Omaggio delle Edizioni Giuridiche Simone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Omaggio delle Edizioni Giuridiche Simone"

Transcript

1 Capitolo2 Il nome di dominio Sommario: 1. Numero IP e nome di dominio Struttura del nome di dominio e gli standard internazionali Naming Authority Italiana e Registration Authority Italiana Il mantainer. 1. NUMERO IP E NOME DI DOMINIO L internet, come detto, è un insieme di reti autonome collegate fra loro: è un sistema che consente a tutti i computer interconnessi di «dialogare» fra loro. Ciascun computer, pertanto, deve essere identificabile; deve cioè poter essere «chiamato» da un altro, che deve potergli «rispondere». Il numero IP, costituito da una sequenza di numeri, consente appunto di identificare in modo univoco il computer con il quale ci si vuole collegare. Il numero IP individua, per esempio, il server che ospita il sito Gandalf (1). Tuttavia, poiché tenere a mente una serie di numeri è cosa poco agevole, si è ben presto studiato un differente criterio di riconoscimento delle macchine, più immediato, consistente nell associare al numero IP una sequenza di caratteri; gli indirizzi numerici sono stati così trasformati in indirizzi alfanumerici. L indirizzo alfanumerico associato al numero IP è gandalf.it. «gandalf.it» è un nome di dominio: il nome di dominio non è altro che la sequenza di caratteri associata al numero IP; nella composizio- (1) Un sito sulla cultura e comunicazione in rete all indirizzo

2 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio ne di un dominio possono rientrare: lettere (non accentate) (2), numeri e segno meno (non iniziale né finale). Originariamente esisteva una corrispondenza biunivoca tra macchina e numero IP e tra numero IP e nome di dominio: ogni computer era identificato da un singolo numero IP e da un singolo nome di dominio. Il passo successivo è stato quello di far coesistere più numeri IP su una stessa macchina: diversi numeri IP identificavano la stessa macchina fisica. L ulteriore passo è stato, infine, quello di rompere la correlazione fissa esistente tra numero IP e nome di dominio: un IP può ora corrispondere, grazie all evoluzione tecnica, anche a più domini; a ciascun dominio, però, sono associate informazioni diverse (3). 2. STRUTTURA DEL NOME DI DOMINIO E GLI STANDARD IN- TERNAZIONALI Un nome di dominio è strutturato in maniera da facilitare l instradamento delle informazioni. A tale scopo riflette, al suo interno, una vera e propria gerarchia: ciascun elemento individua una parte di questa gerarchia ed è legato ad ogni altro secondo uno schema di collocazione che identifica le relazioni interne tra gli elementi stessi. I domini, hanno, naturalmente una convenzione di scrittura (da destra verso sinistra o a etichette) che rappresenta ortograficamente l ordine gerarchico e sono definiti. I domini sono definiti secondo due standard internazionali: l Internet Protocol Suite (IPS) e l Open System Interconnection (OSI). Lo schema che, nel relativo standard, definisce un dominio, non rappresenta altro che l albero gerarchico dei livelli da cui è composto. Lo standard IPS, al fine di questa rappresentazione gerarchica, si avvale di una tecnica posizionale, che scrive i «livelli» che compongo- (2) È indifferente usare maiuscole piuttosto che minuscole; nel senso che il software non è in grado di percepire la differenza. (3) L appendice al volume contiene gli approfondimenti tecnici sul punto.

3 no il nome da destra verso sinistra, separandoli con un punto; lo standard OSI, invece, si avvale di una tecnica ad etichetta, la quale consiste nel far precedere i vari elementi del nome da etichette standard che identificano il livello. In particolare, nello standard IPS, il dominio risulta formato da un cd. top level domain (TLD), come per esempio «.it», «.com» o «.org» e da un c.d. second level domain (SLD), posto immediatamente a sinistra del TLD, che consiste in un nome o in un espressione liberamente scelta dalla parte interessata all assegnazione del dominio. A sinistra del second level domain possono trovarsi ulteriori livelli, ciascuno separato da un punto (4). I TLD non sono nella disponibilità di nessuno, nel senso che vengono assegnati direttamente dalla Registration Authority (5) cui viene fatta richiesta di registrazione di dominio, e si differenziano in tematici (6) e geografici (7). Nello standard OSI, il nome di dominio risulta formato, al primo livello della gerarchia, da un country code (C) che corrisponde sostanzialmente al TLD geografico. (4) Esempio: barberini.pe.it. Si faccia attenzione a non confondere il dominio con una serie di espressioni e simboli che può essere posta a destra del TLD. Queste espressioni non sono divise da punti ma da barre diagonali e non indicano un indirizzo IP, ma il percorso che porta ad un determinato file all interno del server individuato dal nome di dominio. (5) La Registration Authority è l organismo che gestisce e assegna domini sotto un determinato TLD. (6) I domini tematici attivi sono sette, di cui tre aperti (.com,.net,.org) e quattro chiusi (.edu,.gov,.int,.mil). Sono detti tematici perché originariamente identificavano la natura dell attività svolta dall assegnatario del dominio. Esempio: «.org» identificava i domini di organizzazioni no profit; «.com» i domini di imprese ed aziende commerciali; «.net» quelli di provider e fornitori di connettività; «.gov» quelli degli enti governativi statunitensi ecc. Progressivamente, però, il riferimento all attività svolta dalle «entità» assegnatarie dei domini «.com» «.net» e «.org» è andata perdendosi (emblematico è il caso del Comune di Chieti, che ha richiesto ed ottenuto la registrazione del dominio comunechieti.com). Per questo, dato che qualunque soggetto (a prescindere dalla nazionalità) può chiederne l assegnazione, è più corretto parlare di domini internazionali. Ai sette domini tematici già attivi devono aggiungersi gli ulteriori sette di prossima attivazione: «.firm», «.shop», «.web», «.rec», «.info», «.arts», «.nom». (7) I TLD geografici sono 243. Questo tipo di TLD identifica la locale Registration Authority che ha assegnato il dominio. Esempio: la Registration Authority italiana assegna e gestisce la registrazione dei domini sotto TLD «.it»; quella tedesca, sotto TLD «.de»; quella austriaca, sotto TLD «.at» ecc.

4 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio Al di sotto del country code, il sistema OSI prevede un Administration domain name (ADMD), un Private domain name (PRMD) e un Organization name (O) (8). La registrazione di un dominio secondo lo standard IPS implica, obbligatoriamente, la registrazione di un nome unico ed equivalente anche secondo lo standard OSI e viceversa. 3. NAMING AUTHORITY ITALIANA E REGISTRATION AUTHO- RITY ITALIANA l ICANN (9) è l associazione no profit costituita per assumersi la responsabilità dell allocazione degli spazi degli indirizzi IP, dell assegnazione dei parametri dei protocolli, della gestione del sistema dei nomi a dominio e del root server system. Queste funzioni sono ora esercitate, sulla base di un contratto con il Governo degli Stati Uniti, dalla IANA e da altre entità. La IANA (10), organo designato dall IAB (11), è al vertice del sistema di attribuzione dei nomi di dominio e coordina, nella zona europea, l assegnazione dei numeri IP avvalendosi della collaborazione di diversi soggetti, tra cui il RIPE NCC. (8) Qualche esempio: 1) lavazza.it (standard IPS) C = it; ADMD = 0; PRMD = lavazza (standard OSI). 2) Barberini.pe.it (standard IPS) C = it; ADMD = 0; PRMD = pe; O = barberini; (standard OSI) 3) infn.it (standard IPS) C = it; ADMD = garr; PRMD = infn; (standard OSI) Quanto alla lunghezza massima dei valori delle varie etichette, riportiamo la seguente tabella: Etichetta Numero massimo di caratteri consentiti C Valore noto (ad esempio C = it;) ADMD Valore noto PRMD 16 caratteri O 64 caratteri OU 32 caratteri OU 32 caratteri (9) Internet Corporation for Assigned Names and Numbers: (10) Internet Assigned Numbers Authorithy: (11) Si rinvia al paragrafo 4 del capitolo 1.

5 Il RIPE NCC (12) è la struttura che, su delega della IANA, assegna i numeri IP alla comunità internet europea. In relazione alla registrazione dei domini e alla gestione dei relativi registri, la IANA ha ripartito il compito fra diverse autorità, con competenze divise per TLD (e Country Code): ciascun TLD e C è amministrato da una Authority nazionale, che deve garantire l unicità dei nomi assegnati. La RA italiana (13) ha la responsabilità dell assegnazione dei nomi di dominio e della gestione dei registri e dei nameserver per il codice «C=it»; secondo lo standard OSI, e per il TLD «.it» secondo lo standard ISP (14). Le procedure operative ed il regolamento in base al quale la Registration Authority italiana opera, sono invece stabilite dalla Naming Authority italiana (15). Questa cesura vale tuttavia solo per l Italia, dato che negli altri paesi esiste un unico organismo, un unica Authority, che assolve ad entrambi i compiti. La Registration Authority, malgrado questa precisa distinzione dei ruoli, mantiene una rappresentanza all interno della Naming Authority italiana. Quest ultima è costituita da un gruppo, denominato ITA- PE, formato da esperti del settore informatico, accademico e commerciale. Il gruppo ITA-PE si è formato nel 1994, dietro richiesta del gruppo di lavoro UNINFO (16). (12) Réseaux IP Européens Network Coordination Centre: (13) (14) Codice di nazione assegnato all Italia secondo ISO (15) (16) Alla fine del 1993 l ISO (International Organization for Standardization, l organizzazione che stabilisce gli standard a livello mondiale) ha richiesto agli organismi nazionali dei paesi membri (UNI per l Italia ed in particolare UNINFO per le problematiche legate alle normative informatiche) la attuazione della norma ISO 6523, con la creazione delle rispettive Authority nazionali. A tale scopo nella riunione tenutasi il 26 gennaio 1994 presso la sede a Roma dell Istituto Superiore del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni è stata affidata ad UNINFO la creazione di un gruppo di lavoro denominato «UNINFO-GL applicazione ed estensione della normativa ISO 6523 in Italia». Tale gruppo ha iniziato la propria attività con una riunione presso lo CSELT di Torino il 15 febbraio I lavori sono proseguiti nelle successive riunioni del 21 marzo 1994, del 27 giugno 1994 e del 15 dicembre 1994.

6 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio La Naming Authority (ITA-PE) si è data da subito una struttura aperta; e, difatti, la partecipazione al gruppo è libera (le modalità di adesione sono indicate nello Statuto (17)). I suoi organi sono: l Assemblea, il Presidente dell Assemblea, il Comitato Esecutivo (che materialmente stabilisce le regole di naming per il TLD.it), il Direttore del Comitato Esecutivo. Il lavoro è svolto sia durante le riunioni periodiche del Comitato Esecutivo sia in Assemblea (che tra l altro è pubblica), sia tramite la mailing-list ITA-PE. I documenti ed i verbali del gruppo sono pubblicati nel sito della Naming Authority. La RA italiana fa capo al Network Information Centre (NIC). Il compito è materialmente svolto da un gruppo di tecnici dell Istituto Applicazioni Telematiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche. La RA svolge una serie di attività affinché un dominio sia regolarmente registrato ed assegnato a chi lo richiede. Le verifiche effettuate riguardano essenzialmente due punti: la congruenza tra la richiesta e le regole di naming stabilite dalla Naming Authority per il dominio «.it», e la correttezza tecnica e formale della richiesta stessa. Dal punto di vista tecnico i controlli riguardano principalmente la congruenza tra i dati forniti ed eventuali dati già presenti nel data base, e la corretta configurazione dei name server indicati per il dominio. In aggiunta alla registrazione dei nomi a dominio, la RA fornisce anche servizi aggiuntivi come, ad esempio, quello di hosting sul proprio name server. Sono, inoltre, mantenute varie liste di discussione su argomenti di interesse per la comunità internet In base al Memorandum of Understanding tra l ISO, ITU (International Telecommunication Union) e la Internet Society, il gruppo di studio ha riconosciuto l esigenza di mantenere in stretto rapporto tra di loro sia i servizi di registrazione per i protocolli OSI che per i protocolli IPS; si è cosi deciso di creare un unico insieme di organismi che si occupassero al tempo stesso di tutte le problematiche di naming e registrazione. Al tempo stesso è stata stabilita la liason con la Commissione TLC del Ministero delle Poste e delle Telecomunicazioni (rappresentante in Italia di ITU) per il coordinamento delle azioni in corso. Le riunioni del gruppo UNINFO sono pertanto proseguite congiuntamente con quelle della Commissione TLC. Nella riunione dell 8 maggio 1995 è stato quindi stabilito di creare documenti ed organismi congiunti che provvedessero alle problematiche di naming e di registrazione sia per i protocolli OSI che per quelli ISP. Sulla base delle indicazioni ricevute, il gruppo di lavoro UNINFO ha pertanto richiesto la creazione del gruppo ITA-PE, affidandogli ad interim il ruolo di Naming Authority ed ha affidato alla struttura operativa che già si occupava delle registrazioni dei nomi a dominio sia per il top level «.it» che per il country code «C=it» il ruolo di Registration Authority ad interim. (17) Art. 5.

7 italiana, e vari database (compreso quello dei domini attivi nel Top Level Domain «.it»). La RA è infine responsabile anche delle attività relative all assegnazione di nomi definiti da altri standard, e cioè dell assegnazione sia di domini secondo lo standard ITU X.400 (posta elettronica) e sia dei relative distinguished names secondo lo standard ITU X.500 (directory globale). In questo ambito è anche responsabile di applicare le regole di traduzione tra i nomi assegnati secondo lo standard ITU X.400 e i nomi a dominio di Internet (18). Si noti, per finire, che tutte le autorità delegate all amministrazione dei TLD sono tenute a predisporre programmi liberamente accessibili a tutti gli utenti dell internet che consentano la conversione dei nomi nel loro equivalente numerico (19). 4. IL MANTAINER Il mantainer è un soggetto (non necessariamente provider) abilitato ad interagire con la RA italiana per la registrazione e manutenzione di nomi di dominio nel TLD «.it». Ma il mantainer (o meglio: oggetto mantainer) è anche lo strumento attraverso il quale un azienda o organizzazione è autorizzata a registrare e mantenere domini nel database della RA italiana. Nell oggetto mantainer sono specificati: le persone (dell azienda intestataria) abilitate ad interagire con la RA; gli indirizzi di posta elettronica ai quali la RA invia ogni comunicazione inerente la registrazione, la modifica o la cancellazione di oggetti mantenuti dalla stessa; gli indirizzi di posta elettronica dell organizzazione abilitati all invio dei moduli per la registrazione la modifica o la cancellazione di oggetti mantenuti dall azienda. Per essere intestatari di un oggetto mantainer è sufficiente sottoscrivere un apposito contratto e riempire un apposito modulo (20). (18) RFC 822. (19) Sul punto cfr. RFC (20) I dettagli sono indicati nel cap. III.

8 Capitolo3 Regole di naming italiane e aspetti operativi Sommario: 1. Introduzione Le nuove forme di assegnazione I soggetti abilitati ad interagire con la RA per la registrazione e gestione dei domini «.it» Aspetti operativi preliminari Procedura per l assegnazione di nomi di dominio sotto TLD «.it» Verifiche formali e tecniche sulla registrazione Procedura di modifica della registrazione dei nomi di dominio «.it» Revoca di un dominio assegnato Sospensione di un dominio assegnato Risoluzione delle dispute Prospettive di sviluppo: multi-ra. 1. INTRODUZIONE Le regole di naming sono norme per l assegnazione dei nomi di dominio all interno di un TLD. Le norme e procedure per l assegnazione di un dominio sotto TLD «.it», e cioè le norme e procedure in base alle quali opera la Registration Authority italiana (RA), sono definite dalla Naming Authority italiana (NA). È opportuno sottolineare, preliminarmente, che i domini «.it» sono assegnati in uso e non in proprietà dalla RA (1); di conseguenza, l Authority si riserva la facoltà di revocare la registrazione. I domini possono essere assegnati direttamente sotto il TLD «.it» (2) oppure sotto albero geografico (3). (1) L assegnazione in uso del dominio implica la non alienabilità dello stesso; può tuttavia essere oggetto di negoziazione la rinuncia al suo utilizzo. In questo caso si presenterà alla RA detta rinuncia contestualmente alla richiesta di riassegnazione (da parte del soggetto a questa interessato) del dominio. (2) Ad esempio azienda.it (3) Ad esempio azienda.milano.it, azienda.rho.mi.it ecc. I nomi che costituiscono la struttura geografica fungono da «contenitore gerarchico» per il dominio di cui è richiesta l assegnazione sotto detto albero. Per questo motivo, sono riservati e non assegnabili.

9 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio La registrazione presso la RA italiana è obbligatoria solo per i domini collocati direttamente al di sotto del TLD «.it» oppure direttamente al di sotto della struttura geografica predefinita. Non è soggetto invece a registrazione il cd. naming interno, che in genere descrive la struttura interna dell entità assegnataria del dominio (4). Alcuni domini sono riservati e non assegnabili o assegnabili solo a soggetti predeterminati. Tra i nomi non assegnabili, rientrano quelli costituiti da due soli caratteri; questa limitazione è stata introdotta per evitare possibili collisioni con eventuali nuove Province (5) istituite in futuro; non sono, inoltre, utilizzabili i nomi utilizzati per indicare gli strumenti operativi dell internet o che comunque risultano generici nella Rete ( , FTP, SLIP ecc.); le sigle dei TLD geografici e tematici; le denominazioni e sigle geografiche, i termini come per esempio «regione», «provincia» o «comune» che sono riservati ai corrispondenti enti pubblici (6). Per concludere, un dominio «.it» non è prenotabile, non può essere, cioè registrato in previsione di un uso futuro; il non uso comporta la revoca d ufficio della sua assegnazione (7). Un nome assegnato, infine, in uso all interno dello spazio dei domini sotto TLD «.it», non può considerarsi come riservato in altre posizioni dell albero dei nomi stesso (8). (4) Se il dominio è «azienda.it», il relativo naming interno potrebbe per esempio essere «amministrazione.azienda.it» oppure «vendite.azienda.it». (5) Non è registrabile, ad esempio, il dominio «su.it» che potrebbe contraddistinguere l eventuale provincia di Sulmona (paese in provincia di L Aquila), qualora dovesse essere istituita. (6) L elenco dei nomi di dominio non assegnabili e riservati sono riportati in appendice. (7) Le regole di naming parlano di non «visibilità/raggiungibilità» degli oggetti appartenenti al nome di dominio assegnato per un periodo superiore ai tre mesi. La verifica di questo stato è effettuata tecnicamente dalla RA. In caso di revoca, il dominio non può essere assegnato nuovamente in uso ad altri prima di un mese dalla data della revoca stessa. (8) I nomi collocati, ad esempio, ad un livello differente dell albero geografico (come, ad esempio: nome.lombardia.it, nome.milano.lom.it o nome.rho.mi.lom.it) sono considerati differenti e i relativi domini possono essere assegnati ad entità diverse e non correlate tra loro.

10 2. LE NUOVE FORME DI ASSEGNAZIONE Prima del 15 dicembre 1999 l assegnazione dei domini sotto TLD «.it» si basava sui seguenti principi: assegnazione del dominio sulla base del first come, first served (9); assegnazione del dominio solo ad entità italiane o che avessero una filiale italiana; assegnazione del dominio solo ad entità dotate di partita IVA, enti o associazioni no profit dotate di atto costitutivo e statuto depositati all ufficio del registro o rogati da un notaio e di codice fiscale; assegnazione di un solo dominio per ciascuna entità, salvo due eccezioni: i service provider iscritti al «Pubblico Registro» previsto dall articolo 8 del DPR 420/1995 potevano richiedere l assegnazione di ulteriori domini: uno per ogni servizio applicativo o a valore aggiunto offerto (10); se si sceglieva di registrare il proprio dominio sotto albero geografico (es. azienda.milano.it), lo stesso nome poteva essere registrato, dall entità intestataria, anche sotto ulteriori differenti domini geografici (ad esempio: azienda.roma.it, azienda.carpi.modena.it ecc.) (11). A partire dal 15 dicembre 1999 i principi sopra indicati sono stati modificati eccetto quello del first come, first served, che è rimasto invariato. In particolare, i domini sotto TLD «.it» possono essere assegnati in uso a tutti i soggetti appartenenti ad un paese membro dell Unione Europea; chi è titolare di partita IVA, codice fiscale o equivalente può (9) Questo principio comporta che la RA attribuisca il dominio al primo utente che ne faccia richiesta. In base a tale meccanismo, la RA non inibirà l adozione di un nuovo dominio se non quando questo risulti, in entrambe le componenti TLD e SLD, del tutto identico ad uno già precedentemente assegnato. (10) Era ammessa l ulteriore registrazione di un nome a dominio specifico per ciascuno dei servizi applicativi o a valore aggiunto compresi nel seguente elenco: servizio di fornitura di caselle postali; servizio di MHS X.400 in qualità di ADMD; servizio di directory X.500; servizio di accesso mediato ai servizi di rete; servizio di fornitura di spazio gopher; servizio di fornitura di spazio WWW; servizio di fornitura di spazio FTP. (11) Si noti che, in tal caso, lo stesso nome poteva essere registrato sotto ulteriori e diversi domini geografici, ma non anche sotto diretto TLD «.it» (azienda.it).

11 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio registrare un numero illimitato di domini, inoltre a partire dal 15 gennaio 2000 la possibilità di richiedere esclusivamente un solo dominio, direttamente sotto TLD «.it», è stata estesa anche alle persone fisiche non esercenti attività economiche o commerciali, e alle associazioni non dotate di partita IVA né codice fiscale o equivalente. In seguito alla raccomandazione della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 25 gennaio 2000 la RA ha sospeso attivazione dei domini relativi a nomi e cognomi di persone fisiche quando il richiedente non abbia dimostrato di avere titolo all uso di quello specifico nome e cognome. 3. I SOGGETTI ABILITATI AD INTERAGIRE CON LA RA PER LA REGISTRAZIONE E GESTIONE DEI DOMINI «.IT» Prima di addentrarci nella disamina puntuale delle regole di naming e negli aspetti strettamente pratici, è bene ricordare che soltanto i mantainer (12) possono registrare e gestire domini, per proprio conto o per conto terzi (13), sotto TLD «.it». Anche nel caso in cui una entità voglia richiedere direttamente la registrazione del proprio (evitando cioè i mantainer ufficiali), dovrà stipulare un apposito contratto con la RA italiana diventando mantainer dei domini stessi. Ovviamente questi soggetti gestiscono direttamente le proprie reti e non richiedono registrazioni per conto terzi. Le persone fisiche facenti capo ai mantainer, abilitati ad interagire con la RA per la registrazione e la gestione dei domini, sono quelli indicati nell «oggetto mantainer». 4. ASPETTI OPERATIVI PRELIMINARI A) Come si diventa mantainer Il primo passo consiste nel prelevare dal sito della RA il relativo contratto (14), che deve essere compilato con tutti i dati, stampato in (12) Soggetti che hanno stipulato un contratto con la Registration Authority Italiana. (13) Per terzo si intende uno dei soggetti indicati nel precedente paragrafo. (14) Al 14 gennaio 2000 sono disponibili due tipi di contratto: contratto per nuovi provider o mantainer; contratto diretto con l assegnatario del dominio, nel caso di enti che vogliano gestire in proprio i relativi domini.

12 duplice copia e sottoscritto; nel caso di aziende, associazioni ed enti la sottoscrizione deve essere apposta da legale rappresentante. Il contratto deve, poi, essere bollato ed inviato per posta ordinaria alla RA (15). Successivamente è necessario prelevare il modulo per l ottenimento di un oggetto mantainer (16); questo modulo, una volta compilato, deve essere inviato all indirizzo La RA confermerà, via posta elettronica, la ricezione del modulo segnalando gli eventuali errori di compilazione. In quest ultimo caso sarà necessario rinviare un nuovo modulo corretto. Ricevute le copie del contratto debitamente sottoscritte, la RA le firmerà entrambe e ne rispedirà una al soggetto richiedente. Poiché la sottoscrizione di un nuovo contratto comporta anche il pagamento di una somma, unitamente alla copia del contratto la RA spedirà anche relativa fattura. La RA attiverà successivamente quanto necessario nel database Whois e ne darà conferma via posta elettronica al mantainer. La sottoscrizione del contratto con la RA comporta il pagamento di una somma; i prezzi per l anno 2000 (al netto dell IVA), stabiliti nel corso della Riunione del Comitato dei Contributori svoltasi a Bologna il 29 ottobre 1999, sono: sottoscrizione nuovo contratto (per mantainer): ; la somma comprende trenta domini prepagati, i costi di inizializzazione della posizione del nuovo provider o mantainer e l assistenza iniziale; sottoscrizione nuovo contratto per entità che non intendono avvalersi di un mantainer ufficiale, ma preferiscono gestire in proprio i domini: ; la somma comprende il costo di registrazione e mantenimento per un anno di un solo dominio e i costi di assistenza; registrazione nuovi domini (per mantainer): ; mantenimento domini già esistenti (per mantainer): ; Si sottolinea che le entità che vogliano gestire in proprio più di un dominio, dovranno sottoscrivere una lettera di affidamento separata per ciascun nome. I contratti indicati sono riportati in appendice. (15) Questi i recapiti della RA italiana: Network Information Center c/o IAT Istituto del CNR Via Alfieri, 1 (Loc. S. Cataldo) - I Ghezzano (Pisa) - Tel Fax (16) ftp://ftp.nic.it/ra/doc/modulo-registrazione-mntner

13 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio mantenimento domini (per entità che non intendono avvalersi di un mantainer ufficiale): Il maggior prezzo dovuto per coloro che non intendono avvalersi di un mantainer ufficiale è motivato dalla più massiccia assistenza che la RA dovrà, prevedibilmente, fornire. B) Come si compila l oggetto mantainer Il modulo va riempito come segue. Sezione 0 Informazioni obbligatorie mntner: in questo campo va inserito il nome del mantainer, scritto in maiuscolo e seguito da «-MNT», ad esempio: NOME-MNT. descr: in questo campo va inserita una breve descrizione dell attività del soggetto richiedente; se la descrizione occupa più di un rigo, bisogna ripetere «descr:» all inizio di ogni rigo. admin-c: in questo campo va inserito il NIC-handle del cd. administrative contact, cioè del soggetto che amministra l oggetto mantainer. tech-c: in questo campo va inserito il NIC-handle del technical contact (ossia della persona che va contattata in caso di problemi tecnici); una società può prevedere anche più figure di questo tipo, le quali dovranno, però, essere tutte referenziate nel campo «tech-c:» del modulo; bisognerà riportare, per ogni rigo, un solo NIC-handle, ciascuno preceduto da «tech-c:». upd-to: in questo campo va inserito l indirizzo di posta elettronica cui si vuole che la RA comunichi qualsiasi richiesta relativa ad oggetti «mantenuti» dal mantainer in questione. È possibile inserire anche più indirizzi di posta elettronica; in tale caso si dovrà riportare, per ogni rigo, un solo indirizzo di posta elettronica, ciascuno preceduto da «upd-to:».

14 mnt-nfy: in questo campo va inserito l indirizzo di posta elettronica cui si vuole che la RA comunichi l avvenuta registrazione, modifica o cancellazione di un dominio mantenuto dal mantainer in questione. È possibile inserire anche più indirizzi di posta elettronica ma, in tal caso, bisognerà riportare per ogni rigo un solo indirizzo di posta elettronica, ciascuno preceduto da «mnt-nfy:». auth: in questo campo vanno inseriti gli indirizzi di posta elettronica da cui possono essere fatte pervenire alla RA italiana moduli per la registrazione o modifica di un qualsiasi dominio o oggetto mantenuto dal mantainer in questione. Gli indirizzi vanno inseriti nel campo seguendo una sintassi particolare. Volendo, per esempio, inserire l indirizzo di posta elettronica del signor Paperino, che supponiamo essere si dovrà scrivere: auth: MAIL-FROM PAPERLINE\.IT). Su ogni rigo va riportato un solo indirizzo di posta elettronica, ciascuno preceduto da «auth:» (17). mnt-by: mantainer del presente oggetto: NOME-MNT. Sezione 1 Informazioni opzionali remarks: eventuali chiarimenti, commenti. notify: gli indirizzi di posta elettronica delle persone a cui si vuole che la RA comunichi eventuali modifiche dell oggetto mantainer. Su ogni rigo va riportato un solo indirizzo di posta elettronica, ciascuno preceduto da «notify:». (17) Alcuni strumenti messi a disposizione dal NIC (come per esempio quello che consente di verificare lo stato di registrazione di un dominio) possono essere consultati dal mantainer via Web all indirizzo: Per accedere al servizio è necessaria una password criptata. Nel caso il mantainer intenda avvalersi di questi strumenti dovrà dunque comunicare al NIC la propria password, inserendola nel campo «auth:».

15 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio Sezione 2 Informazioni obbligatorie changed: l indirizzo di posta elettronica della persona che sta compilando l oggetto mantainer e la data nel formato anno, mese e giorno. Supponendo che sia Paperino, in data 20 dicembre 1999, a compilare l oggetto mantainer, si avrà: changed: source: la fonte dei dati: IT-NIC. Sezione 3 Informazioni obbligatorie sulle persone citate nelle sezioni precedenti se non già registrate nel data base della RA. Il gruppo di campi va ripetuto per ciascuna persona (lasciando una riga vuota prima di ogni riga «person:»). person: nome e cognome della persona. address: via e numero civico; in genere quello dell azienda mantainer per il quale la persona lavora. address: CAP e città dell azienda mantainer. address: Stato. phone: numero di telefono. fax-no: numero di fax. indirizzo di posta elettronica del soggetto.

16 nic-hdl: NIC-handle del soggetto. changed: l indirizzo di posta elettronica della persona che sta compilando l oggetto mantainer, e data nel formato anno, mese, giorno. source: fonte dei dati: IT-NIC I campi opzionali non utilizzati vanno rimossi dal modulo. Per modificare l oggetto mantainer (nel caso si voglia per esempio inserire nel database del NIC ulteriori nominativi), è sufficiente inviare all indirizzo il relativo modulo aggiornato. Nel campo «changed» andrà ovviamente inserito l indirizzo di posta elettronica della persona che sta effettuando la modifica e la data espressa nel formato anno, mese e giorno. Il modulo aggiornato deve pervenire alla RA esclusivamente da uno degli indirizzi di posta elettronica indicati nel campo «auth». Una volta inviato il modulo, bisogna attendere conferma della corretta ricezione da parte della RA. Nell ipotesi in cui non sia stato correttamente compilato, il NIC segnalerà gli errori e sarà necessario inviare un nuovo modulo, correttamente compilato. C) Come si richiede un NIC-HANDLE Il NIC-handle è un codice che identifica univocamente una determinata persona ed è assegnato da una delle Authority preposte alla loro creazione. Per il TLD «.it» una delle Authority di riferimento è il RIPE. Per richiedere l assegnazione di un NIC-handle presso il RIPE (18), è sufficiente inviare all indirizzo un messaggio di posta elettronica, recante nel subject la parola «LONGACK», e contenente i seguenti campi: person: nome e cognome della persona di cui si richiede il NIC-handle. address: via e numero civico. (18) Dopo aver verificato nei database del RIPE che la persona in questione non ne possieda uno.

17 A. Ambrosini - La tutela del nome di dominio address: C.A.P. e città. address: Stato. phone: numero di telefono: es fax-no: numero di fax: es indirizzo di posta elettronica, anche di futura attivazione, del soggetto di cui si sta richiedendo il NIC-handle. nic-hdl: AUTO-1 changed: l indirizzo di posta elettronica della persona che sta effettuando l operazione, seguita dalla data, espressa nel formato anno, mese e giorno. source: RIPE Quello che segue è un esempio: person: Paperon De Paperoni address: Via del deposito, 10 address: Paperopoli address: Italy phone: fax-no: nic-hdl: AUTO-1 changed: source: RIPE Il RIPE comunicherà, in genere nell arco di qualche minuto, il NIC-handle assegnato. Nel caso il modulo non sia stato correttamente compilato, il RIPE segnalerà gli errori. In tal caso andrà rinviato il modulo correttamente compilato.

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC

I servizi GARR - LIR e GARR - NIC I servizi GARR - LIR e GARR - NIC gabriella.paolini@garr.it con il contributo di Daniele Vannozzi IAT-CNR Indice GARR-LIR Il GARR-LIR Chi gestisce gli Indirizzi IP Cos e un LIR Regole di assegnazione Assegnazione

Dettagli

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA

INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI ALLA NAMING AUTHORITY ITALIANA ORDINE DEI CONSULENTI IN PROPRIETÀ INDUSTRIALE Via Donizetti 1/A - 20122 Milano - tel./fax (02) 55185144 INTERNET - NUOVE REGOLE DI NAMING (4 AGOSTO 2000) E PROCEDURE DI RISOLUZIONE DELLE DISPUTE DINNANZI

Dettagli

Internet,! i domini (.it) e! il Registro!

Internet,! i domini (.it) e! il Registro! Internet, i domini (.it) e il Registro Francesca Nicolini Stefania Fabbri La rete e il Domain Name System La rete ARPANET nel 1974 1 La rete e il Domain Name System (cont) Dalle origini a oggi: Rete sperimentale

Dettagli

Domini. Il Registro.it

Domini. Il Registro.it Domini. Il Registro.it Il contesto generale Il Registro italiano La natura del nome a dominio Le procedure alternative di risoluzione delle dispute: cenni L Istituto di Informatica e Telematica del CNR

Dettagli

Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia

Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia Il sistema di registrazione dei nomi a dominio in Italia Daniele Vannozzi Istituto Applicazioni Telematiche CNR Via G. Moruzzi,, 1 56124 Pisa E-mail: Daniele.Vannozzi Vannozzi@iat.cnr.it Assegnazione dei

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld it Versione 5.0 26. Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nei cctld it del 8 novembre 2006 Il testo qui publlicato è stato adotatto dalla Registration Authority italiana il 8 novembre 2006. Regolamento

Dettagli

Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona. Versione 1.5

Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona. Versione 1.5 Linee Guida per la gestione delle operazioni sui nomi a dominio nel cctld.it in modalità asincrona Versione 1.5 19 giugno 2009 Sommario 1 Introduzione...1 1.1 Premessa e scopi...1 1.2 Revisioni di questo

Dettagli

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10

IP number, DNS e nomi di dominio. Lezione n. 10 IP number, DNS e nomi di dominio Lezione n. 10 IP, Domain Name Server, nome di dominio Gli IP sono numeri che identificano una determinata macchina Poiché è difficile ricordarsi i numeri nella pratica

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it. Versione 6.0 19 giugno 2009

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it. Versione 6.0 19 giugno 2009 Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel cctld.it Versione 6.0 19 giugno 2009 Sommario 0 Revisioni di questo documento... 1 1 Introduzione... 2 1.1 Premessa...2 1.2 Principi di base...2

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Regole di Naming Versione - 3.9

Regole di Naming Versione - 3.9 Regole di Naming Versione - 3.9 SEZIONE 1 Regolamento di Assegnazione 1. Scopo Il presente Regolamento contiene le norme per l'assegnazione dei Nomi a Dominio all'interno del cctld "it" (Italia), per quel

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0

Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0 Regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio sotto il cctld it Versione 4.0 Il regolamento di assegnazione e gestione dei nomi a dominio nell'ambito del cctld it è soggetto a modificazioni

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Aspetti legali del commercio elettronico

Aspetti legali del commercio elettronico STUDIO LEGALE COMMERCIALE ASSOCIATO Avv. ANDREA GATTAMORTA Avv. GLORIA BONGIOVANNI Consulenza fiscale e tributaria: Dott. LUIGI RECCHIONI Dott. ANDREA ROSSI JANE SCHORAH, Solicitor Adm. in England and

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it

Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it Assegnazione e gestione dei nomi a dominio nel SLD gov.it 1 Introduzione...3 2 Registrazione di un nuovo dominio gov.it...3 3 Cambia Dati di un dominio...9 3.1 Variazione record di zona o DNS Dominio con

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario

Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario Regolamento del concorso a premi denominato 10 Anniversario IMPRESE PROMOTRICI GTech S.p.A. con sede legale e amministrativa in Roma, Viale del Campo Boario, 56/d - Partita IVA e Codice Fiscale 08028081001

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

G e s t i o n e U t e n z e C N R

G e s t i o n e U t e n z e C N R u t e n t i. c n r. i t G e s t i o n e U t e n z e C N R G U I D A U T E N T E Versione 1.1 Aurelio D Amico (Marzo 2013) Consiglio Nazionale delle Ricerche - Sistemi informativi - Roma utenti.cnr.it -

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A.

Livello di applicazione. Reti di Calcolatori. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Livello di applicazione DNS A.A. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori Livello di applicazione DNS A.A. 2013/2014 1 Livello di applicazione Web e HTTP FTP Posta elettronica SMTP, POP3, IMAP DNS Applicazioni P2P

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA

LA POSTA ELETTRONICA LA POSTA ELETTRONICA Nella vita ordinaria ci sono due modi principali di gestire la propria corrispondenza o tramite un fermo posta, creandosi una propria casella postale presso l ufficio P:T., oppure

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma

La procedura di registrazione prevede cinque fasi: Fase 4 Conferma Guida Categoria alla registrazione StockPlan Connect Il sito web StockPlan Connect di Morgan Stanley consente di accedere e di gestire online i piani di investimento azionario. Questa guida offre istruzioni

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Guida al programma 1

Guida al programma 1 Guida al programma 1 Vicenza, 08 gennaio 2006 MENU FILE FILE Cambia utente: da questa funzione è possibile effettuare la connessione al programma con un altro utente senza uscire dalla procedura. Uscita:

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria

Comunicazioni all'anagrafe Tributaria ISTRUZIONI E NOTE PERMESSO DI COSTRUIRE, CERTIFICATO DI AGIBILITA' O ALTRO ATTO DI ASSENSO DENCIA DI INIZIO ATTIVITA' (DIA) La comunicazione relativa alle DIA ed ai Permessi di costruire rilasciati dai

Dettagli

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE

ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE ACCESSO AL PORTALE INTERNET GSE Guida d uso per la registrazione e l accesso Ver 3.0 del 22/11/2013 Pag. 1 di 16 Sommario 1. Registrazione sul portale GSE... 3 2. Accesso al Portale... 8 2.1 Accesso alle

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung

Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Termini e condizioni dell iniziativa Scopri il valore di stare con Samsung Samsung Electronics Italia S.p.A., con sede legale in Cernusco sul Naviglio (MI), Via C. Donat Cattin n. 5, P.IVA 11325690151

Dettagli

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale

Dipartimento Comunicazione. Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Dipartimento Comunicazione Guida all Identificazione al Portale di Roma Capitale Sommario 1. Premessa... 3 2. Identificazione al Portale di Roma Capitale tramite documento d identità... 4 2.1 Registrazione

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura

Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT. DS Communications S.r.l. Avv. Mario Pisapia. Svolgimento della procedura Procedura di riassegnazione del nome a dominio INTESANPAOLO.IT Ricorrente: Resistente: Collegio (unipersonale): Intesa Sanpaolo S.p.A. (rappresentata dagli Avv.ti Paolo Pozzi e Giovanni Ghisletti) DS Communications

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS

GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS Page 1 of 6 GLI ERRORI DI OUTLOOK EXPRESS 1) Impossibile inviare il messaggio. Uno dei destinatari non è stato accettato dal server. L'indirizzo di posta elettronica non accettato è "user@dominio altro

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico

Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico Fingerprinting ed attacco ad un sistema informatico Ci sono più cose tra cielo e terra... Angelo Dell Aera - Guido Bolognesi 1 Free Advertising 2 Name lookup Strumenti: nslookup, host, dig Risoluzione

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli