LE ATTIVITA ESTRATTIVE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ATTIVITA ESTRATTIVE"

Transcript

1

2 LE ATTIVITA ESTRATTIVE

3

4 INDICE LE ATTIVITA ESTRATTIVE... 2 PREMESSA... 1 IL QUADRO CONOSCITIVO DEL PTC CENSIMENTO DELLE CAVE IN ATTIVITÀ, DEI SITI DISMESSI E DEI RAVANETI PRESENTI SUL TERRITORIO PROVINCIALE... 1 Il progetto informativo geografico... 1 Conclusioni... 4 STUDIO SPECIALISTICO MIRATO AD APPROFONDIRE LE CONOSCENZE E LE POTENZIALITÀ ESTRATTIVE DELLE ARENARIE DELLA PROVINCIA DI LUCCA... 4 IL CONTESTO AMBIENTALE... 6 PROGETTO DI RICERCA FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI CONOSCITIVI SUI SITI ESTRATTIVI ATTIVI E DISMESSI E, INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO ED IDROGEOLOGICO DELLA PROVINCIA DI LUCCA PER LA FORMAZIONE DEL PAERP... 9 Prima fase... 9 Seconda fase... 9

5

6 PREMESSA Nell ambito delle attività propedeutiche all avvio delle procedure di formazione del PAERP sono state predisposte, negli anni , dall Amministrazione Provinciale di Lucca due indagini conoscitive: Censimento delle cave in attività, dei siti dismessi e dei ravaneti presenti sul territorio provinciale ; Studio specialistico mirato ad approfondire le conoscenze e le potenzialità estrattive delle arenarie della Provincia di Lucca La prima indagine conoscitiva aveva per obiettivo quello di ottenere una conoscenza esaustiva sul territorio provinciale dei siti estrattivi in generale e di quelli suscettibili di estrazione e/o recupero in particolare. Il quadro conoscitivo è stato predisposto in modo che sia possibile un continuo aggiornamento e revisione ma anche predisposta la condivisione con soggetti competenti in materia di attività estrattive. La seconda indagine, avviata anche a seguito della previsione di assegnazione da parte del PRAER di estrazione di elevati quantitativi di arenaria, aveva l obiettivo di approfondire le conoscenze e le potenzialità estrattive delle arenarie presenti in Provincia di Lucca. IL QUADRO CONOSCITIVO DEL PTC 2000 Il Piano Territoriale di Coordinamento (PTC2000) aveva individuato, con la Carta delle cave e delle miniere e il repertorio e schedatura attivita estrattive (aggiornamento 1996), 70 siti di cava attivi e da ripristinare. CENSIMENTO DELLE CAVE IN ATTIVITÀ, DEI SITI DISMESSI E DEI RAVANETI PRESENTI SUL TERRITORIO PROVINCIALE Il Censimento delle cave in attività, dei siti dismessi e dei ravaneti presenti sul territorio provinciale è stato realizzato attraverso le seguenti attività: organizzazione e aggiornamento dei materiali conoscitivi presenti presso i vari Enti e presso la Provincia di Lucca; costruzione di uno specifico Database contenente informazioni in merito alle attività estrattive attive e dismesse, ai quantitativi estratti e a quelli disponibili, alle condizioni di stabilità dei ravaneti e alla quantificazione del materiale giacente. individuazione ed identificazione cartografica delle superfici dei ravaneti e delle zone di escavazione attraverso fotointerpretazione di riprese aeree recenti indagando sia i siti in attività che quelli dismessi; Il progetto informativo geografico I dati acquisiti sono stati elaborati e restituiti attraverso la compilazione delle schede identificative costituenti la struttura del database e predisposte per ciascun sito estrattivo. La scheda informativa proposta per ogni singola cava (siti attivi, siti dismessi, ravaneti oggetto di piani di recupero) mostra, come nel precedente database, i seguenti elementi: 1. il comune di appartenenza; 2. la localizzazione geografica; 3. la denominazione convenzionale della cava; 4. il numero d ordine assegnato; 5. il riferimento cartografico rappresentato dal n. dell elemento del CTR, scala 1:10.000; 1

7 6. l appartenenza del sito alla pianificazione regionale per l attività estrattiva (Piano Regionale delle Attività Estrattive - P.R.A.E. - e Piano Regionale delle Attività Estrattive, di Recupero delle aree escavate e di riutilizzo dei residui recuperabili P.R.A.E.R.); 7. l eventuale collocazione all interno di aree protette e/o loro aree contigue; 8. il titolare dell autorizzazione alla coltivazione ed eventualmente proprietario dell area; 9. lo stato autorizzativo con indicazione dei procedimenti e degli estremi degli atti di autorizzazione; 10. il tipo e le tecniche di escavazione compresa la presenza di discarica; 11. il tipo e l uso del materiale estratto nonché le condizioni di sfruttamento del bacino; 12. la geometria del fronte di coltivazione e l utilizzo delle aree per la lavorazione del materiale in prima e/o seconda fase; 13. le condizioni di ripristino; 14. le previsioni circa il volume estraibile complessivamente ed annualmente secondo le indicazioni progettuali; 15. iale realmente commercializzato (a partire dall anno 2000); 16. la presenza di impianti di prima e seconda lavorazione nell area destinata all esercizio della coltivazione; 17. competente dei quantitativi di materiale estratto annualmente dai titolari dell autorizzazione; 18. due forms per l indicazione delle fonti da cui derivano le informazioni e brevi considerazioni sulla cava che riguardano notizie su ubicazione e accessibilità e aspetti ambientali e paesaggistici. Nella seconda fase operativa é stata realizzata la rappresentazione geografica dei dati organizzata secondo tre distinti file, riguardante l attuale e recente attività di cava ed i ravaneti distribuiti nell ambito del territorio provinciale, compresi i siti attivi e i ravaneti ricadenti nelle zone del Parco delle Apuane. Tale operazione, oltre a permettere l identificazione territoriale dei siti già archiviati mediante database, per lo svolgimento in primo luogo di una ulteriore ricerca documentale e in subordine per l utilizzo dello stesso processo di analisi territoriale (funzione sistemi GIS), ha portato all individuazione di molti siti di cave inattive e ravaneti non coltivati. In dettaglio, sono stati espletati i seguenti punti: a) operazioni preliminari comportanti l esame di studi precedenti e la predisposizione di piani di analisi e di restituzione geografica del dato informativo, mediante carte georeferenziate e foto aeree digitali; b) acquisizione e archiviazione del dato geografico; c) trattamento ed analisi attraverso l integrazione dei dati geografici con i dati non geografici. Tutti gli elaborati prodotti sono stati informatizzati e rappresentati nel formato.shp per ARC View, georeferenziati nella rappresentazione Gauss-Boaga e muniti dei relativi metadati. La cartografia utilizzata è in formato vettoriale (CTR scala 1: 5000 in file DWG) e le foto aeree si riferiscono a voli recenti effettuati negli anni Vista la notevole quantità di siti localizzati non sono state svolti rilievi diretti per ogni sito ma si sono effettuate ricognizioni di campagna attraverso sopraluoghi mirati per la taratura di alcune chiavi interpretative (c.d.: verità a terra). Nel dettaglio le feature realizzate sono: 1. PUNTO CAVA feature contenente entità puntuali assegnate a presunti siti estrattivi e riferibile sia ad aree di nuova identificazione (aree prive di informazione storica, ma riconosciute per assetto morfologico ed interpretazione fotografica) e a siti di cui si è ricavata traccia di localizzazione territoriale da precedenti studi (rif.: L attività estrattiva nel Bacino del Fiume Serchio- novembre 1993; rif.: L attività estrattiva nel Bacino 2

8 dell Arno dicembre 1994), ma per i quali, a seguito di difficoltà interpretative, non si pervenuti alla loro individuazione. 2. AREA DI CAVA feature contenente entità areali distinte in cave attive, sospese e dismesse. Sono assegnati i seguenti attributi: il n. d ordine identificativo; il comune di appartenenza; la denominazione convenzionale della cava; lo stato di attività (cave attive o con attività sospesa e cave dismesse); il tipo di materiale estratto; dati geometrici: perimetro in ml ed estensione in mq. 3. RAVANETI feature contenente entità areali caratterizzati in siti attivi e inattivi. L analisi territoriale ha avuto come presupposto basilare l interpretazione delle foto aeree, integrata dall osservazione cartografica, relativamente all assetto morfologico d insieme e dalle informazioni progettuali riguardanti siti attivi interessati da piani di recupero ambientale. Sono assegnati i seguenti attributi: il n. d ordine identificativo; il comune di appartenenza; la denominazione ricavata dalla cava di appartenenza o dalla località geografica di riferimento; lo stato di attività (attivi e inattivi); condizioni di ripristino; condizioni di stabilità; dati geometrici: perimetro in ml, estensione in mq e volume in mc. Per le condizioni di ripristino sono state individuate soltanto due possibili situazioni - ripristino parziale o assente - considerato che proprio una scarsa copertura vegetazionale e/o un grado di ossidazione del materiale litoide poco intenso hanno costituito il presupposto fondamentale dell analisi identificativa della stessa copertura detritica. Relativamente alle condizioni di stabilità, si è proceduto tenendo conto delle sole condizioni di acclività, escludendo molti altri fattori (pezzatura del ravaneto, presenza di matrice tra gli ammassi, effettivo volume detritico in gioco, reale assetto topografico del profilo di superficie e di appoggio del detrito, natura dell impianto vegetazionale, etc.) predisponenti la suscettibilità del ravaneto all evento franoso. In tale ottica si è proceduto con la definizione di opportune classi di pendenza, che fossero capaci di evidenziare la maggiore o minore attitudine all instabilità. Per la caratterizzazione di tali categorie di pendenza è stato impiegato il DTM prodotto dalla Regione Toscana. In particolare, la valutazione della propensione al dissesto proposta e riferibile al solo dato di acclività del pendio, si basa sul riconoscimento di tre classi, che attribuiscono ai ravaneti perimetrati, condizioni di: moderata stabilità, per acclività minori di 30, potenziale instabilità, per acclività comprese fra i 30 e i 40, elevata instabilità, per pendenze superiori ai 40. Infine, per quanto concerne la valutazione di massima dei potenziali volumi detritici costituenti ogni singolo ravaneto, è stata operata la combinazione tra il dato geometrico, restituito direttamente dal software Arcview, e uno spessore medio presunto. In particolare, tale valore, fatto corrispondere a ca. 2 m, deriva da un osservazione generalizzata delle ricostruzioni geologico-stratigrafiche messe a punto nei diversi progetti di recupero ambientale, consultati ed osservati, come più volte precisato, nell ambito di questa attività di censimento. 3

9 Conclusioni Sono stati censiti: 442 siti di cava distinti in cave attive, sospese e siti dismessi; 232 punti cava, riguardanti presunti siti estrattivi; 151 ravaneti, di cui 5 attualmente interessati da piani di ripristino ambientale. Per i SITI DI CAVA le situazioni di ripristino sono così suddivise: 21 siti di cava con ripristino artificiale da iniziare; 48 siti di cava con ripristino artificiale in corso; 46 siti di cava con ripristino naturale assente; 54 siti di cava con ripristino naturale ossidato; (si tratta dei siti estrattivi nelle apuane in cui non è possibile né auspicabile un ripristino vegetale) 198 siti di cava con ripristino naturale vegetato; Per i RAVANETI le situazioni di ripristino sono così suddivise: 66 siti con ripristino naturale parziale; 85 siti con ripristino assente; La suddivisione dei ravaneti per condizioni di stabilità: 54 siti presentano condizioni di elevata instabilità; 47 siti presentano condizioni di potenziale instabilità; 30 siti presentano condizioni di moderata instabilità; STUDIO SPECIALISTICO MIRATO AD APPROFONDIRE LE CONOSCENZE E LE POTENZIALITÀ ESTRATTIVE DELLE ARENARIE DELLA PROVINCIA DI LUCCA Nell ambito di una convenzione stipulata con il Dipartimento di Scienze della Terra dell Università di Pisa (Prof. Marco Franzini), sono stati condotti studi e ricerche tese ad approfondire le conoscenze e le potenzialità estrattive delle arenarie presenti in provincia. L arenaria macigno affiora estesamente in provincia di Lucca su tutta la dorsale appenninica. Questa roccia viene estratta con relativa facilità, ha buona resistenza, ottima lavorabilità e un grande pregio estetico. I borghi e i centri storici della provincia sono evidenza diretta del largo uso che se ne è fatto nel passato. Nell ultimo decennio l interesse per questa pietra è cresciuto proporzionalmente all interesse nel restauro e nella conservazione dei centri storici presenti sul territorio. Per la quasi totalità dei fabbisogni il materiale oggi presente sul mercato viene prodotto dal comparto produttivo della Pietra di Fiorenzuola, ma è necessario evidenziare che tale pietra non è Macigno né in senso geologico né in senso petrografico ed il suo utilizzo in area lucchese non è coerente. Le finalità di ricerca sono state: raccolta dei dati bibliografici esistenti in letteratura sull arenaria Macigno; determinazione di alcuni dei principali requisiti di qualificazione tecnica, secondo la normativa UNI-EN e le raccomandazioni NorMaL (CNR-ICR) quali: massa volumica, capacità d imbibizione e contenuto totale di CO2, in modo da disporre di un iniziale caratterizzazione delle qualità delle diverse varietà di pietra arenaria macigno presenti in provincia; effettuare un censimento preliminare della quantità e qualità di pietra arenaria Macigno, impiegata nell edilizia storica del territorio della provincia di Lucca (con esclusione del Parco Alpi Apuane), valutandone lo stato di conservazione, al fine di definirne il fabbisogno necessario per la manutenzione delle emergenze storicomonumentali. 4

10 Per l esecuzione della ricerca sono stati raccolti ed analizzati 35 campioni di arenaria Macigno, provenienti da 5 località della Provincia di Lucca e selezionati in modo da coprire un estensione significativa del territorio. I siti sono: Bagni di Lucca Isola Capannori Matraia Camporgiano - Scorticchiaia Coreglia Antelminelli Tereglio Sillano Capanne di Sillano Il materiale prelevato è stato selezionato in modo da avere, per ciascuna località di campionamento, una discreta rappresentatività delle principali varietà presenti e con i vari stati di alterazione. Le metodologie analitiche utilizzate si suddividono per la caratterizzazione fisica con la misura dei seguenti parametri: masse volumiche, capacita d imbibizione porosità totale indice di saturazione analisi chimiche: gasometrie per il contenuto totale di CO2, per la stima del tenore di calcite teorica e perdita alla calcinazione fluorescenza a raggi-x per la percentuale in peso dei componenti chimici presenti analisi mineralogiche e petrografiche, effettuate su 10 campioni opportunamente selezionati, finalizzate alla classificazione pertografico-mineralogica dei campioni: analisi termiche TG/DSC diffrattometria di polveri a raggi-x per grado di alterazione analisi microscopica di sezioni sottili per granulometria e stratificazione Per le analisi che riguardano l utilizzo della pietra arenaria sul territorio provinciale per quantità, qualità e stato di conservazione, sono stati effettuati sopralluoghi nei centri di: Sillano, S. Romano in Garfagnana, Camporgiano, Loppia, Tereglio, Benabbio, Boveglio, Villa Basilica, Montecarlo, S. Gennaro, Borgo a Mozzano, Nozzano e Camaiore. Conclusioni Il colore dell arenaria Macigno, affiorante in Provincia di Lucca, è grigio ceruleo quando la roccia non è interessata da fenomeni alterativi mentre assume per ossidazione una colorazione ocracea di tonalità crescente all aumentare dello stato di alterazione. Negli affioramenti campionati, la grana della roccia è variabile localmente per motivi genetici ma presentano, nel complesso, la dimensione di una sabbia grossa o mediogrossa. In affioramento, le bancate presentano evidenti fenomeni di classazione del materiale detritico, che non sono altrettanto visibili alla scala del campione; la stratificazione originaria della roccia è facilmente individuabile sulle superfici a spacco o verso della pietra, grazie alla presenza di lamelle di mica bianca (muscovite). Dal punto di vista mineralogico-pertografico, i campioni prelevati sono classificabili come grovacca feldspatica a prevalente cemento fillosilicatico, con calcite in subordine. La calcite è presente nelle rocce esaminate in quantità generalmente inferiore al 5% in peso, e contribuisce, collegando più saldamente tra loro i granuli detritici e riducendo la porosità della roccia, a migliorane le caratteristiche tecniche. Dalle caratteristiche fisiche misurate, l arenaria Macigno della provincia di Lucca, è classificabile come roccia compatta, a bassa o media porosità. 5

11 L osservazione dello stato di conservazione dell arenaria utilizzata nell edilizia storica della provincia di Lucca, unitamente alle informazioni di carattere fisico-chimiche ricavate in laboratorio, permettono di avanzare le seguenti considerazioni: la pietra arenaria Macigno è adatta sia per utilizzo esterno che interno; la migliore varietà ha granulometria fine e colore grigio-ceruleo, ed il comportamento in opera, a parità di esposizione agli agenti atmosferici esterni, è tanto migliore quanto più la tonalità e scura; tra i campioni analizzati quelli che presentano caratteristiche fisico-chimiche migliori sono quelli provenienti dal bacino estrattivo di Matraia. IL CONTESTO AMBIENTALE Ricordando che sono stati individuati 389 siti estrattivi dismessi, 53 siti di escavazione attivi e 151 ravaneti, è stata analizzata la collocazione dei siti di escavazione in rapporto alle particolarità e/o fragilità ambientali riconosciute dal PTC Siti escavazione all interno di SIR (SIC-ZPS): Siti estrattivi dismessi informazione 59 - Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione 9 17 Ravaneti Siti escavazione ricadenti nel Parco delle Alpi Apuane (area parco e area contigua): Siti estrattivi dismessi informazione 67 - Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione Ravaneti Siti escavazione soggetti a Vincolo Paesaggistico: Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione Ravaneti

12 Siti escavazione soggetti a Vincolo Idrogeologico: Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione Ravaneti Siti escavazione ricadenti in aree a prevalente naturalità di crinale (art. 51 PTC): Siti estrattivi dismessi informazione 40 - Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione Ravaneti Siti escavazione ricadenti in aree a prevalente naturalità diffusa (art. 52 PTC): Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione Ravaneti Siti escavazione ricadenti in aree a frana (attive e quiescenti): Siti estrattivi dismessi informazione 5 - Siti estrattivi dismessi informazione 28 7 Siti estrattivi attivi informazione 0 0 Ravaneti 9 6 Siti escavazione ricadenti in aree a subsidenza (acclarata o potenziale): Siti estrattivi dismessi informazione 50 - Siti estrattivi dismessi informazione 5 1 Siti estrattivi attivi informazione 0 0 Ravaneti 0 0 7

13 Siti escavazione ricadenti in aree con acquifero vulnerabile per porosità (primaria o secondaria): Siti estrattivi dismessi informazione 75 - Siti estrattivi dismessi informazione Siti estrattivi attivi informazione Ravaneti Siti escavazione ricadenti in aree con evidenze di insalinamento dell acquifero: Siti estrattivi dismessi informazione 46 - Siti estrattivi dismessi informazione 2 0,5 Siti estrattivi attivi informazione 0 0 Ravaneti 0 0 8

14 PROGETTO DI RICERCA FINALIZZATO ALLA REALIZZAZIONE DI STUDI CONOSCITIVI SUI SITI ESTRATTIVI ATTIVI E DISMESSI E, INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO ED IDROGEOLOGICO DELLA PROVINCIA DI LUCCA PER LA FORMAZIONE DEL PAERP Nell anno 2010, la Provincia di Lucca ha portato a conclusione la 1 fase del progetto di ricerca finalizzato alla realizzazione di studi conoscitivi sui siti estrattivi attivi e dismessi e, inquadramento geologico geomorfologico ed idrogeologico della Provincia di Lucca per la formazione del PAERP, realizzato con l Università di Siena Centro di Geotecnologie. Prima fase La prima fase comprendeva le seguenti fasi di lavoro: 1. Organizzazione dei dati relativi ai siti estrattivi attivi e dimessi nel territorio provinciale attraverso la redazione di un nuovo Geodatabase dei siti estrattivi e dismessi. E stata realizzata la progettazione di una nuova banca dati geografica dei siti estrattivi del territorio provinciale a partire da un precedente archivio gestionale esistente. Definizione nello spazio di: aree di cava; aree ravaneti; punti ubicazione di cave. Implementazione di: anagrafica siti estrattivi; dati amministrativi; dati economici; dati di produttività; dati ambientali. 2. Inquadramento geologico del territorio provinciale (vedi relazione 1 Capitolo) 3. Inquadramento geomorfologico e idrogeologico delle aree di risorsa 4. Allestimento di una carta litotecnica digitale delle aree di risorsa non comprese nel territorio del Parco delle Alpi Apuane 5. Relazione tecnica Seconda fase La seconda fase delle attività di ricerca prevede: 1. Approfondimento studi qualità degli ammassi rocciosi 2. Monitoraggio dei volumi estratti 3. Studio stabilità dei fronti di cava 4. Sito web per la consultazione e aggiornamento on-line della documentazione prodotta Al momento la seconda fase del progetto di ricerca non è ancora finanziata. 9

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO Assessorato Ambiente, Parchi e Aree Protette, Promozione del risparmio energetico Risorse Idriche, Acque Minerali e Termali LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO PREMESSA Con l emanazione

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT

SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT SCHEDA INFORMATIVA SU ARPAT ARPAT: cos è ARPAT, l Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, è attiva dal 1996. Attraverso una rete di Dipartimenti provinciali presenti sul territorio

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO

IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE. Pasquale DI DONATO IL METODO SPEDITIVO NEL SIT PER L EMERGENZA DA RISCHIO CHIMICO- INDUSTRIALE Pasquale DI DONATO Cos è il Metodo Speditivo? Controllo di attività comportanti rischi di incidente rilevante è regolato da:

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA)

REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) COMUNE DI STAZZEMA Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI LUCCA REGOLAMENTO URBANISTICO VARIANTE (ESCLUSIVAMENTE NORMATIVA) RELAZIONE TECNICO ILLUSTRATIVA Marzo 2013 INDICE 1. LE RAGIONI E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria

DIRETTIVA. Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria DIRETTIVA Sistema di Allertamento regionale per il Rischio idrogeologico e idraulico in Calabria 1 Indice Contenuti della direttiva p. 3 Aspetti generali del sistema di allertamento regionale per il rischio

Dettagli

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1.

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1. GAL Consorzio Lunigiana Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione d interesse per la Misura 3233 Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale r sottomisura a) Tutela e riqualificazione

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali

WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali WP5: LiDAR and Forest Accessibility Evaluation LiDAR e valutazione dell accessibilità dei popolamenti forestali Marco Pellegrini Dipartimento TESAF Università degli Studi di Padova marco.pellegrini@unipd.it

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013

Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza assolute e relative delle risposte alle domande. Ottobre 2013 Consultazione Pubblica per l istituzione dell Anagrafe Nazionale Nominativa dei Professori e dei Ricercatori e delle Pubblicazioni Scientifiche (ANPRePS) Appendice 2: Tabelle delle distribuzioni di frequenza

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico

Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Monitoraggio Geologico e Meteo - Pluviometrico Gregorio Mannucci & Luca Dei Cas ARPA Lombardia Settore Suolo, Risorse Idriche e Meteoclimatologia U.O. Suolo e Servizio Geologico Barzio- 23 settembre 2010

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO

Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO Istituto Tecnico Agrario Giuseppe Vivarelli Azienda Agraria Didattica VALUTAZIONE TECNICO AGRONOMICA DELLA SEMINA SU SODO DI GRANO DURO FABRIANO 06 MAGGIO 2014 1 Fig 1 Intervento di semina su sodo con

Dettagli

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE PROCEDURA REGIONALE DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE - Figura 2 Scoping SIA e contenuti della documentazione per la valutazione di incidenza, quando necessaria deposito presso l Ufficio VIA e gli EELL

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT

Indagine Agronomica. Obiettivi: Progetto CORINAT Progetto CORINAT Indagine Agronomica Obiettivi: Creazione di un sistema cartografico (GIS) per l analisi territoriale Valutazione della influenza della misura 214 azione i sui componenti della produzione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

12 - APQ Beni Culturali

12 - APQ Beni Culturali 12 - APQ Beni Culturali Assessorato Pubblica Istruzione Schede di sintesi per intervento al 31 dicembre 2006 Cagliari, febbraio 2007 12 - Beni Culturali Indice Pag. Intervento 1 APQ Originario 1 1 - SarBC-SF1

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli