Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N Long. E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N 46 20.223 Long. E 11 48."

Transcript

1 La nostra escursione inizia da Passo Valles, dove abbiamo intrapreso il sentiero CAI 751, noto anche come Alta Via delle Dolomiti n o 2 (che collega Bressanone a Feltre) o Sentiero Italia (SI), in Fig Il percorso nel suo complesso è molto favorevole per effettuare rilievi di tipo geologico poiché permette in poche ore di ripercorrere milioni di anni di storia attraverso le più importanti formazioni litologiche delle Dolomiti. Molto spesso però i vari affioramenti lungo il sentiero non seguono l ideale successione stratigrafica definita sulla carta, questo per la situazione tettonica dell area e nel complesso di fenomeni franosi che discriminano tra formazioni in posto (se a livello di sito di campionamento si rileva prevalentemente la stessa giacitura) o non in posto. La prima di queste formazioni che incontriamo, a poche centinaia di metri dal passo, è quella a Bellerophon, un unità litostratigrafica composta prevalentemente da successioni, dal basso verso l alto, di dolomie chiare, marne da grigie a nere, gessi, anidriti, calcari scuri, questi ultimi due spesso intercalati da peliti, brecce dolomitiche e dolomie vacuolari. L unità a cicli evaporitici può raggiungere mediamente i m di spessore. (Fig. 2.15) Elenco dei rilevamenti litologici effettuati: Tab 2.1 Rilevamento litologico 1: gesso. Gesso (CaSO 4 2H 2 O) (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N50 W30 N Fig Foto del campione litologico 1: gesso. 33

2 Roccia sedimentaria chimica di ambiente evaporitico marino composta quasi esclusivamente dallo stesso minerale gesso formatosi appunto in ambiente evaporitico per precipitazione diretta da acque madri (serie evaporitiche in banchi e lenti). Associato a questo si possono rilevare anidrite (CaSO 4 ), altri sali marini, calcite (CaCO 3 ) e dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ]. Si pensa che proprio il gesso derivi da idratazione dell anidrite durante la diagenesi. Il campione, di colore prevalentemente biancastro, leggermente degradato ed alterato sulle superfici che sono state esposte agli agenti meteorici, presenta granulometria da fine a molto fine e livelli di stratificazione molto evidenti, spesso coincidenti con un fitto sistema di disgiunzioni che incide profondamente sull erodibilità della roccia stessa, che risulta elevatissima (stabilità molto scarsa; il minerale gesso poi è tenero ed occupa il secondo termine nella scala della durezza di Mohs; è poi abbastanza flessibile, ma non elastico, e può quindi essere piegato sotto l azione di pressioni endogene, infatti lungo il sentiero CAI 751 nei pressi di Passo Valles è visibile una piccola piega coricata formatasi per deformazione plastica, come in Fig. 2.17), e su porosità e permeabilità, anch esse molto elevate (di per sé tale roccia sarebbe pressoché impermeabile, ma si parla di permeabilità secondaria per fessurazione). Quest ultimo aspetto è da ritenersi direttamente collegato come effetto del fenomeno carsico, dato che pure la solubilità di questo tipo di roccia risulta elevatissima. (Vedere approfondimento al 2.4.2) Fig Foto della piccola piega coricata sui gessi della Bellerophon. Non sono riscontrabili nel campione cristalli di gesso visibili direttamente ad occhio nudo. Da rilevare poi la presenza di impurezze, spesso intercalate alle stratificazioni, probabilmente sottili depositi di marna, argilla, sali (evidenti anche a livello di sito di campionamento). Questo fa ritenere che la formazione del gesso non sia stata continua nel tempo, ma che ci siano stati degli eventi intermedi che abbiano apportato altro materiale. In effetti con il test HCl si è rilevata una leggera reazione proprio in corrispondenza di questi siti. Tab 2.2 Rilevamento litologico 2: andesite. 34

3 Andesite Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N40 E20 N Fig Foto del campione litologico 2: andesite. Roccia magmatica effusiva a chimismo intermedio di filone, presente in regioni di notevole attività tettonica e vulcanica e spesso in associazione con basalti. Può formarsi come intrusione in giunti di stratificazione. Il campione, piuttosto degradato ed alterato in corrispondenza delle superfici esposte (evidenti sfumature arancio per probabile deposito di ossidi di ferro formatisi per alterazione di pirosseni; la roccia è stata raccolta come detrito), di colore nero-verdastro e densità piuttosto elevata, presenta struttura olocristallina porfirica (indizio di una cristallizzazione lenta e in tempi leggermente diversi): sono presenti piccoli fenocristalli prevalentemente di plagioclasio e biotite (di cui comunque non è possibile, per le ridotte dimensioni, stimare forma e vicinanza all abito standard) immersi in una pasta di fondo più omogenea a grana molto fine. I componenti essenziali della roccia sono: - plagioclasio (albite {Na[AlSi 3 O 8 ]}+ anortite {Ca[Al 2 Si 2 O 8 ]}, quest ultima < 50%) - biotite {K(Mg,Fe,Mn) 3 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]} - anfiboli [(Mg,Fe,Ca,Na)Si 8 O 22 (OH) 2 ] (orneblenda) - pirosseni [(Mg,Fe,Ca,Al)SiO 3 ] 35

4 Dal punto di vista fisico il campione non presenta né stratificazioni né fratture. La roccia di per sé è impermeabile e non presentando fessurazioni la sua porosità e permeabilità risultano basse se non scarse. L erodibilità è bassissima. Il test HCl ha dato esito positivo per la locale e limitata presenza di probabili impurezze. (Vedere approfondimento al 2.4.1) Tab 2.3 Rilevamento litologico 3: dolomia cariata. Dolomia cariata (Formazione a Bellerophon) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 3: dolomia cariata. Roccia sedimentaria dolomitica di origine mista chimico-organogena probabilmente con anidrite come minerale primario, ridisciolto e, solo in parte, trasformato in gesso durante la diagenesi. Forma zone limitate nelle scogliere e barriere coralline. Il campione, fortemente degradato ed alterato in tutte le sue parti in quanto raccolto come detrito, di colore chiaro tendente al grigio-bruno, presenta granulometria piuttosto fine per quanto riguarda molti elementi di dolomia immersi in un substrato di fondo cementante di calcite (calcilutite) (il test HCl ha dato esito positivo sulla calcite, mentre non ha dato reazione sugli elementi di dolomia). 36

5 La struttura è vacuolare, ricca di pori creatisi per dissoluzione della componente solubile (anidrite + gesso) oltrechè per carsismo. Questo definisce quindi un alto grado di permeabilità. Non sono riscontrabili stratificazioni evidenti, probabilmente scomparse per fenomeni diagenetici. I componenti principali della roccia sono dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ], calcite (CaCO 3 ), residui di anidrite (CaSO 4 ) e gesso (CaSO 4 2H 2 O). In tracce quarzo (SiO 2 ), argille. L erodibilità di questa roccia, scarsamente stabile, è elevata. Tab 2.4 Rilevamento litologico 4: conglomerato - breccia. Conglomerato - breccia Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 4: conglomerato - breccia. Roccia sedimentaria clastica della classe delle ruditi coerenti formatasi per consolidamento di frane o falde di detrito in ambiente subaereo, oppure per fratturazioni e creazione di faglie durante il piegamento di elementi rocciosi, oppure per consolidamento di ghiaie eterogenee. Il campione, fortemente degradato nel suo complesso poiché raccolto come detrito, caratterizzato da una colorazione alquanto eterogenea, irregolare, variabile dal nerastro dei clasti di andesite al grigio ocra di quelli di dolomia e dello stesso cemento marnoso, presenta densità media e 37

6 tessitura definita da elementi grossolani, angolosi (dimensione variabile da circa 1mm a 2cm di diametro: granuli, ciottoletti, ciottoli) prevalentemente di andesite e dolomia cementati da marna calcarea a granulometria decisamente più fine. Stratificazioni ed orientamento preferenziale dei clasti non sono osservabili. La struttura è piuttosto irregolare, vacuolare, ricca di pori presenti a causa dell effettiva instabilità della roccia, la cui erodibilità, tra l altro, è da considerarsi elevatissima. Tutto ciò concorre ad attribuire a questa roccia un grado di permeabilità piuttosto elevato, anche se inferiore rispetto alla corrispondente roccia incoerente. Infatti la stessa composizione calcarea del cemento crea una certa facilità di mobilitazione e di percolamento dell acqua per formazione di soluzioni calcaree. Il test HCl ha dato esito positivo solo sul cemento calcareo. Al tetto della Formazione a Bellerophon un contatto netto, ma non discordante, con l Orizzonte di Tesero ci fa entrare nella Formazione di Werfen, una successione sedimentaria di acque basse di depositi carbonatici, terrigeni e misti varicolori mediamente di m di spessore. Il sentiero che porta a Forcella di Venegia (2217 m.s.l.m.) consente, risalendo il versante nordest di Cima Valles o Venegia, di attraversare molti affioramenti di alcuni dei principali membri della formazione stessa (Membro di Mazzin, Orizzonte di Andraz, Membro di Siusi, Membro di Campil). (Fig. 2.21) Fig La Cima Valles o Venegia, in evidenza il contatto fra la Formazione a Bellerophon e la Formazione di Werfen. 38

7 Tab 2.5 Rilevamento litologico 5: marna. Marna (Formazione di Werfen) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N30 W subverticale Fig Foto del campione litologico 5: marna. Roccia sedimentaria clastica o mista, calcareo-pelitica, formatasi per deposito marino o lacustre di materiale clastico che si è mescolato a prodotti di precipitazione chimica o a residui organogeni, creando una composizione definitiva data da calcite (CaCO 3 ) e minerali argillosi in proporzioni variabili tra loro con tracce di quarzo (SiO 2 ). Il campione, piuttosto ben conservato, di colore prevalentemente grigio scuro con sfumature tendenti al bruno, presenta granulometria da molto fine a finissima tipica delle argille, la cui abbondante presenza, in rapporto alla calcite, viene confermata dal test HCl che ha dato reazione debole (la roccia per questo può essere definita marna argillosa ). La densità è medio-alta; sono presenti stratificazioni laminari anche se poco visibili e comunque piuttosto fini e fitte, che tuttavia non pregiudicano una buona fissilità. Data la prevalente composizione argillosa della roccia, questa risulta decisamente poco permeabile, considerata inoltre la completa assenza a livello del campione di porosità e fratture se non per conseguenza diretta della buona fissilità. L erodibilità è elevata sempre come conseguenza dell abbondante presenza di argilla in rapporto alla calcite. 39

8 Tab 2.6 Rilevamento litologico 6: calcare marnoso grigio-verdastro. Calcare marnoso grigio-verdastro (Membro di Mazzin) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N70 E50 S Fig Foto del campione litologico 6: calcare marnoso grigio-verdastro. Roccia sedimentaria organogena calcarea, formatasi per precipitazione chimica diretta per sovrasaturazione da soluzioni oppure per fissazione da parte di organismi oppure per compattazione di calcari di origine bioermale e biostromale durante la diagenesi con eliminazione dei resti fossili di piccole dimensioni ed eventuale conservazione di quelli di maggiori dimensioni, anche come impronte talora riempite da cristalli di calcite. È comune la sostituzione delle parti aragonitiche degli organismi con dolomite per effetto dell azione di acque marine circolanti (metasomatosi, dolomitizzazione). I due campioni prelevati, piuttosto alterati in corrispondenza delle superfici esposte, di colore prevalentemente grigio scuro il primo (indice della presenza di materia organica carboniosa) e grigio chiaro con sfumature tendenti al bruno-arancio (per presenza di ossidi di ferro) ed al grigio scuro il secondo, presentano granulometria da fine a molto fine (si parla infatti di calcare marnoso che conta quindi la presenza di una certa percentuale di argilla) e tessitura compatta. La densità è medio-alta. È ben osservabile, in particolare nel secondo campione, una fitta serie di fini stratificazioni laminari parallele. 40

9 La roccia è composta prevalentemente da calcite (CaCO 3 ), alla quale si aggiunge la presenza, come già sottolineato, di materiale organico carbonioso, argilla, dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ], H 2 S e ossidi di ferro. Data la compattezza della roccia, la porosità, per lo meno a livello del campione, risulta scarsa come pure la permeabilità. Tuttavia quest ultimo fattore può essere fortemente dipendente dagli estesi fenomeni carsici che possono subire questi calcari (fenomeni che contribuiscono poi a formare sulla superficie del calcare depositi di ossidi di ferro), anche se l erodibilità di tale roccia nel complesso risulta bassa. Da rilevare la possibile presenza di frattura concoide. Il test HCl ha dato esito positivo, con forte reazione su tutta la superficie del campione. Tab 2.7 Rilevamento litologico 7: arenaria. Arenaria (Orizzonte di Andraz) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. e 2150 m.s.l.m. Giacitura EW50 S Fig Foto del campione litologico 7: arenaria. Roccia sedimentaria clastica (arenite coerente), formatasi per accumulo di materiale clastico (nel caso specifico derivante da erosione dei calcari neri del Werfen), trasportato da vento, acque fluviali e marine, che ha successivamente subìto diagenesi. 41

10 Il campione, ben conservato, di colore bruno-rossastro, presenta granulometria omogenea da fine a molto fine (i componenti rientrano nella classe dimensionale delle sabbie ; il cemento si stima abbia granulometria ancora più fine). La densità della roccia è media, mentre è rilevabile una fitta serie di fini laminazioni, in realtà poco visibili ad occhio nudo sul campione compatto, ma la cui presenza è dimostrata più che altro da rotture, scalfitture, perdite di materiale presenti proprio in corrispondenza di questi livelli che quindi conferiscono alla roccia stessa un punto di debolezza (l erodibilità è media). Questa tipologia di roccia di per sé è poco permeabile, tuttavia la formazione, soprattutto in superficie, di fratture longitudinali direttamente collegate alla fitta serie di laminazioni, può contribuire a portare porosità e permeabilità superficiali a livelli superiori allo standard (spesso si osserva una regolare diminuzione di grana dal basso verso l alto dello strato preso nel suo insieme). I granuli componenti la roccia possono essere essi stessi frammenti rocciosi, oppure singoli minerali: - quarzo (SiO 2 ) - feldspati - mica muscovite {KAl 2 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]} (ben visibile ad occhio nudo in quanto brilla in contrasto a tutta la massa circostante) - calcite (CaCO 3 ) Il cemento può essere siliceo, calcitico, ematitico. Nel caso specifico il test HCl ha dato esito negativo, quindi è da escludere che il cemento stesso possa essere di calcite. Tab 2.8 Rilevamento litologico 8: arenaria. Arenaria (Membro di Campil) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura EW20 S Fig Foto del campione litologico 8: arenaria. 42

11 Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: - laminazioni meno evidenti; - presenza di piccoli fossili di molluschi visibili; - il test HCl ha dato esito positivo, anche se con reazione debole. Ciò induce a credere che il cemento possa essere di calcite. Tab 2.9 Rilevamento litologico 9: calcare. Calcare (Membro di Siusi) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N30 E60 E Fig Foto del campione litologico 9: calcare. Vale in generale quanto detto per il campione 6. In particolare per questo campione: - colore grigio con sfumature verdastre e bruno-arancio per presenza di H 2 S o ossidi di ferro (superfici esposte alterate); - riscontrabili minerali a granulometria leggermente maggiore rispetto a quella della massa cristallina loro circostante; - stratificazioni poco evidenti, quasi assenti. 43

12 Tab 2.10 Rilevamento litologico 10: arenaria. Arenaria (Membro di Campil) Coordinate GPS Lat. N e Long. E m.s.l.m. e 2175 m.s.l.m. Giacitura N40 E40 S e N50 E60 E e N30 E60 E Fig Foto del campione litologico 10: arenaria. Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: - fitta serie di laminazioni parallele visibili ad occhio nudo sul campione compatto; - il test HCl ha dato esito positivo solo su un lato del campione, il che fa credere che qui sia presente un deposito superficiale di calcite e che il cemento stesso del campione non sia invece calcitico. 44

13 Tab 2.11 Rilevamento litologico 11: arenaria. Arenaria (Membro di Campil) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N50 E40 E Fig Foto del campione litologico 11: arenaria. Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: - fitta serie di laminazioni parallele visibili ad occhio nudo sul campione compatto. In particolare si rilevano, in corrispondenza di alcune di queste stratificazioni laminari, delle fratture perfettamente longitudinali e parallele che incidono sulla stabilità strutturale del campione stesso; - una delle due superfici del campione conta la presenta di ripples; - il test HCl ha dato esito negativo, quindi è da escludere che il cemento possa essere calcitico. 45

14 Superata la Forcella di Venegia l escursione procede senza importanti dislivelli verso Cima Venegiota (2401 m.s.l.m.), che verrà aggirata dal versante sud. Una volta superato un piccolo laghetto glaciale, incontriamo quello che viene considerato il limite superiore transizionale tra la Formazione di Werfen e la Dolomia del Serla Inferiore. Vistosi affioramenti di rocce vulcaniche effusive testimoniano poi l intensa attività vulcanica e tettonica della fine del Ladinico. Tab 2.12 Rilevamento litologico 12: dolomia calcarea del Serla. Dolomia calcarea del Serla Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 12: dolomia calcarea del Serla. Roccia sedimentaria organogena, formatasi direttamente per precipitazione da acque marine in ambiente di piattaforma (dolomie primarie, evento molto raro), oppure per metasomatosi, durante la diagenesi di aragonite, ad opera del magnesio disciolto nelle acque marine e nelle lagune salmastre (dolomitizzazione). Il campione, piuttosto alterato sulle superfici esposte, è di colore grigio chiaro con varie sfumature biancastre a volte tendenti al beige-nerastro soprattutto in corrispondenza delle zone alterate (incrostazioni di origine vegetale; effetto carsico). La densità è medio-alta, la 46

15 granulometria piuttosto omogenea da fine a molto fine. La struttura è compatta e massiccia, a parte la presenza di locali elementi vacuolari all interno dei quali è rilevabile la presenza di cristalli di dimensioni maggiori rispetto alla grana della massa di fondo circostante. I componenti principali della roccia sono dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ] e calcite (CaCO 3 ), con predominanza della prima in quanto il test HCl ha dato si esito positivo, ma con reazione così debole da non essere visibile ma solo udibile all orecchio. In tracce possono essere presenti argilla e quarzo (SiO 2 ). E assente ogni tipo di stratificazione. La porosità è bassissima o nulla; la permeabilità, scarsa, può essere rilevante solo per fenomeni di carsismo e fessurazione tettonica. Bassa risulta l erodibilità. Tab 2.13 Rilevamento litologico 13: basalto. Basalto Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N10 W30 S Fig Foto del campione litologico 13: basalto. Roccia magmatica effusiva a chimismo basico di filone, presente in regioni di notevole attività tettonica e vulcanica e spesso in associazione con andesiti. Il campione, di colore prevalente grigio scuro e densità medio-alta, è decisamente alterato in corrispondenza delle superfici esposte, che risultano di colore bruno-rossastro con sfumature variabili anche tendenti al giallo-arancio (formazione di ossidi di ferro per ossidazione di 47

16 pirosseni) se non quasi completamente ricoperte da licheni ed incrostazioni di origine vegetale. Presenta struttura olocristallina a grana generalmente fine, ma con cristalli visibili di plagioclasio e pirosseno. I componenti essenziali della roccia sono: - plagioclasio (anortite {Ca[Al 2 Si 2 O 8 ]} > 50%) - pirosseni [(Mg,Fe,Ca,Al)SiO 3 ] Sono assenti stratificazioni e fratture. La roccia è molto compatta, di per sé impermeabile, quindi porosità e permeabilità primaria e secondaria a livello del campione (se non per fessurazione colonnare che può coinvolgere volumi rocciosi più estesi) risultano scarse. L erodibilità è bassissima. Il test HCl ha dato esito negativo. Tab 2.14 Rilevamento litologico 14: andesite. Andesite (filone vulcanico) Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura N50 E subverticale Fig Foto del campione litologico 14: andesite. Il campione, di colore grigio scuro-verdastro, ha densità elevata. Le superfici esposte sono profondamente alterate sia dal punto di vista fisico (angoli e lati piuttosto smussati) che dal punto di vista chimico, date le evidenti e variabili sfumature bruno-nerastre, a volte tendenti al giallo- 48

17 arancio (deposito di ossidi di ferro per ossidazione di pirosseni). Abbondante la presenza esterna di licheni ed incrostazioni di origine vegetale. La struttura della roccia è olocristallina porfirica per la presenza di evidenti fenocristalli prevalentemente di anfiboli e pirosseni immersi in una massa di fondo olocristallina a grana molto fine. Sono assenti fratture e stratificazioni. La roccia è impermeabile, compatta, quindi porosità e permeabilità primaria e secondaria a livello del campione sono scarse. L erodibilità è bassissima. Tab 2.15 Rilevamento litologico 15: andesite brucione. Andesite brucione Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 15: andesite brucione. Il campione, di colore verdastro con sfumature tendenti al grigio scuro e densità medio-alta, si presenta con superfici esterne esposte pesantemente alterate dal punto di vista chimico nella loro totalità (la raccolta è avvenuta da falda di detrito): l elevato contenuto di pirite (FeS 2 ) della roccia è da ritenersi direttamente collegato al fenomeno delle acque acide di miniera con formazione di acido solforico (H 2 SO 4 ) e Fe 3+ che hanno rispettivamente alterato la superficie e formato un deposito di ferro ed ossidi dal colore bruno-rossastro. 49

18 La struttura della roccia è compatta, massiccia, olocristallina a grana fine. Sono assenti stratificazioni e fratture a livello del campione; la roccia è impermeabile, porosità e permeabilità sono molto basse. Bassissima l erodibilità. Il test HCl ha dato esito negativo. Tab 2.16 Rilevamento litologico 16: porfirite. Porfirite Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 16: porfirite. Roccia magmatica ipoabissale a chimismo intermedio (sottosatura in silice), formatasi come parte di un filone vulcanico: i cristalli iniziano a svilupparsi al di sotto della superficie terrestre, ma prima che questi crescano notevolmente di dimensione, un eruzione vulcanica li trascina in superficie insieme alla lava, che si raffredda velocemente, cosicché i cristalli stessi risultano immersi in una matrice a grana fine. Il campione, di colore prevalentemente grigio scuro e densità medio-alta, presenta superfici esposte decisamente alterate, caratterizzate da sfumature variabili bruno-rossastre, a volte tendenti all arancio (depositi di ossidi di ferro per alterazione di pirosseni). La struttura, piuttosto complessa ed eterogenea, è olocristallina porfirica con fenocristalli di dimensione molto 50

19 variabile, prevalentemente di plagioclasio, biotite {K(Mg,Fe,Mn) 3 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]}, anfiboli [(Mg,Fe,Ca,Na)Si 8 O 22 (OH) 2 ], pirosseni [(Mg,Fe,Ca,Al)SiO 3 ], feldspatoidi (analcime, Na[AlSi 2 O 6 ] H 2 O, o heulandite, riconoscibili perché di colore rossastro), immersi in una pasta di fondo cristallina a grana molto fine. Sono assenti fratture e stratificazioni a livello del campione; la roccia è impermeabile, abbastanza compatta anche se ruvida al tatto; porosità e permeabilità primaria sono molto basse. L erodibilità è bassissima. La meta finale della nostra escursione è il Passo di Venegiota (2303 m.s.l.m.), una sella interposta tra Cima Venegiota e le imponenti pareti nord-occidentali di dolomia del Monte Mulaz (2906 m.s.l.m.). Siamo qui in corrispondenza del punto geologicamente più elevato da noi raggiunto in questo viaggio attraverso la successione stratigrafica delle Dolomiti. La Dolomia dello Sciliar, qui magnificamente rappresentata, va a costituire quelle che sono tra le più famose scogliere dolomitiche, tra cui le Pale di S. Martino, di cui il Monte Mulaz costituisce proprio il limite settentrionale. Tab 2.17 Rilevamento litologico 17: dolomia dello Sciliar. Dolomia dello Sciliar Coordinate GPS Lat. N Long. E m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 17: dolomia dello Sciliar. 51

20 Dal punto di vista genetico vale quanto detto per la Dolomia Calcarea del Serla. Il campione, di colore prevalentemente biancastro, risulta decisamente alterato sulle superfici esposte, che si presentano invece bruno-grigiastre con sfumature variabili tendenti al beigegiallognolo (la roccia, raccolta da una falda di detrito alla base del massiccio del monte Mulaz, ha sicuramente subìto l azione degli agenti atmosferici, oltrechè di fenomeni carsici; sono presenti pure incrostazioni di origine vegetale e residui di muschi). L esistenza ulteriore di sfumature arancio-rosate (fenomeno dell enrosadira, termine ladino che significa diventare di colore rosa ) è dovuta a sostituzione di Mg con Fe a livello di ppm. La densità è medio-alta, mentre la granulometria è più eterogenea, comunque medio-fine. La struttura massiccia conta la presenza locale di elementi vacuolari. Il componente essenziale della roccia è la dolomite [CaMg(CO 3 ) 2 ], mentre non sembra essere presente calcite (CaCO 3 ) in quanto il test HCl ha dato esito negativo; possibile la presenza in tracce di quarzo (SiO 2 ) e argille. Sono assenti stratificazioni, come tipico per questo litotipo. La porosità risulta bassissima o nulla, mentre la permeabilità, scarsa, può essere incrementata per effetto di fenomeni carsici e di fessurazione tettonica (da rilevare, nelle vicinanze del sito di campionamento, il fenomeno dei campi carreggiati). L erodibilità è bassa. Si è gia evidenziato come, alla fine del Ladinico, l intera area dolomitica fu sconvolta da importanti fenomeni vulcanici e tettonici. Venne creata una serie di faglie e fratture che sovente ospitò intrusioni filoniane di magmi basici (camini vulcanici). Queste rocce, generalmente nerastre, risaltano sulle dolomie (maggiormente coinvolta da questo fenomeno fu la formazione della Dolomia dello Sciliar) ed essendo molto più facilmente erodibili delle stesse dolomie incassanti, danno luogo a canaloni molto appariscenti (Monte Mulaz). (Fig. 2.34) Fig Foto delle pareti nord-occidentali del Monte Mulaz con i camini vulcanici di intrusioni filoniane 52

21 Una volta percorso a ritroso il sentiero fino al Passo Valles, sono stati prelevati dei campioni da due affioramenti posti lungo la strada locale n o 25, a poche decine di metri dal valico. Si tratta dei porfidi quarziferi e delle Arenarie di Val Gardena, le due formazioni geneticamente più antiche che abbiamo potuto osservare durante la nostra escursione, in quanto si trovano alla base dell intera successione stratigrafica dolomitica. Le Arenarie di Val Gardena costituiscono una successione di red beds continentali di arenarie grossolane, di composizione quarzoso-micacea, e peliti di colore rosso e grigio (litareniti feldspatiche e arcose litiche) mediamente di m di spessore. La formazione poggia in discordanza su vulcaniti atesine (Dolomiti occidentali) oppure sul basamento cristallino (Dolomiti centro-orientali). Tab 2.18 Rilevamento litologico 18: arenaria di Val Gardena. Arenaria di Val Gardena Coordinate GPS m.s.l.m. Giacitura EW20 S Fig Foto del campione litologico 18: arenaria di Val gardena. Vale in generale quanto detto per il campione 7. In particolare per questo campione: 53

22 - roccia formatasi per accumulo e diagenesi di materiale derivante da degradazione meteorica dei porfidi quarziferi in ambiente continentale, quindi composta prevalentemente da quarzo (SiO 2 ), feldspati alcalini più o meno alterati, biotite {K(Mg,Fe,Mn) 3 [(OH,F) 2 AlSi 3 O 10 ]}, frammenti litici (spesso di origine vulcanica); - primo campione colore bruno-rossastro, leggermente alterato per presenza sulle superfici laterali di ossidi di ferro in tracce; una delle due superfici maggiori risulta chiaramente essere stata esposta ad agenti meteorici (colore notevolmente più scuro); granulometria leggermente più grossolana di quanto descritto per il campione 11, comunque piuttosto omogenea a parte la presenza di una piccola percentuale di minerali o clasti a granulometria superiore visibili ad occhio nudo. Laminazioni fini e fitte presenti, anche se poco visibili; - secondo campione colore grigio chiaro-beige, piuttosto ben conservato ma con angoli e lati alquanto smussati ed arrotondati (è stato raccolto come detrito); granulometria maggiore di quanto descritto per il campione 11, piuttosto omogenea. Il campione al tatto si presenta decisamente ruvido. Laminazioni poco visibili, quasi assenti. Il colore, molto chiaro rispetto allo standard tipico per questa tipologia di roccia, è legato alla possibilità che il cemento non sia prevalentemente ematitico; - per entrambi i campioni il test HCl ha dato esito negativo, quindi è da escludere che il cemento possa essere calcitico. Tab 2.19 Rilevamento litologico 19: porfido quarzifero. Porfido quarzifero Coordinate GPS m.s.l.m. Giacitura - Fig Foto del campione litologico 19: porfido quarzifero. 54

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Ciclo idrologico nel bacino

Ciclo idrologico nel bacino Condensazione Evapotraspirazione Precipitazione Evaporazione Suolo Falda Precipitazione Intercettazione Ruscellamento Infilotrazione Ipodermico Ricarica Traspirazione Flusso di base Portata del fiume Evaporazione

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Il fenomeno carsico carsismo

Il fenomeno carsico carsismo Foto MTSN Il fenomeno carsico carsismo Il termine carsismo deriva dalla parola Carso che indica una regione naturale delle Prealpi Giulie in Istria e Slovenia. Il fenomeno carsico carsismo Qui il fenomeno

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO

LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO Cognome... Nome... LE ACQUE SOTTERRANEE E IL CARSISMO Come abbiamo visto parlando del ciclo idrologico, l acqua che cade al suolo con le precipitazioni segue diversi percorsi: può evaporare, direttamente

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Tubaggio e filtraggio del pozzo

Tubaggio e filtraggio del pozzo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Tubaggio e filtraggio del pozzo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto presso il Dipartimento

Dettagli

LE ROCCE. Tali processi fanno parte del ciclo litogenetico di cui rappresentano stadi distinti:

LE ROCCE. Tali processi fanno parte del ciclo litogenetico di cui rappresentano stadi distinti: LE ROCCE Una roccia può essere genericamente definita come un aggregato naturale di minerali differenti (rocce polimineraliche), ma esistono rocce costituite per la quasi totalità della sua massa da un

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro

Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro UNIVERSITA DEGLI STUDI DICAGLIARI FACOLTA DI ARCHITETTURA Corso di Laurea magistrale in Architettura_LM4 a.a. 2013-2014 Laboratorio integrato di Rilievo e Restauro Modulo Restauro QUESTIONI DI RESTAURO

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza

Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI. prof. ing. Vincenzo Sapienza Ingegneria Edile-Architettura Architettura Tecnica I e Laboratorio I MATERIALI LAPIDEI prof. ing. Vincenzo Sapienza CICLO LITOLOGICO COMPOSIZIONE CHIMICA DELLE ROCCE Gli elementi più diffusi nelle rocce,

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

[LEPATOLOGIEEDILIZIE]

[LEPATOLOGIEEDILIZIE] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LEPATOLOGIEEDILIZIE] Analisi delle patologie più comuni e causa della loro comparsa Le patologie edilizie più comuni Il degrado di un manufatto è correlato alla

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

UNA TECNOLOGIA PRESTAZIONALE

UNA TECNOLOGIA PRESTAZIONALE UNA TECNOLOGIA PRESTAZIONALE www.pratiarmati.it PRATI contro la desertificazione e l erosione dei suoli ARMATI PARTE II LITOTIPI e CANTIERI APPLICAZIONI PER LITOTIPI - TERRENI TRATTABILI CON I Si intendono

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

Formazione dei travertini

Formazione dei travertini Formazione dei travertini I travertini, denominati anche tufi calcarei, sono rocce sedimentarie chimiche ed organogene, costituite principalmente da cristalli di carbonato di calcio (calcite e aragonite).

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali

Generale disequilibrio con l ambiente superficiale + Grande varietà di condizioni ambientali + Diverse situazioni di sforzo applicato sui materiali IL DEGRADO DELLE ROCCE Molti tipi di rocce utilizzate nei manufatti. Si distinguono: per natura geologica (sedimentarie, magmatiche, metamorfiche); per composizione (carbonatiche, silicatiche); per struttura

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA S.P. 130 ANDRIA-TRANI LAVORI DI AMMODERNAMENTO ED ALLARGAMENTO DEL PIANO VIABILE E DELLE RELATIVE PERTINENZE RISOLUZIONE DELL INTERSEZIONE CON LA S.P. 168 A LIVELLI SFALSATI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Dettagli

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1

ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 ODALENGO limoso-fine, fase tipica ODA1 Distribuzione geografica e pedoambiente Aree poste all'interno di fondivalle collinari nelle immediate vicinanze dei rii o piccoli torrenti che li solcano. Si tratta

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

Studio delle acque in grotta

Studio delle acque in grotta Studio delle acque in grotta Introduzione Il carsismo è il fenomeno predominante nel Parco Nazionale del Gargano, data la natura calcarea del territorio. Il fenomeno carsico è prodotto dall'acqua piovana

Dettagli

Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri.

Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri. PROGETTO PRELIMINARE SALERNO PORTA OVEST CAROTAGGIO SP21 Quota s.l.m.: 228.50 m ca Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri. Attrezzatura

Dettagli

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone.

Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Caratteristiche dell'acqua nei comuni di Storo e Bondone. Nei Comuni di Storo e Bondone viene analizzata regolarmente l acqua degli acquedotti per assicurarsi che rispetti i limiti stabiliti dal Decreto

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

analisi del degrado I - fenomeni di degrado

analisi del degrado I - fenomeni di degrado analisi del degrado I - fenomeni di degrado alterazioni - strutturali deformazioni cinematismi controlli strumentali diagnosi dei dissesti - della materia analisi interdisciplinari fisiche chimiche biologiche

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Idratazione dei singoli composti del clinker

Idratazione dei singoli composti del clinker Idratazione dei singoli composti del clinker il clinker finemente macinato reagisce con acqua formando prodotti di idratazione con proprietà leganti che conferiscono resistenza meccanica all impasto indurito

Dettagli

Le pietre da costruzione

Le pietre da costruzione 1 Le pietre da costruzione La maggior parte delle rocce presenti sulla crosta terrestre può essere usata come materiale da costruzione. Tra quelle non adatte possiamo ricordare alcune rocce sedimentarie

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

Correttivi. 1.1. Classificazione granulometrica: per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione granulometrica.

Correttivi. 1.1. Classificazione granulometrica: per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione granulometrica. ALLEGATO 3 (previsto dall articolo 1, comma 1, lettera b) Correttivi 1. PREMESSA 1.1. : per i correttivi calcio-solfo-magnesiaci è adottata la seguente classificazione. 1.1.1. Prodotto polverulento: almeno

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare.

Accenniamo brevemente ai vari tipi di frese meccanizzate, utilizzate in accordo con le caratteristiche geomeccaniche del mezzo da scavare. Articolo su tecnologia TBM per rivista GALLERIE EARTH PRESSURE BALANCE MACHINE Breve cenno sull utilizzo dello scudo meccanizzato a pressione bilanciata nello scavo delle gallerie e sulla funzione della

Dettagli

IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO

IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO 1 IL «CONVENTO ROSSO» A SOHAG. RISULTATI DI SINTESI DELLA PRIMA CAMPAGNA DI STUDIO A CURA DI COSTANTINO MEUCCI INTRODUZIONE Nel corso della prima missione del gruppo di ricerca dell Università degli Studi

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE i quaderni l impermeabilizzazione Pag.1/13 UMIDITA DI INFILTRAZIONE - ACQUA IN PRESSIONE (Degrado di strutture in cls, interrate e/o seminterrate a contatto con acqua) ORIGINE DEL FENOMENO : Nell edilizia

Dettagli

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno

Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Lotta biologica agli insetti, e calcitazioni del terreno Per volontà dell autore il presente testo non è stato sottoposto a revisione. L editore, per preservarne integralmente il pensiero, ha scelto di

Dettagli

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO

CAMPIONAMENTO DEL SUOLO CAMPINAMENT DEL SUL Metodo Nei tre anni di durata del progetto è stato effettuato un solo campionamento del suolo da tutte le 6 AdS di Livello IIA-B, esattamente tra la fine di Maggio e Giugno 1996. Il

Dettagli

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento:

Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: Glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (PH) E' la misura della quantità di ioni idrogeno presenti nell'acqua, e ne fornisce di conseguenza

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

Le malte: Leganti e malte. La calce:

Le malte: Leganti e malte. La calce: Leganti e malte I leganti sono materiali che, se miscelati con acqua, hanno la capacità di legarsi agli aggregati, facendo presa ed indurendo progressivamente grazie a reazioni chimiche. Essi possono essere

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in

Carsismo è il fenomeno erosivo del suolo che crea le grotte. Così chiede ai. Bambini: Come mai le grotte si formano solo in certi posti e non in Il fenomeno Carsico Premessa: prima di presentare il fenomeno Carsico, la maestra fa osservare una cartina dell Italia che mostra la distribuzione del fenomeno nei diversi luoghi. Prima presentazione:

Dettagli

RILIEVO GEOMECCANICO

RILIEVO GEOMECCANICO RILIEVO GEOMECCANICO LAVORO: STUDIO DI DETTAGLIO LOCALITÀ: San Pietro Sovera, Comune di Corrido (Co) RILIEVO N.: RG 1 DESCRIZIONE GEOLOGICA AFFIORAMENTO: roccia di natura calcarea, grigia e ben stratificata

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

Profondità raggiunta dalla prova geognostica in m dal p.c. Committente della prova geognostica

Profondità raggiunta dalla prova geognostica in m dal p.c. Committente della prova geognostica GEG_F_ROVE_UN O OJETI Identificativo univoco generato automaticamente dal software GIS SIGL Sigla della prova geognostica SHE Tipo di geometria della feature GISI Identificativo univoco della prova geognostica

Dettagli

Qualità dell'acqua nel tuo comune

Qualità dell'acqua nel tuo comune Qualità dell'acqua nel tuo comune Qui di seguito trovate il glossario dei termini utilizzati nella tabella dei dati di rilevamento: CONCENTRAZIONE DEGLI IONI IDROGENO (ph) E' la misura della quantità di

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

La geologia nella pratica edilizia

La geologia nella pratica edilizia ALBERTO CLERICI - FRANCESCO SFRATATO La geologia nella pratica edilizia MATERIALI LAPIDEI: CARATTERISTICHE, ATTIVITÀ ESTRATTIVE, DURABILITÀ E PROCESSI DI DEGRADO Dario Flaccovio Editore Alberto Clerici

Dettagli

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione:

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione: Le Malte Dal punto di vista micro-strutturale una malta può considerarsi un materiale abbastanza simile ad una roccia sedimentaria clastica nella quale i clasti sono costituiti dai granuli (o dai singoli

Dettagli

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008

TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI. Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 TAVOLA TECNICA SUGLI SCAVI Art. 100 comma 1 del D. Lgs. 81/2008 D. Lgs. 81/2008: Art. 100 Piano di Sicurezza e Coordinamento comma 1: il Piano di Sicurezza e Coordinamento è corredato..da una tavola tecnica

Dettagli

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA

INDICE GENERALE CHIMICA ORGANICA Indice 1 INDICE GENERALE 1. CHIMICA GENERALE E ORGANICA CHIMICA GENERALE STRUTTURA DELL ATOMO PAG. 1 TAVOLA PERIODICA PAG. 7 PROPRIETÀ PERIODICHE PAG. 9 LEGAMI CHIMICI PAG. 11 MOLECOLE E CRISTALLI PAG.

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

Cenni di geologia e idrogeologia finalizzati alla comprensione della relazione idrogeologica

Cenni di geologia e idrogeologia finalizzati alla comprensione della relazione idrogeologica INTRODUZIONE Cenni di geologia e idrogeologia finalizzati alla comprensione della relazione idrogeologica L idrogeologia è lo studio delle leggi che regolano il moto dell acqua sotterranea, delle interazioni

Dettagli

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Prot. int. n UFVG2004/104 Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Rosa Anna Corsaro - Lucia Miraglia Il campionamento dei prodotti emessi nel corso dell eruzione etnea del

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

Sassi, rocce e minerali

Sassi, rocce e minerali SCIENZE La Terra Osservare i sassi, studiarne la forma, il colore, la durezza, la texture significa entrare in relazione con la storia della Terra: i sassi portano con loro la memoria e i segni del tempo.

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede

E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede E lo strato detritico superficiale della crosta terrestre capace di ospitare la vita delle piante, costituito da sostanze minerali ed organiche, sede di attività biologiche e di processi fisici e chimici

Dettagli

8 - LE ACQUE SOTTERRANEE

8 - LE ACQUE SOTTERRANEE 8 - LE ACQUE SOTTERRANEE Con le precipitazioni giunge acqua al suolo; ad essa può aggiungersi quella di fusione dei ghiacciai e delle nevi nelle montagne più elevate. Una parte ruscella sulla superficie

Dettagli