Lo scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela: dati preliminari e prospettive di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela: dati preliminari e prospettive di ricerca"

Transcript

1 Lo scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela: dati preliminari e prospettive di ricerca 1. La revisione dei contesti ellenistici di Gela e la fornace ellenistica di S. Giacomo La cultura materiale in Sicilia in età ellenistica e di conseguenza anche lo sviluppo e i caratteri dell economia dell isola sono in generale poco noti 1. La città di Gela, attraverso il riesame di alcuni interessanti contesti di scavo, può fornire dei dati utili alla ricostruzione dei principali caratteri della ceramica di età ellenistica in un centro della Sicilia meridionale. Sono in corso di revisione, all interno della tesi di dottorato di chi scrive 2, alcuni contesti di scavo di fine IV- III sec. a.c. indagati negli anni da P. Orlandini e D. Adamesteanu 3. L età ellenistica della città di Gela è circoscritta al periodo che intercorre tra l arrivo nel a.c. di Timoleonte arrivo che determina una rinascita della città, debolmente ripresasi dalla disfatta a opera dei Cartaginesi nel 405 a.c. 4 e la distruzione di Gela nel 282 a.c., a opera dei Mamertini e di Finzia, tiranno di Agrigento, con il conseguente abbandono del sito da parte dei suoi abitanti, trasferiti nella nuova fondazione di Finziade, l attuale Licata 5. I contesti di cui sono stati esaminati i materiali ceramici sono localizzati 1 Cfr. per esempio lo status quaestionis sugli studi di ceramica ellenistica e romana in Sicilia tracciato da Malfitana La ricerca per la tesi di dottorato in Archeologia classica, presso l Università La Sapienza di Roma, sotto la guida della prof. G. Olcese, è stata autorizzata dal prof. P. Orlandini, che ho avuto la fortuna di conoscere prima della sua scomparsa, e dall arch. S. Gueli, direttore del Parco archeologico di Gela, che ringrazio per avermi concesso il permesso a questo studio. 3 Adamesteanu 1954, Orlandini, Adamesteanu 1956, Id. 1960, Id. 1962, Orlandini Gli scavi degli anni 70, successivi a quelli condotti da Orlandini e Adamesteanu, congiuntamente alla retrodatazione all età dionigianea e non timoleontea di alcune monete rinvenute, hanno in realtà dimostrato che una prima ripresa della città dopo il 405 a.c. è già riconoscibile nei primi anni del IV sec. a.c. (De Miro, Fiorentini 1978, pp ; Consolo Langher 1964, pp ; Consolo Langher 1993, pp ). Si notano comunque con Timoleonte chiari segni di una rinascita economica e demografica, con l attuazione di un grande progetto urbanistico e architettonico (Anello 2004, p. 406). 5 Per la storia di Gela si veda, tra gli ultimi, Anello Rivista di Studi Liguri, LXXIV, 2008, pp

2 148 STEFANIA GIUNTA quasi esclusivamente nella parte occidentale della collina di Gela, area esterna alla città in età arcaica e classica e che, nell età di Timoleonte e Agatocle, viene occupata da abitazioni, terme, botteghe e circondata da fortificazioni, che abbracciavano l intera collina e che si sono conservate in maniera più evidente presso Capo Soprano, nell estremità occidentale del sito (fig. 1). Fig. 1 - Pianta della città di Gela, la linea tratteggiata indica il limite della città fino all età classica (tratta da Orlandini, Adamesteanu 1956, p. 203). Localizzazione dei contesti ellenistici in corso di studio. Tra tutti in contesti indagati merita una particolare attenzione lo scarico di una fornace ellenistica, localizzato nei pressi della chiesa di S. Giacomo (fig. 1, n. 1). Lo studio dei reperti ceramici da esso provenienti, relativi ai materiali di rifiuto della fornace, offre l opportunità di analizzare oggetti di sicura produzione locale e di esaminarne le caratteristiche. All interno dell analisi della cultura materiale e della storia economica di un centro siciliano, questo fortunato contesto assume, quindi, un significato centrale. L obiettivo fondamentale di questa ricerca è, infatti, tentare di individuare i caratteri della produzione ceramica geloa di età ellenistica, innanzitutto le classi ceramiche documentate, forme, tipi e quantificazioni e, su questa base, le caratteristiche composizionali dell argilla utilizzata per realizzare i vasi, anche tramite le indagini di carattere archeometrico. Queste ultime sono state impostate e sono in corso. Con questo lavoro si intendono, per il momento, presentare i dati preliminari

3 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 149 relativi alla classificazione tipologica dei materiali e alle prime osservazioni sugli impasti dei reperti e proporre alcuni possibili indirizzi di ricerca, che paiono utili e interessanti per gli studi di carattere storico economico. La città di Gela conosce una continuità di produzione lungo tutta la sua storia antica, dall età arcaica a quella ellenistica. Sono infatti testimoniati resti di fornaci o di scarichi ad esse riferibili fin dal VII sec. a.c. Senza entrare nel dettaglio ma rimandando, in nota, ai riferimenti bibliografici, si possono citare la fornace di via Dalmazia datata all ultimo quarto del VII sec. a.c. 6, lo scarico presso via Bonanno con materiale della metà del VII sec. a.c. 7, le fornaci tra via Venezia e l ex scalo ferroviario di fase tardo arcaica, una fornace di coroplastica presso l ex scalo ferroviario di età classica (attiva dall inizio del V sec. a.c. fino al 405 a.c.) 8, un probabile scarico di fornace nell area di Costa Zampogna - Predio Ventura databile dalla fine del V sec. a.c. alla fine del IV sec. a.c. 9 (fig. 2). Anche per l età ellenistica sono stati scoperti, come si è detto, resti legati con sicurezza alla produzione locale. Nel febbraio 1953, nelle vicinanze della chiesa di S. Giacomo, in una zona in cui si stavano demolendo delle case, fu rinvenuto da D. Adamesteanu lo scarico di una fornace ellenistica, in un area di circa due metri quadrati (fig. 1, n. 1). Si tratta di una zona che conservava anche tracce di sepolture delle età precedenti, al di fuori del limite della città di epoca classica, sul lato occidentale della collina di Gela, di urbanizzazione ellenistica. Adamesteanu, che dà notizie del rinvenimento nel , interpreta il gruppo di oggetti venuti alla luce come il materiale di rifiuto di una fornace, a causa del loro stato di conservazione cattivo e incompleto e della presenza di alcuni frammenti deformati o mal cotti. A testimonianza di una fornace in età ellenistica a Gela restano solo questi reperti ceramici riferibili al suo scarico e nessuna struttura di forni, dal momento che la presenza di una strada moderna impedì l allargamento dello scavo verso sud Adamesteanu 1953, pp ; Orlandini 1956, n. 2084; Orlandini, Adamesteanu 1956, pp ; Cuomo Di Caprio , p. 458; Fiorentini 1980, p. 10; Fiorentini 1985, p. 22; Canzanella 1990, p. 18; Cavagnera, Pizzo in Panvini 1998 (a cura di), pp Fiorentini 1985, p. 22; Canzanella 1990, p. 18; Cavagnera, Pizzo in Panvini 1998 (a cura di), pp Spagnolo 1991; Fiorentini 1996, pp Orsi 1901, pp ; Orsi 1906, coll ; Canzanella 1990, p Adamesteanu Adamesteanu 1954, p. 129.

4 150 STEFANIA GIUNTA Fig. 2 - Pianta della città di Gela (tratta da Orlandini, Adamesteanu 1956, p. 203). Localizzazione delle fornaci o scarichi di fornace di età arcaica e classica. Il quadrato cerchiato indica la localizzazione dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo. 2. Classi e forme dei materiali ceramici della fornace ellenistica: descrizione e quantificazione Pur non essendo state scoperte strutture relative ad ambienti produttivi, l insieme dei materiali di questo contesto mostra caratteri che consentono la sua sicura attribuzione allo scarico di una piccola fornace: la presenza di un numero abbastanza cospicuo di distanziatori per la cottura dei vasi e di alcuni frammenti di vernice nera completamente deformati e contorti, insieme a due agglomerati di ceramica indistinti (inv e 3713). Inoltre alcuni esemplari risultano incompleti per la mancata stesura della vernice nera (mi riferisco in particolare al piatto inv. 3679) o per la decorazione non finita (sagome prive dei dettagli nei coperchi delle lekanai a figure rosse) (tav. I). Per quanto riguarda le classi ceramiche presenti, sono attestate: la ceramica a vernice nera, la ceramica decorata (a figure rosse, a decorazione sovraddipinta e a decorazione a bande), la ceramica comune/acroma, gli oscilla e i pesi fittili da telaio (fig. 3a).

5 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 151 SCARTI Tav. I - Gli GLI scarti SCARTI dello DELLO scarico SCARICO della DELLA fornace FORNACE ellenistica ELLENISTICA di S. DI Giacomo S. GIACOMO a Gela. A GELA. 1) scarti 1) scarti di piatti di piatti di ceramica di ceramica a vernice a vernice nera nera (inv. (inv e 3642); e 3642); 2) scarto scarto di di fornace: agglomerato indistinto (inv. 3713); 3) piatto simile a Morel 1314g 1 privo di vernice (inv. 3679); 4) coperchio di lekane con decorazione incompleta (inv. (inv. 3725). Fig. 3 - Grafici della quantificazione della ceramica dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela: a) le principali classi ceramiche; b) la ceramica a vernice nera; c) la ceramica comune/acroma.

6 152 STEFANIA GIUNTA 2.1. La ceramica a vernice nera (tav. II e fig. 3b) La ceramica a vernice nera è la classe ceramica più documentata con quasi 200 frammenti (non vengono conteggiati i frammenti di sole pareti, che ammontano a 209). Le forme attestate sono: coppe, piatti, skyphoi, kantharoi, lekythoi, un anforetta, lucerne. Tra le coppe, in totale circa 30 frammenti, risultano particolarmente significativi la coppetta simile al tipo Morel 1341e a, che si caratterizza per un orlo estroflesso, leggermente pendente e bombato, delimitato verso l interno da un solco e decorato sulla tesa con linee incise perpendicolari all orlo e tra loro parallele; la coppetta simile al tipo Morel 2714f 1, con orlo rientrante, vasca emisferica e piede ad anello con parete esterna verticale; la coppa forse attribuibile alla serie Morel 2253 con orlo rientrante e vasca poco profonda con carena; la coppa simile al tipo Morel 2641a 1, con orlo estroflesso e corpo con vasca abbastanza profonda con parete leggermente obliqua e carena arrotondata. Tra i piatti sono stati riconosciuti due tipi, con una decina di esemplari in tutto: piatto simile al tipo Morel 1314g 1, con orlo a tesa leggermente bombata, vasca con pareti esterne lievemente convesse e leggera carena e piede ad anello; piatto simile al tipo Morel 1514e 1, con orlo a larga tesa appiattita e corpo privo di carena. Per quanto riguarda gli skyphoi, costituiscono la forma più presente, con un centinaio di esemplari (tra orli, fondi, anse e pareti si contano 114 frammenti, oltre a 2 esemplari quasi integri). Se ne possono distinguere due tipi, al primo dei quali è attribuita la quasi totalità dei frammenti: skyphos tipo Morel 4373a 2 o 4373b 1, caratterizzato da un orlo leggermente estroflesso, due anse orizzontali a sezione circolare attaccate immediatamente sotto l orlo, corpo troncoconico e lievemente sinuoso e basso piede a toro che presenta in alcuni casi, sulla faccia esterna, un cerchio bruno o rossiccio su fondo risparmiato; skyphos tipo Morel 4311c 1, caratterizzato da orlo indistinto, due sottili anse orizzontali a sezione circolare attaccate immediatamente sotto l orlo, corpo ovoidale con pareti molto sottili e basso piede ad anello. Dei kantharoi si conservano solo 2 esemplari, ognuno appartenente a un tipo diverso: kantharos simile al tipo Morel 4642a 1, con orlo a tesa pendente leggermente concava, collo a svasare verso l alto, anse orizzontali attaccate sulla parte superiore del corpo, a sezione quasi circolare (forse sopraelevate), attaccatura del collo sul corpo ben marcata e corpo rigonfio e che va a rastremarsi verso il fondo, decorato con linee verticali incise e tra loro parallele; kantharos simile al tipo Morel 3543c 1, con orlo con una specie di tesa che parte 3-4 mm al di sotto di esso e sulla quale è l attacco superiore delle anse. Il kantharos simile al tipo

7 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 153 CERAMICA A VERNICE NERA Tav. IIa - Le principali forme della ceramica a vernice nera dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 1) coppetta simile a Morel 1341e 1/Morel 1572a; 2) coppetta simile a Morel 2714f 1; 3) coppa simile alla serie Morel 2253; 4) coppa simile a Morel 2641a 1; 5) piatto simile a Morel 1314g 1; 6) piatto simile a Morel 1514e 1.

8 154 STEFANIA GIUNTA Tav. IIb - Le principali forme della ceramica a vernice nera dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 7) skyphos Morel 4373a 2 o 4373b 1; 8) skyphos Morel 4311c 1; 9) kantharos simile a Morel 4642a 1.

9 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA Tav. IIc - Le principali forme della ceramica a vernice nera dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 10) kantharos simile a Morel 3543c 1; 11) lekythos simile a Morel 5471a 1; 12) lekythos simile a Morel 5415a 1; 13) lekythos simile a Morel 5416d 1; 14) anforetta; 15) lucerna.

10 156 STEFANIA GIUNTA Morel 4642a 1, il cui esemplare conservato è quasi integro, è di piccole dimensioni (h.: 9 cm circa). Tre tipi possono essere riconosciuti per le lekythoi (in totale 8 frammenti): lekythos simile al tipo Morel 5471a 1, con bocca con orlo pendente e collo cilindrico; lekythos simile al tipo Morel 5415a 1, con bocca con orlo a larga tesa estroflessa bombata, collo cilindrico segnato nella zona mediana da una o due linee orizzontali incise, al di sotto delle quali c è una decorazione con fasce verticali tra loro parallele, nere su fondo acromo; lekythos simile al tipo Morel 5416d 1, che presenta una bocca ad imbuto dalle pareti convesse (a differenza del tipo Morel 5416d 1 che ha le pareti della bocca rettilinee) segnate da una o due linee incise circa 3 mm sotto l orlo e ad esso parallele, collo cilindrico, un ansa a gomito a sezione ovale appiattita impostata tra la base della bocca e la base della spalla, spalla orizzontale, corpo globulare e piede ad anello. Tra lo scarico della fornace è presente, inoltre, un anforetta di piccole dimensioni (h.: 10 cm), con orlo a fascia, collo cilindrico leggermente a svasare verso l orlo e verso la spalla, anse a gomito, corpo gonfio che va a restringersi verso il fondo e piede a disco troncoconico, e 3 frammenti di lucerne con corpo a serbatoio aperto, globulare, solco intorno al foro centrale e basso piede a disco. Sono infine documentati alcuni frammenti di anse e di fondi non attribuibili con sicurezza ad una forma (i fondi sono probabilmente relativi a coppe e le anse a kylikes e a brocchette). Tutti gli esemplari presentano una vernice di qualità molto scarsa e spesso scrostata o incompleta e sono assenti decorazioni. Tra i piatti del primo tipo descritto (simile a Morel 1314g 1) sono riconoscibili 2 frammenti di orli deformati e un esemplare, intero per metà, privo completamente della vernice (inv. 3679). È presente infine un fondo di piatto (non attribuibile a un tipo, ma probabilmente sempre relativo allo stesso) mal cotto e accartocciato (inv. 3633) (tav. I) La ceramica decorata: a figure rosse, a decorazione sovraddipinta e a decorazione a bande (tav. III) La ceramica decorata è attestata con una cinquantina di frammenti (non vengono contati i frammenti di sole pareti, a decorazione sovraddipinta e non attribuibili a una forma, che sono 26). Si possono distinguere essenzialmente esemplari a decorazione sovraddipinta e altri a figure rosse. La forma principalmente e anzi quasi esclusivamente documentata è la lekane, attribuibile al tipo Morel 4713b 1, a cui sono riferibili 20 frammenti di vasca e 14 di coperchi decorati a figure rosse. La vasca presenta un orlo indistinto con risalto esterno per l appoggio del coperchio, corpo a vasca poco profonda e con

11 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 157 CERAMICA A FIGURE ROSSE 2 1 CERAMICA A DECORAZIONE SOVRADDIPINTA 3 CERAMICA A DECORAZIONE A BANDE 4 5 Tav. III - La ceramica decorata dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 1) lekanai Morel 4713b 1; 2) skyphos Morel 4373b a 2 o b 1; 3) lekythos; 4) skyphoi; 5) coperchio di pisside. lieve carena, anse orizzontali a sezione schiacciata e bifide all attaccatura, che è situata sotto la base d appoggio del coperchio. Tra la base d appoggio del coperchio e la carena, sulla parete esterna del corpo, sono dipinti tratti verticali e tra loro paralleli, neri su fondo acromo (il resto del corpo all interno e all esterno è a vernice nera). Il coperchio ha l orlo verticale e la parete schiacciata; la presa è cilindrica e terminante con un grande bottone circolare. È decorato sull orlo con tratti verticali o leggermente obliqui tra loro paralleli neri su fondo acromo, sulla parete con teste femminili tra palmette e sulla faccia esterna del bottone della presa con foglioline o palmetta nera su fondo acromo.

12 158 STEFANIA GIUNTA In tutti gli esemplari di coperchi la decorazione è non finita: sono realizzate infatti solo le sagome delle teste femminile e delle palmette, mentre mancano tutti i dettagli interni. Tra la ceramica a figure rosse si può citare inoltre un frammento di corpo ovoidale forse di una lekythos, che presenta ancora una decorazione non finita, di nuovo con una sagoma di testa femminile e una palmetta, e un fondo con parte di parete di skyphos del tipo con corpo troncoconico (Morel 4373 a 2 o b 1), con tracce di decorazione forse figurata, che sembra sempre incompleta. Per la ceramica a decorazione sovraddipinta sono attestati 9 frammenti di skyphoi (uno, con orlo e ansa, forse attribuibile al tipo con il corpo ovoidale Morel 4311 c1, mentre per gli altri, essendo quasi esclusivamente frammenti di pareti non è possibile stabilire una tipologia), che presentano una decorazione sovraddipinta, sul fondo a vernice nera, in bianco e in rosso, per lo più immediatamente al di sotto dell orlo, con motivi vegetali (una fila di palmette o un ramo rosso con foglioline bianche disposte a spina di pesce). È presente infine un solo frammento di coperchio a decorazione a bande, con fasce concentriche brune-rossicce su fondo acromo La ceramica comune/acroma (tav. IVa - IVb n. 1 e fig. 3c) La ceramica comune/acroma è rappresentata da una sessantina di frammenti (62) (non vengono conteggiati i frammenti di sole pareti che sono 20). Anche per questa classe c è una forma nettamente prevalente: gli unguentari piriformi, di cui si conservano 31 frammenti (tra corpi e orli) e 5 esemplari integri. Sono caratterizzati da un orlo a piccola tesa lievemente inclinata verso il basso, stretto collo cilindrico, corpo piriforme che va a restringersi verso il fondo, finte anse a orecchia alla base della spalla, piccolo piede a disco troncoconico. Presentano una decorazione a cerchi concentrici (di solito tre) neri o bruno-rossicci, sulla spalla e alla base del collo. Tra la ceramica comune/acroma sono attestati inoltre due tipi di coppette: una coppetta biansata, presente con 2 esemplari integri di piccole dimensioni (diam. orlo est.: 6,5 cm), con orlo indistinto leggermente rientrante, piccole anse orizzontali di forma triangolare e a sezione quasi ellittica impostate all altezza dell orlo, corpo a forma di tronco di cono rovesciato, con vasca non molto profonda e lieve carena, piccolo piede a disco con la parete esterna verticale 12 ; una coppetta monoansata, attestata con 6 frammenti di orlo e un esemplare integro e caratterizzata da orlo indistinto, corpo emisferico leggermente carenato, un ansa 12 Cfr. Bechtold 1999, forma C 4 A.

13 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 159 CERAMICA COMUNE/ACROMA Tav. IVa - La ceramica comune/acroma dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 1) coppetta biansata; 2) coppetta monoansata; 3) unguentario piriforme; 4) anforetta miniaturistica; 5) coperchio; 6) brocchetta miniaturistica.

14 160 STEFANIA GIUNTA CERAMICA COMUNE DA FUOCO (?) 1 LUCERNE 2 3 ALTRO Tav. IVb - La ceramica comune da fuoco (?) e altri materiali ceramici della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 1) tegame; 2) lucerna Howland 25 A-B; 3) lucerna bilicne; 4) pesi fittili da telaio; 5) oscillum; 6) modellino fittile di barchetta. orizzontale a sezione circolare impostata sotto l orlo, apoda 13. Sono documentati anche una brocchetta miniaturistica, alta 10 cm, con orlo estroflesso leggermente ingrossato, collo a svasare verso l alto, un ansa a nastro a sezione molto schiacciata, corpo globulare e basso piede a disco; un anforetta miniaturistica, con corpo globulare, alta, per la parte conservata (cioè dal piede fino alla base del collo) circa 7,5 cm; un coperchio, con parete schiacciata e corta presa leggermente a svasare verso l alto; lucerne: 8 con corpo con serbatoio aperto, globulare, con breve orlo inclinato verso l interno e solco intorno al foro centrale, un beccuccio abbastanza allungato dall estremità arrotondata e con foro più o meno circolare, piede a disco (simile al tipo Howland 25 A-B 14 ); 2 con corpo con serbatoio aperto, globulare, con breve orlo inclinato verso l interno 13 Cfr. Bechtold 1999, forma C 4 B. 14 Howland 1958.

15 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 161 e solco intorno al foro centrale, due brevi beccucci dalla forma arrotondata con foro circolare. È infine presente un frammento di orlo forse attribuibile a un tegame in ceramica da fuoco (?), con orlo indistinto, parete leggermente concava e con accentuata carena a spigolo vivo e base di appoggio del coperchio sulla parete interna del corpo, circa 7 mm sotto l orlo 15. Tra la ceramica acroma un gruppo a parte, che si aggiunge alla sessantina di frammenti appena descritti, è quello dei distanziatori per la cottura dei vasi. Ne sono stati rinvenuti 30 (19 integri e 11 frammentari) e costituiscono, come già detto, uno dei principali indizi della presenza di una fornace ellenistica. Alti da 1,8 a 4,4 cm, sono caratterizzati da un orlo a tesa con la superficie superiore abbastanza piana, un corpo cilindrico, che va leggermente a svasare verso il fondo, che è piano, apodo, con apertura al centro di forma circolare irregolare (tav. V). Nella classificazione del Cracolici 16 sono attribuiti al tipo II A2 e sono definiti sostegni a campana, a forma di bicchiere usati per l impilaggio di forme aperte a pareti piuttosto alte, come skyphoi e coppe skyphoidi 17. DISTANZIATORI Tav. V - I distanziatori dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo a Gela. 15 Ricorda forse la forma delle lopades, molto documentate per esempio a Lipari (Bernabò Brea, Cavalier 1965, passim). 16 Cracolici Cracolici 2003, pp. 22, 35 e fig. 7

16 162 STEFANIA GIUNTA 2.4. Altri materiali ceramici (tav. IVb nn. 2-6) Tra i materiali dello scarico della fornace sono inoltre documentati: 9 oscilla integri, di forma circolare, con uno o due fori per la sospensione, privi di decorazione o decorati con il volto di Medusa 18 (in 2 esemplari) e con la figura di Scilla che emerge da un motivo floreale e afferra con le mani le estremità della coda di pesce (in un unico esemplare 19 ); 5 pesi fittili da telaio integri, 4 di forma troncopiramidale e 1 di forma troncoconica; un modellino fittile di barchetta, probabilmente a carattere votivo 20 (inv. 3733); due frammenti di arule fittili, uno con decorazione a basso rilievo di girali vegetali e l altro con decorazione a rilievo di elementi vegetali, ovuli e dentelli. 3. Osservazioni preliminari sulle caratteristiche della ceramica geloa: i dati della fornace ellenistica Da un preliminare esame macroscopico dei reperti di S. Giacomo, l aspetto prevalente degli impasti risulta non molto depurato, calcareo e poroso. Nello specifico, una maggiore attenzione è stata riservata alla ceramica a vernice nera (anche se le osservazioni su questa classe sembrano potersi estendere alle altre), in quanto la prevalente tra i materiali dello scarico e di particolare interesse per la ricerca storico-economica della Sicilia ellenistica 21. Il colore degli impasti varia dal rosso al rosato-giallastro al grigiastro e la frattura è sempre irregolare e granulosa. Sono distinguibili tre tipi di impasto (tav. VI). Il tipo 1, che sembra essere il più documentato, è di colore rosso con molti piccoli e piccolissimi inclusi bianchi opachi di forma irregolare e distribuiti in modo irregolare abbastanza fitto, alcuni, rari, inclusi grigi di piccole dimensioni e alcuni piccolissimi vacuoli. L impasto tipo 2 è di colore grigiastro non uniforme con fittissimi e piccolissimi inclusi bianchi opachi che appaiono non nettamente distinguibili e come mescolati al colore di fondo; sono inoltre presenti frequenti vacuoli. L impasto tipo 3 è di colore rosato chiaro tendente al giallino, con moltissimi inclusi bianchi opachi piccoli e medi e numerosi piccoli vacuoli. In tutti i casi la vernice nera di rivestimento appare opaca, di qualità modesta, 18 Si tratta del tipo di decorazione più frequente per gli oscilla in tutti i contesti ellenistici di Gela (in corso di studio per la tesi di dottorato di chi scrive). 19 È un unicum tra i contesti ellenistici di Gela. 20 La presenza di questo oggetto suscitò particolare interesse per la precisione e finezza della sua realizzazione, a dimostrazione fra l altro del carattere vario e molteplice dell attività di queste fornaci ellenistiche (Adamesteanu 1954, pp ). 21 Le caratteristiche della ceramica a vernice nera della prima età ellenistica di produzione siciliana sono in generale poco note.

17 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA Impasto tipo 1 Skyphos in vernice nera dallo scarico della fornace Impasto tipo 2 Piatto in vernice nera dallo scarico della fornace Impasto tipo 3 Skyphos in vernice nera dallo scarico della fornace Impasto tipo 4 Distanziatori dallo scarico della fornace Impasto di confronto di probabile produzione non locale Coppa in vernice nera dal terreno dell I.N.A. Casa 163 Tav. VI - Alcuni impasti di ceramiche di Gela. distribuita in modo non sempre uniforme, non perfettamente aderente al corpo del vaso e perciò spesso scrostata. Un altro gruppo di ceramica che merita particolare attenzione è quello dei distanziatori per la cottura dei vasi, il cui impasto (tipo 4), caratteristico, si presenta di colore grigio verdastro, con frattura irregolare e granulosa, molto poroso, con alcuni grossi inclusi di colore nero opaco, di forma irregolare arrotondata, distribuiti in modo irregolare e non molto fitto, e molti vacuoli di piccole dimensioni (tav. VI).

18 164 STEFANIA GIUNTA In linea generale, l aspetto degli impasti dei materiali dello scarico della fornace ellenistica di S. Giacomo appare confrontabile con le descrizioni degli impasti dei vasi di Gela di epoche diverse, come sono presentate negli studi passati. In particolare sono state esaminate dagli studiosi le anfore di età arcaica e classica di Gela 22. Nell analisi puntuale condotta dalla Spagnolo 23 vengono individuati, tra queste, alcuni impasti considerati locali, nei quali una delle caratteristiche dominanti sembra la presenza abbondante di inclusi bianchi di calcare di cui restano spesso i vacuoli. Sono state effettuate dagli studiosi anche analisi archeometriche su anfore di epoca arcaica e classica, che non provengono da contesti sicuramente produttivi, ma che sono state riconosciute come locali sulla base di confronti con mattoni di fornaci moderne e perché compatibili con la geologia dell area di Gela 24. Da queste indagini risulta che le caratteristiche della ceramica di produzione locale di Gela sono: argilla calcarea (CaO > 7-8 %), presenza di microforaminiferi, tracce di muscovite e prevalenti clasti di quarzo 25. Anche per i materiali della fornace, oggetto di questo lavoro, sono in corso analisi di laboratorio, chimiche (XRF) e mineralogiche (microscopia ottica su sezioni sottili), che permettono di descrivere i caratteri composizionali dell argilla dei vasi prodotti a Gela, partendo direttamente dai reperti provenienti da una fornace. Sono stati fino adesso analizzati tre campioni di ceramica a vernice nera, tra cui due sicuri scarti, e uno di distanziatore 26. Tutti i campioni sono riferibili ad uno stesso gruppo petrografico, che a livello di matrice si caratterizza per una distribuzione areale da omogenea a moderatamente omogenea, una classazione moderata, dimensioni degli inclusi che variano tra 0.04 e 0.14 mm (da silt grossolano a sabbia molto fine), con la mode intorno a 0.06 mm. La massa di fondo risulta otticamente inattiva, con colore brunastro a nicols paralleli e nero a nicols incrociati, con chiazze di materiale cripto cristallino birifrangente (speckled b- 22 Spagnolo 1995; Barone 2002; Barone et al Spagnolo 1995, pp Barone 2002, pp ; Barone et al. 2004, p. 44. Per una sintesi dei caratteri geologici della collina di Gela vd. Barone 2002, p. 276, con bibliografia citata. Di recente, inoltre, è in corso un programma di analisi di laboratorio su diverse classi ceramiche provenienti da contesti di Gela di differenti periodi, da parte delle Università di Messina e Catania, i cui risultati preliminari sono stati presentati durante un seminario tenutosi presso il Museo archeologico di Gela nell ottobre 2010 ( Risorse ambientali e impianti produttivi a Gela nell antichità: primi risultati di una ricerca congiunta con le Università di Messina e Catania ). 25 Barone 2002, p Lo studio petrografico è stato condotto da I. Iliopoulos dell Università di Patrasso, che ha presentato i risultati analitici anche di altri materiali ceramici di Gela e altri siti della Sicilia nel suo intervento in Olcese 2010, all interno del progetto Immensa Aequora (www.immensaaequora.org).

19 LO SCARICO DELLA FORNACE ELLENISTICA DI S. GIACOMO A GELA 165 fabrics). Predomina il quarzo monocristallino angoloso. In quantità subordinate si riscontrano granuli di calcite. c:f:v 10μ =20:80:<1 27 (fig. 4a-b). Fig. 4a-b 4. Alcune linee di studio Dallo studio finora effettuato emergono diverse linee di ricerca, che sono in corso e che saranno in futuro approfondite. Nei paragrafi successivi ne vengono esposte in maniera preliminare alcune che sembrano di particolare interesse, in relazione alle informazioni che se ne possono ricavare di utilità per gli studi di carattere storico-economico La circolazione della ceramica geloa in età ellenistica L identificazione dei caratteri della ceramica prodotta a Gela in età ellenistica è il punto di partenza per estendere le osservazioni agli altri contesti coevi della città e al territorio circostante La città I materiali di questo scarico non sono molto abbondanti e danno l idea che si tratti di una piccola fornace per la distribuzione locale dei prodotti, forse legata anche alla realizzazione di ceramica per uso funerario e/o cultuale, come si potrebbe dedurre dall abbondante presenza degli unguentari 28 e di alcune forme 27 c = componente grossolano (>0,0625 mm); f = componente fine (<0,0625 mm); v = spazi vuoti. 28 Data l ampia presenza di questo tipo di vasi, Adamesteanu, che li chiama lacrimatoi e ne nota la comune attestazione nelle necropoli, ritiene che la fornace, a cui si riferisce questo scarico, rifornisse gli abitanti di Gela per i corredi funerari (Adamesteanu 1954, pp ).

20 166 STEFANIA GIUNTA miniaturistiche (anforetta e brocchetta acroma, anforetta e kantharos a vernice nera, coppette sia acrome sia a vernice nera). Tramite lo studio in corso 29, è possibile evidenziare in che modo i materiali prodotti localmente, nel periodo in esame, circolino all interno della stessa città e in quale misura si affianchino a ceramiche di probabile importazione. Al punto attuale della ricerca risulta che la maggior parte dei reperti ceramici presenti in diversi contesti ellenistici di Gela, case, terme, necropoli 30, è simile alla ceramica locale. Appare però evidente la compresenza di ceramiche dalle caratteristiche molto diverse. Limitandosi, in questa sede, ad accennare solamente alla problematica, un esempio molto chiaro è dato dalla ceramica a vernice nera. Gli impasti dei reperti della fornace ellenistica si differenziano da altri impasti di contenitori, pure presenti a Gela con molta probabilità importati, che appaiono molto più depurati, con rarissimi inclusi poco visibili e con frattura generalmente netta. In questi stessi campioni inoltre anche l aspetto della vernice è differente: è molto lucida, compatta e ben stesa, di qualità decisamente superiore. Si tratta spesso di vasi che presentano anche una decorazione stampigliata, in prevalenze con palmette e festoni, che non è invece mai documentata tra i materiali della fornace ellenistica (tav. VI) Il territorio Per quanto riguarda invece il territorio circostante, un obiettivo di questa ricerca è, dopo aver stabilito, tramite lo studio dei materiali della fornace, i caratteri della ceramica geloa, tentare di differenziare la produzione di Gela da quella di altri siti della Sicilia, della stessa epoca. Innanzitutto si può notare che molte delle forme attestate tra i materiali dello scarico della fornace ellenistica di Gela trovano confronti con ceramiche provenienti da contesti di scavo di altri siti coevi della Sicilia. La produzione di Gela si inserisce pienamente all interno del panorama della cultura materiale della Sicilia della prima età ellenistica. Le osservazioni, al punto attuale del presente lavoro, sono soltanto tipologiche. Si possono citare, a titolo di esempio, per la ceramica vernice nera la coppetta simile al tipo Morel 2714 f1 31, ben documentata in Sicilia tra la fine del IV e la prima metà del III sec. a.c. e presente, per esempio, nella necropoli di Lilybeo 29 Ricerche per la tesi di dottorato di chi scrive. 30 Si tratta dei contesti indagati da Orlandini e Adamesteanu (vd. paragrafo 1 e nota 3), in corso di studio per la tesi di dottorato di chi scrive. 31 Il tipo Morel 2714 f1 è relativo a un vaso proveniente da Segesta, di produzione locale o regionale, ed è datato circa al 310 ± 30 a.c. (Morel 1981, p. 209).

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio

LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 4. LA CERAMICA A VERNICE ROSSA di Maria Aprosio 1 Lippolis 1984, pp. 31-34. 2 Goudineau 1968, pp. 320-322. 3 Lamboglia 1950, p. 69. 4 Cristofani 1972, p. 506. 5 Palermo 1990, pp. 114-115. 6 Cristofani

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico QUARTE GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDI SULL AREA ELIMA (Erice, 1-4 dicembre 2000) ATTI I Pisa 2003 Il

Dettagli

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE

HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE 44 HISTOIRE DES COLLECTIONS NUMISMATIQUES ET DES INSTITUTIONS VOUÉES À LA NUMISMATIQUE Lavinia Sole COLLEZIONI NUMISMATICHE DEI MUSEI DELLA PROVINCIA DI CALTANISSETTA Le principali collezioni numismatiche

Dettagli

Nora. Il foro romano

Nora. Il foro romano Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Archeologia Nora. Il foro romano Storia di un area urbana dall età fenicia alla tarda antichità 1997-2006 Volume II.2 - I materiali romani E GLI ALTRI

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA 2 Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Le terrecotte architettoniche nelle coperture degli edifici templari arcaici sicelioti.

Dettagli

CERAMICA A PARETI SOTTILI:

CERAMICA A PARETI SOTTILI: CERAMICA A PARETI SOTTILI: con questo termine si indica un tipo di ceramica fine da mensa, con funzione prevalentemente potoria, caratterizzata dall'estrema sottigliezza delle pareti, che va da un minimo

Dettagli

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova * Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova Da più di 20 anni si conducono a Genova ricerche di archeologia urbana che hanno permesso di delineare un quadro pur lacunoso delle fasi

Dettagli

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA

LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA PARCO ARCHEOLOGICO TERRACQUEO DI KAMARINA LE ANFORE ARCAICHE DI KAMARINA SCHEDE DIDATTICHE REGIONE SICILIANA Assessorato dei beni culturali e dell identità siciliana 1 A Il PADIGLIONE DELLE ANFORE Il Padiglione

Dettagli

Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta

Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Rosalba Panvini Soprintendente per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Le importazioni delle ceramiche attiche a figure nere nell entroterra sicano. Un contributo dall esame dei vasi rinvenuti

Dettagli

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE)

CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi 181 CINQUE BOCCALI DI MAIOLICA ARCAICA DA UN POZZO IN PIAZZA MARCONI A BRESCELLO (RE) Ivan Chiesi LO SCAVO Lavori edili eseguiti dalla ditta Bonini e Bussolati di Parma nel comparto N-E del

Dettagli

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante

Tarquinia, complesso monumentale : ceramica di impasto di epoca villanoviana e orientalizzante XVII International Congress of Classical Archaeology, Roma 22-26 Sept. 2008 Session: Tra importazione e produzione locale: lineamenti teoretici e applicazioni pratiche per l individuazione di modelli culturali...

Dettagli

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1

Le tombe del VI e V secolo a.c. della necropoli di Capua materiali ritrovati per lo studio della comunità arcaica 1 The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Formato europeo per il curriculum vitae

Formato europeo per il curriculum vitae Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Serra Alfonsa Nazionalità Italiana Data di nascita 06/01/76 Luogo di nascita Sant'Agata di Militello (ME) Indirizzo Residenza Codice

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale.

Cinque occasioni da non perdere. Nazionale. Cinque occasioni da non perdere 1 Il Museo 2 I Templi 3 L anfiteatro. Nazionale. Paestum Una città antica. 4 Il Comune di 5 Il Parco Nazionale del Cilento e Valle di Capaccio, una meraviglia ed una scoperta

Dettagli

ATTESTAZIONI DI TERRA SIGILLATA TARDA MEDIO-ADRIATICA A TRENTO

ATTESTAZIONI DI TERRA SIGILLATA TARDA MEDIO-ADRIATICA A TRENTO Roberta Oberosler 79 ATTESTAZIONI DI TERRA SIGILLATA TARDA MEDIO-ADRIATICA A TRENTO Roberta Oberosler Gli studi più recenti sulla presenza di terra sigillata nel capoluogo trentino hanno permesso di approfondire

Dettagli

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca

Dopo Zancle fu la volta di Naxos (735 a. C.), per lungo tempo considerata la prima colonia greca Itinerario della Sicilia Greca La Sicilia è culla di un antica storia che affonda le sue radici nei lontanissimi secoli Ante Christum, quando a dominare erano i greci, diffusori di una cultura fatta di

Dettagli

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma

Due tombe d età imperiale rinvenute in via dell Acqua Bullicante a Roma The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino

IL NON TOFET DI FAVIGNANA. Giovanni Mannino IL NON TOFET DI FAVIGNANA Giovanni Mannino Il nome tofet lo troviamo per la prima volta nella Bibbia, nel libro del profeta Geremia (7,30; circa 600 a.c.) e ne viene spiegato il significato: Hanno costruito

Dettagli

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana

Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana U.O. III - Museo Archeologico Regionale Antonino Salinas Progetto didattico : Dal Museo

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

Fornaci da vasaio dell isolato FF1 Nord. e produzione anforica nella Selinunte punica (Sicilia)

Fornaci da vasaio dell isolato FF1 Nord. e produzione anforica nella Selinunte punica (Sicilia) 1 MARTINE FOURMONT * Fornaci da vasaio dell isolato FF1 Nord e produzione anforica nella Selinunte punica (Sicilia) ABSTRACT ** Lo studio sistematico dell insieme dei reperti relativi a tre fornaci di

Dettagli

Le ceramiche comuni di età romana

Le ceramiche comuni di età romana Le ceramiche comuni di età romana Alessandro Quercia Introduzione Le ceramiche comuni di età romana 1 costituiscono di gran lunga la categoria ceramica maggiormente attestata nello scavo di via Sacchi:

Dettagli

www.archeologiametodologie.com

www.archeologiametodologie.com Università degli Studi di Genova Facoltà di Lettere e Filosofia Corso di laurea in Conservazione dei Beni Culturali A.A. 2005-2006 Tesi di Laurea in Metodologie della Ricerca Archeologica LA PRODUZIONE

Dettagli

Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma

Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma Facem 1 P RISCILLA MUNZI V. G UARINO, A. DE B ONIS, C. G RIFA, A. L ANGELLA, V. M ORRA Le ceramiche ellenistiche del santuario periurbano settentrionale di Cuma Fig. 1. Veduta aerea di Cuma (Foto J. P.

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

Il disegno archeologico della ceramica

Il disegno archeologico della ceramica Il disegno archeologico della ceramica Cynthia Mascione, Arianna Luna Il disegno affianca la schedatura dei reperti, è utile all articolazione della tipologia, accompagna e illustra in fase di edizione

Dettagli

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO

ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO ELENCO DEI MUSEI E DELLE GALLERIE OGGETTO DI STUDIO SPECIFICO 1. Museo Archeologico di Lentini (Frammento di coppa a figure nere con quadriga proveniente Dalla Stipe votiva di Metapiccola); 2. Museo Archeologico

Dettagli

Immensa Aequora. Una banca dei dati archeologici e archeometrici delle ceramiche prodotte in Italia centro-meridionale

Immensa Aequora. Una banca dei dati archeologici e archeometrici delle ceramiche prodotte in Italia centro-meridionale Immensa Aequora. Una banca dei dati archeologici e archeometrici delle ceramiche prodotte in Italia centro-meridionale Gloria Olcese*, Claudio Cortese**, Caterina Coletti*, Stefania Giunta*, Ilaria Manzini*

Dettagli

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi

www.crescerealmuseo.it Museo Civico A.Parazzi Viadana Civico A.Parazzi Il Civico A. Parazzi è collocato nel Mu.Vi., edificio che ospita altre istituzioni culturali ( della Città A. Ghinzelli, Biblioteca, Galleria d Arte Moderna e Contemporanea, Ludoteca,

Dettagli

Elenco degli oggetti in mostra

Elenco degli oggetti in mostra Elenco degli oggetti in mostra Tutti i reperti provengono dalla fabbrica dei profumi di Pyrgos e dal distretto di e sono conservati presso il Museo Archeologico di. Fotografie, misure e numeri di inventario

Dettagli

CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE

CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE CURRICULUM VITAE STEFANO IAVARONE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di Nascita Cittadinanza Stefano Iavarone Indirizzo Telefono E-mail ISTRUZIONE E FORMAZIONE A.a. 2012/13 - in corso Dottorato di ricerca

Dettagli

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FORMAZIONE TITOLI. Laurea in Lettere classiche (1970).

Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI FORMAZIONE TITOLI. Laurea in Lettere classiche (1970). Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Nome OSCAR Cognome BELVEDERE Recapiti Facoltà di Lettere, ed. 12, Dip.to Beni Culturali/Studi Culturali, 09123899410 Telefono 091-23899410 E-mail oscar.belvedere@unipa.it

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

Università degli Studi di Palermo

Università degli Studi di Palermo Università degli Studi di Palermo IL POLO MUSEALE DELLA CHORA SELINUNTINA. ITINERARI TURISTICI NEL TERRITORIO SELINUNTINO Eleonora Cammarata Executive Summary Coordinatore Prof. Giuseppe Guerrera L'enfasi

Dettagli

VERE DA CISTERNA CON GORGONEIA DA GELA

VERE DA CISTERNA CON GORGONEIA DA GELA 61 MARINA CASTOLDI VERE DA CISTERNA CON GORGONEIA DA GELA Tra le antefisse gorgoniche di Gela, uno dei tipi più diffusi è rappresentato da una maschera molto particolare, dai caratteri già pienamente umanizzati:

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5

INDICE. Museo Archeologico: informazioni generali...p. 2. Sezione altomedievale... p. 3. Costi attività didattiche...p. 5 INDICE Museo Archeologico: informazioni generali.....p. 2 Sezione altomedievale....... p. 3 Costi attività didattiche........p. 5 Dove sono i musei e i siti...p. 5 Il Museo per gli Insegnanti....p. 6 Informazioni

Dettagli

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni.

L urbanistica di Segesta è ancora in corso di indagine: sono segnalati alcuni probabili tracciati viari, l area dell agorà e alcune abitazioni. SEGESTA La città Situata nella parte nord-occidentale della Sicilia, Segesta fu una delle principali città degli Elimi, un popolo di cultura e tradizione peninsulare che, secondo lo storico greco Tucidide,

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Agata Abate. Istruzione. Formazione. Nome / Cognome. Data di nascita 01/12/1980.

Curriculum Vitae. Informazioni personali. Agata Abate. Istruzione. Formazione. Nome / Cognome. Data di nascita 01/12/1980. Curriculum Vitae Informazioni personali Nome / Cognome Cittadinanza Agata Abate Italiana Data di nascita 01/12/1980 Sesso Femminile Istruzione erogatrice dell istruzione Livello nella classificazione nazionale

Dettagli

Ceramica invetriata da Vada Sabatia

Ceramica invetriata da Vada Sabatia Ceramica invetriata da Vada Sabatia 1. Il centro di Vada Sabatia sorge nel II secolo a.c. nel punto di innesto costiero della via Aemilia Scauri (poi Iulia Augusta) che, dall'entroterra piemontese e ligure,

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina

Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina Ceramica invetriata altomedievale e medievale da alcuni siti della Sabina Negli ultimi anni numerosi indagini archeologiche sia scavi che "survey" stanno gettando luce sulle produzioni ceramiche della

Dettagli

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi

Esempi di tecniche decorative con le. argille nelle collezioni del MIC. Percorso tematico per il corso. Dipingere con gli ingobbi Esempi di tecniche decorative con le argille nelle collezioni del MIC Percorso tematico per il corso Dipingere con gli ingobbi Faenza settembre 2011 A cura di Anna Lega SALA DIDATTICA: IMPASTO MARMORIZZATO

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

Il palazzo minoico di Monastiraki a Creta

Il palazzo minoico di Monastiraki a Creta SERENA DI TONTO, ALESSANDRA FERRARO, SILVIA FESTUCCIA, GERMANA PECORARO Il palazzo minoico di Monastiraki a Creta Introduzione A partire dal 2002, l Università degli Studî Suor Orsola Benincasa di Napoli,

Dettagli

Vetri da contesti postclassici di Faenza (XV-XVIII secolo)

Vetri da contesti postclassici di Faenza (XV-XVIII secolo) Quaderni Friulani di Archeologia XIX/2009 Vetri da contesti postclassici di Faenza (XV-XVIII secolo) Chiara guarnieri Uno studio recentemente pubblicato, relativo ai butti rinvenuti nel centro urbano di

Dettagli

Mozia Residence. La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi

Mozia Residence. La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi Mozia Residence La Passione e il Fascino Mediterraneo racchiuse in un piccolo Paradiso solo per Voi La Storia La laguna dello Stagnone, una delle più belle riserve naturali orientate della provincia di

Dettagli

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria)

Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) 1 Tell Shiyukh Tahtani (Nord Siria) Relazione della campagna di scavo 2010 condotta dalla Missione Eufrate dell Università di Palermo di Gioacchino Falsone e Paola Sconzo Nell estate del 2010 la Missione

Dettagli

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico

SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA Laboratorio di Storia, Archeologia e Topografia del Mondo Antico QUARTE GIORNATE INTERNAZIONALI DI STUDI SULL AREA ELIMA (Erice, 1-4 dicembre 2000) ATTI III Pisa 2003 Il

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

Attività di prospezione archeologica sul sito di Podere Castellina (Scarlino, GR)

Attività di prospezione archeologica sul sito di Podere Castellina (Scarlino, GR) Attività di prospezione archeologica sul sito di Podere Castellina (Scarlino, GR) LAP&T (Laboratorio di Archeologia dei Paesaggi e Telerilevamento), Dipartimento di Archeologia, Università di Siena) La

Dettagli

RITUALI FUNERARI - 39 -

RITUALI FUNERARI - 39 - II RITUALI FUNERARI Nelle colonie magnogreche e siceliote possiamo, in generale, osservare una netta prevalenza del rito inumatorio rispetto a quello crematorio 1. A Pithekoussai, ad esempio, nell VIII

Dettagli

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este

Con la Scuola al Museo Nazionale Atestino di Este Associazione culturale Studio D info@studiodarcheologia.it Attività didattiche e di valorizzazione 2015-2016 MUSEO NAZIONALE ATESTINO DI ESTE Premessa Il Museo Nazionale Atestino si trova dal 1902 nel

Dettagli

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia*

Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* Relazione preliminare sui recenti ritrovamenti compiuti dalla Società Archeologica Viterbese Pro Ferento nel territorio della Tuscia* CHIARA DE SANTIS Fig. 1 Pianta della Tomba Comune di Viterbo Località

Dettagli

I contenitori da cantina e da trasporto

I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore I contenitori da cantina e da trasporto Le anfore Caratteristiche generali Area di produzione Cronologia Note Amphora: unità di misura di capacità pari a ca. 26 litri Contenitori/solidi di rotazione

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Asola Museo Civico Goffredo Bellini

Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini Asola Museo Civico Goffredo Bellini La collezione comprende: reperti archeologici dalla preistoria all età romana; un fondo di libri antichi; testimonianze dell appartenenza

Dettagli

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo

Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici. archeologia@storia.palermo Corso di aggiornamento Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo U.O. X per i Beni Archeologici archeologia@storia.palermo Premessa La U.O. X per i Beni Archeologici della Soprintendenza BB.CC.AA. di Palermo,

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

I LATERIZI prima parte

I LATERIZI prima parte Materiali per l architettura (6CFU) prof. Alberto De Capua Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 I LATERIZI prima parte Informazioni storiche

Dettagli

IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO)

IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO) ROBERTO CAPRARA FRANCO DELL AQUILA IL VILLAGGIO RUPESTRE DELLA GRAVINA MADONNA DELLA SCALA A MASSAFRA (TARANTO) Contributi di Pasquale Acquafredda, Andrea Caprara, Domenico Caragnano, Antonio Greco, Giulio

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

V. VETRI ALTOMEDIEVALI DAGLI SCAVI DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA 1

V. VETRI ALTOMEDIEVALI DAGLI SCAVI DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA 1 V. VETRI ALTOMEDIEVALI DAGLI SCAVI DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA 1 PREMESSA 1. Il presente lavoro è frutto della collaborazione di Mariacristina Galgani e Marja Mendera: la prima ha

Dettagli

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe

389 Nuoro-Bitti, Complesso nuragico di Noddule Il nuraghe Lungo la SS 389 Nuoro-Bitti, prima di raggiungere la Fonte sacra di Su Tempiesu, sono ubicati, vicino alla strada e quindi facilmente accessibili, i complessi monumentali di Noddule e di Su Pradu che si

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

I Pinakes di Locri Epizefiri

I Pinakes di Locri Epizefiri I Pinakes di Locri Epizefiri tavolette votive in terracotta prodotte a Locri fra il VI e il V sec. a.c. Il corpus analitico di 5360 frammenti dei pinakes è stato pubblicato, suddiviso in tre parti, in

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15)

VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) VISITA GUIDATA ALLE NECROPOLI GRECHE (13/03/15) Taranto fu fondata nel 706 a.c. dai coloni spartani, rendendo schiave le popolazioni indigene locali. Si estendeva dalla penisola del borgo antico fino alle

Dettagli

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv

Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell'area PON. Parte 1 - Le scuole statali...iv Appendice 1 - Tavole sulla numerosità delle scuole statali e non statali dell' Parte 1 - Le scuole statali...iv Istituzioni scolastiche statali interessate per livello... IV Tavola A1.1 - Istituzioni scolastiche

Dettagli

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo)

Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato sito in Via Villafalletto n 6-14 Saluzzo (Cuneo) Chiara Bettinzoli Conservazione e restauro opere d arte Via Mons. Romero n 5-10022 Carmagnola ( To ) P.I. 08461530019 - Tel. 338/ 6811593 Saggi di indagine stratigrafica eseguiti sulle facciate del fabbricato

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

Siti archeologici del territorio nisseno in rapporto alle testimonianze diodoree.

Siti archeologici del territorio nisseno in rapporto alle testimonianze diodoree. Carla Guzzone Soprintendenza per i Beni Culturali ed Ambientali di Caltanissetta Siti archeologici del territorio nisseno in rapporto alle testimonianze diodoree. L importanza crescente che l opera di

Dettagli

SEMATA E NAISKOI DALLE AREE FUNERARIE URBANE

SEMATA E NAISKOI DALLE AREE FUNERARIE URBANE IV SEMATA E NAISKOI DALLE AREE FUNERARIE URBANE Il soprassuolo delle aree sepolcrali urbane era originariamente arricchito da stele, cippi funerari e vere e proprie strutture architettoniche 1 ; non tutte

Dettagli

LA NECROPOLI ORIENTALIZZANTE E TARDO-ARCAICA DI VILLA BRUSCHI- FALGARI A TARQUINIA

LA NECROPOLI ORIENTALIZZANTE E TARDO-ARCAICA DI VILLA BRUSCHI- FALGARI A TARQUINIA LA NECROPOLI ORIENTALIZZANTE E TARDO-ARCAICA DI VILLA BRUSCHI- FALGARI A TARQUINIA Preliminarmente è da precisare che la presente relazione nasce dai diversi contributi degli autori. Ludovico Magrini,

Dettagli

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13

12 TESORI CIVITA CASTELLANA STORIA E LEGGENDE D ITALIA 13 Capitale del territorio falisco, Falerii Veteres sorgeva nel luogo dell odierna Civita Castellana, su un altopiano tufaceo delimitato dal Rio Maggiore a nord, dal Rio Filetto a sud e dal fiume Treja ad

Dettagli

ALLA RICERCA DI ENTELLA

ALLA RICERCA DI ENTELLA SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA LABORATORIO DI TOPOGRAFIA STORICO-ARCHEOLOGICA DEL MONDO ANTICO ALLA RICERCA DI ENTELLA a cura di Giuseppe Nenci PISA 1993 SCUOLA NORMALE SUPERIORE DI PISA LABORATORIO

Dettagli

DELL ARCHITETTURA GRECA

DELL ARCHITETTURA GRECA GLI ORDINI DELL ARCHITETTURA GRECA APPUNTI SCHIZZI E COMPOSIZIONI DI. Anno scolastico 2013/2014 Classe I media Arte e Immagine Prof.ssa Giuditta Niccoli 1 Gli stili o ordini dell architettura greca sono

Dettagli

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco

Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Tour della Sicilia Orientale lo splendore del barocco Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016

Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 Laboratori didattici di archeologia e storia per le scuole a cura dell Associazione culturale L INFO-ATTIVA di Ostia Antica 2015/2016 I. LA STORIA IN GIOCO: terza, quarta e quinta elementare II. LA STORIA

Dettagli

56 Stato civile-anagrafe

56 Stato civile-anagrafe 56 Stato civile-anagrafe 56/I Diplomi Patenti notarili - Sec. XVIII - XIX. 1. Quaderno: "Diploma di Antonii Michl", cc. 8, copertina decorata 2. Privilegio: Diploma di cittadinanza concesso alla casa Zanotti

Dettagli

Categoria Provincia Comune Denominazione Indirizzo Musei archeologici Agrigento Agrigento Museo archeologico regionale Contrada San Nicola 12 Musei e Gallerie Agrigento Agrigento Biblioteca Museo regionale

Dettagli

Attività didattica a.s. 2015/2016

Attività didattica a.s. 2015/2016 MUSEO CIVICO di MANERBIO e DEL TERRITORIO Attività didattica a.s. 2015/2016 Percorsi didattici Scuola dell infanzia Scuola primaria Scuola secondaria di I grado Scuola secondaria di II grado Museo Civico

Dettagli

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito

Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Una cava di marmi rossi dimenticata nell Entroterra di La Spezia : riscoperta e possibile valorizzazione di un geosito Sergio Mancini geologo - Università di Siena Nell entroterra della provincia di La

Dettagli

Archeologia a scuola

Archeologia a scuola Archeologia a scuola Progetto per attività didattiche archeologiche per le scuole primarie e secondarie proposto da: Museo di Archeologia per Roma UNIVERSITA DI ROMA TOR VERGATA Piccoli Archeologi Progetto

Dettagli

GRECIA CLASSICA architettura

GRECIA CLASSICA architettura GRECIA CLASSICA architettura 1200-400 a.c. Grecia classica La Mesopotamia è stata la culla delle più antiche civiltà del Vicino Oriente mentre m la Grecia ha rappresentato la radice della civiltà occidentale

Dettagli

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico)

MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) MODULO 3/4 - TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE - (Supporto didattico) 1. Alcuni obiettivi da far conseguire agli alunni entro la quinta classe della scuola primaria riguardano sostanzialmente un capitolo della

Dettagli

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 341/ 06.09.2013 TERRIER BRASILEIRO L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: inglese. ORIGINE: Brasile DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

PIGMENTI E COLORANTI

PIGMENTI E COLORANTI I materiali colorati utilizzati per realizzare un film pittorico vengono definiti pigmenti e sono ben differenziati dai coloranti. I pigmenti sono costituti da polveri più o meno fini, colorate, insolubili

Dettagli

OGGETTO: Rete Unitaria Amministrazione Regionale. Comunicazione indirizzi e password, modalità di accesso e gestione. Convocazione.

OGGETTO: Rete Unitaria Amministrazione Regionale. Comunicazione indirizzi e password, modalità di accesso e gestione. Convocazione. REPUBBLICA ITALIANA Numero di Codice Fiscale 80012000826 Numero di Partita I.V.A. 02711070827 Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione Dipartimento Regionale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE CORSO DI STORIA DELL ARCHITETTURA Prof.ssa Irene Giustina Corso di Laurea in Ingegneria Civile V.O. Corso di Laurea

Dettagli

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico

DATI DI SINTESI GS Giudizio sintetico PALERMO 1 Percentuale edifici in muratura 34% 2 Materiali: Tipi Tufo Calcareo (calcarenite): domina nei terreni su cui si è sviluppato l abitato e rappresenta da sempre la pietra più utilizzata a Palermo.

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA 2013/2014 L archeologia, il cui nome deriva dal greco e significa discorso sulle cose antiche, e la scienza che studia la storia dell uomo e le civiltà del passato tramite l analisi dei reperti archeologici rinvenuti

Dettagli