1) Ada Bianchi, da Milano alla Cina per un anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1) Ada Bianchi, da Milano alla Cina per un anno"

Transcript

1 1) Ada Bianchi, da Milano alla Cina per un anno Quando ti prepari a partire per un anno in Cina di aspettative ne hai tante, e altrettante paure. Paura principalmente della distanza, che però sembra quasi di poter alleviare mettendo il portatile in valigia, ma purtroppo o per fortuna non è così semplice. Sono partita con la voglia di scoprire e di immergermi, ma certe volte il pensiero che le persone più importanti per me sarebbero rimaste a novemila chilometri di distanza mi balenava nella mente, ma mi tranquillizzavo pensando che ormai attraverso i Social Network tutto è possibile e la distanza è una cosa relativa e gestibile. Quando sono arrivata ho capito presto che non poteva funzionare così, e che non era possibile tenere il piede in due scarpe, pretendere di conoscere e di andare avanti con la testa girata indietro. Allora pian piano ho iniziato a ridurre i contatti, a guardare quello che avevo davanti, senza continuare ad avere la testa da un altra parte. Certamente la possibilità di contatti immediati e veloci cambia molto il ruolo della distanza in un esperienza del genere, di sradicamento, e forse è proprio questa apparente mancanza di barriere che ad un certo punto mi ha fatto realizzare che quelli potevano essere solo contatti superficiali, non reali abbastanza per viverne. E allora capisci che intorno a te c è un mondo con cui comunicare che va ben oltre uno schermo e delle cuffie, e che avere davanti delle persone e dei sorrisi vale molto di più che sentire delle voci al telefono, e che tu sei lì proprio per quello. È bello sapere che in qualunque momento sia necessario la tua famiglia e le persone più vicine sono lì alla distanza di un clic e che puoi sentire la loro voce in qualunque momento, ma alla lunga non è sufficiente a colmare il vuoto, e capisci che la solitudine del nuovo arrivato può essere combattuta solo creando dei rapporti concreti e reali con le persone che hai di fianco tutti i giorni e che anche se non sono quelle che ti hanno sempre accompagnato, anche se non sono quelle che volevi, in quel momento della tua vita sono loro a essere lì per te. Devi solo avere la forza di girare la testa in avanti, anche se ci sono degli istanti in cui ti sembrerà di non vedere niente, in cui non riuscirai più a vedere cosa avevi dietro e ti sembrerà che non ci sia nulla davanti, finché un saluto o un invito non ti cambiano la giornata, e ti fanno capire che anche se a casa c è qualcuno che ti aspetta, la vita vera è lì, e sei tu a farla diventare casa. 2) Massimo Cauli, da Oristano al Messico per un anno Avevo sempre nutrito un profondo interesse per il Messico e credevo anche di sapere abbastanza sui suoi stili di viti e sulle sue peculiarità invece mi è servito un anno a Puebla, a un'ora da Città del Messico per capire quanto invece conoscevo poco del Messico e in generale dell'america Latina. La questione è che i vari documentari e i vari servizi televisivi tendono a mettere in mostra la parte migliore di tutte le realtà però nel caso dell'america Latina i problemi sociali sono troppi e troppo profondi e io sono uno di quelli che credeva di non amare tanto il proprio paese finché non ho vissuto fuori e al rientro non ho visto il forte contrasto. Ho passato cinque mesi in una grande città di 3 milioni di abitanti (e il cambio è stato drastico dato che in Italia vivo in un paesino di 400 abitanti e faccio capo a una città di 30 mila abitanti) e ho imparato a sapermi muovere con i bus urbani, a conoscere la città e soprattutto a evitare i luoghi

2 pericolosi, e questa è stata senza dubbio un'esperienza importante e inoltre la mia città Puebla era considerata una delle città più culturali, con i suoi numerosi musei, siti archeologici, concerti jazz etc. I primi cinque mesi l'uso dei social network è stato importantissimo anche per i contatti con le persone del luogo, e al contrario non ho avuto molti contatti con l'italia; gli ultimi cinque mesi li ho passati in una cittadina a cinque ore dalla prima città e lì ho avuto grandi difficoltà sia per la chiusura mentale dei suoi abitanti sia per i problemi dati dall'utilizzo dei social network. In un paesino tutti vengono a sapere tutto e le mie pubblicazioni su facebook mi hanno dato alcuni problemi, anche in famiglia ho avuto problemi dati dal fatto che dalle conversazioni in italiano molte parole venissero capite e soprattutto fraintese. In generale i social network sono un ottimo modo per rinforzare gli stessi rapporti con le persone del posto ma allo stesso tempo distolgono l'interesse verso attività sportive, sociali etc. In termini di esperienza, la vita in un paese straniero mi ha permesso di aprire gli occhi anche sulla realtà del mio Paese, di capire cosa è eticamente giusto, cosa possiamo fare come singoli individui per il benessere generale. Quello che ho sempre impresso dell'esperienza messicana è senz'altro la meraviglia paesaggistica che il Paese offre, le sue mille culture indigene, il suo cibo frutto della componente europea e indigena ma anche l'originalità dei messicani! A questo punto i social network giocano un ruolo fondamentale nel permettermi di tenere i contatti con il Messico anche se preferisco decisamente una lettera a una pubblicazione su facebook! 3) Silvia Durastante, da Roma alla Thailandia per un anno Ho sempre pensato che a partire non sono le persone migliori, ma tutti coloro che hanno la possibilità di essere migliori, ma devono ancora "aggiustare" qualcosa dentro di loro, tutti coloro che devono fare quel piccolo passo in più. Un anno in Thailandia: una prova di coraggio? Una follia? Voglia di scappare? No, una scelta di vita. Parti italiana, torni Cittadina del mondo. E' questo quello che la mia esperienza mi ha dato, il sentirmi a Casa anche dall'altra esatta parte del mondo, imparare a chiamare Mamma e Papà persone che non hanno i tuoi stessi occhi, il tuo stesso colore della pelle, la tua stessa cultura ma che ami così tanto da non farci neanche caso. Non pensavo la Thailandia potesse insegnarmi così tanto, conoscevo a malapena la sua posizione geografica e qualche racconto sul suo mare cristallino e sulla vita notturna di Bangkok; non pensavo di trovare, o forse non pensavo neanche esistesse, un mondo così particolare, una realtà completamente diversa da quella in cui vivo ogni giorno. Mi sento in dovere di dirlo, la Thailandia è stata la mia maestra di vita: insegna a tener duro di fronte alle difficoltà più grandi, a mostrare la parte più forte di noi stessi ma anche quella più debole, insegna che la diversità è un valore e che l'affetto si può dimostrare in tanti altri modi; la Thailandia è una terra ribelle, ma sempre pronta ad accoglierti: chi va in Thailandia, alla fine, torna sempre un po' thailandese. Sarebbe banale scrivere tutto ciò che questo tipo di esperienza può darti: ci sono cose di cui non ci accorgiamo, ma inconsapevolmente noi cambiamo e insieme a noi cambia anche il nostro modo di pensare, il modo di vedere le cose. E il bello (o meglio, il brutto) è che, prima o poi, si torna a casa a rivedere

3 una realtà ormai 'vecchia' ma con occhi nuovi, con occhi diversi. Social network, internet, cellulari oggi ti permettono di rimanere ancora con un piede qui e un piede lì: basta poco per attivare una conversazione Skype e ritrovarsi in Thailandia. Immergersi in quei luoghi che ti hanno ospitato per un anno, riconoscere ogni angolo della tua casa, rivedere la tua famiglia, le loro voci e il loro modo buffo e cantilenante di parlare: tornare così velocemente indietro nel tempo che sembra quasi che lo schermo del computer non ci sia più; ma allo stesso tempo basta poco a svegliarti e catapultarti di nuovo nella vita di sempre. Ma tutta questa tecnologia, in una esperienza all'estero e specialmente nella prima parte del programma, può giocare un ruolo diverso e più negativo: può trattenerti ancora troppo nel tuo paese naturale, non permettendoti di calarti totalmente nel tuo nuovo mondo. Una volontaria di Intercultura del mio Centro Locale mi disse: Ho capito che stavi bene in Thailandia, quando non eri più sempre connessa su Facebook. All'inizio è così difficile separarsi dalla propria patria e per indole si è portati ad utilizzare tutti i modi possibili che possano farci credere di stare ancora in Italia, almeno con la mente: è normale che ci aggrappiamo ad ogni piccola cosa specialmente quando abbiamo paura di perdere il controllo della nostra vita di sempre e quando sembra che questa ci stia sfuggendo di mano. Ma il salto di qualità, quando capisci che Casa -sì è l'italia-, ma Casa è anche la Thailandia, è molto breve e spesso non ce ne accorgiamo neanche. Oggi? Probabilmente ripartirei senza cellulare e senza computer. Un anno è troppo breve e a Casa, alla fine, si ritorna sempre. 4) Carla Spanu, da Nuoro alla Thailandia per un anno La prima cosa che ho pensato appena mi hanno detto che sarei dovuta partire per un anno in Thailandia è stata: "devo assolutamente informarmi su questo paese, per sapere un po di più e farmi un'idea di cosa mi aspetta". Internet in questo senso è stato discretamente utile, se si sa come cercare, si possono trovare tante cose interessanti, l'unico problema è che spesso si rischia di farsi anche un'impressione sbagliata! Un paese, non lo si può conoscere solo da internet, soprattutto se si tratta di cose scritte da bloggers che magari ci son stati in viaggio solo per un paio di settimane! Di fatto, è utile per togliersi i dubbi principali che possono arrivare quando il tempo stringe e manca poco alla partenza. Io una volta arrivata in Thailandia, ho cercato di limitare i contatti ad uno alla settimana, in modo da inserirmi più facilmente nel nuovo ambiente e lasciare l'italia da una parte per un po. Certo, non sempre è stato facile, e non tutte le settimane sono riuscita a limitare così i contatti... internet è sicuramente stato molto utile perché nei momenti del bisogno, non dovevo aspettare una risposta via lettera che avrebbe impiegato due settimane ad arrivare, ma in pochi minuti, potevo avere a mia disposizione famiglia e amici. La cosa più "magica" secondo me, è il fatto di poter comunicare faccia a faccia in tempo reale, a volte basta solo vedere il volto dei propri genitori o dei propri parenti per dimenticare i problemi e darci una spinta in più ad affrontare l'anno all'estero col sorriso sulle labbra! In questo senso quindi, internet è stato molto utile, sia per

4 me, sia per la mia famiglia che sapeva di poter comunicare con me quando volevamo e gratis, senza contare la possibilità di tenermi aggiornata sui fatti quotidiani italiani, principalmente attraverso i siti online dei giornali. Ora però, vorrei però portare l'attenzione, anche sul nato non del tutto positivo di internet: Tutta questa immediatezza, tutte queste immagini istantanee son davvero vantaggiose, ma si possono mettere a paragone con le lettere scritte a mano, che riescono a comunicare molto più emozioni di una mail scritta con un anonimo Times New Roman? Queste distanze che si accorciano sempre più inesorabilmente, perdono forse un pò di valore, mentre prima "andare" implicava anche affrontare un "viaggio", affrontare confini segnati da storia e natura, adesso invece in poche ore d'aereo queste distanze immense perdono la loro vastità, e i confini son segnati solo da cartelli di "benvenuto" e "arrivederci"! Viaggiare ormai non è più questione di giorni, ma di ore, e il mondo sta pian piano perdendo la sua vastità. In quest'era di "globalizzazione" tutte le culture sono alla portata di tutti, e tutte le culture si assomigliano sempre più; mio fratello thailandese mi ha parlato spesso di quanto la Thailandia sia cambiata negli ultimi anni, sotto l'influenza della logica di un modello di sviluppo che nessuno aveva chiesto in Asia, eppure è stato lentamente insegnato. Io sono stata per una settimana, ospite novizia di un monastero buddista: niente cellulare, né internet, né libri, né foglio e penna per scrivere, "devi portare solo te stessa e un offerta per il tempio" mi dissero. All'inizio pensavo che non ce l'avrei fatta, ma è stato come disintossicarmi! A fine settimana mi son sentita leggera, ho avuto più tempo per pensare, per riflettere prima di parlare, e anziché scrivere di getto una mail a mia madre sui miei problemi, da quel giorno ho provato a soffermarmi più a lungo, ad analizzare meglio le cose, esaminarle ed "esporle" a sangue freddo. L'immediatezza di internet spesso porta, o meglio, mi ha portato a questo, a non riflettere bene sulle difficoltà prima di esporle ai miei genitori. Internet ha tantissimi vantaggi, è bello, utile e soprattutto comodo. Forse è proprio questa comodità a renderlo così pericoloso: ormai se si vuole avere qualunque informazione, non si deve più andare in biblioteca a "sprecare" il proprio tempo, non serve chiedere ai propri conoscenti per informarsi, andare in un posto per vedere con i propri occhi... è tutto a portata di un clic! E senza neanche alzarsi dal divano! Bello vero? Si, secondo me è davvero bello, internet è uno strumento di grandiosa portata, tutto e bene, se usato con moderazione... Intanto per me, la Thailandia più stupefacente, che mi è rimasta nel cuore, è quella che ho vissuto senza internet, e soprattutto, la Thailandia che su internet non si trova :)

5 5) Leonardo Aleotti, da Milano alla Turchia per un anno Ciao, mi chiamo Leonardo e sono stato un anno a Istanbul. Sono capitato in Turchia quasi per caso, la mia prima scelta era la Danimarca, ma le sorprese della sorte non finiscono mai e così invece che nel paese di Amleto sono finito tra narghilè e kebab. Tuttavia, la mia reazione è stata più che positiva, la voglia di partire era tanta e il cambio di destinazione non ha fatto altro che aumentare il mio desiderio di andare in un paese che ritenevo per certi aspetti, tra cui collocazione geografica e religione, molto diverso dall'italia. Partivo dunque carico di pregiudizi, non per forza negativi, ma stereotipi riduttivi per descrivere quel paese fantastico che è la Turchia e che sono stati puntualmente smentiti nel corso della mia esperienza. Nonostante ci fossi già stato e per un periodo non indifferente (due settimane), non avevo veramente realizzato cosa volesse vivere in una realtà come quella turca e in un primo momento nutrivo ancora un certo timore nei confronti dei turchi, degli uomini in particolare, che sebbene fisicamente siano esattamente come vengono descritti (omoni grassi, barbuti e baffuti), nei modi non rispecchiano minimamente il loro aspetto a tratti inquietante e sanno anzi essere molto accoglienti ed estroversi. Una delle principali incognite della Turchia alla mia partenza era legata all'aspetto religioso: sapevo, per esperienza diretta e non, che la Turchia non era una copia dell'iran o dell'arabia Saudita, un paese fondamentalista in cui vige la legge della sharia, e che l'opera di Mustafa Kemal Ataturk nei primi anni del Novecento aveva contribuito in maniera significativa a laicizzare e modernizzare lo stato turco, ma mai mi sarei aspettato una situazione quale quella in cui mi sono trovato. Probabilmente sono stato condizionato dall'aver vissuto a Istanbul, dove la situazione è decisamente differente rispetto ai paesini più tradizionalisti dell'anatolia orientale o alla stessa Ankara, ma posso affermare con certezza di aver visto veramente pochissime donne che indossavano il velo e anzi sembrava che queste fossero viste quasi con sdegno dagli altri turchi. Inoltre, vivendo ad Istanbul avevo la possibilità più unica che rara di vivere in una città divisa su due continenti e proprio legato a questo fatto ho potuto fare una curiosa constatazione durante la mia esperienza, ovvero che la parte asiatica (dove tra l'altro vivevo) è assolutamente più moderna e occidentalizzata (ci sono McDonald's e Burger King a ogni angolo della strada, i miei amici si stupivano che in Italia non ci fosse Starbucks quando per loro è praticamente impossibile fare 100 metri senza trovarne uno e la maggior parte della gente vive in grandi complessi di grattacieli) di quella europea, più turistica ma sicuramente più arretrata e fatiscente. Questa differenza ha una spiegazione logica: la parte europea è quella più antica, quella dei primi insediamenti, la cosiddetta "città vecchia", mentre la parte asiatica è relativamente più recente; ciononostante, sono rimasto impressionato da questa apparente contraddizione, il fatto che la parte asiatica fosse più "europeizzata" di quella europea mi ha in un certo senso choccato. Per quanto riguarda i turchi poi, ho scoperto con piacere che non c'è una grande differenza tra loro e gli italiani, in quanto entrambi popoli mediterranei, sono tutti e due passionali, espansivi e molto calorosi: in particolare il primo giorno di scuola mi sono sentito letteralmente assediato dai miei compagni, smaniosi di far conoscenza con me (devo dire che questo mi ha alzato di molto il livello di autostima) e di accogliermi nel migliore dei modi. Internet infine è stato fondamentale perché mi ha agevolato la comunicazione con i miei nuovi amici (quando si è alle prese con una nuova lingua scrivere è sicuramente più facile che parlare) ed è ancora adesso utile per mantenere i

6 contatti con gli stessi e la famiglia ospitante, però può rivelarsi un'arma a doppio taglio: è molto facile farsi prendere dalla tentazione e abbandonarsi alla nostalgia guardando cosa fanno gli amici lasciati in patria, perdendo così le gioie della vita nel paese in cui si è. Nel complesso, credo che questa esperienza per me sia stata estremamente formativa e mi abbia aperto gli occhi (e la mente) sul mondo, aiutandomi ad abbattere pregiudizi e stereotipi e ad accogliere nuove culture diverse dalla mia; inoltre penso che il fatto che sia partito alla giovane età di 16 anni, un anno prima della maggior parte degli altri ragazzi, abbia contribuito maggiormente alla mia crescita sotto tutti i punti di vista, forse perché quando si è giovani si impara meglio. In ogni caso, non mi resta quindi che dire GRAZIE INTERCULTURA! 6) Gabriele Tealdo, da Monza agli USA per un anno Nell'Orlando Furioso, il sommo Ludovico Ariosto spingeva l'immaginazione del lettore ad immaginare che tutto ciò che veniva smarrito dagli uomini andava a finire sulla Luna, un luogo estremamente lontano e diverso dalla Terra. Certamente il mio viaggio in America non può essere paragonato a quello di un uomo che raggiunge la Luna, tuttavia vi è un affinità che collega la fantasia del celebre scrittore al viaggio che mi ha portato a vivere negli Stati Uniti d'america. La scelta di trascorrere un periodo di studi all'estero così lontano da casa, è stata infatti motivata dal bisogno interiore che avevo di ritrovare qualcosa a me molto caro, ovvero quel gusto di vivere che nell'anno prima di partire avevo smesso di sentire, durante un momento difficile della mia vita. Il mio anno all'estero è stato così un vero e proprio viaggio alla ricerca di me stesso, un anno nel quale ho compiuto scoperte grandiose, scoperte che hanno riacceso in me il fuoco dell'amore per la vita e hanno cancellato dalla mia mente la stereotipata immagine degli States che, per causa dei media, molti giovani italiani hanno nella loro mente. Difatti è proprio per colpa di mezzi divulgativi come la televisione, che tanti adolescenti pensano che l'america non sia null'altro che l'emblema della mondanità occidentale, quel luogo in cui bellissimi 'teenagers' dal sorriso smagliante che vestono 'blue jeans', camminano per i corridoi scolastici addobbati dai tipici e ben noti armadietti. Avendo vissuto negli USA, posso oggi dire che l'america è molto di più rispetto al perfetto 'paese dei balocchi' che la TV e il Web tendono a mostrarci. La cultura americana è unica a questo mondo. Essa si è generata dall'intreccio di popoli estremamente diversi tra loro e che convivono nella stessa nazione dando vita al cosiddetto 'melting pot', che tuttavia persiste nel contenere in se' una grande imperfezione, ovvero quella del razzismo, sentimento ancora molto presente in questa terra ricca di contraddizioni, dove molta gente critica aspramente l'aborto in nome dell'etica e della religione, ma al tempo stesso favorisce la pena di morte e la legalità del possesso di armi da fuoco.

7 L'America è complessa, strana, ma affascinante al tempo stesso. Essa è stata in grado di farmi provare quell'entusiasmo e quella gioia di vivere che mi mancava da tempo. In lei ho trovato una famiglia ospitante che mi ha accolto come fossi un loro figlio e ho conosciuto amici che non dimenticherò mai. Il dono più grande che però mi è stato fatto dagli Stati Uniti, sono le stesse prove e le difficoltà che ho vissuto in questa nazione, la provocazione di vivere da solo in un paese che ritenevo di conoscere, ma non conoscevo per nulla. Il luogo in cui ho sofferto e sono caduto, ma sono anche riuscito a rialzarmi per fare delle mie ferite un punto di forza. Quel posto in cui ho risentito il mio cuore battere e gridare di felicità, quel paese dove mi sono sentito rinascere nel corpo e nell'anima e al quale sarò per sempre grato. Calarmi con il corpo in questa nazione, è stata quindi per me una cosa necessaria per conoscere più in profondità me stesso ed il mondo. Con questo non mi pongo affatto in un atteggiamento negativamente critico verso le nuove tecnologie. Per esempio internet, durante il mio soggiorno all'estero è stato per me indispensabile per risolvere molti problemi e per mantenermi in contatto con la mia famiglia italiana. Sono però certo del fatto che sperimentare qualcosa con il proprio corpo ed il proprio cuore, sia in grado di regalare all'uomo un senso di soddisfazione infinitamente più grande rispetto all'informazione a distanza. 7) Chiara Terrasi, da Palermo alla Cina per un anno Alle selezioni di settembre del 2011 scelsi di affrontare il mio quarto anno di liceo all estero, scelsi di farlo in Cina. In pochi appoggiavano la mia scelta, ma avevo la fortuna di avere i miei genitori dalla mia parte. La Cina, secondo il 90% delle persone che frequentavo, era solo un paese di musoni gialli e di menti chiuse. Io invece ero convinta che dietro quei pregiudizi, quei luoghi comuni, ci fosse molto di più, e volevo assolutamente scoprire quel molto di più. Iniziai a comprare ogni guida turistica che mi capitava sotto mano e ogni libro per imparare il cinese. Sfogliando le guide turistiche mi innamoravo sempre di più di quelle provincie piene di splendore e magia. A differenza di tutti coloro che si dicevano preoccupati per me perché avevo scelto un paese così diverso, il mio unico problema prima di partire era la possibilità di trovare un clima a cui non mi sarei adattata facilmente, per il resto, ero pronta a tutto. Arrivata lì effettivamente il clima fu un vero e problema, tutta quell umidità e quel caldo mi fecero stare parecchio male i primi giorni, ma poi iniziai a calarmi realmente in quella realtà e in quella cultura, che tutto divenne più facile. I primi tempi per combattere la nostalgia di casa vivevo costantemente su Skype e mi disperavo per la censura che non mi permetteva di usare Facebook. Chiesi aiuto ad una ragazza cinese che era stata in Italia l anno prima e che sapeva come superare la censura. Così grazie ad un programma a pagamento riuscivo ad usare facebook e a scrivere sul mio blog quando volevo. Il

8 mio blog è stato fondamentale, sono riuscita a raccontare passo per passo i 10 mesi che hanno cambiato la mia vita, e ancora oggi le persone mi fanno i complimenti ed io mi commuovo rileggendolo. Sapevo che era sbagliato usare internet per tutto quel tempo (3 h al giorno), ma mi calmava e parlare con tutti i miei amici mi dava la forza di continuare la mia esperienza. Poi più passavano i mesi, più ero piena di impegni e le ore al pc diminuivano. Per tutta la mia esperienza però usavo internet sul cellulare e con whatsapp (applicazione di messaggistica per iphone e android) riuscivo a messaggiare con mia mamma e mio papà in tempo reale, così riuscivo a tenerli informati. Era divertente andare a fare shopping con mia sorella e mandare la foto delle cose acquistate a mia madre, era un modo per renderla ancora più partecipe della mia esperienza. Allo stesso modo adesso che sono tornata in Italia, grazie a Weibo ( corrispettivo Facebook cinese) riesco a informarmi sulla vita dei miei amici cinesi e a informare loro sulla mia, tramite post e foto. Grazie a QQ (Msn cinese) riesco a chattare e a parlare con la famiglia. Mi emoziono tantissimo quando la mia cuginetta di 3 anni inizia a baci allo schermo del pc e a chiamarmi per nome salutandomi, mentre parliamo. Oppure mia nonna che mi fa i complimenti per i capelli corti e mio nonno che mi dice che sono dimagrita. Riesco a comunicare con loro in tempo reale, riesco a vedere come il mio cuginetto che io ho visto nascere, adesso cammini e parli. Grazie ad un semplice computer, una webcam e QQ, riesco a continuare a sentirmi parte di quella famiglia che mi ha tenuto tra le sue braccia per dieci mesi. E loro riescono a mostrarmi che le cose non sono cambiate, nonostante siano passati sette mesi da quando ho lasciato la Cina. Ma io ho lasciato la Cina, non i loro cuori. 8) Klarisa Elena Szilagyi, da Catanzaro al Venezuela per un anno La pre-partenza è un attesa che non finisce mai. Mi ricordo che avevo quasi sempre quel sorriso sulla faccia, un sorriso che raccontava tutta la felicità che stavo provando per partire lontano; e allo stesso momento, dentro,avevo tanta ansia che facilmente si sarebbe potuta tramutare in paura per tutto quello che i miei amici mi dicevano sul Venezuela: Ritornerai vendendo droghe!, Ma che vai a fare là, sono tutti poveri!, Perché non hai scelto l Inghilterra o la Finlandia?. Tutte domande e affermazioni che nella mente di una sedicenne, qual ero, possono davvero far paura. Ma credo che il sorriso era troppo grande e forte per soccombere alla paura. Tre giorni prima di partire avevo scritto su un quaderno: Ho una voglia matta di iniziare questo viaggio e non smettere più di viaggiare. Voglio girare il mondo e stringere mani arabe, americane, giapponesi, sudafricane!. Forse l ho scritto inconsciamente o non davo a quelle parole lo stesso valore che darei oggi. Vivendo in Venezuela ho capito quant è importante viaggiare e conoscere nuove culture, quant è importante e facile vivere delle esperienze magnifiche, che fino a quel momento avevo letto solo in un libro o visto in un film. Ho imparato tantissimo e posso dire che ho conosciuto davvero il mondo venezuelano perché per un anno sono riuscita a staccare la spina dall Italia e attaccarla a questo nuovo paese: usavo

9 pochissimo il computer, tanto non mi importava di quello che stavano vivendo i miei compagni o amici italiano; il mio mondo era più interessante e bello! Le chiamate dall Italia al telefono quasi inesistenti. Può sembrare strano che io abbia parlato al telefono con mia madre solo una volta in tutto l anno, ma è stato così. Non volevo che mi chiamasse perché avrebbe potuto farlo proprio quando mi trovavo con amici o quando mangiavo in famiglia e mi avrebbe dato molto fastidio. E poi parlare con qualcuno fuori dal mio mondo, avrebbe significato rompere quella spina o comunque forzarla troppo. Può sembrare strano ma gli stessi aggeggi elettronici che prima rifiutavo per dedicarmi alla mia nuova vita, ora sono l unica cosa che mi leghi ancora a quel mondo! Parlare con le mie amiche solo tramite skype è difficile: Quante cose non sai, quante dobbiamo raccontarti! mi dicono loro; ma è complicato descrivere questi momenti, perché è ovvio che provi una grande gioia a vedere di nuovo le tue amiche e sentire le loro voci, ma quello che ti dicono sono solo parole, racconti. Tu non fai più parte di quei racconti. E quando quella videochiamata finisce, finisce anche quella realtà, ritorni alla tua vita normale e tutto quell anno è solo un ricordo. Però poi ci sono quelle volte, dove tutte le emozioni, tutti i ricordi di quell anno riaffiorano all improvviso. Mi riempiono la giornata di felicità, perché quello che ora ho dentro non l avrei mai acquisito se non fossi partita. Infatti i miei compagni non ce l hanno quella scintilla negli occhi quando si parla del mondo, di nuove lingue e di tradizioni. Non vogliono uscire dal loro guscio protettivo, è troppo caldo e comodo per lasciarlo. Si accontentano di conoscere il mondo soltanto tramite uno schermo. Vorrei dire loro: svegliatevi, vivete, viaggiate! Ho cercato di farlo alcune volte, ma aprire la mentalità alle persone è difficile e poi non puoi costringerle a pensare certe cose. Perché i paesi, le culture, le persone, le tradizioni, la bellezza della diversità si comprendono da soli, vivendo! 9) Beatrice Rossi, da Bergamo alla Cina per un anno Prima di partire non avevo grandi aspettative, speravo solo di non aver grandi problemi con la lingua. sapevo che i cinesi sono molto ospitali, e durante l'anno in Cina questo è stato confermato. inoltre ho scoperto (cosa che non mi sarei aspettata) che sono molto curiosi riguardo gli occidentali, vogliono sapere le cose più disparate per esempio uno dei miei compagni mi aveva chiesto se noi avevamo le macchine.. l'esperienza mi ha portato a vedere i cinesi non più solo come coloro che grazie al ristorante mi fanno provare una cucina diversa (che poi rispetto alla cucina cinese vera e propria, il cibo cinese non ha nulla a che vedere!) ma anche come persone molto gentili e interessati agli altri.. non nutrivo pregiudizi per fortuna, e ora men che meno..

10 10) Alice Dominici, da Roma al Costarica per un anno Un esperienza all estero è sempre foriera di maturazione dai più svariati punti di vista: sicuramente però la personalità di chi la affronta e il paese scelto influiscono notevolmente su quali valori appresi abbiano maggior peso. Io ho vissuto per un anno in Costa Rica: il mio anno, più di tutto, mi ha insegnato il vero significato del proverbio Il troppo stroppia". Il Costa Rica è infatti un paese che pur essendo il più sviluppato di tutta l America Centrale, ai nostri occhi di europei appare sottosviluppato. Inoltre, ho trascorso la mia esperienza presso una famiglia con gravi difficoltà economiche (e posso assicurarvi che chi ha difficoltà economiche in Italia vivrebbe molto più che dignitosamente in Costa Rica): questo significa che ho vissuto sotto un tetto di lamiera, senza acqua calda, in condizioni igieniche gravi che mi hanno procurato diversi problemi di salute e seguendo un alimentazione molto povera riso e fagioli principalmente-, tanto che a volte si saltavano i pasti. Ad esempio, è capitato che la mia mamma ospitante mettesse via il pane prima del tempo, per non dovermi spiegare che bisognava conservarlo per il giorno dopo e quindi risparmiare. In questo contesto, a cui devo ammettere di aver fatto molta fatica ad adattarmi, il computer rappresentava per me l unico vero oggetto di valore, oltre che un contatto con il mondo di cui avevo tantissima nostalgia. Confesso e mi pento di aver passato troppo tempo su Facebook ad illudermi di vivere virtualmente la vita agiata che avevo lasciato in Italia, perdendo tempo prezioso della mia esperienza- e per il quale,adesso, pagherei oro. Nel frattempo però, senza accorgermene, mi abituavo lentamente alla mia vita in Costa Rica: dopo qualche mese non solo ero abituata, ma avevo compreso che riuscivo a vivere benissimo anche lì. In realtà la mia homesickness riguardava più gli agi e i beni materiali a cui ero abituata in Italia che la mia vita quotidiana, e ho riscontrato la stessa difficoltà nei miei amici stranieri, sempre borsisti di Intercultura (svizzeri, tedeschi, islandesi, austriaci, francesi). Non erano i miei amici o la mia famiglia a mancarmi così ossessivamente, perché avevo accettato la loro assenza come parte dell esperienza che dovevo affrontare, ma ero vittima della dipendenza dal benessere che è ormai parte di tutti noi: come si è poi argomentato anche con la mia insegnante di lettere, abbiamo così tanto benessere materiale da aver rinunciato al benessere psicologico, in funzione del bisogno spasmodico di avere sempre di più, come dei moderni Mazzarò. Cerchiamo un impiego stabile come condizione necessaria per poter andare avanti, e siamo terrorizzati all idea di non vederci garantiti i beni materiali da cui siamo dipendenti, che si tratti della macchina nuova a 18 anni, dell Iphone o del guardaroba sempre all ultima moda: la mancanza di queste certezze è alla base della scarsa fiducia nel futuro da parte della maggioranza dei giovani italiani (e non solo). Questo in Costa Rica non esiste: si vive alla giornata e ci si accontenta, assaporando ogni attimo, Carpe diem. Da questo punto di vista, il mio anno in Costa Rica è servito come terapia di disintossicazione dalla droga del benessere necessario e irrinunciabile, e i social network, impedendomi di immergermi totalmente nella realtà che mi ha ospitata con tanta umiltà e buona volontà, hanno sicuramente ostacolato e rallentato la mia crescita e la buona riuscita dell esperienza.

11 Quando ho partecipato alle selezioni di Intercultura, nel novembre del 2010, avevo appena compiuto 16 anni e volevo andare negli Stati Uniti, come quasi tutti i ragazzi che,a novembre dello scorso anno, ho selezionato con gli altri volontari. Fortunatamente, la mia attitudine alla riflessione mi ha portato a comprendere che in realtà non erano gli Stati Uniti ciò che desideravo; forse mio padre lo desiderava più di me. Il Costa Rica è arrivato come un fulmine a ciel sereno: non sapevo nemmeno dove collocarlo nel continente centro-sud americano il giorno che i volontari del mio centro locale mi parlarono di una ragazza, Chiara, che in quel momento si trovava proprio in Costa Rica. Chiara viveva sotto un tetto di lamiera, in una famiglia estremamente povera, ma era felicissima dell esperienza che stava vivendo. Parlava lo spagnolo, si trovava in mezzo ad una natura dalla bellezza sconvolgente e non c era motivo per cui sarebbe tornata indietro nella sua scelta. E Costa Rica fu, perché ciò che cercavo era un esperienza che fosse diversa da tutto ciò che avevo vissuto fino ad allora, che riuscisse a rivoluzionare i confini della mia mentalità e della mia concezione della vita. Quando mi informarono che avevo effettivamente vinto una borsa di studio per il Costa Rica, assieme all entusiasmo smisurato che caratterizza il prima di qualsiasi esperienza di questo tipo, cominciò ad emergere gradualmente la paura: la povertà a cui andavo incontro in Costa Rica, per quanto poetica, mi spaventava. Nei mesi precedenti alla partenza non è passato giorno senza che leggessi blog di qualche americano sulla vita in Costa Rica e sui ticos (i costarricensi); soprattutto però, all arrivo della notizia ho cominciato a cercare spasmodicamente ragazzi costarricensi in rete, per poter ottenere notizie direttamente e farmi un idea della mentalità dei giovani con cui avrei vissuto. In questo modo ho conosciuto Lola, mia sorella, che aveva 17 anni ed era (lo è tuttora) una grande appassionata di lingua e cultura italiana, talmente appassionata da proporre alla sua famiglia di ospitarmi per un anno. Io e Lola ci cercavamo quasi ossessivamente, calcolando il fuso orario: ci raccontavamo delle nostre vite in uno spagnolo coadiuvato da google a dal dizionario, mi inviava foto della casa e della cittadina in cui avrei vissuto (Pérez Zeledòn). Ciononostante, è impossibile per una sedicenne in procinto di andare a vivere in Centro America rimanere immune da pregiudizi e da false aspettative. Immaginavo un luogo paradisiaco, popolato da persone gentili e disponibili, aperte al dialogo, come mi appariva Lola. L entusiasmo offusca sempre la razionalità: al mio arrivo e per le prime settimane mi sentivo imprigionata in una situazione opprimente, circondata da persone mediamente ignoranti e subito pronte a giudicare, o almeno così mi sembrava. Con il tempo però, comprendendo a fondo la cultura costarricense e gli atteggiamenti dei ticos, ho cominciato ad entrare in sintonia con ciò che mi circondava, fino a riconfermare quelle aspettative precedenti alla partenza. Il mio adattamento alla cultura costarricense può essere inteso quasi hegelianamente: era tutto esattamente come me lo aspettavo, ma da un punto di vista diverso, più profondo e consapevole ma soprattutto interno al contesto.

12 Il Costa Rica mi ha lasciato la consapevolezza di poter vivere con semplicità, Pura Vida, senza affannarsi e approfittando di ogni momento per vivere e non per sopravvivere, a vivere sotto un tetto di lamiera e considerarsi fortunati, ad essere felice di poco: in Italia è difficile mettere tutto questo in pratica, perché la nostalgia del Costa Rica e le difficoltà che il nostro paese crea (soprattutto ai giovani) offuscano quella positività che però, con grande orgoglio, ho sempre dentro di me.

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita

I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita I 6 Segreti Per Guadagnare REALMENTE Con Internet... E Trasformare La Tua Vita Come Guadagnare Molto Denaro Lavorando Poco Tempo Presentato da Paolo Ruberto Prima di iniziare ti chiedo di assicurarti di

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita)

LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) LAURA, IN CINA TRA KUNG FU E CANTI TRADIZIONALI (Come un estate in 中 国 ha cambiato la mia vita) Credevo di essere pronta a questa esperienza. Credevo di essere pronta a passare un intero mese dall altra

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone.

La nuova adozione a distanza della Scuola. Secondaria di Primo Grado di Merone. La nuova adozione a distanza della Scuola Secondaria di Primo Grado di Merone. Riflessione sull Associazione S.O.S. INDIA CHIAMA L' India è un' enorme nazione, suddivisa in tante regioni (circa 22) ed

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING!

I PRIMI PASSI NEL NETWORK! MARKETING! I PRIMI PASSI NEL NETWORK MARKETING Ciao mi chiamo Fabio Marchione abito in brianza e sono un normale padre di famiglia, vengo dal mondo della ristorazione nel quale ho lavorato per parecchi anni. Nel

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in

Le due diverse facce di Shanghai, la parte moderna del Pudong e la parte tradizionale tra mercati e case in Più volte ho provato a descrivere la realtà cinese, la frenetica realtà cinese, con il suo progresso e con il suo attaccamento alla tradizione, con i suoi colori e i suoi odori. Più volte ho provato e

Dettagli

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N

LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N LA RETE SIAMO NOI QUESTIONARIO N CIAO! Abbiamo bisogno di te. Vogliamo sapere come i ragazzi e le ragazze della tua età usano il cellulare e la rete Internet. Non scrivere il tuo nome. 1. Sei? 1 Un ragazzo

Dettagli

Nicolò UGANDA Gapyear

Nicolò UGANDA Gapyear Nicolò, Diario dall Uganda Se c è il desiderio, allora il grande passo è compiuto, e non resta che fare la valigia. Se invece ci si riflette troppo, il desiderio finisce per essere soffocato dalla fredda

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete

TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista. PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete TAVOLA ROTONDA Programmazione della gravidanza e diabete: i diversi punti di vista PENSO ALLA GRAVIDANZA ed ho il diabete Una cosa sola è certa del mio futuro... VOGLIO avere dei figli! il diabete non

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio

Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio Riflessioni della classe IV^A dopo l'incontro con Padre Fabrizio L incontro con padre Fabrizio è stato molto importante per capire che noi siamo fortunatissimi rispetto a tante altre persone e l anno prossimo

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Lezioni di spicce Fotografia

Lezioni di spicce Fotografia Lezioni spicce di fotografia Lezioni di spicce Fotografia 1 Introduzione L idea di queste pagine, un po spicce, vagamente sbrigative, nascono da una conversazione in chat, perché anche io chatto, con un

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Una vita a tappe...ricominciare

Una vita a tappe...ricominciare Una vita a tappe...ricominciare Ciao io sono AN DONG, in italiano ANTONIO, sono un ragazzo cinese di 12 anni abito a Terzigno, e frequento la 2 media. Sono nato a Sarno 12 anni fa, ma all'età di quattro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli