Via Battistotti Sassi, 11b Milano - Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Battistotti Sassi, 11b 20133 Milano - Italia"

Transcript

1 Ente Nazionale Italiano di Unificazione Ente riconosciuto con DPR n del Membro Italiano ISO e CEN P.IVA Via Battistotti Sassi, 11b Milano - Italia Telefono (02) Telefax Sett. Vendite (02) Telefax Sett. Tecnico (02) Internet: CCP CF LICENZA D USO UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (d ora in avanti denominati solo prodotto ) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente, in conseguenza del pagamento degli importi dovuti. Il cliente ha accettato di essere vincolato ai termini fissati in questa licenza circa l'installazione e la realizzazione di copie o qualsiasi altro utilizzo del prodotto. La licenza d'uso non riconosce al cliente la proprietà del prodotto, ma esclusivamente un diritto d'uso secondo i termini fissati in questa licenza. UNI può modificare in qualsiasi momento le condizioni di licenza d'uso. COPYRIGHT Il cliente ha riconosciuto che: il prodotto è di proprietà di UNI in quanto titolare del copyright -così come indicato all'interno del prodotto- e che tali diritti sono tutelati dalle leggi nazionali e dai trattati internazionali sulla tutela del copyright tutti i diritti, titoli e interessi nel e sul prodotto sono e saranno di UNI, compresi i diritti di proprietà intellettuale. UTILIZZO DEL PRODOTTO Il cliente può installare ed utilizzare esclusivamente per fini interni del proprio personale dipendente una sola copia di questo prodotto, su postazione singola. Le condizioni per l'installazione che permetta la condivisione del prodotto da parte di più postazioni devono essere concordate con UNI. Al cliente è consentita la realizzazione di UNA SOLA COPIA del file del prodotto, ai fini di backup. Il testo del prodotto non può essere modificato, tradotto, adattato e ridotto. L'unica versione del testo che fa fede è quella conservata negli archivi UNI. È autorizzata la riproduzione -NON INTEGRALE- del prodotto solo su documenti ad esclusivo uso interno del cliente. È vietato dare il prodotto in licenza o in affitto, rivenderlo, distribuirlo o cederlo a qualunque titolo in alcuna sua parte, né in originale né in copia. AGGIORNAMENTO DEL PRODOTTO Questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI è la versione in vigore al momento della vendita. Il prodotto è revisionato, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti. UNI non si impegna ad avvisare il cliente della pubblicazione di varianti, errata corrige o nuove edizioni che modificano, aggiornano o superano completamente il prodotto; è importante quindi che il cliente si accerti di essere in possesso dell'ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti. RESPONSABILITA UNI Né UNI né un suo dirigente, dipendente o distributore può essere considerato responsabile per ogni eventuale danno che possa derivare, nascere o essere in qualche modo correlato con il possesso o l'uso del prodotto da parte del cliente. Tali responsabilità sono a carico del cliente. TUTELA LEGALE Il cliente assicura a UNI la fornitura di tutte le informazioni necessarie affinché sia garantito il pieno rispetto dei termini di questo accordo da parte di terzi. Nel caso in cui l'azione di terzi possa mettere in discussione il rispetto dei termini di questo accordo, il cliente si impegna a collaborare con UNI al fine di garantirne l'osservanza. UNI si riserva di intraprendere qualsiasi azione legale nei confronti del cliente a salvaguardia dei propri diritti in qualsiasi giurisdizione presso la quale vi sia stata una violazione del presente accordo. L'accordo è regolato dalla normativa vigente in Italia e il tribunale competente per qualsiasi controversia è quello di Milano.

2 This document was created with FrameMaker icenza d'uso acquistata da: GIUSEPPE PARIOTTI/C.R.C., CENTRO RICERCHE CHIMICHE SRL Ordine UNIstore N /Documento scaricato il: NORMA ITALIANA Misure alle emissioni Determinazione della silice libera cristallina nei flussi gassosi convogliati Metodo per diffrazione a raggi x Emissions measurement Determination of silica in conveyed gas flows X-ray diffraction method UNI GENNAIO 1997 DESCRITTORI Emissione, determinazione, silice, raggio x CLASSIFICAZIONE ICS SOMMARIO La norma descrive un metodo per il prelievo su membrane filtranti e analisi gravimetrica mediante diffrattometria a raggi x di materiale particellare contentente silice. Il metodo è applicabile a contenuti di silice di circa 0,02 microgrammi al millimetro quadro di superficie impolverata. RELAZIONI NAZIONALI RELAZIONI INTERNAZIONALI ORGANO COMPETENTE Commissione "Ambiente" RATIFICA Presidente dell UNI, delibera del 20 dicembre 1996 RICONFERMA UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi, 11B Milano, Italia UNI - Milano 1997 Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto dell UNI. Gr. 4 Nº di riferimento Pagina I di IV

3 PREMESSA La presente norma è stata elaborata dalla Commissione "Ambiente" dell UNI, nell ambito del Gruppo di lavoro "Qualità dell aria", ed è stata approvata per la sua presentazione alla Commissione Centrale Tecnica dell UNI il 30 novembre È stata quindi esaminata ed approvata dalla Commissione Centrale Tecnica, per la pubblicazione come norma raccomandata, il 9 novembre Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti. È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dell ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti. Pagina II di IV

4 This document was created with FrameMaker icenza d'uso acquistata da: GIUSEPPE PARIOTTI/C.R.C., CENTRO RICERCHE CHIMICHE SRL Ordine UNIstore N /Documento scaricato il: INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 1 3 PRINCIPIO 1 prospetto 1 Limite inferiore di rilevabilità (LIR) delle varie forme di polimorfe della SLC INTERFERENZE 1 5 MATERIALI 2 6 APPARECCHIATURA 2 7 CAMPIONAMENTO 2 8 PROCEDIMENTO Preparazione del campione Preparazione delle membrane di riferimento... 2 figura 1 Apparecchiatura per l'impolveramento delle membrane per la preparazione della curva di taratura Determinazione... 4 prospetto 2 Esempi di condizioni strumentali operative... 5 prospetto 3 Esempi di parametri di misura... 5 figura 2 Determinazione area picchi mediante procedura di triangolazione Calcoli Curva di taratura... 6 prospetto 4 Area picco principale ESPRESSIONE DEI RISULTATI 6 10 OSSERVAZIONI 6 prospetto 5 Elenco di alcuni minerali e posizioni 2 θ dei principali picchi che possono interferire con l'analisi diffrattometrica della SLC impiegando Cu-K alfa RESOCONTO DI PROVA 8 APPENDICE A BIBLIOGRAFIA 9 (informativa) Pagina III di IV

5 Pagina IV di IV

6 This document was created with FrameMaker icenza d'uso acquistata da: GIUSEPPE PARIOTTI/C.R.C., CENTRO RICERCHE CHIMICHE SRL Ordine UNIstore N /Documento scaricato il: SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente norma descrive un metodo per la determinazione, mediante prelievo su membrane filtranti e l'analisi gravimetrica per diffrattometria a raggi-x (DRX), di materiale particellare contenente silice libera cristallina (SLC) nelle sue forme polimorfe: quarzo, cristobalite, tridimite, nei flussi convogliati di aeriformi. Il metodo è applicabile a quantità di SLC dell'ordine di pochi microgrammi assoluti, ovvero circa 0,02 µg/mm 2 di superficie impolverata. L'intervallo ottimale di misurazione è compreso tra 0,02 e 10 µg/mm 2, considerando, per esempio, membrane con diametro 25 mm (macchia di impolveramento diametro circa 20 mm) tale intervallo può essere espresso in valore assoluto compreso tra 6 e µg circa. Il limite inferiore dipende principalmente dal tipo di matrice che accompagna la SLC, ma trattandosi di micro quantità depositate in "strato sottile" le interferenze sono molto limitate se non nulle. In ogni caso, è sempre possibile determinare le tre forme della silice 1.c. in concentrazioni intorno all'1% in massa, quando il campione da analizzare sia costituito da un deposito di polvere di circa 0,6 mg su un'area del filtro di lavoro di circa 300 mm 2 (vedere prospetto 1). 2 RIFERIMENTI NORMATIVI UNI Misure alle emissioni - Determinazione della concentrazione delle polveri nei flussi gassosi convogliati - Metodo gravimetrico con sonda semplice 3 PRINCIPIO Campionamento su filtro a membrana a micropori ed analisi diffrattometrica a raggi-x della SLC. prospetto 1 Limite inferiore di rilevabilità (LIR) delle varie forme di polimorfe della SLC Forme polimorfe della SLC LIR (µg) quarzo 3 cristobalite 3,5 tridimite 8 Il calcolo della concentrazione non sempre può essere fatto automaticamente (integrazione del picco analitico principale) perché vi sono molte fasi cristalline (minerali) che possono interferire con qualcuno dei picchi caratteristici del quarzo, della cristobalite o della tridimite. Area di deposizione sulla membrana circa 300 mm 2. Massa totale dei campioni (SLC) 0,6 mg circa. 4 INTERFERENZE Trovandosi prevalentemente in matrici silicatiche e/o carbonatiche con pesi specifici similari, il segnale diffrattometrico dei picchi principali delle tre forme polimorfe della SLC risulta quasi sempre nitido, tranne in alcune situazioni in cui si ha la contemporanea presenza di composti cristallini con picchi caratteristici che si sovrappongono a uno o più picchi del quarzo, della cristobalite o della tridimite (vedere prospetto 5). In molte lavorazioni e, quindi, nell'atmosfera degli ambienti industriali ove è previsto l'impiego della SLC, nelle emissioni convogliate possono essere presenti contemporaneamente quarzo e cristobalite (la tridimite è più rara) in associazione con altri minerali. Di conseguenza durante l'analisi DRX si deve tener conto delle possibili interferenze reciproche tra le varie forme polimorfe della SLC e di quelle esercitate da altre fasi cristalline. Nel prospetto 5 sono riportati i gradi goniometrici di uscita dei picchi caratteristici di alcuni minerali che possono interferire con l'analisi diffrattometrica della SLC. Vengono fornite precisazioni sugli effetti interferenti ed indicazioni per l'eliminazione di alcune interferenze (vedere 9). Pagina 1 di 10

7 5 MATERIALI Nel corso dell'analisi utilizzare campioni di riferimento di grado analitico, granulometria e cristallinità note. 5.1 Per quanto riguarda il quarzo si consiglia per esempio l'utilizzo di BCR 66, BCR 67, BCR 69, BCR 70 oppure NIST-SRM 1878 o prodotti aventi le stesse caratteristiche. 5.2 Per la cristobalite si consiglia per esempio l'utilizzo di NIST-SRM 1879 o prodotti aventi le stesse caratteristiche. 5.3 Per la tridimite non vi sono prodotti di riferimento attendibili. 6 APPARECCHIATURA 6.1 Mezzo filtrante per la raccolta dei campioni: membrane 1) aventi porosità 0,8 µm e diametro compreso fra 25 e 37 mm. Nota Questo tipo di membrane possono incurvarsi se sottoposte a trattamento termico prima della pesata. 6.2 Bilancia analitica in grado di garantire una accuratezza della misura di ± 10 µg. 6.3 Diffrattometro a raggi-x 7 CAMPIONAMENTO Prelevare, secondo quanto indicato dalla UNI 10263, direttamente sulle membrane aventi, diametro 25 mm e porosità compresa fra 0,8 e 1,2 µm (di argento se la temperatura all'emissione è maggiore di 100 C). Impiegando questo tipo di membrane (macchia di impolveramento diametro 20 mm) la massa totale dovrebbe essere compresa fra 0,6 e 3,0 mg, in quanto al di sotto di questo valore diventa problematica la pesata ed al di sopra verrebbe troppo evidenziato l'effetto matrice in fase analitica DRX. In caso di elevate concentrazioni di particolato ai punti di emissione si consiglia di impiegare membrane di diametro maggiore: l'importante è che la polvere sia uniformemente distribuita su tutta la macchia di impolveramento, altrimenti non sarà possibile eseguire l'analisi diffrattometrica a raggi-x. 8 PROCEDIMENTO 8.1 Preparazione del campione Per la determinazione gravimetrica del materiale particellare totale occorre impiegare membrane tarate, ovvero pesate sia da bianche che da impolverate seguendo un procedimento che tenga conto dell'umidità relativa, delle cariche elettrostatiche e del numero di campioni da preparare. Le membrane devono essere pesate con la bilancia (7.2). 8.2 Preparazione delle membrane di riferimento Per la preparazione delle membrane di riferimento si consiglia di seguire il metodo eolico, che comporta l'impiego di una apparecchiatura di impolveramento che consente di depositare sulle membrane quantità variabili di polvere di quarzo, ma sempre entro i limiti ponderali consigliati in 1 (vedere [1]). Nota Esiste anche un metodo a umido consigliato dal NIOSH (vedere [2]). 1) Membrane aventi le caratteristiche richieste sono per esempio quelle costituite da esteri misti di cellulosa, PVC, PVC- PAN o d'argento. Pagina 2 di 10

8 A prescindere dal metodo seguito, per la preparazione delle membrane di riferimento devono essere impiegate membrane dello stesso tipo di quelle usate per i prelievi alle emissioni (per esempio cellulosiche, PVC, PVC-PAN o d'argento) 2). L apparecchiatura di impolveramento è schematicamente rappresentata nella figura 1. Nota Per il funzionamento dell apparecchiatura di impolveramento vedere anche [1]. figura 1 Apparecchiatura per l'impolveramento delle membrane per la preparazione della curva di taratura Legenda _ 1 _ 2 _ 3 _ 4 _ 5 _ 6 Pallone di vetro Capillare di vetro Tubo di gomma Portafiltri Raccordo cilindrico smerigliato Bulbo di vetro _ 7 _ 8 _ Portafiltri Portagomma Pompa a vuoto Potenziometro Flussometro Polvere di quarzo ,,,,, 2) In commercio esistono membrane d'argento di porosità 0,8 mm aventi 25 mm di diametro. Nel caso in cui questo tipo di membrane non siano reperibili, occorre ricavarle da quelle con diametro 37 mm mediante fustella, avendo cura di evitare quanto più possibile lo sfrangiamento dei bordi e lo schiacciamento della superficie delle membrane stesse. Tali membrane vengono prodotte dalla ditta PORVAIR FILTRONICS LTD, il cui rappresentante italiano attuale risulta la ditta BIO- OPTICA (Via Faustino, MILANO) Pagina 3 di 10

9 Nota Essa è costituita da un pallone di vetro 1 da ml, nel quale è stato inserito lateralmente un capillare di vetro 2 la cui estremità interna si estende fino a 2 o 3 cm dal fondo del pallone, mentre l estremità esterna è collegata, attraverso un tubo di gomma 3, ad un portafiltri 4 contenente una membrana cellulosica con porosità di 2 o 3 µm. Questa membrana è necessaria per la depurazione dell aria in ingresso nel pallone dall eventuale pulviscolo atmosferico. All ingresso del pallone è inserito un raccordo cilindrico smerigliato di vetro 5, alla sommità del quale viene collegato un bulbo di vetro 6 nel cui tappo è inserito un portafiltri 7 a faccia aperta da 25 o 37 mm di diametro, contenente la membrana per la raccolta del campione (vedere 6.1). Nel caso in cui si volesse effettuare la determinazione del quarzo nella frazione respirabile, occorrerà utilizzare portafiltri muniti di selettori specifici (per esempio cicloni di Lippmann o Dorr-Oliver o altri). Il portagomma 8 è collegato, tramite un tubo di gomma 3, ad una pompa a vuoto 9, regolata alla portata desiderata con il potenziometro 10, controllando il valore tramite il flussimetro 11. Sul fondo del pallone di vetro 1 vengono introdotti circa 200 mg di polvere di quarzo 12 di riferimento. L aria, depurata dal filtro contenuto nel portafiltri 4 entra attraverso il capillare 2 nel pallone 1 e provoca la dispersione della polvere nell apparecchiatura. La polvere viene aspirata e depositata sulla membrana montata nel portafiltri 7 collocato nel bulbo di vetro 6. Variando i tempi di campionamento e sostituendo di volta in volta le membrane di campionamento si ottiene per pesata una serie di campioni a diverso contenuto ponderale di quarzo, sulla base dei quali vengono costruite le curve di taratura. Si consiglia di controllare tramite stereomicroscopio a basso ingrandimento l omogeneità del deposito sulle varie membrane. 8.3 Determinazione Le condizioni operative variano in funzione del tipo di apparecchiatura disponibile. Utilizzare in ogni caso una velocità del goniometro sufficientemente bassa (1/2 grado/min è più che sufficiente; velocità più basse evidenzierebbero il "rumore di fondo"). La velocità di avanzamento della carta del registratore va scelta in modo da ottenere un tracciato di circa 10 cm per grado goniometrico (5 cm/min e 1/2 grado/min). Nei prospetti 2 e 3 sono riportate a titolo esemplificativo sia le condizioni operative di un diffrattometro munito di contatore proporzionale con discriminatore di energia, sia i parametri di misurazione per i picchi analitici delle forme polimorfe della SLC (relativi alla radiazione K alfa del rame). Si esegue il tracciato tra 26 e 27,50 gradi goniometrici seguito da uno tra 20 e 22,50. Questo consente di controllare sia il rapporto areale fra il picco principale e quello secondario del quarzo (circa 5:1), sia di controllare l'eventuale presenza della cristobalite della tridimite. Per il calcolo analitico si possono utilizzare le due procedure seguenti: a) integrazione dei picchi; b) calcolo dell'area dei picchi. Si consiglia di adottare il primo tipo di calcolo solo se il picco del quarzo risulta netto, cioè libero da sovrapposizioni con altre fasi mineralogiche (vedere elenco nel prospetto 5). In tutti i casi può essere adottato il secondo procedimento, previo controllo del rapporto fra le aree del picco primario (a ) e del picco secondario del quarzo (a ) che risulta 5,5:1 (circa). I casi dubbi possono essere risolti confrontando fra loro anche gli altri picchi specifici del quarzo. La determinazione dell'area dei picchi viene effettuata mediante triangolazione dei versanti del picco caratteristico (vedere figura 2). È importante controllare il reale allineamento della linea di base del tracciato, ispezionando un tratto di tracciato sufficientemente lungo nelle adiacenze del picco in esame. Se i picchi non sono netti è probabile che vi siano fasi cristalline interferenti. In tal caso si consiglia di effettuare una scansione conoscitiva del campione in esame (per esempio da 5 a 55 gradi goniometrici, con 2 gradi/min di velocità di rotazione del goniometro e 2 cm/min di velocità di avanzamento della carta del registratore, in modo che ad ogni centimetro corrisponda un grado). Pagina 4 di 10

10 Attualmente vi sono in commercio apparecchiature dotate di controlli computerizzati che permettono di predisporre l'avanzamento della carta in funzione della velocità di rotazione del goniometro. prospetto 2 Esempi di condizioni strumentali operative Tubo di produzione dei raggi-x con anticatodo di rame: per esempio: 1) W - 40 kv - 30 ma Finestra di berillio Prima fessura controllo divergenza RX: 1 Seconda fessura controllo divergenza RX: 1 Terza fessura controllo diffrazione RX: 1 Filtro Nichel controllo radiazione Cu-K beta Quarta fessura controllo dispersione RX: 1/2 Slitta per la compensazione automatica della divergenza dell intervallo da 10 a 80 gradi 2-theta Campionatore rotante automatico o manuale Velocità di scansione: 1/2 grado al minuto Velocità di registrazione: 5 cm/min Per il calcolo analitico si consiglia di regolarsi secondo quanto riportato in 9.3 1) Usando tubi RX di maggior potenza possono essere variate la tensione e l intensità. prospetto 3 Esempi di parametri di misura Fase cristallina Picco analitico Intervallo di scansione (2 θ) 1) (2 θ) 1) quarzo da a cristobalite da a tridimite da a ) Riferiti alla radiazione Cu K alfa (1,54 A). figura 2 Determinazione area picchi mediante procedura di triangolazione Altezza Base Pagina 5 di 10

11 8.4 Calcoli In relazione alla eventuale correzione dell'assorbimento di massa, si può affermare che se si rispettano le concentrazioni consigliate di particolato depositato sulle membrane, l'effetto matrice è molto ridotto o nullo. 8.5 Curva di taratura Impiegando membrane di diametro 25 mm (macchia di impolveramento diametro 20 mm) con masse di particolato comprese entro i limiti consigliati (0,3 a 2,0 mg), si ha diretta proporzionalità fra la risposta diffrattografica e la concentrazione di SLC depositata sulle membrane (retta di taratura). A titolo esemplificativo, utilizzando un apparecchio nelle condizioni strumentali indicate nel prospetto 2, sono state ottenute le aree dei picchi principali di quarzo, cristobalite e tridimite riportate nel prospetto 4. Tali aree sono rapportate alla scala analitica DRX di e si riferiscono ad 1 mg di polvere avente granulometria caratteristica della polvere totale, depositata in modo omogeneo su membrane a micropori di diametro 25 mm, superficie di impolveramento diametro 20 mm, porosità 0,8 µm. prospetto 4 Area picco principale Fase cristallina d (A) Picco principale (2 θ) Area picco (mm 2 ) quarzo 3, circa cristobalite 4, circa tridimite 4, circa ESPRESSIONE DEI RISULTATI La massa di SLC espressa in percentuale (m/m), presente nella polvere raccolta sul filtro di campionamento, è data da: P 0 : A 0 = P X : A X da cui si ricava: A P X P 0 X = A 0 Nota dove: P X A X P 0 A 0 è la massa incognita di quarzo depositata sulla membrana di campionamento (in microgrammi); è l'area del picco corrispondente alla massa incognita P X di quarzo depositata sulla membrana di campionamento (in millimetri quadrati); è la massa di quarzo depositata su una membrana di riferimento (in microgrammi); è l'area del picco corrispondente alla massa P 0 di quarzo depositata sulla membrana di riferimento (in millimetri quadrati). In presenza di un effetto matrice non trascurabile, (come nell'analisi della SLC in campioni massivi), occorre effettuare la correlazione dell'attenuazione provocata dall'assorbimento dei raggi X da parte del campione. 10 OSSERVAZIONI Per il calcolo della concentrazione di SLC occorre far riferimento all'area del picco caratteristico e non alla sola altezza, perché la forma del picco è influenzata dalla granulometria della polvere campionaria: particelle grossolane danno uno spettro diffrattometrico caratterizzato da picchi bassi e più larghi alla base, mentre particelle fini danno picchi più alti e stretti alla base. Pagina 6 di 10

12 Nel caso in cui le granulometrie del campione e delle membrane di riferimento sono paragonabili, è sufficiente fare riferimento alla sola altezza del picco caratteristico. I campioni di polvere prelevati alle emissioni convogliate, a valle dei sistemi di abbattimento delle polveri, purché costituiti da separatori a mezzo filtrante, sono costituiti verosimilmente da particelle fini, aventi dimensioni medie uguali o minori di 10 µm. In tali condizioni la polvere campionata può essere considerata granulometricamente paragonabile alla polvere costituente i materiali di riferimento usati per la calibrazione. Teoricamente le fasi cristalline che possono interferire sui picchi analitici delle varie forme polimorfe della SLC sono moltissime. Nel prospetto 5 vengono riportati gli angoli dei tre picchi più importanti per intensità delle più comuni sostanze interferenti con la SLC, oltre alle diverse fasi cristalline della SLC stessa. In pratica è sufficiente prendere in considerazione solo le sostanze che più comunemente si trovano associate al quarzo, alla cristobalite ed alla tridimite nelle principali materie prime impiegate nei cicli produttivi industriali. I principali minerali interferenti con il quarzo sono: grafite, mica muscovite, sanidino, microclino e cianite; con la cristobalite: quarzo, cristobalite e tridimite hanno in comune alcuni interferenti, ma in molti casi ciò non ha alcuna importanza perché dal punto di vista mineralogico la presenza dell'uno permette di escludere a priori l'altro. Ogni interferenza (certa o presunta) va presa in considerazione di volta in volta singolarmente. Una fase cristallina difficilmente interferisce con tutti i picchi di una delle tre forme polimorfe della SLC, ovvero, se la sovrapposizione interessa il picco primario, per i calcoli può essere preso in considerazione uno di quelli secondari. prospetto 5 Elenco di alcuni minerali e posizioni 2 θ dei principali picchi che possono interferire con l'analisi diffrattometrica della SLC impiegando Cu-K alfa Nome del minerale Formula chimica Posizione del picco Anglesite PbSO Aragonite CaCO Carnallite, syn KMgCl. 3 6H 2 O Cassiterite SnO Celestina SrSO Chabasite, zeolite (Ca, Na 2 ) [Al 2 Si 4 O 12 ]. 6H 2 O Cianite (o kyanite) 1) Al 2 [O/SiO 4 ] Cinabro HgS Crisocolla. CuSiO 3 2H 2 O Cristobalite SiO Erionite, zeolite (Ca, Na, K) 2 [Al 3 Si 9 O 2 ] 4. 9H 2 O Gesso 1). CaSO 4 2H 2 O Gismondina, zeolite Ca [Al 2 Si 2 O 8 ]. 4H 2 O Grafite 1) C Greenochite CdS Idroboracite. CaMg [B 3 O 4 (OH 3 )] 2 3H 2 O Kaliofilite, foide K [AlSiO 4 ] Kerstenite, syn PbSeO Mesolite, zeolite. Na 2 Ca 2 [Al 2 Si 3 O 10 ] 3 8H 2 O Biotite 1) KMg (Fe) 3 [(OH) 2 /(Al, Fe) Si 3 O 10 ] Lepidolite 1) KLi 2 Al [(F, OH) 2 /Si 4 O 10 ] ) Fasi cristalline più comunemente associate alla SLC. segue nella pagina successiva Pagina 7 di 10

13 Nome del minerale Formula chimica Posizione del picco continua dalla pagina precedente Muscovite 1) KAl 2 [AlSi 3 O 10 ] (OH, F) Microclino 1) KAlSi 3 O Minio Pb 3 O Mullite 1) Al 6 Si 2 O Nefelina KNa 3 [AlSiO 4 ] Nefelina (K + ) KNa 3 [AlSiO 4 ] Orneblenda (silicato, formula completa) Quarzo alfa SiO Sanidino 1) KAlSi 3 O Scolecite Ca [Al 2 Si 3 O 10 ]. 3H 2 O Silicato di sodio 1) Sillimanite 1) Al (AlSiO 5 ) Tormalina (dravite, + Fe) Tridimite SiO Wollastonite 1) Ca [Si 3 O 9 ] Wurtzite (Zn, Mn, Fe)S Zircone 1) Zr (SiO) ) Fasi cristalline più comunemente associate alla SLC. 11 RESOCONTO DI PROVA Nel resoconto di prova devono essere riportate le seguenti indicazioni: - il riferimento della presente norma; - l esatta identificazione del punto di emissione controllato; - l indicazione della data e dell'ora del prelievo con eventuali annotazioni circa la condizione dell'impianto a monte del condotto controllato; - i risultati, nonché il modo in cui vengono espressi; - le eventuali particolarità rilevate nel corso delle prove; - le operazioni non citate nel presente metodo a cui si è dovuto far ricorso durante le prove. Pagina 8 di 10

14 APPENDICE A BIBLIOGRAFIA (informativa) [1] L. Pozzoli e U. Maugeri "Igiene industriale" - Ed. La Goliardica Pavese, Pavia-1986 [2] NIOSH MANUAL OF ANALYTICAL METHODS - Silica, crystalline, respirable. Method Vol. 2, NIOSH, Cincinnati, 1984 Pagina 9 di 10

15 PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI Milano (sede) Via Battistotti Sassi, 11B Milano - Tel. (02) Fax (02) Internet: - Roma Piazza Capranica, Roma - Tel. (06) Fax (06) Bari c/o Tecnopolis Csata Novus Ortus Strada Provinciale Casamassima Valenzano (BA) - Tel. (080) Fax (080) Bologna c/o CERMET Via A. Moro, San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) Fax (051) Brescia c/o AQM s.r.l. Via Lithos, Rezzato (BS) - Tel. (030) Fax (030) Catania c/o C.F.T. SICILIA Piazza Buonarroti, Catania - Tel. (095) Fax (095) Firenze c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze Via Valfonda, Firenze - Tel. (055) Fax (055) Napoli c/o Consorzio Napoli Ricerche Corso Meridionale, Napoli - Tel. (081) Fax (081) Torino c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi Via Ventimiglia, Torino - Tel. (011) Fax (011) Vicenza c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza Piazza Castello, Vicenza - Tel. (0444) Fax (0444) UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi, 11B Milano, Italia La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci, dell Industria e dei Ministeri. Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti. Pagina 10 di 10

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

AZIONE 1.1. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner del progetto PART AERA

AZIONE 1.1. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner del progetto PART AERA AZIONE 1.1 Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner del progetto PART AERA INDICE pag.1 1. PART AERA: introduzione al problema del particolato nell area ALCOTRA..pag.2 1.1 Origine e dinamiche del

Dettagli