Prove sperimentali per la valutazione di un processo di pirometallurgia in sali fusi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prove sperimentali per la valutazione di un processo di pirometallurgia in sali fusi"

Transcript

1 Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA EETTRICO Prove sperimentali per la valutazione un processo pirometallurgia in sali fusi R. Calvigioni, M. Capone, A. Compagno, G. De Angelis, C. Fedeli, G. Tiranti, E. Baicchi,. Bal, A. Ventura Report RdS/211/96

2 PROVE SPERIMENTAI PER A VAUTAZIONE DI UN PROCESSO DI PIROMETAURGIA IN SAI FUSI R. Calvigioni, M. Capone, A. Compagno, G. De Angelis, C. Fedeli, G. Tiranti, E. Baicchi,. Bal, A. Ventura - ENEA Settembre 211 Report Ricerca Sistema Elettrico Accordo Programma Ministero dello Sviluppo Economico ENEA Area: Governo, Gestione e sviluppo del sistema elettrico nazionale Progetto: Nuovo nucleare da fissione: collaborazioni internazionali e sviluppo competenze in materia nucleare Responsabile Progetto: Paride Meloni, ENEA

3 Si~11I itlcl1lifinllillllc Di.,tril>. l'iii!. H.iCl'rCll Sisl{~III11 Elettrico NNFlSS - P Titulu Prove sperimentali per la valutazione un processo pirometallurgia in sali fusi J)escriUori Tipologia del documento: Collocazione contrattuale: Argomenti trattati: Rapporto Tecnico Accordo programma ENEA-MSE: tema ricerca "Nuovo nucleare da fissione" Trasmutazione e partizione nucleari SOlllmario Ai fini una ricerca sul recupero degli attini dal combustibile nucleare irraggiato è stalo allestito un impianto pilota elettroraffinazione in sali fusi, denominato PYRE Il, per lo stuo della separazione dell'uranio dagli attini minori. Prove "a freddo" condotte utilizzando metalli transizione (ferro e nichel) e metalli delle terre rare (Iantanio) hanno permesso stabilire attraverso quali processi avviene l'elettrodeposizione ad un catodo solido immerso in un sale eutettico costituito da ici-kci. Viene data inizialmente un'accurata descrizione dell'impianto, con dettagli sui SUOI componenti e incazione della funzione da essi svolta, mentre, per ciascuna esperienza, vengono dettagliate le conzioni sperimentali (densità corrente, mensioni del catodo, velocità agitazione, etc.) e sono tabellati i risultati ottenuti. Per l'elemento maggior interesse - l'uranio - si prevede un comportamento intermeo tra I metalli transizione e le terre rare, che permelte definire tale elemento come "elettrotrasportabile" al catodo, quin purificabile dal plutonio e dagli attini minori. Contemporaneamente alle campagne sperimentali sull'impianto Pyrel Il, è stato progettato, e conseguentemente dato l'avvio alla realizzazione dell'impianto Pyrel III, analogo al precedente ma con mofiche migliorative, destinato a future esperienze elettroraffinazione ossi metallici. Note: avoro svolt o in esecu zione dell ll linea progetru ale I.P4 - Ohiellivo E, PAR28 - Autori: Roberto Calvigioni, Mauro Capone, Alfonso Compagno, Giorgio De Angelis, Carlo Fedeli, Giuliano Tiranti, Elio Baicchi, uciano Bal, Alessandro Ventura. Copia Il. In ClriCI) a: --, , ,------,-----~ 2 NO.\IE JòIl!~\ ~-~ ~----I o EMISSIONE NO\1 E FIHI\\ NO\IE G I)e_~~.is /~1 I.uce P Meloni -ç(fi f{.,i-/ I----+;--Ftf j/i -f, ~1\\~ ---I III': \'. 1>I,~q U1I'.Ii':"'. IM'I',\ v IIEII:\I'.INE ',():~~~\J.II).\ :\l'i'il() V.. \I'.IO.'''I', ~ ~ ~ ~ ~ ~

4 Sigla identificazione 2 72 Ince 1. INTRODUZIONE: SVIUPPO DEA TECNOOGIA DI PIROMETAURGIA IN SAI FUSI 3 2. ATTIVITA ENEA NE AMBITO DEI PROGRAMMI EUROPEI EUROPART E ACSEPT 6 3. ATTIVITA ENEA NE AMBITO DE ACCORDO DI PROGRAMMA ENEA-MSE impianto pilota Pyrel II quale elettrolizzatore per stu processo Componenti principali dell'impianto Pyrel II Scelta dei materiali adatti per le operazioni impianto Prove funzionali Caricamento del crogiolo con bismuto e sali Fusione del bismuto e dell'eutettico Miscelazione delle fasi liquide Rimozione dell'umità residua dall'eutettico fuso Campionamento del sale e del metallo Fase salina Fase metallica Esperienze elettroraffinazione Elettroraffinazione con metalli transizione (ferro e nichel) Elettroraffinazione con metalli delle terre rare (lantanio) Realizzazione dell impianto Pyrel III Caratteristiche del nuovo impianto Considerazioni conclusive Bibliografia 55 Appence 57

5 Sigla identificazione INTRODUZIONE: SVIUPPO DEA TECNOOGIA DI PIROMETAURGIA IN SAI FUSI Il recupero degli attini dal combustibile nucleare irraggiato, come pure il riciclo questi elementi nei reattori potenza, è da sempre un obiettivo della ricerca nel campo nucleare. e prime tecnologie riprocessamento si basavano su processi in soluzione acquosa per il recupero plutonio da impiegare in orgni nucleari. Il processo PUREX (Plutonium Uranium Extraction), sviluppato all inizio degli anni 5, è stato usato negli Stati Uniti sia per scopi civili che militari. Figura 1 - Il ciclo del combustibile IFR

6 Sigla identificazione 4 72 Il programma americano IFR (Integral Fast Reactor) rappresenta oggi un sistema innovativo integrato per il riciclaggio del combustibile esaurito, e si basa su un procemento combinato pirometallurgia e elettrochimica ( pyroprocessing ) (Figura 1). Obiettivo nello sviluppo questa tecnologia è stato quello mettere a punto un processo economicamente conveniente, in grado contribuire alla non proliferazione armamenti nucleari, e dotato un elevata operatività, associata ad una bassa produzione rifiuti. Il recupero raonucli a lunga vita viene incontro, per quanto possibile, all esigenza limitare lo smaltimento dei rifiuti ad alta attività in strati geologici profon, che sta incontrando la crescente opposizione dell opinione pubblica. a possibilità applicare la pirometallurgia al riprocessamento verse tipologie combustibile nucleare (metallico, ad ossi misti, a nitruri, ad alto burn-up, ecc.), consente il recupero dei raonucli a lunga vita ed il loro riciclo in versi tipi reattori ai fini della trasmutazione. Figura 2 Schema a blocchi del processo pirometallurgico Inoltre, con il venir meno dei requisiti estrema purezza per il combustibile nucleare, il recupero degli attini minori (Np, Am, Cm) avviene simultaneamente al plutonio, grazie alle proprietà termonamiche del sistema sali fusi in cui opera l elettroraffinatore. e caratteristiche questi ultimi offrono altri importanti vantaggi: la notevole stabilità alle raazioni consente il riprocessamento combustibile esaurito ad elevata attività (combustibile con un tempo raffreddamento breve), senza che questo comporti un

7 Sigla identificazione 5 72 aumento dei rifiuti prodotti; poiché il sale fuso non è un moderatore neutroni (a fferenza dell acqua), può essere trattata, al confronto, una grande quantità materiale fissile, il che si ripercuote sulla compattezza ed economicità degli apparati sperimentali utilizzati. Inoltre è ridotto il numero degli sta conversione chimica, grazie all eliminazione del ciclo solido - soluzione acquosa solido, necessario nei processi in fase acquosa, ed i rifiuti con prodotti fissione si presentano in forma secca e concentrata, quin più facilmente gestibili. Figura 3 Diagramma schematico del processo elettroraffinazione MA: Minor Actinides RE: Rare Earths NM: Noble Metals AM: Alkaline Metals AEM: Alkaline Earth Metals Sotto il termine processo pirometallurgico è compresa una serie operazioni finalizzate al recupero attini dal combustibile esaurito, ed al loro riciclo nel reattore come materiali per nuovi elementi combustibile (Figura 2). Si tratta un processo a più sta, che inizia

8 Sigla identificazione 6 72 con lo smantellamento ed il sezionamento degli elementi combustibile irraggiato, i quali vengono ridotti a mensioni circa 6-7 cm, per essere poi caricati in un cestello d acciaio, che viene quin immerso in un elettroraffinatore. Quest ultimo (Figura 3) ha il compito separare gli attini dai prodotti fissione presenti nel combustibile esaurito [1]. Trattasi dello stesso processo elettroraffinazione impiegato per molti anni nell industria mineraria: un metallo impuro, che costituisce l anodo, viene depositato al catodo in conzioni maggiore purezza meante trasporto elettrico attraverso un adatto elettrolita. Nel caso in questione, uranio puro è raccolto ad un catodo solido, mentre una miscela plutonio, americio, nettunio, curio, uranio, ed alcuni prodotti fissione delle terre rare vanno a depositarsi ad un catodo cadmio (o bismuto) liquido, sospeso nell elettrolita salino (miscela eutettica cloruro litio - cloruro potassio). I rimanenti prodotti fissione si raccolgono nel sale e nello strato cadmio sottostante il sale stesso. Il sistema opera alla temperatura 5 C. I depositi catoci vengono recuperati e processati in una fase successiva, allo scopo realizzare nuovi elementi combustibile. Il processo genera rifiuti gassosi ( 3 H, He, Kr), rifiuti metallici (metalli nobili recuperati dalla stillazione del cadmio), e rifiuti salini (essenzialmente metalli alcalini, alcalino-terrosi e terre rare rimaste nell elettrolita salino). 2. ATTIVITA ENEA NE AMBITO DEI PROGRAMMI EUROPEI EUROPART E ACSEPT Nell ambito del Programma EUROPART ( ), che ha visto coinvolti laboratori e centri ricerca versi paesi europei, e la partecipazione (senza contributo finanziario) Stati Uniti, Giappone ed Australia, erano previste attività ricerca (finanziate al 5%) relative allo stuo dei processi idrometallurgia e pirometallurgia. Il contributo ENEA al programma pirometallurgia era basato su uno stuo del procemento elettroraffinazione che, con l ausilio un programma modellizzazione, permettesse acquisire utili informazioni riguardo a: comprensione dei fenomeni chimico-fisici che si verificano in fase salina e in fase metallo fuso (bismuto); definizione delle prestazioni un elettroraffinatore con riferimento alle verse modalità operative: trasporto retto al catodo (solido o metallo fuso); ssoluzione anoca; ssoluzione retta (nel metallo fuso); deposizione catoca; strippaggio catoco; purificazione dell eutettico; valutazione dell efficacia del processo elettroraffinazione nella separazione delle varie classi metalli che costituiscono il combustibile nucleare esaurito (metalli alcalini, A, alcalino-terrosi, AE, terre rare, RE, metalli transizione, TM, metalli nobili, NM). Per la realizzazione del programma cui sopra è stata effettuata una serie campagne sperimentali su un impianto (PYRE II), che lavora a freddo, utilizzando alcuni lantani, nonché metalli alcalini, alcalino-terrosi, elementi transizione e metalli nobili [2]. impianto è stato allestito presso il Centro Ricerche ENEA Brasimone. a maggior parte dei test sono stati condotti eseguendo prove elettroraffinazione tra un cestello metallo forato (Fuel Dissolution Basket, FDB) che fungeva da anodo, ed un catodo solido (Solid Steel Cathode, SSC), ambedue immersi in un sale fuso (miscela eutettico icl-kcl, nel rapporto moli %), sovrastante un bagno bismuto fuso, alla temperatura esercizio 46 C. Il crogiolo in acciaio inox contenente il bagno era inserito all interno un contenitore, anch esso in acciaio inox, collegato con una flangia al

9 Sigla identificazione 7 72 pavimento una scatola a guanti mantenuta in atmosfera argon a basso tenore umità. Nel cestello anoco erano stati preventivamente introdotti lingotti lantanio, al fine simulare il comportamento dell uranio. Tali prove, eseguite in ambito EUROPART e ACSEPT (quest ultimo con inizio ), hanno permesso comprendere attraverso quale meccanismo avviene l elettrodeposizione del lantanio: si tratta due coppie reazioni tra esse collegate, che porta, oltre alla suddetta deposizione catoca del metallo, allo sviluppo cloro gassoso che entra nel circuito reazione, fino a quando, aumentando la pressione del gas, lo stesso fuoriesce dal crogiolo. Tale processo, schematizzato nella Figura 4, non è, fortunatamente, quello che si verifica nel caso dell uranio (almeno stando a quanto riportato dalla letteratura sull argomento), il quale si deposita secondo un meccanismo, più retto, ossidazione anoca del metallo ad uranio trivalente, e riduzione catoca quest ultimo. Figura 4 Schema del meccanismo alla base della deposizione lantanio al catodo solido Reazioni anoche: Reazioni catoche: OOP 1 a a e - 2a Cl - 2a + 3Cl 2 OOP 2 2a + 3Cl 2 2a Cl - a e - a

10 Sigla identificazione ATTIVITA ENEA NE AMBITO DE ACCORDO DI PROGRAMMA ENEA-MSE attività, sinergica e complementare a quella effettuata nell ambito EUROPART e ACSEPT, ha riguardato principalmente l elettroraffinazione metalli transizione (ferro e nichel) e metalli delle terre rare (lantanio) meante l impianto pilota PYRE II. e prove sono state eseguite soprattutto al fine stuare i meccanismi che regolano il trasferimento dei metalli da un cestello in acciaio forato, operante come anodo, al catodo solido immerso nel bagno eutettico. 3.1 impianto pilota Pyrel II quale elettrolizzatore per stu processo impianto pilota, denominato Pyrel II (Figura 5), è stato installato presso il Centro ENEA del Brasimone per lo stuo dei processi pirometallurgici in conzioni non attive. Il crogiolo dell impianto è costituito da un cilindro in acciaio dolce (262 mm ametro interno x 22 mm. altezza) rivestito internamente, che viene riscaldato da 3 fasce scaldanti che avvolgono un pozzetto esterno (vessel), raffreddato superiormente attraverso un flusso acqua corrente in una bobina rame, collegato attraverso una flangia al pavimento della scatola a guanti (larga 1 m, profonda 1 m, alta.95 m) (Figura 6). Un flusso argon pari a 1. min -1 mantiene una atmosfera caratterizzata da un basso tenore ossigeno e umità. Il crogiolo viene preventivamente caricato meante 26.5 kg Bi (2.69 ) e 6.67 kg sale eutettico icl-kcl (59-41 moli %) (4.4 ) ed opera normalmente alla temperatura 46 C. Il livello del bismuto nel crogiolo è 5. cm, su cui galleggiano 7.5 cm sale. eutettico viene caricato in due fasi stinte, onde evitare che del sale trabocchi dal crogiolo. Dopo la prima carica e fusione del sale, quest ultimo viene fatto raffreddare perchè solifichi, consentendo quin il caricamento della quantità rimanente sale in conzioni sicurezza [3]. a flangia superiore del contenitore del crogiolo (Figura 7) presenta otto fori da 5 mm ametro, necessari per l agitatore ad asta verticale, il tubo contenente le termocoppie, il cestello anoco (fuel ssolution basket, FDB), il catodo solido (solid steel cathode, SSC), gli elettro riferimento per l anodo ed il catodo, l introduzione delle aste campionamento dei sali e del bismuto fuso, ed un foro centrale mensioni maggiori (15 mm) per il caricamento dei sali. Quest ultimo permette, tra l altro, il posizionamento un catodo bismuto liquido. Il catodo solido è costituito da una bacchetta in acciaio dolce, generalmente del ametro 12 mm, inserita in un tubo-guida in modo tale che un'area superficiale pari ad almeno 22 cm 2 sia esposta all elettrolita: il catodo è generalmente dotato sul fondo un piattino in allumina (catch sh), al fine raccogliere frammenti deposito metallico che non aderiscono al catodo stesso. Il catodo liquido è invece costituito da un piccolo crogiolo in zirconia (3 mm ametro interno x 4 mm altezza; dal peso 338 g), sospeso nel sale fuso meante tre bacchette allumina e riempito bismuto liquido fino ad un'altezza 3 mm; il metallo liquido è tenuto in agitazione per mezzo un agitatore a pale. In entrambi i casi il bismuto fuso agisce come controelettrodo. Gli elettro sono collegati ad un potenziostato galvanostato della Amel Instruments (Modello 75) collegato ad un PC per la registrazione dei dati (Figura 8). Il

11 Sigla identificazione 9 72 contenuto in ossigeno nell'atmosfera della scatola a guanti è mantenuto al sotto 2 ppm, mentre l'umità sta al sotto 1 ppm durante tutte le operazioni. a scatola a guanti è fornita elettrovalvole per la regolazione della pressione. E' anche equipaggiata con una box trasferimento (lunga 5 cm x 31 cm ametro) per limitare l'ingresso ossigeno durante le operazioni introduzione ed estrazione materiali vari. Cinque termocoppie in chromel-allumel permettono la misura delle temperature con la precisione +/-.5 C durante gli esperimenti. I valori forniti dalle termocoppie vengono registrati e inviati al PC, insieme con i dati forniti da un igrometro della Mitchell Instruments. Figura 5 - Impianto pilota Pyrel II Veduta generale dell impianto Pyrel II, con la scatola a guanti, il sistema riscaldamento, il galvanostato, il monitor controllo, le bombole gas argon Glove-box sotto Argon Particolare della scatola a guanti in acciaio, con il vessel che contiene il crogiolo rivestito esternamente da uno strato cerablanket Coibentazione esterna

12 Sigla identificazione 1 72 Figura 6 - Vessel contenimento del crogiolo Vista dall alto Vista dal basso Interno del vessel Interno vessel con il crogiolo inserito Esterno vessel con le 3 fasce scaldanti Esterno vessel con le 3 fasce scaldanti

13 Sigla identificazione Figura 7 - Flangia superiore dell impianto Pyrel II Fori sulla flangia Tubi guida inseriti Posizioni dei vari componenti: FDB (a); SSC (b); Ref. 1 (c); Ref. 2 (d); agitatore (h); termocoppie (g); tubo guida per campionamenti (f); tubo guida per introduzione sali (e). Distanza FDB SSC: 8.26 cm

14 Sigla identificazione Figura 8 - Impianto Pyrel II: vista in 3D e sistema controllo Galvanostato AME PID controllo delle temperature Registrazione temperature (schermo superiore) e potenziali (schermo inferiore) durante una prova elettrolisi Vista in 3D dell elettroraffinatore

15 Sigla identificazione Componenti principali dell'impianto Pyrel II I principali componenti dell'elettroraffinatore sono assemblati in Figura 9. Di seguito si riporta una breve descrizione degli stessi. Figura 9: Assemblaggio generale dell'elettroraffinatore Pyrel II che mostra i vari componenti. Da sinistra a destra: agitatore verticale a pale; contatto elettrico per bismuto liquido (bacchetta tantalio all'interno un tubo in allumina), cestello anoco ssoluzione del combustibile, anodo Bismuto-itio collegato con una bacchetta molibdeno, catodo bismuto liquido con un agitatore a palette, catodo solido in acciaio con sco raccolta in allumina, elettrodo riferimento (Ag/AgCl); tubo-guida per termocoppie chromel-allumel. I tubi in allumina che rivestono vari componenti consentono impere il contatto elettrico con il sale fuso.

16 Sigla identificazione Crogiolo: è un contenitore cilindrico (262 mm ametro interno x 22 mm altezza, avente spessore 1 mm), in acciaio dolce. Al fine proteggerlo dalla corrosione, uno strato allumina viene preventivamente applicato alla sua superficie interna meante un processo plasma-spraying, secondo la procedura seguente: il materiale rivestimento (p.f. 254 C; p.e. 3 C) viene fuso da una sorgente al plasma e spruzzato sulla superficie da rivestire, dove le particelle urtano, si depositano e solificano (Figura 1) [4]. Una buona protezione richiede l'applicazione due ulteriori strati protettivi: il primo, denominato rivestimento metallico, viene applicato (con la stessa procedura) al sotto del rivestimento principale, con la duplice finalità migliorare l'adesione al substrato e mitigare il gap nel coefficiente espansione termica tra l'allumina ed il substrato acciaio; il secondo, denominato strato sigillante, permette occludere i pori e le piccole crepe inevitabilmente presenti nello strato allumina depositata (15-3 micron). Figura 1 - Rivestimento del crogiolo Torcia al plasma PECVD Microfotografie del rivestimento in allumina Molecola HMDSO Il processo Plasma Enhanced Chemical Vapour Deposition (PECVD) [5] è stato utilizzato al fine depositare uno strato sigillante silice sull'allumina (6-7 micron complessivi). In Figura 11 è riportato il crogiolo, prima e dopo il processo rivestimento protettivo.

17 Sigla identificazione Figura 11 - Rivestimento del crogiolo Crogiolo prima e dopo il rivestimento (veduta laterale e centrale) Crogiolo prima e dopo il rivestimento (dettaglio dell interno)

18 Sigla identificazione Agitatore a pale: è una bacchetta in acciaio avente lo scopo spingere gli ioni metallici in rezione verticale e orizzontale. Posizionato lateralmente nel bagno elettrolitico, ha un ametro 12 mm (Figura 12), una lunghezza complessiva 63 cm, e viene fatto ruotare da un motore alla velocità desiderata. a parte immersa nel bismuto fuso presenta quattro lame, mentre la parte superiore è inserita in un tubo allumina per l isolamento elettrico. 'agitatore utilizzato per il catodo bismuto liquido è anch'esso del tipo ad asta con due pale, immerso nel bismuto liquido; la parte sovrastante, in contatto col sale fuso, è protetta da un tubo allumina per assicurare, anche in questo caso, l'isolamento elettrico. Figura 12 - Agitatore ad elica rivestito in allumina per l isolamento elettrico dal sale Contatto elettrico per il Bismuto liquido: viene assicurato da un'asta tantalio da 3 mm ametro, inserita in un tubo allumina per l'isolamento elettrico. Cestello ssoluzione del combustibile (Fuel Dissolution Basket, FDB): trattasi un contenitore cilindrico in acciaio inossidabile forato, aperto nella parte superiore e collegato ad un cavetto 3 mm ametro in acciaio per il contatto elettrico; il cestello ha un ametro 3 mm e un'altezza 4 mm (Figura 13). Figura 13 - Componenti impianto Pyrel II: FDB Cestello anoco Interno del cestello anoco

19 Sigla identificazione Catodo solido in acciaio (solid steel cathode, SSC): è una bacchetta in acciaio dolce, avente un ametro 12 mm, inserito in un tubo-guida in modo tale che una superficie apparente almeno 22 cm 2 sia esposta all'elettrolita; è equipaggiato con un sco raccolta in allumina (Figura 14), allo scopo raccogliere frammenti deposito metallico che non dovessero aderire al catodo. Figura 14 - Componenti impianto Pyrel II: SSC Cato F 8, F 12, F 2 mm Pinze con contatto elettrico in grafite per catodo rotante Disco raccolta in allumina (catch sh) Disco raccolta in allumina (catch sh)

20 Sigla identificazione Anodo Bismuto-itio (Bi-i anode): è costituito da un lingotto Bi-i preparato per fusione all'interno un contenitore in grafite pirolitica, versando il fuso in un crogiolo magnesia, all'interno del quale è stata preventivamente inserita una bacchetta molibdeno 3 mm ametro, protetta da un tubo allumina per l'isolamento elettrico. Catodo bismuto liquido (iquid Bi Cathode, BC): trattasi un contenitore in yttria stabilizzata con zirconia (3 mm ametro interno x 4 mm altezza; peso 338 g) (Figura 15), sospeso nel sale fuso meante tre bacchette allumina e riempito bismuto fuso fino ad un altezza 3 mm; il metallo liquido viene agitato meante un agitatore ad asta con piccole pale. Figura 15 - Crogiolo in zirconia per BC Crogiolino in zirconia sostenuto da tre astine in allumina Crogiolino dopo un esperienza elettroraffinazione (è visibile lo strato sale) Crogiolino dopo un esperienza elettroraffinazione (è visibile il bismuto dopo la rimozione dello strato sale con acqua calda) ingotto bismuto rimosso per rottura del crogiolino dopo un esperienza elettroraffinazione

21 Sigla identificazione Elettro riferimento (RE): sono due, tra loro identici, uno per misurare il potenziale catoco, l'altro per quello anoco; sono costituiti da un tubo in allumina chiuso ad una estremità e contenenti un filo argento (ametro,5 mm) immerso in soluzione eutettica fusa, nella quale cloruro argento viene sciolto alla concentrazione dell'1%; un piccolo foro (.45 mm ametro) assicura il contatto elettrico (Figura 16). Figura 16 - Elettrodo riferimento Ag/AgCl Descrizione Immagine reale Tubo-guida per le termocoppie chromel-allumel: si tratta un tubo in acciaio inox (5 mm ametro) che porta tre delle cinque termocoppie chromel-allumel per la misura della temperatura nel sale fuso, nella zona immeatamente sovrastante lo stesso e nella zona gas superiore, all'interno del vessel.

22 Sigla identificazione Scelta dei materiali adatti per le operazioni impianto e varie operazioni impianto richiedono una scelta accurata dei componenti, che devono possedere buone caratteristiche meccaniche, specialmente in relazione alla corrosione e alla resistenza agli shock termici. Tra questi materiali, allumina e zirconia meritano un attento esame: la prima viene utilizzata principalmente per i tubi all'interno dei quali le bacchette metalliche ed i fili sono inseriti a fini isolamento elettrico, come pure per il sco raccolta al sotto del catodo solido; la zirconia, adzionata ossido yttrio, è il materiale scelto per il crogiolo del catodo bismuto liquido (Tabella 1). Altri materiali refrattari, come la grafite pirolitica e la magnesia, sono stati utilizzati per la preparazione delle leghe Bismuto-itio. Anche i materiali metallici sono stati scelti sulla base dei versi utilizzi: acciaio AISI 34 (Tabella 2) per il contenitore esterno, i tubi-guida, il cestello ssoluzione del combustibile, l'agitatore a pale ed il campionatore metallico; acciaio al carbonio A.I.S.I. - S.A.E. 12 (Tabella 3) per il crogiolo ed il catodo solido; bacchetta tantalio come contatto elettrico per il bagno bismuto liquido; bacchetta molibdeno immersa nella lega Bi-i come anodo negli esperimenti decontaminazione del sale. Materiali speciali utilizzati per garantire l'isolamento termico meritano anch'essi essere menzionati: cerablanket, applicata attorno al contenitore esterno, e cogetherm, che consente proteggere il coperchio superiore dell elettroraffinatore (Figura 17). Il primo è un materiale refrattario contenente fibre ceramiche, caratterizzato da facile lavorabilità e bassa densità; risulta facile da tagliare con le forbici o con un coltello, dando allo stesso le forme richieste. Il secondo è adatto per essere utilizzato in conzioni molto severe, essendo realizzato da muscovite e mica, impregnate con resine e stratificate in modo da formare un laminato, presenta un'ottima resistenza al calore e perfino alla fiamma, bassa conducibilità termica, ottimo isolamento elettrico, buona resistenza meccanica, ed è impermeabile alla maggior parte delle sostanze chimiche, in particolare grassi ed oli. e principali caratteristiche e proprietà degli acciai suddetti sono illustrate nelle Tabelle 2 e 3, mentre quelle del bismuto fuso e del sale eutettico sono riportate nelle Tabelle 4 e 5. Infine, ogni volta che una bacchetta metallica viene inserita in un tubo allumina per l'isolamento elettrico, uno speciale materiale sigillante deve essere utilizzato: Ceramabond TM 53, un adesivo ceramico ad elevata temperatura prodotto da AREMCO. a sua applicazione segue lo schema seguente: 1 ora a temperatura ambiente, 2 ore a 93 C, 2 ore a 2 C, e 2 ore a 38 C.

23 Sigla identificazione Tabella 1. Caratteristiche generali dei materiali refrattari Proprietà Allumina Zirconia Magnesia Punto fusione, C Densità, g/cc Durezza, gra Mohs Conducibilità termica, W/cm C Coefficiente espansione 8.8 x x x 1-6 termica, in./(in.)( C) Porosità apparente, % Resistenza allo shock termico Buona Ottima Buona Tabella 2. Caratteristiche e proprietà dell'acciaio inox AISI 34 utilizzato nei seguenti componenti: vessel esterno, tubi-guida, cestello forato, agitatore ad asta verticale Proprietà Valore Proprietà Valore Resistenza allo snervamento 3 x 1 3 lb./sq. in. Resistenza a trazione 85x1 3 lb./sq. in. Durezza, 16 Peso specifico 8.2 kg/l gra Brinnel Punto fusione, C 1399 C Calore specifico.12 B.t.u./(lb.)( F.) Coefficiente espansione termica 9.6 x 1-6 in./(in.)( F) Conducibilità termica 113 B.t.u./ (sq. ft.)( F/in.) Resistività elettrica (2 C) 435 ohms/circ. mil. ft. Modulo elasticità a trazione 28x1 6 lb./sq. in

24 Sigla identificazione Tabella 3. Caratteristiche e proprietà dell'acciaio al carbonio A.I.S.I. - S.A.E. 12 utilizzato per il crogiolo e per il catodo solido Proprietà Valore Proprietà Valore Resistenza allo snervamento 38 x 1 3 lb./sq. in. Resistenza a trazione 65x1 3 lb./sq.in. Durezza, gra 13 Peso specifico 7.86 kg/l Brinnel Punto fusione, C 1515 C Calore specifico.17 B.t.u./(lb.)( F.) Coefficiente espansione termica 6.7 x 1-6 in./(in.)( F) Conducibilità termica 36 B.t.u./ (sq. ft.)( F/in.) Resistività elettrica (2 C) 6 ohms/circ. mil. ft. Modulo elasticità a trazione 3x1 6 lb./sq. in Tabella 4. Caratteristiche e proprietà del bismuto metallico Proprietà Valore Proprietà Valore Peso atomico Densità 9.8 g/cc a 2 C Punto C Punto 156 C fusione ebollizione Densità 1.7 g/cc Calore 2.6 kcal/mole a C fusione Tensione superficiale a C.378 N m -1 Viscosità namica a C 1.63 mpa.s Densità a 45 C Conducibilità termica 9.85 g/cc Viscosità namica a 45 C.79 W/cm K Resistività elettrica 1.18 mpa.s ohm m

25 Sigla identificazione Tabella 5. Caratteristiche e proprietà dell eutettico fuso (59-41 moli% icl-kcl) a 45 C Proprietà Valore Proprietà Valore Peso molecolare Densità ±.1 kg/l meo Viscosità 2.44 ±.1 mpa.s Tensione superficiale.1358 ±.3 N/m Conducibilità ionica Capacità termica del liquido (fino a 58 C) S/m (1.572 Ω -1 cm -1 ) 72.4 ± 2.5 J/mole K (17.3 ±.5 cal/mole K) Calore fusione Capacità termica del solido (fino a 24 C) ±.8 kj/mole (3.1 ±.2 kcal/mole) 51.5 ±.8 J/mole K (12.3 ±.2 cal/mole K) Figura 17 - Materiali rivestimento Cogetherm Cerablanket

26 Sigla identificazione Prove funzionali Test preliminari sono stati effettuati in modo da ottimizzare alcune operazioni fondamentali per la conduzione delle campagne sperimentali. Di seguito ne viene data una breve descrizione Caricamento del crogiolo con bismuto e sali ingotti bismuto, per complessivi 26.5 kg, sono stati introdotti nel crogiolo prima della sua collocazione all'interno del vessel del Pyrel II. Il crogiolo è stato quin chiuso con un coperchio in cogetherm, allo scopo garantire l'isolamento termico (Figura 18). I sali sono stati invece caricati, in misura 6.67 kg, attraverso il tubo-guida dal centro superiore del vessel, in due riprese, fondendo e facendo cristallizzare il primo stock, dopo che veniva introdotto il secondo, evitando in tal modo che una parte del sale traboccasse dal crogiolo. Figura 18 - Crogiolo ingotti Bi caricati Coperchio in cogetherm Fusione del bismuto e dell'eutettico Grazie all'ottima conducibilità termica dell elettroraffinatore in acciaio, l'operazione ha richiesto poche ore. Cinque termocoppie chromel-allumel hanno permesso la misura delle temperature con una accuratezza ±.5 C nel corso degli esperimenti (Figura 19). e stesse sono state posizionate come segue: Tc 1: sale fuso, Tc 2: zona gas immeatamente sovrastante il sale, Tc 3: zona gas all'interno della parte superiore del vessel, Tc 4: pavimento interno della scatola a guanti, Tc 5: rivestimento esterno del vessel. a temperatura è stata aumentata progressivamente in modo da consentire la fusione delle due fasi: fase metallica (bismuto) e fase salina (eutettico icl-kcl).

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2%

Cos è l acciaio inossidabile? Fe Cr > 10,5% C < 1,2% Cr > 10,5% C < 1,2% Cos è l acciaio inossidabile? Lega ferrosa con contenuti di cromo 10,5% e di carbonio 1,2% necessari per costituire, a contatto dell ossigeno dell aria o dell acqua, uno strato superficiale

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica

1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica Capitolo n 3 1. Conversione dell energia chimica in energia elettrica L Elettrochimica studia le relazioni tra energia chimica ed energia elettrica; in particolare si studiano i processi di trasformazione

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione

Gli acciai inox e la resistenza alla corrosione materiali Gli inossidabili sono leghe ferrose che riescono a unire le proprietà meccaniche, tipiche degli acciai, alle caratteristiche intrinseche dei materiali nobili quali, tipicamente, le notevoli doti

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Procedimenti di saldatura elettrica

Procedimenti di saldatura elettrica Procedimenti di saldatura elettrica SALDATURA AD ELETTRODO Raddrizzatori a regolazione meccanica Sono le macchine più semplici ed economiche per saldare. Ricevono in ingresso un voltaggio in corrente alternata

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Saldatura ad arco Generalità

Saldatura ad arco Generalità Saldatura ad arco Saldatura ad arco Generalità Marchio CE: il passaporto qualità, conformità, sicurezza degli utenti 2 direttive europee Direttiva 89/336/CEE del 03 maggio 1989 applicabile dall 01/01/96.

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze.

Essi possono contenere, oltre al cromo (12% 30%) e al nichel (0% 35%), anche altri componenti chimici a seconda delle specifiche esigenze. Gli acciai inossidabili sono leghe FERRO-CROMO o FERRO-CROMO-NICHEL, di varia composizione, la cui principale caratteristica è la resistenza alla corrosione. Essi possono contenere, oltre al cromo (12%

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli