CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI TRA BASAMENTO CRISTALLINO E FORMAZIONE DI COLLIO IN ALTA VALLE SERIANA: INDAGINI GEOLOGICHE, MINEROGRAFICHE E GEOCHIMICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI TRA BASAMENTO CRISTALLINO E FORMAZIONE DI COLLIO IN ALTA VALLE SERIANA: INDAGINI GEOLOGICHE, MINEROGRAFICHE E GEOCHIMICHE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA A.DESIO SEZIONE DI MINERALOGIA PETROLOGIA GEOCHIMICA E GIACIMENTI MINERARI CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI TRA BASAMENTO CRISTALLINO E FORMAZIONE DI COLLIO IN ALTA VALLE SERIANA: INDAGINI GEOLOGICHE, MINEROGRAFICHE E GEOCHIMICHE Diego SERVIDA Matr Relatore: Prof. Ida VENERANDI Correlatori: Dott. Luisa DE CAPITANI Prof. Franco RODEGHIERO Dott. Daniele RAVAGNANI Anno Accademico

2

3 - Riassunto - Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana: indagini geologiche, minerografiche e geochimiche Si è voluto studiare dal punto di vista geo-giacimentologico e minerografico i Corpi Quarzosi Mineralizzati (CQM) a Fe e solfuri misti che affiorano nei pressi di Gromo e di Gandellino, in alta valle Seriana (provincia di Bergamo). L area di studio si trova nel dominio Sudalpino, nell unità tettonica detta Anticlinale Trabuchello- Cabianca. A partire dal nucleo, questa è costituita dal Basamento Cristallino (BC) pre-carbonifero (micascisti, paragneiss, quarziti ed anfiboliti) e dalle coperture vulcano-sedimentarie permo-carbonifere, che sono costituite dalle formazioni del Conglomerato Basale (CB), della Formazione di Collio (FC) e del Verrucano Lombardo (VL). Durante il rilevamento personale si è constatato che i CQM si trovano al contatto fra BC e FC e sono costituiti da una breccia di micascisti fratturati e silicizzati. Ora, con un rilevamento geologico di dettaglio, si è verificato che i CQM affiorano in un area di soli 9 km 2. Tali corpi sono numerosi e sempre associati a faglie NW-SE; sono distinti l uno dall altro, sono spessi fino a 30 m e si allungano fino a 200 m. Sono stati studiati i rapporti tra i CQM e le altre formazioni, poiché gli Autori precedenti o non hanno distinto i CMQ dal CB (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949) o li hanno compresi nel BC (AA.VV., 2001). Si è accertato che il contatto fra BC e CQM è graduale, mentre quello fra i CQM e la sovrastante FC è netto; i CQM affiorano in punti diversi dal CB. L interesse verso i CQM è accresciuto dal fatto che essi ospitano mineralizzazioni a Fe e solfuri misti, oggetto di coltivazione in epoche remote. Di tali attività vi sono scarse notizie, ma per contro permangono molte evidenze sul terreno. Si tratta di imbocchi di gallerie, discenderie, assaggi, discariche, che testimoniano anche nelle tipologie di scavo l evoluzione delle tecniche minerarie. Nel corso di questo lavoro sono state rilevate e descritte anche altre mineralizzazioni metallifere poco note, sia nella FC ( miniere Lanzeni, Frera, Gallo ) sia nei CQM (miniera Vedriol ). Le mineralizzazioni dei CQM di Gromo sono state studiate sotto l aspetto minerografico da Zecchin (2000), da Cusmà (2001) e da De Capitani e altri (2003). Questo approccio è stato qui approfondito ed esteso alle principali mineralizzazioni individuate. Ne risulta ai Lanzeni una paragenesi a Pb-Zn-Fe (galena, blenda e siderite), alla Frera una paragenesi a Cu-Zn-Fe-Ni-As (calcopirite, blenda, gersdorffite e siderite), al Vedriöl un associazione Cu-Pb-Fe-As-Sb (tetraedrite, calcopirite, arsenopirite, pirite, galena e siderite). Considerato che molta parte dell'area di studio è coperta da vegetazione e da depositi quaternari si è attuato un test di prospezione alluvionale su alcune aste torrentizie, prelevando sedimenti nei tratti a valle di mineralizzazioni note e in zone dove le mineralizzazioni avrebbero potuto essere mascherate. I campioni sono stati sottoposti a concentrazione gravitativa e sono stati analizzati mediante assorbimento atomico (Zn-Pb-Cu- Ni-Co-Cd-Ag) e diffrattometria RX. I dati confermano l assenza di CQM al di fuori della zona ristretta tra Gromo e Gandellino. In conclusione si formulano tre ipotesi genetiche per i CQM: 1) I CQM possono essere corpi sedimentari e il risultato dell inquarzamento e della mineralizzazione del CB dovute ad antiche circolazioni di acque di falda lungo l originario il limite di permeabilità costituito dal contatto (unconformity) tra BC ed FC. La stessa posizione stratigrafica dei CQM e del CB giusticherebbe questa ipotesi, ma vi è contro la sostanziale differenza litologica tra le due unità. Il ritrovamanto di strutture di deposizione gravimetrica (concentrazione di granati) è pure a favore di questa ipotesi. 2) I CQM possono essere corpi filoniani legati a processi idrotermali s.s. (vicinanza temporale e stratigrafica col vulcanismo permiano). A favore di questa ipotesi è il fatto che i CQM sono correlati a faglie e la forte analogia tessiturale con le brecce tettoniche. 3) I CQM possono essere una breccia vulcano-tettonica del magmatismo permiano; la struttura calderica cui sarebbe legata è stata ricostruita da Ravagnani (1980). Ciò darebbe ragione sia della tessitura della roccia sia della sua posizione stratigrafica e della localizzazione limitata dei CQM.

4

5 - Abstract - Geological, Minerographic and Geochemical Studies on Mineralized Quartz Bodies Between Cristalline Basement and Collio Formation in the Bergamo District (Alta Valle Seriana, Italy) The goal of this project is to examine quartz bodies hosting deposits of iron and sulphides (CQM) and which are located near the villages of Gromo and Gandellino in the Bergamo district (alta valle Seriana, Italy). The characteristics considered are of geological and minerographic nature. The area is situated in the southern Alps, in the tectonic unit called Anticlinale Trabuchello-Cabianca. The latter is composed of Pre-carboniferous Cristalline Basement (BC - micaschists, paragneiss, quarzites and amphibolites and of permo-carboniferous covers consist of Basal Conglomerate (CB), Collio Formation (FC) and Verrucano Lombardo (VL). The position and composition of the CQM were determined during a previous survey. The CQM lay inside the BC or between the BC and the FC. They are characterized by somewhat jointed and silicified micaschists with a breccia texture. This investigation adds new information: - The CQM outcrop in a narrow area (9 km 2 ) between the villages of Gromo and Gandellino. - The bodies are numerous and they are isolated from one another. - The maximum thickness is 30 meters and their lenght can reach 200 meters - They are related to NW-SE faults. Another interesting topic is the structural-stratigraphical relationship between the CQM and the other formations present in the area. Previous works incorporate the CQM in the CB (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949) or in the BC (AA.VV., 2001). The survey showed that there is a sharp boundary between the CQM and the overlaying FC; the boundary between the CQM and the BC, on the other hand, is not well defined. No outcrops were found displaying direct relationships between CQM and CB. The scientific interest in CQM arises from the fact that they host iron and sulphides ore deposits, which were exploited in the past. There is no evidence of old mines in historical documents or in scientific research, but it is possible to find remnants of old mines (such as tunnel entrances, inclined shafts, assays and dumps) in the area, which show the evolution of the mining method. The Vedriol mine exploite ore host in CQM. In addition to this mineralization, other kinds of ore deposits are identified and described. They show similar ore mineral association to CQM but there geological context is different, as they are related to FC (Lanzeni s, Frera s and Gallo s mines). CQM s mineralization in the Gromo surroundings was already studied by Zecchin in 2000, by Cusmà in 2001 and by De Capitani et al. (2003). The present work investigates the subject in detail by means of a minerographic study done on all the orebodies found: Vedriol mineralization is characterized by a Cu-Pb-Fe-Sb-As association, composed by tetrahedrite, chalcopyrite, arsenopyrite, pyrite, galena and siderite; Lanzeni is characterized by a Pb-Zn-Fe association, composed by galena, sphalerite and siderite; and Frera is characterized by a Cu-Zn-Fe-Ni- As association, composed by chalcopyrite, sphalerite, gersdorffite, siderite. Since most of the area is covered with vegetation and quaternary sediments, it is impossible to evaluate the extention and of the CQM. Therefore, it was decided to prospect alluvional deposits, downstream from wellknown mineralized zones, and to consider them as a standard for the other areas. After a concentration treatment, the samples were analysed by AAS (Zn-Pb-Cu-Ni-Co-Cd-Ag) and XRD: the experimental data confirm the hypothesis that CQM are present only in the area between Gromo and Gandellino. Three hypotheses are suggested for the formation of CQM: 1) The CB was silicified and mineralized by groundwaters. This justifies the complete absence of the CB from the Gromo-Gandellino area and the presence of the CQM in its place. However, the hypothesis is discarded because the two formations are lithologically different and from gravimetric deposition structures find in CQM. 2) The CQM are veins related to hydrothermal processes. The correlation between CQM and NW-SE trending faults, and their fabric similarity to a tectonic breccia are the main supporting arguments for this assumption, but the presence of garnets placer suggests otherwise. 3) Finally, the CQM can be considered a calderic collapse breccia, produced during Permian volcanism. The calderic structure, described by Ravagnani (1980), explains the rock fabric and stratigraphical position. Although this hypothesis seems the most probable, it contradicts the evidence that quartz does not intersect with FC.

6

7 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana INDICE 1. PREMESSA INQUADRAMENTO GEOGRAFICO 4 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO ARTICOLAZIONE DEL LAVORO RICERCA BIBLIOGRAFICA RILEVAMENTO GEOLOGICO BASAMENTO CRISTALLINO CONGLOMERATO BASALE FORMAZIONE DI COLLIO CORPI QUARZOSI MINERALIZZATI ALTRE LITOLOGIE DEPOSITI QUATERNARI ASSETTO STRUTTURALE MINERALIZZAZIONI E LAVORI MINERARI STUDIO MINEROGRAFICO PROSPEZIONE ALLUVIONALE ANALISI GEOCHIMICHE ANALISI MINERALOGICHE CONCLUSIONI 104 1

8 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 1. PREMESSA Questa tesi di laurea è nata in seguito ai dati ed agli interrogativi emersi dal rilevamento geologico svolto lo scorso anno nei pressi di Gromo (BG) in alta valle Seriana (Servida, 2003). Quest area è caratterizzata dalla presenza di corpi quarzosi mineralizzati (CQM) a ferro e solfuri misti che presentano ancora oggi tracce di un antica attività estrattiva. Poiché le uniche indagini svolte fino ad ora su questi corpi sono state di carattere minerografico (Zecchin, 2000; Cusmà Piccione, 2001) e bio-geochimico (Musazzi, 2000), è sembrato opportuno tentare di conoscerne meglio i caratteri geologici, stratigrafici e strutturali. Dalla prima campagna di rilevamento è emerso che: - i CQM sono numerosi, tra loro isolati e di dimensioni variabili: il loro spessore è nell ordine della decina di metri, il loro sviluppo laterale nell ordine delle centinaia di metri. - i CQM affiorano su entrambi i lati dell alta valle Seriana, non intersecano mai la Formazione di Collio, ma si trovano sempre nel Basamento Cristallino o meglio al contatto fra il Basamento Cristallino e la Formazione di Collio. - i CQM sono sempre correlati a faglie che hanno direzione NW-SE. - il contatto stratigrafico fra il Basamento Cristallino e i CQM è graduale, mentre il passaggio alle rocce della Formazione di Collio è netto. - dalla sola osservazione dei caratteri mesoscopici delle rocce sembra di poter affermare che deposizione del quarzo sia avvenuta successivamente agli eventi metamorfici che hanno interessato il Basamento Cristallino. Un primo interrogativo riguarda la natura dei CQM: sono dei filoni idrotermali l.s. o sono corpi sedimentari silicizzati da circolazioni di falda? Un secondo quesito riguarda le relazioni 1

9 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana che intercorrono fra i CQM e l unità detta Conglomerato Basale: i CQM appartengono a questa stessa formazione geologica, che dunque in alcuni punti avrebbe subito silicizzazione e mineralizzazione, oppure si tratta di formazioni geneticamente diverse? In molte carte geologiche dell alta valle Seriana (Weeda, 1936; Swolf, 1938; Raasveldt, 1939; De Sitter & De Sitter Koomans, 1949) i CQM non risultano distinti e in pratica vengono spesso assimilati al Conglomerato Basale. Per tale motivo si è ritenuto opportuno estendere il rilevamento geologico a tutta l area seriana (circa 100 km 2 ) di affioramento del Conglomerato Basale e/o del contatto tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio. Il rilevamento geologico è stato preceduto e accompagnato da una ricerca bibliografica svolta presso archivi storici pubblici, come l archivio di Stato di Bergamo, l archivio storico della Diocesi di Bergamo, l archivio storico del Comune di Gromo, la biblioteca civica A.May di Bergamo e presso archivi privati, con lo scopo di ricavare utili informazioni sui siti minerari, come possibili affioramenti di CQM. Lo studio si è avvalso anche di analisi petrografiche eseguite su alcuni campioni di rocce nei casi in cui la sola osservazione mesoscopica non consentisse di stabilirne la natura litologica. Lo studio minerografico si propone di approfondire la conoscenza della mineralizzazione dei CQM, in parte già nota, e di confrontarla con quelle presenti nel Basamento Cristallino, nel Conglomerato Basale e nella Formazione di Collio. Durante il rilevamento geologico è stato mappato il drenaggio superficiale della zona per condurre una campionatura dei sedimenti alluvionali al fine di individuare, attraverso l analisi mineralogica (XRD) e geochimica (AAS) dei concentrati di minerali pesanti, la presenza di eventuali corpi mineralizzati sotto copertura. 2

10 Corpi quarzosi mineralizzati tra Basamento Cristallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 2. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO La zona interessata da questo studio si trova in alta valle Seriana, in provincia di Bergamo, e comprende i territori dei comuni di Gromo, Valgoglio, Gandellino e Valbondione. Oltre all asse vallivo principale, i rilevamenti si sono sviluppati nelle valli del Goglio, del Grabiasca, del fiume Nero, del Sedornia e del Bondione, principali tributarie sinistre del Serio. A grandi linee l area può essere delimitata dal passo Portula ad W, dal Lago del Barbellino a N, dalla valle Sedornia ad E e dall abitato di Novazza (Valgoglio) a S. FIUMENERO LIZZOLA VALGOGLIO GROMO GANDELLINO Figura 1 - Area di studio evidenziata in nero; in rosso è indicato il sentiero Alto Serio 1

11 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO L area oggetto della tesi fa parte delle Alpi Meridionali, una catena a pieghe e sovrascorrimenti S-vergenti estesa dal Canavese al Bacino Pannonico, lunga circa 700 km e di larghezza variabile da meno di 50 km a 150 km (fig.2). Figura 2 Carta geologico-tettonica delle Alpi (Frey et al., 1974) Le Alpi Meridionali sono costituite da nuclei ercinici, metamorfici e non, e da una successione di sedimenti permo-mesozoici e cenozoici deformati, ma non metamorfosati, durante diverse fasi dall Eocene al Pliocene. Sono distinguibili tre zone strutturali nelle Alpi Meridionali: una zona occidentale, comprendente Canavese e Ivrea-Verbano, una zona centrale o Lombarda, e una zona orientale, costituita dalle sotto-zone Giudicariense, Dolomitico-Lessinea e Carnico-Friulana. Da W ad E Queste zone sono caratterizzate da un raccorciamento crostale decrescente e da un associata variazione del grado metamorfico, da facies granulitica-anfibolitica alta fino a nullo, delle rocce costituenti i rispettivi Basamenti Cristallini. 5

12 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Questa catena orogenica è separata da quella delle Alpi s.s. a N mediante la Linea Insubrica, che, nelle diverse zone strutturali, prende il nome di Linea del Canavese, Linea del Tonale, Linea delle Giudicarie e Linea della Pusteria-Gailtal. Si pensa che le Alpi Meridionali siano state il settore più avanzato verso N del margine continentale africano (Argand, 1924; Channel et al., 1979). In particolare, la tesi prende in considerazione un area situata nel settore Orobico Centrale, facente parte delle Alpi Meridionali Centrali o Lombarde, studiato geologicamente all inizio del XX secolo da Porro (1903; fig.3), negli anni 30 e 40 dall Università olandese di Leida (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949; fig.4) e recentemente oggetto di studio da parte degli Autori della Carta Geologica della Provincia di Bergamo (AA.VV., 2001; fig.5). Questo settore delle Alpi Meridionali è costituito dal basso verso l alto dal Basamento Cristallino, da una copertura vulcano-sedimentaria terrigena di età carbonifero-permiana e da una copertura sedimentaria carbonatica di età mesozoica. Il Basamento Cristallino è costituito da micascisti, denominati Scisti di Edolo, e da paragneiss, denominati Gneiss di Morbegno, entrambi derivanti da rocce arenaceo-pelitiche probabilmente risalenti al Paleozoico Medio, intercalati a lenti di quarziti, metagranitoidi, metabasiti e marmi. La successione carbonifero-permiana è costituita dal Conglomerato Basale (Carbonifero Sup.? - Permiano Inf.), sormontato dagli strati vulcano-sedimentari e lacustri della Formazione di Collio (Permiano Inf.) e dai sedimenti fluviali del Verrucano Lombardo (Permiano Sup.) (fig.6). Il Conglomerato Basale è una formazione costituita da brecce e conglomerati derivanti dallo smantellamento del Basamento Cristallino, con continuità laterale spesso ridotta, sovrapposta in unconformity al Basamento Cristallino metamorfico. 6

13 1km 1km Diego Servida Università degli Studi di Milano Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 7 Figura 3 Carta geologica delle Alpi Orobie: particolare dell'alta valle Seriana. Il Conglomerato Basale è indicato in rosso (Porro, 1903) Figura 4 Carta geologica delle Alpi Orobie: particolare dell alta valle Seriana. Legenda: BC=Basamento Cristallino, CB=Conglomerato Basale, FC=Formazione di Collio (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949)

14 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana 2 km Figura 5 Carta geologica della provincia di Bergamo: particollare dell'alta valle Seriana 1=Basamento Cristallino, 8=Conglomerato Basale, 9=Formazione di Collio (AA.VV., 2001) La Formazione di Collio è costituita, nella parte inferiore, da una ripetizione ritmica di vulcaniti acide tipo ignimbriti riolitiche e di strati conglomeratico-arenacei e, nella parte superiore, da conglomerati, arenarie e siltiti di colore nero. Risulta essere sovrapposta in paraconformity al Conglomerato Basale ed in unconformity al Basamento Cristallino. Il Verrucano Lombardo è costituito anch esso da conglomerati, arenarie e siltiti dal tipico colore rosso-violaceo ed è sovrapposto in angular disconformity al Formazione di Collio. Sovrapposta alla successione carbonifero-permiana vi è quella mesozoica, che ha inizio con il Servino (Scitico) ed è caratterizzata da un alternanza di formazioni carbonatiche di scogliera e di formazioni terrigene di fondo bacinale. 8

15 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Figura 6 Successione stratigrafica permiano-triassica lombarda (De Jong, 1979) Nelle Orobie Centrali non affiora la Serie Lombarda completa e continua ma, grazie ad una successione di accavallamenti caratterizzati da piani di sovrascorrimento con direzione WSW-ENE e immergenti a S, affiorano, da N a S, quattro thrust sheets costituiti nell ordine da Basamento Cristallino, da Basamento Cristallino e copertura carbonifero-permiana, da copertura mesozoica e da copertura cenozoica (De Sitter & De Sitter Koomans, 1949; fig.7). 4 thrust sheet / 3 thrust sheet / 2 thrust sheet / 1 thrust sheet Figura 7 Sezione geologica interpretativa delle Alpi Orobie diretta N-S; sono evidenziati i 4 thrust sheets (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949) 9

16 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Il nostro interesse è focalizzato sulla parte meridionale del terzo thrust sheet, delimitato a N dalla Linea Orobica-Linea della Gallinera e a S dalla Linea della Valtorta-Linea della Valcanale. In questa zona, grazie ad una delle strutture anticlinali, denominata Trabuchello- Cabianca, facente parte delle Anticlinali Orobiche, affiorano i termini più antichi della Serie Lombarda e il loro contatto stratigrafico con il Basamento Cristallino. Evoluzione paleogeografica-strutturale delle Alpi Orobiche Le rocce arenaceo-pelitiche paleozoiche formanti il margine settentrionale della placca Adria (Argand, 1924; Channel et al., 1979), furono metamorfosate e deformate durante l orogenesi varisica nel tardo Paleozoico (Mottana et al., 1985) e generarono i paragneiss e i micascisti costituenti l attuale Basamento Cristallino del settore Orobico Centrale. Queste rocce metamorfiche recano le tracce di due fasi deformativo-metamorfiche: la prima, caratterizzata da metamorfismo in facies anfibolitica, ha prodotto una scistosità, marcata da biotite rosso-bruna e da muscovite, e pieghe sradicate ; la seconda, caratterizzata da retrocessione in facies scisti verdi, ha prodotto una nuova scistosità, marcata da biotite verde, muscovite e clorite, e pieghe a scala da centimetrica a chilometrica (Cassinis et al.,1986; Albini et al., 1994; Cadel et al., 1996). Dopo il picco metamorfico varisico, tutte Alpi Meridionali furono interessate dal collasso orogenico e da una fase tettonica, estensionale secondo Arthaud e Matte (1975), transtensiva secondo De Sitter e De Sitter-Koomans (1949) e Massari (1986), che generò una serie di zone rilevate o dorsali, alternate a zone depresse o bacini allungati in direzione WSW-ENE (fig.8). La zona Orobia, compresa nel Bacino Lombardo, fu caratterizzata dalla formazione del Bacino del Collio, costituito da una serie complessa di bacini tettonici di tipo graben asimmetrico come il Bacino Orobico ad W, il Bacino Trabuchello-Cabianca al centro (fig.9) e il Bacino Camuno ad E, separati tra loro da zone di alto strutturale. L intero sistema di bacini 10

17 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana presenta, attualmente, una morfologia allungata in direzione WSW-ENE nella zona del Bacino Orobico, SSW-NNE nella zona del Bacino Camuno. Figura 8 Sezione geologica dei bacini permiano-triassici alpini (De Jong, 1979) Il Bacino Trabuchello-Cabianca, caratterizzante il settore Orobico Centrale, è stato descritto da Cadel (1986) come una struttura complessa, allungata in direzione WSW-ENE, derivante dalla sovrapposizione di una struttura calderica, già delineata da Ravagnani (1980) e da un graben stretto e lungo. Questo bacino è delimitato da faglie profonde talora riconosciute come faglie erciniche riattivate. Figura 9 Tentativo di ricostruzione dei bacini permiani nelle Alpi Meridionali (Schonborn, 1992) 11

18 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana L erosione delle rocce costituenti le dorsali portò al progressivo riempimento dei bacini da parte di materiale terrigeno: il primo prodotto di deposizione fu il Conglomerato Basale, un cuneo costituito da sedimenti terrigeni continentali di spessore variabile da zero a 120 metri, che si chiude verso S (Cadel et al., 1996) e interpretato come una conoide fluviale (De Sitter & De Sitter-Koomans, 1949), impostatosi nel Permiano Inf. La sedimentazione del Conglomerato Basale fu contemporanea all attivazione di una serie di faglie ad estensione regionale (Cadel et al., 1996) e a un vulcanismo di tipo esplosivo, caratterizzato da colate ignimbritiche a chimismo riolitico e da tufi piroclastici, che si accompagnarono alla tettonica estensionale ed alla sedimentazione nel Permiano Inferiore nel bacino del Collio (Cassinis et al., 1986). La sedimentazione nel bacino del Collio fu fortemente influenzata nelle sue componenti dal vulcanismo esplosivo, che diede un carattere vulcano-clastico a molti degli orizzonti sedimentari del Collio. Nella Formazione di Collio sono identificabili due fasi di intensa attività vulcanica, sotto forma di banchi ignimbritici, intervallate da un periodo di quiescenza testimoniato da una superficie di disconformity all interno della formazione stessa (Ravagnani, 1980; Cadel et al., 1986; Cadel et al., 1987 e 1996; fig.10). Le caratteristiche della Formazione di Collio nelle Alpi Orobiche Centrali furono legate a due fasi principali di risorgenza e di collasso dell apparato vulcanico, testimoniate dallo sviluppo di strutture calderiche. Una di queste, identificata da Ravagnani (1980) in alta val Seriana (fig.11), fu descritta anche da Cadel (1986) come una struttura di 9 km x 20 km delimitata da tre faglie principali con direzioni E-W, N60E e N60W e fu parzialmente cartografata da Cadel et al. (1996). 12

19 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Figura 10 Successioni e correlazioni stratigrafiche della Formazione di Collio in Alta Val Seriana (Origoni Giobbi et al., 1981) Legate all attività vulcanica sono state riconosciute diverse famiglie di faglie (Ravagnani, 1980; Origoni Giobbi et al., 1981; Cadel, 1986; Cassinis et al., 1986; Cadel et al., 1996) e varie tipologie di mineralizzazioni idrotermali diffuse in tutto il Sudalpino (Chiesa et al., 1993; Cassinis et al., 1986). Nell area orobica mancano gli affioramenti dei plutoni granitici coevi e geneticamente connessi con il vulcanismo permiano, presenti però in altri settori del Sudalpino Lombardo come, per esempio quello della Val Biandino. 13

20 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Figura 11 Ricostruzione 3D della struttura calderica nei pressi di Novazza (Ravagnani, 1980) Dopo il definitivo collasso della caldera vi fu un momento di stasi dell attività tettonica che fu interrotto nel Permiano Superiore dalla riattivazione delle faglie e dello stesso bacino tettonico, il quale, entro strutture tipo semi-graben, fu riempito dai conglomerati di ambiente fluviale continentale del Verrucano Lombardo (Casati e Gnaccolini, 1967). 14

21 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Dopo la deposizione del Verrucano Lombardo, durante il Trias Inf. si ebbe un approfondimento di questi bacini tettonici fino ad arrivare all ingressione marina e alla sedimentazione dei primi prodotti di mare basso, come quelli del Servino. In seguito, nel Trias Med. e nel Trias Sup. si crearono condizioni per la formazione di piattaforme carbonatiche estese su tutto il Sudalpino, disturbate solamente durante il Ladinico da attività magmatica di tipo subvulcanico a chimismo basico-intermedio. Durante il Giurassico, si passò al progressivo approfondimento del bacino (fig.12) fino all apertura dell oceano Ligure-Piemontese, parte della Tetide, la cui chiusura segnò in tutta l Italia Settentrionale l inizio del ciclo orogenico alpino. Figura 12 Diagramma stratigrafico che mostra lo spessore relativo delle formazioni permiano-triassiche lombarde (Schonborn, 1992) 15

22 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana Il basamento metamorfico e la copertura permo-mesozoica nel Sudalpino furono interessati molto marginalmente dal metamorfismo alpino, ma furono profondamente coinvolti nella tettonica alpina (fig.13): questa fu caratterizzata da tre fasi deformative principali (Eoalpina, Mesoalpina e Neoalpina) che si svilupparono dal Cretaceo Sup. al Miocene Inf.-Med. La prima fase fu caratterizzata dalla subduzione di litosfera oceanica al di sotto della placca Adria tra il Cretaceo e l Eocene ( Ma), la seconda corrispose alla successiva collisione continentale sviluppatasi fra l Eocene e l Oligocene (60-35 Ma), mentre alla fase più recente (Oligocene-Miocene) sono collegati i sovrascorrimenti pellicolari. De Sitter e De Sitter-Koomans (1949) individuarono la struttura a pieghe e sovrascorrimenti delle Alpi Meridionali, caratterizzata dall accavallamento da N verso S di formazioni più antiche su formazioni più recenti lungo piani diretti E-W con immersione generalmente verso N (fig.7). Figura 13 - Schema tettonico delle Alpi Orobie (Bersezio et al.,1993) De Sitter (1963) e De Jong (1979) collegarono questa disposizione alla tettonica gravitativa, mentre Gaetani & Jadoul (1979) la collegarono alla tettonica compressiva, tentando una stima del raccorciamento crostale che valutarono superiore al 100% nelle Orobie Centrali. Questa stima fu poi rivalutata da Laubscher (1985 e 1990) e da Schonborn (1992) 16

23 Corpi quarzosi mineralizzati fra Basamento Critallino e Formazione di Collio in alta valle Seriana grazie alla tecnica delle sezioni bilanciate. Questi Autori proposero anche un modello cinematico che prevede tre periodi principali nei quali avvennero gli accavallamenti. Oltre ai sovrascorrimenti, la deformazione alpina generò delle pieghe a grande scala, come l Anticlinale Orobica, l Anticlinale Trabuchello-Cabianca e l Anticlinale Camuna, con assi diretti WSW-ENE e considerate anticlinali di rampa (Laubscher, 1985 e 1990; Schonborn, 1992); nonché clivaggi di crenulazioni all interno delle rocce della successione sedimentaria permo-mesozoica da Cassinis et al. (1986), Albini et al. (1994) e da Cadel et al. (1996). 17

24 4. ARTICOLAZIONE DEL LAVORO In base all obiettivo che ci siamo proposti di raggiungere, abbiamo deciso di articolare in lavoro in queste parti: - Ricerca bibliografica: oltre alla ricerca di lavori scientifici di base comprendenti articoli e monografie riguardanti la geologia della Alpi Orobie Centrali, le mineralizzazioni legate agli ambienti vulcano-sedimentari, i CQM e il Conglomerato Basale in alta val Seriana e dei lavori di geotecnica come i rilevamenti geologici, le stratigrafie di dettaglio ed i sondaggi, è stata condotta anche la ricerca di notizie storiche di carattere minerario come permessi di ricerca e di coltivazione mineraria, di utilizzo di polvere da mina, e mappe di ubicazione di altoforni e di miniere. - Rilevamento geologico tematico: sono stati cartografati il contatto fra Basamento Cristallino e Formazione di Collio, gli affioramenti di CQM e di Conglomerato Basale e sono state compilate diverse stratigrafie per tentare di comprendere le relazioni intercorrenti fra le diverse formazioni geologiche. Inoltre sono state mappate le zone mineralizzate, i lavori minerari e le discariche ad loro associate. - Prospezione alluvionale: sono stati campionati i sedimenti alluvionali a valle di due miniere e in due zone incognite e da questi sono stati concentrati i minerali pesanti per osservarne affinità o differenze. - Laboratorio: è stato condotto uno studio petrografico speditivo delle litologie riconosciute su terreno ed uno studio minerografico qualitativo e comparativo delle mineralizzazioni non note rispetto a quelle già conosciute (Novazza e Coren del Cucì). I concentrati derivanti dalla prospezione alluvionale sono stati analizzati mineralogicamente attraverso diffrazione ai raggi X (XRD) e chimicamente attraverso spettroscopia ad assorbimento atomico (AAS). 18

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Programmazione dell attività esplorativa

Programmazione dell attività esplorativa 2.1 Programmazione dell attività esplorativa 2.1.1 Definizione dell attività L esplorazione è la prima fase del ciclo petrolifero e comprende tutte le attività relative alla ricerca degli idrocarburi.

Dettagli

(Azad Kashmir, NE-Pakistan)

(Azad Kashmir, NE-Pakistan) Diss. ETH No. 8779 Tectonics and Metamorphism in the Western Himalayan Syntaxis Area (Azad Kashmir, NE-Pakistan) A dissertation submitted to the SWISS FEDERAL INSTITUTE OF TECHNOLOGY ZURICH for the degree

Dettagli

il manuale tematico della pietra

il manuale tematico della pietra 0 I.1 I.2 II.1 II.2 III IV V Il piano dell Opera L Atlante delle culture costruttive della Sardegna Architettura in terra cruda dei Campidani, del Cixerri e del Sarrabus Il Manuale tematico della terra

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Il territorio delle Alte Vali INDICE

Il territorio delle Alte Vali INDICE 1 Il territorio delle Alte Vali INDICE 1. Premessa 2. Gli elementi su cui si fonda l iniziativa 3. La motivazione 4. Il percorso di visita 5. Cronoprogramma 6. Quadro economico 7. Obiettivi specifici 8.

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI

LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI LA DIRETTIVA 2007/60 E IL PIANO DI GESTIONE ALLUVIONI Dott. Renato Angheben dei fiumi Isonzo, Tagliamento, DIRETTIVA 2007/60/CE del 23 OTTOBRE 2007 istituisce un quadro per la valutazione e gestione dei

Dettagli

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions

I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions Mem. Descr. Carta Geol. d It. LXXXV (2008), pp. 419-426, figg. 14 I sinkholes nelle altre regioni The sinkholes in the other regions NISIO S. (*) 1. - INTRODUZIONE I fenomeni di sinkhole nelle altre regioni

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Dott. Geol. Andrea Tralli Laboratorio Geotecnico 4 Emme Service Spa Via Zuegg, 20, 39100 Bolzano (BZ) 1. Introduzione L

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218

PROGETTO CARG CASTELNOVO NE MONTI. NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA D ITALIA alla scala 1:50.000. foglio 218 NoteIllustrativeF218-24-03-04.qxd 24/03/04 17.15 Pagina 1 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO PER I SERVIZI TECNICI NAZIONALI SERVIZIO GEOLOGICO D ITALIA NOTE ILLUSTRATIVE della CARTA GEOLOGICA

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA. Corso di aggiornamento professionale ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE SARDEGNA Corso di aggiornamento professionale Il D.M. Ambiente del 10 agosto 2012 n. 161: I piani di utilizzo delle terre e rocce da scavo 15 Febbraio - Cagliari 22 Febbraio

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4

Indice. 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2... 4 Indice 1. I cambiamenti climatici e la necessità dello stoccaggio geologico della CO 2............................................................... 4 2. Dove e quanta CO 2 possiamo immagazzinare nel

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo

Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Fasce di rispetto attorno ai punti di prelievo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA)

NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) A. GARASSINO NUOVA SEGNALAZIONE DI CROSTACEI DECAPODI NEL CRETACICO INFERIORE DI VERNASSO (UDINE, NE ITALIA) NEW DISCOVERY OF DECAPOD CRUSTACEANS IN THE LOWER CRETACEO US OF VERNASSO (UDINE, NE ITALY)

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora,

La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, La sicurezza dell LHC Il Large Hadron Collider (LHC) può raggiungere un energia che nessun altro acceleratore di particelle ha mai ottenuto finora, ma la natura produce di continuo energie superiori nelle

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

FASI METAMORFICHE E DEFORMAZIONI ALPINE NEL BRIANZONESE E NEL PRE-PIEMONTESE PIEMONTESE ESTERNO DELLE ALPI LIGURI: UN POSSIBILE MODELLO EVOLUTIVO

FASI METAMORFICHE E DEFORMAZIONI ALPINE NEL BRIANZONESE E NEL PRE-PIEMONTESE PIEMONTESE ESTERNO DELLE ALPI LIGURI: UN POSSIBILE MODELLO EVOLUTIVO RENDICONTI Soe/etd 1Ia;lia;na; di Minerologia; e Petr%gia;, 38 (t}: pp. 261-28(1 Comunlea.z.lone pri!8entata al Congre8BO SIMP di Cagliari Il 16 ottobre 1981 FASI METAMORFICHE E DEFORMAZIONI ALPINE NEL

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

SCIENZE. Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Il Globo terrestre e la sua evoluzione. Minerali e rocce Vulcani Terremoti

SCIENZE. Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Il Globo terrestre e la sua evoluzione. Minerali e rocce Vulcani Terremoti Idee per il tuo futuro Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Il Globo terrestre e la sua evoluzione Minerali e rocce Vulcani Terremoti Edizione blu con Earth Science in English SCIENZE Elvidio Lupia

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004

Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 Riassunto Esecutivo Concorrenza fra mammiferi marini e industria peschiera: cibo su cui riflettere di Kristin Kashner e Daniel Pauly Maggio 2004 [page break] Sono gli attuali modi di gestire le risorse

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

CGT. Paolo Conti. Carte e Sezioni Geologiche. Centro di GeoTecnologie. Università degli Studi di Siena

CGT. Paolo Conti. Carte e Sezioni Geologiche. Centro di GeoTecnologie. Università degli Studi di Siena Università degli Studi di Siena CGT Centro di GeoTecnologie Paolo Conti Carte e Sezioni Geologiche Paolo Conti Carte e Sezioni Geologiche CGT Centro di GeoTecnologie, Università degli Studi di Siena San

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Versione A Libretto Test

Versione A Libretto Test LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 2 Linguaggio Matematico di Base LINGUAGGIO MATEMATICO DI BASE 1. La media aritmetica di due numeri s e t è 2 3. Allora t è uguale a A. B. C. D. E. 4 2s 3 3 2s 2 4 3s 2 4 3s

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli