MANUALE ELETTORALE. per l elezione dei Sindaci, dei Presidenti di Provincia, dei Consigli Comunali e Provinciali. Nuova edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE ELETTORALE. per l elezione dei Sindaci, dei Presidenti di Provincia, dei Consigli Comunali e Provinciali. Nuova edizione"

Transcript

1 MANUALE ELETTORALE per l elezione dei Sindaci, dei Presidenti di Provincia, dei Consigli Comunali e Provinciali Nuova edizione a cura di SALVATORE CORRADO FrancoAngeli

2

3 I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere via e.mail le segnalazioni delle novità o scrivere, inviando il loro indirizzo, a FrancoAngeli, viale Monza 106, Milano.

4 MANUALE ELETTORALE per l elezione dei Sindaci, dei Presidenti di Provincia, dei Consigli Comunali e Provinciali Nuova edizione a cura di SALVATORE CORRADO con la collaborazione di ALESSIA EMANUELA SANAPO FrancoAngeli

5 Copyright 2009 by FrancoAngeli s.r.l., Milano, Italy. L opera, comprese tutte le sue parti, è tutelata dalla legge sul diritto d autore. L Utente nel momento in cui effettua il download dell opera accetta tutte le condizioni della licenza d uso dell opera previste e comunicate sul sito

6 INDICE Premessa alla II edizione Presentazione alla I edizione Prefazione Capitolo primo Indizione delle elezioni ed adempimenti di fine mandato Turno elettorale ordinario e data delle elezioni Data delle elezioni: adempimenti Consiglio provinciale e comunale: durata del mandato, competenze, diritti e prerogative dei Consiglieri uscenti Capitolo secondo Disciplina della propaganda elettorale Comunicazione politica ed accesso ai mezzi di informazione Agevolazioni postali Modalità degli invii di materiale pubblicitario Interventi dei Comuni Agevolazioni fiscali Uso messaggi sms di pubblica utilità Invio sms per ragioni di ordine pubblico Circostanze eccezionali ed analiticità della motivazione Firma sms Invio a soggetti minori Orario degli invii Invio per emergenze e calamità Controllo costi Liste elettorali e privacy Decalogo sulla propaganda elettorale Finalità del provvedimento pag. 19» 21» 23» 29» 29» 29» 31» 32» 34» 38» 38» 38» 39» 40» 41» 41» 42» 42» 43» 43» 44» 44 5

7 Dati utilizzabili senza consenso Fonti documentali non utilizzabili per propaganda Dati utilizzabili previo consenso Obbligo di informativa Casi in cui l informativa non è dovuta Garanzie ed adempimenti Affissioni Divieto di propaganda elettorale Propaganda elettorale e danno erariale Il marketing politico elettorale Marketing e comunicazione politica Il processo di marketing politico Analisi politico,socio-economico e territoriale Segmentazione e definizione del target (swot analysis) Posizionamento strategico dell offerta politica Il piano di marketing (piano di comunicazione e di azione) Gli issues: temi prioritari o idee forza La comunicazione del prodotto politico (piano, strumenti e mezzi di comunicazione) Il politico vincente Capitolo terzo Elezione del Presidente della Provincia e del Consiglio provinciale: sistema e procedimento elettorale per la presentazione e l ammissione delle candidature Premessa Candidato alla carica di Presidente della Provincia Dichiarazione di collegamento Consiglio provinciale: composizione ed elezione Elenco dei documenti per la presentazione dei gruppi dei candidati Presentazione candidatura alla carica di Presidente della Provincia ed elenco dei candidati alla carica di Consigliere provinciale che costituiscono il gruppo o i gruppi collegati Dichiarazione di presentazione del gruppo Numero dei presentatori Sottoscrizione da parte dei presentatori Autenticazione della firma dei sottoscrittori Indicazione dei delegati di gruppo Contrassegno del candidato alla carica di Presidente della Provincia e del gruppo dei candidati alla carica di Consigliere provinciale pag. 44» 46» 47» 48» 49» 50» 51» 51» 51» 53» 54» 54» 55» 56» 56» 58» 58» 59» 61» 61» 62» 62» 62» 63» 64» 64» 64» 66» 66» 66 6

8 Esenzione dalle tasse di bollo Nomina e composizione della Giunta provinciale Capitolo quarto Elezione del Sindaco e del Consiglio comunale: sistema e procedimento elettorale per la presentazione e l ammissione delle candidature Componenti del Consiglio comunale Liste dei candidati alla carica di Consigliere comunale Dichiarazione di presentazione delle liste dei candidati Numero dei presentatori Autenticazione delle firme dei sottoscrittori delle liste e delle candidature Termini e modalità di presentazione delle liste e delle candidature Documenti in allegato Nomina e composizione della Giunta comunale pag. 67» 67» 69» 70» 71» 72» 73» 74» 75 Capitolo quinto e giurisprudenza Propaganda elettorale Affissione di stampati, manifesti, giornali Uso altoparlanti su mezzi mobili/riunioni elettorali Comunicazione politica radiotelevisiva Messaggi radiotelevisivi autogestiti Messaggi politici elettorali su quotidiani e periodici Sondaggi politici ed elettorali Comunicazione istituzionale Violazioni e sanzioni Giurisprudenza Disciplina giuridica Violazione norme propaganda elettorale: validità operazioni elettorali Emittenti radiotelevisive private Regime della concessione Propaganda mediante altoparlanti Affissione in spazi destinati alla normale pubblicità Affissione fuori dagli spazi elettorali assegnati Depenalizzazione illeciti in materia di propaganda elettorale Spese impegnate per la campagna elettorale: condotta sanzionabile» 77» 78» 78» 78» 78» 79» 79» 79» 79» 80» 80» 80» 80» 81» 81» 81» 82 7

9 Liste dei candidati Giurisprudenza Presentazione delle liste: formalità sostanziali e vincolate Raccolta firme su fogli separati Programma di coalizione Modalità di presentazione Contrassegno: funzione integrativa della lista Sottoscrizioni su fogli intercalari privi di contrassegno di lista Presentazione delle liste: ritardo lieve Firma redatta mediante caratteri a stampatello Inammissibilità dichiarazioni postume da parte dei sottoscrittori Accettazione delle candidature dopo la sottoscrizione delle liste Autentica firma su dichiarazione accettazione Autenticazione delle firme dei presentatori da parte di consigliere comunale anche candidato Tardiva autentica firma accettazione candidatura Regolarizzazione successiva: impossibilità Autenticazione firme: contenuto dell accertamento Regolarizzazione accettazione candidatura Mancata indicazione data autentica Irregolarità formali sanabili entro 48 ore: illegittima esclusione Omessa indicazione candidato Sindaco/ Presidente: irregolarità insanabile Omessa presentazione certificati elettorali dei presentatori Certificato attestante la qualità di candidato: mancato deposito Mancato rispetto intervallo temporale (art. 31 d.p.r. n. 570/60) Irregolarità autentica delle sottoscrizioni Autenticazione di firme: contestazione Autentica sottoscrittori: requisito ad substantiam Adempimenti del Segretario comunale Utilizzo moduli difformi: esclusione della lista Presenza in lista di persone che non hanno accettato la candidatura: nullità intera lista Uso simbolo del partito presente in Parlamento Confondibilità contrassegni Sottocommissione elettorale circondariale: esame accettazione delle candidature e dichiarazione dei candidati Atto di ammissione delle liste Impugnabilità Mancato inserimento o sostituzione di candidati su manifesti elettorali: rifacimento integrale elezioni pag. 83» 83» 86» 86» 86» 87» 87» 88» 88» 89» 89» 90» 90» 90» 91» 91» 92» 92» 92» 93» 93» 93» 94» 95» 95» 95» 96» 96» 97» 97» 97» 98 8

10 Fogli prodotti contenenti solo il contrassegno della lista Esclusione dalla competizione elettorale Illegittima ammissione di alcune liste: rinnovazione elezioni Esclusione/ammissione: termine del ricorso Esclusione lista: per raccolta firme su moduli difformi, per difformità dati anagrafici, per carenza elementi di cui all art. 9 legge n. 108/1968 Liste con denominazioni o contrassegni simili Revoca dell ammissione alle liste Ammissione con riserva di lista esclusa Provvedimenti di ammissione ed esclusione: carattere definitivo ed irretrattabile Ammissione ed esclusione: differenze Rinuncia dei candidati Incandidabilità, Ineleggibilità Giurisprudenza Fondamento Differenza con cause di incompatibilità Elettorato attivo e passivo: norme di stretta interpretazione Esclusione dal novero delle cause ostative dell ipotesi di condanna per peculato d uso (Illegittimità costituzionale) Condanna per delitto con abuso dei poteri o con violazione dei doveri Natura giuridica incandidabilità: nuova incapacità giuridica speciale Questione di legittimità costituzionale Ratio giustificativa Componente del c.d.a. di Società partecipata dal Comune/Provincia Segretario generale di Comunità montana e Sindaco di Comune appartenente alla Comunità montana Consigliere Società di servizi pubblici Dipendente comunale/provinciale Legali rappresentanti e dirigenti strutture convenzionate con a.s.l. a.s.o. Magistrati onorari Amministratori di istituti, Consorzi, Aziende (art. 60, c. 11, T.U. 267/2000) Nozione di Dirigenti di società partecipate Incompatibilità pag. 98» 98» 99» 99» 100» 100» 101» 101» 101» 102» 103» 103» 103» 104» 105» 105» 106» 106» 106» 107» 107» 108» 108» 109» 109» 109» 110» 111 9

11 Giurisprudenza Differenza con cause di ineleggibilità Momento rispetto al quale va verificata Esimente Progettista, direttore lavori, collaudatore di opere pubbliche comunali/provinciali Esimente di cui all art. 67 T.U. n. 267/2000 Amministratore/Dipendente di Ente, Istituto, Azienda soggetti a vigilanza Dei dipendenti delle u.s.l. (ora a.s.l.- a.s.o.) Incompatibilità tra la carica di Sindaco e quella di Consigliere comunitario Assessori esterni Cessazione dalle funzioni al momento della nomina Per lite pendente: in materia tributaria ed a seguito di azione popolare Effettività della pendenza Amministratore di società mista Effetto ripristinatorio causa di incompatibilità Rimozione tardiva delle cause Q.l.c. art. 63, comma 1, T.U. 267/2000 Operazioni elettorali Giurisprudenza Principio di strumentalità delle forme Principio del favor voti Onere segnalazione inesattezza su manifesti elettorali Erronea indicazione di candidato su manifesto elettorale Deducibilità in sede di proclamazione eletti Delegato di lista Autentica numero schede maggiore del richiesto Segretezza della votazione Unico cognome di candidato riportato in modo irregolare: non ingenera confusione, né pregiudizio Assenza di verbalizzazione di contestazioni Discrasia tra voti riportati dal Presidente e sommatoria voti candidati liste collegate Chiusura seggi Identificazione elettori Non necessita Riesame scrutinio: contestazioni generiche ed ipotetiche Impossibilità Omesse, erronee indicazioni dei voti Invariabilità quoziente elettorale irrilevanza pag. 111» 112» 112» 113» 113» 114» 115» 116» 116» 117» 117» 117» 118» 118» 120» 120» 122» 123» 123» 123» 124» 124» 124» 124» 124» 125» 125»

12 Simbolo di scheda non rispondente a quello della lista: annullamento operazioni elettorali Annullamento operazioni di voto Irregolarità sostanziali Misure di garanzia e tutela segretezza del voto Voto assistito Incapacità di deambulare Rinnovo di scrutinio per rimedio ad errori su operazioni elettorali Possibilità Nome candidato Sindaco trascritto nello spazio riservato alla preferenza dei consiglieri Omessa verbalizzazione di un elettore non iscritto nelle liste Verificazione delle schede dichiarate nulle Chiusura suggello e conservazione materiale elettorale Verbalizzazione dei reclami Risultati elettorali Giurisprudenza Principio di intangibilità Voti incompatibili Nullità scheda elettorale Segno di riconoscimento Ripetizione del nome del candidato Sindaco Errore nella preferenza Riconoscibilità del voto Voto di preferenza in liste diverse Voto di preferenza a Consigliere comunale Estensione al candidato Sindaco Voto di preferenza diretto al Sindaco Errori, incertezze grafiche o segni superflui Nome candidato Sindaco su spazio riservato per altra preferenza Ritrovamento scheda fac-simile Nullità di alcuni voti: c.d. prova della resistenza Nullità voto di preferenza Nullità per segni di riconoscimento Uso di caratteri grafici differenti: irrilevanza Omessa indicazione del voto sul simbolo della lista Nullità per segni di riconoscimento Croce su contrassegno di lista Attribuzione seggi pag. 125» 125» 126» 126» 126» 127» 127» 127» 127» 128» 128» 130» 130» 130» 130» 131» 131» 131» 132» 132» 132» 132» 133» 133» 133» 134» 134» 135» 135» 136» 136»

13 Giurisprudenza Determinazione e attribuzione seggi Soglia di sbarramento del 3% dei voti validi Mancato superamento soglia del 3%:impossibilità utilizzo voti per integrare cifra elettorale Assegnazione seggi: questione di legittimità costituzionale Cifra elettorale per l assegnazione dei seggi Mancato superamento soglia 3% Collegamento al 2 turno: impossibilità 1 e 2 turno elettorale: autonomie delle due fasi Attribuzione seggi: ammissione del voto di iscritti in altre sezioni Ininfluenza Attribuzione dei seggi di Consigliere provinciale Seggio consiliare spettante al candidato Sindaco o Presidente di Provincia non eletto Attribuzione seggi di Consigliere alla minoranza Premio di maggioranza Determinazione cifra elettorale complessiva liste collegate Soglia sbarramento 3%: inammissibilità questione di legittimità costituzionale Attribuzione del numero dei seggi: modalità di calcolo Distribuzione dei seggi: sistema d Hondt art. 73, comma 8, T.U. n. 267/2000 Attribuzione seggi Comuni > abitanti Detrazione seggio spettante alle liste collegate al candidato Sindaco non eletto Cifra elettorale Comuni > abitanti Proclamazione eletti: termine per adozione delibera art. 67 d.p.r. n. 570/1960 Convalida Giurisprudenza Finalità: valutazione condizioni di eleggibilità e di compatibilità Dimissioni candidati proclamati eletti: condizioni di validità della prima adunanza e surroga Interesse all azione nel giudizio elettorale Ricorso avverso deliberazioni di convalida Competenza giudice ordinario Decadenza pag. 137» 138» 138» 138» 139» 140» 140» 140» 141» 141» 141» 142» 142» 143» 143» 144» 145» 145» 146» 146» 146» 147» 147»

14 Giurisprudenza Dichiarazione di incompatibilità Mancata rimozione nei termini Decadenza automatica Esimente (art. 67 T.U. n. 267/2000) Ratio e qualificazione giuridica Questione di legittimità costituzionale: infondatezza Condanna per delitti tentati (e non consumati) Condanna a reclusione Azione popolare Giurisprudenza Presupposto Interesse perseguito: quisquis ex populo Stretta connessione con lo status civitatis Proposizione da parte del cittadino elettore/candidato non eletto: ammissibilità Proposizione per correzione parziale risultati elettorali: ammissibilità Legittimazione comitati associativi Declaratoria di decadenza amministratori locali Azione popolare e cause di incompatibilità Termine di decadenza in caso di azione popolare Per la decadenza dei Consiglieri e per l ineleggibilità del Sindaco o del Presidente della Provincia Accoglimento Effetti: travolgimento intera sequenza elettorale Termine Contenzioso elettorale Giurisprudenza Giudizio elettorale: individuazione parti necessarie Principio di strumentalità delle forme Principio di conservazione degli atti giuridici e del favor voti Prova della legittimazione all impugnazione Principio di prova: carattere atipico Ricorso giurisdizionale collettivo Ricorso introduttivo e motivi aggiunti Termine per proposizione ricorso incidentale Impugnativa dei risultati elettorali Interesse all azione Decorrenza termine per l impugnazione pag. 148» 149» 149» 149» 150» 151» 152» 152» 153» 153» 153» 154» 154» 154» 155» 155» 156» 156» 156» 157» 157» 157» 158» 158» 159» 160» 160» 160» 161» 161»

15 Legittimazione passiva Legittimazione attiva Notifica del ricorso Notifica ad almeno un controinteressato Opposizione di terzo Motivi di doglianza Motivi di ricorso generici ed ipotetici: inammissibilità Onere di specificazione dei motivi Giudizio concernente la legittimità della nomina degli Assessori Unicità del contenzioso elettorale: giurisdizione del Giudice ordinario Elezione del Sindaco Contestazione Eletti nelle liste collegate Integrazione del contraddittorio Esclusione Ricorso in cassazione per motivi di legittimità e per motivi di merito Pronuncia incidenter tantum Costituzione in giudizio Motivi aggiunti Discrimine tra giurisdizione ordinaria e giurisdizione amministrativa Prova di resistenza Annullamento in sede giurisdizionale elezioni amministrative Rinnovazione operazioni elettorali Contro-interessati Principio di specificità Proposizione di domande giudiziali diverse Potere di verifica regolarità delle liste Ricorso avverso l atto di esclusione di una lista Valutazione dei risultati della verificazione Reati e violazioni elettorali Giurisprudenza Committente pubblicità: irresponsabilità per affissioni materiali irregolari Violazione norme sulla propaganda: applicazione sanzioni Propaganda politica Assenza assetto di programmazione misure compensative: irrilevanza Propaganda fuori spazio da parte di ignoti Distruzione atti inerenti operazioni elettorali Delitto elettorale Fonti di documentazionegiurisprudenziali: anni pag. 162» 163» 163» 163» 164» 164» 164» 165» 166» 166» 167» 167» 167» 167» 169» 169» 170» 170» 170» 171» 171» 172» 172» 173» 174» 176» 176» 177» 177» 177» 178»

16 Capitolo sesto La prima adunanza del Consiglio comunale e provinciale Convocazione, presidenza e funzionamento Seduta pubblica Esposizione bandiere della Repubblica Italiana e dell Unione Europea Entrata in carica del Sindaco, del Presidente della Provincia e dei Consiglieri Convocazione e presidenza prima adunanza Adempimenti e ordine del giorno Giuramento Validità prima adunanza e surroga Consiglieri dimissionari o nominati Assessori Convalida degli eletti (c.d. verifica dei poteri): finalità, procedura, interesse all azione, ricorso avverso delibera di convalida Verifica condizioni di eleggibilità Verifica condizioni di compatibilità Contestazione cause di ineleggibilità ed incompatibilità Elezione Presidente del Consiglio e Ufficio di Presidenza Presentazione programma di mandato (linee programmatiche: azioni, attività, progetti) Presentazione della Giunta Gruppi consiliari, Capigruppo e Commissioni consiliari Gruppi consiliari: gruppi misti, composizione, dichiarazione gruppo di appartenenza Designazione Capigruppo Conferenza Capigruppo Commissioni consiliari permanenti: istituzione, in sede referente e consultiva, funzioni, Presidenza Commissioni di controllo, di indagine e consultive Diritti e prerogative del Presidente del Consiglio e dei Consiglieri Risorse e mezzi ai gruppi consiliari APPENDICE Leggi elettorali - Legge 4 aprile 1956, n. 212 Norme per la disciplina della propaganda elettorale - Decreto del Presidente della Repubblica 16 maggio 1960 n. 570 pag. 179» 179» 180» 180» 181» 181» 183» 183» 186» 189» 189» 190» 191» 191» 193» 193» 194» 195» 195» 196»

17 Testo unico delle leggi per la composizione e la elezione degli organi delle amministrazioni comunali - Legge 23 aprile 1976, n. 136 Riduzione dei termini e semplificazione del procedimento elettorale - Decreto Legge 3 maggio 1976, n. 161 Modificazioni ed integrazioni alle disposizioni di legge relative al procedimento elettorale per le elezioni politiche, regionali, provinciali e comunali omissis. - Legge 7 febbraio 1979, n. 40: Modifiche alle norme sull elettorato attivo concernenti la iscrizione e la reiscrizione nelle liste elettorali dei cittadini italiani residenti all estero - Legge 21 marzo 1990, n. 53: Misure urgenti atte a garantire maggiore efficienza al procedimento elettorale - Legge 6 febbraio 1996, n. 52: Disposizioni per l adempimento di obblighi derivanti dall appartenenza dell Italia alle Comunità europee Legge comunitaria Decreto Legislativo 12 aprile 1996, n. 197 Attuazione della direttiva 94/80/CE concernente le modalità di esercizio del diritto di voto e di eleggibilità alle elezioni comunali per i cittadini dell Unione europea che risiedono in uno Stato membro di cui non hanno la cittadinanza - Legge 22 febbraio 2000, n. 28: Disposizioni per la parità di accesso ai mezzi di informazione durante le campagne elettorali e referendarie e per la comunicazione politica - Decreto del Presidente della Repubblica 7 aprile 2000, n. 121: Regolamento recante disciplina dell uso delle bandiere della Repubblica Italiana e dell Unione Europea da parte delle amministrazioni dello Stato e degli Enti pubblici - Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267: Testo unico delle leggi sull Ordinamento degli Enti locali (stralcio) - Decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 2000, n. 299: Regolamento concernente l istituzione, le modalità di rilascio, l aggiornamento ed il rinnovo della tessera elettorale personale a carattere permanente - Legge Costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 Modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione pag. 202» 234» 244» 247» 247» 251» 253» 255» 263» 264» 341»

18 - Legge 16 aprile 2002, n. 62 Modifiche ed integrazioni alle disposizioni di legge relative al procedimento elettorale - Legge 27 dicembre 2002, n. 289: Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato Legge finanziaria 2003 (stralcio) - Legge 5 febbraio 2003, n. 17: Nuove norme per l esercizio del diritto di voto da parte degli elettori affetti da gravi infermità - Legge 6 novembre 2003, n. 313: Disposizioni per l attuazione del principio del pluralismo nella programmazione delle emittenti radiofoniche e televisive locali - Legge 2 marzo 2004, n. 61: Norme in materia di reati elettorali - Agenzia delle entrate direzione centrale normativa e contenzioso: Circolare del 20/05/2005 n. 19 Iva: aliquota del 4% applicabile ai beni e servizi attinenti alle campagne elettorali- art. 7 legge 8 aprile 2004 n Garante protezione dei dati personali - provvedimento 28 febbraio 2008 Propaganda elettorale: esonero dell informativa - Ministero Interno - Circolare n. 30 del 18 marzo 2008 Agevolazioni in favore degli elettori per i viaggi ferroviari e per i viaggi autostradali - Decreto legge 27 gennaio 2009, n. 3: Disposizioni urgenti per lo svolgimento nell anno 2009 delle consultazioni elettorali e referendarie Ringraziamenti pag. 350» 354» 354» 355» 358» 359» 361» 363» 367»

19

20 PREMESSA ALLA II EDIZIONE L accoglienza favorevole del Manuale elettorale mi ha spinto a porre mano alla seconda edizione dell opera al fine di migliorare il coordinamento tra le varie parti del lavoro, onde trasformarle da isole ignare l una dall altra, in tessere dialoganti di un mosaico unitario. Sul versante sostanziale le novità giurisprudenziali e di prassi amministrativa intervenute nell ultimo biennio sono state incastonate in una visione e struttura organica autonoma ed autosufficiente. Per il resto conserva l impianto originario sviluppando istituti sostantivi e problematiche processuali, tra enunciazioni di principio e applicazioni concrete che si spera rendano il manuale specialistico aggiornato un valido ed utile strumento di lavoro. Milano, marzo 2009 Salvatore CORRADO 19

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI

COMUNE DI FLORIDIA REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI COMUNE DI FLORIDIA PROVINCIA DI SIRACUSA Area Affari Generali - Programmazione REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEI REFERENDUM COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 23/11/2009

Dettagli

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia

Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia Prefettura di Pistoia Ufficio territoriale del Governo di Pistoia AREA II raccordo con gli enti locali, consultazioni elettorali Pistoia 7 aprile 2014 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDE

Dettagli

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO

Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014. Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di TORINO Prot. 2014004149 Area II/Elett. Torino, 11 aprile 2014 Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d Appello di Al Sig. Presidente dell Ufficio Centrale Circoscrizionale presso il

Dettagli

Prot. n. 13881/2016 Area II Prefettura di Varese Varese, 2 maggio 2016 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 5 giugno 2016

Dettagli

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo

Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo Prefettura di Ferrara Ufficio Territoriale del Governo AREA II RACCORDO CON GLI ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI Prot. n. 9329/2014 Ferrara, 9 aprile 2014 Ai Signori Sindaci, Segretari comunali e

Dettagli

Prefettura di Perugia

Prefettura di Perugia Rispondere a: elettorale.prefpg@pec.interno.it Perugia, 8 aprile 2014 - Ai Signori Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI - Al Signor Commissario Straordinario del Comune di CANNARA GUALDO TADINO

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE N. 17 / 2014 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA Al COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA SERVIZI DI PREFETTURA LORO SEDI TRENTO E BOLZANO

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI GIOVANI PARTE PRIMA - FUNZIONAMENTO - Articolo 1 Finalità 1) Il Consiglio comunale dei Giovani di San Polo dei Cavalieri è un organo democratico di rappresentanza

Dettagli

Prot. n. 12275/2015 Area II Varese, 21 aprile 2015 Ai Sigg. Segretari dei partiti e movimenti politici della provincia LORO SEDI OGGETTO: Elezioni comunali di domenica 31 maggio 2015 ed eventuale turno

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2014 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 25 maggio 7 aprile 2014 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO)

di Basilicata 1. (CONVOCAZIONE DEL PROCEDIMENTO ELETTORALE) 2. (ELETTORATO ATTIVO E PASSIVO) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE PROVINCIALE DI POTENZA E DI MATERA, DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DI CIRCOLO 1 La Direzione Regionale del Partito Democratico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Prot. 2014-003782/Area II Torino, 31 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori Presidenti

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2015 LE SPESE ELETTORALI

ELEZIONI COMUNALI 2015 LE SPESE ELETTORALI Vademecum per le elezioni del 31 maggio 24 aprile 2015 2 Fonti normative Le leggi che storicamente regolano le questioni relative alle spese elettorali e alla loro rendicontazione per le elezioni comunali

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA INDICE-SOMMARIO Capitolo I PROFILI GENERALI DELLA MATERIA 1. - Nozione di ente pubblico. La concezione tradizionale e quella moderna. I criteri di individuazione dell ente pubblico... Pag. 1 2. - Principali

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI 1) Indizione delle elezioni Almeno 5 mesi prima della scadenza del mandato dei componenti l Assemblea dei delegati, il Consiglio

Dettagli

Prot. n. 11255/2009 Area II Prefettura di Varese Varese, 17 aprile 2009 Circolare n. 53 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario del Comune di UBOLDO Al Sig. Commissario

Dettagli

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale

PREFETTURA Ufficio territoriale del Governo di Milano Ufficio Elettorale AREA II bis Consultazioni elettorali Trasmissione via pec Milano, data del protocollo Ufficio elettorale circoscrizionale c/o la Corte d Appello di Ufficio elettorale provinciale c/o il Tribunale di MONZA

Dettagli

Osservatorio Legislativo Interregionale

Osservatorio Legislativo Interregionale Le novitàdel sistema elettorale della Lombardia. La legge elettorale regionale «Norme per l elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Regione»(l.r. 31 ottobre 2012, n. 17) Ufficio Elettorale

Dettagli

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale

PREFETTURA DI MILANO Ufficio Elettorale PROT. N. 532/2008 AREA II BIS ELETTORALE 18 febbraio 2008 AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MILANO AI SIGG.RI SINDACI dei Comuni della provincia di MONZA E DELLA BRIANZA ALLA SIG. QUESTORE

Dettagli

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti

Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti Regolamento del Comitato per le Pari Opportunità dell Ordine degli Avvocati di Chieti Articolo 1 Costituzione E costituito, presso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Chieti, ai sensi dell art.

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE

Capitolo V IL CORPO ELETTORALE Capitolo V IL CORPO ELETTORALE 1 1. POPOLO, CORPO ELETTORALE, NAZIONE, POPOLAZIONE Popolo Corpo elettorale Nazione Popolazione Insieme di tutti i cittadini Titolare della sovranità Insieme dei soggetti

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione

Scadenziario SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013. ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione SCADENZIARIO ELETTORALE ELEZIONI 2013 ENTRO GIOVEDI 10 gennaio Tra il 70 ed il 45 giorno precedente quello della votazione Termine entro il quale il Presidente della Repubblica, su deliberazione del Consiglio

Dettagli

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01

BDO S.p.A. REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA. ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 REGOLAMENTO OPERATIVO ORGANISMO DI VIGILANZA ai sensi del Decreto Legislativo 231/01 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 27 settembre 2013 Art 1. Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010

AREA II BIS RACCORDO ENTI LOCALI E CONSULTAZIONI ELETTORALI. TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 TELEFAX URGENTISSIMO Roma, 10 febbraio 2010 AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE ELETTORALE CIRCOSCRIZIONALE presso IL TRIBUNALE DI AL SIG. PRESIDENTE DELL UFFICIO CENTRALE REGIONALE presso LA CORTE

Dettagli

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature

Art. 4 Elettorato passivo Art. 5 Rappresentanze da eleggere Art. 6 - Liste degli elettori Art. 7 Candidature REGOLAMENTO PER LE ELEZIONI DELLE RAPPRESENTANZE DEGLI STUDENTI NEGLI ORGANI DELL'UNIVERSITA', NEL COMITATO PARI OPPORTUNITA' E NEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL'AZIENDA REGIONALE PER IL DIRITTO ALLO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 2840 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VELTRONI, PERINA, LEOLUCA ORLANDO,

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO REGOLAMENTO ELETTORALE DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE, RICREATIVA E SPORTIVA DEI DIPENDENTI DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Articolo 1 CORPO ELETTORALE 1. Le votazioni per l elezione dei componenti elettivi dell

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Cagliari Ufficio territoriale del Governo Area II - Raccordo con gli enti locali e consultazioni elettorali Ufficio Elettorale Provinciale Prot. n. 13187/Area II - C.E. Cagliari, 18 febbraio 2008 Circ 3 - CE ex Min. 9/08 Ai Sigg. Sindaci e Segretari

Dettagli

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013

Prefettura - Ufficio territoriale del Governo di Sondrio Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Prot. n. 575 /2013/EL Sondrio, 8 gennaio 2013 Pubblicata sull area riservata SIGNORI SINDACI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI SIGNORI SEGRETARI COMUNALI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA LORO SEDI OGGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE

REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE REGOLAMENTO PER I CONGRESSI DI CIRCOLO, PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI SEGRETARI PROVINCIALI, DEL SEGRETARIO E DELL ASSEMBLEA NAZIONALE (Approvato dalla Direzione del 7 Ottobre 2013) PREMESSA Il

Dettagli

Prot. n. 10027/2011 Area II Prefettura di Varese Varese, 28 marzo 2011 Circolare n. 32 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni della provincia LORO SEDI Al Sig. Commissario Straordinario del Comune di MALNATE e, p.c.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015

Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 Circolare n. 14 / 2015 Roma, 20 aprile 2015 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI e, per conoscenza: AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

COMUNE DI GRAFFIGNANO

COMUNE DI GRAFFIGNANO COMUNE DI GRAFFIGNANO ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PROPAGANDA ELETTORALE In vista delle consultazioni elettorali indicate in oggetto, si richiamano di seguito i principali adempimenti prescritti dalla normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM

REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DELLE CARICHE APAM 1. Premesse 1.1 Il presente documento, regolamento interno di A.P.A.M., ha la finalità di coordinare le operazioni preparatorie ed elettorali relative alle

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI

COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI COMUNE DI BRUGHERIO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER I REFERENDUM CONSULTIVI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 136 del 22.11.1996 Modificato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA CONFSAL-SALFi RSU: Un po di teoria.. RSU è l acronimo di Rappresentanza Sindacale Unitaria. È un organismo sindacale che esiste in

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI

CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI CALENDARIO DELLE OPERAZIONI ELETTORALI Gli articoli riportati, qualora manchi una diversa precisazione, si riferiscono al Testo unico delle leggi regionali sulla composizione ed elezione degli organi delle

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO NORME PER L'ELEZIONE DEL CONSIGLIO NAZIONALE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO APPROVATE CON DELIBERA DELL'8

Dettagli

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE

COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LE CONSULTE (STATUTO art. 51: Il consiglio comunale può avvalersi di consulte di settore su tematiche specifiche: giovani, cultura,solidarietà

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 122 31/05/2013) Oggetto: SURROGA DEL CONSIGLIERE COMUNALE MARCO OTTAVIANI PER DIMISSIONI VOLONTARIE - CONVALIDA DEL PRIMO DEI NON ELETTI DELLA LISTA POLO 3.0 - OTTAVIANI SINDACO Premesso che : IL DIRIGENTE

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DEI SERVIZI ELETTORALI CIRCOLARE URGENTISSIMA N. 2 / 2013 Roma, 04/01/2012 AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

Dettagli

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE

MODIFICHE AL NUMERO DEI CONSIGLIERI E DEGLI ASSESSORI E DELLE NOTA INFORMATIVA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DEL 25 MAGGIO 2014 Aprile 2014 PREMESSA Le prossime elezioni amministrative, fissate per il 25 maggio, segneranno il rinnovo di 4106 amministrazioni comunali.

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI

INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI ELEZIONI COMUNALI DEL 26 E 27 MAGGIO 2013 PRINCIPALI SCADENZE ED ADEMPIMENTI INFORMAZIONI AMMINISTRATIVE ED APPROFONDIMENTI Anno 1 - Supplemento al n. 17 mese di Aprile 2013. Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 Editore : Co.Nord - Piazzale Risorgimento, n 14-24128 BERGAMO

Dettagli

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014

Ufficio Territoriale del Governo. Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Prot. n. 2014-003667/EL/Area II Torino, 28 marzo 2014 Ai Signori Sindaci e Commissari Straordinari, Signori Segretari Comunali e Signori Ufficiali Elettorali dei Comuni della provincia LORO SEDI Ai Signori

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 280 del 14/05/2015 Proposta: DAL/2015/291 del 13/05/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale dei Servizi Elettorali Roma, 9 ottobre 2014 AI PREFETTI DELLE PROVINCE DI BOLOGNA FERRARA FORLI -CESENA MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI CATANZARO COSENZA CROTONE REGGIO DI CALABRIA VIBO VALENTIA e, per conoscenza,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI. Parte I 1 REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL SEGRETARIO E ASSEMBLEA DELLA FEDERAZIONE, E DEI SEGRETARI E DEI COMITATI DIRETTIVI DEI CIRCOLI DELLA CITTA DI ROMA E DELLE ASSEMBLEE E DEI COORDINATORI MUNICIPALI Parte

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO. (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO. (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA' E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI LANCIANO Approvato

Dettagli

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero

Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Congresso - Il Regolamento per la partecipazione al voto degli italiani all estero Delibera n. La Commissione nazionale, riunita il giorno 08 ottobre 2013, - visto l art.10 dello Statuto nazionale; - in

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 INDICE Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L AUTOTUTELA 1. Inquadramento normativo... pag. 31 1.1 Le fonti... pag. 32 1.2 Gli

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL DIRETTORE (approvato dal Consiglio di Amministrazione il 15/9/2014) Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento detta le norme per

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE

REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE REGOLAMENTO DEL SENATO DEGLI STUDENTI (emanato con decreto rettorale 12 dicembre 2013 n. 698) INDICE TITOLO 1 - NORME ORGANIZZATIVE E PROCEDURALI Articolo 1 (Natura e finalità del regolamento) Articolo

Dettagli

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015

SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO 2015 SCADENZARIO DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI IN VISTA DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 31 MAGGIO Giorni rispetto alla votazione Entro il 55 giorno Entro il 45 giorno Dalla data di convocazione dei comizi elettorali

Dettagli

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA

COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA COMUNE DI RUSSI REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI ZONA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 2 del 25/02/2014 Art. 1 - ISTITUZIONE E FINALITA' 1. In attuazione dei principi enunciati nell art. 8 dello

Dettagli

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole

Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole Il PROCEDIMENTO PER LE ELEZIONI DEI PRESIDENTI DI PROVINCIA E DEI CONSIGLI PROVINCIALI in pillole - L. 56/2014 (cd legge Delrio) e s.m.i - Circolare n. 32/2014 e Circolare 35/2014 del Ministero dell Interno

Dettagli

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge:

Il Consiglio Regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Legge Regione Campania n. 11 del 28/02/1987 (pubblicata sul BURC n. 14bis del 17/03/87) Norme per la tenuta degli Albi delle Imprese Artigiane e disciplina delle Commissioni Provinciali e Regionale per

Dettagli

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda.

oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. Prot. n. 7441/1.5.2 Circolare n. 4 bis/el A lista d inoltro Udine, 6 marzo 2013 TRASMESSA VIA MAIL e VIA PEC oggetto: elezioni amministrative 2013. Regime delle spese di propaganda. In vista delle elezioni

Dettagli

Comune di Montemurlo (Provincia di Prato)

Comune di Montemurlo (Provincia di Prato) Comune di Montemurlo (Provincia di Prato) REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO DEL COMUNE DI MONTEMURLO Approvato

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE VISTI - l art. 50, comma 8, del D.Lgs. 267/2000 Testo Unico delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012)

COMUNE DI ROVIGO. REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) COMUNE DI ROVIGO REGOLAMENTO ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE (Approvato con Delibera n. 68 del Consiglio Comunale del 29/11/2012) TITOLO I CONSULTAZIONE POPOLARE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Iniziativa

Dettagli

Abbreviazioni usate nel testo... 4 Presentazione... 11

Abbreviazioni usate nel testo... 4 Presentazione... 11 Abbreviazioni usate nel testo... 4 Presentazione... 11 Capitolo 1 - Il consigliere di amministrazione 1.1 L organo amministrativo nelle spa e nelle srl... 13 1.2 La nomina dell amministratore... 16 1.2.1

Dettagli

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione alla settima edizione... Prefazione alla prima edizione...

INDICE SOMMARIO. pag. Prefazione alla settima edizione... Prefazione alla prima edizione... INDICE SOMMARIO Prefazione alla settima edizione............................ Prefazione alla prima edizione............................. pag. VII IX 1. IL PROCESSO DEL LAVORO: L AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI MONTAZZOLI Provincia di Chieti REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 17 del 30 marzo 2007 NORME

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB SIENA

AUTOMOBILE CLUB SIENA AUTOMOBILE CLUB SIENA REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULL ASSEMBLEA, LA PRESENTAZIONE E LA PUBBLICAZIONE DELLE LISTE ELETTORALI E LO SVOLGIMENTO DEL REFERENDUM AUTOMOBILE CLUB SIENA Regolamento deliberato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 387/2015/FRG REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL VENETO Nell adunanza del 25 agosto 2015 composta da: Dott. Josef Hermann RÖSSLER Dott.ssa Elena

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA

LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA LA PROTEZIONE INTERNAZIONALE DEGLI STRANIERI IN ITALIA UNO STUDIO INTEGRATO SULL APPLICAZIONE DEI DECRETI DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE EUROPEE SULL ACCOGLIENZA, SULLE QUALIFICHE E SULLE PROCEDURE a cura

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. ORDINE NEI CONFRONTI DEL COMUNE DI COLLERETTO GIACOSA PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 22 FEBBRAIO 2000, N. 28 L AUTORITÀ NELLA riunione

Dettagli

E m i l i a - R o m a g n a. Il Consiglio Regionale. Direzione generale. Vademecum. per le elezioni regionali

E m i l i a - R o m a g n a. Il Consiglio Regionale. Direzione generale. Vademecum. per le elezioni regionali E m i l i a - R o m a g n a Il Consiglio Regionale Direzione generale Vademecum per le elezioni regionali gennaio 2005 3 indice Le tappe verso le elezioni pag. 5 La presentazione delle liste 7 Le spese

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino)

COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino) COMUNE DI CARTOCETO (Provincia di Pesaro e Urbino) COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NUM. 37 DEL 09-09-2014 Oggetto: NOMINA DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE DI CARTOCETO NEL CONSIGLIO DELL' UNIONE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI.

COMUNE DI ALA. Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. COMUNE DI ALA Provincia di Trento REGOLAMENTO DELLE CONSULTE FRAZIONALI, RIONALI E DEI GIOVANI. 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e contenuti 1. Questo regolamento stabilisce le modalità per l

Dettagli

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca

Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Unione Comuni Garfagnana Provincia di Lucca Disciplina per la trasparenza della situazione patrimoniale dei titolari di incarichi pubblici. (Ex Art. 14 D. Lgs. 14 Marzo 2013 n. 33) (Approvato con Delibera

Dettagli

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370 Prot. n. 14279/A18 Bologna, 01/12/2015 IL DIRETTORE Vista la legge 21/12/1999 n. 508; Visto il D.P.R. 28/02/2003 n. 132 Regolamento recante criteri per l autonomia statutaria, regolamentare ed organizzativa

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 34 del 22/07/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza ordinaria di prima convocazione Seduta pubblica OGGETTO Surroga Consigliere Comunale

Dettagli

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi

COMI. Direzione Affari Generali e Supporto Organi COMI Direzione Affari Generali e Supporto Organi Regolamento per la trasparenza e pubblicità della situazione personale, reddituale e patrimoniale dei titolari di cariche elettive del Comune di Venezia,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Provincia di Alessandria ORIGINALE Deliberazione n. 21 del 25.07.2013 ore 20.00 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: SURROGA DI CONSIGLIERE COMUNALE A SEGUITO DI PRESENTAZIONE DI DIMISSIONI

Dettagli

(approvato dal Senato Accademico in data 29.1.2013 e 26.2.2013)

(approvato dal Senato Accademico in data 29.1.2013 e 26.2.2013) REGOLAMENTO PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA ROSA DI CANDIDATI TRA I QUALI PROCEDERE ALLA DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DELLA COMPONENTE TECNICO AMMINISTRATIVA E BIBLIOTECARIA IN CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1

CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici. Art. 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLA CORTE COSTITUZIONALE 20 gennaio 1966 e successive modificazioni (Gazzetta Ufficiale 19 febbraio 1966, n. 45, edizione speciale) 1 CAPO PRIMO Della Corte e dei Giudici Art. 1

Dettagli