sono costituiti da feldspato potassico, plagioclasio e miche. Hanno composizione simile ai graniti, ma con minerali isorientati, tanto da originare una sia pur modesta scistosità. La sequenza filladi-micascisti-gneiss riunisce tappe a metamorfismo crescente di rocce sedimentarie argilloso-arenacee. Quarziti Dal metamorfismo di rocce arenacee quarzose, Calcescisti Da calcari marnosi o marne, per metamorfismo regionale di grado basso o medio Serpentiniti Da metamorfismo regionale di basso grado di rocce ignee ultrabasiche (peridotiti). Le serpentiniti sono rocce scistose di colore verde in cui abbonda il serpentino, minerale costituito da silicato di magnesio che deriva dalla trasformazione di minerali femici, come olivina, pirosseno e anfiboli. Calcescisti e serpentiniti rientrano nella facies degli scisti verdi. In zone della crosta caratterizzate da alte pressioni e temperature relativamente basse si formano scisti a glaucofane (un anfibolo azzurro), derivati dal metamorfismo a basso grado di lave basaltiche (caratterizzano la facies degli scisti blu). Per metamorfismo di rocce basiche, in condizioni di pressione molto elevate e di elevate temperature, originano le eclogiti, rocce a pirosseno e granato, ad alta densità. A metamorfismo di alte temperature e pressioni variabili, in condizioni di assenza o scarsezza di acqua, sono attribuite le granuliti a granati, rocce silicatiche ricche di feldspati e pirosseni. Il carattere della scistosità del quale sono provviste gran parte delle rocce metamorfiche, le rende più attaccabili dagli agenti atmosferici e da fattori biotici, essendo la superficie di contatto estesa dalla facilità dello smembramento in fogli sottili dell intera roccia. Ecologia della Nutrizione 2007

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

LE ROCCE. Tali processi fanno parte del ciclo litogenetico di cui rappresentano stadi distinti:

LE ROCCE. Tali processi fanno parte del ciclo litogenetico di cui rappresentano stadi distinti: LE ROCCE Una roccia può essere genericamente definita come un aggregato naturale di minerali differenti (rocce polimineraliche), ma esistono rocce costituite per la quasi totalità della sua massa da un

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NEL BIENNIO DELL OBBLIGO DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE SCIENTIFICO TECNOLOGICO SCIENZE INTEGRATE

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48.

Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48. La nostra escursione inizia da Passo Valles, dove abbiamo intrapreso il sentiero CAI 751, noto anche come Alta Via delle Dolomiti n o 2 (che collega Bressanone a Feltre) o Sentiero Italia (SI), in Fig.

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo

29/09/2014 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA. Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 1 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI PIETRA Lavorazione dei blocchi e delle lastre di marmo 2. LAVORAZIONE DEI BLOCCHI DI

Dettagli

Manuale di Ingegneria Geotecnica

Manuale di Ingegneria Geotecnica Didattica e Ricerca Manuali Manuale di Ingegneria Geotecnica a cura di Diego Lo Presti volume i Contributi di: Barbara Cosanti, Ilaria Giusti, Stefano Giusti, Diego Carlo Lo Presti, Nunziante Squeglia,

Dettagli

A mio padre Walter che m insegnò la passione per lo studio della Geotecnica e l importanza del rigore morale e professionale

A mio padre Walter che m insegnò la passione per lo studio della Geotecnica e l importanza del rigore morale e professionale A mio padre Walter che m insegnò la passione per lo studio della Geotecnica e l importanza del rigore morale e professionale Maurizio Tanzini PERFORAZIONI A SCOPO GEOTECNICO E TECNICHE DI CONSOLIDAMENTO

Dettagli

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA Indice 1 INDICE GENERALE 1. CHIMICA GENERALE E ORGANICA CHIMICA GENERALE STRUTTURA DELL ATOMO PAG. 1 TAVOLA PERIODICA PAG. 7 PROPRIETÀ PERIODICHE PAG. 9 LEGAMI CHIMICI PAG. 11 MOLECOLE E CRISTALLI PAG.

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico.

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta Parte II Classificazione delle Rocce Metamorfiche Il nome di una roccia metamorfica in genere si basa sul quello che la roccia era prima di essere metamorfosata

Dettagli

Le rocce. Elementi di Geologia - Scienze e tecnologie per i Beni Culturali - Maria Chiara Turrini - Università degli Studi di Ferrara

Le rocce. Elementi di Geologia - Scienze e tecnologie per i Beni Culturali - Maria Chiara Turrini - Università degli Studi di Ferrara Le rocce Le rocce http://it.wikipedia.org/wiki/roccia modificato Per rocce si intendono gli aggregati naturali di minerali. Tuttavia, al contrario dei minerali, le rocce non possono essere espresse o definite

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI II Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di laurea in GESTIONE DELLE RISORSE DEL MARE E DELLE COSTE Modulo di GEOLOGIA Prof. Francesco Loiacono professore

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa 1... 2 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce... 3 1.1 Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo... 5 1.2

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

Le pietre da costruzione

Le pietre da costruzione 1 Le pietre da costruzione La maggior parte delle rocce presenti sulla crosta terrestre può essere usata come materiale da costruzione. Tra quelle non adatte possiamo ricordare alcune rocce sedimentarie

Dettagli

BIOSSIDO DI CARBONIO CO2

BIOSSIDO DI CARBONIO CO2 BIOSSIDO DI CARBONIO CO2 Storia: Allo studioso belga Jan Baptist van Helmont(1588-1644) è stata attribuita l'invenzione del termine gas. Egli fu il primo ad affermare che il gas prodotto dalla combustione

Dettagli

Teoria della tettonica delle placche

Teoria della tettonica delle placche Teoria della tettonica delle placche Un po di storia L idea di una Terra mobile nasce nel 1910 ad opera di Wegener (pubblicazione in forma completa 1915) Egli osservò la concordanza delle coste atlantiche

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE

IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE La Terra, come ogni altro corpo dotato di massa, è circondata da un campo gravitazionale che attrae altri corpi. Siamo oggi in grado di determinare gli effetti della gravità,

Dettagli

Prefazione. Le rocce della Liguria. introduzione

Prefazione. Le rocce della Liguria. introduzione Prefazione di Maurizio Burlando (Direttore Parco del Beigua; European & Global Geopark; Coordinatore Nazionale Forum dei Geoparchi Italiani) Negli ultimi decenni l attenzione per il patrimonio geologico

Dettagli

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Analisi del contenuto di radioattività delle principali

Dettagli

A cura di: Alessandro BORGHI (1), Mario TRIBAUDINO (2), Patrizia ZACCARA (3), Gian Carlo PEROSINO (3).

A cura di: Alessandro BORGHI (1), Mario TRIBAUDINO (2), Patrizia ZACCARA (3), Gian Carlo PEROSINO (3). CREST Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio CREST s.n.c. di Perosino Gian Carlo & c. 10136 Torino (Italia) - Via Caprera, 15 - E-mail info@crestsnc.it - tel. 011/3299419 - fax 011/3299165

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri

Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico e Liceo Scientifico V. Julia - Acri PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE _I SEZIONE A DISCIPLINA: SCIENZE DOCENTE: _DE TOMMASO MARIANGELA

Dettagli

Corso di Geologia Applicata

Corso di Geologia Applicata Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PALERMO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI- Viale delle Scienze EDIFICIO 8 90128

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof. LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.ssa Elena Tibaldi 1 La geologia storica: un viaggio a ritroso nel tempo Lo studio

Dettagli

ROCCE ORNAMENTALI ITALIANE

ROCCE ORNAMENTALI ITALIANE Facoltà di Ingegneria ROCCE ORNAMENTALI ITALIANE CATALOGO DEL MUSEO DI ARTE E GIACIMENTI MINERARI: SEZIONI ROCCE ORNAMENTALI E ROCCE MINERALIZZATE Università degli Studi di Roma La Sapienza 1 LE ROCCE

Dettagli

Formazione dei travertini

Formazione dei travertini Formazione dei travertini I travertini, denominati anche tufi calcarei, sono rocce sedimentarie chimiche ed organogene, costituite principalmente da cristalli di carbonato di calcio (calcite e aragonite).

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola

Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Visita geologica al Parco delle Acque Minerali di Imola Giovedì 24 ottobre alle 10:00 ci siamo recati al Parco delle Acque Minerali per studiarne la geologia. Quando siamo arrivati, un geologo ci ha accolto

Dettagli

1. INTRODUZIONE 1.1 Cenni storici 1.2 L approccio didattico 2. UNITÀ TEORICHE. 2.1 La struttura interna della Terra

1. INTRODUZIONE 1.1 Cenni storici 1.2 L approccio didattico 2. UNITÀ TEORICHE. 2.1 La struttura interna della Terra TERRA Cos è la terra: composizione dello strato superficiale del terreno, dinamica esogena e modellamento della superficie terrestre, cenni di dinamica endogena di Emanuele Piccioni 1. INTRODUZIONE 1.1

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Obiettivi e finalità: Al termine del corso gli allievi dovranno essere in grado di:

Dettagli

LE ROCCE IN GEOLOGIA, ORIGINE E CLASSIFICAZIONE

LE ROCCE IN GEOLOGIA, ORIGINE E CLASSIFICAZIONE ASSOCIAZIONE MARMISTI DELLA REGIONE LOMBARDIA galleria gandhi 15-20017 Rho MI - tel 02 939 00 740/750 fax 02 939 00 727 - info@assomarmistilombardia.it - www.assomarmistilombardia.it per gentile concessione

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città.

PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città. PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città. PAVIMENTAZIONI E RIVESTIMENTI ESTERNI Lavorazioni in pietra per tutte le vostre esigenze. PORFIDO TRENTINO

Dettagli

Idratazione dei singoli composti del clinker

Idratazione dei singoli composti del clinker Idratazione dei singoli composti del clinker il clinker finemente macinato reagisce con acqua formando prodotti di idratazione con proprietà leganti che conferiscono resistenza meccanica all impasto indurito

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 CHIMICA LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

UNA PASSEGGIATA PER IL CENTRO STORICO

UNA PASSEGGIATA PER IL CENTRO STORICO UNA PASSEGGIATA PER IL CENTRO STORICO La valle del fiume Tevere La città di Roma corrisponde ad una valle compresa tra il distretto vulcanico Sabatino a Nord Ovest ed il distretto vulcanico dei colli Albani

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra

INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA e MARKETING e INDIRIZZO TURISMO - BIENNIO CLASSE PRIMA SCIENZE INTEGRATE scienze della terra COMPETENZE DI BASE area scientifico tecnologica (Allegato A2 del DPR 15.03.2010)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio

Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini. Minerali, i, rocce, vulcani e. terremoti. secondo biennio Fabio Fantini Simona Monesi Stefano Piazzinizini Minerali, i, rocce, vulcani e terremoti ti secondo biennio n Copyright 2013 Italo Bovolenta editore s.r.l., Ferrara [5960] www.bovolentaeditore.it I diritti

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

Cenni di geologia e idrogeologia finalizzati alla comprensione della relazione idrogeologica

Cenni di geologia e idrogeologia finalizzati alla comprensione della relazione idrogeologica INTRODUZIONE Cenni di geologia e idrogeologia finalizzati alla comprensione della relazione idrogeologica L idrogeologia è lo studio delle leggi che regolano il moto dell acqua sotterranea, delle interazioni

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

10 Un frammento delle Alpi

10 Un frammento delle Alpi 74 ESCURSIONE 10 Un frammento delle Alpi in Calabria: «coast to coast» dal Tirreno allo Ionio ITINERARI GEOLOGICI ATTRAVERSO L ITALIA I T E M I S C I E N T I F I C I Le metamorfiche e magmatiche della

Dettagli

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione:

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione: Le Malte Dal punto di vista micro-strutturale una malta può considerarsi un materiale abbastanza simile ad una roccia sedimentaria clastica nella quale i clasti sono costituiti dai granuli (o dai singoli

Dettagli

[LEPATOLOGIEEDILIZIE]

[LEPATOLOGIEEDILIZIE] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LEPATOLOGIEEDILIZIE] Analisi delle patologie più comuni e causa della loro comparsa Le patologie edilizie più comuni Il degrado di un manufatto è correlato alla

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Le forze della Terra

Le forze della Terra Nella terra e nello spazio Le forze della Terra Noi viviamo sulla crosta terrestre, qui si trovano le città, le strade, i campi coltivati. Gran parte della crosta però è ricoperta dai mari. Sotto i mari

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

LA GEOLOGIA E LE ALPI LIGURI (testi di Raffaello Anfossi)

LA GEOLOGIA E LE ALPI LIGURI (testi di Raffaello Anfossi) LA GEOLOGIA E LE ALPI LIGURI (testi di Raffaello Anfossi) LE ROCCE Le rocce sono il materiale che costituisce la parte solida del nostro pianeta: sono formate da associazioni di uno o più minerali (paragenesi)

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio.

Fenomeni fisici. ESPERIENZA n 1. Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. ESPERIENZA n 1 Fenomeni fisici Recipiente di vetro, zucchero, acqua, cucchiaino, vetrino, microscopio. Osserviamo dello zucchero al microscopio. Esso si presenta in forma di piccoli granelli trasparenti,

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PRATI ARIDI : Quali rocce si ritrovano nel substrato dei prati? Da dove vengono? Come sono giunte fino a qui? Breve contributo alla conoscenza degli aspetti geomorfologici,

Dettagli

La geologia dell Antartide

La geologia dell Antartide L evoluzione geologica L'Antartide è un continente unico non solo dal punto di vista climatico e ambientale ma anche da quello geologico. L'Antartide, infatti, si distingue dagli altri continenti per essere

Dettagli

I FOSSILI DEL CARSO FOSILI NA KRASU

I FOSSILI DEL CARSO FOSILI NA KRASU I FOSSILI DEL CARSO FOSILI NA KRASU Progetto cofinanziato dal Programma di iniziativa comunitaria INTERREG III A Italia-Slovenia 2000-2006 Projekt sofinancira Program evropske pobude INTERREG IIIA Italija-Slovenija

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

Sassi, rocce e minerali

Sassi, rocce e minerali SCIENZE La Terra Osservare i sassi, studiarne la forma, il colore, la durezza, la texture significa entrare in relazione con la storia della Terra: i sassi portano con loro la memoria e i segni del tempo.

Dettagli

... Le acque come risultato. "tettoniche" (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce".

... Le acque come risultato. tettoniche (le. riscaldamento LE COSTE. tra. rocce. Cognome... Nome... Le acque marine modellano i litorali attraverso l azione delle correnti, delle maree e soprattutto delle onde; questa azione si manifestaa attraverso processi di erosione, trasporto

Dettagli

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI

Corso di Scienza e Tecnologia dei Materiali A.A. 2010-2011 LEGANTI LEGANTI LEGANTI LEGANTI Testo: M. Lucco Borlera e C. Brisi Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Levrotto & Bella - Torino http://bioslab.unile.it/courses.html LEGANTI: Riferimenti Si definiscono cementanti

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1

La volta celeste. SMS di Piancavallo 1 La volta celeste L Astronomia è la scienza che studia l Universo e le sue origini. Le origini dello studio della volta celeste si perdono nella notte dei tempi, perché l uomo è sempre stato attratto ed

Dettagli

SEI 2012 I fenomeni vulcanici. Il percorso

SEI 2012 I fenomeni vulcanici. Il percorso I fenomeni vulcanici 6 Il percorso 1 I fenomeni causati dall attività endogena 2 Vulcani e plutoni: due forme diverse dell attività magmatica 3 I corpi magmatici intrusivi 4 I vulcani e i prodotti della

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre

1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre 1. I principali minerali che formano le rocce della crosta terrestre I minerali presenti in natura sono diverse migliaia. Considerando gli elementi della tavola periodica, tutti i possibili reticoli e

Dettagli

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876

Escursione interdisciplinare 16-21 sett. 2002. BANFI GABRIELE mat.609876 Dinamica del territorio ed evoluzione recente del paesaggio in un transetto attraverso l Appennino Centro-Meridionale:Bacino di Rieti, Sarno, Vesuvio e Campi Flegrei Escursione interdisciplinare 16-21

Dettagli

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI

CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI CATALOGO DEI MATERIALI DA UTILIZZARSI PER LE LAPIDI E COPRITOMBA NEI CAMPI COMUNI A SOSTITUZIONE DEI CIPPI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.d.A. DI AGEC N 117 DEL 30 AGOSTO 2005 COME PREVISTO

Dettagli

European standard: EN 12407:2007 Natural stone test methods Petrographic examination. Descrizione PIETRA SERENA. Denominazione: PIETRA SERENA

European standard: EN 12407:2007 Natural stone test methods Petrographic examination. Descrizione PIETRA SERENA. Denominazione: PIETRA SERENA PIETRA SERENA Pagina 1 di 15 European standard: EN 12407:2007 Natural stone test methods Petrographic examination Denominazione: Provenienza: PIETRA SERENA Firenzuola Descrizione PIETRA SERENA Litotipo

Dettagli