TU PRIMUS CIRCUMDEDISTI ME DIVINO AUXILIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TU PRIMUS CIRCUMDEDISTI ME DIVINO AUXILIO"

Transcript

1 RAFFAELE GARGIULO TU PRIMUS CIRCUMDEDISTI ME DIVINO AUXILIO FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA RIVISTA MARITTIMA

2

3 Raffaele GARGIULO TU PRIMUS CIRCUMDEDISTI ME, DIVINO AUXILIO! FRANCIS DRAKE IL CORSARO DELLA REGINA «Solo pochi uomini possono dare del Tu al mare. Quei pochi non glielo danno». Antico proverbio marinaro Rivista Marittima

4 2 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA Supplemento alla Rivista Marittima

5 INDICE PREMESSA pag. 3 INTRODUZIONE pag. 8 L AVVENTO INGLESE pag. 13 LA NASCITA DI UN CORSARO pag. 22 L INVINCIBILE ARMATA pag.72 IL TRAMONTO pag. 76 BIBLIOGRAFIA pag. 78

6 4 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA Supplemento alla Rivista Marittima

7 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 5 PREMESSA Il 28 novembre 1520 Ferdinando Magellano raggiunse il passaggio che oggi è noto come Stretto di Magellano e raggiunse l Oceano Pacifico. La spedizione, intrapresa tra il 10 agosto 1519 e il 6 settembre 1522 da una flotta di 5 navi capitanate dal portoghese Ferdinando Magellano al servizio della corona spagnola, fu la prima a intraprendere la circumnavigazione del globo. Il viaggio si concluse con gravi perdite; ritornò solo una nave, la Victoria nel 1522, al comando di Juan Sebastian Elcano (1), uno dei sopravvissuti della spedizione. Dei 234 tra soldati e marinai che formavano l equipaggio iniziale, infatti, soltanto 18 si salvarono. La storia del viaggio è nota grazie agli appunti dell uomo di fiducia e cronista di Magellano, il vicentino Antonio Pigafetta. Quale fu dunque l importanza della scoperta di Magellano? Magellano voleva assicurare alla Spagna Ferdinando Magellano. le Isole delle Spezie e le altre conquiste, con la posta della sua vita; ma quello che aveva iniziato come un impresa eroica finisce in un miserando baratto: l imperatore Carlo V rivende le Molucche al Portogallo per trecentocinquantamila ducati che continuarono a essere sfruttate dai portoghesi. La via di ponente scoperta da Magellano non viene quasi più percorsa, l itinerario da lui segnato non porta né guadagni né oro e né alcun beneficio alla Spagna. La sua grande scoperta geografica, lo stretto, aveva ben poco valore pratico, dal momento che era lontano e pericoloso e non valeva la pena di rischiare quando al di là non c era null altro se non la distesa deserta del Pacifico. Anche dopo la sua morte la sventura continua a perseguitare chiunque fidasse in Magellano; quasi tutte le flotte spagnole che vollero ripete- (1) In realtà, una nave la San Antonio, disertò e ritornò in Spagna prima della scoperta dello Stretto di Magellano e la Trinidad fu catturata dai portoghesi a Ternate essendo rimasta nelle acque dell arcipelago delle Filippine per riparazioni a seguito di un incaglio in bassi fondali, mentre la Victoria, rientrava in Spagna. L equipaggio della Tinidad fu imprigionato dai portoghesi e dopo alcuni anni, nel 1526, ritornarono in patria solo 5 superstiti. Aprile 2011

8 6 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA Carta dello Stretto di Magellano di Jocodus Hondius del re la sua spedizione perirono nello stretto che porta il suo nome; ben presto i navigatori imparano paurosi a evitarlo. Gli Spagnoli preferirono concentrarsi nello sfruttamento dei tesori del Messico e del Perù e trasportare le merci in lunghe carovane oltre l istmo di Panama, piuttosto che sfidare i cupi fiordi della Patagonia. La strada di Magellano, la cui scoperta era stata salutata con giubilo da tutto il mondo, viene così completamente messa al bando a causa dei pericoli che presenta, tanto che nel corso di una sola generazione finisce per cadere del tutto nell oblio, per trasformarsi di nuovo in un mi- Supplemento alla Rivista Marittima

9 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 7 to. Tanto leggendaria diventa, che l audace pirata Francis Drake per cinquantotto anni l adopera come rifugio da dove balzare di sorpresa come un falco sugli ignari coloni spagnoli della costa occidentale, saccheggiandone i carichi d argento. Allora soltanto gli spagnoli se ne rammentano e costruiscono frettolosamente una fortezza per impedirvi l entrata ad altri filibustieri. Ma la sventura perseguita chiunque segue Magellano. La flotta condotta da Sarmiento, per ordine del re di Spagna, nello stretto, si sfracella sugli scogli, la fortezza ivi eretta va in rovina e il nome di Porto Hambre, Porto della Fame, serba l orrendo ricordo della morte per inedia dei suoi colonizzatori (2). Pochi pescatori di balene, di tanto in tanto un veliero temerario, solcano quello stretto di cui Magellano sognava fare la via maestra del commercio fra l Europa e l Oriente. (2) Pedro Sarmiento de Gamboa è stato uno dei grandi navigatori del XVI secolo e le sue vicende gli permisero di mettere in evidenza delle doti non comuni di perizia marinaresca e di forza morale. Tuttavia la maggiore impresa legata al suo nome, il tentativo, da parte della Spagna, di colonizzare e fortificare lo Stretto di Magellano, per impedire il ripetersi di incursioni piratesche come quella di Francis Drake, è passato alla storia come uno dei più clamorosi fallimenti. La sfortuna sembra essersi particolarmente accanita contro la pur indomita volontà di questo insigne uomo di mare, distruggendo i suoi progetti che pure egli aveva preparato con cura e senso dell organizzazione. È probabile che, se anche le due città da lui fondate nello Stretto quella del Nome di Gesù e quella del Re Filippo non fossero state cancellate dal freddo e dalla fame, la loro funzione strategica sarebbe stata comunque vanificata dalla scoperta da parte di Schouten e Le Maire, compiuta nel 1616, della rotta del Capo Horn, che permise ancora una volta ai nemici della Spagna gli Olandesi, questa volta, e tanti altri dopo di loro di violare il passaggio dall Atlantico al Pacifico, penetrando nelle immensità del «lago spagnolo» e minacciando i traffici iberici e le indifese città della costa occidentale del Nuovo Mondo. Tuttavia la storia non si può fare con i se e con i ma, e il tragico destino delle due città magellaniche fondate da Sarmiento è rimasto come un tetro avvertimento che i disegni umani nulla possono contro la forza del destino, quando non sono accompagnati dal sorriso benevolo dell incostante Dea bendata. Aprile 2011

10 8 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA INTRODUZIONE Gli Spagnoli non riuscirono a dimenticare del tutto l oceano che Magellano aveva dato loro. Anche dopo che Carlo V aveva rinunciato alle Molucche, gli Spagnoli inviarono alcune spedizioni nel Pacifico. Nel 1537 dal Messico Cortès mandò due navi, al comando di Pedro de Alvarado (3) ed Hernando Grijalva, in perlustrazione lungo la linea dell equatore alla ricerca di due isole che si diceva fossero ricche d oro. Scoprirono un certo numero di isole, tra cui le Gilberts, ma non trovarono l oro. A seguito di una tempesta le due navi si separarono e l equipaggio della nave di Grijalva allora si ammutinò, trucidò il comandante e poco dopo fece naufragio al largo della Nuova Guinea. Sette superstiti raggiunsero le Molucche e furono presi prigionieri dai portoghesi. Nel 1542 la Spagna si ricordò finalmente delle «Isole di San Lazzaro», per cui Magellano aveva perso la vita. Ci fu una nuova spedizione, partita anch essa dal Messico (4), guidata da Ruy Lòpez de Villalobos (5) al quale si deve il merito di aver dato il nome all arcipelago delle Filippine, in onore del figlio di Carlo V, e ne prese formalmente possesso in nome della Spagna. Anche se fu necessario conquistare Mindanao con la forza, ben presto gli Spagnoli poterono commerciare liberamente con gli abitanti di molte isole. Questo suscitò le ire dei portoghesi, che dalle Molucche fecero sapere che tutte le isole del Pacifico appartenevano al Portogallo; ma Villalobos contestò le (3) Pedro de Alvarado y Contreras, (Badajoz, incerto circa Guadalajara, 4 luglio 1541) conosciuto come Don Pedro de Alvarado e Tonatiuh dai nativi messicani, è stato un condottiero spagnolo e governatore del Guatemala. Il soprannome Tonatiuh (letteralmente «figlio del sole») era dovuto ai suoi capelli biondi e al suo carattere esuberante e spaccone. Durante i combattimenti diventava però diffidente e crudele oltre misura, e fu spesso rimproverato dallo stesso Cortés per eccessiva ferocia. Nel 1519 fece parte della terza spedizione di Hernán Cortés nel Messico. Partecipò alla conquista dell Impero degli Aztechi e fu uno dei cinque spagnoli che insieme con Cortés fecero prigioniero l imperatore Montezuma nella sua reggia. Alvarado era l uomo di fiducia di Hernan Cortès, il quale, costretto ad allontanarsi dal Messico per affrontare le truppe inviate dal governatore di Cuba contro di lui, gli affidò il comando degli uomini. Egli non si dimostrò all altezza del suo astuto e calcolatore comandante, massacrò infatti un gruppo di Aztechi durante una cerimonia religiosa nel Templo Mayor di Tenochtitlán, facendo scoppiare una rivolta che causò la morte di molti soldati iberici. Cortés al suo ritorno redarguì aspramente Alvarado, non riuscendo più a ristabilire la pace con gli offesi aztechi. Fu anzi costretto a fuggire da Tenochtitlán con gravi perdite, in una notte (30 giugno - 1º luglio 1520) ricordata dai Conquistadores come La Noche Triste, la triste notte della sconfitta. Durante gli scontri notturni tra conquistadores e indigeni, Alvarado sistematosi con pochi uomini a guardia degli argini che portavano da Tenochtitlán alla terraferma, tenne a bada per ore migliaia di guerrieri aztechi e venne perciò soprannominato dai nemici stessi «Tonatiuh», figlio del Sole. Durante la conquista della capitale divenne famoso con el salto de Alvarado. Circondato dai nemici e con alle spalle un canale, puntò la sua lancia nell acqua e, a mò di primitivo salto con l asta, raggiunse con un balzo la sponda di fronte, lasciando sbalorditi gli avversari. Nel 1523 Alvarado intraprese la campagna di occupazione del Guatemala. Fu uno degli artefici della conquista della parte settentrionale dell America centrale (attuali Stati di Guatemala, di El Salvador e dell Honduras), insieme ad Hernán Cortés, suo diretto superiore, a Diego de Rojas e al proprio fratello Gonzalo de Alvarado. Nel 1527 si recò in Spagna richiamato da Carlo V, che, in virtù dei servigi resi alla Corona, lo nominò governatore e capitano generale del Guatemala. Morì cadendo in un precipizio, mentre combatteva per sedare una ribellione di Indios messicani. Dai cronisti dell epoca viene descritto come un uomo energico e crudele. Supplemento alla Rivista Marittima

11 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 9 loro pretese sostenendo che soltanto le Molucche erano portoghesi mentre le restanti isole erano in territorio castigliano. Dopo aver trascorso un anno nelle Filippine, si imbarcò in un maldestro viaggio di esplorazione che alla fine lo portò a Timore, dove si lasciò invischiare in una serie di negoziati, complessi e sleali, con i portoghesi e con i sovrani indigeni. In questo periodo mandò uno dei suoi comandanti, Ynigo de Retez, in Messico. Retez percorse 230 leghe lungo la costa settentrionale della grande isola della Nuova Guinea, a cui diede il nome, ma non riuscì ad attraversare il Pacifico e (4) A quel tempo nessuno usava lo Stretto di Magellano. (5) Ruy López de Villalobos ( Isola Amboina, 4 aprile 1544) è stato un esploratore spagnolo che salpò dal Pacifico messicano per individuare una rotta affidabile e definitiva per consentire il traffico alle navi spagnole nelle Indie Orientali, vicino alla linea di demarcazione tra Spagna e Portogallo istituita col Trattato di Saragozza del A López de Villalobos fu chiesto nel 1541 dal viceré della Nuova Spagna, Antonio de Mendoza, primo amministratore del Nuovo Mondo, di guidare una spedizione sulle «Islas del Ponente» (Isole dell Ovest, oggi note col nome di Filippine). La sua flotta era composta da sei galeoni, Santiago, Jorge, San Antonio, San Cristóbal, San Martín e San Juan, e partì da Barra de Navidad (Jalisco) il 1º novembre 1542 con circa 400 uomini. Il 25 dicembre la flotta giunse alle Isole Revillagigedo, al largo delle coste messicane. Qui avvistarono il galeone di Alavaro de Saavedra, il Los Reyes. Il giorno seguente scoprirono un gruppo di isole a 9 o 10 Nord che chiamarono Corrales. Il 6 gennaio 1543 videro molte piccole isole alla stessa latitudine che chiamarono Los Jardines (I Giardini). Si trattava di Enewetak e Ulithi. Tra il 6 ed il 23 gennaio 1543 il galeone San Cristóbal, guidato da Gines de Mafra, che era stato membro della ciurma della spedizione Magellano del , si separò dal resto della flotta nel corso di una forte tempesta al termine della quale si ritrovò nei pressi dell isola di Mazaua, luogo in cui Magellano si era ancorato nel Questa fu la seconda visita di de Mafra nelle Filippine, in quella che oggi è identificata come Limasawa, nella parte meridionale dell isola di Leyte. La storia di Limasawa fu scritta nel 1667 da un frate gesuita, Francisco Combés e tradotta da molti storici. Il resto della flotta, il 28 febbraio 1543, entrò nella baia di Baganga, che chiamarono Malaga, sulla costa orientale di Mindanao. López de Villalobos chiamò Mindanao Caesaria Karoli, in onore dell Imperatore del Sacro Romano Impero, Carlo V. La flotta vi rimase per 32 giorni e l equipaggio soffrì una dura fame. Il 31 marzo 1543 la flotta ripartì per Mazaua alla ricerca di cibo a lento moto a causa degli scarsi venti. Dopo molti giorni di penosa sofferenza raggiunsero Sarangani. Il galeone San Cristóbal, che aveva raggiunto Limasawa due mesi prima, apparve inaspettatamente e provvidenzialmente con un carico di riso e altri generi alimentari. Il 4 agosto 1543 la San Juan e la San Cristóbal furono rimandate a Leyte e Samar per prendere altro cibo; la San Juan avrebbe dovuto caricare il necessario per la traversata del Pacifico, e ripartire per il Messico. Un contingente portoghese arrivò il 7 agosto con una lettera di Jorge de Castro, governatore portoghese delle Molucche, che chiedeva una spiegazione per la presenza della flotta in territorio portoghese. López de Villalobos rispose con una lettere datata 9 agosto, dicendo di non aver oltrepassato il confine, e di essere in territorio della corona di Castiglia. La San Juan partì per il Messico il 27 agosto 1543, con Bernardo de la Torre come capitano. Un altra lettera di Castro giunse la prima settimana di settembre con la stessa protesta, e López de Villalobos scrisse la risposta il 12 settembre con lo stesso messaggio. Partì per Leyte, con le restanti navi, senza la San Juan e la San Cristóbal. La flotta non poteva proseguire a causa dei deboli venti. Nell aprile 1544 partì per l isola Ambonia. Lui e il suo equipaggio fecero poi rotta verso le isole di Samar e Leyte, che chiamarono Las Islas Filipinas in onore del principe di Spagna, Filippo II. Cacciato dai nativi ostili, affamato e sofferente, López de Villalobos fu obbligato ad abbandonare i suoi insediamenti sull isola e la spedizione. Con i suoi uomini cercò rifugio nelle Molucche, dove si scontrarono con i Portoghesi che li catturarono. López de Villalobos morì di febbre tropicale (o, come la chiamavano i portoghesi, di «crepacuore») il 4 aprile 1544 nella sua cella sull isola di Ambonia. Sopravvissero circa 117 membri dell equipaggio, tra cui de Mafra e Guido de Lavezaris. Salparono verso Malacca, dove i Portoghesi li imbarcarono per Lisbona. De Mafra che redasse un manoscritto sull intera vicenda che rimase nascosto per molti secoli, fino agli inizi del XX secolo quando fu scoperto in un archivio e pubblicato nel Aprile 2011

12 10 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA tornò alle Molucche. Alla fine i Portoghesi portarono Villalobos in India insieme ai suoi uomini, ma durante il viaggio, nel 1547, egli morì sull isola di Amboina. Questo tentativo di prendere definitivamente possesso delle Filippine non portò dunque a nulla; tuttavia Filippo II era fermamente intenzionato a crearsi un impero anche nel Pacifico e ordinò al vicerè del Messico di intraprendere la conquista e la colonizzazione delle Filippine. L impresa fu organizzata da Andrès de Urdaneta (6), che nel 1525 aveva partecipato anche all infelice spedizione, comandata da Sebastian Elcano e Garcìa Jofre de Loiasa (7), che mirava a prendere possesso delle Molucche per conto della Spagna. Nel frattempo Urdaneta si era fatto monaco e si occupava prevalentemente di geografia, ma poiché il suo superiore gli Andres de Urdaneta. aveva proibito di ricoprire una carica secolare, il comando della spedizione andò a Miguel Lòpez de Legaspi. Con Urdaneta come pilota, nel novembre del 1564 Legaspi lasciò il Messico con una flotta di quattro navi, passò velocemente per le Ladrones e raggiunse le Filippine,con molto tatto e notevole abilità diplomatica, si conquistò la lealtà dei capi di molte isole e fondò un insediamento permanente a Cebu. A partire da quel momento le Filippine sarebbero rimaste per quattro secoli sotto la Spa- (6) Andrés de Urdaneta (Ordizia, 30 novembre Città del Messico, 3 giugno 1568) è stato un esploratore, navigatore e frate dell Ordine di Sant Agostino spagnolo. Partecipò alle spedizioni di García Jofre de Loaísa e Miguel López de Legazpi e tracciò la principale rotta marina tra Filippine e Acapulco conosciuta come «Rotta di Urdaneta». Urdaneta prese parte alla sfortunata spedizione di García Jofre de Loaísa ordinata da Carlo V per tentare di colonizzare le Isole Molucche su cui i Portoghesi cercavano di imporvi il loro controllo. La spedizione, composta da 7 navi, salpò da La Coruña il 24 luglio Dopo vari contrattempi avvenuti nello Stretto di Magellano e dopo la perdita di 6 navi, nell ottobre del 1526 l equipaggio, sotto il comando di Carquizano, riuscì ad arrivare a Mindanao a bordo della Santa Maria de la Victoria. Da qui il viaggio proseguì verso le Isole Molucche dove gli Spagnoli fondarono il forte di Tidore. Re Carlo V il 22 aprile del 1529 firmò il Trattato di Saragozza con il quale vendette i diritti sulle Isole Mollucche al Portogallo in cambio di un risarcimento monetario. Urdaneta rimase nelle isole per circa nove anni durante i quali studiò le stelle, le correnti marine e i venti annotando le proprie conclusioni in diari e mappe. Lasciò le isole il 15 febbraio del 1535 e attraccò a Lisbona il 26 giugno del Al suo arrivo i portoghesi requisirono tutti i suoi appunti e studi poiché gli spagnoli avrebbero potuto utilizzarli a proprio vantaggio in eventuali future spedizioni (da considerare che in quell epoca di spietata concorrenza la documentazione relativa alle scoperte di nuove terre era ritenuta segretissima). (continua) Supplemento alla Rivista Marittima

13 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 11 gna, fino a quando gli Stati Uniti le conquistarono durante la guerra ispano-americana del Il risultato geografico di Urdaneta fu ancora più importante di quello politico di Legaspi. Si offrì, infatti, di portare in Messico la notizia dei successi di Legaspi seguendo una rotta orientale: evitando i venti e le correnti che avevano ostacolato gli altri piloti, Urdaneta attraversò il Pacifico compiendo un ampio arco che lo portò oltre i 40 nord. Qui trovò dei venti che soffiavano da ovest e raggiunse il Messico. La scoperta di quello che divenne noto come il «passaggio di Urdaneta» trasformò completamente il commercio del Pacifico, poiché a quel punto non era più necessario che ogni viaggio verso ovest diventasse una circumnavigazione del globo e, trovata ormai una rotta per il ritorno, la Spagna era finalmente in grado di sfruttare il grande oceano. Il proibitivo Stretto di Magellano continuava a essere evitato; era più comodo trasportare uomini e merci via terra attraverso l Istmo di Panama piuttosto che arrischiarsi in quel desolato passaggio meridionale. Numerosi porti spuntarono lungo le coste dell America Centrale, di quella Meridionale e del Messico, ed ebbero inizio regolari scambi commerciali tra quei porti spagnoli e le Filippine. Il mezzo più affidabile era il galeone di Acapulco, che lasciava Manila, la nuova capitale delle Filippine, ogni giugno con un carico di spezie e sete pregiate e arrivava ad Acapulco, in Messico, in dicembre attraverso il passaggio di Urdaneta. Il galeone di Acapulco continuò ad andare avanti e indietro lungo quella rotta per più di due secoli. Questa rotta trans-pacifica era tuttavia obbligata, dal momento che tutti i piloti seguivano le rotte già note e consolidate: la rotta nord-occidentale di Magellano che arrivava alle isole Ladrones e alle Filippine per l andata, e il passaggio di Urdaneta, attraverso un tratto di mare ancora più privo di isole, per il ritorno. Le relativamente isolate Hawaii non furono scoperte, anche se si trovavano praticamente alla latitudine di Acapulco, e non si sapeva quasi nulla neanche dei numerosi arcipelaghi che si trovano a (segue Nota 6) Riuscì comunque a scappare dal Portogallo e a fare ritorno in Spagna. Nel 1538 si diresse in Messico dove si occupò nello studio e nella stesura di articoli circa vari argomenti come la navigazione nei Caraibi, la formazione delle tempeste tropicali e la riproduzione delle tartarughe marine. Nel 1553 divenne frate dell Ordine di Sant Agostino. Il 24 settembre del 1559 Filippo II ordinò al viceré Luis de Velazco di preparare una spedizione di conquista e colonizzazione delle Filippine; il re fece richiesta a Urdaneta di fare da comandante, ma egli rifiutò, accettando invece l incarico di consigliere nautico e si occupò di disegnare mappe per la navigazione. Miguel López de Legazpi fu nominato comandante. La spedizione salpò da La Navidad (nella costa ovest del Messico) il 21 novembre del 1564 e arrivò nelle Filippine il 13 febbraio. Legazpi rimase nelle isole ma fece richiesta a Urdaneta di fare ritorno in Nuova Spagna per disegnare una nuova rotta per il ritorno e per richiedere aiuti per la colonizzazione. Urdaneta partì da San Miguel, nell isola di Cebu, il 1 giugno 1565 e grazie alla corrente Kuroshivo arrivò ad Acapulco l 8 ottobre. Questo viaggio si rivelò di grossa importanza poiché, grazie ai precisi calcoli di Urdaneta, stabilì una nuova affidabile e veloce rotta per le Filippine che verrà utilizzata dai navigatori sino al XVII secolo. Fece ritorno in Castiglia per rendere rapporto al re Filippo II e scrisse le sue memorie sul viaggio. Ritornò ancora una volta in Messico dove morì il 3 giugno del (7) Il 24 agosto 1525 Juan Sebastiàn Elcano salpò di nuovo da la Coruña sempre diretto verso le Molucche, partecipando con 4 sue navi alla spedizione di Garcia Jofre de Loiasa. Al comando della Sancti Spiritus, Elcano fece naufragio nello Stretto di Magellano; trasbordato sulla nave ammiraglia della spedizione, la San Lesmes, entrava con questa nell Oceano Pacifico. Morto Loiasa, Elcano assunse il comando della spedizione, ma senza dare alcun ordine, poiché era già stremato dalle fatiche e dallo scorbuto, ai quali soccombette. Aprile 2011

14 12 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA sud della rotta di Magellano. Tuttavia anche i «conquistadores» spagnoli del Perù dovevano aver sentito parlare di queste isole del Pacifico del Sud e i geografi pensavano che potessero essere gli avamposti del grande e sconosciuto continente meridionale (8). Le uniche spedizioni che erano riuscite ad attraversare lo Stretto di Magellano quella di Loiasa e Elcano, e quella dello stesso Magellano avevano ignorato il problema puntando a nord subito dopo aver raggiunto l Oceano Pacifico. Affamati di nuove terre, gli Spagnoli si misero in testa che il continente sconosciuto raggiungesse i 15 sud e arrivasse a 600 leghe dal Perù nel Pacifico meridionale. Nel 1567 andarono a cercarlo. Il viaggio fu ispirato da Pedro Sarmiento de Gamboa, una personalità forte e insolita, esperto in matematica e astronomia, che aveva studiato a fondo le tradizioni degli Incas e si era occupato di magia nera al punto di attirare l attenzione dell inquisizione. Sarmiento riuscì a suscitare l interesse del vicerè del Perù, che era suo amico, per la ricerca della Terra Australis e il vicerè autorizzò l uso di due piccole navi la Los Reyes (nave ammiraglia) da 200 tonnellate e la Todos Santos da 140 equipaggiate ottimisticamente per un viaggio di sole 600 leghe. Il giovane nipote del vicerè, Alvaro de Mendaña de Neira (9), ebbe il comando nominale della spedizione e l ordine di «convertire tutti gli infedeli al cristianesimo». Il 20 novembre del 1567 le due navi con a bordo circa 150 persone tra navigatori, soldati, sacerdoti e schiavi partirono dal porto di Callao, sul Pacifico, passarono tra le Isole Marchesi e le Tuamoto senza avvistare terra e, dopo aver scoperto le Isole Ellice ed esservisi fermati, all ottantesimo giorno di viaggio arrivarono a una costa accidentata che pensarono fosse la costa della Terra Australis. Esplorandola si accorsero che si trattava di un isola, parte di un arcipelago che battezzarono Isole Salomone, dal momento che erano convinti che le favolose miniere di re Salomone si trovassero nel Pacifico meridionale. Dopo un soggiorno di sei mesi, in cui ebbero non pochi problemi con gli indigeni, tornarono indietro e raggiunsero Callao nell agosto del 1568, dopo una attraversamento, burrascoso e tormentato dalla fame, del Passaggio di Urdaneta. Mendaña tornò infiammato dal desiderio di altre scoperte, ma fino al 1595 (10) non ebbe un altra opportunità di cercare la Terra Australis. Nei 27 anni che separarono i due viaggi di Mendaña, infatti, gli spagnoli del Nuovo Mondo avevano ben altre e più pressanti preoccupazioni, dal momento che il loro monopolio della navigazione nel (8) Che la Terra Australis esistesse continuavano a essere tutti convinti; si riteneva infatti che iniziasse proprio a sud dello Stretto di Magellano e che si estendesse per miglia di miglia in direzione ovest fino a raggiungere l estremità meridionale del mondo, mentre località come la Nuova Guinea, note soltanto vagamente, avrebbero costituito la costa settentrionale dell ipotetico continente. (9) Sarmiento de Gamboa fu leggermente amareggiato di non essere stato nominato capitano-generale della spedizione ma imbarcato con il ruolo di cosmografo della spedizione. Negli scritti di Sarmiento egli si autodichiara capitano della nave ammiraglia, e almeno allo stesso livello del pilota e navigatore Hernando Gallego. Mentre l obbiettivo di Sarmiento erano le ricchezze che si potevano conquistare, la priorità di Mendaña era la conversione dei pagani al cristianesimo. All interno dei posti di comando si crearono profonde spaccature, perfino prima della partenza. Supplemento alla Rivista Marittima

15 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 13 Il passaggio di Urdaneta. Pacifico fu infranto, e con costi notevoli, dalla comparsa degli spregiudicati corsari della regina Elisabetta. L avvento inglese L Inghilterra aveva impiegato molto tempo a diventare una nazione marinara. Pur (10) Una spedizione più grande e costosa fu pianificata all inizio del 1590, dopo che Mendaña aveva passato anni a chiedere l appoggio di Madrid e Lima. Quattro navi e 378 uomini, donne e bambini avrebbero dovuto stabilire una colonia sulle isole Salomone. Di nuovo, i comandanti del viaggio avevano «personalità estremamente divergenti». Mendaña era ancora uno di loro, accompagnato dalla moglie Doña Isabel Barreto, dalla sorella e dai tre fratelli di lei. Il capo pilota era un giovane navigatore portoghese di nome Pedro Fernández de Quirós. Un rissoso vecchio soldato, Pedro Merino Manrique, fu scelto come maestro di campo. Manrique provocò liti ancora prima della partenza della flotta. Le quattro navi, la San Geronimo (la Capitana), la San Isabel (la Almiranta), la piccola fregata Santa Catalina e il galeone San Felipe lasciarono Callao il 9 aprile Il morale fu alto il primo mese, e furono celebrati quindici matrimoni. Mendaña fece preparare a Quirós carte che raffiguravano solo il Perù e le isole Salomone. Il 21 luglio 1595 le navi raggiunsero le isole Marchesi, (che presero il nome dalla moglie del viceré del Perù, García Hurtado de Mendoza, marchese di Cañete) accolti da 400 indigeni in canoa. Nonostante (continua) Aprile 2011

16 14 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA essendo isolani, gli Inglesi non avevano alcuna dimestichezza con il mare aperto; la loro fonte più importante di scambi con l estero era l esportazione di lana, e in seguito di tessuti di lana, e per il trasporto delle loro merci di solito si servivano di spedizionieri stranieri. Mentre i mercanti italiani arrivavano in Cina e i marinai portoghesi doppiavano il Capo di Buona Speranza, gli Inglesi se ne rimanevano a casa, impegnati dapprima nella guerra con la Francia, che sembrava senza fine, e poi in quel conflitto civile durato un intera generazione, noto come la guerra delle Due Rose. I viaggi generalmente non andavano oltre le Fiandre, il Portogallo o la Francia, forse perché i mari gelidi che bagnavano le loro coste non incoraggiavano certo la navigazione. Cominciarono a guardarsi attorno soltanto dopo che Enrico VII era salito al trono e aveva sostituito la dinastia Tudor ai due contendenti Lancaster e York, ma lo fecero con notevole gradualità. Alcuni pescatori di Brisbane arrivarono in Islanda; nel 1497 i fratelli Caboto toccarono Terranova; all inizio del sedicesimo secolo qualche geografo inglese diffuse la notizia delle scoperte di Colombo e Vasco da Gama, cosicché gli inglesi si resero conto di quanto grande fosse la posta in gioco e di quali fossero le pretese di Spagna e Portogallo. Ci fu qualche incerto tentativo di portare avanti le scoperte di Caboto, ma se ne ricavò ben poco. Verso il 1530 il geografo Roger Barlow e il mercante Robert Throne, che aveva abitato a Siviglia, scrissero la loro «Dichiarazione delle Indie», il primo clamoroso manifesto dell espansione marittima inglese. Questo documento, che fu sottoposto a Enrico VIII nel 1540, raccomandava di ricercare una rotta inglese verso le Isole delle Spezie lungo l unica via che non avrebbe (segue nota 10) gli Spagnoli ne ammirassero la «graziosa forma» e la carnagione «quasi bianca», le relazioni divennero subito violente. Quando la spedizione ripartì due settimane dopo, Quirós stimò che 200 isolani erano stati uccisi. Nonostante le assicurazioni di Mendaña che le Salomone erano vicine, non furono raggiunte prima dell 8 settembre, e questa volta si trattò dell isola di Nendo, che essi chiamarono «Santa Cruz». La San Isabel era però scomparsa, e nonostante le ricerche dei due vascelli più piccoli non fu possibile ritrovarla. Sul luogo dell odierna Graciosa Bay fu fondato un insediamento. Le relazioni con gli isolani e il loro capo Malope iniziarono bene, con la fornitura di cibo e aiuto nella costruzione degli edifici. Il morale spagnolo era però basso, e una malattia (quasi certamente malaria) colpì il gruppo. I rapporti peggiorarono velocemente fino a portare ai soliti episodi di violenza. Scossi da divisioni interne e da una mortalità sempre crescente, le lotte intestine aumentarono e l insediamento iniziò a cadere a pezzi. Lo stesso Mendaña morì il 18 ottobre 1595, lasciando la moglie come erede e il governatore, il fratello Lorenzo, come capitano-generale. Il 30 ottobre si decise di abbandonare l insediamento. Dopo la partenza del 18 novembre 1595, 47 persone morirono nel giro di un mese. Solitamente si assegna a Pedro Fernández de Quirós il merito di aver condotto la San Geronimo nelle Filippine senza l aiuto di carte, giungendo a Manila l 11 febbraio Oltre 50 persone morirono nelle dodici settimane di viaggio da Santa Cruz, in parte a causa del rifiuto di Doña Isabel di condividere con gli altri la propria riserva personale di cibo ed acqua. La fregata (che trasportava il corpo di Mendaña) scomparve durante il viaggio a causa di una tempesta, mentre il galeone San Felipe arrancò fino all estremità meridionale di Mindanao, molti giorni dopo. Dei 378 uomini che salparono dal Perù, circa in 100 sopravvissero, ma dieci di loro morirono poco dopo l arrivo a Manila. A Doña Isabel Barreto furono resi gli onori e Quirós fu lodato per il suo servizio e assolto da ogni responsabilità per le uccisioni di Santa Cruz. Tre mesi dopo Doña Isabel sposò il cugino del governatore. Continuò a essere agitata per un possibile ritorno alle isole Salomone. Morì nel Tornato in Perù nel giugno del 1597, Quirós iniziò la campagna di ritorno alle isole Salomone, guidando gli spagnoli verso la nuova avventura nel La spedizione fu fallimentare e le isole rimasero inviolate fino al 1767, quando Philip Carteret avvistò Santa Cruz e Malaita. Supplemento alla Rivista Marittima

17 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 15 I viaggi di Mendaña nell Oceano Pacifico. interferito con le pretese della Spagna e del Portogallo: oltre il polo Nord, poi a occidente lungo l ipotetico Stretto di Anian (11) e attraverso l America settentrionale fin nell Oceano Pacifico. Ma c era davvero una rotta settentrionale? La «Dichiarazione delle Indie» rispondeva con un affermazione che avrebbe potuto benissimo costituire (11) Tra la fine del XV e il XX secolo, gli Europei hanno cercato di stabilire una rotta commerciale marina che passasse a nord e a ovest del continente europeo. Gli Inglesi chiamarono la rotta passaggio a nordovest, mentre gli spagnoli la battezzarono stretto di Anián. Il desiderio di trovare questa rotta motivò gran parte dell esplorazione europea di entrambe le coste del Nord America. Nel 1539 Hernán Cortés incaricò Francisco de Ulloa di navigare lungo l odierna Baja California alla ricerca dello Stretto di Anián. L 8 agosto 1585, l esploratore inglese John Davis entrò nello Stretto di Cumberland presso la costa dell isola di Baffin. Nel 1609, Henry Hudson navigò lungo il fiume che oggi porta il suo nome (fiume Hudson) alla ricerca del passaggio. Hudson in seguito esplorò l artico canadese e scoprì la baia che da lui prese il nome. Nel 1845 una ben equipaggiata spedizione di due navi, guidata da Sir John Franklin, tentò di forzare il passaggio attraverso i ghiacci artici dalla Baia di Baffin al Mare di Beaufort. Quando la spedizione non rientrò, diverse spedizioni di soccorso e squadre di ricerca esplorarono l artico canadese tra i due corpi d acqua aperta, producendo alla fine la carta nautica di un possibile passaggio. Della spedizione sono state ritrovate poche tracce, ma alcuni indizi indicano che le navi vennero bloccate dalla morsa di ghiaccio nel 1845 vicino all Isola di Re William, a circa metà strada del passaggio, e non furono in grado di disincagliarsi nell estate successiva. Lo stesso Franklin, apparentemente, morì nel Non è chiaro il motivo per cui tutti i 134 membri della spedizione, pur ben equipaggiata e ben rifornita, perirono. L ipotesi più recente ritiene che la morte sia stata causata dal piombo rilasciato dai contenitori metallici contenenti le scorte alimentari della spedizione. Per la fornitura di cibo si era fatta una gara d appalto al ribasso. Questa ipotesi è confortata dall autopsia del primo morto della spedizione, ritrovato pochi anni fa e che il ghiaccio ha conservato in buone condizioni. Così, mentre percorrevano le vie di terra per raggiungere un forte o un villaggio, gli uomini della spedizione si nutrivano con cibo intossicato dal piombo. Il passaggio a Nord-Ovest venne infine conquistato nel 1906, quando l esploratore norvegese Roald Amundsen, che era salpato giusto in tempo per sfuggire ai creditori che cercavano di fermare la spedizione, (continua) Aprile 2011

18 16 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA La linea di demarcazione del trattato di Tordesillas (immagine a pagina 41 del supplemento Il Portogallo e l epopea delle grandi scoperte geografiche Suppl. RM settembre 2009). Le zone di influenza scaturite dal trattato di Tordesillas (immagine a pagina 45 del supplemento Il Portogallo e l epopea delle grandi scoperte geografiche Suppl. RM settembre 2009). lo slogan dell intero sedicesimo secolo: «non esiste terra non abitabile, né mare non navigabile». Quello che gli Inglesi dovevano fare era attraversare il polo Nord, che i ghiacci non potevano rendere impraticabile più di quanto il caldo torrido avesse reso inattraversabile l equatore; dopo di che, dicevano gli autori della Dichiarazione, le navi avrebbero navigato verso sud-ovest lungo «la parte posteriore della terra appena scoperta e poi puntato verso le terre e le isole situate tra i Tropici e sotto l equatore celeste», dove senza dubbio «avrebbero trovato le terre e le isole più ricche del mondo, dove abbondano oro, pietre preziose, unguenti, spezie, e poi sarebbero tornate per la stessa strada». Negli anni Cinquanta del XVI secolo, l Inghilterra compiva sistematicamente viaggi lungo la rotta settentrionale ma attraverso il Passaggio a nord-est, non a nordovest. Sebastiano Caboto (12), servitore di molti re, aveva sostenuto di aver raggiunto (segue nota 11) completò un viaggio di tre anni su di un peschereccio per la pesca delle aringhe adattato allo scopo, di 47 tonnellate di stazza. Alla fine di questo viaggio, entrò nella città di Circle, in Alaska, e inviò un telegramma che annunciava il suo successo. La sua rotta, tuttavia, non era pratica dal punto di vista commerciale: in aggiunta al tempo che occorreva, alcune delle sue acque erano estremamente poco profonde. Il primo passaggio in una sola stagione venne effettuato solo nel 1944, quando la St. Roch, uno schooner della Reale Polizia a cavallo canadese, riuscì nell impresa. (12) Sebastiano Caboto (Venezia, 1484-Londra, 1557) è stato un celebre navigatore. Conosciuto anche come Sebastian Cabot, era figlio del navigatore Giovanni Caboto e di Mattea Caboto. Sebastiano raccontò a Richard Eden di essere nato a Bristol e di essere andato a vivere a Venezia quando aveva quattro anni. (continua) Supplemento alla Rivista Marittima

19 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA 17 l Asia navigando a est lungo il Circolo Polare Artico. Nel 1533 partirono tre navi nel tentativo di raggiungere la Russia. L Inghilterra organizzò la Muscovy Company e per un intera generazione si impegnò stabilmente in un commercio proficuo con la Russia senza alcun serio tentativo di arrivare in Oriente. Tuttavia il Passaggio a nord-ovest divenne oggetto di un rinnovato interesse dopo il 1576, quando Martin Frobisher andò alla ricerca dello Stretto di Anian, primo di tutta una serie di viaggiatori inglesi che in epoche diverse avrebbe tentato quell impresa. Il successo dell avventura russa spinse l Inghilterra a sviluppare la propria flotta mercantile; la Russia era un ottimo mercato per i tessuti inglesi ed era ragionevole cer- (segue nota 12) In un altra versione, disse a Gasparo Contarini, l ambasciatore veneziano alla corte di Carlo V di essere nato a Venezia, ma di essere stato educato in Inghilterra. Cominciò a navigare assieme al padre Giovanni Caboto, un marinaio italiano (il cui luogo di nascita è conteso fra le città di Venezia, Genova, e di Gaeta), al servizio dell Inghilterra, nel maggio Giovanni Caboto, partì da Bristol, con la nave Matthew per raggiungere Terranova in Canada, anche se è controverso il luogo in cui egli approdò; infatti é incerto se fosse la Nuova Scozia o Terranova. Quando Caboto approdò in Canada la scambiò per la Cina, questo perché non riuscì a trovare il passaggio a nord-ovest che si era prefisso di oltrepassare per arrivarvi. Nel 1512 Sebastiano venne assunto da Enrico VIII d Inghilterra come cartografo in quel di Greenwich. Nello stesso anno venne nominato capitano da Ferdinando II di Aragona. Alla morte di Ferdinando II, tornò in Inghilterra, nel 1517, dove cercò di vincere l opposizione del Vice-Ammiraglio Perte per una nuova spedizione. Nel 1522, tornò in Spagna, ove ebbe un nuovo incarico e assunse il grado di piloto mayor nella Casa del Contratacion di Siviglia; di fatto divenne il cosmografo più importante del regno, (continua) Aprile 2011

20 18 FRANCIS DRAKE - IL CORSARO DELLA REGINA care altri sbocchi (13). Per espandere i propri traffici, gli Inglesi guardavano verso le Indie Occidentali, dove i tessuti erano molto richiesti e gli Spagnoli che controllavano la regione non erano in grado di fornirli. Gli Inglesi, inoltre, si offrirono di portare un altra merce agli spagnoli che dominavano i Carabi: schiavi africani. Gli indigeni delle Indie Occidentali non erano adatti alle miniere e alle piantagioni delle Indie Spagnole; alcuni, come i Caribi, erano feroci e intrattabili, mentre quelli docili morivano rapidamente a causa delle malattie importate dagli europei. Gli Spagnoli avevano bisogno di robusti africani, ma non riuscivano a procurarseli facilmente perché il Portogallo controllava la costa occidentale dell Africa. Gli Inglesi, che non riconoscevano l autorità del Papa e non si preoccupavano minimamente della linea di demarcazione (segue nota 12) responsabile del Padron real, la carta del mondo più accurata del tempo, aggiornata con le notizie riportate da ogni spedizione che tornava dalle Indie Occidentali. In quel periodo offrì segretamente i suoi servigi anche a Venezia. Voleva trovare il Passaggio a nord-ovest per la Cina. Il 4 marzo 1525 ricevette il grado di Capitano Generale della Spagna. Siccome voleva scoprire un nuovo itinerario per le Molucche, riuscì a ottenere il comando della spedizione che era composta di tre navi con 150 uomini d equipaggio partendo da Cadice il 5 aprile Arrivò, però, solo fino al Río de la Plata, pensando di poter giungere nel favoloso regno di Birù (Perù), che ancora non era stato conquistato. Nella zona dell attuale città argentina di Santa Fe fondò un villaggio fortificato, detto di «Santo Spirito». Rimase nella zona per vari anni, esplorando alcuni fiumi delle vicinanze e facendo osservazioni di carattere naturalistico. I suoi luogotenenti Francisco Cesar, Francisco de Rojas, Martin Mendes e Miguel de Rodas si inoltrarono all interno alla ricerca del favoloso regno del Perù, ma arrivarono, forse, solo nella zona dell attuale Bolivia. Nell agosto 1530 il villaggio che aveva fatto costruire venne distrutto dai nativi, così decise di rientrare in Spagna. Giunto lì, chiese a Carlo V altre navi per un altra spedizione, ma le sue richieste non furono accolte, anche perché in quel periodo il re Carlo V aveva concesso a Francisco Pizarro l autorizzazione alla conquista del Perù. Venne, quindi, incarcerato nelle prigioni spagnole del Nord-Africa con l accusa di aver abbandonato i suoi luogotenenti. Era il 1 febbraio Morì a Londra nel 1557 mentre stava organizzando un impresa esplorativa per conto della «Company Merchant Adventurers», organizzazione il cui scopo era trovare il mitico passaggio a nord-ovest. Tradizione vuole che sul letto di morte, assistito da Richard Eden, delirasse di un metodo infallibile per il calcolo della longitudine in mare che aveva tenuto segreto per anni. Non si hanno notizie sul luogo della sua sepoltura. (13) Al contrario, la Spagna e il Portogallo avevano ben poco da esportare, e la Spagna, in particolare, fondò il proprio impero d oltremare sullo sfruttamento, non sul commercio. (14) Il papa Alessandro VI (nato Rodrigo Llançol Borgia, (Xàtiva, 1º gennaio Roma, 18 agosto 1503), fu il 214º papa della Chiesa cattolica dal 1492 alla morte) valendosi della sua autorità di rappresentante di Cristo in terra, con la bolla del 4 maggio 1493 divise la sfera terrestre in due emisferi (bolla Inter caetera); la linea di sezione (raya) passava a circa cento leghe dalle Isole del Capo Verde. Tutto ciò che da quel giorno sarà scoperto sulla sfera terrestre (le popolazioni, le terre, le isole e i mari) a ponente di quella linea apparterrà alla Spagna, ciò che rimane a oriente sarà del Portogallo. In un primo tempo ambedue gli Stati si dichiararono soddisfatti e riconoscenti del bel dono. Ma ben presto il Portogallo manifestò la propria insoddisfazione circa la suddivisione e richiese che la linea di confine venisse spostata un po più a ovest. Ciò si verificò col trattato di Tordesillas, stipulato il 7 giugno 1494, fra i Re Cattolici, Isabella di Castiglia e Ferdinando d Aragona, e il re del Portogallo, Giovanni II di Avis, che stabiliva la linea di demarcazione fra i rispettivi ambiti di conquista e di evangelizzazione che trasportava il confine di duecentosettanta leghe (leguas) a ponente delle isole di Capo Verde (quindi non più 550 chilometri bensì chilometri a ovest di Capo Verde), in virtù del quale al Portogallo toccherà il Brasile, al tempo non ancora scoperto (una lega equivaleva a poco meno di sei chilometri). In conseguenza degli obblighi assunti con il papato i sovrani, in cambio di una serie di diritti e di privilegi, s impegnarono a promuovere l apostolato nelle terre scoperte, a costruire e a mantenere chiese e monasteri, a provvedere a un numero sufficiente di sacerdoti per il servizio divino e per il ministero delle anime. Con la firma del trattato di Tordesillas, confermato dal papa Giulio II nel 1506 con la bolla Ea Quae, la divisione del modo fu confermata e fu accantonata (continua) Supplemento alla Rivista Marittima

L età delle scoperte geografiche

L età delle scoperte geografiche L età delle scoperte geografiche L Europa medievale si concentrava nell area del mar Mediterraneo. Per gli antichi l Oceano Atlantico era il simbolo della fine del mondo, l estremo limite oltre il quale

Dettagli

CRISTOFORO COLOMBO BUSCAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE

CRISTOFORO COLOMBO BUSCAR EL LEVANTE POR EL PONIENTE CRISTOFORO COLOMBO CRISTOFORO COLOMBO NACQUE A GENOVA NEL 1451. SUO PADRE ERA UN POVERO CARDATORE DI LANA. GIOVANISSIMO SCELSE LA CARRIERA DEL MARE. NEI SUOI NUMEROSI VIAGGI MATURÒ UNA GRANDE ESPERIENZA

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

Le grandi scoperte geografiche

Le grandi scoperte geografiche LE PRIME ESPLORAZIONI fine della pax mongolica espansione ottomana (1453 conquista di Costantinopoli) controllo VENEZIANO sul Mediterraneo orientale crisi del commercio terrestre con l Oriente Genova ricerca

Dettagli

Scoperte geografiche

Scoperte geografiche Durante il Medioevo gli scambi commerciali con l'oriente erano sempre stati intensi. Genova e Venezia controllavano il Mediterraneo e quest'ultima si spingeva fino all'estremo Oriente. Con i mercanti arabi

Dettagli

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA

I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA I VIAGGI DI ESPLORAZIONE E SCOPERTA PORTOGALLO NELLA PRIMA META' DEL '400 VIVE UNA CONDIZIONE ECONOMICA MOLTO DIFFICILE: - L'AGRICOLTURA E' SCARSA A CAUSA DEL TERRENO POCO FERTILE - LE ROTTE COMMERCIALI

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Ferdinando Magellano (portoghese: Fernão de Magalhães; spagnolo: Fernando de Magallanes; Sabrosa, 17 ottobre 1480 - Mactan, 27 aprile 1521) è stato

Ferdinando Magellano (portoghese: Fernão de Magalhães; spagnolo: Fernando de Magallanes; Sabrosa, 17 ottobre 1480 - Mactan, 27 aprile 1521) è stato Ferdinando Magellano (portoghese: Fernão de Magalhães; spagnolo: Fernando de Magallanes; Sabrosa, 17 ottobre 1480 - Mactan, 27 aprile 1521) è stato un esploratore portoghese. Intraprese la prima circumnavigazione

Dettagli

Le isole meridionali sono calcaree e contornate da barriere coralline; le isole settentrionali sono vulcaniche, con vulcani attivi su Anatahan, Pagan

Le isole meridionali sono calcaree e contornate da barriere coralline; le isole settentrionali sono vulcaniche, con vulcani attivi su Anatahan, Pagan Magellano a questo punto credette di poter arrivare alle Isole delle Spezie in non più di un mese. Ma passarono tre mesi e venti giorni in alto mare durante i quali si avvistarono solo due isolotti disabitati.

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

Le tre invenzioni dell età moderna.

Le tre invenzioni dell età moderna. Le tre invenzioni dell età moderna. La bussola: è l era delle spedizioni geografiche. La polvere da sparo: i cannoni, montati sulle navi, sono all origine della superiorità degli Europei sul mare. La stampa:

Dettagli

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano

Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Giacomo Bove grande esploratore italiano Fu tra gli scopritori del mitico Passaggio a Nord-Est Dalle terre polari

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

Omaggio a Umberto Nobile grande esploratore italiano

Omaggio a Umberto Nobile grande esploratore italiano FOCUS STORIA E MEMORIA Verso la conclusione del IV Anno Polare Internazionale Omaggio a Umberto Nobile grande esploratore italiano Nell 80 Anniversario della tragedia del dirigibile Italia (1928-2008)

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

L impero persiano dalle origini al regno di Dario

L impero persiano dalle origini al regno di Dario Indice: L impero persiano dalle origini al regno di Dario L impero persiano alla conquista della Grecia La Prima Guerra Persiana La Seconda Guerra Persiana L Atene di Pericle L impero persiano dalle origini

Dettagli

Portolano attribuito a Paolo Del Pozzo Toscanelli

Portolano attribuito a Paolo Del Pozzo Toscanelli Scuola Elementare 143 Circolo Didattico Roma Fabrizia Liberati L arte di rappresentare la Terra Paolo Del Pozzo Toscanelli (1397-1482) Ritratto di Toscanelli disegnato da un bambino. La carta di Toscanelli.

Dettagli

LE SCOPERTE GEOGRAFICHE

LE SCOPERTE GEOGRAFICHE Azione 1 Italiano come L2- La lingua per studiare Disciplina: Storia Livello: A2 B1 LE SCOPERTE GEOGRAFICHE Gruppo 7 Autori: Olivotto Daniela, Raccanelli Maria Pia, Stival Alessandra Obiettivi didattici:

Dettagli

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I.

L Inghilterra Tudor ha visto due dei sovrani più forti che mai si siano seduti sul trono inglese: Enrico VIII e sua figlia Elisabetta I. Che cosa simboleggia la rosa dei Tudor? La rosa dei Tudor simboleggia l unione tra le famiglie inglesi dei Lancaster e degli York. Il simbolo della rosa Tudor fu il risultato del matrimonio tra Enrico

Dettagli

LEGGENDA DELLA SIRENA

LEGGENDA DELLA SIRENA LA LEGGENDA DELLA SIRENA Anche questa seconda leggenda massarosese è stata tratta dalla raccolta Paure e spaure di P. Fantozzi e anche su questa lettura i ragazzi hanno lavorato benché in maniera differente:

Dettagli

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno

La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno Intrappolato in una miniera d'oro La storia di Charlie a cura della scuola Primaria di Gorno A Gorno c'erano le miniere di zinco e piombo, i proprietari gestivano anche le miniere d'oro in Australia. Spesso,

Dettagli

La conquista dell America. Lezioni d'autore

La conquista dell America. Lezioni d'autore La conquista dell America Lezioni d'autore Dal sito www.cittacapitali.it Lo sterminio totale delle popolazioni autoctone americane, avvenuto dopo la scoperta di Colombo, fu la sconfitta dell etica universalistica

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

LA DONAZIONE DI COSTANTINO

LA DONAZIONE DI COSTANTINO LA DONAZIONE DI COSTANTINO La Chiesa per secoli ha giustificato il potere politico (temporale) dei papi, eredi degli imperatori romani, in base a un documento: la "Donazione di Costantino". Secondo questo

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

I tre pesci. (Favola araba)

I tre pesci. (Favola araba) Favolaboratorio I tre pesci I tre pesci. (Favola araba) C'erano una volta tre pesci che vivevano in uno stagno: uno era intelligente, un altro lo era a metà e il terzo era stupido. La loro vita era quella

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

per 3-5 giocatori da 12 anni in su

per 3-5 giocatori da 12 anni in su per 3-5 giocatori da 12 anni in su Traduzione e adattamento a cura di Gylas Versione 1.1 Maggio 2005 http:// e-mail: info@gamesbusters.com NOTA. Questa traduzione non sostituisce in alcun modo il regolamento

Dettagli

Generale CALOGERO CIRNECO CIRCOLO UNIFICATO DI PRESIDIO Firenze, 9 maggio 2012 2 Prima di Colombo I Navigatori cercavano rotte per giungere alle INDIE circumnavigando l Africa Quindi navigavano verso Est

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO

LA NASCITA DEL CAPITALISMO MODERNO DUE STRADE PER L EUROPA E LE ORIGINI DEL CAPITALISMO STAGNAZIONE E SVILUPPO Primi del 600: in crisi GERMANIA, ITALIA, SPAGNA. In crescita INGHILTERRA, OLANDA e in parte la FRANCIA.. Esiti politici diversi

Dettagli

IL POLO MUSEALE DI BYGDØY

IL POLO MUSEALE DI BYGDØY IL POLO MUSEALE DI BYGDØY Il polo museale di Bygdøy, penisola prospiciente il centro storico di Oslo e agevolmente raggiungibile dal centro anche in battello, coperta di boschi e nota anche per le navi

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di

Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di Buongiorno a tutti voi! Oggi è la giornata dei diritti dell infanzia. Noi sappiamo che ogni bambino ha diritto di giocare, di andare a scuola, di avere una famiglia. Ognuno di loro ha diritto al cibo,

Dettagli

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo,

Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, Quando fu sera, su consiglio della mamma di Katrina, Merlino decise di trascorrere la notte fuori: stando sdraiato in giardino a fissare il cielo, magari avrebbe trovato la risposta che cercava. E così

Dettagli

Convenzione concernente certe restrizioni all esercizio del diritto di cattura nella guerra marittima Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907

Convenzione concernente certe restrizioni all esercizio del diritto di cattura nella guerra marittima Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907 Convenzione concernente certe restrizioni all esercizio del diritto di cattura nella guerra marittima Conchiusa all Aja il 18 ottobre 1907 Sua Maestà l Imperatore di Germania, Re di Prussia; il Presidente

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE. Nome Comunemente. Utilizzato nella Comunità Internazionale. Mar del Giappone MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DEL GIAPPONE L unico Nome Comunemente Utilizzato nella Comunità Internazionale Mar del Giappone 1 Mar del Giappone è l unico nome stabilito a livello internazionale per l

Dettagli

Di Günter Cornett (co-autore: Volker Schäfer) Regole generali... 2

Di Günter Cornett (co-autore: Volker Schäfer) Regole generali... 2 Di Günter Cornett (co-autore: Volker Schäfer) Argomento Pagina Regole generali... 2 Il Capitano Fedele (per 2 giocatori da 10 anni in su)... 2 Circondare i pirati avversari. Non è così semplice come sembra.

Dettagli

Il viaggio di Colombo

Il viaggio di Colombo Centro Territoriale Intercultura, CTI 3 Chiari CIS - Centro di Italiano per Stranieri - Università degli Studi di Bergamo Insegnare nella classe plurilingue: stesura di un sillabo delle competenze in Italiano

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA?

MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «NEI PERICOLI È MEGLIO ESSERE IN «E SE CI TROVIAMO IN UNA BATTAGLIA? CAPITOLO XXX MENTRE I TRE SI AVVICINAVANO ALLA VALLE, TROVARONO COMPAGNI CHE ANDAVANO NELLA STESSA DIREZIONE: «TANTA GENTE ATTIRA I SOLDATI. POVERO ME!» BORBOTTAVA DON ABBONDIO. «NEI PERICOLI È MEGLIO

Dettagli

Lo scontro fra la Grecia e la Persia

Lo scontro fra la Grecia e la Persia Lo scontro fra la Grecia e la Persia Un conflitto di civiltà Ø nel corso del VI secolo a. C. le città greche della costa occidentale dell Asia Minore (odierna Turchia) crescono in ricchezza e potenza,

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila

http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila http://circolopliniocorreadeoliveira.blogspot.it/2010/10/santa-teresa-davila.html Santa Teresa d Avila Le mura di Avila Santa Teresa d Avila (1515-1582) era al Carmelo di Toledo quando il re del Portogallo,

Dettagli

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU)

Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Il contesto storico della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (DUDU) Marcello Flores Il 10 dicembre 1948 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvava la Dichiarazione Universale dei Diritti

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente

I garibaldini fecero irruzione nella via verso la Fiera Vecchia, oggi via Garibaldi. Qualche finestra si aperse, qualche testa si sporse, ma gente GARIBALDI A PALERMO Giuseppe Cesare Abba nella sua Storia dei Mille fornisce un racconto dettagliato degli incredibili giorni che segnarono la fine del dominio borbonico a Palermo. Dopo lo sbarco a Marsala

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno

Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Dalle guerre persiane ad Alessandro Magno Il periodo storico che viene trattato in questa unità didattica va dagli inizi del V secolo a.c. alla fine del I secolo a.c. e riguarda la Grecia, la Macedonia

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale La Germania Era l'ultima tra le potenze arrivate Per poter conquistare e mantenere le proprie colonie, potenzia l'esercito e la flotta più delle altre nazioni europee, che non

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

Colonialismo e Neocolonialismo

Colonialismo e Neocolonialismo Colonialismo e Neocolonialismo Introduzione Nella sua definizione propria, il colonialismo viene rappresentato come l'estensione della sovranità di una nazione su territori e popoli all'esterno dei suoi

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone

PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. MODULO 1: l Europa feudale PROGRAMMA DI STORIA Classe 3ªC Cucina a.s. 2014-2015 prof.ssa Simonetta Simone 1. Il sistema feudale 1.1 Vassallaggio e beneficio nell Europa carolingia 1.2 I feudi verso

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso...

Gli eroi sono chiamati a risolvere un mistero che scuote il regno di Andor. E forse è l'inizio di qualcosa di più pericoloso... Storico delle modifiche 1.1 aggiunta questa pagina di copertina Leggende di Andor La vendetta del negromante I episodio Trasformazioni inquietanti Versione 1.1 Questa leggenda richiede la versione base

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

La crisi del XVII secolo

La crisi del XVII secolo La crisi del XVII secolo L Europa visse nel XVII una grave emergenza economica e sociale. Nel XV e nel XVI secolo la popolazione era aumentata era necessario accrescere anche la produzione agricola. Le

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia.

LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. LA SECONDA GUERRA MONDIALE La seconda guerra mondiale iniziò quando Hitler nel primo settembre del 1939 attaccò la Polonia. La Francia e l Inghilterra a loro volta intervennero a sua difesa. Cosi Hitler

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE GLI ANIMALI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE I CAVALLI La prima guerra mondiale sfruttò moltissimo gli animali; cani, asini, muli, cavalli e piccioni vennero largamente usati nelle operazioni militari, in un

Dettagli

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172

L ITALIA IN EUROPA. 1 Voyager 5, pagina 172 L ITALIA IN EUROPA L Italia, con altri Stati, fa parte dell Unione Europea (sigla: UE). L Unione Europea è formata da Paesi democratici che hanno deciso di lavorare insieme per la pace e il benessere di

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Sistemi monetari a base metallica (1)

Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta La moneta Sistemi monetari a base metallica (1) La moneta è qualunque merce che serve da intermediario negli scambi o come deposito di valore Numerose merci sono servite come moneta nelle società

Dettagli

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate

L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate L'Europa cristiana si espande: la Reconquista e le Crociate Cristiani e musulmani nell'xi secolo Fra mondo cristiano e mondo musulmano erano continuati, nel corso del Medioevo, gli scambi commerciali e

Dettagli

Le avventure di Crave

Le avventure di Crave Le avventure di Crave Damiano Alesci LE AVVENTURE DI CRAVE www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Damiano Alesci Tutti i diritti riservati CRAVE E GLI ANTIFURTI A. A. L. (AGENZIA ANTI LADRI) L agenzia

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE

RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D INGHILTERRA Detto CUOR DI LEONE RICCARDO I D'INGHILTERRA, noto anche con il nome di Riccardo Cuor di Leone nacque in Inghilterra l 8 settembre 1157, quarto figlio del re d Inghilterra ENRICO

Dettagli

Morte, Umiliazione, Schiavitù ed altro in una Casa Cristiana

Morte, Umiliazione, Schiavitù ed altro in una Casa Cristiana Morte, Umiliazione, Schiavitù ed altro in una Casa Cristiana Questa è una risposta data da uno dei nostri membri dei gruppi principali di Joy of Satan. Affinché tutto questo non venga perso nel mucchio

Dettagli

favola di Eleonora Eleonori

favola di Eleonora Eleonori LA LA STORIA STORIA DEL DEL PICCHIO PICCHIO FILIPPO FILIPPO favola di Eleonora Eleonori Questa è la storia del picchio Filippo e della sua famiglia composta di moglie e tre figlioletti: Rino, Pino e Mino.

Dettagli