Prove sperimentali per la valutazione di un processo di pirometallurgia in sali fusi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prove sperimentali per la valutazione di un processo di pirometallurgia in sali fusi"

Transcript

1 Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA EETTRICO Prove sperimentali per la valutazione un processo pirometallurgia in sali fusi R. Calvigioni, M. Capone, A. Compagno, G. De Angelis, C. Fedeli, G. Tiranti, E. Baicchi,. Bal, A. Ventura Report RdS/211/96

2 PROVE SPERIMENTAI PER A VAUTAZIONE DI UN PROCESSO DI PIROMETAURGIA IN SAI FUSI R. Calvigioni, M. Capone, A. Compagno, G. De Angelis, C. Fedeli, G. Tiranti, E. Baicchi,. Bal, A. Ventura - ENEA Settembre 211 Report Ricerca Sistema Elettrico Accordo Programma Ministero dello Sviluppo Economico ENEA Area: Governo, Gestione e sviluppo del sistema elettrico nazionale Progetto: Nuovo nucleare da fissione: collaborazioni internazionali e sviluppo competenze in materia nucleare Responsabile Progetto: Paride Meloni, ENEA

3 Si~11I itlcl1lifinllillllc Di.,tril>. l'iii!. H.iCl'rCll Sisl{~III11 Elettrico NNFlSS - P Titulu Prove sperimentali per la valutazione un processo pirometallurgia in sali fusi J)escriUori Tipologia del documento: Collocazione contrattuale: Argomenti trattati: Rapporto Tecnico Accordo programma ENEA-MSE: tema ricerca "Nuovo nucleare da fissione" Trasmutazione e partizione nucleari SOlllmario Ai fini una ricerca sul recupero degli attini dal combustibile nucleare irraggiato è stalo allestito un impianto pilota elettroraffinazione in sali fusi, denominato PYRE Il, per lo stuo della separazione dell'uranio dagli attini minori. Prove "a freddo" condotte utilizzando metalli transizione (ferro e nichel) e metalli delle terre rare (Iantanio) hanno permesso stabilire attraverso quali processi avviene l'elettrodeposizione ad un catodo solido immerso in un sale eutettico costituito da ici-kci. Viene data inizialmente un'accurata descrizione dell'impianto, con dettagli sui SUOI componenti e incazione della funzione da essi svolta, mentre, per ciascuna esperienza, vengono dettagliate le conzioni sperimentali (densità corrente, mensioni del catodo, velocità agitazione, etc.) e sono tabellati i risultati ottenuti. Per l'elemento maggior interesse - l'uranio - si prevede un comportamento intermeo tra I metalli transizione e le terre rare, che permelte definire tale elemento come "elettrotrasportabile" al catodo, quin purificabile dal plutonio e dagli attini minori. Contemporaneamente alle campagne sperimentali sull'impianto Pyrel Il, è stato progettato, e conseguentemente dato l'avvio alla realizzazione dell'impianto Pyrel III, analogo al precedente ma con mofiche migliorative, destinato a future esperienze elettroraffinazione ossi metallici. Note: avoro svolt o in esecu zione dell ll linea progetru ale I.P4 - Ohiellivo E, PAR28 - Autori: Roberto Calvigioni, Mauro Capone, Alfonso Compagno, Giorgio De Angelis, Carlo Fedeli, Giuliano Tiranti, Elio Baicchi, uciano Bal, Alessandro Ventura. Copia Il. In ClriCI) a: --, , ,------,-----~ 2 NO.\IE JòIl!~\ ~-~ ~----I o EMISSIONE NO\1 E FIHI\\ NO\IE G I)e_~~.is /~1 I.uce P Meloni -ç(fi f{.,i-/ I----+;--Ftf j/i -f, ~1\\~ ---I III': \'. 1>I,~q U1I'.Ii':"'. IM'I',\ v IIEII:\I'.INE ',():~~~\J.II).\ :\l'i'il() V.. \I'.IO.'''I', ~ ~ ~ ~ ~ ~

4 Sigla identificazione 2 72 Ince 1. INTRODUZIONE: SVIUPPO DEA TECNOOGIA DI PIROMETAURGIA IN SAI FUSI 3 2. ATTIVITA ENEA NE AMBITO DEI PROGRAMMI EUROPEI EUROPART E ACSEPT 6 3. ATTIVITA ENEA NE AMBITO DE ACCORDO DI PROGRAMMA ENEA-MSE impianto pilota Pyrel II quale elettrolizzatore per stu processo Componenti principali dell'impianto Pyrel II Scelta dei materiali adatti per le operazioni impianto Prove funzionali Caricamento del crogiolo con bismuto e sali Fusione del bismuto e dell'eutettico Miscelazione delle fasi liquide Rimozione dell'umità residua dall'eutettico fuso Campionamento del sale e del metallo Fase salina Fase metallica Esperienze elettroraffinazione Elettroraffinazione con metalli transizione (ferro e nichel) Elettroraffinazione con metalli delle terre rare (lantanio) Realizzazione dell impianto Pyrel III Caratteristiche del nuovo impianto Considerazioni conclusive Bibliografia 55 Appence 57

5 Sigla identificazione INTRODUZIONE: SVIUPPO DEA TECNOOGIA DI PIROMETAURGIA IN SAI FUSI Il recupero degli attini dal combustibile nucleare irraggiato, come pure il riciclo questi elementi nei reattori potenza, è da sempre un obiettivo della ricerca nel campo nucleare. e prime tecnologie riprocessamento si basavano su processi in soluzione acquosa per il recupero plutonio da impiegare in orgni nucleari. Il processo PUREX (Plutonium Uranium Extraction), sviluppato all inizio degli anni 5, è stato usato negli Stati Uniti sia per scopi civili che militari. Figura 1 - Il ciclo del combustibile IFR

6 Sigla identificazione 4 72 Il programma americano IFR (Integral Fast Reactor) rappresenta oggi un sistema innovativo integrato per il riciclaggio del combustibile esaurito, e si basa su un procemento combinato pirometallurgia e elettrochimica ( pyroprocessing ) (Figura 1). Obiettivo nello sviluppo questa tecnologia è stato quello mettere a punto un processo economicamente conveniente, in grado contribuire alla non proliferazione armamenti nucleari, e dotato un elevata operatività, associata ad una bassa produzione rifiuti. Il recupero raonucli a lunga vita viene incontro, per quanto possibile, all esigenza limitare lo smaltimento dei rifiuti ad alta attività in strati geologici profon, che sta incontrando la crescente opposizione dell opinione pubblica. a possibilità applicare la pirometallurgia al riprocessamento verse tipologie combustibile nucleare (metallico, ad ossi misti, a nitruri, ad alto burn-up, ecc.), consente il recupero dei raonucli a lunga vita ed il loro riciclo in versi tipi reattori ai fini della trasmutazione. Figura 2 Schema a blocchi del processo pirometallurgico Inoltre, con il venir meno dei requisiti estrema purezza per il combustibile nucleare, il recupero degli attini minori (Np, Am, Cm) avviene simultaneamente al plutonio, grazie alle proprietà termonamiche del sistema sali fusi in cui opera l elettroraffinatore. e caratteristiche questi ultimi offrono altri importanti vantaggi: la notevole stabilità alle raazioni consente il riprocessamento combustibile esaurito ad elevata attività (combustibile con un tempo raffreddamento breve), senza che questo comporti un

7 Sigla identificazione 5 72 aumento dei rifiuti prodotti; poiché il sale fuso non è un moderatore neutroni (a fferenza dell acqua), può essere trattata, al confronto, una grande quantità materiale fissile, il che si ripercuote sulla compattezza ed economicità degli apparati sperimentali utilizzati. Inoltre è ridotto il numero degli sta conversione chimica, grazie all eliminazione del ciclo solido - soluzione acquosa solido, necessario nei processi in fase acquosa, ed i rifiuti con prodotti fissione si presentano in forma secca e concentrata, quin più facilmente gestibili. Figura 3 Diagramma schematico del processo elettroraffinazione MA: Minor Actinides RE: Rare Earths NM: Noble Metals AM: Alkaline Metals AEM: Alkaline Earth Metals Sotto il termine processo pirometallurgico è compresa una serie operazioni finalizzate al recupero attini dal combustibile esaurito, ed al loro riciclo nel reattore come materiali per nuovi elementi combustibile (Figura 2). Si tratta un processo a più sta, che inizia

8 Sigla identificazione 6 72 con lo smantellamento ed il sezionamento degli elementi combustibile irraggiato, i quali vengono ridotti a mensioni circa 6-7 cm, per essere poi caricati in un cestello d acciaio, che viene quin immerso in un elettroraffinatore. Quest ultimo (Figura 3) ha il compito separare gli attini dai prodotti fissione presenti nel combustibile esaurito [1]. Trattasi dello stesso processo elettroraffinazione impiegato per molti anni nell industria mineraria: un metallo impuro, che costituisce l anodo, viene depositato al catodo in conzioni maggiore purezza meante trasporto elettrico attraverso un adatto elettrolita. Nel caso in questione, uranio puro è raccolto ad un catodo solido, mentre una miscela plutonio, americio, nettunio, curio, uranio, ed alcuni prodotti fissione delle terre rare vanno a depositarsi ad un catodo cadmio (o bismuto) liquido, sospeso nell elettrolita salino (miscela eutettica cloruro litio - cloruro potassio). I rimanenti prodotti fissione si raccolgono nel sale e nello strato cadmio sottostante il sale stesso. Il sistema opera alla temperatura 5 C. I depositi catoci vengono recuperati e processati in una fase successiva, allo scopo realizzare nuovi elementi combustibile. Il processo genera rifiuti gassosi ( 3 H, He, Kr), rifiuti metallici (metalli nobili recuperati dalla stillazione del cadmio), e rifiuti salini (essenzialmente metalli alcalini, alcalino-terrosi e terre rare rimaste nell elettrolita salino). 2. ATTIVITA ENEA NE AMBITO DEI PROGRAMMI EUROPEI EUROPART E ACSEPT Nell ambito del Programma EUROPART ( ), che ha visto coinvolti laboratori e centri ricerca versi paesi europei, e la partecipazione (senza contributo finanziario) Stati Uniti, Giappone ed Australia, erano previste attività ricerca (finanziate al 5%) relative allo stuo dei processi idrometallurgia e pirometallurgia. Il contributo ENEA al programma pirometallurgia era basato su uno stuo del procemento elettroraffinazione che, con l ausilio un programma modellizzazione, permettesse acquisire utili informazioni riguardo a: comprensione dei fenomeni chimico-fisici che si verificano in fase salina e in fase metallo fuso (bismuto); definizione delle prestazioni un elettroraffinatore con riferimento alle verse modalità operative: trasporto retto al catodo (solido o metallo fuso); ssoluzione anoca; ssoluzione retta (nel metallo fuso); deposizione catoca; strippaggio catoco; purificazione dell eutettico; valutazione dell efficacia del processo elettroraffinazione nella separazione delle varie classi metalli che costituiscono il combustibile nucleare esaurito (metalli alcalini, A, alcalino-terrosi, AE, terre rare, RE, metalli transizione, TM, metalli nobili, NM). Per la realizzazione del programma cui sopra è stata effettuata una serie campagne sperimentali su un impianto (PYRE II), che lavora a freddo, utilizzando alcuni lantani, nonché metalli alcalini, alcalino-terrosi, elementi transizione e metalli nobili [2]. impianto è stato allestito presso il Centro Ricerche ENEA Brasimone. a maggior parte dei test sono stati condotti eseguendo prove elettroraffinazione tra un cestello metallo forato (Fuel Dissolution Basket, FDB) che fungeva da anodo, ed un catodo solido (Solid Steel Cathode, SSC), ambedue immersi in un sale fuso (miscela eutettico icl-kcl, nel rapporto moli %), sovrastante un bagno bismuto fuso, alla temperatura esercizio 46 C. Il crogiolo in acciaio inox contenente il bagno era inserito all interno un contenitore, anch esso in acciaio inox, collegato con una flangia al

9 Sigla identificazione 7 72 pavimento una scatola a guanti mantenuta in atmosfera argon a basso tenore umità. Nel cestello anoco erano stati preventivamente introdotti lingotti lantanio, al fine simulare il comportamento dell uranio. Tali prove, eseguite in ambito EUROPART e ACSEPT (quest ultimo con inizio ), hanno permesso comprendere attraverso quale meccanismo avviene l elettrodeposizione del lantanio: si tratta due coppie reazioni tra esse collegate, che porta, oltre alla suddetta deposizione catoca del metallo, allo sviluppo cloro gassoso che entra nel circuito reazione, fino a quando, aumentando la pressione del gas, lo stesso fuoriesce dal crogiolo. Tale processo, schematizzato nella Figura 4, non è, fortunatamente, quello che si verifica nel caso dell uranio (almeno stando a quanto riportato dalla letteratura sull argomento), il quale si deposita secondo un meccanismo, più retto, ossidazione anoca del metallo ad uranio trivalente, e riduzione catoca quest ultimo. Figura 4 Schema del meccanismo alla base della deposizione lantanio al catodo solido Reazioni anoche: Reazioni catoche: OOP 1 a a e - 2a Cl - 2a + 3Cl 2 OOP 2 2a + 3Cl 2 2a Cl - a e - a

10 Sigla identificazione ATTIVITA ENEA NE AMBITO DE ACCORDO DI PROGRAMMA ENEA-MSE attività, sinergica e complementare a quella effettuata nell ambito EUROPART e ACSEPT, ha riguardato principalmente l elettroraffinazione metalli transizione (ferro e nichel) e metalli delle terre rare (lantanio) meante l impianto pilota PYRE II. e prove sono state eseguite soprattutto al fine stuare i meccanismi che regolano il trasferimento dei metalli da un cestello in acciaio forato, operante come anodo, al catodo solido immerso nel bagno eutettico. 3.1 impianto pilota Pyrel II quale elettrolizzatore per stu processo impianto pilota, denominato Pyrel II (Figura 5), è stato installato presso il Centro ENEA del Brasimone per lo stuo dei processi pirometallurgici in conzioni non attive. Il crogiolo dell impianto è costituito da un cilindro in acciaio dolce (262 mm ametro interno x 22 mm. altezza) rivestito internamente, che viene riscaldato da 3 fasce scaldanti che avvolgono un pozzetto esterno (vessel), raffreddato superiormente attraverso un flusso acqua corrente in una bobina rame, collegato attraverso una flangia al pavimento della scatola a guanti (larga 1 m, profonda 1 m, alta.95 m) (Figura 6). Un flusso argon pari a 1. min -1 mantiene una atmosfera caratterizzata da un basso tenore ossigeno e umità. Il crogiolo viene preventivamente caricato meante 26.5 kg Bi (2.69 ) e 6.67 kg sale eutettico icl-kcl (59-41 moli %) (4.4 ) ed opera normalmente alla temperatura 46 C. Il livello del bismuto nel crogiolo è 5. cm, su cui galleggiano 7.5 cm sale. eutettico viene caricato in due fasi stinte, onde evitare che del sale trabocchi dal crogiolo. Dopo la prima carica e fusione del sale, quest ultimo viene fatto raffreddare perchè solifichi, consentendo quin il caricamento della quantità rimanente sale in conzioni sicurezza [3]. a flangia superiore del contenitore del crogiolo (Figura 7) presenta otto fori da 5 mm ametro, necessari per l agitatore ad asta verticale, il tubo contenente le termocoppie, il cestello anoco (fuel ssolution basket, FDB), il catodo solido (solid steel cathode, SSC), gli elettro riferimento per l anodo ed il catodo, l introduzione delle aste campionamento dei sali e del bismuto fuso, ed un foro centrale mensioni maggiori (15 mm) per il caricamento dei sali. Quest ultimo permette, tra l altro, il posizionamento un catodo bismuto liquido. Il catodo solido è costituito da una bacchetta in acciaio dolce, generalmente del ametro 12 mm, inserita in un tubo-guida in modo tale che un'area superficiale pari ad almeno 22 cm 2 sia esposta all elettrolita: il catodo è generalmente dotato sul fondo un piattino in allumina (catch sh), al fine raccogliere frammenti deposito metallico che non aderiscono al catodo stesso. Il catodo liquido è invece costituito da un piccolo crogiolo in zirconia (3 mm ametro interno x 4 mm altezza; dal peso 338 g), sospeso nel sale fuso meante tre bacchette allumina e riempito bismuto liquido fino ad un'altezza 3 mm; il metallo liquido è tenuto in agitazione per mezzo un agitatore a pale. In entrambi i casi il bismuto fuso agisce come controelettrodo. Gli elettro sono collegati ad un potenziostato galvanostato della Amel Instruments (Modello 75) collegato ad un PC per la registrazione dei dati (Figura 8). Il

11 Sigla identificazione 9 72 contenuto in ossigeno nell'atmosfera della scatola a guanti è mantenuto al sotto 2 ppm, mentre l'umità sta al sotto 1 ppm durante tutte le operazioni. a scatola a guanti è fornita elettrovalvole per la regolazione della pressione. E' anche equipaggiata con una box trasferimento (lunga 5 cm x 31 cm ametro) per limitare l'ingresso ossigeno durante le operazioni introduzione ed estrazione materiali vari. Cinque termocoppie in chromel-allumel permettono la misura delle temperature con la precisione +/-.5 C durante gli esperimenti. I valori forniti dalle termocoppie vengono registrati e inviati al PC, insieme con i dati forniti da un igrometro della Mitchell Instruments. Figura 5 - Impianto pilota Pyrel II Veduta generale dell impianto Pyrel II, con la scatola a guanti, il sistema riscaldamento, il galvanostato, il monitor controllo, le bombole gas argon Glove-box sotto Argon Particolare della scatola a guanti in acciaio, con il vessel che contiene il crogiolo rivestito esternamente da uno strato cerablanket Coibentazione esterna

12 Sigla identificazione 1 72 Figura 6 - Vessel contenimento del crogiolo Vista dall alto Vista dal basso Interno del vessel Interno vessel con il crogiolo inserito Esterno vessel con le 3 fasce scaldanti Esterno vessel con le 3 fasce scaldanti

13 Sigla identificazione Figura 7 - Flangia superiore dell impianto Pyrel II Fori sulla flangia Tubi guida inseriti Posizioni dei vari componenti: FDB (a); SSC (b); Ref. 1 (c); Ref. 2 (d); agitatore (h); termocoppie (g); tubo guida per campionamenti (f); tubo guida per introduzione sali (e). Distanza FDB SSC: 8.26 cm

14 Sigla identificazione Figura 8 - Impianto Pyrel II: vista in 3D e sistema controllo Galvanostato AME PID controllo delle temperature Registrazione temperature (schermo superiore) e potenziali (schermo inferiore) durante una prova elettrolisi Vista in 3D dell elettroraffinatore

15 Sigla identificazione Componenti principali dell'impianto Pyrel II I principali componenti dell'elettroraffinatore sono assemblati in Figura 9. Di seguito si riporta una breve descrizione degli stessi. Figura 9: Assemblaggio generale dell'elettroraffinatore Pyrel II che mostra i vari componenti. Da sinistra a destra: agitatore verticale a pale; contatto elettrico per bismuto liquido (bacchetta tantalio all'interno un tubo in allumina), cestello anoco ssoluzione del combustibile, anodo Bismuto-itio collegato con una bacchetta molibdeno, catodo bismuto liquido con un agitatore a palette, catodo solido in acciaio con sco raccolta in allumina, elettrodo riferimento (Ag/AgCl); tubo-guida per termocoppie chromel-allumel. I tubi in allumina che rivestono vari componenti consentono impere il contatto elettrico con il sale fuso.

16 Sigla identificazione Crogiolo: è un contenitore cilindrico (262 mm ametro interno x 22 mm altezza, avente spessore 1 mm), in acciaio dolce. Al fine proteggerlo dalla corrosione, uno strato allumina viene preventivamente applicato alla sua superficie interna meante un processo plasma-spraying, secondo la procedura seguente: il materiale rivestimento (p.f. 254 C; p.e. 3 C) viene fuso da una sorgente al plasma e spruzzato sulla superficie da rivestire, dove le particelle urtano, si depositano e solificano (Figura 1) [4]. Una buona protezione richiede l'applicazione due ulteriori strati protettivi: il primo, denominato rivestimento metallico, viene applicato (con la stessa procedura) al sotto del rivestimento principale, con la duplice finalità migliorare l'adesione al substrato e mitigare il gap nel coefficiente espansione termica tra l'allumina ed il substrato acciaio; il secondo, denominato strato sigillante, permette occludere i pori e le piccole crepe inevitabilmente presenti nello strato allumina depositata (15-3 micron). Figura 1 - Rivestimento del crogiolo Torcia al plasma PECVD Microfotografie del rivestimento in allumina Molecola HMDSO Il processo Plasma Enhanced Chemical Vapour Deposition (PECVD) [5] è stato utilizzato al fine depositare uno strato sigillante silice sull'allumina (6-7 micron complessivi). In Figura 11 è riportato il crogiolo, prima e dopo il processo rivestimento protettivo.

17 Sigla identificazione Figura 11 - Rivestimento del crogiolo Crogiolo prima e dopo il rivestimento (veduta laterale e centrale) Crogiolo prima e dopo il rivestimento (dettaglio dell interno)

18 Sigla identificazione Agitatore a pale: è una bacchetta in acciaio avente lo scopo spingere gli ioni metallici in rezione verticale e orizzontale. Posizionato lateralmente nel bagno elettrolitico, ha un ametro 12 mm (Figura 12), una lunghezza complessiva 63 cm, e viene fatto ruotare da un motore alla velocità desiderata. a parte immersa nel bismuto fuso presenta quattro lame, mentre la parte superiore è inserita in un tubo allumina per l isolamento elettrico. 'agitatore utilizzato per il catodo bismuto liquido è anch'esso del tipo ad asta con due pale, immerso nel bismuto liquido; la parte sovrastante, in contatto col sale fuso, è protetta da un tubo allumina per assicurare, anche in questo caso, l'isolamento elettrico. Figura 12 - Agitatore ad elica rivestito in allumina per l isolamento elettrico dal sale Contatto elettrico per il Bismuto liquido: viene assicurato da un'asta tantalio da 3 mm ametro, inserita in un tubo allumina per l'isolamento elettrico. Cestello ssoluzione del combustibile (Fuel Dissolution Basket, FDB): trattasi un contenitore cilindrico in acciaio inossidabile forato, aperto nella parte superiore e collegato ad un cavetto 3 mm ametro in acciaio per il contatto elettrico; il cestello ha un ametro 3 mm e un'altezza 4 mm (Figura 13). Figura 13 - Componenti impianto Pyrel II: FDB Cestello anoco Interno del cestello anoco

19 Sigla identificazione Catodo solido in acciaio (solid steel cathode, SSC): è una bacchetta in acciaio dolce, avente un ametro 12 mm, inserito in un tubo-guida in modo tale che una superficie apparente almeno 22 cm 2 sia esposta all'elettrolita; è equipaggiato con un sco raccolta in allumina (Figura 14), allo scopo raccogliere frammenti deposito metallico che non dovessero aderire al catodo. Figura 14 - Componenti impianto Pyrel II: SSC Cato F 8, F 12, F 2 mm Pinze con contatto elettrico in grafite per catodo rotante Disco raccolta in allumina (catch sh) Disco raccolta in allumina (catch sh)

20 Sigla identificazione Anodo Bismuto-itio (Bi-i anode): è costituito da un lingotto Bi-i preparato per fusione all'interno un contenitore in grafite pirolitica, versando il fuso in un crogiolo magnesia, all'interno del quale è stata preventivamente inserita una bacchetta molibdeno 3 mm ametro, protetta da un tubo allumina per l'isolamento elettrico. Catodo bismuto liquido (iquid Bi Cathode, BC): trattasi un contenitore in yttria stabilizzata con zirconia (3 mm ametro interno x 4 mm altezza; peso 338 g) (Figura 15), sospeso nel sale fuso meante tre bacchette allumina e riempito bismuto fuso fino ad un altezza 3 mm; il metallo liquido viene agitato meante un agitatore ad asta con piccole pale. Figura 15 - Crogiolo in zirconia per BC Crogiolino in zirconia sostenuto da tre astine in allumina Crogiolino dopo un esperienza elettroraffinazione (è visibile lo strato sale) Crogiolino dopo un esperienza elettroraffinazione (è visibile il bismuto dopo la rimozione dello strato sale con acqua calda) ingotto bismuto rimosso per rottura del crogiolino dopo un esperienza elettroraffinazione

21 Sigla identificazione Elettro riferimento (RE): sono due, tra loro identici, uno per misurare il potenziale catoco, l'altro per quello anoco; sono costituiti da un tubo in allumina chiuso ad una estremità e contenenti un filo argento (ametro,5 mm) immerso in soluzione eutettica fusa, nella quale cloruro argento viene sciolto alla concentrazione dell'1%; un piccolo foro (.45 mm ametro) assicura il contatto elettrico (Figura 16). Figura 16 - Elettrodo riferimento Ag/AgCl Descrizione Immagine reale Tubo-guida per le termocoppie chromel-allumel: si tratta un tubo in acciaio inox (5 mm ametro) che porta tre delle cinque termocoppie chromel-allumel per la misura della temperatura nel sale fuso, nella zona immeatamente sovrastante lo stesso e nella zona gas superiore, all'interno del vessel.

22 Sigla identificazione Scelta dei materiali adatti per le operazioni impianto e varie operazioni impianto richiedono una scelta accurata dei componenti, che devono possedere buone caratteristiche meccaniche, specialmente in relazione alla corrosione e alla resistenza agli shock termici. Tra questi materiali, allumina e zirconia meritano un attento esame: la prima viene utilizzata principalmente per i tubi all'interno dei quali le bacchette metalliche ed i fili sono inseriti a fini isolamento elettrico, come pure per il sco raccolta al sotto del catodo solido; la zirconia, adzionata ossido yttrio, è il materiale scelto per il crogiolo del catodo bismuto liquido (Tabella 1). Altri materiali refrattari, come la grafite pirolitica e la magnesia, sono stati utilizzati per la preparazione delle leghe Bismuto-itio. Anche i materiali metallici sono stati scelti sulla base dei versi utilizzi: acciaio AISI 34 (Tabella 2) per il contenitore esterno, i tubi-guida, il cestello ssoluzione del combustibile, l'agitatore a pale ed il campionatore metallico; acciaio al carbonio A.I.S.I. - S.A.E. 12 (Tabella 3) per il crogiolo ed il catodo solido; bacchetta tantalio come contatto elettrico per il bagno bismuto liquido; bacchetta molibdeno immersa nella lega Bi-i come anodo negli esperimenti decontaminazione del sale. Materiali speciali utilizzati per garantire l'isolamento termico meritano anch'essi essere menzionati: cerablanket, applicata attorno al contenitore esterno, e cogetherm, che consente proteggere il coperchio superiore dell elettroraffinatore (Figura 17). Il primo è un materiale refrattario contenente fibre ceramiche, caratterizzato da facile lavorabilità e bassa densità; risulta facile da tagliare con le forbici o con un coltello, dando allo stesso le forme richieste. Il secondo è adatto per essere utilizzato in conzioni molto severe, essendo realizzato da muscovite e mica, impregnate con resine e stratificate in modo da formare un laminato, presenta un'ottima resistenza al calore e perfino alla fiamma, bassa conducibilità termica, ottimo isolamento elettrico, buona resistenza meccanica, ed è impermeabile alla maggior parte delle sostanze chimiche, in particolare grassi ed oli. e principali caratteristiche e proprietà degli acciai suddetti sono illustrate nelle Tabelle 2 e 3, mentre quelle del bismuto fuso e del sale eutettico sono riportate nelle Tabelle 4 e 5. Infine, ogni volta che una bacchetta metallica viene inserita in un tubo allumina per l'isolamento elettrico, uno speciale materiale sigillante deve essere utilizzato: Ceramabond TM 53, un adesivo ceramico ad elevata temperatura prodotto da AREMCO. a sua applicazione segue lo schema seguente: 1 ora a temperatura ambiente, 2 ore a 93 C, 2 ore a 2 C, e 2 ore a 38 C.

23 Sigla identificazione Tabella 1. Caratteristiche generali dei materiali refrattari Proprietà Allumina Zirconia Magnesia Punto fusione, C Densità, g/cc Durezza, gra Mohs Conducibilità termica, W/cm C Coefficiente espansione 8.8 x x x 1-6 termica, in./(in.)( C) Porosità apparente, % Resistenza allo shock termico Buona Ottima Buona Tabella 2. Caratteristiche e proprietà dell'acciaio inox AISI 34 utilizzato nei seguenti componenti: vessel esterno, tubi-guida, cestello forato, agitatore ad asta verticale Proprietà Valore Proprietà Valore Resistenza allo snervamento 3 x 1 3 lb./sq. in. Resistenza a trazione 85x1 3 lb./sq. in. Durezza, 16 Peso specifico 8.2 kg/l gra Brinnel Punto fusione, C 1399 C Calore specifico.12 B.t.u./(lb.)( F.) Coefficiente espansione termica 9.6 x 1-6 in./(in.)( F) Conducibilità termica 113 B.t.u./ (sq. ft.)( F/in.) Resistività elettrica (2 C) 435 ohms/circ. mil. ft. Modulo elasticità a trazione 28x1 6 lb./sq. in

24 Sigla identificazione Tabella 3. Caratteristiche e proprietà dell'acciaio al carbonio A.I.S.I. - S.A.E. 12 utilizzato per il crogiolo e per il catodo solido Proprietà Valore Proprietà Valore Resistenza allo snervamento 38 x 1 3 lb./sq. in. Resistenza a trazione 65x1 3 lb./sq.in. Durezza, gra 13 Peso specifico 7.86 kg/l Brinnel Punto fusione, C 1515 C Calore specifico.17 B.t.u./(lb.)( F.) Coefficiente espansione termica 6.7 x 1-6 in./(in.)( F) Conducibilità termica 36 B.t.u./ (sq. ft.)( F/in.) Resistività elettrica (2 C) 6 ohms/circ. mil. ft. Modulo elasticità a trazione 3x1 6 lb./sq. in Tabella 4. Caratteristiche e proprietà del bismuto metallico Proprietà Valore Proprietà Valore Peso atomico Densità 9.8 g/cc a 2 C Punto C Punto 156 C fusione ebollizione Densità 1.7 g/cc Calore 2.6 kcal/mole a C fusione Tensione superficiale a C.378 N m -1 Viscosità namica a C 1.63 mpa.s Densità a 45 C Conducibilità termica 9.85 g/cc Viscosità namica a 45 C.79 W/cm K Resistività elettrica 1.18 mpa.s ohm m

25 Sigla identificazione Tabella 5. Caratteristiche e proprietà dell eutettico fuso (59-41 moli% icl-kcl) a 45 C Proprietà Valore Proprietà Valore Peso molecolare Densità ±.1 kg/l meo Viscosità 2.44 ±.1 mpa.s Tensione superficiale.1358 ±.3 N/m Conducibilità ionica Capacità termica del liquido (fino a 58 C) S/m (1.572 Ω -1 cm -1 ) 72.4 ± 2.5 J/mole K (17.3 ±.5 cal/mole K) Calore fusione Capacità termica del solido (fino a 24 C) ±.8 kj/mole (3.1 ±.2 kcal/mole) 51.5 ±.8 J/mole K (12.3 ±.2 cal/mole K) Figura 17 - Materiali rivestimento Cogetherm Cerablanket

26 Sigla identificazione Prove funzionali Test preliminari sono stati effettuati in modo da ottimizzare alcune operazioni fondamentali per la conduzione delle campagne sperimentali. Di seguito ne viene data una breve descrizione Caricamento del crogiolo con bismuto e sali ingotti bismuto, per complessivi 26.5 kg, sono stati introdotti nel crogiolo prima della sua collocazione all'interno del vessel del Pyrel II. Il crogiolo è stato quin chiuso con un coperchio in cogetherm, allo scopo garantire l'isolamento termico (Figura 18). I sali sono stati invece caricati, in misura 6.67 kg, attraverso il tubo-guida dal centro superiore del vessel, in due riprese, fondendo e facendo cristallizzare il primo stock, dopo che veniva introdotto il secondo, evitando in tal modo che una parte del sale traboccasse dal crogiolo. Figura 18 - Crogiolo ingotti Bi caricati Coperchio in cogetherm Fusione del bismuto e dell'eutettico Grazie all'ottima conducibilità termica dell elettroraffinatore in acciaio, l'operazione ha richiesto poche ore. Cinque termocoppie chromel-allumel hanno permesso la misura delle temperature con una accuratezza ±.5 C nel corso degli esperimenti (Figura 19). e stesse sono state posizionate come segue: Tc 1: sale fuso, Tc 2: zona gas immeatamente sovrastante il sale, Tc 3: zona gas all'interno della parte superiore del vessel, Tc 4: pavimento interno della scatola a guanti, Tc 5: rivestimento esterno del vessel. a temperatura è stata aumentata progressivamente in modo da consentire la fusione delle due fasi: fase metallica (bismuto) e fase salina (eutettico icl-kcl).

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

Prevenzione della Corrosione

Prevenzione della Corrosione DL MK1 BANCO DI LAVORO PER LA PROTEZIONE CATODICA La Protezione Catodica è una tecnica di controllo della corrosione di una superficie metallica facendola funzionare come il catodo di una cella elettrochimica.

Dettagli

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006)

LA NITRURAZIONE. (versione gennaio 2006) LA NITRURAZIONE (versione gennaio 2006) Raccolta di appunti ad esclusivo uso interno ITIS VARESE - specializzazione meccanici. La nitrurazione è un processo che consente la formazione di nitruri durissimi

Dettagli

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile Elettrochimica L elettrochimica studia l impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e l impiego di reazioni spontanee per produrre energia elettrica, entrambi i processi coinvolgono

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale).

I FORNI FUSORI. Combustibile solido; Energia elettrica per produrre calore; Gas (solitamente naturale). I FORNI FUSORI La fusione avviene in appositi forni fusori che hanno la funzione di fornire alla carica la quantità di calore necessaria per fonderlo e surriscaldarlo (cioè portarlo ad una temperatura

Dettagli

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti

APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti APPUNTI DI OPTOELETTRONICA ad uso degli studenti Guide ottiche integrate Massimo Brenci IROE-CNR Firenze Esempio di guida ottica integrata Propagazione della luce in una guida ottica integrata (vista in

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Pile e accumulatori. Approfondimento. "" Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday

Pile e accumulatori. Approfondimento.  Pile e vita quotidiana. Capitolo. elettrolisi e le leggi di Faraday Capitolo Approfondimento elettrochimiche elettrolisi e le leggi di Faraday 14Le3. Ltrasformazioni Pile e accumulatori Pile e vita quotidiana Un applicazione importante delle celle elettrochimiche è il

Dettagli

corrosione corrosione chimica

corrosione corrosione chimica La corrosione La corrosione è un consumo lento e continuo di un materiale (generalmente metallico) dovuto a fenomeni chimici o, più frequentemente, elettrochimici. La corrosione è dovuta al fatto che tutti

Dettagli

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox

A cura di: Grillo Sergio. Foto 1 Forni continui di saldobrasatura acciai inox Relazione sui principi fondamentali della saldobrasatura dei componenti in acciaio inossidabile in atmosfera controllata di azoto e idrogeno in forni continui A cura di: Grillo Sergio Foto 1 Forni continui

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO"

Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO Prof. M. Maja (Politecnico di Torino) "CORROSIONE E OSSIDAZIONE ANODICA DEL TITANIO" In questi ultimi anni, sono stati fatti molti studi riguardanti la corrosione del titanio, a testimonianza del crescente

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

La serie elettrochimica dei potenziali standard di riduzione (25 C)

La serie elettrochimica dei potenziali standard di riduzione (25 C) MIGLIORI RIDUCENTI MIGLIORI OSSIDANTI La serie elettrochimica dei potenziali standard di riduzione (25 C) ELETTROLISI Una cella elettrolitica è una cella nella quale una corrente fa avvenire una reazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI

DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI DETERMINAZIONE DEL PUNTO DI FINE TITOLAZIONE MEDIANTE METODI CHIMICO-FISICI - si sfrutta una proprietà chimico-fisica o fisica che varia nel corso della titolazione - tale proprietà è in genere proporzionale

Dettagli

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda

Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature. Ing. Giuseppe Sedda Il Protocollo Aggiuntivo Allegati 1 e 2: Attività ed apparecchiature Ing. Giuseppe Sedda Allegato I: Attività di cui all articolo 2, lettera a, punto iv Ciascuno Stato rilascia all Agenzia.: iv) una descrizione

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E MECCANICA INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti

L ENERGIA. L energia si trasforma. L energia compie lavoro. A cura di M. Aliberti A cura di M. Aliberti L ENERGIA Spunti per la ricerca Che cos è l energia? Come si manifesta concretamente l energia? Quali forme può assumere? E possibile passare da una forma di energia all altra? Con

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

Capitolo 4 FUEL CELLS

Capitolo 4 FUEL CELLS Capitolo 4 FUEL CELLS 4.1 LA TECNOLOGIA Il funzionamento di una cella o pila a combustibile può essere così schematizzato: Il combustibile gassoso (ad esempio H2), è inviato all anodo (elettrodo negativo,

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata SALDATURA

Università di Roma Tor Vergata SALDATURA SALDATURA La saldatura è un tipo di giunzione che consente di unire permanentemente parti solide, realizzando la continuità del materiale. Materiale d apporto Materiale base Materiale base = Materiale

Dettagli

L acciaio ESR per lavorazione a caldo

L acciaio ESR per lavorazione a caldo L acciaio ESR per lavorazione a caldo Generalità EskyLos 2367 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono

Dettagli

Deposito di un film sottile via magnetron sputtering

Deposito di un film sottile via magnetron sputtering Deposito di un film sottile via magnetron sputtering Brevi cenni sullo sputtering Lo sputtering è una tecnica mediante la quale atomi e ioni Argon o di altri gas, contenuti in un plasma bombardano un bersaglio

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

SPETTROSCOPIA ATOMICA

SPETTROSCOPIA ATOMICA SPETTROSCOPIA ATOMICA Corso di laurea in Tecnologie Alimentari La spettroscopia atomica studia l assorbimento, l emissione o la fluorescenza di atomi o di ioni metallici. Le regioni dello spettro interessate

Dettagli

Celle a combustibile Fuel cells (FC)

Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Sono dispositivi di conversione elettrochimica ad alto rendimento energetico. Esse trasformano in potenza elettrica l energia chimica contenuta

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI)

LEGHE METALLICHE STRUTTURA DELLE LEGHE LA GHISA E L ACCIAIO. I metalli sono dei SOLIDI POLICRISTALLINI (aggregati di molti cristalli, detti GRANI) LEGHE METALLICHE LA GHISA E L ACCIAIO Prof.ssa Silvia Recchia Le leghe sono delle DISPERSIONI DI UN SOLIDO IN UN ALTRO SOLIDO SOLVENTE: metallo base (metallo presente in maggiore quantità) SOLUTO: alligante

Dettagli

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO

PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO PROCESSO DI ASSEMBLAGGIO La fabbricazione degli elementi meccanici seguita dalla loro unione sono i principali compiti dell industria produttiva. Essenzialmente l assemblaggio consiste nel collegare degli

Dettagli

La Galvanica Romani S.n.c. opera nel settore dei rivestimenti elettrolitici dal 1953.

La Galvanica Romani S.n.c. opera nel settore dei rivestimenti elettrolitici dal 1953. GALVANICA ROMANI SNC Zincatura e Brunitura per conto terzi Via Geirato 162D - 16138 Genova - Tel 010 8365798 - Fax 010 8381038 Partita IVA 00303060107 http://www.galvanicaromani.it La Galvanica Romani

Dettagli

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO IL QUADRO ELETTRICO INOX in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO Direttive e norme La direttiva sull igiene dei prodotti alimentari e la HACCP (Hazard-Analysis-Critical-Control-Points) Tra le norme che regolano

Dettagli

Trattamenti delle acque primarie

Trattamenti delle acque primarie Trattamenti Impianti Meccanici 1 ELIMINAZIONE DELL ANIDRIDE CARBONICA ELIMINAZIONE DELL OSSIGENO AEREAZIONE DELL ACQUA DEFERRITIZZAZIONE DEMANGANIZZAZIONE ADDOLCIMENTO Impianti Meccanici 2 1 Trattamenti

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

RISCALDATORI PER PALLONI. SERIE MM - semirigidi. SERIE MA - per grosse capacità ACCESSORI PER MM

RISCALDATORI PER PALLONI. SERIE MM - semirigidi. SERIE MA - per grosse capacità ACCESSORI PER MM RISCALDATORI PER PALLONI SERIE MM - semirigidi I riscaldatori FALC serie MM sono frutto di una lunga esperienza; hanno custodie esterne in acciaio verniciate con polvere epossidica antiacida, i nidi semirigidi

Dettagli

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO

CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO CROMATURA PEVD SOTTOVUOTO Causa i ben noti problemi legati ai processi di cromatura galvanica, da alcuni anni ormai si parla di procedimenti alternativi con basso impatto ambientale e ridotti consumi energetici.

Dettagli

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella

Università di Pisa Facoltà di Ingegneria. Leghe non ferrose. Chimica Applicata. Prof. Cristiano Nicolella Università di Pisa Facoltà di Ingegneria Leghe non ferrose Chimica Applicata Prof. Cristiano Nicolella Leghe non ferrose Minerali di alluminio L alluminio è uno degli elementi più abbondanti sulla crosta

Dettagli

LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO

LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO LE LEGHE DI ALLUMINIO E LO SMALTO PORCELLANATO Angelo Ferraro, Technical Customer Service Manager Novelis Italia Angelo.Ferraro@novelis.com Premessa In questi ultimi anni c è stato un forte interesse per

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile

Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile DIMNP (University of Pisa) & DIPTEM (University of Genova) e-mail: g.lomonaco@ing.unipi.it Scorie Nucleari e Cicli Innovativi del Combustibile Dr. Ing. Scorie Nucleari e Cicli Innovatici 1 Le scorie nucleari

Dettagli

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici

Processi di fusione e colata, parte III. Stampi permanenti Trattamenti termici Processi di fusione e colata, parte III Stampi permanenti Trattamenti termici Colata in stampi permanenti: generalità Gli stampi permanenti sono progettati in modo che il pezzo venga estratto facilmente

Dettagli

L acciaio ESR per lavorazione a caldo

L acciaio ESR per lavorazione a caldo L acciaio ESR per lavorazione a caldo Generalità EskyLos 2343 è un acciaio legato al cromo molibdeno, vanadio progettato per la realizzazione di matrici, stampi o punzoni o altri particolari che devono

Dettagli

Allestimento di una linea sperimentale per la realizzazione di celle fotovoltaiche polimeriche in atmosfera controllata

Allestimento di una linea sperimentale per la realizzazione di celle fotovoltaiche polimeriche in atmosfera controllata Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Allestimento di una linea sperimentale per la realizzazione di celle fotovoltaiche

Dettagli

Dott. E. Olzi (CNR - Milano) "ESPERIENZE DEL CNR NELLA METALLURGIA DEL TITANIO. SUPERCONDUTTIVITA'"

Dott. E. Olzi (CNR - Milano) ESPERIENZE DEL CNR NELLA METALLURGIA DEL TITANIO. SUPERCONDUTTIVITA' Dott. E. Olzi (CNR - Milano) "ESPERIENZE DEL CNR NELLA METALLURGIA DEL TITANIO. SUPERCONDUTTIVITA'" Il nostro Istituto ha iniziato ad occuparsi di titanio alla fine degli anni '60 e all'inizio degli anni

Dettagli

Tecnologia di filtrazione fine CJC TM

Tecnologia di filtrazione fine CJC TM Tecnologia di filtrazione fine CJC TM Pulizia dei sistemi di olio diatermico (per trasmissione del calore) Settori di applicazione : Industria alimentare Raffinerie Industria del legno e della carta Industria

Dettagli

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A

Test di ingresso MECCANICA Classe 20A Test di ingresso MECCANICA Classe 0A 1. Tre corpi di massa rispettivamente m, m e 3m, collegati rigidamente fra loro con elementi di massa trascurabile, sono disposti in senso orario su una semicirconferenza

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG

GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG GRUPPI FRIGORIFERI AD ASSORBIMENTO SHUANGLIANG Il ciclo frigorifero Esempio di ciclo frigorifero ad assorbimento con generatore a fiamma diretta Il principio di funzionamento /informazioni utili La termodinamica

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI

PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI PRODUTTORI A.C.S. CON SCAMBIATORI SPIROIDALI FISSI 1 INDICE Pag. - Caratteristiche funzionali. 3 - Trattamenti anticorrosivi delle superfici. 4 - Coibentazioni. 5 - Protezione catodica. 6 - MODELLI con

Dettagli

F. Nenciati,, E. Origgi, A. Lazzeri

F. Nenciati,, E. Origgi, A. Lazzeri Analisi termica ed elettromagnetica di un impianto pilota per la produzione di materiali compositi a matrice ceramica mediante il processo di Chemical Vapour Infiltration con riscaldamento a microonde

Dettagli

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata BARRE IN FIBRA DI BASALTO Le barre hanno un ruolo fondamentale e consolidato in edilizia e vengono utilizzate principalmente come rinforzo del cemento, costituendo così il calcestruzzo armato. La quasi

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

LEGHE FERRO - CARBONIO

LEGHE FERRO - CARBONIO LEGHE FERRO - CARBONIO Le leghe binarie ferro-carbonio comprendono gli acciai ordinari e le ghise. Come già studiato gli acciai hanno percentuale di carbonio tra 0,008 e 2,06, le ghise tra 2,06 e 6,67.

Dettagli

1 L'ATOMO E LA STRUTTURA DEI MATERIALI 2 PROPRIETA' CHIMICHE 3 PROPRIETA' FISICHE 4 PROPRIETA' MECCANICHE 5 PROPRIETA' TECNOLOGICHE

1 L'ATOMO E LA STRUTTURA DEI MATERIALI 2 PROPRIETA' CHIMICHE 3 PROPRIETA' FISICHE 4 PROPRIETA' MECCANICHE 5 PROPRIETA' TECNOLOGICHE 1 L'ATOMO E LA STRUTTURA DEI MATERIALI 1 Atomo 2 Ione 3 Molecola 4 Elementi e composti 5 Forma amorfa e cristallina dei solidi 6 Fasi di un composto chimico 7 Leghe 2 PROPRIETA' CHIMICHE 1 La corrosione

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

I FORNI PER NITRURAZIONE CATALITICA A GAS e' un processo qualitativo.

I FORNI PER NITRURAZIONE CATALITICA A GAS e' un processo qualitativo. NOI FORNIAMO I FORNI DI NITRURAZIONE FATTI IN BASE ALLA TECNOLOGIA AVANZATA DI NITRURAZIONE CATALITICA A GAS (NCG). 2 0 0 8 I FORNI PER NITRURAZIONE CATALITICA A GAS e' un processo qualitativo. gli impianti

Dettagli

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato

IMPAX SUPREME. Acciaio per stampi bonificato IMPAX SUPREME Acciaio per stampi bonificato Queste informazioni sono basate sulla nostra attuale esperienza e forniscono informazioni generali sul nostro prodotto e sul suo utilizzo. Pertanto non devono

Dettagli

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it

Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Reattori Nucleari di IV Generazione Enrico MAINARDI - Associazione Italiana Nucleare; E-MAIL: info@assonucleare.it Enrico MAINARDI, ingegnere nucleare e dottorato in Energetica, ha collaborato con università

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ

I MATERIALI SCELTA DEL MATERIALE SCELTA DEL MATERIALE FUNZIONALITÀ SCELTA DEL MATERIALE I MATERIALI LA SCELTA DEL MATERIALE PER LA COSTRUZIONE DI UN PARTICOLARE MECCANICO RICHIEDE: LA CONOSCENZA DELLA FORMA E DELLE DIMEN- SIONI DELL OGGETTO LA CONOSCENZA DEL CICLO DI

Dettagli

SISTEM I D I A CCUM U LO T ERM I CO AD A LTA T EM PE RATU RA. Mauro Vignolini

SISTEM I D I A CCUM U LO T ERM I CO AD A LTA T EM PE RATU RA. Mauro Vignolini 1 SISTEM I D I A CCUM U LO T ERM I CO AD A LTA T EM PE RATU RA Mauro Vignolini Già Responsabile dell Unità Ricerca e Sviluppo del Progetto Solare Termodinamico dell ENEA Sommario Storicamente il progetto

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

VANTAGGI PER L INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE SISTEMI A CONDENSAZIONE 2.3.14 5.2006 gruppo termico in acciaio solo riscaldamento - a condensazione a basse emissioni - rendimento Gruppi termici a gas a condensazione con rendimenti utili superiori al

Dettagli

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Immagine: fornita da JAXA Illustrazioni di Akihiro Ikeshita Caratteristiche dei prodotti compositi C/C Il composito C/C (composito di carbonio rinforzato da fibra di carbonio)

Dettagli

LA CORROSIONE DEI METALLI

LA CORROSIONE DEI METALLI LA CORROSIONE DEI METALLI a) I processi di corrosione sono determinati dall ossidazione dei metalli: Me (s) Me n+ + n e - OSSIDAZIONE = CORROSIONE. I metalli si corrodono perchè si ossidano facilmente

Dettagli

Corde Isolanti e Guarnizioni per Alte Temperature

Corde Isolanti e Guarnizioni per Alte Temperature Corde Isolanti e Guarnizioni per Alte Temperature La corda ceramica è ottenuta da fibre ceramiche di grande purezza, ESENTI DA AMIANTO, con punto di fusione di 1760 C Possiede GRANDE RESISTENZA MECCANICA,

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

Misura e Analisi di Ossigeno

Misura e Analisi di Ossigeno Misura e Analisi di Ossigeno Soluzioni per la sicurezza sul processo, la riduzione dei costi e il miglioramento della qualità www.michell.com Misura e Analisi di Ossigeno Un ampia gamma di analizzatori

Dettagli

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA 1. LE ATTREZZATURE a. Gli immobili Il laboratorio è dotato di strutture di base fondamentali, come i banconi e la cappa aspirante. I banconi la cui superficie è in materiale

Dettagli

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1

ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 1 asdf ALLUMINIO: PROPRIETÀ, PRODUZIONE, LEGHE E TRATTAMENTI TERMICI 11 November 2011 Con questo articolo proviamo ad effettuare un breve excursus nel "mondo" dell'alluminio, analizzandone alcuni degli aspetti

Dettagli

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle.

MARITRANS MD. MARITRANS MD utilizza un esclusivo sistema di indurimento (attivato dall umidità) e diversamente dagli altri sistemi non forma bolle. MARITRANS MD Data: 01.06.2011 Versione 10 MARITRANS MD è una membrana trasparente in poliuretano monocomponente, alifatica, estremamente elastica e con un alto contenuto di materiali solidi, utilizzata

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

ST1 Un serbatoio contenente azoto liquido saturo a pressione ambiente (temperatura di saturazione -196 C) ha forma sferica ed è realizzato con due gusci metallici concentrici di spessore trascurabile e

Dettagli

SSL: Laboratorio di fisica

SSL: Laboratorio di fisica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento Tecnologie Innovative SSL SSL: Laboratorio di fisica Resistenza nel vuoto Massimo Maiolo & Stefano Camozzi Giugno 2006 (Doc. SSL-060618

Dettagli

Principio di funzionamento della cella di carburante... pag. 67. Indicazioni per la tutela ambientale... pag. 71

Principio di funzionamento della cella di carburante... pag. 67. Indicazioni per la tutela ambientale... pag. 71 M ANUALE DI ISTRUZIONI PROFI HYDRO CELL KIT I INDICE Hydro Cell Kit... pag. 66 Avvertenza importante per l'uso di Hydro Cell Kit... pag. 66 Avvertenze di sicurezza... pag. 66 Impiego appropriato... pag.

Dettagli

Realizzazione dei circuiti integrati

Realizzazione dei circuiti integrati Realizzazione dei circuiti integrati I circuiti integrati possono essere suddivisi in due grandi gruppi: Circuiti integrati monolitici in cui tutti i componenti vengono formati durante il procedimento

Dettagli

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi.

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. Indice 1) L acqua.. 1 a. Richiami di chimica: sali, ioni, ph & Co... 1 b. Non solo H 2 O... 2 c. Effetti sugli impianti delle sostanze contenute

Dettagli

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici

Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici Capitolo n. 4 - Metodi elettrochimici 4.3.1 - Conducibilità elettrica delle soluzioni La conduttimetria è una tecnica analitica basata sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche

Dettagli

WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti. Nuovo. bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni

WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti. Nuovo. bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni Nuovo Erogatore a penna! WEICONLOCK Adesivi Anaerobici e Sigillanti bloccaggio ritenuta sigillatura guarnizioni facili da applicare procedimento pulito dosatura accurata La soluzione ideale per la costruzione,

Dettagli

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale:

Argomenti trattati. Acciai per uso strutturale: Argomenti trattati Acciai per uso strutturale: Tipologie di acciai utilizzati in edilizia Processi produttivi Caratterizzazione degli acciai da costruzione Controlli di accettazione in cantiere Tipi di

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli