SEZIONE DI GEOLOGIA. Dott.ssa E. Gagliano Candela

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE DI GEOLOGIA. Dott.ssa E. Gagliano Candela"

Transcript

1 SEZIONE DI GEOLOGIA Dott.ssa E. Gagliano Candela Giugno 2008

2 PREMESSA Nel mese di febbraio 2008 sono iniziati i lavori di identificazione ed archiviazione dei materiali (rocce, minerali, fossili) acquistati nei primi anni del 900 per uso didattico dagli insegnanti del Liceo Classico Garibaldi (Fig. 1). Sono state ricostruite due collezioni, quella mineralogica e quella paleontologica, e ritrovati alcuni materiali didattici. Qui di seguito verrà data una breve descrizione delle collezioni e del materiale didattico esposti nella vetrina relativa alla Sezione di Geologia del Museo del Liceo Garibaldi. Fig. 1 lavori di inventariazione degli esemplari COLLEZIONI La collezione mineralogico-petrografica comprende campioni sia di minerali, sia di rocce per un totale di circa 58 esemplari di cui 28 esposti in vetrina. Una cassetta in legno contenente una collezione di 100 minerali e rocce di piccole dimensioni, ed infine una cassetta con una collezione mineralogica di 25 esemplari. Oltre alla collezione citata il Museo dispone di altro materiale didattico costituito da modelli di reticoli cristallini elementari in ferro su piedistalli in legno, una pinza a tormalina ed una scatola di legno contenente delle riproduzioni di cristalli in vetro. Tutti questi oggetti sono stati esposti in vetrina. La collezione paleontologica comprende circa 100 esemplari di cui circa 70 esposti in vetrina. Quasi tutti i fossili appartengono agli invertebrati. I fossili sono stati suddivisi per Phylum e Classi. Nella vetrina dedicata alla Sezione di Geologia la collezione mineralogico-petrografica è

3 disposta nella parte sinistra, mentre nella parte destra si trova la collezione paleontologica (Fig. 2). Fig. 2 Vetrina della Sezione di Geologia Sul ripiano della vetrina sono disposti gli esemplari di grandi dimensioni ed i modelli in ferro dei reticoli cristallini. Sulla parete interna della vetrina sono stati appesi: una tavola geocronologica e delle tabelle che riportano il contenuto delle cassette delle collezioni mineralogiche (Fig. 2).

4 Per i materiali didattici sono state compilate delle schede con la descrizione degli oggetti, mentre per i fossili è stato creato un archivio in Microsoft EXCEL con l elenco dei fossili con il Phylum, la Classe, la Sottoclasse ed il Genere, ed è stata inclusa la foto dell esemplare. Nelle foto di seguito riportate vengono mostrati alcuni particolari della vetrina. Fig.3 Cassetta collezione di 100 minerali Fig 4 Cassetta collezione mineralogica

5 Fig. 5 Settore dei Molluschi Gasteropodi (in alto), brachiopodi (al centro a sinistra), denti di squalo (a destra al centro) Fig. 6 Settore dei Celenterati (in alto) e dei Molluschi Bivalvi (al centro e in basso).

6 Vista la disponibilità di adeguati spazi è stato possibile esporre solo una parte degli esemplari, anche perché per una parte del materiale è ancora in atto l inventariazione. Il materiale non esposto è stato conservato in scatole di cartone.

7 SCALA DEI TEMPI GEOLOGICI Nella scala dei tempi geologici riportata di seguito, da leggersi da sinistra a destra e dal basso in alto, si può osservare come il tempo geologico sia stato articolato in ere, periodi, epoche e piani, ognuno dei quali fornito di una datazione assoluta di riferimento in milioni di anni. MUSEO SCIENTIFICO DEL LICEO "G. GARIBALDI" SCALA GEOCRONOLOGICA ERA Periodo Epoca Milioni di anni Celenterati Coralli e Meduse INVERTEBRATI Brachiopodi Anellidi Molluschi Artropodi Echinodermi NEOZOICA Quaternaria Olocene 0,008 - Oggi Pleistocene 1,6-0,008 Neogene Pliocene 7-1,6 Miocene 23-7 CENOZOICA Terziaria Oligocene Paleogene Eocene MESOZOICA Secondaria PALEOZOICA Primaria ARCHEOZOICA Cretaceo Giurassico Triassico Permiano Carbonifero Devoniano Siluriano Ordoviciano Cambriano Paleocene I principali gruppi di invertebrati estinti (tratteggio obliquo) e loro distribuzione stratigrafica

8 Normativa La raccolta dei fossili è regolata dalla legge n del 1 giugno 1939 ( Tutela delle cose d interesse artistico e storico ) e dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio del 22 gennaio 2004 (entrato in vigore il 1 maggio 2004), che disciplina anche l'attività archeologica e paleontologica vietando la ricerca e la raccolta a chiunque non dia serie e sufficienti garanzie. Per il privato è perciò necessario, qualora intenda svolgere tale attività, appoggiarsi a qualche Museo, Istituto Scientifico od Universitario o anche a qualche Gruppo Naturalistico o Paleontologico riconosciuto.

9 Numero inventario antico Numero inventario attuale ESEMPLARE: Cassetta collezione n. 100 esemplari Epoca: seconda metà del 900 Costruttore: G. B. PARAVIA Torino Materiali: cassetta in legno con piccoli contenitori in cartone Dimensioni: 330 x 250 x 250 mm Stato di conservazione: buono Notizie: Dal registro d inventario più antico, rinvenuto nel liceo, risulta che l esemplare è stato inserito in inventario il, per,con il numero. Descrizione: La cassetta internamente presenta tre ripiani estraibili su cui sono posati dei piccoli contenitori in cartone (45 x 55 mm). Conteneva originariamente cento tipi di minerali diversi (mancano 11 esemplari). Di ciascun esemplare viene indicata la provenienza. Il contenuto della cassetta è mostrato nella tabella inserita di seguito alla scheda. Uso: didattico

10 MUSEO SCIENTIFICO DEL LICEO "G. GARIBALDI" COLLEZIONE DI 100 MINERALI (G.B. PARAVIA - TORINO) 1 Rame dendritico nativo - Bolivia 10 Cromite - Asia 15 Limonite 20 Zolfo - Marche 25 Realgar - Asia 2 Cuprite 9 Magnetite - Punta calamita 14 Bauxite - Chieti 19 Fluorite - Sassonia 24 3 Welfenite - Carinzia 8 13 Pirolusite 18 Salgemma - Sassonia 23 Galena - Assia 4 Oligisto 7 Corindone 12 Manganite - Sassonia 17 Ocra gialla 22 Blenda - Sassonia 5 Ematite micacea 6 Ematite rossa - Elba 11 Pislomelano - Spagna 16 Limonite iridescente - Elba 21 Rame grigio 30 Pirite cubica - Bolognese 35 Baritina 40 Allume - Roma 45 Fosforite - Sassonia 50 Lignite - Umbria Anidrite Sassonia 39 Alunite Litantrace - New Castle 28 Pirite 33 Molibdenite - Sassonia 38 Gesso aghiforme 43 Ciasonite Calcarenite CuSO4-H2 48 Antracite - Inghilterra 27 Orpimento 32 Calcopirite - Westfalia 37 Gesso Selenite - San Donato 42 Apatoite - Norvegia 47 Grafite - Caylan 26 Stibina - Turingia 31 Arseno Pirite - Sassonia 36 Gesso fibroso 41 Nitro potassico. S.V.A. 46 Cassiterite - Cornovaglia 55 Ambra - Baltico 60 Mimetite 65 Malachite Selce - Abruzzo 54 Asfalto - Chieti 59 Dolomite - Monte Vettore 64 Siderite - Westfalia 69 Quarzo a tremie - Porretta 74 Diaspro - Baden 53 Bitume - Caspio Berussite - Assia 68 Quarzo - Elba 73 Opale nobile 52 Torba- Campotosto 57 Calcite in romboedri - Porretta 62 Aragonite - Boemia Ametista - Brasile 51 Lignite terrosa - Colonia 56 Calcite 61 Aragonite - Bolognese 66 Stronzianite - Westfalia Serpentino - Bolognese 90 Lepidolite Ac Borico (sassolite) 79 Caolino 84 Amianto 89 Mica muscovite 94 Idroclasio 99 Leucite - Vesuvio 78 Magnesite - Ungheria Talco 93 Melanite (granato) - Roma 98 Albite 77 Calamina - Grecia 82 Diafalgio (pirosseno) 87 Orneblebnda 92 Granato (almandino) - Tirolo 97 Sanidino con anfibolo 76 Olivina - Vesuvio 81 Tormalina 86 Actinolite (anfibolo) 91 Meroxeno - Vesuvio 96 Ortose - Norvegia

11 Numero inventario antico Numero inventario attuale ESEMPLARE: Cassetta collezione mineralogica Epoca: Inizi del 900 Costruttore: Materiali: cassetta in legno con piccoli contenitori cilindrici in cartone Dimensioni: 460 x 300 x 70 Stato di conservazione: Buono Notizie: Dal registro d inventario più antico, rinvenuto nel liceo, risulta che l esemplare stato inserito in inventario il, per,con il numero. Descrizione: La cassetta, in legno con ganci di chiusura in metallo, internamente è suddivisa in 100 scomparti (40 x 60 mm). Negli scomparti sono contenuti dei piccoli contenitori cilindrici (diam. 34 mm, altezza 24 mm) che contengono i cristalli. Attualmente mancano molti contenitori e molti di quelli ancora presenti sono vuoti. Il contenuto della cassetta è mostrato nella tabella inserita di seguito alla scheda. Uso: didattico

12 MUSEO SCIENTIFICO DEL LICEO "G. GARIBALDI" Scheelite Pirite Galena Cuprite (alterata in malachite verde) Cuprite Pirite Anfigeno Idrocrase (Vesuviana) Zircone Rutilo Tormalina Mellite (Melitite) Calcopirite Tormalina Spato d'islanda Andalusite Quarzo Tormalina Quarzo prismatico Quarzo Latteo Muspioka Calcite Topazio Anglesite Staurolite

13 Numero inventario antico Numero inventario attuale ESEMPLARE: Pinza a tormalina Epoca: Inizi del 900 Costruttore: Materiali: Dimensioni: ha una lunghezza complessiva di 15 centimetri, i dischetti che contengono le tormaline hanno un diametro di 3 centimetri e l'apertura centrale di 1 centimetro Stato di conservazione: Integro Notizie: Dal registro d inventario più antico, rinvenuto nel liceo, risulta che l esemplare stato inserito in inventario il, per,con il numero. Descrizione: Lo strumento, ideato da Jean-Baptiste Biot ( ), veniva utilizzato per il riconoscimento dei cristalli dalle loro immagini caratteristiche di polarizzazione cromatica. Si trattava quindi di un analizzatore che sfruttava un mezzo polarizzatore, la tormalina che è birifrangente, per polarizzare la luce con cui veniva attraversato il cristallo da studiare, posto tra i bracci della pinza. L'esemplare di pinza che viene presentato qui ha una lunghezza complessiva di 19 centimetri, i dischetti che contengono le tormaline hanno un diametro di 4 centimetri e l'apertura centrale di 1 centimetro; la tormalina è della varietà verde. La pinza a tormaline è un polariscopio costituito da due lamine di tormalina verde, aventi uno spessore di circa un millimetro e una sezione di uno o due centimetri quadrati, tagliate parallelamente all'asse ottico e incastrate in due dischetti di ottone aperti al centro. Essi possono ruotare su se stessi all'interno di due anelli ricavati agli estremi di un filo metallico che, nel punto intermedio è ripiegato in modo da formare un anello circolare perpendicolare agli altri due. Quest'anello funge da molla, tiene le lamine di tormalina aderenti fra loro e, ben ferma fra esse, la lamina del campione che si vuole analizzare.

14 Dalla caratteristica forma, che è quella di una pinza, deriva il nome dato allo strumento. La pinza a tormaline ha costituito il più semplice polariscopio per osservare i fenomeni di polarizzazione cromatica nelle lamine cristalline sia in luce parallela che in luce convergente. Per l'osservazione in luce parallela l'occhio dell'osservatore deve guardare la lamina posta, fra le due lamine di tormalina, alla distanza della visione distinta (circa 20 cm), di fronte ad uno sfondo ben illuminato, come può essere una parete bianca battuta dal sole. Per l'osservazione in luce convergente l'osservatore deve guardare lo sfondo luminoso attraverso la pinza, tenuta aderente all'occhio. Uso: didattico

15 Numero inventario antico 3193 e 3194 Numero inventario attuale ESEMPLARE: Cassetta cristalli in vetro Epoca: Inizi del 900 Costruttore: Materiali: cassetta in legno con piccoli contenitori cilindrici in cartone Dimensioni: 210 x 110 x 30 Stato di conservazione: Scadente, mancano 4 modelli ed alcuni sono scheggiati Notizie: Dal registro d inventario più antico, rinvenuto nel liceo, risulta che l esemplare stato inserito in inventario il, per,con il numero. Descrizione: La cassetta in legno internamente rivestita in tela con ganci di chiusura in metallo. Presenta 18 alloggiamenti con la forma dei cristalli. Mancano 4 modelli. Sul coperchio si trovano due etichette Uso: didattico

16 Numero inventario antico Numero inventario attuale ESEMPLARE: Modelli di reticoli elementari Epoca: Inizi del 900 Costruttore: Materiali: in ferro con supporti in legno Dimensioni: Stato di conservazione: Buono Notizie: Dal registro d inventario più antico, rinvenuto nel liceo, risulta che l esemplare stato inserito in inventario il, per,con il numero. Descrizione: n. 4 modelli di reticoli elementari in ferro con supporti in legno Uso: didattico

17

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

Il taccuino del Rock Detective. Parco del Beigua. regione liguria. aree protette

Il taccuino del Rock Detective. Parco del Beigua. regione liguria. aree protette Parco del Beigua Il taccuino del Rock Detective aree protette regione liguria Il taccuino del Rock Detective ENTE PARCO DEL BEIGUA Via G.Marconi, 165-16011 Arenzano (GE) tel. 010.8590300 - fax 010.8590064

Dettagli

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche

Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili della Regione Marche Progetto ISS Fermo, 23 Maggio 2011 Prof Pierluigi Stroppa Oro nativo Malachite Rosa del deserto Un minerale è una sostanza naturale

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

Di seguito un riassunto di quanto contenuto nel lotto; alle pagine successive si trovano foto e maggiori dettagli

Di seguito un riassunto di quanto contenuto nel lotto; alle pagine successive si trovano foto e maggiori dettagli Di seguito un riassunto di quanto contenuto nel lotto; alle pagine successive si trovano foto e maggiori dettagli Scatola Campioni Numero pezzi Peso [g] Valore stimato O Piromorfite 22 3200g 120 I Piromorfite

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

CORSO GEMME DI COLORE

CORSO GEMME DI COLORE CORSO GEMME DI COLORE WWW.ACCADEMIAORAFAITALIANA.IT CORSO GEMME DI COLORE Il corso tratta tutti gli aspetti gemmologici relativi alle gemme di colore, loro imitazioni, trattamenti e sintesi. E previsto

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Miniera di Pirite a Gavorrano (Gr) vuoto di coltivazione anni 60 Anno 3 - n 9 (Luglio/Settembre 2006) II Edizione Gruppo Mineralogico "AUSER" SOMMARIO

Dettagli

Corso con Certificazione I.G.I.

Corso con Certificazione I.G.I. Corso con Certificazione I.G.I. CORSO GLOBALE DI ANALISI GEMMOLOGICA SULLE GEMME DI COLORE Il corso tratta tutti gli aspetti gemmologici relativi alle gemme di colore, loro imitazioni, trattamenti e sintesi.

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

rocce miniere minerali

rocce miniere minerali PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO Assessorato all Ambiente Appunti sul territorio 7 Domenico Ruiu Egidio Trainito rocce miniere minerali Appunti sul Medio Campidano Sono fortunati coloro che hanno imparato

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente

La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto dell'ambiente Raw Materials University day 6th December 2013 Sapienza University, Rome Sala del Chiostro Faculty of Civil and Industrial Engineering La geologia per la ricerca el'utilizzo delle materie prime nel rispetto

Dettagli

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite.

CENNI DI MINERALOGIA. Struttura della fluorite. CENNI DI MINERALOGIA La parte solida della Terra e dei corpi planetari di tipo terrestre accessibili all uomo (meteoriti, rocce lunari) è formata da 88 elementi che si ritrovano in circa 2000 combinazioni

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Museo di Mineralogia

Museo di Mineralogia Museo di Mineralogia Napoli a cura di Ida Sorrentino Informazioni generali Indirizzo: via Mezzocannone, 8 Napoli Telefono: 081 2535163 Orari di visita: lunedi e giovedi 9.00-13.30; 15.00-17.00; martedì

Dettagli

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile

Cap. 10 I minerali. Fig.1. Fig. 3. Fig. 4. Fig. 5. Fig. 6. Fig. 7. Dollaro di marcasite fossile Cap. 10 I minerali 10.1 La crosta terrestre La crosta terrestre è la copertura rocciosa più superficiale della Terra, è relativamente sottile con uno spessore che varia dai 5 Km, nei fondali oceanici,

Dettagli

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno

3 - LA CHIMICA DEL SILICIO. 3.1 - Il legame silicio - ossigeno 3 - LA CHIMICA DEL SILICIO 3.1 - Il legame silicio - ossigeno Il silicio e l ossigeno costituiscono insieme il 74 % della massa e quasi il 95 % del volume della litosfera. Il silicio ha numero atomico

Dettagli

Di grandi dimensioni. Introvabili. Veri

Di grandi dimensioni. Introvabili. Veri Cosa hanno in comune Napoleone Bonaparte, il famoso scrittore Goethe e l ex cancelliere tedesco Helmut Kohl? Tutti loro, in epoche differenti, hanno amato il collezionismo di minerali. Una passione che

Dettagli

I siti minerari italiani (1870-2006) (Aprile 2006)

I siti minerari italiani (1870-2006) (Aprile 2006) I siti minerari italiani (1870-2006) (Aprile 2006) Premessa Il presente documento è stato redatto nell ambito della convenzione stipulata tra il Ministero dell Ambiente e Tutela del Territorio e l ANPA

Dettagli

Prof.ssa Annabella De Vito ITG "Rondani" Parma

Prof.ssa Annabella De Vito ITG Rondani Parma I minerali topazio apatite Sono sostanze naturali, in quanto si formano attraverso fenomeni chimico-fisico che avvengono in natura Sono sostanze solide, poichéposseggono forma e volume proprio Sono sostanze

Dettagli

Museo Civico di Rovereto Università di Padova Dip. di Geologia Paleontologia e Geofisica Consiglio Nazionale delle Ricerche Bibliografia geologica d Italia Aggiornamento ai volumi delle Bibliografie geologiche

Dettagli

Corso di Gemmologia Generale. Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria

Corso di Gemmologia Generale. Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria Corso di Gemmologia Generale Il corso ha la durata di 225 ore con frequenza obbligatoria Elemen; Introdu

Dettagli

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu

I minerali. Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E. Durezza (scala di Mohs) 7,5-8 Verde, azzurro, giallo, rosa, rosso, arancio, incolore, blu I minerali Alunno: Astarita Vittorio - Classe: 1 a E N. Nome minerale 1 Classe mineralogica Quarzo Silicati SiO 2 Composizione chimica Abito cristallino Prismatico esagonale Durezza (scala di Mohs) Colore

Dettagli

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009

Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO. I minerali 09 ottobre 2009 Corso di aggiornamento per insegnanti LE ROCCE RACCONTANO I minerali 09 ottobre 2009 Elisabetta Demattio Responsabile attività educative Museo Geologico delle Dolomiti - Predazzo 1 I MINERALI Museo Geologico

Dettagli

MUSEO CIVICO PALEONTOLOGICO

MUSEO CIVICO PALEONTOLOGICO MUSEO CIVICO PALEONTOLOGICO Origine ed evoluzione della vita sulla Terra MATELICA - P.zza E. Mattei Fuggi quello studio del quale la resultante opera more insieme coll operante stessa. LEONARDO G. B. -

Dettagli

SOMMARIO. Gruppo Mineralogico "AUSER" Anno 4 N 14. Notiziario trimestrale a cura del Gruppo Mineralogico "AUSER" di Cecina (Li) Ottobre/Dicembre 2007

SOMMARIO. Gruppo Mineralogico AUSER Anno 4 N 14. Notiziario trimestrale a cura del Gruppo Mineralogico AUSER di Cecina (Li) Ottobre/Dicembre 2007 NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Carico di una nave con minerale (Pirite) all'arrivo della teleferica in località Portiglioni (Scarlino): primi anni del '900. Anno 4 - n 14 (Ottobre/Dicembre

Dettagli

15/10/2014. Precambriano. Importanti: Nomi di Ere e Periodi (anche delle Epoche per l Era Cenozoica) e le date evidenziate 1,8-2

15/10/2014. Precambriano. Importanti: Nomi di Ere e Periodi (anche delle Epoche per l Era Cenozoica) e le date evidenziate 1,8-2 Importanti: Nomi di Ere e Periodi (anche delle Epoche per l Era Cenozoica) e le date evidenziate 1,8-2 65 248 543 4600 Precambriano L intervallo di tempo fra la nascita della Terra 4.6 miliardi di anni

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Chiara Ceccarelli Martina Caterino Silvia Mammoli Lucia Cipriani

Chiara Ceccarelli Martina Caterino Silvia Mammoli Lucia Cipriani Chiara Ceccarelli Martina Caterino Silvia Mammoli Lucia Cipriani Sono gli organismi più diversificati e numerosi che popolano il nostro mondo. Si adattano ai cambiamenti terrestri e si evolvono per la

Dettagli

OSSERVIAMO I CRISTALLI

OSSERVIAMO I CRISTALLI OSSERVIAMO I CRISTALLI PREREQUISITI 1.conoscere la struttura della materia: elementi, molecole, 2.conoscere la struttura molecolare di un corpo solido, 3.conoscere i miscugli omogenei. 6.1. ATTIVITÀ Osservazione

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

MUSEO DI STORIA NATURALE DELL UNIVERSITÀ DI FIRENZE: LA SEZIONE DI MINERALOGIA

MUSEO DI STORIA NATURALE DELL UNIVERSITÀ DI FIRENZE: LA SEZIONE DI MINERALOGIA MUSEO DI STORIA NATURALE DELL UNIVERSITÀ DI FIRENZE: LA SEZIONE DI MINERALOGIA Luisa Poggi & Luca Bindi Museo di Storia Naturale, Università di Firenze, Via La Pira 4-50121 Firenze Il primo nucleo delle

Dettagli

Correggio - Palazzo dei Principi

Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO biblio Correggio - Palazzo dei Principi CORREGGIO La Biblioteca Comunale di Correggio si sviluppa sul piano terra ed il piano ammezzato del cinquecentesco Palazzo dei Principi recentemente restaurato.

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Fare scienze: osservare, ricercare, sperimentare I FOSSILI I FOSSILI. Prof. Califano Maurizio Prof.ssa Russo Lorella

Fare scienze: osservare, ricercare, sperimentare I FOSSILI I FOSSILI. Prof. Califano Maurizio Prof.ssa Russo Lorella Fare scienze: osservare, ricercare, sperimentare I FOSSILI I FOSSILI Prof. Califano Maurizio Prof.ssa Russo Lorella Che cos è un fossile? La parola fossile deriva dal latino fossilis, scavare, ed indica

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

portaminuteria bertolesisrl-www.bertolesi.com -info@bertolesi.com -tel025472395-fax025471616

portaminuteria bertolesisrl-www.bertolesi.com -info@bertolesi.com -tel025472395-fax025471616 Listino 2012 portaminuteria bertolesisrl-www.bertolesi.com -info@bertolesi.com -tel025472395-fax025471616 Contenitori a ripiani Involucro profondita' mm. 200 -porta ripiani e ripiani a contenitore 151

Dettagli

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della.

Plastica. Carta. Vetro. Minerali. Selezione della. Tecnica di selezione a sensori Selezione della. Selezione della. www.redwave.at IT Il vostro partner affidabile nel settore della: Plastica Tecnica di selezione a sensori Carta REDWAVE è un marchio della società BT-Wolfgang Binder GmbH, impiegato nel campo della tecnica

Dettagli

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente.

I minerali. i minerali sono solidi cristallini, di origine inorganica, a composizione chimica costante, formatisi spontaneamente. ESPANSIONE I minerali Come tutti i solidi a composizione costante, ovvero formati da un unica sostanza, anche quelli che si rinvengono in natura assumono forme che esternamente rispecchia no, a volte in

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

CATALOGO GENERALE L APPENDI TV MOBILI PORTA TV

CATALOGO GENERALE L APPENDI TV MOBILI PORTA TV CATALOGO GENERALE L APPENDI TV MOBILI PORTA TV APPENDI TV da soffitto copritasselli 18 10 Il palo di sostegno può essere richiesto con lunghezza da min 1 Mt a max 1,90 Mt regolabile ROTAZIONE Min 45 Max

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

3B SCIENTIFIC PHYSICS

3B SCIENTIFIC PHYSICS 3B SCIENTIFIC PHYSICS Kit Ottica ondulatoria con laser U17303 Istruzioni per l'uso 10/08 Alf 1. Norme di sicurezza Il laser emette radiazioni visibili con una lunghezza d'onda di 635 nm ad una potenza

Dettagli

PRODUZIONE E LAVORAZIONE GOMMA MAGNETICA SISTEMI MAGNETICI

PRODUZIONE E LAVORAZIONE GOMMA MAGNETICA SISTEMI MAGNETICI PRODUZIONE E LAVORAZIONE GOMMA MAGNETICA SISTEMI MAGNETICI Magnetall srl è un azienda fondata nel 1977, oggi leader di mercato nel settore degli articoli in gomma magnetica con alcuni brevetti al proprio

Dettagli

Pubblicato il 3 febbraio 2009 Rubrica CURIOSITÀ IL COLORE

Pubblicato il 3 febbraio 2009 Rubrica CURIOSITÀ IL COLORE IL COLORE Pubblicato il 3 febbraio 2009 di Odino Grubessi Che cosa è il colore? In natura non esistono i colori ma la luce. Se un raggio di luce bianca attraversa un prisma di vetro, si scompone in diverse

Dettagli

GUIDA ALLA MOSTRA PERMANENTE DI FOSSILI E MINERALI

GUIDA ALLA MOSTRA PERMANENTE DI FOSSILI E MINERALI GUIDA ALLA MOSTRA PERMANENTE DI FOSSILI E MINERALI CIRCOLO CULTURALE GIUSEPPE CASTELLANI FANO 2 Circolo Culturale G.Castellani GUIDA ALLA MOSTRA PERMANENTE DI FOSSILI E MINERALI via Vitruvio 9, Fano A

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

Lucio Fontana: Luce e Colore

Lucio Fontana: Luce e Colore Lucio : Luce e Colore Bianco Lucio Concetto spaziale. Attesa 60 T 140 idropittura 41 x 33 cm Collezione privata Lucio Concetto Spaziale, sposalizio a Venezia 61 O 43 1961 acrilico e buchi su 154 x 152

Dettagli

STORIA DELLA TERRA PRECAMBRIANO

STORIA DELLA TERRA PRECAMBRIANO STORIA DELLA TERRA INTRODUZIONE Con questo termine si vuole rilevare il lungo e travaglioso percorso dello sviluppo della vita sulla terra, dall'apparizione delle sue prime forme, individuabili in tracce

Dettagli

La Storia della Vita sulla Terra

La Storia della Vita sulla Terra Le Ere Geologiche La Terra, secondo gli scienziati, ha circa 4,5 miliardi di anni e la vita sul pianeta è iniziata circa 3,5 miliardi di anni fa! La Storia della Vita sulla Terra La Storia della Vita sulla

Dettagli

GLI ELEMENTI CHIMICI

GLI ELEMENTI CHIMICI In natura esistono 92 elementi chimici naturali. GLI ELEMENTI CHIMICI Nella tavola periodica sono riportati tutti gli elementi chimici: naturali e non naturali ( UNA DECINA) COMBINANDOSI TRA LORO IN VARIO

Dettagli

Da alcuni anni vengono eseguite dallo scrivente

Da alcuni anni vengono eseguite dallo scrivente 4 / Sez. Scientifica I minerali di Poggio della Quercia (Collesalvetti - Livorno) Una nuova località mineralogica per i Monti Livornesi Franco Sammartino Parole chiave: minerali, Poggio della Quercia,

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

Cerniera per mobile 92 D/26 con ante in vetro Apertura 92 Spessore vetro da 4 a 6 mm Acciaio nichelato opaco X = 4~6 mm

Cerniera per mobile 92 D/26 con ante in vetro Apertura 92 Spessore vetro da 4 a 6 mm Acciaio nichelato opaco X = 4~6 mm CAPITOLO 1 Cerniere per mobili Müller Cerniera per mobile 92 D/26 con ante in vetro Apertura 92 Spessore vetro da 4 a 6 mm Acciaio nichelato opaco X = 4~6 mm Collo 0 H = 10 + X - C Chiusura Automatica

Dettagli

SELF 800 LA SCELTA. Quando la capienza è importante

SELF 800 LA SCELTA. Quando la capienza è importante SELF 800 1 2 SELF 800 LA SCELTA Quando la capienza è importante SELF 800 è composto da una serie di moduli a struttura autoportante particolarmente capienti. Tutti gli elementi sono progettati per essere

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1855 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore DANIELI Paolo COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 27 NOVEMBRE 2002 Modifica al regio decreto 29 luglio 1927, n. 1443,

Dettagli

MULTIHOOK SISTEMA BREVETTATO. Crea nuovi spazi espositivi in nuove posizioni strategiche. Agganci a: Ceste Montanti Ripiani Vetri Cassette

MULTIHOOK SISTEMA BREVETTATO. Crea nuovi spazi espositivi in nuove posizioni strategiche. Agganci a: Ceste Montanti Ripiani Vetri Cassette NEW MULTIHOOK Aumentate le vendite con il Cross Merchandising Crea nuovi spazi espositivi in nuove posizioni strategiche Agganci a: Ceste Montanti Ripiani Vetri Cassette Possibilità di decidere in qualsiasi

Dettagli

forma flessibilità details sistema design sostenibilità qualità evoluzione espansione funzione

forma flessibilità details sistema design sostenibilità qualità evoluzione espansione funzione forma flessibilità details sistema design sostenibilità qualità evoluzione espansione funzione USM Haller Sistema Il sistema d arredamento USM Haller si articola attorno a una sfera cromata, punto d unione

Dettagli

Edizione 2009 7 edizione del Genovamineralshow!

Edizione 2009 7 edizione del Genovamineralshow! Edizione 2009 7 edizione del Genovamineralshow! Molto spesso la passione per un hobby nasconde il desiderio di riscoprire e approfondire attività e tradizioni legate al passato: partendo da questo assunto

Dettagli

PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO

PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO PIEMONTE FORNITURA ARREDI PER L ALLESTIMENTO DEL RISTORANTE UNIVERSITARIO PRINCIPE AMEDEO CIG [01634367A5] CAPITOLATO TECNICO PREMESSA Per il Ristorante Universitario Mensana di via Principe Amedeo sono

Dettagli

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.

LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente. Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof. LA STORIA GEOLOGICA DELL ITALIA: Uno sguardo al passato per capire il presente Istituto Sant Anna 5 Liceo Scientifico Prof.ssa Elena Tibaldi 1 La geologia storica: un viaggio a ritroso nel tempo Lo studio

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE

SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE SEZIONE ESPOSITIVA 1: I MINERALI DELLE SOLFARE SICILIANE In Sicilia nelle province di Caltanissetta, Agrigento, Enna (Sicilia Centrale) sono presenti grandi depositi di zolfo ( solfare ) che furono la

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Armadi ante scorrevoli

Armadi ante scorrevoli Arredi metallici Armadi ante scorrevoli colori grigio (RAL 7035) e bianco (RAL 9010). Spigoli smussati. Fornito smontato con chiare istruzioni di montaggio, assemblaggio ad incastro e viti metallo. Provvisto

Dettagli

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2

Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO VII. mappa 1. mappa 2 Indice ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO mappa 1... 2 ORIGINE ED EVOLUZIONE DEL SUOLO 1. Origine delle rocce... 3 1.1 Origine e struttura interna della Terra... 3 Crosta... 4 Mantello... 4 Nucleo... 5 1.2

Dettagli

ART. DESCRIZIONE/COMPUTO

ART. DESCRIZIONE/COMPUTO 2 ART. DESCRIZIONE/COMPUTO PREZZO 01.01 01.02 01.03 01.04 01.05 APPARATO ESPOSITIVO L.D. 1 2 3 4 5 6 Fornitura di leggio, come da particolari costruttivi di progetto, composto da anima lamellare metallica

Dettagli

COMUNE DI PIZZIGHETTONE Provincia di Cremona Ufficio Tecnico REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE

COMUNE DI PIZZIGHETTONE Provincia di Cremona Ufficio Tecnico REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE COMUNE DI PIZZIGHETTONE Provincia di Cremona Ufficio Tecnico REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE 1 SOMMARIO ART. 1: OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART. 2: MODO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA ART. 3 DIMENSIONI

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

living essentials Svizzera

living essentials Svizzera living essentials Svizzera 1 living essentials Il cambiamento è all ordine del giorno. Questo vale nella vita in generale, ma anche nel settore dell arredamento. Tendenze ed esigenze personali cambiano

Dettagli

"Abbiamo ascoltato ciò che volevano i nostri clienti e ci siamo mossi in base ai loro suggerimenti. Le cose vanno bene se si presta attenzione"

Abbiamo ascoltato ciò che volevano i nostri clienti e ci siamo mossi in base ai loro suggerimenti. Le cose vanno bene se si presta attenzione "Abbiamo ascoltato ciò che volevano i nostri clienti e ci siamo mossi in base ai loro suggerimenti. Le cose vanno bene se si presta attenzione" John F. Smith (Presidente della Delta Air Lines) Non si può

Dettagli

Galimberti Nino MILANO 2014

Galimberti Nino MILANO 2014 MILANO 2014 Milano 2014 1 Topazio Mobile bar _ bar unit 14.730 8 Zaffiro Letto _ bed Cuscini _ cushions 14.165 1.238 15 Corallo Tavolo _ table 16 Perla sedia Sedia _ chair cad. 6.730 1.974 2 Acquamarina

Dettagli

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1

Archivieconomia. Brescia 15-22 ottobre 2011. 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia Brescia 15-22 ottobre 2011 2011 a cura di Mauro Livraga 1 Archivieconomia: premessa I metodi di immagazzinamento, di condizionamento e di movimentazione, influiscono sulla durata del materiale

Dettagli

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI)

NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO AUSER CECINA (LI) NOTIZIARIO GRUPPO MINERALOGICO "AUSER" CECINA (LI) Pozzo d'estrazione miniera di Cinabro Cerreto Piano (Gr) (Novembre 1993) (Foto Massimo Guarguagli) Anno 1 - n 0 (Aprile/Giugno 2004) II Edizione Gruppo

Dettagli

Mobili. Mobili. Art. 416 Mobile 2 ripiani + 2 antine. 75x40x87. 75x40x87. Art. 415 Mobile 2 ripiani. 75x40x87

Mobili. Mobili. Art. 416 Mobile 2 ripiani + 2 antine. 75x40x87. 75x40x87. Art. 415 Mobile 2 ripiani. 75x40x87 Soluzioni di arredo mirate a facilitare la trasformazione espressiva e funzionale degli spazi e a favorire lo sviluppo di condizioni ottimali per lo svolgimento delle attività didattiche: questo è ciò

Dettagli

CITTÀ DI BARI Ripartizione Contratti ed Appalti P.O.S. Forniture

CITTÀ DI BARI Ripartizione Contratti ed Appalti P.O.S. Forniture CITTÀ DI BARI Ripartizione Contratti ed Appalti P.O.S. Forniture OGGETTO: Fornitura di mobili, sedute e complementi di arredo per alcuni uffici Comunali. SPECIFICHE TECNICHE DELLE FORNITURE Il presente

Dettagli

SULLE TRACCE DELLA VITA

SULLE TRACCE DELLA VITA SULLE TRACCE DELLA VITA Sezione paleontologica del Museo di Storia Naturale di Venezia Progettazione: Barbara Favaretto e Margherita Fusco Testi: Museo di Storia Naturale Fotografie: Barbara Favaretto

Dettagli

XI!EDIZIONE!SCIENZAFIRENZE! Firenze,!10!!11!aprile!2014,!Polo!delle!Scienze!Sociali!dell Università!di!Firenze!

XI!EDIZIONE!SCIENZAFIRENZE! Firenze,!10!!11!aprile!2014,!Polo!delle!Scienze!Sociali!dell Università!di!Firenze! !!! XI!EDIZIONE!SCIENZAFIRENZE! Firenze,!10!!11!aprile!2014,!Polo!delle!Scienze!Sociali!dell Università!di!Firenze!! MICRO!&!MACRO! DUE!APPROCCI!ALLA!VARIETÀ!DEI!FENOMENI!NATURALI! La!dimensione!sperimentale!nello!studio!delle!scienze!!

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI Prof. Mario Tribaudino Dipartimento di Scienze della Terra Università di Parma Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI I Minerali Mineralogia: disciplina delle Scienze

Dettagli

MATERIALI PER LA FORMAZIONE IN AGRICOLTURA ORGANICA E RIGENERATIVA SAN MAURO CILENTO 6-7-8 FEBBRAIO 2015

MATERIALI PER LA FORMAZIONE IN AGRICOLTURA ORGANICA E RIGENERATIVA SAN MAURO CILENTO 6-7-8 FEBBRAIO 2015 MATERIALI PER LA FORMAZIONE IN AGRICOLTURA ORGANICA E RIGENERATIVA SAN MAURO CILENTO 6-7-8 FEBBRAIO 2015 CONCIME ORGANICO BOCASHI - 150 kg di letame vecchio di qualche settimana di qualunque animale. è

Dettagli

Una piccola guida per riconoscere i falsi minerali ed i loro trattamenti ovvero come evitare di farsi fregare!

Una piccola guida per riconoscere i falsi minerali ed i loro trattamenti ovvero come evitare di farsi fregare! Tutto falso!? Una piccola guida per riconoscere i falsi minerali ed i loro trattamenti ovvero come evitare di farsi fregare! Lo scopo è principalmente quello di aiutare il consumatore collezionista a riconoscere

Dettagli

Bellezza. Lucentezza. Colore Fenomeni Ottici Trasparenza. Lucentezza. Brillantezza

Bellezza. Lucentezza. Colore Fenomeni Ottici Trasparenza. Lucentezza. Brillantezza Bellezza Colore Fenomeni Ottici Trasparenza Lucentezza Brillantezza Lucentezza Quantità di luce riflessa dalla superficie della gemma; concorre a determinare l aspetto delle gemme rappresentandone la capacità

Dettagli

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO

Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Il servizio di Educazione Ambientale I PERCORSI DEL TASSO Sin dalla sua costituzione (1994) il Museo fornisce un servizio di consulenza e informazione sui principali aspetti ambientali e naturalistici

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO PROT. N. 10181 13.06.2006 CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO per conoscerla e rispettarla

PERCORSO DIDATTICO per conoscerla e rispettarla PERCORSO DIDATTICO per conoscerla e rispettarla Acqua in Tavola Scuole Elementari Nome del Gruppo Classe L acqua è un bene molto prezioso non solo per la vita di piante e animali ma anche per la nostra!

Dettagli

Capitolo 4 - PROFILI PORTA PREZZI PROFILI PORTA PREZZI. CATALOGO 2014. 2015 www.designerclub.com. info@designerclub.com

Capitolo 4 - PROFILI PORTA PREZZI PROFILI PORTA PREZZI. CATALOGO 2014. 2015 www.designerclub.com. info@designerclub.com PROFILI PORTA PREZZI CATALOGO 2014. 2015 www.designerclub.com. info@designerclub.com PROFILI PORTA PREZZI PIEGATI IN P.V.C. ANTIRIFLESSO > p. 94 OPZIONI SPECIALI > p. 97 PROFILI ESTRUSI PER ESPOSITORI

Dettagli

UNO STRANO OGGETTO. Fotografie di Antonio Piscitelli; di Mario Reggio sono il testo e l elaborazione elettronica delle immagini

UNO STRANO OGGETTO. Fotografie di Antonio Piscitelli; di Mario Reggio sono il testo e l elaborazione elettronica delle immagini UNO STRANO OGGETTO Fotografie di Antonio Piscitelli; di Mario Reggio sono il testo e l elaborazione elettronica delle immagini Settembre 2007. Sulla mail del Museo arriva una segnalazione da parte di Antonio

Dettagli