LO SBAGLIO PIÙ BELLO DELLA MIA VITA. Traduzione di Simona Mambrini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO SBAGLIO PIÙ BELLO DELLA MIA VITA. Traduzione di Simona Mambrini"

Transcript

1

2 Il libro Questa è una storia d amore. Ma non è la solita favola. Non parla del primo bacio. Non parla del primo appuntamento. Non parla del colpo di fulmine che arriva a un tratto ad aggiustare tutto. Parla di Reena, che da sempre è innamorata di Sawyer e pagherebbe per un suo sguardo. E parla di Sawyer, che un giorno all improvviso si accorge di lei e la trascina in una storia bellissima, tormentata, imprevedibile. E un altro giorno all improvviso se ne va, senza una parola, lasciandola sola con i suoi sedici anni, i suoi sogni infranti e una bambina in arrivo. Reena voleva andare all università, girare il mondo, diventare una scrittrice. Invece abbandona la scuola, resta in città e diventa mamma. Una scelta coraggiosa, di cui non si pentirà mai, perché la piccola Hannah è la cosa più bella che le sia mai capitata. Anche se nei suoi occhi rivede ogni giorno quelli del ragazzo che le ha spezzato il cuore. Poi, dopo tre anni, ecco che Sawyer torna dal nulla a sconvolgerle l esistenza. Proprio quando Reena stava provando a vivere una nuova storia, proprio quando stava mettendo in pratica tanti buoni propositi (essere forte, odiarlo, dimenticarlo), lui è di nuovo lì, con quelle labbra e quelle mani irresistibili, pronto a incrinare la sua rabbia e il suo orgoglio, a far riaffiorare quel sentimento che lei ha fatto di tutto per spegnere. Così. Come se il cuore di Reena fosse un giocattolo da smontare e rimontare. Come se fosse scontato perdonare e concedere una seconda possibilità. Come se per imparare ad amare fosse necessario farsi del male. Sbagliare e riprovare. Come se Reena e Sawyer stessero vivendo una vera storia d amore.

3 L autrice Katie Cotugno vive a Boston. Autrice di racconti pubblicati su importanti riviste letterarie, è stata candidata al prestigioso Pushcart Prize. Lo sbaglio più bello della mia vita è il suo primo romanzo, attesissimo in ben quattordici Paesi.

4 KATIE COTUGNO

5 LO SBAGLIO PIÙ BELLO DELLA MIA VITA Traduzione di Simona Mambrini

6 A Jackie, la mia prima lettrice

7 1 Dopo CERCAVO Sawyer da una vita, ed eccolo là, davanti al distributore automatico di Slurpee del supermercato 7-Eleven, a fissare i colori fosforescenti delle granite, come se si aspettasse di trovarci dentro la risposta ai misteri dell universo. A pensarci bene, forse è così. Mi fermo. Lo guardo. Devo comprare delle gomme da masticare, una bibita e una confezione dei biscotti preferiti di Hannah, ma so già che me ne andrò via a mani vuote. Tra quindici minuti ho una stupida lezione di ragioneria. La mia treccia gronda acqua piovana sul linoleum scuro, formando una piccola pozza ai miei piedi. «Ciao, Reena.» Colta in fallo, come al solito. Sta sistemando con cura il coperchio di plastica sul bicchiere. Sawyer LeGrande non è uno che si fa sorprendere alle spalle e quando si volta non sembra minimamente sorpreso. Ha i capelli tagliati cortissimi, quasi a zero. «Ciao, Sawyer», saluto lentamente. Quel suono mi esplode in testa con il fragore di un onda. Infilo l indice nell anello del portachiavi e affondo il metallo freddo nel palmo. Trovo sia un ingiustizia che dopo aver trascorso tutto questo tempo chissà dove, si rifaccia vivo all improvviso, radioso e abbronzato, mentre io ho l aspetto di una barbona. Sono struccata. Ho i jeans bucati sulle ginocchia e ho messo su almeno cinque chili dall ultima volta che ci siamo visti. Ma, prima che io abbia il tempo di sprofondare nell umiliazione, lui supera l espositore delle patatine e della carne affumicata e mi stringe in un abbraccio. Come se fosse una cosa normalissima. Ha sempre lo stesso odore, un misto di sapone e sottobosco. «Non lo sapevo», esordisco allibita. Non so quale sia esattamente l ignoranza che sto per professare. Forse tutte quante: diciotto anni di verità universali ovvie per tutti tranne che per me. «Sono tornato solo ieri», chiarisce. «Non sono ancora passato al ristorante.» E sulle labbra gli spunta uno di quei sorrisetti obliqui ai quali ho cercato di rendermi immune sin dalla seconda elementare. «Saranno in molti a essere sorpresi.» «Dici?» mi lascio sfuggire. Il suo sorriso svanisce. «Uh... sì. Almeno credo.» «Già.» Non mi viene in mente niente di meglio da dire. Non mi viene in mente proprio niente, come al solito quando mi trovo di fronte Sawyer. Eppure uno potrebbe aspettarsi che ormai abbia sviluppato almeno qualche anticorpo. Andavo nel pallone quando facevamo lo stesso turno al ristorante Da Antonia, ed era un continuo di piatti rotti e ordini e conti scambiati. Una volta, quando avevo quindici anni e

8 lui era dietro al banco, una cliente aveva ordinato un Sex on the beach. Ci misi così tanto tempo a trovare il coraggio di ripetergli il nome del cocktail che la cliente si lamentò con mio padre per la lentezza del servizio, cosicché, per punizione, mi toccò restare a pulire la cucina dopo la chiusura. «Ho saputo da mia madre...» sta dicendo. Lascia la frase in sospeso, poi ci riprova. «A proposito di...» Sono tentata di lasciarlo così, in sospeso, come un impiccato, ma poi decido di tagliare corto. «Hannah», dico. Chissà cos altro gli ha raccontato sua madre. Non riesco a smettere di fissarlo. «Si chiama Hannah.» «Già. Cioè...» Sembra a disagio, come in attesa che succeda qualcosa. Magari si aspetta di sentirselo dire in faccia. Bentornato. Fatto buon viaggio? Oh, a proposito, abbiamo una bambina, ma tengo la bocca cucita. Che cuocia un po nel suo brodo, penso, meschina. Che sia lui a tormentarsi per una volta. Lo Slurpee che ha in mano è verde kryptonite. La treccia mi ha lasciato una chiazza umida sulla maglietta. Sawyer si dondola imbarazzato. «So anche questo.» Restiamo lì, impalati. Ad ascoltare il nostro respiro nel brusio di sottofondo dell ambiente freddo e algido del supermercato. Sopra la sua spalla destra c è un vistoso cartellone che pubblicizza hot dog. Non era così che mi ero immaginata quella scena. «Be...» dico dopo un po, sforzandomi, senza successo, di mostrarmi disinvolta. «Mi ha fatto piacere vederti. Adesso è meglio che mi sbrighi a prendere quello che mi serve...» Mi fermo, scosto una ciocca di capelli dalla fronte e guardo le luci al neon sfarfallanti. «Devo proprio andare, Sawyer.» Scorgo una contrazione alla mascella. Un moto praticamente impercettibile per chiunque non abbia passato l intera adolescenza a scrutargli la faccia. «Reena...» «No, ti prego...» Non voglio rendergli le cose facili. Chi me lo fa fare? È lui quello che è scomparso, che ha tagliato la corda senza nemmeno salutare. Arrivederci, a presto, ti amo. È lui che mi ha piantato in asso. «Senti, qualsiasi cosa tu stia per dirmi, lascia perdere. Alla fine tutto si è risolto, no?» «No, non è vero.» Mi guarda e lo rivedo esattamente com era a otto anni, a undici, a diciassette. Io e Sawyer eravamo insieme solo da pochi mesi prima che se ne andasse, ma io avevo sempre avuto una cotta per lui, e la sua partenza sarebbe stata comunque una brutta tegola anche se non avessimo avuto una storia. Sposto lo sguardo dai gelati alle confezioni di tabacco da masticare e alle patatine. Scuoto la testa. «Sì, invece.» «Eddai, Reena.» Sawyer dondola sui talloni come se l avessi spinto. «Non piantarmi così.» «Tu dici a me di non piantarti?» esclamo a voce più alta di quanto avrei voluto. Vorrei prendermi a calci per essermi tradita e avergli fatto capire che ancora mi brucia. «Pensavano tutti che tu fossi morto stecchito in qualche vicolo. Io ti credevo morto. Quindi non venirmi a dire che ti senti piantato...» Sono stata sferzante e posata. Per un attimo il grande Sawyer ha un aria talmente disarmata e dispiaciuta che quasi mi si spezza di nuovo il cuore. «Non fare così», gli intimo pacatamente. «Non è giusto.»

9 «Guarda che non sto facendo niente», replica. «Niente di niente.» «Sawyer, smettila...» sbotto, esasperata. «Sei uno schianto, Reena.» Ecco che ricomincia con la tattica del domatore di leoni. La situazione è talmente surreale che mi viene quasi da ridere. «Piantala», gli intimo, sforzandomi di essere categorica. «Ma è la verità!» Sorride. Sembra avere un sesto senso per farmi sciogliere. «Ti rivedo in giro?» «E tu, ti farai rivedere in giro?» «Sì, direi di sì», annuisce. «Bene», dico come se non mi stessero tremando le mani e la gola non mi si fosse chiusa. Il fatto è che mi ero abituata alla sua assenza. «Sai, io ci abito qui.» «Mi piacerebbe vedere la bambina.» «Abita qui anche lei.» Ci sono altre persone nella nostra stessa corsia, gente che sta facendo la spesa come niente fosse, senza che la loro vita abbia preso una brusca piega inattesa. Un tizio mi scosta senza tanti complimenti per raggiungere i Cheetos. Fuori continua a diluviare: chissà, forse la fine del mondo non è lontana. Mi sforzo di respirare a fondo. «Ciao, Sawyer.» «Ci vediamo, Reena.» Se non sapessi con chi ho a che fare, prenderei quel saluto per una promessa.

10 2 Prima «HO vinto!» esultò Allie trionfante, calando l ultima carta sulla trapunta, il mento alzato in segno di vittoria. «Ti ho stracciata!» «Sul serio?» Sprofondai sui cuscini e le appoggiai i piedi in grembo. Avevamo passato gran parte del pomeriggio a giocare a una versione di ramino assurdamente complicata da una serie di regole che ci eravamo inventate noi, troppo macchinose per riuscire a spiegarle a chiunque. A ogni modo, giocavamo sempre e solo noi due. «Mi arrendo.» «Non puoi arrenderti se hai già perso», sottolineò. Allungò una mano verso il cassettone e scorse i brani musicali sul computer. La sua musica pop preferita risuonò gioiosa dagli altoparlanti metallici. «Non ti resta che ammettere la sconfitta.» Scoppiai a ridere e le tirai un calcio per scherzo. «Scema.» «Scema sarai tu.» «Tua sorella!» Per un po restammo in silenzio. Allie giocherellò distrattamente con una sfilacciatura dell orlo dei miei jeans. Sul muro c era un poster del Ponte dei Sospiri e uno di una veduta di Parigi al crepuscolo, entrambi rovinati agli angoli dallo scotch. Era primavera inoltrata del primo anno delle superiori; il mondo sembrava sconfinato e incredibilmente piccolo. «Ehi, ragazze?» Soledad, la mia matrigna, comparve sul vano della porta, i lunghi capelli neri raccolti sulla testa. «Roger e Lydia arriveranno a momenti», mi informò. «Ti dispiace preparare la tavola, per favore? Allie, tesoro», continuò senza aspettare la mia risposta tanto avrei detto di sì, come sempre «ti fermi a cena?» Allie fece una faccia perplessa e sbirciò la sveglia sul mio comodino. «Mi sa che devo proprio tornare a casa», rispose con un sospiro. Un paio di settimane prima si era fatta di nuovo beccare a rubacchiare in un negozio stavolta un paio di occhiali di plastica e una sciarpa di seta e i suoi genitori la stavano marcando stretta. «Grazie lo stesso.» «D accordo.» Soledad sorrise. Prima di voltarsi, diede due colpetti allo stipite della porta e riecheggiò il suono metallico della fede che aveva al dito. «Mi raccomando, metti un coperto in più, Serena», disse da sopra la spalla. «Dovrebbe venire anche Sawyer stasera.» Io e Allie ci scambiammo subito un occhiata, sgranando gli occhi. «Ho cambiato idea», saltò su Allie come un cane da punta. «Avverto i... ehm. Sì, credo proprio che mi fermerò a cena.» Scoppiai in una risata così forte che per poco non rotolai giù dal letto. Mentre cercavo di ricompormi pensai che era il caso che mi truccassi un po. «Sei così prevedibile», dissi.

11 Scesi dal letto e mi avviai in corridoio con aria disinvolta, come se il cuore non mi stesse battendo all impazzata. «Vieni, scema. Mi aiuterai a piegare i tovaglioli.» Venti minuti dopo, Lydia LeGrande irruppe in cucina come un uragano, sprizzante sicurezza da tutti i pori e carica di collane pesanti. «Come stai, Reena?» chiese, dandomi un fuggevole bacio sulla guancia. Senza aspettare risposta, appoggiò un vassoio di costosi formaggi sul bancone della cucina e cominciò a togliere la pellicola. Subito dopo entrò Roger con una bottiglia di vino. Malgrado la stazza, si muoveva con sorprendente agilità. Mi appoggiò una mano sulla spalla e mi salutò con un: «Salve, bellezza». I LeGrande erano i migliori amici di mio padre e Soledad. Soci in affari del ristorante a gestione familiare, erano inseparabili in vacanza alle Keys, e ai concerti all aperto di Holiday Park. I loro chiassosi giochi di società erano leggendari. Lydia era stata compagna di università di mia madre e fu grazie a lei e Roger che i miei si conobbero. Mia madre morì in seguito alle complicazioni di una sclerosi multipla quando avevo quattro anni e mio padre era troppo prostrato per pensare a preparare da mangiare e badare alla casa. Allora Lydia aveva provveduto a chiamare Soledad per dare una mano. Così, senza saperlo, finì per trovargli, oltre alla prima, anche la seconda moglie. A distanza di oltre dieci anni venivano spesso a cena da noi. La maggior parte delle volte senza figlio. Quella sera, però, la fortuna era dalla mia, oppure lo dovevo all allineamento delle lune di qualche lontano pianeta, fatto sta che al loro seguito spuntò Sawyer, in jeans e maglietta e una zazzera di capelli neri e mossi. Al collo aveva il ciondolo ossidato a forma di sottile mezzaluna che portava sempre. «Eccoti», lo salutò mio padre arrivando dal giardino dove stava preparando il barbecue. Io e Allie non avevamo ancora finito di preparare la tavola. Allie stringeva in pugno una manciata di forchette. «Devo farti sentire un disco. Roba seria. Herbie Hancock. Vieni con me.» «Mio figlio ha la luna storta», avvertì Roger. Sawyer si limitò a dare un bacio a Soledad e a fare un cenno con la testa a mio padre prima di seguirlo in sala, dove c era lo stereo. Sawyer era cresciuto scorrazzando per i corridoi di casa nostra. Mio padre era il suo padrino ed era stato lui a insegnargli a suonare il pianoforte oltre una decina di anni prima. «Ehilà, Reena», mi salutò distrattamente passandomi accanto. Riconobbi il suo profumo, una tiepida fragranza di sapone. Lo avevo visto al lavoro qualche giorno prima ma era un anno che non veniva a cena da noi. Deglutii. Il cuore mi picchiava contro la cassa toracica come sassolini contro il vetro di una finestra. «Ehilà.» Sawyer era due anni avanti a noi a scuola, anche se sembrava molto più grande, più vicino all età di mio fratello Cade che alla mia. È sempre stato così, per quanto mi ricordi, come se avesse già vissuto mille vite diverse. Faceva il barista al ristorante e si faceva vedere a scuola quando ne aveva voglia, quasi sempre ignorandomi: non per cattiveria, ma come si ignora una scritta sul muro di un palazzo davanti al quale si passa ogni giorno. Io facevo parte del paesaggio, tanto da fondermi con esso; ero un tratto talmente

12 familiare da diventare invisibile. Allie, però, non era una che passava inosservata. «Ciao, Sawyer», lo salutò, agitando la graziosa testolina riccioluta. Si era cambiata, e aveva addosso uno dei miei top: nero, semplicissimo, con le spalline sottili. Aveva le spalle cosparse da una spruzzata di lentiggini. «È da un pezzo che non ci si vede.» Sawyer si fermò e la guardò con un certo interesse. Nel frattempo, Roger aveva raggiunto Soledad nel patio e mio padre era sparito in soggiorno. Come al solito, Lydia faceva come se fosse a casa sua e si era messa a frugare nei cassetti in cucina alla ricerca di forchette d argento per i formaggi. Allie sorrideva. Io rimasi a osservare la scena con attenzione. Loro due si conoscevano per essersi incrociati alle feste compleanni, cerimonie di diploma e nei corridoi della scuola. Ma non si frequentavano e non erano nemmeno lontanamente amici, per cui rimasi sorpresa nel vedere Sawyer sorriderle nel suo solito modo accattivante. «Puoi dirlo forte», rispose puntando il mento nella sua direzione. «È da un pezzo che non ci si vede.»

13 3 Dopo «SAWYER LeGrande è tornato?» Di ritorno dal supermercato, due ore prima del previsto, entro in casa, furibonda, e irrompo in cucina con la grazia e la pacatezza di una granata. Ho guidato a vuoto sotto la pioggia torrenziale in preda al panico, spinta da una smania irrazionale a muovermi come se tutto congiurasse contro di me e l unica possibilità di sfuggire a una catastrofe fosse tenersi in movimento. Fuori, le palme si piegano in un gesto di supplica. Mi si è spento il motore al semaforo per ben tre volte. «Cosa?» scatta Soledad. Le scivola di mano il coltello con cui stava tagliando le carote e sbatacchia nel lavandino. Impreca in spagnolo prima di portarsi alle labbra il pollice ferito. Hannah, occupata a ridurre in poltiglia un pomodoro dell orto di mio padre sul seggiolone, comincia a strillare. Mia figlia è minuta, scura di capelli e pestifera: si direbbe che i suoi urli provengano da una creatura dieci volte più grande. «Mama», si lamenta, strascicando l ultima a come se si sentisse tradita dal mondo intero. La prendo in braccio, appoggiandomela su un fianco, e mi metto a camminare avanti e indietro per la stanza come una belva in gabbia. «Va tutto bene», mento, sussurrandole frasi senza senso per calmarla. Le manine paffute sono impiastricciate di polpa succosa. «Scusami. Ti ho spaventata.» La mia matrigna continua a fissarmi incredula, succhiandosi il pollice. «Sawyer LeGrande», ripeto, come se potesse esserci il dubbio che stia parlando di un altro Sawyer. «L ho incontrato davanti al distributore di granite Slurpee.» Soledad ci mette alcuni secondi a registrare l informazione prima di chiedere: «Che gusto?» La guardo senza capire. «Che gusto?» «È quello che ti ho chiesto.» «Ma che cazzo di domanda è?» «Modera il linguaggio», mi rimprovera. Guardo Hannah con aria colpevole. Mia figlia ha cominciato da poco a trotterellare e farfugliare qualche parola, mossa alla conquista dell universo da una sorta di smania irrefrenabile. Se non sto attenta a come parlo, c è il rischio che quando andrà all asilo si esprima come uno scaricatore di porto. «Scusami», mormoro dandole un bacio sulla testolina mentre mi spalma un po di polpa di pomodoro in faccia. «La tua mamma è proprio sboccata.» «Hai saltato la lezione?» mi chiede Soledad. Sto per risponderle che in questo momento i corsi universitari non sono proprio in cima alla lista delle mie priorità, quando

14 mio fratello fa il suo ingresso in cucina, seguito da mio padre. Quel pomeriggio c era una riunione di lavoro al ristorante. «Signore...» Dopo avermi rivolto un occhiata di sfuggita, mio fratello Cade punta dritto al frigorifero. Al liceo giocava nella squadra di football e ha sempre l appetito di un bisonte. «Ho visto Aaron in palestra stamattina.» Fingo di non averlo sentito si riferisce al mio ragazzo e gli chiedo: «Sapevi che Sawyer è tornato?» Mio malgrado, non riesco a nascondere di essere sull orlo di una crisi di nervi. Inspiro profondamente e dondolo Hannah contro il fianco, cercando di contenermi. «Lo sapevi, eh?» «No», risponde, ma evita il mio sguardo. Cade fissa perplesso l interno del frigo come se là dentro stesse succedendo qualcosa di interessante. «È finito il succo d arancia?» «Te lo chiedo di nuovo, Kincade...» «Eh?» Ha un tono scocciato. «Non ne ero... sicurissimo.» «Cade!» «Reena...» Mio padre si intromette come se avessimo ancora sette e dodici anni. Teme forse che possa sferrargli un calcio a uno stinco o un pugno alla nuca, come una sorellina dispettosa? Ho diciotto anni e mio fratello ventitré. E ho in braccio mia figlia... «Smettetela», ci ammonisce. Mi volto verso di lui. Mio padre e il padre di Sawyer si conoscono da bambini, gestiscono insieme un ristorante da dieci anni e ognuno è il padrino del figlio dell altro. Se Sawyer ha rimesso piede in Florida, è praticamente impossibile che lui non ne sia al corrente. «E tu?» gli chiedo sforzandomi di mantenere la voce salda. Comincia ad avere le tempie brizzolate. Hannah si divincola, insofferente, tra le mie braccia. «Lo sapevi?» Annuisce. «Sì», risponde, rivolgendomi uno sguardo pacato. Mio padre è uno che non dice mai bugie. «E non me lo hai detto?» Tace per alcuni istanti, come se stesse riflettendo. Ha il davanti della camicia spruzzato di gocce di pioggia. «No», dice alla fine. «Non te l ho detto.» In fondo non dovrei stupirmi, eppure l impatto è tremendo. Accuso il colpo come una mazzata in testa o una punizione divina. «Perché no?» chiedo, in tono più amareggiato di quanto fosse mia intenzione. «Reena...» «Soledad, ti prego...» «Non te l ho detto», continua mio padre con una calma olimpica, «perché speravo che non si fermasse a lungo.» Ah. Tutti gli occhi sono puntati su di me, in attesa. Soledad ha una mano sul cuore. Il corpaccione muscoloso di Cade indugia ancora davanti al frigorifero aperto. «Il succo è nella porta», dico. Poi salgo di sopra a mettere Hannah a letto.

15 4 Prima «COMINCIAMO a essere troppo grandi per queste cose», dichiarò Allie a un tratto. Stavamo trascorrendo pigramente la mattinata nell area dei giochi in fondo all immenso e immacolato giardino di casa sua. Noi due sole, come al solito. I capelli biondo paglierino di Allie sfioravano l erba quando si dondolava sull altalena gettando la testa all indietro. «Siamo già troppo grandi», dissi. Sdraiata a testa in giù sullo scivolo di plastica, con le ginocchia piegate e le braccia ciondoloni, cercavo invano qualche erbaccia da strappare: il padre di Allie era orgogliosissimo del suo prato all inglese. Avevamo quindici anni quell estate, eravamo ancora senza patente e scroccavamo passaggi a un paio di amici di Allie più grandi. «Quindi stai zitta e continua a dondolarti.» «D accordo», incassò Allie, scoppiando a ridere. «Seguirò il tuo consiglio.» Poi, ripensandoci, si raddrizzò scuotendo la testa con aria spensierata. «Che ne dici di andare a berci un bel caffè shakerato?» Feci una faccia perplessa. Tra non molto avrebbe fatto troppo caldo per restarsene a ciondolare in giardino, ma Allie voleva andare al bar solo perché ci lavorava la sua amica Lauren Werner e distribuiva shakerati gratis. E io detestavo la faccia tosta di Lauren Werner. «Hai davvero voglia di caffè?» Allie rifletté un istante, socchiudendo gli occhi dietro gli enormi occhiali da sole in tartaruga. «No», confessò con un sospiro rassegnato. «Ho voglia di andare da qualche parte.» Stavo per suggerire di guardare un film o magari fare un salto alla caffetteria della libreria, ma in quell istante la madre di Allie apparve sulla soglia della porta scorrevole della cucina: stessi capelli biondissimi di Allie ma tagliati corti in un pratico caschetto. «Ragazze?» chiamò, appoggiata a uno stipite, grattandosi con il piede nudo il ginocchio dell altra gamba. «Ho fatto dei muffin se avete fame.» «Non lasciarti tentare», si affrettò a dire Allie. «Sono ultracalorici.» «Non dire sciocchezze!» urlò di rimando sua madre. La signora Ballard aveva l udito di un pipistrello. «Non è vero. Provane uno, Reena.» «Va bene», accettai con un attimo di ritardo. In genere ero una persona accondiscendente e poi mi scappava la pipì. Scesi dallo scivolo e mi avviai verso casa attraversando il prato verde brillante, nel caldo sciropposo di metà mattinata. «Vengo.» «Porta anche le carte!» urlò Allie, abbandonando qualsiasi ipotesi di andare da qualche parte. Quell estate non facevamo altro che giocare a carte come due vecchie signore: bridge, pinnacolo e burraco. Era il genere di cose che piaceva ad Allie. Altre estati le

16 avevamo passate a imparare a fare le trecce alla francese, oppure a guardare l intera filmografia di Katharine Hepburn. «E carta e penna!» «Nient altro?» dissi, lanciandole un occhiata da sopra la spalla. «Vostra signoria?» Allie si produsse nel suo sorriso più idiota e mi lanciò un infradito di gomma sfilandola dal piede. «Per favoreeeee?» «Vedremo...» Dopo aver fatto pipì, passai in camera sua a prendere le carte e aprii il cofanetto dei trucchi sul cassettone per cercare il lucidalabbra. Tirai fuori qualche ombretto e un paio di assorbenti interni, ma niente lucidalabbra. Stavo per rinunciarci, quando mi ritrovai tra le dita una sottile catenina da cui pendeva una mezzaluna d argento ossidato. La riconobbi subito, d istinto, così come si riconosce il proprio viso allo specchio: era il ciondolo di Sawyer LeGrande. Allibita, rimasi impalata per non so quanto tempo, il lieve ronzio dell aria condizionata in sottofondo, i piedi nudi affondati nella moquette grigio pallido, con ancora i segni dell aspirapolvere che Valencia, la donna delle pulizie dei Ballard, aveva passato da poco. Alla fine tornai in giardino, passando oltre la signora Ballard che reggeva un piatto di carta con due calorici muffin ai mirtilli. A quella vista provai una leggera nausea. Allie guardò verso di me vedendomi ricomparire. Era appesa agli anelli e continuava a rovesciarsi come facevamo da piccole, agitando in aria le gambe abbronzate. «Dove sono i malefici muffin?» mi chiese. Poi, vedendo la mia faccia: «Che c è?» Le mostrai la catenina facendola penzolare come se fosse radioattiva. «L hai rubata?» le chiesi. La mia voce risuonò stridula alle mie stesse orecchie. Allie lasciò andare gli anelli e assunse un espressione che non conoscevo, quasi accusatoria. Era come se sul suo viso fosse scesa un inferriata azionata da un sistema d allarme. «Sei andata a frugare tra la mia roba?» mi chiese. «Cosa?» Ero sbigottita. Non era mai stato un problema andare a guardare tra le cose dell altra. Allie avrebbe potuto fare l elenco del contenuto del cassetto della mia scrivania. «Cercavo il lucidalabbra.» «Ah», disse, riprendendo l espressione normale. «Eccolo», disse sfilandolo dalla tasca posteriore dei calzoncini. «Grazie.» Me lo misi, continuando a fissarla. Il ciondolo d argento mi penzolava tra le nocche e, quando le restituii il lucidalabbra, Allie si impadronì anche della catenina sfilandomela dalle dita come in un gioco di prestigio. «Allora?» la incalzai. «L hai rubato?» «Se l ho rubato?» ripeté. «Per chi mi prendi? Non sono una cleptomane!» «Non sarebbe certo la prima volta che sgraffigni qualcosa.» Allie inclinò la testa di lato come a dire: non hai tutti i torti. «A dire il vero ho rubato il lucidalabbra», ammise. «Cosa?» esclamai. «Al centro commerciale? Credevo che l avessi pagato!» «È quello che ti ho detto», rivelò stringendosi nelle spalle. «Tu eri occupata a provare i profumi.» Oh, maledizione. Mi lasciai cadere di peso sul prato e mi sdraiai a guardare il cielo implacabilmente terso. L aria mi avvolgeva come una coperta umida. «Devi perdere questo brutto vizio.»

17 «Lo so», convenne venendo a sdraiarsi accanto a me. Per un po nessuna delle due fiatò. Sentivo lo stomaco di Allie brontolare e il ronzio delle vespe poco lontano. «Allie», ripresi, sforzandomi di mantenere un tono neutro che non tradisse l ansia. Ci conoscevamo dall età di quattro anni. «Dove hai preso quella collanina?» Allie sospirò in segno di resa, come se si aspettasse che l avrei torturata fino a strapparle una confessione. Tanto valeva sputare subito la verità. «Non l ho rubata.» Sentii i polmoni svuotarsi completamente e mi presero le vertigini malgrado fossi sdraiata a terra. «Lo so», ammisi, arrendendomi alla cruda verità. «Te l ha data lui?» Allie annuì. Rotolò su un fianco, si puntellò su un gomito ossuto e mi guardò negli occhi. «Avevo intenzione di dirtelo», ammise alla fine. «Solo non sapevo come.» Mi premetti i palmi sugli occhi e una girandola di colori prese a scoppiettarmi dietro le palpebre come fuochi d artificio. «Sawyer LeGrande ti ha dato quella collana», ripetei. Ci mancò poco che mi mettessi a ridere, tanto mi sembravano assurde quelle parole pronunciate a voce alta. «Da quant è che vi frequentate?» Stavolta non riuscii a celare del tutto una nota stridula nella voce. Ma Allie si limitò a stringersi nelle spalle. «Un paio di settimane?» «Un paio di settimane?» «Tre, forse?» «Tre settimane?» Mi alzai bruscamente e stavolta la testa mi girava per davvero. Faceva un caldo insopportabile in giardino. «E me lo dici solo adesso?» «Eddai, Reena», fece Allie, tirandosi a sedere a sua volta, con le guance arrossate e una punta di sfida nella voce. «Come se fosse facile parlarti, specie su questo argomento.» «Non è vero», protestai. «Non è vero. E non è giusto...» «Ti chiedo scusa», si affrettò ad aggiungere Allie, aggiustando il tiro. «Hai ragione. Scusami. Avrei dovuto parlartene.» «Avresti dovuto parlarmene?» «La vuoi smettere di ripetere tutto quello che dico?» «Non sto ri...» mi fermai appena in tempo. «Allie, non si tratta di un ragazzo qualsiasi. Stiamo parlando di Sawyer Le...» «Avanti, cosa vuoi sapere?» Cosa volevo sapere? Restai a fissarla a bocca aperta, inebetita. Non avevo la minima idea di cosa domandarle. Assurdamente, e con una punta di panico, sentivo che avrei anche potuto scoppiare in lacrime. «Eddai», si difese Allie in tono sommesso dandomi un colpetto con il ginocchio. Non sopportava che qualcuno le tenesse il muso, non lo tollerava. «Non guardarmi con quella faccia. Non tu.» «Quale faccia?» bofonchiai. «Ti sto guardando e basta.» «Fai la faccia brutta.» «Non è vero!» risi. In realtà mi venne fuori una risatina secca che nemmeno io riconobbi. «È la mia solita faccia.» «No, di solito non hai quella faccia», precisò Allie. «Comunque, non è una cosa seria. Me l ha presentato una volta Lauren e lui mi ha chiesto se mi andava... sì, insomma...»

18 «Se ti andava cosa?» «Di uscire con lui! Tutto qui!» A un tratto Allie mi scrutò con attenzione, come se un pensiero le avesse attraversato la mente. Aveva le orecchie arrossate dal sole. «Non è che ci sei rimasta male, vero?» volle sapere. «Insomma, scherziamo sempre sul fatto che è uno schianto di ragazzo, ma tu non... Insomma se tu ci tieni...» «Per niente!» mi affrettai a protestare, come se una bugia detta con foga potesse passare per la verità. Sotto sotto sapevo che Allie aveva ragione: era risaputo che mi tenevo tutto dentro. Se non si era accorta di quello che provavo per Sawyer LeGrande, probabilmente la colpa era solo mia per non averglielo detto. Ma ormai era troppo tardi per confessare, seduta in quel giardino come centinaia di altre mattinate estive. Non se Sawyer aveva scelto Allie. Non se si erano già messi insieme. A quel punto, non mi restava che far buon viso a cattivo gioco. «Per me va bene», dissi con ostentata disinvoltura. «Fate come credete, l importante è che siate felici.» Probabilmente mi sarei spinta fino a offrirmi di aiutarli nei preparativi per le nozze, ma per fortuna la voce della signora Ballard, ancora sulla soglia della porta della cucina, risuonò come un clacson nel giardino deserto. «Ragazze!» Stavolta il tono era seccato, spazientito. Chissà se aveva afferrato qualche brandello della nostra conversazione. «Li volete o no questi muffin?» «No, mamma, non li vogliamo», urlò di rimando Allie, prima di rivolgermi uno sguardo interrogativo. Ma io mi ero già alzata e mi stavo ripulendo i calzoncini, il viso composto in una maschera di calma serafica. «Io sì», accettai, anche se non ne avevo voglia. «Arrivo», gridai, lasciandomi dietro Allie.

19 5 Dopo UNA volta messa a letto Hannah, scendo di sotto con il proposito di mettermi a studiare sul tavolino in giardino. Ha smesso da poco di piovere e l aria afosa pullula di zanzare. Niente di insolito, in fondo, e poi queste quattro mura cominciano a starmi strette. Passo un sacco di tempo qui fuori di sera, con l orecchio teso in caso la bambina si svegli, i piedi sulla sedia a sdraio, in compagnia delle lucertole che scorrazzano sul tronco dell arancio. L umidità arriccia le pagine del libro. Di solito studio, vado su Facebook o faccio due chiacchiere con Soledad se ne ha voglia. Per un po ho provato a scrivere, ma poi ci ho rinunciato. Inutile continuare a tormentarsi davanti allo schermo vuoto che non faceva che ricordarmi tutti i progetti mai realizzati. Stasera, però, mio padre mi ha preceduta. È al lavoro nell orto che cura da quando io e Cade eravamo piccoli, occupato a eliminare gli afidi dalle piante di pomodoro. La voce melodiosa di Sarah Vaughan si diffonde dalla finestra della cucina. Sono tentata di battere in ritirata ce l ho ancora con lui per prima ma non è solo per quello. Mi è bastato rivedere Sawyer per sapere che sarebbero riemersi tutti gli attriti tra me e mio padre e solo a stargli vicino avverto la familiare, bruciante sensazione di frustrazione e vergogna. Per un attimo ridivento la sedicenne incinta e disperata, con tutti i bei progetti per il futuro spazzati via come pagliuzze al vento. Comunque, questo era prima. «Come va l orto?» azzardo, avvicinandomi. Il lastricato è tiepido sotto i piedi. Mio padre mi rivolge uno sguardo prima di tornare a posarlo sulle piante. Il dottore ha detto che il giardinaggio gli fa bene al cuore ma non è questa la ragione per cui ci si dedica. «Bene, credo», sospira sfregando tra i polpastrelli una ruvida foglia verde. «Mi preoccupa il marciume radicale.» Lo guardo spostarsi verso le piccole zucche di un bel giallo vivace. Poi, come al solito, passerà a sfrondare le piante di rose di Soledad per evitare che avviluppino il fianco della casa come nelle fiabe. Una volta avevamo una piscina fuori terra, ma mio padre l aveva fatta togliere quando io e Cade eravamo piccoli sia per gli alti costi di manutenzione sia per il rischio di annegamento. «E poi», aveva detto all epoca, «a Roger e Lydia fa piacere se andate a trovarli. Potete approfittare della loro piscina quando volete.» In effetti io e Cade passavamo ore a tuffarci dal trampolino e a sguazzare nell acqua cristallina della piscina dei LeGrande. Provo a immaginarmi la scena, se mi presentassi adesso con Hannah, in costume da bagno. Siamo venute a fare un bagnetto. Ne varrebbe

20 la pena solo per vedere la faccia che farebbe Lydia. «Che c è?» mi chiede passando ai peperoni, la cesoia pronta. Drizzo le antenne. «Niente.» «Come mai quel sorrisetto?» «Oh.» Non mi ero accorta che mi stava guardando. Temo che, al contrario di me, troverebbe poco divertente la mia immagine mentale. «Ero soprappensiero.» Dopo aver saputo che ero incinta, mio padre non mi rivolse la parola per undici settimane. Ma non gliene voglio più di tanto: lui è rimasto orfano a sette anni ed è stato allevato dalle suore della parrocchia di Saint Tammany in Louisiana. Prima di incontrare mia madre, era seriamente intenzionato a farsi prete. Si confessa tutti i venerdì e porta sempre al collo una medaglietta di San Cristoforo. Nell animo è un musicista ma ha la devozione di un chierichetto e il fatto che non mi abbia spedito in un convento finché non ho avuto la bambina si deve forse alla misericordia di quel Dio che tanto abbiamo pregato in questa casa. I nostri rapporti sono migliorati dopo la nascita di Hannah ma sospetto che il miglioramento sia dovuto in parte alla scomparsa del mio manifesto e prorompente pancione e nell ultimo anno o giù di lì abbiamo raggiunto una sorta di tregua. Tuttavia, il rancore che nutre verso Sawyer è praticamente sconfinato e non mi sorprende che sia io a farne le spese ora che il mio famigerato fidanzato si è rifatto vivo. Rimorsite, no? «Pensavo di starmene qui fuori a leggere», dico alla fine, in mancanza di meglio. Ho ancora il libro di testo sottobraccio. «È un po buio per leggere, Reena», mi apostrofa mio padre perplesso. Sparisci, mi sta dicendo in realtà. Non so perché, non riesco a dargliela vinta. «Se è per questo, è troppo buio anche per andare a caccia di afidi», gli faccio notare. Lui sospira di nuovo, come se mi impuntassi apposta, eludendo il nocciolo della questione. «Be», ribatte dopo un po. E quando finalmente si volta verso di me, il silenzio è tale che sento il sibilo incessante dello sprinkler dei vicini. «In effetti hai ragione.»

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

A mio figlio, John Edward Clements

A mio figlio, John Edward Clements A mio figlio, John Edward Clements Titolo originale: The report card Traduzione di Elisa Puricelli Guerra 2004 Andrew Clements 2005 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Bur ragazzi giugno 2014 ISBN

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Copyright 2010 Tiziana Cazziero

Copyright 2010 Tiziana Cazziero Voltare Pagina Copyright 2010 Tiziana Cazziero Tiziana Cazziero VOLTARE PAGINA Romanzo Al mio compagno, la persona che mi sopporta nei miei momenti bui. PRIMA PARTE Buongiorno mamma. Buongiorno a te

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!»

«E poi, ovviamente, i negozi di scarpe!» 1 SHOPPING SFRENATO Tom attraversò il vialetto a passo di lumaca, trascinando i piedi. Sua madre e sua nonna erano già sedute in macchina. «Sbrigati, Tom!» gridò la sua mamma sporgendosi dal finestrino.

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno

Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Accoglienza: storie La storia del piccolo Arco Baleno Il piccolo Arco Baleno viveva tutto solo sopra una nuvola. La sua nuvoletta aveva tutte le comodità: un letto con una grande coperta colorata, tantissimi

Dettagli

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO

Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO Un amore nascosto Antonella Bomboi UN AMORE NASCOSTO racconto A Mario, per ringraziarlo di avermi fatto scoprire cos'è l'amore. s ei e trenta in punto: lo squillo della sveglia non poteva essere che

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Questionario COMPASS*

Questionario COMPASS* Questionario COMPS* Istruzioni Il presente questionario viene utilizzato per addestrarsi a discriminare fra le varie modalità di reazione a situazioni sociali specifiche in casa e fuori. Consta di 30 casi

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei.

Ha più o meno cinquant anni, presumo? domandò l uomo senza scostarsi da lei. Mathilde tirò fuori l agenda e scrisse: «Il tizio seduto alla mia sinistra mi prende per i fondelli». Bevve un sorso di birra e lanciò un altra occhiata al vicino, un tizio immenso che da dieci minuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Sulle orme del cuore

Sulle orme del cuore Sulle orme del cuore GAIA TORTI SULLE ORME DEL CUORE A chi leggerà queste righe. A chi aprirà il suo cuore leggendole. Alle mie amiche, che mi hanno sempre incoraggiato a scrivere. Alla mia famiglia.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti

Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Realizzato dai bambini del Primo Circolo Didattico Classe 4^ C Sede Moretti Va bene diventare cameriere però, mangiare tutto quel cibo e bere prima, durante e dopo il pasto è esagerato! Per fortuna che

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione.

una mutevole verità 5 U tuzz ebbe un lieve sussulto. Poi si voltò e si strinse nelle spalle in un impercettibile gesto di rassegnazione. Prologo Cardinale Lorenzo detto u tuzz cioè «la testata» era un rapinatore, specializzato in banche e uffici postali. Lui e i suoi complici avevano una tecnica semplice e molto efficace: rubavano un auto

Dettagli

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna)

«Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) «Non so se è pazzia o genialità. Impressionante quanto spesso questi due tratti coincidano.» (Will Turner ne La maledizione della prima luna) Caro Johnny Depp, eccomi di nuovo da te. Anche se da te e con

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Natale, primo pomeriggio

Natale, primo pomeriggio Natale, primo pomeriggio «Ha un nome, quell attrezzo?» «Sei sicuro che sia quello che vuoi sapere? Il nome di questo attrezzo?» «No. Per la verità era un pretesto. Voglio capire che cosa ci fa, lei, al

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale

www.iluss.it - Italiano online Scheda grammaticale Discorso indiretto - o n 1 Trasformare il discorso diretto in indiretto 1. "Che cosa fai?". Mi chiese che cosa. 2. "Sono venuto a saperlo per caso". Disse a saperlo per caso. 3. "Per favore, telefoni a

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro

venti giorni fa a una festa e ci siamo telefonati un paio di volte. Ieri doveva esserci il nostro LEZIONE 1 SOLUZIONE ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso volevo arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. Ci siamo conosciuti venti

Dettagli

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet

Melissa Hill. Ti prego perdonami. Traduzione di Roberta Zuppet Melissa Hill Ti prego perdonami Traduzione di Roberta Zuppet Proprietà letteraria riservata 2009 Melissa Hill 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08132-0 Titolo originale dell opera PLEASE FORGIVE

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

«Vieni alla chiesa di Saint-Merri alle undici e vedrai se scherzo.» «Posso sedermi, potrei svenire da un momento all altro.» «Prego, accomodati pure,

«Vieni alla chiesa di Saint-Merri alle undici e vedrai se scherzo.» «Posso sedermi, potrei svenire da un momento all altro.» «Prego, accomodati pure, Domani mi sposo Domani mi sposo. Appena ho visto entrare Blanca nel piccolo locale dove stavo suonando, ho capito che l avrei sposata. Sembra impossibile ma è vero. Era l estate di due anni fa. Io strimpellavo

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone

biglietto e rimase senza parole: le era toccato l unico amico segreto che non avrebbe mai voluto: Gedeone A Neretta piace molto andare a scuola. Anche i suoi amici della Compagnia del Cuore d Oro che frequentano la sua classe vanno volentieri. Ma le cose, all inizio di quest anno, non andavano troppo bene.

Dettagli

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista

Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Un pasto di Pietro Un episodio di vita al Nido: due punti di vista Il punto di vista dell educatrice Pietro ha 20 mesi, già da 6 frequenta il Nido e il momento del pasto è vissuto con molta tensione: l

Dettagli

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE

AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE FEBBRAIO 2014 ANNO III N. 7 SCUOLA PRIMARIA STATALE DI GRANTORTO AUTORI: ALUNNI DELLE CLASSI QUINTE Questo numero parla di un argomento un po scottante : IL BULLISMO! I PROTAGONISTI LA VITTIMA Nel mese

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

festa per la famiglia o famiglia per la festa?

festa per la famiglia o famiglia per la festa? Natale: festa per la famiglia o famiglia per la festa? Inserto N. 4 2010 Bè provo un po a spiegarmi: ogni anno mi viene un certo nervosino perchè mi sembra che tutti: la tv, internet, gli amici, le pubblicità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE. a.s. 2014/2015 NIDO ISTITUTO COMPRENSIVO POLO 2 GALATONE a.s. 2014/2015 QUESTA MATTINA SONO... (Racconto la mia emozione) CON LE MIE MAESTRE STO VIVENDO UNA GIORNATA NELLA SCUOLA PRIMARIA ; CHISSA COSA VEDRO'! MA STATE

Dettagli

Io sono libero - scena 1.1 Geronimo

Io sono libero - scena 1.1 Geronimo Io sono libero - scena 1.1 Geronimo Sdraiato sul lettino, inizia a fremere, non apre bocca da almeno cinque minuti. Se fosse seduto, il suo piede ballerebbe. In testa continua a sentire, inarrestabile,

Dettagli

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi.

SABATO, 31 AGOSTO. A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. SABATO, 31 AGOSTO A volte mi chiedo se mamma sia completamente priva di CERVELLO. Certi giorni mi rispondo di sì. Come oggi. Tutto è cominciato questa mattina quando le ho chiesto se poteva comprarmi uno

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina

Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina Gellindo Ghiandedoro e il triste compleanno di Bellondina I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Quando al mattino Gellindo si sveglia al suono della prima

Dettagli

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a

volte la gente mi si siede in grembo, ritenendo che il posto sia libero. MARA Guardi, le dico la verità. Ho avuto qualche esitazione nel rivolgermi a L ultima fermata Personaggi: Mara e Camelia. Mara entra trascinando alcune valigie. In scena c è già Camelia, seduta sulla panca di una fermata d autobus. Non sperare di passarla liscia! Ti ho visto in

Dettagli

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi)

Copertina: Gabriele Simili, Phasar, Firenze Immagine di copertina: Rita Altarocca Stampa: Global Print, Gorgonzola (Mi) Elena Ana Boata Il viaggio di Anna Proprietà letteraria riservata. 2007 Elena Ana Boata 2007 Phasar Edizioni, Firenze. www.phasar.net I diritti di riproduzione e traduzione sono riservati. Nessuna parte

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con

A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo. Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con LEZIONE 1 ESERCIZI GRAMMATICALI A. Completa con le forme dell'imperfetto o del passato prossimo Sabato scorso (volere) arrivare puntualmente all appuntamento con Valeria. (conoscersi) venti giorni fa a

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

Andrea Bajani La mosca e il funerale

Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Andrea Bajani La mosca e il funerale nottetempo Con la gente che piange io non so mai come fare. Non so come si fa a farla smettere. Certa gente è capace. Dice una parola, una sola, e gli altri

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

L'orologio. di Nello Filippetti

L'orologio. di Nello Filippetti L'orologio di Nello Filippetti E il bimbo sognava l orologio che camminava giorno e notte, il cuore di smalto fiorito che nel fiore della vita la mamma dette al babbo in segno di lei, perché traducesse

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE

ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE CAPITOLO II DON ABBONDIO NON RIUSCÌ AD ADDORMENTARSI PERCHÉ NON SAPEVA CHE COSA FARE IL GIORNO DOPO. ALLA FINE SI RICORDÒ CHE MANCAVANO POCHI GIORNI AL PERIODO DURANTE IL QUALE NON SI POTEVANO CELEBRARE

Dettagli

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana

Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana Gellindo Ghiandedoro e la scopa della signora Fabene Befana I RACCONTI DEL BOSCO DELLE VENTI QUERCE - FIABA DI MAURO NERI - ILLUSTRAZIONI DI FULBER Era proprio destino che quell anno dal cielo cadessero

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

john boyne il bambino con il pigiama a righe

john boyne il bambino con il pigiama a righe john boyne il bambino con il pigiama a righe 3 Proprietà letteraria riservata 2006 by John Boyne 2007 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07962-4 Titolo originale dell opera: The Boy in the Striped

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli