Pagina 12. IL RAP: LA MUSICA DEL DOMANI Giugno Editoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pagina 12. IL RAP: LA MUSICA DEL DOMANI Giugno 2015. Editoriale"

Transcript

1 I l g a z z e t t i n o d e l D e S a n c t i s Pagina 12 L i c e o d e l l e s c i e n z e u m a n e e l i n g u i s t i c h e D e S a n c t i s Un genere musicale visto come una sindrome IL RAP: LA MUSICA DEL DOMANI Giugno 2015 Grazie ai mezzi di comunicazione, in questi anni c è stato uno scambio culturale molto elevato e, a poco a poco, sono arrivati da ogni parte del mondo nuovi tipi di arte e con essi anche nuovi generi musicali. Uno stile che spesso, ancora oggi, non è molto apprezzato è il rap. Nato negli anni 70 del secolo scorso, a New York, come forma di rivolta, consiste nel rappare un proprio testo a tempo su una base. Con il passare dei decenni, il rap si è approcciato anche con tematiche generali, storie d amore, condizione quotidiane, e spesso con problemi che riguardano la società che ci circonda. Quello che sembrava essere un genere solo americano strada facendo è arrivato quasi in ogni parte del mondo, compresa l Italia, trascinando molti giovani con sé. Oggi vi sono numerosi rapper famosi ed apprezzati: Fabri Fibra, Emis Killa, Fedez, J-Ax. I seguaci e gli appassionati, comunque, non sono ancora molti. Per capire basta guardare al territorio locale. Questo genere non è ancora penetrato in maniera piena a Paternò, infatti chiunque si trovi in questa città e sceglie di approcciarsi a questo genere automaticamente incomincia ad essere guardato con occhi diversi, come se scrivere su un foglio tramite delle rime fosse un crimine. Chi fa rap è definito spesso come un pagliaccio, il modo scelto per esprimersi non viene preso quasi mai seriamente. Se qualcuno gira vestito in canotta con occhiali o con pantaloni larghi viene subito guardato male. C è quel momento nel quale avresti voglia di esclamare: No! Non ho l ebola! Ma nonostante questo ci sono quelli che vanno avanti fregandosene di ciò che hanno da dire gli altri. Sono pochi, ma ci sono. Tra i quali Alfrà, Tony HC e Mirmas7. Uno di loro Mirmas7 conosciuto soprattutto per il pezzo Paternò, ha inciso un mixtape chiamato In action nel quale si trovano tracce con le collaborazioni di vari rapper soprattutto di Alfrà e Tony HC, e il pezzo tutt ora cavallo di battaglia è Anche senza te che, dopo quasi due mesi dall uscita, ha raggiunto visualizzazioni, con la collaborazione di tutti e tre i rapper. Un pezzo riflessivo da citare è Vittime della strada di Tony HC, testo che fa riflettere molto. Ma nonostante le visualizzazioni e i complimenti, la profondità dei temi trattati, c è sempre chi ha qualcosa da ridire. E l atteggiamento delle persone trasmette provocazione e da essa nasce una risposta in questo caso fatta tramite il rap stesso, ad esempio nel testo Alzati e combatti di Tony HC e Alfrà e Dreams Burned di Alfrà che parla di questo stato di malessere. Purtroppo la pressione della società stessa riesce a farti smettere di sognare, perché ti rendi conto che non hai abbastanza tempo per stare tra le nuvole, A causa di una nazione dove un ragazzo crede in ciò che non esiste. Alfredo Risiglione, III AS Editoriale Un laboratorio di idee, di progetti, di confronto, per conoscere il mondo intorno a noi, per riuscire a guardarlo con occhi diversi, non più semplici e passivi osservatori. Lo studente diventa protagonista, nel raccontare fatti, nel riuscire a ricostruire eventi locali, nazionali ed internazionali, ponendosi domande, accendendo i riflettori su tematiche non sempre note. Questo l obiettivo del corso di giornalismo che quest anno porta con se due importanti risultati: il giornale scolastico che in questo momento avete tra le mani; e una sintesi di un telegiornale. Nel giornale scolastico troverete gli articoli redatti dagli studenti che hanno voluto partecipare e scoprire insieme il f a n t a s t i c o m o n d o dell informazione. Le pagine vi racconteranno, dei gravissimi fatti di terrorismo, che hanno sconvolto il mondo; ma anche di eventi più leggeri, vicini al mondo dei giovani. Per la realizzazione del telegiornale determinante il contributo del cameraman ed esperto di montaggio, Salvo Diolosà. Tutto questo grazie alla preside, Santa Di Mauro, e la supervisione dei tutor, i professori Rosa Privitera e Salvo Bertolami. Mary Sottile JE SUIS CHARLIE JE SUIS TUNISIEN JE SUIS KENYAN JE SUIS PER LA LIBERTE

2 I l g a z z e t t i n o d e l D e S a n c t i s Pagina 2 I l g a z z e t t i n o d e l D e S a n c t i s Pagina 11 NO AL TERRORISMO. IL MONDO VUOLE LA PACE Nel 2015 tra la crisi, i problemi sociali, l incoerenza politica e l economia che non funziona si aggiunge una nuova e forte minaccia, l ISIS, uno dei gruppi islamici sunniti più estremisti in circolazione, lo Stato Islamico dell Iraq e del Levante. Da più di due anni essa combatte contro il presidente sciita Bash al Assad in una guerra civile siriana, e da un anno più o meno cerca di mettere le fondamenta per un nuovo regime totalitario. Tutto ciò è dovuto al fatto che gli adepti dell ISIS vogliono schiacciare le i n f l u e n z e dell Occidente in merito di economia, politica, società e in particolar modo quello che riguarda la sfera religiosa. Ogni giorno i vari telegi orn ali trasmettono immagini di omicidii, sequestri di persone e scempi culturali; ovviamente tutto questo trasmette inquietudine e/o paura, ma gli adolescenti come si app r o c c i a n o a q u e s t o f e n o m e n o? Secondo una recente ricerca, in base alla quale è stato somministrato un questionario (composto da cinque quesiti) ad un campione di 10 ragazzi/e (5 ragazzi e 5 ragazze) di un età compresa tra 15 e i 18 anni, alla domanda Sei informato su cosa sia l ISIS? il 70% si dichiara informato. Al quesito Come vivi il fenomeno ISIS? il 90% degli intervistati ha risposto di viverlo con paura, il restante 10% ha risposto di non saperlo mostrando così un forte senso di disinteresse. Mentre alla domanda secondo te, la gente come sta reagendo a questo drammatico fenomeno?, il 70% ha risposto di far finta di nulla, il 25% ha dichiarato di non essere in grado di reagire e il 5% non ha saputo rispondere adeguatamente. Al q u a r t o q u e s i t o Secondo te, perché i membri dell ISIS si stanno rendendo protagonisti di atti alquanto negativi se non a dir più terribili? L 85% del campione intervistato ha risposto per motivi di stampo religioso e il 15% ha risposto per motivi di carattere politicoeconomico. All ultimo e quinto quesito Se l ISIS dovesse arrivare anche nella penisola italiana come reagiresti? L intero campione ha risposto che reagirebbe con un forte senso d i i n q u i e t u d i n e. In conclusione, i ragazzi intervistati anche non essendo molto attenti alla miriade di informazioni di cui sono bombardati giornalmente inerenti tutto quello che riguarda l ISIS, hanno chiaramente in mente cosa esso sia e soprattutto cosa esso possa causare. Nella società di oggi dove la libertà di pensiero che viene sempre più messa in discussione, l informazione è rimasto uno dei pochi modi di esprimersi, allora perché privarsene? Giorgia Navarria, IV AP Genitori e figli...nell era della tecnologia Scontro generazionale o convergenza sull utilizzo dei nuovi mezzi? La società si evolve e cambia a ritmo quasi frenetico, di conseguenza anche il modo di essere giovani. La tecnologia e il tempo hanno modificato la qualità dei rapporti interpersonali, cambiando anche la relazione tra genitori e figli. La famiglia rappresenta il pilastro fondamentale su cui poggia l intera organizzazione della società. Una famiglia composta da genitori maturi è in grado di offrire opportunità e coraggio nell affrontare situazioni difficili. Molti genitori hanno difficoltà a trasmettere il proprio affetto e la buona educazione ai rispettivi figli, da questo ne risente la vecchia concezione di famiglia. Mentre oggi il rapporto è diretto, si tende verso un processo di educazione alla pari. I genitori sono più permissivi, condividono gli stessi interessi dei figli e hanno a disposizione gli stessi mezzi di comunicazione per informarsi e scambiare idee. Molti genitori assumono un atteggiamento permissivo cioè favorevole all utilizzo di strumenti tecnologici, anche fin dalla più tenera età. Con questi nuovi mezzi lasciano libertà ai propri figli, ma con l obiettivo di tenere sempre sotto controllo le loro attività. Molti, invece, sono contrari all utilizzo della tecnologica, perché hanno paura delle insidie che si nascondono nel web, quindi, vietano tutto questo, tentando di proteggerli. Aspetti negativi e positivi, dunque, due facce di una stessa medaglia. A questo si aggiunge che vi sono altri a- spetti negativi, nel passato non presenti. Oggi in alcune famiglie manca il rispetto verso i genitori, una situazione che determina liti e incomprensioni. Si dovrebbe, invece, capire che è necessario rispettare e conciliare, in modo democratico, le esigenze e le capacità di entrambi: i genitori devono imparare a rispettare le esigenze e la libertà dei figli, dando loro fiducia e insegnando loro che devono saper scegliere da soli, anche a costo di sbagliare, rendendoli così responsabili. I figli a loro volta devono rispettare la responsabilità e il senso di protezione dei genitori, le loro ansie e preoccupazioni. Nonostante tutte le incomprensioni il rapporto tra genitori e figli sarà l unico che durerà per sempre, poiché, anche se nel tempo cambieranno le cose, l amore che li lega non finirà mai. Veronica Faro, V BP Deborah Sanfilippo, V BP

3 Il gazzettino del De Sanctis Pagina 10 Cellulare in classe, gioie e dolori degli studenti Giusy è con il cellulare in mano in qualsiasi momento della giornata. A scuola lo inserisce sempre dietro lo zaino, posato sul tavolo; oppure lo nasconde dietro il giubbotto o addirittura dentro il borsellino, lo fa quando si annoia, quando non ha voglia di ascoltare il professore, mentre spiega oppure per il semplice piacere di usarlo. Giusy con il cellulare trova sempre qualcosa da fare. Quello che ama di più, è fare foto, ne avrà almeno mille. Ma ovviamente, come tutti, lei non fa solo foto, ma manda pure sms, entra su facebook, whatsapp e cosi via. Ma come in ogni cosa le conseguenze sono tante: voti bassi dato che non ascolta e non capisce cosa studiare, note, rimproveri. Le risposte di giustificazione di Giusy sono le più comuni: il cellulare lei non lo tocca, era dentro lo zaino e sicuramente il professore ha visto male. Usare il cellulare in classe adesso è diventato un vizio di tutti i ragazzi. Nonostante l'uso a scuola è vietato, molti professori, ne consentono l'uso per un fine didattico. Altri professori, invece, decidono di far posare a tutti gli alunni i cellulari in un banco vuoto. Il divieto, in classe, dovrebbe essere scritto su tutti i regolamenti scolastici e portato a conoscenza degli alunni. Usare il cellulare in classe può essere una forma di distrazione sia per chi lo usa che per gli altri nel caso dovesse squillare. Il regolamento dice che può essere usato solo se il professore ne consente l'uso o per delle ricerche oppure per registrare la lezione sempre sotto autorizzazione del prof. Non deve essere usato per scattare foto,per ascoltare musica. Nel momento del sequestro il professore deve restituirlo alla fine dell'ora tranne se l'alunno non ha posto resistenza in questo caso il professore può decidere di tenerlo e consegnarlo ai genitori. Inoltre, quando un alunno viene beccato con il cellulare in mano durante un compito, il professore ha il dovere di sequestrare sia il cellulare che il compito e assegnare un voto bassissimo. Tra i divieti possiamo trovare anche il divieto di scatta re o realizzare filmati all'interno dell'aula per poi diffonderli in rete. L'applicazione delle sanzioni, in questo caso, prevede la sospensione dell'alunno (1 giorno), la riduzione del voto in condotta oppure la persona che è stata danneggiata può decidere di fare denuncia. I professori dovrebbero trovare una soluzione a questo problema e noi alunni dovremmo fare in modo di non utilizzare il cellulare, durante le lezioni rispettando le regole e soprattutto rispettando gli altri. Ester Palumbo, III AS Selfie: la moda-mania dell era moderna Il selfie (autoscatto in italiano), è quella moda, divenuta mania, che ormai ci circonda quotidianamente e che ha colpito proprio tutti, dai politici, ai personaggi dello spettacolo fino agli adolescenti. Ogni giorno vengono scattate migliaia e migliaia di foto che poi verranno pubblicate nei vari social network. La mania di scattarsi foto deriva perlopiù dal bisogno di sentirti apprezzati e di doversi mettere al centro dell attenzione. Il bisogno è così grande che a volte le ragazze si scattano foto anche durante le ore di lezione e in pose abbastanza inconsuete. Si ricorre anche all utilizzo di filtri, vestiti attillati e scollati solamente per apparire. Ormai la prima cosa che si nota è sempre l apparenza e in alcuni casi vale anche di più dell essere. Molti di questi selfie puntano sull apparire, per questo molte ragazze perdono anche la propria dignità mettendosi a nudo sui social, mostrando tutto il loro non essere, perché dietro tutto quel trucco e quell imbottitura si nasconde un'altra persona. Naturalmente si parla soprattutto di ragazze adolescenti che cercano in tutti i modi di attirare l attenzione da parte di chiunque. L apparenza è anche una delle principali cause del bullismo. Le ragazze più bruttine e che non amano mettersi in mostra vengono sempre escluse e prese in giro. Ogni giorno sembra essere una lotta per apparire, si svegliano la mattina con il pensiero di ciò che dovranno indossare, perdono tempo per sistemare trucco e capelli e arrivano puntualmente tardi a lavoro, a scuola o a qualsiasi appuntamento. Ma perché perdere cosi tanto tempo per prepararsi? Perche apparire piuttosto che essere? Ormai viviamo in un mondo finto, in una società che apprezza di più un bel seno che un grande cervello. Ovvio, chi non preferisce guardare un bel fisico a confronto a uno brutto, ma di certo guardare un bel fisico non risolve i problemi. Chi si crede più bello crede di essere superiore a chi è più brutto; ma è realmente così? Non proprio. Il tempo, la preparazione personale e culturale, stabiliranno il giusto equilibrio, almeno in parte. Il mondo dovrebbe, invece, completamente cambiare, dovrebbe dare più spazio a chi cura il cervello e non a chi cura l aspetto. Milena Costa, III AS Il gazzettino del De Sanctis Pagina 3 11 settembre 2001 il mondo scopre il terrorismo L 11 settembre 2001, a New York, poco meno di 3 mila persone morirono a causa di un attacco terroristico da parte dei fanatici seguaci di Osama bin Laden. A questo evento possiamo collegare l attentato al giornale satirico Charlie Hebdo, avvenuto il 7 gennaio 2015, a Parigi. Questi eventi hanno segnato la storia contemporanea. L attentato alle torri gemelle, fu un rifiuto della civiltà moderna da parte dei musulmani estremisti, che desidera- vano e desiderano tutt oggi, annientare il nostro modo di pregare, il nostro modo di vestire, di bere e di scegliere. All interno delle torri gemelle, non c erano solo occidentali ma anche musulmani che morirono, uccisi dai loro fratelli. Non possiamo fare di tutta un erba un fascio, infatti, non tutti gli islamici condividono gli atteggiamenti violenti e privi di civiltà adottati dai terroristi. Gli stessi islamici sono stati uccisi dai loro fratelli estremisti: non è una questione religiosa ma ideologica e forse di interessi economici. Ricordiamo le migliaia di donne uccise perché il burqka che indossavano non era abbastanza lungo o per altri motivi a parer nostro futili. L attacco a New York nel 2001 e l attentato a Parigi di quest anno, sono due eventi che fanno molto riflettere sulla questione islamica, un popolo vittima di se stesso. Rebecca Falanga, IV BL L EUROPA NON DEVE PIU RESTARE A GUARDARE E un orrore senza fine. Un ecatombe, come mai prima. Nell ottobre del 2013 l Europa, il mondo intero, hanno aperto gli occhi, sul triste fenomeno della migrazione. Ci sono voluti 366 morti, per accendere i riflettori sui paesi africani, sulle guerre interne, fratricide, sulla fame, la miseria, la povertà, che vivono molte nazioni dell Africa. Per scoprire che intere generazioni di uomini, donne e bambini, lasciano le loro terre alla ricerca di un futuro nuovo, diverso. Per quanti scelgono di lasciare le loro terre, il futuro nuovo è legato ad un viaggio al buio, ma carico di possibilità. E dovuto intervenire con forza Papa Francesco, che al mondo intero ha lanciato un monito: mai più morti in mare, per decidere di aiutare quanti si imbarcano verso l ignoto, a rischio della vita. Da quel momen- to arrivano «Mare Nostrum», sostituita nel novembre del 2014 da «Triton», gestita non più dalla sola Italia, ma dall Unione Europea, con l agenzia Frontex. Non basta però. L orrore non si arresta. Nell aprile di quest anno, sono tra i 700 ed i 900 i migranti che hanno trovato la morte durante uno sbarco. I loro corpi, chiusi nella stiva del barcone con il quale stavano viaggiando, restano in fondo al mare. I centri di accoglienza scoppiano, l Italia a gestire l emergenza resta di fatto, da sola.

4 I l g a z z e t t i n o d e l D e S a n c i t s Pagina 4 I l g a z z e t t i n o d e l D e S a n c i t s Pagina 9 Un ora di legalità per una vita di solidarietà! Incontro con Istituzioni e forze dell ordine per discutere di rispetto delle regole e giustizia. L associazione Liberaimpresa onlus incontra gli studenti del De Sanctis, durante una conferenza dedicata alla legalità, organizzata da Rosario Cunsolo, presidente dell associazione belpassese. L ora di legalità è un progetto destinato alle scuole del territorio catanese, nasce principalmente per educare i giovani alla lotta contro l intimidazione mafiosa, nei fenomeni di racket e di usura. Ospiti della conferenza: il Sostituto procuratore della Repubblica del Tribunale di Catania e presidente dell Associazione nazionale magistrati, sede di Catania, Pasquale Pacifico; il presidente della Commissione antimafia dell ARS, l onorevole Nello Musumeci. A rappresentare le forze dell ordine, erano presenti, Angelo Caruso, vice comandante della Guardia di finanza della Tenenza di Paternò; Giancarlo Consoli, vice questore aggiunto di Adrano; Salvo Montemagno, vice questore aggiunto della Questura di Catania; e il maresciallo Marco Di Bartolo comandante della Stazione dei carabinieri di Paternò. Il presidente di Libera impresa, Rosario Cunsolo ha proiettato un video che incitava a riconoscere il valore dell onore, non nella malavita organizzata ma nell onestà che garantisce una serena convivenza sociale. Volendo esprimere l importanza civica che assume l istruzione nei confronti della società il magistrato Pacifico, intervenuto per primo all incontro, ha citato lo scrittore siciliano Gesualdo Bufalino che diceva: la mafia sarà vinta da un esercito di maestre elementari ; poiché la miglior nemica dei mafiosi è la cultura. Altro argomento affrontato dal magistrato ha riguardato la paura che il mafioso avverte nella vittima. Pacifico a tal proposito ha affermato che la legalità inizia con il dire no alla sopraffazione e alla raccomandazione ed ancora, ha aggiunto, che nessuno ha il diritto di rubare il nostro futuro. Dopo l intervento del procuratore Pacifico, ha preso la parola il Presidente della commissione antimafia dell ARS, Nello Musumeci che in veste di rappresentante della politica italiana, ha evidenziato l importanza che la scuola e le istituzioni hanno nella formazione. Inoltre, l onorevole si è soffermato sulla questione della buona e cattiva politica che ancora affligge il nostro Paese indicandone le differenze. L ultima parte della conferenza è stata dedicata alle domande poste dagli studenti del nostro liceo agli ospiti; il tutto si è concluso con un coinvolgente dibattito dal quale è emerso l interesse che i ragazzi hanno nei confronti di un futuro all insegna della legalità e della buona politica. All iniziativa culturale è, inoltre, legato un progetto al quale anche il nostro liceo ha aderito, insieme alle altre scuole del catanese coinvolte quest anno, con la redazione di un articolo di giornale sul tema legalità, valutato da un apposita commissione che premierà il miglior elaborato durante un incontro, a Catania, presso la sede del Tribunale del capoluogo etneo, in programma a maggio. Marilena Genova 5 BP Rebecca Falanga, 4 BL BULLISMO: PIAGA PER GLI ADOLESCENTI STORIE DI ORDINARIA FOLLIA QUOTIDIANA PER VITTIME E CARNEFICI Il bullismo è un fenomeno, presente soprattutto tra i giovani. Casi di bullismo si registrano quando si aggredisce qualcuno con violenza fisica o verbale. Il bullo è colui che commette l aggressione; solitamente un debole che, per sentirsi forte, ha bisogno di mettere in evidenza la debolezza altrui. Il bullo viene visto apparentemente forte e solitamente, nell ambiente che frequenta, è popolare. Ragazzi e ragazze hanno in comune il bisogno di dover stare sempre al centro dell attenzione, inoltre, pensano che la violenza e l insulto siano l unico modo per ottenere vantaggi e prestigio, e non hanno quasi sempre la consapevolezza delle proprie azioni. La vittima è, quasi sempre, di età scolare e non è in grado di difendersi, trovandosi quasi sempre emarginato dai coetanei per l aspetto fisico, per la religione, per l orientamento sessuale, o per semplice paura. La vittima di bullismo accetta passivamente quanto accade perché, sbagliando, non riesce a parlarne con i genitori, gli insegnanti o gli amici, per paura e vergogna. È un fenomeno che si manifesta, soprattutto, all interno del contesto scolastico in cui i giovani condividono parte delle loro giornate. Per chi è vittima di bullismo insulti, battute e prese in giro sono fatti in modo sistematico, intenzionale e aggressivo. Il bullo è spesso incoraggiato da un gruppo di coetanei che, anche passivamente, incitano alla violenza. Gli osservatori di fenomeni di bullismo spesso non intervengono per paura di diventare nuove vittime o per indifferenza; inoltre, essi possono anche favorire o frenare l atteggiamento di violenza attraverso questo loro intervento. In questo periodo si è tornati sfortunatamente a parlare di questo fenomeno che non smette di esistere ma che sembra ormai stabile nella nostra società; ci si è resi conto che durante questi avvenimenti terribili la maggior parte degli osservatori sono impegnati a riprendere l'accaduto con un telefonino, per poi pubblicarlo sui social network o per diffonderlo tra amici. È impressionante come nessuno sia disposto ad intervenire per frenare il bullo, e come quest ultimo non sappia regolare le proprie azioni. Bisogna far prendere coscienza ai bulli della gravità di quello che commettono. Si diventa bulli perché forse le famiglie sono inesistenti e di conseguenza mancano le regole di cui i giovani hanno bisogno per sapersi orientare; ciò che potremo chiederci è inoltre, se le famiglie sono presenti, perché non intervengono? La vittima di bullismo, invece, dovrebbe superare le proprie paure, parlare con qualcuno che potrà certamente aiutarlo e fermare le violenze subite. Bisogna saper dire: basta! I segni del bullismo sulla carne scompaiono presto, ma restano indelebili nell anima. Maria La Delfa, III AS

5 Pagina 8 LA NUOVA SCUOLA: TRA PASSATO E PRESENTE La scuola che cambia, divisa tra i tradizionali libri di testo e le nuove tecnologie. Stare al passo con i tempi è importante, ma senza dimenticare di coltivare i rapporti umani, coltivando aspettative ed esigenze dei giovani. Per capire come si muove, in questo contesto, il Liceo De Sanctis, abbiamo incontrato la preside della scuola, Santa Di Mauro. Quando è arrivata in questa scuola aveva qualche obbiettivo in particolare? Il mio obbiettivo era quello di creare un clima sereno tra il personale e gli alunni perché è fondamentale per il buon andamento della scuola e secondariamente di riuscire a gestire la sua complessità, con un valido supporto amministrativo finalizzato alla didattica. Crede di essere riuscita a raggiungerli? In parte sicuramente si, ma è un obbiettivo a lungo termine, un processo che necessita di tempi medi. Come pensa di migliorare l inserimento nella scuola degli alunni portatori di handicap? Una delle caratteristiche che ho trovato in questa scuola è che c è una forte presenza di alunni disabili e per fortuna c è anche un grande tradizione dell accoglienza, da parte di alunni e insegnanti che deve essere migliorata dal punto di vista organizzativo. Stiamo già cercando di garantire a tutti questi ragazzi un aiuto nel quotidiano, promuovendo la loro partecipazione alle visite d istruzione e a tutte le attività. A volte ci sono vincoli strutturali purtroppo che sto cercando di risolvere pian piano; i genitori ci scelgono perché sanno che noi abbiamo cura dei loro figli, nonostante le difficoltà. Che tipo di difficoltà ha incontrato a causa dei continui tagli al budjet scolastico? Le difficoltà mi hanno spinto a scegliere, naturalmente insieme al consiglio d istituto, delineando una sorta di gerarchia delle priorità per gli interventi che si devono effettuare. Cosa ne pensa delle classi 2.0 e come mai noi non ne abbiamo? L innovazione didattica è importantissima però è importante che a queste innovazioni di carattere strumentale poi corrisponda un innovazione di carattere metodologico, ovvero saper usare LIM e tablet. Il problema dell innovazione tecnologia nella nostra scuola è in parte causato da una formazione dei docenti non ancora pronta e dall altra da motivi strutturali. Non basta comprare le LIM ma è necessaria una manutenzione continua, che non sempre è possibile. Cosa ne pensa di questo mondo tecnologico che sta cambiando anche il nostro modo di pensare? Per me ha già cambiato il modo di rapportarsi alla realtà. Il mio obbiettivo è far capire ai ragazzi che questo mondo tecnologico è complesso e difficile da gestire. Per me, la missione della scuola è quella di dare agli studenti gli strumenti critici per leggere il mondo, come la capacità di analisi, sintesi, interpretazione. Io credo che la tecnologia ci abbia fornito degli strumenti eccezionali dal punto di vista pratico ma allo stesso tempo non ci permette di approfondire, visto che ci fornisce una conoscenza un po troppo superficiale per certi aspetti. Essa è uno dei tanti modi per approcciarsi alla realtà ma non deve essere l unico perché, se così fosse, si rischia di creare un mondo che non esiste; quindi ben venga la tecnologia ma il mondo non è solo questo, non trascurate mai i rapporti interpersonali fatti di sguardi, gesti e parole. Francesca Cavallaro, IV AP Pagina 5 NO ALLE MELE MARCE Il convegno tenutosi a scuola è stato dedicato ad uno degli argomenti più importanti dei nostri giorni, la legalità; il principio secondo cui il potere deve essere esercitato in modo giusto e discrezionale, in contrapposizione all oppressione. Da qui prende inizio il particolare intervento del deputato del parlamento siciliano, Nello Musumeci, con un messaggio di speranza e di coraggio per noi giovani, per esser pronti e per riuscire ad affrontare con consapevolezza la paura, l omertà, l assoggettamento, il disinteresse al sapere. La mafia non ha paura del carcere ha evidenziato l onorevole Musumeci, non ha paura di morire, la mafia ha paura della cultura. La mafia si nutre proprio della non conoscenza, del non sapere, perché la mafia ama il silenzio, se un fenomeno non è conosciuto, non può essere riconosciuto. La mafia si nutre del clima che crea e alimenta l'intimidazione. Noi al contrario dobbiamo essere in grado di reagire, dobbiamo avere coraggio, conquistarci i nostri diritti con dignità ed onestà, dobbiamo ottenere verità e giustizia. Educarci alla legalità significa educarci alla responsabilità. La legalità è proprio l'anello che unisce l'io e il "noi". Ma non bastano solo le regole; esse funzionano solo se abbiamo delle coscienze critiche, responsabili, capaci di distinguere, di scegliere, di essere coerenti con quelle scelte. Tutto questo contro l individualismo puntando, invece, al bene comune. E proprio l'individualismo il primo fattore che induce a fare solo i propri interessi, a discapi- to della collettività. Individualismo che genera comportamenti di giustificazione, con le frasi "così fan tutti" e nel contempo far credere che "le cose non cambieranno mai". A questo bisogna opporsi e presentarsi con un atteggiamento di ribellione positiva volto a non conformarci, a non diventare "mele marce", perché siamo ancora quella parte sana che può cambiare le cose. L'uguaglianza deve essere il fondamento della legge, altrimenti blocca il legame sociale, alimentando le distanze culturali. La legalità è lo strumento della giustizia, contro il crimine. L'unione, la sicurezza, l'uguaglianza e la legalità possono essere attuate solo grazie all'estensione dei diritti. Il contesto sociale può essere sicuro nel momento in cui ogni persona viene accolta nella sua dignità, viene dotata dei mezzi per realizzarsi, può concretizzare i propri sogni e passioni, senza dimenticare che la libertà è responsabilità e quindi impegno per il bene comune. Bisogna capire il vero senso del vivere insieme, perché responsabilità significa vita libera dai vincoli e dalle paure. Noi dobbiamo concretizzare le nostre aspirazioni, crederci profondamente e nel farlo unirci insieme agli altri per portarci al bene comune per condurci verso il fine della legalità che è proprio "La giustizia sociale". Giada Leanza, IV AP Ricordando Falcone Un corteo per ricordare la strage di Capaci in cui morirono, il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani, e nel contempo per dire no all illegalità e chiedere più sicurezza per commercianti e cittadini. Nel giorno dell anniversario dell attentato a Capaci, poco più di 300 persone si sono ritrovate in strada, a Paternò, per un corteo che ha attraversato via Vittorio Emanuele, concludendosi in piazza Umberto. Un momento che ha visto insieme: Amministrazione comunale, forze dell ordine e cittadini, uniti nella consapevolezza che solo unendo le forze la società può cambiare. Per arginare la criminalità, organizzata e non, il silenzio non serve, bisogna alzare la testa. A Catania, conclusa l ora di legalità Con una cerimonia, nella Sala delle adunanze, al Palazzo di giustizia, di via Giovanni Verga, a Catania, si è concluso il progetto l ora di legalità. L iniziativa ha visto coinvolte, nel corso dell anno scolastico, otto scuole del catanese, per un evento curato dall associazione antiracket ed antiusura Libera impresa onlus, insieme all Associazione Nazionale Magistrati di Catania, alle forze dell ordine di Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di finanza, e la redazione giornalistica dell emittente televisiva Ciak Telesud. Ad aprire i lavori, il neopresidente dell ANM di Catania, il magistrato Daniela Monaco Crea. Al suo fianco, il suo predecessore alla presidenza dell ANM, il magistrato Pasquale Pacifico e il presidente di Liberaimpresa, Rosario Cunsolo. Ed eccole le otto scuole che hanno aderito all iniziativa. Si tratta della scuola media Martoglio, di Belpasso; dell Istituto comprensivo Scandura di Aci S.FilippoAcicatena; dell Istituto comprensivo Guglielmino, di Aci Catena; dell Istituto delle scienze umane Regina Elena, di Acireale; ed ancora, l Istituto superiore Branchina, di Adrano; il Liceo delle scienze umane Rapisardi, di Biancavilla; il Liceo delle scienze umane De Sanctis, di Paternò; il Liceo scientifico Fermi, di Paternò. L istituto De Sanctis, ha partecipato con un articolo preparato dalla studentessa, Maria La Delfa, della III sezione AS. Presente all appuntamento una delegazione di studenti, accompagnati dal professore Salvo Bertolami. L articolo di Maria La Delfa ha ricevuto un premio riconosciutole dalla Guardia di Finanza, rappresentata dal tenente colonnello, Salvatore Berluti. Presenti, tra gli altri il tenente colonnello dei carabinieri, Mario Pantano; il dirigente della Squadra mobile della Polizia di Stato, Antonio Salvago; la giornalista, Mary Sottile (direttore di Ciak News e collaboratore per il quotidiano La Sicilia ).

6 Pagina 6 Coca cola: un marchio leader anche a Catania L azienda Sibeg di Catania è la più grande realtà siciliana nel settore delle bevande analcoliche. Nata nel 1959 per opera di imprenditori locali, già occupati in Sicilia nel settore farmaceutico, oggi è una importante punto di riferimento industriale. Nel 2001, Maria Cristina Elmi Busi, diventa Presidente dell azienda Sibeg. Lo stabilimento ha 200 dipendenti, 93 agenti e 8 automezzi. Ogni giorno partono dai 30 ai 100 autotreni di prodotto diretti a circa 32 mila punti vendita dell intera Sicilia. L azienda locale e familiare è profondamente legata al territorio siciliano e mira ad essere la Gazzella del sistema Coca-Cola in Italia; un azienda dunque rapida e veloce. La bevanda più bevuta al mondo, oltre alle squadre di calcio, sponsorizza concerti di musica, organizzati con MTV, ed eventi vari. Un importante trovata pubblicitaria della CocaCola, lanciata lo scorso anno, è legata alla scelta di scrivere accanto l etichetta nomi di persone o frasi d amore che invogliano il consumatore ad acquistare il prodotto. Le tre fasi della creazione della bevanda sono: processo di produzione, assicurazione di qualità e tracciabilità (sistema di registrazione e raccolta dei dati, finalizzato alla rintracciabilità dei prodotti venduti o consegnati). Grazie ad un iniziativa del Liceo De Sanctis, un gruppo di studenti ha avuto l occasione di visitare i locali, conoscendo da vicino come si lavora. Barbara Paparo, III AS Emanuela Sinigaglia, III AS Etis 2000: il più grande centro stampa del mezzogiorno Uno spazio di oltre 45 mila metri quadrati, 18 mila dei quali destinati alla stampa di quotidiani, riviste e prodotti editoriali in genere. Etis 2000 è il più grande centro stampa del mezzogiorno, con sede nella zona industriale di Catania. Ad oggi si stampano nove quotidiani, di tiratura nazionale e regionale, per circa mila copie stampate e poi distribuite ogni giorno in Sicilia e parte della Calabria. Grazie al corso di giornalismo, che anche quest anno il Liceo De Sanctis, ha voluto realizzare con incontri pomeridiani, gli studenti che hanno partecipato all iniziativa, hanno avuto la possibilità di visitare i locali. Accompagnati dai tutor del progetto Salvo Bertolami e Rosa Privitera, insieme all esperto esterno, la giornalista, Mary Sottile. E stata l occasione per conoscere da vicino tutte le fasi, dalla preparazione alla stampa di un quotidiano. Nel corso della visita, abbiamo scoperto anche il mondo di Simeto docks, azienda dello stesso gruppo che si occupa della stampa di libri, cataloghi, cartellonistica stradale. Alla fase della rilegatura, e pronto alla distribuzione, abbiamo trovato il volume che celebra i 70 anni del quotidiano La Sicilia. Pagina 7 I musei: per riscoprire la memoria di un popolo I beni culturali sono un importante risorsa per il patrimonio storico-culturale di un Paese. Essi possiedono un valore di testimonianza del passato ed esprimono la cultura e la civiltà delle popolazione che li hanno prodotti. La classe V sezione Bp, insieme alla professoressa di Storia dell arte, Monica Corsaro, ha svolto un attività didattica per ampliare le conoscenze in materia. Divisi in gruppi di lavoro sono stati analizzati i diversi aspetti della tematica: le legislazioni sui beni culturali ed alcuni aspetti amministrativi quali l istituto del prestito; l istituzione museale; la storia del museo dalle sue origini fino all attuale eco-museo. Dalle varie ricerche, presentate attraverso file in power point, cartelloni e mappe concettuali, è emerso che per poter parlare di tutela di beni, occorre aver chiara la loro importanza, anche giuridica. Tra le leggi più importanti che hanno garantito la salvaguardia di opere d arte, parchi nazionali, monumenti, figurano: l Editto Pacca del 1820, primo provvedimento legislativo, emanato dal cardinale Pacca, che regolamentava la tutela dei beni e delle esportazioni; Legge Rosadi del 1909, che assicurava la inalienabilità dei beni demaniali e del patrimonio pubblico; la Costituzione della Repubblica italiana, del 1948, che assunse tra i suoi principi quello della tutela del patrimonio storico artistico (articolo 9); il nuovo Codice dei beni culturali e del paesaggio, del Guardando al museo, esso è un luogo destinato alla conservazione, studio, ed esposizione di oggetti di interesse culturale. Il termine deriva dal greco antico mouseion, la casa delle muse, figlie di Zeus. Proprio in quanto luoghi di conservazione e di studio, esso ha un importante funzione nel processo di rievocazione della memoria come stimolo per indagare e comprendere sia il passato che il presente, ma soprattutto trasforma in eredità vivente il patrimonio culturale. Da questa certezza ne deriva che il patrimonio storico-artistico-culturale, è testimonianza delle civiltà e, quindi deve poter esser fruito da tutti. A questo scopo è stato pensato l Istituto del Prestito, entità legale che si occupa dell attività di scambio, prestito e collaborazione tra gli istituti museali e le altre istituzioni culturali. Oltretutto, consente l importazione di opere straniere in Italia così da permettere al popolo di conoscere artisti stranieri, in modo da arricchire il proprio bagaglio culturale. Certo, bisogna considerare alcuni aspetti negativi determinati dall attività di scambio. Ad esempio, nel momento in cui un opera viene allontanata dal suo luogo d origine, essa perde valore del contesto, e inoltre, vi è il rischio che si arrechino danni. Esistono diverse tipologie di musei, tra questi, figurano: i musei d arte, storici, delle scienze e delle tecnologie. Un discorso a parte, merita un particolare tipo di museo, chiamato ecomuseo, la cui idea venne espressa, per la prima volta, nel 1971 e nacque dall esigenza di salvaguardare la memoria delle società rurali e di tutte quelle conoscenze, tradizioni millenarie che andavano scomparendo con il diffondersi dell urbanizzazione e delle tecnologie moderne. In Italia, esistono numerosi ecomusei che sono regolati da leggi regionali specifiche. All inizio del 2015 è stato inaugurato il primo ecomuseo siciliano che ha sede a Nicosia (EN) (nella foto). Da un punto di vista amministrativo è costituito sotto forma di associazione culturale e ambientalistica; i soci fondatori dell opera affermano che «l idea di un ecomuseo, in un territorio incastonato tra la natura rigogliosa, ha come fine principale di recuperare il passato, valorizzare il presente e guardare al futuro». Marilena Genova V Bp Deborah Sanfilippo V Bp RISCOPRENDO LA COLLINA STORICA DI PATERNO Con una visita al Museo archeologico Savasta, ricavato negli storici locali dell ex carcere, ed un sopralluogo sulla collina storica, si è concluso il corso di giornalismo per gli studenti del liceo De Sanctis, che hanno scelto quest anno lo studio del mondo dell informazione, tra le attività extradidattiche pomeridiane. La visita ad entrambi i siti, gli studenti del corso, l hanno raccontata attraverso due servizi giornalistici. Dalle riprese, alle interviste, ogni cosa è stata curata dai corsisti, dietro la supervisione del cameraman, Salvo Diolosà e della giornalista, Mary Sottile. Ad accompagnarci nella scoperta dei reperti, presenti all interno del Museo, è stato il presidente regionale giovani di SiciliAntica, Giuseppe Barbagiovanni. Sulla collina storica, a svelarci i segreti del restaurato convento dei Cappuccini, è stato uno dei progettisti dell intervento di recupero, l architetto Francesco Finocchiaro.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON

PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON PER LA PSICANALISI LAICA INTERVENTO M. PLON C è un libro sui ragazzini agitati, dal titolo On agite un enfant: è un gioco di parole, perché c era una pubblicità di una bevanda gassata che se non ricordo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO

I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO I.C LERCARA FRIDDI - CASTRONOVO Elaborazione e presentazione dei risultati del QUESTIONARIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI V PRIMARIA E II A-II B SECONDARIA I GRADO A.S. 2012/2013

Dettagli

Questura di Piacenza

Questura di Piacenza Questura di Piacenza Ufficio Relazioni con il Pubblico Atti di intimidazione, sopraffazione, oppressione fisica o psicologica commessi da un soggetto "forte" (bullo) nei confronti di uno "debole" (vittima)

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO

ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO ELABORAZIONE DATI QUESTIONARIO 1) Età media: 16 2) Sesso: M: 86% F: 14% 3) Regione di residenza: Piemonte 4) Classe frequentata: 1^: 37 2^: 43 3^: 27 4^: 16 5^: 25 5) Il numero medio di ore giornaliere

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

La polizia è presente anche su Internet

La polizia è presente anche su Internet Pedopornografia La polizia è presente anche su Internet La polizia identifica chi possiede, produce o distribuisce materiale pedopor nografico, indaga sui casi sospetti, vuole proteggere i giovani dalle

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI

IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI #NOVIOLENZA CONTRO LO STALKING, IL FEMMINICIDIO, ED OGNI ALTRA FORMA DI VIOLENZA SULLE DONNE IL RISULTATO DEI VOSTRI CONTRIBUTI CONCRETI Durante le due settimane (dal 16 al 29 aprile) dell iniziativa No

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia.

Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Obiettivo didattico: Scoprire alcune meraviglie del territorio veneto; in particolare le città di Padova e Venezia. Questo - in ordine cronologico - l ultimo appuntamento organizzato dall Istituto Comprensivo

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO LINGUE STRANIERE

CURRICULUM SCUOLA SECONDARIA di PRIMO GRADO LINGUE STRANIERE Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO BEVILACQUA Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria

Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA. FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria Anno scolastico 2014-2015 PROGETTO CONTINUITA SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA : Ins. Drago Maria Rosaria PREMESSA Quello del passaggio dalla scuola dell Infanzia alla scuola

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO

LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO LA COMUNICAZIONE: IDENTITA E TEMPO SPAZIO DEL PRESENTE Come si percepiscono i Capi e le Comunità Capi. Una serie di pensieri emersi dalle chiacchierate fatte nelle Zone e nelle CoCa. [siamo in emergenza

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY

Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Sondaggio sulla diffusione di pregiudizi e stereotipi tra i ragazzi fra i 14 e i 17 anni EXECUTIVE SUMMARY Progetto N. 280-2014 Novembre 2014 METODOLOGIA L indagine è stata realizzata dal 5 al 12 Novembre

Dettagli

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone

La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone La mediazione genitoriale nell uso di internet e dello smartphone Ricerca a cura di Giovanna Mascheroni e Barbara Scifo OssCom per Vodafone Università Cattolica di Milano, 2 febbraio 2012 Metodologia Ricerca

Dettagli

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te

Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questionario DAPHNE: Qualcosa di te Questo questionario ci dirà qualcosa di te, della tua famiglia, e di come ti senti riguardo a te stesso. È strutturato in quattro sezioni. Il questionario è segreto

Dettagli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli

Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Istituto Comprensivo n.6 Verona a.s. 2013-2014 Scuola Secondaria di I Grado Fainelli Unità d apprendimento Il viaggio: alla scoperta di sé e dell altro Comprende: schema di unità d apprendimento scheda

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI

INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI INFOSANNIONEWS PRESENTATA ITALIA- FRANCIA DI RUGBY UNDER 20 CON UN VELO DI TRISTEZZA PER GLI AVVENIMENTI DI PARIGI In apertura di serata Alfredo Salzano, chiamato a moderare la conferenza, ha voluto ricordare

Dettagli

Lucio Battisti - E penso a te

Lucio Battisti - E penso a te Lucio Battisti - E penso a te Contenuti: lessico, tempo presente indicativo. Livello QCER: A2/ B1 (consolidamento presente indicativo) Tempo: 1h, 10' Sicuramente il periodo degli anni Settanta è per l'italia

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

Partecipo. Zoom Zoom Festival. Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano. 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana

Partecipo. Zoom Zoom Festival. Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano. 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana Partecipo Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano Zoom Zoom Festival 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana zoomfrominside.it Zoom Zoom Festival è un contenitore di idee,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE

1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Newsletter dell associazione La Casa sull Albero, anno III, mese di aprile 2013 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Nella città di Firenze, lo scorso 16 marzo, migliaia e migliaia

Dettagli

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca.

Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. 1. Insegna al tuo bambino la Regola del Quinonsitocca. Circa un bambino su cinque è vittima di varie forme di abuso o di violenza sessuale. Non permettere che accada al tuo bambino. Insegna al tuo bambino

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Come ti immagini gi insegnanti?

Come ti immagini gi insegnanti? a Come ti immagini gi insegnanti? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa nella

Dettagli

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO

ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO ISTITUTO COMPRENSIVO UMBERTO I PITIGLIANO Anni scolastici 2010/2011-2011/2012 2012/2013 Approvato con delibera n. 17 del Consiglio di Istituto del 23/11/2010 ( Validità triennale ) In considerazione del

Dettagli

Il campione regionale

Il campione regionale Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi Iniziative per un uso sicuro della rete Internet e del cellulare da parte dei minori Dati regionali Il campione

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

LE CHIAVI DELLA CITTÀ

LE CHIAVI DELLA CITTÀ Allegato 1A LE CHIAVI DELLA CITTÀ Le Chiavi della città, un progetto promosso e realizzato dall Assessorato all Educazione del Comune di Firenze raccoglie iniziative e progetti altamente qualificati, articolati

Dettagli

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio

Piera De Giorgi, insieme ad alcune riflessioni di due studenti del Canudo : Simone Ungaro e Tiziano D Ambrosio Al termine del progetto Comenius che ha portato a Gioia studenti e docenti provenienti dalla Turchia, si torna tutti alla solita routine, ma con tanti bei ricordi e nuovi amici. Di seguito un breve resoconto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

La discriminazione di genere

La discriminazione di genere La discriminazione di genere INSEGNANTE: GRAZIELLA FAVA SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO PINOCCHIO MONTESICURO ANCONA Classe: II B N. ALUNNI: 25 SCUOLA SECONDARIA 1 GRADO PINOCCHIO Disciplina: Italiano TITOLO:

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico

La Rete siamo noi. L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Difensore Civico Regione Emilia-Romagna CORECOM Regione Emilia-Romagna La Rete siamo noi L uso del cellulare, i rischi del bullismo elettronico Elena Buccoliero, sociologa Ufficio del Difensore civico

Dettagli

Progetti ed eventi per promuovere la Cultura della Legalità realizzati nel nostro secondo anno di attività operativa

Progetti ed eventi per promuovere la Cultura della Legalità realizzati nel nostro secondo anno di attività operativa Associazione di Volontariato per la promozione e lo sviluppo della Cultura della Legalità CON L ADESIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Milano, 3 settembre 2014. Progetti ed eventi per promuovere la Cultura

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI

BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI BREVE INTRODUZIONE MARCO MAGNIFICO DIRETTORE GENERALE CULTURALE DEL FAI Pochi giorni fa a un incontro organizzato dalla Provincia di Roma in occasione dei 60 anni dell Unesco, ho conosciuto un sacerdote,

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Lorenzo Testa Supervisione di Chiara Marra

Dettagli

OSSERVATORIO GENERAZIONE PROTEO

OSSERVATORIO GENERAZIONE PROTEO SINTESI DEI RISULTATI DELLA RICERCA OSSERVATORIO GENERAZIONE PROTEO L INDAGINE( * ) SUI GIOVANI SICILIANI 17-19ENNI, A CURA DI LINK CAMPUS UNIVERSITY UNIVERSITÀ E LAVORO Dopo la scuola assolutamente l

Dettagli

MANIFESTO PER PARMA UNITA

MANIFESTO PER PARMA UNITA MANIFESTO PER PARMA UNITA Parma è una città piena di risorse, ricca di intelligenze vivaci, di saperi e cultura, fatta da persone intraprendenti che non possono non avvertire la responsabilità di questo

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA

PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO. A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA PROGETTO SCIENZE UMANE La discriminazione tramite il web e le conseguenze giuridiche IL CYBERBULLISMO A opera di: BEATRICE, LUCA, MARCO, NICOLA Il cyberbullismo o ciberbullismo (ossia BULLISMO" online)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

controlamafiascritturateatroconosce nza,controlamafiascritturateatrocono scenza,controlamafiascritturateatroc onoscenza,controlamafiascritturateat

controlamafiascritturateatroconosce nza,controlamafiascritturateatrocono scenza,controlamafiascritturateatroc onoscenza,controlamafiascritturateat controlamafiascritturateatroconosce nza,controlamafiascritturateatrocono scenza,controlamafiascritturateatroc onoscenza,controlamafiascritturateat PROGETTO EDUCATIVO roconoscenzacontrolamafiascritturat

Dettagli

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda.

Introduzione L insegnante: Oggi impareremo a conoscere le nostre capacità e quelle degli altri. Impareremo anche come complementarsi a vicenda. www.gentletude.com Impara la Gentilezza 5 FARE COMPLIMENTI AGLI ALTRI Guida Rapida Obiettivi: i bambini saranno in grado di: di identificare i talenti e i punti di forza propri e degli altri, e scoprire

Dettagli