Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N Long. E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48."

Transcript

1 La nostra escursione inizia da Passo Valles, dove abbiamo intrapreso il sentiero CAI 751, noto anche come Alta Via delle Dolomiti n o 2 (che collega Bressanone a Feltre) o Sentiero Italia (SI), in Fig Il percorso nel suo complesso è molto favorevole per effettuare rilievi di tipo geologico poiché permette in poche ore di ripercorrere milioni di anni di storia attraverso le più importanti formazioni litologiche delle Dolomiti. Molto spesso però i vari affioramenti lungo il sentiero non seguono l ideale successione stratigrafica definita sulla carta, questo per la situazione tettonica dell area e nel complesso di fenomeni franosi che discriminano tra formazioni in posto (se a livello di sito di campionamento si rileva prevalentemente la stessa giacitura) o non in posto. La prima di queste formazioni che incontriamo, a poche centinaia di metri dal passo, è quella a Bellerophon, un unità litostratigrafica composta prevalentemente da successioni, dal basso verso l alto, di dolomie chiare, marne da grigie a nere, gessi, anidriti, calcari scuri, questi ultimi due spesso intercalati da peliti, brecce dolomitiche e dolomie vacuolari. L unità a cicli evaporitici può raggiungere mediamente i m di spessore. (Fig. 2.15) Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Tab 2.1 Rilevamento litologico 1: gesso. Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N50 W30 N Fig Foto del campione litologico 1: gesso. 33

2 Roccia sedimentaria chimica di ambiente evaporitico marino composta quasi esclusivamente dallo stesso minerale gesso formatosi appunto in ambiente evaporitico per precipitazione diretta da acque madri (serie evaporitiche in banchi e lenti). Associato a questo si possono rilevare anidrite (CaSO 4 ), altri sali marini, calcite (CaCO 3 ) e dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ]. Si pensa che proprio il gesso derivi da idratazione dell anidrite durante la diagenesi. Il campione, di colore prevalentemente biancastro, leggermente degradato ed alterato sulle superfici che sono state esposte agli agenti meteorici, presenta granulometria da fine a molto fine e livelli di stratificazione molto evidenti, spesso coincidenti con un fitto sistema di disgiunzioni che incide profondamente sull erodibilità della roccia stessa, che risulta elevatissima (stabilità molto scarsa; il minerale gesso poi è tenero ed occupa il secondo termine nella scala della durezza di Mohs; è poi abbastanza flessibile, ma non elastico, e può quindi essere piegato sotto l azione di pressioni endogene, infatti lungo il sentiero CAI 751 nei pressi di Passo Valles è visibile una piccola piega coricata formatasi per deformazione plastica, come in Fig. 2.17), e su porosità e permeabilità, anch esse molto elevate (di per sé tale roccia sarebbe pressoché impermeabile, ma si parla di permeabilità secondaria per fessurazione). Quest ultimo aspetto è da ritenersi direttamente collegato come effetto del fenomeno carsico, dato che pure la solubilità di questo tipo di roccia risulta elevatissima. (Vedere approfondimento al 2.4.2) Fig Foto della piccola piega coricata sui gessi della Bellerophon. Non sono riscontrabili nel campione cristalli di gesso visibili direttamente ad occhio nudo. Da rilevare poi la presenza di impurezze, spesso intercalate alle stratificazioni, probabilmente sottili depositi di marna, argilla, sali (evidenti anche a livello di sito di campionamento). Questo fa ritenere che la formazione del gesso non sia stata continua nel tempo, ma che ci siano stati degli eventi intermedi che abbiano apportato altro materiale. In effetti con il test HCl si è rilevata una leggera reazione proprio in corrispondenza di questi siti. Tab 2.2 Rilevamento litologico 2: andesite. 34

3 Andesite Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N40 E20 N Fig Foto del campione litologico 2: andesite. Roccia magmatica effusiva a chimismo intermedio di filone, presente in regioni di notevole attività tettonica e vulcanica e spesso in associazione con basalti. Può formarsi come intrusione in giunti di stratificazione. Il campione, piuttosto degradato ed alterato in corrispondenza delle superfici esposte (evidenti sfumature arancio per probabile deposito di ossidi di ferro formatisi per alterazione di pirosseni; la roccia è stata raccolta come detrito), di colore nero-verdastro e densità piuttosto elevata, presenta struttura olocristallina porfirica (indizio di una cristallizzazione lenta e in tempi leggermente diversi): sono presenti piccoli fenocristalli prevalentemente di plagioclasio e biotite (di cui comunque non è possibile, per le ridotte dimensioni, stimare forma e vicinanza all abito standard) immersi in una pasta di fondo più omogenea a grana molto fine. I componenti essenziali della roccia sono: - plagioclasio (albite {Na[AlSi 3 O 8 ]}+ anortite {Ca[Al 2 Si 2 O 8 ]}, quest ultima < 50%) - biotite {K(Mg,Fe,Mn) 3 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]} - anfiboli [(Mg,Fe,Ca,Na)Si 8 O 22 (OH) 2 ] (orneblenda) - pirosseni [(Mg,Fe,Ca,Al)SiO 3 ] 35

4 Dal punto di vista fisico il campione non presenta né stratificazioni né fratture. La roccia di per sé è impermeabile e non presentando fessurazioni la sua porosità e permeabilità risultano basse se non scarse. L erodibilità è bassissima. Il test HCl ha dato esito positivo per la locale e limitata presenza di probabili impurezze. (Vedere approfondimento al 2.4.1) Tab 2.3 Rilevamento litologico 3: dolomia cariata. Dolomia cariata (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 3: dolomia cariata. Roccia sedimentaria dolomitica di origine mista chimico-organogena probabilmente con anidrite come minerale primario, ridisciolto e, solo in parte, trasformato in gesso durante la diagenesi. Forma zone limitate nelle scogliere e barriere coralline. Il campione, fortemente degradato ed alterato in tutte le sue parti in quanto raccolto come detrito, di colore chiaro tendente al grigio-bruno, presenta granulometria piuttosto fine per quanto riguarda molti elementi di dolomia immersi in un substrato di fondo cementante di calcite (calcilutite) (il test HCl ha dato esito positivo sulla calcite, mentre non ha dato reazione sugli elementi di dolomia). 36

5 La struttura è vacuolare, ricca di pori creatisi per dissoluzione della componente solubile (anidrite + gesso) oltrechè per carsismo. Questo definisce quindi un alto grado di permeabilità. Non sono riscontrabili stratificazioni evidenti, probabilmente scomparse per fenomeni diagenetici. I componenti principali della roccia sono dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ], calcite (CaCO 3 ), residui di anidrite (CaSO 4 ) e gesso (CaSO 4 2H 2 O). In tracce quarzo (SiO 2 ), argille. L erodibilità di questa roccia, scarsamente stabile, è elevata. Tab 2.4 Rilevamento litologico 4: conglomerato - breccia. Conglomerato - breccia Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 4: conglomerato - breccia. Roccia sedimentaria clastica della classe delle ruditi coerenti formatasi per consolidamento di frane o falde di detrito in ambiente subaereo, oppure per fratturazioni e creazione di faglie durante il piegamento di elementi rocciosi, oppure per consolidamento di ghiaie eterogenee. Il campione, fortemente degradato nel suo complesso poiché raccolto come detrito, caratterizzato da una colorazione alquanto eterogenea, irregolare, variabile dal nerastro dei clasti di andesite al grigio ocra di quelli di dolomia e dello stesso cemento marnoso, presenta densità media e 37

6 tessitura definita da elementi grossolani, angolosi (dimensione variabile da circa 1mm a 2cm di diametro: granuli, ciottoletti, ciottoli) prevalentemente di andesite e dolomia cementati da marna calcarea a granulometria decisamente più fine. Stratificazioni ed orientamento preferenziale dei clasti non sono osservabili. La struttura è piuttosto irregolare, vacuolare, ricca di pori presenti a causa dell effettiva instabilità della roccia, la cui erodibilità, tra l altro, è da considerarsi elevatissima. Tutto ciò concorre ad attribuire a questa roccia un grado di permeabilità piuttosto elevato, anche se inferiore rispetto alla corrispondente roccia incoerente. Infatti la stessa composizione calcarea del cemento crea una certa facilità di mobilitazione e di percolamento dell acqua per formazione di soluzioni calcaree. Il test HCl ha dato esito positivo solo sul cemento calcareo. Al tetto della Formazione a Bellerophon un contatto netto, ma non discordante, con l Orizzonte di Tesero ci fa entrare nella Formazione di Werfen, una successione sedimentaria di acque basse di depositi carbonatici, terrigeni e misti varicolori mediamente di m di spessore. Il sentiero che porta a Forcella di Venegia (2217 m.s.l.m.) consente, risalendo il versante nordest di Cima Valles o Venegia, di attraversare molti affioramenti di alcuni dei principali membri della formazione stessa (Membro di Mazzin, Orizzonte di Andraz, Membro di Siusi, Membro di Campil). (Fig. 2.21) Fig La Cima Valles o Venegia, in evidenza il contatto fra la Formazione a Bellerophon e la Formazione di Werfen. 38

7 Tab 2.5 Rilevamento litologico 5: marna. Marna (Formazione di Werfen) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N30 W subverticale Fig Foto del campione litologico 5: marna. Roccia sedimentaria clastica o mista, calcareo-pelitica, formatasi per deposito marino o lacustre di materiale clastico che si è mescolato a prodotti di precipitazione chimica o a residui organogeni, creando una composizione definitiva data da calcite (CaCO 3 ) e minerali argillosi in proporzioni variabili tra loro con tracce di quarzo (SiO 2 ). Il campione, piuttosto ben conservato, di colore prevalentemente grigio scuro con sfumature tendenti al bruno, presenta granulometria da molto fine a finissima tipica delle argille, la cui abbondante presenza, in rapporto alla calcite, viene confermata dal test HCl che ha dato reazione debole (la roccia per questo può essere definita marna argillosa ). La densità è medio-alta; sono presenti stratificazioni laminari anche se poco visibili e comunque piuttosto fini e fitte, che tuttavia non pregiudicano una buona fissilità. Data la prevalente composizione argillosa della roccia, questa risulta decisamente poco permeabile, considerata inoltre la completa assenza a livello del campione di porosità e fratture se non per conseguenza diretta della buona fissilità. L erodibilità è elevata sempre come conseguenza dell abbondante presenza di argilla in rapporto alla calcite. 39

8 Tab 2.6 Rilevamento litologico 6: calcare marnoso grigio-verdastro. Calcare marnoso grigio-verdastro (Membro di Mazzin) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N70 E50 S Fig Foto del campione litologico 6: calcare marnoso grigio-verdastro. Roccia sedimentaria organogena calcarea, formatasi per precipitazione chimica diretta per sovrasaturazione da soluzioni oppure per fissazione da parte di organismi oppure per compattazione di calcari di origine bioermale e biostromale durante la diagenesi con eliminazione dei resti fossili di piccole dimensioni ed eventuale conservazione di quelli di maggiori dimensioni, anche come impronte talora riempite da cristalli di calcite. È comune la sostituzione delle parti aragonitiche degli organismi con dolomite per effetto dell azione di acque marine circolanti (metasomatosi, dolomitizzazione). I due campioni prelevati, piuttosto alterati in corrispondenza delle superfici esposte, di colore prevalentemente grigio scuro il primo (indice della presenza di materia organica carboniosa) e grigio chiaro con sfumature tendenti al bruno-arancio (per presenza di ossidi di ferro) ed al grigio scuro il secondo, presentano granulometria da fine a molto fine (si parla infatti di calcare marnoso che conta quindi la presenza di una certa percentuale di argilla) e tessitura compatta. La densità è medio-alta. È ben osservabile, in particolare nel secondo campione, una fitta serie di fini stratificazioni laminari parallele. 40

9 La roccia è composta prevalentemente da calcite (CaCO 3 ), alla quale si aggiunge la presenza, come già sottolineato, di materiale organico carbonioso, argilla, dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ], H 2 S e ossidi di ferro. Data la compattezza della roccia, la porosità, per lo meno a livello del campione, risulta scarsa come pure la permeabilità. Tuttavia quest ultimo fattore può essere fortemente dipendente dagli estesi fenomeni carsici che possono subire questi calcari (fenomeni che contribuiscono poi a formare sulla superficie del calcare depositi di ossidi di ferro), anche se l erodibilità di tale roccia nel complesso risulta bassa. Da rilevare la possibile presenza di frattura concoide. Il test HCl ha dato esito positivo, con forte reazione su tutta la superficie del campione. Tab 2.7 Rilevamento litologico 7: arenaria. Arenaria (Orizzonte di Andraz) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. e 2150 m.s.l.m. Giacitura EW50 S Fig Foto del campione litologico 7: arenaria. Roccia sedimentaria clastica (arenite coerente), formatasi per accumulo di materiale clastico (nel caso specifico derivante da erosione dei calcari neri del Werfen), trasportato da vento, acque fluviali e marine, che ha successivamente subìto diagenesi. 41

10 Il campione, ben conservato, di colore bruno-rossastro, presenta granulometria omogenea da fine a molto fine (i componenti rientrano nella classe dimensionale delle sabbie ; il cemento si stima abbia granulometria ancora più fine). La densità della roccia è media, mentre è rilevabile una fitta serie di fini laminazioni, in realtà poco visibili ad occhio nudo sul campione compatto, ma la cui presenza è dimostrata più che altro da rotture, scalfitture, perdite di materiale presenti proprio in corrispondenza di questi livelli che quindi conferiscono alla roccia stessa un punto di debolezza (l erodibilità è media). Questa tipologia di roccia di per sé è poco permeabile, tuttavia la formazione, soprattutto in superficie, di fratture longitudinali direttamente collegate alla fitta serie di laminazioni, può contribuire a portare porosità e permeabilità superficiali a livelli superiori allo standard (spesso si osserva una regolare diminuzione di grana dal basso verso l alto dello strato preso nel suo insieme). I granuli componenti la roccia possono essere essi stessi frammenti rocciosi, oppure singoli minerali: - quarzo (SiO 2 ) - feldspati - mica muscovite {KAl 2 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]} (ben visibile ad occhio nudo in quanto brilla in contrasto a tutta la massa circostante) - calcite (CaCO 3 ) Il cemento può essere siliceo, calcitico, ematitico. Nel caso specifico il test HCl ha dato esito negativo, quindi è da escludere che il cemento stesso possa essere di calcite. Tab 2.8 Rilevamento litologico 8: arenaria. Arenaria (Membro di Campil) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura EW20 S Fig Foto del campione litologico 8: arenaria. 42

11 Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: - laminazioni meno evidenti; - presenza di piccoli fossili di molluschi visibili; - il test HCl ha dato esito positivo, anche se con reazione debole. Ciò induce a credere che il cemento possa essere di calcite. Tab 2.9 Rilevamento litologico 9: calcare. Calcare (Membro di Siusi) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N30 E60 E Fig Foto del campione litologico 9: calcare. Vale in generale quanto detto per il campione 6. In particolare per questo campione: - colore grigio con sfumature verdastre e bruno-arancio per presenza di H 2 S o ossidi di ferro (superfici esposte alterate); - riscontrabili minerali a granulometria leggermente maggiore rispetto a quella della massa cristallina loro circostante; - stratificazioni poco evidenti, quasi assenti. 43

12 Tab 2.10 Rilevamento litologico 10: arenaria. Arenaria (Membro di Campil) Coordinate GPS Lat. N e Long. E m.s.l.m. e 2175 m.s.l.m. Giacitura N40 E40 S e N50 E60 E e N30 E60 E Fig Foto del campione litologico 10: arenaria. Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: - fitta serie di laminazioni parallele visibili ad occhio nudo sul campione compatto; - il test HCl ha dato esito positivo solo su un lato del campione, il che fa credere che qui sia presente un deposito superficiale di calcite e che il cemento stesso del campione non sia invece calcitico. 44

13 Tab 2.11 Rilevamento litologico 11: arenaria. Arenaria (Membro di Campil) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N50 E40 E Fig Foto del campione litologico 11: arenaria. Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: - fitta serie di laminazioni parallele visibili ad occhio nudo sul campione compatto. In particolare si rilevano, in corrispondenza di alcune di queste stratificazioni laminari, delle fratture perfettamente longitudinali e parallele che incidono sulla stabilità strutturale del campione stesso; - una delle due superfici del campione conta la presenta di ripples; - il test HCl ha dato esito negativo, quindi è da escludere che il cemento possa essere calcitico. 45

14 Superata la Forcella di Venegia l escursione procede senza importanti dislivelli verso Cima Venegiota (2401 m.s.l.m.), che verrà aggirata dal versante sud. Una volta superato un piccolo laghetto glaciale, incontriamo quello che viene considerato il limite superiore transizionale tra la Formazione di Werfen e la Dolomia del Serla Inferiore. Vistosi affioramenti di rocce vulcaniche effusive testimoniano poi l intensa attività vulcanica e tettonica della fine del Ladinico. Tab 2.12 Rilevamento litologico 12: dolomia calcarea del Serla. Dolomia calcarea del Serla Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 12: dolomia calcarea del Serla. Roccia sedimentaria organogena, formatasi direttamente per precipitazione da acque marine in ambiente di piattaforma (dolomie primarie, evento molto raro), oppure per metasomatosi, durante la diagenesi di aragonite, ad opera del magnesio disciolto nelle acque marine e nelle lagune salmastre (dolomitizzazione). Il campione, piuttosto alterato sulle superfici esposte, è di colore grigio chiaro con varie sfumature biancastre a volte tendenti al beige-nerastro soprattutto in corrispondenza delle zone alterate (incrostazioni di origine vegetale; effetto carsico). La densità è medio-alta, la 46

15 granulometria piuttosto omogenea da fine a molto fine. La struttura è compatta e massiccia, a parte la presenza di locali elementi vacuolari all interno dei quali è rilevabile la presenza di cristalli di dimensioni maggiori rispetto alla grana della massa di fondo circostante. I componenti principali della roccia sono dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ] e calcite (CaCO 3 ), con predominanza della prima in quanto il test HCl ha dato si esito positivo, ma con reazione così debole da non essere visibile ma solo udibile all orecchio. In tracce possono essere presenti argilla e quarzo (SiO 2 ). E assente ogni tipo di stratificazione. La porosità è bassissima o nulla; la permeabilità, scarsa, può essere rilevante solo per fenomeni di carsismo e fessurazione tettonica. Bassa risulta l erodibilità. Tab 2.13 Rilevamento litologico 13: basalto. Basalto Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N10 W30 S Fig Foto del campione litologico 13: basalto. Roccia magmatica effusiva a chimismo basico di filone, presente in regioni di notevole attività tettonica e vulcanica e spesso in associazione con andesiti. Il campione, di colore prevalente grigio scuro e densità medio-alta, è decisamente alterato in corrispondenza delle superfici esposte, che risultano di colore bruno-rossastro con sfumature variabili anche tendenti al giallo-arancio (formazione di ossidi di ferro per ossidazione di 47

16 pirosseni) se non quasi completamente ricoperte da licheni ed incrostazioni di origine vegetale. Presenta struttura olocristallina a grana generalmente fine, ma con cristalli visibili di plagioclasio e pirosseno. I componenti essenziali della roccia sono: - plagioclasio (anortite {Ca[Al 2 Si 2 O 8 ]} > 50%) - pirosseni [(Mg,Fe,Ca,Al)SiO 3 ] Sono assenti stratificazioni e fratture. La roccia è molto compatta, di per sé impermeabile, quindi porosità e permeabilità primaria e secondaria a livello del campione (se non per fessurazione colonnare che può coinvolgere volumi rocciosi più estesi) risultano scarse. L erodibilità è bassissima. Il test HCl ha dato esito negativo. Tab 2.14 Rilevamento litologico 14: andesite. Andesite (filone vulcanico) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N50 E subverticale Fig Foto del campione litologico 14: andesite. Il campione, di colore grigio scuro-verdastro, ha densità elevata. Le superfici esposte sono profondamente alterate sia dal punto di vista fisico (angoli e lati piuttosto smussati) che dal punto di vista chimico, date le evidenti e variabili sfumature bruno-nerastre, a volte tendenti al giallo- 48

17 arancio (deposito di ossidi di ferro per ossidazione di pirosseni). Abbondante la presenza esterna di licheni ed incrostazioni di origine vegetale. La struttura della roccia è olocristallina porfirica per la presenza di evidenti fenocristalli prevalentemente di anfiboli e pirosseni immersi in una massa di fondo olocristallina a grana molto fine. Sono assenti fratture e stratificazioni. La roccia è impermeabile, compatta, quindi porosità e permeabilità primaria e secondaria a livello del campione sono scarse. L erodibilità è bassissima. Tab 2.15 Rilevamento litologico 15: andesite brucione. Andesite brucione Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 15: andesite brucione. Il campione, di colore verdastro con sfumature tendenti al grigio scuro e densità medio-alta, si presenta con superfici esterne esposte pesantemente alterate dal punto di vista chimico nella loro totalità (la raccolta è avvenuta da falda di detrito): l elevato contenuto di pirite (FeS 2 ) della roccia è da ritenersi direttamente collegato al fenomeno delle acque acide di miniera con formazione di acido solforico (H 2 SO 4 ) e Fe 3+ che hanno rispettivamente alterato la superficie e formato un deposito di ferro ed ossidi dal colore bruno-rossastro. 49

18 La struttura della roccia è compatta, massiccia, olocristallina a grana fine. Sono assenti stratificazioni e fratture a livello del campione; la roccia è impermeabile, porosità e permeabilità sono molto basse. Bassissima l erodibilità. Il test HCl ha dato esito negativo. Tab 2.16 Rilevamento litologico 16: porfirite. Porfirite Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 16: porfirite. Roccia magmatica ipoabissale a chimismo intermedio (sottosatura in silice), formatasi come parte di un filone vulcanico: i cristalli iniziano a svilupparsi al di sotto della superficie terrestre, ma prima che questi crescano notevolmente di dimensione, un eruzione vulcanica li trascina in superficie insieme alla lava, che si raffredda velocemente, cosicché i cristalli stessi risultano immersi in una matrice a grana fine. Il campione, di colore prevalentemente grigio scuro e densità medio-alta, presenta superfici esposte decisamente alterate, caratterizzate da sfumature variabili bruno-rossastre, a volte tendenti all arancio (depositi di ossidi di ferro per alterazione di pirosseni). La struttura, piuttosto complessa ed eterogenea, è olocristallina porfirica con fenocristalli di dimensione molto 50

19 variabile, prevalentemente di plagioclasio, biotite {K(Mg,Fe,Mn) 3 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]}, anfiboli [(Mg,Fe,Ca,Na)Si 8 O 22 (OH) 2 ], pirosseni [(Mg,Fe,Ca,Al)SiO 3 ], feldspatoidi (analcime, Na[AlSi 2 O 6 ] H 2 O, o heulandite, riconoscibili perché di colore rossastro), immersi in una pasta di fondo cristallina a grana molto fine. Sono assenti fratture e stratificazioni a livello del campione; la roccia è impermeabile, abbastanza compatta anche se ruvida al tatto; porosità e permeabilità primaria sono molto basse. L erodibilità è bassissima. La meta finale della nostra escursione è il Passo di Venegiota (2303 m.s.l.m.), una sella interposta tra Cima Venegiota e le imponenti pareti nord-occidentali di dolomia del Monte Mulaz (2906 m.s.l.m.). Siamo qui in corrispondenza del punto geologicamente più elevato da noi raggiunto in questo viaggio attraverso la successione stratigrafica delle Dolomiti. La Dolomia dello Sciliar, qui magnificamente rappresentata, va a costituire quelle che sono tra le più famose scogliere dolomitiche, tra cui le Pale di S. Martino, di cui il Monte Mulaz costituisce proprio il limite settentrionale. Tab 2.17 Rilevamento litologico 17: dolomia dello Sciliar. Dolomia dello Sciliar Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 17: dolomia dello Sciliar. 51

20 Dal punto di vista genetico vale quanto detto per la Dolomia Calcarea del Serla. Il campione, di colore prevalentemente biancastro, risulta decisamente alterato sulle superfici esposte, che si presentano invece bruno-grigiastre con sfumature variabili tendenti al beigegiallognolo (la roccia, raccolta da una falda di detrito alla base del massiccio del monte Mulaz, ha sicuramente subìto l azione degli agenti atmosferici, oltrechè di fenomeni carsici; sono presenti pure incrostazioni di origine vegetale e residui di muschi). L esistenza ulteriore di sfumature arancio-rosate (fenomeno dell enrosadira, termine ladino che significa diventare di colore rosa ) è dovuta a sostituzione di Mg con Fe a livello di ppm. La densità è medio-alta, mentre la granulometria è più eterogenea, comunque medio-fine. La struttura massiccia conta la presenza locale di elementi vacuolari. Il componente essenziale della roccia è la dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ], mentre non sembra essere presente calcite (CaCO 3 ) in quanto il test HCl ha dato esito negativo; possibile la presenza in tracce di quarzo (SiO 2 ) e argille. Sono assenti stratificazioni, come tipico per questo litotipo. La porosità risulta bassissima o nulla, mentre la permeabilità, scarsa, può essere incrementata per effetto di fenomeni carsici e di fessurazione tettonica (da rilevare, nelle vicinanze del sito di campionamento, il fenomeno dei campi carreggiati). L erodibilità è bassa. Si è gia evidenziato come, alla fine del Ladinico, l intera area dolomitica fu sconvolta da importanti fenomeni vulcanici e tettonici. Venne creata una serie di faglie e fratture che sovente ospitò intrusioni filoniane di magmi basici (camini vulcanici). Queste rocce, generalmente nerastre, risaltano sulle dolomie (maggiormente coinvolta da questo fenomeno fu la formazione della Dolomia dello Sciliar) ed essendo molto più facilmente erodibili delle stesse dolomie incassanti, danno luogo a canaloni molto appariscenti (Monte Mulaz). (Fig. 2.34) Fig Foto delle pareti nord-occidentali del Monte Mulaz con i camini vulcanici di intrusioni filoniane 52

21 Una volta percorso a ritroso il sentiero fino al Passo Valles, sono stati prelevati dei campioni da due affioramenti posti lungo la strada locale n o 25, a poche decine di metri dal valico. Si tratta dei porfidi quarziferi e delle Arenarie di Val Gardena, le due formazioni geneticamente più antiche che abbiamo potuto osservare durante la nostra escursione, in quanto si trovano alla base dell intera successione stratigrafica dolomitica. Le Arenarie di Val Gardena costituiscono una successione di red beds continentali di arenarie grossolane, di composizione quarzoso-micacea, e peliti di colore rosso e grigio (litareniti feldspatiche e arcose litiche) mediamente di m di spessore. La formazione poggia in discordanza su vulcaniti atesine (Dolomiti occidentali) oppure sul basamento cristallino (Dolomiti centro-orientali). Tab 2.18 Rilevamento litologico 18: arenaria di Val Gardena. Arenaria di Val Gardena Coordinate GPS m.s.l.m. Giacitura EW20 S Fig Foto del campione litologico 18: arenaria di Val gardena. Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: 53

22 - roccia formatasi per accumulo e diagenesi di materiale derivante da degradazione meteorica dei porfidi quarziferi in ambiente continentale, quindi composta prevalentemente da quarzo (SiO 2 ), feldspati alcalini più o meno alterati, biotite {K(Mg,Fe,Mn) 3 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]}, frammenti litici (spesso di origine vulcanica); - primo campione colore bruno-rossastro, leggermente alterato per presenza sulle superfici laterali di ossidi di ferro in tracce; una delle due superfici maggiori risulta chiaramente essere stata esposta ad agenti meteorici (colore notevolmente più scuro); granulometria leggermente più grossolana di quanto descritto per il campione 11, comunque piuttosto omogenea a parte la presenza di una piccola percentuale di minerali o clasti a granulometria superiore visibili ad occhio nudo. Laminazioni fini e fitte presenti, anche se poco visibili; - secondo campione colore grigio chiaro-beige, piuttosto ben conservato ma con angoli e lati alquanto smussati ed arrotondati (è stato raccolto come detrito); granulometria maggiore di quanto descritto per il campione 11, piuttosto omogenea. Il campione al tatto si presenta decisamente ruvido. Laminazioni poco visibili, quasi assenti. Il colore, molto chiaro rispetto allo standard tipico per questa tipologia di roccia, è legato alla possibilità che il cemento non sia prevalentemente ematitico; - per entrambi i campioni il test HCl ha dato esito negativo, quindi è da escludere che il cemento possa essere calcitico. Tab 2.19 Rilevamento litologico 19: porfido quarzifero. Porfido quarzifero Coordinate GPS m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 19: porfido quarzifero. 54

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXXXV (2008), pp. 419-426, figg. 14 I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions NISIO S. (*) 1. - INTRODUZIONE I fenomeni di sinkhole nelle altre regioni

Dettagli

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Dott. Geol. Andrea Tralli Laboratorio Geotecnico 4 Emme Service Spa Via Zuegg, 20, 39100 Bolzano (BZ) 1. Introduzione L

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità

LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature. Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità LINEA SILANCOLOR protezione e decorazione delle murature Sistemi di finitura silossanici ad elevata idrorepellenza e traspirabilità Indice pag. 02 LINEA SILANCOLOR pag. 10 SISTEMA SILANCOLOR pag. 15 SISTEMA

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4 Indice 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2............................................................... 4 2. Dove e quanta CO 2 possiamo immagazzinare nel

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218 NoteIllustrativeF218-24-03-04.qxd 24/03/04 17.15 Pagina 1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Studio di suscettività d uso dei suoli

Studio di suscettività d uso dei suoli Studio di suscettività d uso dei suoli Schema idrico del Flumineddu per l alimentazione irrigua della Marmilla Studio di dettaglio sulle aree oggetto dell intervento Distretto irriguo della Bassa Marmilla

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP)

Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Disciplinare di produzione del Formaggio Castelmagno Denominazione di Origine Protetta (DOP) Art. 1 La Denominazione di Origine Protetta Castelmagno è riservata esclusivamente al formaggio che risponde

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

il manuale tematico della pietra

il manuale tematico della pietra 0 I.1 I.2 II.1 II.2 III IV V Il piano dell Opera L Atlante delle culture costruttive della Sardegna Architettura in terra cruda dei Campidani, del Cixerri e del Sarrabus Il Manuale tematico della terra

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli