POLITECNICO DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI TORINO"

Transcript

1 PROT. N CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE DI BARGE (CN) (Richiesto dalla Ditta Pian Martino S.c.a.r.l.) Politecnico di Torino (DITAG) Corso Duca degli Abruzzi, Torino Italia tel: fax: url:

2 CERTIFICATO 46/08/2006 2/10 Prot. n Certificato n 46 serie 08 del 2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE DI BARGE (CN) Committente Pian Martino S.c.a.r.l., Via Chiappere 8, Località San Martino Barge (CN) P.IVA Estremi della richiesta Lettera protocollata in arrivo in data con il numero Campioni presentati Il committente ha fornito i provini aventi le forme e le dimensioni necessarie per le prove. Descrizione del materiale (secondo UNI EN 12440) nome tradizionale: Quarzite di Barge - Bargiolina nome petrografico: quarzite luogo di origine: cava Pian Martino nel Comune di Barge (CN)

3 CERTIFICATO 46/08/2006 3/10 Determinazioni richieste: Sono state richieste le seguenti determinazioni, anche al fine della marcatura CE come prescritto nelle Norme UNI EN 1341, UNI EN 1342, UNI EN 1343, UNI EN 1469 e UNI EN 12058: esame petrografico in conformità alla Norma UNI EN assorbimento d acqua a pressione atmosferica in conformità alla Norma UNI EN massa volumica apparente e porosità in conformità alla norma UNI EN 1936 resistenza a flessione in conformità alla Norma UNI EN resistenza al gelo/disgelo in conformità alle Norme UNI EN e UNI EN resistenza all'abrasione in conformità alle Norma UNI EN 1341 Appendice C e UNI EN 1342 Appendice B ovvero secondo la norma UNI EN resistenza allo scivolamento in conformità alle Norme UNI EN 1341 Appendice D e UNI EN 1342 Appendice C ovvero secondo la norma UNI EN 14231, da eseguire su provini con finitura superficiale a spacco naturale..

4 CERTIFICATO 46/08/2006 4/10 DESCRIZIONE PETROGRAFICA Per l esame petrografico si è operato secondo la norma UNI EN Metodi di prova per pietre naturali Descrizione petrografica Numero, forma e dimensioni dei provini utilizzati Sezione sottile 30 µm. Descrizione La roccia si presenta di colore giallo a struttura granulare, con accenni di scistosità. All osservazione al microscopio da petrografia la sezione risulta costituita da: quarzo (85%) aventi una granulometrica media compresa fra 0.15 e 0.5 mm, abito allotriomorfo allungato con contorno lobato, talvolta estinzione ondulata. mica (muscovite) per il 15% in lamelle isoorientate distribuite regolarmente nella area della sezione, con lunghezza media pari a mm. minerali accessori: feldspato potassico, epidoto, zoisite, titanite, apatite. La scistosità risulta marcatamente evidenziata dall andamento orientato degli assi di allungamento dei cristalli di quarzo e delle miche. La roccia è una quarzite.

5 CERTIFICATO 46/08/2006 5/10 DETERMINAZIONE DELL'ASSORBIMENTO D ACQUA A PRESSIONE ATMOSFERICA Per la determinazione dell'assorbimento d acqua si è operato secondo la norma UNI EN Metodi di prova per pietre naturali Determinazione dell assorbimento d acqua a pressione atmosferica Provini utilizzati: 6 cubi aventi circa 50 mm di spigolo N d'ordine del provino Massa provino secco Massa provino saturo pesato in aria Coefficiente di assorbimento d acqua (g) (g) Valori singoli (%) Valore medio (%) 1 311,45 312,50 0, ,09 307,07 0, ,64 313,55 0, ,12 309,15 0, ,42 308,35 0, ,5 310,43 0,3 0,3

6 CERTIFICATO 46/08/2006 6/10 DETERMINAZIONE DELLA MASSA VOLUMICA APPARENTE E DEL COEFFICIENTE DI ASSORBIMENTO D ACQUA Si è operato secondo la norma UNI EN 1936 Metodi di prova per pietre naturali determinazione della massa volumica apparente e della porosità totale e aperta Provini utilizzati: 6 cubi aventi circa 50 mm di spigolo N d'ordine del provino Massa provino secco (g) Massa provino saturo pesato in acqua (g) Massa provino saturo pesato in aria (g) Massa Volumica Apparente Valori singoli (kg/m3) Valore medio (kg/m3) Valori singoli (%) 1 311,46 193,88 312, ,1 Porosità aperta Valore medio (%) 2 306,11 190,54 307, , ,64 194,57 313, , ,12 191,80 309, , ,43 191,34 308, , ,5 192,61 310, ,0 1,0

7 CERTIFICATO 46/08/2006 7/10 DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA A FLESSIONE RISPETTIVAMENTE SU PROVINI ALLO STATO NATURALE E SU PROVINI SOTTOPOSTI ALLA PROVA DI GELIVITÀ - Per la determinazione della resistenza a flessione con carico concentrato in mezzeria si è operato secondo la norma UNI EN Metodi di prova per pietre naturali determinazione della resistenza a flessione sotto carico concentrato Per la prova di gelività si è operato secondo la norma EN Metodi di prova per pietre naturali determinazione della resistenza al gelo Sono stati eseguiti 48 cicli di gelo/disgelo. Direzione di applicazione del carico perpendicolare ai piani di anisotropia. - 1) Provini utilizzati: 10 parallelepipedi aventi dimensioni di circa 25x50x150 mm allo stato naturale. N d'ordine Distanza fra Carico di Resistenza a flessione Altezza Larghezza del provino gli appoggi rottura (MPa) l (mm) h (mm) b (mm) P (kn) valori singoli valore medio ,7 50,3 7,43 49, ,4 50,8 7,47 42, ,8 51,5 9,06 45, ,1 50,6 8,61 46, ,9 50,4 7,30 47, ,6 50,7 9,68 54, ,6 52,0 11,08 52, ,2 51,3 8,64 49, ,5 50,9 7,44 42, ,9 50,7 7,39 47,8 47,9

8 CERTIFICATO 46/08/2006 8/10-2) Provini utilizzati: 10 parallelepipedi aventi dimensioni di circa 25x50x150 mm sottoposti a 48 cicli di gelo disgelo. N d'ordine Resistenza a flessione del provino Distanza fra gli appoggi Altezza Larghezza Carico di rottura (MPa) l (mm) h (mm) b (mm) P (kn) valori singoli valore medio ,6 51,9 6,96 41, ,6 51,8 8,42 46, ,8 51,0 7,16 46, ,7 51,0 7,63 42, ,4 50,5 7,96 45, ,4 50,9 8,45 48, ,9 51,0 10,40 49, ,9 50,5 8,02 44, ,1 50,7 7,29 42, ,0 50,4 8,96 53,3 46,1

9 CERTIFICATO 46/08/2006 9/10 DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA ALL'ABRASIONE Per la determinazione della resistenza all'abrasione si è operato secondo la norma UNI EN 1341 Lastre di pietra naturale per pavimentazioni esterne Requisiti e metodi di prova Appendice C e secondo la norma UNI EN 1342 "Cubetti di pietra naturale per pavimentazioni esterne - Requisiti e metodi di prova" Appendice B 2003, ovvero secondo la norma UNI EN Metodi di prova per pietre naturali - Determinazione della resistenza all'abrasione Provini utilizzati: 6 parallelepipedi aventi dimensioni 100 x 150 x 20 mm N d'ordine del provino Dimensione del solco (mm) 1 16,0 2 15,5 3 16,5 4 16,0 5 16,0 Valore medio di resistenza all'abrasione (mm) 6 16,0 16,0

10 CERTIFICATO 46/08/ /10 DETERMINAZIONE DELLA RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO IN ASSENZA DI LUCIDATURA (USRV) Per la determinazione della resistenza alla scivolosità si è operato secondo la norma UNI EN 1341 Lastre di pietra naturale per pavimentazioni esterne Requisiti e metodi di prova Appendice D e secondo la norma UNI EN 1342 "Cubetti di pietra naturale per pavimentazioni esterne - Requisiti e metodi di prova" Appendice C 2003, ovvero secondo la norma Uni EN Metodi di prova per pietre naturali - Determinazione del coefficiente di scivolosità Provini con finitura superficiale a spacco naturale Condizione dei provini: bagnati - Provini utilizzati: 6 lastrine aventi dimensioni 200 x 200 x 10 mm N d'ordine del provino USRV Valore medio di USRV del campione Provini con finitura superficiale a spacco naturale Condizione dei provini: asciutti - Provini utilizzati: 6 lastrine aventi dimensioni 200 x 200 x 10 mm N d'ordine del provino USRV Valore medio di USRV del campione

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA

DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA DISCIPLINARE DEL MARMO DI CARRARA Art. 1 Denominazione Il marchio Marmo di Carrara con le sottodenominazioni alternativamente inscindibili Estratto nel Distretto di Carrara o Estratto e lavorato nel Distretto

Dettagli

PIETRA NATURALE facciavista

PIETRA NATURALE facciavista PIETRA NATURALE facciavista Indice 3 4-5 6-7 8-9 10-11 12-13 Presentazione La Pietra Naturale Pietra Grigia Pietra Gialla Pietra Bianca Pietra Rosa LA PIETRA NATURALE facciavista: la base dell architettura

Dettagli

Allegato 4a Modulo di richiesta del marchio Lombardy Stones

Allegato 4a Modulo di richiesta del marchio Lombardy Stones Regolamento per la concessione e l utilizzo del marchio Lombardy Stones Allegato 4a Modulo di richiesta del marchio Lombardy Stones Il sottoscritto, nato a, il, in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

MASSELLI E LASTRE. Linea Granigliata

MASSELLI E LASTRE. Linea Granigliata MASSELLI E LASTRE Linea Granigliata GLOSSARIO CONDIZIONI PER VENDITA MATERIALE I bancali di legno verranno fatturati. Se restituiti integri presso Ediltubi, entro 2 mesi dalla loro consegna, verranno riaccreditati

Dettagli

La marcatura CE per le pietre naturali

La marcatura CE per le pietre naturali La marcatura CE per le pietre naturali Volargne,, 28-11-2006 Clara Miramonti Funzionario Tecnico Divisione Costruzioni UNI Norme europee armonizzate sui prodotti di pietra per pavimentazioni esterne 21

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

VADEMECUM PER LA MARCATURA CE DELLE PIETRE NATURALI

VADEMECUM PER LA MARCATURA CE DELLE PIETRE NATURALI VADEMECUM PER LA MARCATURA CE DELLE PIETRE NATURALI Documento ad uso semplificativo per l'a pplicazione della CPR 305/2011 nella commercializzazione delle pietre naturali a cura di Mario Bertolini - anno

Dettagli

PROVE DI RESISTENZA SU RETI DI SICUREZZA

PROVE DI RESISTENZA SU RETI DI SICUREZZA PROVE DI RESISTENZA SU RETI DI SICUREZZA Oggetto delle prove Reti di sicurezza con maglia quadrata, realizzate con funi di nylon 6. I seguenti campioni di rete sono stati prelevati dalla produzione del

Dettagli

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com

OPUS. OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento I RICOSTRUITI. www.pavesmac.com OPUS color LUSERNA - sigillatura del giunto con sabbia e cemento 10 MODELLO DEPOSITATO FINITURE: - doppio strato quarzo OPUS rappresenta una concezione di pavimentazione esterna unica nel suo genere, in

Dettagli

PAVIMENTO SPESSORATO ICON OUTDOOR FLORIM

PAVIMENTO SPESSORATO ICON OUTDOOR FLORIM PAVIMENTO SPESSORATO ICON OUTDOOR FLORIM Nuova soluzione in gres porcellanato spessorato per l arredo esterno. Lastre in gres fine porcellanato colorato a spessore di 2 cm ottenute da atomizzazione di

Dettagli

APPENDICE II - LA NORMATIVA EUROPEA SUI MATERIALI LAPIDEI

APPENDICE II - LA NORMATIVA EUROPEA SUI MATERIALI LAPIDEI APPENDICE II - LA NORMATIVA EUROPEA SUI MATERIALI LAPIDEI 378 prodotto, riportate nella Tabella XLI Le norme di prodotto si suddividono in volontarie ed armonizzate. Le norme volontarie, attualmente, riguardano

Dettagli

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento.

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento. CONGLOMERATI CEMENTIZI CONGLOMERATI CEMENTIZI INDURITI Prova di resistenza a compressione semplice - UNI EN 12390/3.03 - Prova di compressione su blocco forato di calcestruzzo - UNI 8942/3.86 - Prova di

Dettagli

Novità e sviluppi normativi su - marcatura CE - pavimentazioni per esterni - criteri di valutazione della posa flottante

Novità e sviluppi normativi su - marcatura CE - pavimentazioni per esterni - criteri di valutazione della posa flottante Novità e sviluppi normativi su - marcatura CE - pavimentazioni per esterni - criteri di valutazione della posa flottante CNR IVALSA Sesto Fiorentino (FI) venerdì 22 novembre 2013 ing. Rita D Alessandro

Dettagli

FORNACE BERNASCONI LUIGI

FORNACE BERNASCONI LUIGI DIMENSIONI NOMINALI: 280 mm (LUNGHEZZA) 70 mm (LARGHEZZA ) 50 mm (ALTEZZA) (CARICO PERPENDICOLARE ALLA BASE 280x70) DIMENSIONI E TOLLERANZE DIMENSIONALI: 280 x 70 x 30 CLASSE T2 R2 DIMENSIONI NOMINALI:

Dettagli

unità di misura 69 ( ); 66 ( ) ; 50 ( ); 18 ( ) Coefficiente di dilatazione lineare termica - UNI EN 14581 : 2005 m / m C 7,11

unità di misura 69 ( ); 66 ( ) ; 50 ( ); 18 ( ) Coefficiente di dilatazione lineare termica - UNI EN 14581 : 2005 m / m C 7,11 PROPRIETA TECNICHE SECONDO STANDARD UE (e relativa norma Europea di riferimento) unità di misura GRANITO: ROSA BETA ACCESO Denominazione - UNI EN 12440 : 2007 Rosa Beta acceso (Cava Valentino Graniti,

Dettagli

linea Classica s.p.a.

linea Classica s.p.a. linea Classica s.p.a. I Plus Point delle pavimentazioni in massello I masselli autobloccanti Ferrari BK rispondono pienamente alle esigenze tecniche ed estetiche necessarie ad una pavimentazione ad uso

Dettagli

LAVORAZIONE PIETRE NATURALI. pavimentazioni e rivestimenti commerciali

LAVORAZIONE PIETRE NATURALI. pavimentazioni e rivestimenti commerciali LAVORAZIONE PIETRE NATURALI pavimentazioni e rivestimenti commerciali L Azienda Italbeola operativa dagli anni 90, si è specializzata nella lavorazione delle pietre naturali. In particola si occupa della

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

TARIFFARIO LABORATORIO PROVE MATERIALI. In vigore dal 01.01.2013

TARIFFARIO LABORATORIO PROVE MATERIALI. In vigore dal 01.01.2013 TARIFFARIO LABORATORIO PROVE MATERIALI (Autorizzazione Ministeriale ai sensi legge n. 1086/71) In vigore dal 01.01.2013 CSI S.p.A. - Viale Lombardia 20-20021 Bollate (MI) - Tel. +3902383301 - Fax +39023503940

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Professor Alessandro De Stefano PROVINCIA DI TORINO Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Via VERIFICA DI VULNERABILITA SISMICA ITC PASCAL Via Carducci, n. 4 - GIAVENO

Dettagli

Le nuove metodologie di prova secondo la serie normativa UNI EN 772: confronti e prime applicazioni

Le nuove metodologie di prova secondo la serie normativa UNI EN 772: confronti e prime applicazioni Le nuove metodologie di prova secondo la serie normativa UNI EN 772: confronti e prime applicazioni M. Marsigli *, L. Agostini **, M. Labanti *** * CertiMaC, ** Agenzia Polo Ceramico, *** ENEA Faenza La

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

MASSELLI E LASTRE. Linea Granigliata

MASSELLI E LASTRE. Linea Granigliata MASSELLI E LASTRE Linea Granigliata GLOSSARIO CONDIZIONI PER VENDITA MATERIALE CARATTERISTICHE TECNICHE Tutti i pavimenti di questa linea sono caratterizzati da: MATTONE GRANIGLIATO pag. 4/5 I bancali

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO Serie CAMELOT 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIaGL DIMENSIONI

Dettagli

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA

ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA ESTRAZIONE E LAVORAZIONE DELLA PIETRA DI LUSERNA Alpe opera da oltre mezzo secolo nell estrazione, lavorazione e fornitura di Pietra di Luserna (Gneiss Lamellar). Esperienza, creatività e la continua ricerca

Dettagli

Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione

Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione pagina 1/8 Prescrizioni di qualità per l'idrofobizzazione 1. Basi Valgono le norme e le direttive elencate nell appendice 02 e quelle del contratto d appalto,

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 18/02/2013 TIPO DI PRODOTTO: NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 21/12/2012

LUOGO E DATA DI EMISSIONE: Faenza, 18/02/2013 TIPO DI PRODOTTO: NORMATIVE APPLICATE: UNI EN 1339 DATA RICEVIMENTO CAMPIONI: 21/12/2012 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

Caratteristiche tecniche del marmo e suo impiego nell edilizia e nelle opere pubbliche

Caratteristiche tecniche del marmo e suo impiego nell edilizia e nelle opere pubbliche MARMO E LEGNO NELL EDILIZIA DELL ALTOPIANO DEI SETTE COMUNI Caratteristiche tecniche del marmo e suo impiego nell edilizia e nelle opere pubbliche dott. geol. Gino Lucchetta Asiago, 17 maggio 2016 Punti

Dettagli

Laboratorio Associato A.L.G.I n. 51 dal 1988 LABORATORIO ROCCE LISTINO PREZZI

Laboratorio Associato A.L.G.I n. 51 dal 1988 LABORATORIO ROCCE LISTINO PREZZI Laboratorio Associato A.L.G.I n. 51 dal 1988 LABORATORIO ROCCE LISTINO PREZZI note Il laboratorio ALTAIR si riserva la facoltà di apportare modifiche al presente tariffario senza, per questo, dare preventiva

Dettagli

Gyproc Easy2 Activ Air

Gyproc Easy2 Activ Air Gyproc Easy2 Activ Air Norma di prodotto: EN 520:2009 La tecnologia Activ Air permette alla lastra di assorbire e neutralizzare fino al 70% della formaldeide presente nell aria degli ambienti interni.

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto del Ministero delle infrastrutture 11 aprile 2007 Applicazione della direttiva n 89/106/CEE sui prodotti da costruzione recepita con D.P.R. 21/04/1993, n 246, relativa alla individuazione dei prodotti

Dettagli

LISTINO PREZZI DELLE ANALISI GEOTECNICHE

LISTINO PREZZI DELLE ANALISI GEOTECNICHE LABORATORIO GEOTECNICO Laboratorio certificato ISO 9001:2008 Laboratorio autorizzato ad effettuare e certificare prove sulle terre e sulle rocce con decreto di concessione n. 7125 del 18/06/2012, rilasciato

Dettagli

In attesa immagine definitiva. innovazione. Sistema AquaBoard. formazione a regola d arte. Il sistema a secco

In attesa immagine definitiva. innovazione. Sistema AquaBoard. formazione a regola d arte. Il sistema a secco In attesa immagine definitiva innovazione Sistema AquaBoard formazione a regola d arte Il sistema a secco esce sistema allo lastrescoperto. PREGYAQUABOARD INDICE - I vantaggi nelle applicazioni - - Applicazioni

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA GENERALITÀ SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA PAG. 4 PAG. 5 PAG. 6 PAG. 8 GENERALITÀ IL PRODOTTO

Dettagli

APPELLO DI ESAME DI MATERIALI STRUTTURALI PER L EDILIZIA - 09 SETTEMBRE 2013 Prof. Luigi Coppola

APPELLO DI ESAME DI MATERIALI STRUTTURALI PER L EDILIZIA - 09 SETTEMBRE 2013 Prof. Luigi Coppola APPELLO DI ESAME DI MATERIALI STRUTTURALI PER L EDILIZIA - 09 SETTEMBRE 2013 Prof. Luigi Coppola ESERCIZIO N 1 (5 9 CREDITI) Due laboratori prove materiali, denominati A e B, ricevono tre spezzoni di barra

Dettagli

Scheda tecnica Sto GK800 A+

Scheda tecnica Sto GK800 A+ Lastre isolanti preformate in polistirene espanso sinterizzato secondo EN 13163:2013 contenenti particelle di grafite. Prodotto a marchio CE. Identificazione tecnica X31 KTR. Caratteristiche Funzione è

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

SCHEDE - Prodotti, finiture e colori - LASTRE IN CALCIOSILICATO LASTRE IN CALCIOSILICATO LE LASTRE ANTINCENDIO

SCHEDE - Prodotti, finiture e colori - LASTRE IN CALCIOSILICATO LASTRE IN CALCIOSILICATO LE LASTRE ANTINCENDIO 14 LASTRE IN CALCIOSILICATO Tutte le lastre in calciosilicato proposte da ERACLIT sono costituite da una matrice di calciosilicato idrato fatto maturare in autoclave ad alta pressione, rinforzata con speciali

Dettagli

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA

VITAL PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA ISOLAMENTO TERMICO ED ACUSTICO BIOECOLOGICO IN FIBRE DI CELLULOSA SOMMARIO - PANNELLO DI FIBRE DI CELLULOSA 4 5 6 8 GENERALITà IL PRODOTTO Vital LE APPLICAZIONI Assorbimento

Dettagli

GRES FINE PORCELLANATO. 1. Caratteristiche tecniche

GRES FINE PORCELLANATO. 1. Caratteristiche tecniche GRES FINE PORCELLANATO Serie PANTHEON 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIa 1 DIMENSIONI E QUALITA

Dettagli

Alessandra Marini QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008

Alessandra Marini QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Muratura portante Alessandra Marini Università degli Studi di Brescia QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Laboratorio Prove Materiali Dipartimento di Progettazione

Dettagli

Silicato isolstyle per edilizia/bioedilizia. Pareti fredde, umidità, muffa...

Silicato isolstyle per edilizia/bioedilizia. Pareti fredde, umidità, muffa... Pareti fredde, umidità, muffa... Con le lastre in silicato di calcio isolstyle è possibile risolvere definitivamente questi problemi! Le lastre in sono molto leggere, (1) 6 kg/m2 e si posano facilmente

Dettagli

Cotto Toscano Pavimentazioni in cotto. Prodotti

Cotto Toscano Pavimentazioni in cotto. Prodotti Cotto Toscano Pavimentazioni in cotto Prodotti Il mattone in cotto incontra le prestazioni Mattoni in terracotta, eredità della tradizione italiana, in una miscela naturale al 100% specifica per le pavimentazioni

Dettagli

Lezione. Tecnica delle Costruzioni

Lezione. Tecnica delle Costruzioni Lezione Tecnica delle Costruzioni 1 Materiali Caratteristiche dell acciaio Acciaio = lega ferro-carbonio Caratteristiche importanti: resistenza duttilità = capacità di deformarsi plasticamente senza rompersi

Dettagli

Finiture Superficiali e 7 Errori 8 Profili 9 Rugosimetro 10 Definizione (Rp,Rz, ) 11 Indicazioni di segno grafico di base lavorazioni con lavorazioni senza asportazione asportazione di truciolo di truciolo

Dettagli

P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE

P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE P.Q.R.S. IL LABORATORIO DI TORINO CHE ASSISTE I CLIENTI IN TUTTO IL PROCESSO DI QUALIFICAZIONE DEL PRODOTTO DA COSTRUZIONE. Marcatura CE dei prodotti da costruzione: piccoli manufatti in calcestruzzo Mandato

Dettagli

CP2 - Cutis Protector

CP2 - Cutis Protector - Cutis Protector Il prodotto * è un rasante organico minerale impermeabile elastico, traspirante, bicomponente, a base cementizia, di colore grigio. 1305-CPR-0933 * A base di copolimero Plastivo RASANTI

Dettagli

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag.

7.0 TOLLERANZE DIMENSIONALI DELLE BARRE PORTANTI E DELLE BARRE TRASVERSALI 7.1 Grigliato elettrosaldato pag. 66 7.2 Grigliato pressato pag. Indice 1.0 NORMATIVA UNI PER IL GRIGLIATO ELETTROSALDATO E/O PRESSATO 1.1 Norma UNI 11002-1 Pannelli e gradini di grigliato elettrosaldato e/o pressato Terminologia, tolleranze, requisiti e metodi di prova

Dettagli

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti.

SOMMARIO. Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 2 SOMMARIO Connettore a piolo con testa applicato a freddo mediante chiodi e viti autofilettanti. 1. INTRODUZIONE 2. DESCRIZIONE CONNETTORI 3. PROVE DEI CONNETTORI FISSATI TRAMITE CHIODI 3.1. Descrizione

Dettagli

Tariffario per Analisi Conto Terzi

Tariffario per Analisi Conto Terzi Tariffario per Analisi Conto Terzi ANALISI CHIMICHE SU MINERALI E ROCCE 1.1. Volumetriche 1.1.1. Quantitativa dei componenti principali di rocce carbonatiche: CaCO 3, MgCO 3, Residuo Insolubile 150,00

Dettagli

Per ogni Produttore e Stabilimento di produzione dell acciaio viene fornita copia dell ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE del Servizio Tecnico Centrale

Per ogni Produttore e Stabilimento di produzione dell acciaio viene fornita copia dell ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE del Servizio Tecnico Centrale INTESTAZIONE CERTIFICATI INTESTAZIONE FATTURA LUOGO RITIRO CAMPIONI (se richiesto) Al Laboratorio SGM Ingegneria Sperimentale... lì... RICHIESTA ESECUZIONE PROVE DI LABORATORIO (D.M. 14/01/08) DESCRIZIONE

Dettagli

Un classico... ad alto spessore

Un classico... ad alto spessore Un classico... ad alto spessore 1 SISTEMA MODULARE A FORTE IMPATTO ESTETICO VIA MILANO è un sistema modulare ad alto spessore dalla superficie particolarmente estetica che ricorda gli antichi lastricati

Dettagli

ALLEGATO A Calcoli di progetto PREMESSA Scopo della presente relazione, redatta ai sensi della Legge 26 ottobre 1995, n. 447 Legge quadro sull'inquinamento acustico e del Decreto del Presidente del Consiglio

Dettagli

- ALLE ASSOCIAZIONI DI PRODUTTORI DI MATERIALI DA COSTRUZIONE LORO SEDI - ALL ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI LORO SEDI

- ALLE ASSOCIAZIONI DI PRODUTTORI DI MATERIALI DA COSTRUZIONE LORO SEDI - ALL ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI LORO SEDI Circolare del Ministero delle Attività Produttive 5 agosto 2004 Norme in applicazione della direttiva 89/106/CE sui materiali da costruzione - Appendice ZA. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 216

Dettagli

Serie LASER - Rivestimento

Serie LASER - Rivestimento SCHEDA TECNICA Serie LASER - Rivestimento 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice L Piastrelle ceramiche pressate a secco GRUPPO BIIIGL DIMENSIONI E PROPRIETA FISICHE PROPRIETA CHIMICHE

Dettagli

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6

TECNOLAB srl FOGLIO INFORMATIVO 1 pag. 1/6 11.2 CALCESTRUZZO PROVA A COMPRESSIONE SU CALCESTRUZZO INDURITO UNI EN 12390-3 DECRETO MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DELL'INTERNO 14/01/2008 NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI. 11 MATERIALI E PRODOTTI

Dettagli

...le lastre in magnesio

...le lastre in magnesio ...le lastre in magnesio Lastre da costruzione per la realizzazione di rivestimenti esterni, prefabbricati leggeri, facciate ventilate, controsoffittature di porticati, pavimenti a secco e vari particolari

Dettagli

FOGLIO GS. www.taltos.it. Formati standard, spessore e peso. MARMI DIMENSIONE LASTRE SPESSORE PESO

FOGLIO GS. www.taltos.it. Formati standard, spessore e peso. MARMI DIMENSIONE LASTRE SPESSORE PESO FOGLIO GS CARATTERISTICHE GENERALI Lastra di lapideo sottile rinforzata con lamiera stirata di acciaio e resina epossidica mediante il processo brevettato TP3 Vacuum. Formati standard, spessore e peso.

Dettagli

CARATTERISTICHE FISICO-MECCANICHE 1 Carico di rottura a compressione semplice (Mpa) Compression breaking load Druckfestigkeit bei einfachem Druck Charge de rupture par compression 128 2 3 Carico di rottura

Dettagli

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari

Giornate aicap 2014. Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA. Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari Giornate aicap 2014 Giuseppe Carlo MARANO Pietro MEZZAPESA Dipartimento di Scienze dell Ingegneria Civile e dell Architettura, Politecnico di Bari 1 Percentuali dei volumi tra i vari costituenti del calcestruzzo

Dettagli

CEMENTILES. Formato 200x200 mm 200x230 mm. Spessore 14 mm 14 mm. Giunto suggerito nella posa 1,5-2,0 mm 1,5-2,0 mm. Peso 33,2 kg/mq 33,2 kg/mq

CEMENTILES. Formato 200x200 mm 200x230 mm. Spessore 14 mm 14 mm. Giunto suggerito nella posa 1,5-2,0 mm 1,5-2,0 mm. Peso 33,2 kg/mq 33,2 kg/mq CEMENTILES 1 DESCRIZIONE Piastrelle interamente realizzate a mano, utilizzando cemento ad alta resistenza mescolato con polvere di marmo e ossidi colorati. Quadrate (200x200 mm) o esagonali (200x230 mm),

Dettagli

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4

INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 INTRODUZIONE 3 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO ATTUALE 3 TRAFFICO 3 FATTORI DI DIMENSIONAMENTO DEGLI INTERVENTI MANUTENTIVI 4 TRAFFICO DI PROGETTO 4 LE CONDIZIONI CLIMATICHE 5 IL SOTTOFONDO 5 CALCOLO DELLA

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli

Assicurazione qualità

Assicurazione qualità Assicurazione qualità per sistemi di vernici intumescenti su acciaio Rev. 3 Oggetto Descrizione precisa dell oggetto Elementi da costruzione Committente / Mandante Progettista / Architetto Autorità di

Dettagli

TARIFFARIO DELLE PROVE CONTO TERZI

TARIFFARIO DELLE PROVE CONTO TERZI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale LABORATORIO UFFICIALE PROVE MATERIALI E STRUTTURE LABORATORIO DI PROVE STRADALI LABORATORIO DI PROVE GEOTECNICHE TARIFFARIO

Dettagli

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS

CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA. Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS CITTÀ DI TORINO SETTORE PONTI E VIE D ACQUA Indagini strutturali viadotto di Cavoretto. CAROTAGGI E PROVE DI COMPRESSIONE SU PROVINI IN CLS Protocollo GEOLAB DATA: marzo 2013 GEOLAB S.R.L. Corso Galileo

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419

RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 RAPPORTO DI PROVA 110120-R-1419 DETERMINAZIONE SPERIMENTALE DELLA CONDUCIBILITA TERMICA (NORMA UNI EN 1745) DI VERNICI TERMICHE DELLA DITTA ATRIA S. r. l. Sperimentazione eseguita LUOGO E DATA DI EMISSIONE:

Dettagli

Progetto di recupero di intonaci sugli edifici in terra (aterrati) siti in provincia di Macerata

Progetto di recupero di intonaci sugli edifici in terra (aterrati) siti in provincia di Macerata Progetto di recupero di intonaci sugli edifici in terra (aterrati) siti in provincia di Macerata DURABILITA DI INTONACI A BASE DI TERRA STABILIZZATI CON ADDITIVI NATURALI - VALUTAZIONI SPERIMENTALI Emanuela

Dettagli

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA

INCIDENZA PERCENTUALE DELLA MANODOPERA Comune di Noto Provincia di Siracusa PROGETTO ESECUTIVO DEI LOCULI ZONA AREA LIBERA CIMITERO INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA Art. 39 D.P.R. 207/10 INCIDENZA PERCENTUALE DELLA ODOPERA N.R. ARTICOLO

Dettagli

Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE

Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE Articolo 10 CONGLOMERATI BITUMINOSI RICICLATI A FREDDO PER LA FORMAZIONE DI STRATI DI BASE Il conglomerato bituminoso riciclato a freddo, direttamente in sito o in impianto (fisso o mobile) viene realizzato

Dettagli

Calibro Plus Evaporation

Calibro Plus Evaporation Calibro Plus Evaporation Il prodotto CALIBRO P. E., è un sistema specificatamente formulato per realizzare intonaci antiumidità, antisale ed anticondensa su murature umide. È costituito dalla combinazione

Dettagli

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE

2.5.1 CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE Pag. 1 di 1 PROVE SUL CALCESTRUZZO NELLE STRUTTURE CAROTE PRELIEVO, ESAME E PROVA DI COMPRESSIONE 1. Scopo La presente prova è specifica nel prelievo di carote di calcestruzzo indurito e contempla l esame,

Dettagli

PROVE DI ASSORBIMENTO

PROVE DI ASSORBIMENTO PENETRON ADMIX: SINTESI DEI TEST UFFICIALI PROVE DI ASSORBIMENTO 1/12/2002 N. RIF. ACCI: 58324 Prova di Assorbimento dell Acqua e Massa Volumica Apparente dei Vuoti Permeabili (AS1012.21) e assorbimento

Dettagli

CP1 - Cutis Protector

CP1 - Cutis Protector - Cutis Protector Il prodotto * è un rasante organico minerale impermeabile, elastico, ad altissima traspirabilità, bicomponente a base cementizia di colore bianco. Dove si impiega 1305-CPR-0933 *A base

Dettagli

Aggiornamento. Catalogo / Listino 2015. Sottofondi, Impermeabilizzanti, Adesivi, Stucchi e Prodotti Speciali per l Edilizia

Aggiornamento. Catalogo / Listino 2015. Sottofondi, Impermeabilizzanti, Adesivi, Stucchi e Prodotti Speciali per l Edilizia Aggiornamento Catalogo / Listino 2015 Sottofondi, Impermeabilizzanti, Adesivi, Stucchi e Prodotti Speciali per l Edilizia impermeabilizzanti starlastik Malta cementizia monocomponente fibrorinforzata ad

Dettagli

Prescrizioni per l'esecuzione di lavori con calcestruzzo spruzzato

Prescrizioni per l'esecuzione di lavori con calcestruzzo spruzzato Prescrizioni per l'esecuzione di lavori con calcestruzzo spruzzato pagina 1/11 Prescrizioni per l'esecuzione di lavori con calcestruzzo spruzzato 1. Basi Valgono le norme e le direttive all appendice 02

Dettagli

ISOPLAN. sistema isolante e impermeabilizzante

ISOPLAN. sistema isolante e impermeabilizzante ISOPLAN sistema isolante e impermeabilizzante ISOPLAN PU Coperture piane con manto a vista Coperture piane zavorrate o pavimentate Coperture carrabili Sistema termoisolante e impermeabilizzante costituito

Dettagli

I documenti del Consorzio Alveolater. La Marcatura CE: informazioni e chiarimenti

I documenti del Consorzio Alveolater. La Marcatura CE: informazioni e chiarimenti I documenti del Consorzio Alveolater 2 La Marcatura CE: informazioni e chiarimenti LA MARCATURA CE Premessa Per i laterizi per murature (Uni EN 771-1) sono previsti due sistemi di controllo: Sistema di

Dettagli

THORO ACTIVE INTONACO BC

THORO ACTIVE INTONACO BC THORO ACTIVE INTONACO BC Intonaco da risanamento per applicazioni a cazzuola, di colore BIANCO, per il trattamento deumidificante di murature soggette all umidità di risalita capillare in presenza di sali.

Dettagli

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

ALLEGATO A. RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia ALLEGATO A RELAZIONE TECNICA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia 1 Prove sperimentali sull efficacia di supporti in polipropilene per piastrelle Nella presente relazione tecnica si riportano

Dettagli

INSIEL S.p.A. OGGETTO. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica. Monotubi Lisci. Data: 28 marzo 2007

INSIEL S.p.A. OGGETTO. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica. Monotubi Lisci. Data: 28 marzo 2007 LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica Data: 28 marzo 2007 OGGETTO GGETTO: Monotubi Lisci Integrazioni: 27 marzo 2009 Riferimento: INSIEL_ST_MONOTUBILISCI_09 INDICE Indice... 2 Indice delle Tabelle...

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 120212-R-4013

RAPPORTO DI PROVA 120212-R-4013 CertiMaC soc.cons. a r.l. Via Granarolo, 62 48018 Faenza RA Italy tel. +39 0546 670363 fax +39 0546 670399 www.certimac.it info@certimac.it R.I. RA, partita iva e codice fiscale 02200460398 R.E.A. RA 180280

Dettagli

TOTALE 10.521,20 13.64% SPESE GENERALI SU 10.521,20 1.435,09 10% UTILE IMPRESA SU 11.956,29 1.195,63 PREZZO 13.151,92

TOTALE 10.521,20 13.64% SPESE GENERALI SU 10.521,20 1.435,09 10% UTILE IMPRESA SU 11.956,29 1.195,63 PREZZO 13.151,92 Arch. Gaetano Gravagna Pag. 1 1) FRANGISOLE Fornitura e posa in opera di frangisole in lamelle formate da fogli di alluminio pressopiegate e preverniciate con sezione di 30 cm, rinforzate con profilo interno

Dettagli

Polistirene espanso macinato a granulometria variabile. Polistirene espanso macinato a granulometria variabile,

Polistirene espanso macinato a granulometria variabile. Polistirene espanso macinato a granulometria variabile, Massetti leggeri Perliking : Polistirene macinato e perla vergine per massetti in CLS leggero Tipo PKM Polistirene espanso macinato a granulometria variabile PKM/ADD Polistirene espanso macinato a granulometria

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F.

Servizio Antincendi e Protezione Civile. Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. Servizio Antincendi e Protezione Civile Via Secondo da Trento, 2-38100 Trento Tel. 0461/492310 - Fax 492315 OSSERVATORIO SUGLI INFORTUNI DEI VV.F. SCALE PORTATILI Riferimenti normativi: Il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ELABORATI TECNICO AMMINISTRATIVI C-ESE_A6.7. A: Fornitura pavimentazione e rivestimenti

ELABORATI TECNICO AMMINISTRATIVI C-ESE_A6.7. A: Fornitura pavimentazione e rivestimenti A: Fornitura pavimentazione e rivestimenti ELABORATI TECNICO AMMINISTRATIVI CSA - Capitolato speciale di appalto - Normativa generale e specifiche tecniche C-ESE_A6.7 Luglio 2010 07/2010 S. Delle Femine

Dettagli

Materiali in genere.

Materiali in genere. Materiali in genere. I materiali ed i prodotti per uso strutturale, utilizzati nelle opere in oggetto alla presente relazione, devono rispondere ai requisiti indicati nel seguito. I materiali e prodotti

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

MISTRAL. sistema isolante per coperture ventilate

MISTRAL. sistema isolante per coperture ventilate MISTRAL sistema isolante per coperture ventilate Sistema isolante per coperture ventilate MISTRAL PU Principali applicazioni Coperture a falda ventilate Marcatura CE Sistema isolante per la realizzazione

Dettagli

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 0-0 BELLINZONA PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO Pagina di 0 Edizione: 0.09.0 DIPARTIMENTO

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO

MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO MURETTI A SECCO PER ARREDO GIARDINO MURAGO VENETO pag 2 MURO LAVAREDO pag 8 PALIZZATE pag 12 COLONNE pag 14 MURO DI CONTENIMENTO TERRA PISA2 pag 15 I muretti a secco

Dettagli

MODENA CENTRO PROVE MECCANICA ECOLOGIA CERAMICA ALIMENTARE. alla c.a. : TORO;

MODENA CENTRO PROVE MECCANICA ECOLOGIA CERAMICA ALIMENTARE. alla c.a. : TORO; C.C.I.A.A. Modena n. 228587 - Tribunale di Modena n 2231 - C.F. e P. IVA n. 01592020364 MECCANICA ECOLOGIA CERAMICA ALIMENTARE Spett.le CERAMIKO SRL VIA ROMA 220 35020 ALBIGNASEGO PD alla c.a. MATERIALE

Dettagli

Comune di Adrano. Provincia Catania

Comune di Adrano. Provincia Catania Comune di Adrano Provincia Catania E L E N C O P R E Z Z I OGGETTO Realizzazione di una Elisuperfice H24 PERIZIA DI ASSESTAMENTO COMMITTENTE Comune di Adrano IL PROGETTISTA Dott. Ing Alfredo Scalisi Ufficio

Dettagli