UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE V.O. DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA COMPORTAMENTO DILATOMETRICO E TRASFORMAZIONI AD ALTA TEMPERATURA DELLE MATERIE PRIME CERAMICHE Relatore: Prof. Alessandro Gualtieri Tesi di laurea di Ilaria Zitano Correlatori: Dott. Simone Ferrari Dott. Mariano Paganelli ANNO ACCADEMICO

2 1. INTRODUZIONE 1.1 Materie prime argillose per impasti da grès porcellanato Caolinite Struttura La caolinite fa parte della famiglia dei fillosilicati in cui i tetraedri di coordinazione SiO 4 si uniscono a formare fogli che si estendono indefinitamente in due dimensioni. In generale, il foglio più frequente è quello che ha formula Si 2 O 5 nel quale sono individuabili solo anelli di 6 tetraedri. Nella caolinite avviene l'unione di un foglio tetraedrico (in giallo nella Fig.1.1) con uno ottaedrico tipo gibbsite [Al 2 (OH) 6 ] (in verde nella Fig. 1.1). In seguito a quest'unione, due terzi degli anioni che si trovano sulla faccia superiore del foglio ottaedrico vengono a far parte anche di quello tetraedrico (Fig. 1.1). Lo spessore di un foglio ottaedrico o di un foglio tetraedrico è di circa 2.4 Å e tale risulta anche lo spessore di uno spazio interstrato. Ne consegue che la distanza reticolare basale sia di circa 7.2 Å (cioè, tre volte 2.4 Å per il foglio ottaedrico, per il foglio tetraedrico e per lo spazio interstrato). 1

3 Fig Struttura della caolinite (in giallo i foglietti tetraedrici, in verde quelli ottaedrici). Composizione chimica La formula della caolinite è: Al 2 (OH) 4 Si 2 O 5 La composizione chimica teorica è: SiO 2 = 46.54% ; Al 2 O 3 = 39.50% ; H 2 O = 13.96% Genesi e caratteristiche dei depositi contenenti caolinite L'origine di questi giacimenti è legata alla trasformazione dei feldspati delle rocce cristalline che porta ad un contemporaneo allontanamento degli elementi alcalini (sodio e potassio). Depositi di caolino sono generalmente di origine primaria (residuali), cioè permangono dove preesistevano le rocce madri e non hanno quindi subito trasporto; giacimenti secondari sono stati, invece, oggetto di allontanamenti e rideposizioni in ambiente acquoso (generalmente lacustre) che hanno concentrato e selezionato le particelle più fini inquinandole però con materiali di origine organica vegetale (foglie, rami, radici, elementi carboniosi). 2

4 Analisi mineralogiche di materiali caolinitici L'identificazione della caolinite tramite analisi diffrattometrica ai raggi X comporta essenzialmente l'osservazione delle diffrazioni dei piani basali. Sul diffrattogramma, con radiazione Cu Ka, si formano picchi più o meno nelle seguenti posizioni angolari: ? (001), ? (020), ? (002), ? (004). La presenza di certe cloriti può mascherare la presenza di caolinite a causa della coincidenza dei riflessi basali a ? (corrispondenti a 7.18 Å). In questo caso occorre verificare l'eventuale sdoppiamento che si verifica nella riflessione sul piano (002); dato che sussiste una piccola differenza tra la distanza reticolare della caolinite e della clorite a cui corrispondono posizionamenti dei picchi rispettivamente a 24,90 2? e ?. Il diagramma dell'analisi termodifferenziale (DTA) di una caolinite presenta un netto picco endotermico a C dovuto alla trasformazione della caolinite in metacaolinite con perdita dell'acqua di cristallizzazione; attorno ai 980 C si manifesta invece un marcato picco esotermico probabilmente connesso con la cristallizzazione di mullite o allumina: Al 2 (OH) 4 Si 2 O 5 (caolinite)? Al 2 Si 2 O 7 (matacaolinite) + H 2 O? Al 2 SiO 5 (mullite) + SiO 2 [ C] [ C] La silice liberata tra i 980 e i 1150 C porta poi alla formazione di cristobalite. Il diagramma dell'analisi termogravimetrica (TG) corrispondente, invece, presenta una forte perdita in peso attorno ai C, quando cioè si realizza la deossidrilazione; nessuna variazione si osserva invece verso i 980 C, dato che questa reazione esotermica è dovuta alla liberazione di energie di legame (calore latente di cristallizzazione) e non all'allontanamento di materia. La dilatometria è caratterizzata fino a 450 C da una debole dilatazione (dovuta al rilevante tenore di allumina) a cui fa seguito (oltre i 550 C) una prima fase di ritiro connessa con l'eliminazione degli ossidrili OH (fino a 880 C) seguita da una seconda fase di contrazione, più marcata, connessa con l'inizio delle reazioni di sinterizzazione. Utilizzi ceramici Le applicazioni della caolinite nel settore ceramico sono innumerevoli. A diversi gradi di raffinazione e purezza, viene utilizzata prevalentemente nella formulazione degli impasti per 3

5 stoviglieria, sanitari e porcellana sia artistica che tecnica. Con un buon grado di purezza viene utilizzata anche nella produzione di particolari tipologie di piastrelle ceramiche soprattutto sinterizzate. E' utilizzata anche nella preparazione degli smalti per migliorare la reologia delle sospensioni Halloysite Struttura L'halloysite è riconducibile alla struttura della caolinite con interposizione di molecole di H 2 O fra gli strati in quantità corrispondente a 2 molecole d'acqua per unità stechiometrica (Fig. 1.2). La presenza di molecole d'acqua in interstrato determina una distanza reticolare basale di circa 10 Å ed una certa indipendenza fra gli strati. Ciò fa sì che l'halloysite (halloysite-10), come il serpentino, si presenti in fibre tubolari dovute all'incurvamento degli strati che si arrotolano su se stessi. I foglietti possono comunque srotolarsi ed appiattirsi passando alla halloysite-7, caratterizzata da una minor presenza d'acqua e da una distanza reticolare basale di 7.4? (mentre nell'halloysite-10 è 10.1?). Passando dalla caolinite alla halloysite-7 e halloysite-10 si assiste ad un progressivo aumento dell'idratazione a cui si accompagna anche un aumento del grado di disordine del reticolo. Fig Struttura dell' halloysite (in rosso le molecole di H2O). 4

6 Composizione chimica La formula dell'halloysite è: Al 2 (OH) 4 Si 2 O 5 2H 2 O Genesi e caratteristiche dei depositi L'halloysite è un costituente di numerosi giacimenti argillosi. La classica genesi chiama in causa rocce madri vulcaniche (da acide a neutre) e vulcanoclastiti (rocce piroclastiche e brecce vulcaniche). A grandi linee la trasformazione di queste rocce originali è simile a quella che porta alla formazione di caolinite. Come in quest'ultima si svolge un allontanamento degli alcali (Na e K) che solo in certi casi si realizza totalmente; spesso permangono residui importanti di quarzo. Spesso si osservano associazioni con caolinite dovute ad un processo di weathering con condizioni cicliche di periodi secchi con crescita rapida (che portano alla formazione di caolinite) e periodi umidi con condizioni che favoriscono il disordine strutturale (che portano alla formazione di halloysite). Possiamo avere giacimenti primari (residuali) e secondari, a volte di origine idrotermale. Analisi mineralogiche di materie prime halloysitiche L'identificazione della specie tramite analisi diffrattometrica ai raggi X comporta esclusivamente all'osservazione delle diffrazioni dei piani basali. Il picco principale dell'halloysite-10 lo ritroviamo a: ? (001); mentre quello dell'halloysite-7 lo troviamo a: ? (001). Il diagramma dell'analisi termodifferenziale (DTA) di una halloysite presenta un caratteristico picco endotermico che si sviluppa prima dei 200 C connesso con la perdita d'acqua in interstrato a cui corrisponde una forte perdita di peso nell'analisi termogravimetrica (TG). Successivamente l'andamento è simile a quello della caolinite; a partire dai 450 C si ha un nuovo picco endotermico, conseguenza dell'allontanamento degli ossidrili a cui corrisponde una perdita di peso nella TG, mentre a 980 C, in connessione con la cristallizzazione di mullite, si osserva un netto picco esotermico a cui non corrisponde alcuna variazione nella TG essendo la liberazione del calore latente di cristallizzazione. La dilatometria presenta una iniziale debole dilatazione contrastata con evidente ritiro, poco oltre i 150 C, causato dall'allontanamento dell'acqua di interstrato; superata questa fase, il 5

7 ritiro continua seppur con un gradiente molto più moderato a cui fa seguito (oltre i 450 C) una nuova più marcata contrazione (perdita degli ossidrili) che si protrae fin verso gli 880 C, quando, in corrispondenza delle reazioni di sinterizzazione, si assiste ad un ritiro con gradiente ancora più forte con conseguenza del rammollimento del provino. Utilizzi ceramici L'utilizzo in ceramica come refrattario formatore di mullite in temperatura è del tutto simile a quello della caolinite. L'unica differenza risiede nel maggiore ritiro dovuto alla presenza di molecole d'acqua in interstrato Illite Struttura L'illite è un allumosilicato di potassio, simile alle miche, cioè fillosilicato formato dall'unione di due fogli tetraedrici e uno ottaedrico disposto a "sandwich" tra i due tetraedrici (forma diottaedrica, cioè con fogli ottaedrici gibbsitici). Alcuni cationi di silicio vengono sostituiti da alluminio a cui si aggrega il potassio che bilancia l'equilibrio elettrico della struttura (Fig. 1.3, in giallo i fogli tetraedrici, in rosso quelli ottaedrici). Le differenze strutturali tra illite e mica risiedono in una minor quantità di sostituzione di silicio con alluminio e, pertanto, in un inferiore aggregamento di potassio; inoltre l'illite può contenere molecole d'acqua interstratificate. Cristallizza nel sistema monoclino, nel gruppo spaziale C2/c, comune a diverse miche. Fig Struttura schematizzata dell'illite (in viola i cationi interstrato di K). 6

8 Composizione chimica Dare una definizione definitiva di illite basata sulla composizione chimica non è preciso, in quanto ancora poco si sa sulla sua natura e stabilità. Un'analisi chimica tipo è: SiO 2 TiO 2 Al 2 O 3 Fe 2 O 3 MgO CaO Na 2 O K 2 O 47.4% 0.23% 35.6% 1.50% 0.30% 0.02% 0.53% 9.12% Tab Analisi chimica della Kaube illite (da Srodon e Eberl, 1984). Una formula approssimativa può essere scritta come (Rosenberg, 2002): K 0.88 (Al, Fe, Mg) 2 (Si 3.12 Al 0.88 )O 10 (OH, F) 2 nh 2 O quindi come una muscovite idrata, povera in potassio. Essendo molto simile chimicamente e strutturalmente alla muscovite, non è chiaro il limite tra le due fasi. Genesi e caratteristiche dei depositi L'origine dei giacimenti di illite è legata soprattutto a deposizioni sedimentarie. Naturalmente non si trovano mai depositi costituiti esclusivamente da questo minerale che, invece, si trova spesso associato a: clorite, montmorillonite, caolinite, quarzo, calcite, dolomite, ecc. Gli ambienti di formazione naturali possono essere: - ambiente di alterazione: in cui avviene la trasformazione di strati smectitici in illite; - ambiente sedimentario: in cui illiti di fondo marino e lacustre hanno una origine detritica; - ambiente diagenetico e metamorfico: in cui la formazione di illite va sotto il nome di illitizzazione (cioè trasformazione in illite), processo che interessa principalmente la smectite e la caolinite; - ambiente idrotermale: in cui avvengono gli stessi processi dell'ambiente precedente, quindi ancora molto importante è la trasformazione della smectite. 7

9 Analisi mineralogiche di materie prime illitiche L'identificazione della specie tramite analisi diffrattometrica ai raggi X comporta essenzialmente l'osservazione delle diffrazioni dei piani basali. I riflessi caratteristici compaiono a ? (001), ? (002) e ? (003), a cui corrispondono rispettive distanze reticolari di 10, 4.9 e 3.33 Å. Il diagramma dell'analisi termodifferenziale (DTA) di una illite mostra un primo picco endotermico attorno ai 140 C (dovuto all'allontanamento dell'acqua zeolitica) a cui fa seguito un secondo picco a partire da 660 C (per eliminazione degli ossidrili). Verso i 900 C si ha la formazione di silico-alluminati alcalini e, in presenza di calcio, di alluminati di calcio, silicati di calcio (wollastonite) e ferriti di calcio; tali neoformazioni vengono segnalate da un picco esotermico. L'analisi termogravimetrica (TG) segnala moderate perdite di peso concentrate prevalentemente in corrispondenza del massimo sviluppo dell'allontanamento dell'acqua zeolitica e degli ossidrili. La dilatometria presenta un discreto gradiente sin oltre i 600 C, talvolta appena introdotto da un minimo accenno di contrazione attorno ai C; da 600 C a oltre 800 C si osserva il tipico "plateau" (che indica una condizione assenza di variazioni dimensionali) a cui fa seguito una contrazione quasi verticale dovuta alla deformazione plastica del provino sotto la spinta del sistema di leve del dilatometro. Utilizzi ceramici Negli impasti ceramici è sempre presente una percentuale di illite, che non viene aggiunta come tale, ma si trova già nelle materie prime. Il suo utilizzo porta a prodotti piuttosto greificabili. Se l'argilla illitica "cuoce bianco" può essere anche utilizzata come alternativa alle argille caolinitiche. Se invece "cuoce rosso" può trovare impiego in prodotti espansi per l'edilizia Montmorillonite Struttura La montmorillonite fa parte della famiglia delle smectiti. 8

10 E' costituita da due strati tetraedrici tra i quali ve ne è uno ottaedrico di tipo gibbsitico (quindi è diottaedrica), come la pirofillite (Fig. 1.4). Parte di Al 3+ del foglio ottaedrico può essere sostituito da Mg 2+ e Fe 2+ e parte del Si 4+ del foglio tetraedrico può essere sostituito da Al 3+ ; le cariche negative in eccesso sono così bilanciate dalla presenza di cationi interstrato come Na + o K + o Ca 2+. In interstrato possono anche essere presenti molecole d'acqua. Le forze che legano i cristalli dei minerali di questo gruppo sono molto deboli. Infatti non vi sono legami idrogeno (come nella caolinite) in quanto non vi è possibilità di contatto tra strati ottaedrici e tetraedrici appartenenti a strutture base differenti. Il solo legame esistente è costituito dalle forze di Van der Waals, legami molto deboli che permettono quindi l'inserimento di molecole d'acqua. La montmorillonite possiede due importanti proprietà applicative: l'espandibilità ed il potere di scambio ionico. L'espandibilità è legata alla quantità variabile di molecole d'acqua presenti tra strato e strato. In mancanza di molecole d'acqua la distanza basale ha un valore minimo (10 Å), ma l'ingresso di acqua fra uno strato e l'altro fa aumentare progressivamente tale distanza basale (che può arrivare anche fino a 21 Å per l'assorbimento di diversi strati di molecole d'acqua). L'espansione avviene anche in presenza di altri liquidi bipolari (ad es. glicole etilenico e glicerina). Il potere di scambio ionico viene messo in evidenza immergendo il minerale in una soluzione concentrata del sale di un certo catione: dopo qualche ora i cationi interstrato sono passati in soluzione e vengono sostituiti dai cationi precedentemente disciolti. Si prestano a questi scambi i cationi a bassa carica e grande raggio. 9

11 Fig Struttura della montmorillonite (in viola i cationi interstrato o molecole di H2O). Composizione chimica La formula generale di una smectite è: (Al 2-y )(Si 4-x Alx)O 10 (OH) 2 E x+y nh 2 O in cui E rappresenta il catione interstrato (Na +, K +, Ca 2+ ). Quando x>y la smectite è detta montmorillonite (Güven, 1988). Una possibile composizione chimica teorica potrebbe essere: SiO 2 = 66.7%; Al 2 O 3 = 28.3%; H 2 O = 5%. Genesi e caratteristiche dei depositi Una parte rilevante delle argille montmorillonitiche si è formata per alterazione di rocce vulcaniche (rocce piroclastiche e brecce vulcaniche) come: rioliti, trachiti, daciti, andesiti, basalti e lipariti. Si può formare sia in ambiente idrotermale che in ambiente sedimentario. I giacimenti sedimentari di montmorillonite si presentano con strati o lenti spessi anche vari metri; quelli di origine idrotermale possono avere forme anche piuttosto irregolari. 10

12 Analisi mineralogiche di materie prime montmorillonitiche L'identificazione della specie tramite analisi diffrattometrica ai raggi X comporta essenzialmente l'osservazione delle diffrazioni dei piani basali. Nel caso specifico non è infrequente che la grande finezza delle particelle ponga problemi all'indagine diffrattometrica; quando le condizioni sono tali da consentire l'esecuzione dell'analisi si rileva un riflesso a ? (002) (corrispondente ad una distanza reticolare di 12.5 Å) che si sposta verso un angolo più basso in caso di glicolazione del campione ( ?) e collassa a circa 8.8 2? dopo riscaldamento a 550 C. Spesso però la smectite è presente come interlaminato associato all'illite. In questo caso la banda di riflessione che ne deriva è molto allargata attorno ai 7.2 2?, espande ancora a ? e collassa dopo riscaldamento, a 550 C circa, a circa 8.8 2?. Il diagramma dell'analisi termodifferenziale (DTA) della montmorillonite presenta due picchi endotermici rispettivamente a 180 C e tra 450 C e 650 C dovuti, il primo all'allontanamento dell'acqua di interstrato ed il secondo all'allontanamento degli ossidrili. L'analisi termogravimetrica (TG) mostra, in corrispondenza dei picchi endotermici delle DTA, due perdite di peso a 180 C e a C. La dilatometria, dopo un iniziale piccolo tratto in leggera espansione, presenta una prima contrazione verso i 180 C a cui fa seguito una nuova espansione (che si radicalizza verso i 573 C qualora la materia prima contenga anche quarzo libero); verso i 900 C ha inizio la contrazione legata allo sviluppo delle reazioni di sinterizzazione ed al rammollimento del provino. Utilizzi ceramici L'impiego di materie prime argillose contenenti montmorillonite in strati misti con illite è assai generalizzato (soprattutto nella produzione di piastrelle, laterizi e vasellame) mentre quello di materiali quasi esclusivamente montmorillonitici trova forti limiti nelle stesse produzioni citate prima. Infatti la montmorillonite interferisce negativamente ed in modo molto marcato sulle proprietà reologiche delle barbottine. La bentonite (roccia a prevalente natura montmorillonitica ), quando idratata, rigonfia enormemente ed assume l'aspetto di un gel colloidale. Per cui, il solo utilizzo ceramico che viene fatto delle montmorilloniti più pure è quello di additivo plasticizzante (percentuali di impiego mai superiori al 5%). 11

13 1.1.5 Clorite Struttura La clorite è un termine generico che indica una famiglia di fillosilicati con impacchettamento TOT + O (cioè due strati tetraedrici tra i quali ve ne è uno ottaedrico a "sandwich" ed uno strato ottaedrico in posizione di interstrato) in cui il foglio ottaedrico è di tipo brucitico [Mg 3 (OH) 6 ], quindi è triottaedrica (Fig. 1.5). Possiamo avere sostituzioni di Al 3+ al posto di Si 4+ in tetraedro e di Al 3+ al posto di Mg 2+ in ottaedro. La distanza reticolare basale è di circa 14 Å, cioè pari alla somma dello spessore dello strato tipo talco e dello strato tipo brucite. Sono segnalati casi di cloriti degradate con presenza del fenomeno dell'espansione reticolare conseguente alla capacità di assorbire acqua zeolitica per fenomeni di weathering che hanno agito sul foglietto brucitico. Si segnala ancora l'esistenza di interlaminati clorite-vermiculite ed illite-clorite. Fig Struttura schematizzata della clorite. 12

14 Composizione chimica La formula generale delle cloriti è: (Mg, Fe'', Al) 6 (OH) 8 (Si, Al) 4 O 10 in cui il termine di magnesio (clinocloro) ha formula: (Mg 5 Al)(OH) 8 Si 3 AlO 10 ed il termine di solo ferro (chamosite): (Fe 5 Al)(OH) 8 Si 3 AlO 10 Genesi e caratteristiche dei depositi Le cloriti sono molto comuni e si formano per trasformazione (alterazione) di rocce basiche in ambiente di debole metamorfismo. L'origine dei depositi è legata principalmente a sedimentazioni soprattutto in ambiente marino. I minerali della famiglia delle cloriti possono derivare direttamente dalla roccia madre (minerali detritici) in quanto possiedono una notevole stabilità od essersi formati a spese di silicati ricchi di Fe e Mg (come ad es. biotiti e anfiboli) in presenza di un dilavamento poco spinto. Analisi mineralogiche di materie prime cloritiche L'identificazione delle specie mineralogiche tramite analisi diffrattometrica ai raggi X comporta essenzialmente l'osservazione delle diffrazione dei piani basali. Le riflessioni angolari caratteristiche sono rilevabili a 6.2 2? (001), ? (002)e ? (004). La diffrazione a ? (002) corrisponde a quella del piano (001) della caolinite per cui è molto facile confondere la clorite con la caolinite. Per evitare questo possibile errore si ripete l'analisi preriscaldando il campione a C; in questo modo i riflessi basali risultano nulli, mentre si rinforza notevolmente quello a 6.2 2?. 13

15 L'analisi termodifferenziale (DTA) mostra forti variazioni per i vari tipi di clorite; solitamente si nota un primo picco endotermico verso i 400 C, quando cioè avviene l'allontanamento degli ossidrili dal foglietto brucitico; segue poi, tra i 600 C e gli 800 C, un secondo picco endotermico che corrisponde all'allontanamento degli ossidrili del foglietto 2:1. In corrispondenza di questi due picchi l'analisi termogravimetrica (TG) mostra due punti di marcata perdita di peso. La dilatometria del crudo non mostra perdita di peso a bassa temperatura per allontanamento dell'acqua zeolitica (salvo che non si sia sviluppata una spinta alterazione della struttura). In ogni caso, l'osservazione dei tipici comportamenti delle cloriti viene complicata dalla costante presenza di altri minerali argillosi Talco Struttura Il talco è un fillosilicato triottaedrico appartenente al gruppo spaziale C2/c caratterizzato dalla successione di un foglio tetraedrico centrato da Si 2 O 5, un foglio ottaedrico tipo brucite [Mg 3 (OH) 6 ] ed un altro foglio tetraedrico centrato da Si 2 O 5 (Fig. 1.6). Presenta una distanza reticolare basale attorno ai 10?. L'elemento strutturale di base risulta neutro e gode di una grande stabilità. Fig Struttura del talco. 14

16 Composizione chimica La formula chimica ideale del talco è: Mg 3 (OH) 2 Si 4 O 10 Non essendo possibile alcuna sostituzione vicariante con elementi a carica deficitaria, non si hanno quindi introduzioni di cationi alcalini. Mediamente il talco è formato da: 50% in silice; oltre il 30% di magnesio; poco meno del 10% di allumina. Genesi e caratteristiche dei depositi L'origine del talco può essere idrotermale o metamorfica. Se è di origine idrotermale spesso è associato a dolomite e magnesite a causa delle reazioni che avvengono tra le soluzioni idrotermali acide (cioè ricche in silice) ed i carbonati magnesiaci. Invece, se è di origine metamorfica, si forma soprattutto dall'olivina di rocce ultrabasiche in condizioni di medio o basso metamorfismo. I giacimenti di talco sono spesso di natura filoniana. Analisi mineralogiche L'identificazione della specie mediante i raggi X si basa sull'osservazione delle diffrazioni dei piani basali. Si formano picchi nelle seguenti posizioni angolari: ? (001), ? (002). Le analisi termodifferenziali (DTA) di un talco puro mostrano un solo picco endotermico tra i 900 e 1000 C, che segnala l'allontanamento degli ossidrili OH -. In alcuni casi è ben rilevabile la presenza di clorite e la perdita di acqua zeolitica. Corrispondentemente la TG indica una forte perdita di peso. Anche l'analisi dilatometrica è spesso influenzata dalla presenza di altri minerali, in particolare dalla clorite, che provoca un netto incremento della dilatazione tra i 600 e gli 800 C. Utilizzi ceramici Il talco può contenere un'elevata percentuale di idrossidi di Fe, pertanto, nell'industria ceramica, viene utilizzato in maniera limitata per la produzione di piastrelle. Questi minerali 15

17 di solito presentano: una scarsa resistenza meccanica in verde e da essiccato; in cottura a 1020 C i cotti presentano un assorbimento molto elevato superiore al 25%; in cottura si comportano come un inerte fino a 1050 C, mentre a temperature più elevate si comportano come un fondente. Aggiunto in piccole percentuali (2-5%) nell'impasto, il talco, può formare con gli alcali presenti nei feldspati miscele eutettiche a temperatura di fusione molto bassa. L'introduzione del talco nell'impasto ceramico consente di controllare l'espansione termica. 1.2 Materie prime non argillose per impasti da grès porcellanato Quarzo e polimorfi della silice Struttura Il composto SiO 2 dà numerosissime fasi; queste fasi hanno tutte strutture tipo tettosilicato, cioè con tetraedri SiO 4 che mettono tutti i loro vertici in comune con altri tetraedri (Fig. 1.7). La più nota modificazione polimorfa è il quarzo. Possiamo distinguere tra quarzo a, romboedrico, della classe oloassica e non centrosimmetrico e quarzo ß, esagonale oloassico. Le strutture del quarzo a e quarzo ß sono molto simili e sono caratterizzate dalla presenza di elicogire intorno alle quali si avvolgono spirali di tetraedri SiO 4 ; vi si possono distinguere spirali di due tipi, quelle che si ripetono dopo tre tetraedri e quelle che si ripetono dopo sei tetraedri; le spirali a sei tetraedri sono doppie, cioè costituite da due spirali parallele avvolte l'una nell'altra. Il verso delle spirali a tre tetraedri è opposto a quello delle spirali a sei tetraedri. Le due modificazioni quarzo a e quarzo ß differiscono poco tra di loro come struttura (Fig. 1.8): si tratta di un caso di polimorfismo distorsivo, per cui le spirali che in proiezione hanno simmetria sei nel quarzo ß, passano a simmetria tre nel quarzo a, con uno spostamento di coordinate relativamente modesto. Gli spazi vuoti all'interno delle spirali di sei tetraedri permettono l'igresso di cationi di circa 1? di diametro. 16

18 Fig Struttura del quarzo. Fig Schema delle strutture del quarzo ß (T > 573 C) e del quarzo α (T < 573 C) proiettate lungo z. Si può passare dalla struttura del quarzo ß a quella del quarzo α con una leggera distorsione. 17

19 Molto note sono anche le modificazioni polimorfe cristobalite e tridimite. Esistono una cristobalite ß cubica, con struttura tipo diamante ed una cristobalite a tetragonale pseudocubica. La stessa cosa vale per la tridimite per la quale oltre alla fase ß esagonale, esiste una forma a, monoclina pseudoesagonale. Anche nelle strutture di cristobalite e tridimite vi sono lacune sufficientemente grandi per ospitare cationi grandi come il sodio. C'è poi una fase detta coesite, di alta pressione, monoclina. Ha una densità maggiore di quarzo, tridimite e cristobalite, e, infatti, le lacune nella sua struttura sono ridotte al minimo dato che non vi sono più solo anelli di sei tetraedri ma anche anelli di quattro tetraedri che lasciano pochissimo spazio vuoto. Tutti questi polimorfi sono stabili entro determinati intervalli di temperatura e pressione (Fig. 1.9). Le temperature alle quali avvengono le trasformazioni più importanti sono: quarzo? tridimite 870 C; quarzo a? quarzo ß 573 C; tridimite? cristobalite 1470 C; tridimite a? tridimite ß C; cristobalite a? cristobalite ß C. Fig Diagramma P/T della silice (da Sosman). 18

20 Composizione chimica La formula delle fasi della silice anidra è : SiO 2 Genesi e caratteristiche dei depositi Ci sono giacimenti primari (quarziti) e giacimenti secondari (sabbie e arenarie) e giacimenti di origine vulcanica (perliti). I depositi primari si presentano con forme filoniane in pegmatiti o scisti oppure in zone di contatto di corpi magmatici. I giacimenti secondari (depositi sabbiosi) possono essere di origine alluvionale, lacustre, marina ed anche per accumulo eolitico. Per i primi tre casi è comune il trasporto fluviale in condizioni di piena, condizioni tali da riuscire a trasportare particelle di tipo grossolano come quelle sabbiose. Un altro tipo di deposito siliceo è costituito dalle diatomiti, rocce sedimentarie formate dai gusci silicei delle diatomee (alghe marine). Analisi mineralogiche L'identificazione mineralogica della specie tramite raggi X comporta essenzialmente l'osservazione delle diffrazioni dei piani basali. Sul diffrattogramma si formanoi tipici picchi nelle seguenti posizioni angolari: ? (101) (corrispondente ad una distanza reticolare di circa 3.34?) e ? (100) (che corrisponde a circa 4.26?). Le analisi termodifferenziali e termogravimetriche di una silice anidra presentano un andamento influenzato soltanto dagli effetti termici connessi alle ristrutturazioni corrispondenti alle transizioni di fase. La dilatometria mostra, in fase di riscaldamento, un forte incremento a 573 C in corrispondenza del passaggio da quarzo a a quarzo ß che, come noto, avviene con forte aumento di volume. Il fenomeno, in modo ancora più marcato avviene anche poco oltre i 220 C, quando ci si trova in presenza di cristobalite (piuttosto rara) che passa dalla forma a a quella ß. 19

21 Utilizzi ceramici Il quarzo è utilizzato negli impasti ceramici (monocottura, bicottura, grès) come inerte per formare lo scheletro cristallino del manufatto ceramico Feldspati Struttura Sono i minerali più comuni della crosta terrestre. Sono tettosilicati con impalcatura di tetraedri (Si, Al)O 4 formata da catene doppie, note come "doppio collo d'oca" con spazi liberi nei quali possono trovare posto i cationi più grandi (Figg ). I vari cationi extra-tetraedrici Na, K, Ca e Ba trovano posto nelle cavità libere tra i tetraedri; la massima simmetria compatibile con questa impalcatura è quella del gruppo spaziale C2/m, monoclino, anche se la simmetria reale della maggior parte dei feldspati è inferiore a causa della distribuzione ordinata di Si e Al nei tetraedri, che provoca nell'impalcatura alluminosilicatica dei feldspati con rapporto Si:Al = 3:1 un ordine tipo albite che riduce la simmetria dal monoclino C2/m al triclino C -1; lo stesso fattore, nell'impalcatura dei feldspati con rapporto Si:Al = 1:1, provoca un ordine tipo anortite riducendo la simmetria da C2/m a I2/c. A causa, invece, dello schiacciamento di cavità ospitanti cationi extratetraedrici più piccoli delle cavità stesse, abbiamo un collasso dell'impalcatura alluminosilicatica; questo collasso può risolversi o in una diminuzione di simmetria oppure in una semplice maggior deviazione da 90 degli angoli a e? della cella triclina. Fig Struttura dell'albite (in viola i cationi interstrato di Na). 20

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO

IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO IMPIEGO DEL FELDSPATO GS60 ADDIZIONATO CON VETRO IN UNA PRODUZIONE INDUSTRIALE DI GRES PORCELLANATO Relatori: C. Carbonchi, P. Danasino, R. Riveriti Una giornata su Le materie prime di qualità per piastrelle

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay ARGILLE Definizione di argilla Le argille sono sostanze complesse e possono essere definite sotto vari punti di vista: mineralogico, geologico, chimico, tecnologico,

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI

UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI UTILIZZO DELLA CERAMIC SAND NELLE INDUSTRIE CERAMICHE: RISULTATI, PROBLEMI E SOLUZIONI **************** ESEMPIO DELL IMPIEGO DI VETRO ADDIZIONATO AD UN FELDSPATO SODICO-POTASSICO (GS6) IN UNA PRODUZIONE

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

(b) Leganti idraulici

(b) Leganti idraulici (b) Leganti idraulici Materiali leganti: classificazione induriscono soltanto in aria, non possono stare permanentemente a contatto con l acqua induriscono anche in acqua Materiali leganti: classificazione

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

Le malte: Leganti e malte. La calce:

Le malte: Leganti e malte. La calce: Leganti e malte I leganti sono materiali che, se miscelati con acqua, hanno la capacità di legarsi agli aggregati, facendo presa ed indurendo progressivamente grazie a reazioni chimiche. Essi possono essere

Dettagli

Minerali industriali 2

Minerali industriali 2 Minerali industriali 2 Processi di fabbricazione Preparazione della miscela Processo di formazione Asciugatura e cottura Trattamenti Preparazione della miscela Le materie prime sono pesate e miscelate

Dettagli

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali

La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce sono aggregati di uno o più minerali Nella sua superficie oltre all acqua (liquida degli oceani, e solida della calotte polari), la Terra presenta una struttura solida: la crosta. La crosta è costituita da materiali solidi: le rocce. Le rocce

Dettagli

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO.

COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. COTTURE CERAMICHE COS' E' LA COTTURA? Operazione fisica fondamentale che consiste nel trasferire ENERGIA al manufatto ad una fissata TEMPERATURA e per un certo TEMPO. CONFERIMENTO DI PARAMETRI TECNICI,

Dettagli

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE

ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE ESSICCAZIONE E COTTURA DI PIASTRELLE CERAMICHE Indice Premessa Nota degli autori PARTE PRIMA ESSICCAZIONE E COTTURA: NOZIONI FONDAMENTALI Capitolo 1. INTRODUZIONE Capitolo 2. IL CALORE 1. I principali

Dettagli

Struttura e geometria cristallina

Struttura e geometria cristallina Struttura e geometria cristallina Descrizione macroscopica e microscopica Nello studio delle proprietà fisiche della materia è utile distinguere tra descrizione microscopica e descrizione macroscopica

Dettagli

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali.

Minerali e rocce. La Terra solida è formata da minerali. 1.4 Minerali e rocce La Terra solida è formata da minerali. Un minerale è un corpo solido cristallino naturale omogeneo, costituito da un elemento o da un composto chimico inorganico e caratterizzato da

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

La caratterizzazione delle materie prime sul Web

La caratterizzazione delle materie prime sul Web La caratterizzazione delle materie prime sul Web M. Paganelli: Expert System Solutions / Modena 1 - INTRODUZIONE Relazione presentata allo giornata di studio su "Materie prime e controlli di laboratorio

Dettagli

Materiali ceramici tradizionali

Materiali ceramici tradizionali Materiali ceramici tradizionali -Classificazione dei ceramici tradizionali I materiali ceramici possono essere classificati in base all'impiego ed alla funzione che svolgono. Uso domestico: Laterizi, piastrelle,

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Minerali industriali 3

Minerali industriali 3 Minerali industriali 3 Leganti inorganici Sono tutti quei materiali inorganici che legano tra loro dei grani solidi Terminologia C=CaO; S=SiO 2 F=Fe 2 O 3 ; A=Al 2 O 3 ; S =SO 4 H=H 2 O M=MgO N=Na 2 O

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

Silicio. Silice - Proprietà, struttura, usi - Silice idrata ed Acidi del silicio Silicati - Classificazione - Proprietà e struttura

Silicio. Silice - Proprietà, struttura, usi - Silice idrata ed Acidi del silicio Silicati - Classificazione - Proprietà e struttura Silicio Silice - Proprietà, struttura, usi - Silice idrata ed Acidi del silicio Silicati - Classificazione - Proprietà e struttura Silice (SiO 2 ) La silice è un solido covalente. Esistono numerosi allotropi

Dettagli

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione

Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici. I trattamenti termici e la sinterizzazione Antonio Licciulli Corso di scienza e tecnologia dei materiali ceramici I trattamenti termici e la sinterizzazione Aria e fuoco Dopo la creazione dell oggetto con terra e acqua intervengono aria (essiccamento)

Dettagli

Idratazione dei singoli composti del clinker

Idratazione dei singoli composti del clinker Idratazione dei singoli composti del clinker il clinker finemente macinato reagisce con acqua formando prodotti di idratazione con proprietà leganti che conferiscono resistenza meccanica all impasto indurito

Dettagli

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti.

I MINERALI. Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. I MINERALI Appunti di geografia per gli studenti delle sezioni C e D a cura della prof.ssa A.Pulvirenti. Le immagini presenti in questo file sono state reperite in rete o modificate da testi cartacei e

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE

STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze della Terra STUDIO E SVILUPPO DI UN NUOVO SLIP CERAMICO PER UTILIZZO SANITARYWARE Relatore:

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII

Norme EN. Tab. 1 - Le piastrelle ceramiche - Classificazione secondo le Norme EN. IIa 3 < A.A. 6. A - Piastrelle estruse Al Alla AIIb AIII Norme EN Le piastrelle ceramiche sono lastre sottili di materiale ceramico, utilizzate per il rivestimento di pavimenti e pareti, allo scopo di conferire loro caratteristiche e prestazioni di tipo tecnico

Dettagli

LA STORIA DELLA TERRA

LA STORIA DELLA TERRA MINERALI E ROCCE composizione chimica definita caratteristiche struttura cristallina Minerali colore lucentezza proprietà fisiche durezza sfaldatura densità magmatiche (o ignee) intrusive effusive sedimentarie

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

I LATERIZI seconda parte

I LATERIZI seconda parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI seconda parte Informazioni

Dettagli

Materie Prime Ceramiche in Europa:

Materie Prime Ceramiche in Europa: Materie Prime Ceramiche in Europa: Situazione e Tendenze Michele Dondi Rimini, 1 Ottobre 2010 (TECNARGILLA) Ceramica e Minerali Industriali: Situazione e Tendenze contenuti minerali industriali per piastrelle

Dettagli

I MINERALI I minerali

I MINERALI I minerali I minerali 1.1 La Terra un pianeta a strati 1.2 I materiali del pianeta Terra 1.3 Composizione della crosta terrestre 1.4 Minerali e rocce 1.5 Minerali e cristalli 1.6 Struttura dei cristalli 1.7 Classificazione

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie.

Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. minerali Un minerale è un corpo solido che si trova allo stato naturale, formatosi tramite un processo inorganico. Si conoscono più di 3.500 specie. quarzo rosa aragonite Caratteristiche di un minerale:

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE!

IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! MANUALE TECNICO IL CALCARE NON SI FORMA PIÙ ED ELIMINA QUELLO ESISTENTE! Indice : - Introduzione - Come si forma il calcare? - Processo di nucleazione - Azione dell inibitore sulla formazione del calcare

Dettagli

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05

Scritto da erredomani Martedì 21 Maggio 2013 17:11 - Ultimo aggiornamento Sabato 25 Maggio 2013 15:05 I tipi di fibre [1] riscontrabili in atmosfera si dividono in due grandi categorie quelle Naturali e quelle Sintetiche (artificiali). Entrambe queste categorie sono a loro volte distinguibili in organiche

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale naturale

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro:

Economico: Produttività elevata : Pulito: Sicuro: IBIX ART è un Inerte Specifico per Aero - Abrasione selezionato da IBIX per l'applicazione con le Eco - Sabbiatrici IBIX e le apparecchiature per Micro - Aero - Abrasione IBIX ed HELIX. E' un minerale

Dettagli

Appendice 4) I Cementi: approfondimenti

Appendice 4) I Cementi: approfondimenti Appendice 4) I Cementi: approfondimenti 1. I cementi La definizione attuale più corretta di cemento la possiamo trarre dalla Norma europea EN 197/1 (allegata come Appendice 3), che definisce la composizione,

Dettagli

Sede Amministrativa. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Istituto di Scienze Geologico-Mineralogiche Sede Consorziata UNIVERSITA DI NAPOLI FEDERICO II

Sede Amministrativa. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Istituto di Scienze Geologico-Mineralogiche Sede Consorziata UNIVERSITA DI NAPOLI FEDERICO II Sede Amministrativa Unione Europea Fondo Sociale Europeo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI Istituto di Scienze Geologico-Mineralogiche Sede Consorziata UNIVERSITA DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas

Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase. Separazione di fase. Fasi della materia: solido, liquido, gas Lezione 15 metodi di analisi termici legati alla separazione di fase Separazione di fase Fasi della materia: solido, liquido, gas SOLIDO Scioglimento solidificazione LIQUIDO evaporazione condensazione

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay

I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay I.I.S.S E. Mattei Rosignano Solvay Prodotti ceramici Si dicono prodotti ceramici quelli ottenuti da impasti di argille, acqua ed eventuali additivi, essiccati e cotti a temperature adeguate, in modo che

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Serie LASER - Rivestimento

Serie LASER - Rivestimento SCHEDA TECNICA Serie LASER - Rivestimento 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice L Piastrelle ceramiche pressate a secco GRUPPO BIIIGL DIMENSIONI E PROPRIETA FISICHE PROPRIETA CHIMICHE

Dettagli

LA DEMINERALIZZAZIONE DELL'ACQUA

LA DEMINERALIZZAZIONE DELL'ACQUA La salinità dell'acqua. RELAZIONE INFORMATIVA RI23 LA DEMINERALIZZAZIONE DELL'ACQUA Cenni sui princìpi e le modalità di realizzazione. L'acqua prelevata dalle falde e dalle sorgenti contiene disciolte

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI

I Minerali. Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI Prof. Mario Tribaudino Dipartimento di Scienze della Terra Università di Parma Master in Scienze Forensi TECNICHE DI ANALISI MINERALOGICA CON ESERCITAZIONI I Minerali Mineralogia: disciplina delle Scienze

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo

COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo DICEA Dipartimento di Ingegneria Mantova Civile, 17 aprile Edile 2015 e Architettura COSTRUZIONE DEL CORPO STRADALE materiali, modalità esecutive, prove di controllo Prof. Ing.Maurizio Bocci Università

Dettagli

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato

acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato EDUCAZIONE TECNICA TECNOLOGIA DEI MATERIALI c acqua + legante + aggregati + additivi = conglomerato paste miscele di leganti e acqua malte miscele di legante, acqua e granuli fini (sabbia) calcestruzzi

Dettagli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli

I materiali di rivestimento. di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli I materiali di rivestimento di Maximillian Vegetti, Federico Maffioli e Davide Biganzoli Porosità della ceramica -Le ceramiche hanno la caratteristica di essere porose, un fattore che non le ha rese utilizzabili

Dettagli

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI

LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI LE PROPRIETA DEI MATERIALI METALLICI Si suddividono in : proprietà chimico-strutturali strutturali; proprietà fisiche; proprietà meccaniche; proprietà tecnologiche. Le proprietà chimico-strutturali riguardano

Dettagli

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre

MATERIALI LAPIDEI. 2. Estrazione e lavorazione dei materiali lapidei - Lavorazioni in cava - Lavorazioni in officina - Principali tipi di pietre MATERIALI LAPIDEI 1. Caratteristiche e proprietà delle pietre - Classificazione e terminologia - Proprietà principali delle pietre e loro influenza sul tipo di impiego 2. Estrazione e lavorazione dei materiali

Dettagli

Tesi di MASTER in Trattamenti di Superficie per l Industria

Tesi di MASTER in Trattamenti di Superficie per l Industria UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Scienze MM.FF.NN Facoltà di Ingegneria ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Laboratori Nazionali di Legnaro In collaborazione con la Federazione Regionale degli

Dettagli

Materiali per le mole abrasive

Materiali per le mole abrasive Materiali per le mole abrasive Le mole abrasive possono essere costruite con diversi materiali in funzione degli impieghi a cui sono destinate. I più comuni materiali sono: L ossido di alluminio Il carburo

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE

LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE LIFE10 ENV/IT/427 1 LEAD - COLOURED LEAD - FREE Sostituzione di materiali tossici in piombo con nuovi materiali alternativi non tossici come agenti brillanti di sostegno in vernice policromatica INTRODUZIONE

Dettagli

MACINAZIONE ECOLOGICA: RIDUZIONE DEI CONSUMI SPECIFICI E DELLE EMISSIONI DI CO 2 MEDIANTE L USO DI ADDITIVI SPECIALI PER LA PRODUZIONE DI CEMENTO

MACINAZIONE ECOLOGICA: RIDUZIONE DEI CONSUMI SPECIFICI E DELLE EMISSIONI DI CO 2 MEDIANTE L USO DI ADDITIVI SPECIALI PER LA PRODUZIONE DI CEMENTO MACINAZIONE ECOLOGICA: RIDUZIONE DEI CONSUMI SPECIFICI E DELLE EMISSIONI DI CO 2 MEDIANTE L USO DI ADDITIVI SPECIALI PER LA PRODUZIONE DI CEMENTO A cura del gruppo Ricerca & Sviluppo Divisione Additivi

Dettagli

I Materiali Polimerici

I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici Un polimero è costituito da molte unità molecolari ricorrenti, unite tra di loro per addizione sequenziale di molecole di monomero. Molte molecole del monomero

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit

CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit CARMEN Aspetti di una nuova metallo-ceramica Dr. Ing. J.Lindigkeit Via degli Speziali, 142/144 CENTERGROSS - 40050 FUNO (Bologna) Tel. : 051/86.25.80 - Fax : 051/86.32.91 www.dentaurum.it - info@dentaurum.it

Dettagli

Cap. 2 - Strutture cristalline.

Cap. 2 - Strutture cristalline. Cap. 2 - Strutture cristalline. Lo studio delle proprietà fisiche dei solidi è iniziato nei primi anni del '900 grazie alla scoperta della diffrazione X da parte dei cristalli. Lo studio delle proprietà

Dettagli

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro

ΔT<0 materie prime decomposizione e fusione vetro Fusione del vetro Produzione di vetro: per via chimica (Physical Vapour Deposition - PVD, Chemical Vapour Deposition - CVD) da soluzione (sol-gel) da polvere (sinterizzazione) da fuso ΔT>0 ΔT

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura.

La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. La resistenza di un materiale dal comportamento fragile va analizzata attraverso gli strumenti della meccanica della frattura. Il sistema di riferimento è quello di un componente soggetto a carichi esterni

Dettagli

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO

SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO SCHEDA TECNICA GRES FINE PORCELLANATO Serie CAMELOT 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIaGL DIMENSIONI

Dettagli

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3

COMPOUND SERIE G. P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E. rel. 3 COMPOUND SERIE G P r o d o t t i S e m i l a v o r a t i i n P T F E 1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO 1.1 GUIDA ALLA SCELTA DEL COMPOUND G PIÙ IDONEO GUARNIFLON, oltre al PTFE vergine, dispone

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI

CLASSIFICAZIONE DEI MATERIALI I MATERIALI La tecnologia è quella scienza che studia: i materiali la loro composizione le loro caratteristiche le lavorazioni necessarie e le trasformazioni che possono subire e il loro impiego. I materiali

Dettagli

GRES FINE PORCELLANATO. 1. Caratteristiche tecniche

GRES FINE PORCELLANATO. 1. Caratteristiche tecniche GRES FINE PORCELLANATO Serie PANTHEON 1. Caratteristiche tecniche Norma UNI EN 14411 - Appendice G Piastrelle ceramiche pressate a secco con basso assorbimento d acqua GRUPPO BIa 1 DIMENSIONI E QUALITA

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 VETRO, CERAMICA E MATERIALI DA COSTRUZIONE Processo Produzione di prodotti in ceramica, refrattari

Dettagli

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento.

- UNI 6128.72 - Prelievo in cantiere di calcestruzzo fresco e controllo del dosaggio di cemento. CONGLOMERATI CEMENTIZI CONGLOMERATI CEMENTIZI INDURITI Prova di resistenza a compressione semplice - UNI EN 12390/3.03 - Prova di compressione su blocco forato di calcestruzzo - UNI 8942/3.86 - Prova di

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE

GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE GESTIONE E PRATICA DEI CANTIERI: SCHEMI DI LAVORAZIONE, ATTREZZATURE, LOGISTICA, COSTI E PRODUZIONE FASI DI LAVORAZIONE La tecnica di stabilizzazione delle terre si realizza attraverso 5 fasi, ognuna delle

Dettagli

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio

Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Composizione degli acciai Conoscere bene per comprare meglio Manuele Dabalà Dip. Ingegneria Industriale Università di Padova Introduzione Cos è l acciaio? Norma UNI EN 10020/01 Materiale il cui tenore

Dettagli

Scienza e Tecnologia dei Materiali

Scienza e Tecnologia dei Materiali Scienza e Tecnologia dei Materiali Ingegneria Civile Docente: Prof. Laura Montanaro laura.montanaro@polito.it Prof. L. Montanaro STM Ing. Civile 1 Generalità Orario lezioni: Lunedì 11.30-13.00 Martedì

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli