Relazione della 'commissione tablet'

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione della 'commissione tablet'"

Transcript

1 Relazione della 'commissione tablet' A.s. 2012/ Progetto 'tablet in spalla' Commissione tablet (Carmagnini, Cei, Falaschi, Roggi) Realizzata con Keynote per ipad

2 Premessa (slide 3) Indice Osservazioni sulle criticità iniziali (slide 4-5) Osservazioni in itinere sull'uso dell'ipad: criticità ed elementi di pregio (slide 6-11) Osservazioni finali degli studenti (slide 12-15) Problemi tecnici rilevati sugli ipad (slide 16-18) Piano di azione (slide 19-21) Conclusioni (slide 22) Allegato A: regolamento sull'uso dell'ipad (slide 23) Allegato B: dettaglio delle attività svolte dalla commissione (slide 24) Allegato C: modulo per il sondaggio tra gli studenti (slide 25) Allegato D: modulo per la riconsegna ipad (slide 26)

3 Premessa Durante l'hanno scolastico 2011/2012 viene approvato nel collegio di Giugno della scuola media Da Vinci-Chelini il progetto 'tablet in spalla' ideato e promosso dalla Gesam Gas spa. Il plesso Chelini aderisce con il maggior numero di docenti. Nell'ambito della scuola si formano due commissioni per seguire il progetto e relazionare ai colleghi; per la scuola media Chelini ne fanno parte i prof.i Carmagnini, Cei, Falaschi e Roggi. I compiti della commissione sono in dettaglio i seguenti: Seguire lo sviluppo del progetto partecipando alle riunioni con le altre scuole e la Gesam. Elaborare un regolamento per gli studenti sull'uso dell'ipad. Tenere i contatti con i genitori per raccogliere giudizi, esigenze e lamentele. Risolvere i problemi tecnici. Informare la dirigenza degli sviluppi del progetto, delle criticità e degli elementi di innovazione. Al termine dell'a.s. 2012/2013 la commissione (ora facente parte del neonato Istituto Comprensivo Lucca 6) elabora la presente relazione sullo stato di attuazione del progetto, specificando le criticità osservate, le azioni intraprese dalla scuola e i possibili sviluppi futuri che si intravedono in considerazione dell'esperienza acquisita durante l'anno.

4 Osservazioni sulle criticità iniziali L'inizio del progetto è stato caratterizzato da numerose polemiche e dubbi messe in risalto anche dalla stampa locale (La Nazione, Il Tirreno, Lo Schermo,...). A tale proposito la commissione tablet ha rilevato le criticità segnalate dalle famiglie durante i consigli di classe o i ricevimenti generali ed individuali, le ha confrontate con i dubbi espressi dalla stampa locale prima dell'avviamento del progetto ed ha effettuato un scambio informale di idee con il personale delle altre scuole partecipanti al progetto. Dall'analisi si conferma che i dubbi espressi relativamente al progetto sono in gran parte i medesimi segnalati prima del suo inizio e non sono state rilevate criticità particolari che hanno caratterizzato la nostra scuola. Segue un elenco delle problematiche raccolte all'inizio e durante il progetto e delle relative osservazioni.

5 Criticità iniziali Osservazioni conclusive della commissione Possibilità di ricorrere a soluzioni hardware meno costose La commissione rileva che i tablet con schermo a 7 pollici sono meno idonei ad un uso didattico prolungato a causa delle dimensioni eccessivamente ridotte. Tra i tablet a 10 pollici l'ipad appare più idoneo per la sua semplicità di uso, l'elevata qualità hardware e del sistema operativo e per la presenza di numerose applicazioni utili nella didattica. Dubbi sulla preparazione dei docenti all'uso delle nuove tecnologie. I docenti hanno partecipato alla formazione prevista con Domizio Baldini (ipad expert advisor) e successivamente anche agli incontri di formazione previsti dal progetto UIBI (promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca) Possibilità di danni alla vista per un uso intenso e presunta pericolosità del wifi. Possibile uso non didattico dell'ipad da parte degli studenti Durante l'a.s. non sono emerse difficoltà particolari né lamentele da parte dei genitori. Si segnala, in rari casi, l'acquisto in via precauzionale da parte dei genitori di alcuni libri in formato cartaceo. Dalla letteratura scientifica consultata non esistono prove certe di effetti dannosi alla vista oppure causati dalle onde emesse dagli apparecchi. Il regolamento proposto dalla commissione tablet ad inizio a.s. e l'attività di controllo dei docenti hanno limitato gli usi non didattici del tablet durante le ore di lezione. In rari casi sono state poste delle restrizioni temporanee in conformità a quanto previsto dal regolamento (allegato A)

6 Osservazioni in itinere sull'uso dell'ipad: elementi di pregio ed elementi critici L'analisi condotta dalla commissione ha rilevato la presenza di elementi di pregio che hanno determinato innovazioni o miglioramenti in termine di motivazione o di performance da parte degli studenti oltre che miglioramenti nell'efficienza delle attività funzionali alla didattica svolte dal personale docente. Si rilevano pertanto degli effetti positivi diretti derivanti dall'uso del tablet in classe ma anche effetti positivi indiretti determinati da una migliore organizzazione del lavoro che il docente svolge fuori dall'aula. L'esperienza acquisita ha evidenziato anche alcuni punti critici che necessitano di essere migliorati, nei limiti delle possibilità e delle risorse disponibili alla scuola, al fine di poter usufruire appieno delle potenzialità dello strumento. Segue un elenco non esaustivo degli elementi di pregio e delle criticità rilevate dalla commissione.

7 Elementi di pregio (per gli studenti) Vantaggi App. Docente Accesso a risorse multimediali. Accesso più rapido e ad una maggiore quantità di informazioni altrimenti non disponibili in una classe tradizionale. Wikipedia, Google Earth, Safari Tutti i prof.i Gli studenti prendono alcuni appunti sull'ipad. Gli studenti organizzano e classificano gli impegni e i compiti assegnati. icalendar, promemoria Tutti i prof.i Gli studenti hanno sempre con sé alcuni strumenti fondamentali (libri, calcolatrice, vocabolario,...) Durante le attività non ci sono studenti senza libri o senza il materiale richiesto. Scuolabook, Calcolatrice Tutti i prof.i Gli studenti fotografano le verifiche. Gli studenti conservano copie delle verifiche e i genitori hanno una visione più dettagliata dei risultati conseguiti dai loro figli Fotocamera Prof. Falaschi Gli studenti fotografano gli appunti. Gli studenti assenti possono disporre rapidamente degli appunti e delle comunicazioni scolastiche Fotocamera, , imessage Prof. Falaschi Gli studenti giocano utilizzando le app segnalate dai docenti e ne propongono di nuove. Gli studenti rafforzano le loro abilità logicomatematiche e realizzano una maggiore consapevolezza dell'uso educativo del gioco Tangram, Lazors, Simon, Equilibrium Prof. Falaschi

8 Elementi di pregio (per gli studenti) Vantaggi App. Docente Gli studenti ascoltano testi o parole inglesi, si registrano e si riascoltano Gli studenti migliorano la propria pronuncia della lingua inglese Voice over, registratore Prof. Furnari Realizzazione di un proprio glossario illustrato Maggiore personalizzazione ed organizzazione del materiale didattico My word book Prof. Furnari Gli studenti rappresentano scene in lingua inglese mediante filmati o collage di foto e scritte Studio dell'inglese in forma collaborativa, e a partire da situazioni più familiari. Skitch, CBB Prof. Furnari Svolgimento di esercizi interattivi su app indicate dall'insegnante Esercitazioni secondo modalità non possibili con i metodi tradizionali. Risposta immediata agli esercizi svolti. Song Book, leggi note Prof.ssa Mascolo Accesso a materiale didattico presente sulla piattaforma Moodle della scuola e invio di elaborati agli insegnanti (es. CheArte.it) Risparmio di fotocopie per la scuola e incremento del materiale didattico disponibile per gli studenti , Safari Prof.i Mascolo, Carmagnini L'ipad, utilizzato in piccoli gruppi di recupero, coinvolge attivamente anche alunni con bisogni educativi particolari Gli studenti appaiono maggiormente motivati da una didattica più personalizzata e non tradizionale Video, imovie Prof.sse Galli e Furnari

9 Elementi di pregio (per gli studenti) Vantaggi App. Docente Accesso ad immagini, quadri, dipinti, ed altre opere d'arte presenti in rete Disponibilità di immagini in numero e qualità notevolmente maggiore rispetto a quelle presenti sui libri di testo. Safari Prof. Carmagnini Uso di programmi di grafica Risparmio di carta e colori per le famiglie. Osservazione critica sulle differenze tra il disegno tradizionale e quello digitale. Attività nuove, non eseguibili con i tradizionali strumenti della didattica (es. sovrapposizione di livelli,utilizzo filtri, sottrazione ed inversione cromatica - bianco e nero, approccio all animazione, elaborazione con effetti grafici contemporanei) Sketchbook, ArtRage, MYBrushes, Photo Toaster, Sketchin, Animation HD, Repix Prof. Carmagnini Alunni con disturbi specifici di apprendimento ed alunni H L'ipad rappresenta potenzialmente un valido strumento compensativo anche se i testi digitali attuali ne limitano le potenzialità d'uso. Disponibilità di app semplici, adatte ad alunni con handicap o ad alunni dsa con gravi difficoltà. Affezione e produzione di manufatti virtuali. Funzioni legate all'accessibilità Dog story, farm animals, Pottery,... Prof. Roggi, Carmagnini

10 Elementi di pregio (per i docenti) Vantaggi App. Docente Rapido accesso a risorse o informazioni altrimenti non disponibili in classe. Opportunità di una didattica più flessibile e più mirata alle esigenze della classe. Wikipedia, Google Earth, Safari Tutti i prof.i Lo scambio di informazioni tra docenti è maggiore e più dettagliato Migliore organizzazione delle attività scolastiche nelle quali è richiesta collaborazione. imessage, Tutti i prof.i Realizzazione di prodotti multimediali per il convegno CNR Acquisizione di esperienze nella produzione di prodotti multimediali. CBB, imovie, Explain Everything Prof.sse Furnari e Galli Documentazione audio/video di eventi ed attività scolastiche (es. Gemellaggio Comenius,...) Maggiore partecipazione dei docenti nel documentare le attività didattiche Videocamera, fotocamera Prof.sse Furnari, Biagini, Galli Possibilità di gestire in parte il sito istituzionale della scuola. Aggiornamenti o modifiche sul sito più rapidi a vantaggio degli utenti. Fotocamera, Safari Prof. Falaschi Realizzazione di documenti, relazioni, materiale didattico e loro scambio con la segreteria, la dirigenza o gli studenti. Risparmio di tempo e maggiore rapidità nello scambio di informazioni , Pages, Keynote Prof.i Falaschi, Roggi, Mascolo

11 Punti critici L'applicazione Scuolabook ha avuto numerosi problemi tecnici, non sempre risolti (es. Libri con pagine mancanti, libri che non si aprono o si chiudono improvvisamente, scarsa praticità degli strumenti per sottolineare, prendere appunti,...) I libri di testo sono solo immagini dei libri cartacei. Impossibile ricercare parole all'interno dei libri, mancano elementi multimediali, non è possibile avere una visione a doppia pagina. I libri di lingue non hanno allegato il cd audio presente nell'edizione cartacea. Alcune famiglie non dispongono di connessione wifi e non hanno trovato nella rete della scuola un supporto adeguato (download lenti, a volte improvvisamente interrotti). Nell'uso della rete i docenti hanno avuto le stesse limitazioni degli studenti, a causa dei filtri richiesti alla Sice a tutela dei minori, con conseguente impossibilità ad accedere a Youtube o altri siti con materiale didattico, e a volte anche alla propria mail personale. L'elevato numero di accessi ha determinato frequenti rallentamenti e tempi lunghi per il download di applicazioni / libri o per l'accesso a siti didattici. Il tablet non è sostitutivo di alcune attività didattiche tradizionali che prevedono l'uso di appositi strumenti (es. costruzioni geometriche con riga e compasso, ricalco di cartine geografiche). In tali ambiti si presenta comunque come un utile strumento complementare. Non sempre il docente trova applicazioni utili; non tutte le applicazioni sono state ideate o pensate per un uso didattico, molte sono a pagamento e molte sono in lingua inglese. Problema Scuolabook / editori Scuolabook / editori Rete Rete Rete App App

12 Osservazioni finali degli studenti Al termine dell'anno scolastico è stato effettuato un sondaggio in ciascuna delle classi prime per conoscere l'opinione degli studenti in merito all'uso dell'ipad. Tale sondaggio ha voluto rappresentare anche un momento di riflessione sulle potenzialità e sulle criticità di questo strumento. A ciascuna classe è stato chiesto di individuare delle caratteristiche di pregio e dei difetti riguardanti l'uso dell'ipad nello studio secondo le modalità indicate nell'allegato C. 8% 92% partecipanti al sondaggio non partecipanti Hanno partecipato al sondaggio 105 studenti su 114 che dispongono di un ipad. Gli aspetti positivi o negativi indicati dagli studenti sono stati raggruppati in base alla loro similitudine; i gruppi principali sono stati segnalati da tutte le classi intervistate. Segue un elenco degli argomenti principali indicati dagli studenti e delle relative percentuale di scelta.

13 Osservazioni finali degli studenti L'ipad è di aiuto nello studio perché... Consente di avere sempre con sé tutti i libri che così non vengono più dimenticati; inoltre lo zaino è più leggero. Voti 50% Osservazioni della commissione Per molti studenti la praticità d'uso e la maggiore semplicità nell'organizzazione dei materiali didattici risultano essere degli elementi importanti. Consente di approfondire lo studio su internet, di studiare in modo diverso (ad esempio anche tramite giochi, foto, video,...) e, almeno in alcuni casi, anche in modo più divertente. Consente di comunicare con facilità con altri compagni e di studiare insieme o di aiutarsi anche se fisicamente distanti. 45% 4% Altro 1% L'ipad sembra soddisfare la necessità di accedere con facilità a ulteriori informazioni non presenti sui libri di testo, per approfondimenti. L'ipad integra e fornisce tutti gli studenti di s t r u m e n t i c o m u n i ( a d e s. f o t o c a m e r a, videocamera, registratore) che possono essere utilizzati più diffusamente nella didattica. Molti studenti hanno diffusamente utilizzato l'ipad per comunicare tra loro ma pochissimi indicano questa caratteristica come la più vantaggiosa tra quelle offerte dal tablet. Questo punto merita di essere approfondito.

14 Osservazioni finali degli studenti L'ipad non è di aiuto nello studio perché... Può risultare anche u n o s t r u m e n t o d i d i s t r a z i o n e, soprattutto a causa dei giochi, e può creare dipendenza. L'uso del libro di testo è poco pratico (è difficile prendervi a p p u n t i, f a r e g l i esercizi, sfogliarlo,...) e quindi può risultare più difficile studiare. Un uso prolungato può affaticare la vista ed eventualmente dare mal di testa. Voti 39% 22% 12% Osservazioni della commissione Molti studenti appaiono coscienti dei rischi legati ad un uso eccessivo o non strettamente didattico dello strumento. Per limitare la distrazione dello studente è possibile intervenire applicando restrizioni, con un maggiore controllo in classe da parte dei docenti e a casa da parte dei familiari. Allo stesso tempo è necessario collaborare maggiormente con le famiglie nell'educare ad un uso responsabile dello tablet. Numerose sono state le difficoltà tecniche relative all'uso dei libri di testo; quasi esclusivamente sono legate al funzionamento dell'applicazione Scuolabook. Alcune di queste sono superabili, ad esempio utilizzando il quaderno per gli esercizi e per le note o, laddove possibile, utilizzando applicazioni specifiche o altri materiali didattici in sostituzione o in supporto del libro di testo. Dalla letteratura medica (vedasi ad esempio "Computer vision syndrome: a review of ocular causes and potential treatments Ophthalmic Physiol Opt 2011, 31, ") non risultano particolari differenze nei disturbi derivanti da una lettura prolungata sia che questa avvenga su schermi elettronici oppure su carta. Può comunque essere utile limitare l'uso del tablet in situazioni di elevato contrasto luminoso (uso al buio) ed evitare la presenza di riflessi sullo schermo.

15 Osservazioni finali degli studenti L'ipad non è di aiuto nello studio perché... D à a c c e s s o a s o c i a l n e t w o r k, i n t e r n e t, e c o n t i e n e a n c h e applicazioni non adatte ai minori. È uno strumento che si può rompere facilmente; in tal caso si perde l'uso del materiale didattico. Utilizzando esclusivamente l'ipad si può perdere l'abitudine allo studio sui libri stampati. Voti 11% 10% 4% Osservazioni della commissione La scuola dispone di filtri, gestiti da SICE Telecom, che impediscono l'accesso tramite la propria rete a siti non adatti a minori. Durante l'anno non si sono avute segnalazioni o lamentele in proposito. È possibile quindi che la segnalazione degli studenti sia legata dall'utilizzo fatto al di fuori dell'ambiente scolastico. L'accesso ad applicazioni in base all'età può essere limitato mediante restrizioni. Probabilmente è utile darne una informazione più dettagliata alle famiglie. In riferimento si veda la relazione tecnica alle pagine seguenti. Altro 2%

16 Problemi tecnici rilevati sugli ipad La possibilità di uso dello strumento da parte di alcuni studenti ed alcuni docenti è stata occasionalmente limitata da malfunzionamenti o da danni accidentali segnalati alla commissione. Gran parte delle segnalazioni hanno riguardato problematiche legate all'uso del software. Hardware Software Hardware Software Problemi rilevati su Ipad Docenti Nessuno Risolti nella quasi totalità dei casi mediante aggiornamenti di ios e delle applicazioni malfunzionanti. In alcuni casi non è stato possibile esaudire le richieste dei docenti a causa di incompatibilità o di restrizioni nei software. Problemi rilevati su Ipad Studenti (Vedi pagine seguenti) In due casi è stato necessario ripristinare l'ipad a causa della perdita del codice di accesso. La quasi totalità delle segnalazioni e delle lamentele dei genitori hanno riguardato il malfunzionamento dell'applicazione Scuolabook (a volte risolto con l'aggiornamento di ios) o problemi di connettività alla rete (non dipendenti dall'ipad). Un'indagine dettagliata dei danni e dei malfunzionamenti è stata effettuata a fine anno scolastico, quando tutti gli ipad degli studenti sono stati ritirati per effettuare controlli a campione (vedi allegato D).

17 Statistiche Ipad consegnati da Gesam 140 Ipad danneggiati 15 (10.7%) Richieste di sostituzione 11 (7.8%) Ipad sostituiti da Gesam 7 (5%) Ipad danneggiati da sostituire 73% funzionanti 27% Dal controllo condotto a fine a.s. risultano numerosi ipad con danni minori (per lo più ammaccature agli angoli) che non ne compromettono la funzionalità. Durante l'a.s. solo 15 ipad hanno avuto danni o malfunzionamenti più seri. Nel 73% circa dei casi il malfunzionamento ha determinato una richiesta di sostituzione e queste hanno finora rappresentato solo il 7.8% degli ipad consegnati dalla Gesam ai docenti ed agli studenti. Ipad danneggiati set ott nov dic gen feb mar apr mag giu Mese

18 Statistiche e osservazioni Causa ignota 13% appoggiato 20% Luogo casa 33% touch screen 7% volume 7% microfono 7% accensione 7% caduta 67% scuola 67% vetro 73% Componente danneggiata Il danno più comune è stato il danneggiamento dello schermo (80%) a causa dell'impatto con il suolo o con altri corpi (87%). Le aule sono ambienti poco spaziosi (in media circa 1 m2 per alunno) e quindi fortemente predisponenti a questo genere di danno che tuttavia risulta frequente (33%) anche al di fuori degli ambienti scolastici. Riteniamo che il rischio di danneggiamenti possa essere ridotto: adottando protezioni (custodie) adeguate, possibilmente di materiale antiscivolo e adatto ad attutire un po' l'impatto con il suolo, soprattutto con gli spigoli dell'ipad; educando, con la collaborazione delle famiglie, ad una maggiore attenzione e cura nell'uso dello strumento e dei materiali scolastici in genere.

19 Piano di azione Viste le criticità e gli elementi di innovazione rilevati nel presente a.s. e considerate le riflessioni relative alle perplessità da più fonti pubblicamente espresse all'inizio o durante il progetto, la commissione elabora un piano di azione volto a migliorare, nei prossimi a.s., l'esperienza d'uso del tablet anche in considerazione di una eventuale sua estensione alle future classi prime. La commissione rileva a tal proposito l'importanza del decreto ministeriale 209 del 26 marzo 2013 che disciplina l'adozione di libri digitali o misti dall'a.s. 2014/2015 e che prevede la necessità di "dotare gli studenti dei supporti tecnologici necessari (tablet, PC/portatili) ad utilizzare al meglio i contenuti digitali per la didattica e l apprendimento" e riconosce alcuni vantaggi specifici derivanti dall'uso del tablet rispetto al PC. Segue un elenco di interventi in attuazione o previsti dalla nostra scuola.

20 Bisogni Migliorare la qualità dei contenuti didattici. Potenziamento del servizio di prestito libri della biblioteca Interventi richiesti o in via di attuazione L'applicazione Scuolabook ed i libri 'digitali' sono stati l'aspetto più deludente e che ha maggiormente condizionato la buona riuscita del progetto. Le azioni previste vedono la possibilità di intraprendere più strade che prevedono la realizzazione di contenuti digitali da parte dei docenti. Si segnala pertanto che: - Alcuni docenti hanno già un approccio alla didattica parzialmente svincolato dal libro di testo poiché utilizzano appunti personali almeno per la parte teorica. - Durante l'a.s. è incrementato il numero di docenti interessati all'uso della piattaforma Moodle ed è aumentato il numero di corsi attivi. - Il collegio ha recentemente approvato l'adesione alla rete Book in Progress e si auspica l'acquisto dell'attrezzatura necessaria per iniziare ad intraprendere questo percorso. L'elevato numero di applicazioni esistenti e la creazione, praticamente continua, di nuove applicazioni, richiede inoltre che i docenti eseguano ricerche periodiche per individuare quelle a loro più utili e scambino le informazioni con i propri colleghi. Secondo alcuni genitori la lettura di testi lunghi (ad es. narrativa) sull'ipad può risultare stancante alla vista; tale condizione è stata accentuata dalla luminosità eccessiva presente ad inizio a.s. nelle nuove aule poiché sprovviste di tende. In generale, un sistema misto (digitale+cartaceo) sembra preferito da tutti quei genitori, che pur riconoscendo l'innovazione portata dal tablet, manifestano la preoccupazione che un suo uso esclusivo induca alla perdita di abitudine allo studio sui testi cartacei con riflessi negativi quando i propri figli andranno alle superiori. Appare utile controbilanciare queste situazioni con il potenziamento del servizio di prestito bibliotecario in modo che l'ipad non sia una fonte esclusiva di informazioni e che non si perda o non si rinunci al piacere della lettura di un libro di carta.

21 Bisogni Interventi richiesti o in via di attuazione Migliorare l'accesso ai contenuti didattici online L'uso dell'ipad contemporaneo da parte di molti utenti per l'accesso alla rete può attuarsi solo disponendo di una connessione a banda larga e di una rete wifi efficienti. Viceversa si preclude agli studenti ed ai docenti l'accesso alle numerose risorse didattiche disponibili online. Al termine dell'a.s. si rileva la necessità di incrementare l'efficienza della rete wifi aumentando la stabilità e la potenza del segnale, limitando la disconnessione automatica, attivando filtri differenziati per tipologia di utente e personalizzabili. La disponibilità di un server consentirebbe - di attivare dei filtri alla rete la cui gestione verrebbe effettuata dalla scuola; - di spostare in locale la piattaforma Moodle rendendo più rapido l'accesso da scuola; - di attivare in locale altri servizi utili agli studenti ed ai docenti (es. Registro elettronico) e con un notevole risparmio economico per la scuola nel corso degli anni. Potenziamento delle risorse tecnologiche informatiche Oltre a quanto già espresso in precedenza (server, rete wifi) si suggerisce in futuro l'acquisto del seguente materiale per poter sfruttare appieno le potenzialità del tablet, l'uso del tablet ed attivare ulteriori servizi utili agli studenti (registro elettronico, piattaforme di collaborazione online): - Cavi vga per l'integrazioni tablet / Lim / videoproiettori; - videoproiettori tascabili da utilizzare in aule o spazi particolari (es. palestra / teatro) - tende oscuranti per ridurre maggiormente la luminosità nelle aule; - apple tv per collegare wifi il tablet alla tv; - nuovi tablet per dotare ogni insegnante della scuola di un ipad.

22 Conclusioni La sostituzione dei libri a stampa con libri digitali e con il tablet costituisce un cambiamento importante, sia per i docenti che per gli studenti, negli strumenti e nelle modalità di fare didattica in classe. Non è pensabile che un tale cambiamento sia, per gli uni e per gli altri, privo di difficoltà e di problemi. È anche in considerazione di questo fatto che, al termine del primo dei tre anni di sperimentazione, nonostante le difficoltà incontrate, il bilancio può definirsi globalmente positivo. Durante l'a.s. la commissione ha raccolto i problemi degli studenti ed i dubbi delle famiglie con le quali il dialogo è sempre stato sereno e civile. Dopo alcune perplessità iniziali, alimentate da dibattiti sulla stampa locale, molte famiglie hanno accettato positivamente la sperimentazione anche se gran parte di queste continua a ritenere che una soluzione mista (cartaceo+digitale) possa costituire un primo approccio all'uso dell'ipad a scuola didatticamente migliore e che alcuni problemi necessitino di essere risolti. In generale sono stati rilevati vari aspetti positivi, non solo per gli studenti ma anche per i docenti: l'ipad facilita l'accesso alle informazioni, la comunicazione, l'organizzazione del lavoro. Le criticità individuate sono perlopiù di natura tecnica e la scuola, compatibilmente con le sue risorse, ha già iniziato ad attivarsi per ricercare le soluzioni più opportune.

23 Allegato A: regolamento sull'uso dell'ipad REGOLE AGLI STUDENTI PER UTILIZZO DELL'IPAD A SCUOLA 1) Il tablet e' dato in comodato d'uso gratuito ai genitori e fino alla scadenza rimane di proprietà della scuola. il tablet dovra' essere custodito con cura, gli alunni saranno ritenuti responsabili di eventuali danneggiamenti dello stesso o di guasti che non siano riconducibili a difetti di funzionamento dell apparecchio coperti da assicurazione; 2) Gli alunni sono tenuti a mantenere carica la batteria del tablet e non sarà permesso di ricaricarla a scuola. la non ottemperanza a questa regola verra' considerata alla stregua della mancanza del libro di testo e sanzionata dall'insegnante; 3) Ogni IPad è riconducibile all alunno al quale è stato assegnato e pertanto può essere rintracciato dalla Scuola; 4) Lo studente può utilizzare l IPad solamente per usi e scopi scolastici, quando autorizzato dagli insegnanti. In nessun caso l alunno durante il tempo trascorso a scuola può utilizzare l IPad per giocare, fare foto, ascoltare musica, vedere film, scaricare applicazioni et In caso di violazione la scuola applicherà sanzioni commisurate alla gravità del fatto compiuto; 5) E' vietato l'uso a scuola di applicazioni che effettuano registrazioni audio e/o video se non autorizzato dall insegnante in quanto possono configurare violazioni della privacy. In ogni caso sul tablet non dovranno essere caricati contenuti / applicazioni non inerenti l'attività scolastica. In caso contrario gli studenti sono tenuti a darne immediata comunicazione agli insegnanti ed ai genitori; 6) E vietato prestare ad altri studenti, anche compagni di classe il proprio IPad. Ogni studente può utilizzare unicamente ed esclusivamente il proprio Ipad; 7) Lo studente ogni volta che si allontana dall aula dovrà accertarsi che il proprio IPad sia riposto nello zaino e quando vi rientra dovrà verificare che l IPad sia ancora a suo posto, diversamente dovrà immediatamente comunicare all insegnante l accaduto; 8) Gli insegnanti hanno libero accesso al controllo dell uso del tablet anche se questo è protetto da password; gli alunni devono consentire l'accesso al dispositivo per effettuare i necessari controlli. La non ottemperanza di questa regola costituisce grave violazione. 9) In caso di trasferimento ad altra scuola il tablet dovrà essere restituito; 10) In caso di non ammissione alla classe superiore il tablet dovrà essere restituito alla scuola, questa garantirà la fornitura dei libri di testo dell'anno scolastico in corso; 11) Per ragioni di opportunità e di rischi connessi all uso della comunicazione tecnologica, gli studenti non devono mettere in rete: 1) informazioni personali quali nome, indirizzo di casa, numero di telefono o la scuola frequentata; 2) la propria foto o la foto di altre persone; 2) il numero di carta di credito o i dati bancari dei genitori; E' altresì vietato fissare appuntamenti o incontri con persone conosciute attraverso la rete; PROVVEDIMENTI E SANZIONI IN CASO DI INFRAZIONE AL REGOLAMENTO 12) Qualora sul tablet siano visibili immagini e contenuti che procurano disagio, gli studenti devono informare immediatamente gli insegnati e i propri genitori. Qualora si verifichino le seguenti condizioni: 1) violazione della privacy; 2) comunicare e pubblicizzare informazioni, foto e dati personali propri o di altrui persona; 3) caricamento e/o diffusione di file audio/video, applicazioni et. non conformi all'uso scolastico; 4) custodia ed uso non corretto la scuola adopererà i seguenti provvedimenti: 1) comunicazione ai genitori; 2) Applicazione di restrizioni all'uso del tablet; 3) Rapporto disciplinare Il presente regolamento potrà essere oggetto di modifiche durante l'anno scolastico

24 Allegato B: Dettaglio delle attività svolte dalla commissione Compiti della commissione Prof.i responsabili Riunioni e contatti con la Gesam 13 Carmagnini Cei Falaschi Roggi Elaborazione del regolamento ipad Contatti con le famiglie / controlli, distribuzione e ritiro degli ipad Risoluzione problemi tecnici / applicazione restrizioni Stesura e controllo relazione, progettazione ed elaborazione sondaggi Totale ore

25 Allegato C: modulo per il sondaggio tra gli studenti

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri.

lingue: non funzionano gli audio senza linea. Difficoltà dopo l'aggiornamento delle app nel caricare i libri. Libr@ Verifica anno 2013/14 ASPETTI PUNTI DI FORZA LIMITI MIGLIORAMENTO Motivazione e organizzazione Interesse, motivazione e coinvolgimento da parte di tutti. Uso del web Possibilità di reperire in Internet

Dettagli

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci»

Tablet in spalla. Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Tablet in spalla Istituto Comprensivo Lucca 2 Scuola secondaria di 1 grado «Leonardo da Vinci» Progetto pilota su tre scuole secondarie di 1 grado di Lucca Scuola G. Carducci IC Lucca 1 Scuola D. Chelini

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE

REGOLAMENTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE REGOLAMENTO PER L USO DELLE RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE NORME PER L UTILIZZO DELLA RETE DELLA SCUOLA Gli utenti devono essere consapevoli che Internet è una rete di informazioni non regolamentata, che

Dettagli

DISPOSIZIONI SULL ACCESSO AL LABORATORIO E UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE

DISPOSIZIONI SULL ACCESSO AL LABORATORIO E UTILIZZO DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Via Matteotti, 9 12084 MONDOVI (Cn) - Tel. 0174 43144 - Fax n.0174 553935e-mail: cnee03700g@istruzione.it Sito: www.2circolomondovi.it ALLEGATO n 3 DISPOSIZIONI SULL

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

MEDIANTE LA CORRESPONSIONE PECUNIARIA DEI COSTI

MEDIANTE LA CORRESPONSIONE PECUNIARIA DEI COSTI REGOLAMENTO per l utilizzo delle LIM Premessa 1. Compiti dei Docenti 2. Compiti degli alunni 3. Divieti 4. Compiti del Referente 5. Compiti dei Collaboratori scolastici Premessa L Istituto Comprensivo

Dettagli

VALUTAZIONE FUNZIONI STRUMENTALI - A.S 2014\15

VALUTAZIONE FUNZIONI STRUMENTALI - A.S 2014\15 VALUTAZIONE FUNZIONI STRUMENTALI - A.S 2014\15 Docente: Bertocchi Manuela area 4: MUTIMEDIALITA NUOVE TECNOLOGIE MATERIALI- GITE Nell anno scolastico 2014/15 è stato ricoperto dalla sottoscritta l incarico

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale di Bosisio Parini Via A. Appiani, 10-23842 BOSISIO PARINI (LC) Tel.: 031 865644 Fax: 031 865440 e-mail: lcic81000x@istruzione.it

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI CASSINA RIZZARDI

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI CASSINA RIZZARDI REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI CASSINA RIZZARDI INDICE DEI CONTENUTI: Regolamento del servizio internet della biblioteca Modulo di iscrizione al servizio internet Modulo di autorizzazione per

Dettagli

REGOLAMENTO AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO AULA INFORMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di MALCESINE Scuola dell Infanzia- Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I Grado Via Campogrande, 1-37018 Malcesine VR Telefono 045-7400157 Fax 045-6570669 www.icsmalcesine.it

Dettagli

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica

Norme di Utilizzo dell Aula Informatica ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTELLARANO Via Fuori Ponte 23 42014 Castellarano (RE) Tel. 0536 850113 Fax 0536 075506 www.iccastellarano.gov.it Norme di Utilizzo dell Aula Informatica 1. Componenti

Dettagli

REGOLAMENTO AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO AULA INFORMATICA REGOLAMENTO AULA INFORMATICA Le strumentazioni informatiche, la rete internet e la posta elettronica devono essere utilizzati dai docenti e dagli studenti unicamente come strumenti di lavoro e studio.

Dettagli

3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO

3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO 3_DESCRIZIONE DELLE SCUOLE DI CADEO PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE SCUOLA DELL INFANZIA DI ROVELETO Via Liberazione, 4 Roveleto di Cadeo (PC) 0523 509796 INGRESSO dalle ore 8 alle ore 9 USCITA

Dettagli

Finalità Funzioni Il bibliotecario Dov è la biblioteca Cosa fare in biblioteca. Chi siamo Regolamento

Finalità Funzioni Il bibliotecario Dov è la biblioteca Cosa fare in biblioteca. Chi siamo Regolamento Finalità Funzioni Il bibliotecario Dov è la biblioteca Cosa fare in biblioteca Chi siamo Regolamento FINALITÁ La biblioteca è un laboratorio scolastico creato per contribuire alla crescita della persona,

Dettagli

Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015

Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015 Formazione regionale per bibliotecari Anno 2014-2015 Seminario L uso del tablet Descrizione del corso unità di competenza: 4. Servizi al pubblico codice di classificazione OF: 4.1.3. Media literacy qualificazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO E UTILIZZO DEI LABORATORI MULTIMEDIALI

REGOLAMENTO DI ACCESSO E UTILIZZO DEI LABORATORI MULTIMEDIALI REGOLAMENTO DI ACCESSO E UTILIZZO DEI LABORATORI MULTIMEDIALI (Art. 1) Individuazione dei laboratori Multimediali Il presente regolamento ha validità per le seguenti aule attrezzate, di seguito denominate

Dettagli

Docente: Daniela Marzani

Docente: Daniela Marzani LICEO - GINNASIO STATALE D. MANIN VIA CAVALLOTTI, 2-26100 CREMONA TEL. 0372/21545 FAX 0372/20092 C.F. 80003300193 e-mail: crpc02000a@istruzione.it Funzione strumentale "Nuove Tecnologie per la didattica"

Dettagli

PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE

PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE 3_DESCRIZIONE SCUOLE DI CADEO PLESSI ORARI SERVIZI DOTAZIONI BIBLIOTECHE SCUOLA DELL INFANZIA DI ROVELETO Via Liberazione, 4 0523 509796 INGRESSO dalle ore 8 alle ore 9 USCITA La scuola prevede tre fasce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. San Gavino Monreale REGOLAMENTO SULL USO DEI LABORATORI D INFORMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. San Gavino Monreale REGOLAMENTO SULL USO DEI LABORATORI D INFORMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE San Gavino Monreale REGOLAMENTO SULL USO DEI LABORATORI D INFORMATICA Dotazioni Informatiche presenti nelle varie scuole dell Istituto Negli ultimi anni il nostro Istituto

Dettagli

Registro Elettronico... Anywhere

Registro Elettronico... Anywhere Registro Elettronico... Anywhere le soluzioni Cloud, on-line e off-line di Axios Premessa Da settembre le scuole dovranno improrogabilmente, ai sensi della L. 135/2012, scegliere un sistema digitale che

Dettagli

SCUOLANEXT GUIDA APP DIDUP DEL 28/02/2015

SCUOLANEXT GUIDA APP DIDUP DEL 28/02/2015 SCUOLANEXT GUIDA APP DIDUP DEL 28/02/2015 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente esistente (in ottemperanza alle norme previste

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TEODORO BONATI Via Gardenghi 5 44012 Bondeno (FE) Tel.: 0532 898077 Fax: 0532 898232 feic802005@istruzione.it www.icbonatibondeno.gov.it REGOLAMENTO USO DEL CELLULARE E DEI

Dettagli

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019

PREMESSA. Piano Animatore Digitale per PTOF 2016/2019 La Scuola che cambia Proposta progettuale dell Animatore Digitale Ins. Francesca Cocchi Dirigente Scolastico Rosella Puzzuoli Allegato al POF TRIENNALE 2016/2019 PREMESSA Il Piano Nazionale per la Scuola

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza

C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza C.T.S. di Cadeo - Ausilioteca della provincia di Piacenza Nell anno 2013 il CTS (Centro Territoriale Servizi per le disabilità) ha risposto all'84 % delle richieste inoltrate dalle istituzioni scolastiche

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

MODALITA PER L ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI PUBBLICA.

MODALITA PER L ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI PUBBLICA. COMUNE di MIRANO Provincia di Venezia MODALITA PER L ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI PUBBLICA. ^^^^^^^^^^^^ Approvato con delibera di G.C. n. 282 del 29/12/2014 INDICE Art. 1. FINALITA... 3 Art.

Dettagli

Istruzioni su come accedere ai corsi della piattaforma

Istruzioni su come accedere ai corsi della piattaforma Istruzioni su come accedere ai corsi della piattaforma Indice: 1. Come accedere alla piattaforma 2. Come autenticarsi 3. Come accedere ai corsi 4. Alcune informazioni essenziali 5. Accesso mediante tablet

Dettagli

Regolamento del Laboratorio Didattico Sperimentale (LADISPE) Dipartimento di Automatica e Informatica

Regolamento del Laboratorio Didattico Sperimentale (LADISPE) Dipartimento di Automatica e Informatica Regolamento del Laboratorio Didattico Sperimentale (LADISPE) Dipartimento di Automatica e Informatica 1. Norme generali 1.1. Il LADISPE è un laboratorio in cui l'attività didattica sperimentale è preminente.

Dettagli

La nostra soluzione integrata

La nostra soluzione integrata Avagliano ischool nasce dalla consolidata esperienza in campo editoriale di Avagliano editore, marchio di prestigio dell editoria libraria tradizionale che vanta più di trent anni di attività La casa editrice

Dettagli

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie -

Progetto Cl@sse 2.0. - Strumenti e Metodologie - M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E, D E L L U N I V E R S I T A E D E L L A R I C E R C A ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE JEAN MONNET Istruzione Tecnica e Liceale Via S. Caterina 3 22066 MARIANO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO

REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO REGOLAMENTO SULL USO DI TELEFONI CELLULARI ED ALTRI DISPOSITIVI ELETTRONICI IN AMBITO SCOLASTICO PREMESSA L'uso improprio del cellulare e di altri dispositivi elettronici di comunicazione o di intrattenimento

Dettagli

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE

IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA. Plesso Console RELAZIONE FINALE IC 41 CONSOLE NAPOLI A.S. 2012/2013 FUNZIONE STRUMENTALE AREA 5 - GESTIONE AREA TECNOLOGICA Plesso Console RELAZIONE FINALE Docente: Zarrelli Patrizia La scuola, negli ultimi anni, mira alla diffusione

Dettagli

tablets PC convertibili tablets PC Slate

tablets PC convertibili tablets PC Slate I TABLETS Sono la logica evoluzione di un computer che da ingombrante strumento di lavoro è diventato personal poi portatile e ora Tablet (tavolette) I tablets PC convertibili sono, di fatto, normali PC

Dettagli

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc

REGOLAMENTO. di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali. I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc REGOLAMENTO di gestione e utilizzo delle reti informatiche e delle strutture multimediali I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede centrale via Villanova snc I.I.S. F.Orioli di Viterbo sede Liceo Artistico via

Dettagli

REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA

REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA REGOLAMENTO DI ACCESSO E USO DEL LABORATORIO DI INFORMATICA FINALITA Il laboratorio di Informatica è una risorsa didattica e formativa indirizzata a tutte quelle materie che ne prevedano l uso. In esso

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei servizi della Biblioteca

Regolamento per l utilizzo dei servizi della Biblioteca Regolamento per l utilizzo dei servizi della Biblioteca Finalità La Biblioteca del Liceo Scientifico Europa Unita è luogo e spazio privilegiato di studio, lettura e consultazione del patrimonio librario

Dettagli

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI

ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DEI CELLULARI E DEI DISPOSITIVI MOBILI Adottato dal Commissario Straordinario con delibera n. 7 del 11/09/2015 INDICE Art. 1 - Soggetti Art. 2 Modalità

Dettagli

Piattaforma e-learning VIDEO IN DIRETTA MANUALE UTENTE

Piattaforma e-learning VIDEO IN DIRETTA MANUALE UTENTE Piattaforma e-learning VIDEO IN DIRETTA MANUALE UTENTE Prerequisiti Attraverso la piattaforma i partecipanti possono vedere e ascoltare i relatori. Per accedere alle aule virtuali è sufficiente essere

Dettagli

Regolamento Laboratori di Informatica, Rete Internet e Utilizzo LIM

Regolamento Laboratori di Informatica, Rete Internet e Utilizzo LIM MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA DEL CALICE Via del Calice 34/i - 00178 Roma - Tel. 06.7188500 - Fax 06.71299259 PEC rmic8gf005@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA REGOLAMENTO PER L ACCESSO A INTERNET ED AL SERVIZIO WIFI IN BIBLIOTECA Art. 1 Obiettivi del servizio Art. 2 Modalità di accesso al servizio Art. 3 Servizi disponibili Parte prima REGOLAMENTO DI ACCESSO

Dettagli

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA

MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA MODELLO DI PROPOSTA DI STRATEGIA DIDATTICA ( Scheda analitica dell idea progettuale 2.0 ) DATI ANAGRAFICI SCUOLA CODICE MECCANOGRAFICO DENOMINAZIONE ISTITUTO meic83503 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FRANCAVILLA

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie

Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Funzione Strumentale Nuove Tecnologie Relazione finale giugno 2015 Paola Arduini Obiettivi Informazione e supporto con sessioni specifiche di formazione ai docenti e alle classi che intendono pubblicare

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE MARCO FANNO - CONEGLIANO (TV)

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE MARCO FANNO - CONEGLIANO (TV) APPENDICE II Regolamento laboratori informatici/linguistici SEZIONE I: Norme per l accesso ai laboratori informatici/linguistici Art.1 -Attività curriculare e di progetto L accesso ai laboratori è riservato,

Dettagli

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020

PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 PON PER LA SCUOLA FONDI STRUTTURALI EUROPEI 2014-2020 LA CLASSE OLTRE I CONFINI PER UNA DIDATTICA 3.0 Progetto dell Istituto Comprensivo Vittorio Veneto 1 Lorenzo Da Ponte NOME DEL PROGETTO: LA CLASSE

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna Servizio Marconi T.S.I. - Piano Nazionale Scuola Digitale

Ufficio Scolastico Regionale per l Emilia-Romagna Servizio Marconi T.S.I. - Piano Nazionale Scuola Digitale Finanziamento, erogazione, rendicontazione Il finanziamento ha valore unitario di 12.000,00 Euro e viene erogato alle singole scuole dalla Regione Emilia Romagna per le scuole dell Appennino e per quelle

Dettagli

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione

Formazione e Apprendimento in Rete Open source. Il cloud computing. Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione e Apprendimento in Rete Open source Il cloud computing Dropbox e Google Drive ambienti di condivisione e collaborazione Formazione insegnanti Generazione Web Lombardia Il Cloud, metafora per

Dettagli

Regolamento dei servizi della Biblioteca di Economia e Management

Regolamento dei servizi della Biblioteca di Economia e Management Regolamento dei servizi della Articolo 1 Disposizioni generali 1. Il presente regolamento disciplina l'erogazione dei servizi della Biblioteca di Economia e Management, istituita con decreto rettorale

Dettagli

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale!

SCUOLANEXT, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET, è l'esclusivo e rivoluzionario sistema informatizzato con cui far interagire docenti, studenti e famiglie in tempo reale! SCUOLANET consente la piena digitalizzazione della scuola: completa

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA IFOAP MANUALE UTENTE Prerequisiti La piattaforma IFOAP è in grado di fornire un sistema di videoconferenza full active: uno strumento interattivo di comunicazione audio-video

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO DI LABORATORIO DI INFORMATICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA SU E GIÚ... CON CHIP Anno scolastico 2008-09 PREMESSA...Il bambino si confronta con i nuovi media e con i nuovi linguaggi della comunicazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI E DELLE POSTAZIONI MULTIMEDIALI PRESENTI NEI PLESSI DELL ISTITUTO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI LABORATORI E DELLE POSTAZIONI MULTIMEDIALI PRESENTI NEI PLESSI DELL ISTITUTO Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO G. VERGA Via della Libertà s.n.c. - 04014 PONTINIA (LT) 0773/86085 fax 0773/869296 Ltic840007@istruzione.it CF. 80006850590

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento PDIS003009 "C.CATTANEO" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di processo più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi

Dettagli

SCUOLANEXT-DIDUP MANUALE DOCENTE DEL 03/07/2015

SCUOLANEXT-DIDUP MANUALE DOCENTE DEL 03/07/2015 SCUOLANEXT-DIDUP MANUALE DOCENTE DEL 03/07/2015 Tutti i nominativi riportati in questo documento sono inventati e non riconducibili a nessuna persona realmente esistente (in ottemperanza alle norme previste

Dettagli

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite

Regolamento. sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali. dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 1 Regolamento sulla gestione e l utilizzo delle reti informatiche e sulle strutture multimediali dell Istituto Comprensivo di Capraia e Limite 2 Premessa: Il presente regolamento deve essere un punto di

Dettagli

GUIDA ALL'UTILIZZO DELL'APP NATIVA PER TABLET ANDROID E APPLE

GUIDA ALL'UTILIZZO DELL'APP NATIVA PER TABLET ANDROID E APPLE GUIDA ALL'UTILIZZO DELL'APP NATIVA PER TABLET ANDROID E APPLE Gentile utente, come già sa l'applicazione Argo DidUP collegata a Scuolanext è adesso disponibile anche in versione APP nativa per sistemi

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Scientifico Linguistico Statale Paolo Giovio - Como Prot. n. 5343/C51 - Anno scolastico 2015-2016 Como, lì 18.09.2015 Comunicazione n. 29 Ai docenti Agli alunni Ai genitori e coloro che esercitano la responsabilità genitoriale Ai docenti collaboratori del

Dettagli

L atelier creativo digitale per il primo ciclo di istruzione. Teatro digitale Storytelling Robotica Coding Esperimenti. www.synergie.

L atelier creativo digitale per il primo ciclo di istruzione. Teatro digitale Storytelling Robotica Coding Esperimenti. www.synergie. L atelier creativo digitale per il primo ciclo di istruzione Teatro digitale Storytelling Robotica Coding Esperimenti www.synergie.it Sommario COS È DIDALAB... 3. COME È FATTO UN DIDALAB... 3.2 ESEMPI

Dettagli

Corso di formazione CerTIC Tablet

Corso di formazione CerTIC Tablet Redattore prof. Corso di formazione CerTIC Tablet Dodicesima Dispensa Comitato Tecnico Scientifico: Gruppo Operativo di Progetto CerticAcademy Learning Center, patrocinato dall assessorato al lavoro e

Dettagli

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale

SPERIMENTAZIONE PROGETTO GENERAZIONE WEB Schema generale Schema generale Vengono definite diverse tipologie di corsi che verranno attivate a seconda dei bisogni rilevati. 1) Corso A Rivolto alla maggior parte dei docenti dove vengono affrontate le tematiche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI. COMUNE di CAVALLASCA Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WI-FI. ^^^^^^^^^^^^ Approvato con delibera/disciplinare di C.C. n. 27 del 27/07/2015 INDICE Art. 1.

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA

INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA Programma Operativo Nazionale 2007/2013 INDICAZIONI OPERATIVE PER LO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA del corso PON Didatec base D-5-FSE-2010-1 a.s. 2012-2013 Con la presente nota si vogliono fornire al Dirigente

Dettagli

CLASSE 2.0 Progetto APPLE

CLASSE 2.0 Progetto APPLE CLASSE 2.0 Progetto APPLE L A MIGLIORE CLASSE 2.0 DEL MONDO! La classe ideale si basa sulle migliori tradizioni pedagogiche che insistono sul principio della partecipazione attiva dello studente. Partecipare

Dettagli

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA

PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Scuola primaria di Ponchiera Istituto Comprensivo Paesi Retici Sondrio PREMESSA : CORPO - CUORE contemporanea MENTE PROGETTO MULTIMEDIALITA LE NUOVE TECNOLOGIE APPLICATE ALLA DIDATTICA Lo sviluppo delle

Dettagli

3. Ogni insegnante è tenuto a procedere all accensione dei computer e all iniziale verifica dell integrità dei sistemi.

3. Ogni insegnante è tenuto a procedere all accensione dei computer e all iniziale verifica dell integrità dei sistemi. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA,PRIMARIA, SECONDARIA I E II GRADO 03030 ROCCASECCA (Fr)

Dettagli

Manuale istruzioni. Software Vimar By-web per dispositivi mobili Android Manuale per l'uso

Manuale istruzioni. Software Vimar By-web per dispositivi mobili Android Manuale per l'uso Manuale istruzioni Software Vimar By-web per dispositivi mobili Android Manuale per l'uso Contratto di licenza Vimar con l'utente finale VIMAR SPA con sede in Marostica (VI), Viale Vicenza n. 14 (http://www.vimar.com),

Dettagli

Regolamento laboratori e aule speciali

Regolamento laboratori e aule speciali Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PACIOLO-D ANNUNZIO LICEO CLASSICO LINGUISTICO SCIENTIFICO E TECNICO PER RAGIONIERI E GEOMETRI Via

Dettagli

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola.

Norme e linee guida (regolamento) per un uso corretto delle Risorse Tecnologiche e di Rete dell Istituto Comprensivo Teodoro Ciresola. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA LOMBARDIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI PRIMO GRADO TEODORO CIRESOLA V.LE BRIANZA

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.)

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) RUOLO E COMPITI DELL ANIMATORE DIGITALE L animatore digitale è un docente a tempo indeterminato, individuato

Dettagli

Piano Nazionale Scuola Digitale

Piano Nazionale Scuola Digitale Piano Nazionale Scuola Digitale commi 56-58-59-60-61-62 dell art. 1 LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 Per supportare l attuazione della Legge 107/2015, al fine di sviluppare e di migliorare le competenze digitali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA

REGOLAMENTO PER L USO DELL AULA INFORMATICA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ANTONINO CAPONNETTO Via Socrate, 11 90147 PALERMO 091-533124 Fax 091-6914389 - c.f.: 97164800829 cod. Min.: PAIC847003 email: paic847003@istruzione.it

Dettagli

Partecipare ad un corso

Partecipare ad un corso Partecipare ad un corso Test della connessione prima della sessione È possibile eseguire il test della connessione prima dell'avvio della sessione collegandosi a una sessione di test per verificare che

Dettagli

Internetopoli, alla scoperta della Rete

Internetopoli, alla scoperta della Rete Internetopoli, alla scoperta della Rete Giorgia Bassi, Beatrice Lami, Gian Mario Scanu Ludoteca.it - Registro.it Via G. Moruzzi 1, 56100 Pisa giorgia.bassi@iit.cnr.it beatrice.lami@iit.cnr.it gianmario.scanu@iit.cnr.it

Dettagli

Guida all uso della videoconferenza AGGIORNAMENTO IVASS 30 ORE

Guida all uso della videoconferenza AGGIORNAMENTO IVASS 30 ORE Guida all uso della videoconferenza AGGIORNAMENTO IVASS 30 ORE Prima della lezione Computer ed internet. Verifica che il computer sia collegato alla rete internet e che la linea sia libera. Ti sconsigliamo

Dettagli

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle

Relazione finale. Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle Relazione finale Progetto: Attività didattiche integrative con Moodle 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto consiste nella creazione e somministrazione

Dettagli

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica)

esafety Policy (Politica di Sicurezza Informatica) MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA TRIONFALE Via Trionfale n 7333-00135 ROMA (Distretto Scol. 27 ) 06/3054188 06/ 35059840 fax 06/35073104 rmic8gt00n@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. di utilizzo della RETE INTERNET. e del REGISTRO ELETTRONICO PROGETTO PON

REGOLAMENTO INTERNO. di utilizzo della RETE INTERNET. e del REGISTRO ELETTRONICO PROGETTO PON Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca LICEO P. NERVI G. FERRARI P.zza S. Antonio 23017 Morbegno (So) Indirizzi: Artistico, Linguistico, Scientifico, Scientifico - opz. Scienze applicate

Dettagli

La piattaforma per preparare e valutare i tuoi studenti con pochi clic e per affrontare la Prova INVALSI con successo

La piattaforma per preparare e valutare i tuoi studenti con pochi clic e per affrontare la Prova INVALSI con successo La piattaforma per preparare e valutare i tuoi studenti con pochi clic e per affrontare la Prova INVALSI con successo È una piattaforma online per la creazione, la personalizzazione e la somministrazione

Dettagli

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE

Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE SCHEDA RELAZIONE ATTIVITÁ SVOLTE DALLE COMMISSIONI GRUPPI DI LAVORO (art. 37 CCNI 31/8/99) DOCENTE: BECCARI SARA Referente gruppo di lavoro PER LA CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE NELLA LINGUA INGLESE Finalità

Dettagli

GUIDA ALL'UTILIZZO DELL'APP NATIVA PER TABLET ANDROID E APPLE

GUIDA ALL'UTILIZZO DELL'APP NATIVA PER TABLET ANDROID E APPLE GUIDA ALL'UTILIZZO DELL'APP NATIVA PER TABLET ANDROID E APPLE Gentile utente, come già sa l'applicazione Argo DidUP collegata a Scuolanext è adesso disponibile anche in versione APP nativa per sistemi

Dettagli

Capitolo 1 Operazioni preliminari

Capitolo 1 Operazioni preliminari Manuale Utente Contenuti Capitolo 1 Operazioni preliminari... 1 Installazione... 1 Registrazione e login... 1 Test compatibilità... 2 Capitolo 2 Il Market... 4 Capitolo 3 Al Cinema... 6 Capitolo 4 Opzioni...

Dettagli

BIBLioTECA Civica LINO PENATI

BIBLioTECA Civica LINO PENATI BIBLioTECA Civica LINO PENATI Banco Centrale 029278300 biblioteca Sala Ragazzi 029278299 magolibero Medi@teca 029278306 mediateca Direzione 029278305 direzione.biblioteca Chiedi alla tua biblioteca chiedi.biblioteca

Dettagli

I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI

I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI I.S.I.S.S. L. Scarambone REGOLAMENTI LABORATORI a.s. 2010/2011 REGOLAMENTO LABORATORI DI INFORMATICA (Sede Lecce) I laboratori di informatica sono uno strumento indispensabile e privilegiato per lo svolgimento

Dettagli

Regolamento per l'uso delle nuove tecnologie

Regolamento per l'uso delle nuove tecnologie All. 11 POF 2014-15 Regolamento per l'uso delle nuove tecnologie L uso delle nuove tecnologie e la possibilità di accedere da scuola alle risorse documentarie tramite Internet è un fattore che può migliorare

Dettagli

Mobile Device Management & BYOD. Gabriele Pellegrinetti gpellegrinetti@tecnetdati.it

Mobile Device Management & BYOD. Gabriele Pellegrinetti gpellegrinetti@tecnetdati.it Mobile Device Management & BYOD Gabriele Pellegrinetti gpellegrinetti@tecnetdati.it 1 Agenda Terminologia L introduzione di mobile device in azienda Perché serve BYOD Problematiche di sicurezza e privacy

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO

REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO REGOLAMENTO INTERNET DELLA BIBLIOTECA DI LURATE CACCIVIO INDICE DEI CONTENUTI: Regolamento del servizio internet della biblioteca Modulo per la richiesta di accesso alla rete internet Modulo di autorizzazione

Dettagli

14 Maggio 2015. Strumenti per il lavoro in classe. A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com

14 Maggio 2015. Strumenti per il lavoro in classe. A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com 14 Maggio 2015 Strumenti per il lavoro in classe A cura di Fiorella Messina mfquinn@srt.com Da destinatario passivo di informazioni......a partecipante attivo nel processo di apprendimento. Ha condotto

Dettagli

Edmodo: un esperienza didattica al confine tra matematica e social network Cristofaro Sorrentino

Edmodo: un esperienza didattica al confine tra matematica e social network Cristofaro Sorrentino Edmodo: un esperienza didattica al confine tra matematica e social network Cristofaro Sorrentino Nell ultimo decennio abbiamo assistito ad una vera e propria rivoluzione nel nostro modo di comunicare quotidiano,

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book 1 Francesco Cicogna Creazione di un e-book 2 E-book un e-book (libro elettronico) è un libro in formato elettronico (digitale). E un file consultabile su computer, telefonini di ultima generazione, palmari

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI

DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI DISCIPLINARE PER L'ACCESSO A INTERNET TRAMITE LA RETE WIFI Art. 1. FINALITA L accesso alla conoscenza, all informazione e alle varie opportunità offerte da Internet non è garantita nel mercato privato

Dettagli

Piano di Miglioramento

Piano di Miglioramento Piano di Miglioramento TRPS03000X TERNI "R. DONATELLI" SEZIONE 1 - Scegliere gli obiettivi di più rilevanti e necessari in tre passi Passo 1 - Verificare la congruenza tra obiettivi di e priorità/traguardi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO:TROVARE LA STRADA: percorsi, labirinti, sentieri in biblioteca (prima parte)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO:TROVARE LA STRADA: percorsi, labirinti, sentieri in biblioteca (prima parte) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO:TROVARE LA STRADA: percorsi, labirinti, sentieri in biblioteca (prima parte) SETTORE e Area di Intervento: D 01 PATRIMONIO ARTISTICO E CULTURALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI RISORSE TECNOLOGICHE E DI RETE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Regina Margherita Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo

Dettagli