Iain Chambers Migrazioni, modernità e il Mediterraneo. Il mondo contaminato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Iain Chambers Migrazioni, modernità e il Mediterraneo. Il mondo contaminato"

Transcript

1 Iain Chambers Migrazioni, modernità e il Mediterraneo Continent, city, country, society: the choice is never wide and never free. And here, or there No. Should we have stayed at home, wherever that may be? Elizabeth Bishop, Questions of Travel (1991) 1 Il mondo contaminato In questi mesi, in questi anni, si è incominciato a parlare, spesso con toni sempre più allarmati, della questione dell immigrazione illegale. L arrivo dei clandestini è un fatto che viene spesso pubblicamente denunciato, mentre privatamente viene assorbito per incontrare le esigenze crescenti della forza lavoro. Sulla scia del cambiamento radicale della morfologia della cultura urbana nell occidente, si incomincia anche a parlare, di solito in toni meno aspri, dello sviluppo di una società multietnica, delle culture ibride e delle realtà meticciate. Il secondo fenomeno però, anche quando non viene visto attraverso gli occhi della xenofobia, è di solito trattato come fenomeno recente e, in ogni modo, di poco conto nella realtà storica e complessa della nazione. Si sa che, al contrario degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e della Francia, l Italia non ha partecipato direttamente al saccheggio del mondo, pur giustificando a suo tempo la schiavitù razzistica, il colonialismo rapace e l autoritarismo imperiale. Questi spettri della storia, che ogni tanto ritornano a disturbare gli scenari urbani di Los Angeles, Londra o Parigi, non fanno parte della storia italiana. Ma siamo sicuri? L Italia è anch essa parte della modernità occidentale; il suo caffè, i suoi pomodori, come la ricchezza della sua architettura barocca, sono tra i frutti del suo inquadramento nel mondo coloniale. Ci sono stati inoltre degli eventi imperiali nell Africa orientale, perseguiti sia dallo stato liberale sia dallo stato fascista. Le palme dell Italia meridionale non sono native, simboleggiavano i percorsi d oltremare, un sogno imperiale andato poi in frantumi. Notava Hannah Arendt che l interno moderno e metropolitano è stato costituito dallo 1 Continente, città, paese, società/la scelta non è mai ampia e mai libera./e qui, o lì No./Saremmo dovute restare a casa, /ovunque essa possa essere? 102

2 sfruttamento imperiale all esterno (Arendt 1986). Ogni volta che si beve un caffè (o un tè) c è l affermazione, sebbene inconsapevole, dei processi di globalizzazione che sono in atto ormai da cinque secoli. L emigrato di ieri, che partiva da Genova per approdare a Buenos Aires, e l immigrato di oggi, che lascia Dacca per trovarsi abbandonato su una spiaggia pugliese, sono separati nel tempo ma unificati nella stessa storia. In tutto questo c è stata una grande rimozione. Nell immaginario collettivo sembra trattarsi di piccoli incidenti che non possono incidere sul senso profondo della cultura e dei costumi della vita nazionale. Si dimentica facilmente che la nostra luce elettrica, la nostra ricchezza, la nostra potenza sono anche il buio, la povertà e la debolezza di un altro. La modernità rivelata in una lingua, in una cultura ed in una letteratura, non può essere considerata autoctona, non può essere separata dall ambiente mondiale in cui la modernità euroamericana ha acquistato le sue forme differenti. In questo senso, noi tutti, sia i cittadini del nord del mondo sia i cittadini del sud del mondo, viviamo in una condizione post-coloniale in cui anche una cultura ristretta ad un cerchio d élite non può più pretendere di essere incontaminata dal mondo in cui si trova ad agire. Come ha notato Sandra Ponzanesi, questo inconscio coloniale fornisce un elemento cruciale nella ri-memorazione e ri-narrazione delle storie che la cultura nazionale ha spesso rimosso (Ponzanesi 2001). Ma che senso ha portare questo argomento in vicinanza del discorso letterario-culturale italiano? Semplicemente quello di suggerire che una formazione letterario-culturale che ignora la complessità della modernità ha scelto un percorso destinato ad essere sempre più provinciale. Ovviamente ogni cultura nazionale cerca di imporre una visione omogenea del suo passato, e le sue istituzioni formative (la scuola, l università, ma anche la stampa e la televisione) sono chiamate a disciplinare la lingua e la letteratura nazionale per arrivare a questo risultato. In questa maniera si realizza solamente la riproduzione ufficiale del senso comune, uccidendo contemporanemente le possibilità critiche della stessa cultura e della sua letteratura. Qui sarebbe il caso di ricordare la frase tagliente di Walter Benjamin: Non c è mai documento di cultura che non sia, nello stesso tempo, documento di barbarie. (Benjamin 1955c) Spesso si ha l impressione che il pericolo di questo tipo di chiusura non sia nemmeno avvertito, e che anche se lo fosse lo si sosterrebbe in nome dell autonomia della cultura. L idea opposta, fortemente incoraggiata dalla letteratura stessa, che si può rivisitare il passato per rileggerlo, ma anche per ri-considerarlo e ri-configurarlo alla luce critica 103

3 del presente è spesso considerata illegittima, dilettantesca, e soprattutto poco scientifica. Non si tratta di un revisionismo intento ad abbassare il livello critico, ma si tratta di ospitare la sfida che emerge da una complessità rimossa per proporre un senso polifonico delle culture e delle letterature che portano l aggettivo di italiano. Forse è arrivato il momento di rendere la storia, la cultura e la letteratura nazionale un po meno narcisistiche, e di ripensare questa formazione, con i suoi canoni letterari ed estetici, nella costellazione mondiale della modernità. Si tratta di viaggiare nella lingua e di essere trasportati dalla stessa lingua altrove. Sarà la lingua stessa che si fa suolo. E allora, forse, lo studio della lingua e della letteratura italiana, come ha suggerito recentemente il poeta caraibico Derek Walcott, potrebbe aprirsi verso quella mondializzazione inaugurata nella poetica di Dante quando egli abbandonò il latino e la lingua del cielo per la lingua secolare della terra. Oggi, quasi otto secoli più tardi, si fa parte di un mondo in cui le divisioni disciplinari, le barriere linguistiche e nazionali vanno un po abbandonate, per lasciarsi interpellare dalle storie rimosse che sopravvivono nelle correnti della modernità stessa. Ogni tradizione diventa il luogo di traduzione, ogni canone una ricca rovina esposta ai venti che arrivano dall altrove. Forse in questa maniera si potrebbe incominciare a registrare un senso più ampio, più aperto e perciò più articolato della narrazione nazionale, permettendo il riconoscimento di quel transito storico che abita la lingua e la storia di ognuno di noi. Un mare di storie Come andrebbe riconsiderata la storia del Mediterraneo alla luce di queste problematiche? E non stiamo parlando della mera aggiunta di un unità nazionale all altra, né di una teleologia semplicistica che comincia con la civiltà greca, egizia, fenicia per poi riuscire a contenere più di tre millenni di differenza unificati da un mare comune. Come luogo specifico, il Mediterraneo evoca il continuo intrecciarsi di radici e rotte diverse; nella sua lunga durata (Braudel) si tratta di luoghi di sedimentazione ma anche di dispersione. Come si fa, allora, a navigare, storicamente e culturalmente, in questo spazio, armati ormai di un senso di modernità che si è maturato nelle condizioni contemporanee di ibridità interculturale, e forti di una crescente insistenza etica che passa radicalmente al vaglio le idee di casa, ospitalità, e proprietà della cultura, della storia e del linguaggio? 104

4 Qui i contorni relativamente fissi del mare, della costa, delle pianure e delle catene montuose ospitano formazioni storiche spesso imprevedibili, e fenomeni culturali fortemente variabili. In questa unità instabile, magistralmente espressa nel 1949 da Fernand Braudel in La Méditerranée et le Monde Méditerranéen à l époque de Phillipe II (Braudel 1966) esiste una precarietà destinata a disturbare il compromesso strumentale del pragmatismo politico, come pure la più sottile conclusione critica. Persino nelle generalizzazioni geo-storiche più approssimative, la registrazione dei confini del Mediterraneo espone immediatamente i criteri d analisi, dal momento che i suoi confini si srotolano a nord verso il Baltico, a est verso il Levante e oltre, a ovest verso il mondo atlantico, e a sud, seppure su questo aspetto spesso si sorvoli, verso il Nord Africa e la parte sub-sahariana del continente. Questo significa automaticamente registrare le storie slave, tedesche, arabe e africane come parti anch esse integranti del Mediterraneo, delle sue genti, delle sue storie e culture. C è l immagine scolastica del Mediterraneo come culla originaria della cultura europea: un poeta greco che pizzica la sua lira su una sponda del mare Egeo, accordando i primi versi dell Iliade. Ma dietro questa bella immagine si cela una costellazione di storie sicuramente più confusa, ma anche più ricca, in cui elementi etnicamente ambigui e culturalmente complessi pulsano, incuranti della pulizia ideologica portata dalla moderna storiografia europea, dall estetica, e dal sapere ellenico, e della loro condivisa fiducia nel destino apparentemente unico di un Europa fondamentalmente omogenea. Nell agora ateniese, grano e schiavi dalle colonie ai bordi del mondo nomade della regione del Mar Nero si mescolavano con l Egitto urbano e con la Persia cosmopolita. Una breve occhiata alle pagine del romanzo di Amitav Ghosh Lo schiavo del manoscritto (Ghosh 1994) - basato su un opera fondamentale, in cinque volumi, di Shlomo Dov Goitein: A Mediterranean Society ( ) - rivela un mondo di comunità ebree nell universo arabo del dodicesimo secolo, che si estende verso l esterno a partire dal Cairo, in direzione ovest fino allo Stretto di Gibilterra, e ad est fino all India meridionale. Attraverso il commercio, i viaggi e le transazioni culturali, si fa strada un senso di appartenenza che nasce da una capillare gamma di legami commerciali, familiari, e culturali. Proprio da lì, per quei mari, e poi in seguito alla successiva trasmissione araba ad un mondo cristiano sospettoso, ritorna la figura cruciale della scienza moderna, della tecnologia e della comunicazione digitale: il significante 105

5 del nulla: lo zero. 2 All incirca nello stesso periodo, l iniziale schiudersi dell Est all Europa medievale, che vide i mercanti italiani e i messi papali raggiungere la Cina, fu permesso dalla conquista e dal controllo dei Mongoli sulle steppe asiatiche. Storie, culture e genti provenivano dal Mediterraneo, ma vi provenivano spesso da molto lontano, cambiando per sempre la fisionomia culturale e gli orizzonti storici di quel mare. Naturalmente, rotte di commercio o di transito, e forme di identificazione pre-nazionale e perciò non regolarizzate, sono poi state riassorbite, se non sepolte nell oblio, dalle rigide demarcazioni imposte dalla guerra, dai nazionalismi, e dall imposizione di frontiere. Da un punto di vista storico, il Mediterraneo come regione non è mai stato unificato da quando è caduto l Impero Romano; a conti fatti, è stato molto spesso in guerra con se stesso. Per via di tali divisioni, molti pezzi della sua storia sono andati perduti. C è, per esempio, un mondo che è quasi del tutto assente dalla narrazione occidentale: quello del Mediterraneo musulmano, con il tragitto storico e culturale che l Islam ha fornito dall Atlantico all Asia centrale, e poi, volgendosi a sud, verso l Africa nera. Perfino negli ultimi tempi, gran parte dei Balcani si è data un gran da fare per scrollarsi di dosso il suo passato turco e musulmano. Il Mediterraneo, luogo di storie così intricate e indigeste, diviso tradizionalmente da differenze religiose, spesso infrequentabile fino al 1800 per via dei pirati, eppure anche unificato dalle rotte dei pellegrinaggi, è un qualcosa che continua a nascondersi nei recessi di un eventuale comprensione storica. Eppure, nello stesso tempo, eccede le categorie che abbiamo appreso ad usare per individuare le sue caratteristiche. I sintomi di quest altra storia, successivamente celati nell uniformità del classicismo e del nazionalismo europeo, continuano a emergere, però, nella realtà incredibilmente composita della dieta mediterranea: le arance e i limoni introdotti dagli Arabi dall Estremo Oriente, e così il riso; la melanzana dall India; i fagioli, le patate e le pesche dalla Cina via la Persia, come i cipressi; e poi i pomodori, il peperoncino e i fichi d India dalle Americhe (Lucien Febvre in Braudel 1985, p.8) Questi segni e sapori ci invitano a un ripensamento. L immagine decisamente chiusa e definitiva del mondo mediterraneo si riapre dinanzi a una serie di interrogativi che si rifiutano di scomparire. Il confronto 2 Inventato in realtà qualche migliaio di anni prima dai Sumeri e portato sulle rive del Gange da Alessandro, fu però il matematico indiano Mahavira a intuire l intera portata della cifra. Poi, attraverso i mercanti e i matematici arabi lo zero rientrò in Europa occidentale. 106

6 militare tra Spagna e Marocco nel luglio del 2002, per un isolotto disabitato nel Mediterraneo, ci riscopre inaspettatamente testimoni dell insospettato potere della storia, poiché ci riporta a un Mediterraneo dominato dal potere marittimo islamico, con guarnigioni spagnole precariamente asserragliate sulla costa settentrionale dell Africa, che osservano nervosamente il passaggio stagionale dei nomadi berberi, mentre cercano invano di contrastare la pirateria musulmana. Furono proprio questi stessi pirati che saccheggiarono Sorrento nel 1558, e che, quando le autorità spagnole di Napoli si rifiutarono di pagare il riscatto, vendettero allora le donne e i bambini come schiavi nei mercati di Tunisi e di Istanbul. Ma c erano anche stati i mercati di schiavi nella Roma medievale, cristiana, come pure nel ducato bizantino di Napoli, che impiegava nel frattempo i mercenari arabi provenienti dalla Sicilia, per combattere contro la città di Benevento. La schiavitù mediterranea lungo i suoi perimetri meridionali e settentrionali è un capitolo di storia ancora da scrivere. E allora, mondi apparentemente così lontani tra loro rivelano una sconvolgente prossimità, sospesi a condividere delle realtà storiche, dinanzi a un orizzonte di mare in comune. Il Mediterraneo come mare di culture, di poteri e storie migranti continua ad essere proprio questo. Il suo aspetto fluido e crespo (Horden e Purcell, 2000) testimonia una formazione composita, sempre in via di farsi, mai completa, destinata a ulteriori configurazioni. Gli immigrati di oggi, per quanto così temuti, disprezzati e vittimizzati dal razzismo, sono il ricordo storico del fatto che il Mediterraneo, ritenuto l origine dell Europa e dell Occidente, è sempre stato parte di un altrove; proprio come le sue storie, le sue culture e le sue genti (compresi 27 milioni di italiani) hanno incessantemente abbandonato i suoi lidi per altri luoghi. Se Ulisse è la mitica figura del viaggiatore e dello straniero con cui quella storia ha inizio, è ancora con la figura del viaggiatore e dello straniero che questa storia continuerà. Una rimozione storica Il mondo, commenta Edward Said, è pieno di gente senza documenti, sia in senso burocratico che in senso storico. Si tratta, continua Said, della massa non-cosmopolita che esiste al di là dell arte, della soggettività, e della rappresentanza politica e culturale (Said 1984). E il rovescio, il lato oscuro, della ben nota insistenza di Benedict Anderson sullo statuto anonimo della nazionalità (Anderson 1983). 107

7 Queste persone sono esiliate in molti modi; non solo, com è ovvio, per una dislocazione fisica e materiale, ma anche economicamente, politicamente e culturalmente, per l esclusione dal programma che detta lo sviluppo e il progresso globale. Eppure, se il mondo dell opulenza ha bisogno del resto del pianeta per le risorse economiche e materiali, per non parlare della presenza persistente di un alterità abietta che crudelmente rispecchia e misura la sua identità privilegiata, d altra parte esso, inconsapevolmente, produce anche un contro-spazio violento da cui tale identità viene rivalutata criticamente. Ovviamente, nulla si ritrova o si vive in modo davvero solo bianco o nero. Le configurazioni e le locazioni che si ritrovano al mondo sono, tutto sommato, più complesse e ibride nella loro formazione e articolazione. Nessuno occupa semplicemente un unica categoria, destinato ad attenersi ad essa per sempre. Però, certamente ci ritroviamo in un tempo, caratterizzato al tempo stesso dai processi di globalizzazione e da crisi, in cui si rende necessario ritornare alle strutture tenaci in cui avvengono i mutamenti politici e le trasformazioni culturali. E importante riconoscere, nelle condizioni sempre più creolizzate della vita metropolitana, non solo l arricchimento del Primo Mondo ma anche le ormai richieste cariche di altri mondi; richieste cariche di giustizia sociale, economica e politica che continuano a esistere ben oltre la tenuta di superficie di una benefica addomesticazione. Possiamo approfondire questo argomento partendo da una sequenza del film di Werner Herzog, Cobra Verde (1988), basato su The Viceroy of Ouidah di Bruce Chatwin (Chatwin 1982). All inzio del film, che si svolge alla metà dell Ottocento, c è una scena in cui vediamo degli schiavi neri che stanno tagliando e raccogliendo le canne da zucchero in una piantagione in Brasile. In primo piano vediamo il padrone biancos che spiega al protagonista e futuro mercante di schiavi, Dom Francisco Manoel Da Silva, interpretato da Klaus Kinski, l economia della merce in zucchero dominata dal dente dolce della Gran Bretagna. La raccolta dello zucchero è per una Gran Bretagna che ha abolito la schiavitù, che sequestra le navi negriere in mare, e tuttavia continua a godere del beneficio domestico del lavoro degli schiavi. In questo paradosso crudele consiste la storia amara dello zucchero (Derek Walcott). Ovviamente, questa non è la storia che la modernità occidentale è abituata a raccontare a se stessa. La schiavitù, il razzismo e l insistenza sulla purezza etnica sono considerati aberrazioni, incidenti storici; terribili e disgustosi, ma comunque fattori esterni che non scalfiscono il cuore della modernità e la realizzazione del progresso, della politica 108

8 democratica e della cultura illuministica. Prestare attenzione a tali eventi, a tale storia mostruosa, invece, serve a rendere esplicito qualcosa che è stato centrale per la formazione della modernità occidentale dai suoi inizi cinque secoli fa. Esporre la repressione che abita il cuore di tenebra della modernità, significa toccare il rimosso che permette un immagine coerente e omogenea da sostenere in pubblico e in privato. La modernità si è costruita su questa rimozione, sulla negazione dei corpi, delle storie e delle culture su cui l economia politica dell Atlantico, e con ciò dell Europa moderna, si è fondata. Emigrare, immigrare, trovarsi in esilio e spaesati, non è una questione recente, poiché investe tutto l arco della modernità, dal momento della scoperta del Mondo Nuovo all arrivo dei motoscafi sulle coste nordiche del Mediterraneo di oggi. Reintrodurre questa storia nella configurazione del sapere e del potere della modernità significa suggerire che métissage, creolité, ibridità non sono discorsi dell ultima istanza essi sono disseminati nella storia moderna sin dall inizio. La mostruosità della ragione A questo punto ci si chiederà di chi è questo progresso, questa libertà e illuminismo, di chi è questa modernità. L universalismo che parla in suo nome, mentre sorvola sulla mancanza di libertà e l oblio degli altri, propone una prospettiva universale che resta vera solamente per alcuni, non per tutti. Come mai la maniera occidentale di concepire il mondo pretende di essere universale, mentre altre storie vengono messe al margine, rese subalterne, calpestate e spesso espulse dal racconto? L orrore dell altro, dell alterità, scrupolosamente localizzato nelle presunte differenze razziali, non rappresenta solamente la paura di una minaccia esterna, ma anche la paura dinanzi alla potenziale trasgressione e distruzione di quell ordine che, con i suoi saperi sociali, politici ed estetici, con i suoi poteri, pensa di riuscire a gestire e spiegare l altro, e con ciò il resto del mondo. La passione per lo sradicamento dell alterità dalla terra è anche volontà di rendere centrale la propria casa, il senso della dimora che autorizza tale desiderio e lo premia. Nel suo nazionalismo, localismo e razzismo, tale desiderio costituisce una nevrosi pubblica e privata. Fare a meno della concezione rigida del luogo e dell appartenenza che sorregge la mia voce e garantisce il mio potere non significa solo fare un semplice trasloco per entrare nelle coordinate di un contesto ormai planetario. Tale spostamento 109

9 mi servirebbe meramente come scusa per evitare qualsiasi responsabilità reale nel nome di un globalismo astratto e generico. La mia tradizione potrebbe continuare indisturbata in una nuova configurazione dai contorni non troppo netti. Invece, qui si tratta di qualcosa di molto più preciso e urgente. Nell orrore dello spaesamento pulsa l'angoscia per la dispersione dell uomo occidentale: la paura del razionalismo davanti a quello che eccede e sfugge al ragionamento che conferma la centralità del soggetto occidentale nella spiegazione del mondo. In tutto questo consiste la sfida storica annunciata dalla violenza che nell arco di cinque secoli ha stabilito la possibilità di articolare il nostro senso del mondo che orbita attorno alla centralità storica e epistemologica dell Europa. Tale centralità si regge su un rapporto ineguale, ingiusto e raramente riconosciuto. La ragione che si vede specchiata in questa formazione dovrebbe sapere di essere inscritta in questa violenza; una violenza strutturalmente rimossa e addirittura negata per permettere alla ragione di funzionare indisturbata. Ma la mostruosità del ragionamento occidentale, segnata da pulizie etniche, ideologie razziste e genocidi, cioè da una violenza che spesso ha abbandonato le sponde della ragione, non è un incidente storico o una rara atrocità accaduta ai margini del mondo. Questa mostruosità, distillata nel desiderio di spiegare e gestire tutto, ritorna sempre, e si è rivelata centrale alla nostra modernità. Da questa prospettiva ben si comprende la riflessione di Walter Benjamin: i morti continuano a parlare. La nostra casa e i nostri linguaggi sono costruiti in loro presenza; e il senso che ognuno porta con sé si regge anche e soprattutto sulla violenza distillata nell oblio di quest altra storia. Il senso del silenzio Questo ci introduce a qualcosa di più che una risistemazione sul terreno del pensiero. Nell ascoltare il supplemento del silenzio - quello che una volta era considerato non-senso, inintellegibile e indecifrabile - posso iniziare a capire che il mio linguaggio, la mia identità, la mia storia, la mia voce, hanno sempre richiesto l espulsione violenta nell oblio di qualsiasi oggetto di disturbo. Ora, poiché non posso parlare per questo silenzio, per questo altro, posso però lasciare un posto per esso: come lo spazio tra il respiro delle mie parole: essenziale ma solitamente dimenticato. Qui il volto immediato dell altro, reso attuale da un mondo che si restringe ogni giorno, interrompe l anonimo, l astratto. Come insegna Emmanuel Lévinas, è l evasione del volto dell altro che permette l omicidio anonimo e il massacro astratto (Lévinas 1961). Il volto invita a 110

10 una risposta che non può essere una risposta ipotetica, e ci spinge alla cura per qualcosa che si estende oltre il teorico: Per questo c è un abisso tra il filosofare sul naufragio e un pensiero che davvero naufraga (Heidegger 1981) Quando il mio tempo è piegato dal tempo altrui e il mio pensiero è attraversato dalla presenza di un altro, entra in gioco una dinamica che non posso più possedere. Il varco verso l alterità, verso quello che mi eccede, è un apertura in cui sono costretto a pensare oltre il mio senso di possedere una storia, una cultura e identità che rende tutto trasparente ai miei interessi. Mi trovo in un apertura in cui la mia storia, il mio essere, sono resi vulnerabili, aperti alla sfida di essere resi altro a loro volta. La mia storia è interrotta, il suo possesso del mondo è sradicato; non più unica deve rispondere a un incontro che non può controllare, che non può più rappresentare né più escludere. Qui nella dinamica del linguaggio affiora l inquietudine del silenzio da cui arrivano altre voci, altre storie, gli altri. Qui avviene il passaggio dall'accettazione liberale delle differenze, in cui la visione dominante non viene mai sfidata, all interruzione radicale dell alterità. Ritornare al linguaggio con questo supplemento, con questo modo per piegare il tempo, dà inizio alla cerimonia della memoria che semina nel linguaggio egemonico altri frutti, altre storie, altre verità da raccogliere. Quando il mio, il nostro, linguaggio - il linguaggio della modernità, dell occidente con il suo progresso e la sua tecnica - è riformulato, ricostruito, in questa maniera, il linguaggio lascia posto all inquietudine dell inaspettato. Un mondo, una geografia tutta centrata su se stessa, incominciano ad andare alla deriva. Le scorie della storia Pensiamo un attimo alla musica, sia come linguaggio sia come mezzo per sondare la modernità. L opacità semantica dei suoni si estende al di là delle frontiere del quotidiano e delle istituzioni che cercano di regolare il senso delle nostre vite. Le sottoculture giovanili e le loro musiche sono state fra i segni più spettacolari dell esplorazione di tali aperture negli ultimi cinquanta anni, ma il loro arresto entro i confini arbitrari dello stile (di solito fortemente maschile) significa che anch esse sono destinate ad essere superate dal supplemento dei suoni che tendono a circolare nel mondo senza un indirizzo fisso. 111

11 Nell avvicinarsi all essenza tecnica, estetica e culturale della musica odierna, un idea chiave, come Walter Benjamin aveva suggerito negli appunti che costituiscono il volume Parigi. Capitale del XIX secolo (Benjamin 1982), sarebbe quella di prendere le scorie della città, i frammenti delle sue storie e dei suoi linguaggi, come materiale - i segni e suoni che si trovano quasi per strada - e, come un disc-jockey, mescolarle insieme per creare un ritmo, una cadenza, che ci porti verso un nuovo orizzonte di senso. Così, posso pensare alla maniera della musica scratch rubata dai DJ neri di New York dove suoni già incisi vengono suonati simultaneamente su un paio di piatti per arrivare ad un ritmo, ad un immagine sonora, mai sentiti prima. Lo scratch, questa prassi di bricolage, potrebbe essere una metafora per la produzione culturale contemporanea che ci indica le vie in cui possiamo usare i linguaggi della città stessa per esplorare la città. Questo ci permette di prendere in considerazione l idea dei linguaggi della città - la musica, ma anche il cinema, la tv e la moda - come forme del sapere contemporaneo. Si tratta di archivi elettronici e memorie audiovisive che disturbano, minacciano e mettono in questione le forme precedenti di autorità ed egemonia - sia intellettuali che politiche ed estetiche - e che permettono, nello spazio fra i frammenti, che altre voci, altri sensi, altri accenti, altri mondi, emergano e vengano ascoltati. E qui che si formula un nuovo senso estetico, dove i valori culturali non sono più visti come fatti eterni e metafisici, ma invece emergono, vivono e muoiono nel tempo, nel movimento perpetuo del mondo. Poiché, naturalmente, questi linguaggi non possiedono alcuna garanzia etica o estetica. Se ora esiste una grammatica costante messa a disposizione dalla tecnologia mobile del Walkman, dei computer portatili, delle carte di credito, dei lettori CD, dei telefoni cellulari, di Internet e file l Mp3 (nell opulento Primo Mondo, il che significa che gran parte della popolazione mondiale non ha mai usato un telefono), il modo in cui questa grammatica opera può variare in intenzioni e in effetti. Se il primo Walkman combinava musica e tecnologia in un inquietante riconfigurazione dello spazio pubblico - un individualità distinta che emerge dal ronzio degli auricolari e che porta all interruzione di distinzioni precedenti tra la privacy interiore e la sfera pubblica esteriore - l accesso, tutto sommato più ristretto, al telefono cellulare (un costoso oggetto che richiede una continua revisione economica) potrebbe semplicemente rivelarsi come banale estensione di un individualismo invadente, in cui la sfida a precedenti forme di linguaggio e di comunicazione viene completamente riassorbita dalla banalità del 112

12 riprodurre pubblicamente il familiare. Qui la rischiosa ambiguità e la potenziale apertura dei linguaggi si riduce spesso alla neutralità trasparente dell iper-informazione computerizzata, e al desiderio narcisistico di essere sempre connessi (a cosa, dove, come, perché?). A questo punto la metropoli si presenta come luogo aperto dell identità sociale, della memoria culturale e delle possibilità storiche. Questo spazio è quello che oggi può essere invaso dai linguaggi che sotto l impatto della globalizzazione dei rapporti culturali non sono proprietà di nessuno: il lessico della musica rock, la sintassi televisiva, l ubiquità della lingua inglese. E qui che il pericolo e la chiusura dell omogeneo, del sempre uguale, viene accompagnato dalla salvezza e dall apertura delle differenze. In questa nuova configurazione, aperta alle storie, alle memorie, alle possibilità che arrivano dall altrove e emergono fra di noi, l identità non può essere vissuta come qualcosa di già dato e realizzato ma diventa invece un apertura, un continua elaborazione, verso l avvenire. Qui si disputa un senso della modernità che, come notava Nietzsche, raggiunge l apice del nichilismo nel ridurre la molteplicità della vita alla singolarità di una metafisica universale rappresentata dalla presunta sovranità dell identità individuale. Invece la razionalità produttiva della modernità è continuamente interrotta dai propri linguaggi che la portano altrove. In questa maniera lo stato, i linguaggi dominanti, e la logica del capitale, sono spesso bloccati e deviati quando identità contigue viaggiano altrove, per esempio passando lungo i fili telefonici e attraverso il modem, mentre l ultimo miscuglio musicale di ragga viene trasmesso dalla Giamaica a Londra, per poi continuare a New York per un ulteriore elaborazione, prima di tornare a Kingston per arrivare sul dischetto e la pista da ballo nel giro di pochi giorni. Da DJ a DJ, tramite la tecnologia digitale, un linguaggio nero e metropolitano che porta il nome di Giamaica è trasmesso oltre le frontiere, rifiutando di fermarsi alle dogane culturali o di mantenersi entro i limiti di un senso locale mentre viaggia nello spazio ontologico del suono. Sono tali linguaggi che ci permettono di esserci, che permettono all essere di esplorare le possibilità nuove. Questi linguaggi parlano, e parlano di un luogo culturale particolare dove il passato e la memoria, le iscrizioni e le prescrizioni, sono ri-scritte, ri-citate e ri-situate. Perché è lì che quelle che noi chiamiamo le nostre identità storiche, culturali e personali non vengono solo formate, ma addirittura ri-elaborate, per permetterci di entrare a far parte della prosa e della promessa del mondo. 113

13 Questo scenario chiaramente ci propone una rilettura del concetto di autenticità, e il suo decentramento, e con ciò la crisi del presunto rapporto trasparente e pragmatico fra linguaggio e identità, e le prospettive politiche e culturali costruite su di esso. La proiezione romantica che vede nell autentico una tradizione continua, una comunità stabile e un identità fissa, è qui interrotta da un diverso senso di autenticità. Questo senso emerge dalle tracce di memorie, suoni e storie, cioè dai linguaggi che forniscono le costellazioni mobili di un identità in grado di dialogare con la condizione vulnerabile del contemporaneo, per cercare lì la sua redenzione, la sua dimora. Oltre il multiculturalismo In questa zona incerta, ambigua, aperta, la sfida a essere decentrato e ad affrontare i limiti del proprio mondo significa anche affrontare i limiti del multiculturalismo che questo mondo finora ha proposto. Di nuovo, non si tratta semplicemente di aggiustare il quadro politico, di allargare gli spazi della sfera pubblica, per ospitare altre culture ed altre storie. Si tratta, invece, di affrontare un compito molto più arduo in cui noi stessi diventiamo il quesito principale. Abituati a pensare alle questioni di migrazione, immigrazione, razzismo e diversità come problemi altrui, siamo, invece, ora chiamati a pensarli come prodotti della nostra storia, della nostra cultura, del nostro linguaggio, del nostro potere, dei nostri desideri e nevrosi. A questo punto, l'antropologia occidentale diventa l antropologia dell occidente, ovvero l antropologia dell occidentalizzazione del mondo. Un antropologia ormai senza oggetti, composta solamente dai soggetti storici diversi. Se il multiculturalismo rappresenta la risposta liberale che riconosce le culture e le identità altrui per mantenersene al centro, e lasciando queste altre culture in posizione di subalternità, così evitando qualsiasi interrogazione del proprio progetto politico, qui, invece, stiamo contemplando qualcosa che va oltre il multiculturalismo e la sua logica di assimilazione per affrontare la questione persistente di come vivere con, e nelle, differenze. Si tratta, come osserva il critico postcoloniale Homi Bhabha, di entrare in quel terzo spazio dove ogni cultura di origine viene interrogata e configurata secondo i processi di ibridizzazione (Bhabha 1993). Qui si apre un divario tra il tempo del governare e il tempo etico della politica, il divario tra la gestione istituzionale e le forme e le forze che lo precedono ed eccedono. Qui l identità di ciascuno di noi 114

14 diventa una rete di diversità, un apertura di differenze etniche e linguistiche, di differenze storico-culturali, religiose e sessuali, che nessuna logica è in grado di racchiudere in sé. Se il concetto dell altro, su cui il nostro senso di identità storica, culturale e individuale si regge, è andato in frantumi, anche noi siamo coinvolti in una dispersione che ci porta oltre quella casa tradizionale composta di linguaggio e identità nazionale, di località fissa. Non si tratta di evocare l altro come minaccia o speranza, ma di interrogare noi stessi. Perché qui si profila la sfida a concepire il nostro essere senza la garanzia di essere radicati in sangue e suolo, senza l idea che il nostro linguaggio, la nostra cultura, la nostra storia, appartengano solamente a noi. Sporcare il pensiero A questo punto il rapporto tra noi e l altro diventa molto meno chiaro. Sia lo spazio sia il tempo della modernità risultano più complessi, meno geometrici e lineari nelle loro articolazioni. In quest ottica si tratta di recepire la possibilità che la modernità ed i suoi linguaggi di secolarizzazione non rappresentino un processo unilaterale. Sebbene il mondo sia stato investito dalla potenza economica, politica e culturale della modernità occidentale, non si arriva automaticamente all appropriazione completa da parte dell Occidente: l occidentalizzazione del mondo non significa che l occidente sia diventato il mondo. Il nostro spazio, come la nostra storia e cultura, non è solamente nostro. Al contrario, ormai circolano e sopravvivono all interno dei linguaggi dell occidente anche altri modi di esserci nel mondo, suggerendo una serie di percorsi trasversali in cui l arcaico e il moderno, il sacro e il secolare, coesistono e costituiscono nel loro insieme i linguaggi ambigui del presente. Qui i rapporti risultano molto meno incisivi per capire una modernità che spezza continuamente i tempi del promesso superamento o Aufhebung del progresso sottoscritto dal pensiero dialettico. In questa luce la modernità ci prospetta un paesaggio mondiale che precede ed eccede la nostra volontà. E anche se pensiamo di esserne gli autori, spesso ci ritroviamo assoggettati ai suoi linguaggi. Parlando come moderni del nostro rapporto con le culture altrui, spesso dimentichiamo che tali rapporti sono sedimentati nell essere moderno da secoli. È stato infatti su tali rapporti che il concetto stesso della modernità si è elaborato, e con ciò l alterità rimossa, soprattutto nell epoca in cui il nostro mondo apparentamente diventa il mondo, si rivela parte integrante di noi stessi. 115

15 Questa forse è la grande lezione di Pasolini, e questo è sicuramente il punto centrale della teoria postcoloniale. Trasportare i termini dell argomento su questo terreno, sporcando il pensiero con l insistenza terrestre della formazione ibrida ed incerta di una modernità diventata mondo, significa spezzare qualsiasi distinzione netta tra noi e gli altri, tra il Nord e il resto del mondo, il centro e la periferia. Lo spostamento dell argomento in questa direzione ci aiuta anche a raccogliere l azione apparentemente inconcepibile dell 11 settembre Non si tratta tanto di un evento piombatoci addosso, quanto di uno dei tanti punti di maturazione dei percorsi subalterni della modernità, che trova voce e, soprattutto, spazio mediatico, nell amplificazione drammaticamente moderna del terrorismo. Non penso che l appoggio popolare alla strategia vendicativa di un miliardario saudita provenga puramente dal serbatoio della religione; penso invece che sia il caso di dirigere la nostra attenzione verso quei frutti della modernità che Frantz Fanon chiamava i dannati della terra. A questo punto, però, non si tratta di evocare lo spettro di un Terzomondismo per contrastare il compiacimento del pensiero occidentale che rifiuta di pensare ai propri limiti. Al contrario, si tratta di riconoscere all interno dei nostri discorsi l interrogazione dell altrove che ormai abita la casa del nostro linguaggio. Attraverso Hollywood e la società dello spettacolo abbiamo assistito molte volte a questi scenari, ma ora ecco il trauma, ecco il profondo senso di spaesamento, abbiamo sempre rifiutato di sentirli come il richiamo profondo della fragilità del nostro modo di inquadrare il mondo. Si trattava sempre di atti di esorcizzazione oppure di incidenti - genocidi, carestia, terrore politico - accaduti altrove: Ruanda, Guatemala, Angola, Cambogia, Eritrea, Timor Est, Palestina Ma se il mondo ormai è il nostro, inquadrato dalla nostra modernità, forse questi eventi sono anche nostri. Attraverso la freddezza dello sguardo critico abbiamo cercato di mantenere la distanza, non permettendo all oggetto di sfuggire alle nostre discipline (antropologiche, sociologiche, storiche, politiche ) per annunciarsi come soggetti storici che richiedano una risposta, e dunque il riconoscimento della nostra responsabilità nell abrogazione della loro storia. Tale annullamento storica rappresenta una ferita perfino più grave dell istituzione razzistica della schiavitù moderna. Forse è qui, quando la nostra modernità ritorna carica di altre storie, altre identità, altri desideri, che nasce una vera difficoltà. Se in qualche modo la modernità stessa è stata costruita sull espulsione, sia fisica sia simbolica, dell altro in nome della purezza religiosa, etnica, culturale e scientifica, allora la storia della modernità è anche la storia di 116

16 questa rimozione, di questa negazione, di questa impostazione di distanza. Una distanza che ormai è impossibile mantenere. Di nuovo, aprirsi a questa prospettiva richiederebbe una disponibilità a riconsiderare la configurazione della modernità dai suoi inizi cinque secoli fa. Qui troveremmo che gli argomenti di Marx sulla tendenza del capitale a realizzarsi in un mercato mondiale, e l insistenza di Heidegger sull evento storico rappresentato dall avvento del mondo quadro stabilito per la prima volta con la prospettiva umanistica, ci invitano a ripensare ai processi di globalizzazione secondo una temporalità diversa da quella indicata dal giornalismo istantaneo. Il ritorno della storia della modernità nella storia della prepotenza dell egemonia occidentale su scala planetaria, registrata e rimossa nel pensiero da una epistemologia violenta (Gayatri Chakravorty Spivak), ci spinge a riconfigurare il senso stesso della modernità. Dopo lo Shoah sappiamo che la violenza incomprensibile è stata sempre realizzata e sarà sempre realizzabile; possiamo trovarci continuamente dinanzi agli eventi che non riusciamo a far entrare nella nostra capacità di ragionare. Ma la registrazione dei limiti dei nostri linguaggi, del nostro pensiero davanti all incommensurabile, non significa che si dovrebbe passare dallo stato della ragione alle tenebre dell irrazionalità. Arrivare ai propri confini potrebbe anche servire a consegnarci a dialoghi e prospettive basate non tanto sul potere prescrittivo delle nostre voci, quanto sull apprendimento dell ascolto, dove i nostri linguaggi ritornano parlando di altre storie, di possibilità finora impensabili; dunque di altre modernità. L inquietudine del mondo Elaborare un senso del luogo, di appartenenza, edificare e abitare lo spazio, quello del Mediterraneo o quello della città di Napoli, per esempio, implica registrare dei confini, dei limiti; come minimo tra un dentro e un fuori, tra lo spazio coltivato della scena domestica e la stranezza e l inquietudine del mondo esterno. Naturalmente, dopo Freud, ma come Jean-François Lyotard ci ha ricordato, possiamo dire, sulla scia della tragedia greca, che questa casa è illusoria, che l estraneo, il rimosso, l inconscio, riescono sempre a infiltrarsi nello spazio domestico; la porta è porosa. Notava Georg Simmel che con la porta il confinato e lo sconfinato si toccano l un l altro, non nella forma geometrica e morta di una partizione di separazione, ma nel senso della possibilità di uno scambio continuo. Abitiamo nel perturbante, dove il rimosso completa l architettura delle nostre storie, le nostre culture, le nostre identità. 117

17 Tale concetto di luogo e di casa abitata dagli spettri della storia, mette in questione la storia, la cultura e l identità, sia dell altro sia del residente, e con ciò dei saperi che pensano di possedere la spiegazione di questi rapporti. I nostri saperi, le nostre narrazioni, noi stessi, siamo chiamati a rispondere ad una conoscenza dell esserci nella modernità che va oltre i confini istituzionali e disciplinari che abbiamo imparato e propagato. Al posto della scientificità conclusiva di una disciplina, di un sapere, si installa un senso aperto ed interdisciplinare; dove il senso sta per indicare la direzione, la via, il dispiegamento di un percorso critico. Fuori casa, un po spaesato, ogni discorso e formazione storico-culturale viene inscritto in una cartografia sradicata per essere ri-letto, ri-visitato nel momento in cui viene interpellato dalle storie rimosse che sopravvivono nelle correnti della modernità stessa. A questo punto ci troviamo in un percorso che si apre su una geopolitica e una globalizzazione diverse, con la prospettiva di riscrivere il senso stesso del luogo, dell identità, e delle modernità, che ci portano altrove. Questo sarebbe lo sradicamento radicale della modernità che altri, meno fortunati di noi, hanno già conosciuto. Forse, come ha suggerito Adorno, tocca ora a noi imparare a stare a casa senza sentirsi a casa, per recepire ciò che esiste oltre i nostri confini, i nostri concetti; quei concetti che, in fin dei conti, cercano sempre la consolazione di addomesticare il mondo per il nostro beneficio. In questo luogo, sospesa negli interstizi del divenire, ogni identità si trasforma da punto di arrivo in punto di partenza, lungo il percorso mondo dove ormai tutti cercano casa. Napoli, luglio

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO

STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO STORIA E GEOGRAFIA NEL PRIMO BIENNIO Storia: introduzione Considerata come fondamentale l acquisizione del senso storico, inteso come consapevolezza dell esistenza, nel tempo, di realtà sociali diverse,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA

Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA Interculturalità nel Mediterraneo PROF. FRANCESCO TORRE UNIVERSITA DI BOLOGNA Interculturalità nel Mediterraneo risponde ai programmi della strategia comune europea per la regione mediterranea. Che cosa

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO

ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO ANALISI PSICOLOGICA DELL INTOLLERANZA E DEL RAZZISMO Mi sono spesso chiesto: come nasce, come si genera il fenomeno del razzismo? Quali sono le cause più profonde dell essere umano che ci fanno pensare

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Emigrare per sopravvivere

Emigrare per sopravvivere VOLUME 3 PER LA PROVA INVALSI Unità 16 La mondialità Emigrare per sopravvivere Cognome Nome Classe Data CHI L HA SCRITTO? Nedo Rossi, docente universitario, ed Enzo Tiezzi (1938), insegnante di Chimica

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA LINEE GENERALI E COMPETENZE. Storia

STORIA E GEOGRAFIA LINEE GENERALI E COMPETENZE. Storia STORIA E GEOGRAFIA LINEE GENERALI E COMPETENZE Storia Al termine del percorso liceale lo studente conosce i principali eventi e le trasformazioni di lungo periodo della storia dell Europa e dell Italia,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India.

Le scoperte geografiche. Vasco de Gama circumnaviga (gira attorno) l Africa e arriva in India. 01 Scoperte e conquiste territoriali (di nuove terre) Gli storici pensano che la scoperta dell America nel 1492 è una data importante nella storia: infatti in questo anno finisce il periodo storico che

Dettagli

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA

2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA 2.6 IL SUOLO RAPPRESENTATO: LA CARTOGRAFIA Si ringrazia per il sostegno DA DOVE VIENI? DOVE VAI? RAPPRESENTAZIONI DEL SUOLO Nel suo abitare il suolo l uomo ha una prima esigenza: definirne i confini e

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Laboratori sulla costituzione PERCHE' QUESTO PROGETTO La scuola contemporanea diventa sempre più un luogo di incontro di bambini e ragazzi che provengono da origini, storie di

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE INDICAZIONI DIDATTICHE PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEL SECONDO CICLO DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE N. 1 INDICAZIONI PER L INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA NEI LICEI (in riferimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

ALLEGATO 1 testo di partenza. La situazione migratoria in Italia

ALLEGATO 1 testo di partenza. La situazione migratoria in Italia ALLEGATO 1 testo di partenza La situazione migratoria in Italia Il fenomeno migratorio in Italia ha ormai raggiunto proporzioni ragguardevoli: secondo le anticipazioni del Dossier Caritas 2005 le presenze

Dettagli

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA

Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Griglia di progettazione dell Unita Didattica di Competenza di STORIA Titolo dell unità di competenza: Indagare il passato per comprendere il nostro presente. Denominazione della rete-polo Istituto scolastico

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO STORIA e GEOGRAFIA Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 1 PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO e Biennio Scienze Umane a.s. 2013-2014 OBIETTIVI GENERALI Le discipline di Storia e Geografia sono finalizzate a Approfondire il legame tra la Geografia e la Storia, portando

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015

PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI TAGGIA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DI STUDIO Settore Scuola Primaria Anno Scolastico 2014/2015 CLASSE QUARTA Ogni équipe pedagogica organizzerà, per gli alunni della rispettiva

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI STORIA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (Campi di esperienza: Il sé e l altro, La conoscenza del mondo, Linguaggi, creatività, espressione) ANNI TRE TRAGUARDI OBIETTIVI CONTENUTI 1. Si

Dettagli

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016

PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE. anno scolastico 2015-2016 PROGETTO DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE SCUOLA SECONDARIA SECONDO GRADO anno scolastico 2015-2016 1 PROGETTO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Anno Scolastico 2015-2016 FINALITÀ GENERALI: Il riferimento alla

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Programmazione d'italiano per il biennio

Programmazione d'italiano per il biennio Programmazione d'italiano per il biennio Obiettivi disciplinari per il I anno Obiettivi generali: 1) acquisire l'abitudine alla lettura come mezzo originale per accedere alla cultura, per maturare le capacità

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Raymond Williams, Televisione, tecnologia e forma culturale

Raymond Williams, Televisione, tecnologia e forma culturale Raymond Williams, Televisione, tecnologia e forma culturale Su grande scala, dal servizio televisivo, attraverso la pubblicità commerciale, all informazione centralizzata e ai sistemi di trattamento dei

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Esplora diverse possibilità espressive della voce, di oggetti sonori e strumenti musicali, imparando ad ascoltare se stesso e gli altri; fa uso di forme di notazione analogiche

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA Plesso CESARE BATTISTI ARNATE Plesso ALESSANDRO MANZONI MADONNA IN CAMPAGNA CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA CLASSE 4^ ITALIANO l allievo prende la parola negli scambi comunicativi dimostrando di aver colto l

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Progetto: Educazione a colori

Progetto: Educazione a colori Progetto: Educazione a colori Cammino tra identità, intercultura e pace per i bambini della scuola primaria ed i preadolescenti della scuola secondaria di primo grado 1 Camminando si apre il cammino, non

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO QUINQUENNALE SCUOLA PRIMARIA Traguardi di sviluppo e obiettivi di apprendimento per la classe SECONDA desunti dalle Indicazioni per il Curricolo Disciplina OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Italiano

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti

Istituto d Istruzione Superiore Francesco Algarotti Istituto d Istruzione Superiore Istituto Tecnico Turistico MATERIA: disciplina alternativa alla RC CLASSE IV Sezione I A.S. 2014/15 L educazione un processo continuo Educazione e comunicazione La comunicazione

Dettagli

La situazione attuale

La situazione attuale La situazione attuale L Europa si sta impoverendo. I poteri forti stanno trascinando le classi lavoratrici verso la rovina. Sono gli agenti di un sistema definito dai principi del massimo profitto e della

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO

Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO Liceo Scientifico Statale Innocenzo XII ANZIO (Roma) Programmazione Generale Dipartimento di Lettere BIENNIO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Questa programmazione fornisce orientamenti generali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione

4.6 La socialità e la nuova povertà urbana. 4.6.1 Povertà e modernizzazione Lo sviluppo e il sottosviluppo 269 4.6 La socialità e la nuova povertà urbana Come dimostra la recente nascita di un pianeta di bidonville: i contadini espulsi dalle terre non possono venire assorbiti

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11

OPPOSITORI HEGELISMO. Arthur Schopenhauer (1788-1861) ELVIRA VALLERI 2010-11 OPPOSITORI HEGELISMO Arthur Schopenhauer (1788-1861) 1 Arthur Schopenhauer Danzica, il padre era un banchiere, la madre una scrittrice 1818 pubblica Il mondo come volontà e rappresentazione 1851 pubblica

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità

Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Psicologia Corso di laurea specialistica in Psicologia clinica: salute, relazioni familiari, interventi di comunità VOCI DI COPPIE MIGRANTI DAL

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica

Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA. Il Cammino Della Musica Associazione Culturale LA SCOSSA PRESENTA Il Cammino Della Musica a cura di Andrea Zuin www.ilcamminodellamusica.it Mentre camminavo per l America Latina in cerca di musica (vedi la pagina web), ho conosciuto

Dettagli

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC)

Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Tesi di Laurea: Per un archivio scolastico della memoria. Migrazioni e narrazioni in una quinta elementare di Rizziconi (RC) Lorena Maugeri Indice PREMESSA pag.4 PARTE PRIMA: MIGRAZIONI pag.12 Cap. I.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes

Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro. 27 e 28 ottobre 2014. lezioni 5-6 roland barthes Semiotica Lumsa a.a. 2014/2015 Piero Polidoro 27 e 28 ottobre 2014 lezioni 5-6 roland barthes Sommario 1. Il ribaltamento di Saussure 2. Denotazione/Connotazione 3. Miti d oggi 2 di 36 Roland Barthes (1915-1980)

Dettagli

Le competenze dell asse storico-sociale

Le competenze dell asse storico-sociale CIDI di Milano Come valutare e certificare le competenze in uscita Le competenze dell asse storico-sociale i Marina Medi Istituto Zappa - Milano 20 gennaio 2011 Quali competenze? L insegnamento storico-sociale

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015

VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 ITALIANO VIII ISTITUTO Comprensivo E: Vittorini SR Indicatori di Apprendimento SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2014 2015 - Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente in modo significativo. - Leggere

Dettagli

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica

L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica L immigrazione straniera in Italia e il ruolo della statistica Luigi Biggeri Roma, 15-16 dicembre 2005 Circondati dai paesi poveri con vasti eserciti di giovani che reclamano lavori modesti nei paesi sviluppati

Dettagli

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Carla Roverselli Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Fatema Mernissi: educare a superare i confi ni ISBN: 9788867092307 Prima edizione: dicembre 2015 2015 - Editoriale Anicia s.r.l. Via

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA TRAGUARDI 1 ASCOLTARE, COMPRENDERE, COMUNICARE ORALMENTE ED ESPRIMERE GIUDIZI PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SCUOLA PRIMARIA IST. COMP. DON MILANI - CERNUSCO S/N CLASSE TERZA LINGUA ITALIANA 2 LEGGERE,

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO. Finalità della disciplina

SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO. Finalità della disciplina SCUOLA STATALE ITALIANA DI MADRID Scuola Secondaria di I grado PROGRAMMAZIONE DI EDUCAZIONE MUSICALE PER IL TRIENNIO Finalità della disciplina La finalità generale dell'educazione Musicale consiste nel

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI

L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L Ethos ritrovato di Stefano Montobbio Responsabile Sri di BSI L a Storia perde i pezzi. Non capita sempre, soltanto qualche volta. Alcune cose vengono rimosse, dimenticate e spesso sono gli aspetti più

Dettagli

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione

Collegamento con discipline scuola primaria. Cittadinanza e costituzione. Storia/ cittadinanza e costituzione. Cittadinanza e costituzione IL SE e L ALTRO Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. Sviluppa il senso dell identità personale,

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 6 COORDINAMENTO PER MATERIE 10 SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico)

Dettagli

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado

Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado Anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 9 09/12/2013 10.06 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PRIMO BIENNIO

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli

In questo primo anno di scuola media il metodo adottato sarà il più vario possibile. Sarà data molta importanza all aspetto orale per abituare gli ISTITUTO COMPRENSIVO PIETRASANTA 1^ SCUOLA MEDIA SECONDARIA DI 1^GRADO P.E.BARSANTI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: PROF.SSA SILVIA BIBOLOTTI MATERIA: LINGUA FRANCESE CLASSE 1^ A

Dettagli

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE

COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE PROGETTO ANNUALE COLORI, SAPORI, ODORI MISCELA DEL CONOSCERE ISTITUTO COMPRENSIVO SCIALOIA SCUOLE DELL INFANZIA SCIALOIA P. ROSSI ANNO SCOLASTICO 20115/2016 IL CURRICOLO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Il curricolo

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^

Obiettivi di Apprendimento al termine della Classe 4^ ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE

TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE 84 a GIORNATA MONDIALE DEL RISPARMIO TRASCRIZIONE DELL INTERVENTO DEL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE ON. PROF. GIULIO TREMONTI TESTO NON RIVISTO DALL AUTORE TREMONTI: Per quanto è possibile in

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano

COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano. Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano COMUNITA MISSIONARIE LAICHE Diocesi di Milano Contributo al Convegno Missionario di Sacrofano La Comunità Missionarie Laiche ( CML), risiede attualmente a Legnano, nella Diocesi di Milano, ed è presente

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli