FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale Caserta

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale Caserta"

Transcript

1 FIPAV Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale Caserta Stagione Agonistica 2015/2016 Circolare Indizione Campionati Provinciali Comitato Provinciale Via Colombo, Caserta Tel Fax Corrispondenza: FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO COMITATO PROVINCIALE CASERTA UFFICIO POSTALE CASERTA CENTRO C.P Caserta C/C postale n c/c BNL-CE IBAN IT 28G Internet: A

2 Società Vincenti Campionati Provinciali e di Categoria 2014/2015 Campionato Codice Società 1 DIVISIONE MASCHILE ASD VOLLEYBALL AVERSA 1 DIVISIONE FEMMINILE ASD PIETRAMELARA 2 DIVISIONE FEMMINILE GRANVOLLEY SPARANISE UNDER 19 MASCHILE VOLALTO 2000 UNDER 18 FEMMINILE VOLALTO GROUP AVERSANO UNDER 17 MASCHILE ICARUS MARCIANISE UNDER 16 FEMMINILE CORPORA AVERSA UNDER 15 MASCHILE VOLLEY CLUB MADDALONI UNDER 14 MASCHILE ICARUS MARCIANISE UNDER 14 FEMMINILE ALP VOLLEY AVERSA UNDER 13 MASCHILE 6x ATELLANA VOLLEY UNDER 13 MASCHILE 3X VOLLEY BALL AVERSA UNDER 13 FEMMINILE VOLALTO CASERTA Organici Campionati Provinciali ANNO SPORTIVO 2015/ ATELLANA VOLLEY 2 ASD DREAM VOLLEY 3 VOLLEY SESSA AURUNCA 4 VOLALTO RED VOLLEY 6 PALLAVOLO CALVI 7 MASSARO GRAZZANISE 8 CASAGIOVE VOLLEY 9 GRANVOLLEY CAPUA 10 BATIK VOLLEY 11 da integrare 12 da integrare 1 DIVISIONE MASCHILE 1 DIVISIONE FEMMINILE 1 ASD PHOENIX S.MARCELLINO 2 GRANVOLLEY PIGNATARO 3 VOLLEY CASERTA 4 GS AVERSA VOLALTO 5 ALP VOLLEY AVERSA 6 RED VOLLEY 7 PALLAVOLO CALVI 8 GRANVOLLEY SPARANISE (promossa dalla 2DF) 9 GRANVOLLEY CAPUA (promossa dalla 2DF) 10 da integrare 11 da integrare 12 da integrare 2 DIVISIONE FEMMINILE 1 MASSARO GRAZZANISE (retrocessa dalla 1DF) 2 POLISPORTIVA CASAPULLA (retrocessa dalla 1DF) 3 ORATORIO SANTO SPIRITO (retrocessa dalla 1DF) 4 ATELLANA VOLLEY 5 NORMANNI AVERSA 6 VOLALTO SAN NICOLA 7 VOLLEYTIME CASAGIOVE 8 POLISPORTIVA MATESE 9 DOLPHIN CARINOLA 10 da integrare 11 da integrare 12 da integrare B

3 Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale di Caserta Da questa Stagione 2015/2016 tutte le Società di ogni Serie e Categoria e tutti i Tecnici di ogni ruolo e grado, saranno obbligati all utilizzo della Carta di Credito del circuito CARTA SI (Visa e Mastercard) per il pagamento dei contributi dovuti per lo svolgimento dell attività sportiva. Su quale conto corrente effettuare i versamenti? ccp intestato a Affiliazione CONI Federazione Italiana Pallavolo Riaffiliazione Servizio Tesoreria Tesseramenti ROMA (Dirigenti, Tecnici, Atleti, Segnapunti) ccp intestato a Omologazione campo (serie provinciale) FIPAV - Comitato Provinciale Caserta Iscrizione ai Campionati Provinciali UFFICIO CASERTA CENTRO C.P.152 Contributi gara (Campionati Provinciali) CASERTA Multe comminate dal C.P. Spostamenti gare provinciali oppure c/c BNL-CE IBAN IT 28G C

4 NORME GENERALI PER I CAMPIONATI PROVINCIALI 2015/2016 La piattaforma web è attiva per le Società che partecipano ai Campionati Provinciali di Serie e di Categoria. Pertanto le attività relative alle iscrizioni ai campionati, alla gestione delle notizie utili, agli spostamenti gara e al servizio risultati dovranno essere effettuate direttamente ed esclusivamente via internet tramite questo strumento. Le iscrizioni, soprattutto ai Campionati Giovanili Provinciali, che non rispetteranno questa procedura non saranno ritenute valide ai fini della partecipazione al Campionato ed alle relative fasi regionali. SERVIZIO DI PRIMO SOCCORSO Si ricorda che in base al Decreto 24 aprile 2013 del Ministero della Salute, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale, n. 169 del 20 luglio 2013, dal 1 gennaio 2016 tutti gli impianti sportivi dove si svolge qualsiasi tipo di attività sportiva (agonistica, allenamento, promozionale, amatoriale, ecc.) dovranno essere dotati della presenza di un defibrillatore e del relativo addetto al suo utilizzo. Il Consiglio Federale ha stabilito che: - Dalla stagione 2017/2018 nei Campionati di Provinciali di ogni serie e categoria, Maschile e Femminile sarà obbligatorio avere a disposizione nell impianto di gioco durante lo svolgimento delle gare, un defibrillatore semiautomatico e una persona abilitata al suo utilizzo. In caso di assenza la gara non potrà essere disputata e la squadra ospitante, in sede di omologa, sarà sanzionata dal G.U.P. con la perdita dell incontro con il punteggio più sfavorevole. ALBO VIRTUALE Tutti i provvedimenti disciplinari saranno riportati nel Comunicato Ufficiale che sarà pubblicato ogni giovedì dopo le ore sul sito e tramite l Affissione all Albo presso la sede del Comitato Provinciale. Inoltre, il Comunicato Ufficiale sarà inviato a tutte le società tramite posta elettronica sulla casella segnalata nella sezione SOCIETÀ campo INDIRIZZO (usato per comunicazioni interne) della piattaforma Non sarà più utilizzato il servizio postale o il fax. Solo ed esclusivamente per la comunicazione di particolari provvedimenti adottati dal G.U.P., come squalifiche, sospensioni ripetizioni gare, potrà essere sarà usato il canale tradizionale della trasmissione telegrafica alle società interessate. VERSAMENTI I versamenti, effettuati a qualsiasi titolo, a favore del Comitato Provinciale FIPAV di Caserta devono essere effettuati unicamente a mezzo conto corrente postale sul ccp intestato a FIPAV - Comitato Provinciale di Caserta, UFFICIO POSTALE CASERTA CENTRO C.P Caserta oppure tramite bonifico bancario c/c BNL-CE IBAN IT E fatto obbligo alle Società di compilare i bollettini postali anche nella parte della causale specificando il codice della Società ed il motivo del versamento, come da immagine sottoriportata. Si raccomanda inoltre la massima attenzione nell utilizzo dei bollettini di conto corrente postale, onde evitare che versamenti al Comitato provinciale possano essere inviati alla FIPAV o al comitato regionale. In caso di errore si dovrà comunque provvedere al 1

5 versamento dovuto, senza attendere il rimborso da parte della struttura federale a cui erroneamente è stato fatto il versamento, pena l esclusione dal campionato. Si invitano le Società ad inoltrare SEMPRE via fax le copie dei versamenti effettuati. IMPORTANTE LA CORRISPONDENZA ALL INDIRIZZO DI CASELLA POSTALE DEL COMITATO VA INOLTRATA A MEZZO POSTA PRIORITARIA. SI INVITA PERTANTO A NON SPEDIRE RACCOMANDATE CON RICEVUTA DI RITORNO PERCHE RISCHIANO DI ESSERE RISPEDITE AL MITTENTE PER COMPIUTA GIACENZA. ISCRIZIONI La domanda di iscrizione ai campionati provinciali di Prima Divisione M/F, Seconda divisione M/F, Under19 Under 17, Under15 e Under 14 M, Under18, Under 16 e Under 14 F è da formulare tramite la piattaforma web entro il 28 SETTEMBRE Per i campionati Under 13 M/F 6x6 e Under 13 M 3x3 il termine di scadenza delle iscrizioni è il 21 OTTOBRE Seguendo le istruzioni riportate nel manuale disponibile nella sezione documenti del sito web dopo aver compilato tutti i campi e confermata l iscrizione, bisognerà stampare il modulo che dovrà essere inviato, entro 2 giorni tramite fax al CP FIPAV Caserta A pena di inammissibilità, oltre al predetto modulo, dovranno essere allegate le ricevute di versamento delle quote che di seguito si riportano e che non saranno in nessun caso restituite in caso di rinuncia anche prima della formulazione degli organici e della stesura dei calendari, (la rinuncia effettuata dopo la stesura del calendario definitivo sarà sanzionata anche con l applicazione della multa per ritiro dal Campionato, pari a 500,00 per i Campionati di serie ed 300,00 per i campionati di Categoria) La Segreteria della COGP, verificata la documentazione inviata notificherà via la conferma o il rifiuto motivato dell'iscrizione al Campionato. In mancanza di questa notifica la Società dovrà ritenersi comunque non iscritta al Campionato. Ai sensi delle disposizioni vigenti del Regolamento Gare, entro cinque giorni dalla data su indicata potranno essere prese in considerazione istanze pervenute in ritardo previa maggiorazione del 50% della tassa di iscrizione; anche per tale evenienza l iscrizione dovrà essere fatta sempre tramite la piattaforma web Oltre i cinque giorni il portale non permetterà più alcuna iscrizione. Non saranno prese in considerazione iscrizioni pervenute successivamente al termine su indicato (fa fede la data riportata sulla ricevuta del versamento), mancanti delle attestazioni di versamento o non debitamente compilate in ogni loro parte, né quelle avanzate da Società Sportive aventi con la FIPAV ed in particolare con il Comitato Provinciale di Caserta pendenze economiche. Queste, così come innanzi evidenziato, dovranno essere saldate prima dell'iscrizione. Le Società che hanno pendenze nei conforti del Comitato Provinciale di Caserta non potranno procedere all iscrizione ai campionati in quanto il portale automaticamente ne bloccherà l inserimento; pertanto, è opportuno provvedere al pagamento delle predette somme. Al fine di sbloccare il portale, si deve inviare l attestazione di versamento a mezzo fax alla COGP. RITIRI DURANTE IL CAMPIONATO Il ritiro dal Campionato, che avviene dopo la stesura dei Calendari Provvisori, oltre a far perdere la quota di iscrizione, comporta una sanzione pecuniaria pari a: Prima Divisione Maschile/Femminile: 250,00 Seconda Divisione Maschile/Femminile: 250,00 Campionati di Categoria (U19M - U18F - U17M - U16F - U15M): 150,00 Campionati di Categoria (U14M/F - U13M (6vs6 3vs3) - U13F): 100,00 Il ritiro dal Campionato, effettuato dopo la stesura dei Calendari Definitivi, sarà sanzionato con l applicazione della multa per ritiro dal Campionato, pari a 500,00 per i Campionati di serie ed 300,00 per i campionati di Categoria) RINUNCIA ALLE GARE La Società affiliata che rinuncia a giocare un incontro di Campionato per qualsiasi motivo, subisce la perdita della gara e la penalizzazione di tre punti in classifica ed una sanzione pecuniaria pari a tre volte la tassa gara. La preannunciata rinuncia della disputa della gara comporta una mitigazione della multa pari al 20%. La rinuncia sarà considerata preannunciata se verrà comunicata, a mezzo fax o e mail, almeno due giorni prima della disputa della gara. Le disposizioni contenute nel presente paragrafo si applicano anche quando venga presentata in campo una squadra avente una composizione numerica inferiore a sei giocatori, ma la relativa applicazione della sanzione sarà mitigata del 50%. SECONDA RINUNCIA ALLE GARE Qualora, durante lo svolgimento del Campionato, una Società affiliata rinunci per due volte, ai fini della classifica ufficiale non si terrà conto alcuno dei risultati conseguiti dallo stesso e ciò comporterà una sanzione pecuniaria pari a: Prima Divisione Maschile/Femminile: 250,00 Seconda Divisione Maschile/Femminile: 250,00 Campionati di Categoria (U19M - U18F - U17M - U16F - U15M): 150,00 Campionati di Categoria (U14M/F - U13M (6vs6 3vs3) - U13F): 100,00 2

6 SI PRECISA CHE IN CASO DI RINUNCIA/RITIRO DA UN FASE FINALE DI QUALSIASI CAMPIONATO SOPRA RIPORTATO VERRA APPLICATO UN AGGRAVIO DELLE SUDDETTE MULTE DI EURO 150,00. ORARIO DI GIOCO Nei campionati provinciali il campo deve essere a disposizione delle squadre almeno 1 ora prima dell'inizio della gara; nel caso del protrarsi di gare precedenti che terminano a ridosso della gara successiva, gli arbitri dovranno comunque garantire i 30 minuti di riscaldamento, compreso il protocollo di gara. SPOSTAMENTI DI DATA ORARIO CAMPO DI GIOCO Il contributo per spostamento di data, orari e campi è dovuto nella misura di 35,00 per le gare di 1 e 2 Divisione e 25,00 per gli altri campionati di categoria per ciascuna richiesta e relativa autorizzazione di spostamento, anche cumulativa, autorizzata su ogni comunicato. La COGP. si riserva di concederli solo per i casi assolutamente eccezionali o per cause di forza maggiore. Le richieste, da formulare esclusivamente tramite la piattaforma web (le istruzioni per richiedere le variazioni tramite il portale sono riportate nel manuale disponibile), devono essere documentate e presentate nei termini previsti dal Reg. Gare; per documentazione si deve intendere non la generica indicazione di indisponibilità del campo o altre motivazioni, ma una probante certificazione da parte del gestore e/o proprietario dell impianto dei motivi determinanti la richiesta di spostamento. Al fine di garantire la regolarità del Campionato, la COGP, dalla presente stagione agonistica, è autorizzata ad effettuare periodici controlli per verificare l effettiva necessità dello spostamento concesso; nei confronti dei responsabili di false dichiarazioni sarà avviato il relativo procedimento disciplinare. I recuperi di gare non disputate per eventi straordinari dovranno obbligatoriamente essere disputati entro 15 giorni dalla data fissata in calendario con orario d'inizio fra le 20,00 e le di Martedì Mercoledì o Giovedì. Le richieste di spostamento avanzate dalle Società ed i recuperi conseguenti ad eventi programmabili (elezioni etc..) saranno invece effettuati nella settimana antecedente. Per le Società che sul modulo d'iscrizione non indicheranno il giorno di recupero per eventuali gare non disputate, provvederà la COGP a stabilire d'ufficio il giorno di recupero a propria discrezione; la Società ospitante dovrà, comunque, reperire per tale giorno un campo di gioco con le eventuali conseguenze disciplinari che potrebbero derivare in caso di mancata disputa dell'incontro; in alternativa si potrà disputare il recupero sul campo della squadra ospitata. Si ricorda che non é sufficiente l'accordo tra le Società per rendere esecutivo uno spostamento. La COGP potrà, infatti, non concederlo ove ne ravvisasse gli estremi oppure lo ritenesse dannoso al regolare svolgimento del campionato. Non è necessario l assenso dell altra società in caso di solo spostamento del campo di gioco purché orario e giorno siano invariati. Si precisa che il termine relativo ai 3 giorni precedenti la data di effettuazione della gara si riferisce non alla data di spedizione ma a quella di ricevimento da parte della COGP. Al fine di agevolare il lavoro di tutti, è assolutamente necessario non tenere in sospeso sulla piattaforma web le richieste per più di 3 giorni. Per il buon funzionamento del sistema è fondamentale, qualora una Società non sia d accordo sullo spostamento richiesto, NON ACCETTARE cliccando sul relativo pulsante in modo da non lasciare in sospeso la richiesta. La COGP non prenderà in considerazione richieste prive della regolare documentazione, del previsto contributo di 35,00 da versare al Comitato Provinciale e dell'accordo dell'altra Società interessata alla variazione. Non saranno accettate richieste per via telefonica né tantomeno per fax. In mancanza di comunicazione tramite da parte della COGP, la variazione é da intendersi non concessa. Si rammenta che le norme federali prevedono la possibilità di disputare gli incontri su un campo diverso da quello indicato in calendario o anche in altro Comune, purché siano rispettate le disposizioni del Reg. Gare. La Commissione potrà apportare variazioni d ufficio al calendario in presenza di particolari esigenze connesse alla programmazione dell attività provinciale anche in deroga al limite temporale previsto per variazioni; si ricorda che nessun rimborso a qualsiasi titolo è dovuto dalla FIPAV in conseguenza di variazioni al calendario. La COGP non prenderà in considerazione richieste prive della regolare documentazione, del previsto contributo di. 35,00 da versare al Comitato Provinciale e dell'accordo dell'altra Società interessata alla variazione. CONTRIBUTI GARA I contributi gara per ogni incontro dei Campionati Provinciali dovranno essere versati così come descritto, successivamente alla pubblicazione dei calendari, nell ESTRATTO CONTO riportato nella sezione PARTITE CONTABILI della piattaforma web La mancata osservanza delle presenti disposizioni costituisce infrazione disciplinare punita secondo quanto previsto dal vigente Regolamento Giurisdizionale. In caso di recidività sarà applicata una multa pari al 50% della tassa gara. L ATTESTAZIONE DELL AVVENUTO VERSAMENTO O BONIFICO DOVRA ESSERE ESIBITA ALL ARBITRO AD OGNI GARA, IN MANCANZA LA SOCIETA VERRA SANZIONATA DAL GIUDICE UNICO IN SEDE DI OMOLOGA. Nel caso in cui la Società non abbia effettuato il versamento con il conto corrente postale o tramite bonifico bancario, potrà essere consegnato all arbitro un assegno bancario intestato a FIPAV Comitato Provinciale di Napoli per una cifra pari all importo dell intera soluzione dovuta. NON SARANNO AMMESSI VERSAMENTI DI CONTRIBUTI GARA RECANTI DETRAZIONI PER EVENTUALI SOMME GIA VERSATE A QUALUNQUE TITOLO (MULTE, SPOSTAMENTI, ECC). TALI SOMME POTRANNO ESSERE RICHIESTE MEDIANTE ESPLICITA DOMANDA DI RIMBORSO. 3

7 CAMPO DI GARA Tutte le partite devono essere disputate in impianti regolarmente omologati dalla FIPAV. Tutte le gare dei campionati provinciali devono essere disputate in impianti al coperto. I campi di gara devono essere omologati, per la stagione 2015/2016. Per omologare l'impianto di gara la società deve versare il relativo diritto di segreteria all'organo omologante, che rilascia il verbale di omologa previo accertamento. La società è tenuta ad esibirlo all'arbitro prima di ogni gara. In caso più squadre della stessa società utilizzino lo stesso impianto, l'omologa viene effettuata dal Comitato competente all'organizzazione del campionato di serie maggiore. Nel caso di impianti utilizzati da più società, ognuna di queste deve versare il previsto diritto di segreteria per l'omologazione del campo. DI GARA PALLONI DI GARA Tutti gli incontri ufficiali si devono disputare esclusivamente con palloni colorati omologati dalla FIVB di marca MIKASA o MOLTEN iscritte all albo fornitori FIPAV (art. 31 REG.GARE). MIKASA MOLTEN MVA 200 V5M 5000 MVA 300 Gli incontri del Campionato Under 13 Maschile e Femminile (6vs6) si devono disputare esclusivamente con i seguenti palloni: MIKASA MOLTEN MVA 123SL V4M 3000L MVA 123L VOLLEY SCHOOL V5M2501-L Per il Campionato Under 13 Maschile 3vs3 si consiglia l uso dei palloni: MOLTEN V4M 3000L (210 gr) E MIKASA MVA123SL ( gr), che saranno utilizzati nell ambito della FINALE NAZIONALE. Nel caso la squadra ospitante non metta a disposizione Palloni delle marche e modelli su indicati, la gara non potrà essere disputata e la squadra ospitante in sede di omologa sarà sanzionata dal Giudice Sportivo con la perdita dell incontro con il punteggio più sfavorevole. OBBLIGO DI PARTECIPAZIONE AI CAMPIONATI GIOVANILI PRIMA DIVISIONE SECONDA DIVISIONE Il Consiglio Regionale della Fipav Campania, con il parere della Consulta Regionale, ha deliberato l obbligatorietà di partecipazione delle società di serie provinciale ad almeno 1 campionato di categoria dello stesso settore per cui la società è iscritta. In caso di mancata partecipazione, sarà dovuta una multa di 250,00 per ciascun campionato giovanile non disputato. Per le società che disputano più campionati di diverse serie nell'ambito di uno stesso settore, l'obbligatorietà di partecipazione ai campionati di categoria viene assolta in base a quanto previsto per il campionato maggiore a cui partecipano. Il Consiglio Federale, rilevata la peculiarità e la specificità dell'attività svolta, ha deliberato di esonerare dall'obbligo di partecipazione a detti campionati, i CUS e i Gruppi Sportivi delle Forze Armate affiliati alla FIPAV. MODALITÀ DI RISCOSSIONE DELLE MULTE Art. 58 del Regolamento Giurisdizionale Le multe devono essere pagate entro 15 giorni dalla data di decorrenza del provvedimento esclusivamente sul ccp e copia della ricevuta del versamento, con specificato a tergo le causali dello stesso, tempestivamente inoltrata (anche via fax) alla segreteria della COGP. Trascorso tale termine si provvederà al recupero coattivo della somma, maggiorata del 50%. Infine, si ricorda che tutte le sanzioni pecuniarie comminate dalla CNG FIPAV ROMA su deferimento del CP FIPAV CASERTA dovranno essere versate al Comitato Provinciale. SQUALIFICHE Nel caso di un tesserato che svolga con la stessa squadra di campionato le funzioni di atleta e di allenatore, le sanzioni disciplinari verranno applicate indipendentemente dalla funzione svolta; pertanto nel caso di una squalifica, questa comporterà l'inibizione a svolgere sia la funzione di atleta che quella di allenatore per quella squadra e per quel campionato. SI RICORDA CHE LE SOCIETA' DEVONO ATTENDERE CHE IL PROVVEDIMENTO VENGA AFFISSO ALL'ALBO TRAMITE COMUNICATO UFFICIALE. Le squalifiche comminate devono essere scontate nello stesso campionato per cui è stata sanzionata; ovviamente fra gare di diversi campionati non c'è sommatoria di richiami, ammonizioni o diffide. Se a fine stagione restano pendenti delle giornate di squalifica, si segue questa procedura: - se il tesserato nella stagione successiva resta tesserato con la stessa società, dovrà scontare la squalifica nello stesso Campionato della stagione precedente (o in quello superiore in caso di promozione o acquisizione del titolo e in quello inferiore in caso di retrocessione o acquisizione del titolo); - se il tesserato nella stagione successiva si trasferisce ad altra società, dovrà scontare la squalifica nel campionato che disputa. 4

8 SOSPENSIONE DIRIGENTE DI SOCIETÀ La sospensione di un proprio dirigente da ogni attività federale comporta un ammenda di 30,00 per ogni dirigente sospeso. PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI A CARICO DEL CAPITANO Le sanzioni disciplinari a carico del Capitano vengono maggiorate di 1 penalità. RITARDATO INIZIO GARA Per i Sodalizi che ritarderanno l inizio della gara, verrà sanzionata una multa di 1,00 per ogni minuto di ritardo. OBBLIGATORIETA DELLA PRESENZA DELL ALLENATORE IN PANCHINA Nei campionati provinciali le società sono tenute all'obbligo di iscrizione al referto di almeno un allenatore con qualifica adeguata al campionato di pertinenza. Se la società non è in regola con il pagamento del tesseramento societario dell allenatore, l arbitro segnalerà l inadempienza sul rapporto di gara e la società incorrerà in una sanzione amministrativa pari al doppio della tassa di tesseramento societario dell allenatore. INCOMPATIBILITA SUL VINCOLO Un allenatore che svolge attività con squadre di serie nazionali può vincolarsi con una sola società all'interno della quale, naturalmente, può allenare più squadre. È eventualmente ammessa la direzione di squadre di categoria U14M e F anche di altra società. Un nuovo vincolo può avvenire solo a seguito dello scioglimento consensuale del vincolo esistente. RIGENTE ADDETTO ALL ARBITRO DIRIGENTE ADDETTO ALL ARBITRO Il Dirigente addetto all arbitro è obbligatorio nei Campionati Provinciali di Serie e di Categoria, comprese le fasi finali dei Campionati di Categoria. La Società ospitante è tenuta, obbligatoriamente, a mettere a disposizione, un'ora prima dell'inizio della gara, un proprio Dirigente addetto agli arbitri, regolarmente tesserato con la FIPAV, che deve: a. accogliere gli arbitri al loro arrivo in palestra; b. mettersi a disposizione degli stessi per un controllo preliminare delle attrezzature del campo di gioco che prevede il controllo del verbale di omologazione del campo, la misurazione dell'altezza della rete e la verifica della presenza delle attrezzature complementari di supporto. c. posizionarsi, durante la gara, in un punto del campo dove possa essere facilmente reperibile ed altrettanto facilmente possa intervenire a richiesta degli arbitri; d. accompagnare, a fine gara, gli arbitri presso il loro spogliatoio, restando a loro disposizione fino a che non lasciano la palestra, cercando di aiutarli nelle loro necessità (richiesta taxi, eventuale trasporto alla Stazione FF.SS., ecc.). La mancanza dello stesso comporta un ammenda pari a 30,00. ARBITRO ASSOCIATO 1. Possono essere abilitati alle funzioni di arbitro associato i dirigenti, gli allenatori, gli atleti che: 1) abbiano compiuto il 16 anno di età; 2) abbiano superato il corso di abilitazione indicato nel successivo articolo 78; 3) abbiano formalmente aderito alla FIPAV con la sottoscrizione del tesseramento ed il pagamento della relativa quota in qualità di dirigente, allenatore, atleta. 2. Possono altresì svolgere le funzioni di arbitro associato gli ufficiali di gara tesserati come osservatori o delegati tecnici, nonché i segnapunti che abbiano superato il corso di abilitazione indicato nel successivo articolo Le funzioni di arbitro associato possono essere svolte nei campionati provinciali di categoria e/o nei campionati provinciali fino alla 2 divisione. 4. I tesserati abilitati alle funzioni di arbitro associato potranno svolgere le loro funzioni fino al compimento del 65 anno di età, fermo restando l obbligo, a partire dal 55 anno di età, di presentare annualmente un certificato di sana e robusta costituzione fisica. E fatto obbligo alle società di comunicare almeno due nominativi di persone che parteciperanno al corso per Arbitro Associato. SEGNAPUNTI FEDERALE Le Società partecipanti ai campionati federali debbono disporre di almeno due Segnapunti Federali. Designazioni: la Società deve obbligatoriamente designare un Segnapunti Federale per ogni gara dei campionati o tornei sopra riportati che disputa come squadra ospitante. Se non può disporre dei propri, può utilizzare Segnapunti Federali tesserati con altre società. 5

9 In caso di assenza di Segnapunti in una gara ufficiale, la Società ospitante sarà multata con una ammenda pari a 3 volte la tassa prevista per la gara stessa. Obblighi del Segnapunti Federale: trattandosi di un tesserato FIPAV facente capo ad una società affiliata, il Segnapunti Federale risponde del suo comportamento come qualsiasi tesserato della Società. VISITA MEDICA ATLETI Per gli atleti che partecipano ai campionati regionali e provinciali è prevista la visita medica di idoneità agonistica. ASSENZA DEL 1 ARBITRO ASSENZA DEL 1 ARBITRO In assenza del direttore di gara i sodalizi, SEDUTA STANTE, devono accordarsi per la data e l ora del recupero. Recupero da effettuarsi entro 15 giorni, inviando alla COGP il documento di accordo sottoscritto da entrambe le Società. In caso di mancato accordo il recupero della gara sarà imposto dalla Commissione Provinciale Gare. Allo scopo di evitare al massimo disfunzioni per questo problema, le Società potranno rivolgersi, nel caso non vi sia un Direttore di Gara 30 prima l inizio dell incontro, al sig. Paolo Cantelli ( ). Verranno date indicazioni sulla situazione dell arbitro ed eventualmente provvedere alla sua sostituzione nel caso sia impossibilitato ad essere presente. DISPUTA 10 GARE IN SERIE C ATLETI GIOVANI LIMITAZIONI DEGLI ATLETI OVER IN CAMPO STAGIONE 2015/2016 Per i Campionati Provinciali di Serie non sono previste limitazioni per quanto riguarda gli atleti over in campo e iscritti a referto. SECONDO LIBERO L utilizzo del Secondo Libero è previsto nei seguenti campionati e relative Coppe di serie, con i seguenti Limiti di età: A1 e A2 M nessun limite di età; resta il divieto di impiegare atleti stranieri nel ruolo di Secondo Libero. A1 e A2 F nessun limite di età B1 e B2 M under 21 (nati 1995 e successivi) B1 e B2 F under 19 (nate 1997 e successivi) C-D-1^-2^ e 3^ Div. under 19 (nati/e 1997 e successivi) la norma non è obbligatoria e può essere deliberata dai rispettivi Consigli Regionali sentito il parere delle relative Consulte. Under 19/M limite di età del campionato Under 18/F limite di età del campionato Under 17/M limite di età del campionato Under 16/F limite di età del campionato Under 15/M limite di età del campionato Pertanto nei campionati ove previsto, ogni squadra potrà iscrivere a referto: max 12 atleti/e senza alcun Libero oppure max 11 atleti/e e un Libero oppure max 11 atleti/e e due Libero di cui uno/a secondo i limiti di età su riportati. Ovviamente nel caso di due Libero iscritti a referto, durante la gara potrà entrare in campo soltanto uno/a Libero secondo la normativa attuale; la differenza sta nel fatto che il Libero che può entrare in campo può essere uno dei due iscritti a referto secondo le scelte tecniche dell allenatore. A ulteriore precisazione della normativa del Libero, si comunica che nelle Finali Nazionali di cui all'oggetto, il Libero e l'eventuale 2 Libero possono essere nominati gara per gara e quindi non è obbligatorio che le due figure tecniche siano rivestite sempre dallo/a stesso/a atleta per tutta la durata della manifestazione. La normativa sull utilizzo del Secondo Libero è riportata nelle Regole di Gioco e Casistica e sul documento Modalità operative Secondo Libero. ATLETI CHE DISPUTANO CAMPIONATI NAZIONALI E REGIONALI Un giocatore che ha preso parte ad un campionato di serie superiore non può giocare in uno di serie inferiore nella stessa stagione sportiva, fatta eccezione per la partecipazione alla Coppa Italia A e B, che non sono considerati, a questo fine, campionati (ovviamente per la stessa società) e fatto salvo quanto previsto per le serie A e B in riferimento ai trasferimenti di atleti già scesi in campo. Il Consiglio Regionale, d intesa con la Consulta dei Presidenti Provinciali dispone che per la stagione sportiva 2015/2016 tale limitazione non è prevista per: Gli atleti maschi, nati negli anni 1999 e successivi, appartenenti a società che disputano il campionato di serie C possono essere utilizzati in tale campionato e contemporaneamente disputare gare in un campionato di PRIMA DIVISIONE fino al raggiungimento di 10 presenze nel campionato di serie C. Dopo la 11 presenza nel campionato di serie C non potranno più partecipare a gare della serie inferiore. Le atlete femmine, nate negli anni 2000 e successivi, appartenenti a società che disputano il campionato di serie C possono essere utilizzate in tale campionato e contemporaneamente disputare gare in un campionato di PRIMA DIVISIONE fino al raggiungimento di 10 presenze nel campionato di serie C. Dopo la 11 presenza nel campionato di serie C non potranno più partecipare a gare della serie inferiore. Le presenze nei campionati superiori possono essere anche non consecutive e anche se l atleta debutta nella stagione in una gara del campionato di serie superiore. 6

10 Si precisa, inoltre, che la norma si applica soltanto su due campionati di serie per atleta e pertanto un atleta durante la stagione può disputare gare al massimo in due campionati di serie. Per gli atleti trasferiti è vincolante, ai fini della partecipazione ai Campionati, la data del trasferimento stesso. Pertanto, un giocatore trasferito oltre il termine previsto per un determinato Campionato non può partecipare a quel Campionato né a quelli superiori. Nel caso di ritiro da un campionato di una squadra, le gare annullate non contano ai fini della classifica, ma agli atleti che sono scesi in campo in queste gare viene comunque conteggiata la presenza in campo. AUTOMATICITÀ DEI PROVVEDIMENTI DI SQUALIFICA VERSO GLI ATLETI ED ALLENATORI Per le sanzioni di squalifica verso gli atleti e gli allenatori, comminate a seguito di sommatoria di cartellini gialli e rossi durante diversi incontri, si applica l art. 57 del Regolamento Giurisdizionale che ha subito variazioni a seguito delle modifiche alle Regole di Gioco apportate dalla FIVB dalla stagione scorsa, che hanno cambiato le sanzioni che gli Arbitri potranno applicare durante le gare ai tesserati che tengono comportamenti non corretti. In pratica è variato il tipo di cartellino che va mostrato in occasione dei vari comportamenti; in pratica si ritorna a quanto era previsto 7 anni fa, eliminando l'avvertimento verbale che ora sarà eseguito mostrando il cartellino giallo al quale non segue alcun altro tipo di sanzione. Pertanto con le nuove Regole questa è la scala dei provvedimenti che possono essere adottati durante lo svolgimento di una gara: Avvertimento: cartellino GIALLO sanzione: nessuna Penalizzazione: cartellino ROSSO sanzione: punto e servizio alla squadra avversaria Espulsione: cartellini GIALLO e ROSSO mostrati insieme con la stessa mano sanzione: l'atleta sanzionato non può giocare per la restante parte del set Squalifica: cartellini GIALLO e ROSSO mostrati separati con due mani sanzione: l'atleta sanzionato non può giocare per il resto della gara Queste sanzioni inflitte dall arbitro durante la gara sono commutate, in sede di omologa, nelle seguenti penalità che saranno sommate durante lo svolgimento del campionato (play off compresi): nessuna penalità in caso di avvertimento (cartellino giallo); 2 penalità in caso di penalizzazione (cartellino rosso), 3 penalità in caso di espulsione (cartellini giallo e rosso mostrati insieme con la stessa mano); 4 penalità in caso di squalifica (cartellini giallo e rosso mostrati separati con due mani). A seguito delle penalità raggiunte da un atleta o da un allenatore si determina automaticamente la gerarchia delle seguenti sanzioni: ammonizione alla seconda penalità; ammonizione con diffida alla terza penalità; una giornata di squalifica alla quarta penalità; ammonizione alla quinta penalità; ammonizione con diffida alla sesta penalità; una giornata di squalifica alla settima penalità; ammonizione alla ottava penalità; ammonizione con diffida alla nona penalità; una giornata di squalifica alla decima penalità; ammonizione con diffida alla undicesima penalità; una giornata di squalifica alla dodicesima penalità; una giornata di squalifica per ogni penalità oltre la dodicesima. Nel caso un atleta o un allenatore sia sanzionato dall arbitro durante la gara con i cartellini giallo e rosso mostrati separati con due mani (squalifica), il Giudice Unico, in sede di omologa può infliggere al tesserato sospensioni a tempo ovvero giornate di squalifica in base alla gravità del fatto commesso; nella tabella delle penalità del tesserato saranno aggiunte quattro penalità che, comunque, non faranno scattare ulteriori sanzioni. Per comportamenti disciplinarmente rilevanti tenuti da atleti o allenatori dopo lo svolgimento effettivo delle gara, il Giudice Unico giudica indipendentemente dalla situazione delle penalità accumulate dal tesserato fino a quel momento. Qualora ritenga di dover infliggere una sospensione a tempo ovvero una o più giornate di squalifica, la tabella delle penalità sarà aumentata di 4 penalità che non faranno scattare ulteriori sanzioni; in caso di comportamenti meno gravi, il Giudice Unico può infliggere 1, 2 o 3 penalità che sommate a quelle sino allora raggiunte determineranno l effettiva sanzione. Precisazioni - nel caso di un atleta o allenatore a cui vengono sanzionati provvedimenti diversi e successivi senza che sia ripreso il gioco, il Giudice in sede di omologa prenderà in considerazione soltanto la sanzione maggiore. 7

11 - nel caso di un tesserato che svolga con la stessa squadra di campionato nazionale le funzioni di atleta e di allenatore, le sanzioni disciplinari verranno applicate indipendentemente dalla funzione svolta; pertanto nel caso di una squalifica, questa comporterà l'inibizione a svolgere sia la funzione di atleta che quella di allenatore per quella squadra e per quel campionato. - si ricorda l'andamento previsto dalla tabella delle penalità relativamente all'automaticità ed alle eventuali giornate di squalifica che saranno comminate dal Giudice Unico: se un atleta o un allenatore si trova alla 9^ penalità ed in una gara gli vengono inflitte 3 penalità, raggiungendo così la quota totale di 12 penalità, al tesserato saranno comminate 2 giornate di squalifica e cioè quelle relative alla 10^ e 12^ penalità. I PROVVEDIMENTI DI SQUALIFICA SARANNO SANZIONATI DAL GIUDICE UNICO SECONDO LE NORME PREVISTE DAL REGOLAMENTO GIURISDIZIONALE. Si precisa che atleti ed allenatori che cambiano società durante la stagione mantengono gli eventuali provvedimenti sanzionati in gare disputate con la prima società di appartenenza. SISTEMA DI PUNTEGGIO E CLASSIFICA La classifica, in base agli artt. 39 e 40 del Regolamento Gare, viene stilata come di seguito riportato: 3 punti alla vittoria per 3-0 e punti alla vittoria per punto alla sconfitta per punti alla sconfitta per 1-3 e punti di penalizzazione in caso di rinuncia In caso che due o più squadre risultino a pari punti, la graduatoria viene stabilita, in ordine prioritario (Reg.Gare art. 40): 1 in base al maggior numero di gare vinte; 2 in base al miglior quoziente set; 3 in base al miglior quoziente punti; 4 risultato degli incontri diretti tra le squadre a pari punti. NOTA Nel caso di gare di campionati di categoria che si disputano con la formula dei 2 sets vinti su 3 la classifica, con il nuovo sistema, si applica nel seguente modo: 3 punti alla vittoria per punti alla vittoria per punto alla sconfitta per punti alla sconfitta per punti di penalizzazione in caso di rinuncia Classifica avulsa (art.41 del Regolamento Gare) Tranne disposizioni diverse previste dalle circolari di indizione dei Campionati di serie e categoria Regionale e Provinciale, nel caso di gironi con numero di squadre diverso, per stabilire le migliori posizioni in classifica fra squadre di gironi diversi, si procede considerando il miglior quoziente ottenuto dividendo i punti conquistati in classifica per il numero delle gare disputate e successivamente con gli altri criteri previsti dal Regolamento. PASSAGGIO DEL TURNO - SET SUPPLEMENTARE DI SPAREGGIO Per tutte le manifestazioni che prevedono turni con gare di andata e ritorno senza spareggio e tranne specifiche regolamentazioni, le modalità di passaggio del turno nel caso di una vittoria per parte, verrà stabilito con la disputa del set supplementare di spareggio (art. 27 del Regolamento Gare) con le seguenti modalità: - in caso di una vittoria per parte passa il turno la squadra che ha vinto con il miglior punteggio set; - nel caso di una vittoria per parte e i due risultati sono identici come punteggio set si disputerà, sempre sul campo della gara di ritorno, un set al tie-break supplementare di spareggio. Questo set supplementare di disputerà con le stesse modalità del 5 set di una gara. L'intervallo fra il termine dell'incontro e la disputa del set supplementare sarà di 5 minuti; il set supplementare verrà registrato su un nuovo referto di gara utilizzando lo spazio riservato al 5 set, specificando nel rapporto di gara l'evento. E inoltre possibile applicare la regola della disputa del set supplementare di spareggio, sempre nel caso di una vittoria per parte, anche nei seguenti casi: - nel caso di una vittoria per parte con qualsiasi punteggio set; - nel caso di una vittoria per parte e stessa somma di punti (3 a 1 e 3 a 0 garantiscono 3 punti al vincitore e 0 al perdente, il 3 a 2 distribuisce 2 punti al vincitore e 1 al perdente), per esempio nella gara di andata la squadra A vince 3-0 e al ritorno la squadra B vince 3-1 si disputa il set supplementare. Ovviamente la decisione di applicare una di queste due possibilità deve essere inserita nel Regolamento della manifestazione, in quanto in assenza di specifica regolamentazione, il set supplementare si disputa soltanto nel caso di una vittoria per parte e con i due risultati identici come punteggio set. 8

12 In tutti i casi, la gara di ritorno deve essere fissata in casa della miglior squadra delle fasi precedenti (regular season, play off, ecc.). Gli arbitri designati per le gare di ritorno devono essere informati dall organo che organizza il campionato del risultato della gara di andata e dei criteri per l eventuale disputa del set supplementare di spareggio. E' confermata l'applicazione della regola del "LIBERO in tutti i campionati di qualsiasi serie e categoria (tranne nei Campionati Under 13 M/F e Under 14 M/F). DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE ALLE GARE UFFICIALI Dalla presente stagione, si dovrà presentare l elenco di tutti i propri tesserati da iscrivere a referto (atleti, dirigente accompagnatore, allenatori, medico, fisioterapista, dirigente addetto all arbitro) completo dei numeri di maglia, dei numeri di matricola, della data di nascita e degli estremi dei documenti di riconoscimento e di quanto altro richiesto, redatto esclusivamente sul modulo CAMP 3 da scaricare dal Tesseramento on-line Sezione Elenco Atleti Partecipanti. Alle società che non presenteranno il modulo CAMP 3 redatto on-line sarà applicata una multa di: 1 volta richiamo 2 volta 25,00 3 volta 50,00 4 volta 75,00 5 volta e successive : 100,00 Per i tesserati che compaiono sull'elenco CAMP 3 tramite il Tesseramento on-line non deve essere presentato alcun altro documento a parte ovviamente il documento di identità personale rilasciato dalle autorità competenti. Mentre per quei Tesserati che non compaiono sull'elenco e che devono essere aggiunti a mano in stampatello, i documenti da presentare, oltre il documento di identità personale rilasciato dalle autorità competenti sono i seguenti: Atleti Modulo ATL 2 Dirigenti Medico Modulo DIR 1 Allenatori il certificato di avvenuto tesseramento rilasciato dal Tesseramento on-line o dal Comitato Provinciale della FIPAV, al momento del rinnovo del tesseramento. Fisioterapista il certificato di avvenuto tesseramento rilasciato dal Comitato Provinciale della FIPAV al momento del rinnovo del tesseramento oppure copia del modulo N per i Fisioterapisti di primo tesseramento. SERVIZIO RISULTATI Per la stagione 2015/2016 questo Comitato Provinciale attiverà il Servizio Risultati, con la procedura automatizzata; il servizio fornirà notizie su risultati e classifiche dei Campionati Provinciali tramite il servizio web l invio per posta elettronica e, limitatamente ai soli risultati, via SMS, come di seguito dettagliatamente descritto: SERVIZIO WEB Gli ufficiali di gara, al termine di ogni partita, tramite un particolare servizio SMS, invieranno i risultati ad un portale che automaticamente aggiornerà le pagine presenti sul sito web. Dall invio dell SMS da parte dell arbitro trascorreranno all incirca 20/30 secondi ed il risultato sarà presente sul sito che automaticamente aggiornerà la classifica. Per accedere a questo servizio basterà connettersi al sito INVIO PER POSTA ELETTRONICA - Alle ore di ogni sabato e alle ore di ogni domenica le Società partecipanti ai Campionati Provinciali riceveranno tutte le Classifiche e i Risultati direttamente sulla casella di posta elettronica segnalate nella sezione SOCIETA campo INDIRIZZO (usato per comunicazioni interne) del Portale. INVIO SMS Appena sarà comunicato l ultimo risultato del proprio Campionato e Girone, le Società riceveranno i risultati del proprio Campionato e Girone via SMS al numero segnalato nella sezione SOCIETA campo NUMERO CELLULARE (usato per comunicazioni interne) del Portale. INFORMATIVA EX ART. 13 D.LGS. N 196 DEL 30/06/2003 Ai sensi dell articolo 13 del D.Lgs. n 196 del 30/03/2003, si informa che: I dati personali forniti in relazione alle procedure di affiliazione, tesseramento e/o iscrizione ai campionati formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa succitata. Tali dati verranno trattati per finalità strettamente connesse all attività sportiva della pallavolo ed in modo da garantire la sicurezza anche attraverso strumenti autorizzati. Il conferimento di tali dati è indispensabile per la realizzazione dell attività sportiva cui si riferiscono e per gli obblighi correlati. Pertanto, un eventuale rifiuto a fornire tutti dati richiesti, comporterebbe l impossibilità di omologare l iscrizione ai campionati. Ferme restando le comunicazioni e diffusioni effettuate in esecuzioni di obblighi di legge e di contratto, i dati personali potranno essere comunicati in Italia ed all estero ai soli fini della realizzazione di attività, iniziative e manifestazioni connesse con i fini istituzionali della Federazione ed altri soggetti pubblici o privati e organismi associativi. I dati verranno trattati per tutta la durata del rapporto di iscrizione ai campionati ed anche successivamente per le finalità istituzionali della FIPAV. Relativamente ai dati medesimi l interessato può esercitare i diritti previsti all articolo 7 del Decreto Legislativo n 196/03 succitato. Titolare del trattamento dei dati personali è la Federazione Italiana Pallavolo Comitato Provinciale di Caserta. 9

13 PRESTITO PER UN CAMPIONATO (MODULO L1) La Consulta regionale ha esteso la norma ai Campionati di serie Regionale e Provinciale: per i soli atleti/e delle categorie giovanili nati/e negli anni è ammesso il prestito per un solo campionato che consente di partecipare con una società ad un campionato di serie regionale o provinciale e con un altra a quelli Under. Si chiarisce, quindi, che un atleta, nel rispetto delle fasce di età degli stessi campionati, dovrà: giocare con l associato di prestito un solo campionato Under ed obbligatoriamente con la propria società ad un campionato di serie regionale o provinciale ed eventualmente altri campionati Under diversi da quello di prestito. giocare con l associato di prestito un solo campionato di serie regionale o provinciale e con la propria società i campionati Under. il prestito è ammesso solo tra società della stessa regione per un massimo di 3 atleti/e per campionato. il prestito può essere concesso anche ad atleti di primo tesseramento e tesserati con trasferimento a tempo indeterminato. DOCUMENTI RICONOSCIMENTO ATLETI MINORI A partire dal 1 luglio 2012, in tutte le gare ufficiali dei campionati regionali e provinciali, di categoria e promozionali (Minivolley e Under 12) non sarà più consentito il riconoscimento degli atleti/e mediante altro documento diverso dalla Carta di identità e quindi non saranno più ritenuti validi attestati di identità, certificati di nascita con autocertificazione, fotocopie di documenti vari, ecc. E consentito utilizzare la copia fotostatica del documento di riconoscimento SOLO se autenticata dal Comitato Provinciale (come anno precedente), Vista questa nuova disposizione di legge si invitano i Sigg. Presidenti delle Società Sportive della Provincia a sollecitare i propri atleti/e a richiedere il rilascio della propria Carta d identità. PER QUANTO NON CONTEMPLATO NELLA PRESENTE INDIZIONE SI FA RIFERIMENTO ALLA GUIDA PRATICA 2015/

14 CAMPIONATI DI CATEGORIA 2015/2016 Il Consiglio Federale ha deliberato che le fasi Provinciali e/o Interprovinciali dei campionati Under 14M 15M 17M 19M dovranno essere svolte con la partecipazione di almeno 6 squadre e le fasi Provinciali e/o Interprovinciali dei Campionati Under 14F 16F 18F dovranno essere svolte con la partecipazione di almeno 8 squadre; la formula che deve essere adottata è quella del girone unico all italiana con partite di andata e ritorno di almeno 6 o 8 squadre. Le squadre di quei comitati Provincaili che non avranno il numero minimo di squadre iscritte dovranno svolgere il campionato in questione con altra provincia con la disputa di una fase interprovinciale. Criteri prioritari per la composizione di tali gironi devono essere: la viciniorità tra le società ed il contenimento dei costi per le trasferte. La consulta Regionale prioritariamente provvederà ad affidare l organizzazione dei gironi interprovinciali ad uno dei CP interessati. LIMITI DI ETÀ e ALTEZZA RETE SETTORE MASCHILE CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE Utilizzo LIBERO Utilizzo 2 LIBERO Under 19 Maschile Nati dal 1997 al 2001 mt. 2,43 SI SI Under 17 Maschile Nati dal 1999 al 2004 mt. 2,43 (*) SI SI Under 15 Maschile Nati dal 2001 al 2004 mt. 2,35 (**) SI SI Under 14 Maschile Nati dal 2002 al 2005 mt. 2,15 NO NO Under 13 Maschile (6vs6) Nati dal 2003 al 2005 mt NO NO Under 13 Maschile (3vs3) Nati dal 2003 al 2005 mt. 2,05 NO NO SETTORE FEMMINILE CATEGORIA LIMITI DI ETÀ ALT.RETE Utilizzo LIBERO Utilizzo 2 LIBERO Under 18 Femminile Nate dal 1998 al 2004 mt. 2,24 SI SI Under 16 Femminile Nate dal 2000 al 2004 mt. 2,24 SI SI Under 14 Femminile Nate dal 2002 al 2005 mt. 2,15 NO NO Under 13 Femminile Nate dal 2003 al 2005 mt. 2,15 NO NO (*) per tutta la fase provinciale l altezza della rete è fissata a 2,35 (**) per tutta la fase provinciale l altezza della rete è fissata a 2,24 PERIODO DI SVOLGIMENTO CAMPIONATI DI CATEGORIA 2015/2016 MASCHILI FASE UNDER 19 UNDER 17 UNDER 15 UNDER 14 UNDER 13 6vs6 UNDER 13 3vs3 TERMINE ISCRIZIONI TERMINE FASE PROVINCIALE TERMINE FASE REGIONALE FEMMINILI FASE UNDER18 UNDER16 UNDER 14 UNDER 13 TERMINE ISCRIZIONI TERMINE FASE PROVINCIALE TERMINE FASE REGIONALE

15 PLANNING FASI REGIONALI CAMPIONATI DI CATEGORIA 18/4 22/4 26/4 29/4 30/4 1/5 3/5 6/5 7/5 8/5 9/5 13/5 14/5 15/5 21/5 22/5 11/6 12/6 U19M P1A P1R SE FIN U18F P1A P1R SE FIN U17M P1A P1R SE FIN U16F P1A P1R SE FIN U15M P1A P1R SE FIN U14M P1A P1R SE FIN U14F P1A P1R SE FIN U13M 6v6 U13F U13M 3v3 LEGENDA: P1A FASE 1 ANDATA P1R FASE 1 RITORNO SE SEMIFINALI F FINALE CONTRIBUTI CAMPIONATI DI CATEGORIA 2015/2016 F8 F8 F8 F8 F8 F8 1DM MASCHILE UNDER19M UNDER17M UNDER 15M UNDER 14M UNDER 13M 6vs6 3vs3 Iscrizione Contributo Gestione Attività Contributo Gare * 3x3 gratuito 3.00 * 3x3 gratuito FEMMINILE 1DF 2DF UNDER18F UNDER16F UNDER 14F UNDER 13F Iscrizione Contributo Gestione Attività Contributo Gare

16 DURATA DELLE GARE Tutte le gare dei campionati di categoria si disputano al meglio di 3 set vinti su 5 con il Rally Point System, tranne nel caso di fasi a concentramento nei campionati Under 14 e Under 13 dove le gare possono essere disputate al meglio di 2 set su 3 con il Rally Point System. GIORNI DI GARA Tutti gli incontri dei Campionati di Categoria dovranno obbligatoriamente disputarsi nei giorni martedì, mercoledì o giovedì. I lunedì saranno riservati allo svolgimento delle attività istituzionali del Comitato Provinciale FIPAV. ORARI DI GARA U19M - U18F - U17M - U16F - U15M dalle ore alle ore U14M - U14F - U13M - U13F dalle ore alle ore Le gare dei Campionati Under 13M (6x6 e 3x3) e Under 13F potranno essere disputate (su richiesta della squadra ospitante) nella giornata di DOMENICA (ORE ) PRIMA DIVISIONE MASCHILE E FEMMINILE 2015/2016 AM 13

17 CAMPIONATO PRIMA DIVISIONE MASCHILE E FEMMINILE 2015/2016 ISCRIZIONI ENTRO E NON OLTRE IL 28 SETTEMBRE 2015 CONTRIBUTI Iscrizione: 80,00 Contributo gestione attività : 120,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 45,00 N.B. Le società che prenderanno parte alla Prima divisione maschile con formazioni costituite solo da giovani atleti nati dal 1999 al 2003 (Under 17) corrisponderanno il 50% delle tasse gara spettanti per il suddetto campionato. FORMULA DI SVOLGIMENTO Il campionato di Prima Divisione MASCHILE e FEMMINILE sarà articolato in un Girone Unico. Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. PROMOZIONI E RETROCESSIONI Al termine della Regular Season la Prima classificata verrà promossa in serie D 2015/2016. Le ultime TRE classificate retrocederanno in SECONDA divisione. PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: novembre 2015 GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente: SABATO dopo le ore e non oltre le ore DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore SOSPENSIONI CAMPIONATO al al

18 CAMPIONATO SECONDA DIVISIONE MASCHILE E FEMMINILE 2015/2016 ISCRIZIONI ENTRO E NON OLTRE IL 28 SETTEMBRE 2015 CONTRIBUTI Iscrizione: 52,00 Contributo gestione attività : 120,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 40,00 FORMULA DI SVOLGIMENTO Il campionato di Seconda Divisione MASCHILE e FEMMINILE sarà articolato in un Girone Unico. Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. PROMOZIONI E RETROCESSIONI Al termine della Regular Season le Prime DUE classificate verranno promosse in Prima Divisione 2015/2016. PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: novembre 2015 GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente: SABATO dopo le ore e non oltre le ore DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore SOSPENSIONI CAMPIONATO al al

19 CAMPIONATO SECONDA DIVISIONE MASCHILE UNDER /2016 Il Comitato Provinciale organizza il Campionato di Seconda Divisione Maschile UNDER 15 al termine della REGULAR SEASON del campionato di UNDER 15 E UNDER 14. A questo campionato saranno iscritte automaticamente tutte le società che hanno partecipato all under 15 e under 14 maschile e tutte quelle che ne faranno richiesta. Le squadre dovranno essere composte da atleti nati negli anni 2001 e successivi. CONTRIBUTI Iscrizione: GRATUITA Contributo gestione attività : 50,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 20,00 IL TERMINE DI ISCRIZIONE VIENE FISSATO AL TERMINE DELLA PRIMA FASE DEL CAMPIONATO UNDER 15 FORMULA DI SVOLGIMENTO Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. La formazione dei gironi sarà comunicata al termine delle iscrizioni. PROMOZIONI E RETROCESSIONI Saranno comunicate con la compilazione dei calendari provvisori. PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: Febbraio Termine: Maggio 2016 GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente: MARTEDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; MERCOLEDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; GIOVEDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; VENERDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; SABATO dopo le ore e non oltre le ore 20.30; DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore 11.30; DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore 20.30; SOSTE CAMPIONATO al

20 CAMPIONATO SECONDA DIVISIONE FEMMINILE UNDER /2016 Il Comitato Provinciale organizza il Campionato di Seconda Divisione Femminile UNDER 16 al termine della REGULAR SEASON del campionato di UNDER 16. A questo campionato saranno iscritte automaticamente tutte le società che hanno partecipato all under 16 femminile e tutte quelle che ne faranno richiesta. Le squadre dovranno essere composte da atlete nate negli anni 2000 e successivi. CONTRIBUTI Iscrizione: GRATUITA Contributo gestione attività : 50,00 Omologazione Campo: 52,00 Contributo Gara: 20,00 IL TERMINE DI ISCRIZIONE VIENE FISSATO AL TERMINE DELLA PRIMA FASE DEL CAMPIONATO UNDER 16 FORMULA DI SVOLGIMENTO Le gare si svolgeranno con la formula del girone all italiana, con gare di andata e ritorno ed al meglio di 3 set su cinque. La formazione dei gironi sarà comunicata al termine delle iscrizioni. PROMOZIONI E RETROCESSIONI Saranno comunicate con la compilazione dei calendari provvisori. PERIODO DI SVOLGIMENTO Inizio: Febbraio Termine: Maggio 2016 GIORNI ED ORARI DI GIOCO Gli incontri si disputano esclusivamente: MARTEDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; MERCOLEDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; GIOVEDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; VENERDI dopo le ore e non oltre le ore 20.30; SABATO dopo le ore e non oltre le ore 20.30; DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore 11.30; DOMENICA dopo le ore e non oltre le ore 20.30; SOSTE CAMPIONATO al

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011.

Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Alle Compagnie Ai Comitati Regionali Loro Sedi Rif.: 049/2010. Milano, 1 ottobre 2010. Oggetto: Rinnovo tesseramenti 2011. Gentile Presidente, con il rinnovo del tesseramento per il 2011, colgo l'occasione

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori

Regolamento. sullo status e sui trasferimenti dei calciatori Regolamento sullo status e sui trasferimenti dei calciatori 1 REGOLAMENTO SULLO STATUS E SUL TRASFERIMENTO DEI CALCIATORI... 3 DEFINIZIONI... 4 I. DISPOSIZIONE INTRODUTTIVA... 5 II. STATUS DEI CALCIATORI...

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA

NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA NORMATIVA GENERALE AFFILIAZIONI E TESSERAMENTI * * * * NORMATIVA ATTIVITA PROPAGANDA E SCUOLE NUOTO FEDERALI * * * * STAGIONE 2014 2015 APPROVATA CON DELIBERA C.F. 7/7/2014 AGGIORNATA AL 07/10/2014 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI

IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI IL CALCIO VISTO CON GLI OCCHI DEI DILETTANTI DAGLI AMATORI AI PROFESSIONISTI DI FATTO ATTRAVERSO LO STUDIO DELLE SOCIETÀ CALCISTICHE a cura di MATTEO SPERDUTI 2 0 1 5 INDICE ACRONIMI E ABBREVIAZIONI......

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI.

ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. ISTRUZIONI PER LA CORRETTA REGISTRAZIONE AL SITO PER POTER ACCEDERE ALL'AREA PRIVATA E PER L INSERIMENTO DELLE ISCRIZIONI. REGISTRAZIONE: Cliccare su Registrati La procedura di registrazione prevede tre

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA

Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Marca da bollo Al Comune di Padova Settore Servizi Sportivi Ufficio Impianti Sportivi Viale N. Rocco, 60 35135 PADOVA Spazio Protocollo Oggetto: Richiesta concessione temporanea Impianto Sportivo

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO

REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO REGOLAMENTO DEL SETTORE TECNICO Parte I Attribuzioni, struttura e organizzazione del Settore Tecnico Art. 1 Attribuzioni e funzioni 1. Il Settore Tecnico della F.I.G.C., tenuto anche conto delle esperienze

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1

REGOLAMENTO. Articolo 1 REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina, a norma di quanto disposto dallo Statuto, le norme applicative per l organizzazione ed il funzionamento del CRAL e dei suoi organismi, e stabilisce, in prima

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015

AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo 2014/2015 U.O.S.D. FORMAZIONE EDUCAZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE Scadenza 15 DICEMBRE 2014 AVVISO DI PUBBLICA SELEZIONE PER L AMMISSIONE AL CORSO INTEGRATIVO/ABBREVIATO PER OPERATORE SOCIO SANITARIO Anno Formativo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15

CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 Pagina 1 CAMPIONATO ITALIANO CURLING STAGIONE 2014-15 FINALI NAZIONALI SERIE B MASCHILE DOCUMENTO INFORMATIVO PER IL TEAM MEETING Team Meeting Finali B Maschili Pagina 1 Pagina 2 Sommario 1 INTRODUZIONE...3

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Art. 1. (Indizione concorso)

Art. 1. (Indizione concorso) Allegato 1 al Provvedimento del Direttore dell Istituto TeCIP n. 66 del 10/02/2015 Concorso per l attribuzione di due Borse di studio per attività di ricerca della durata di 12 mesi ciascuna presso l Istituto

Dettagli

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale F E D E R A Z I O N E I T A L I A N A G I U O C O H A N D B A L L P a l l a m a n o AREA TERRITORIALE LIGURIA PIEMONTE LOMBARDIA - VENETO - FRIULI V. G. Ufficio Attività Agonistica Giudice Sportivo Territoriale

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA Regolamento Il Gruppo Sportivo Bancari Romani, sotto l egida della IAAF e della FIDAL, con il patrocinio di Roma Capitale e della Regione Lazio, indice ed organizza la 41ª edizione della Roma Ostia Half

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto):

RECAPITO a mezzo raccomandata/telegramma (se diverso dalla residenza, indicare qui sotto): Prot. n. di data Riservato all Ufficio Al Direttore Generale dell'università degli Studi di Trieste Ripartizione Reclutamento e Formazione Piazzale Europa, 1-34127 Trieste Il/la sottoscritto/a chiede di

Dettagli

ENTRY FORM/ISCRIZIONI SQUADRE ITALIANE

ENTRY FORM/ISCRIZIONI SQUADRE ITALIANE ENTRY FORM/ISCRIZIONI SQUADRE ITALIANE Il Comitato Organizzatore dell INTERNATIONAL SWIM MEETING AZZURRI D ITALIA ha il piacere di informare le Nazioni interessate, le Squadre e gli Atleti che la manifestazione

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli