CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI TRA BASAMENTO CRISTALLINO E FORMAZIONE DI COLLIO IN ALTA VALLE SERIANA: INDAGINI GEOLOGICHE, MINEROGRAFICHE E GEOCHIMICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI TRA BASAMENTO CRISTALLINO E FORMAZIONE DI COLLIO IN ALTA VALLE SERIANA: INDAGINI GEOLOGICHE, MINEROGRAFICHE E GEOCHIMICHE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA A.DESIO SEZIONE DI MINERALOGIA PETROLOGIA GEOCHIMICA E GIACIMENTI MINERARI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI TRA BASAMENTO CRISTALLINO E FORMAZIONE DI COLLIO IN ALTA VALLE SERIANA: INDAGINI GEOLOGICHE, MINEROGRAFICHE E GEOCHIMICHE Diego SERVIDA Matr Relatore: Prof. Ida VENERANDI Correlatori: Dott. Luisa DE CAPITANI Prof. Franco RODEGHIERO Dott. Daniele RAVAGNANI Anno Accademico

2

3 - Riassunto - Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana: indagini geologiche, minerografiche e geochimiche Si è voluto studiare dal punto di vista geo-giacimentologico e minerografico i Corpi Quarzosi Mineralizzati (CQM) a Fe e solfuri misti che affiorano nei pressi di Gromo e di Gandellino, in alta valle Seriana (provincia di Bergamo). L area di studio si trova nel dominio Sudalpino, nell unità tettonica detta Anticlinale Trabuchello- Cabianca. A partire dal nucleo, questa è costituita dal Basamento Cristallino (BC) pre-carbonifero (micascisti, paragneiss, quarziti ed anfiboliti) e dalle coperture vulcano-sedimentarie permo-carbonifere, che sono costituite dalle formazioni del Conglomerato Basale (CB), della Formazione di Collio (FC) e del Verrucano Lombardo (VL). Durante il rilevamento personale si è constatato che i CQM si trovano al contatto fra BC e FC e sono costituiti da una breccia di micascisti fratturati e silicizzati. Ora, con un rilevamento geologico di dettaglio, si è verificato che i CQM affiorano in un area di soli 9 km 2. Tali corpi sono numerosi e sempre associati a faglie NW-SE; sono distinti l uno dall altro, sono spessi fino a 30 m e si allungano fino a 200 m. Sono stati studiati i rapporti tra i CQM e le altre formazioni, poiché gli Autori precedenti o non hanno distinto i CMQ dal CB (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949) o li hanno compresi nel BC (AA.VV., 2001). Si è accertato che il contatto fra BC e CQM è graduale, mentre quello fra i CQM e la sovrastante FC è netto; i CQM affiorano in punti diversi dal CB. L interesse verso i CQM è accresciuto dal fatto che essi ospitano mineralizzazioni a Fe e solfuri misti, oggetto di coltivazione in epoche remote. Di tali attività vi sono scarse notizie, ma per contro permangono molte evidenze sul terreno. Si tratta di imbocchi di gallerie, discenderie, assaggi, discariche, che testimoniano anche nelle tipologie di scavo l evoluzione delle tecniche minerarie. Nel corso di questo lavoro sono state rilevate e descritte anche altre mineralizzazioni metallifere poco note, sia nella FC ( miniere Lanzeni, Frera, Gallo ) sia nei CQM (miniera Vedriol ). Le mineralizzazioni dei CQM di Gromo sono state studiate sotto l aspetto minerografico da Zecchin (2000), da Cusmà (2001) e da De Capitani e altri (2003). Questo approccio è stato qui approfondito ed esteso alle principali mineralizzazioni individuate. Ne risulta ai Lanzeni una paragenesi a Pb-Zn-Fe (galena, blenda e siderite), alla Frera una paragenesi a Cu-Zn-Fe-Ni-As (calcopirite, blenda, gersdorffite e siderite), al Vedriöl un associazione Cu-Pb-Fe-As-Sb (tetraedrite, calcopirite, arsenopirite, pirite, galena e siderite). Considerato che molta parte dell'area di studio è coperta da vegetazione e da depositi quaternari si è attuato un test di prospezione alluvionale su alcune aste torrentizie, prelevando sedimenti nei tratti a valle di mineralizzazioni note e in zone dove le mineralizzazioni avrebbero potuto essere mascherate. I campioni sono stati sottoposti a concentrazione gravitativa e sono stati analizzati mediante assorbimento atomico (Zn-Pb-Cu- Ni-Co-Cd-Ag) e diffrattometria RX. I dati confermano l assenza di CQM al di fuori della zona ristretta tra Gromo e Gandellino. In conclusione si formulano tre ipotesi genetiche per i CQM: 1) I CQM possono essere corpi sedimentari e il risultato dell inquarzamento e della mineralizzazione del CB dovute ad antiche circolazioni di acque di falda lungo l originario il limite di permeabilità costituito dal contatto (unconformity) tra BC ed FC. La stessa posizione stratigrafica dei CQM e del CB giusticherebbe questa ipotesi, ma vi è contro la sostanziale differenza litologica tra le due unità. Il ritrovamanto di strutture di deposizione gravimetrica (concentrazione di granati) è pure a favore di questa ipotesi. 2) I CQM possono essere corpi filoniani legati a processi idrotermali s.s. (vicinanza temporale e stratigrafica col vulcanismo permiano). A favore di questa ipotesi è il fatto che i CQM sono correlati a faglie e la forte analogia tessiturale con le brecce tettoniche. 3) I CQM possono essere una breccia vulcano-tettonica del magmatismo permiano; la struttura calderica cui sarebbe legata è stata ricostruita da Ravagnani (1980). Ciò darebbe ragione sia della tessitura della roccia sia della sua posizione stratigrafica e della localizzazione limitata dei CQM.

4

5 - Abstract - Geological, Minerographic and Geochemical Studies on Mineralized Quartz Bodies Between Cristalline Basement and Collio Formation in the Bergamo District (Alta Valle Seriana, Italy) The goal of this project is to examine quartz bodies hosting deposits of iron and sulphides (CQM) and which are located near the villages of Gromo and Gandellino in the Bergamo district (alta valle Seriana, Italy). The characteristics considered are of geological and minerographic nature. The area is situated in the southern Alps, in the tectonic unit called Anticlinale Trabuchello-Cabianca. The latter is composed of Pre-carboniferous Cristalline Basement (BC - micaschists, paragneiss, quarzites and amphibolites and of permo-carboniferous covers consist of Basal Conglomerate (CB), Collio Formation (FC) and Verrucano Lombardo (VL). The position and composition of the CQM were determined during a previous survey. The CQM lay inside the BC or between the BC and the FC. They are characterized by somewhat jointed and silicified micaschists with a breccia texture. This investigation adds new information: - The CQM outcrop in a narrow area (9 km 2 ) between the villages of Gromo and Gandellino. - The bodies are numerous and they are isolated from one another. - The maximum thickness is 30 meters and their lenght can reach 200 meters - They are related to NW-SE faults. Another interesting topic is the structural-stratigraphical relationship between the CQM and the other formations present in the area. Previous works incorporate the CQM in the CB (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949) or in the BC (AA.VV., 2001). The survey showed that there is a sharp boundary between the CQM and the overlaying FC; the boundary between the CQM and the BC, on the other hand, is not well defined. No outcrops were found displaying direct relationships between CQM and CB. The scientific interest in CQM arises from the fact that they host iron and sulphides ore deposits, which were exploited in the past. There is no evidence of old mines in historical documents or in scientific research, but it is possible to find remnants of old mines (such as tunnel entrances, inclined shafts, assays and dumps) in the area, which show the evolution of the mining method. The Vedriol mine exploite ore host in CQM. In addition to this mineralization, other kinds of ore deposits are identified and described. They show similar ore mineral association to CQM but there geological context is different, as they are related to FC (Lanzeni s, Frera s and Gallo s mines). CQM s mineralization in the Gromo surroundings was already studied by Zecchin in 2000, by Cusmà in 2001 and by De Capitani et al. (2003). The present work investigates the subject in detail by means of a minerographic study done on all the orebodies found: Vedriol mineralization is characterized by a Cu-Pb-Fe-Sb-As association, composed by tetrahedrite, chalcopyrite, arsenopyrite, pyrite, galena and siderite; Lanzeni is characterized by a Pb-Zn-Fe association, composed by galena, sphalerite and siderite; and Frera is characterized by a Cu-Zn-Fe-Ni- As association, composed by chalcopyrite, sphalerite, gersdorffite, siderite. Since most of the area is covered with vegetation and quaternary sediments, it is impossible to evaluate the extention and of the CQM. Therefore, it was decided to prospect alluvional deposits, downstream from wellknown mineralized zones, and to consider them as a standard for the other areas. After a concentration treatment, the samples were analysed by AAS (Zn-Pb-Cu-Ni-Co-Cd-Ag) and XRD: the experimental data confirm the hypothesis that CQM are present only in the area between Gromo and Gandellino. Three hypotheses are suggested for the formation of CQM: 1) The CB was silicified and mineralized by groundwaters. This justifies the complete absence of the CB from the Gromo-Gandellino area and the presence of the CQM in its place. However, the hypothesis is discarded because the two formations are lithologically different and from gravimetric deposition structures find in CQM. 2) The CQM are veins related to hydrothermal processes. The correlation between CQM and NW-SE trending faults, and their fabric similarity to a tectonic breccia are the main supporting arguments for this assumption, but the presence of garnets placer suggests otherwise. 3) Finally, the CQM can be considered a calderic collapse breccia, produced during Permian volcanism. The calderic structure, described by Ravagnani (1980), explains the rock fabric and stratigraphical position. Although this hypothesis seems the most probable, it contradicts the evidence that quartz does not intersect with FC.

6

7 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana INDICE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO 4 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL LAVORO RICERCA BIBLIOGRAFICA RILEVAMENTO GEOLOGICO BASAMENTO CRISTALLINO CONGLOMERATO BASALE FORMAZIONE DI COLLIO CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI ALTRE LITOLOGIE DEPOSITI QUATERNARI ASSETTO STRUTTURALE MINERALIZZAZIONI E LAVORI MINERARI STUDIO MINEROGRAFICO PROSPEZIONE ALLUVIONALE ANALISI GEOCHIMICHE ANALISI MINERALOGICHE CONCLUSIONI 104 1

8 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 1. PREMESSA Questa tesi di laurea è nata in seguito ai dati ed agli interrogativi emersi dal rilevamento geologico svolto lo scorso anno nei pressi di Gromo (BG) in alta valle Seriana (Servida, 2003). Quest area è caratterizzata dalla presenza di corpi quarzosi mineralizzati (CQM) a ferro e solfuri misti che presentano ancora oggi tracce di un antica attività estrattiva. Poiché le uniche indagini svolte fino ad ora su questi corpi sono state di carattere minerografico (Zecchin, 2000; Cusmà Piccione, 2001) e bio-geochimico (Musazzi, 2000), è sembrato opportuno tentare di conoscerne meglio i caratteri geologici, stratigrafici e strutturali. Dalla prima campagna di rilevamento è emerso che: - i CQM sono numerosi, tra loro isolati e di dimensioni variabili: il loro spessore è nell ordine della decina di metri, il loro sviluppo laterale nell ordine delle centinaia di metri. - i CQM affiorano su entrambi i lati dell alta valle Seriana, non intersecano mai la Formazione di Collio, ma si trovano sempre nel Basamento Cristallino o meglio al contatto fra il Basamento Cristallino e la Formazione di Collio. - i CQM sono sempre correlati a faglie che hanno direzione NW-SE. - il contatto stratigrafico fra il Basamento Cristallino e i CQM è graduale, mentre il passaggio alle rocce della Formazione di Collio è netto. - dalla sola osservazione dei caratteri mesoscopici delle rocce sembra di poter affermare che deposizione del quarzo sia avvenuta successivamente agli eventi metamorfici che hanno interessato il Basamento Cristallino. Un primo interrogativo riguarda la natura dei CQM: sono dei filoni idrotermali l.s. o sono corpi sedimentari silicizzati da circolazioni di falda? Un secondo quesito riguarda le relazioni 1

9 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana che intercorrono fra i CQM e l unità detta Conglomerato Basale: i CQM appartengono a questa stessa formazione geologica, che dunque in alcuni punti avrebbe subito silicizzazione e mineralizzazione, oppure si tratta di formazioni geneticamente diverse? In molte carte geologiche dell alta valle Seriana (Weeda, 1936; Swolf, 1938; Raasveldt, 1939; De Sitter & De Sitter Koomans, 1949) i CQM non risultano distinti e in pratica vengono spesso assimilati al Conglomerato Basale. Per tale motivo si è ritenuto opportuno estendere il rilevamento geologico a tutta l area seriana (circa 100 km 2 ) di affioramento del Conglomerato Basale e/o del contatto tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio. Il rilevamento geologico è stato preceduto e accompagnato da una ricerca bibliografica svolta presso archivi storici pubblici, come l archivio di Stato di Bergamo, l archivio storico della Diocesi di Bergamo, l archivio storico del Comune di Gromo, la biblioteca civica A.May di Bergamo e presso archivi privati, con lo scopo di ricavare utili informazioni sui siti minerari, come possibili affioramenti di CQM. Lo studio si è avvalso anche di analisi petrografiche eseguite su alcuni campioni di rocce nei casi in cui la sola osservazione mesoscopica non consentisse di stabilirne la natura litologica. Lo studio minerografico si propone di approfondire la conoscenza della mineralizzazione dei CQM, in parte già nota, e di confrontarla con quelle presenti nel Basamento Cristallino, nel Conglomerato Basale e nella Formazione di Collio. Durante il rilevamento geologico è stato mappato il drenaggio superficiale della zona per condurre una campionatura dei sedimenti alluvionali al fine di individuare, attraverso l analisi mineralogica (XRD) e geochimica (AAS) dei concentrati di minerali pesanti, la presenza di eventuali corpi mineralizzati sotto copertura. 2

10 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO La zona interessata da questo studio si trova in alta valle Seriana, in provincia di Bergamo, e comprende i territori dei comuni di Gromo, Valgoglio, Gandellino e Valbondione. Oltre all asse vallivo principale, i rilevamenti si sono sviluppati nelle valli del Goglio, del Grabiasca, del fiume Nero, del Sedornia e del Bondione, principali tributarie sinistre del Serio. A grandi linee l area può essere delimitata dal passo Portula ad W, dal Lago del Barbellino a N, dalla valle Sedornia ad E e dall abitato di Novazza (Valgoglio) a S. FIUMENERO LIZZOLA VALGOGLIO GROMO GANDELLINO Figura 1 - Area di studio evidenziata in nero; in rosso è indicato il sentiero Alto Serio 1

11 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO L area oggetto della tesi fa parte delle Alpi Meridionali, una catena a pieghe e sovrascorrimenti S-vergenti estesa dal Canavese al Bacino Pannonico, lunga circa 700 km e di larghezza variabile da meno di 50 km a 150 km (fig.2). Figura 2 Carta geologico-tettonica delle Alpi (Frey et al., 1974) Le Alpi Meridionali sono costituite da nuclei ercinici, metamorfici e non, e da una successione di sedimenti permo-mesozoici e cenozoici deformati, ma non metamorfosati, durante diverse fasi dall Eocene al Pliocene. Sono distinguibili tre zone strutturali nelle Alpi Meridionali: una zona occidentale, comprendente Canavese e Ivrea-Verbano, una zona centrale o Lombarda, e una zona orientale, costituita dalle sotto-zone Giudicariense, Dolomitico-Lessinea e Carnico-Friulana. Da W ad E Queste zone sono caratterizzate da un raccorciamento crostale decrescente e da un associata variazione del grado metamorfico, da facies granulitica-anfibolitica alta fino a nullo, delle rocce costituenti i rispettivi Basamenti Cristallini. 5

12 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Questa catena orogenica è separata da quella delle Alpi s.s. a N mediante la Linea Insubrica, che, nelle diverse zone strutturali, prende il nome di Linea del Canavese, Linea del Tonale, Linea delle Giudicarie e Linea della Pusteria-Gailtal. Si pensa che le Alpi Meridionali siano state il settore più avanzato verso N del margine continentale africano (Argand, 1924; Channel et al., 1979). In particolare, la tesi prende in considerazione un area situata nel settore Orobico Centrale, facente parte delle Alpi Meridionali Centrali o Lombarde, studiato geologicamente all inizio del XX secolo da Porro (1903; fig.3), negli anni 30 e 40 dall Università olandese di Leida (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949; fig.4) e recentemente oggetto di studio da parte degli Autori della Carta Geologica della Provincia di Bergamo (AA.VV., 2001; fig.5). Questo settore delle Alpi Meridionali è costituito dal basso verso l alto dal Basamento Cristallino, da una copertura vulcano-sedimentaria terrigena di età carbonifero-permiana e da una copertura sedimentaria carbonatica di età mesozoica. Il Basamento Cristallino è costituito da micascisti, denominati Scisti di Edolo, e da paragneiss, denominati Gneiss di Morbegno, entrambi derivanti da rocce arenaceo-pelitiche probabilmente risalenti al Paleozoico Medio, intercalati a lenti di quarziti, metagranitoidi, metabasiti e marmi. La successione carbonifero-permiana è costituita dal Conglomerato Basale (Carbonifero Sup.? - Permiano Inf.), sormontato dagli strati vulcano-sedimentari e lacustri della Formazione di Collio (Permiano Inf.) e dai sedimenti fluviali del Verrucano Lombardo (Permiano Sup.) (fig.6). Il Conglomerato Basale è una formazione costituita da brecce e conglomerati derivanti dallo smantellamento del Basamento Cristallino, con continuità laterale spesso ridotta, sovrapposta in unconformity al Basamento Cristallino metamorfico. 6

13 1km 1km Diego Servida Università degli Studi di Milano Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 7 Figura 3 Carta geologica delle Alpi Orobie: particolare dell'alta valle Seriana. Il Conglomerato Basale è indicato in rosso (Porro, 1903) Figura 4 Carta geologica delle Alpi Orobie: particolare dell alta valle Seriana. Legenda: BC=Basamento Cristallino, CB=Conglomerato Basale, FC=Formazione di Collio (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949)

14 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 2 km Figura 5 Carta geologica della provincia di Bergamo: particollare dell'alta valle Seriana 1=Basamento Cristallino, 8=Conglomerato Basale, 9=Formazione di Collio (AA.VV., 2001) La Formazione di Collio è costituita, nella parte inferiore, da una ripetizione ritmica di vulcaniti acide tipo ignimbriti riolitiche e di strati conglomeratico-arenacei e, nella parte superiore, da conglomerati, arenarie e siltiti di colore nero. Risulta essere sovrapposta in paraconformity al Conglomerato Basale ed in unconformity al Basamento Cristallino. Il Verrucano Lombardo è costituito anch esso da conglomerati, arenarie e siltiti dal tipico colore rosso-violaceo ed è sovrapposto in angular disconformity al Formazione di Collio. Sovrapposta alla successione carbonifero-permiana vi è quella mesozoica, che ha inizio con il Servino (Scitico) ed è caratterizzata da un alternanza di formazioni carbonatiche di scogliera e di formazioni terrigene di fondo bacinale. 8

15 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Figura 6 Successione stratigrafica permiano-triassica lombarda (De Jong, 1979) Nelle Orobie Centrali non affiora la Serie Lombarda completa e continua ma, grazie ad una successione di accavallamenti caratterizzati da piani di sovrascorrimento con direzione WSW-ENE e immergenti a S, affiorano, da N a S, quattro thrust sheets costituiti nell ordine da Basamento Cristallino, da Basamento Cristallino e copertura carbonifero-permiana, da copertura mesozoica e da copertura cenozoica (De Sitter & De Sitter Koomans, 1949; fig.7). 4 thrust sheet / 3 thrust sheet / 2 thrust sheet / 1 thrust sheet Figura 7 Sezione geologica interpretativa delle Alpi Orobie diretta N-S; sono evidenziati i 4 thrust sheets (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949) 9

16 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Il nostro interesse è focalizzato sulla parte meridionale del terzo thrust sheet, delimitato a N dalla Linea Orobica-Linea della Gallinera e a S dalla Linea della Valtorta-Linea della Valcanale. In questa zona, grazie ad una delle strutture anticlinali, denominata Trabuchello- Cabianca, facente parte delle Anticlinali Orobiche, affiorano i termini più antichi della Serie Lombarda e il loro contatto stratigrafico con il Basamento Cristallino. Evoluzione paleogeografica-strutturale delle Alpi Orobiche Le rocce arenaceo-pelitiche paleozoiche formanti il margine settentrionale della placca Adria (Argand, 1924; Channel et al., 1979), furono metamorfosate e deformate durante l orogenesi varisica nel tardo Paleozoico (Mottana et al., 1985) e generarono i paragneiss e i micascisti costituenti l attuale Basamento Cristallino del settore Orobico Centrale. Queste rocce metamorfiche recano le tracce di due fasi deformativo-metamorfiche: la prima, caratterizzata da metamorfismo in facies anfibolitica, ha prodotto una scistosità, marcata da biotite rosso-bruna e da muscovite, e pieghe sradicate ; la seconda, caratterizzata da retrocessione in facies scisti verdi, ha prodotto una nuova scistosità, marcata da biotite verde, muscovite e clorite, e pieghe a scala da centimetrica a chilometrica (Cassinis et al.,1986; Albini et al., 1994; Cadel et al., 1996). Dopo il picco metamorfico varisico, tutte Alpi Meridionali furono interessate dal collasso orogenico e da una fase tettonica, estensionale secondo Arthaud e Matte (1975), transtensiva secondo De Sitter e De Sitter-Koomans (1949) e Massari (1986), che generò una serie di zone rilevate o dorsali, alternate a zone depresse o bacini allungati in direzione WSW-ENE (fig.8). La zona Orobia, compresa nel Bacino Lombardo, fu caratterizzata dalla formazione del Bacino del Collio, costituito da una serie complessa di bacini tettonici di tipo graben asimmetrico come il Bacino Orobico ad W, il Bacino Trabuchello-Cabianca al centro (fig.9) e il Bacino Camuno ad E, separati tra loro da zone di alto strutturale. L intero sistema di bacini 10

17 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana presenta, attualmente, una morfologia allungata in direzione WSW-ENE nella zona del Bacino Orobico, SSW-NNE nella zona del Bacino Camuno. Figura 8 Sezione geologica dei bacini permiano-triassici alpini (De Jong, 1979) Il Bacino Trabuchello-Cabianca, caratterizzante il settore Orobico Centrale, è stato descritto da Cadel (1986) come una struttura complessa, allungata in direzione WSW-ENE, derivante dalla sovrapposizione di una struttura calderica, già delineata da Ravagnani (1980) e da un graben stretto e lungo. Questo bacino è delimitato da faglie profonde talora riconosciute come faglie erciniche riattivate. Figura 9 Tentativo di ricostruzione dei bacini permiani nelle Alpi Meridionali (Schonborn, 1992) 11

18 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana L erosione delle rocce costituenti le dorsali portò al progressivo riempimento dei bacini da parte di materiale terrigeno: il primo prodotto di deposizione fu il Conglomerato Basale, un cuneo costituito da sedimenti terrigeni continentali di spessore variabile da zero a 120 metri, che si chiude verso S (Cadel et al., 1996) e interpretato come una conoide fluviale (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949), impostatosi nel Permiano Inf. La sedimentazione del Conglomerato Basale fu contemporanea all attivazione di una serie di faglie ad estensione regionale (Cadel et al., 1996) e a un vulcanismo di tipo esplosivo, caratterizzato da colate ignimbritiche a chimismo riolitico e da tufi piroclastici, che si accompagnarono alla tettonica estensionale ed alla sedimentazione nel Permiano Inferiore nel bacino del Collio (Cassinis et al., 1986). La sedimentazione nel bacino del Collio fu fortemente influenzata nelle sue componenti dal vulcanismo esplosivo, che diede un carattere vulcano-clastico a molti degli orizzonti sedimentari del Collio. Nella Formazione di Collio sono identificabili due fasi di intensa attività vulcanica, sotto forma di banchi ignimbritici, intervallate da un periodo di quiescenza testimoniato da una superficie di disconformity all interno della formazione stessa (Ravagnani, 1980; Cadel et al., 1986; Cadel et al., 1987 e 1996; fig.10). Le caratteristiche della Formazione di Collio nelle Alpi Orobiche Centrali furono legate a due fasi principali di risorgenza e di collasso dell apparato vulcanico, testimoniate dallo sviluppo di strutture calderiche. Una di queste, identificata da Ravagnani (1980) in alta val Seriana (fig.11), fu descritta anche da Cadel (1986) come una struttura di 9 km x 20 km delimitata da tre faglie principali con direzioni E-W, N60E e N60W e fu parzialmente cartografata da Cadel et al. (1996). 12

19 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Figura 10 Successioni e correlazioni stratigrafiche della Formazione di Collio in Alta Val Seriana (Origoni Giobbi et al., 1981) Legate all attività vulcanica sono state riconosciute diverse famiglie di faglie (Ravagnani, 1980; Origoni Giobbi et al., 1981; Cadel, 1986; Cassinis et al., 1986; Cadel et al., 1996) e varie tipologie di mineralizzazioni idrotermali diffuse in tutto il Sudalpino (Chiesa et al., 1993; Cassinis et al., 1986). Nell area orobica mancano gli affioramenti dei plutoni granitici coevi e geneticamente connessi con il vulcanismo permiano, presenti però in altri settori del Sudalpino Lombardo come, per esempio quello della Val Biandino. 13

20 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Figura 11 Ricostruzione 3D della struttura calderica nei pressi di Novazza (Ravagnani, 1980) Dopo il definitivo collasso della caldera vi fu un momento di stasi dell attività tettonica che fu interrotto nel Permiano Superiore dalla riattivazione delle faglie e dello stesso bacino tettonico, il quale, entro strutture tipo semi-graben, fu riempito dai conglomerati di ambiente fluviale continentale del Verrucano Lombardo (Casati e Gnaccolini, 1967). 14

21 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Dopo la deposizione del Verrucano Lombardo, durante il Trias Inf. si ebbe un approfondimento di questi bacini tettonici fino ad arrivare all ingressione marina e alla sedimentazione dei primi prodotti di mare basso, come quelli del Servino. In seguito, nel Trias Med. e nel Trias Sup. si crearono condizioni per la formazione di piattaforme carbonatiche estese su tutto il Sudalpino, disturbate solamente durante il Ladinico da attività magmatica di tipo subvulcanico a chimismo basico-intermedio. Durante il Giurassico, si passò al progressivo approfondimento del bacino (fig.12) fino all apertura dell oceano Ligure-Piemontese, parte della Tetide, la cui chiusura segnò in tutta l Italia Settentrionale l inizio del ciclo orogenico alpino. Figura 12 Diagramma stratigrafico che mostra lo spessore relativo delle formazioni permiano-triassiche lombarde (Schonborn, 1992) 15

22 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Il basamento metamorfico e la copertura permo-mesozoica nel Sudalpino furono interessati molto marginalmente dal metamorfismo alpino, ma furono profondamente coinvolti nella tettonica alpina (fig.13): questa fu caratterizzata da tre fasi deformative principali (Eoalpina, Mesoalpina e Neoalpina) che si svilupparono dal Cretaceo Sup. al Miocene Inf.-Med. La prima fase fu caratterizzata dalla subduzione di litosfera oceanica al di sotto della placca Adria tra il Cretaceo e l Eocene ( Ma), la seconda corrispose alla successiva collisione continentale sviluppatasi fra l Eocene e l Oligocene (60-35 Ma), mentre alla fase più recente (Oligocene-Miocene) sono collegati i sovrascorrimenti pellicolari. De Sitter e De Sitter-Koomans (1949) individuarono la struttura a pieghe e sovrascorrimenti delle Alpi Meridionali, caratterizzata dall accavallamento da N verso S di formazioni più antiche su formazioni più recenti lungo piani diretti E-W con immersione generalmente verso N (fig.7). Figura 13 - Schema tettonico delle Alpi Orobie (Bersezio et al.,1993) De Sitter (1963) e De Jong (1979) collegarono questa disposizione alla tettonica gravitativa, mentre Gaetani & Jadoul (1979) la collegarono alla tettonica compressiva, tentando una stima del raccorciamento crostale che valutarono superiore al 100% nelle Orobie Centrali. Questa stima fu poi rivalutata da Laubscher (1985 e 1990) e da Schonborn (1992) 16

23 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana grazie alla tecnica delle sezioni bilanciate. Questi Autori proposero anche un modello cinematico che prevede tre periodi principali nei quali avvennero gli accavallamenti. Oltre ai sovrascorrimenti, la deformazione alpina generò delle pieghe a grande scala, come l Anticlinale Orobica, l Anticlinale Trabuchello-Cabianca e l Anticlinale Camuna, con assi diretti WSW-ENE e considerate anticlinali di rampa (Laubscher, 1985 e 1990; Schonborn, 1992); nonché clivaggi di crenulazioni all interno delle rocce della successione sedimentaria permo-mesozoica da Cassinis et al. (1986), Albini et al. (1994) e da Cadel et al. (1996). 17

24 4. ARTICOLAZIONE DEL LAVORO In base all obiettivo che ci siamo proposti di raggiungere, abbiamo deciso di articolare in lavoro in queste parti: - Ricerca bibliografica: oltre alla ricerca di lavori scientifici di base comprendenti articoli e monografie riguardanti la geologia della Alpi Orobie Centrali, le mineralizzazioni legate agli ambienti vulcano-sedimentari, i CQM e il Conglomerato Basale in alta val Seriana e dei lavori di geotecnica come i rilevamenti geologici, le stratigrafie di dettaglio ed i sondaggi, è stata condotta anche la ricerca di notizie storiche di carattere minerario come permessi di ricerca e di coltivazione mineraria, di utilizzo di polvere da mina, e mappe di ubicazione di altoforni e di miniere. - Rilevamento geologico tematico: sono stati cartografati il contatto fra Basamento Cristallino e Formazione di Collio, gli affioramenti di CQM e di Conglomerato Basale e sono state compilate diverse stratigrafie per tentare di comprendere le relazioni intercorrenti fra le diverse formazioni geologiche. Inoltre sono state mappate le zone mineralizzate, i lavori minerari e le discariche ad loro associate. - Prospezione alluvionale: sono stati campionati i sedimenti alluvionali a valle di due miniere e in due zone incognite e da questi sono stati concentrati i minerali pesanti per osservarne affinità o differenze. - Laboratorio: è stato condotto uno studio petrografico speditivo delle litologie riconosciute su terreno ed uno studio minerografico qualitativo e comparativo delle mineralizzazioni non note rispetto a quelle già conosciute (Novazza e Coren del Cucì). I concentrati derivanti dalla prospezione alluvionale sono stati analizzati mineralogicamente attraverso diffrazione ai raggi X (XRD) e chimicamente attraverso spettroscopia ad assorbimento atomico (AAS). 18

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

I.2 Inquadramento geomorfologico

I.2 Inquadramento geomorfologico I.2 Inquadramento geomorfologico I.2.1 Domini geologici e lineamenti strutturali principali Il territorio della Provincia Autonoma di Trento è caratterizzato dal punto di vista geologico dalla presenza

Dettagli

L orogenesi appenninica

L orogenesi appenninica L orogenesi appenninica Introduzione L area mediterranea occidentale è un mosaico crostale i cui bacini sono nella maggior parte il risultato di una fase distensiva recente (Eocene-attuale), metre le catene

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo Classificazioni geomeccaniche Bieniawski (1989) Barton (1974) Caratterizzazione degli ammassi Hoek & Brown Barton Parametrizzazione geomeccanica Hoek & Brown Barton Dati utilizzati Confronto parametrizzazioni:

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica UBICAZIONE E GENERALITA L istanza di permesso di ricerca d..g.r-.np che si richiede è ubicata nel Canale

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

Successione Dora Maira

Successione Dora Maira Foglio Susa Si riconoscono i tre settori nei quali la linea TAV attraversa rocce amiantifere, e cioè la tratta di Mompantero (MO), la tratta di Condove (CO) e Monte Musinè (MU). Si intuisce l alto strutturale

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul

La cartografia della successione triassico-giurassica. F. Jadoul IL TERRITORIO DI BERGAMO NELLA NUOVA CARTOGRAFIA GEOLOGICA Museo Civico di Scienze Naturali BERGAMO La cartografia della successione triassico-giurassica F. Jadoul Foglio Lecco Foglio Clusone Foglio Breno

Dettagli

Che cosa sono? Che forma hanno?

Che cosa sono? Che forma hanno? Che cosa sono? Parti solide della crosta terrestre formate da Atomi - Ioni Molecole che sono disposti secondo un ordine Che forma hanno? Possono presentarsi in masse informi o sotto l aspetto di Poliedri

Dettagli

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576

ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 ATTI DEL MUSEO CIVICO DI STORIA NATURALE DI TRIESTE ISSN: 0365-1576 Atti Mus. civ. Stor. nat. Trieste STUDIO PRELIMINARE DI REPERTI OSSEI DI DINOSAURI DEL CARSO TRIESTINO TIZIANA BRAZZATTI (*) & RUGGERO

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Groupe de projet TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG-LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA _

Groupe de projet TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG-LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA _ 1.1 Definizione delle problematiche connesse allo scavo in rocce potenzialmente amiantifere 1.2 Premessa Il tracciato del Tunnel di Base (alternativa D) determina la necessità di indagare il settore d

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche

LE ROCCE. Lunedì 21 marzo 2011. Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche LE ROCCE Lunedì 21 marzo 2011 Prof Pierluigi Stroppa Corso di aggiornamento su rocce, minerali e fossili delle Marche COS È UN MINERALE? Un minerale è una sostanza naturale, generalmente solida, omogenea;

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche

Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche XII Congresso GeoSed Associazione Italiana per la Geologia del Sedimentario Sezione della Società Geologica italiana Cagliari

Dettagli

PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA

PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA nel Decennale della sua fondazione CONGRESSO sul tema PER UN NUOVO MANIFESTO DELLA GEOTERMIA - Prospettive di sviluppo della geotermia in Italia al 2030 - c/o CNR/Consiglio Nazionale delle Ricerche, Sala

Dettagli

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari

Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Prot. int. n UFVG2004/104 Eruzione Etna 2004 Analisi petrografiche e composizionali preliminari Rosa Anna Corsaro - Lucia Miraglia Il campionamento dei prodotti emessi nel corso dell eruzione etnea del

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata Centro di GeoTecnologie La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato

Dettagli

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali.

Le Rocce. Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Minerali e Rocce Le Rocce Le rocce sono corpi solidi naturali costituiti da un aggregazione di più sostanze dette minerali. Origine delle rocce Le Rocce La roccia è tutto ciò che forma la crosta terrestre,

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

L evoluzione del reticolo idrografico

L evoluzione del reticolo idrografico L evoluzione del reticolo idrografico romano e l urbanizzazione Uno studio dell uso del suolo in relazione al reticolo secondario del settore sud-est della Capitale, dall Unità d Italia ad oggi I depositi

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

La geologia dell Antartide

La geologia dell Antartide L evoluzione geologica L'Antartide è un continente unico non solo dal punto di vista climatico e ambientale ma anche da quello geologico. L'Antartide, infatti, si distingue dagli altri continenti per essere

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO RIVOLTA E GRASSI

STUDIO GEOLOGICO RIVOLTA E GRASSI 1. PREMESSA Su incarico del Committente è stata svolta un indagine geologica preliminare allo scopo di verificare la natura dei terreni, l assetto geologico e geomorfologico, nonché la presenza di eventuali

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

"Geoturismo in Italia" Primavera 2006

Geoturismo in Italia Primavera 2006 Associazione Geoturismo Società Geologica Italiana- Sez. Giovani Il presente itinerario è stato realizzato per la partecipazione al concorso: "Geoturismo in Italia" Primavera 2006 Una delle principali

Dettagli

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa

PANTELLERIA. 50 km. Ustica. Sicily. Pantelleria. Linosa PANTELLERIA L'isola di Pantelleria è situata nel Canale di Sicilia a 70 km dalla costa africana e a circa 100 km dalla costa sud-orientale siciliana. La sua superficie è di circa 83 kmq e la sua altezza

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

Lago (Comune di Montefiorino)

Lago (Comune di Montefiorino) Lago (Comune di Montefiorino) 12 Lineamenti generali L area di interesse è compresa tra la S.P. 32 in località Tolara-Serradimigni e il Torrente Dragone; in particolare, i siti di maggiore rilievo sono

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po

Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po SERVIZIO GEOLOGIA Misure altimetriche integrate a terra e satellitari per lo studio della subsidenza nel Delta del Po Prime considerazioni Riccardo Campana, Savino Cimarosto, Anna Galuppo, Enrico Schiavon,

Dettagli

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015

Problemi di simulazione della seconda prova di Scienze Esami di stato Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate 25 marzo 2015 Incastri Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella orientale sudamericana, notò una corrispondenza quasi perfetta.

Dettagli

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle

Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Deriva dei Continenti e Tettonica a Zolle Struttura della Terra Lo studio delle onde sismiche ha fatto ipotizzare agli scienziati che la Terra sia formata da :tre principali strati La crosta terrestre

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016

CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE. Cartografia Geologica. Lettura ed interpretazione delle carte geologiche A.A. 2015 2016 Università degli Studi di Cagliari Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche Facoltà Scienze Via Trentino, 51 09127 Cagliari CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE Cartografia Geologica Lettura ed interpretazione

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba

Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba 32 Convegno Nazionale Modello geotecnico della città di Santiago de Cuba Zulima C. Rivera Álvarez (1), Julio García Peláez (2), Dario Slejko (3), Angel Medina (4) 1 National Centre of Seismological Researches,

Dettagli

provincia di mantova

provincia di mantova PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE PRATI ARIDI : Quali rocce si ritrovano nel substrato dei prati? Da dove vengono? Come sono giunte fino a qui? Breve contributo alla conoscenza degli aspetti geomorfologici,

Dettagli

DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA

DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA DEFINIZIONE E OBBIETTIVI DELLA STRATIGRAFIA Lo scopo della stratigrafia é quello di ordinare nel tempo e nello spazio i diversi corpi litologici che costituiscono la porzione accessibile della crosta terrestre;

Dettagli

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE

CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE CAPITOLO 2 FORMAZIONE DELLE ROCCE LE ROCCE SI SONO ORIGINATE IN TRE MODI : Per solidificazione dei magmi Per deposizione sedimentaria Per metamorfismo di rocce preesistenti Il "Ciclo delle Rocce", proposto

Dettagli

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione)

Fondali oceanici. Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piattaforma continentale Scarpata continentale Dorsali oceaniche Fondali oceanici Fosse oceaniche Fosse: profonde fino a 11.000m. Dove il fondale si consuma (subduzione) Piana abissale -6000m Piattaforma

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI

PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI PROGETTO LS-OSA CORREZIONE QUESITO DI SCIENZE DELLA TERRA INCASTRI INCASTRI Studiando la Deriva dei Continenti, abbiamo appreso come Wegener, osservando le linee della costa occidentale africana e di quella

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

Carte del grado di alterazione in rocce cristalline: aspetti metodologici ed applicativi

Carte del grado di alterazione in rocce cristalline: aspetti metodologici ed applicativi CICLO DI SEMINARI RICERCA, ALTA FORMAZIONE E MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO IN CALABRIA Università della Calabria Novembre 2009 Giugno 2010 Carte del grado di alterazione in rocce cristalline: aspetti

Dettagli

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente

1. OBIETTIVI DIDATTICI. Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente 1. OBIETTIVI DIDATTICI Corso di Rilevamento Geologico Docente: Prof. Torrente OBIETTIVI: sviluppare capacità di intepretare e fare 1. Visione 3D degli oggetti geologici 2. Si parte da carta e sezioni geologiche

Dettagli

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012

Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Studio sulla presenza di Aedes albopictus (Zanzara Tigre) nella provincia di Bergamo Anno 2012 Raffaello Maffi* - Marco Valle** - Giancarlo Malchiodi* - Melania Massaro** Omar Lodovici** * Dipartimento

Dettagli

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico

Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico corpo idrico sotterraneo: del Siracusano meridionale b) Caratteristiche geografiche, geologiche, idrogeologiche Localizzazione geografica e morfologia del corpo idrico Localizzazione geografica L acquifero

Dettagli

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Sergio Mancini geologo - Università di Siena Nell entroterra della provincia di La

Dettagli

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea

Prof. Alessandro Sbrana Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Pisa Energea Geo4P Geotermia - Progetto Pilota Piana Pisa Progetto pilota per lo sviluppo di una metodologia innovativa finalizzato alla valutazione quantitativa delle risorse geotermiche a bassissima, bassa e media

Dettagli

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo

un insieme di discipline che consentono di conoscere Terra e formano la figura professionale del geologo SCIENZE GEOLOGICHE 13-1414 Febbraio 2014 Legnaro-Agripolis SCIENZE GEOLOGICHE LAUREA DI 1 LIVELLO LAUREA MAGISTRALE Geologia e Geologia Tecnica (2 anni) DOTTORATO DI RICERCA Scienze della Terra (3 anni)

Dettagli

EDIFICIO MONOCELLULARE A PENTEDATTILO (RC)

EDIFICIO MONOCELLULARE A PENTEDATTILO (RC) Università di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Corso di laurea in Architettura Restauro dell architettura Corso di Comportamento dei materiali murari prof.. P. Trovalusci

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Analisi del contenuto di radioattività delle principali

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93)

LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) LE MINERALIZZAZIONI SECONDARIE NELLA GROTTA DEL FUMO (ERUZIONE ETNEA DEL 1991/93) Antonio Marino Centro Speleologico Etneo, via Cagliari 15-95127 Catania, Italia Riassunto La Grotta del Fumo, parte iniziale

Dettagli

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale.

Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Il Castello del borgo di Grotteria tracce di storia medioevale fra gli affioramenti messiniani della Locride, Calabria Jonica Meridionale. Angela Alfieri, Domenico Carrà, Giuseppe Lanzo, Domenico Monteleone,

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA -

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - Relazione n. 3316 Maggio 2012 1. PREMESSA 2 Il presente documento illustra i dettagli operativi e i risultati

Dettagli

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare

Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Acque dalle rocce: una risorsa e un valore locale da tutelare Maria Teresa De Nardo, Stefano Segadelli (Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli, RER) Luca Marcone (Autorità di Bacino Interregionale Marecchia-Conca)

Dettagli

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c)

Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Analisi delle malte originali e di rifacimento del mosaico di controfacciata nella chiesa di Santa Sabina (V sec. d.c) Paola Santopadre, Pierluigi Bianchetti, Giancarlo Sidoti La composizione e la tessitura

Dettagli

IL PROFILO DEL SUOLO

IL PROFILO DEL SUOLO Cognome... Nome... IL PROFILO DEL SUOLO Se scaviamo una buca abbastanza profonda in un terreno, osserviamo che la parete tagliata presenta una successione di strati, di diverso colore e struttura, che

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis)

GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO D.Lgs 152/2006; Legge 98/2013 (art.41 e 41 bis) REGIONE VENETO - PROVINCIA VERONA COMUNE DI MALCESINE PROGETTO: Lavori di adeguamento normativo finalizzati al conseguimento del C.P.I. vie di esodo presso il Castello di Malcesine e realizzazione di una

Dettagli

La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e

La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e P rogetto AET TiGeo La ricerca di fonti energetiche nel sottosuolo del Ticino m e r i d i o n a l e Azienda Elettrica Ticinese Viale Officina 10 6500 Bellinzona Il progetto AET TiGeo intende esaminare

Dettagli

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 2007 Tav. O Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 RELAZIONE GEOLOGICA E ANALISI GEOTECNICA DEL TERRENO Adottato con Del. di C.C. N. 82

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti

CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA P. Trefiletti CORSO DI GEOLOGIA APPLICATA-Cremona SISTEMA IDROLOGICO Un sistema idrologico è un sistema dinamico che rappresenta una frazione del ciclo globale dell acqua

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI

RIFERIMENTI NORMATIVI INDICE 1. INTRODUZIONE pag. 2 2. RIFERIMENTI NORMATIVI pag. 2 3. STRUTTURA GEOLOGICA DEL SITO pag. 2 4. PROGETTO DELLE INDAGINI GEOGNOSTICHE pag. 3 5. RISULTATI PROVE DI LABORATORIO / IN SITO pag. 4 6.

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA

RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA RELAZIONE FINALE DELLE ANALISI RELATIVE ALLA STATUA DI CASSIUS APPARTENENTE ALLA COLLEZIONE DI PALAZZO LANCELLOTTI AI CORONARI, ROMA Dott.ssa Anna Maria MECCHI Dott.ssa Susanna BRACCI Dott. Fabio FRATINI

Dettagli