POLITECNICO DI TORINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLITECNICO DI TORINO"

Transcript

1 POLITECNICO DI TORINO Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile TESI DI LAUREA Correlazione tra i parametri litologico strutturali e le condizioni di stabilità di versanti rocciosi e definizione delle aree a rischio per caduta blocchi Relatori Prof. Giampiero Barisone Prof. Giannantonio Bottino Candidato Domenico Gabriele

2 Luglio

3 INDICE Pag. Cap. 1 Introduzione Finalità dello studio 1.2 Scelta del sito 1.3 Struttura della tesi Cap. 2 Inquadramento geologico Inquadramento geografico e morfologico 2.2 Inquadramento geologico Premessa La zona Piemontese La falda della Dent-Blanche Cap. 3 Rilevamento geologico tecnico Premessa Limiti geografici del rilievo 3.2 La carta litologico-tecnica 3.3 Fenomeni di instabilità 3.4 Tettonica e lineazioni 3.5 Acque superficiali e sotterranee I

4 Cap. 4 Rilievi strutturali Premessa 4.2 Modalità esecutive 4.3 Elaborazione dati dei rilievi strutturali Cap. 5 Prove in situ Misure sclerometriche Premessa Modalità esecutive Elaborazione dati Limiti della prova 5.2 Misura dell indice di resistenza Is Premessa Modalità esecutive della prova Raccolta ed elaborazione dei dati Limiti della prova 5.3 Indagini geofisiche Cap. 6 Prove di laboratorio Velocità delle onde elastiche Taratura della strumentazione Misure sui campioni Correlazioni con i moduli elastici Conclusioni 6.2 Sezioni sottili 6.3 Tilt test 6.4 Prove di compressione II

5 6.4.1 Monoassiale con estensimetri Triassiale 6.5 Prove di taglio diretto Taglio diretto su frattura preesistente Taglio diretto su campione integro 6.6 Conclusioni Cap. 7 Classificazione dell ammasso roccioso Classificazione di Bieniawsky 7.2 Classificazione di Barton Cap. 8 Verifiche di stabilità Introduzione 8.2 Il programma di calcolo Tridi 8.3 Elaborazione dati 8.4 Conclusioni Cap. 9 Elaborazione caduta blocchi Introduzione 9.2 Programma utilizzato per le simulazioni 9.3 Scelta delle traiettorie 9.4 Verifica plano-altimetrica delle sezioni Cap. 10 Conclusioni 157 III

6 Bibliografia 164 Allegati: 166 Allegato 1 Allegato 2 Allegato 3 Allegato 4 Tabelle dei rilievi strutturali Dati ricavati dal Piont Load Test Reticoli di Schmidt Dati ottenuti dalle prove di laboratorio Tavole: Tavola 1 Tavola 2 Tavola 3 Carta geologico-tecnica Carta dei potenziali cinematismi Carta della stabilità dei versanti IV

7 Capitolo 1 Introduzione Finalità dello studio Scelta del sito Struttura della tesi

8 1 - Introduzione Finalità dello studio La tesi si propone l analisi dei molteplici aspetti legati alla valutazione della stabilità dei versanti ed alla elaborazione di una cartografia tematica che metta in evidenza le zone a maggior pericolosità e/o a rischio. Per il raggiungimento del fine preposto si sono dovuti fissare degli obbiettivi intermedi, quali un attento studio della geologia e litologia della zona e l esecuzione di adeguati rilievi strutturali, il tutto eseguito su una buona carta topografica verificata in situ nei suoi punti fondamentali Scelta del sito La Valle d'aosta é una regione interessata da un elevato numero di eventi franosi, caratterizzati da una grande variabilità sia nella tipologia che nelle dimensioni. Una delle principali cause dell' instabilità dei versanti, per quanto riguarda sia la valle principale che le valli laterali è legata alla fine dell era glaciale ed alla scomparsa dei grandi ghiacciai Wurmiani. La loro presenza aveva infatti comportato considerevoli fenomeni di erosione dei versanti e di approfondimento del solco vallivo, con una diminuzione del carico litostatico in parte compensato dal peso della massa di ghiaccio. Al ritiro dei ghiacciai verificatosi negli ultimi anni ha fatto seguito una decompressione, che ha provocato nelle zone di maggior debolezza, una fratturazione sub-parallela al pendio (tension cracks) causa di molti fenomeni di crollo che, 2

9 particolarmente intensi durante il fluvio-glaciale, proseguono tuttavia anche ai nostri giorni. Questa tesi studia una zona in cui sono già avvenuti degli eventi franosi in un lontano passato, proprio per i motivi sopra esposti, ma che "recentemente" non ha più visto verificarsi cospicui fenomeni di crollo, permettendo così la nascita di due piccole borgate situate subito a ridosso della parte terminale delle vecchie frane, le frazioni di Torille e Riverolle in comune di Verres. Inoltre accanto alle borgate scorre la strada statale 26, l'unica via di comunicazione, insieme all'autostrada, che colleghi la media e l' alta Valle d'aosta con il resto d'italia, qiundi una strada di enorme importanza per questa regione. La zona studiata rientra nel territorio del Comune di Verres sul lato orografico sinistro della valle ed esattamente nelle frazioni di Torille e Riverolle. La scelta di questa località è avvenuta quindi per la presenza contemporanea di borgate abitate e di una via di comunicazione molto importante su cui incombe una situazione che questo studio permetterà di affermare se di pericolo oppure no. Nella Foto 1.1 sono inquadrati i versanti studiati Struttura della tesi L'elaborazione di una cartografia tematica che riguardi la stabilità dei versanti e le zone di possibili espansioni dei massi staccatisi dalle pareti rocciose, ha comportato una serie di passaggi obbligati, sia per la conoscenza dettagliata del territorio sia per l' elaborazione dei dati successivi. In una prima fase si è proceduto ad un rilievo geologico-tecnico di dettaglio di tutti i versanti incombenti sulle frazioni Torille e Riverolle, onde identificare i principali litotipi presenti e riportarli sulla carta tecnica 1:5000 redatta dalla Regione Valle D Aosta. I risultati dei rilievi condotti sul terreno sono stati 3

10 successivamente integrati tramite l aereofotointerpretazione, che ha permesso tra l altro di evidenziare alcune grosse discontinuità tettoniche. Si è quindi proceduto ad ulteriori studi sul terreno per giungere ad una classificazione geomeccanica dell' ammasso roccioso. Per questo,individuate le pareti più significative, sono stati fatti dei rilievi geostrutturali in tutti i posti accessibili, pur se in alcune zone è stato necessario effettuare, in considerazione degli scopi dello studio e dell estrema variabilità litologica della zona in esame, stendimenti relativamente brevi per le enormi difficoltà morfologiche dell area (pareti rocciose subverticali e fitti roveti alla base). Si sono poi eseguite prove di resistenza a compressione della roccia in sito (tipo Point Load Test), non tanto per ricavare i parametri di resistenza ma per valutare l'omogeneità geomeccanica delle pareti. Con le prove di laboratorio si sono voluti invece ottenere i parametri di resistenza della matrice rocciosa, effettuando delle prove di compressione, di taglio diretto e, in modo indiretto, della resistenza a trazione con la prova Brasiliana. Si è altresì cercato di analizzare il grado di fratturazione della roccia, oltre che con i metodi tradizionali, anche effettuando delle prove basate sulla trasmissione delle onde elastiche, sia in laboratorio (Pundit) che sul terreno (piccola sismica) per ottenere una correlazione tra i parametri di resistenza ottenuti con le prove di laboratorio ed i parametri relativi all ammasso roccioso in situ. Il modulo elastico statico è stato determinato tramite correlazioni con il modulo elastico dinamico e l'attendibilità di queste correlazioni è stata verificata tramite prove di compressione monoassiale strumentate con opportuni estensimetri (solo però sulle metabasiti, per l'eccessiva costo degli estensimetri). Si è poi proceduto ad una classificazione dell'ammasso roccioso utilizzando la classificazione di Bieniawsky, e si è proceduto infine alle verifiche di stabilità, e dei possibili percorsi dei blocchi, sintetizzando questi dati in opportune carte tematiche. 4

11 Foto 1.1 composizione 5

12 Capitolo 2 Inquadramento geologico Inquadramento geografico e morfologico Inquadramento geologico Premessa La zona Piemontese La falda della Dent-Blanche

13 2.1 Inquadramento geografico e morfologico L area studiata è interamente compresa nel comune di Verres, come indicato nelle Fig 2.1 e 2.2 e più precisamente comprende le frazioni Torille e Riverolle.Queste borgate sono facilmente raggiungibili da Torino percorrendo l`autostrada A5 della Valle d Aosta sino al casello di Verres, da dove si prosegue sulla SS 26 in direzione Aosta per circa trecento metri. Fig Inquadramento geografico dell area in studio 7

14 La zona, situata nella bassa Valle d Aosta in sinistra orografica della Dora Baltea, è delimitata a nord-est dalle località di Nache e Lac, a sud-est dalla località Baraccon, a sud-ovest dalla SS 26 e a nord-ovest dalla località Villa Agosti. Le due frazioni di Torille e Riverolle sono ubicate ad una quota media di 380 m s.l.m ai piedi di una piccola valletta nella quale scorre un torrente, il Torille, che presenta per la maggior parte dell anno portate decisamente ridotte. Iversanti disposti a semicerchio attorno alle borgate, sono decisamente acclivi, con frequenti pareti subverticali alte sino a 200 m ed interrotte, nella zona centrale da dei pianori che si sviluppano tra i 500 e i 700 m s.l.m. Le massime altezze raggiunte dalle creste rocciose dei versanti studiati non superano i 1000 m s.l.m. Fig Porzione di territorio del comune di Verres 8

15 2 - INQUADRAMENTO GEOLOGICO Premessa Dal punto di vista geologico, la zona in studio ricade, in gran parte, all'interno della Zona Piemontese, con l eccezione di alcune porzioni dell area che sono costituite da litotipi appartenenti al lembo del Pillonet e la scaglia di Etirol-Levaz (fig. 2.3). La Zona Piemontese, altrimenti detta Falda dei Calcescisti con Pietre Verdi o, per la scuola francese, Zones des Schistes Lustrés, corrisponde ad un insieme di rocce metamorfiche, fra le quali prevalgono calcescisti e le metafioliti (Pietre Verdi), originatesi nel bacino oceanico presente nel Mesozoico tra la placca europea e quella insubrica. Questa falda, non unitaria ma suddivisa al suo interno in varie unità, risulta sovrascorsa sulla crosta Penninica continentale costituita, a sua volta, da parte della Zona Brianzonese e dalla falda dei Massicci Cristallini Interni (Monte Rosa, Gran Paradiso e Dora-Maira). La Falda della Dent-Blanche rappresenta, invece, parte della crosta continentale Austoalpina, costituita da rocce mono e polimetamorfiche caratterizzata da paragenesi a pirosseno giadeitico, quarzo e granato presenti nei parascisti e nei metagranitoidi (Biino & Compagnoni, 1988). Il Dominio Australpino nelle Alpi occidentali è, in effetti, rappresentato dalla Zona Sesia-Lanzo, che sta in posizione geometricamente superiore alla Zona Piemontese, e da un insieme di klippe che costituiscono la Falda della Dent- Blanche (Compagnoni et al., 1977). 9

16 2.2 - La Zona Piemontese La Zona Piemontese può essere schematicamente suddivisa in due unità tettoniche composite, distinguibili sulla base delle litologie, della posizione paleogeografica, delle associazioni metamorfiche e dell'evoluzione tettonica subita. Entrambe le unità, comunque, si sono originate durante il Mesozoico nel bacino oceanico tra l'europa e la Placca Insubrica (Dal Piaz & Ernst, 1978). Le unità di provenienza esterna (Zona Piemontese occidentale o Zona del Combin) sono costituite da sequenze in prevalenza triassiche, da marmi scistosi liassici e da un complesso eterogeneo di calcescisti ofiolitiferi. Una caratteristica tipica della Zona del Combin è la regolare ripetizione di intercalazioni tra calcescisti e prasiniti; in essa sono presenti, inoltre, rari metagabbri e serpentiniti. 10

17 Fig Schema tettonico delle Alpi occidentali, tratto da Compagnoni et al. (1977). 11

18 Le sequenze del Combin non costituiscono crosta oceanica vera e propria in quanto deriverebbero da sedimenti depositati sulla crosta continentale assottigliata del margine Penninico (europeo). Le unità di provenienza interna (Zona Piemontese orientale o Zona di Zermatt-Saas Fee) mostrano invece caratteristiche di crosta oceanica (tipo Mar Rosso). Esse sono costituite essenzialmente da metaofioliti rappresentate da grosse scaglie ultramafiche di mantello (fino a 2-3 km di spessore), da gabbri talvolta con strutture di cumulo, e basalti a pillow, di età probabile Giurassica sovrastati da sedimenti mesozoici, rappresentati da carbonati impuri, grovacche e chert. L'intero bacino oceanico piemontese è stato completamente tettonizzato durante la collisione Alpina tra l'europa e la Placca Insubrica: in un primo momento esso è stato portato in subduzione e successivamente è parzialmente sovrascorso verso il lato esterno della catena. Attualmente la Zona di Zermatt-Saas Fee costituisce l'unità inferiore in contatto tettonico sui massicci cristallini interni, mentre in posizione superiore, sempre in contatto tettonico, c'è la Zona del Combin. Dal punto di vista dell'evoluzione metamorfica, l'unità inferiore mostra chiare tracce di un evento metamorfico eoalpino in facies eclogitica (Cretaceo sup.), mentre quella superiore ha raggiunto la facies scisti blu per poi subire una forte riequilibrazione in facies scisti verdi (evento lepontino, 40 m.a. circa). Studi recenti (Polino et al, 1990) portano a considerare tutto il problema alla luce di un nuovo modello tettonico, caratterizzato da metamorfismo di alta pressione e bassa temperatura (fig. 2.4). 12

19 Fig Profilo schematico NW-SE in corrispondenza del Cervino, tratto da Polino et al

20 2.3 - La Falda della Dent-Blanche Dal confronto dei litotipi rilevati nei diversi klippe che costituiscono la Falda della Dent-Blanche si può osservare come essa risulti costituita da uno zoccolo paleozoico e una copertura mesozoica (fig. 2.5). Lo zoccolo prealpino comprende la Serie di Arolla e la Serie della Valpelline (Argand, 1909): la prima è essenzialmente costituita da ortoderivati incassati in scisti e gneiss paraderivati, mentre la seconda comprende paragneiss, marmi e metabasiti, tutti accomunati dalla presenza di paragenesi in facies granulitica o anfibolitica di alto grado e, perciò, correlabili alla Zona di Ivrea e alla II Zona Diorito-kinzigitica (Novarese, 1929). La copertura mesozoica, (Dal Piaz, 1976), è a sua volta suddivisibile in due serie sedimentarie: la Serie di Mont Dolin e la Zona di Roissan. La prima è contraddistinta da un livello di scollamento di base costituito da carniole, da carbonati triassici e liassici e da un forte spessore di brecce monogeniche e poligeniche (in questi casi alle dolomie triassiche si aggiungono gli gneiss della Serie di Arolla). La seconda è, invece, caratterizzata dall'assenza, alla base della serie, dei livelli evaporitici. In questo caso, al Trias carbonatico seguono dei calcescisti liassici con rari livelli di brecce monogeniche a clasti dolomitici. Fig Profili interpretativi tratti da Ballevre et al. (1987). 14

21 In un recente lavoro della scuola francese (Ballevre et al., 1986) viene messo in evidenza come la Falda della Dent-Blance sia suddivisa in due unità indipendenti, che differiscono fondamentalmente per la storia tettonica e metamorfica alpina (fig. 2.6). L'unità superiore (klippe della Dent-Blanche, del Mont Mary e del Pillonet) risulta in contatto tettonico sulla Zona del Combin ed è composta sia dalla Serie di Arolla che dalla Serie della Valpelline. Invece, l'unità inferiore (scaglia di Etirol-Levaz, klippe del Mont Emilius, del Glacier-Rafray e di Torre Ponton) è in contatto tettonico sulle unità eclogitiche della Zona Zermatt-Saas Fee ed è costituita, esclusivamente, da materiale granulitico o anfibolitico prealpino che ha subito metamorfismo eclogitico. Fig. 2.6 (Schema tettonico della parte interna delle alpi Nord-occidentali tratto da Compagnoni et al. 1977). 15

22 Capitolo 3 Rilevamento geologico tecnico Premessa Limiti geografici del rilievo La carta litologico-tecnica Fenomeni di instabilità Tettonica e lineazioni Acque superficiali e sotterranee

23 3 - Rilevamento Geologico-Tecnico Premessa Al fine di poter effettuare una attendibile valutazione del grado di stabilità dei versanti, e delle dimensioni dei blocchi che potrebbero staccarsi dalle pareti rocciose è indispensabile lo studio del grado di fratturazione dell'ammasso roccioso, generalmente variabile in funzione soprattutto dell esposizione, della quota e delle caratteristiche litologiche degli ammassi stessi. Il rilevamento geologico-tecnico dell'area in oggetto è stato quindi condotto con la finalità di poter disporre di una conoscenza dei litotipi presenti, sia da un punto di vista geologico che sotto l aspetto di una sia pur sommaria caratterizzazione geomeccanica; esso è stato pertanto basato, oltre che sulla classica rilevazione degli affioramenti dei diversi litotipi, anche su numerosi rilievi strutturali e sull esecuzione di prove in situ (Point Load Test, Martello di Schimdt, piccola sismica) onde poter valutare il grado di fratturazione e di alterazione della roccia e la potenza della coltre detritica di copertura Limiti geografici del rilevamento Il rilevamento è stato esteso ad una zona leggermente più vasta di quella di effettivo interesse, onde avere una visione globale dei litotipi presenti e capire i rapporti giaciturali intercorrenti tra le diverse formazioni rocciose. 17

24 La zona rilevata si estende in complesso per poco più di un chilometro quadrato, coprendo i versanti per un tratto compreso tra il fondo valle (quota 370 m s.l.m.) e una quota di circa 800 m s.l.m.. 18

25 3.2 - La carta litologico-tecnica La denominazione di questa carta, piuttosto inusuale, vuole indicare come essa sia stata redatta in modo tale da riunire i vari litotipi in gruppi relativamente omogenei sotto l aspetto geomeccanico, tenendo conto solo parzialmente della composizione mineralogica, che pure è stata controllata, oltre che macroscopicamente, anche attraverso l esame al microscopio petrografico, di alcune sezioni sottili. In particolare, i litotipi rilevati sono stati raggruppati sotto le seguenti denominazioni: Calcescisti; sotto questa dizione sono stati raggruppati, oltre ai calcescisti propriamente detti (foto 3.1), anche locali ma talora estese differenziazioni a componente quarzosa assai marcata (foto 3.2) e lenti carbonatiche relativamente massicce. Essi affiorano principalmente nei versanti che si innalzano dalla borgata di Riverolle quindi a nord-ovest della zona in esame. Possiedono, nella parte più vicina all'abitato, la colorazione grigio-marroncina tipica di questa roccia metamorfica, mentre nelle zone più alte e più esposte assumono una colorazione decisamente più scura a causa dell alterazione superficiale. I versanti costituiti essenzialmente da calcescisti risultano interessati da famiglie di fratture assai irregolari; la scistosità non è particolarmente marcata ma emerge in modo evidente attorno a quota 450 m ove, su una parete subverticale, si dispone con un andamento a pieghe caratterizzate da un elevato raggio di curvatura. Metabasiti; sono state indicate con questa generica dizione diverse rocce metamorfiche a prevalenti femici (anfiboliti, metagabbri, serpentiniti, ecc.) affioranti in masse irregolari e reciprocamente interconnesse nella parte nord-est della zona studiata, ove si presentano generalmente in forma massiccia, praticamente prive di scistosità (foto ). 19

26 Gli affioramenti di metabasiti sono caratterizzati da versanti molto acclivi, con pareti subverticali alte anche più di 100 m, ai cui piedi si è accumulato un imponente detrito di falda, con blocchi di dimensioni variabili dal mezzo metro cubo alla decina di metri cubi. Parte di questo materiale franato si sta ricoprendo di una coltre di terreno, di spessore però molto ridotto, sulla quale inizia a ricrescere una discontinua coltre vegetale. Le metabasiti compaiono anche, come inclusi di dimensioni decametriche, nei calcescisti della fascia nord-ovest, ove si presentano in forma massiccia quasi priva di scistosità ma non paiono avere influenza sul comportamento geomeccanico del versante. Le fratture interessanti le metabasiti hanno un andamento decisamente più regolare rispetto a quelle dei calcescisti, ed appaiono tendenzialmente rettilinee e raggruppabili in famiglie ben delimitate. Gneiss; sotto questa dizione sono stati raggruppati sia i termini relativamente massicci che quelli più propriamente micascistosi, spesso granatiferi (foto ). Si tratta comunque sempre di rocce metamorfiche di tipo acido, più o meno scistose, affioranti in maniera sporadica nella parte nord-est della zona studiata ove appaiono come masse irregolari incluse nelle metabasiti, verso le quali sfumano in spazi più o meno brevi. Sono state cartografate solo le due masse principali: la prima posta ad una quota di 575 m s.l.m., ha forma grosso modo piramidale ed è caratterizzata da una scistosità non molto marcata; la seconda si trova ad una quota inferiore (circa 500 m s.l.m.) rispetto alla precedente, e presenta una scistosità più marcata unita alla presenza di granati di dimensioni anche più che millimetriche. 20

27 Foto Calcescisti, zona bassa, settore W. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 30 x. Struttura pavimentata costituita in netta prevalenza da cristalli di calcite di varie dimensioni (rossi, gialli, azzurri), in cui appaiono evidenti le tracce dei piani di sfaldatura. Rari cristalli di muscovite; minuti cristalli di quarzo (grigi) in basso a sinistra; accessori granati, ematite e zircone. Notare la quasi totale mancanza di isoorientazione dei cristalli, indice di una struttura relativamente massiccia che contrasta con la marcata scistosità a scala macroscopica. 21

28 Foto Calcescisti, zona alta, settore centrale. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 80 x. Predomina la calcite in grossi cristalli (verde, rosa, azzurro) con evidenti tracce dei piani di sfaldatura. Relativamente abbondante la muscovite, in lamine isoorientate; accessori ematite e granati (neri). In basso e a destra ampia zona a grossi cristalli di quarzo (bianco e grigio). 22

29 Foto Metabasiti, zona bassa, settore E. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 80 x. Al centro, grosso cristallo grigio-verde corroso di pirosseno (tipo giadeite); nella massa di fondo pirosseni e anfiboli (grigi), clorite (marrone), granato e magnetite (neri). Notare la mancanza di isoorientamento dei cristalli, con lastruttura a livello microscopico che conferma la tessitura massiccia a livello macroscopico. 23

30 Foto Metabasiti, zona alta, settore E. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 30 x. Aggregato disordinato di cristalli piuttosto deformati, con prevalenti pirosseni e anfiboli (grigio e grigio-verdi), clorite (marrone-giallo), magnetite e granati (neri), in alto a sinistra un cristallo corroso di titanite (multicolore). Non ci sono segni di isoorientazione dei cristalli a conferma della tessitura massiccia e del comportamento relativamente isotropo della roccia. 24

31 Foto Gneiss granatiferi, zona alta, settore centrale. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 30 x. Fitto gregato di lamine di muscovite (blu, giallo, rosso) e cristalli di quarzo (bianchi e grigi). In alto a sinistra e in basso a destra due granati (neri). Notare la mancanza di isoorientazione delle lamine muscovitiche, a conferma della scarsa scistosità della roccia. 25

32 Foto Gneiss (micascistosi) granatifere, zona bassa settore E. Sezione sottile, nicols perpendicolari, circa 80 x. Aggregato pavimentoso di cristalli di quarzo (bianchi e grigi) con abbondanti granati, in parte alterati (nero con zone giallo-rosa); in basso a sinistra una lamina di muscovite. Quì appare un certo allineamento dei cristalli secondo una direzione preferenziale, confermata ad ingrandimenti minori dalla isoorientazione delle lamine di mica. 26

33 3.3 - Fenomeni di instabilità Durante l'esecuzione del rilievo geologico tecnico di base sono state altresì evidenziate le zone di versante che presentano evidenti aspetti di instabilità; in queste zone è stato poi concentrato il lavoro di rilevamento geostrutturale, con un numero maggiore di stendimenti rispetto a quelle aree che invece non risultavano critiche. Le indagini preliminari hanno portato ad evidenziare due differenti fenomenologie di instabilità, legate a diversi aspetti litologici e tettonici dei versanti: da un lato l'instabilità delle pareti rocciose strictu sensu, dall altro i fenomeni riscontrati in alcuni punti della copertura detritico-terrigena presente in alcune parti dell' area in esame. Quest'ultima fenomenologia si manifesta prevalentemente in connessione con precipitazioni piovose di entità elevata, assumendo le caratteristiche di colamento di terra e di detrito( earth flow e debris flow ); fortunatamente questi colamenti non hanno mai raggiunto le due borgate in fondovalle perdendo velocità ed arrestandosi in genere su di un pianoro posto alla quota di circa 500 m, in una zona ormai disabitata e raggiungibile solamente percorrendo una ripida mulattiera (foto 3.7). Nella carta tematica relativa alla stabilità dei versanti sono stati segnalati i percorsi dei fenomeni più rilevanti di questo tipo verificatisi negli ultimi decenni, anche se non riguardanti direttamente i versanti in roccia, in quanto comunque di una certa importanza ai fini di una caratterizzazione della stabilità generale della zona. Per quanto riguarda invece i versanti rocciosi veri e propri, l' area in studio presenta due zone caratterizzate da fenomeni di instabilità molto rilevanti. Nel settore a NW dell area studiata è presente, ad una quota di circa 400 m una parete rocciosa a pianta curvilinea, sviluppantesi per circa 100 m in lunghezza e 25 m in altezza. Si tratta della nicchia di distacco di una paleofrana ( foto 3.8) verificatasi, presumibilmente durante il tardo fluvioglaciale Wurm, nei calcescisti intensamente fratturati (vedi rilievi strutturali n. 27

34 7,8,10). La zona di accumulo della frana è costituita da materiale detritico con pezzatura estremamente variabile, ormai totalmente coperto da una serie di terrazzamenti formati da muri a secco ancora ottimamente mantenuti, che contribuiscono alla protezione dell azione erosiva delle acque ruscellanti e pertanto alla stabilità del materiale franato. Un altra importante zona di instabilità, ricollegabile sia alla fratturazione di origine tettonica che alla distensione dei versanti in conseguenza del ritiro dei ghiacciai Wurmiani, si manifesta su tutto il versante nord-est, nel quale è riscontrabile una marcata famiglia di fratture parallele al fronte e con lunghezze notevoli (70-90 m), ben visibili dalle foto aeree; a questa si aggiunge una fratturazione meno estesa, ma più frequente, che determina la formazione di blocchi di 3-10 m. 3. Foto Pianoro situato a quota 670 m s.l.m. 28

35 Foto Nicchia di distacco della Paleofrana 29

36 3.4 - Tettonica e lineazioni Lo studio della tettonica e delle lineazioni presenti nella zona in esame è stato condotto per evidenziare le eventuali correlazioni tra, disposizione e frequenza delle macro strutture e delle micro fratture, cioè per valutare la connessione tra fratture a grande scala e fratture rilevate nei rilievi strutturali. Si è iniziato con un rilievo sommario sul terreno, nel corso del rilevamento geologico di base, delle lineazioni visibili a piccola scala, quali avvallamenti, contropendenze, giacitura di pareti e sistemi di fratture di dimensioni decametriche. In particolare, sono state rilevate quelle famiglie di fratture evidenziabili a prima vista su affioramenti di roccia senza necessità di un rilievo strutturale sistematico; questo anche perchè in molti affioramenti le dimensioni delle pareti non erano sufficienti grandi per consentire l'esecuzione di misure in numero adeguato ad una valida elaborazione statistica. In un secondo tempo si è proceduto all' esame delle grandi fratture tramite aereofotointerpretazione operando su fotografie aeree a colori eseguite nel 1991 dalla Compagnia Generale Riprese aeree di Parma (foto 3.9.). Questo metodo di studio consiste, come è noto, nella osservazione di un immagine stereoscopica ottenuta tramite due fotografie di una medesima zona scattate da due differenti punti; tale immagine esalta enormemente la dimensione verticale, accentuando le differenze di altezza presenti sul terreno. In questo modo è possibile evidenziare con discreta facilità gli allineamenti di particolari strutture, quali possono essere incisioni fluviali, faglie, fratture, avvallamenti e contropendenze. Inoltre la scala elevata consente l' osservazione contemporanea di una vasta zona, il che permette di segnalare anche quelle lineazioni difficili da notare sul terreno, pur risultando talora dubbia l'interpretazione della natura delle lineazioni individuate. Generalmente i corsi d'acqua e le incisioni vallive si impostano infatti su zone di minor resistenza, connesse quasi sempre con zone fratturate o con vere e propie faglie; in altri casi si nota semplicemente il 30

37 ripetersi di strutture parallele o sub-parallele, che possono essere pareti di roccia, fratture, serie di rilievi o di depressioni. Nella zona in esame sono state evidenziate tutte le lineazioni osservate, distinguendole in due classi e riportandole su carta con simboli grafici differenti a seconda della loro estensione più che della loro natura. Sono state indicate con tratto spesso quelle lineazioni aventi grande lunghezza, almeno superiore ai 50 m. La linea continua rappresenta la discontinuità visibile da foto aerea, mentre il tratto discontinuo indica la presunta continuazione della discontinuità anche dove essa non è direttamente visibile, per esempio nel tratto compreso fra due zone in cui la struttura è evidente. Le lineazioni di entità inferiore sono state invece indicate con un tratto più sottile, e generalmente si tratta di allineamenti di pareti di roccia, di avvallamenti e contropendenze già evidenziati dal rilievo sul terreno. Anche in questo caso il tratto continuo indica la presenza visibile della discontinuità, mentre il tratto interrotto indica la presunta continuazione della frattura. E' da segnalare infine l' ultima fase dello studio delle lineazioni a grande scala, condotta nuovamente sul terreno: sulla base della cartografia preparata in laboratorio con l' osservazione delle aereofoto, si è proceduto ad un ulteriore controllo delle lineazioni, onde valutarne in modo più preciso la natura e l eventuale appartenenza alle famiglie individuate tramite i rilievi strutturali. 31

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog.

Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. Metodo speditivo per la costruzione di carte della suscettibilità da crolli in roccia prerilievo di terreno (Metodo Arpa-prog. MASSA) Davide Damato, Michele Morelli, Luca Lanteri, Daniele Bormioli, Rocco

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Risultati e considerazioni

Risultati e considerazioni 6. RISULTATI E CONSIDERAZIONI L elaborazione e la validazione del modello di suscettibilità consentono di ottenere due risultati principali. In primo luogo, sono state identificate con precisione le aree

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA

3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA 3. ANALISI DELLE PROBLEMATICHE RELATIVE ALLE MODIFICAZIONI DELLA LINEA DI RIVA E DELLA COSTA L analisi di seguito riguarda l intero sviluppo del litorale che ricade nei confini del Comune di Rosignano

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO

Corso di Aggiornamento Professionale INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO INDICATORI GEOMORFOLOGICI PER L ANALISI DEL TERRITORIO: CASI DI STUDIO Giovedì 25 Novembre 2010 Ex Infermeria dell Abbazia di Fossanova, Priverno (LT) Indicatori geomorfologici per la caratterizzazione

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale

Metodi di misura della magnetizzazione rimanente naturale rimanente naturale L archeologia e il tempo, Metodi di datazione 4-8 Maggio 2009, Peveragno (Cuneo) Parte I Magnetizzazione Rimanente Naturale S Magnetizzazione naturale rimanente in un campione di roccia

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Dott. Geol. Andrea Tralli Laboratorio Geotecnico 4 Emme Service Spa Via Zuegg, 20, 39100 Bolzano (BZ) 1. Introduzione L

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO

ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO ANALISI PER LA CONDIZIONE LIMITE PER L EMERGENZA (CLE) DELL INSEDIAMENTO URBANO Istruzioni per la compilazione delle schede versione 1.0 La definizione di CLE Si definisce come Condizione Limite per l

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali.

Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili contro le frane superficiali di versante: la soluzione vantaggiosa contro i pericoli naturali. Barriere flessibili di protezione contro le frane superficiali in pendii instabili: -

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli