1) Ada Bianchi, da Milano alla Cina per un anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Ada Bianchi, da Milano alla Cina per un anno"

Transcript

1 1) Ada Bianchi, da Milano alla Cina per un anno Quando ti prepari a partire per un anno in Cina di aspettative ne hai tante, e altrettante paure. Paura principalmente della distanza, che però sembra quasi di poter alleviare mettendo il portatile in valigia, ma purtroppo o per fortuna non è così semplice. Sono partita con la voglia di scoprire e di immergermi, ma certe volte il pensiero che le persone più importanti per me sarebbero rimaste a novemila chilometri di distanza mi balenava nella mente, ma mi tranquillizzavo pensando che ormai attraverso i Social Network tutto è possibile e la distanza è una cosa relativa e gestibile. Quando sono arrivata ho capito presto che non poteva funzionare così, e che non era possibile tenere il piede in due scarpe, pretendere di conoscere e di andare avanti con la testa girata indietro. Allora pian piano ho iniziato a ridurre i contatti, a guardare quello che avevo davanti, senza continuare ad avere la testa da un altra parte. Certamente la possibilità di contatti immediati e veloci cambia molto il ruolo della distanza in un esperienza del genere, di sradicamento, e forse è proprio questa apparente mancanza di barriere che ad un certo punto mi ha fatto realizzare che quelli potevano essere solo contatti superficiali, non reali abbastanza per viverne. E allora capisci che intorno a te c è un mondo con cui comunicare che va ben oltre uno schermo e delle cuffie, e che avere davanti delle persone e dei sorrisi vale molto di più che sentire delle voci al telefono, e che tu sei lì proprio per quello. È bello sapere che in qualunque momento sia necessario la tua famiglia e le persone più vicine sono lì alla distanza di un clic e che puoi sentire la loro voce in qualunque momento, ma alla lunga non è sufficiente a colmare il vuoto, e capisci che la solitudine del nuovo arrivato può essere combattuta solo creando dei rapporti concreti e reali con le persone che hai di fianco tutti i giorni e che anche se non sono quelle che ti hanno sempre accompagnato, anche se non sono quelle che volevi, in quel momento della tua vita sono loro a essere lì per te. Devi solo avere la forza di girare la testa in avanti, anche se ci sono degli istanti in cui ti sembrerà di non vedere niente, in cui non riuscirai più a vedere cosa avevi dietro e ti sembrerà che non ci sia nulla davanti, finché un saluto o un invito non ti cambiano la giornata, e ti fanno capire che anche se a casa c è qualcuno che ti aspetta, la vita vera è lì, e sei tu a farla diventare casa. 2) Massimo Cauli, da Oristano al Messico per un anno Avevo sempre nutrito un profondo interesse per il Messico e credevo anche di sapere abbastanza sui suoi stili di viti e sulle sue peculiarità invece mi è servito un anno a Puebla, a un'ora da Città del Messico per capire quanto invece conoscevo poco del Messico e in generale dell'america Latina. La questione è che i vari documentari e i vari servizi televisivi tendono a mettere in mostra la parte migliore di tutte le realtà però nel caso dell'america Latina i problemi sociali sono troppi e troppo profondi e io sono uno di quelli che credeva di non amare tanto il proprio paese finché non ho vissuto fuori e al rientro non ho visto il forte contrasto. Ho passato cinque mesi in una grande città di 3 milioni di abitanti (e il cambio è stato drastico dato che in Italia vivo in un paesino di 400 abitanti e faccio capo a una città di 30 mila abitanti) e ho imparato a sapermi muovere con i bus urbani, a conoscere la città e soprattutto a evitare i luoghi

2 pericolosi, e questa è stata senza dubbio un'esperienza importante e inoltre la mia città Puebla era considerata una delle città più culturali, con i suoi numerosi musei, siti archeologici, concerti jazz etc. I primi cinque mesi l'uso dei social network è stato importantissimo anche per i contatti con le persone del luogo, e al contrario non ho avuto molti contatti con l'italia; gli ultimi cinque mesi li ho passati in una cittadina a cinque ore dalla prima città e lì ho avuto grandi difficoltà sia per la chiusura mentale dei suoi abitanti sia per i problemi dati dall'utilizzo dei social network. In un paesino tutti vengono a sapere tutto e le mie pubblicazioni su facebook mi hanno dato alcuni problemi, anche in famiglia ho avuto problemi dati dal fatto che dalle conversazioni in italiano molte parole venissero capite e soprattutto fraintese. In generale i social network sono un ottimo modo per rinforzare gli stessi rapporti con le persone del posto ma allo stesso tempo distolgono l'interesse verso attività sportive, sociali etc. In termini di esperienza, la vita in un paese straniero mi ha permesso di aprire gli occhi anche sulla realtà del mio Paese, di capire cosa è eticamente giusto, cosa possiamo fare come singoli individui per il benessere generale. Quello che ho sempre impresso dell'esperienza messicana è senz'altro la meraviglia paesaggistica che il Paese offre, le sue mille culture indigene, il suo cibo frutto della componente europea e indigena ma anche l'originalità dei messicani! A questo punto i social network giocano un ruolo fondamentale nel permettermi di tenere i contatti con il Messico anche se preferisco decisamente una lettera a una pubblicazione su facebook! 3) Silvia Durastante, da Roma alla Thailandia per un anno Ho sempre pensato che a partire non sono le persone migliori, ma tutti coloro che hanno la possibilità di essere migliori, ma devono ancora "aggiustare" qualcosa dentro di loro, tutti coloro che devono fare quel piccolo passo in più. Un anno in Thailandia: una prova di coraggio? Una follia? Voglia di scappare? No, una scelta di vita. Parti italiana, torni Cittadina del mondo. E' questo quello che la mia esperienza mi ha dato, il sentirmi a Casa anche dall'altra esatta parte del mondo, imparare a chiamare Mamma e Papà persone che non hanno i tuoi stessi occhi, il tuo stesso colore della pelle, la tua stessa cultura ma che ami così tanto da non farci neanche caso. Non pensavo la Thailandia potesse insegnarmi così tanto, conoscevo a malapena la sua posizione geografica e qualche racconto sul suo mare cristallino e sulla vita notturna di Bangkok; non pensavo di trovare, o forse non pensavo neanche esistesse, un mondo così particolare, una realtà completamente diversa da quella in cui vivo ogni giorno. Mi sento in dovere di dirlo, la Thailandia è stata la mia maestra di vita: insegna a tener duro di fronte alle difficoltà più grandi, a mostrare la parte più forte di noi stessi ma anche quella più debole, insegna che la diversità è un valore e che l'affetto si può dimostrare in tanti altri modi; la Thailandia è una terra ribelle, ma sempre pronta ad accoglierti: chi va in Thailandia, alla fine, torna sempre un po' thailandese. Sarebbe banale scrivere tutto ciò che questo tipo di esperienza può darti: ci sono cose di cui non ci accorgiamo, ma inconsapevolmente noi cambiamo e insieme a noi cambia anche il nostro modo di pensare, il modo di vedere le cose. E il bello (o meglio, il brutto) è che, prima o poi, si torna a casa a rivedere

3 una realtà ormai 'vecchia' ma con occhi nuovi, con occhi diversi. Social network, internet, cellulari oggi ti permettono di rimanere ancora con un piede qui e un piede lì: basta poco per attivare una conversazione Skype e ritrovarsi in Thailandia. Immergersi in quei luoghi che ti hanno ospitato per un anno, riconoscere ogni angolo della tua casa, rivedere la tua famiglia, le loro voci e il loro modo buffo e cantilenante di parlare: tornare così velocemente indietro nel tempo che sembra quasi che lo schermo del computer non ci sia più; ma allo stesso tempo basta poco a svegliarti e catapultarti di nuovo nella vita di sempre. Ma tutta questa tecnologia, in una esperienza all'estero e specialmente nella prima parte del programma, può giocare un ruolo diverso e più negativo: può trattenerti ancora troppo nel tuo paese naturale, non permettendoti di calarti totalmente nel tuo nuovo mondo. Una volontaria di Intercultura del mio Centro Locale mi disse: Ho capito che stavi bene in Thailandia, quando non eri più sempre connessa su Facebook. All'inizio è così difficile separarsi dalla propria patria e per indole si è portati ad utilizzare tutti i modi possibili che possano farci credere di stare ancora in Italia, almeno con la mente: è normale che ci aggrappiamo ad ogni piccola cosa specialmente quando abbiamo paura di perdere il controllo della nostra vita di sempre e quando sembra che questa ci stia sfuggendo di mano. Ma il salto di qualità, quando capisci che Casa -sì è l'italia-, ma Casa è anche la Thailandia, è molto breve e spesso non ce ne accorgiamo neanche. Oggi? Probabilmente ripartirei senza cellulare e senza computer. Un anno è troppo breve e a Casa, alla fine, si ritorna sempre. 4) Carla Spanu, da Nuoro alla Thailandia per un anno La prima cosa che ho pensato appena mi hanno detto che sarei dovuta partire per un anno in Thailandia è stata: "devo assolutamente informarmi su questo paese, per sapere un po di più e farmi un'idea di cosa mi aspetta". Internet in questo senso è stato discretamente utile, se si sa come cercare, si possono trovare tante cose interessanti, l'unico problema è che spesso si rischia di farsi anche un'impressione sbagliata! Un paese, non lo si può conoscere solo da internet, soprattutto se si tratta di cose scritte da bloggers che magari ci son stati in viaggio solo per un paio di settimane! Di fatto, è utile per togliersi i dubbi principali che possono arrivare quando il tempo stringe e manca poco alla partenza. Io una volta arrivata in Thailandia, ho cercato di limitare i contatti ad uno alla settimana, in modo da inserirmi più facilmente nel nuovo ambiente e lasciare l'italia da una parte per un po. Certo, non sempre è stato facile, e non tutte le settimane sono riuscita a limitare così i contatti... internet è sicuramente stato molto utile perché nei momenti del bisogno, non dovevo aspettare una risposta via lettera che avrebbe impiegato due settimane ad arrivare, ma in pochi minuti, potevo avere a mia disposizione famiglia e amici. La cosa più "magica" secondo me, è il fatto di poter comunicare faccia a faccia in tempo reale, a volte basta solo vedere il volto dei propri genitori o dei propri parenti per dimenticare i problemi e darci una spinta in più ad affrontare l'anno all'estero col sorriso sulle labbra! In questo senso quindi, internet è stato molto utile, sia per

4 me, sia per la mia famiglia che sapeva di poter comunicare con me quando volevamo e gratis, senza contare la possibilità di tenermi aggiornata sui fatti quotidiani italiani, principalmente attraverso i siti online dei giornali. Ora però, vorrei però portare l'attenzione, anche sul nato non del tutto positivo di internet: Tutta questa immediatezza, tutte queste immagini istantanee son davvero vantaggiose, ma si possono mettere a paragone con le lettere scritte a mano, che riescono a comunicare molto più emozioni di una mail scritta con un anonimo Times New Roman? Queste distanze che si accorciano sempre più inesorabilmente, perdono forse un pò di valore, mentre prima "andare" implicava anche affrontare un "viaggio", affrontare confini segnati da storia e natura, adesso invece in poche ore d'aereo queste distanze immense perdono la loro vastità, e i confini son segnati solo da cartelli di "benvenuto" e "arrivederci"! Viaggiare ormai non è più questione di giorni, ma di ore, e il mondo sta pian piano perdendo la sua vastità. In quest'era di "globalizzazione" tutte le culture sono alla portata di tutti, e tutte le culture si assomigliano sempre più; mio fratello thailandese mi ha parlato spesso di quanto la Thailandia sia cambiata negli ultimi anni, sotto l'influenza della logica di un modello di sviluppo che nessuno aveva chiesto in Asia, eppure è stato lentamente insegnato. Io sono stata per una settimana, ospite novizia di un monastero buddista: niente cellulare, né internet, né libri, né foglio e penna per scrivere, "devi portare solo te stessa e un offerta per il tempio" mi dissero. All'inizio pensavo che non ce l'avrei fatta, ma è stato come disintossicarmi! A fine settimana mi son sentita leggera, ho avuto più tempo per pensare, per riflettere prima di parlare, e anziché scrivere di getto una mail a mia madre sui miei problemi, da quel giorno ho provato a soffermarmi più a lungo, ad analizzare meglio le cose, esaminarle ed "esporle" a sangue freddo. L'immediatezza di internet spesso porta, o meglio, mi ha portato a questo, a non riflettere bene sulle difficoltà prima di esporle ai miei genitori. Internet ha tantissimi vantaggi, è bello, utile e soprattutto comodo. Forse è proprio questa comodità a renderlo così pericoloso: ormai se si vuole avere qualunque informazione, non si deve più andare in biblioteca a "sprecare" il proprio tempo, non serve chiedere ai propri conoscenti per informarsi, andare in un posto per vedere con i propri occhi... è tutto a portata di un clic! E senza neanche alzarsi dal divano! Bello vero? Si, secondo me è davvero bello, internet è uno strumento di grandiosa portata, tutto e bene, se usato con moderazione... Intanto per me, la Thailandia più stupefacente, che mi è rimasta nel cuore, è quella che ho vissuto senza internet, e soprattutto, la Thailandia che su internet non si trova :)

5 5) Leonardo Aleotti, da Milano alla Turchia per un anno Ciao, mi chiamo Leonardo e sono stato un anno a Istanbul. Sono capitato in Turchia quasi per caso, la mia prima scelta era la Danimarca, ma le sorprese della sorte non finiscono mai e così invece che nel paese di Amleto sono finito tra narghilè e kebab. Tuttavia, la mia reazione è stata più che positiva, la voglia di partire era tanta e il cambio di destinazione non ha fatto altro che aumentare il mio desiderio di andare in un paese che ritenevo per certi aspetti, tra cui collocazione geografica e religione, molto diverso dall'italia. Partivo dunque carico di pregiudizi, non per forza negativi, ma stereotipi riduttivi per descrivere quel paese fantastico che è la Turchia e che sono stati puntualmente smentiti nel corso della mia esperienza. Nonostante ci fossi già stato e per un periodo non indifferente (due settimane), non avevo veramente realizzato cosa volesse vivere in una realtà come quella turca e in un primo momento nutrivo ancora un certo timore nei confronti dei turchi, degli uomini in particolare, che sebbene fisicamente siano esattamente come vengono descritti (omoni grassi, barbuti e baffuti), nei modi non rispecchiano minimamente il loro aspetto a tratti inquietante e sanno anzi essere molto accoglienti ed estroversi. Una delle principali incognite della Turchia alla mia partenza era legata all'aspetto religioso: sapevo, per esperienza diretta e non, che la Turchia non era una copia dell'iran o dell'arabia Saudita, un paese fondamentalista in cui vige la legge della sharia, e che l'opera di Mustafa Kemal Ataturk nei primi anni del Novecento aveva contribuito in maniera significativa a laicizzare e modernizzare lo stato turco, ma mai mi sarei aspettato una situazione quale quella in cui mi sono trovato. Probabilmente sono stato condizionato dall'aver vissuto a Istanbul, dove la situazione è decisamente differente rispetto ai paesini più tradizionalisti dell'anatolia orientale o alla stessa Ankara, ma posso affermare con certezza di aver visto veramente pochissime donne che indossavano il velo e anzi sembrava che queste fossero viste quasi con sdegno dagli altri turchi. Inoltre, vivendo ad Istanbul avevo la possibilità più unica che rara di vivere in una città divisa su due continenti e proprio legato a questo fatto ho potuto fare una curiosa constatazione durante la mia esperienza, ovvero che la parte asiatica (dove tra l'altro vivevo) è assolutamente più moderna e occidentalizzata (ci sono McDonald's e Burger King a ogni angolo della strada, i miei amici si stupivano che in Italia non ci fosse Starbucks quando per loro è praticamente impossibile fare 100 metri senza trovarne uno e la maggior parte della gente vive in grandi complessi di grattacieli) di quella europea, più turistica ma sicuramente più arretrata e fatiscente. Questa differenza ha una spiegazione logica: la parte europea è quella più antica, quella dei primi insediamenti, la cosiddetta "città vecchia", mentre la parte asiatica è relativamente più recente; ciononostante, sono rimasto impressionato da questa apparente contraddizione, il fatto che la parte asiatica fosse più "europeizzata" di quella europea mi ha in un certo senso choccato. Per quanto riguarda i turchi poi, ho scoperto con piacere che non c'è una grande differenza tra loro e gli italiani, in quanto entrambi popoli mediterranei, sono tutti e due passionali, espansivi e molto calorosi: in particolare il primo giorno di scuola mi sono sentito letteralmente assediato dai miei compagni, smaniosi di far conoscenza con me (devo dire che questo mi ha alzato di molto il livello di autostima) e di accogliermi nel migliore dei modi. Internet infine è stato fondamentale perché mi ha agevolato la comunicazione con i miei nuovi amici (quando si è alle prese con una nuova lingua scrivere è sicuramente più facile che parlare) ed è ancora adesso utile per mantenere i

6 contatti con gli stessi e la famiglia ospitante, però può rivelarsi un'arma a doppio taglio: è molto facile farsi prendere dalla tentazione e abbandonarsi alla nostalgia guardando cosa fanno gli amici lasciati in patria, perdendo così le gioie della vita nel paese in cui si è. Nel complesso, credo che questa esperienza per me sia stata estremamente formativa e mi abbia aperto gli occhi (e la mente) sul mondo, aiutandomi ad abbattere pregiudizi e stereotipi e ad accogliere nuove culture diverse dalla mia; inoltre penso che il fatto che sia partito alla giovane età di 16 anni, un anno prima della maggior parte degli altri ragazzi, abbia contribuito maggiormente alla mia crescita sotto tutti i punti di vista, forse perché quando si è giovani si impara meglio. In ogni caso, non mi resta quindi che dire GRAZIE INTERCULTURA! 6) Gabriele Tealdo, da Monza agli USA per un anno Nell'Orlando Furioso, il sommo Ludovico Ariosto spingeva l'immaginazione del lettore ad immaginare che tutto ciò che veniva smarrito dagli uomini andava a finire sulla Luna, un luogo estremamente lontano e diverso dalla Terra. Certamente il mio viaggio in America non può essere paragonato a quello di un uomo che raggiunge la Luna, tuttavia vi è un affinità che collega la fantasia del celebre scrittore al viaggio che mi ha portato a vivere negli Stati Uniti d'america. La scelta di trascorrere un periodo di studi all'estero così lontano da casa, è stata infatti motivata dal bisogno interiore che avevo di ritrovare qualcosa a me molto caro, ovvero quel gusto di vivere che nell'anno prima di partire avevo smesso di sentire, durante un momento difficile della mia vita. Il mio anno all'estero è stato così un vero e proprio viaggio alla ricerca di me stesso, un anno nel quale ho compiuto scoperte grandiose, scoperte che hanno riacceso in me il fuoco dell'amore per la vita e hanno cancellato dalla mia mente la stereotipata immagine degli States che, per causa dei media, molti giovani italiani hanno nella loro mente. Difatti è proprio per colpa di mezzi divulgativi come la televisione, che tanti adolescenti pensano che l'america non sia null'altro che l'emblema della mondanità occidentale, quel luogo in cui bellissimi 'teenagers' dal sorriso smagliante che vestono 'blue jeans', camminano per i corridoi scolastici addobbati dai tipici e ben noti armadietti. Avendo vissuto negli USA, posso oggi dire che l'america è molto di più rispetto al perfetto 'paese dei balocchi' che la TV e il Web tendono a mostrarci. La cultura americana è unica a questo mondo. Essa si è generata dall'intreccio di popoli estremamente diversi tra loro e che convivono nella stessa nazione dando vita al cosiddetto 'melting pot', che tuttavia persiste nel contenere in se' una grande imperfezione, ovvero quella del razzismo, sentimento ancora molto presente in questa terra ricca di contraddizioni, dove molta gente critica aspramente l'aborto in nome dell'etica e della religione, ma al tempo stesso favorisce la pena di morte e la legalità del possesso di armi da fuoco.

7 L'America è complessa, strana, ma affascinante al tempo stesso. Essa è stata in grado di farmi provare quell'entusiasmo e quella gioia di vivere che mi mancava da tempo. In lei ho trovato una famiglia ospitante che mi ha accolto come fossi un loro figlio e ho conosciuto amici che non dimenticherò mai. Il dono più grande che però mi è stato fatto dagli Stati Uniti, sono le stesse prove e le difficoltà che ho vissuto in questa nazione, la provocazione di vivere da solo in un paese che ritenevo di conoscere, ma non conoscevo per nulla. Il luogo in cui ho sofferto e sono caduto, ma sono anche riuscito a rialzarmi per fare delle mie ferite un punto di forza. Quel posto in cui ho risentito il mio cuore battere e gridare di felicità, quel paese dove mi sono sentito rinascere nel corpo e nell'anima e al quale sarò per sempre grato. Calarmi con il corpo in questa nazione, è stata quindi per me una cosa necessaria per conoscere più in profondità me stesso ed il mondo. Con questo non mi pongo affatto in un atteggiamento negativamente critico verso le nuove tecnologie. Per esempio internet, durante il mio soggiorno all'estero è stato per me indispensabile per risolvere molti problemi e per mantenermi in contatto con la mia famiglia italiana. Sono però certo del fatto che sperimentare qualcosa con il proprio corpo ed il proprio cuore, sia in grado di regalare all'uomo un senso di soddisfazione infinitamente più grande rispetto all'informazione a distanza. 7) Chiara Terrasi, da Palermo alla Cina per un anno Alle selezioni di settembre del 2011 scelsi di affrontare il mio quarto anno di liceo all estero, scelsi di farlo in Cina. In pochi appoggiavano la mia scelta, ma avevo la fortuna di avere i miei genitori dalla mia parte. La Cina, secondo il 90% delle persone che frequentavo, era solo un paese di musoni gialli e di menti chiuse. Io invece ero convinta che dietro quei pregiudizi, quei luoghi comuni, ci fosse molto di più, e volevo assolutamente scoprire quel molto di più. Iniziai a comprare ogni guida turistica che mi capitava sotto mano e ogni libro per imparare il cinese. Sfogliando le guide turistiche mi innamoravo sempre di più di quelle provincie piene di splendore e magia. A differenza di tutti coloro che si dicevano preoccupati per me perché avevo scelto un paese così diverso, il mio unico problema prima di partire era la possibilità di trovare un clima a cui non mi sarei adattata facilmente, per il resto, ero pronta a tutto. Arrivata lì effettivamente il clima fu un vero e problema, tutta quell umidità e quel caldo mi fecero stare parecchio male i primi giorni, ma poi iniziai a calarmi realmente in quella realtà e in quella cultura, che tutto divenne più facile. I primi tempi per combattere la nostalgia di casa vivevo costantemente su Skype e mi disperavo per la censura che non mi permetteva di usare Facebook. Chiesi aiuto ad una ragazza cinese che era stata in Italia l anno prima e che sapeva come superare la censura. Così grazie ad un programma a pagamento riuscivo ad usare facebook e a scrivere sul mio blog quando volevo. Il

8 mio blog è stato fondamentale, sono riuscita a raccontare passo per passo i 10 mesi che hanno cambiato la mia vita, e ancora oggi le persone mi fanno i complimenti ed io mi commuovo rileggendolo. Sapevo che era sbagliato usare internet per tutto quel tempo (3 h al giorno), ma mi calmava e parlare con tutti i miei amici mi dava la forza di continuare la mia esperienza. Poi più passavano i mesi, più ero piena di impegni e le ore al pc diminuivano. Per tutta la mia esperienza però usavo internet sul cellulare e con whatsapp (applicazione di messaggistica per iphone e android) riuscivo a messaggiare con mia mamma e mio papà in tempo reale, così riuscivo a tenerli informati. Era divertente andare a fare shopping con mia sorella e mandare la foto delle cose acquistate a mia madre, era un modo per renderla ancora più partecipe della mia esperienza. Allo stesso modo adesso che sono tornata in Italia, grazie a Weibo ( corrispettivo Facebook cinese) riesco a informarmi sulla vita dei miei amici cinesi e a informare loro sulla mia, tramite post e foto. Grazie a QQ (Msn cinese) riesco a chattare e a parlare con la famiglia. Mi emoziono tantissimo quando la mia cuginetta di 3 anni inizia a baci allo schermo del pc e a chiamarmi per nome salutandomi, mentre parliamo. Oppure mia nonna che mi fa i complimenti per i capelli corti e mio nonno che mi dice che sono dimagrita. Riesco a comunicare con loro in tempo reale, riesco a vedere come il mio cuginetto che io ho visto nascere, adesso cammini e parli. Grazie ad un semplice computer, una webcam e QQ, riesco a continuare a sentirmi parte di quella famiglia che mi ha tenuto tra le sue braccia per dieci mesi. E loro riescono a mostrarmi che le cose non sono cambiate, nonostante siano passati sette mesi da quando ho lasciato la Cina. Ma io ho lasciato la Cina, non i loro cuori. 8) Klarisa Elena Szilagyi, da Catanzaro al Venezuela per un anno La pre-partenza è un attesa che non finisce mai. Mi ricordo che avevo quasi sempre quel sorriso sulla faccia, un sorriso che raccontava tutta la felicità che stavo provando per partire lontano; e allo stesso momento, dentro,avevo tanta ansia che facilmente si sarebbe potuta tramutare in paura per tutto quello che i miei amici mi dicevano sul Venezuela: Ritornerai vendendo droghe!, Ma che vai a fare là, sono tutti poveri!, Perché non hai scelto l Inghilterra o la Finlandia?. Tutte domande e affermazioni che nella mente di una sedicenne, qual ero, possono davvero far paura. Ma credo che il sorriso era troppo grande e forte per soccombere alla paura. Tre giorni prima di partire avevo scritto su un quaderno: Ho una voglia matta di iniziare questo viaggio e non smettere più di viaggiare. Voglio girare il mondo e stringere mani arabe, americane, giapponesi, sudafricane!. Forse l ho scritto inconsciamente o non davo a quelle parole lo stesso valore che darei oggi. Vivendo in Venezuela ho capito quant è importante viaggiare e conoscere nuove culture, quant è importante e facile vivere delle esperienze magnifiche, che fino a quel momento avevo letto solo in un libro o visto in un film. Ho imparato tantissimo e posso dire che ho conosciuto davvero il mondo venezuelano perché per un anno sono riuscita a staccare la spina dall Italia e attaccarla a questo nuovo paese: usavo

9 pochissimo il computer, tanto non mi importava di quello che stavano vivendo i miei compagni o amici italiano; il mio mondo era più interessante e bello! Le chiamate dall Italia al telefono quasi inesistenti. Può sembrare strano che io abbia parlato al telefono con mia madre solo una volta in tutto l anno, ma è stato così. Non volevo che mi chiamasse perché avrebbe potuto farlo proprio quando mi trovavo con amici o quando mangiavo in famiglia e mi avrebbe dato molto fastidio. E poi parlare con qualcuno fuori dal mio mondo, avrebbe significato rompere quella spina o comunque forzarla troppo. Può sembrare strano ma gli stessi aggeggi elettronici che prima rifiutavo per dedicarmi alla mia nuova vita, ora sono l unica cosa che mi leghi ancora a quel mondo! Parlare con le mie amiche solo tramite skype è difficile: Quante cose non sai, quante dobbiamo raccontarti! mi dicono loro; ma è complicato descrivere questi momenti, perché è ovvio che provi una grande gioia a vedere di nuovo le tue amiche e sentire le loro voci, ma quello che ti dicono sono solo parole, racconti. Tu non fai più parte di quei racconti. E quando quella videochiamata finisce, finisce anche quella realtà, ritorni alla tua vita normale e tutto quell anno è solo un ricordo. Però poi ci sono quelle volte, dove tutte le emozioni, tutti i ricordi di quell anno riaffiorano all improvviso. Mi riempiono la giornata di felicità, perché quello che ora ho dentro non l avrei mai acquisito se non fossi partita. Infatti i miei compagni non ce l hanno quella scintilla negli occhi quando si parla del mondo, di nuove lingue e di tradizioni. Non vogliono uscire dal loro guscio protettivo, è troppo caldo e comodo per lasciarlo. Si accontentano di conoscere il mondo soltanto tramite uno schermo. Vorrei dire loro: svegliatevi, vivete, viaggiate! Ho cercato di farlo alcune volte, ma aprire la mentalità alle persone è difficile e poi non puoi costringerle a pensare certe cose. Perché i paesi, le culture, le persone, le tradizioni, la bellezza della diversità si comprendono da soli, vivendo! 9) Beatrice Rossi, da Bergamo alla Cina per un anno Prima di partire non avevo grandi aspettative, speravo solo di non aver grandi problemi con la lingua. sapevo che i cinesi sono molto ospitali, e durante l'anno in Cina questo è stato confermato. inoltre ho scoperto (cosa che non mi sarei aspettata) che sono molto curiosi riguardo gli occidentali, vogliono sapere le cose più disparate per esempio uno dei miei compagni mi aveva chiesto se noi avevamo le macchine.. l'esperienza mi ha portato a vedere i cinesi non più solo come coloro che grazie al ristorante mi fanno provare una cucina diversa (che poi rispetto alla cucina cinese vera e propria, il cibo cinese non ha nulla a che vedere!) ma anche come persone molto gentili e interessati agli altri.. non nutrivo pregiudizi per fortuna, e ora men che meno..

10 10) Alice Dominici, da Roma al Costarica per un anno Un esperienza all estero è sempre foriera di maturazione dai più svariati punti di vista: sicuramente però la personalità di chi la affronta e il paese scelto influiscono notevolmente su quali valori appresi abbiano maggior peso. Io ho vissuto per un anno in Costa Rica: il mio anno, più di tutto, mi ha insegnato il vero significato del proverbio Il troppo stroppia". Il Costa Rica è infatti un paese che pur essendo il più sviluppato di tutta l America Centrale, ai nostri occhi di europei appare sottosviluppato. Inoltre, ho trascorso la mia esperienza presso una famiglia con gravi difficoltà economiche (e posso assicurarvi che chi ha difficoltà economiche in Italia vivrebbe molto più che dignitosamente in Costa Rica): questo significa che ho vissuto sotto un tetto di lamiera, senza acqua calda, in condizioni igieniche gravi che mi hanno procurato diversi problemi di salute e seguendo un alimentazione molto povera riso e fagioli principalmente-, tanto che a volte si saltavano i pasti. Ad esempio, è capitato che la mia mamma ospitante mettesse via il pane prima del tempo, per non dovermi spiegare che bisognava conservarlo per il giorno dopo e quindi risparmiare. In questo contesto, a cui devo ammettere di aver fatto molta fatica ad adattarmi, il computer rappresentava per me l unico vero oggetto di valore, oltre che un contatto con il mondo di cui avevo tantissima nostalgia. Confesso e mi pento di aver passato troppo tempo su Facebook ad illudermi di vivere virtualmente la vita agiata che avevo lasciato in Italia, perdendo tempo prezioso della mia esperienza- e per il quale,adesso, pagherei oro. Nel frattempo però, senza accorgermene, mi abituavo lentamente alla mia vita in Costa Rica: dopo qualche mese non solo ero abituata, ma avevo compreso che riuscivo a vivere benissimo anche lì. In realtà la mia homesickness riguardava più gli agi e i beni materiali a cui ero abituata in Italia che la mia vita quotidiana, e ho riscontrato la stessa difficoltà nei miei amici stranieri, sempre borsisti di Intercultura (svizzeri, tedeschi, islandesi, austriaci, francesi). Non erano i miei amici o la mia famiglia a mancarmi così ossessivamente, perché avevo accettato la loro assenza come parte dell esperienza che dovevo affrontare, ma ero vittima della dipendenza dal benessere che è ormai parte di tutti noi: come si è poi argomentato anche con la mia insegnante di lettere, abbiamo così tanto benessere materiale da aver rinunciato al benessere psicologico, in funzione del bisogno spasmodico di avere sempre di più, come dei moderni Mazzarò. Cerchiamo un impiego stabile come condizione necessaria per poter andare avanti, e siamo terrorizzati all idea di non vederci garantiti i beni materiali da cui siamo dipendenti, che si tratti della macchina nuova a 18 anni, dell Iphone o del guardaroba sempre all ultima moda: la mancanza di queste certezze è alla base della scarsa fiducia nel futuro da parte della maggioranza dei giovani italiani (e non solo). Questo in Costa Rica non esiste: si vive alla giornata e ci si accontenta, assaporando ogni attimo, Carpe diem. Da questo punto di vista, il mio anno in Costa Rica è servito come terapia di disintossicazione dalla droga del benessere necessario e irrinunciabile, e i social network, impedendomi di immergermi totalmente nella realtà che mi ha ospitata con tanta umiltà e buona volontà, hanno sicuramente ostacolato e rallentato la mia crescita e la buona riuscita dell esperienza.

11 Quando ho partecipato alle selezioni di Intercultura, nel novembre del 2010, avevo appena compiuto 16 anni e volevo andare negli Stati Uniti, come quasi tutti i ragazzi che,a novembre dello scorso anno, ho selezionato con gli altri volontari. Fortunatamente, la mia attitudine alla riflessione mi ha portato a comprendere che in realtà non erano gli Stati Uniti ciò che desideravo; forse mio padre lo desiderava più di me. Il Costa Rica è arrivato come un fulmine a ciel sereno: non sapevo nemmeno dove collocarlo nel continente centro-sud americano il giorno che i volontari del mio centro locale mi parlarono di una ragazza, Chiara, che in quel momento si trovava proprio in Costa Rica. Chiara viveva sotto un tetto di lamiera, in una famiglia estremamente povera, ma era felicissima dell esperienza che stava vivendo. Parlava lo spagnolo, si trovava in mezzo ad una natura dalla bellezza sconvolgente e non c era motivo per cui sarebbe tornata indietro nella sua scelta. E Costa Rica fu, perché ciò che cercavo era un esperienza che fosse diversa da tutto ciò che avevo vissuto fino ad allora, che riuscisse a rivoluzionare i confini della mia mentalità e della mia concezione della vita. Quando mi informarono che avevo effettivamente vinto una borsa di studio per il Costa Rica, assieme all entusiasmo smisurato che caratterizza il prima di qualsiasi esperienza di questo tipo, cominciò ad emergere gradualmente la paura: la povertà a cui andavo incontro in Costa Rica, per quanto poetica, mi spaventava. Nei mesi precedenti alla partenza non è passato giorno senza che leggessi blog di qualche americano sulla vita in Costa Rica e sui ticos (i costarricensi); soprattutto però, all arrivo della notizia ho cominciato a cercare spasmodicamente ragazzi costarricensi in rete, per poter ottenere notizie direttamente e farmi un idea della mentalità dei giovani con cui avrei vissuto. In questo modo ho conosciuto Lola, mia sorella, che aveva 17 anni ed era (lo è tuttora) una grande appassionata di lingua e cultura italiana, talmente appassionata da proporre alla sua famiglia di ospitarmi per un anno. Io e Lola ci cercavamo quasi ossessivamente, calcolando il fuso orario: ci raccontavamo delle nostre vite in uno spagnolo coadiuvato da google a dal dizionario, mi inviava foto della casa e della cittadina in cui avrei vissuto (Pérez Zeledòn). Ciononostante, è impossibile per una sedicenne in procinto di andare a vivere in Centro America rimanere immune da pregiudizi e da false aspettative. Immaginavo un luogo paradisiaco, popolato da persone gentili e disponibili, aperte al dialogo, come mi appariva Lola. L entusiasmo offusca sempre la razionalità: al mio arrivo e per le prime settimane mi sentivo imprigionata in una situazione opprimente, circondata da persone mediamente ignoranti e subito pronte a giudicare, o almeno così mi sembrava. Con il tempo però, comprendendo a fondo la cultura costarricense e gli atteggiamenti dei ticos, ho cominciato ad entrare in sintonia con ciò che mi circondava, fino a riconfermare quelle aspettative precedenti alla partenza. Il mio adattamento alla cultura costarricense può essere inteso quasi hegelianamente: era tutto esattamente come me lo aspettavo, ma da un punto di vista diverso, più profondo e consapevole ma soprattutto interno al contesto.

12 Il Costa Rica mi ha lasciato la consapevolezza di poter vivere con semplicità, Pura Vida, senza affannarsi e approfittando di ogni momento per vivere e non per sopravvivere, a vivere sotto un tetto di lamiera e considerarsi fortunati, ad essere felice di poco: in Italia è difficile mettere tutto questo in pratica, perché la nostalgia del Costa Rica e le difficoltà che il nostro paese crea (soprattutto ai giovani) offuscano quella positività che però, con grande orgoglio, ho sempre dentro di me.

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi

COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi COME UNO SPARTITO MUSICALE Intervista a Mario Lodi L'equilibrio tra libertà e regole nella formazione dei bambini Incontro Mario Lodi nella cascina ristrutturata a Drizzona, nella campagna tra Cremona

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni

IL LUNEDÌ SCOMPARSO. Dai 5 anni PIANO DI L ETTURA IL LUNEDÌ SCOMPARSO Silvia Roncaglia Dai 5 anni Illustrazioni di Simone Frasca Serie Arcobaleno n 5 Pagine: 34 (+ 5 di giochi) Codice: 978-88-384-7624-1 Anno di pubblicazione: 2006 L

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Diego Piacentini: "Io, vicepresidente di Amazon, e quella borsa che mi portò negli Usa"

Diego Piacentini: Io, vicepresidente di Amazon, e quella borsa che mi portò negli Usa Diego Piacentini: "Io, vicepresidente di Amazon, e quella borsa che mi portò negli Usa" Diego Piacentini da teenager e oggi In occasione dei 100 anni dell'afs, e dei quasi 60 anni della sua costola italiana

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

[Pagina 1] [Pagina 2]

[Pagina 1] [Pagina 2] [Pagina 1] Gradisca. 2.10.44 Rina amatissima, non so se ti rivedrò prima di morire - in perfetta salute - ; lo desidererei molto; l'andarmene di là con la tua visione negli occhi sarebbe per me un grande

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

L ALFABETO DELLA LEGALITA

L ALFABETO DELLA LEGALITA L alfabeto, che sta alla base dell acquisizione di ogni lingua, diventa, in questo nostro giornalino, il punto di partenza per la conoscenza di quei valori fondamentali che è indispensabile interiorizzare

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale.

Rileggere oggi Lettera a una professoressa. Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. Rileggere oggi Lettera a una professoressa Una lente attraverso cui esaminare la nostra scuola e capire se è cambiata e quanto vale. 1. Lettera a una professoressa Lettera a una professoressa è un libro

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora

La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora La solitudine tra scelta e condanna: due gruppi di anziani a confronto A cura di Landi Eleonora Gli anziani in realtà vengono considerati i soggetti più esposti al rischio della solitudine; sia perché

Dettagli