Via Battistotti Sassi, 11b Milano - Italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Battistotti Sassi, 11b 20133 Milano - Italia"

Transcript

1 Ente Nazionale Italiano di Unificazione Ente riconosciuto con DPR n del Membro Italiano ISO e CEN P.IVA Via Battistotti Sassi, 11b Milano - Italia Telefono (02) Telefax Sett. Vendite (02) Telefax Sett. Tecnico (02) Internet: CCP CF LICENZA D USO UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (d ora in avanti denominati solo prodotto ) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente, in conseguenza del pagamento degli importi dovuti. Il cliente ha accettato di essere vincolato ai termini fissati in questa licenza circa l'installazione e la realizzazione di copie o qualsiasi altro utilizzo del prodotto. La licenza d'uso non riconosce al cliente la proprietà del prodotto, ma esclusivamente un diritto d'uso secondo i termini fissati in questa licenza. UNI può modificare in qualsiasi momento le condizioni di licenza d'uso. COPYRIGHT Il cliente ha riconosciuto che: il prodotto è di proprietà di UNI in quanto titolare del copyright -così come indicato all'interno del prodotto- e che tali diritti sono tutelati dalle leggi nazionali e dai trattati internazionali sulla tutela del copyright tutti i diritti, titoli e interessi nel e sul prodotto sono e saranno di UNI, compresi i diritti di proprietà intellettuale. UTILIZZO DEL PRODOTTO Il cliente può installare ed utilizzare esclusivamente per fini interni del proprio personale dipendente una sola copia di questo prodotto, su postazione singola. Le condizioni per l'installazione che permetta la condivisione del prodotto da parte di più postazioni devono essere concordate con UNI. Al cliente è consentita la realizzazione di UNA SOLA COPIA del file del prodotto, ai fini di backup. Il testo del prodotto non può essere modificato, tradotto, adattato e ridotto. L'unica versione del testo che fa fede è quella conservata negli archivi UNI. È autorizzata la riproduzione -NON INTEGRALE- del prodotto solo su documenti ad esclusivo uso interno del cliente. È vietato dare il prodotto in licenza o in affitto, rivenderlo, distribuirlo o cederlo a qualunque titolo in alcuna sua parte, né in originale né in copia. AGGIORNAMENTO DEL PRODOTTO Questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI è la versione in vigore al momento della vendita. Il prodotto è revisionato, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti. UNI non si impegna ad avvisare il cliente della pubblicazione di varianti, errata corrige o nuove edizioni che modificano, aggiornano o superano completamente il prodotto; è importante quindi che il cliente si accerti di essere in possesso dell'ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti. RESPONSABILITA UNI Né UNI né un suo dirigente, dipendente o distributore può essere considerato responsabile per ogni eventuale danno che possa derivare, nascere o essere in qualche modo correlato con il possesso o l'uso del prodotto da parte del cliente. Tali responsabilità sono a carico del cliente. TUTELA LEGALE Il cliente assicura a UNI la fornitura di tutte le informazioni necessarie affinché sia garantito il pieno rispetto dei termini di questo accordo da parte di terzi. Nel caso in cui l'azione di terzi possa mettere in discussione il rispetto dei termini di questo accordo, il cliente si impegna a collaborare con UNI al fine di garantirne l'osservanza. UNI si riserva di intraprendere qualsiasi azione legale nei confronti del cliente a salvaguardia dei propri diritti in qualsiasi giurisdizione presso la quale vi sia stata una violazione del presente accordo. L'accordo è regolato dalla normativa vigente in Italia e il tribunale competente per qualsiasi controversia è quello di Milano.

2 This document was created with FrameMaker icenza d'uso acquistata da: GIUSEPPE PARIOTTI/C.R.C., CENTRO RICERCHE CHIMICHE SRL Ordine UNIstore N /Documento scaricato il: NORMA ITALIANA Misure alle emissioni Determinazione della silice libera cristallina nei flussi gassosi convogliati Metodo per diffrazione a raggi x Emissions measurement Determination of silica in conveyed gas flows X-ray diffraction method UNI GENNAIO 1997 DESCRITTORI Emissione, determinazione, silice, raggio x CLASSIFICAZIONE ICS SOMMARIO La norma descrive un metodo per il prelievo su membrane filtranti e analisi gravimetrica mediante diffrattometria a raggi x di materiale particellare contentente silice. Il metodo è applicabile a contenuti di silice di circa 0,02 microgrammi al millimetro quadro di superficie impolverata. RELAZIONI NAZIONALI RELAZIONI INTERNAZIONALI ORGANO COMPETENTE Commissione "Ambiente" RATIFICA Presidente dell UNI, delibera del 20 dicembre 1996 RICONFERMA UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi, 11B Milano, Italia UNI - Milano 1997 Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento può essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microfilm o altro, senza il consenso scritto dell UNI. Gr. 4 Nº di riferimento Pagina I di IV

3 PREMESSA La presente norma è stata elaborata dalla Commissione "Ambiente" dell UNI, nell ambito del Gruppo di lavoro "Qualità dell aria", ed è stata approvata per la sua presentazione alla Commissione Centrale Tecnica dell UNI il 30 novembre È stata quindi esaminata ed approvata dalla Commissione Centrale Tecnica, per la pubblicazione come norma raccomandata, il 9 novembre Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti. È importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso dell ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti. Pagina II di IV

4 This document was created with FrameMaker icenza d'uso acquistata da: GIUSEPPE PARIOTTI/C.R.C., CENTRO RICERCHE CHIMICHE SRL Ordine UNIstore N /Documento scaricato il: INDICE 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 1 2 RIFERIMENTI NORMATIVI 1 3 PRINCIPIO 1 prospetto 1 Limite inferiore di rilevabilità (LIR) delle varie forme di polimorfe della SLC INTERFERENZE 1 5 MATERIALI 2 6 APPARECCHIATURA 2 7 CAMPIONAMENTO 2 8 PROCEDIMENTO Preparazione del campione Preparazione delle membrane di riferimento... 2 figura 1 Apparecchiatura per l'impolveramento delle membrane per la preparazione della curva di taratura Determinazione... 4 prospetto 2 Esempi di condizioni strumentali operative... 5 prospetto 3 Esempi di parametri di misura... 5 figura 2 Determinazione area picchi mediante procedura di triangolazione Calcoli Curva di taratura... 6 prospetto 4 Area picco principale ESPRESSIONE DEI RISULTATI 6 10 OSSERVAZIONI 6 prospetto 5 Elenco di alcuni minerali e posizioni 2 θ dei principali picchi che possono interferire con l'analisi diffrattometrica della SLC impiegando Cu-K alfa RESOCONTO DI PROVA 8 APPENDICE A BIBLIOGRAFIA 9 (informativa) Pagina III di IV

5 Pagina IV di IV

6 This document was created with FrameMaker icenza d'uso acquistata da: GIUSEPPE PARIOTTI/C.R.C., CENTRO RICERCHE CHIMICHE SRL Ordine UNIstore N /Documento scaricato il: SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La presente norma descrive un metodo per la determinazione, mediante prelievo su membrane filtranti e l'analisi gravimetrica per diffrattometria a raggi-x (DRX), di materiale particellare contenente silice libera cristallina (SLC) nelle sue forme polimorfe: quarzo, cristobalite, tridimite, nei flussi convogliati di aeriformi. Il metodo è applicabile a quantità di SLC dell'ordine di pochi microgrammi assoluti, ovvero circa 0,02 µg/mm 2 di superficie impolverata. L'intervallo ottimale di misurazione è compreso tra 0,02 e 10 µg/mm 2, considerando, per esempio, membrane con diametro 25 mm (macchia di impolveramento diametro circa 20 mm) tale intervallo può essere espresso in valore assoluto compreso tra 6 e µg circa. Il limite inferiore dipende principalmente dal tipo di matrice che accompagna la SLC, ma trattandosi di micro quantità depositate in "strato sottile" le interferenze sono molto limitate se non nulle. In ogni caso, è sempre possibile determinare le tre forme della silice 1.c. in concentrazioni intorno all'1% in massa, quando il campione da analizzare sia costituito da un deposito di polvere di circa 0,6 mg su un'area del filtro di lavoro di circa 300 mm 2 (vedere prospetto 1). 2 RIFERIMENTI NORMATIVI UNI Misure alle emissioni - Determinazione della concentrazione delle polveri nei flussi gassosi convogliati - Metodo gravimetrico con sonda semplice 3 PRINCIPIO Campionamento su filtro a membrana a micropori ed analisi diffrattometrica a raggi-x della SLC. prospetto 1 Limite inferiore di rilevabilità (LIR) delle varie forme di polimorfe della SLC Forme polimorfe della SLC LIR (µg) quarzo 3 cristobalite 3,5 tridimite 8 Il calcolo della concentrazione non sempre può essere fatto automaticamente (integrazione del picco analitico principale) perché vi sono molte fasi cristalline (minerali) che possono interferire con qualcuno dei picchi caratteristici del quarzo, della cristobalite o della tridimite. Area di deposizione sulla membrana circa 300 mm 2. Massa totale dei campioni (SLC) 0,6 mg circa. 4 INTERFERENZE Trovandosi prevalentemente in matrici silicatiche e/o carbonatiche con pesi specifici similari, il segnale diffrattometrico dei picchi principali delle tre forme polimorfe della SLC risulta quasi sempre nitido, tranne in alcune situazioni in cui si ha la contemporanea presenza di composti cristallini con picchi caratteristici che si sovrappongono a uno o più picchi del quarzo, della cristobalite o della tridimite (vedere prospetto 5). In molte lavorazioni e, quindi, nell'atmosfera degli ambienti industriali ove è previsto l'impiego della SLC, nelle emissioni convogliate possono essere presenti contemporaneamente quarzo e cristobalite (la tridimite è più rara) in associazione con altri minerali. Di conseguenza durante l'analisi DRX si deve tener conto delle possibili interferenze reciproche tra le varie forme polimorfe della SLC e di quelle esercitate da altre fasi cristalline. Nel prospetto 5 sono riportati i gradi goniometrici di uscita dei picchi caratteristici di alcuni minerali che possono interferire con l'analisi diffrattometrica della SLC. Vengono fornite precisazioni sugli effetti interferenti ed indicazioni per l'eliminazione di alcune interferenze (vedere 9). Pagina 1 di 10

7 5 MATERIALI Nel corso dell'analisi utilizzare campioni di riferimento di grado analitico, granulometria e cristallinità note. 5.1 Per quanto riguarda il quarzo si consiglia per esempio l'utilizzo di BCR 66, BCR 67, BCR 69, BCR 70 oppure NIST-SRM 1878 o prodotti aventi le stesse caratteristiche. 5.2 Per la cristobalite si consiglia per esempio l'utilizzo di NIST-SRM 1879 o prodotti aventi le stesse caratteristiche. 5.3 Per la tridimite non vi sono prodotti di riferimento attendibili. 6 APPARECCHIATURA 6.1 Mezzo filtrante per la raccolta dei campioni: membrane 1) aventi porosità 0,8 µm e diametro compreso fra 25 e 37 mm. Nota Questo tipo di membrane possono incurvarsi se sottoposte a trattamento termico prima della pesata. 6.2 Bilancia analitica in grado di garantire una accuratezza della misura di ± 10 µg. 6.3 Diffrattometro a raggi-x 7 CAMPIONAMENTO Prelevare, secondo quanto indicato dalla UNI 10263, direttamente sulle membrane aventi, diametro 25 mm e porosità compresa fra 0,8 e 1,2 µm (di argento se la temperatura all'emissione è maggiore di 100 C). Impiegando questo tipo di membrane (macchia di impolveramento diametro 20 mm) la massa totale dovrebbe essere compresa fra 0,6 e 3,0 mg, in quanto al di sotto di questo valore diventa problematica la pesata ed al di sopra verrebbe troppo evidenziato l'effetto matrice in fase analitica DRX. In caso di elevate concentrazioni di particolato ai punti di emissione si consiglia di impiegare membrane di diametro maggiore: l'importante è che la polvere sia uniformemente distribuita su tutta la macchia di impolveramento, altrimenti non sarà possibile eseguire l'analisi diffrattometrica a raggi-x. 8 PROCEDIMENTO 8.1 Preparazione del campione Per la determinazione gravimetrica del materiale particellare totale occorre impiegare membrane tarate, ovvero pesate sia da bianche che da impolverate seguendo un procedimento che tenga conto dell'umidità relativa, delle cariche elettrostatiche e del numero di campioni da preparare. Le membrane devono essere pesate con la bilancia (7.2). 8.2 Preparazione delle membrane di riferimento Per la preparazione delle membrane di riferimento si consiglia di seguire il metodo eolico, che comporta l'impiego di una apparecchiatura di impolveramento che consente di depositare sulle membrane quantità variabili di polvere di quarzo, ma sempre entro i limiti ponderali consigliati in 1 (vedere [1]). Nota Esiste anche un metodo a umido consigliato dal NIOSH (vedere [2]). 1) Membrane aventi le caratteristiche richieste sono per esempio quelle costituite da esteri misti di cellulosa, PVC, PVC- PAN o d'argento. Pagina 2 di 10

8 A prescindere dal metodo seguito, per la preparazione delle membrane di riferimento devono essere impiegate membrane dello stesso tipo di quelle usate per i prelievi alle emissioni (per esempio cellulosiche, PVC, PVC-PAN o d'argento) 2). L apparecchiatura di impolveramento è schematicamente rappresentata nella figura 1. Nota Per il funzionamento dell apparecchiatura di impolveramento vedere anche [1]. figura 1 Apparecchiatura per l'impolveramento delle membrane per la preparazione della curva di taratura Legenda _ 1 _ 2 _ 3 _ 4 _ 5 _ 6 Pallone di vetro Capillare di vetro Tubo di gomma Portafiltri Raccordo cilindrico smerigliato Bulbo di vetro _ 7 _ 8 _ Portafiltri Portagomma Pompa a vuoto Potenziometro Flussometro Polvere di quarzo ,,,,, 2) In commercio esistono membrane d'argento di porosità 0,8 mm aventi 25 mm di diametro. Nel caso in cui questo tipo di membrane non siano reperibili, occorre ricavarle da quelle con diametro 37 mm mediante fustella, avendo cura di evitare quanto più possibile lo sfrangiamento dei bordi e lo schiacciamento della superficie delle membrane stesse. Tali membrane vengono prodotte dalla ditta PORVAIR FILTRONICS LTD, il cui rappresentante italiano attuale risulta la ditta BIO- OPTICA (Via Faustino, MILANO) Pagina 3 di 10

9 Nota Essa è costituita da un pallone di vetro 1 da ml, nel quale è stato inserito lateralmente un capillare di vetro 2 la cui estremità interna si estende fino a 2 o 3 cm dal fondo del pallone, mentre l estremità esterna è collegata, attraverso un tubo di gomma 3, ad un portafiltri 4 contenente una membrana cellulosica con porosità di 2 o 3 µm. Questa membrana è necessaria per la depurazione dell aria in ingresso nel pallone dall eventuale pulviscolo atmosferico. All ingresso del pallone è inserito un raccordo cilindrico smerigliato di vetro 5, alla sommità del quale viene collegato un bulbo di vetro 6 nel cui tappo è inserito un portafiltri 7 a faccia aperta da 25 o 37 mm di diametro, contenente la membrana per la raccolta del campione (vedere 6.1). Nel caso in cui si volesse effettuare la determinazione del quarzo nella frazione respirabile, occorrerà utilizzare portafiltri muniti di selettori specifici (per esempio cicloni di Lippmann o Dorr-Oliver o altri). Il portagomma 8 è collegato, tramite un tubo di gomma 3, ad una pompa a vuoto 9, regolata alla portata desiderata con il potenziometro 10, controllando il valore tramite il flussimetro 11. Sul fondo del pallone di vetro 1 vengono introdotti circa 200 mg di polvere di quarzo 12 di riferimento. L aria, depurata dal filtro contenuto nel portafiltri 4 entra attraverso il capillare 2 nel pallone 1 e provoca la dispersione della polvere nell apparecchiatura. La polvere viene aspirata e depositata sulla membrana montata nel portafiltri 7 collocato nel bulbo di vetro 6. Variando i tempi di campionamento e sostituendo di volta in volta le membrane di campionamento si ottiene per pesata una serie di campioni a diverso contenuto ponderale di quarzo, sulla base dei quali vengono costruite le curve di taratura. Si consiglia di controllare tramite stereomicroscopio a basso ingrandimento l omogeneità del deposito sulle varie membrane. 8.3 Determinazione Le condizioni operative variano in funzione del tipo di apparecchiatura disponibile. Utilizzare in ogni caso una velocità del goniometro sufficientemente bassa (1/2 grado/min è più che sufficiente; velocità più basse evidenzierebbero il "rumore di fondo"). La velocità di avanzamento della carta del registratore va scelta in modo da ottenere un tracciato di circa 10 cm per grado goniometrico (5 cm/min e 1/2 grado/min). Nei prospetti 2 e 3 sono riportate a titolo esemplificativo sia le condizioni operative di un diffrattometro munito di contatore proporzionale con discriminatore di energia, sia i parametri di misurazione per i picchi analitici delle forme polimorfe della SLC (relativi alla radiazione K alfa del rame). Si esegue il tracciato tra 26 e 27,50 gradi goniometrici seguito da uno tra 20 e 22,50. Questo consente di controllare sia il rapporto areale fra il picco principale e quello secondario del quarzo (circa 5:1), sia di controllare l'eventuale presenza della cristobalite della tridimite. Per il calcolo analitico si possono utilizzare le due procedure seguenti: a) integrazione dei picchi; b) calcolo dell'area dei picchi. Si consiglia di adottare il primo tipo di calcolo solo se il picco del quarzo risulta netto, cioè libero da sovrapposizioni con altre fasi mineralogiche (vedere elenco nel prospetto 5). In tutti i casi può essere adottato il secondo procedimento, previo controllo del rapporto fra le aree del picco primario (a ) e del picco secondario del quarzo (a ) che risulta 5,5:1 (circa). I casi dubbi possono essere risolti confrontando fra loro anche gli altri picchi specifici del quarzo. La determinazione dell'area dei picchi viene effettuata mediante triangolazione dei versanti del picco caratteristico (vedere figura 2). È importante controllare il reale allineamento della linea di base del tracciato, ispezionando un tratto di tracciato sufficientemente lungo nelle adiacenze del picco in esame. Se i picchi non sono netti è probabile che vi siano fasi cristalline interferenti. In tal caso si consiglia di effettuare una scansione conoscitiva del campione in esame (per esempio da 5 a 55 gradi goniometrici, con 2 gradi/min di velocità di rotazione del goniometro e 2 cm/min di velocità di avanzamento della carta del registratore, in modo che ad ogni centimetro corrisponda un grado). Pagina 4 di 10

10 Attualmente vi sono in commercio apparecchiature dotate di controlli computerizzati che permettono di predisporre l'avanzamento della carta in funzione della velocità di rotazione del goniometro. prospetto 2 Esempi di condizioni strumentali operative Tubo di produzione dei raggi-x con anticatodo di rame: per esempio: 1) W - 40 kv - 30 ma Finestra di berillio Prima fessura controllo divergenza RX: 1 Seconda fessura controllo divergenza RX: 1 Terza fessura controllo diffrazione RX: 1 Filtro Nichel controllo radiazione Cu-K beta Quarta fessura controllo dispersione RX: 1/2 Slitta per la compensazione automatica della divergenza dell intervallo da 10 a 80 gradi 2-theta Campionatore rotante automatico o manuale Velocità di scansione: 1/2 grado al minuto Velocità di registrazione: 5 cm/min Per il calcolo analitico si consiglia di regolarsi secondo quanto riportato in 9.3 1) Usando tubi RX di maggior potenza possono essere variate la tensione e l intensità. prospetto 3 Esempi di parametri di misura Fase cristallina Picco analitico Intervallo di scansione (2 θ) 1) (2 θ) 1) quarzo da a cristobalite da a tridimite da a ) Riferiti alla radiazione Cu K alfa (1,54 A). figura 2 Determinazione area picchi mediante procedura di triangolazione Altezza Base Pagina 5 di 10

11 8.4 Calcoli In relazione alla eventuale correzione dell'assorbimento di massa, si può affermare che se si rispettano le concentrazioni consigliate di particolato depositato sulle membrane, l'effetto matrice è molto ridotto o nullo. 8.5 Curva di taratura Impiegando membrane di diametro 25 mm (macchia di impolveramento diametro 20 mm) con masse di particolato comprese entro i limiti consigliati (0,3 a 2,0 mg), si ha diretta proporzionalità fra la risposta diffrattografica e la concentrazione di SLC depositata sulle membrane (retta di taratura). A titolo esemplificativo, utilizzando un apparecchio nelle condizioni strumentali indicate nel prospetto 2, sono state ottenute le aree dei picchi principali di quarzo, cristobalite e tridimite riportate nel prospetto 4. Tali aree sono rapportate alla scala analitica DRX di e si riferiscono ad 1 mg di polvere avente granulometria caratteristica della polvere totale, depositata in modo omogeneo su membrane a micropori di diametro 25 mm, superficie di impolveramento diametro 20 mm, porosità 0,8 µm. prospetto 4 Area picco principale Fase cristallina d (A) Picco principale (2 θ) Area picco (mm 2 ) quarzo 3, circa cristobalite 4, circa tridimite 4, circa ESPRESSIONE DEI RISULTATI La massa di SLC espressa in percentuale (m/m), presente nella polvere raccolta sul filtro di campionamento, è data da: P 0 : A 0 = P X : A X da cui si ricava: A P X P 0 X = A 0 Nota dove: P X A X P 0 A 0 è la massa incognita di quarzo depositata sulla membrana di campionamento (in microgrammi); è l'area del picco corrispondente alla massa incognita P X di quarzo depositata sulla membrana di campionamento (in millimetri quadrati); è la massa di quarzo depositata su una membrana di riferimento (in microgrammi); è l'area del picco corrispondente alla massa P 0 di quarzo depositata sulla membrana di riferimento (in millimetri quadrati). In presenza di un effetto matrice non trascurabile, (come nell'analisi della SLC in campioni massivi), occorre effettuare la correlazione dell'attenuazione provocata dall'assorbimento dei raggi X da parte del campione. 10 OSSERVAZIONI Per il calcolo della concentrazione di SLC occorre far riferimento all'area del picco caratteristico e non alla sola altezza, perché la forma del picco è influenzata dalla granulometria della polvere campionaria: particelle grossolane danno uno spettro diffrattometrico caratterizzato da picchi bassi e più larghi alla base, mentre particelle fini danno picchi più alti e stretti alla base. Pagina 6 di 10

12 Nel caso in cui le granulometrie del campione e delle membrane di riferimento sono paragonabili, è sufficiente fare riferimento alla sola altezza del picco caratteristico. I campioni di polvere prelevati alle emissioni convogliate, a valle dei sistemi di abbattimento delle polveri, purché costituiti da separatori a mezzo filtrante, sono costituiti verosimilmente da particelle fini, aventi dimensioni medie uguali o minori di 10 µm. In tali condizioni la polvere campionata può essere considerata granulometricamente paragonabile alla polvere costituente i materiali di riferimento usati per la calibrazione. Teoricamente le fasi cristalline che possono interferire sui picchi analitici delle varie forme polimorfe della SLC sono moltissime. Nel prospetto 5 vengono riportati gli angoli dei tre picchi più importanti per intensità delle più comuni sostanze interferenti con la SLC, oltre alle diverse fasi cristalline della SLC stessa. In pratica è sufficiente prendere in considerazione solo le sostanze che più comunemente si trovano associate al quarzo, alla cristobalite ed alla tridimite nelle principali materie prime impiegate nei cicli produttivi industriali. I principali minerali interferenti con il quarzo sono: grafite, mica muscovite, sanidino, microclino e cianite; con la cristobalite: quarzo, cristobalite e tridimite hanno in comune alcuni interferenti, ma in molti casi ciò non ha alcuna importanza perché dal punto di vista mineralogico la presenza dell'uno permette di escludere a priori l'altro. Ogni interferenza (certa o presunta) va presa in considerazione di volta in volta singolarmente. Una fase cristallina difficilmente interferisce con tutti i picchi di una delle tre forme polimorfe della SLC, ovvero, se la sovrapposizione interessa il picco primario, per i calcoli può essere preso in considerazione uno di quelli secondari. prospetto 5 Elenco di alcuni minerali e posizioni 2 θ dei principali picchi che possono interferire con l'analisi diffrattometrica della SLC impiegando Cu-K alfa Nome del minerale Formula chimica Posizione del picco Anglesite PbSO Aragonite CaCO Carnallite, syn KMgCl. 3 6H 2 O Cassiterite SnO Celestina SrSO Chabasite, zeolite (Ca, Na 2 ) [Al 2 Si 4 O 12 ]. 6H 2 O Cianite (o kyanite) 1) Al 2 [O/SiO 4 ] Cinabro HgS Crisocolla. CuSiO 3 2H 2 O Cristobalite SiO Erionite, zeolite (Ca, Na, K) 2 [Al 3 Si 9 O 2 ] 4. 9H 2 O Gesso 1). CaSO 4 2H 2 O Gismondina, zeolite Ca [Al 2 Si 2 O 8 ]. 4H 2 O Grafite 1) C Greenochite CdS Idroboracite. CaMg [B 3 O 4 (OH 3 )] 2 3H 2 O Kaliofilite, foide K [AlSiO 4 ] Kerstenite, syn PbSeO Mesolite, zeolite. Na 2 Ca 2 [Al 2 Si 3 O 10 ] 3 8H 2 O Biotite 1) KMg (Fe) 3 [(OH) 2 /(Al, Fe) Si 3 O 10 ] Lepidolite 1) KLi 2 Al [(F, OH) 2 /Si 4 O 10 ] ) Fasi cristalline più comunemente associate alla SLC. segue nella pagina successiva Pagina 7 di 10

13 Nome del minerale Formula chimica Posizione del picco continua dalla pagina precedente Muscovite 1) KAl 2 [AlSi 3 O 10 ] (OH, F) Microclino 1) KAlSi 3 O Minio Pb 3 O Mullite 1) Al 6 Si 2 O Nefelina KNa 3 [AlSiO 4 ] Nefelina (K + ) KNa 3 [AlSiO 4 ] Orneblenda (silicato, formula completa) Quarzo alfa SiO Sanidino 1) KAlSi 3 O Scolecite Ca [Al 2 Si 3 O 10 ]. 3H 2 O Silicato di sodio 1) Sillimanite 1) Al (AlSiO 5 ) Tormalina (dravite, + Fe) Tridimite SiO Wollastonite 1) Ca [Si 3 O 9 ] Wurtzite (Zn, Mn, Fe)S Zircone 1) Zr (SiO) ) Fasi cristalline più comunemente associate alla SLC. 11 RESOCONTO DI PROVA Nel resoconto di prova devono essere riportate le seguenti indicazioni: - il riferimento della presente norma; - l esatta identificazione del punto di emissione controllato; - l indicazione della data e dell'ora del prelievo con eventuali annotazioni circa la condizione dell'impianto a monte del condotto controllato; - i risultati, nonché il modo in cui vengono espressi; - le eventuali particolarità rilevate nel corso delle prove; - le operazioni non citate nel presente metodo a cui si è dovuto far ricorso durante le prove. Pagina 8 di 10

14 APPENDICE A BIBLIOGRAFIA (informativa) [1] L. Pozzoli e U. Maugeri "Igiene industriale" - Ed. La Goliardica Pavese, Pavia-1986 [2] NIOSH MANUAL OF ANALYTICAL METHODS - Silica, crystalline, respirable. Method Vol. 2, NIOSH, Cincinnati, 1984 Pagina 9 di 10

15 PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI Milano (sede) Via Battistotti Sassi, 11B Milano - Tel. (02) Fax (02) Internet: - Roma Piazza Capranica, Roma - Tel. (06) Fax (06) Bari c/o Tecnopolis Csata Novus Ortus Strada Provinciale Casamassima Valenzano (BA) - Tel. (080) Fax (080) Bologna c/o CERMET Via A. Moro, San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) Fax (051) Brescia c/o AQM s.r.l. Via Lithos, Rezzato (BS) - Tel. (030) Fax (030) Catania c/o C.F.T. SICILIA Piazza Buonarroti, Catania - Tel. (095) Fax (095) Firenze c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze Via Valfonda, Firenze - Tel. (055) Fax (055) Napoli c/o Consorzio Napoli Ricerche Corso Meridionale, Napoli - Tel. (081) Fax (081) Torino c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi Via Ventimiglia, Torino - Tel. (011) Fax (011) Vicenza c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza Piazza Castello, Vicenza - Tel. (0444) Fax (0444) UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi, 11B Milano, Italia La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci, dell Industria e dei Ministeri. Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 Nº 633 e successivi aggiornamenti. Pagina 10 di 10

Caldaie ad acqua alimentate a gas con bruciatore atmosferico Prese per la misurazione in opera del rendimento di combustione

Caldaie ad acqua alimentate a gas con bruciatore atmosferico Prese per la misurazione in opera del rendimento di combustione NORMA ITALIANA Caldaie ad acqua alimentate a gas con bruciatore atmosferico Prese per la misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10784 GENNAIO 1999 Gas water boilers with atmospheric burners

Dettagli

CESI SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 597 scadenza: 31/12/2010 - Documento scaricato il 28/10/2010

CESI SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 597 scadenza: 31/12/2010 - Documento scaricato il 28/10/2010 This document was created with FrameMaker 4.0.4 CESI SPA - servizio UNICoNTO - abbonamento n. 597 scadenza: 31/12/2010 - Documento scaricato il 28/10/2010 NORMA ITALIANA Apparecchi di sollevamento Ispezioni

Dettagli

Sistemi di estinzione incendi ad estinguenti gassosi - Proprietà fisiche e progettazione dei sistemi Agente estinguente HFC 236fa

Sistemi di estinzione incendi ad estinguenti gassosi - Proprietà fisiche e progettazione dei sistemi Agente estinguente HFC 236fa NORMA ITALIANA Sistemi di estinzione incendi ad estinguenti gassosi - Proprietà fisiche e progettazione dei sistemi Agente estinguente HFC 236fa UNI 10877-11 APRILE 2000 Gaseous fire-extinguishing systems

Dettagli

Estintori d incendio portatili Cariche, focolari minimi esigibili

Estintori d incendio portatili Cariche, focolari minimi esigibili NORMA ITALIANA Estintori d incendio portatili Cariche, focolari minimi esigibili UNI EN 3-4 Seconda edizione SETTEMBRE 1998 Portable fire extinguishers Charges, minimum required fire DESCRITTORI CLASSIFICAZIONE

Dettagli

Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione

Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione NORMA ITALIANA Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione UNI 10436 GIUGNO 1996 Gas-fired heating boilers of nominal heat input not exceeding 35 kw Inspection

Dettagli

SW ver.4.0.0.0. Smart Export SOFTWARE DATALOGGER PORTATILI. Manuale Utente

SW ver.4.0.0.0. Smart Export SOFTWARE DATALOGGER PORTATILI. Manuale Utente SW ver.4.0.0.0 SOFTWARE DATALOGGER PORTATILI Smart Export Manuale Utente Rev.2-31.01.2013 INDICE INTRODUZIONE FORMATO DEI FILE ESPORTATI REQUISITI DEL SISTEMA Hardware Software CONNESSIONE DEI DATALOGGER

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE

L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE L APPLICAZIONE DELLA DELIBERA AEEG 236/00. IL CONTROLLO DELL ODORIZZAZIONE DEL GAS NEGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE II UNI Ente Nazionale Italiano di Unificazione Via Battistotti Sassi 11/b - 20133 Milano

Dettagli

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze

Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze Un nuovo spettrometro XRF portatile: prima applicazione a un bronzo dorato del Battistero di Firenze A. Migliori a,b, P. Bonanni a, L. Carraresi a, N. Grassi a, P.A. Mandò a a Dipartimento di Fisica dell

Dettagli

LE METODICHE PER L INDIVIDUAZIONE DELL AMIANTO NEI MATERIALI MASSIVI E NELL AERODISPERSO

LE METODICHE PER L INDIVIDUAZIONE DELL AMIANTO NEI MATERIALI MASSIVI E NELL AERODISPERSO LE METODICHE PER L INDIVIDUAZIONE DELL AMIANTO NEI MATERIALI MASSIVI E NELL AERODISPERSO Federica Rossi Università degli Studi di Torino 13 Aprile 2013 Patologie asbesto correlate: attualità in tema di

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO PER LA RACCOLTA E L'ELABORAZIONE DEI DATI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI.

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO PER LA RACCOLTA E L'ELABORAZIONE DEI DATI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI. Gruppo di lavoro Repertorio del NIS: Il REPERTORIO RISCHIO-SILICE NEI COMPARTI PRODUTTIVI DOCUMENTO (3) IN PREPARAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE LIBERA CRISTALLINA. Componenti:

Dettagli

UNITA' DI MONITORAGGIO POLVERI FINI

UNITA' DI MONITORAGGIO POLVERI FINI UNITA' DI MONITORAGGIO POLVERI FINI PM 10 - PM 2,5 - PM 1 Inalabili - Toraciche - Respirabili Conteggio particelle in classi granulometriche DustMonit ENGINEERING SRL Via Paolo Diacono, 1-20133 Milano

Dettagli

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione

Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione NORMA ITALIANA Requisiti di qualità per la saldatura di tubazioni di polietilene per il convogliamento di gas combustibili, di acqua e di altri fluidi in pressione UNI 11024 GENNAIO 2003 Quality requirements

Dettagli

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri

Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Il Progetto MetA La Metrologia dell Ambiente Problematiche metrologiche nella misura della concentrazione delle polveri Ing. Agostino Viola Università degli Studi di Cassino Facoltà di ingegneria DiMSAT

Dettagli

Seminario. Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle

Seminario. Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle Seminario Indicazioni di buone pratiche per la riduzione del rischio da silice libera cristallina nella produzione di ceramica per piastrelle Aspetti tecnici correlati all impiantistica ceramica Stefano

Dettagli

Oggetto: domanda per autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del Dlgs. 03/04/2006, n. 152

Oggetto: domanda per autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi del Dlgs. 03/04/2006, n. 152 DOMANDA AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA PER STABILIMENTI ex art. 269 del D. Lgs. 03 aprile 2006, n. 152 [ ] Allo Sportello Unico del Comune/dei Comuni di (in n. 5 copie) per la successiva trasmissione

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 Analisi sugli effluenti in uscita dal combustore biogas Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino

Dettagli

Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi

Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi Progetto di norma 31/3/2005 Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi 1. Scopo e campo di applicazione La

Dettagli

Le categorie di ricerca sono quattro:

Le categorie di ricerca sono quattro: La mappatura ha come finalità quella di evidenziare i siti nei quali è riscontrata la presenza di amianto, ovvero l utilizzo di materiali che lo contengono, includendo nell analisi i siti nei quali la

Dettagli

Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX

Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX Convegno Network Italiano Silice: dieci anni dopo Il sistema di Prevenzione del rischio in Italia Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX E. Incocciati,

Dettagli

Rapporto di prova n. R-IP-509-0910-01B GRADO DI PROTEZIONE IP54. Contenitore materiale Plastico CEI EN 60529; CEI EN 60529/A1

Rapporto di prova n. R-IP-509-0910-01B GRADO DI PROTEZIONE IP54. Contenitore materiale Plastico CEI EN 60529; CEI EN 60529/A1 Rapporto di prova n. GRADO DI PROTEZIONE IP54 Committente PLASTIROMA srl Via Palombarese Km 19, 10 00012 Guidonia Montecelio (Roma) Oggetto Contenitore materiale Plastico Marca: PLASTIROMA Cat.: 831/097

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 Perché parlare di Silice Libera Cristallina (SLC)? Presenza estremamente comune in natura Ampio utilizzo di materiali

Dettagli

9 Giornata di studio sullo stato di attuazione del Piano Regionale Amianto

9 Giornata di studio sullo stato di attuazione del Piano Regionale Amianto 9 Giornata di studio sullo stato di attuazione del Piano Regionale Amianto Indagini analitiche e Loro prospettive Genova, 23 ottobre 2012 Sonja Prandi ARPAL 1 p12 Analisi dell amianto Microscopia Ottica

Dettagli

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011

Qualità dell aria Torino, 8 febbraio 2011 Qualità dell aria La rilevanza del fenomeno dell accumulo di biossido di azoto nella Pianura Padana rilevato da misure satellitari Concentrazione di biossido di azoto sull Europa tra Gennaio 2003 e Giugno

Dettagli

Controllo delle emissioni in atmosfera

Controllo delle emissioni in atmosfera Ordine degli Ingegneri Provincia di Modena Emissioni Industriali in Atmosfera: Normativa e Tecnologie di Abbattimento Modena, 5 Giugno 2010 Controllo delle emissioni in atmosfera Dr. Stefano Forti ARPA

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto Pubblicato nella G.U. 20 aprile

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III... TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE Allegato n. 8 SOMMARIO TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...1 MATERIE

Dettagli

determinazione dell amianto nelle varie matrici Pierfrancesco Ponzuoli

determinazione dell amianto nelle varie matrici Pierfrancesco Ponzuoli Aspetti tecnici ed analitici relativi alla determinazione dell amianto nelle varie matrici Pierfrancesco Ponzuoli P.Ponzuoli - 17/12/2008 1 Le tecniche d indagine analitica per la determinazione dell amianto

Dettagli

Trasformazione Amianto

Trasformazione Amianto Trasformazione Amianto «Amianto Nuove tecnologie di smaltimento» ottobre 2013 1 1 Trasformazione dell amianto Il processo consiste in un trattamento termico: l energia fornita al rifiuto, sottoforma di

Dettagli

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE TI-P102-01 CH Ed. 4 IT - 2006 Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE Descrizione Le valvole 37D sono dei regolatori di temperatura a pilota per l utilizzo su applicazioni di scambio termico

Dettagli

La pubblicazione della DIRETTIVA COMUNITARIA 93/42/CEE concernente i DISPOSITIVI MEDICI ha provocato una grande rivoluzione strutturale, giuridica ed

La pubblicazione della DIRETTIVA COMUNITARIA 93/42/CEE concernente i DISPOSITIVI MEDICI ha provocato una grande rivoluzione strutturale, giuridica ed La pubblicazione della DIRETTIVA COMUNITARIA 93/42/CEE concernente i DISPOSITIVI MEDICI ha provocato una grande rivoluzione strutturale, giuridica ed amministrativa nel settore della sanità, coinvolgendo

Dettagli

UNITA' PORTATILE MONITORAGGIO POLVERI FINI

UNITA' PORTATILE MONITORAGGIO POLVERI FINI UNITA' PORTATILE MONITORAGGIO POLVERI FINI PM10 - PM2,5 - PM1 PersonalDustMonit Via Paolo Diacono, 1-20133 Milano (MI) - ITALIA Tel ++39.02.26684830 - E-mail : info@conteng.it Sito WEB : www.conteng.it

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualità della sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE

Dettagli

Condizioni generali di vendita per i fabbricanti di carta e cartoni della Comunità Europea (Sintesi normativa CEPAC)

Condizioni generali di vendita per i fabbricanti di carta e cartoni della Comunità Europea (Sintesi normativa CEPAC) Condizioni generali di vendita per i fabbricanti di carta e cartoni della Comunità Europea (Sintesi normativa CEPAC) Le cartiere europee si sono date delle Condizioni Generali di vendita e le hanno concordate

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

23a. Solventi organici clorurati

23a. Solventi organici clorurati Maggio 1990 23a. Solventi organici clorurati 23a.l Principio del metodo II metodo si basa sull'analisi gascromatografica di un estratto, ottenuto da un campione di fango o di rifiuto solido, utilizzando

Dettagli

ALLOGGI POPOLARI MONITORAGGIO UMIDITÀ. Comune di Pisa Via Pierin Del Vaga DEUMIDIFICAZIONE. delle MURATURE

ALLOGGI POPOLARI MONITORAGGIO UMIDITÀ. Comune di Pisa Via Pierin Del Vaga DEUMIDIFICAZIONE. delle MURATURE DEUMIDIFICAZIONE ELETTROFISICA delle MURATURE ALLOGGI POPOLARI Comune di Pisa Via Pierin Del Vaga MONITORAGGIO UMIDITÀ DA RISALITA CAPILLARE Relazione tecnico-diagnostica METODO CM (carburo di calcio)

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI

TRATTAMENTO DELLE RIMONTE CAPILLARI TRATTAMENTO LE RIMONTE CAPILLARI INTRODUZIONE: Grazie alle sue ottime caratteristiche tecniche e alla facilità di messa in opera il di POTASSIO viene largamente utilizzato per rendere idrorepellenti i

Dettagli

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche:

Si è deciso di caratterizzare la composizione delle pianelle fornite mediante le seguenti analisi chimiche e fisiche: 1 DIPARTIMENTO DI CHIMICA Dott.ssa Assunta Marrocchi UNIVERSITÀ DI PERUGIA Via Elce di Sotto, 8-06123 Perugia Tel. +39-0755855547 Fax +39-0755855560 e-mail: assunta@unipg.it Segr. Tel. +39-0755855534 1.

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione. Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008

Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione. Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008 Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008 Sommario MC e VdR Perché se ne parla oggi Dove è rintracciabile l esposizione

Dettagli

Bozza UNI - Riproduzione riservata

Bozza UNI - Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO E01169291 Modalità operative per le verifiche metrologiche periodiche e casuali Parte 1: Generalità Operative instruction for periodic and random metrological

Dettagli

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi

SEZIONE 1 - Notizie generali. Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi e non pericolosi Pagina 1 di 7 SEZIONE 1 - Notizie generali Azienda : CLERICO PRIMINO s.r.l. Indirizzo sede operativa: Via Provinciale, n. 54 - Camburzano Attività svolta : cernita, selezione e stoccaggio rifiuti pericolosi

Dettagli

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA

E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA ISTITUTO PROFESSIONALE Settore INDUSTRIA E ARTIGIANATO Indirizzo: MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA ESEMPIO DI SECONDA PROVA di TECNOLOGIE E TECNICHE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE INDIRIZZO: IPE9 - MANUTENZIONE

Dettagli

TIPOLOGIA DELLE POMPE CAMPIONAMENTO E ANALISI DI PARTICOLATO AERODISPERSO. Corso di Igiene Generale e degli Ambienti di Lavoro 2006

TIPOLOGIA DELLE POMPE CAMPIONAMENTO E ANALISI DI PARTICOLATO AERODISPERSO. Corso di Igiene Generale e degli Ambienti di Lavoro 2006 Corso di Igiene Generale e degli Ambienti di Lavoro 2006 CAMPIONAMENTO E ANALISI DI PARTICOLATO AERODISPERSO Carlo Peruzzo Dipartimento di Medicina del Lavoro Clinica del lavoro L. Devoto Università degli

Dettagli

Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE

Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE 3B.501 Ed. 4.1 IT - 2006 Dispositivo di protezione e regolazione TR5037TE per scambiatori a vapore ed acqua fino a 100 C Raccolta R - Prot. ISPESL (ANCC) 26460 del 29/7/1981 - DM 1/12/75 Descrizione Il

Dettagli

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici

Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Verifiche e controlli degli impianti idrici all interno degli edifici Pulizia, manutenzione e collaudo delle reti idiriche Gli impianti idraulici prima di essere consegnati all utente devono essere ripuliti

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

CONVENTO DI SAN TORPE

CONVENTO DI SAN TORPE DEUMIDIFICAZIONE ELETTROFISICA delle MURATURE CONVENTO DI SAN TORPE MONITORAGGIO UMIDITÀ DA RISALITA CAPILLARE Relazione tecnico-diagnostica METODO CM (carburo di calcio) 18 marzo 2011 Pag. 1 Committente:

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

Figura 3-13. Figura 3-14

Figura 3-13. Figura 3-14 Figura 3-13 Figura 3-14 Per eliminare questi fenomeni indesiderabili, che causano perturbazioni alla marcia regolare del forno, aumentano i consumi specifici e gli onerosi interventi manuali di pulizia

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future

Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Aspetti Ambientali Combustione del legno e inquinamento atmosferico Inquinamento atmosferico Limiti d emissione Tecniche di depurazione dei fumi Prospettive future Luca Colombo, ufficio protezione aria,

Dettagli

Tecnico incaricato: Cognome Nome Sede di lavoro: Comune (prov. ) Via/P.zza n. CAP Tel. ; Cellulare ; Fax Email @

Tecnico incaricato: Cognome Nome Sede di lavoro: Comune (prov. ) Via/P.zza n. CAP Tel. ; Cellulare ; Fax Email @ Alla Provincia di Pistoia Servizio Tutela dell Ambiente P.zza della Resistenza 54 51100 PISTOIA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE RELATIVA AD IMPIANTI INDUSTRIALI CON EMISSIONI IN ATMOSFERA Ai sensi dell art.

Dettagli

Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico

Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico PM2008 3 Convegno Nazionale sul Particolato Atmosferico Bari, 6-8 Ottobre 2008 Misure di polveri su caldaia a legna ad uso domestico G. Antonacci(1), A. Cemin(1), D. Antolini(2), M. Ragazzi(2), I. Todeschini(1),

Dettagli

1- DESCRIZIONE GENERALE

1- DESCRIZIONE GENERALE PPR REELLEEV VA AC CA AM MPPIIO ON NII A AU UTTO OM MA ATTIIC CO O -- H HEER RO ON N 33000000 1- DESCRIZIONE GENERALE Il sistema di campionatura automatico del seme proposto dalla società francese TPLG

Dettagli

Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen

Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen Informazioni relative all'impianto di trattamento di terreni della ARE Deutzen GmbH di Neukieritzsch OT Deutzen 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 1.1. IMPIANTO DI TRATTAMENTO DELLA ARE Deutzen GmbH In base alla

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Centro Interdipartimentale di Servizio per Analisi Geomineralogiche (C.I.S.A.G.)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Centro Interdipartimentale di Servizio per Analisi Geomineralogiche (C.I.S.A.G.) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Centro Interdipartimentale di Servizio per Analisi Geomineralogiche (C.I.S.A.G.) prot. 2014/66233 PRELIEVO DI CAMPIONI PER IL MONITORAGGIO DI FIBRE AERODISPERSE

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Rischi igienico-sanitari nelle piscine e in strutture simili: nuove prospettive e criticità Roma, 8-9 Ottobre 2015 FORO ITALICO GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELL ACQUA IN PISCINA

Dettagli

LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE

LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE LE CAPPE CHIMICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione L uso in sicurezza delle Un

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Bozza UNI Riproduzione riservata

Bozza UNI Riproduzione riservata DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U59099510 Yogurt con aggiunta di altri ingredienti alimentari Definizione, composizione e caratteristiche Yogurt and yogurt with addition of food ingredients Definition,

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

Termoflussimetri N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o

Termoflussimetri N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o REVISIONE DATA 1.0 Marzo 2012 Sommario Capitolo 1. TRASMISSIONE DEL CALORE... 3 1.1 Generalità... 3 1.2 La trasmittanza U... 3 1.3 Misura in opera della trasmittanza...

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

GENNAIO 2014 ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES PER L USO DELLE LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS

GENNAIO 2014 ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES PER L USO DELLE LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS ISTRUZIONI GOOD WORKING PRACTICES LANE ISOLANTI PER ALTA TEMPERATURA (HTIW) PER L USO DELLE HIGH TEMPERATURE INSULATION WOOLS 2 COS È WHAT LA ARE LANA ISOLANTE PER ALTA TEMPERATURA (HTIW)? HIGH TEMPERATURE

Dettagli

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO

CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO CAPITOLATO DI FORNITURA GETTI IN ALLUMINIO 1. SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE Il presente capitolato ha lo scopo di: descrivere le modalità di classificazione dei getti recepire le indicazioni da citare a

Dettagli

Introduzione alle Linee Guida per la valutazione delle emissioni di polveri. Le motivazioni della scelta.

Introduzione alle Linee Guida per la valutazione delle emissioni di polveri. Le motivazioni della scelta. Direzione Ambiente e Gestione Rifiuti Ufficio VIA - VAS Incontro Come intervenire sulle attività che producono polveri La delibera della GP n. 213/2009 e le nuove LG sulle attività polverulente Introduzione

Dettagli

Specifiche modello 37

Specifiche modello 37 Elevatori a vuoto pneumatico Specifiche modello 37 Avp12_20_51 Versione 5.1-01/06/2015 Contenuti 1. Specifiche tecniche... 1 2. Versioni... 2 3. Spazio occupato e disponibile... 3 4. Apertura porte piani

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

CATALISTINO SETTEMBRE 2015 BARRIERE IR PER ESTERNO

CATALISTINO SETTEMBRE 2015 BARRIERE IR PER ESTERNO CATALISTINO SETTEMBRE 2015 BARRIERE IR PER ESTERNO I loghi e i marchi presenti, sono utilizzati a puro scopo dimostrativo ed appartengono ai legittimi proprietari. BARRIERE PER LA PROTEZIONE DI PORTE

Dettagli

Istruzione Operativa. Prescrizioni in materia di campionamento alle emissioni in atmosfera

Istruzione Operativa. Prescrizioni in materia di campionamento alle emissioni in atmosfera Pagina 1 di 7 Istruzione Operativa Prescrizioni in materia di Il presente documento in formato cartaceo privo del timbro di colore blu COPIA CONTROLLATA n è da ritenersi non valido come documento di riferimento.

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI

PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI PROCESSI DI SEDIMENTAZIONE NELLE ACQUE DI PIOGGIA: PRIME INDAGINI SPERIMENTALI Patrizia Piro, Marco Carbone, Giovanni Tomei Dipartimento di Difesa del Suolo V. Marone Università degli Sudi della Calabria

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture. Servizio Ambiente e Energia Registro generale n. 105 del 16/01/14 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Ambiente e Infrastrutture Oggetto Autorizzazione emissioni in atmosfera ai sensi dell'art.269,

Dettagli

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO

CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO CAMPAGNA PROMOZIONALE PER L UTILIZZO IN SICUREZZA DEL GAS METANO 1 IMPIANTI GAS: LE REGOLE GENERALI A chi mi devo rivolgere? Quando fate realizzare, revisionare o riparare i vostri impianti dovete rivolgervi,

Dettagli

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO

STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE AMBIENTALI STUDIO GEOCHIMICO DEL PARTICOLATO ATMOSFERICO Prof. Rampazzo Giancarlo CHE COS E LA GEOCHIMICA 1.La geochimica studia la composizione chimica

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

1.3.8.3 Termogravimetro (TG)

1.3.8.3 Termogravimetro (TG) 1.3.8.3 Termogravimetro (TG) Il termogravimetro è un particolare strumento che tramite un'analisi termogravimetrica misura la variazione percentuale di peso di un materiale, quando esso viene riscaldato,

Dettagli

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A.

BIOMASSA: Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore. Gabriele Pezzini. Ingegnere Ambientale di Tama S.p.A. BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Sistemi di filtrazione: filtro a maniche e ciclone separatore Gabriele Pezzini Ingegnere Ambientale

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

NIS Network Italiano Silice

NIS Network Italiano Silice Le attività di prevenzione nei comparti produttivi: le attività in galleria. Misure di prevenzione e protezione per la riduzione dell esposizione a polveri contenenti silice libera cristallina nelle GALLERIE

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

INFORMAZIONI PRODOTTO CENISOL-A

INFORMAZIONI PRODOTTO CENISOL-A INFORMAZIONI PRODOTTO CENISOL-A Nome commerciale: CENISOL-A Indicazioni generali: Cenisol è un prodotto di copertura altamente isolante per fusioni metalliche. Proveniente da un prodotto naturale con elevata

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

ALLEGATO VI. Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione

ALLEGATO VI. Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione ALLEGATO VI Criteri per la valutazione della conformità dei valori misurati ai valori limite di emissione 1. Definizioni 1.1. Ai fini del presente allegato si intende per: a) misura diretta: misura effettuata

Dettagli

Aspiratore di materiale asciutto e bagnato. REMS Pull L / M. Novità. for Professionals

Aspiratore di materiale asciutto e bagnato. REMS Pull L / M. Novità. for Professionals Aspiratore di materiale asciutto e bagnato REMS Pull L / M Novità for Professionals Per l aspirazione professionale di polveri, sporco e liquidi. Pulizia automatica brevettata del filtro. Alta e costante

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli