POLITECNICO DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI TORINO"

Transcript

1 POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile TESI DI LAUREA Correlazione tra i parametri litologico strutturali e le condizioni di stabilità di versanti rocciosi e definizione delle aree a rischio per caduta blocchi Relatori Prof. Giampiero Barisone Prof. Giannantonio Bottino Candidato Domenico Gabriele

2 Luglio

3 INDICE Pag. Cap. 1 Introduzione Finalità dello studio 1.2 Scelta del sito 1.3 Struttura della tesi Cap. 2 Inquadramento geologico Inquadramento geografico e morfologico 2.2 Inquadramento geologico Premessa La zona Piemontese La falda della Dent-Blanche Cap. 3 Rilevamento geologico tecnico Premessa Limiti geografici del rilievo 3.2 La carta litologico-tecnica 3.3 Fenomeni di instabilità 3.4 Tettonica e lineazioni 3.5 Acque superficiali e sotterranee I

4 Cap. 4 Rilievi strutturali Premessa 4.2 Modalità esecutive 4.3 Elaborazione dati dei rilievi strutturali Cap. 5 Prove in situ Misure sclerometriche Premessa Modalità esecutive Elaborazione dati Limiti della prova 5.2 Misura dell indice di resistenza Is Premessa Modalità esecutive della prova Raccolta ed elaborazione dei dati Limiti della prova 5.3 Indagini geofisiche Cap. 6 Prove di laboratorio Velocità delle onde elastiche Taratura della strumentazione Misure sui campioni Correlazioni con i moduli elastici Conclusioni 6.2 Sezioni sottili 6.3 Tilt test 6.4 Prove di compressione II

5 6.4.1 Monoassiale con estensimetri Triassiale 6.5 Prove di taglio diretto Taglio diretto su frattura preesistente Taglio diretto su campione integro 6.6 Conclusioni Cap. 7 Classificazione dell ammasso roccioso Classificazione di Bieniawsky 7.2 Classificazione di Barton Cap. 8 Verifiche di stabilità Introduzione 8.2 Il programma di calcolo Tridi 8.3 Elaborazione dati 8.4 Conclusioni Cap. 9 Elaborazione caduta blocchi Introduzione 9.2 Programma utilizzato per le simulazioni 9.3 Scelta delle traiettorie 9.4 Verifica plano-altimetrica delle sezioni Cap. 10 Conclusioni 157 III

6 Bibliografia 164 Allegati: 166 Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Tabelle dei rilievi strutturali Dati ricavati dal Piont Load Test Reticoli di Schmidt Dati ottenuti dalle prove di laboratorio Tavole: Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Carta geologico-tecnica Carta dei potenziali cinematismi Carta della stabilità dei versanti IV

7 Capitolo 1 Introduzione Finalità dello studio Scelta del sito Struttura della tesi

8 1 - Introduzione Finalità dello studio La tesi si propone l analisi dei molteplici aspetti legati alla valutazione della stabilità dei versanti ed alla elaborazione di una cartografia tematica che metta in evidenza le zone a maggior pericolosità e/o a rischio. Per il raggiungimento del fine preposto si sono dovuti fissare degli obbiettivi intermedi, quali un attento studio della geologia e litologia della zona e l esecuzione di adeguati rilievi strutturali, il tutto eseguito su una buona carta topografica verificata in situ nei suoi punti fondamentali Scelta del sito La Valle d'aosta é una regione interessata da un elevato numero di eventi franosi, caratterizzati da una grande variabilità sia nella tipologia che nelle dimensioni. Una delle principali cause dell' instabilità dei versanti, per quanto riguarda sia la valle principale che le valli laterali è legata alla fine dell era glaciale ed alla scomparsa dei grandi ghiacciai Wurmiani. La loro presenza aveva infatti comportato considerevoli fenomeni di erosione dei versanti e di approfondimento del solco vallivo, con una diminuzione del carico litostatico in parte compensato dal peso della massa di ghiaccio. Al ritiro dei ghiacciai verificatosi negli ultimi anni ha fatto seguito una decompressione, che ha provocato nelle zone di maggior debolezza, una fratturazione sub-parallela al pendio (tension cracks) causa di molti fenomeni di crollo che, 2

9 particolarmente intensi durante il fluvio-glaciale, proseguono tuttavia anche ai nostri giorni. Questa tesi studia una zona in cui sono già avvenuti degli eventi franosi in un lontano passato, proprio per i motivi sopra esposti, ma che "recentemente" non ha più visto verificarsi cospicui fenomeni di crollo, permettendo così la nascita di due piccole borgate situate subito a ridosso della parte terminale delle vecchie frane, le frazioni di Torille e Riverolle in comune di Verres. Inoltre accanto alle borgate scorre la strada statale 26, l'unica via di comunicazione, insieme all'autostrada, che colleghi la media e l' alta Valle d'aosta con il resto d'italia, qiundi una strada di enorme importanza per questa regione. La zona studiata rientra nel territorio del Comune di Verres sul lato orografico sinistro della valle ed esattamente nelle frazioni di Torille e Riverolle. La scelta di questa località è avvenuta quindi per la presenza contemporanea di borgate abitate e di una via di comunicazione molto importante su cui incombe una situazione che questo studio permetterà di affermare se di pericolo oppure no. Nella Foto 1.1 sono inquadrati i versanti studiati Struttura della tesi L'elaborazione di una cartografia tematica che riguardi la stabilità dei versanti e le zone di possibili espansioni dei massi staccatisi dalle pareti rocciose, ha comportato una serie di passaggi obbligati, sia per la conoscenza dettagliata del territorio sia per l' elaborazione dei dati successivi. In una prima fase si è proceduto ad un rilievo geologico-tecnico di dettaglio di tutti i versanti incombenti sulle frazioni Torille e Riverolle, onde identificare i principali litotipi presenti e riportarli sulla carta tecnica 1:5000 redatta dalla Regione Valle D Aosta. I risultati dei rilievi condotti sul terreno sono stati 3

10 successivamente integrati tramite l aereofotointerpretazione, che ha permesso tra l altro di evidenziare alcune grosse discontinuità tettoniche. Si è quindi proceduto ad ulteriori studi sul terreno per giungere ad una classificazione geomeccanica dell' ammasso roccioso. Per questo,individuate le pareti più significative, sono stati fatti dei rilievi geostrutturali in tutti i posti accessibili, pur se in alcune zone è stato necessario effettuare, in considerazione degli scopi dello studio e dell estrema variabilità litologica della zona in esame, stendimenti relativamente brevi per le enormi difficoltà morfologiche dell area (pareti rocciose subverticali e fitti roveti alla base). Si sono poi eseguite prove di resistenza a compressione della roccia in sito (tipo Point Load Test), non tanto per ricavare i parametri di resistenza ma per valutare l'omogeneità geomeccanica delle pareti. Con le prove di laboratorio si sono voluti invece ottenere i parametri di resistenza della matrice rocciosa, effettuando delle prove di compressione, di taglio diretto e, in modo indiretto, della resistenza a trazione con la prova Brasiliana. Si è altresì cercato di analizzare il grado di fratturazione della roccia, oltre che con i metodi tradizionali, anche effettuando delle prove basate sulla trasmissione delle onde elastiche, sia in laboratorio (Pundit) che sul terreno (piccola sismica) per ottenere una correlazione tra i parametri di resistenza ottenuti con le prove di laboratorio ed i parametri relativi all ammasso roccioso in situ. Il modulo elastico statico è stato determinato tramite correlazioni con il modulo elastico dinamico e l'attendibilità di queste correlazioni è stata verificata tramite prove di compressione monoassiale strumentate con opportuni estensimetri (solo però sulle metabasiti, per l'eccessiva costo degli estensimetri). Si è poi proceduto ad una classificazione dell'ammasso roccioso utilizzando la classificazione di Bieniawsky, e si è proceduto infine alle verifiche di stabilità, e dei possibili percorsi dei blocchi, sintetizzando questi dati in opportune carte tematiche. 4

11 Foto 1.1 composizione 5

12 Capitolo 2 Inquadramento geologico Inquadramento geografico e morfologico Inquadramento geologico Premessa La zona Piemontese La falda della Dent-Blanche

13 2.1 Inquadramento geografico e morfologico L area studiata è interamente compresa nel comune di Verres, come indicato nelle Fig 2.1 e 2.2 e più precisamente comprende le frazioni Torille e Riverolle.Queste borgate sono facilmente raggiungibili da Torino percorrendo l`autostrada A5 della Valle d Aosta sino al casello di Verres, da dove si prosegue sulla SS 26 in direzione Aosta per circa trecento metri. Fig Inquadramento geografico dell area in studio 7

14 La zona, situata nella bassa Valle d Aosta in sinistra orografica della Dora Baltea, è delimitata a nord-est dalle località di Nache e Lac, a sud-est dalla località Baraccon, a sud-ovest dalla SS 26 e a nord-ovest dalla località Villa Agosti. Le due frazioni di Torille e Riverolle sono ubicate ad una quota media di 380 m s.l.m ai piedi di una piccola valletta nella quale scorre un torrente, il Torille, che presenta per la maggior parte dell anno portate decisamente ridotte. Iversanti disposti a semicerchio attorno alle borgate, sono decisamente acclivi, con frequenti pareti subverticali alte sino a 200 m ed interrotte, nella zona centrale da dei pianori che si sviluppano tra i 500 e i 700 m s.l.m. Le massime altezze raggiunte dalle creste rocciose dei versanti studiati non superano i 1000 m s.l.m. Fig Porzione di territorio del comune di Verres 8

15 2 - INQUADRAMENTO GEOLOGICO Premessa Dal punto di vista geologico, la zona in studio ricade, in gran parte, all'interno della Zona Piemontese, con l eccezione di alcune porzioni dell area che sono costituite da litotipi appartenenti al lembo del Pillonet e la scaglia di Etirol-Levaz (fig. 2.3). La Zona Piemontese, altrimenti detta Falda dei Calcescisti con Pietre Verdi o, per la scuola francese, Zones des Schistes Lustrés, corrisponde ad un insieme di rocce metamorfiche, fra le quali prevalgono calcescisti e le metafioliti (Pietre Verdi), originatesi nel bacino oceanico presente nel Mesozoico tra la placca europea e quella insubrica. Questa falda, non unitaria ma suddivisa al suo interno in varie unità, risulta sovrascorsa sulla crosta Penninica continentale costituita, a sua volta, da parte della Zona Brianzonese e dalla falda dei Massicci Cristallini Interni (Monte Rosa, Gran Paradiso e Dora-Maira). La Falda della Dent-Blanche rappresenta, invece, parte della crosta continentale Austoalpina, costituita da rocce mono e polimetamorfiche caratterizzata da paragenesi a pirosseno giadeitico, quarzo e granato presenti nei parascisti e nei metagranitoidi (Biino & Compagnoni, 1988). Il Dominio Australpino nelle Alpi occidentali è, in effetti, rappresentato dalla Zona Sesia-Lanzo, che sta in posizione geometricamente superiore alla Zona Piemontese, e da un insieme di klippe che costituiscono la Falda della Dent- Blanche (Compagnoni et al., 1977). 9

16 2.2 - La Zona Piemontese La Zona Piemontese può essere schematicamente suddivisa in due unità tettoniche composite, distinguibili sulla base delle litologie, della posizione paleogeografica, delle associazioni metamorfiche e dell'evoluzione tettonica subita. Entrambe le unità, comunque, si sono originate durante il Mesozoico nel bacino oceanico tra l'europa e la Placca Insubrica (Dal Piaz & Ernst, 1978). Le unità di provenienza esterna (Zona Piemontese occidentale o Zona del Combin) sono costituite da sequenze in prevalenza triassiche, da marmi scistosi liassici e da un complesso eterogeneo di calcescisti ofiolitiferi. Una caratteristica tipica della Zona del Combin è la regolare ripetizione di intercalazioni tra calcescisti e prasiniti; in essa sono presenti, inoltre, rari metagabbri e serpentiniti. 10

17 Fig Schema tettonico delle Alpi occidentali, tratto da Compagnoni et al. (1977). 11

18 Le sequenze del Combin non costituiscono crosta oceanica vera e propria in quanto deriverebbero da sedimenti depositati sulla crosta continentale assottigliata del margine Penninico (europeo). Le unità di provenienza interna (Zona Piemontese orientale o Zona di Zermatt-Saas Fee) mostrano invece caratteristiche di crosta oceanica (tipo Mar Rosso). Esse sono costituite essenzialmente da metaofioliti rappresentate da grosse scaglie ultramafiche di mantello (fino a 2-3 km di spessore), da gabbri talvolta con strutture di cumulo, e basalti a pillow, di età probabile Giurassica sovrastati da sedimenti mesozoici, rappresentati da carbonati impuri, grovacche e chert. L'intero bacino oceanico piemontese è stato completamente tettonizzato durante la collisione Alpina tra l'europa e la Placca Insubrica: in un primo momento esso è stato portato in subduzione e successivamente è parzialmente sovrascorso verso il lato esterno della catena. Attualmente la Zona di Zermatt-Saas Fee costituisce l'unità inferiore in contatto tettonico sui massicci cristallini interni, mentre in posizione superiore, sempre in contatto tettonico, c'è la Zona del Combin. Dal punto di vista dell'evoluzione metamorfica, l'unità inferiore mostra chiare tracce di un evento metamorfico eoalpino in facies eclogitica (Cretaceo sup.), mentre quella superiore ha raggiunto la facies scisti blu per poi subire una forte riequilibrazione in facies scisti verdi (evento lepontino, 40 m.a. circa). Studi recenti (Polino et al, 1990) portano a considerare tutto il problema alla luce di un nuovo modello tettonico, caratterizzato da metamorfismo di alta pressione e bassa temperatura (fig. 2.4). 12

19 Fig Profilo schematico NW-SE in corrispondenza del Cervino, tratto da Polino et al

20 2.3 - La Falda della Dent-Blanche Dal confronto dei litotipi rilevati nei diversi klippe che costituiscono la Falda della Dent-Blanche si può osservare come essa risulti costituita da uno zoccolo paleozoico e una copertura mesozoica (fig. 2.5). Lo zoccolo prealpino comprende la Serie di Arolla e la Serie della Valpelline (Argand, 1909): la prima è essenzialmente costituita da ortoderivati incassati in scisti e gneiss paraderivati, mentre la seconda comprende paragneiss, marmi e metabasiti, tutti accomunati dalla presenza di paragenesi in facies granulitica o anfibolitica di alto grado e, perciò, correlabili alla Zona di Ivrea e alla II Zona Diorito-kinzigitica (Novarese, 1929). La copertura mesozoica, (Dal Piaz, 1976), è a sua volta suddivisibile in due serie sedimentarie: la Serie di Mont Dolin e la Zona di Roissan. La prima è contraddistinta da un livello di scollamento di base costituito da carniole, da carbonati triassici e liassici e da un forte spessore di brecce monogeniche e poligeniche (in questi casi alle dolomie triassiche si aggiungono gli gneiss della Serie di Arolla). La seconda è, invece, caratterizzata dall'assenza, alla base della serie, dei livelli evaporitici. In questo caso, al Trias carbonatico seguono dei calcescisti liassici con rari livelli di brecce monogeniche a clasti dolomitici. Fig Profili interpretativi tratti da Ballevre et al. (1987). 14

21 In un recente lavoro della scuola francese (Ballevre et al., 1986) viene messo in evidenza come la Falda della Dent-Blance sia suddivisa in due unità indipendenti, che differiscono fondamentalmente per la storia tettonica e metamorfica alpina (fig. 2.6). L'unità superiore (klippe della Dent-Blanche, del Mont Mary e del Pillonet) risulta in contatto tettonico sulla Zona del Combin ed è composta sia dalla Serie di Arolla che dalla Serie della Valpelline. Invece, l'unità inferiore (scaglia di Etirol-Levaz, klippe del Mont Emilius, del Glacier-Rafray e di Torre Ponton) è in contatto tettonico sulle unità eclogitiche della Zona Zermatt-Saas Fee ed è costituita, esclusivamente, da materiale granulitico o anfibolitico prealpino che ha subito metamorfismo eclogitico. Fig. 2.6 (Schema tettonico della parte interna delle alpi Nord-occidentali tratto da Compagnoni et al. 1977). 15

22 Capitolo 3 Rilevamento geologico tecnico Premessa Limiti geografici del rilievo La carta litologico-tecnica Fenomeni di instabilità Tettonica e lineazioni Acque superficiali e sotterranee

23 3 - Rilevamento Geologico-Tecnico Premessa Al fine di poter effettuare una attendibile valutazione del grado di stabilità dei versanti, e delle dimensioni dei blocchi che potrebbero staccarsi dalle pareti rocciose è indispensabile lo studio del grado di fratturazione dell'ammasso roccioso, generalmente variabile in funzione soprattutto dell esposizione, della quota e delle caratteristiche litologiche degli ammassi stessi. Il rilevamento geologico-tecnico dell'area in oggetto è stato quindi condotto con la finalità di poter disporre di una conoscenza dei litotipi presenti, sia da un punto di vista geologico che sotto l aspetto di una sia pur sommaria caratterizzazione geomeccanica; esso è stato pertanto basato, oltre che sulla classica rilevazione degli affioramenti dei diversi litotipi, anche su numerosi rilievi strutturali e sull esecuzione di prove in situ (Point Load Test, Martello di Schimdt, piccola sismica) onde poter valutare il grado di fratturazione e di alterazione della roccia e la potenza della coltre detritica di copertura Limiti geografici del rilevamento Il rilevamento è stato esteso ad una zona leggermente più vasta di quella di effettivo interesse, onde avere una visione globale dei litotipi presenti e capire i rapporti giaciturali intercorrenti tra le diverse formazioni rocciose. 17

24 La zona rilevata si estende in complesso per poco più di un chilometro quadrato, coprendo i versanti per un tratto compreso tra il fondo valle (quota 370 m s.l.m.) e una quota di circa 800 m s.l.m.. 18

25 3.2 - La carta litologico-tecnica La denominazione di questa carta, piuttosto inusuale, vuole indicare come essa sia stata redatta in modo tale da riunire i vari litotipi in gruppi relativamente omogenei sotto l aspetto geomeccanico, tenendo conto solo parzialmente della composizione mineralogica, che pure è stata controllata, oltre che macroscopicamente, anche attraverso l esame al microscopio petrografico, di alcune sezioni sottili. In particolare, i litotipi rilevati sono stati raggruppati sotto le seguenti denominazioni: Calcescisti; sotto questa dizione sono stati raggruppati, oltre ai calcescisti propriamente detti (foto 3.1), anche locali ma talora estese differenziazioni a componente quarzosa assai marcata (foto 3.2) e lenti carbonatiche relativamente massicce. Essi affiorano principalmente nei versanti che si innalzano dalla borgata di Riverolle quindi a nord-ovest della zona in esame. Possiedono, nella parte più vicina all'abitato, la colorazione grigio-marroncina tipica di questa roccia metamorfica, mentre nelle zone più alte e più esposte assumono una colorazione decisamente più scura a causa dell alterazione superficiale. I versanti costituiti essenzialmente da calcescisti risultano interessati da famiglie di fratture assai irregolari; la scistosità non è particolarmente marcata ma emerge in modo evidente attorno a quota 450 m ove, su una parete subverticale, si dispone con un andamento a pieghe caratterizzate da un elevato raggio di curvatura. Metabasiti; sono state indicate con questa generica dizione diverse rocce metamorfiche a prevalenti femici (anfiboliti, metagabbri, serpentiniti, ecc.) affioranti in masse irregolari e reciprocamente interconnesse nella parte nord-est della zona studiata, ove si presentano generalmente in forma massiccia, praticamente prive di scistosità (foto ). 19

26 Gli affioramenti di metabasiti sono caratterizzati da versanti molto acclivi, con pareti subverticali alte anche più di 100 m, ai cui piedi si è accumulato un imponente detrito di falda, con blocchi di dimensioni variabili dal mezzo metro cubo alla decina di metri cubi. Parte di questo materiale franato si sta ricoprendo di una coltre di terreno, di spessore però molto ridotto, sulla quale inizia a ricrescere una discontinua coltre vegetale. Le metabasiti compaiono anche, come inclusi di dimensioni decametriche, nei calcescisti della fascia nord-ovest, ove si presentano in forma massiccia quasi priva di scistosità ma non paiono avere influenza sul comportamento geomeccanico del versante. Le fratture interessanti le metabasiti hanno un andamento decisamente più regolare rispetto a quelle dei calcescisti, ed appaiono tendenzialmente rettilinee e raggruppabili in famiglie ben delimitate. Gneiss; sotto questa dizione sono stati raggruppati sia i termini relativamente massicci che quelli più propriamente micascistosi, spesso granatiferi (foto ). Si tratta comunque sempre di rocce metamorfiche di tipo acido, più o meno scistose, affioranti in maniera sporadica nella parte nord-est della zona studiata ove appaiono come masse irregolari incluse nelle metabasiti, verso le quali sfumano in spazi più o meno brevi. Sono state cartografate solo le due masse principali: la prima posta ad una quota di 575 m s.l.m., ha forma grosso modo piramidale ed è caratterizzata da una scistosità non molto marcata; la seconda si trova ad una quota inferiore (circa 500 m s.l.m.) rispetto alla precedente, e presenta una scistosità più marcata unita alla presenza di granati di dimensioni anche più che millimetriche. 20

27 Foto Calcescisti, zona bassa, settore W. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 30 x. Struttura pavimentata costituita in netta prevalenza da cristalli di calcite di varie dimensioni (rossi, gialli, azzurri), in cui appaiono evidenti le tracce dei piani di sfaldatura. Rari cristalli di muscovite; minuti cristalli di quarzo (grigi) in basso a sinistra; accessori granati, ematite e zircone. Notare la quasi totale mancanza di isoorientazione dei cristalli, indice di una struttura relativamente massiccia che contrasta con la marcata scistosità a scala macroscopica. 21

28 Foto Calcescisti, zona alta, settore centrale. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 80 x. Predomina la calcite in grossi cristalli (verde, rosa, azzurro) con evidenti tracce dei piani di sfaldatura. Relativamente abbondante la muscovite, in lamine isoorientate; accessori ematite e granati (neri). In basso e a destra ampia zona a grossi cristalli di quarzo (bianco e grigio). 22

29 Foto Metabasiti, zona bassa, settore E. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 80 x. Al centro, grosso cristallo grigio-verde corroso di pirosseno (tipo giadeite); nella massa di fondo pirosseni e anfiboli (grigi), clorite (marrone), granato e magnetite (neri). Notare la mancanza di isoorientamento dei cristalli, con lastruttura a livello microscopico che conferma la tessitura massiccia a livello macroscopico. 23

30 Foto Metabasiti, zona alta, settore E. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 30 x. Aggregato disordinato di cristalli piuttosto deformati, con prevalenti pirosseni e anfiboli (grigio e grigio-verdi), clorite (marrone-giallo), magnetite e granati (neri), in alto a sinistra un cristallo corroso di titanite (multicolore). Non ci sono segni di isoorientazione dei cristalli a conferma della tessitura massiccia e del comportamento relativamente isotropo della roccia. 24

31 Foto Gneiss granatiferi, zona alta, settore centrale. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 30 x. Fitto gregato di lamine di muscovite (blu, giallo, rosso) e cristalli di quarzo (bianchi e grigi). In alto a sinistra e in basso a destra due granati (neri). Notare la mancanza di isoorientazione delle lamine muscovitiche, a conferma della scarsa scistosità della roccia. 25

32 Foto Gneiss (micascistosi) granatifere, zona bassa settore E. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 80 x. Aggregato pavimentoso di cristalli di quarzo (bianchi e grigi) con abbondanti granati, in parte alterati (nero con zone giallo-rosa); in basso a sinistra una lamina di muscovite. Quì appare un certo allineamento dei cristalli secondo una direzione preferenziale, confermata ad ingrandimenti minori dalla isoorientazione delle lamine di mica. 26

33 3.3 - Fenomeni di instabilità Durante l'esecuzione del rilievo geologico tecnico di base sono state altresì evidenziate le zone di versante che presentano evidenti aspetti di instabilità; in queste zone è stato poi concentrato il lavoro di rilevamento geostrutturale, con un numero maggiore di stendimenti rispetto a quelle aree che invece non risultavano critiche. Le indagini preliminari hanno portato ad evidenziare due differenti fenomenologie di instabilità, legate a diversi aspetti litologici e tettonici dei versanti: da un lato l'instabilità delle pareti rocciose strictu sensu, dall altro i fenomeni riscontrati in alcuni punti della copertura detritico-terrigena presente in alcune parti dell' area in esame. Quest'ultima fenomenologia si manifesta prevalentemente in connessione con precipitazioni piovose di entità elevata, assumendo le caratteristiche di colamento di terra e di detrito( earth flow e debris flow ); fortunatamente questi colamenti non hanno mai raggiunto le due borgate in fondovalle perdendo velocità ed arrestandosi in genere su di un pianoro posto alla quota di circa 500 m, in una zona ormai disabitata e raggiungibile solamente percorrendo una ripida mulattiera (foto 3.7). Nella carta tematica relativa alla stabilità dei versanti sono stati segnalati i percorsi dei fenomeni più rilevanti di questo tipo verificatisi negli ultimi decenni, anche se non riguardanti direttamente i versanti in roccia, in quanto comunque di una certa importanza ai fini di una caratterizzazione della stabilità generale della zona. Per quanto riguarda invece i versanti rocciosi veri e propri, l' area in studio presenta due zone caratterizzate da fenomeni di instabilità molto rilevanti. Nel settore a NW dell area studiata è presente, ad una quota di circa 400 m una parete rocciosa a pianta curvilinea, sviluppantesi per circa 100 m in lunghezza e 25 m in altezza. Si tratta della nicchia di distacco di una paleofrana ( foto 3.8) verificatasi, presumibilmente durante il tardo fluvioglaciale Wurm, nei calcescisti intensamente fratturati (vedi rilievi strutturali n. 27

34 7,8,10). La zona di accumulo della frana è costituita da materiale detritico con pezzatura estremamente variabile, ormai totalmente coperto da una serie di terrazzamenti formati da muri a secco ancora ottimamente mantenuti, che contribuiscono alla protezione dell azione erosiva delle acque ruscellanti e pertanto alla stabilità del materiale franato. Un altra importante zona di instabilità, ricollegabile sia alla fratturazione di origine tettonica che alla distensione dei versanti in conseguenza del ritiro dei ghiacciai Wurmiani, si manifesta su tutto il versante nord-est, nel quale è riscontrabile una marcata famiglia di fratture parallele al fronte e con lunghezze notevoli (70-90 m), ben visibili dalle foto aeree; a questa si aggiunge una fratturazione meno estesa, ma più frequente, che determina la formazione di blocchi di 3-10 m. 3. Foto Pianoro situato a quota 670 m s.l.m. 28

35 Foto Nicchia di distacco della Paleofrana 29

36 3.4 - Tettonica e lineazioni Lo studio della tettonica e delle lineazioni presenti nella zona in esame è stato condotto per evidenziare le eventuali correlazioni tra, disposizione e frequenza delle macro strutture e delle micro fratture, cioè per valutare la connessione tra fratture a grande scala e fratture rilevate nei rilievi strutturali. Si è iniziato con un rilievo sommario sul terreno, nel corso del rilevamento geologico di base, delle lineazioni visibili a piccola scala, quali avvallamenti, contropendenze, giacitura di pareti e sistemi di fratture di dimensioni decametriche. In particolare, sono state rilevate quelle famiglie di fratture evidenziabili a prima vista su affioramenti di roccia senza necessità di un rilievo strutturale sistematico; questo anche perchè in molti affioramenti le dimensioni delle pareti non erano sufficienti grandi per consentire l'esecuzione di misure in numero adeguato ad una valida elaborazione statistica. In un secondo tempo si è proceduto all' esame delle grandi fratture tramite aereofotointerpretazione operando su fotografie aeree a colori eseguite nel 1991 dalla Compagnia Generale Riprese aeree di Parma (foto 3.9.). Questo metodo di studio consiste, come è noto, nella osservazione di un immagine stereoscopica ottenuta tramite due fotografie di una medesima zona scattate da due differenti punti; tale immagine esalta enormemente la dimensione verticale, accentuando le differenze di altezza presenti sul terreno. In questo modo è possibile evidenziare con discreta facilità gli allineamenti di particolari strutture, quali possono essere incisioni fluviali, faglie, fratture, avvallamenti e contropendenze. Inoltre la scala elevata consente l' osservazione contemporanea di una vasta zona, il che permette di segnalare anche quelle lineazioni difficili da notare sul terreno, pur risultando talora dubbia l'interpretazione della natura delle lineazioni individuate. Generalmente i corsi d'acqua e le incisioni vallive si impostano infatti su zone di minor resistenza, connesse quasi sempre con zone fratturate o con vere e propie faglie; in altri casi si nota semplicemente il 30

37 ripetersi di strutture parallele o sub-parallele, che possono essere pareti di roccia, fratture, serie di rilievi o di depressioni. Nella zona in esame sono state evidenziate tutte le lineazioni osservate, distinguendole in due classi e riportandole su carta con simboli grafici differenti a seconda della loro estensione più che della loro natura. Sono state indicate con tratto spesso quelle lineazioni aventi grande lunghezza, almeno superiore ai 50 m. La linea continua rappresenta la discontinuità visibile da foto aerea, mentre il tratto discontinuo indica la presunta continuazione della discontinuità anche dove essa non è direttamente visibile, per esempio nel tratto compreso fra due zone in cui la struttura è evidente. Le lineazioni di entità inferiore sono state invece indicate con un tratto più sottile, e generalmente si tratta di allineamenti di pareti di roccia, di avvallamenti e contropendenze già evidenziati dal rilievo sul terreno. Anche in questo caso il tratto continuo indica la presenza visibile della discontinuità, mentre il tratto interrotto indica la presunta continuazione della frattura. E' da segnalare infine l' ultima fase dello studio delle lineazioni a grande scala, condotta nuovamente sul terreno: sulla base della cartografia preparata in laboratorio con l' osservazione delle aereofoto, si è proceduto ad un ulteriore controllo delle lineazioni, onde valutarne in modo più preciso la natura e l eventuale appartenenza alle famiglie individuate tramite i rilievi strutturali. 31

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it

RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it RILEVAMENTO GEOLOGICO TECNICO a cura di V. Francani vincenzo.francani@polimi.it Indice 1 CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE... 2 2 LA SISTEMATIZZAZIONE DELLE DISCONTINUITÀ... Errore. Il segnalibro non è definito.

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo

Convention Expotunnel 2015 - Milano, 8 Ottobre 2015. - enrico.pizzarotti@proiter.it Settore Fondazioni Speciali e Opere in Sotterraneo Classificazioni geomeccaniche Bieniawski (1989) Barton (1974) Caratterizzazione degli ammassi Hoek & Brown Barton Parametrizzazione geomeccanica Hoek & Brown Barton Dati utilizzati Confronto parametrizzazioni:

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO

CARATTERIZZAZIONE GEOTECNICA DELL AMMASSO ROCCIOSO Dott. Claudio Depoli / 0343 20052 0343-21689 COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

RILIEVO GEOMECCANICO

RILIEVO GEOMECCANICO RILIEVO GEOMECCANICO LAVORO: STUDIO DI DETTAGLIO LOCALITÀ: San Pietro Sovera, Comune di Corrido (Co) RILIEVO N.: RG 1 DESCRIZIONE GEOLOGICA AFFIORAMENTO: roccia di natura calcarea, grigia e ben stratificata

Dettagli

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario

COMUNE DI BORGOMASINO. Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BORGOMASINO Studio idrogeologico relativo alla proposta di riduzione della fascia di rispetto del depuratore fognario Giugno 2012 dott. geol. Mirco Rosso

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione.

ROCCE METAMORFICHE. Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. ROCCE METAMORFICHE Sono rocce che si formano per trasformazione di rocce pre-esistenti a causa di variazioni di temperatura e pressione. Protolite = la roccia pre-esistente. Metamorfismo è un processo

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA

5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA 5. COMPRENSORIO DI PIAGGE-SAN SALVATORE (AP-20 AREA STRALCIATA) 5.1 VERIFICA PRELIMINARE E VERIFICA SEMPLIFICATA Il Comprensorio PIAGGE SAN SALVATORE si estende a Sud del centro urbano della Città, lungo

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868

Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 COMUNE DI CRANDOLA VALSASSINA Provincia di Lecco Individuazione reticolo idrografico minore e regolamento di polizia idraulica DGR 25-01-02 n. 7/7868 Lecco Febbraio 2003 (Aggiornamento all Aprile 2004)

Dettagli

Rocce metamorfiche Metamorfismo:

Rocce metamorfiche Metamorfismo: Rocce metamorfiche Metamorfismo: variazione mineralogica e strutturale delle rocce allo stato solido in risposta a condizioni chimiche e fisiche differenti da quelle in cui si è formata la roccia originaria.

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta

INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA. L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta INQUADRAMENTO GEOGRAFICO e GEOMORFOLOGIA DELL AREA L'area oggetto d'indagine, ricade nella tavoletta 1:25.000 dell'i.g.m.i. denominata "Torretta Granitola" IV S.E. del foglio n 265 della Carta d'italia.

Dettagli

IL METODO GENERALE DI DEFINZIONE DELLA PERICOLOSITA

IL METODO GENERALE DI DEFINZIONE DELLA PERICOLOSITA IL DI DEFINZIONE DELLA PERICOLOSITA Il metodo elaborato cerca di legare il maggior numero di informazioni tecniche (geomeccanica, stato del versante soggetto a rotolamento, storia dei fenomeni, opere esistenti,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA D.I.C. - Sezione Georisorse e Ambiente Università di Trieste LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CADUTA MASSI SULLA VIABILITA Eugenio Castelli, Ph.D. Docente di Ingegneria e sicurezza degli scavi presso l Università

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE

DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE DALLE CARTE ALLE SEZIONI GEOLOGICHE PROFILO TOPOGRAFICO Il profilo topografico, detto anche profilo altimetrico, è l intersezione di un piano verticale con la superficie topografica. Si tratta quindi di

Dettagli

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO

FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO FRANA SULLA STRADA PROVINCIALE N. 24 SCILLATO-CALTAVUTURO Dr. Geol. Daniela Alario - Dr. Geol. Ambrogio

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze Geologiche STUDIO STRATIGRAFICO DI SUCCESSIONI MESOZOICHE DEL DOMINIO SUDALPINO AFFIORANTI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008

Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Misure di microtremore a Montecassino (FR) 02 Dicembre 2008 Dal punto di vista della risposta strumentale tutta la zona indagata risulta essere influenzata da due picchi di origine antropica a 1.5 Hz e

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B.

Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. Circolare n. 1 del 6 ottobre 2009 O.G.B. ISTRUZIONI TECNICHE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI CONTROLLI - REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLA L.R. 6 AGOSTO 1997 N. 38 - NORME PER L ESERCIZIO

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività

La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato dei modelli geologici, geomorfologici e di resistività UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Geologia Applicata Centro di GeoTecnologie La Paleofrana di Aulla: uno studio comparato

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO (Classe delle Lauree Specialistiche in Ingegneria per l Ambiente

Dettagli

Progetto Strategico Interreg IVa Risknat

Progetto Strategico Interreg IVa Risknat Progetto Strategico Interreg IVa Risknat Attività B2/C2 Rischi idrogeologici e da fenomeni gravitativi Crolli di porzioni rocciose Autori: Davide Damato Daniele Bormioli Coordinamento attività B2: Carlo

Dettagli

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO

Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO. Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO. Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO ARGOMENTO INTERDISCIPLINARE: TECNOLOGIA-SCIENZE-GEOGRAFIA Unità Didattica 1 CURVE DI LIVELLO Unità Didattica 2 PROFILO ALTIMETRICO................................. Unità Didattica 3 ESERCITAZIONE IL PLASTICO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA. Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA Corso di Pianificazione Territoriale Corso di Tecnica Urbanistica Prof. Bernardino ROMANO LEZIONE 6 Dott. PhD. Alessandro Marucci LA CARTOGRAFIA PER L ANALISI TERRITORIALE

Dettagli

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica

RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica RELUIS Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica Progetto di ricerca N. 10 DEFINIZIONE E SVILUPPO DI ARCHIVI DI DATI PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO, LA PIANIFICAZIONE E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

Dettagli

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma.

Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Report di evento Crollo in Via Dall Ongaro, Monteverde, Roma. Il 26 marzo 2015, intorno alle ore 12.00, è avvenuto il crollo di una porzione del versante, alto una decina di metri, prospiciente il giardino

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8

COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 COMPRENSORIO MONTICELLI CENTRO AREE IN TRASFORMAZIONE AREE AP-7, AP-8 1. UBICAZIONE TOPOGRAFICA L Area AP 8 è sita in località Monticelli, a monte dell Ospedale Mazzoni e della zona edificata di via delle

Dettagli

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm.

Nelle carte in scala 1:25.000 1 cm misurato sulla carta corrisponde a 25.000 cm nella realtà, cioè a 250 m e quindi 1 km = 4 cm. Le carte topografiche sono strumenti per la rappresentazione in piano di zone geografiche non eccessivamente estese come il territorio di una provincia, di un comune o parti di esso. Fondamentale è l'individuazione

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO UNITA OPERATIVA n 3 EROSIONE COSTIERA Dr.

REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO UNITA OPERATIVA n 3 EROSIONE COSTIERA Dr. REGIONE SICILIANA CORPO REGIONALE DELLE MINIERE SERVIZIO GEOLOGICO E GEOFISICO UNITA OPERATIVA n 3 EROSIONE COSTIERA Dr.ssa DANIELA ALARIO STUDIO EFFETTUATO SULL ISOLA DI MARETTIMO GROTTA CAMMELLO - RIPRESE

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale

Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale FOTOAEREE Fotogrammi scattati in sequenza da una macchina fotografica speciale chiamata camera aerofotogrammetrica, fino a coprire con un mosaico di strisce di fotogrammi (strisciata), l area oggetto di

Dettagli

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA

Classe 3^ - Tecnologie mecc. di proc. e prod. - UdA n 2: Materia e Materiali - Prova di durezza Vickers DUREZZA DUREZZA La durezza é comunemente intesa come la resistenza di un materiale a lasciarsi penetrare da un corpo più duro. Su tale principio si basano le più importanti prove di durezza: Brinell, Rockwell,

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO

ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO ANALISI DEL DISSESTO IN TOSCANA ED APPLICAZIONE DEL LASER SCANNER IN AREE SOGGETTE A FENOMENI DI CROLLO Domenico Morini Dirigente Servizio Geologico Regione Toscana Stefano Romanelli La.m.m.a. Regione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio)

Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni frontali + 72 ore di laboratorio) Università degli Studi di Catania Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali (SBGA) Corso di Laurea in Scienze Geologiche Anno Accademico 2015/16 Geologia Fisica (12 CFU, 42 ore di lezioni

Dettagli

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno

Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre. ad indagini geologico-strutturali di terreno Esempi di applicazione della fotogrammetria terrestre ad indagini geologico-strutturali di terreno M. Rinaldi (*), C.R. Perotti (*), F. Zucca (*) (*) Università degli Studi di Pavia - Dipartimento di Scienze

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

Successione Dora Maira

Successione Dora Maira Foglio Susa Si riconoscono i tre settori nei quali la linea TAV attraversa rocce amiantifere, e cioè la tratta di Mompantero (MO), la tratta di Condove (CO) e Monte Musinè (MU). Si intuisce l alto strutturale

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico

ELABORATI CARTOGRAFICI di Riferimento geologico / COMMITTENTE: Comune di VARENNA Provincia di Lecco PROGETTO: Costruzione di una nuova rotatoria all intersezione di viale Polvani con la strada provinciale 72 in comune di Varenna Progetto definitivo

Dettagli

unità 13. I fenomeni sismici

unità 13. I fenomeni sismici Terremoto: vibrazione della Terra prodotta da rapida liberazione di energia elastica che avviene nell che avviene secondo il modello del rimbalzo elastico dal quale si propagano le onde sismiche forniscono

Dettagli

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE

INDICE ALLEGATI - UBICAZIONE INDAGINI GEOGNOSTICHE - GRAFICI PROVE PENETROMETRICHE INDICE 1. PREMESSA E SCOPO DEL LAVORO... 2 2. INQUADRAMENTO GEOLOGICO GEOMORFOLOGICO... 3 3. INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO ED IDROLOGICO... 4 4. CLASSIFICAZIONE SISMICA... 5 4.1 OPCM 20 marzo 2003... 5 4.2

Dettagli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA. Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli PROGETTO ESECUTIVO INTERVENTI CONSERVATIVI ED INTEGRATIVI ALLA BRENNERO E DEGLI INTERVENTI DI Anno 2003-2004 Attività Svolte PROGETTAZIONE ESECUTIVA Progettista Prof. Ing. F.Colleselli Prof. Ing. E. Castelli

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

Groupe de projet TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG-LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA _

Groupe de projet TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG-LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA _ 1.1 Definizione delle problematiche connesse allo scavo in rocce potenzialmente amiantifere 1.2 Premessa Il tracciato del Tunnel di Base (alternativa D) determina la necessità di indagare il settore d

Dettagli

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità.

Per frana si intende il movimento di una massa di terreno, roccia o detrito lungo un versante sotto l azione predominante della gravità. Sono 236 i comuni marchigiani a rischio frane o alluvioni, ossia il 99% del totale. Il nostro territorio è talmente fragile che bastano ormai semplici temporali, per quanto intensi, per provocare, nel

Dettagli

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO"

INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO INTERVENTI SISTEMAZIONE IDRAULICA S.P. N. 57 "VARAZZE-CASANOVA-ALPICELLASTELLA S. MARTINO" LAVORI: Intervento n. 36: adeguamento idraulico attraversamenti Rio Galli, copertura ial km 0+000, ponticello

Dettagli

Laboratorio Associato A.L.G.I n. 51 dal 1988 LABORATORIO ROCCE LISTINO PREZZI

Laboratorio Associato A.L.G.I n. 51 dal 1988 LABORATORIO ROCCE LISTINO PREZZI Laboratorio Associato A.L.G.I n. 51 dal 1988 LABORATORIO ROCCE LISTINO PREZZI note Il laboratorio ALTAIR si riserva la facoltà di apportare modifiche al presente tariffario senza, per questo, dare preventiva

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

Mitigazione del rischio frana

Mitigazione del rischio frana Mitigazione del rischio frana Interventi sul versante. Il percorso del progetto Relazione geologica Analisi e descrizione del fenomeno di instabilità Studio delle cause e del meccanismo franoso Relazione

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO

PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO N. 2 ART. 6 LR N.11/2004 AZIENDA AGRICOLA BERTAGNA E. e SAURO P. Riqualificazione ambientale con demolizione opera incongrua

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane

Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Rischio e Intervento Idrogeologico inondazioni, alluvioni e frane Materiale tratto e adattato dalla presentazione di Massimiliano Bachis Protezione Civile Cesano Maderno Corso per Volontari Operativi Generici

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative

Relazioni sullo Svolgimento delle Attività di Prima e Seconda Fase del Piano di studi e indagini geologiche integrative UNIVERSITÀ DELL INSUBRIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE CHIMICHE E AMBIENTALI SEDE DI COMO PROGETTO DI DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI IN LOC. FILIPPA DEL COMUNE DI CAIRO MONTENOTTE (SV) Studi e indagini

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA

Introduzione PROVA SCLEROMETRICA PROVA SCLEROMETRICA Introduzione Nella pratica edilizia e dell ingegneria civile, la stima della qualità del calcestruzzo è necessaria, sia per i controlli di qualità dei nuovi edifici che per indagini

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti UNITÀ DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER LA NAVIGAZIONE ED IL DEMANIO MARITTIMO S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL

Dettagli

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce)

GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) GEOLOGIA (studio della litosfera) Essa si divide in MINERALOGIA (studio dei minerali) e PETROGRAFIA ( studio delle rocce) I MINERALI I minerali sono sostanze solide omogenee, inorganiche, esprimibili mediante

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini Carte di base (o fondamentali): hanno lo scopo di descrivere la superficie fisica della terra. Devono permettere

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA -

STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - STUDI DI FATTIBILITA VARIANTE STRADA COMUNALE RUE DES BARMES - CHAMPOLUC - INDAGINE GEOFISICA - Relazione n. 3316 Maggio 2012 1. PREMESSA 2 Il presente documento illustra i dettagli operativi e i risultati

Dettagli

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale

Contenuti della carta geomorfologica ufficiale Dati litologici Vengono distinti il substrato e le formazioni superficiali. Per formazioni superficiali si intendono i depositi direttamente collegati con l evoluzione del rilievo attualmente osservabile,

Dettagli

IG INGEGNERIA GEOTECNICA

IG INGEGNERIA GEOTECNICA INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO DELLA TORRE DI BARBARESCO (CN) E DEL SOTTOSTANTE COSTONE ROCCIOSO Attività professionali svolte e/o in corso: Progetto esecutivo delle opere di sostegno e di fondazione Località:

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco

Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco Meccanismi di collasso per effetto di solai di copertura spingenti V. Bacco L evento sismico che ha colpito la città de L Aquila ha messo in evidenza le debolezze dei diversi sistemi costruttivi, soprattutto

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico. Galleria Monte Domini

Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico. Galleria Monte Domini Nella tratta relativa al Lotto 5, sono presenti due gallerie naturali: - galleria Monte Domini - galleria Sappanico Galleria Monte Domini Le tratte in sotterraneo della galleria Monte Domini risultano

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

LE PIETRE VERDI IN ITALIA

LE PIETRE VERDI IN ITALIA LE PIETRE VERDI IN ITALIA Generalità Nella Legge 257/92 era previsto (art.10) che le Regioni realizzassero il censimento dei siti interessati dalle attività di estrazione dell amianto. Nelle successive

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI...

1 PREMESSA... 2 2 POSIZIONE DEL PROBLEMA... 2 3 SOLUZIONE PROPOSTA... 4 3.1 Tipologia speroni... 5 4 STIMA DEI COSTI... 6 5 ALLEGATI... Spett.le AOB2 S.r.l. Via XXV Aprile, 18 25038 Rovato (BS) OGGETTO: Stima di massima importo intervento di consolidamento vasche di ossidazione linea 2 impianto di depurazione di Chiari, in previsione di

Dettagli

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO

VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO Sede : via T. Nani, 7 23017 Morbegno (SO) Tel 0342 610774 Fax: 0342 1971501 VARIANTE COMPONENTE GEOLOGICA PGT DI MORBEGNO STUDIO DI APPROFONDIMENTO AI SENSI DELL ALLEGATO 2 ALLA D.G.R. 30 NOVEMBRE 2011

Dettagli

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48.

Indice. Premessa 11. 1.10.2 Permeabilità 37. 1.10.3 Trasmissività 40 1.11 La circolazione idrica nelle rocce 46 1.11.1 Gli acquiferi 48. Indice Indice Indice Premessa 11 1 Le acque sotterranee 13 1.1 Principali caratteristiche delle acque sotterranee 13 1.2 La circolazione idrica nelle terre sciolte 14 1.2.1 Gli acquiferi 14 1.2.2 Classificazione

Dettagli