VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA"

Transcript

1 1 Napoli 6 dicembre 2004 VESUVIO: STORIA ERUTTIVA E GENESI MINERALOGICA A cura di Ugo Potenza Il gruppo orografico Somma-Vesuvio 1 fa parte del sistema vulcanico compreso tra la Toscana meridionale e il golfo di Napoli. Il vulcanismo di quest area si è manifestato alla fine del terziario e durante tutto il quaternario. Questo complesso vulcanico poggia su una piattaforma di età mesozoica formata da calcari e dolomie spessa circa 490 metri. 1 Foto1 il Vesuvio durante l eruzione del 1944

2 2 Il Somma-Vesuvio è uno strato vulcano, (per strato-vulcano si intende un vulcano formato dalla sovrapposizione di strati di materiale piroclastico e colate di lava) 2, in cui la parte più antica è costituita dallo strato vulcano del Somma e la più recente, invece, che è costituita dal gran cono del Vesuvio, sorto gradatamente nella caldera terminale del Somma, probabilmente, dopo l eruzione del 79 D.C. La valle che raccorda le pareti antiche del Somma con la base del Gran Cono si chiama Valle del Gigante, è lunga circa 5 km, essa è detta Atrio del Cavallo a ovest e Vallo dell Inferno ad est. Il complesso vulcanico Somma-Vesuvio attualmente è alto circa 1276 metri s.l.m. ma molti studiosi ritengono che il Somma-Vesuvio anticamente superasse anche i metri s.l.m. Alcuni studiosi ritengono possibile che le bocche eruttive centrali e laterali del Somma-Vesuvio siano alimentate da due sistemi profondi di spaccature aventi direzioni NO-SE e NE-SO, rispettivamente parallela e perpendicolare alla struttura dell Appennino. Le prime eruzioni di questo vulcano risalgono, probabilmente, a anni fa. I suoi prodotti poggiano sull Ignimbrite Campana che risale, invece, a una delle più catastrofiche eruzioni dei campi flegrei, avvenuta circa anni fa. Alcune trivellazioni di un pozzo profondo in località Trecase, circa metri sotto il livello del mare, hanno rivelato una attività del Somma 2 struttura tipo di un vulcano a strati

3 3 ancora più antica, circa anni fa. L attività eruttiva del Somma si divide in quattro periodi: Somma primitivo; Somma antico; Somma recente; Vesuvio. Geologi e vulcanologi hanno ricostruito la storia del vulcano, grazie allo studio dei suoi prodotti eruttivi, la posizione stratigrafica e le correlazioni con i materiali eruttati dagli altri vulcani campani, utilizzando apparecchiature e metodi sofisticati che rilevano la radioattività nei prodotti eruttati e negli inclusi. La formazione tipo di una caldera secondo Halls: a) Prima dell eruzione: all interno della camera magmatica, si genera una forte pressione interna, dovuta ai gas che non possono fuoriuscire per un tappo all interno del cratere. b) Vinta questa pressione, il magma ricco di gas riempie il condotto vulcanico e fuoriesce formando una colonna pliniana di pomici e cenere alta molti km. Si generano anche fratture verticali. c) A causa dello svuotamento della camera magmatica e delle fratture verticali attorno al cratere, non sostenendo più il peso, il vulcano collassa e genera la caldera c. d) La caldera che si è formata è ricca di detriti piroclastici e di esalazioni fumaroliche. e) Con il tempo, la caldera viene erosa e ne rimane una parte come nel caso del Somma, oppure può essere riempita da acqua e costituire un lago. In passato, molti studiosi ritenevano che la formazione della caldera, fosse avvenuta durante l eruzione del 79 D.C.

4 4 Questa ipotesi è stata confutata, recentemente, da altri studiosi che hanno verificato l assenza di colate laviche sul versante del Somma che guarda Pomigliano d Arco e Ottaviano, già anni fa. Secondo queste teorie più recenti, si può affermare che la caldera si è formata anni fa. LE ERUZIONI DEL VESUVIO Dallo studio stratigrafico dei prodotti eruttivi del Somma-Vesuvio, è stato possibile suddividere l attività eruttiva degli ultimi anni in 9 grandi cicli, separati fra loro da lunghi periodi di quiescenza, documentati dalla presenza di paleosuoli che separano i prodotti piroclastici di ogni ciclo. I primi abitanti della Campania, e coloro che li seguirono, furono testimoni della potenza distruttiva del Vesuvio. Lo testimoniano alcuni manufatti e ossa animali trovati nei sedimenti piroclastici. Il terrore per questo vulcano e per i suoi fenomeni eruttivi, spinse gli antichi abitanti di queste terre a paragonare il Vesuvio a Giove e a costruirgli un tempio. L esistenza di tale opera è dimostrata da una lapide descritta dall archeologo Mommsen: Iovi Vesuvium Sacrum. Le testimonianze dell attività eruttiva del Vesuvio abbracciano 19 secoli, bisogna però puntualizzare che per i primi 16 secoli di storia i documenti sono incompleti e lacunosi. Diversa entità tecnica e storica hanno i documenti che testimoniano le eruzioni del Vesuvio dal 1631 al 1944.

5 5 L ERUZIONE DEL 79 D.C. La prima eruzione del Vesuvio, documentata, risale al 79 D.C. Essa distrusse le città di Pompei, Ercolano, Stabia e Oplonti (l odierna Torre Annunziata). Bisogna però dire che i pompeiani vivevano il Vesuvio come un monte ricco di verde, tranquillo e ricoperto di vigneti fino alla cima; i vini prodotti sul Vesuvio erano tra i più buoni e rinomati dell epoca, infatti venivano imbottigliati in anfore di terracotta per essere commerciati nei centri vicini: Apiano (l odierno Fiano) e il Cauda Vulpium (l odierno Coda di Volpe). Il Vesuvio prima e durante l eruzione del 79 D.C. I romani non immaginavano che un Monte tanto ubertoso nascondesse Insidie così gravi e fosse foriero di infiniti lutti. L eruzione del 79 D.C. fu documentata da Plinio il Giovane. Plinio raccontava in una lettera allo scrittore Tacito della morte dello zio. Questo scritto, anche se poco tecnico e incompleto, rappresenta il primo documento di vulcanologia della storia. Anticamente si era all oscuro della potenza

6 6 distruttiva del Vesuvio. Bisogna però citare che Strabone già nel 19 D.C. aveva riconosciuto la natura vulcanica del Vesuvio e sessant anni dopo il suo riconoscimento, doveva averne una conferma tanto clamorosa. Anche Dioro Siculo (contemporaneo di Augusto), riteneva che il Vesuvio fosse tanto pericoloso quanto l Etna, che in quell epoca era attivo come oggi. Un ultima citazione che merita la nostra attenzione è quella di Marco Vitruvio Pollione, il quale diceva di aver visto il Vesuvio vomitare fiamme sulle campagne vicine. In ogni caso, la prima manifestazione endogena, preludio dell eruzione di sedici anni dopo, si ebbe il 5 febbraio del 63 D.C. L eruzione iniziò il 24 agosto del 79 D.C., il ritrovamento di olive fresche nelle case pompeiane fa ritenere anche l inizio dell attività eruttiva il 24 ottobre. L eruzione durò tre giorni: il 26 il giorno si schiarì; Pompei fu ricoperta da sette metri di ceneri e lapilli, Ercolano da uno spessore di fango (lahar) alto dai 15 ai 25 metri; in questa catastrofica eruzione vi persero la vita oltre persone. Recentemente lo studioso H.P. Sheridan, grazie allo studio dei prodotti vulcanici alla base del Somma-Vesuvio e alle informazioni storiche di Plinio il Giovane, ha formulato una teoria che può spiegarsi in questo modo: Durante il periodo di quiescenza del vulcano, il magma aumentava in viscosità e nel contenuto dei volatili per la differenziazione prodotta dal raffreddamento del magma. Il contatto tra il magma e l acqua di falda, di origine meteorica, era impedito dalla presenza di una spessa crosta impermeabile di magma solidificato. Quando la pressione dei gas all interno del condotto superò la resistenza delle rocce sovrastanti avvenne l eruzione. Intanto l improvvisa differenza di pressione tra i gas presenti nel magma e la pressione esterna provocò violentissime esplosioni che culminarono con la formazione di una gigantesca colonna pliniana (che deve il nome a Plinio, il primo a descrivere il fenomeno), alta oltre 17 km. La violenta esplosione ruppe la crosta impermeabile all interno della camera magmatica, ma il contatto tra acqua di

7 7 falda e il magma non poteva ancora avvenire per via della forte pressione dei gas presenti nella camera magmatica. La prima fase terminò con il lancio violento di ceneri, lapilli, scorie e bombe da parte della colonna pliniana; essa non potendo più sostenere il peso di questo materiale per la mancanza della pressione interna dovuta ai gas, cominciò a far ricadere gli stessi seppellendo Pompei, Ercolano e le altre città già citate. Schema dell eruzione del 79 D.C. nella ricostruzione di H.P. Scheridan. 1) Formazione della colonna pliniana ricca di gas, pomici e scorie durante la prima fase dell eruzione del 79 D.C. 2) Esplosione freatomagmatica dovuta al contatto tra il magma, restante nella camera magmatica, e l acqua di falda contenuta nei calcari. Seconda fase dell eruzione del 79 D.C. Seguì, quindi, una forte riduzione della fuoriuscita di magma dalla bocca principale, dovuta allo svuotamento della parte superiore della camera magmatica. Molte persone di Pompei, forse anche saccheggiatori, cessata l eruzione, ritornarono nella città ormai quasi sepolta, ignari di ciò che sarebbe accaduto nel periodo successivo. Infatti per circa dieci ore l acqua di falda che circolava nei calcari, confluì nella camera magmatica in parte vuota; si ebbe una violentissima ripresa dell eruzione. Nella camera si produsse un nuovo aumento di pressione, il vulcano si innalzò e la linea di costa arretrò lungo tutto il golfo. Una nuova nube originatasi da un processo freato-

8 8 magmatico, ricca di gas, vapore d acqua e scorie, discese lungo i versanti del Vesuvio a una velocità estremamente elevata, travolgendo tutto ciò che si trovava davanti. Fu proprio in quest ultima fase che la maggior parte delle persone persero la vita. Quest eruzione provocò disastri anche ai fertilissimi campi coltivati. Quelli che non furono coperti da cenere, persero la loro fertilità a causa delle piogge fortemente acide. L ATTIVITA ERUTTIVA DOPO IL 79 D.C. L attività eruttiva che si svolse tra il 79 D.C. e il 1631 è poco documentata, se ne hanno notizie scarse e poco attendibili; si ritiene che le eruzioni sono state prevalentemente a carattere esplosivo con la presenza di qualche colata lavica, separate da lunghi periodi, talvolta secolari, di inattività. Memorabili sono le eruzioni del 203, a carattere esplosivo e con forti boati sentiti anche a Capua, quella del 472 (conosciuta anche con il nome di eruzione di Pollena) e infine quella del 512. Tutte queste eruzioni furono precedute da terremoti e interessate da un violento lancio di enormi blocchi, di ceneri e da efflussi lavici. Altre eruzioni documentate sono quella del 685 e quella del 787. In quest ultima si formò il caratteristico pino formato da vapori e scorie e la lava che usciva dal cratere, percorse una distanza di 6 miglia. Le eruzioni del X e XI secolo sono poco documentate, così come le successive. L eruzione del 1139 è caratterizzata da una fase stromboliana. Dopo tale attività, il vulcano entrò in completo riposo, riposo che durò fino al 1631, anno nel quale avvenne un altra violentissima esplosione.

9 9 L ERUZIONE DEL 1631 Dopo molti secoli di calma, durante i quali la vegetazione aveva ricoperto tutto il vulcano e l uomo aveva piantato coltivazioni e costruito case fin dentro l Atrio del Cavallo, il Vesuvio si risvegliò. L eruzione del 1631 in un famoso Dipinto di Domenico Gargiulo (Micco Spadaio). l evento viene osservato dal molo grande del porto di Napoli. L eruzione fu famosa per le devastazioni e per i lutti che provocò. La notizie dell evento, descritto in quasi duecento pubblicazioni e stampe, si sparsero per l Europa con rapidità e dovizia di informazioni dando inizio ad una approfondita conoscenza del vulcano e del suo rapporto con il territorio ad esso collegato così densamente popolato. Si inizia anche a raccogliere la serie dei minerali che esso d Tra il luglio e il dicembre del 1631, numerosi terremoti sconvolsero il vulcano. A dicembre dello stesso anno, l acqua cominciò a mancare nei pozzi e di notte gli animali domestici urlavano. La mattina del 16 dicembre del 1631 alcune persone videro una nube attraversare l orlo del cratere. In poche ore

10 10 intorno al vulcano l aria divenne buia. Verso le 11 del mattino, si aprirono grandi spaccature verso la base nord del Gran Cono, le lave fuoriuscirono e invasero l Atrio del Cavallo distruggendo coltivazioni e abitazioni. Il giorno seguente ci furono delle forti scosse sismiche che misero le abitazioni in pericolo, e successivamente la sommità del cono fu devastata da un enorme esplosione. Grossi blocchi vennero lanciati a distanze notevoli. Dopo poche ore una colata di fango discese sul versante ovest del vulcano, distruggendo molti villaggi, e raggiunse il mare. Nello stesso tempo altri terremoti aprirono altre fessure radiali, a ovest e a sud ovest del cratere, dalle quali fuoriuscirono grandi volumi di lava bollente che viaggiarono ad una velocità di 3 km/h. Velocemente furono seppellite Portici ed Ercolano. A testimonianza della violenza dell eruzione del 1631 vi è l immagine di Giovan Battista Passaro. Vero disegno coevo dell incendio della montagna di Somma rappresenta l invio da parte del viceré spagnolo delle galere a soccorso delle popolazioni; esse: Andarono a pigliare li genti rimasti vivi. A mezzogiorno del 17 dicembre a Napoli sembrava notte, a causa della grandissima quantità di cenere presente nell aria. Il 18 dicembre le esplosioni e le colate laviche si arrestarono. Quando si dissiparono le nubi di ceneri, il Vesuvio risultò più basso di 168 metri. L eruzione provocò la morte di abitanti e di animali domestici. Portici, Boscotrecase, Ercolano, Torre Annunziata e Torre del Greco furono distrutte o in parte danneggiate dalle lave.

11 11 Da Perrey. Stato del Monte Vesuvio prima e dopo l incendio del 16 di Dicembre. Altre eruzioni dopo il 1631 furono quelle del 1760, 1794, 1858, 1861 e Ho preferito non dilungarmi troppo su questi eventi eruttivi ma concentrarmi su altri che a mio giudizio sono più importanti: l eruzione del 1906 e infine quella più recente del L ERUZIONE DEL 1906 L eruzione del 1906 fu preannunciata da una lenta colata effusiva e da un attività di vapore nel cratere, che avvennero il 27 maggio del Il 1 aprile 1906 si ebbero lanci di brandelli di lava. L eruzione è divisa in tre fasi. La prima fase iniziò il 4 aprile con l apertura di una frattura radiale, sul fianco sud del vulcano, dalla quale fuoriuscì una colata di lava. Successivamente la frattura si allargò notevolmente facendo fuoriuscire una colata lavica ancora più grande, avente una temperatura di C! Il 7 aprile i fianchi del vulcano si aprirono a 600 metri di altitudine, e fuoriuscirono due fiumi di lava bollente che scendendo arrivarono sino a Boscotrecase. Furono prodotti anche ceneri e proietti che caddero su Ottaviano e S. Giuseppe Vesuviano.

12 12 L enorme massa di prodotti piroclastici espulsi durante l eruzione dell aprile La cenere e la sabbia ricoprirono abbondantemente i paesi delle pendici del vulcano (Archivio fotografico f.lli Carcavallino). La seconda fase iniziò l 8 aprile, e fu soprattutto gassosa. Si innalzò una fontana di lava e gas che raggiunse una altezza di 600 metri. Furono emessi circa km cubi di gas. L ultima fase avvenne nei giorni dal 9 al 22 aprile, fu caratterizzata soprattutto da emissioni di ceneri. Le ceneri che in questi giorni si accumularono sui fianchi, diedero origine nel corso delle piogge ai lahar che danneggiarono fortemente Ottaviano. I danni più gravi sono accreditati maggiormente alla caduta di cenere, che accumulatasi sui tetti delle case, li faceva crollare. I danni provocati dalle colate di lava furono poco importanti. L eruzione causò la distruzione del Cono che si abbassò notevolmente. Altre eruzioni avvenute nel corso degli anni furono quella del 1929, 1933 e l ultima eruzione del 1944 che tratteremo in modo più ampliato.

13 13 Foto dell eruzione del Si noti come il vento che orienta la colonna di ceneri e lapilli sia quello dominante da maestrale. L ERUZIONE DEL 1944 La morfologia del vulcano nel 1944 era diversa da quella attuale: era presente un conetto all interno del cratere da cui sgorgava gas. Si crede che l eruzione sia avvenuta a causa del crollo di questo conetto, che ostruì il condotto non permettendo più l uscita di gas. Il 1 marzo 1944 ci fu, osservato sui sismografi, un aumento degli shock spasmodici dovuti all apertura di una faglia nel bacino magmatico. Il 18 marzo l attività sismica aumentò notevolmente. Poche ore dopo, il camino si aprì con forti esplosioni a cui successero colate di lava. Le lave fuse tracimarono dal cratere e si riversarono sul fondo dell Atrio del Cavallo. Il 21 marzo, la lava dall Atrio del Cavallo discese lungo le pendici del Vesuvio distruggendo le cittadine di Massa e S. Sebastiano. L attività di questa eruzione può essere divisa in quattro fasi. La prima fase dell eruzione ebbe inizio alle ore 16 del 18 marzo e terminò alle 17 del 21 marzo.

14 14 La seconda fase, detta delle fontane laviche, terminò alle ore 12 del 22 marzo. Questa fase fu caratterizzata dal lancio di proietti che raggiunsero anche altezze di 1 km, furono distinte otto fontane. A causa dei venti prevalenti, che spingevano le colate verso sud-est, le stesse raggiunsero le città di Angri e di Pagani. La terza fase, detta anche delle esplosioni miste, fu interessata da proietti che lanciarono grandi quantità di ceneri anche a notevoli distanze dal centro di emissione, le ceneri arrivarono anche in Albania. La fase terminò alle ore 14 del 23 marzo. La quarta fase detta anche sismo-esplosiva è formata da un misto di crisi sismiche e attività esplosiva. L eruzione del 1944 terminò il 29 di marzo di quell anno. L attività eruttiva del Somma-Vesuvio, nel tempo, ha generato un gran numero di specie mineralogiche, che analizzerò nei minimi particolari. Cartolina degli anni trenta in cui si nota ancora il conetto che emette vapori. Il conetto si distruggerà durante l eruzione del LA GENESI MINERALOGICA

15 15 Lo studio della mineralogia vesuviana è relativamente recente, avendo inizio in un arco di tempo di circa tre secoli, grazie all apporto di tecnici e studiosi come Ferber, Thomson e Zambonini. Però è necessaria un introduzione sui vari modi della genesi e della formazione mineralogica, prima di trattare in modo più ampliato le varie specie mineralogiche vesuviane. La formazione dei minerali avviene grazie a processi fisici, chimici e termodinamici. Le ricerche sullo sviluppo dei minerali, cercano di rapportare questi processi con alcuni fattori geologici che esercitano un influenza sul loro sviluppo. Per lo studio sulla genesi mineralogica sono due i percorsi che si seguono: Il primo cerca di stabilire i rapporti che un minerale instaura con gli altri (paragenesi), e di risalire alle sue condizioni di formazione con l ausilio delle proprietà chimiche e fisiche del minerale stesso; il secondo si basa su dati che si ricavano da studi eseguiti in laboratorio, dove si mira a ottenere le condizioni della genesi del minerale prossime a quelle naturali. La formazione di un minerale avviene raramente grazie ad un solo processo, spesso capita che il minerale, dopo la sua formazione, venga alterato o addirittura trasformato in un minerale totalmente diverso da quello iniziale. In natura esistono vari tipi di minerale, ben tre: di origine eruttiva, metamorfica e sedimentaria. Quelli che a noi interessano particolarmente sono i minerali di origine eruttiva. I minerali di origine eruttiva si formano grazie al raffreddamento di una massa fusa ad alta temperatura presente sopra la crosta terrestre o in profondità. I minerali di origine metamorfica derivano, invece, dalla trasformazione di rocce ignee, sedimentarie o metamorfiche, grazie a processi termici e dinamici che ne hanno alterato l iniziale struttura e composizione mineralogica. Come già accennato prima, i minerali eruttivi si originano dal consolidamento di una massa fusa ad alta temperatura. Durante il

16 16 consolidamento, distinguiamo: Un periodo magmatico, nel quale si separano i minerali poco solubili per cristallizzazione; un periodo pneumatoliticopegmatitico, durante il quale le porzioni magmatiche residue, ancora fuse e ricche in agenti mineralizzatori, cristallizzano entro la roccia stessa o in quelle circostanti, originando le pegmatiti, formate da grossi cristalli. Il periodo di formazione delle pegmatiti è accompagnato da un intenso sviluppo di gas disciolti, che reagendo con le rocce vicine, generano i minerali pneumatolitici; infine vi è un periodo idrotermale dove le soluzioni acquose, ancora calde, rimaste in circolazione, penetrano nelle fessure e nelle spaccature della roccia provocando la cristallizzazione e il deposito dei componenti disciolti o reagiscono con i minerali delle rocce già presenti. Il processo idrotermale è fortemente condizionato da due componenti, temperatura e pressione. Si può dunque affermare che durante il raffreddamento del magma nella camera magmatica, si separano prima gli ossidi metallici e i minerali poveri in silice, successivamente i minerali più ricchi in SiO2. I cristalli che si formano per primi, conservano, in genere, il loro abito cristallino e vengono detti idiomorfi; i minerali che si formano per ultimi, che occupano gli spazi rimasti vuoti, sono detti allotriomorfi. Tra i silicati, quelli che si generano per primi sono: A) i minerali di olivina o quelli che hanno un rapporto tra Si e O = 1 : 4; B) seguono i pirosseni e gli anfiboli che hanno un rapporto tra Si e O = 1 : 3 fino a 4 : 11; C) le miche hanno un rapporto tra S e O pari a 2 : 5; D) i feldspati hanno rapporto tra Si + Al : O = 1 : 2; E) infine il quarzo ha un rapporto Si : O = 1 : 2. Nella cristallizzazione dei silicati, si nota inizialmente la genesi dei silicati con gruppi isolati di SiO4 (nesosilicati), successivamente la formazione dei silicati con tetraedri SiO4 riuniti in gruppi uni - bi - e tridimensionali: Come già accennato, durante il raffreddamento del magma, cominciano a formarsi i gruppi isolati di SiO4; in seguito, poiché gli ioni ossigeno presenti nel magma non sono in numero sufficiente per saturare

17 17 tutti gli ioni silicio e formare tetraedri isolati di SiO4, si realizza un risparmio di ioni ossigeno disponibili. Questo risparmio avviene quando uno ione ossigeno di un tetraedro SiO4 si mette in comune con due tetraedri vicini - formazione dei silicati con gruppi di tetraedri SiO4 con catene aperte (inosilicati) o chiuse (fillosilicati) - o meglio, quando lo ione ossigeno di un tetraedro SiO4, si lega con altri tetraedri SiO4 vicini (formazione di tectosilicati). Formazione dei silicati. In questa figura si nota bene la struttura dell anione SiO4 e delle catene che esso può costituire. Nesosilicati, inosilicati, fillosilicati e tectosilicati. Se consideriamo che i tetraedri isolati di SiO4 hanno il numero massimo di valenze libere, si spiega perché essi tendono a combinarsi con cationi aventi piccole dimensioni o grande carica, formando i minerali di olivina. Successivamente, col procedere del raffreddamento, si rendono stabili anche gli aggregati di tetraedri di SiO4 che saturano le loro valenze libere con cationi a piccolo raggio o con altri aventi grande carica (Ca++, Na+, K+) ancora presenti nel magma.

18 18 Il quarzo si genera quando, per la mancanza di ioni metallici, la saturazione delle valenze del silicio viene effettuata esclusivamente dall ossigeno. Questo processo chimico segue le regole di V. M. Goldschmidt : 1) Se due ioni hanno raggio ionico simile e stessa carica, essi entrano con uguale facilità in un dato reticolo cristallino. 2) Se due ioni hanno raggio ionico simile e differente carica, lo ione con la carica più alta entra con maggiore facilità in un dato reticolo cristallino. 3) Se due ioni hanno raggio ionico differente e carica simile, lo ione con il raggio minore entra con maggior facilità in un dato reticolo cristallino; La formazione di rocce e minerali, come detto, avviene per cristallizzazione frazionata di una massa fusa ad alta temperatura; però, può capitare che da un magma si separano porzioni diverse, che raffreddandosi, generano rocce con differente composizione cristallina. Questo processo viene chiamato di differenziazione magmatica. Alcuni petrografi hanno considerato che la differenziazione possa avvenire per smescolamento: considerando che un magma possa essere formato dalla mescolanza di porzioni diverse più o meno solubili l una nell altra. Ad esempio consideriamo la miscibilità di due liquidi come acqua e fenolo, essi danno soluzioni a temperature superiori ai 68 C, mentre i due liquidi per temperature inferiori ai 68 C, si separano. Analogamente si ipotizza che nel magma, prima della cristallizzazione, raggiunta una

19 19 determinata temperatura, si abbia una separazione tra due o più porzioni di magma non miscibili tra loro, che solidificandosi danno rocce con differente composizione mineralogica. Un altra causa di differenziazione, può essere la diversa temperatura esistente tra le parti periferiche più fredde e quelle centrali più calde di una massa magmatica. Avviene la migrazione, seppur lenta, dei cristalli formatisi per primi verso le parti più fredde. Questo fenomeno si indica con il nome di differenziazione termica. Infine, il processo di differenziazione magmatica, può avvenire per gastransfer. I gas contenuti nella massa magmatica, possono trasportare da una parte all altra gli elementi più volatili oppure possono asportarli tutti o in parte quando, per la diminuzione di pressione, essi si liberano dal magma. GIACIMENTI MINERARI Le rocce che si generano dal consolidamento magmatico, costituiscono i giacimenti generali di minerali che lo compongono, giacimenti dai quali non è possibile sempre uno sfruttamento economicamente utile. Quando nei giacimenti, l accumulo dei minerali utili è tale che essi possono essere estratti in maniera economicamente vantaggiosa, siamo in presenza di giacimenti speciali. I giacimenti si suddividono ancora in giacimenti singenetici, se il minerale in questione si forma contemporaneamente ai minerali della roccia, oppure epigenetici se il minerale in questione si genera successivamente ai minerali della roccia. Si distinguono giacimenti intrusivi e giacimenti effusivi. I giacimenti intrusivi si dividono in magmatici, pneumatolitico-pegmatitico e idrotermale; quelli effusivi si dividono in effusivi idrotermale e di esalazione. a) I giacimenti magmatici, si dividono rispettivamente in giacimenti di segregazione e di concentrazione magmatica. Al primo tipo appartengono

20 20 quei giacimenti che hanno il minerale utile distribuito omogeneamente in tutta la massa della roccia; al secondo tipo appartengono quei minerali che si sono concentrati in particolari punti della roccia. Nel consolidamento dei magmi basici si separano prima i minerali sono i metalli del gruppo del platino, della magnetite, della ilmenite, della cromite, ecc.; l esperto, dunque, ricerca tra le rocce derivate da questi magmi, i giacimenti contenenti questi minerali. Tra i minerali di segregazione magmatica sono da ricordare quelli della cromite, nelle rocce basiche (peridotiti, duniti, lherzoliti, ecc.,); essi si rinvengono sotto forma di lenti, chiazze irregolari nelle rocce o zonature nelle parti centrali della massa eruttiva. Tra i giacimenti di questo tipo più noti, sono quelli di Selukwe (Rodesia), e quelli della California, dell Oregon e del Montana (Stati Uniti). Sempre nelle rocce basiche connessi con i giacimenti di cromite, troviamo quelli di platino (duniti, peridotiti). In Sud Africa si trovano notevoli concentrazioni da 30 g/ton sino ad un massimo di 200 g/ton; tali giacimenti consentono un estrazione particolarmente redditizia. Anche i giacimenti di diamante sono importanti, essi si trovano in cavità imbutiformi artificiali di diametro notevole, i più famosi sono quelli del Kimberly e del Africa Meridionale. Giacimenti di concentrazione magmatica sono quelli di pirrotina nichelifera e platinifera (Canada, Norvegia), anche i giacimenti di magnetite in Svezia sono molto noti. b) Dopo un primo processo di cristallizzazione del magma, rimangono, nello stesso, porzioni residue ricche di elementi volatili come Li, Be, Zr, B, Hf, Th, U, ecc.., che a causa del loro raggio ionico non sono andati a costituire i minerali primi prodotti nella cristallizzazione. Grazie ai volatili, queste porzioni residue di magma sono molto fluide e sottoposte a elevate pressioni; ciò permette ai residui magmatici di infiltrarsi con facilità nelle fratture e nelle spaccature della roccia già consolidata, formando i filoni pegmatitici. In tali pegmatiti, formatesi a temperature tra i 500 e i 700 C, i minerali solitamente contengono F, OH e Cl. La formazione dei filoni pegmatitici è un fenomeno che accompagna la formazione di rocce derivanti da magmi acidi del tipo

21 21 granitico e sienitico. In base ai minerali ricavabili economicamente dalle pegmatiti, si distinguono: pegmatiti a feldspato, con grossi cristalli di ortoclasio e quarzo; micacee a muscovite; ad apatite, cassiterite, corindone e spinello. Quando l azione mineralizzante è stata provocata da sostanze gassose del residuo magmatico, si hanno le formazioni pneumatolitiche, strettamente connesse alle pegmatiti, che possono aver riempito spaccature della roccia incassante, qualora hanno giacitura filoniana. In queste sostanze gassose, oltre all acqua sono presenti anche cloruri e fluoruri metallici che, trovandosi in ambienti a temperatura relativamente bassa, si depositano o reagiscono con i minerali e le rocce con le quali vengono a contatto, depositando minerali insolubili ricchi in B, OH, Cl, Li, ecc.. Da un convoglio gassoso contenente fluoruri di stagno e di silicio facilmente volatili, si possono separare cassiterite e quarzo: SnF4 + 2H2O = SnO2 (cassiterite) + 4HF SiF4 + 2H2O = SiO2 (quarzo) + 4HF Tra i giacimenti pneumatolitici più famosi, connessi con le rocce granitiche, ricordiamo le formazioni filoniane stannifere, che si sono formate probabilmente secondo lo schema cui si è accennato, e nelle quali la cassiterite si trova in paragenesi con quarzo, topazio, fluorite e miche latinifere. Questi giacimenti si trovano in Cornovaglia, nel Siam, nell Africa Meridionale. Formazioni pneumatolitiche più basiche, si caratterizzano per la presenza di tormalina, quarzo aurifero (Appalachi), magnetite (Vosgi), rame (Giappone). c) Il periodo idrotermale inizia quando la temperatura dei residui magmatici scende al disotto della temperatura critica dell acqua (. Si generano così soluzioni acquose, molto diluite, che circolando nelle fenditure delle rocce, depositano i sali disciolti in forme filoniane o reagiscono provocando la formazione di giacimenti idrotermali di sostituzione o di impregnazione. L attività, il potere solvente e la ricchezza in sali delle

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c.

Pompei. Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei Eruzione 24 Agosto 79 d.c. Pompei si snoda sotto l ombra del monte Vesuvio. Il vulcano è oramai inattivo da 1500 anni e la gente non sa nemmeno che si tratta di un vulcano. Il 24 Agosto del 79 d.c.

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica

Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Mineralogia sistematica Corso di Laurea in SCIENZE NATURALI Facoltà di Scienze MM.FF.NN Mineralogia sistematica Mineralogia sistematica Ossidi, Idrossidi, Alogenuri, Carbonati, Solfati e Fosfati Ossidi e Idrossidi Gli ossidi

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri:

LO SPETTRO. c ν. Sono da tener presente i seguenti parametri: LO SPETTRO Se si fa passare un fascio luminoso prima attraverso una fenditura e poi attraverso un prisma si ottiene la scomposizione della luce nei colori semplici, cioè otteniamo lo spettro della luce.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve

Al Rawdatain. ZHUJIANG BEER. Al Rawdatain in breve ZHUJIANG BEER Al Rawdatain. Al Rawdatain in breve SETTORE ACQUA & CSD Al-Rawdatain Al-Rawdatain Water Bottling Co. Safat, Kuwait >> cartonatrice SMI WP 300 >> fardellatrice SMI SK 350 T >> manigliatrice

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto

Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto AMBIENTE Valori di fondo di metalli e metalloidi nei suoli del Veneto Paolo Giandon, Adriano Garlato, Francesca Ragazzi ARPAV, Servizio Suoli, Dipartimento Provinciale di Treviso, via S. Barbara 5/A, 31100

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

C.S.R. Restauro Beni Culturali

C.S.R. Restauro Beni Culturali Punto: Sil.01 Colore: Verde Ca Mn Fe Sr Sb Pb Cont. 157 243 538 478 457 40 Perc. 8.207 12.70 28.12 24.98 23.88 2.090 per evitare l'opacizzazione superficiale della tessera. La colorazione verde è ottenuta

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI

CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI CLASSIFICAZIONE E DESIGNAZIONE DEGLI ACCIAI La classificazione e la designazione degli acciai sono regolamentate da norme europee valide in tutte le nazioni aderenti al Comitato Europeo di Normazione (CEN).

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Legame ionico nei solidi.

Legame ionico nei solidi. Legame ionico nei solidi. Un puro legame ionico nei solido praticamente non esiste, anche in NaCl o CaO i legami hanno un certo carattere covalente che ovviamente diventa molto più importante man mano

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510)

Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) Quesiti e problemi (sul libro da pag. 510) 2 Il numero di ossidazione 1 Assegna il n.o. a tutti gli elementi dei seguenti composti. a) Hg 3 (PO 3 ) 2 Hg: +2; P: +3; O: 2 b) Cu(NO 2 ) 2 Cu: +2; N: +3; O:

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI -

VOCE DI CAPITOLATO RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA- MENTO DA SALI - VOCE DI CAPITOLATO "RISANAMENTO DI MURATURE IN DETERIORA MENTO DA SALI RIDUZIONE DEI SALI A LIVELLI DI SICUREZZA MEDIANTE ESTRAZIONE CON IMPACCO " DESCRIZIONE LAVORI E VERIFICA La seguente Tabella

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli