CESI A3/ Ricerca di Sistema (secondo periodo) SISET/SIMAT/wokpackage2/milestone1/rapporto1/1 della milestone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI A3/043397. Ricerca di Sistema (secondo periodo) SISET/SIMAT/wokpackage2/milestone1/rapporto1/1 della milestone"

Transcript

1 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 1/35 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Indagine conoscitiva sul potenziale rischio di reazione Alcali-Aggregato nel calcestruzzo delle dighe italiane con particolare riguardo alla petrografia degli aggregati Costruzione del Data Base per la valutazione del potenziale rischio. Ordine L17946G Note SISET/SIMAT/wokpackage2/milestone1/rapporto1/1 della milestone La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 27 N. pagine fuori testo 8 Data 31/12/2003 Elaborato SFR IDS Alfredo Di Nardo SFR IDS Enrico Rondena Verificato SFR IDS Mario Berra Approvato SFR IDS Guido Mazzà CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 2/35 Indice SOMMARIO PREMESSA INTRODUZIONE DESCRIZIONE DEL DATA-BASE STRUTTURA DEL DATA-BASE INTERFACCIA UTENTE IMMETTI/VISUALIZZA DIGA TIPOLOGIA IMMETTI/VISUALIZZA ALTRE INFORMAZIONI Immetti/visualizza Geologia Immetti/visualizza Petrografia Aggregato REPORTS Ricerca diga per argomento Seleziona diga per nome DESCRIZIONE DEI TIPI LITOLOGICI INSERITI NELLA FINESTRA GEOLOGIA E PETROGRAFIA AGGREGATO DESCRIZIONE DEI TIPI DI PROVE INSERITI NELLA FINESTRA INDAGINI DIAGNOSTICHE OSSERVAZIONE SU SEZIONE SOTTILE OSSERVAZIONE ALLO STEREOMICROSCOPIO OSSERVAZIONE CON IL SEM (MICROSCOPIO ELETTRONICO A SCANSIONE) ANALISI CON LO SPETTROFOTOMETRO A RAGGI INFRAROSSI (IR) ANALISI PER DIFFRATOMETRIA AI RAGGI X (XRD) PROVE ESPANSIONE PROVE DI DURABILITÀ IN AMBIENTE AGGRESSIVO PROVA DI GELIVITÀ PROSECUZIONE DELLA RICERCA (MILESTONE 2) RIFERIMENTI ALLEGATI ALLEGATO 1 ELENCO DELLE DIGHE IN CALCESTRUZO E MURATURA INSERITE NEL DATA-BASE GEODIGHE Copyright 2004 by CESI. All rights reserved - Activity code 40000H

3 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 3/35 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 31/12/2003 A3/ Prima emissione SOMMARIO L obiettivo dell attività è quello di indagare sul potenziale rischio della reazione Alcali-Aggregato delle dighe italiane con particolare riferimento alla composizione mineralogica degli aggregati utilizzati per il confezionamento del conglomerato cementizio all atto della costruzione. Per archiviare e gestire diverse informazioni delle dighe italiane (escluse quelle costruite in terra e materiale sciolto) necessarie alla valutazione del potenziale rischio alcali-aggregato dei loro conglomerati cementizi, è stato messo a punto uno speciale software applicativo denominato Geodighe. Si tratta di una banca dati (database) sviluppata in ambiente ACCESS di Microsoft Office. In esso si è data particolare attenzione agli aspetti geologici e petrografici della roccia che interessa i diversi impianti ed alla composizione degli aggregati utilizzati per la confezione del conglomerato cementizio. Lo scopo di questo rapporto è la descrizione del DataBase dove sono state raccolte le notizie relative a circa 300 dighe in calcestruzzo o muratura italiane e tutte le informazioni inerenti i loro conglomerati cementizi. Oltre ai dati più usuali è possibile immettere dati inerenti alla geologia del serbatoio e della fondazione della diga, alla litologia dell aggregato costituente il calcestruzzo, al cemento usato, alle prove fisiche e meccaniche ed anche ad indagini diagnostiche particolari ( sezioni sottili, stereomicroscopio, SEM, XR, IR, prove espansione, durabilità, gelività, ecc). Essendo un sistema aperto sarà sempre possibile inserire nuovi dati che in futuro si aggiungeranno a quelli già in possesso. Un aspetto importante è inerente alla possibilità di effettuare varie ricerche nell archivio. E possibile effettuare una ricerca di una o più dighe per nome o per argomento inserendo uno o più parametri sia di tipo geografico (es. regione) che di caratterizzazione dei materiali.

4 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 4/35 1 PREMESSA L attività descritta nel presente rapporto è la milestone 1 prevista dal progetto di ricerca SISET, sottoprogetto SIMAT, Work Package WP2. L obiettivo dell attività è quello di indagare sul potenziale rischio della reazione Alcali-Aggregato delle dighe italiane con particolare riferimento alla composizione mineralogica degli aggregati utilizzati per il confezionamento del conglomerato cementizio all atto della costruzione. Si prevede la preparazione di un manuale che illustri il livello di rischio reazione alcali-aggregato del conglomerato cementizio di ogno singola diga italiana presa in considerazione. Tale manuale avrà un supporto informatico(data base) per rendere più facilmente fruibile ai potenziali utilizzatori le informazioni in esso contenute. Lo scopo di questo rapporto è la descrizione di detto Data-Base dove sono state raccolte le notizie relative a circa 300 dighe in calcestruzzo o muratura italiane e tutte le informazioni inerenti i loro conglomerati cementizi.

5 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 5/35 2 INTRODUZIONE Diverse sono le cause dell invecchiamento e degrado delle dighe; tra queste giocano un ruolo rilevante particolari reazioni chimiche come ad esempio quella identificata col termine reazione alcali-aggregato. Tale reazione dà luogo a fenomeni di rigonfiamento come conseguenza della formazione di un gel espansivo che si sviluppa all interno del calcestruzzo in cui siano stati utilizzati aggregati silicei contenenti fasi reattive agli alcali. L acqua gioca un ruolo fondamentale nell innesco dei fenomeni espansivi ed è per questo che le dighe, essendo costituite da materiali quasi completamente saturi d umidità, sono esposte ud un elevato rischio; inoltre molte dighe sono state costruite quando ancora non si era a conoscenza del fenomeno della reazione alcali-aggregato e dunque è possibile sia stato utilizzato aggregato di tipo reattivo. La reazione alcali-aggregato è lenta ma poiché l età media delle dighe è alta (oltre 50 anni), ed i volumi in gioco sono di notevole entità, anche fenomeni lenti nel tempo e di piccola entità hanno avuto la possibilità di manifestarsi con effetti ingegneristicamente importanti. Tutte le considerazioni sopra esposte inducono a prevedere che il rischio per reazione alcali-aggregati nelle dighe in calcestruzzo esistente sia purtroppo destinato ad aumentare in futuro. Il problema riguarda tutte le fasi della vita delle dighe, dalla costruzione al monitoraggio del suo comportamento in esercizio, dalla diagnosi di eventuali fenomeni in atto, alla stima del comportamento futuro, sempre richiesto per la definizione di qualsiasi intervento di ripristino. Un indagine sul potenziale rischio di reazione alcali-aggregato nelle dighe in calcestruzzo comporta l acquisizione di diversi tipi di informazioni. La prima riguarda le fasi reattive agli alcali presenti negli aggregati ed il loro livello di reattività che dipende in primo luogo dalla composizione mineralogica oltre ad altre caratteristiche fisiche degli aggregati come ad esempio la superficie specifica e la porosità dei granuli. Altre informazioni importanti sono il contenuto degli alcali presenti nel calcestruzzo (derivante dal cemento, dagli aggregati o dall ambiente esterno) ed il livello di umidità che, come già detto, per il calcestruzzo delle dighe è vicino alla saturazione. La composizione mineralogica degli aggregati è il parametro più facilmente rintracciabile in bibliografia ed è dunque su di esso che si è principalmente concentrata la ricerca. La fonte di informazione principale è stata la serie dei libri ANIDEL. Ad essa si è aggiunta la cartografia italiana e la letteratura tecnica. I dati sul tipo di cemento e sul contenuto di alcali o i risultati di indagini diagnostiche finalizzate allo studio della reazione alcali-aggregato, se disponibili, hanno integrato le informazioni petrograficomineralogiche.

6 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 6/35 3 DESCRIZIONE DEL DATA-BASE Per archiviare e gestire diverse informazioni delle dighe italiane (escluse quelle costruite in terra e materiale sciolto) necessarie alla valutazione del potenziale rischio alcali-aggregato dei loro conglomerati cementizi, è stato messo a punto uno speciale software applicativo denominato Geodighe. In esso si è data particolare attenzione agli aspetti geologici e petrografici della roccia che interessa i diversi impianti ed alla composizione degli aggregati utilizzati per la confezione del conglomerato cementizio. Si tratta di una banca dati (data base) sviluppata in ambiente ACCESS di Microsoft Office. Essa è di seguito descritta nelle sue parti essenziali. 3.1 Struttura del data-base Il database è composto principalmente dalle seguenti tabelle(fig.1): Fig.1 Strutture del database Generalità : contiene informazioni sulla diga (tipo di struttura, localizzazione, periodo di costruzione, notizie sui materiali ecc.) e i collegamenti alle tabelle Regioni, Geologia, Petrografia Aggregato. Regioni : contiene i nomi delle regioni italiane. Geologia : contiene l elenco dei vari tipi litologici che interessano la fondazione ed il bacino della diga. Petrografia aggregato : contiene l elenco dei vari tipi litologici che costituiscono gli aggregati utilizzati nella confezione dei calcestruzzi delle varie dighe italiane.

7 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 7/ Interfaccia utente La fig.2 mostra ciò che appare a video subito dopo aver aperto l applicazione. Fig.2 Videata di apertura del database Questa maschera si compone di 4 bottoni che rappresentano le seguenti funzionalità: Immetti/visualizza DIGA (apertura della finestra Generalità dove è possibile immettere tutti i dati relativi alla diga) Immetti/visualizza altre informazioni (apertura della finestra Altre informazioni dove si visualizza il pannello che permette il caricamento delle tabelle Geologia e Petrografia aggregato ) Reports (apertura della finestra Report che il mostra il pannello per la scelta del tipo di ricerca che si vuole effettuare) Esci dal database 3.3 Immetti/visualizza DIGA La maschera Generalità (fig. 3) rappresenta il principale punto di inserimento dei dati e di tutte le caratteristiche dell'opera di sbarramento. Nella tabella seguente sono indicate le tipologie delle dighe inserite nel data base con il codice ENEL dato alle diverse tipologie di diga.

8 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 8/35 Codice 3.4 Tipologia Aa1,c Aa1,m Aa2,s Aa2,v Ab1 Ab2 AB3 Ac,v Ac,s Ba Bb,t Bb,p Bc,tm Bc,td Bc,pm Bc,pd C D Aa1,c (D) Aa1,m (D) MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (IN CALCESTRUZZO) MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (IN MURATURA) MURARIA; A GRAVITA', A SPERONI MURARIA; A GRAVITA', A VANI INTERNI MURARIA; AD ARCO MURARIA; AD ARCO-GRAVITA' MURARIA; A CUPOLA MURARIA; A VOLTE SOSTENUTE DA CONTRAFFORTI MURARIA; A SOLETTE SOSTENUTE DA CONTRAFFORTI MATERIALI SCIOLTI;DI TERRA,OMOGENEA MATERIALI SCIOLTI;DI TERRA,ZONATA,NUCLEO DI TERRA PER TENUTA MATERIALI SCIOLTI;PIETRAME,ZONATA,NUCLEO DI TERRA PER TENUTA MATERIALI SCIOLTI;TERRA PERMEABILE,MANTO TENUTA ARTIFICIALE MATERIALI SCIOLTI;TERRA PERMEABILE,DIAFRAMMA MAT.ARTIFICIALI MATERIALI SCIOLTI;PIETRAME,MANTO TENUTA MAT.ARTIFICIALI MATERIALI SCIOLTI;PIETRAME,DIAFRAMMA TENUTA MAT.ARTIFICIALI SBARRAMENTO DI TIPO VARIO TRAVERSA FLUVIALE MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (TRAVERSA IN CALCESTRUZZO) MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (TRAVERSA IN MURATURA) Per ogni diga è possibile assegnare ulteriori informazioni tramite i seguenti 4 pulsanti: Geologia diga Aggregato e Cemento Calcestruzzo Indagini diagnostiche

9 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 9/35 Fig. 3 Videata per l inserimento dei dati di una diga Il pulsante Geologia diga permette di accedere ad una maschera che offre la possibilità di assegnare, sia all invaso o serbatoio che alla fondazione della struttura in esame, diverse tipologie litologiche (fig. 4), scegliendole tra quelle inserite nella tabella geologia (fig.1), Il pulsante Aggregato e Cemento apre una maschera dove è possibile inserire la petrografia dell aggregato, (operando una scelta tra quelle previste dalla tabella Petrografia. Fig.1) la sua tipologia (frantumato, alluvionale, frantumato-alluvionale), il tipo del cemento (pozzolanico, portland, alto forno, ferrico-pozzolanico) ed il diametro massimo dell aggregato (fig. 5). Il pulsante Calcestruzzo fornisce la possibilità di inserire dei dati inerenti la composizione del calcestruzzo (dosaggio di cemento e aggregati e contenuto di alcali del calcestruzzo) e le sue principali caratteristiche fisiche e meccaniche (peso di volume, resistenza a compressione e modulo elastico statico) (fig. 6). Il pulsante Indagini diagnostiche permette di memorizzare i dati ricavati da speciali indagini diagnstiche eventualmente condotte sull aggregato o sul conglomerato cementizio delle dighe e di inserire anche delle fotografie (fig. 7). Le indagini diagnostiche sono suddivise tra osservazioni sui materiali (su sezione sottile, allo stereomicroscopio, con il SEM, con la diffrattometria ai raggi X, ecc) e prove di comportamento (espansione, resistenza asd ambienti aggressivi, gelività, ecc) Nel campo Note è possibile inserire notizie che non sono contemplate nell immissione standard (fig.3).

10 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 10/35 Fig. 4 Esempio di inserimento delle informazioni litologiche riferite al serbatoio delle dighe ed alla sua fondazione. Fig. 5 Videata per l inserimento delle informazioni sulla natura petrografica dell aggregato, sulla sua tipologia e dimensione massima e sul tipo di cemento.

11 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 11/35 Fig. 6 Videata per l inserimento delle informazioni sulla composizione del calcestruzzo e sulle sue principali caratteristiche fisico-meccaniche. Fig. 7 Videata per l inserimento dei risultati di indagini diagnostiche eventualmente condotte sul conglomerato cementizio della diga.

12 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 12/ Immetti/visualizza altre informazioni La maschera di fig. 4 Altre informazioni viene utilizzata per il riempimento della banca dati con tutte le informazioni da utilizzare nella maschera Generalità. Si compone dei seguenti 3 bottoni: Immetti/visualizza Geologia (apertura della finestra Geologia per l immissione dei tipi litologici da utilizzare per la descrizione del serbatoio e delle fondazione delle dighe.) Immetti/visualizza Petrografia Aggregato (apertura della finestra Petrografia aggregato per l immissione dei tipi litologici da utilizzare per la descrizione degli aggregati usati nella confezione dei conglomerati cementizi.) Ritorna pannello principale Fig. 8 Videata di apertura per l inserimento delle informazioni di base Immetti/visualizza Geologia La seguente figura (fig.9) mostra la maschera della tabella della geologia, contenente l elenco dei vari tipi litologici utilizzabili per la descrizione sia del serbatoio che dell area di fondazione della diga.

13 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 13/35 Fig.9 Tipi litologici per la descrizione dell invaso e della fondazione della diga Immetti/visualizza Petrografia Aggregato La seguente figura fig.10 mostra la maschera della tabella della petrografia dell'aggregato del calcestruzzo contenente l elenco dei vari tipi litologici utilizzabili per la descrizione petrografica dell aggregato usata nella confezione dei conglomerati cementizi della diga.

14 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 14/35 Fig.10 Tipi litologici per la descrizione della litologia degli aggregati usati nei conglomerati cementizi 3.6 Reports La sezione Reports fornisce la possibilità di effettuare vari tipi di ricerche nell archivio Si compone dei seguenti 3 bottoni (fig.5): Ricerca diga (apertura della finestra della ricerca delle dighe per argomento) Seleziona diga (apertura della finestra della ricerca delle dighe per nome) Ritorna Pannello principale

15 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 15/ Ricerca diga per argomento Fig.11 Videata di apertura per le ricerche Tramite la maschera della figura 12 è possibile effettuare la ricerca di una o più dighe partendo da uno o più parametri (indicati nella figura stessa) Fig. 12 Videata per la scelta dei parametri in base ai quali effettuare la ricerca.

16 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 16/35 In figura 6 è mostrato un esempio del tipo di restituzione delle informazioni fornite dal software, a seguito di una specifica ricerca nel database. Si può ottenere il riferimento di una o più dighe a partire sia da parametri di tipo geografico (es. Regione) che da parametri di caratterizzazione dei materiali. Questa è una funzione particolarmente utile in quanto è possibile effettuare una ricerca mirata tra le dighe conoscendo anche uno solo dei parametri riportati in fig Seleziona diga per nome. All apertura della finestra di fig. 13 viene visualizzata la lista di tutte le dighe contemplate nell archivio. Se non si effettua alcuna selezione si ottiene la scheda di fig. 6 per tutte le dighe. Se invece si seleziona una diga si ottiene la scheda di fig. 6 per quella selezionata. Fig. 13 Videata per la scelta della o delle dighe in base a cui effettuare la ricerca.

17 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 17/35 Fig.14 Schema del tipo di restituzione delle informazioni richieste attraverso una ricerca nel database

18 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 18/35 4 DESCRIZIONE DEI TIPI LITOLOGICI INSERITI NELLA FINESTRA GEOLOGIA E PETROGRAFIA AGGREGATO. Nella tabella seguente sono inseriti l insieme di tutti i tipi litologici che compaiono nelle finestre Geologia e Petrografia Aggregato. Per ogni tipo litologico si è fatta una descrizione e si sono elencati i principali componenti mineralogici. Infine si sono elencati i componenti mineralogici potenzialmente reattivi agli alcali nei conglomerati cementizi, con riferimento alla reazione alcaliaggregati silicei.

19 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 19/35 Tipo Litologico Definizione Componenti mineralogici Componenti potenzialmente reattivi. Andesite Roccia vulcanica costituita da una massa di fondo indistinta dove sono immersi grossi cristalli. Plagioclasio, biotite, quarzo, orneblenda, pirosseno, vetro. Massa di fondo indistinta. anfibolite Roccia metamorfica regionale Anfiboli e plagioclasi, epidoto, quarzo, diopside, granato, biotite e muscovite. ardesia Roccia argillosa debolmente metamorfosata suddivisibile in lastre. arenaria Roccia sedimentaria costituita da un cemento che lega granuli minori di 2 mm. Sericite, clorite, quarzo, calcite Il cemento è solitamente di tipo calcitico, dolomitico o siliceo ( quarzo, opale, calcedonio). I granuli sono frammenti di roccia, quarzo, feldspati, mica, calcite ecc. Vetro, quarzo stressato, vene di opale e calcedonio Quarzo stressato. Vene di opale e calcedonio. Quarzo stressato. Quarzo stressato, opale, calcedonio argilla Roccia sedimentaria costituita da Minerali argillosi (caolino, Quarzo stressato, sedimenti plastici contenenti illite, montmorilloniti ecc.) opale, calcedonio. acqua. e frammenti detritici. argillite Roccia argillosa sedimentaria Minerali argillosi (caolino, Quarzo stressato litificata che ha perso le illite, montmorilloniti ecc.) proprietà plastiche per con quarzo, feldspati, ricristallizzazione di molti carbonati, miche. minerali. basalto Roccia effusiva basica a struttura I componenti essenziali Vetro, quarzo spesso microcristallina. sono plagioclasio, stressato, vene di pirosseno, minerali ferrosi, opale e calcedonio apatite, quarzo, vetro. Calcare Roccia sedimentaria a tessitura Costituito quasi Quarzo finemente compatta. completamente da disseminato carbonato di calcio. Presenti anche ematite, limonite, quarzo ecc. Calcare selcifero Roccia sedimentaria a tessitura Costituito quasi Quarzo finemente compatta. completamente da disseminato, selce carbonato di calcio. Presenti anche ematite, limonite, pigmenti carboniosi, quarzo ecc. In questi calcari si ritrovano lenti di selce di vario colore che in genere rappresentano fino al 5% della

20 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 20/35 composizione della roccia. Calcare marnoso Roccia sedimentaria a tessitura Roccia in cui il carbonato compatta. di calcio è associato in varie proporzione all argilla (sempre in misura maggiore del 5%). Calcare Roccia sedimentaria a tessitura Roccia in cui il carbonato dolomitico compatta. di calcio è associato a dolomite. Calcescisto Roccia metamorfica regionale Costituito da calcite e mica in prevalenza, ma anche clorite, quarzo, epidoti, grafite, ilmenite, albite. Calcefiro Roccia metamorfica di contatto Costituito da calcite, granato, plagioclasio, scapolite e altri minerali in tracce. Conglomerato Roccia sedimentaria costituita da Il cemento è solitamente un cemento che lega granuli di calcareo-argilloso mentre i dimensione maggiore di 2 mm. granuli sono litologicamente diversi. Deposito Sedimento sciolto costituito alluvionale da particelle di dimensioni diverse che si è accumulato meccanicamente per trasporto. Litologicamente eterogeneo. Detrito Materiale incoerente accumulato dalla gravità granulometricamente e litologicamente eterogeneo. Quarzo finemente disseminato Quarzo finemente disseminato Quarzo stressato Quarzo stressato Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio. Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio. Diabase Roccia magmatica subvulcanica. E costituita da plagioclasio, pirosseno ed anche da olivina, orneblenda, apatite, calcite e talora vetro oltre ad altri minerali. Diorite Roccia magmatica intrusiva Costituita da plagioclasio, pirosseni, anfiboli ma anche da quarzo, biotite ed altri minerali. Dolomia Roccia sedimentaria Costituite per la massima parte da dolomite ma anche calcite, tracce di quarzo e argilla. Fillade Roccia metamorfica regionale Costituita da quarzo, mica e clorite ma anche da albite, apatite ed altri minerali in Vetro Quarzo stressato, opale e calcedonio in vena. Selce, disseminato Quarzo stressato quarzo

21 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 21/35 tracce. Flysch Roccia sedimentaria Associazione di sedimenti clastici granulometricamente classati verticalmente. Dal basso verso l alto ghiaia, sabbia, silt e argilla. Flysch calcareo Roccia sedimentaria Come il flysch ma con alto contenuto in calcare. Gneiss Roccia metamorfica regionale Costituita da feldspato, quarzo, mica, anfiboli, epidoti, apatite, tormalina ed altri minerali. Granito Roccia magmatica intrusiva Costituita da quarzo, feldspati potassici, plagioclasi, biotite e più raramente muscovite, pirosseni, anfiboli e granati. Granodiorite Roccia magmatica intrusiva Stessa composizione dei graniti ma con meno feldspato potassico e più plagioclasio. Grovacche Rocce sedimentarie costituite da cemento che lega granuli minori di 2 mm. Assomigliano ad arenarie. Sono ricche di quarzo, feldspati, miche e frammenti di rocce. Il cemento è argilloso o siltoso. Quarzo selce, opale. stressato, calcedonio, Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio Quarzo stressato, quarzo disseminato, vene di opale e calcedonio Quarzo stressato, vene di opale o calcedonio. Quarzo stressato, vene di opale o calcedonio. Quarzo stressato, opale, calcedonio Hornfels Roccia metamorfica Costituita da andalusite, Quarzo stressato, cordierite, sillimanite, vetro biotite, feldspato potassico, plagioclasio ed altri minerali in tracce. Kinzigite Rocce metamorfiche di alto Costituite da granati, Quarzo stressato grado sillimanite, cordierite, biotite oltre a quarzo e feldspati. Marmo Roccia metamorfica Costituita essenzialmente Selce, quarzo da calcite; talora sono stressato presenti altri minerali anche se solo in tracce ( grafite, pirite, dolomite, quarzo, mica) Marna Roccia sedimentaria a grana Mescolanza di minerali Quarzo stressato, finissima delle argille con quarzo, calcedonio, opale feldspati, carbonati, miche. Micascisto Roccia metamorfica regionale I componenti essenziali Quarzo stressato sono quarzo e mica.

22 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 22/35 Clorite, apatite ed altri in tracce. Morena Materiale incoerente accumulato da un ghiacciaio granulometricamente e litologicamente eterogeneo. Milonite Roccia metamorfica La composizione è variabile secondo il tipo litologico di origine. Pietre verdi Rocce metamorfiche a tessitura Plagioclasio, pirosseno, scistosa vetro, serpentino, clorite, attinolite, albite, epidoto, quarzo, anfibolo, plagioclasio. Porfido Roccia magmatica In una massa di fondo subvulcanica/effusiva microgranulare sono annegati grossi cristalli di feldspato potassico, plagioclasio, quarzo ed altri minerali in tracce Quarzite Roccia metamorfica I componenti essenziali sono quarzo ma sono anche presenti mica, feldspato, granato, grafite, ecc. Roccia ardesiaca Vedi ardesia Riolite Roccia magmatica effusiva I componenti essenziali sono il quarzo, feldspato potassico ma anche il vetro, la biotite, l albite, la tridimite e la cristobalite. Roccia silicea Roccia con alto contenuto di minerali di silice (quarzo, silice ecc) Sabbia Sabbia silicea Scisti Roccia sedimentaria sciolta con granuli aventi dimensioni inferiori di 2mm. Roccia sedimentaria sciolta con granuli aventi dimensioni inferiori di 2mm. Rocce metamorfiche a tessitura scistosa I componenti principali sono il quarzo, i feldspati, le miche e i frammenti di roccia ma anche altri minerali di tipo diverso. Come la sabbia ma con alto contenuto di quarzo. I componenti principali sono le miche, anfiboli, pirosseni, granati, feldspati, quarzo ed altri silicati. Serpentina Roccia metamorfica regionale Oltre al serpentino che è il componente principale si ritrova la magnetite, il Quarzo selce, opale. stressato, calcedonio, Quarzo stressato Vetro, stressato Quarzo vetro, tridimite. quarzo stressato, cristobalite, Quarzo stressato, quarzo diffuso. Quarzo, tridimite, cristobalite, vetro, vene di opale e calcedonio. Quarzo stressato Quarzo stressato, selce, opale e calcedonio. Quarzo stressato, selce, opale e calcedonio Quarzo stressato, vene di opale e calcedonio.

23 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 23/35 talco, la magnesite, la dolomite, la clorite. Sienite Roccia magmatica intrusiva I componenti essenziali sono il feldspato potassico, il plagioclasio, e gli anfiboli. Si ritrovano anche quarzo, biotite, pirosseno ecc. Siltite Rocce sedimentarie I costituenti principali sono quarzo, minerali argillosi, miche ed altri silicati. Tonalite Roccia magmatica intrusiva Plagioclasio, quarzo, orneblenda, biotite ed anche ortoclasio, apatite, titanite, pirosseno. Trachite Roccia magmatica effusiva a Felspato potassico, struttura porfirica plagioclasi, biotite ma anche anfiboli, pirosseni, vetri ecc. Tufo Roccia piroclastica Augite, plagioclasio, olivina, frammenti di lava, vetro, zeoliti. Opale e calcedonio in vene. Quarzo stressato, selce, opale e calcedonio. Quarzo stressato, vene di opale e calcedonio. Vetro, vene di opale e calcedonio. Vetro, quarzo stressato, quarzo disseminato, vene di opale e calcedonio.

24 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 24/35 5 DESCRIZIONE DEI TIPI DI PROVE INSERITI NELLA FINESTRA INDAGINI DIAGNOSTICHE Le indagini diagnostiche si riferiscono al conglomerato cementizio delle dighe e possono riguardare sia la componente litica (aggregato) che quella cementizia (pasta o malta di cemento). Nel seguito vengono sinteticamente descritte quelle più comunemente eseguite e di cui si può riscontrare traccia tra la documentazione delle varie dighe 5.1 Osservazione su sezione sottile E un indagine che si effettua su una lamina di roccia per mezzo di un microscopio polarizzatore a luce trasmessa. La lamina di roccia è una pellicola di 6-8 cm 2 avente uno spessore di circa 30 micron che viene incollata su un vetrino. Tale spessore fa si che la roccia diventi trasparente permettendo l indagine al microscopio. Si usano ingrandimenti da 20-30x fino a 500x. Per mezzo di questa indagine si può risalire alla natura dei minerali costituenti le rocce ed alle loro caratteristiche morfologiche. Questa analisi è la più usata perché a fronte di costi relativamente bassi permette di ottenere un ottima definizione della roccia in esame. Con questa analisi non è però possibile definire minerali che hanno dimensioni molto piccole e i minerali metallici. 5.2 Osservazione allo stereomicroscopio Con questo tipo di microscopio è possibile visionare i campioni senza alcuna preparazione preventiva. E uno strumento che consente una visione tridimensionale e ingrandita del materiale in esame. Tale prova consente di dare una definizione sommaria del campione in esame e della sua struttura. Lo strumento consente ingrandimenti bassi e dunque moltissimi particolari non sono definibili. 5.3 Osservazione con il SEM (microscopio elettronico a scansione) E una indagine molto costosa sia per la strumentazione che per la preparazione dei campioni. Attraverso le osservazioni con il microscopio a scansione elettronico, eventualmente integrato da una microsonda per l identificazione degli elementi chimici, si riesce a definire sia la struttura che il chimismo dei singoli costituenti mineralogici della roccia. Si può arrivare ad altissimi ingrandimenti. 5.4 Analisi con lo spettrofotometro a raggi infrarossi (IR) Serve per poter determinare in modo preciso il contenuto percentuale dei diversi costituenti mineralogici dei campioni in esame. 5.5 Analisi per diffratometria ai raggi x (XRD) Con questa analisi si possono individuare minerali che essendo piccolissimi non sono definibili in altro modo. Si va ad indagare la struttura cristallina dei singoli minerali ed è soprattutto usato per l individuazione dei minerali argillosi.

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Protagonista dello sviluppo locale

Protagonista dello sviluppo locale Bic Umbria Protagonista dello sviluppo locale Sviluppo Italia Bic Umbria promuove, accelera e diffonde lo sviluppo produttivo e imprenditoriale nella regione. È controllata da Sviluppo Italia, l Agenzia

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2014 SUL MERCATO DELLE CASE PER VACANZA 1 AGOSTO 2014 SINTESI PER LA STAMPA L Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2014 di FIMAA-Confcommercio (Federazione

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it Cod fatt k 0001 ID fatt k 67047 1 marzo Treviso Gara

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015

CALENDARIO NAZIONALE CICLISMO PARALIMPICO 2015 22 febbraio Misano Adriatico (RN) 1 Misano Circuit HandBike Grand Prix organizzazione C.O. Giro d Italia HandBike info@girohandbike.it 348.2856213 www.girohandbike.it 0001 67047 1 marzo Treviso Gara Nazionale

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Una garanzia per il futuro.

Una garanzia per il futuro. Pioneering for You Una garanzia per il futuro. Wilo-Stratos GIGA e Wilo Stratos. Informazioni per progettisti di impianti termotecnici 2 ErP e l alta efficienza WILO ITALIA SRL Via G.Di Vittorio, 24 20068

Dettagli

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte

Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Si autorizza la riproduzione a fini non commerciali e con citazioni della fonte Indice Introduzione... 2 Definizioni... 3 Quadro di sintesi sugli impianti a fonti rinnovabili in Italia... 5 Numerosità

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA

Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo. in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA Dieci anni di lavoro, progetti, sviluppo in Valle d Aosta e in Italia CVA. VALORE ENERGIA C V A M O S T R E Mostre in Centrale 2010 Doppio appuntamento a Maën A Valtournenche, in occasione dei dieci anni

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione

DATI. Partita Iva: Via: Telefono: Fax: e mail: Web: Telefono: Cellulare: Indicazione Processo Qualifica N. /2015 DOMANDA DI PREQUALI DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERATORE ECONOMICO (inserire i datii relativi alla SEDE LEGALE) L Denominazione / Ragione Sociale Operatore: Partita Iva: Codice

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi

hanno collaborato: Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta Paolo Vecchia Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi hanno collaborato: per l'iscti Roberto Lo Sterzo Elia Marchetta per l'iss Paolo Vecchia per l'ispra Salvatore Curcuruto Valeria Canè Fotografie: Paolo Orlandi Grafica di copertina e disegni: Franco Iozzoli

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

il manuale tematico della pietra

il manuale tematico della pietra 0 I.1 I.2 II.1 II.2 III IV V Il piano dell Opera L Atlante delle culture costruttive della Sardegna Architettura in terra cruda dei Campidani, del Cixerri e del Sarrabus Il Manuale tematico della terra

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Presentazione La sicurezza strutturale e l affidabilità dei materiali e dei relativi sistemi costruttivi investono direttamente la competenza istituzionale

Dettagli

Strutture cristalline nei materiali

Strutture cristalline nei materiali Antonio Licciulli Scienza e ingegneria dei materiali Strutture cristalline nei materiali Raggio atomico Il raggio atomico può variare in funzione del tipo di legame, della carica parziale e del numero

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA

FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULI VENEZIA GIULIA AZ.AGR. BASTIANIC Sauvignon doc da uve sauvignon Ribolla gialla doc da uve ribolla Vespa igt Plus doc da uve friulano AZ AGR VIE DEI ROMANS (GO) Dolèè friulano piere sauvignon Dessimis

Dettagli

nuovimuri murogeopietra. ogni muro in pietra è unico

nuovimuri murogeopietra. ogni muro in pietra è unico murogeopietra. ogni muro in pietra è unico Geopietra offre l emozione autentica della muratura superando i limiti d utilizzo della pietra naturale. L unicità e la naturalezza, che consideravamo ormai archiviate

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli