Coordinamento generale Regione Piemonte Direzione Economia montana e Foreste Settore Politiche forestali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Coordinamento generale Regione Piemonte Direzione Economia montana e Foreste Settore Politiche forestali"

Transcript

1 Area forestale: Valle Strona, Cusio, Mottarone e Orta Piano Forestale Territoriale

2

3 Rilievi, cartografie tematiche e relazioni tecniche Gruppo di lavoro: Luciano Falcini (Coordinamento), Sandro Castelli, Enrico Tonezzer, Simonetta Mella, Paolo Pirocchi, Maurizio Toja, Luigi Gallina, Gian Mauro Mottini, Giuseppe Iuliano, Simona Ferutta, Luigi Faraone, Fabio Falcini Metodologia, assistenza tecnica, controllo I.P.L.A. S.p.A. Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente Settore Vegetazione e Fauna Settore Cartografia ed Informatica Settore Suolo Coordinamento generale Regione Piemonte Direzione Economia montana e Foreste Settore Politiche forestali Torino maggio 2004

4 INDICE 0. INTRODUZIONE 0.1. Presentazione - scopi 0.2. Incarico 0.3. Aspetti normativi e rapporti con altri strumenti di pianificazione 0.4. Sintesi della situazione colturale e delle prescrizioni contenute nel piano 0.5. Elaborati del piano - metodologia PARTE PRIMA: INQUADRAMENTO DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO 1. AMBIENTE FISICO 1.1. Ubicazione, estensione, confini, inquadramento amministrativo ed idrografico 1.2. Aspetti climatici Termometria Pluviometria Analisi climatica 1.3. Caratteri geologici, geomorfologici e pedologici Inquadramento territoriale Geologia Geomorfologia Pedologia 2. ASSETTO TERRITORIALE 2.1. Suddivisione del territorio in tipi di occupazione del suolo 2.2. Individuazione e caratterizzazione dei boschi secondo i tipi forestali: 2.3 composizione, governo, trattamento passato e attuale Acero Tiglio Frassineti Alneti planiziali e montani Querceti di rovere Castagneti Faggete

5 Boscaglie pioniere e d invasione Rimboschimenti Abetine Altre formazioni 2.3. Individuazione e descrizione delle Unità di Terre 2.4. Aspetti dell ambiente naturale Aree protette e di importanza naturalistica Riserva Naturale Speciale e SIC IT114000di Fondotoce SIC IT CAMPELLO MONTI Proposta di ampliamento dell area SIC: Area di importanza naturalistica vco Torbiera di Magognino 3. PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E ASPETTI SOCIO-ECONOMICI 3.1. Strumenti di Pianificazione territoriale esistenti (urbanistici comunale o sovracomunali, piani di sviluppo di Comunità Montana, piani paesistici, di aree protette, piani zonali di sviluppo agricolo, ecc.) 3.2. Vincoli territoriali esistenti, sviluppo urbanistico e tutela ambientale 3.3. Analisi demografica e principali attività socio-economiche aziende di utilizzazione e trasformazione presenti mercato dei prodotti Cenni storici sull uso delle risorse silvo-pastorali Consistenza e regime patrimoniale (aspetti catastali, proprietà pubbliche e private, usi civici, Servitù) PARTE SECONDA: DESTINAZIONI - OBIETTIVI SELVICOLTURALI 4. ASPETTI POLIFUNZIONALI DEGLI AMBIENTI FORESTALI E DELLE ZONE RURALI 4.1. Destinazioni e obiettivi selvicolturali Destinazione protettiva Destinazione naturalistica Destinazione produttivo-protettiva Destinazione produttiva Destinazione alla fruizione Cenosi in libera evoluzione

6 4.2. Problemi fitosanitari ed emergenze Incendi Danni meterorici, antropici, fenomeni di deperimento 4.3. Prodotti secondari del bosco mercato dei prodotti 4.4. Aspetti faunistici e venatori Zoocenosi delle zone umide Zoocenosi degli ambienti agricoli ad agricoltura estensiva Zoocenosi degli ambienti boschivi Zoocenosi delle zone aperte al di sopra del limite del bosco Segnalazione di specie rare Ungulati: aspetti biologici, ecologici, distribuzione e possibili danni al patrimonio forestale Istituti di protezione 5. COMPARTIMENTAZIONE DEI BOSCHI 5.1. Suddivisione in settori PARTE TERZA: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI 6. VALORIZZAZIONE MULTIFUNZIONALE DEL PATRIMONIO FORESTALE: INTERVENTI SELVICOLTURALI PREVISTI 6.1. Quadro generale degli interventi previsti Indirizzi generali Indirizzi di intervento nei cedui Indirizzi di intervento nei cedui composti Indirizzi di intervento nelle fustaie Indirizzi di intervento nei popolamenti di invasione Descrizione degli interventi 6.2. Prescrizioni gestionali per categoria La selvicoltura dei Castagneti La selvicoltura delle Faggete La selvicoltura degli Acero-tiglio-frassineti La selvicoltura delle Boscaglie rupestri e d invasione La selvicoltura dei Querceti di rovere

7 La selvicoltura degli Alneti montani La selvicoltura degli Alneti subalpini La selvicoltura dei Rimboschimenti La selvicoltura delle Abetine La selvicoltura dei Lariceti 6.3. Norme gestionali per gli interventi Istruzioni tecniche e amministrative delle PMPF 7. VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE RURALI, PASTORALI E DEGLI HABITAT 7.1. Valorizzazione degli ecosistemi Indirizzi per la conservazione degli habitat e delle specie di interesse comunitario 7.2. Il piano pastorale Considerazioni generali Analisi dello stato attuale Condizione e produttività dei pascoli Capi monticati Proposte di piano 8. FENOMENI DI DISSESTO, ASSETTO DELLE FASCE DEI CORSI D'ACQUA ED DI INTERVENTO 8.1. Aspetti generali e tipologie prevalenti del dissesto in riferimento alle UDT ed alle fasce dei corsi d'acqua 8.2. Opere di sistemazione esistenti e loro grado di efficienza e conservazione 8.3. Interventi previsti e priorità 9. VIABILITA SILVO-PASTORALE POLIFUNZIONALE SISTEMI DI ESBOSCO 9.1. Censimento della viabilità esistente Richiami metodologici Sviluppo e funzioni della rete viabile Regime di proprietà e regolamentazione Caratteristiche costruttive e stato di manutenzione Stabilità delle scarpate ed aspetti idrogeologici 9.2. Accessibilità e sistemi di esbosco

8 9.3. Proposte operative Indirizzi programmatici per il miglioramento delle rete stradale forestale Interventi sulla viabilità esistente Realizzazione di nuovi tracciati 9.4. Dati riepilogativi 10. PROTEZIONE DAGLI INCENDI La pericolosità degli incendi Pericolosità e gravità di incendio Approfondimento locale Servizio di estinzione Obiettivi ed interventi previsti dal piano AIB regionale Protezione dagli incendi: sintesi e proposte 11. QUADRO ECONOMICO ED ORGANIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI PREVISTI Quadro economico interventi forestali su proprietà pubblica Quadro economico interventi forestali su proprietà privata

9 0. INTRODUZIONE 0.1. Presentazione - scopi La legislazione che sta alla base della politica forestale attuale, deriva ancora dalla legge forestale nazionale (R.D.L. 3267/23), formulata in un periodo storico in cui massima era la concorrenza delle attività agricole e zootecniche nei confronti del bosco. All epoca la preoccupazione maggiore era il mantenimento della stabilità fisica-idraulica dei territori montani, ottenendo così l obiettivo di difendere anche gli insediamenti e le aree planiziali. La regolamentazione delle attività selvicolturali nelle proprietà pubbliche e private poggiava su un attiva e consolidata tradizione degli operatori del settore. Il bosco ceduo, inoltre, era parte integrante dell economia montana per cui era indispensabile, almeno in linea di principio, gestirlo in modo compatibile con la conservazione della risorsa. I tagli boschivi e l alpicoltura, erano, nella maggioranza dei casi, tra i pochi introiti dei bilanci comunali, perciò occupavano un ruolo di discreta importanza nell organizzazione amministrativa locale. Lo Stato, per tutelare il patrimonio silvo-pastorale pubblico dall eccessivo sfruttamento individuò nei Piani economici dei beni silvo-pastorali lo strumento principale per la gestione razionale dei boschi. Facile capire come tale strumento sia stato inizialmente osteggiato da parte dei Comuni che vedevano in esso un pesante vincolo alle attività economiche della montagna. La legislazione nazionale affidava quindi alle successive Prescrizioni di Massima di Polizia Forestale (PMPF) il compito di dettagliare, a livello provinciale, la normativa per i boschi non sottoposti a piano di assestamento. Purtroppo, anche questo strumento, concepito per fornire indirizzi normativi specifici, non ha seguito l evolversi dei mutamenti sopravvenuti e le Regioni che ancora non hanno provveduto ad una ridefinizione delle PMPF, si trovano a dover applicare una norma che non trova riscontro nella realtà attuale dell attività forestale. Nel 1979 il Piemonte ha elaborato le Norme integrative alla gestione del patrimonio forestale (L.R..n.57/ ), dove l articolo 1 recita testualmente: Al fine di garantire una razionale gestione del patrimonio forestale, la giunta regionale predispone il piano di assestamento regionale, componendolo attraverso piani stralcio riguardanti porzioni del territorio regionale. 1

10 A questo forte proposito di centralità di gestione tuttavia non è seguita l individuazione di un soggetto tecnico regionale per il coordinamento non solo delle procedure burocratiche ma anche dell effettiva applicazione degli interventi previsti. Quale ulteriore deterrente ad un'utilizzazione razionale delle risorse boscate si ha la mancanza di collegamento tra produzione legnosa e mercato. Alcune segherie sanno per esperienza distinguere le qualità tecnologiche del legname di diversa provenienza locale e sono disposti a remunerare in modo conveniente tali differenze ma, a parte questi casi, il resto dell imprenditoria di settore, specialmente se tratta volumi cospicui, preferisce approvvigionarsi all estero perché in tal modo è certa di poter contare su quantitativi e caratteristiche merceologiche costanti unitamente alla certezza e alla puntualità delle consegne. Occorre, inoltre, considerare che non essendovi la possibilità concreta o la convenienza ad eseguire gli interventi in base ad un progetto di taglio redatto da professionisti ed approvato dalle autorità competenti non vengono valorizzate le risorse professionali qualificate presenti in Piemonte a quasi vent anni di distanza dalla nascita della facoltà di Scienze forestali dell Università di Torino. Da questi presupposti, nel 1992 la Regione Piemonte ha deciso di affrontare organicamente il tema della gestione del patrimonio forestale partendo dall assunto che tutti i boschi, pubblici e privati, sottoposti o meno al vincolo idrogeologico, devono essere gestiti in modo razionale e polifunzionale, secondo le direttive di Piani forestali. Da qui discende la necessità di: conoscere le RISORSE forestali e le relative potenzialità, relazionare tali conoscenze con le condizioni AMBIENTALI, SOCIALI ed ECONOMICHE del territorio piemontese e con le aspettative degli operatori, individuare gli STRUMENTI GESTIONALI più idonei. Evidentemente, a monte di tutto ciò deve essere varato un impianto normativo adatto, il cui schema dovrebbe essere il seguente: TESTO UNICO DELLE LEGGI IN MATERIA FORESTALE DEFINIZIONE DELLE PROCEDURE AUTORIZZATIVE DEGLI INTERVENTI PRESCRIZIONI FORESTALI PER IL PIEMONTE PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE FORESTALE E PASCOLIVA 2

11 In attesa di una conclusione degli iter più lunghi e complessi relativi alla promulgazione di una nuova legge forestale e della conseguente revisione delle Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale. L attività di pianificazione, programmazione e gestione forestale, è stata articolata su tre livelli, strettamente interconnessi: Regionale: PIANO FORESTALE REGIONALE (PRF) Rappresenta il documento programmatico pluriennale della Regione, indicativamente di durata decennale, redatto sulla base dei dati (nel particolare l inventario forestale e le carte tematiche forestali) contenuti nel Sistema Informativo Forestale. Sarà periodicamente predisposto un PIANO FORESTALE REGIONALE (PFR) nel quale saranno individuati gli obiettivi settoriali da perseguire nell'arco di validità della programmazione ed i mezzi necessari per raggiungerli. Area Forestale: PIANO FORESTALE TERRITORIALE (PFT) La pianificazione operativa a livello sovracomunale è rappresentata dal PTF, documento predisposto per ciascuna delle 47 Aree Forestali, cioè ambiti omogenei subprovinciali in cui è stato suddiviso il territorio regionale. L'intero territorio regionale sarà così progressivamente interessato dalle pianificazioni. Soggetti incaricati della pianificazione saranno i Comuni definiti montani, parzialmente montani, collinari e parzialmente collinari sulla base della normativa vigente, per tramite delle Comunità Montane e le Unioni di Comuni o direttamente se non associati. La redazione delle diverse componenti del piano è affidata a professionisti forestali attraverso un disciplinare d incarico; l'onere della pianificazione è a carico dell'ente Regionale. Locale: PIANO FORESTALE AZIENDALE (PFA); Le singole proprietà pubbliche, private o consortili potranno dotarsi di piano particolareggiato denominato PFA. Il Piano Forestale Aziendale è affidato dalla proprietà a professionisti forestali i quali dovranno inquadrare l'elaborato nell'ambito delle destinazioni, obiettivi e prescrizioni contenuti nel Piano Territoriale di Area Forestale. I Piani di Gestione dovranno essere sottoposti a verifica sulla loro conformità con i PFT. 3

12 LIVELLI DI PIANIFICAZIONE E GESTIONE SILVO-PASTORALE REGIONALE Indagini ed elaborati per definire le linee generali di politica forestale, controllare l'evoluzione del bosco, ripartire le risorse economiche finanziarie disponibili, stimare la produzione e i servigi attuali e potenziali PIANO FORESTALE REGIONALE AREE FORESTALI Livello individuato per la pianificazione estesa all'intero patrimonio forestale piemontese, di proprietà pubblica e privata, finalizzato ad estrinsecare tutte le funzioni del bosco, evidenziando quelle localmente prevalenti PIANO FORESTALE TERRITORIALE per la valorizzazione polifunzionale del patrimonio forestale e pastorale LOCALE Indagini ed elaborati per la gestione degli interventi in una singola proprietà silvo-pastorale pubblica o privata o parte di essa PIANI FORESTALI AZIENDALI PROGETTI ES ECUTIV I DI INTERV ENT O 4

13 0.2. Incarico A seguito della selezione effettuata, l IPLA SpA ha conferito al gruppo di lavoro sottoindicato l incarico della redazione del Piano Forestale Territoriale dell Area Forestale n 21, coincidente con l ambito territoriale delle Comunità Montane Cusio Mottarone e Valle Strona e Basso Toce e del Comune di Belgirate. Dott. Agr. e For. Luciano Falcini Domodossola (VCO) Dott. For. Sandro Castelli - Trento Dott. For. Enrico Tonezzer - Trento Dott. For. Simonetta Mella Landiona (NO) Dott. in Scienze Naturali Paolo Pirocchi Domodossola (VCO) Dott. Geol. Maurizio Toja Gassino (TO) Dott. For. Luigi Gallina Rivalta (TO) Dott. Agr. Gian Mauro Mottini Domodossola (VCO) Dott. Agr. Giuseppe Iuliano - Ceresole d Alba (CN) Dott. For. Simona Ferutta Diano d Alba (CN) Luigi Faraone Domodossola (VCO) Fabio Falcini Domodossola (VCO) 5

14 0.3. Aspetti normativi e rapporti con altri strumenti di pianificazione Come tutte le Regioni italiane, il Piemonte ha recepito le funzioni in materia forestale trasferitegli dallo Stato con una serie di leggi che vengono di seguito richiamate. Con le L.R n. 17, n. 9, poi integrate e sostituite con la L.R. n. 72/95 (in applicazione della L.N. n. 97/94) sono state codificate le direttive per la costituzione, i compiti, il funzionamento delle Comunità Montane, nonché l'elaborazione dei Piani pluriennali di sviluppo economico-sociale (di durata quinquennale) che contemplano fra gli altri aspetti il settore forestale e pascolivo. Con la Legge n. 51 e la n. 10 (che apporta alcune modifiche a leggi precedenti), poi con la L.R n. 63 e la n. 70 (che la modifica), si programmano gli interventi in materia forestale, stabilendo agevolazioni per: - gestione associata delle foreste comunali attraverso gli uffici forestali di Comunità Montana, Comuni e Consorzi e Aziende - creazione di cooperative forestali - opere di migliorie boschive (rimboschimenti, diradamenti ecc.) - studi e indagini nel settore forestale. La pianificazione, la gestione ed il regime autorizzativo per gli interventi selvicolturali sono disciplinati dalla L.R n. 57, che stabilisce la redazione di un piano di assestamento regionale da costituirsi attraverso piani stralcio riguardanti porzioni di territorio. Ribadisce l'obbligo di redazione del piano di assestamento per i boschi appartenenti a Comuni e altri Enti, nonché facenti parte di aree protette; per queste ultime la Regione stessa se ne assume interamente l'onere finanziario. Le norme concernenti le zone sottoposte a vincolo idrogeologico sono codificati nella L.R n. 45, che dà una definizione legale di bosco e detta le procedure autorizzative inerenti le modificazioni del suolo. Gli interventi di sistemazione idraulico-forestale sono regolamentati dalle Leggi Regionali n. 54 e n. 36 (integrazione della precedente), che stabiliscono le competenze e i finanziamenti predisposti. Nel settore della difesa dagli incendi forestali interviene la L.R n. 13, integrata dalla n. 52, che promuove la propaganda per la prevenzione degli incendi, finanzia studi e ricerche sui mezzi di lotta e prevenzione e concede contributi per la ricostruzione dei beni boschivi danneggiati o distrutti dal fuoco ora sostituite dalla L.R. 16/95, che prevede tra 6

15 l altro il Piano regionale per la protezione dagli incendi. La Legge n. 7 istituisce i Servizi Forestali Regionali, unità organizzative operanti alle dipendenze della Giunta Regionale: questi servizi integrano la loro opera con quella del Corpo Forestale dello Stato, i cui compiti nell'ambito delle competenze regionali in materia di agricoltura e foreste sono regolati, in attesa di leggi statali in materia, da Convenzioni. I Parchi e riserve naturali vengono costituiti in base alla legge quadro n. 12 che sostituisce la prima norma risalente al 1975 "al fine di conservare, difendere e ripristinare il paesaggio e l'ambiente, di assicurare alla collettività e ai singoli il corretto uso del territorio per scopi ricreativi, culturali sociali, didattici e scientifici, e per la qualificazione e la valorizzazione delle attività agricole e delle economie locali". Le linee guida per la tutela dei beni culturali, ambientali e paesistici sono dettate dalla L.R. 3/4/89 n. 20 che, a proposito del patrimonio forestale e in applicazione della Legge Galasso (n. 431/85), estende l'applicazione delle Prescrizioni di massima e polizia forestale (P.M.P.F.) a tutti i boschi anche al di fuori delle zone sottoposte a vincolo idrogeologico. Di fronte ai profondi mutamenti socio-economici intervenuti nell economia montana e forestale in particolare, gli strumenti tecnico normativi tradizionali (P.M.P.F. e Piano d assestamento forestale) si dimostrano inadeguati per la gestione dei boschi. Nei fatti, la gestione dei boschi pubblici e privati, purtroppo discontinua e spesso limitata alle sole utilizzazioni, si è, fino ad oggi, articolata nei modi seguenti: per i boschi pubblici comunali e le proprietà di enti la gestione viene talora (raramente) effettuata tramite personale tecnico esterno (liberi professionisti) o con l'ausilio dei Settori forestali decentrati (per i miglioramenti boschivi). Più spesso è stato il Corpo Forestale dello Stato che, oltre ai compiti di controllo e polizia forestale, ha svolto anche compiti di stima ed assegno delle utilizzazioni; sul territorio piemontese, i soli comuni dell'alta Valle Susa hanno una gestione delegata ad un Consorzio Forestale pubblico, costituito nel 1954 per la gestione di oltre ha di boschi e pascoli; per le foreste regionali (ex proprietà demaniali), la gestione viene effettuata direttamente dalla Regione attraverso i propri Settori decentrati. per i boschi privati vigono Prescrizioni di massima di polizia forestale, purtroppo oggi spesso inadeguate per fornire indicazioni valide ed attuali a seguito dei mutamenti socioeconomici; i compiti di polizia sono affidati al Corpo Forestale dello Stato. 7

16 0.4. Sintesi della situazione colturale e delle prescrizioni contenute nel piano I comuni che costituiscono il territorio amministrativo dell Area Forestale n 21 Valli Strona, Cusio Mottarone, Orta sono. La loro estensione è stata desunta dalla cartografia prodotta e riportata nella tabella seguente: Superficie complessiva dei Comuni dell area forestale 21 (dati cartografici) Comune ha % Arola 657 2,4 Baveno ,3 Belgirate 850 3,1 Brovello Carpugnino 831 3,0 Casale Corte Cerro ,4 Cesara ,0 Germagno 288 1,0 Gignese ,3 Gravellona Toce ,3 Loreglia 924 3,3 Madonna del Sasso ,4 Massiola 812 2,9 Nonio ,7 Omegna ,2 Quarna Sopra ,2 Quarna Sotto ,9 Stresa ,7 Valstrona ,8 TOTALE ,0 Valstrona 18% Arola 2% Baveno 6% Belgirate 3% Brovello Carpugnino 3% Casale Corte Cerro 4% Cesara 4% Stresa 12% Quarna Sotto 5% Germagno 1% Gignese 5% Quarna Sopra 4% Omegna 11% Loreglia 3% Gravellona Toce 5% Nonio 4% Massiola 3% Madonna del Sasso 5% 8

17 I dati che seguono sono stati desunti dalla cartografia delle occupazioni del suolo redatta su supporto GIS da fotointerpretazione e da rilievi di campagna. Distribuzione degli usi del suolo nell area forestale 21 (dati cartografici) CATEGORIA ha % Acque 372,0 1,3 Rocce, macereti 488,9 1,8 Greti 18,3 0,1 Aree estrattive 79,2 0,3 Aree urbanizzate 2.385,9 8,6 Aree verdi di pertinenza 325,8 1,2 Aree agricole 2.836,0 10,3 Sup. pastorale 3.543,7 12,8 Torbiere 7,5 0,0 Sup. forestale ,7 63,6 TOTALI ,0 100,0 Distribuzione delle categorie forestali nell area forestale 21 (dati cartografici) categorie ha % Abetine 195,3 1,1 Acero-tiglio-frassineti 1896,1 10,8 Alneti montani 37,4 0,2 Boscaglie pioniere e d'invasione 2016,0 11,5 Castagneti 5854,8 33,3 Cerrete 3,5 0,0 Faggete 6301,5 35,8 Lariceti 21,9 0,1 Alneti subalpini 640,4 3,6 Querceti di rovere 20,7 0,1 Rimboschimenti 601,1 3,4 totale 17588,7 100,0 9

18 ha Abetine Acero-Tiglio- Frassineti Alneti montani Boscaglie pioniere e d'invasione Castagneti Faggete Lariceti Alneti subalpini Querceti di rovere Rimboschimenti 0.5. Elaborati del piano - metodologia Il presente Piano Territoriale Forestale del Cusio Mottarone e Orta (Area Forestale n 21) è stato redatto seguendo le disposizioni del disciplinare d incarico e delle norme tecniche di pianificazione allegate al contratto sottoscritto dal gruppo di lavoro con IPLA S.p.A. Gli elaborati previsti e realizzati sono i seguenti: 1. Relazione progettuale; 2. Cartografia dei limiti di proprietà pubblica e degli usi civici in scala 1:10.000; 3. Cartografia dei limiti di occupazione ed uso del suolo con rappresentazione della viabilità suddivisa nelle tipologie previste con indicazione dei piazzali per la raccolta del legname, in scala 1:10.000; 4. Cartografia della delimitazione dei bacini e sottobacini, delle Unità di Terre, della localizzazione dei dissesti, degli interventi di sistemazione esistenti e/o previsti, e delimitazione dei boschi vulnerabili e di protezione diretta in scala 1:10.000; 5. Cartografia della delimitazione dei tipi forestali, del loro assetto evolutivo colturale, delle destinazioni, degli interventi e priorità con rappresentazione della viabilità esistente e di quella proposta; 6. Schede di descrizione dei settori forestali 10

19 7. Schede di rilevamento dei fenomeni di dissesto; 8. Schede di descrizione dei comprensori d alpe; 9. Schede relative all inventario forestale; Tutti i dati cartografici sono stati acquisiti e validati in formato compatibile con sistema Arc- View. I rilievi del patrimonio forestale, pastorale, della viabilità, dei dissesti, dell assetto patrimoniale, i contenuti delle carte tematiche, l incapitolazione della presente relazione sono stati eseguiti in conformità con le Norme Tecniche di Pianificazione e Gestione Forestale della Regione Piemonte finalizzate al progetto GESFOR predisposte dall Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente (IPLA S.p.A.) 11

20 PARTE PRIMA: INQUADRAMENTO DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO 1. AMBIENTE FISICO 1.1. Ubicazione, estensione, confini, inquadramento amministrativo ed idrografico Il territorio dell Area Forestale n 21, coincide con quello delle neocostituite Comunità Montane Cusio Mottarone e Valle Strona e Basso Toce, riperimetrate nel 1999, e dal Comune di Belgirate, non facente parte di Comunità Montana. L Area Forestale comprende per intero il bacino imbrifero del torrente Strona, la sponda occidentale del lago d Orta e il Mottarone con i versanti cusiano e del lago Maggiore, ad esclusione della porzione di territorio del Comune di Armeno che ne costituisce cerniera. I confini dell Area sono pertanto costituiti dal tratto terminale del Toce e dal lago Maggiore a est; dal Comune di Armeno e dal lago d Orta a sud; dalla provincia di Novara a sud, sudovest; dalla Provincia di Vercelli (Valsesia) a ovest e dalla Valle Ossola a nord. Nell Area Forestale n 21 sono compresi, oltre all intero bacino del torrente Strona, diversi sottobacini ad esso afferenti ed altri che dal Mottarone scendono al lago d Orta e Maggiore, tra i quali sono di particolare rilievo quelli dell Agogna, del Pescone, Selva Spessa e dell Erno. La Comunità Montana Valle Strona a seguito della riperimetrazione operata dalla Regione Piemonte ha unito ai Comuni di Valstrona, Massiola, Germagno e Loreglia, che l avevano originariamente costituita, quelli del Basso Toce (Casale Corte Cerro e Gravellona Toce) che originariamente appartenevano alla Comunità Montana Cusio Mottarone. Quest ultima comprende invece i Comuni di Arola, Baveno, Brovello Carpugnino,Cesara, Gignese, Madonna del Sasso Nonio, Omegna, Quarna Sopra, Quarna Sotto e Stresa. Il Comune di Armeno, originariamente appartenente alla Comunità Montana Cusio Mottarone, in occasione della citata riperimetrazione, è stato assegnato alla neocostituita Comunità Montana Due Laghi ora situata nella provincia di Novara. Completa l Area Forestale n 21 il Comune di Belgirate non compreso in Comunità Montane, il cui territorio, situato sulla sponda del lago Maggiore, è contiguo a quello dei Comuni di Stresa e Brovello Carpugnino. 12

21 Di seguito sono elencate le superfici comunali e la loro incidenza percentuale sul territorio complessivo dell Area Forestale n 21 (desunti dalla cartografia prodotta): Superficie complessiva dei Comuni dell area forestale 21 (dati cartografici) Comune ha % Arola 657 2,4 Baveno ,3 Belgirate 850 3,1 Brovello Carpugnino 831 3,0 Casale Corte Cerro ,4 Cesara ,0 Germagno 288 1,0 Gignese ,3 Gravellona Toce ,3 Loreglia 924 3,3 Madonna del Sasso ,4 Massiola 812 2,9 Nonio ,7 Omegna ,2 Quarna Sopra ,2 Quarna Sotto ,9 Stresa ,7 Valstrona ,8 TOTALE ,0 Valstrona 18% Arola 2% Baveno 6% Belgirate 3% Brovello Carpugnino 3% Casale Corte Cerro 4% Cesara 4% Stresa 12% Quarna Sotto 5% Germagno 1% Gignese 5% Quarna Sopra 4% Omegna 11% Loreglia 3% Gravellona Toce 5% Nonio 4% Massiola 3% Madonna del Sasso 5% 13

22 1.2. Aspetti climatici Per l inquadramento climatico dell area forestale 21 sono stati utilizzati i seguenti dati disponibili: Atlante climatologico del Piemonte, Precipitazioni e Temperature (dati periodo , Regione Piemonte Università di Torino, 1998): i dati non sono relativi a stazioni di campionamento ma ottenuti per interpolazione. I dati pluviometrici sono stati confrontati con i dati elaborati e pubblicati dal Servizio Idrografico del Ministero dei Lavori Pubblici, relativi al trentennio 1921/1950 e utilizzati per l elaborazione della Carta delle isoiete medie annue di questo trentennio elaborata dalla relazione ENEL Questi sono stati, tra l altro, successivamente utilizzati nel lavoro Indagini idrologiche e chimiche dei principali tributari piemontesi del Lago Maggiore in relazione alle sue modificazioni trofiche (1974), a cura del CNR Istituto Idrobiologico di Pallanza. Sono stati considerate le seguenti Stazioni di campionamento, scelte come rappresentative della situazione climatica dell intera area, che si sviluppa dalla fascia climatica dei grandi laghi subalpini (Sponde del Lago Maggiore e del Lago d Orta) alla Valle Strona che, lunga, stretta ed articolata, si incunea tra Valle Anzasca e Valsesia. Stazioni di campionamento Stazione Quota (m slm) Ambiti geografici Campello Monti Forno 892 Loreglia 725 Valle Strona Marmo 765 Cesara 500 Sponda occ. del Boleto 696 Lago d Orta Mottarone Cima Mottarone Alpino 778 Sponda occ. del Stresa 202 Lago Maggiore 14

23 Termometria Le temperature medie mensili ed annuali sono calcolate per l anno medio (periodo ) ovviamente dalla tabella si denotano notevoli differenze che rispecchiano ambiti climatici ed ambientali ampiamente diversificati a causa della differenza di quota. Temperature medie mensili, periodo Campello Monti Forno Loreglia Marmo GEN -3,6-0,1 0,8-0,4 0,6 0,4-1,7 0,3 1,4 FEB -2,9 1,1 2,4 0,6 2,0 1,7-0,9 1,5 3,4 MAR -0,4 4,1 5,9 3,6 5,3 4,9 1,8 4,7 7,6 APR 2,8 7,7 9,7 7,1 9,1 8,6 5,2 8,4 11,7 MAG 6,8 11,7 13,8 11,1 13,1 12,6 9,1 12,4 16,0 GIU 10,4 15,4 17,6 14,8 16,9 16,3 12,7 16,1 19,9 LUG 13,2 18,1 20,3 17,5 19,5 19,0 15,4 18,8 22,5 AGO 12,4 17,2 19,3 16,6 18,6 18,1 14,6 17,9 21,4 SET 9,6 13,9 15,9 13,4 15,2 14,8 11,6 14,6 17,8 OTT 5,7 9,6 11,1 9,1 10,6 10,2 7,6 10,1 12,4 NOV 0,8 4,3 5,6 3,9 5,2 4,9 2,6 4,8 6,7 DIC -2,2 1,3 2,2 1,0 2,0 1,8-0,3 1,7 2,8 Medie annuali 5,0 9,1 10,7 8,6 10,2 9,8 7,0 9,7 12,3 Cesara Boleto Mottarone Alpino Stresa N. giorni di Non gelo Disp. 91,0 72,0 98,0 78,0 82,0 122,0 84,0 57,0 15

24 Temperature medie mensili 30,0 20,0 10,0 0,0 GEN FEB MAR APR MAG GIU LUG AGO SET OTT NOV DIC -10,0 Campello Forno Loreglia Marmo Cesara Boleto Mottarone Alpino Stresa mesi Temperature medie annuali 14,0 12,0 10,0 8,0 6,0 4,0 Campello Forno Loreglia Marmo Cesara Boleto Mottarone Alpino Stresa 2,0 0,0 medie annuali 16

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...

1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3. 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI... RELAZIONE GEOLOGICA E GEOMROFOLOGICA SOMMARIO 1. PREMESSA...2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO...3 2.1. Caratteri geologici generali...3 3. INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 4. CARTOGRAFIA PAI...8 5. CONCLUSIONI...11

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

RETICOLO IDRICO MINORE

RETICOLO IDRICO MINORE RETICOLO IDRICO MINORE Fondazione Idra ha ottenuto l affidamento per il continuo dei lavori del progetto FESTO, iniziato ormai da più di un anno e che ha visto l individuazione del reticolo principale,

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi

Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Manutenzione del territorio e prevenzione dei rischi Mauro Agnoletti Dipartimento di Economia, Ingegneria, Scienze e Tecnologie Agrarie e Forestali Università degli Studi di Firenze La ricerche sulle dinamiche

Dettagli

Direzione Ambiente. Guida tecnica

Direzione Ambiente. Guida tecnica Direzione Ambiente Guida tecnica Procedimento di verifica di assoggettabilita alla VAS dei Programmi di interventi di sistemazione idrogeologica e manutenzione montana (PISIMM) ( art. 12 d. lgs. 152/2006

Dettagli

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5

Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni. Allegato 5 Schema di Progetto di Piano per la valutazione e la gestione del rischio di alluvioni Art. 7 della Direttiva 2007/60/CE e del D.lgs. n. 49 del 23.02.2010 Allegato 5 Quadro dei processi alluvionali prevalenti

Dettagli

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000

Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione dei Siti Natura 2000 Piani di Gestione Individuazione delle misure di conservazione per i siti protetti della Rete Natura 2000 Indicazioni sulla gestione degli habitat e delle specie

Dettagli

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici

Difesa del suolo e pianificazione dei bacini idrografici Quadro normativo: Legge 183/89, «Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo» Si intende: a) per suolo: il territorio, il suolo, il sottosuolo, gli abitati e le opere infrastrutturali;

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione

Valutazione del rischio, sistemi di allertamento e decisioni sulla mitigazione COMUNE DI NOCERA INFERIORE Sala Polifunzionale della Galleria Maiorino Nocera Inferiore 14 aprile 2011 Incontro informativo sul rischio da frana a Nocera Inferiore Valutazione del rischio, sistemi di allertamento

Dettagli

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO

4 RISCHIO IDROGEOLOGICO 4 RISCHIO IDROGEOLOGICO Premessa Il rischio è dovuto all interazione di una somma di elementi diversi ed è conseguenza di fenomeni associati all assetto geologico, idrogeologico-idraulico e situazioni

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia. Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo. Patrocinio Confindustria Foggia Ordine degli Ingegneri della Provincia di Foggia Workshop L'uso della modellistica idraulica nella difesa del suolo Patrocinio Confindustria Foggia Foggia 21/11/2006 Relatore: Ing. Dario Tricoli PROGRAMMA

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO

COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO RELAZIONE TECNICA INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO COMUNE DI CASOREZZO PROVINCIA DI MILANO INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO D.G.R. 22 dicembre n. IX/2762, SEMPLIFICAZIONE DEI CANONI DI POLIZIA IDRAULICA E RIORDINO DEI RETICOLI IDRICI agosto 2012

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche

Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Analisi dell Invarianza idraulica e della rete delle fogne bianche Come previsto dalle norme tecniche del Piano stralcio (autorità Bacini Romagnoli) l area è soggetta al rispetto del principio di invarianza

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

7.c RISCHIO GEOLOGICO

7.c RISCHIO GEOLOGICO 7.c RISCHIO GEOLOGICO I- Introduzione In questo paragrafo viene analizzato il territorio sotto l aspetto della pericolosità geologica, intesa come l attitudine del territorio a manifestare eventi di dissesto

Dettagli

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale

Distretto Idrografico dell Appennino Meridionale PIANO DI GESTIONE ACQUE (Direttiva Comunitaria 2000/60/CE, D.L.vo. 152/06, L. 13/09, D.L 194/09) Relazione Regionale Allegato 1 QUADRO NORMATIVO E DELLE COMPETENZE INERENTE LE RISORSE IDRICHE REGIONE MOLISE

Dettagli

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO Ora e sempre resilienza Interventi, pianificazione e cultura del rischio per la difesa e l autodifesa dalle alluvioni nelle aree urbane Roma 3 luglio 2015 BOLOGNA CITTA' RESILIENTE IL PIANO DI ADATTAMENTO

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI

PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA FOGLIO 171 PART.LLA 124 TERNI Il sottoscritto: Arch. Riccardo Palestra Iscritto all'albo Professionale: Ordine degli Architetti con il n 444 della Provincia di Terni

Dettagli

Titolo I. Capo I Vincoli

Titolo I. Capo I Vincoli Legge regionale 13 settembre 1978, n. 52 (BUR n. 43/1978) LEGGE FORESTALE REGIONALE.(i) Art. 1 Titolo I La Regione del Veneto, in attuazione di quanto previsto dall art. 4 del proprio Statuto, promuove

Dettagli

"Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale".

Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, N. 27 "Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale". (BURL n. 44, 1 suppl. ord. del 29 Ottobre 2004 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2004-10-28;27

Dettagli

SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO

SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO SERVIZI AMBIENTE - AGRICOLTURA TECNICO OGGETTO: REGOLAMENTO PER REALIZZAZIONE INTERVENTI IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 35/97 (artt. 3 e 12) E DELLA LEGGE 97/94 RIGUARDANTI OPERE DI MANUTENZIONE AMBIENTALE E

Dettagli

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana

1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana IL PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO PAI Relazione introduttiva 1. La prevenzione dei rischi naturali e la salvaguardia delle risorse nella regione toscana 1.1 La disciplina La difesa del suolo

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa del nostro Appennino Comitato alluvione 11 Giugno 2011 onlus Il dissesto nell Appennino di Parma programmiamo la prevenzione Fornovo, Biblioteca Comunale, 20 Maggio 2014 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO nuove scelte per la difesa

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano

Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Rapporto Ambientale procedura Vas Variante comparto edificatorio Madonna Ponte - Fano Variante parziale al vigente PRG ai sensi dell art. 26 della L.R. 34/92 e s.m.i. relativa al comparto edificatorio

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA P.T.U.A. GEOGRAFIA TRUPIA GIUSEPPE 192376 STUDIO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI VALVERDE 1 COMUNE DI VALVERDE Il comune di Valverde si trova in provincia di Pavia e

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i

Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i Incendi boschivi. Aumentano gli affari con le attività antincendio e non diminuisce il rischio idrogeologico. Come ogni anno al culmine dell estate i versanti boscati di molte parti del mondo nell emisfero

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO

Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO REGIONE TOSCANA REGIONE LAZIO Autorità di Bacino Interregionale del Fiume Fiora PIANO DI ASSETTO IDROGEOLOGICO Legge 18 maggio 1989 n. 183 art. 17 comma 6 - ter, Legge 3 agosto 1998 n. 267 modificata con

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA

COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA COMUNE DI SAN CALOGERO VIBO VALENTIA Oggetto: Progetto per la coltivazione di una cava di calcare nel Comune di. San Calogero loc. San Pietro COMMITTENTE Edil Sibio di Sibio Cosma Damiano Relazione Tecnica

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica

Regione Piemonte. Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Regione Piemonte Direzione Pianificazione e Gestione Urbanistica Settore Cartografico Regione Piemonte C.so Orbassano 336 (Centro NADIM) Torino tel. 011-4326466 - fax 011-4326462 - e-mail: cartografico@regione.piemonte.it

Dettagli

ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento

ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento ASSESSORATO ALLA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE Ufficio di Piano Territoriale di Coordinamento Aggiornamento e adeguamento del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Variante al PTC1 ai sensi dell'art.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale».

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». Capo I Finalità e norme generali Art. 1. Finalità e obiettivi. 1. Le disposizioni

Dettagli

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume

ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei regolamenti comunali - i Contratti di Fiume Corso sulla: Riqualificazione dei corsi d acqua e tecniche di ingegneria naturalistica Milano, 16 Novembre 2005 ing. Flavio Verzotti: - l attività di POLIZIA IDRAULICA e la disciplina amministrativa nei

Dettagli

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO

SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO 1. GENERALITA La morfologia del territorio della provincia di Bologna, pianeggiante e a volte depressa, solcato da diversi corsi d acqua naturali o artificiali anche di

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità

Il ruolo delle foreste nella Strategia Nazionale per la Biodiversità Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Le risorse forestali nazionali e i servizi eco-sistemici Il ruolo delle istituzioni ROMA - 6 dicembre 2011 Il ruolo delle foreste nella Strategia

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO

Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Allegato n. 2 QUESTIONARIO CONOSCITIVO SUL PATRIMONIO VERDE COMUNALE O PROVINCIALE ESEMPIO Si prega di compilare il seguente questionario, costituente parte integrante dell iter per l attribuzione del

Dettagli

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO Sede : via T. Nani, 7 23017 Morbegno (SO) Tel 0342 610774 Fax: 0342 1971501 VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO STUDIO DI APPROFONDIMENTO AI SENSI DELL ALLEGATO 2 ALLA D.G.R. 30 NOVEMBRE 2011

Dettagli

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA

PIAE 2009-2028 1 TIPOLOGIA DI POLO. LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini. COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA TIPOLOGIA DI POLO LITOLOGIA DEL GIACIMENTO Sabbie fini COMUNI INTERESSATI Ferrara INQUADRAMENTO DELL AREA L area è ubicata a nord degli abitati di Porotto e Cassana, nel Comune di Ferrara, confina a nord

Dettagli

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it

L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio. Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it L Imprenditore Agricolo come Custode del Territorio Dott.ssa Pamela Giani p.giani@bonificavalleserchio.it 1 Punti dell intervento: Rischio idrogeologica e fragilità territoriale Attività di Bonifica Il

Dettagli

Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman

Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman Il ruolo attuale del geologo nella progettazione delle grandi opere idrauliche. Case history in Oman Geol. Guido Paliaga, PhD Geol. Luciano Minetti CONSIGLIO NAZIONALE DEI GEOLOGI Fino all ultima goccia

Dettagli

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale SEMINARIO INFORMATIVO SUGLI OPEN DATA Servizi cartografici e banche dati disponibili per il lavoro professionale SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale Elisa Guiot Regione Piemonte, Direzione Opere

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA

RELAZIONE COMPRENSORIO PIANURA PISANA PIANO DELLE ATTIVITA 2015 (L.R. 79/2012 ART. 26 comma 2) VERSIONE 2 APPROVATA DEL 13/03/2015 RELAZIONE COMPRENSORIO Il Direttore Tecnico di Comprensorio Pianura Pisana (Dott. Ing. Sandro Borsacchi) 1 /

Dettagli

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian

Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian ARTICOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente Piano di Urbanizzazione preventivo interessa un area sita a Torrenieri, località Pian dell Asso, nel comune di Montalcino, delimitata a nord e ad est da aree

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEDA TEMATICA RISCHIO IDRAULICO Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera 1. GENERALITA La morfologia del territorio

Dettagli

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000.

DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. DECRETO 3 settembre 2002. Linee guida per la gestione dei siti Natura 2000. IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO Vista la direttiva n. 79/409/CEE del Consiglio del 2 aprile 1979, concernente

Dettagli

APQ: Progetto straordinario di investimenti e manutenzione straordinaria dell infrastruttura forestale regionale.

APQ: Progetto straordinario di investimenti e manutenzione straordinaria dell infrastruttura forestale regionale. APQ: Progetto straordinario di investimenti e manutenzione straordinaria dell infrastruttura forestale regionale. 1. Premessa Con DGR 371 del 17 luglio 2012 sono stati approvati gli INDIRIZZI PROGRAMMATICI

Dettagli

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000

Criteri di selezione e modalità di presentazione delle domande a sensi artt 24 e 25 della Legge Regionale 7/2000 27057 VARZI (Pavia) - Piazza Umberto I n. 9 Tel. (0383) 54.58.11 - - Fax (0383) 54.58.50 Cod. Fisc. 95002050185 www.comunitamontanaoltrepo.it E-mail comunitamontanaoltrepo@cmop.it COMUNITA MONTANA OLTREPO

Dettagli

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra

L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra L inventario delle azioni di tutela attiva e di ricostruzione della connettività nell Ambito Territoriale Omogeneo della Val di Cembra Segonzano 25 novembre 2014 Michele Caldonazzi ALBATROS S.r.l. 1. Recupero

Dettagli

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140

Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 23100 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 00866790140 Consorzio della Media Valtellina per il Trasporto del Gas Sede in Via Nazario Sauro, 33 2300 Sondrio (SO) Partita Iva e codice fiscale 0086679040 PIANO DI SVILUPPO DECENNALE 204-2023 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO

ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO ALLEGATO I LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI VALUTAZIONE DI INCIDENZA PER OPERE/PIANI AVENTI EFFETTI SUL SITO Nell ambito delle misura di conservazione obbligatorie per i Siti della Rete Natura 2000, la normativa

Dettagli

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA.

Allegato AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA PER OPERE /O INTERVENTI IL CUI IMPATTO PAESAGGISTICO È VALUTATO MEDIANTE UNA DOCUMENTAZIONE SEMPLIFICATA. D.P.C.M. 12-12-2005 Individuazione della documentazione necessaria alla verifica della compatibilità paesaggistica degli interventi proposti, ai sensi dell'articolo 146, comma 3, del Codice dei beni culturali

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA STRADA PROVINCIALE N 115 TRONCO: Cimitero di Igliano in località Cornati CONSOLIDAMENTO FRANA PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA 1) PREMESSA 2) INTERVENTI PROPOSTI 3) CENNI DI GEOLOGIA 4)

Dettagli

Antonella VELTRI CNR ISAFOM

Antonella VELTRI CNR ISAFOM Antonella VELTRI CNR ISAFOM Ruolo dei sistemi i forestali sulla regimazione i idrica i e sul controllo dell erosione Ciclo di Seminari: Ricerca, Alta Formazione e Mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI

INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Seminario: Il dissesto idrogeologico: dalla conoscenza del territorio alla sua protezione Milano, 20 maggio 2015 INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA FRANOSITA DEI VERSANTI Dott. Geol. Dario Fossati Regione

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO DEL PARCO

PROPOSTA DI PIANO DEL PARCO REGIONE LIGURIA ELENCO DEGLI ELABORATI CONTENUTI NELLA PROPOSTA DI PIANO DEL PARCO redatta da I.L.R.E.S. Istituto Ligure Ricerche Economico-Sociali (Genova, 1980-1981) per conto dei comitati di proposta

Dettagli

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2

Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9. Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche. Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 Regione Calabria DIPARTIMENTO N.9 Infrastrutture Lavori Pubblici Politiche della Casa E.R.P Risorse Idriche Ciclo Integrato Acque SETTORE 2 CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOMORFOLOGICI PER I DIFFERENTI

Dettagli

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica

Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica 20 ottobre 2004 Tutela dei versanti e sicurezza idrogeologica Norme di Attuazione: Titolo 6 Elaborati grafici di riferimento: Tavola 2 OBIETTIVI DEL PTCP COORDINAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase.

LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30. Istituzione del Parco naturale regionale. Costa Otranto-S. Maria di Leuca e Bosco di Tricase. 19196 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 143 del 3-11-2006 PARTE PRIMA Leggi e Regolamenti Regionali LEGGE REGIONALE 26 ottobre 2006, n. 30 Istituzione del Parco naturale regionale Costa Otranto-S.

Dettagli

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo

Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Corso di Formazione 2010 per operatori regionali tutela ambiente montano Torino 19 giugno 2010 Rete Regionale dei Percorsi Escursionistici e le nuove leggi sull escursionismo Argomenti della presentazione

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO

VERIFICA STRUTTURALE E PROGETTO DI CONSOLIDAMENTO Università degli Studi di Roma La Sapienza Prima Facoltà di Architettura L.Quaroni C.d.L. Specialistica Architettura Restauro dell Architettura A.A. 2006/2007 CORSO DI COMPORTAMENTO DEI MATERIALI MURARI

Dettagli

PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO

PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROGETTO DI COLTIVAZIONE DELLA CAVA DI INERTE DENOMINATA ISCHIELLO IN COMUNE DI ZAMBANA OGGETTO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE SU PROGETTO DEFINITIVO - RIASSUNTO

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli