CESI A3/ Ricerca di Sistema (secondo periodo) SISET/SIMAT/wokpackage2/milestone1/rapporto1/1 della milestone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI A3/043397. Ricerca di Sistema (secondo periodo) SISET/SIMAT/wokpackage2/milestone1/rapporto1/1 della milestone"

Transcript

1 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 1/35 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Indagine conoscitiva sul potenziale rischio di reazione Alcali-Aggregato nel calcestruzzo delle dighe italiane con particolare riguardo alla petrografia degli aggregati Costruzione del Data Base per la valutazione del potenziale rischio. Ordine L17946G Note SISET/SIMAT/wokpackage2/milestone1/rapporto1/1 della milestone La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 27 N. pagine fuori testo 8 Data 31/12/2003 Elaborato SFR IDS Alfredo Di Nardo SFR IDS Enrico Rondena Verificato SFR IDS Mario Berra Approvato SFR IDS Guido Mazzà CESI Via R. Rubattino 54 Capitale sociale Euro Registro Imprese di Milano Centro Elettrotecnico Milano - Italia interamente versato Sezione Ordinaria Sperimentale Italiano Telefono Codice fiscale e numero N. R.E.A Giacinto Motta SpA Fax iscrizione CCIAA P.I. IT

2 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 2/35 Indice SOMMARIO PREMESSA INTRODUZIONE DESCRIZIONE DEL DATA-BASE STRUTTURA DEL DATA-BASE INTERFACCIA UTENTE IMMETTI/VISUALIZZA DIGA TIPOLOGIA IMMETTI/VISUALIZZA ALTRE INFORMAZIONI Immetti/visualizza Geologia Immetti/visualizza Petrografia Aggregato REPORTS Ricerca diga per argomento Seleziona diga per nome DESCRIZIONE DEI TIPI LITOLOGICI INSERITI NELLA FINESTRA GEOLOGIA E PETROGRAFIA AGGREGATO DESCRIZIONE DEI TIPI DI PROVE INSERITI NELLA FINESTRA INDAGINI DIAGNOSTICHE OSSERVAZIONE SU SEZIONE SOTTILE OSSERVAZIONE ALLO STEREOMICROSCOPIO OSSERVAZIONE CON IL SEM (MICROSCOPIO ELETTRONICO A SCANSIONE) ANALISI CON LO SPETTROFOTOMETRO A RAGGI INFRAROSSI (IR) ANALISI PER DIFFRATOMETRIA AI RAGGI X (XRD) PROVE ESPANSIONE PROVE DI DURABILITÀ IN AMBIENTE AGGRESSIVO PROVA DI GELIVITÀ PROSECUZIONE DELLA RICERCA (MILESTONE 2) RIFERIMENTI ALLEGATI ALLEGATO 1 ELENCO DELLE DIGHE IN CALCESTRUZO E MURATURA INSERITE NEL DATA-BASE GEODIGHE Copyright 2004 by CESI. All rights reserved - Activity code 40000H

3 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 3/35 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 31/12/2003 A3/ Prima emissione SOMMARIO L obiettivo dell attività è quello di indagare sul potenziale rischio della reazione Alcali-Aggregato delle dighe italiane con particolare riferimento alla composizione mineralogica degli aggregati utilizzati per il confezionamento del conglomerato cementizio all atto della costruzione. Per archiviare e gestire diverse informazioni delle dighe italiane (escluse quelle costruite in terra e materiale sciolto) necessarie alla valutazione del potenziale rischio alcali-aggregato dei loro conglomerati cementizi, è stato messo a punto uno speciale software applicativo denominato Geodighe. Si tratta di una banca dati (database) sviluppata in ambiente ACCESS di Microsoft Office. In esso si è data particolare attenzione agli aspetti geologici e petrografici della roccia che interessa i diversi impianti ed alla composizione degli aggregati utilizzati per la confezione del conglomerato cementizio. Lo scopo di questo rapporto è la descrizione del DataBase dove sono state raccolte le notizie relative a circa 300 dighe in calcestruzzo o muratura italiane e tutte le informazioni inerenti i loro conglomerati cementizi. Oltre ai dati più usuali è possibile immettere dati inerenti alla geologia del serbatoio e della fondazione della diga, alla litologia dell aggregato costituente il calcestruzzo, al cemento usato, alle prove fisiche e meccaniche ed anche ad indagini diagnostiche particolari ( sezioni sottili, stereomicroscopio, SEM, XR, IR, prove espansione, durabilità, gelività, ecc). Essendo un sistema aperto sarà sempre possibile inserire nuovi dati che in futuro si aggiungeranno a quelli già in possesso. Un aspetto importante è inerente alla possibilità di effettuare varie ricerche nell archivio. E possibile effettuare una ricerca di una o più dighe per nome o per argomento inserendo uno o più parametri sia di tipo geografico (es. regione) che di caratterizzazione dei materiali.

4 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 4/35 1 PREMESSA L attività descritta nel presente rapporto è la milestone 1 prevista dal progetto di ricerca SISET, sottoprogetto SIMAT, Work Package WP2. L obiettivo dell attività è quello di indagare sul potenziale rischio della reazione Alcali-Aggregato delle dighe italiane con particolare riferimento alla composizione mineralogica degli aggregati utilizzati per il confezionamento del conglomerato cementizio all atto della costruzione. Si prevede la preparazione di un manuale che illustri il livello di rischio reazione alcali-aggregato del conglomerato cementizio di ogno singola diga italiana presa in considerazione. Tale manuale avrà un supporto informatico(data base) per rendere più facilmente fruibile ai potenziali utilizzatori le informazioni in esso contenute. Lo scopo di questo rapporto è la descrizione di detto Data-Base dove sono state raccolte le notizie relative a circa 300 dighe in calcestruzzo o muratura italiane e tutte le informazioni inerenti i loro conglomerati cementizi.

5 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 5/35 2 INTRODUZIONE Diverse sono le cause dell invecchiamento e degrado delle dighe; tra queste giocano un ruolo rilevante particolari reazioni chimiche come ad esempio quella identificata col termine reazione alcali-aggregato. Tale reazione dà luogo a fenomeni di rigonfiamento come conseguenza della formazione di un gel espansivo che si sviluppa all interno del calcestruzzo in cui siano stati utilizzati aggregati silicei contenenti fasi reattive agli alcali. L acqua gioca un ruolo fondamentale nell innesco dei fenomeni espansivi ed è per questo che le dighe, essendo costituite da materiali quasi completamente saturi d umidità, sono esposte ud un elevato rischio; inoltre molte dighe sono state costruite quando ancora non si era a conoscenza del fenomeno della reazione alcali-aggregato e dunque è possibile sia stato utilizzato aggregato di tipo reattivo. La reazione alcali-aggregato è lenta ma poiché l età media delle dighe è alta (oltre 50 anni), ed i volumi in gioco sono di notevole entità, anche fenomeni lenti nel tempo e di piccola entità hanno avuto la possibilità di manifestarsi con effetti ingegneristicamente importanti. Tutte le considerazioni sopra esposte inducono a prevedere che il rischio per reazione alcali-aggregati nelle dighe in calcestruzzo esistente sia purtroppo destinato ad aumentare in futuro. Il problema riguarda tutte le fasi della vita delle dighe, dalla costruzione al monitoraggio del suo comportamento in esercizio, dalla diagnosi di eventuali fenomeni in atto, alla stima del comportamento futuro, sempre richiesto per la definizione di qualsiasi intervento di ripristino. Un indagine sul potenziale rischio di reazione alcali-aggregato nelle dighe in calcestruzzo comporta l acquisizione di diversi tipi di informazioni. La prima riguarda le fasi reattive agli alcali presenti negli aggregati ed il loro livello di reattività che dipende in primo luogo dalla composizione mineralogica oltre ad altre caratteristiche fisiche degli aggregati come ad esempio la superficie specifica e la porosità dei granuli. Altre informazioni importanti sono il contenuto degli alcali presenti nel calcestruzzo (derivante dal cemento, dagli aggregati o dall ambiente esterno) ed il livello di umidità che, come già detto, per il calcestruzzo delle dighe è vicino alla saturazione. La composizione mineralogica degli aggregati è il parametro più facilmente rintracciabile in bibliografia ed è dunque su di esso che si è principalmente concentrata la ricerca. La fonte di informazione principale è stata la serie dei libri ANIDEL. Ad essa si è aggiunta la cartografia italiana e la letteratura tecnica. I dati sul tipo di cemento e sul contenuto di alcali o i risultati di indagini diagnostiche finalizzate allo studio della reazione alcali-aggregato, se disponibili, hanno integrato le informazioni petrograficomineralogiche.

6 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 6/35 3 DESCRIZIONE DEL DATA-BASE Per archiviare e gestire diverse informazioni delle dighe italiane (escluse quelle costruite in terra e materiale sciolto) necessarie alla valutazione del potenziale rischio alcali-aggregato dei loro conglomerati cementizi, è stato messo a punto uno speciale software applicativo denominato Geodighe. In esso si è data particolare attenzione agli aspetti geologici e petrografici della roccia che interessa i diversi impianti ed alla composizione degli aggregati utilizzati per la confezione del conglomerato cementizio. Si tratta di una banca dati (data base) sviluppata in ambiente ACCESS di Microsoft Office. Essa è di seguito descritta nelle sue parti essenziali. 3.1 Struttura del data-base Il database è composto principalmente dalle seguenti tabelle(fig.1): Fig.1 Strutture del database Generalità : contiene informazioni sulla diga (tipo di struttura, localizzazione, periodo di costruzione, notizie sui materiali ecc.) e i collegamenti alle tabelle Regioni, Geologia, Petrografia Aggregato. Regioni : contiene i nomi delle regioni italiane. Geologia : contiene l elenco dei vari tipi litologici che interessano la fondazione ed il bacino della diga. Petrografia aggregato : contiene l elenco dei vari tipi litologici che costituiscono gli aggregati utilizzati nella confezione dei calcestruzzi delle varie dighe italiane.

7 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 7/ Interfaccia utente La fig.2 mostra ciò che appare a video subito dopo aver aperto l applicazione. Fig.2 Videata di apertura del database Questa maschera si compone di 4 bottoni che rappresentano le seguenti funzionalità: Immetti/visualizza DIGA (apertura della finestra Generalità dove è possibile immettere tutti i dati relativi alla diga) Immetti/visualizza altre informazioni (apertura della finestra Altre informazioni dove si visualizza il pannello che permette il caricamento delle tabelle Geologia e Petrografia aggregato ) Reports (apertura della finestra Report che il mostra il pannello per la scelta del tipo di ricerca che si vuole effettuare) Esci dal database 3.3 Immetti/visualizza DIGA La maschera Generalità (fig. 3) rappresenta il principale punto di inserimento dei dati e di tutte le caratteristiche dell'opera di sbarramento. Nella tabella seguente sono indicate le tipologie delle dighe inserite nel data base con il codice ENEL dato alle diverse tipologie di diga.

8 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 8/35 Codice 3.4 Tipologia Aa1,c Aa1,m Aa2,s Aa2,v Ab1 Ab2 AB3 Ac,v Ac,s Ba Bb,t Bb,p Bc,tm Bc,td Bc,pm Bc,pd C D Aa1,c (D) Aa1,m (D) MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (IN CALCESTRUZZO) MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (IN MURATURA) MURARIA; A GRAVITA', A SPERONI MURARIA; A GRAVITA', A VANI INTERNI MURARIA; AD ARCO MURARIA; AD ARCO-GRAVITA' MURARIA; A CUPOLA MURARIA; A VOLTE SOSTENUTE DA CONTRAFFORTI MURARIA; A SOLETTE SOSTENUTE DA CONTRAFFORTI MATERIALI SCIOLTI;DI TERRA,OMOGENEA MATERIALI SCIOLTI;DI TERRA,ZONATA,NUCLEO DI TERRA PER TENUTA MATERIALI SCIOLTI;PIETRAME,ZONATA,NUCLEO DI TERRA PER TENUTA MATERIALI SCIOLTI;TERRA PERMEABILE,MANTO TENUTA ARTIFICIALE MATERIALI SCIOLTI;TERRA PERMEABILE,DIAFRAMMA MAT.ARTIFICIALI MATERIALI SCIOLTI;PIETRAME,MANTO TENUTA MAT.ARTIFICIALI MATERIALI SCIOLTI;PIETRAME,DIAFRAMMA TENUTA MAT.ARTIFICIALI SBARRAMENTO DI TIPO VARIO TRAVERSA FLUVIALE MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (TRAVERSA IN CALCESTRUZZO) MURARIA; A GRAVITA' ORDINARIA (TRAVERSA IN MURATURA) Per ogni diga è possibile assegnare ulteriori informazioni tramite i seguenti 4 pulsanti: Geologia diga Aggregato e Cemento Calcestruzzo Indagini diagnostiche

9 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 9/35 Fig. 3 Videata per l inserimento dei dati di una diga Il pulsante Geologia diga permette di accedere ad una maschera che offre la possibilità di assegnare, sia all invaso o serbatoio che alla fondazione della struttura in esame, diverse tipologie litologiche (fig. 4), scegliendole tra quelle inserite nella tabella geologia (fig.1), Il pulsante Aggregato e Cemento apre una maschera dove è possibile inserire la petrografia dell aggregato, (operando una scelta tra quelle previste dalla tabella Petrografia. Fig.1) la sua tipologia (frantumato, alluvionale, frantumato-alluvionale), il tipo del cemento (pozzolanico, portland, alto forno, ferrico-pozzolanico) ed il diametro massimo dell aggregato (fig. 5). Il pulsante Calcestruzzo fornisce la possibilità di inserire dei dati inerenti la composizione del calcestruzzo (dosaggio di cemento e aggregati e contenuto di alcali del calcestruzzo) e le sue principali caratteristiche fisiche e meccaniche (peso di volume, resistenza a compressione e modulo elastico statico) (fig. 6). Il pulsante Indagini diagnostiche permette di memorizzare i dati ricavati da speciali indagini diagnstiche eventualmente condotte sull aggregato o sul conglomerato cementizio delle dighe e di inserire anche delle fotografie (fig. 7). Le indagini diagnostiche sono suddivise tra osservazioni sui materiali (su sezione sottile, allo stereomicroscopio, con il SEM, con la diffrattometria ai raggi X, ecc) e prove di comportamento (espansione, resistenza asd ambienti aggressivi, gelività, ecc) Nel campo Note è possibile inserire notizie che non sono contemplate nell immissione standard (fig.3).

10 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 10/35 Fig. 4 Esempio di inserimento delle informazioni litologiche riferite al serbatoio delle dighe ed alla sua fondazione. Fig. 5 Videata per l inserimento delle informazioni sulla natura petrografica dell aggregato, sulla sua tipologia e dimensione massima e sul tipo di cemento.

11 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 11/35 Fig. 6 Videata per l inserimento delle informazioni sulla composizione del calcestruzzo e sulle sue principali caratteristiche fisico-meccaniche. Fig. 7 Videata per l inserimento dei risultati di indagini diagnostiche eventualmente condotte sul conglomerato cementizio della diga.

12 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 12/ Immetti/visualizza altre informazioni La maschera di fig. 4 Altre informazioni viene utilizzata per il riempimento della banca dati con tutte le informazioni da utilizzare nella maschera Generalità. Si compone dei seguenti 3 bottoni: Immetti/visualizza Geologia (apertura della finestra Geologia per l immissione dei tipi litologici da utilizzare per la descrizione del serbatoio e delle fondazione delle dighe.) Immetti/visualizza Petrografia Aggregato (apertura della finestra Petrografia aggregato per l immissione dei tipi litologici da utilizzare per la descrizione degli aggregati usati nella confezione dei conglomerati cementizi.) Ritorna pannello principale Fig. 8 Videata di apertura per l inserimento delle informazioni di base Immetti/visualizza Geologia La seguente figura (fig.9) mostra la maschera della tabella della geologia, contenente l elenco dei vari tipi litologici utilizzabili per la descrizione sia del serbatoio che dell area di fondazione della diga.

13 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 13/35 Fig.9 Tipi litologici per la descrizione dell invaso e della fondazione della diga Immetti/visualizza Petrografia Aggregato La seguente figura fig.10 mostra la maschera della tabella della petrografia dell'aggregato del calcestruzzo contenente l elenco dei vari tipi litologici utilizzabili per la descrizione petrografica dell aggregato usata nella confezione dei conglomerati cementizi della diga.

14 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 14/35 Fig.10 Tipi litologici per la descrizione della litologia degli aggregati usati nei conglomerati cementizi 3.6 Reports La sezione Reports fornisce la possibilità di effettuare vari tipi di ricerche nell archivio Si compone dei seguenti 3 bottoni (fig.5): Ricerca diga (apertura della finestra della ricerca delle dighe per argomento) Seleziona diga (apertura della finestra della ricerca delle dighe per nome) Ritorna Pannello principale

15 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 15/ Ricerca diga per argomento Fig.11 Videata di apertura per le ricerche Tramite la maschera della figura 12 è possibile effettuare la ricerca di una o più dighe partendo da uno o più parametri (indicati nella figura stessa) Fig. 12 Videata per la scelta dei parametri in base ai quali effettuare la ricerca.

16 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 16/35 In figura 6 è mostrato un esempio del tipo di restituzione delle informazioni fornite dal software, a seguito di una specifica ricerca nel database. Si può ottenere il riferimento di una o più dighe a partire sia da parametri di tipo geografico (es. Regione) che da parametri di caratterizzazione dei materiali. Questa è una funzione particolarmente utile in quanto è possibile effettuare una ricerca mirata tra le dighe conoscendo anche uno solo dei parametri riportati in fig Seleziona diga per nome. All apertura della finestra di fig. 13 viene visualizzata la lista di tutte le dighe contemplate nell archivio. Se non si effettua alcuna selezione si ottiene la scheda di fig. 6 per tutte le dighe. Se invece si seleziona una diga si ottiene la scheda di fig. 6 per quella selezionata. Fig. 13 Videata per la scelta della o delle dighe in base a cui effettuare la ricerca.

17 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 17/35 Fig.14 Schema del tipo di restituzione delle informazioni richieste attraverso una ricerca nel database

18 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 18/35 4 DESCRIZIONE DEI TIPI LITOLOGICI INSERITI NELLA FINESTRA GEOLOGIA E PETROGRAFIA AGGREGATO. Nella tabella seguente sono inseriti l insieme di tutti i tipi litologici che compaiono nelle finestre Geologia e Petrografia Aggregato. Per ogni tipo litologico si è fatta una descrizione e si sono elencati i principali componenti mineralogici. Infine si sono elencati i componenti mineralogici potenzialmente reattivi agli alcali nei conglomerati cementizi, con riferimento alla reazione alcaliaggregati silicei.

19 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 19/35 Tipo Litologico Definizione Componenti mineralogici Componenti potenzialmente reattivi. Andesite Roccia vulcanica costituita da una massa di fondo indistinta dove sono immersi grossi cristalli. Plagioclasio, biotite, quarzo, orneblenda, pirosseno, vetro. Massa di fondo indistinta. anfibolite Roccia metamorfica regionale Anfiboli e plagioclasi, epidoto, quarzo, diopside, granato, biotite e muscovite. ardesia Roccia argillosa debolmente metamorfosata suddivisibile in lastre. arenaria Roccia sedimentaria costituita da un cemento che lega granuli minori di 2 mm. Sericite, clorite, quarzo, calcite Il cemento è solitamente di tipo calcitico, dolomitico o siliceo ( quarzo, opale, calcedonio). I granuli sono frammenti di roccia, quarzo, feldspati, mica, calcite ecc. Vetro, quarzo stressato, vene di opale e calcedonio Quarzo stressato. Vene di opale e calcedonio. Quarzo stressato. Quarzo stressato, opale, calcedonio argilla Roccia sedimentaria costituita da Minerali argillosi (caolino, Quarzo stressato, sedimenti plastici contenenti illite, montmorilloniti ecc.) opale, calcedonio. acqua. e frammenti detritici. argillite Roccia argillosa sedimentaria Minerali argillosi (caolino, Quarzo stressato litificata che ha perso le illite, montmorilloniti ecc.) proprietà plastiche per con quarzo, feldspati, ricristallizzazione di molti carbonati, miche. minerali. basalto Roccia effusiva basica a struttura I componenti essenziali Vetro, quarzo spesso microcristallina. sono plagioclasio, stressato, vene di pirosseno, minerali ferrosi, opale e calcedonio apatite, quarzo, vetro. Calcare Roccia sedimentaria a tessitura Costituito quasi Quarzo finemente compatta. completamente da disseminato carbonato di calcio. Presenti anche ematite, limonite, quarzo ecc. Calcare selcifero Roccia sedimentaria a tessitura Costituito quasi Quarzo finemente compatta. completamente da disseminato, selce carbonato di calcio. Presenti anche ematite, limonite, pigmenti carboniosi, quarzo ecc. In questi calcari si ritrovano lenti di selce di vario colore che in genere rappresentano fino al 5% della

20 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 20/35 composizione della roccia. Calcare marnoso Roccia sedimentaria a tessitura Roccia in cui il carbonato compatta. di calcio è associato in varie proporzione all argilla (sempre in misura maggiore del 5%). Calcare Roccia sedimentaria a tessitura Roccia in cui il carbonato dolomitico compatta. di calcio è associato a dolomite. Calcescisto Roccia metamorfica regionale Costituito da calcite e mica in prevalenza, ma anche clorite, quarzo, epidoti, grafite, ilmenite, albite. Calcefiro Roccia metamorfica di contatto Costituito da calcite, granato, plagioclasio, scapolite e altri minerali in tracce. Conglomerato Roccia sedimentaria costituita da Il cemento è solitamente un cemento che lega granuli di calcareo-argilloso mentre i dimensione maggiore di 2 mm. granuli sono litologicamente diversi. Deposito Sedimento sciolto costituito alluvionale da particelle di dimensioni diverse che si è accumulato meccanicamente per trasporto. Litologicamente eterogeneo. Detrito Materiale incoerente accumulato dalla gravità granulometricamente e litologicamente eterogeneo. Quarzo finemente disseminato Quarzo finemente disseminato Quarzo stressato Quarzo stressato Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio. Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio. Diabase Roccia magmatica subvulcanica. E costituita da plagioclasio, pirosseno ed anche da olivina, orneblenda, apatite, calcite e talora vetro oltre ad altri minerali. Diorite Roccia magmatica intrusiva Costituita da plagioclasio, pirosseni, anfiboli ma anche da quarzo, biotite ed altri minerali. Dolomia Roccia sedimentaria Costituite per la massima parte da dolomite ma anche calcite, tracce di quarzo e argilla. Fillade Roccia metamorfica regionale Costituita da quarzo, mica e clorite ma anche da albite, apatite ed altri minerali in Vetro Quarzo stressato, opale e calcedonio in vena. Selce, disseminato Quarzo stressato quarzo

21 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 21/35 tracce. Flysch Roccia sedimentaria Associazione di sedimenti clastici granulometricamente classati verticalmente. Dal basso verso l alto ghiaia, sabbia, silt e argilla. Flysch calcareo Roccia sedimentaria Come il flysch ma con alto contenuto in calcare. Gneiss Roccia metamorfica regionale Costituita da feldspato, quarzo, mica, anfiboli, epidoti, apatite, tormalina ed altri minerali. Granito Roccia magmatica intrusiva Costituita da quarzo, feldspati potassici, plagioclasi, biotite e più raramente muscovite, pirosseni, anfiboli e granati. Granodiorite Roccia magmatica intrusiva Stessa composizione dei graniti ma con meno feldspato potassico e più plagioclasio. Grovacche Rocce sedimentarie costituite da cemento che lega granuli minori di 2 mm. Assomigliano ad arenarie. Sono ricche di quarzo, feldspati, miche e frammenti di rocce. Il cemento è argilloso o siltoso. Quarzo selce, opale. stressato, calcedonio, Quarzo stressato, selce, opale, calcedonio Quarzo stressato, quarzo disseminato, vene di opale e calcedonio Quarzo stressato, vene di opale o calcedonio. Quarzo stressato, vene di opale o calcedonio. Quarzo stressato, opale, calcedonio Hornfels Roccia metamorfica Costituita da andalusite, Quarzo stressato, cordierite, sillimanite, vetro biotite, feldspato potassico, plagioclasio ed altri minerali in tracce. Kinzigite Rocce metamorfiche di alto Costituite da granati, Quarzo stressato grado sillimanite, cordierite, biotite oltre a quarzo e feldspati. Marmo Roccia metamorfica Costituita essenzialmente Selce, quarzo da calcite; talora sono stressato presenti altri minerali anche se solo in tracce ( grafite, pirite, dolomite, quarzo, mica) Marna Roccia sedimentaria a grana Mescolanza di minerali Quarzo stressato, finissima delle argille con quarzo, calcedonio, opale feldspati, carbonati, miche. Micascisto Roccia metamorfica regionale I componenti essenziali Quarzo stressato sono quarzo e mica.

22 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 22/35 Clorite, apatite ed altri in tracce. Morena Materiale incoerente accumulato da un ghiacciaio granulometricamente e litologicamente eterogeneo. Milonite Roccia metamorfica La composizione è variabile secondo il tipo litologico di origine. Pietre verdi Rocce metamorfiche a tessitura Plagioclasio, pirosseno, scistosa vetro, serpentino, clorite, attinolite, albite, epidoto, quarzo, anfibolo, plagioclasio. Porfido Roccia magmatica In una massa di fondo subvulcanica/effusiva microgranulare sono annegati grossi cristalli di feldspato potassico, plagioclasio, quarzo ed altri minerali in tracce Quarzite Roccia metamorfica I componenti essenziali sono quarzo ma sono anche presenti mica, feldspato, granato, grafite, ecc. Roccia ardesiaca Vedi ardesia Riolite Roccia magmatica effusiva I componenti essenziali sono il quarzo, feldspato potassico ma anche il vetro, la biotite, l albite, la tridimite e la cristobalite. Roccia silicea Roccia con alto contenuto di minerali di silice (quarzo, silice ecc) Sabbia Sabbia silicea Scisti Roccia sedimentaria sciolta con granuli aventi dimensioni inferiori di 2mm. Roccia sedimentaria sciolta con granuli aventi dimensioni inferiori di 2mm. Rocce metamorfiche a tessitura scistosa I componenti principali sono il quarzo, i feldspati, le miche e i frammenti di roccia ma anche altri minerali di tipo diverso. Come la sabbia ma con alto contenuto di quarzo. I componenti principali sono le miche, anfiboli, pirosseni, granati, feldspati, quarzo ed altri silicati. Serpentina Roccia metamorfica regionale Oltre al serpentino che è il componente principale si ritrova la magnetite, il Quarzo selce, opale. stressato, calcedonio, Quarzo stressato Vetro, stressato Quarzo vetro, tridimite. quarzo stressato, cristobalite, Quarzo stressato, quarzo diffuso. Quarzo, tridimite, cristobalite, vetro, vene di opale e calcedonio. Quarzo stressato Quarzo stressato, selce, opale e calcedonio. Quarzo stressato, selce, opale e calcedonio Quarzo stressato, vene di opale e calcedonio.

23 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 23/35 talco, la magnesite, la dolomite, la clorite. Sienite Roccia magmatica intrusiva I componenti essenziali sono il feldspato potassico, il plagioclasio, e gli anfiboli. Si ritrovano anche quarzo, biotite, pirosseno ecc. Siltite Rocce sedimentarie I costituenti principali sono quarzo, minerali argillosi, miche ed altri silicati. Tonalite Roccia magmatica intrusiva Plagioclasio, quarzo, orneblenda, biotite ed anche ortoclasio, apatite, titanite, pirosseno. Trachite Roccia magmatica effusiva a Felspato potassico, struttura porfirica plagioclasi, biotite ma anche anfiboli, pirosseni, vetri ecc. Tufo Roccia piroclastica Augite, plagioclasio, olivina, frammenti di lava, vetro, zeoliti. Opale e calcedonio in vene. Quarzo stressato, selce, opale e calcedonio. Quarzo stressato, vene di opale e calcedonio. Vetro, vene di opale e calcedonio. Vetro, quarzo stressato, quarzo disseminato, vene di opale e calcedonio.

24 Rapporto SFR Servizi industria, Usi finali, Rinnovabili Approvato Pag. 24/35 5 DESCRIZIONE DEI TIPI DI PROVE INSERITI NELLA FINESTRA INDAGINI DIAGNOSTICHE Le indagini diagnostiche si riferiscono al conglomerato cementizio delle dighe e possono riguardare sia la componente litica (aggregato) che quella cementizia (pasta o malta di cemento). Nel seguito vengono sinteticamente descritte quelle più comunemente eseguite e di cui si può riscontrare traccia tra la documentazione delle varie dighe 5.1 Osservazione su sezione sottile E un indagine che si effettua su una lamina di roccia per mezzo di un microscopio polarizzatore a luce trasmessa. La lamina di roccia è una pellicola di 6-8 cm 2 avente uno spessore di circa 30 micron che viene incollata su un vetrino. Tale spessore fa si che la roccia diventi trasparente permettendo l indagine al microscopio. Si usano ingrandimenti da 20-30x fino a 500x. Per mezzo di questa indagine si può risalire alla natura dei minerali costituenti le rocce ed alle loro caratteristiche morfologiche. Questa analisi è la più usata perché a fronte di costi relativamente bassi permette di ottenere un ottima definizione della roccia in esame. Con questa analisi non è però possibile definire minerali che hanno dimensioni molto piccole e i minerali metallici. 5.2 Osservazione allo stereomicroscopio Con questo tipo di microscopio è possibile visionare i campioni senza alcuna preparazione preventiva. E uno strumento che consente una visione tridimensionale e ingrandita del materiale in esame. Tale prova consente di dare una definizione sommaria del campione in esame e della sua struttura. Lo strumento consente ingrandimenti bassi e dunque moltissimi particolari non sono definibili. 5.3 Osservazione con il SEM (microscopio elettronico a scansione) E una indagine molto costosa sia per la strumentazione che per la preparazione dei campioni. Attraverso le osservazioni con il microscopio a scansione elettronico, eventualmente integrato da una microsonda per l identificazione degli elementi chimici, si riesce a definire sia la struttura che il chimismo dei singoli costituenti mineralogici della roccia. Si può arrivare ad altissimi ingrandimenti. 5.4 Analisi con lo spettrofotometro a raggi infrarossi (IR) Serve per poter determinare in modo preciso il contenuto percentuale dei diversi costituenti mineralogici dei campioni in esame. 5.5 Analisi per diffratometria ai raggi x (XRD) Con questa analisi si possono individuare minerali che essendo piccolissimi non sono definibili in altro modo. Si va ad indagare la struttura cristallina dei singoli minerali ed è soprattutto usato per l individuazione dei minerali argillosi.

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

TRAVERTINI SCALA DI MOHS

TRAVERTINI SCALA DI MOHS La nomenclatura commerciale dei lapidei: Per tradizione 4 categorie, codificate dalla norma UNI 8458/1983 MARMI PIETRE GRANITI TRAVERTINI materiali lucidabili materiali NON lucidabili La linea di demarcazione

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm

file://d:\fesn\sito FESN\Didattica\Rocce\rocce.htm Pagina 1 di 7 LE ROCCE The rocks Premessa Rocce dell'austria Classificazione delle Rocce Rocce del Friuli Venezia Giulia Rocce sedimentarie Codice Iagine di roccia Classe Grana / Forma Principali minerali

Dettagli

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche

La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche La diagnostica mineralogico petrografica nello studio delle malte antiche Fabio Fratini Malte antiche e malte da restauro: leganti, aggregati, impasti Aosta 14 dicembre 2007 Fabio Fratini CNR-ICVBC Firenze

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO ATTIVITA PRELIMINARI GRUPPO DI LAVORO Dott. Pietro COMBA Istituto Superiore di Sanità Cap. Pietro DELLA PORTA Carabinieri

Dettagli

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani

CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE. Vincenzino Siani CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani ricevuto il 15 giugno 2007 CICLO GEOLOGICO E CIBO LA CROSTA TERRESTRE E LE ROCCE Vincenzino Siani La crosta terrestre è la parte più

Dettagli

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente

Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente Il calcestruzzo Il calcestruzzo è un conglomerato formato da cemento, acqua e aggregati (ghiaia, pietrisco, sabbia). E il materiale da costruzione più largamente impiegato nel mondo. Costi calcestruzzo

Dettagli

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre

Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Le rocce ignee: prodotto del magma terrestre Introduzione: che cos è una roccia ignea? Le rocce ignee sono molto varie. Alcune contengono dei cristalli abbastanza grandi. Altre contengono cristalli così

Dettagli

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi

Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Capitolo 3 I minerali delle rocce: riconoscimento, proprietà tecniche, utilizzi Minerali: sostanze naturali, solide, con una composizione chimica definita ed una struttura cristallina (impalcatura di ioni

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Assemblea dei Delegati di Coopersalute

Assemblea dei Delegati di Coopersalute Assemblea dei Delegati di Coopersalute Firenze, 21 giugno 2010 Villa Vittoria Firenze Fiera TOTALE ISCRITTI febbraio 2010 54.568 ISCRITTI ISCRITTI in percentuale suddivisi per regione di residenza febbraio

Dettagli

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO

RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO RAPPORTO SULLE DIFESE ANTICRIMINE DEL SETTORE BANCARIO NEL 2010 E vietata la riproduzione anche parziale senza l autorizzazione di OSSIF 1 INDICE PREMESSA... 3 Capitolo 1... 4 Impianti e caratteristiche...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

Censimento delle strutture per anziani in Italia

Censimento delle strutture per anziani in Italia Cod. ISTAT INT 00046 AREA: Amministrazioni pubbliche e servizi sociali Settore di interesse: Assistenza e previdenza Censimento delle strutture per anziani in Italia Titolare: Dipartimento per le Politiche

Dettagli

Numero di graduatorie 2013

Numero di graduatorie 2013 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL ACCORDO DEL 22 MAGGIO 2013) 132

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO PROT. N. 10181 13.06.2006 CERTIFICATO N. 46/08/2006 DETERMINAZIONI FISICO MECCANICHE SU UN CAMPIONE DI MATERIALE LAPIDEO DENOMINATO QUARZITE DI BARGE PROVENIENTE DALLA CAVA PIAN MARTINO SITA NEL COMUNE

Dettagli

ABRUZZO Franca Ceci Secondo grado L'Aquila AQ cecifranca@tiscali.it

ABRUZZO Franca Ceci Secondo grado L'Aquila AQ cecifranca@tiscali.it ABRUZZO Franca Ceci Secondo grado L'Aquila AQ cecifranca@tiscali.it BASILICATA Donato Di Taranto Secondo grado d.ditaranto@tin.it Adele Vitelli Elementari Istituto Comprensivo "Padre Pio da Pietrelcina"

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Presentazione Il Rapporto nazionale sugli alunni con cittadinanza non italiana, realizzato anche quest anno dalla Direzione Generale per lo Studente insieme alla Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %)

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %) Roma, 6 novembre 2015 MERCATO AUTOVEICOLI ACI: RALLENTA AD OTTOBRE IL MERCATO DELLE AUTO USATE MENTRE PER I MOTOCICLI SI REGISTRA UN CALO DEL 9% Rallenta, ma non si ferma, nel mese di ottobre il trend

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE AUTO IL COSTO MEDIO, LA FREQUENZA SINISTRI E IL RAPPORTO SINISTRI A PREMI La misura complessiva della sinistrosità del ramo r.c. auto deve essere analizzata

Dettagli

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI

ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI ANALISI CHIMICA DELLA CERAMICA, DELLE MALTE e DEGLI INTONACI In questa sede verranno esaminati 11 campioni provenienti dallo scavo archeologico del Mastio e della Chiesa nell sito di Castel Pagano Apricena,

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Roma, Uff.IX Prot.n. 22107. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale. A tutti i Ministeri - Gabinetto

Roma, Uff.IX Prot.n. 22107. Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale. A tutti i Ministeri - Gabinetto Roma, Uff.IX Prot.n. 22107 Alla Presidenza del Consiglio dei ministri Segretariato generale A tutti i Ministeri - Gabinetto Agli Uffici centrali di bilancio presso i ministeri Alle Ragionerie provinciali

Dettagli

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO

AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO DOCUMENTO TECNICO N 1/2009 AZIENDE E MATERIALI DEL DISTRETTO PREMESSA Con la costituzione del Coordinamento del Distretto del porfido e della pietra trentina si è attivato il coordinamento del settore

Dettagli

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%]

Contenuto di umidita. Calore specifico. c [kj/kgk] [%] Allegato A Proprietà termofisiche dei materiali da costruzione Materiale Massa Volumica ρ [kg/m 3 ] Calore specifico c [kj/kgk] Contenuto di umidita [%] Conduttività termica utile di calcolo λ [W/mK] Permeabilità

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

ESPOSIZIONE AD AMIANTO. Antonella Campopiano Dipartimento Igiene del Lavoro Laboratorio Polveri e Fibre

ESPOSIZIONE AD AMIANTO. Antonella Campopiano Dipartimento Igiene del Lavoro Laboratorio Polveri e Fibre ESPOSIZIONE AD AMIANTO Antonella Campopiano Dipartimento Igiene del Lavoro Laboratorio Polveri e Fibre Corriere della Sera 14/3/2008 Corriere della Sera 13/3/2008 Corriere della Sera 26/5/2008 La Stampa

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008 Attività Formativa 0 CORSI ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO NUMERO NUMERO 00 01 02 03 04 05 06 07 0 CORSI PARTECIPANTI IGIENE ALIMENTARE X X 2 37 RESPONSABILE SICUREZZA LAVORO X X 2 AREA

Dettagli

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali.

A causa della tecnica di stampa i colori delle riproduzioni dei rivestimenti per pavimenti possono variare rispetto a quelli reali. CLASSEN Gruppe Werner-von-Siemens-Straße 18 20 D-56759 Kaisersesch Tel.: +49 (0) 2653 9800 Fax: +49 (0) 2653 980299 Internet: www.classen.de E-Mail: info@classen.de A causa della tecnica di stampa i colori

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

DIGHE E uno sbarramento su un corso d acqua naturale che crea un invaso.

DIGHE E uno sbarramento su un corso d acqua naturale che crea un invaso. DIGHE E uno sbarramento su un corso d acqua naturale che crea un invaso. Diga di Ridracoli (FC) - h=103,5 m - Invaso circa 33 milioni di m 3 DIGHE IN ITALIA Il Registro Italiano Dighe provvede, ai fini

Dettagli

4. Altre azioni. 4.1. Effetti della temperatura ( 3.5)

4. Altre azioni. 4.1. Effetti della temperatura ( 3.5) P 4. Altre azioni La versione 2014 delle NTC introduce, come già visto in precedenza, alcune novità a livello di azioni da considerare nella progettazione strutturale. In particolare son trattate in modo

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero.

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 24 ottobre 2011

Dettagli

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito).

LE ROCCE. ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura. Rocce eterogenee: costituite da più specie di minerali (es. granito). LE ROCCE ROCCIA: aggregato naturale di minerali di diversa natura Rocce omogenee: costituite da un solo tipo di minerale (es. roccia gessosa, roccia calcarea, salgemma). Rocce eterogenee: costituite da

Dettagli

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011)

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) NB: Si richiede di rispondere alle domande presenti nelle diverse sezioni del questionario facendo riferimento all impresa

Dettagli

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia.

Menzione speciale alla Toscana, la sola regione italiana a sfruttare la geotermia. Fondazione Impresa Via Torre Belfredo 81/e 30174 Mestre Venezia + 39 340 2388841 info@fondazioneimpresa.it www.fondazioneimpresa.it CAMPANIA, SARDEGNA E BASILICATA: I MIGLIORI MIX DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA

LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA LA FRAZIONE SOLIDA INORGANICA ROCCE MINERALI Classe Alogenuri Solfati Solfuri Ossidi ed idrossidi (Al, Fe, Mn, Ti) Carbonati Nitrati Fosfati Silicati (fillosilicati) Minerale Cloruro di sodio Gesso Pirite

Dettagli

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico.

Parte II. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta. Classificazione delle Rocce Metamorfiche. protolito). metamorfico. Metamorfismo e Deformazione: Evoluzione della Crosta Parte II Classificazione delle Rocce Metamorfiche Il nome di una roccia metamorfica in genere si basa sul quello che la roccia era prima di essere metamorfosata

Dettagli

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI

INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI INTRODUZIONE SCHEDE RACCOLTA DATI PER LA QUALIFICAZIONE SPEDITIVA DEI MATERIALI Il presente documento contiene due schede (e relativi allegati e istruzioni) predisposte per un "rilievo a vista" dei materiali

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE

I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE I MINERALI DELLA CROSTA TERRESTRE Sono solidi cristallini, di origine inorganica, caratterizzati da una precisa formula chimica. Una sostanza è un minerale se: si presenta come solido cristallino, cioè

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per il Personale scolastico Decreto del direttore generale per il personale scolastico n. 82 del 24 settembre 2012: indizione dei concorsi a posti e cattedre, per titoli ed esami, finalizzati al reclutamento del personale docente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato

>> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato >> Fotovoltaico: situazione attuale e prospettive delletecnologiee del mercato IMPIANTI FOTOVOLTAICI Tecnologie attuali e nuovi modelli Bari 11 Dicembre 2007 ore 15,30 1 >> Fotovoltaico: situazione attuale

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano

Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori. Alfonso Damiano Il Laboratorio Fotovoltaico: Attività Svolte e Agenda dei Lavori Alfonso Damiano 1 Sommario Analisi di Contesto Descrizione delle Attività Svolte Descrizione delle Attività in Itinere 2 Gli obiettivi comunitari

Dettagli

L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna

L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna L andamento del mercato dei contratti pubblici in Sardegna Cagliari, 18 novembre 2014 Annalisa Giachi Promo PA Fondazione 1 I temi di oggi 1. Il quadro complessivo della spesa pubblica in Sardegna nel

Dettagli

01 ottobre 2012 Boiacche da iniezione per il consolidamento di murature e intonaci anche affrescati

01 ottobre 2012 Boiacche da iniezione per il consolidamento di murature e intonaci anche affrescati Materiali innovativi per il restauro. La ricerca scientifica alla base dell innovazione dei prodotti per il recupero e la conservazione e manutenzione di edifici monumentali 01 ottobre 2012 Boiacche da

Dettagli

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*)

TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) TAB 7.12 Numero di brevetti europei pubblicati dall'epo (European Patent Office) Valori pro capite per milione di abitanti (*) Regioni e province 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 ABRUZZO 15,07 19,62

Dettagli

MIX DESIGN. b) Esigenze esecutive (lavorabilità, organizzazione del cantiere, modalità di getto, ecc;

MIX DESIGN. b) Esigenze esecutive (lavorabilità, organizzazione del cantiere, modalità di getto, ecc; MIX DESIGN PROCEDIMENTO PER IL CALCOLO DELLA COMPOSIZIONE DEL CLS IN TERMINI DI QUANTITA DI CEMENTO, DI ACQUA, E DI INERTI (SABBIA, GHIAIA, GHIAINO, ETC) PER m 3 CI CLS, A PARTIRE DA: a) Proprietà ingegneristiche

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per l'istruzione Direzione Generale per il Personale Scolastico TABELLA "A" Dotazioni organiche regionali COMPLESSIVE - anno scolastico 2014-2015 a.s. 2011/12 a.s. 2012/13 a.s. 2014/15 rispetto a.s. 2011/12 a b c d e=d-a Abruzzo 5.195 5.124 5.119 5.118-77 Basilicata

Dettagli

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.

MARZO. Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris. 2015 MARZO Quaeris srl Piazza Italia, 13/d - 31030 Breda di Piave TV Tel 0422 600826 - Fax 0422 600907 www.quaeris.it - info@quaeris.it L opinione degli italiani: L UTILIZZO DEL TRASPORTO PUBBLICO IL CAMPIONE

Dettagli

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani

Relatore: Prof. Luigi Carmignani. Tesi di Laurea di: Virginia Strati. Correlatore: Dr. Fabio Mantovani UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Geologiche Analisi del contenuto di radioattività delle principali

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città.

PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città. PORFIDO TRENTINO E PIETRE DA COSTRUZIONE Porfidi e pietre naturali per valorizzare la vostra città. PAVIMENTAZIONI E RIVESTIMENTI ESTERNI Lavorazioni in pietra per tutte le vostre esigenze. PORFIDO TRENTINO

Dettagli

Il consumo di suolo in Italia e in Abruzzo Fonte Dati: rapporto Ispra 2015)

Il consumo di suolo in Italia e in Abruzzo Fonte Dati: rapporto Ispra 2015) Il consumo di suolo in Italia e in Abruzzo Fonte Dati: rapporto Ispra 2015) Per consumo del suolo si intende qualunque fenomeno associato alla perdita di una risorsa ambientale fondamentale che originariamente

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

CAPITOLO 3 MONITORAGGIO DI SPECIFICI FLUSSI DI RIFIUTI

CAPITOLO 3 MONITORAGGIO DI SPECIFICI FLUSSI DI RIFIUTI CAPITOLO 3 - MONITORAGGIO DI SPECIFICI FLUSSI DI RIFIUTI 3.1 RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO 3.1.1 Introduzione In questo paragrafo sono illustrati i dati relativi ai rifiuti contenenti amianto per il triennio

Dettagli

Struttura interna della terra

Struttura interna della terra Struttura interna della terra Silicati di alluminio ferro e magnesio Silicati di ferro e magnesio Ferro e nichel 2 Crosta continentale Silicati di alluminio Rocce leggere Basalti di ferro e magnesio Rocce

Dettagli

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità.

Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Breve compendio delle ceramiche esistenti e delle loro qualità. Materiale sintetico parzialmente o totalmente cristallino solido, inorganico, non metallico, formato a freddo e consolidato per trattamento

Dettagli

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE

Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 18/03/2015 ADS/Prot.n. 01924 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

Manuale di istruzioni sull utilizzo delle maschere per l acquisizione delle risposte degli allievi delle classi campione

Manuale di istruzioni sull utilizzo delle maschere per l acquisizione delle risposte degli allievi delle classi campione Manuale di istruzioni sull utilizzo delle maschere per l acquisizione delle risposte degli allievi delle classi campione MANUALE PER L UTILIZZO DELLA MASCHERA ESEMPIO Servizio nazionale di valutazione

Dettagli

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE

RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE PROGETTO CLUSTER: RADIOATTIVITÁ NEI MATERIALI DA COSTRUZIONE Piano di lavoro Soggetto attuatore: Sardegna Ricerche Sede locale Sulcis Iglesiente Soggetto esecutore: Dipartimenti di Fisica Università degli

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica

Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Progetto e verifica delle costruzioni in muratura in zona sismica Secondo la Normativa sismica (OPCM) n. 3274 del 20/03/2003 Franco Iacobelli Ecco uno strumento operativo per la progettazione e il calcolo

Dettagli

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs.

Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. PROPRIETA FISICHE DEI MINERALI Densità g/cm 3 Durezza è la resistenza che ha un minerale nell'opporsi alla scalfittura. utilizzata la scala di Mohs. Sfaldatura: proprietà di rompersi più facilmente lungo

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

PRESENTAZIONE (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA

PRESENTAZIONE (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA PRESENTAZIONE Servizio Affissioni Classiche Piccoli Formati 70x100 e 100x140 sui tabelloni (EFFETTUABILE DA 30 GG PRIMA DEL VOTO) in tutta ITALIA Agenzia Leader in Italia SQUADRE DI ATTACCHINI PRONTE OVUNQUE

Dettagli

Il ruolo dei laboratori DI PROVA

Il ruolo dei laboratori DI PROVA Le certificazioni dei materiali da costruzione Il ruolo dei laboratori DI PROVA Vincenzo Venturi * Ancora sullo sfondo del convegno catanese Nuove norme per costruire, accendiamo i riflettori sulla certificazione

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI

GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI GIOCHI NUMERO CONCESSIONI/AUTORIZZAZIONI Famiglia gioco Numero Concessioni GIOCHI A BASE SPORTIVA E IPPICA 398 CONCESSIONI GIOCO ON LINE (GAD) 144 GIOCHI NUMERICI A TOTALIZZATORE 1 LOTTO E LOTTERIE 1 BINGO

Dettagli

COMUNE DI PRATO - PROGETTO ESECUTIVO -

COMUNE DI PRATO - PROGETTO ESECUTIVO - COMUNE DI PRATO Servizio Ambiente e Qualità dei Luoghi di Lavoro Via Manassei, 23-59100 PRATO Responsabile della ricerca: PROF. ARCH. GIUSEPPE A. CENTAURO Gruppo di ricerca: DOTT. ARCH. ROBERTO TAZIOLI

Dettagli

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009 Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio Nota autofinanziamento Radicali Italiani febbraio 1 I SOSTENITORI DI RADICALI ITALIANI Nelle pagine seguenti verranno analizzate le caratteristiche

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria.

64 I.T.S. Lombardia 7 Veneto Piemonte. Emilia Romagna Liguria. Toscana. Marche 3. Abruzzo Lazio 4. Molise 1. Basilicata. Sardegna. Calabria. Lombardia 7 Veneto Piemonte 6 3 Emilia Romagna Liguria 4 Toscana 3 7 Umbria Friuli V. Giulia Marche 3 Abruzzo Lazio 4 7 Molise 64 I.T.S. 3 Sardegna 3 Basilicata Calabria 4 Sicilia 5 Gli ITS in Abruzzo

Dettagli

Weekend PASS in breve

Weekend PASS in breve Weekend PASS in breve è un prodotto promo/incentivazionale presente sul mercato italiano da quasi 10 anni, utilizzato da importanti aziende per fidelizzare e gratificare i propri clienti. è un voucher

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE CAVE (L.R. 3/11/1998 n. 78, art. 26, D.G.R. n. 106 del 16.2.2004 e D.D. n. 1894 del 6.4.2004) Seduta del 15 maggio 2007

NUCLEO DI VALUTAZIONE CAVE (L.R. 3/11/1998 n. 78, art. 26, D.G.R. n. 106 del 16.2.2004 e D.D. n. 1894 del 6.4.2004) Seduta del 15 maggio 2007 (Allegato A) NUCLEO DI VALUTAZIONE CAVE (L.R. 3/11/1998 n. 78, art. 26, D.G.R. n. 106 del 16.2.2004 e D.D. n. 1894 del 6.4.2004) Seduta del 15 maggio 2007 Oggetto: L.R. 3/11/1998, n. 78, art. 15, comma

Dettagli

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014

La storia. Gennaio 2015. Novembre Dicembre 2014 La storia Lettera Presidente Renzi; 1650 Comuni segnalano oltre 3300 richieste. (insieme eterogeneo) Incarico a DIPE per inizio istruttoria sui finanziamenti del DL DPCM 28/10 su allentamento Patto di

Dettagli

Weekend PASS in breve

Weekend PASS in breve Weekend PASS in breve è un prodotto promo/incentivazionale presente sul mercato italiano da quasi 10 anni, utilizzato da importanti aziende per fidelizzare e gratificare i propri clienti. è un voucher

Dettagli

Test preliminari: candidati e ammessi per regione

Test preliminari: candidati e ammessi per regione Test preliminari: candidati e ammessi per regione A013 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE LOMBARDIA 182 101 TRENTINO ALTO-ADIGE 51 32 VENETO 126 76 LIGURIA 54 36 EMILIA ROMAGNA 110 67 TOSCANA 158 101 UMBRIA

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Frosinone

Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Frosinone Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Frosinone Sommario Richiesta certificato di abilitazione...1 A chi indirizzare la richiesta...1

Dettagli

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione:

Le Malte. Nella tabella seguente i materiali leganti vengono elencati in base a questa definizione: Le Malte Dal punto di vista micro-strutturale una malta può considerarsi un materiale abbastanza simile ad una roccia sedimentaria clastica nella quale i clasti sono costituiti dai granuli (o dai singoli

Dettagli

Una unione del ferro e del conglomerato cementizio tale che i. esercitino una azione comune contro le forze esterne

Una unione del ferro e del conglomerato cementizio tale che i. esercitino una azione comune contro le forze esterne Hennebique brevetta "CEMENTO ARMATO" (1892) avvia la stagione della struttura in conglomerato armato che Morsch, a cavallo del secolo, definirà come "materiale in cui ai due componenti (il calcestruzzo

Dettagli

Progetto Network Scuola Impresa Telecom Italia 2014/2015

Progetto Network Scuola Impresa Telecom Italia 2014/2015 GRUPPO TELECOM ITALIA Progetto Network Scuola Impresa /2015 Formazione/Informazione Licei Scientifici, Classici e Istituti Tecnico Commerciali Introduzione Quando? A partire da Dicembre 2014 Per Chi? Per

Dettagli