Manuale di Ingegneria Geotecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di Ingegneria Geotecnica"

Transcript

1 Didattica e Ricerca Manuali Manuale di Ingegneria Geotecnica a cura di Diego Lo Presti volume i Contributi di: Barbara Cosanti, Ilaria Giusti, Stefano Giusti, Diego Carlo Lo Presti, Nunziante Squeglia, Benedetta Vanni

2 Manuale di ingegneria geotecnica / a cura di Diego Lo Presti ; contributi di: Barbara Cosanti [et al.]. - Pisa : Pisa university press, volumi. - (Didattica e ricerca. Manuali) (22.) I. Lo Presti, Diego II. Cosanti, Barbara 1. Geotecnica CIP a cura del Sistema bibliotecario dell Università di Pisa Copyright 2013 Pisa University Press srl Società con socio unico Università di Pisa Capitale Sociale Euro ,00 i.v. - Partita IVA Sede legale: Lungarno Pacinotti 43/ , Pisa Tel Fax Member of ISBN Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web

3 Indice Introduzione 5 Capitolo 1 Genesi delle rocce e dei terreni Cenni sulla struttura interna della Terra I terreni, le rocce e l'ammasso roccioso Genesi delle rocce e dei depositi di terreno Età geologica Concetti propedeutici al comportamento meccanico dei 26 terreni Capitolo 2 Classificazione dei terreni Campionamenti e rilievi Classificazione dei terreni Sistemi di classificazione dei terreni 48 Capitolo 3 Idraulica dei terreni Principi dell'idraulica applicati in Geotecnica Equazione di flusso Flusso stazionario Flusso transitorio 85 Capitolo 4 Metodi di analisi e modelli di comportamento L'approccio elastico Risultati notevoli Il metodo dell'equilibrio limite globale e i teoremi 143 dell'analisi limite 4.4 Metodi empirici 156 Capitolo 5 Mezzi di indagine Indagini di laboratorio Indagini in sito 206 Capitolo 6 Approccio alla sicurezza nella progettazione geotecnica 247 secondo le NTC Gli stati limite Le azioni e le combinazioni di carico Verifica e fattori di sicurezza 261

4 Appendice 263 A1 Cerchi di Mohr 263 A2 Il problema di Boussinesq 268 A3 Cenni riguardanti i modelli costitutivi dei geomateriali 273 Bibliografia 301

5 Introduzione La Geotecnica è una branca dell Ingegneria Civile che rende possibile lo studio delle opere che interagiscono con il sottosuolo 1. Più precisamente ci si riferisce all analisi di strutture di fondazione (superficiali o profonde), di opere di sostegno, di costruzioni in materiali sciolti (rilevati, argini, dighe in terra, etc.), di pendii naturali o artificiali (fronti di scavo, discariche, etc.), di costruzioni in sotterraneo (costruzioni interrate, gallerie, coltivazioni minerarie, etc.). Tali opere sono elementi importanti delle costruzioni e delle infrastrutture civili, il che fa della Geotecnica una disciplina trasversale. L analisi delle opere sopra menzionate ha l obiettivo di verificarne la sicurezza e la fruibilità. Più semplicemente si tratta di verificare che la costruzione di una nuova opera non provochi fenomeni di collasso o spostamenti del terreno o della roccia tali da compromettere la sicurezza e l uso dell opera erigenda e di quelle limitrofe preesistenti. Si comprende pertanto che la Geotecnica, come tutta l Ingegneria, non ha finalità puramente scientifiche ma si pone il conseguimento di obiettivi pratici, il che fa della Geotecnica una disciplina Tecnico Scientifica. I terreni (o terreni sciolti) sono un mezzo poroso costituito da un insieme di particelle (scheletro solido) e da un fluido interstiziale (acqua e/o aria) che satura i vuoti o pori esistenti tra le particelle solide. Nonostante la natura particellare e multifase del mezzo e la grande variabilità delle dimensioni che tali particelle possono assumere, i terreni possono essere assimilati ad un mezzo continuo. Pertanto l analisi dell interazione opera terreno può essere condotta facendo ricorso ai metodi tipici della Meccanica del Continuo. Al contrario l ammasso roccioso (AR) è costituito da blocchi di roccia intatta (RI) separati da discontinuità. In questo caso, a seconda della scala del problema (dimensione dell opera in rapporto alla distanza tra due discontinuità) è possibile continuare ad usare i metodi della Meccanica del Continuo oppure è necessario trattare l AR come un mezzo discontinuo. Premesso che l Ingegneria Geotecnica, come per altro l Ingegneria Civile tutta, fa spesso ricorso, in pratica, all impiego di metodi empirici o semplificati, si comprende facilmente come la Meccanica dei Terreni e delle Rocce rappresenti lo strumento di analisi più avanzato disponibile. Per queste ragioni l uso del presente manuale e lo studio della Geotecnica non può essere agevole senza un adeguata 1 Nella pratica il termine suolo viene utilizzato per indicare la copertura vegetale (diverse decine di centimetri). In genere questa parte viene rimossa. Il termine sottosuolo è quindi utilizzato per indicare la porzione di terreno con la quale le opere interagiscono e che è situata sotto la copertura vegetale.

6 6 Manuale di Ingegneria Geotecnica conoscenza della Meccanica del Continuo (Scienza delle Costruzioni) e dell Idraulica (si rammenti che l acqua è presente anche nell AR). l presente manuale è organizzato secondo le seguenti sezioni: a) genesi e classificazione di terreni e rocce, b) idraulica dei terreni, c) metodi di analisi e modelli di comportamento, d) metodi di indagine per la caratterizzazione meccanica dei terreni, e) la sicurezza e la Normativa Italiana, f) opere di sostegno, g) fondazioni superficiali, h) fondazioni profonde. Il manuale è corredato da una serie di esercizi esemplificativi e da alcune esercitazioni progettuali di opere di sostegno e fondazioni. Le esercitazioni progettuali e le sezioni indicate con f), g), h) sono contenute nel secondo tomo.

7 Capitolo 1 GENESI DELLE ROCCE E DEI TERRENI Dopo avere fornito alcuni cenni sulla struttura della Terra, il capitolo descrive in modo schematico i tre principali processi petrogenetici che interessano la litosfera e che descrivono la genesi delle rocce e dei depositi di terreno. 1.1 CENNI SULLA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Le conoscenze riguardanti la crosta terrestre (litosfera) sono migliorate enormemente sia grazie alle osservazioni dirette (sondaggi e perforazioni eseguite prevalentemente per prospezioni petrolifere che tuttavia non superano la profondità di alcuni chilometri), sia grazie alle osservazioni indirette (misure gravimetriche e sismiche). In particolare, le misure riguardanti la propagazione delle onde di volume e di superficie, indotte dai terremoti e registrate anche a grandi distanze dalla rete internazionale di stazioni sismiche, hanno consentito di formulare e verificare delle ipotesi sulla composizione, temperatura e stato fisico della Terra. È possibile affermare che una nuova visione sulla struttura interna della terra ha origine dalla teoria della deriva dei continenti, sostenuta da numerosi geografi e cartografi sin dal XVII secolo ma accettata dal mondo accademico solamente dopo i lavori iniziali di Taylor (1910) e Wegener (1915) e successivamente quelli di Bullard et al. (1965) e Verney (1979). Basti pensare che ancora negli anni 70 tale teoria trovava forti resistenze nel mondo accademico italiano. Per una migliore comprensione, appare utile richiamare alcune conoscenze di base riguardanti la propagazione di onde elastiche in mezzi continui (Bolt 1988). Le onde elastiche possono essere suddivise in: - onde di volume che si propagano all interno di un mezzo continuo (ad esempio la crosta terrestre); - onde di superficie che si propagano all interfaccia di due mezzi continui aventi diverse caratteristiche fisico meccaniche (ad esempio la superficie della crosta terrestre oppure il fondo marino, etc.). Tra le onde di volume si distinguono: - le onde P, dette anche di compressione o longitudinali, oppure irrotazionali o primae (essendo dotate di velocità di propagazione più elevate rispetto agli altri tipi di onde sono le prime ad essere registrate da una stazione sismica). Nel caso delle onde P la direzione di vibrazione coincide con quella di propagazione cosicché la roccia subisce solamente deformazioni di compressione e di

8 8 Manuale di Ingegneria Geotecnica estensione. Questo tipo di onde si trasmette sia attraverso lo scheletro solido sia attraverso l eventuale fase fluida presente nei pori. La velocità di propagazione dipende dalla rigidezza del mezzo in cui l onda si propaga. Nel caso di propagazione nell acqua la velocità di propagazione delle onde P è pari a circa V p = 1,7 km/s. - le onde S, dette anche onde di taglio o trasversali oppure di distorsione o secundae. Nel caso delle onde S la direzione di vibrazione è perpendicolare a quella di propagazione cosicché la roccia subisce solamente deformazioni di taglio. Pertanto questo tipo di onde si trasmette solamente attraverso lo scheletro solido. È possibile distinguere tra onde SV (direzione di vibrazione giacente in un piano verticale, si dice anche che l onda è polarizzata verticalmente) e onde SH (direzione di vibrazione giacente in un piano orizzontale, si dice anche che l onda è polarizzata orizzontalmente). Anche per le onde S la velocità di propagazione dipende dalla rigidezza del mezzo. Poiché la rigidezza a taglio dell acqua è nulla, ne consegue che la velocità di propagazione delle onde S nell eventuale fase fluida è V s = 0. Figura 1.1: Rappresentazione schematica di onde P (a), onde S (b) e onde di Rayleigh (c) (riadattata da Bolt, 1988) Quando le onde di volume raggiungono la superficie terrestre o il fondo marino (ovverosia zone di confine tra due mezzi di caratteristiche fisico meccaniche drasticamente differenti), vengono generate delle onde di superficie che si propagano sostanzialmente all interfaccia tra i due mezzi. Dato che l ampiezza di vibrazione decresce esponenzialmente allontanandosi dalla zona di confine, a grandi distanze dalla sorgente sismica, l ampiezza delle onde di superficie

9 Genesi delle rocce e dei terreni 9 predomina rispetto a quelle di volume. Le onde di superficie sono contraddistinte con la lettera L (Longae) e tra quelle di maggiore interesse si distinguono le onde di Rayleigh (onde R) e quelle di Love (onde Q, dal tedesco Quervellen onde trasversali). La figura 1.1 fornisce una rappresentazione schematica ma significativa delle onde di volume e di Rayleigh. Dopo questo lungo inciso, si può precisare che, a parte le conoscenze dirette della parte più superficiale della crosta terrestre, la struttura interna del pianeta è definita attraverso le cosiddette discontinuità sismiche, ovverosia zone segnate da brusche variazioni delle velocità di propagazione delle onde di volume (si veda il lavoro di sintesi di Eiby, 1980). Inoltre la presenza delle cosiddette zone d ombra (Sumner, 1969) corrispondenti alla mancata propagazione delle onde di taglio, consente di ipotizzare la presenza di materia allo stato fluido in tali zone. Tale ipotesi, accoppiata a ragionevoli stime delle pressioni esistenti all interno della Terra, consente infine una valutazione delle temperature (Verhoogen, 1960). Figura 1.2: Struttura interna della Terra Premesso che il raggio terrestre varia tra 6350 e 6370 km passando dai poli all equatore, la struttura interna della Terra, sulla base delle conoscenze attuali, può pertanto essere così descritta (figura 1.2): - Crosta terrestre, con spessore compreso tra 25 e 40 km in zona continentale e con picchi sino a 70 km al di sotto di catene montuose di recente formazione; in zona oceanica la crosta terrestre può assottigliarsi sino a raggiungere spessori di soli 5 km, tuttavia la zolla oceanica ha maggiore uniformità e densità. In maniera estremamente semplificata è possibile dire che la crosta terrestre è formata da uno strato basaltico (silicati ferromagnesici SiMa) sottostante a

10 10 Manuale di Ingegneria Geotecnica uno granitico (silicati di alluminio e silicio SiAl). I valori caratteristici del peso specifico (G s ) e della velocità di propagazione delle onde di volume (V p, V s ) nella crosta terrestre sono di seguito riportati: G s = 2,7 3; V p = 6 7 km/s; V s = 3 4 km/s. Per quanto riguarda la temperatura, il gradiente termico è inizialmente di circa 3 C ogni 100 m, tuttavia la temperatura più elevata della crosta è di circa 500 C. - Mantello, allo stato semi fuso o magmatico. Il passaggio dalla crosta terrestre al mantello è individuato dalla discontinuità di Mohorovicic, che segna un netto cambiamento dei valori delle velocità. Il mantello ha uno spessore complessivo di 2850 km e si suddivide in una parte superiore (di spessore circa 650 km e con prevalenza di silicati ferromagnesici) ed una inferiore (con prevalenza di ossidi e solfuri metallici). I valori caratteristici di temperatura, velocità e peso specifico nel mantello sono: T = 2200 C; V p = 8-14 km/s; V s = 4,5-6,5 km/s; G s = Nucleo, distinto dal mantello attraverso la discontinuità di Gutenberg, dotata di 3 principali caratteristiche: un improvvisa e significativa riduzione di V p da 14 a 7,5 km/s; l impossibilità di trasmettere le onde di taglio in conseguenza del suo stato liquido, cosicché V s = 0; un repentino aumento di G s che cresce da 5 a 10. Il nucleo esterno (detto anche nucleo liquido) ha uno spessore di 2260 km ed è costituito principalmente da ferro e nichel (NiFe) allo stato fuso. La temperatura media è di circa 2800 C; G s varia tra 9 e 12. Il nucleo interno o solido è molto denso (G s raggiunge il valore di 15) con temperatura pressoché costante e superiore a 2800 C. La teoria della tettonica a zolle suddivide la crosta terrestre in 6 placche (zolle) continentali (Africana, Americana, Antartica, Indo Australiana, Eurasiatica, e Pacifica) e 14 micro placche. Come anticipato, tale teoria assume che le zolle siano in movimento relativo tra loro. Ciò è possibile per effetto dalla natura semi solida del mantello sul quale le zolle galleggiano ed in conseguenza dei moti convettivi che si instaurano nel mantello a causa della differenza di temperatura tra la parte più interna del pianeta (calda) e quella esterna (fredda). Il moto relativo tra le zolle produce, nelle zone di confine, un processo deformativo che può svilupparsi in modo lento e continuo o con accumulo di energia e improvviso rilascio. Più precisamente i movimenti relativi tra zolle possono essere così classificati: - zone di distacco tra le zolle con risalita di materiale fuso che prendono il nome di dorsali. Questa situazione si riscontra prevalentemente nelle zolle oceaniche (dorsale dell Atlantico Centrale, dorsale del Pacifico) che subiscono una crescita per effetto della fuoriuscita di materiale, con superamento in alcuni casi del livello del mare (ad esempio l Islanda), ma anche in corrispondenza di zolle continentali (Great Rift Valley in Africa). In queste zone si osserva in genere moderata attività sia sismica che vulcanica; - zone di collisione. Più precisamente si distinguono due situazioni: a) collisione tra una zolla oceanica e una zolla continentale con subduzione della prima rispetto alla seconda. In pratica la zolla oceanica si immerge nel mantello

11 Genesi delle rocce e dei terreni 11 distruggendosi. In queste zone si osserva una sismicità più elevata rispetto alle zone di distacco, nascita di catene montuose e attività vulcanica; b) collisione tra zolle continentali con ingrossamento dei bordi, nascita di catene montuose, vulcanismo ed elevata sismicità; - zone di scorrimento relativo che non comportano né una crescita né il consumo della crosta. La faglia di S. Andrea in California è forse la più nota. Figura 1.3: Rappresentazione schematica dell attività tettonica della crosta terrestre La figura 1.3 mostra schematicamente la zona di contatto tra zolla oceanica e zolla continentale. La figura fornisce anche i tratti caratteristici del fondale marino, dalla piattaforma continentale sino alla piana abissale. Le zone di contatto tra macro zolle o zolle minori sono vere e proprie aree di frattura e vengono indicate con il nome di faglie. È significativo osservare che gli epicentri dei terremoti osservati cadono in prossimità delle zone di contatto delle zolle (Bolt, 1988). 1.2 I TERRENI, LE ROCCE E L AMMASSO ROCCIOSO I terreni, o meglio i depositi di terreno, sono il risultato dell alterazione e disgregazione delle rocce costituenti la crosta terrestre. Come si preciserà meglio in seguito, alla fase di alterazione e disgregazione della roccia madre segue una fase di trasporto ed infine una fase di sedimentazione in ambiente continentale, marino o misto. I processi sopra descritti riducono la roccia madre in particelle di differenti dimensioni 1, alcune distinguibili ad occhio nudo, altre molto piccole. Pertanto i 1 Secondo la classificazione AGI, consultabile al 2.2, le particelle che compongono i terreni possono essere identificate come blocchi (> 200 mm), ciottoli (> 60 mm), ghiaia (> 2 mm), sabbia (> 0,06 mm), limo (> 0,002 mm), argilla (< 0,002 mm).

12 12 Manuale di Ingegneria Geotecnica terreni, a differenza delle rocce, sono costituiti da un insieme di particelle che possono essere separate mediante una leggera azione meccanica (ad esempio agitazione in acqua). Figura 1.4a: Materiale di varia dimensione separato per setacciatura (ghiaia) Figura 1.4b: Materiale di varia dimensione separato per setacciatura (sabbia) I depositi di terreno rappresentano la parte più superficiale (copertura) della crosta terrestre. Lo spessore di tali coperture va da pochi metri a qualche centinaio di metri, cosicché i depositi di terreno rappresentano una percentuale modesta dell intera crosta terrestre. In alcune circostanze, la copertura di terreno è assente e l ammasso roccioso viene detto affiorante.

13 Genesi delle rocce e dei terreni 13 Figura 1.5: Ammasso roccioso affiorante con famiglia di discontinuità L ammasso roccioso è costituito da un insieme di blocchi di roccia separati da vari tipi di discontinuità come giunti, faglie, piani di debolezza, etc. L insieme dei blocchi e delle discontinuità costituisce l ammasso roccioso, condizionato nel suo comportamento macroscopico dalle caratteristiche meccaniche della roccia intatta e soprattutto dalle caratteristiche geometriche e meccaniche delle discontinuità. All interno dell ammasso roccioso si distinguono: - sistemi o famiglie di discontinuità, - discontinuità principali (faglie o contatti). Tutte le discontinuità condizionano il comportamento meccanico dell ammasso roccioso e rappresentano quasi sempre delle zone di debolezza. Le faglie o contatti (questi ultimi fra formazioni rocciose differenti) sono discontinuità singole. Definiamo invece famiglia di discontinuità quell insieme di discontinuità che si presentano con caratteri di ripetitività per quel che riguarda spaziatura, orientazione, apertura etc. I minerali o le particelle che costituiscono le rocce intatte esibiscono legami chimici o molecolari forti che non possono essere rimossi attraverso leggere azioni meccaniche. I principali elementi chimici presenti nella crosta terrestre sono Ossigeno, Silicio, Alluminio, Ferro, Calcio, Sodio, Potassio e Magnesio. I principali minerali sono silicati, carbonati e fosfati.

14 14 Manuale di Ingegneria Geotecnica Elemento Percentuale in peso Ossigeno 46,6 Silicio 27,7 Alluminio 8,1 Ferro 5,0 Calcio 3,6 Sodio 2,8 Potassio 2,6 Magnesio 2,1 Totale 98,5 Tabella 1.1: Principali elementi chimici costituenti la crosta terrestre L elemento costitutivo di tutti i silicati è il gruppo tetraedrico SiO 4 costituito da uno ione silicio al centro e quattro ioni ossigeno ai vertici del tetraedro. A volte il catione Si 4+ può essere sostituito da Al 3+ dando luogo ai cosiddetti alluminosilicati. Tra i più diffusi silicati vanno menzionati: - quarzo (molto resistente alle alterazioni chimiche), - mica muscovite (molto resistente alle alterazioni chimiche), - mica biotite, - feldspati (alluminosilicati come ortoclasio e plagioclasi, la cui alterazione dà origine alle particelle argillose). Tra i più diffusi minerali carbonatici vanno menzionati: - calcite (CaCO 3 ) carbonato di calcio, - dolomite CaMg(CO 3 ) 2 carbonato di calcio e magnesio. Maggiori dettagli sono reperibili nel testo di Mitchell (1993). Figura 1.6: Doppio strato elettrico diffuso

15 Genesi delle rocce e dei terreni 15 Figura 1.7: Schemi delle strutture dell argilla dispersa (a sinistra) e flocculata (a destra) Figura 1.8: Fotografia di argilla al microscopio elettronico; al centro, un macroporo Le particelle argillose hanno una dimensione dell ordine del micron. Esse sono il risultato dell alterazione dei feldspati e quindi sono sostanzialmente silicati idrati di alluminio. Le particelle hanno forma appiattita con una dimensione significativamente più piccola rispetto alle altre due. Con questa morfologia le forze di superficie finiscono per governare il comportamento delle particelle argillose. In particolare le particelle esibiscono una carica negativa di superficie che tende ad attrarre molecole d acqua (acqua adsorbita non separabile dalla particella). In ambiente d acqua salmastra (alta concentrazione di cationi di sali disciolti) la carica negativa della superficie della particella tende ad essere neutralizzata dai cationi che in parte sono saldamente legati alle cariche negative della particella e in parte formano uno strato diffuso (figura 1.6). Lo spessore del doppio strato elettrico è in genere limitato in presenza di elevata concentrazione elettrolitica cosicché le forze repulsive diminuiscono e viene favorito un contatto

16 16 Manuale di Ingegneria Geotecnica bordo faccia o bordo bordo tra le particelle dando luogo alla struttura cosiddetta flocculata. Invece in ambiente di acqua dolce (bassa concentrazione di cationi di sali disciolti) prevalgono le forze repulsive cosicché le particelle di argilla sedimentano secondo una struttura cosiddetta dispersa (figura 1.7). Maggiori dettagli sono reperibili nel testo di Mitchell (1993). La figura 1.8 mostra invece un immagine al microscopio elettronico di una sezione sottile dell argilla di Pisa (detta Pancone). Appare evidente la forma delle particelle. 1.3 GENESI DELLE ROCCE E DEI DEPOSITI DI TERRENO Le rocce possono essere classificate secondo vari criteri: - in base alle proprietà fisico-meccaniche: rocce coerenti, compatte, incoerenti; - in base alla composizione: rocce monomineraliche, polimineraliche; - in base all origine: rocce endogene cioè formatesi all interno della Terra, rocce esogene formatesi sulla superficie terrestre; - in base alla genesi: magmatiche o ignee (formatesi per cristallizzazione di un magma), sedimentarie (formatesi in seguito al deposito e successiva diagenesi di materiale proveniente dalla degradazione di altre rocce), metamorfiche (formatesi in seguito alla trasformazione di altre rocce sotto l azione di agenti esterni quali pressione e temperatura). La classificazione basata sulla genesi è quella che viene illustrata nel seguito. I tre gruppi in cui vengono suddivise le rocce non possono essere visti come entità distinte ed immutabili, essi fanno parte d un ciclo di cui costituiscono una parte transitoria. Il ciclo inizia con il raffreddamento ed il consolidamento del magma che porta alla formazione d una roccia magmatica, movimenti tettonici portano poi in superficie questa roccia che viene successivamente sottoposta ad un alterazione chimica e ad una disgregazione fisica da parte degli agenti atmosferici, con formazione di prodotti che vengono trasportati e depositati in particolari ambienti costituendo i sedimenti. Nel tempo si ha l accumulo dei sedimenti, e il carico dei sedimenti deposti porta alla litificazione con la conseguente formazione della roccia sedimentaria. Quando la pressione e la temperatura superano un certo limite e sono associate a movimenti della crosta terrestre, hanno luogo trasformazioni che portano alla formazione della roccia metamorfica. Infine nelle parti più profonde della crosta terrestre possono avvenire fenomeni di fusione delle rocce con la formazione di nuovi magmi. Si individuano così tre processi intimamente collegati tra loro: - il processo magmatico, da cui si originano le rocce magmatiche, - il processo sedimentario, da cui si originano le rocce sedimentarie, - il processo metamorfico, da cui si originano le rocce metamorfiche.

17 Genesi delle rocce e dei terreni Processo sedimentario Il processo sedimentario è all origine dei depositi di terreno e delle rocce sedimentarie. Come in parte anticipato il processo comporta diverse fasi: - Degradazione (distruzione in posto di rocce affioranti) o erosione in senso stretto dell ammasso roccioso. Questa fase comporta una serie di fenomeni fisici e chimici che producono la disgregazione e l alterazione della roccia madre. La disgregazione è frutto di un insieme di fenomeni fisici 2 (dilatazioni termiche differenziali per effetto dell insolazione, aumento di volume dell acqua che gela nei pori o nelle fratture, azione dell apparato radicale della vegetazione o di organismi viventi) che producono detriti sino a dimensioni di 10 μm. L alterazione della roccia madre è un insieme di processi chimici (ossidazione, idratazione, idrolisi, soluzione) che comporta la modifica mineralogica e chimica della roccia e l indebolimento progressivo dei legami chimici. Particelle con dimensioni minori di 10 μm sono il risultato di fenomeni chimici. - Alla fase di disgregazione e alterazione segue una fase di trasporto del materiale roccioso alterato e disgregato (clasti o detriti). Il mantello alterato che non subisce trasporto prende il nome di deposito residuale. Il trasporto per trascinamento o in sospensione comporta fenomeni di abrasione responsabili di cambiamenti di forma delle particelle detritiche. Più precisamente si verifica una riduzione degli spigoli vivi delle particelle che acquisiscono forme progressivamente più arrotondate. Questo tipo di trasporto è governato dall energia cinetica della corrente e dalla viscosità d insieme (aria o acqua o ghiaccio + detriti). Al crescere di queste quantità aumentano le dimensioni o la massa complessiva del materiale trasportato Le sostanze solubili sono invece trasportate in soluzione. Gli agenti responsabili del trasporto sono: - la gravità (trasporto verso il basso dei detriti), - il vento, - i corsi d acqua di superficie o sotterranei, - i ghiacciai (trasporto durante la fase di espansione - discesa), - gli organismi viventi. - Durante il trasporto le particelle sono soggette ad una componente di moto che dipende dalla velocità della corrente ed un altra che dipende dal peso proprio ed è quindi proporzionale alle dimensioni delle particelle. Quando l azione della gravità diventa preminente ha inizio la sedimentazione. Nel caso di trasporto da ghiacciaio, la sedimentazione ha luogo durante il disgelo. La sedimentazione di detriti dà luogo a sedimenti detti clastici o detritici. La precipitazione di sostanze solubili è invece governata unicamente dai fattori che influiscono sulla solubilità (temperatura, ph, etc.). Questa precipitazione da luogo a sedimenti di 2 La principale causa di fratturazione delle rocce è riconducibile all attività tettonica della crosta terrestre.

18 18 Manuale di Ingegneria Geotecnica origine chimica. Il trasporto attraverso organismi viventi avviene a opera dei medesimi o in seguito alla loro morte dando luogo a sedimenti di origine organica. L ambiente di deposizione, che indica in maniera sintetica le condizioni fisiche, chimiche e biologiche in cui avvengano sedimentazione e consolidazione dei depositi, può essere marino, continentale o misto. La genesi di un deposito (formazione) è il risultato di una serie di episodi del ciclo sedimentario (degradazione, trasporto, sedimentazione) che si verificano nell arco di un periodo o frazione di periodo geologico, nello stesso ambiente di deposizione. Ciascun episodio dà luogo ad un sottoinsieme della formazione detto strato. Gli strati risultano separati da piani di discontinuità detti stratificazioni Depositi Marini I depositi marini sono prevalentemente costituiti da argille flocculate, sabbie fini e limi. L apporto principale di questi sedimenti è di origine fluviale. Tuttavia, solamente la parte più fine (argille, sabbie fini e limi) viene trasportata al largo per effetto del moto ondoso e delle maree. La sedimentazione dei fiocchi di argilla avviene contestualmente a quella dei limi e delle sabbie fini, cosicché i depositi marini esibiscono caratteristiche di buona omogeneità. La deposizione avviene nella zona di scarpata e di rialzo continentale. I depositi della piana abissale sono invece di natura organica costituiti principalmente da gusci di foraminiferi (composizione calcarea) o gusci di diatomee e radiolari (composizione silicea). Per effetto del sollevamento della piattaforma continentale in conseguenza dell attività tettonica della crosta terrestre, molti dei depositi marini si collocano al di sopra del livello medio del mare. Le argille sensitive sono depositi marini interessati da flussi di acqua dolce (tipiche di alcuni fiordi norvegesi e del Canada). Come già detto, la struttura flocculata delle argille marine è conseguenza di un elevata concentrazione elettrolitica. Il flusso di acqua dolce riduce la concentrazione elettrolitica cosicché diminuiscono le forze attrattive tra le particelle di argilla ed aumentano quelle repulsive. Di conseguenza sono sufficienti modeste azioni meccaniche per produrre il collasso di una struttura oramai metastabile. Per chiarire il concetto di struttura metastabile si consideri un pendio indefinito (figura1.9) e un elemento di terreno soggetto alle tensioni indotte dal peso proprio. Lo sforzo di taglio vh che agisce sulle facce orizzontali e verticali di un generico elemento infinitesimo è inizialmente in equilibrio; tuttavia, se il pendio subisce un processo deformativo (aumento della deformazione a taglio γ a causa di una nuova azione esterna) gli sforzi di taglio aumentano sino ad un valore di picco (τ p ) e successivamente decrescono bruscamente. La resistenza residua (τ R ) a grandi deformazioni è minore dello sforzo di taglio iniziale, cosicché il terreno che

19 Genesi delle rocce e dei terreni 19 costituisce il pendio non è più in grado neppure di sostenere il peso proprio. L equilibrio non è più possibile e il pendio frana verso valle. Figura 1.9: Stato tenso-deformativo e curva sforzi-deformazioni di una struttura metastabile Depositi Continentali Tra i depositi in ambiente continentale è possibile distinguere quelli alluvionali (fluviali), lacustri e/o palustri, glaciali e eolici. - Depositi alluvionali: Se da una parte l azione dei corsi d acqua (soprattutto quelli di natura torrentizia) è di incidere e scavare la roccia, dall altra le correnti fluviali sono dotate di trasporto solido. In seguito ad eventi alluvionali, passata l onda di piena, l acqua rientra nell alveo mentre la maggior parte dei detriti sedimentano nell area di esondazione. A seconda dell energia della corrente i detriti sono costituiti da materiale a grana grossa (sabbie e ghiaie) o da materiale a grana fine (limi e argille) che sedimentano in forme di sacche. La principale caratteristica di questi depositi è quindi una marcata variazione di composizione litologica sia verticale che orizzontale. Quest ultima è imputabile ai possibili mutamenti dell alveo. La presenza di sacche di materiale organico si verifica nei punti morti della corrente per l accumulo di materiale vegetale e per il ricoprimento di preesistente vegetazione. La pianura Padana, a puro titolo di esempio, è stata originata dalle alluvioni del fiume Po e dei suoi affluenti approssimativamente nel periodo compreso tra e 5000 a.c., senza modifiche significative negli ultimi 5000 anni. Sempre a titolo di esempio,

20 20 Manuale di Ingegneria Geotecnica anche la pianura del fiume Arno è prevalentemente di origine alluvionale nel medesimo arco temporale prima indicato. - Depositi lacustri e palustri: La sedimentazione in ambiente lacustre e/o palustre avviene in acqua dolce. Le litologie osservate sono costituite, a partire dal basso, da stratificazioni di sabbie fini, limi e argille (struttura dispersa). La sequenza stratigrafica si ripete (ripetersi di diversi episodi del ciclo sedimentario) e mostra una buona continuità orizzontale. - Depositi glaciali: I depositi morenici o gli accumuli di detrito ai piedi di un ghiacciaio mostrano una litologia estremamente eterogenea (dai ciottoli alle argille) distribuita nello spazio in maniera caotica. Anche i depositi fluvio glaciali mostrano un elevata eterogeneità, tuttavia in questo caso si osservano stratificazioni, con separazione dei materiali a grana grossa da quelli a grana fine (classazione). Ciò è dovuto al fatto che, in questi depositi, l agente di trasporto è anche la corrente fluviale durante il disgelo. - Depositi eolici (dune costiere): Si tratta di depositi estremamente omogenei, composti di sabbie fini monogranulari, sciolte, con particelle ben arrotondate Depositi di ambiente misto Tra i depositi di ambiente misto si considerano i depositi costieri (sabbie fini e limi nei canali di marea; limi e argille nelle zone di laguna, sabbie e ghiaie nei depositi di spiaggia), quelli di estuario (limi e sabbie) e quelli di delta (alternanza di materiali fini e grossolani). Le caratteristiche geometriche delle stratificazione sono governate dalle caratteristiche tipiche dell ambiente di deposizione Diagenesi e rocce sedimentarie La diagenesi indica il processo che trasforma un deposito sedimentario (terreno sciolto) in una roccia sedimentaria (roccia tenera). Il processo della diagenesi comporta la formazione di legami chimici tra le particelle in conseguenza della precipitazione di sostanze disciolte (principalmente, ma non esclusivamente, carbonati). Si distinguono due gruppi: le rocce detritiche e le rocce di precipitazione chimica e biochimica. La differenza consta nel diverso metodo di trasporto e di sedimentazione dei materiali. Le rocce detritiche derivano dal materiale trasportato in forma solida; le rocce di precipitazione chimica e biochimica derivano dal materiale trasportato in soluzione. La suddivisione naturalmente non è netta. Rocce sedimentarie di origine chimica: - rocce residuali o argille residuali, ovverosia la parte di roccia in posto che non è stata asportata. Si tratta di formazioni di ambiente continentale. Le terre rosse nascono dalla degradazione di rocce calcaree in area mediterranea. Le lateriti si formano in climi caldo umidi (ossidi e idrossidi di alluminio e ferro con

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica

Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica CORSO DI AGGIORNAMENTO PER GEOLOGI 18 19 Ottobre 2011 STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA E APPLICAZIONI Metodi ed indagini propedeutici alla microzonazione sismica Dott. Geol. Roberto De Ferrari Dip.Te.Ris.-

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO

SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO SENTIERI GEOLOGICI SUL MONTE TERMINILLO Itinerari nella geodiversità del Lazio, dai mari tropicali mesozoici ai ghiacciai del Quaternario di GIANCARLO DE SISTI Nato nel 1959, alpinista, laureato in geologia,

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

SCIENZE. Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Il Globo terrestre e la sua evoluzione. Minerali e rocce Vulcani Terremoti

SCIENZE. Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Il Globo terrestre e la sua evoluzione. Minerali e rocce Vulcani Terremoti Idee per il tuo futuro Elvidio Lupia Palmieri Maurizio Parotto Il Globo terrestre e la sua evoluzione Minerali e rocce Vulcani Terremoti Edizione blu con Earth Science in English SCIENZE Elvidio Lupia

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua

1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA. 1.1 - L erosione dell acqua 1 - PAESAGGI DISEGNATI DALL ACQUA 1.1 - L erosione dell acqua Gocce d acqua precipitano urtando con violenza il suolo coperto da detriti (foglie, rami, steli d erba,... fig. 1.1). A qualche centimetro

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO

L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO L influenza del suolo sulla performance viticola: DALL APPARATO RADICALE ALLA QUALITÀ DEL VINO Fabrizio Battista, Federica Gaiotti, Davide Mosetti, Gilberto Bragato, Diego Tomasi CRA-VIT CENTRO DI RICERCA

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

Il territorio delle Alte Vali INDICE

Il territorio delle Alte Vali INDICE 1 Il territorio delle Alte Vali INDICE 1. Premessa 2. Gli elementi su cui si fonda l iniziativa 3. La motivazione 4. Il percorso di visita 5. Cronoprogramma 6. Quadro economico 7. Obiettivi specifici 8.

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli