Corso di Geologia Applicata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Geologia Applicata"

Transcript

1 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PALERMO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, AMBIENTALE AEROSPAZIALE E DEI MATERIALI- Viale delle Scienze EDIFICIO PALERMO Centralino: (091) Amministrazione: (091) / /77 Fax: (091) (091) DICAM Corso di Geologia Applicata Dispense a cura di Laura Ercoli Introduzione al corso e modalità di esame 1

2 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Caratteristiche del corso di Geologia Applicata TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante CODICE INSEGNAMENTO CFU 6 PRESUMIBILE NUMERO DI ORE NECESSARIE ALLO STUDIO PERSONALE NUMERO DI ORE DI LEZIONI FRONTALI E DI ATTIVITÀ DIDATTICHE ASSISTITE PROPEDEUTICITÀ ANNO DI CORSO 1 SEDE DI SVOLGIMENTO DELLE LEZIONI ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA MODALITÀ DI FREQUENZA PERIODO DELLE LEZIONI CALENDARIO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI Nessuna Consultare il sito Lezioni frontali, Elaborazioni in aula, Visite in campo e in laboratorio Obbligatoria Secondo semestre Consultare il sito it Giorni e orari di ricevimento: su richiesta, previo appuntamento con Programma del corso Introduzione al Corso, struttura della Terra, tettonica a zolle Il ciclo litogenetico Minerali e rocce Procedure di riconoscimento per chiavi di successiva approssimazione sulla base dei caratteri organolettici Sistemi di classificazione Rocce ignee Rocce metamorfiche Rocce sedimentarie Stratigrafia e principi di continuità e di sovrapposizione Giacitura delle formazioni geologiche: polarità degli strati; stratificazione e relativo sistema di rappresentazione Strutture sedimentarie:eteropia; discontinuità e discordanze; Strutture metamorfiche : scistosità; aureole metamorfiche Strutture delle rocce ignee superficiali e profonde Strutture tettoniche: faglie; pieghe; sovrascorrimenti. Relazioni geometriche tra superfici geologiche e fisiografia del Territorio: Forme strutturali Descrizione fisiografica del territorio Lettura ed interpretazione delle carte geologiche, sezioni geologiche Cartografia geologica tematica Evoluzione naturale e modifiche antropiche del contesto geomorfologico: processi erosivi; modellamento dei versanti e delle coste; forme del dissesto geologico; Rischio geologico: analisi, previsione e prevenzione. Lez.1-10 Lez Lez Lez Lez Introduzione al corso e modalità di esame 2

3 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Elementi di idrogeologia: Acque superficiali e sotterranee. Proprietà idrogeologiche delle rocce, tipologia, geometria e struttura degli acquiferi e delle barriere idrogeologiche, rapporti idrogeologici tra strutture adiacenti, vulnerabilità delle falde idriche La pericolosità geologica Il Piano per l assetto idrogeologico e i requisiti degli studi geologici finalizzati alla pianificazione urbanistica Indagini dirette, indagini geofisiche Lez Lez Lez ESERCITAZIONI Riconoscimento delle rocce Elaborazioni Cartografiche lettura della carta topografica e descrizione della fisiografia del territorio, Slide es. 1 carta clivometrica, descrizione geomorfologica Costruzione di carte dell acclività dei versanti Slide es. 2 Limiti geologici Slide es. 3 Successioni Slide es. 4 Lettura delle Carte geologiche Costruzione Sezioni geologiche Costruzione di carte Slide es. 5 dell erodibilità relazioni tra litologia, assetto tettonico, idrografia superficiale e sotterranea Slide es. 6 Bacini idrografici ed idrogeologici,tipi di spartiacque,falde idriche, sorgenti, Slide es. 7 scambi fra corpi idrici Hand specimens in aula Cosa occorre per svolgere le elaborazioni in aula: Stampa della Carta geologica digitalizzata Monti di Palermo e Monreale (file da scaricare presso biblioteca DICA) lente di ingrandimento, squadrette, goniometro, matite colorate (almeno 5 colori), fogli A4 di carta lucida e millimetrata, forbicette Materiale didattico Fornito dal docente ( file scaricabili presso la biblioteca del DICA) Ercoli L., Dispense del corso di Geologia Applicata Ercoli L., Slides del corso di Geologia Applicata Ercoli L., Slides delle esercitazionidi Geologia Applicata Carta geologica digitalizzata Monti di Palermo e Monreale Collezione didattica delle rocce (visibile per esercitarsi autonomamente presso la biblioteca del DICA) Introduzione al corso e modalità di esame 3

4 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Testi consultabili presso le biblioteche di Ateneo, per approfondimenti Sappa G., Geologia Applicata ed. Cittàstudi Simpson B., Lettura ed interpretazione delle carte geologiche, Dario Flaccovio ed. Mottana A., Crespi., Liborio G., Minerali e rocce, Mondadori ed. Aruta l., Marescalchi P., Cartografia, Dario Flaccovio ed. I.G.M. Tavolette 1:25000 Servizio Geologico d Italia Carte geologiche 1: Freeze R.A., CherryJ.A. Groundwater, ed. Prentice hall Chiesa G., Inquinamento delle acque sotterranee, ed. Hoepli Castiglioni G.B. Geomorfologia ed.utet Gisotti G. Geopedologia ed. Calderini Ippolito ed alii, Geologia tecnica ed. ISEDI Assessorato Territorio Ambiente Regione Sicilia Il piano per l assetto idrogeologico Assessorato Territorio Ambiente Regione Sicilia Circolare 2222 Aubuin,Brousse Compendio di geologia ed-. Ambrosiana Castiglioni Geomorfologia ed. Utet Francani Idrogeologia generale ed. Clup Introduzione al corso e modalità di esame 4

5 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata COME SI SVOLGE L ESAME Prova Orale (riconoscimento rocce) Prova Scritta, contenente quesiti a risposta aperta, elaborazioni da svolgere su stralci di carta geologica scala 1: e quesiti a risposta multipla su schemi geologici semplificati TIPO DI VALUTAZIONE Voto in trentesimi, media aritmetica tra il voto conseguito nella prova scritta e quello conseguito all orale Nota Bene 1. Iscriversi all appello di esame tramite il portale studenti entro la scadenza indicata 2. presentarsi muniti di carta d identità o libretto universitario. 3. lo statino va presentato all atto dello svolgimento della prova scritta. 4. Non sono ammesse deroghe, per evitare disguidi con la segreteria studenti per il caricamento della materia La geologia non è una scienza esatta e neppure una scienza puramente descrittiva, è una scienza indiziaria: sulla base di indizi raccolti in campo si effettuano deduzioni che portano ad una interpretazione attendibile del contesto e degli eventi.. e quindi...cosa mi aspetto da voi Acquisizione delle conoscenze e metodologie per effettuare l inquadramento geologico del territorio in cui si collocano le opere di Ingegneria civile. Acquisitzione della metodologia di analisi propria dello studio geologico del territorio per esaminare nella sua complessità il contesto geologico-ambientale in cui si collocano gli interventi progettuali e di individuare le problematiche specifiche e le interdipendenze. interagire con competenza con altre professionalità di una equipe interdisciplinare, Introduzione al corso e modalità di esame 5

6 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata formulare nel linguaggio tecnico appropriato quesiti specifici a tecnici di differente estrazione scientifico-culturale (geologi, geomorfologi, idrogeologi) e comprenderne le risposte. approfondire autonomamente tematiche complesse poiché dovrete essere in grado di individuare e di consultare il materiale tecnico scientifico e gli strumenti conoscitivi e tecnici più appropriati per l approfondimento e la soluzione di specifici problemi. Sapere individuare le interconnessioni tra contesto geologico ed interventi ingegneristici, applicare le conoscenze e le tecniche della geologia a specifiche tematiche progettuali. ATTENZIONE La prova scritta prevede che sulla base di quanto avete appreso sappiate autonomamente correlare le caratteristiche fisiografiche del territorio (forme della superficie del territorio desumibili dalla carta topografica) con la litologia delle rocce e delle formazioni geologiche affioranti, e, a cascata, con la loro erodibilità e permeabilità. A tal proposito è fondamentale seguire con la massima attenzione ed esercitarsi ripetutamente le procedure descritte nelle slide delle esercitazioni. Gli studenti che trovano difficoltà nell affrontare lo studio universitario possono avvalersi gratuitamente del servizio di tutoraggio fornito dall Ateneo di Palermo I tutor laureati sono pagati con fondi specificatamente destinati a questo scopo da parte del Ministero. I loro compiti sono i seguenti: supporto all approccio metodologico allo studio; consulenza per la scelta e l elaborazione della tesi di laurea consulenza per l elaborazione del piano di studi; consulenza per studenti che non sostengono esami da oltre dodici mesi; attività propedeutiche, didattico-integrative e di recupero Nell'ambito di queste attività potrebbero rientrare anche le seguenti: Realizzazione di una ricerca bibliografica Impaginazione ed editing di una relazione (esercitazioni, tesi, ), Utilizzo di software di uso comune (Excel, Word, PowerPoint, ), Utilizzo di software di uso avanzato (Matlab\Simulink, Autocad,Rhinoceros, ). l elenco dei tutor laureati è pubblicato alla pagina Introduzione al corso e modalità di esame 6

7 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Parte I Litologia Premessa : un ingegnere civile quanti minerali e rocce deve saper identificare? I più comuni libri che trattano di questo argomento contengono in media la descrizione di circa 200 minerali, mentre un buon libro di petrografia descrive circa un migliaio di tipi di rocce. Fortunatamente comunque la lista dei più comuni minerali che formano le rocce si accorcia a circa una decina di minerali e la maggior parte delle rocce appartengono a gruppi con caratteristiche simili, dal punto di vista ingegneristico e quindi sarà sufficiente distinguere una quarantina di rocce che sono di interesse per un ingegnere civile, solo in alcuni casi straordinari che possono determinare particolari problematiche negli scavi e nelle progettazioni, possono essere incontrate rocce meno frequenti, nel qual caso sarà comunque opportuno, se non indispensabile, rivolgersi ad uno specialista petrografo. Capitolo 1 Elementi di litologia generale Qualche definizione I vocaboli pietra e marmo, nelle accezioni di uso consueto, sono considerati impropri nel linguaggio geologico: si indica infatti con il termine roccia qualsiasi massa minerale o amorfa, consolidata o no, che forma parte della crosta terrestre. Per marmo si intende esclusivamente una roccia carbonatica di origine metamorfica, mentre qualsiasi altra roccia tagliabile e lucidabile viene chiamata materiale lapideo di pregio. Se la roccia è costituita da un solo minerale si dice roccia monomineralica, se invece i minerali costituenti sono più di uno, la roccia è polimineralica. Minerale è un corpo solido, omogeneo dotato di una struttura atomica continua e costante nell unità minerale, con composizione chimica ben Parte I -Lez Elementi di litologia generale

8 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata definita e struttura cristallina. Sostanze rocciose amorfe sono corpi rigidi, privi di una propria struttura cristallina. Nelle rocce si distinguono: minerali costituenti (o eventualmente sostanze amorfe costituenti), che formano la maggior parte del volume della roccia e componenti accessori, (minerali o amorfe) che sono presenti in piccole quantità e sono ininfluenti ai fini classificativi, anche se possono condizionare fortemente il colore della roccia o la sua alterabilità. L origine delle rocce La formazione delle rocce è incessante sulla crosta terrestre ed avviene secondo un ciclo detto ciclo petrogenetico o litogenetico. Il fluido indifferenziato del mantello, che si trova al di sotto della crosta terrestre a profondità variabili tra 5 e 60 km, risale attraverso spaccature della crosta terrestre e forma il magma. Questo, raffreddando, cristallizza o vetrifica dando origine alle rocce ignee, che assieme alle altre formano la litosfera e a gas e vapore acqueo che si immettono nell atmosfera e nell idrosfera. Atmosfera ed idrosfera da una parte rendono possibile l esistenza della biosfera e cioè dell insieme di organismi vegetali e animali che con i loro scheletri o i loro prodotti metabolici e catabolici formano accumuli di depositi o sedimenti organici, dall altra generano correnti di fluidi (acqua, vento) che attraverso fenomeni di degradazione, erosione e trasporto sgretolano le rocce pre-esistenti dando origine a sedimenti detritici. I sedimenti organogeni o detritici attraverso processi di diagenesi formano le rocce sedimentarie che, al pari delle rocce ignee, in seguito a seppellimento profondo, riscaldamento e forte compressione danno origine alle rocce metamorfiche. Queste, se raggiungono zone della crosta molto profonde, con fenomeni di rifusione completa o parziale (anatessi) formano nuovi magmi. Gli stessi processi possono investire le rocce dello stesso gruppo e quindi si possono formare rocce sedimentarie policicliche, rocce ignee di origine anatettica, rocce polimetamorfiche (fig.1). Fig. 1 La classificazione delle rocce Per le rocce si adotta generalmente una classificazione genetica, nell ambito della quale viene poi utilizzata, solitamente, una classificazione composizionale. L identificazione e la classificazione genetica si basano, oltre che sui caratteri elencati in Tab. 1, osservabili sul materiale alla scala del campione da laboratorio (hand specimen=campione che sta nel palmo di una mano, del volume di alcuni centimetri cubi o, al massimo, decimetri cubi) anche sull esame in sito delle caratteristiche mesostrutturali (alla scala tra decimetri e la decina di metri) dell ammasso roccioso nel suo insieme (p.es. stratificazione, tracce di corrente, giunti, clivaggio, fratturazione, scistosità.). Infatti alla scala del campione di laboratorio, possono essere con certezza individuati i litotipi, ma non necessariamente l ambiente geologico di provenienza: ad esempio una scheggia di un ciottolo di granito, proveniente da un accumulo alluvionale, potrebbe essere interpretato come appartenente ad un corpo intrusivo, da cui certamente proveniva all atto della formazione del litotipo, prima della sua erosione e trasporto, che lo ha immesso in un corpo sedimentario detritico. Parte I -Lez Elementi di litologia generale

9 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Tabella 1 Caratteristiche da osservare per l identificazione e la classificazione delle rocce Tessitura : insieme delle caratteristiche geometriche dei grani che compongono la roccia (forma dei grani,contatti tra i grani, orientazioni preferenziali - detta anche fabric o struttura-, distribuzione dei componenti). E fortemente differenziata tra le tre principali famiglie di rocce Grana: dimensione dei grani che compongono una roccia Composizione: abbondanza relativa dei minerali che compongono la roccia Paragenesi: ordine di formazione dei componenti Le caratteristiche sopraelencate vengono rilevate con i seguenti metodi (Tab. 2): esame dei caratteri organolettici, in sito Campioni macroscopici: determinazione delle proprietà fisiche qualitativa, in sito quantitativa, in laboratorio Campioni microscopici: esame al microscopio ottico analisi chimiche (quantitativa) roentgenografiche (raggi x) (semiquantitativa) Per l esame organolettico, che permette un riconoscimento di massima del litotipo, ci si avvale dei propri sensi, esaminando la superficie di rottura che si genera, al momento del prelievo, per percussione del campione asciutto. Le caratteristiche desumibili dall esame organolettico, sono elencate nella tabella 3. Parte I -Lez Elementi di litologia generale

10 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Tab. 3- Rilievo dei caratteri organolettici per l identificazione e la classificazione macroscopica di una roccia Osservazione Tatto Tipo di superficie Liscia Ruvida Scabra Asciutta Umida Untuosa Caratteristica granulometria, forma dei grani omogeneità tessiturale composizione Compatta stato di aggegazione, coesione, Consistenza Friabile omogeneità tessiturale Polverulenta Capacità termica (qualitativa) Sensazione fredda sensazione temp. ambiente composizione Durezza (resistenza all incisione con unghia o punta metallica (qualitativa) Densità (valutazione del peso rispetto al volume) (qualitativa) Vista Dimensione dei grani Forma dei grani composizione, stato di aggregazione composizione, stato di aggregazione tessitura tessitura, composizione Colore Ereditato (da detriti costituenti) Primario (dei minerali costituenti o accessori) Secondario ( da alterazione) Delle polveri Per strofinamento composizione, ma non sempre diagnostico diagnostico Splendore delle superfici Iridato Tipo di frattura Adamantino Vetroso Resinoso Metallico Madreperlaceo Ceroso Grasso Terroso Matto Opaco composizione composizione, stato di aggregazione, tessitura, granulometria 4

11 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Gusto salato caustico amaro Sapore astringente composizione piccante dolce allappante Olfatto Per rocce contenenti componenti volatili, odore che si sviluppa spontaneamente, per frizione, per triturazione, per percussione, per insufflazione di aria, composizione per imbibizione di acqua Udito per percussione, per attacco chimico per imbibizione composizione, stato di aggregazione, porosità La procedura da seguire per il riconoscimento dei litotipi si avvale del sistema per chiavi, in cui a partire dalla scelta tra due caratteristiche evidenti e ben distinte (ad es. la tessitura), per opzioni successive tra diverse alternative, si giunge alla diagnosi. Per riconoscere le rocce è necessario riconoscerne i costituenti, ed in particolare i minerali più ricorrenti. Anche in questo caso ci si avvale del sistema per chiavi, in cui la caratteristica di partenza è il tipo di sfaldatura (fig.2). Molti minerali, alla frattura per percussione, mostrano superfici di rottura preferenziali, piane, parallele a possibili facce del cristallo, che, indipendentemente dalla loro estensione, formano angoli costanti tra loro. Tali piani si sviluppano lungo superfici di debolezza del reticolo atomico, laddove i legami sono meno forti; la perfezione della sfaldatura è inversamente proporzionale forza dei legami chimici su quel piano. Alcuni minerali sono privi di superfici di sfaldatura e si rompono secondo superfici del tutto irregolari di forma assolutamente casuale. Il numero dei piani di sfaldatura e l angolo tra essi è diagnostico per i vari minerali. Fig. 2 I minerali si identificano macroscopicamente secondo alcune specifiche proprietà, elencate di seguito in ordine di affidabilità: 5

12 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata 1.Sfaldatura o clivaggio superfici piane di distacco spontaneo coincidenti con potenziali facce cristalline corrispondenti ai piani di massima debolezza dei legami chimici nel reticolo cristallino. Può essere : perfetta buona discreta In alternativa Frattura forma della superficie secondo la quale il minerale si rompe quando non sono presenti piani di clivaggio La frattura può essere: Concoide: es. vetro e quarzo Dentellata: con bordi taglienti Irregolare: con formazione di superficie ruvida e irregolare 2. Durezza - è una misura che indica la resistenza del minerale ad essere scalfito. Nella scala di Mohs (Tab.4) composta da dieci minerali, ogni elemento scalfisce i precedenti e viene scalfito dai successivi. In maniera qualitativa si distinguono : minerali teneri, che si incidono con l unghia, minerali semiduri, che si incidono con una punta metallica minerali duri, che non si incidono con una punta metallica, ma possono essere incisi dal vetro. Il test qualitativo è affidabile. 2. Lucentezza é una proprietà che indica la capacità di un minerale di riflettere la luce e dipende dal rapporto tra la quantità di luce che viene riflessa e quella che viene rifratta ed assorbita da un mezzo ottico. E diagnostica solo su facce cristalline non alterate. Tipi di lucentezza: Metallica Adamantina (simile al diamante) Subadamantina (un po meno lucente del diamante) Vitrea (come di un pezzo di vetro massiccio spezzato) Resinosa (come frammento di ambra spezzato) Sericea (come quella di un tessuto di seta) Perlacea Cerosa (come quella di una candela spezzata) 4. Colore non sempre è un indicatore certo (p.es. il quarzo può variare dall ametista al citrino) 5. Forma la forma del cristallo dipende dall ordine di crescita e dall ambiente di formazione. I termini che descrivono lo sviluppo delle facce esterne di un cristallo sono: -Euedrale: descrive un cristallo completamente delimitato da facce cristalline la cui crescita non è stata disturbata da cristalli o granuli adiacenti. -Subedrale: descrive un cristallo in parte delimitato da facce cristalline e in parte da superfici di contatto con altri cristalli già esistenti 6

13 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata -Anedrale: descrive un cristallo privo di facce cristalline 6. Reattività all attacco chimico in genere con acido cloridrico diluito 7. Colore delle polveri o della stria ottenuta strofinando una scheggia del minerale su una lastra di vetro smerigliato. 8. Tenacità La resistenza che un minerale offre alla frantumazione, piegatura o abrasione è indicata come tenacità. I minerali possono avere un comportamento di tipo: -Fragile: tipico di minerali che si rompono o polverizzano facilmente -Malleabile: tipico di minerali che possono essere martellati fino a dare sottili lamine (legame metallico) -Settile: tipico di minerali che si possono suddividere in scaglie con un martello (legame metallico) -Duttile: tipico di minerali che possono essere lavorati fino a formare un filo (legame metallico) -Flessibile: tipico di minerali che si piegano ma non ritornano alla forma originaria quando viene rimossa la pressione esercitata -Elastico: tipico di minerali che si piegano e ritornano alla forma originaria quando viene rimossa la pressione esercitata. In appendice sono riportate le chiavi che utilizzano tali caratteristiche per il riconoscimento macroscopico dei più comuni minerali. Tab. 4 Minerali della Scala di Mohs ed oggetti di uso comune in grado di inciderli 1. Talco unghia 2. Gesso unghia 3. Calcite monetina di rame 4. Fluorite lama di coltello 5. Apatite vetro da finestre 6.Ortoclasio filo d acciaio 7. Quarzo Topazio Corindone Diamante --- Le chiavi per la determinazione dei minerali e delle rocce più comuni sono riportate in appendice, mentre in tab. 5 svolgiamo un esempio di applicazione della procedura. 7

14 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Tab. 5 Campione di minerale Sfaldatura assente o poco distinta Sfaldatura distinta Vai a 1 Vai a 2 Supponiamo di avere un campione di un individuo con sfaldatura assente o poco distinta, si passa alla chiave 1 Supponiamo di avere un campione di un individuo con sfaldatura distinta, si passa alla chiave 2 1 (Individuo con sfaldatura assente o poco distinta) opzioni: splendore delle superfici vitreo con riflessi vari vai a 3 splendore metallico vai a 4 splendore matto o quasi, o non ben definibile vai a 5 splendore serico (simile alla seta) vai a 11. Supponiamo di avere un campione di un individuo con splendore vitreo, si passa alla chiave 3 2 (Individuo con sfaldatura distinta) opzioni: un piano di facile sfaldatura vai a 12 2 piani ad angolo retto vai a 13 2 piani ad angolo quasi retto vai a 14 3 piani ad angolo retto vai a 16 3 piani ad angoli diversi dal retto, ma uguali tra loro vai a 17 più di un piano, ma non ben distinguibili gli angoli vai a 19 3 (individuo con sfaldatura assente o poco distinta, splendore vitreo) opzioni: non si incide con una punta metallica vai a 6 si incide facilmente con una punta metallica vai a 8 si incide con l unghia vai a 9. Supponiamo di avere un campione che si incide con l unghia, si passa alla chiave.. 9 (individuo con sfaldatura assente o poco distinta, splendore vitreo, si incide con l unghia opzioni: colore chiaro, colore della stria bianco, all incisione stride e dà polvere in grani quasi isometrici, alla fiamma dà colorazione rosso mattone, si disidrata e diventa bianco e polverulento: gesso microcristallino in acqua si rigonfia o si spappola: minerale argilloso vai a 23 Non si spappola: è gesso microcristallino. 8

15 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Quando occorre una conoscenza più approfondita delle rocce, che vada oltre al mero riconoscimento macroscopico di cantiere, si deve far ricorso a tecniche di analisi di laboratorio. Le tecniche più consuete di analisi delle rocce e degli aggregati lapidei artificiali (nel seguito sempre indicati come rocce) sono l osservazione col microscopio ottico, in luce riflessa di frammenti e di sezioni lucide, e, in luce trasmessa polarizzata, di sezioni sottili e la diffrattometria a raggi X. Le sezioni lucide sono frammenti inglobati in resina di dimensioni opportune per essere rappresentative della tessitura e composizione del campione e tagliati con sega diamantata per ottenere una superficie piane e poi, dopo l inglobamento, levigate dapprima con panni abrasivi fino alla completa scomparsa delle strie dei denti della sega e alla perfetta lucidatura.vengono osservate al microscopio in luce riflessa, cioè illuminando dall alto la superficie levigata con una fonte di luce ( generalmente bianca) intensa e circoscritta. Le sezioni sottili sono lamine di roccia dello spessore standard di 0, 03mm ( ottenute per levigatura e smerigliatura di lastrine di roccia spesse in partenza 1-2 mm) incollate su vetrini da microscopia con collanti inerti alla luce ( balsamo del Canadà o resine epossidiche ). Le dimensioni minime del campione di partenza ( p. es. una scheggia distaccata con un colpo di martello) per poter realizzare una sezione sottile sono di 8-10 mm di spessore. In genere per la preparazione delle sezioni sottili ci si avvale di ditte artigianali specializzate, con un costo medio unitario dell ordine di poche decine di euro. Per l identificazione di alcuni componenti ( p. es. distinzione di calcite e dolomite, o feldspati)si può far ricorso a tecniche di colorazione selettiva (Staining). L osservazione delle sezioni sottili si effettua con un microscopio ottico munito di due dispositivi per la polarizzazione delle luce bianca trasmessa da una lampada posta al di sotto del piatto porta oggetti (microscopio petrografico). In alcuni microscopi la polarizzazione della luce si ottiene mediante l inserimento di prismi di spato d Islanda ( calcite limpida) detti Nicols ( dal loro inventore) in altri, mediante due schermi trasparenti trattati (polaroid) Permette di osservare le rocce con il in luce trasmessa polarizzata secondo un piano (PPL) o secondo due piani ortogonali ( XPL) Serve per analizzare la tessitura della roccia e per individuarne i componenti cristallini od amorfi Sezione sottile: lamina di roccia spessa 0,03mm incollata su un vetrino con collanti otticamente inerti ( p. es. Balsamo del Canada) 9

16 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Sezione sottile colorata con alizarina S: presenta una colorazione selettiva (staining) per facilitare la distinzione dei carbonati (dolomite grigia, calcite rosa -arancione) 10

17 Diagramma di flusso semplificato per l identificazione dei minerali costituenti delle rocce col metodo organolettico Esaminare il campione con una lente d ingrandimento Il campione può essere inciso con l unghia Il campione può essere inciso con una punta metallica ma non con l unghia Il campione non può essere inciso neanche con una punta metallica Sfaldatura Colore e lucentezza Nome vetroso o saccaroide 1 superficie perfetta nero verde metallico bianco 1 superficie perfetta metallico nero 3 superfici a 75 o105 bianco vetroso gesso grafite clorite muscovite biotite calcite dolomite nessuna sfaldatura bianco, grigio vetroso b bianco, grigio rosa porcellanaceco 2 superfici a 90 scuro, vetroso o perlaceo s u p e r f i c i a superfici a 60 e 120 scuro, vetroso o perlaceo quarzo felspato pirosseno anfibolo

18 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Capitolo 2 Le rocce ignee o magmatiche Le rocce ignee o magmatiche derivano dal raffreddamento di magmi con processi di cristallizzazione totale o parziale associati o meno a processi di vetrificazione totale o parziale in funzione delle condizioni ambientali in cui si verifica il raffreddamento. Il magma è una massa a temperatura elevata formata da un miscuglio di liquido, gas, cristalli; è più o meno viscoso e suscettibile di movimento; si tratta cioè di un sistema chimico-fisico a molti componenti consistente di una fase liquida (fuso) e di un certo numero di fasi solide (cristalli) in sospensione; può anche essere presente una fase gassosa. I principali componenti sono: silice (40-75%, valori espressi comepercentuali in peso), allumina (10-20%), ossidi di ferro (2-12%), calcio (1-12%), magnesio (tracce-12%), sodio (1-8%) e potassio (tracce-7%). La temperatura di un magma è compresa fra 1350 C e 750 C.La cristallizzazione di un magma procede con l'abbassarsi della temperatura nella massa magmatica. Man mano che si creano le condizioni per la cristallizzazione dei diversi minerali il magmadiviene via via più ricco di componenti che non si sono ancora solidificati. I minerali che si sono formati per primi possono ridisciogliersi parzialmente o reagire con il liquido residuo in modo da mutare la loro composizione. Si distinguono in: 1. rocce ignee intrusive o plutoniti che cristallizzano lentamente dentro la crosta terrestre, in grandi ammassi detti Plutoni (batoliti) o in filoni (dicchi, sills ) Per tale ragione durante il raffreddamento, che avviene lentamente, la pressione si mantiene elevata. Il risultato è una struttura di tipo olocristallina, cioè composta da cristalli di grandi dimensioni (tutti sono almeno distinguibili ad occhio nudo). e porosità pressochè nulla. Fanno parte di questa tipologia i graniti, le dioriti, i gabbri e le peridotiti. 2. rocce ignee effusive o vulcaniti. Derivano dal raffreddamento delle lave e cioè da eruzioni subaeree o sottomarine (colate) e quindi litificano sopra la crosta terrestre o sui fondali marini. In questo caso il processo di solidificazione avviene con un brusco abbassamento dei valori di temperatura e pressione; in realtà il processo di cristallizzazione frazionata (solidificazione) inizia prima che il magma venga espulso in superficie, per cui alcuni cristalli riescono a crescere fino ad avere dimensioni apprezzabili (fenocristalli). La struttura della roccia in questo caso è di tipo ipocristallina porfirica o afanitica, cioè composta da piccoli cristalli immersi in una pasta di fondo microcristallina o amorfa, cioè allo stato vetroso (vetrofiri). Rocce di tipo effusivo a tessitura porfirica sono i basalti (generati durante attività magmatica di tipo non esplosivo), le andesiti e le rioliti. La tessitura vitrofirica o jalina è tipica delle pomici (rocce a bassissima densità la cui bollosità deriva dall alta viscosità del fuso che non ne permette un rapido degassamento) e le ossidiane o vetri vulcanici (il rapido raffreddamento non permette la formazione della struttura cristallina). 3. Piroclastiti, sono costituite da materiali magmatici ma che si depositano con modalità tipiche di depositi subaerei. I magmi raffreddano molto bruscamente durante fenomeni vulcanici di tipo esplosivo (si veda il cap. sul vulcanismo), producono rocce con caratteristiche particolari ovvero le rocce piroclastiche. Appartengono a questa categoria i tufi, le cineriti (lapilli e ceneri lanciati in aria durante l attività esplosiva e formanti depositi stratificati. 4. Rocce filoniane: consolidano in condizioni intermedie (né profonde né superficiali) e presentano una grande varietà composizionale e struttural Parte I - Lez Rocce ignee 9

19 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata Oltre alle modalità di solidificazione, l altro carattere fondamentale di classificazione tanto dei magmi quanto delle rocce magmatiche è il loro chimismo, in particolare la percentuale di silice (SiO2) presente. La ragione di questa classificazione su basi chimico-mineralogiche risiede nel fatto che la maggior parte deiminerali è di tipo silicatico (comprende SiO2 nella struttura); inoltre il quarzo è l ultimo minerale a cristallizzare, quindi la sua presenza in una roccia fornisce informazioni circa la composizione chimica del fuso da cui si è originata. I minerali che costituiscono le rocce possono essere ripartiti in due grandi famiglie: Sialici: incolori o biancastri, in cui predomina la SiO 2 e l allumina. Femici: di colorazione scura (da verde a nero) e contenenti prevalentemente Fe ed Mg. La presenza e proporzione dei minerali presenti in una roccia magmatica permette di definire le seguenti tipologie: - Rocce acide: contengono grandi quantità di quarzo (SiO2) e sono caratterizzate da una densità media e da una colorazione chiara (rocce leucocratiche). - Rocce intermedie: hanno composizione mineralogica appunto intermedia. - Rocce basiche: basso tenore in silice (SiO2) e densità più elevata; la colorazione prevalente è nerastra (rocce melanocratiche). - Rocce ultrabasiche: la silice libera è totalmente assente e la densità molto elevata. Appartengono a questa categoria le Peridotiti (rocce del mantello superiore risalite in superficie) e le Ofioliti (note anche come pietre verdi). Nella tabella seguente è riassunta la classificazione delle rocce magmatiche in base a modalità di raffreddamento e chimismo. ACIDE INTERMEDIE BASICHE ULTRABASICHE INTRUSIVE Graniti,Granodioriti Dioriti, sieniti Gabbri Peridotiti EFFUSIVE Rioliti, Daciti Andesiti, Trachiti Basalti - Rapporti di frequenza: i magmi hanno una composizione che è prevalentemente o acida o basica, sono cioè scarsi quelli a composizione intermedia. Le rocce intrusive sono nella maggior parte di Parte I - Lez Rocce ignee 9

20 Laura Ercoli- Dispense del Corso di Geologia Applicata tipo acido, cioè molto diffusi sono i graniti e molto meno i gabbri. Per le rocce effusive vale invece il contrario, ovvero sono molto diffuse quelle di tipo basico (basalti). magma basaltico granitico Chimismo basico acido Profondità da 50 a 100 km < 20 km Temperatura Viscosità bassa alta Effusività alta bassa Rocce effusive basalto frequente riolite rara Rocce intrusive gabbro granito raro frequente Si classificano in base alla composizione mineralogica (classificazione di Srekeisen,1967) o alla composizione in ossidi (per le sostanze vetrose) e alla tessitura. La classificazione di Streckeisen è mineralogica, quantitativa, volumetrica e cioè si basa sul contenuto di specifici minerali o famiglie di minerali molto comuni, espresso in percentuale volumetrica.viene rappresentata mediante un doppio diagramma triangolare i cui vertici corrispondono ad un contenuto del 100% in: Q=quarzo, A= feldspati alcalini (ortoclasio), P=plagioclasi (labradorite, anortite); F=feldspatoidi. Q, A, P, F sono minerali sialici, cioè in prevalenza silico- alluminiferi, per lo più di colore chiaro. Non vengono presi in considerazione i minerali femici (biotite, anfiboli, pirosseni, olivina) cioè in prevalenza ferro- magnesiaci, per lo più di colore scuro, contraddistinti con la lettera M. Il diagramma viene suddiviso, in base alle percentuali relative dei componenti, in quindici campi, ciascuno dei quali contiene sia la roccia intrusiva sia la roccia intrusiva di quella determinata composizione. Vi sono naturalmente termini di passaggio fra un campo e l'altro. Il sedicesimo campo è fuori dal diagramma bitriangolare e comprende le rocce composte da minerali femici. N 1 Rocce rocce iperquarzose intrusive Rocce effusive 2 granito alcalino riolite alcalina 3 granito riolite 4 grano diorite dacite 5 graniti e dioriti andesiti e basalti quarzose quarzosi 6 sienite alcalina trachite alcalina 7 sienite trachite 8 monzonite latite 9 sienodiorite sienogabbro trachiandesite trachibasalto 10 diorite gabbro andesite basalto 11 sienite nefelinica fonolite 12 Monzonite feldspatoide 13 essexite tefrite 14 teralite Basanite 15 feldspatoiditi nefelinite leucitite 16 M = Rocce femiche 16 Elenco e caratteristiche delle più comuni rocce ignee Parte I - Lez Rocce ignee 9

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina

Anno Accademico 2010-2011. Appunti dalle lezioni del Corso Libero di. GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina Anno Accademico 2010-2011 Appunti dalle lezioni del Corso Libero di GEOLOGIA E GEOMORFOLOGIA a cura della dott.ssa Maria Antonia Pulina I Parte : GEOLOGIA Struttura interna della Terra I minerali I processi

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE

L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE G. Sini Art. n A 14 L AMBIENTE NATURALE MONTANO e la sua EVOLUZIONE (GEOLOGIA, GEOGRAFIA FISICA, FLORA, FAUNA e ADATTAMENTI) PREMESSA Poiché siamo in Italia e le nostre più belle montagne appartengono

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA

Dai cristalli di neve alle valanghe. Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA Dai cristalli di neve alle valanghe Elisabetta Ceaglio Fondazione Montagna sicura Ufficio neve e valanghe VdA www.fondazionemontagnasicura.org We are on facebook: Blog VdA mon amour: www.aineva.it Corso

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8

1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 4 3 CARATTERI DELLA CIRCOLAZIONE IDRICA SOTTERRANEA... 8 4 RISULTATI DELLA SECONDA CAMPAGNA DI INDAGINI (MAGGIO 2009).. 9 4.1 Accertamenti relativi al

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE

I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE I COLORI DEL CIELO: COME SI FORMANO LE IMMAGINI ASTRONOMICHE Nell ultima notte di osservazione abbiamo visto bellissime immagini della Galassia, delle sue stelle e delle nubi di gas che la compongono.

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A.

Corso di Laurea Magistrale in. Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270. Relazione di fine tirocinio A.A. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria civile per la protezione dai rischi naturali D.M. 270 Relazione di fine tirocinio A.A. 2013-2014 Analisi Strutturale tramite il Metodo agli Elementi Discreti Relatore:

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI:

ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: ESPERIENZA N 8: UNA CELLA SOLARE CASALINGA PROPRIETÀ E APPLICAZIONI: La cella solare è un spositivo per la trasformazione energia luminosa in energia elettrica. L applicazione più nota questi tipi spositivi

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo

Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Modalita' di prelievo ed esecuzione di prove di laboratorio su materiale lapideo Dott. Geol. Andrea Tralli Laboratorio Geotecnico 4 Emme Service Spa Via Zuegg, 20, 39100 Bolzano (BZ) 1. Introduzione L

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale

LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale LA RISORSA GEOTERMICA PER USI ELETTRICI IN ITALIA: Energia, Ambiente e Accettabilità Sociale Amici della Terra

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

9. La fatica nei compositi

9. La fatica nei compositi 9.1. Generalità 9. La fatica nei compositi Similmente a quanto avviene nei materiali metallici, l'applicazione ad un composito di carichi variabili ciclicamente può dar luogo a rottura anche quando la

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA

TAV.13-RELAZIONE GEOLOGICA Studio G E O E C O S Dott. Geol. G. MENZIO Programmazione Territoriale-Geotecnica-Idrogeologia Sede : Via Cavour 34 - SAMPEYRE (CN) Tel0175977186-Fax1782737211-Cel.3402572786-mail:geoecos@libero.it Indirizzo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI

TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI TRATTAMENTI TERMOCHIMICI DEGLI ACCIAI m12 Scopi dei trattamenti diffusivi Trattamenti di Carbocementazione,, Nitrurazione, Borurazione Proprietà ed applicazioni TRATTAMENTI TERMOCHIMICI di DIFFUSIONE TRATTAMENTI

Dettagli

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino)

ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) ALLUMINIO E SUE LEGHE Classificazioni e trattamenti termici. Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti (Torino) INDICE Affinamento delle strutture cristalline... 31 Atmosfere dei forni da trattamento

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA SETTORE MATERIALI TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli