REGOLE DI INTERNAL DEALING

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLE DI INTERNAL DEALING"

Transcript

1 ALLEGATO A AL CODICE DI CORPORATE GOVERNANCE AZS (31 gennaio 2006) REGOLE DI INTERNAL DEALING Premessa In coerenza con il Regolamento dei Mercati organizzati e gestiti dalla Borsa Italiana SpA e con le relative Istruzioni applicative, il Consiglio di Amministrazione della Ras ha emanato le seguenti regole di comportamento in merito al trattamento informativo da riservare alle operazioni personali effettuate - sugli strumenti finanziari quotati della Ras - dai componenti degli organi sociali e dell alta direzione della Società nonchè dai dipendenti o collaboratori della Ras e delle sue controllate operanti in settori di particolare delicatezza, in ragione del loro accesso ad informazioni price sensitive riguardanti la Società ed il suo gruppo. La finalità delle presenti regole è quella di assicurare la massima trasparenza ed omogeneità informativa al mercato sui comportamenti individuali - aventi ad oggetto i titoli quotati della Ras - tenuti dai soggetti di cui sopra. Le presenti regole - vincolanti per i citati destinatari - contengono talune disposizioni più stringenti rispetto a quelle emanate in materia dalla Borsa Italiana SpA allo scopo di corrispondere al meglio all interesse del mercato di disporre dell informativa in parola nei termini e con le modalità più puntuali ed esaustivi possibili. 1. Persone rilevanti Le presenti regole si applicano ai seguenti soggetti del gruppo Ras, i quali vengono definiti "persone rilevanti": A. i componenti gli organi sociali e l'alta direzione della Società, cioè gli amministratori, i sindaci effettivi, i direttori generali e i direttori centrali della Ras; B. i dipendenti e collaboratori della Ras e delle sue controllate operanti in highly sensitive areas (nel seguito "dipendenti highly sensitive areas") i quali, in virtù dell'incarico ricoperto nella società di appartenenza, hanno accesso a informazioni privilegiate (cioè - ai sensi dell art. 23 del Codice di corporate governance Ras- ad informazioni, non rese pubbliche e che riguardano uno o più strumenti finanziari emessi da Ras, le quali - se rese pubbliche - potrebbero influire in modo sensibile sui prezzi di tali strumenti finanziari ovvero sui prezzi di strumenti finanziari connessi - informazioni cosiddette price sensitive) Tali soggetti sono individuati dalla Funzione Compliance Ras su indicazione dei Responsabili delle highly sensitive areas cui i dipendenti o collaboratori appartengono. Codice di corporate governance AZS 27

2 2. Informazioni dovute dalle persone rilevanti alla Società Le persone rilevanti comunicano alla Funzione Compliance Ras, nei termini e con le modalità sotto precisate, quanto segue: le operazioni da ciascuna di esse effettuate aventi ad oggetto strumenti finanziari quotati emessi dalla Ras; le operazioni da ciascuna di esse effettuate aventi ad oggetto strumenti finanziari, anche non quotati, che attribuiscono il diritto di sottoscrivere, acquistare o vendere strumenti finanziari quotati emessi dalla Ras; le operazioni da ciascuna di esse effettuate aventi ad oggetto strumenti finanziari derivati, nonché covered warrant, aventi come attività sottostante strumenti finanziari quotati emessi dalla Ras, anche quando l'esercizio avvenga attraverso il pagamento di un differenziale in contanti. La comunicazione non è dovuta nel caso di operazioni aventi ad oggetto obbligazioni non convertibili. Ai fini di quanto sopra: a. si tiene conto delle operazioni compiute da ciascuna persona rilevante, dal coniuge non legalmente separato, dai figli minori, o fatta compiere da persone interposte, fiduciari o società controllate; b. non si tiene conto delle operazioni di prestito titoli in cui la persona rilevante o gli altri soggetti di cui alla lettera a. assumano la posizione di prestatore, nonché della costituzione di diritti di pegno o di usufrutto; c. non si tiene conto delle operazioni compiute, anche per interposta persona o tramite fiduciari, fra i soggetti di cui alla lettera a.; d. non si tiene conto delle operazioni effettuate nell'ambito di un rapporto di gestione su base individuale di portafogli di investimento, laddove il cliente rinunci espressamente ed irrevocabilmente alla facoltà di impartire istruzioni. Per gli strumenti finanziari derivati o i covered warrant, il controvalore nozionale è calcolato come il prodotto tra il numero di azioni controllate dallo strumento e il prezzo ufficiale dell'attività sottostante, rilevato il giorno di conclusione delle operazioni. 3. Operazioni dei componenti gli organi sociali e l'alta direzione: informazioni alla Società ed al mercato In considerazione delle finalità di massima trasparenza richiamate in Premessa, i componenti gli organi sociali e l'alta direzione della Ras comunicano alla Funzione Compliance Ras le singole operazioni, come riportate al punto 2, qualunque sia il loro ammontare. Le informazioni di cui sopra devono pervenire alla Funzione Compliance Ras con tempestività e comunque entro il terzo giorno di borsa aperta successivo al giorno di conclusione delle operazioni oggetto di segnalazione. La Funzione Compliance Ras provvede alla comunicazione al mercato delle informazioni ricevute nel caso esse siano riferite ad operazioni che - nell arco di ogni trimestre solare - risultino, singolarmente o tra loro cumulate, di importo pari o superiore alla soglia di Tale informativa viene fornita con tempestività e Codice di corporate governance AZS 28

3 comunque entro il secondo giorno di borsa aperta dal ricevimento dell informazione del superamento della citata soglia. Inoltre, nel rispetto del regolamento della Borsa Italiana SpA citato in Premessa ed al fine di fornire al mercato un quadro informativo aggiornato su base trimestrale, le operazioni - effettuate in ogni trimestre solare - il cui controvalore (singolo o cumulato) sia pari o superiore a , vengono comunicate dalla Funzione Compliance Ras al mercato entro il decimo giorno di borsa aperta successivo all'ultimo giorno del trimestre solare nel quale sono state effettuate le operazioni medesime. Nel caso di inesistenza di operazioni, i componenti gli organi sociali e l alta direzione ne daranno conferma al termine di ogni trimestre solare. 4. Operazioni dei componenti gli organi sociali e l'alta direzione: informazione periodica sul sito web della Società Al fine di assicurare la massima trasparenza ed omogeneità informativa al pubblico richiamata in premessa, la Funzione Compliance Ras provvede ad aggiornare tempestivamente sul sito web della Società il riepilogo della quantità di titoli quotati Ras posseduti da ciascun componente gli organi sociali e l'alta direzione, in raffronto con la fine del trimestre solare precedente e con il dettaglio delle operazioni effettuate nel trimestre solare in corso. 5. Operazioni dei dipendenti highly sensitive areas: comunicazioni alla Società ed al mercato I dipendenti highly sensitive areas comunicano alla Funzione Compliance Ras le operazioni, come riportate al punto 2, che - nell'arco di ogni trimestre solare - risultino, singolarmente o tra loro cumulate, di importo pari o superiore alla soglia di Le informazioni di cui sopra devono pervenire alla Funzione Compliance Ras entro il sesto giorno di borsa aperta successivo all'ultimo giorno del trimestre solare nel quale sono state effettuate le operazioni che hanno determinato il superamento della soglia citata. La Funzione Compliance Ras provvede alla comunicazione al mercato delle informazioni ricevute entro il decimo giorno di borsa aperta successivo all'ultimo giorno del trimestre solare nel quale sono state effettuate le operazioni che hanno determinato il superamento della soglia di I dipendenti highly sensitive areas, in rispondenza al citato Regolamento della Borsa Italiana SpA, comunicano alla Funzione Compliance Ras le operazioni (come riportate al punto 2), effettuate in ogni trimestre solare, che risultino, singolarmente o tra loro cumulate, di importo pari o superiore alla soglia di ("operazioni significative"). Le informazioni di cui sopra devono pervenire alla Funzione Compliance Ras con tempestività e comunque entro il terzo giorno di borsa aperta successivo al giorno di conclusione dell'operazione che ha determinato il superamento della citata soglia. Codice di corporate governance AZS 29

4 La Funzione Compliance Ras provvede alla comunicazione al mercato delle informazioni ricevute relative ad operazioni significative senza indugio e comunque entro due giorni di borsa aperta dal ricevimento delle informazioni. Nel caso di inesistenza di operazioni, nessuna segnalazione è dovuta. 6. Modalità delle comunicazioni alla Società Le informazioni alla Società sono fornite per iscritto alla Funzione Compliance Ras da parte di ciascuna persona rilevante, secondo il tracciato definito e comunicato dalla stessa Funzione, contenente - in particolare - le informazioni sulle tipologie degli strumenti finanziari oggetto delle operazioni, le date e gli ammontari delle stesse nonchè ogni altro utile dettaglio. Le comunicazioni di cui sopra devono essere inviate alla Funzione Compliance Ras utilizzando di regola il seguente indirizzo di posta elettronica: Qualora non sia possibile utilizzare la posta elettronica, le comunicazioni potranno pervenire - con preavviso telefonico - via fax al n , oppure al seguente indirizzo postale: Ras Segreteria Societaria - Compliance Department Corso Italia Milano 7. Blocking period Allo scopo di prevenire ipotesi di utilizzo improprio di informazioni privilegiate e di conseguente pregiudizio per la Società e per gli stessi soggetti, alle persone rilevanti di cui al precedente punto 1 è fatto divieto di compiere operazioni sugli strumenti finanziari individuate al punto 2 nei seguenti periodi: 40 giorni precedenti la riunione del Consiglio di Amministrazione Ras che rende pubblici i primi risultati di ogni esercizio; 15 giorni precedenti le riunioni dei Consigli di Amministrazione Ras che rendono pubblici i progetti dei bilanci di esercizio nonchè i risultati delle Relazioni semestrali e trimestrali. Al mercato ed alle persone rilevanti vengono comunicate, in anticipo, le date programmate per le riunioni del Consiglio di Amministrazione di cui sopra. I suddetti blocking period terminano con la diffusione sul mercato dei comunicati con i quali vengono rese pubbliche le informazioni sopra descritte. Il divieto non si applica all esercizio di diritti attribuiti nell ambito di piani di stockoption o di stock-grant della Società, ferma restando la proibizione di operazioni sugli strumenti finanziari oggetto dei diritti medesimi durante i citati blocking period. Eventuali deroghe al divieto potranno essere concesse, per fondati motivi, dai competenti organi amministrativi della Società. Codice di corporate governance AZS 30

5 8. Modalità delle comunicazioni al mercato Le comunicazioni al mercato vengono effettuate secondo le modalità prescritte dalla stessa Borsa Italiana SpA nonchè tramite il citato sito web della Società, in coerenza con le regole sopra riportate. 9. Inosservanza delle regole di comportamento L inosservanza degli obblighi e dei divieti sopra prescritti comporterà le responsabilità di cui alle vigenti normative. Per i soggetti che siano dipendenti della Ras o di sue controllate richiamati in premessa, l inosservanza potrà assumere rilievo per l applicazione di eventuali sanzioni disciplinari, ferme restando le eventuali responsabilità di altra natura. Codice di corporate governance AZS 31

La comunicazione non è dovuta nel caso di operazioni aventi ad oggetto obbligazioni non convertibili.

La comunicazione non è dovuta nel caso di operazioni aventi ad oggetto obbligazioni non convertibili. Codice di comportamento dei componenti gli organi sociali e Direzione Generale della Monrif S.p.A. e delle societa' controllate dalla Monrif S.p.A. che operano in settori di particolare delicatezza "Internal

Dettagli

BANCA INTESA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO

BANCA INTESA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO BANCA INTESA SPA CODICE DI COMPORTAMENTO CONCERNENTE LE OPERAZIONI COMPIUTE DA PERSONE RILEVANTI SU STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA BANCA INTESA SPA E DA SOCIETA DEL GRUPPO INTERNAL DEALING (Approvato dal

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CONCERNENTE LE OPERAZIONI COMPIUTE DA PERSONE RILEVANTI SU STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA HOLDING SPA INTERNAL DEALING PREMESSA Il presente Codice di Comportamento (il "Codice")

Dettagli

NECCHI Società per Azioni CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING

NECCHI Società per Azioni CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING NECCHI Società per Azioni CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING NECCHI Società per Azioni: visto il Regolamento dei Mercati Organizzati e gestiti da BORSA ITALIANA S.p.A. e le relative Istruzioni

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO GRUPPO ACSM

CODICE DI COMPORTAMENTO GRUPPO ACSM CODICE DI COMPORTAMENTO GRUPPO ACSM 1 Premessa CODICE DI COMPORTAMENTO Gruppo ACSM Le presenti regole adottate da ACSM S.p.A., ai sensi e per gli effetti di cui all art. 2.6.3 del Regolamento dei Mercati

Dettagli

AIR DOLOMITI L.A.R.E. S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING

AIR DOLOMITI L.A.R.E. S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING AIR DOLOMITI L.A.R.E. S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO SULL INTERNAL DEALING INDICE Premessa Art. 1 Persone Rilevanti Art. 2 Operazioni compiute da Persone Rilevanti oggetto dell obbligo di comunicazione

Dettagli

BANCA POPOLARE DI MILANO Società Cooperativa a r. l. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING

BANCA POPOLARE DI MILANO Società Cooperativa a r. l. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING BANCA POPOLARE DI MILANO Società Cooperativa a r. l. CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 dicembre 2002 (aggiornato al 14 aprile 2003)

Dettagli

RISANAMENTO NAPOLI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO (INTERNAL DEALING)

RISANAMENTO NAPOLI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO (INTERNAL DEALING) RISANAMENTO NAPOLI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO (INTERNAL DEALING) istituito ai sensi dell art. 2.6.3. del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti da Borsa Italiana S.p.A. Approvato dal Consiglio

Dettagli

FINMECCANICA Società per azioni

FINMECCANICA Società per azioni FINMECCANICA Società per azioni INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO PREMESSA. Il Consiglio di Amministrazione di Finmeccanica S.p.a., in conformità a quanto disposto dal Regolamento dei Mercati organizzati

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DELLA COATS CUCIRINI S.p.A.

CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DELLA COATS CUCIRINI S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING DELLA COATS CUCIRINI S.p.A. 1) OGGETTO Il presente Codice di comportamento (il Codice), redatto in applicazione delle disposizioni di cui agli artt.

Dettagli

Codice di comportamento in materia di internal dealing

Codice di comportamento in materia di internal dealing Codice di comportamento in materia di internal dealing 1. Premessa In ottemperanza agli articoli 2.6.3 e seguenti del Regolamento dei Mercati approvato da Borsa Italiana, viene adottato il presente Codice

Dettagli

CODICE DI INTERNAL DEALING

CODICE DI INTERNAL DEALING CODICEDIINTERNALDEALING CODICE DI INTERNAL DEALING Premessa Il presente Codice di comportamento Internal Dealing (il Codice ), approvato dal Consiglio di Amministrazione di Mediobanca, è adottato ai sensi

Dettagli

InferentiaDNM S.p.A INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO

InferentiaDNM S.p.A INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO InferentiaDNM S.p.A INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO Versione approvata dal Consiglio di Amministrazione del 14 febbraio 2003 INDICE 1. PREMESSE... 3 2. OGGETTO DEL CODICE... 3 3. DEFINIZIONI...

Dettagli

IMMOBILIARE LOMBARDA S.p.A.

IMMOBILIARE LOMBARDA S.p.A. IMMOBILIARE LOMBARDA S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO inerente le operazioni compiute da Persone Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing ai sensi dell art. 2.6.4 del Regolamento dei Mercati Organizzati

Dettagli

Codice di comportamento inerente le operazioni compiute dai Soggetti Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing

Codice di comportamento inerente le operazioni compiute dai Soggetti Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing Codice di comportamento inerente le operazioni compiute dai Soggetti Rilevanti in condizioni di c.d. internal dealing (ai sensi dell art. 114, comma 7, del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 e degli artt. 152-sexies

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI

CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI CORPORATE GOVERNANCE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI ED INFORMAZIONI INDICE 1. Premessa Pag. 3 2. Procedura per la comunicazione all esterno di documenti ed informazioni Pag. 3

Dettagli

Centrale del Latte d Italia S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing

Centrale del Latte d Italia S.p.A. Codice di comportamento Internal dealing Codice di comportamento Internal dealing Centrale del Latte d Italia S.p.A. - Via Filadelfia 220 10137 Torino Cap.soc.Euro 28.840.041,20 i.v. - C.C.I.A.A. Torino n. 520409 - Tribunale Torino n. 631/77

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE E PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E DI INFORMAZIONI

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE E PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E DI INFORMAZIONI REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE ED IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI RISERVATE E PER LA COMUNICAZIONE ALL ESTERNO DI DOCUMENTI E DI INFORMAZIONI Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING

REGOLAMENTO INTERNAL DEALING Pag. 1/6 REGOLAMENTO INTERNAL DEALING 1. Premessa Il presente regolamento sull Internal Dealing (di seguito Regolamento), adottato dalla Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. (di seguito la Banca o BMPS)

Dettagli

VEGAGEST IMMOBILIARE SGR Spa

VEGAGEST IMMOBILIARE SGR Spa VEGAGEST IMMOBILIARE SGR Spa REGOLAMENTO IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1.Premessa. 1.1 Il presente regolamento (di seguito il Regolamento ) disciplina gli obblighi informativi aventi ad oggetto le operazioni

Dettagli

SEZIONE I/B OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI (cd. INTERNAL DEALING) CODICE DI COMPORTAMENTO

SEZIONE I/B OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI (cd. INTERNAL DEALING) CODICE DI COMPORTAMENTO SEZIONE I/B OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI (cd. INTERNAL DEALING) CODICE DI COMPORTAMENTO 1 Il Codice di Comportamento - Premessa Il codice di comportamento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO in materia di INTERNAL DEALING Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 febbraio 2007 Il presente codice di comportamento (il Codice di Comportamento ), che

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing

CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing CODICE DI COMPORTAMENTO Digital Bros S.p.A. Internal dealing 1. Premessa In coerenza con quanto stabilito dal Regolamento dei Mercati organizzati gestiti dalla Borsa Italiana S.p.A. il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

GRUPPO ACSM RELAZIONE ANNUALE CORPORATE GOVERNANCE 2004

GRUPPO ACSM RELAZIONE ANNUALE CORPORATE GOVERNANCE 2004 GRUPPO ACSM RELAZIONE ANNUALE CORPORATE GOVERNANCE 2004 RELAZIONE ANNUALE SULLA CORPORATE GOVERNANCE Nel seguito viene illustrato il modello di Corporate Governance adottato da ACSM S.p.A. che segue nell

Dettagli

- Immsi S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing

- Immsi S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing - Immsi S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing - IMMSI S.p.A. - PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI IN MATERIA DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING Premessa

Dettagli

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A.

Codice di comportamento. FIDIA S.p.A. FIDIA S.p.A. Codice di Comportamento diretto a disciplinare le c.d. "operazioni rilevanti" ai sensi degli Articoli 2.6.3 e 2.6.4 del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti da Borsa Italiana S.p.A.

Dettagli

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO

INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO INTERNAL DEALING CODICE DI COMPORTAMENTO Aggiornato con le integrazioni suggerite da Borsa Italiana. Approvato dal CdA del 7 marzo 2003 Art. 2.6.3. (Obblighi in capo agli Emittenti) 1. In ottemperanza

Dettagli

(Artt.2.6.3, 2.6.4 e 2.6.4 bis del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana )

(Artt.2.6.3, 2.6.4 e 2.6.4 bis del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana ) &$/7$*,521(6S$ &2',&(',&203257$0(172 (Artt.2.6.3, 2.6.4 e 2.6.4 bis del Regolamento dei Mercati Organizzati e Gestiti dalla Borsa Italiana ) 2 )LQDOLWD Il presente codice di comportamento viene emanato

Dettagli

- Piaggio & C. S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing

- Piaggio & C. S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing - Piaggio & C. S.p.A. - Procedura per l adempimento degli obblighi in materia di Internal Dealing Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 3 maggio 2006 - Piaggio & C. S.p.A. - PROCEDURA

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing)

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE LUXOTTICA GROUP S.P.A. PROCEDURA PER LA GESTIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE 1. PREMESSA La presente procedura, in conformità alle disposizioni contenute negli artt. 114, 115-bis del D.Lgs n. 58/1998

Dettagli

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing

ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing ACQUEDOTTO NICOLAY S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO per la disciplina degli obblighi informativi in materia di internal dealing Consiglio di Amministrazione del 19 dicembre 2002 ARTICOLO 1 Finalità del Codice

Dettagli

REGOLE E PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING

REGOLE E PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING REGOLE E PROCEDURA IN MATERIA DI INTERNAL DEALING 1 DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI FULLSIX S.P.A. DEL 30 GIUGNO 2016 FULLSIX S.p.A. Partita IVA, Codice Fiscale ed iscrizione al

Dettagli

Codice di comportamento dei soggetti rilevanti di Monrif S.p.A. e delle societa' controllate "Internal Dealing"

Codice di comportamento dei soggetti rilevanti di Monrif S.p.A. e delle societa' controllate Internal Dealing Codice di comportamento dei soggetti rilevanti di Monrif S.p.A. e delle societa' controllate "Internal Dealing" Premessa e finalità Il presente Codice di Comportamento Internal dealing (il Codice ) è stato

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO AEM TORINO S.p.A. ai sensi del vigente Regolamento dei mercati regolamentati e gestiti da Borsa italiana S.p.A.

CODICE DI COMPORTAMENTO AEM TORINO S.p.A. ai sensi del vigente Regolamento dei mercati regolamentati e gestiti da Borsa italiana S.p.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AEM TORINO S.p.A. ai sensi del vigente Regolamento dei mercati regolamentati e gestiti da Borsa italiana S.p.A. (Approvato dal Consiglio di Amministrazione di AEM Torino S.p.A.

Dettagli

BANCA POPOLARE DI INTRA CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DI EVENTI E CIRCOSTANZE RILEVANTI E DI INTERNAL DEALING

BANCA POPOLARE DI INTRA CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DI EVENTI E CIRCOSTANZE RILEVANTI E DI INTERNAL DEALING BANCA POPOLARE DI INTRA Gruppo Bancario Banca Popolare di Intra CODICE DI COMPORTAMENTO IN MATERIA DI COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DI EVENTI E CIRCOSTANZE RILEVANTI E DI INTERNAL DEALING 1 1. PREMESSA 1.1

Dettagli

CODICE INTERNAL DEALING

CODICE INTERNAL DEALING Revisione 1 di 6 Rev. Data Descrizione Preparato da Verificato da Approvato da 1/2016 08/11/16 CtE 25/11/2016 APPLICAZIONE Questa procedura riassume gli obblighi assunti dai Soggetti Rilevanti, dai Dipendenti

Dettagli

DIGITAL360 S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

DIGITAL360 S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD DIGITAL360 S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Premessa La presente procedura (la Procedura ) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati all ammissione alle negoziazioni

Dettagli

POLITICA DI VOTO. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICVM gestiti

POLITICA DI VOTO. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICVM gestiti POLITICA DI VOTO Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICVM gestiti 1 INDICE PRINCIPI GENERALI... 3 PERIMETRO DI RIFERIMENTO... 3 MONITORAGGIO DEGLI EVENTI SOCIETARI

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MERITO AL NUMERO MASSIMO DI INCARICHI CHE POSSONO ESSERE RIVESTITI. DAGLI AMMINISTRATORI DI ENEL S.p.A.

ORIENTAMENTI IN MERITO AL NUMERO MASSIMO DI INCARICHI CHE POSSONO ESSERE RIVESTITI. DAGLI AMMINISTRATORI DI ENEL S.p.A. ORIENTAMENTI IN MERITO AL NUMERO MASSIMO DI INCARICHI CHE POSSONO ESSERE RIVESTITI DAGLI AMMINISTRATORI DI ENEL S.p.A. (AI SENSI DELL ART. 1.C.3 DEL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE) Documento

Dettagli

PIRELLI & C. Società per Azioni

PIRELLI & C. Società per Azioni PIRELLI & C. Società per Azioni PROCEDURA PER L ADEMPIMENTO DEGLI OBBLIGHI DI CUI ALL ART. 150, COMMA PRIMO, D.LGS. N. 58 DEL 1998 Premessa A norma dell art. 150, comma 1, del decreto legislativo n. 58

Dettagli

Registro delle persone che hanno accesso alle informazioni privilegiate

Registro delle persone che hanno accesso alle informazioni privilegiate Registro delle persone che hanno accesso alle informazioni privilegiate PROCEDURA ORGANIZZATIVA ai sensi dell'articolo 115 bis del D.Lgs. 58/1998 e degli artt. 152 bis, 152 ter, 152 quater e 152 - quinquies

Dettagli

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. BIESSE S.P.A. CODICE DI COMPORTAMENTO AI SENSI DEGLI ARTICOLI 2.6.3 E 2.6.4 DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PERSONE RILEVANTI * * * * 1.1 Ai sensi dell art.

Dettagli

SITI-B&T GROUP S.P.A.

SITI-B&T GROUP S.P.A. SITI-B&T GROUP S.P.A. - PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMINATED ADVISER - - 1 - Indice 1 Premessa... 3 2 Destinatari della Procedura... 3 3 Obblighi di comunicazione al Nomad... 3 4 Verifica dello

Dettagli

2. SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE AD ESSI STRETTAMENTE LEGATE

2. SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE AD ESSI STRETTAMENTE LEGATE PROCEDURA SULL INTERNAL DEALING 1. PREMESSA Il Consiglio di Amministrazione di FINCANTIERI S.p.A. ( Società ) in data 5 maggio 2014 ha approvato la presente procedura ( Procedura ) relativa all identificazione

Dettagli

a) Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della durata in carica nonché del relativo compenso

a) Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della durata in carica nonché del relativo compenso NOMINA DEGLI ORGANI SOCIALI a) Determinazione del numero dei componenti del Consiglio di Amministrazione e della durata in carica nonché del relativo compenso con l odierna Assemblea scade il nostro mandato;

Dettagli

***** 1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie

***** 1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento adottato dalla Consob con delibera n. 11971/99, come successivamente integrato e modificato, in conformità

Dettagli

NEODECORTECH S.P.A PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

NEODECORTECH S.P.A PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD NEODECORTECH S.P.A PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD 1 Premessa La presente procedura (la Procedura ) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad da parte di NEODECORTECH S.p.A.

Dettagli

2. Persone fisiche o giuridiche iscritte nell Elenco ( Soggetti )

2. Persone fisiche o giuridiche iscritte nell Elenco ( Soggetti ) PROCEDURA MODALITÀ DI TENUTA E AGGIORNAMENTO DEGLI ELENCHI DELLE PERSONE AVENTI ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN INTERPUMP GROUP S.P.A. 1. Premessa La presente procedura è stata redatta in ottemperanza

Dettagli

Piano di Prevenzione della Corruzione della Sispi S.p.A. ******** MOG Parte Speciale

Piano di Prevenzione della Corruzione della Sispi S.p.A. ******** MOG Parte Speciale Piano di Prevenzione della Corruzione della Sispi S.p.A. ******** MOG Parte Speciale 1 PIANO DI PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Il presente documento, che integra il Modello organizzativo e di Gestione MOG

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Le operazioni iinfragruppo e con parti correlate

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Le operazioni iinfragruppo e con parti correlate Le operazioni iinfragruppo e con parti correlate 1 Le operazioni infragruppo e con parti correlate nei gruppi con società quotate Rilievo nei gruppi con società quotate Operazioni con soggetti legati agli

Dettagli

PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD La presente procedura riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati alla ammissione alle negoziazioni delle azioni di (la Società ) sul sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO E LA COMUNICAZIONE DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Sezione I Parte Generale Articolo 1 (Premessa) Il presente Regolamento riconosce il valore delle informazioni societarie

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Comunicazione delle operazioni su azioni e strumenti finanziari compiute dai Soggetti Rilevanti (Internal Dealing)

REGOLAMENTO INTERNO. Comunicazione delle operazioni su azioni e strumenti finanziari compiute dai Soggetti Rilevanti (Internal Dealing) REGOLAMENTO INTERNO Comunicazione delle operazioni su azioni e strumenti finanziari compiute dai Soggetti Rilevanti (Internal Dealing) INDICE DELLE REVISIONI REV. DATA OGGETTO REDATTA da APPROVATA da 0

Dettagli

Allegato E Segnalazioni Appendice E. 1

Allegato E Segnalazioni Appendice E. 1 APPENDICE E. 1 - INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. N. 196/2003 PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CONNESSO ALLE SEGNALAZIONI Gentile Signore/a, Le comunichiamo che il d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196 ( Codice

Dettagli

I RAPPORTI CON LA CONSOB

I RAPPORTI CON LA CONSOB I RAPPORTI CON LA CONSOB a cura di Lucia Starola per il Comitato Pari Opportunità dell ODCEC di Torino Comitato Pari Opportunità Gruppo di Lavoro L. 120/2011 FUNZIONI DEL COLLEGIO SINDACALE 149c.1 TUF

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DALLE PERSONE STRETTAMENTE ASSOCIATE RELATIVAMENTE A STRUMENTI FINANZIARI AIM ITALIA

PROCEDURA PER OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DALLE PERSONE STRETTAMENTE ASSOCIATE RELATIVAMENTE A STRUMENTI FINANZIARI AIM ITALIA PROCEDURA PER OPERAZIONI COMPIUTE DAGLI AMMINISTRATORI E DALLE PERSONE STRETTAMENTE ASSOCIATE RELATIVAMENTE A STRUMENTI FINANZIARI AIM ITALIA DI ITALIA INDEPENDENT GROUP S.P.A. Documento approvato dal

Dettagli

CASTA DIVA GROUP S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

CASTA DIVA GROUP S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD CASTA DIVA GROUP S.P.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD Premessa La presente procedura (la Procedura) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati all ammissione alle negoziazioni

Dettagli

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 2007 DI BUZZI UNICEM SpA

DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 2007 DI BUZZI UNICEM SpA DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE 2007 DI BUZZI UNICEM SpA ai sensi dell art. 54 del Regolamento Consob n. 11971/99 1. Natura del documento: COMUNICATI STAMPA PRICE SENSITIVE OGGETTO DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Sommario 1. MODALITÀ E TEMPI DELLA COMUNICAZIONE ALLA CONSOB E AL PUBBLICO DELLE OPERAZIONI RILEVANTI... 5

Sommario 1. MODALITÀ E TEMPI DELLA COMUNICAZIONE ALLA CONSOB E AL PUBBLICO DELLE OPERAZIONI RILEVANTI... 5 CASTELLO SGR S.p.A. Procedura per la comunicazione delle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su quote di fondi gestiti dalla SGR negoziate sui mercati regolamentati

Dettagli

DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.P.A. Via Nazionale Buttrio (UD) Numero iscrizione al Registro delle Imprese di Udine e C.F.

DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.P.A. Via Nazionale Buttrio (UD) Numero iscrizione al Registro delle Imprese di Udine e C.F. DANIELI & C. OFFICINE MECCANICHE S.P.A. Via Nazionale 41 33042 Buttrio (UD) Numero iscrizione al Registro delle Imprese di Udine e C.F.: 00167460302 CORPORATE GOVERNANCE RELAZIONE ANNUALEPER L ESERCIZIO

Dettagli

RCF Group S.P.A. SEDE LEGALE IN REGGIO EMILIA, VIA RAFFAELLO SANZIO N. 13, CAPITALE SOCIALE I.V. EURO 32.000.000

RCF Group S.P.A. SEDE LEGALE IN REGGIO EMILIA, VIA RAFFAELLO SANZIO N. 13, CAPITALE SOCIALE I.V. EURO 32.000.000 RCF Group S.P.A. SEDE LEGALE IN REGGIO EMILIA, VIA RAFFAELLO SANZIO N. 13, CAPITALE SOCIALE I.V. EURO 32.000.000 NUMERO ISCRIZIONE PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE DI REGGIO EMILIA E CF 02243590359 ***

Dettagli

REDATTA AI SENSI DELLA SEZIONE IA.2.12 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DI BORSA ITALIANA S.P.A.

REDATTA AI SENSI DELLA SEZIONE IA.2.12 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DI BORSA ITALIANA S.P.A. I Viaggi del Ventaglio SOCIETÀ PER AZIONI REDATTA AI SENSI DELLA SEZIONE IA.2.12 DELLE ISTRUZIONI AL REGOLAMENTO DI BORSA ITALIANA S.P.A. I VIAGGI DEL VENTAGLIO S.P.A. VIA DEI GRACCHI N. 35 20146 MILANO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL REGISTRO DEGLI INSIDERS

REGOLAMENTO DEL REGISTRO DEGLI INSIDERS REGOLAMENTO DEL REGISTRO DEGLI INSIDERS INDICE PREMESSA SEZIONE 1 SEZIONE 2 SEZIONE 3 SEZIONE 4 DEFINIZIONI CONTENUTO E STRUTTURA DEL REGISTRO PROCEDURA PER L INDIVIDUAZIONE DEGLI INSIDERS TENUTA DEL REGISTRO

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SU STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SU STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SU STRUMENTI FINANZIARI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI [Internal Dealing] 28 Luglio 2016 INDICE 1 Premessa...

Dettagli

ALLEGATO 5-BIS. Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui all articolo 148-bis, comma 1, del Testo unico

ALLEGATO 5-BIS. Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui all articolo 148-bis, comma 1, del Testo unico ALLEGATO 1 ALLEGATO 5-BIS Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui all articolo 148-bis, comma 1, del Testo unico Schema 1 Informazioni da trasmettere alla Consob,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PORTALE WEB ISTITUZIONALE

REGOLAMENTO DEL PORTALE WEB ISTITUZIONALE REGOLAMENTO DEL PORTALE WEB ISTITUZIONALE approvato con delibera di C.C. n. 23 del 30.07.2014 Capo I Definizioni, principi e finalità Art. 1 Definizione e principi 1. Il portale web istituzionale della

Dettagli

BIODUE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING

BIODUE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING BIODUE S.P.A. PROCEDURA DI INTERNAL DEALING PREMESSA La presente Procedura adottata da BioDue S.p.A. ( BioDue o Società ) e le società da essa controllate (le Società Controllate ), contiene le disposizioni

Dettagli

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD - 1 -

WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD - 1 - WM CAPITAL S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD - 1 - Premessa La presente procedura (la Procedura ) riassume gli obblighi informativi nei confronti del Nomad legati alla ammissione delle

Dettagli

(INTERNAL DEALING) REGOLAMENTO INTERNO

(INTERNAL DEALING) REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO Comunicazione alla Consob e diffusione al pubblico delle informazioni relative alle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su azioni ASM

Dettagli

Dal 2004 sono state rilevate sul mercato azionario italiano talune operazioni di aumento di capitale riservate ad un unico investitore.

Dal 2004 sono state rilevate sul mercato azionario italiano talune operazioni di aumento di capitale riservate ad un unico investitore. Comunicazione n. DEM/DME/DSG/8065325 del 10-7-2008 OGGETTO: Operazioni di aumento di capitale riservate ad un unico investitore, realizzate secondo accordi denominati Stand-by Equity Distribution Agreement

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione 1. I reati di abuso di mercato (art.25 sexies D.Lgs. 231/2001) 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore S.p.A. nella riunione del 20 agosto 2007

Documento approvato dal Consiglio di Amministrazione de Il Sole 24 Ore S.p.A. nella riunione del 20 agosto 2007 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (AI SENSI DELL ART. 2391-BIS DEL CODICE CIVILE E DELL ART. 9.C.1 DEL CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE) Documento approvato

Dettagli

FUSIONE PER INCORPORAZIONE IN UNICREDITO ITALIANO SPA DI CAPITALIA SPA

FUSIONE PER INCORPORAZIONE IN UNICREDITO ITALIANO SPA DI CAPITALIA SPA FUSIONE PER INCORPORAZIONE IN UNICREDITO ITALIANO SPA DI CAPITALIA SPA Regolamenti dei diritti di sottoscrizione UniCredit emessi in sostituzione dei Warrant Capitalia DIRITTI DI SOTTOSCRIZIONE UNICREDIT

Dettagli

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING )

CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) CODICE IN MATERIA DI NEGOZIAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI EMESSI DA ACQUE POTABILI S.P.A. ( INTERNAL DEALING ) 1. Premessa L art. 2.6.3, comma 1, del Regolamento dei mercati organizzati e gestiti dalla

Dettagli

RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A.

RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. RREEF Fondimmobiliari SGR S.p.A. Dealing Code Dealing Code Procedura per la comunicazione delle operazioni effettuate da soggetti rilevanti e da persone ad essi strettamente legate su quote di fondi gestiti

Dettagli

1. Destinatari della Procedura

1. Destinatari della Procedura Procedura relativa alle operazioni su azioni di First Capital S.p.A. poste in essere da persone che esercitano funzioni di amministrazione, di controllo o di direzione Aggiornata al 3 luglio 2016 La presente

Dettagli

KME Group S.p.A. Procedura in materia di internal dealing. Aggiornamento: testo aggiornato al 9 novembre 2007.

KME Group S.p.A. Procedura in materia di internal dealing. Aggiornamento: testo aggiornato al 9 novembre 2007. KME Group S.p.A. Procedura in materia di internal dealing Aggiornamento: testo aggiornato al 9 novembre 2007. 1 Premessa KME Group SpA (di seguito per brevità denominata KME GROUP oppure la società ),

Dettagli

Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine

Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine Regolamento Comitato Remunerazione e Nomine 1. COSTITUZIONE E FUNZIONE DEL COMITATO REMUNERAZIONE E NOMINE 1.1 In ottemperanza alle disposizioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana,

Dettagli

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n

GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI S.P.A. Sede in Modena, Strada delle Fornaci 20 Registro delle Imprese di Modena n. 00327740379 DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE (Articolo 54 del Regolamento Emittenti- Delibera

Dettagli

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DE LONGHI S.P.A. PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione nella riunione del 27 marzo 2006 1 1. PREMESSA In attuazione delle

Dettagli

TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DELLA SNAM S.p.A.

TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DELLA SNAM S.p.A. TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE DELLA SNAM S.p.A. 2 INDICE 1. OBIETTIVO... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 3. RIFERIMENTI... 3 4. DEFINIZIONI...

Dettagli

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire

b) assicurare che i diritti di voto siano esercitati conformemente agli obiettivi e alla politica di investimento dell OICR interessato; c) prevenire Fideuram Investimenti SGR S.p.A. Strategia per l esercizio dei diritti di voto detenuti nel portafoglio degli OICR gestiti (ai sensi dell art. 34 del Regolamento Banca d Italia/Consob del [19 gennaio 2015])

Dettagli

Regolamento del Comitato per il Controllo e Rischi

Regolamento del Comitato per il Controllo e Rischi Regolamento del Comitato per il Controllo e Rischi Art. 1 - Composizione e nomina. Regolamento del Comitato per il Controllo e Rischi di Saipem S.p.A. 1 Il Comitato per il Controllo e Rischi (nel prosieguo,

Dettagli

GPI S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD

GPI S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD GPI S.p.A. PROCEDURA OBBLIGHI DI COMUNICAZIONE AL NOMAD GPI spa Via Ragazzi del 99 n.13 38123 Trento (Italia) T 0039 0461 381515 F 0039 0461 381599 CF/PI 01944260221 Cap. Soc. Euro 8.526.330,00 I.V. Numero

Dettagli

Gruppo Waste Italia S.p.A.

Gruppo Waste Italia S.p.A. Gruppo Waste Italia S.p.A. Sede Legale: in Milano (MI), via privata Giovanni Bensi, n. 12/3 Capitale sociale sottoscritto e versato pari a Euro 93.902.051,17 Iscritta al Registro delle imprese di Milano

Dettagli

Provvedimento della Banca d Italia

Provvedimento della Banca d Italia Provvedimento della Banca d Italia Disposizioni in materia di obblighi informativi e statistici delle società veicolo coinvolte in operazioni di cartolarizzazione LA BANCA D ITALIA Visto il Regolamento

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF E DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF E DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE, AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL TUF E DELL ART. 73 DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 11971/1999 SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA

Dettagli

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE PER IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE PER IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE F.I.L.A. FABBRICA ITALIANA LAPIS ED AFFINI S.P.A. CODICE PER IL TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Space S.p.A. (oggi F.I.L.A. Fabbrica Italiana

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO

REGOLAMENTO PER IL VOTO MAGGIORATO Sede Legale: in Milano (MI), via privata Giovanni Bensi, n. 12/3 Capitale sociale sottoscritto e versato pari a Euro 93.902.051,17 Iscritta la Registro delle imprese di Milano al n. 00471800011 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALAZIONI DI VIGILANZA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE RAMO VITA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALAZIONI DI VIGILANZA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE RAMO VITA REGOLAMENTO IN MATERIA DI SEGNALAZIONI DI VIGILANZA DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE RAMO VITA anno 2009 / numero 04 (Testo consolidato al 19/12/2013 - Aggiornamento I) Pagina lasciata intenzionalmente bianca

Dettagli

Regolamento interno per la gestione delle informazioni privilegiate

Regolamento interno per la gestione delle informazioni privilegiate Regolamento interno per la gestione delle informazioni privilegiate 1 Maire Tecnimont S.p.A. Regolamento interno per la gestione delle informazioni privilegiate Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Documento di informazione annuale

Documento di informazione annuale Documento di informazione annuale ex art. 54 Regolamento Emittenti Consob 23 maggio 2011-1 - DOCUMENTO DI INFORMAZIONE ANNUALE EX ART. 54 REGOLAMENTO EMITTENTI CONSOB Periodo di riferimento: 14 maggio

Dettagli

PROCEDURA INTERNAL DEALING

PROCEDURA INTERNAL DEALING PROCEDURA INTERNAL DEALING AGGIORNATA AL 30 GIUGNO 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Salvatore Ferragamo S.p.A. (la Società ) ha adottato la presente Procedura Internal Dealing ( la Procedura ) volta

Dettagli

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE PROCEDURA PER LA COMUNICAZIONE AL MERCATO DELLE INFORMAZIONI PRIVILEGIATE Approvata dal Consiglio di Amministrazione della Società nella riunione dell 11 ottobre 2011 e successivamente integrata e modificata

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ BANCA D ITALIA PROVVEDIMENTO 7 giugno 2017. Disposizioni in materia di obblighi informativi e statistici delle società veicolo coinvolte in operazioni di cartolarizzazione.

Dettagli

Fidiprof Centro Sud Regolamento interno

Fidiprof Centro Sud Regolamento interno Fidiprof Centro Sud Regolamento interno Art. 1 Operatività i Fidiprof Centro Sud Il presente regolamento interno, previsto dall'art. 4 dello Statuto Sociale, è stato predisposto al fine di coordinare e

Dettagli

MODELLO 19/M. PARTECIPANTI AL CAPITALE DI SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO E DI SICAV Comunicazioni ai sensi dell'art. 15, comma 5, del D.Lgs.

MODELLO 19/M. PARTECIPANTI AL CAPITALE DI SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO E DI SICAV Comunicazioni ai sensi dell'art. 15, comma 5, del D.Lgs. MODELLO 19/M PARTECIPANTI AL CAPITALE DI SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO E DI SICAV Comunicazioni ai sensi dell'art. 15, comma 5, del D.Lgs. 58/98 Alla BANCA D'ITALIA Filiale di Riservato alla BANCA

Dettagli

Documento di Informazione Annuale di Eni S.p.A. (AI SENSI DELL ART. 54 DELLA DELIBERA CONSOB 11971/1999)

Documento di Informazione Annuale di Eni S.p.A. (AI SENSI DELL ART. 54 DELLA DELIBERA CONSOB 11971/1999) Documento di Informazione Annuale di Eni S.p.A. (AI SENSI DELL ART. 54 DELLA DELIBERA CONSOB 11971/1999) Periodo di riferimento: 16 maggio 15 maggio 2011 DATA DI COMUNICATI STAMPA PRICE SENSITIVE E AVVISI

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE COMUNICAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE COMUNICAZIONE Pagina 1 di 6 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITÀ 4. PROCEDURA 4.1 Tipologie di comunicazione Seconda emissione Gruppo Qualità Responsabile Qualità Scuola Dirigente Scolastico Descrizione

Dettagli