sviluppi corporei e cognitivi, viene preso in esame la questione della scuola, dell amicizia e i nuovi rapporti affettivi. Viene inoltre posta l

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "sviluppi corporei e cognitivi, viene preso in esame la questione della scuola, dell amicizia e i nuovi rapporti affettivi. Viene inoltre posta l"

Transcript

1 INTRODUZIONE Nel periodo più bello della vita L anima soffre grandi tormenti che calpestano la spensieratezza e soffocano il cuore. E tu, non puoi rimuovere il peso che sottomette la mente perché non conosci il tuo nemico e non puoi amarti, conosci soltanto il suo vertice distruttivo che ti trascina verso un inquietudine eterna. (Amonas) Quando penso gli anni della mia adolescenza mi viene un senso di nostalgia e di malinconia per quel meraviglioso periodo che non tornerà più. Adesso quel periodo della vita è avvolto da una fitta nebbia e ricordarlo non è facile Stare accanto e guardare negli occhi un adolescente è un po come rivivere la mia adolescenza, ma non è mai semplice ricordarla: probabilmente temo di percepire le nuove ansie e i drammi; anche i momenti di felicità, che mi ritornano spontaneamente, sembrano radi e isolati, magici come un raggio di sole che illumina quel cielo nebuloso. Essere adulti più o meno felici dipende molto da come abbiamo vissuto gli anni adolescenziali, come sono stati i nostri rapporti con i genitori o con il mondo che ci circonda. Sicuramente l adolescenza è il periodo della vita più ricco di emozioni, anche se sicuramente non pieno di felicità. Quest età porta una magia senza precedenti, gli affetti, i giochi, la voglia 5

2 di compiere nuove esperienze o di rischiare e le prime esperienze amorose. In questa fase della vita avviene lo sviluppo dell identità, la capacità di relazione con gli altri e quindi la preparazione alla vita adulta, attraverso una sorta di conoscenza e competenza in tutti gli ambiti della vita. Ma quest età ha anche dei lati oscuri come i litigi e le incomprensioni che avvengono abbastanza di frequente con i genitori o con gli insegnanti. Queste esperienze, in parte, sono paragonate a quelle infantili, però durante l infanzia, la protezione di mamma e papà, gli affetti che si provavano per gli amichetti o per la maestra delle elementari che si adorava erano qualcosa di acquisito e che non eravamo consapevoli. Dopo la quiete degli anni infantili intorno agli 11 anni scoppia dentro di noi una tempesta che non ci rendiamo nemmeno conto; il corpo assume proporzioni deformi e a volte piuttosto imbarazzanti, gli ormoni si sviluppano ed i nostri organi sessuali iniziano a funzionare. Anche i nostri rapporti con i coetanei e i genitori si modificano. Durante questo periodo nasce dentro di noi quella particolare coscienza del nostro esistere, la coscienza che ci siamo anche noi in questo mondo. Sono le nuove esperienze, affrontate ora con prorompente vitalità ed entusiasmo ma anche con quello spirito di sofferenza che ci entra dentro e si fissano profondamente nell anima e nella mente. Noi diventiamo consapevoli dei numerosi cambiamenti che avvengono in noi, in questa avventura è bello pensare che tutto possa accadere e di avere il mondo nelle nostre mani. Se mi guardo indietro, e ripenso alla mia avventura, mi accorgo che è stata irripetibile e unica per me. Oggi ne rimane soltanto un lontano ricordo. Nel primo capitolo sono descritte le principali teorie psicologiche che hanno studiato il periodo dell adolescenza. Il secondo capitolo analizza lo sviluppo dell identità, che è un compito fondamentale durante l adolescenza, inoltre sono presi in esami i valori dei ragazzi e la questione della libertà. A partire dal terzo capitolo vengono affrontati i principali cambiamenti che avvengono nell adolescenza partendo dai 6

3 sviluppi corporei e cognitivi, viene preso in esame la questione della scuola, dell amicizia e i nuovi rapporti affettivi. Viene inoltre posta l attenzione su argomenti come la sessualità e la famiglia. 7

4 CAPITOLO PRIMO TEORIE DELL ADOLESCENZA L adolescenza costituisce un periodo della vita che solo in un epoca recente è stato oggetto di studio e d analisi. Le ragioni di questo ritardo sono essenzialmente due. Da un lato si è pensato che l esperienza personale fosse sufficiente, infatti, per secoli si è ritenuto che il fatto di essere stati bambini e adolescenti, di avere attraversato questi periodi vivendoli dall interno, offrisse una conoscenza diretta, intuitiva, sufficientemente adeguata delle loro caratteristiche essenziali, delle trasformazioni che vi accadono. In questi anni si riteneva che la conoscenza fondata su ricordi personali potesse poi essere integrata e completata attraverso la diretta osservazione di bambini o adolescenti. La ricerca psicologica ha dimostrato che questa convinzione manca di fondamenta. Discipline come la psicoanalisi e la psicologia dello sviluppo cognitivo hanno dimostrato, quanto sia lacunoso il nostro ricordo dei primi anni di vita e quanto sia difficile penetrare nel mondo mentale infantile. Questo che abbiamo detto sull infanzia vale anche per l adolescenza. Sebbene l età adulta è tutto sommato abbastanza vicino all adolescenza e la convinzione di averne un adeguata conoscenza fondata sull esperienza personale poteva essere giustificata. Ma anche i ricordi relativi alla propria adolescenza non costituiscono una base affidabile, per un adeguata conoscenza dell adolescenza in generale. È, infatti, difficile rivivere da adulto, quando ormai la propria vita mentale ha assunto caratteri di stabilità e di chiarezza, l instabilità e la forte emotività che caratterizzano gli anni adolescenziali. Gli stati psicologici contrassegnati da incertezza e da forti tensioni emotive sono ormai stati superati da qualche tempo e non possono essere rivissuti. 8

5 Si è persa anche quell intensità di sentimenti ed emozioni che caratterizzava gli anni dell adolescenza. La difficoltà che incontra un adulto nel ricostruire la propria esperienza psicologica d adolescente è dovuta anche ad altre ragioni. Crescendo si è formato e consolidato in noi una certa immagine ideale di noi stessi. Non solo dunque è difficile rievocare molti aspetti della propria adolescenza, ma quelli di cui conserviamo un ricordo possono avere subito un processo di rielaborazione e di razionalizzazione. Se fosse possibile rivivere senza lacune la nostra adolescenza (e fosse possibile riviverla con la ricchezza di sentimenti allora presenti), sarebbe impossibile estendere agli altri la nostra personale esperienza. Le differenze individuali, relative al sesso, alle condizioni fisiche, psicologiche nelle quali è avvenuto lo sviluppo, possono essere così grandi che una generalizzazione della propria personale esperienza risulta del tutto ingiustificata. La seconda ragione del ritardo con cui si è affrontato lo studio dell adolescenza sta nel fatto che essa si è venuta imponendo all attenzione solo in un periodo storico relativamente recente. Mentre per la vecchiaia la ragione del suo emergere come problema psicologico è nel numero molto maggiore di persone che raggiungono la terza età, e nel notevole prolungamento di quest ultima, conseguenti ai miglioramenti nella qualità della vita e alle scoperte nel campo medico, per l adolescenza essa sta anche nel fatto che il progresso tecnologico verificatosi nell ultimo secolo ha posto gli adolescenti in misura molto maggiore e in modo assai più generale problemi di preparazione scientifica, tecnica, un tempo assai meno impegnativi o circoscritti a poche persone. N è dunque derivato un allungamento del periodo di scolarità, e quindi anche del periodo durante il quale un adolescente, che ha ormai acquisito le caratteristiche fisiche e le strutture intellettuali di un adulto, resta in condizioni di dipendenza giuridica, economica e morale nei confronti di altri adulti (genitori e insegnanti). Lo sviluppo scientifico e tecnologico dell ultimo secolo impone al ragazzo scelte più numerose e più difficili, e perciò anche la necessità di un maggior numero d esperienze. 9

6 A queste ragioni che hanno preso in esame il problema dell adolescenza, se ne sono accompagnate altre che hanno posto nuove problematiche inerenti a questo periodo della vita. In Italia nel 1968 a causa delle numerose rivolte e contestazioni giovanili hanno dato origine ad una varietà di movimenti come il movimento femminista, il quale ha messo in evidenza il diverso trattamento che, sulla base delle differenze sessuali, veniva riservato ai maschi e alle femmine sia sul piano educativo, sia poi sull inserimento lavorativo e la partecipazione alla vita sociale e politica. In Italia, come del resto anche in altre parti dell Europa e del mondo hanno fatto la comparsa dei valori nuovi, ispiratori nel processo di formazione dell identità. Questi valori sono d ordine religioso, sociale o politico. Alcuni sono pienamente accettabili ed hanno ispirato manifestazioni di massa cui hanno partecipato decine di migliaia di giovani: la difesa della pace, la difesa dell ambiente, altri assai discutibili come la conquista di posizioni economicamente solide attraverso una competizione spregiudicata, o la violenza assunta come metodo di lotta politica. La nascita di nuovi mezzi di comunicazione come il motorino o il telefono hanno reso più facile agli adolescenti restare in contatto fra loro anche al di fuori della scuola e hanno permesso loro di moltiplicare tali incontri rinsaldando vecchie amicizie e partecipando ad attività collettive. Tutto questo ha favorito il graduale sviluppo di una cultura giovanile. Tenendo conto di tutte queste ragioni si può comprendere perché il problema di uno studio scientifico dell adolescenza si sia posto solo all inizio del In questo primo capitolo descriverò le principali teorie che hanno influito la storia della psicologia dell adolescenza. (Peter, 1990) 10

7 1.1 STANLEY HALL Il primo studioso che abbia affrontato lo studio dell adolescenza è l americano Stanley Hall. All inizio del secolo scorso Hall insieme a dei collaboratori della Clark University, utilizzando la tecnica dei questionari, raccolsero una grande quantità di dati relativi al mondo mentale infantile ed a quello dell adolescente. Questi dati, integrati con altri racconti da altri studiosi (e relativi, ad esempio ai fenomeni dello sviluppo fisico, alla crescita delle singole parti del corpo, ecc.) costituirono le basi per l opera che Stanley Hall pubblicò nel 1904 che si intitolava Adolescence. Quest opera ha un importanza fondamentale nello studio di questo periodo. Non è soltanto il primo trattato sull adolescenza ma giunge a proporre per la prima volta un interpretazione generale del significato che questo periodo ha nella vita dell uomo. Hall è stato il primo che ha colto un cambiamento graduale nella natura dello sviluppo umano provocato da un fattore socioeconomico rilevante come quello che accade negli Stati Uniti D' America. Le Working families in cui i bambini lavoravano con i genitori nei campi e nelle fabbriche cominciarono a sparire perché l'incremento della produttività industriale creava nuovi surplus consentendo a milioni di ragazzi di stare al di fuori del mercato del lavoro. Gli Stati uniti, stavano diventando una società industriale ed urbana che richiedeva inserimenti tali che solo l'educazione secondaria sembrava poter garantire. Il concetto di adolescenza utilizzato da Hall rifletteva un cambiamento reale della rappresentazione sociale della vita umana. L'autore all'interno del proprio orientamento positivistico riteneva di poter identificare tale natura in una fenomenologia comportamentale spiegata in base a una trasformazione biologica. L'adolescenza per questo autore è una seconda nascita perché si verifica, nel corso di essa, un rinnovamento di tutti gli aspetti della personalità. Questa affermazione è sostenuta da un 11

8 continuo confronto fra il mondo del bambino e quello dell'adolescente. Il bambino è tutto interessato al mondo esterno ed ai suoi fenomeni come il tramonto, la pioggia ecc..mentre l'adolescente è orientato soprattutto a sviluppare una vita interiore che si realizza attraverso un elaborata capacità di introspezione e di autoesplorazione, per il bambino i fenomeni hanno un valore per se stesso e suscitano semmai qualche interesse per le modalità del loro verificarsi, mentre per l adolescente essi non sono altro che un simbolo ed una manifestazione degli stati d animo e dei sentimenti ora entusiastici ed ora tristi, ora tesi ad aprirsi sulla realtà, ora chiusi e depressi, ora dolci, vissuti nella vita di ogni giorno. Per il bambino la realtà, a una delimitazione spaziale e temporale quasi prossima, mentre per l adolescente le delimitazioni spaziotemporali si allargano sino ad essere, in alcuni momenti ed in corrispondenza di certi sentimenti, aperte all infinito. Il passaggio dall infanzia all adolescenza avviene in modo drammatico e la stessa epoca adolescenziale è piena di sentimenti contradditori, di stati d animo ora dolorosi ora entusiasti. L adolescenza è l età delle tempeste emozionali, degli innamoramenti irrazionali e ciechi, della fiducia smisurata nelle proprie forze e della disperazione per i propri limiti, della voracità intellettuale e della rinuncia romantica. Hall si basa sulla teoria evoluzionistica di Darwin, secondo cui lo sviluppo di ogni organismo riassume, ripercorrendo in misura sommaria, i momenti dello sviluppo della specie cui l organismo stesso appartiene. Nello sviluppo psicologico dell individuo si ripetono l una dopo l altra le varie fasi successivamente percorse dalla razza umana nel corso della sua evoluzione. Per esempio il bambino che tende a sopraffare nel gioco un altro bambino, ad esempio, non fa altro che riproporre il livello proprio dell uomo non ancora civilizzato. La teoria di Hall ha influenzato a fondo molte iniziative di tipo educativo o pedagogico. (Palmonari, 1979) 12

9 1.2 APPROCCIO ANTROPOLOGICO Un secondo contributo allo studio della psicologia della adolescenza fu dato da Margaret Mead che partì dal presupposto che il decorso dell adolescenza sia influenzato da circostanze sociali e che determinati processi si possono manifestare in modo assai diverso secondo la cultura di appartenenza. Se l età adolescenziale è caratterizzata da inquietudini e conflitti è dovuto secondo la Mead da fattori sociali e culturali. (Jan de wit, 1993) Questa autrice ha condotto una ricerca in una società primitiva, tra le ragazze dell isola di Taw nell arcipelago di Samoa (Pacifico meridionale). In questa ricerca l autrice è riuscita a dimostrare che lo sviluppo delle emozioni in età adolescenziale è condizionato dalla cultura di appartenenza e non esclusivamente dalla concomitanza dello sviluppo fisiologico.(palmonari, 1997) La Mead cercò di spiegare la sua ricerca rilevando delle differenze fra la cultura occidentale e quella Samoana, e le differenze che riguardano la struttura sociale e l educazione. Nella cultura occidentale è d uso che l allevamento dei bambini piccoli avvenga essenzialmente all interno della famiglia. Nelle Samoa le cose vanno diversamente e il bambino viene allevato inizialmente da un gran numero di adulti. Gia fin dalle prime settimane il neonato passa di mano in mano. La conseguenza di ciò è, sostiene la Mead, che il bambino non apprende a legarsi fortemente ad una sola persona, perciò non si instaurano legami personali stretti fra genitori e figlio e pertanto il processo di distacco dai genitori nell adolescenza non rappresenta un compito difficile. (Jan de wit,1993). Gli adolescenti della Samoa godono di grande libertà sessuale e hanno molte occasioni in cui sperimentano relazioni sessuali che comporterebbero pochi problemi nello sviluppo sessuale. I bambini della società occidentale hanno poche responsabilità al di fuori delle famiglie, quando nell adolescenza viene richiesto a loro un comportamento responsabile, ciò può creare uno squilibrio. 13

10 Viceversa la responsabilità nella cultura della Samoa inizia intorno ai cinque anni quando vengono affidati ai bambini compiti significativi per la sopravivenza della società compiti di cui essi debbono assumersi delle responsabilità. Crescendo, crescono anche le loro responsabilità e simili cambiamenti graduali non possono causare molta confusione, in quanto per ogni età vi sono regole chiare dettate dalla tradizione. Nella società occidentale un ragazzo può essere facilmente frustrato e succube dell autorità paterna. A Samoa si può sfuggire facilmente a una famiglia frustrante e autoritaria andando presso altri parenti. Le conclusioni della Mead sono che l adolescenza è un fenomeno culturalmente specifico, non universale e che le difficoltà dell adolescenza nei paesi occidentali potrebbero essere alleviate seguendo l esempio di Samoa. (Palmonari, 1997) 1.3 LA PSICOLOGIA TEDESCA DEGLI ANNI VENTI Identica è la funzione delle teorie psicologiche sull adolescenza che vengono formulate in Germania dopo la prima guerra mondiale. Prima si scriveva poco sui giovani perché non ponevano problemi alla società. Negli anni Venti, invece, la situazione cambiò: la crisi economica, le lotte della classe operaia, stimolata dalla vittoria della rivoluzione bolscevica in Russia, provocarono la politicizzazione di molti giovani proletari e di una parte della gioventù borghese che partecipò alla lotta di classe. Il sistema scolastico entrò in crisi e la classe dominante sentì la necessità di riformarlo per riprendere il controllo sui giovani. La psicologia accademica fornì loro gli strumenti ideologici necessari a questa impresa, presentando una teoria normativa dell adolescenza. Lo scopo ideologico di questa psicologia era esplicito: il marxismo è disprezzato, si danno ai genitori consigli per togliere le idee rivoluzionarie dalla testa dei giovani, si esalta il ruolo della religione, presentata come un sentimento innato che si manifesta con intensità proprio durante l adolescenza. L oggetto degli studi era quasi esclusivamente la gioventù borghese, quella dei ginnasi e dei Wandervogel, presentata come ideale, una gioventù introversa, ripiegata su se stessa, romantica, amante della natura, disimpegnata e disinteressata dalle lotte sociali e politiche. 14

11 Negli anni Venti si moltiplicano i libri sulla psicologia dei giovani: citiamo tra i più noti quelli di Ch. Büehler (1927) e di Spranger (1929). I metodi utilizzati per la ricerca sui giovani erano funzionali agli scopi ideologici di questi psicologi, metodi storici e asociali, rivolti a un individuo astratto che non vive in una società determinata, né fa parte di una classe sociale ben precisa. Certi autori, come Spranger, avevano un orientamento idealista, non si preoccupavano di fare ricerche empiriche ma elaboravano una psicologia a tavolino sulla base di idee filosofiche preconcette con qualche dato selezionato come prova. Per loro, lo sviluppo psichico non dipende da condizioni storiche concrete ma da uno scopo inerente ad ogni individuo. Nel raggiungimento di questo scopo, ogni stadio ha un senso e un compito specifico. L adolescenza è dominata dal valore dell io che viene scoperto nella solitudine e fuga dal mondo. La presa di coscienza di sé porta necessariamente a un conflitto con la società. La stessa sottovalutazione delle condizioni sociali si ritrovano in autori di orientamento biologico come Büehler (1927) e Kroh (1944). Per la prima, ad esempio, tutti i sentimenti dei giovani il sentimento di solitudine, il distacco dai genitori, l odio contro l ambiente, la curiosità sessuale e lo slancio, sono un bisogno biologico che subisce poco l influsso dell ambiente. Questa psicologia accademica venne tuttavia contestata da insegnanti, lavoratori sociali e scrittori in contatto coi giovani operai che non ritrovavano nei libri universitari la realtà giovanile che essi conoscevano. A loro volta, scrissero libri sui giovani attenendosi ai fatti senza però tentare di inquadrarli all interno di una teoria sistematica. I libri sono basati su ricerche empiriche e danno una visione più realistica dei giovani. Li descrivono antitetici a quelli dei volumi della psicologia accademica, giovani che hanno il senso della realtà, delle cose pratiche, che non sono inclini alla melanconia e alla religiosità, che non hanno alti ideali, eccetto una minoranza impegnata nella lotta di classe, che sono scontenti della loro formazione e del loro lavoro e hanno paura della disoccupazione, che hanno buoni rapporti in famiglia, soprattutto con la madre. Questo movimento di protesta della prassi contro la teoria (Friedrich e Kossakowski, 1962) non riuscì a influenzare la psicologia accademica e venne spazzato via dall avvento del nazismo nel Durante l era nazista la psicologia accademica divenne una teoria normativa, una specie di teologia del fascismo: le teorie biologistiche e endogenistiche degli anni Venti costituivano una 15

12 base adatta per la fascistizzazione della psicologia dell adolescenza. Un certo numero di psicologi universitari si misero al servizio del nazismo e denunciarono la judeizzazione della psicologia del decennio precedente mentre altri, come Bühler e Katz, emigrarono negli Stati Uniti, e altri ancora, come Busemann, rinunciarono all insegnamento. Jaensch (1939), diventato presidente della società tedesca di psicologia, propose una tipologia dei giovani: quelli nobili e integrati, identificati con i giovani hitleriani, e gli altri, disintegrati e decadenti, tra i quali gli ebrei. Il tipo del giovane nazista, eroico combattente, che trovava in Hitler il suo ideale, fu celebrato, mentre le ragazze erano sminuite in queste pubblicazioni e erano ridotte alla loro funzione riproduttrice di futuri eroi. (Lutte, 1987). 1.4 L APPROCCIO DELLE SCIENZE UMANE Secondo Spranger ( ) in nessuna fase della vita l uomo ha un così forte bisogno di comprensione come negli anni giovanili. È come se potesse essere aiutato solo da una profonda comprensione della propria natura in evoluzione. ( Spranger, 1925). Lo sviluppo è visto da quest autore come un dispiegarsi dal didentro che porta ad una maggiore strutturazione interna. L adolescenza è un periodo in cui avviene lo sviluppo dalla struttura infantile alla struttura stabile e completamente evoluta dell adulto. Per Spranger lo sviluppo si divide in tre fasi: 1. la scoperta dell io (la persona ricomincia a riflettere su se stessa) 2. la nascita graduale di un progetto di vita 3. l inserimento nei diversi campi della vita, che implica l acquisizione di armonia interna e la formazione di un personale sistema di valori. Nella prima fase l adolescente scopre dentro di sé numerose nuove facoltà, ma scopre contemporaneamente anche svariati sentimenti e tendenze contrastanti. L adolescente può essere portato ad occuparsi molto di se stesso e diventare alquanto suscettibile. 16

13 Il suo sentimento di sé, l esperienza di essere, unico, diverso dagli altri ad avere un proprio valore è piuttosto vulnerabile. Mettendo se stesso alla prova in vari modi il sentimento di sé acquista gradatamente maggiore stabilità. Per esempio il giovane può ad esempio vagabondare con un ritmo insensato per stabilire per se stesso quanto lontano può arrivare. Dal punto di vista psicologico è indifferente se una simile passione si esprime nello sport, nel collezionismo, nello scrivere trattati. Perché la cosa più importante è avere qualcosa di proprio, un campo in cui gli altri non hanno nulla da insegnarli. In questo processo cresce l autoaccettazione dell adolescente ed inizia così la seconda fase dell adolescenza. Sulla base dell autoaccettazione l adolescente può da un lato adottare diversi valori della cultura e dall altro stabilire la propria rotta. Così nasce gradualmente un progetto di vita. Nella terza fase è caratterizzata secondo Spranger da una partecipazione più cosciente e attiva alla vita sociale, in cui è essenziale darsi attivamente un senso personale. Il pensiero di Spranger ha dato un contributo notevole alla psicologia evolutiva, come la teoria di Erikson sull identità. (Jan de wit, 1993) 1.5 TEORIE DELL APPRENDIMENTO I teorici dell apprendimento concordano che il comportamento venga appreso e che l ambiente esterno abbia una notevole influenza sull comportamento dell adolescente. I principali elementi di queste teorie sono. Lo stimolo, il comportamento e le conseguenze del comportamento. Ci sono due tipi di correnti il behasaviorismo classico che delimita la definizione di comportamento a comportamenti aperti e osservabili, e le teorie dell apprendimento sociale che usano una definizione più ampia di comportamento e rivolgono 17

14 particolare interesse ai processi sociali di apprendimento e a come essi si presentano nelle relazioni fra persone. La teoria dell apprendimento sociale considera l evoluzione umana come una concatenazione di processi d apprendimento: la persona fa una serie di esperienze e come risultato inizia a comportarsi diversamente e acquisisce la possibilità di comportarsi in modo diverso.(gross e levin, 1987). Ci sono quattro tipi di apprendimento: il condizionamento classico, il condizionamento operante, l apprendimento tramite osservazione diretta e l apprendimento tramite autocontrollo. I primi due tipi sono del condizionamento classico gli ultimi due sono dell apprendimento sociale. Condizionamento classico La teoria del condizionamento classico riguarda il comportamento riflesso, autonomo e non intenzionale che segue uno stimolo. In questo tipo di condizionamento il riflesso originario viene associato a uno stimolo diverso da quello che naturalmente provoca tale comportamento, per esempio il condizionamento classico può essere all origine del terrore di un adolescente per il dentista. Basta che in passato abbia subito un trattamento doloroso dal dentista: il presentarsi insieme allo stimolo condizionato (il dentista) e dello stimolo incondizionato (il trattamento doloroso) porta ad una risposta condizionata, precisamente il terrore del dentista. (Jan de wit, 1993). Condizionamento operante Il comportamento viene appreso prevalentemente tramite le conseguenze associate alle attività dell individuo.questo tipo di condizionamento è messo in evidenza nell addestramento degli animali dove i comportamenti suscitati tramite uno stimolo proveniente dall ambiente vengono insegnati per mezzo di ricompense e associati alle situazioni che originalmente li hanno evocati. Skinner ritiene che i principi di apprendimento operante individuabile negli animali siano egualmente rilevanti per lo sviluppo umano. La relazione fra caratteristiche osservabili dell ambiente (stimoli) e il comportamento direttamente osservabile dell adolescente è sufficiente per spiegare il presentarsi di determinati 18

15 comportamenti. Il comportamento di un adolescente è strumentare in quanto provoca effetti da parte dell ambiente: provoca il rinforzo. Ad esempio quando l adolescente ottiene ciò che desidera grazie alle proprie lamentele, cresce la possibilità che vi faccia ricorso nuovamente in futuro. Da questo si può dedurre che il comportamento seguito da un rinforzo positivo viene generalmente ripetuto più di frequente, invece il comportamento seguito da uno stimolo negativo verrà ripetuto meno spesso. Quando le conseguenze sono tali che il comportamento viene rinforzato, si parla di ricompensa, quando il comportamento viene indebolito, si parla di punizione. Si ha il rinforzo positivo quando il comportamento viene chiaramente premiato e seguito da esiti desiderati invece si parla di rinforzo negativo quando non si presentano esiti indesiderati. Questa teoria dedica molta attenzione agli avvenimenti sociali che fungono da rinforzo al comportamento come la lode, incoraggiamento o gli insuccessi. È molto importante il modo in cui gli atteggiamenti e i modi di comportarsi dell individuo vengono condizionati. Se le esperienze infantili portano il ragazzo a modelli comportamentali che lo preparano bene alle esigenze e alle attese del periodo adolescenziale allora ci saranno pochi problemi. Ad esempio i bambini sufficientemente premiati dai genitori per il loro comportamento autonomo avranno pochi problemi quando durante l adolescenza ci si aspetterà da loro un comportamento ancor più indipendente. Invece quando le esperienze di apprendimento sociale del bambino hanno condotto soprattutto ad un rinforzo del comportamento dipendente, allora, durante l adolescenza, ci si possono attendere alcune difficoltà. L effetto del rinforzo dipende dal modo in cui l adolescente concepisce la relazione tra i comportamenti e le loro conseguenze e da quanto ritiene che determinate conseguenze siano probabili. Per esempio un adolescente affronterà facilmente dei rischi se pensa che le sue acrobazie pericolose in motocicletta gli procureranno molta ammirazione e che la possibilità di un incidente sia bassa.(jan de wit, 1993). 19

16 Apprendimento tramite l osservazione diretta Secondo questa teoria per apprendere un determinato comportamento non è necessario un rinforzo da parte dell ambiente ma si impara anche tramite l osservazione del comportamento altrui.(bandura, 1977) Guardare gli altri rende possibile apprendere nuove forme di comportamento e scoprire come possono combinarsi determinati elementi del comportamento stesso e rende la persona sensibile alle conseguenze di un dato modo di comportarsi per esempio se il comportamento di un alunno nei confronti del insegnante ha successo, esso verrà presto adottato anche dagli altri alunni. Apprendere tramite autocontrollo L idea che il comportamento venga determinato dalle sue conseguenze può essere estesa alle reazioni dell individuo al proprio comportamento. La natura di queste reazioni è legata a ciò che l individuo esige e attende da sé. Se un comportamento corrisponde alle attese e alle regole autoimposte, viene rinforzato. Se ciò non si verifica, non si avrà rinforzo e la frequenza dello specifico comportamento diminuirà. Bisogna ricordare che le regole e le aspettative che l adolescente pone a se stesso sono apprese e dunque mutabili tramite processi d apprendimento. Ad esempio, un adolescente grazie ai compiti svolti a casa, ottiene voti che soddisfano le sue attese, allora il comportamento eseguire i compiti viene rinforzato. Se nonostante molto impegno continua ad ottenere voti inferiori a quelli che pone come regola per se stesso, si scoraggerà e inizierà a porsi domande sulle proprie capacità. Il risultato è che dedicherà meno tempo ai compiti, cosa che non migliorerà le sue prestazioni scolastiche Questo processo può essere invertito qualora l adolescente apprenda a adottare norme diverse che sono raggiungibili. (Jan de wit, 1993). 20

17 1.6 L APPROCCIO PSICOANALITICO Nell ambiente culturale tedesco si sviluppano, dalla fine del secolo XIX, le prime teorie psicoanalitiche che all inizio però si occuparono poco degli adolescenti. Freud era convinto che la strutturazione della personalità avvenisse nei primi cinque anni dell esistenza e che l adolescenza non fosse altro che la ricapitolazione delle esperienze infantili. Lo psicoanalista viennese utilizza poco il termine adolescenza e si riferisce soprattutto alla pubertà. In Tre saggi sulla teoria sessuale (1905), egli presenta la sua teoria sul raggiungimento della maturità genitale e sul distacco dai genitori. Afferma che nella pubertà lo sviluppo psicosessuale dei maschi e delle femmine, derivante dalle differenze anatomiche tra i sessi, divergono: quello maschile sarebbe più coerente mentre ci sarebbe un involuzione di quello femminile. La teoria freudiana sulla psicosessualità femminile venne approfondita da Jones (1922) che afferma che l individuo nel secondo decennio di vita, ricapitola ed espande le fasi dello sviluppo attraversate nei primi cinque anni: in particolare fra i due e i cinque anni appaiano importanti precursori dell organizzazione successiva. Deutsch (1945) che, accentuando le ipotesi di Freud, presenta un interpretazione biologica della passività femminile mentre Horney (1939; 1953) interpretò in termini sociali e culturali i vissuti psicologici della donna. Per molto tempo, gli psicoanalisti non hanno approfondito il tema dell adolescenza perché erano convinti che l analisi andava contro le esigenze di sintesi della personalità in cui vedevano il compito fondamentale di quest età. Aichhorn, con il suo libro, La gioventù traviata (1925), fu tra i primi ad affrontare i problemi concreti dei giovani. Ma la prima analisi sistematica dell adolescenza è dovuta alla figlia di Freud, Anna, la quale riprende l idea del padre sulla pubertà come ricapitolazione del periodo pregenitale in cui risplodano i conflitti a causa dell aumento delle pulsioni, contro le quali l adolescente si protegge utilizzando vari meccanismi di difesa, in particolare l ascetismo e l intellettualizzazione. Nel 1958 A. Freud affronta di nuovo l analisi dell adolescenza che per lei costituisce l interruzione di una crescita pacifica e assomiglia ad una varietà di altre turbe emotive e si avvicina molto alla formazione sintomatica di ordine nevrotico, psicotico e sociale Per difenderci dall angoscia derivante dalla rottura dei 21

18 legami con i precedenti oggetti di amore, l adolescente ricorre alla fuga dalla famiglia, all investimento dell affetto sul gruppo dei coetanei, all inversione di libido su se stesso con conseguenti fantasie di potere illimitato. È normale che per un lungo periodo l adolescente si comporti in modo incoerente e imprevedibile. Al sesto congresso di psichiatria infantile A. Freud (1969) tenne una relazione del titolo significativo: l adolescenza come disturbo evolutivo nella quale propose un elenco delle varie alterazioni del carattere e della personalità che possono manifestarsi durante questo periodo. Un ulteriore contributo allo studio della psicoanalisi adolescenziale fu dato da Peter Blos. Per quest autore il carattere è quell aspetto della personalità che modella le risposte di ogni individuo agli stimoli che provengono sia dall ambiente sia dal Sé. (Blos, 1962). Il carattere inizia a formarsi nel corso dell infanzia per arrivare ad avere una struttura stabile nell adolescenza. Blos, nella formazione del carattere riscontra quattro sfide: la prima sfida è quella denominata secondo processo di individuazione, in questa prima sfida l autore si riferisce alla teoria dello sviluppo infantile di Margaret Mahler secondo cui il bambino evolve da un indifferenziata esperienza di sé ad uno stato di separatezza del mondo fisico della realtà che non implica peraltro mancanza di relazioni con esso. (Mahler, 1975) Anche quest autore afferma che l adolescente allenta i legami con il genitore interiorizzato che è stato fondamentale nel periodo falico e di latenza dello sviluppo, e permette all adolescente di stabilire nuovi attaccamenti extra-familiari. Lo sviluppo riguarda l acquisizione di un Sé stabile e di precisi confini fra il Sé ed il mondo oggettuale; la perdita di rigidità e di forza da parte del Super-Io edipico; una maggiore stabilità degli stati d animo e dell autostima per la minore dipendenza delle fonti esterne di sostegno. Soltanto se il ragazzo è in grado di rivivere il contatto con le pulsioni infantili, la ristrutturazione psichica dell adolescenza può realizzarsi., viceversa il soggetto può godere delle gratificazioni pulsionali senza ricadere nelle relazioni oggettuali infantili di cui si è liberato. Secondo Blos le condotte regressive più comuni sono: un ritorno all azione invece che al linguaggio verbale, l ammirazione per pop-star e attori famosi (ricordo dell idealizzazione infantile dei genitori) 22

19 L attivazione di stati emozionali simili alla fusione nel rapporto con gruppi religiosi o di impegno civile che può sopperire alla perdita dell oggetto. La seconda sfida è la rielaborazione ed il controllo dei traumi infantili L adolescenza è un momento fondamentale per la riformulazione del carattere e per il superamento dei traumi infantili ed ogni successo nel controllo dei traumi incrementa l autostima del soggetto. La terza sfida da affrontare per giungere ad una formazione ottimale del carattere è la continuità del io, che produce, infine l ultima sfida è quella che riguarda l identità sessuale cioè la capacità del soggetto ad avere relazioni sentimentali al di fuori della famiglia. Molti altri autori di approccio psicoanalitico hanno dato il loro contributo allo studio dell adolescenza. Erikson (1950, 1968) vede lo sviluppo come un prodotto dell interazione fra fattori biologici, psichici e sociali. Per lui, il problema centrale dell adolescenza è l acquisizione di un identità socialmente riconosciuta. Questo periodo, per questo autore, è una fase necessaria, una moratoria psicosociale che la società offre ai giovani perché possano sperimentare ruoli diversi e integrare le identità degli anni precedenti in una prospettiva più vasta che quella familiare. Solo l individuo che ha un identità sociale ha raggiunto la maturità. Anche Redl (1969) sottolinea l incidenza dei fattori socioeconomici e dell appartenenza a una classe sociale sui vissuti adolescenziali. Accetta e riconosce anche lui la necessità di una moratoria sociale ma fa notare che nella realtà essa è soffocante e infantilizza gli adolescenti anche perché la società non offre più alla maggior parte di essi prospettive professionali interessanti. Meltzer (1968), che si riconosce nella scuola kleiniana, si spinge ancora oltre nella revisione della teoria freudiana affermando che il problema fondamentale degli adolescenti non è di natura sessuale benché conoscitiva.(lutte, 1987). 1.7 RICERCHE SOCIOLOGICHE La psicologia classica dell adolescenza, nei suoi indirizzi prevalenti nella prima metà del secolo, quello biologistico europeo e quello social positivista statunitense, era diventata sterile dal punto di vista teorico e non permetteva di affrontare in modo pratico i problemi dei giovani. In questo vuoto si sviluppò 23

20 rapidamente la sociologia della gioventù che rispondeva maggiormente alle attese delle autorità politiche. In Germania, dopo la seconda guerra mondiale, ad esempio, lo stato presentava ricorso ai sociologi per conoscere la condizione dei giovani e finanziava le loro ricerche (Friedrich e Kossakowski, 1962). Se escludiamo alcuni rari interventi e studi di impostazione prevalentemente antropologica, dobbiamo risalire al 1940, e precisamente a Linton, per avere un primo attento richiamo all importanza delle classi di età nello studio delle società. Ma è soltanto con Parsons (1942, 1963) che la gioventù viene presa in esame per essere studiata all interno della società. Quest autore, seguendo il suo orientamento strutturalfunzionalista e riferendosi specificatamente alla società americana, riscontra in essa un contrasto fra i modelli normativi che presiedono alla organizzazione e integrazione dei ruoli familiari e dei ruoli professionali. Secondo Parsons il modello particolaristico della famiglia non aiuta il giovane ad acquisire un autonomia affettiva consona all ingresso nel mondo delle professioni dominato da un modello universalistico. Il sociologo americano sottolinea soprattutto la sempre maggior astrattezza delle norme che regolano la divisione del lavoro sociale e quindi la maggiore difficoltà che incontrano i giovani, rispetto al passato, ad integrarsi consapevolmente nella società adulta. Questo tema del rapporto funzionale (o disfunzionale) tra famiglia e società viene ripreso da Eisenstadt (1956), nel suo ampio studio comparativo tra i diversi tipi di struttura sociale. Secondo questo autore, i gruppi di età giovanili fanno la loro apparizione nelle società universalistiche, nelle quali la famiglia e le relazioni di parentela non si pongono più come condizioni di appartenenza alla società globale. Nelle loro analisi sia Parsons sia Eisenstadt tendono privilegiare gli aspetti di stabilità del sistema sociale e i giovani vengono visti in funzione della riproducibilità del sistema attraverso il processo di socializzazione. I gruppi giovanili assolvono fondamentalmente questa funzione di integrazione tra modelli contrastanti, anche se occasionalmente, e per ragioni comunque esterne al sistema stesso, essi possono dar luogo a manifestazioni conflittuali nella sfera della devianza. Anche Coleman (1961) vede nella gioventù americana, e soprattutto negli studenti, un centro di tensione come risposta alle difficoltà del diventare adulti, ma anziché fare ricorso alla nozione di ambiguità del sistema di ruoli o alla pressione 24

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA

ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA CORSO CISL SCUOLA SALERNO ELEMENTI FONDAMENTALI DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO L ADOLESCENZA Terza parte prof.ssa Carla Romano dirigente scolastico Gli studi sull'adolescenza si sono sviluppati in Europa

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA A.A. 2006-07 LUCIDI DEL CORSO DI PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO M.A. ZANETTI R. RENATI S. PERUSELLI Programma Psicologia dello sviluppo Area 1 3 semestre

Dettagli

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è

ricerca di relazioni sociali e affettive fuori dalla famiglia, con i coetanei; è L adolescenza è una fase di sviluppo che copre approssimativamente il periodo che va dagli 11 ai 22 anni. La parola pubertà è spesso utilizzata per denotare manifestazioni fisiche dello sviluppo sessuale.

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ

LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ LA COPPIA TRA GENERATIVITÀ E GENITORIALITÀ www.lezione-online.it 1 PREFAZIONE Da sempre la letteratura psicologica, pedagogica e scientifica propone modelli che sovente, negli anni, perdono di valore e

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale

Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Gruppi di sostegno alla persona ed alla comunità: strategie di promozione del benessere esistenziale Psicologia di comunità La Psicologia di comunità nasce nel 1965 in America, ad opera di docenti universitari

Dettagli

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne

Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le influenze esterne Lo sviluppo del sé MODULO 14 1. Individualità e identità di genere 2. Lo sviluppo del sé 3. Continuità e discontinuità Argomenti: - La consapevolezza di sés - Il concetto di sés - La stima di sés - Le

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo

MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo MODULO 14: L individuazione e le traiettorie di sviluppo - L individualità - Lo sviluppo dell identità di genere - La costruzione e lo sviluppo del sé - Continuità e discontinuità nello sviluppo - Traiettorie

Dettagli

GIOCHI DIDATTICI ISPEF

GIOCHI DIDATTICI ISPEF FAUSTO PRESUTTI GIOCHI DIDATTICI ISPEF LA METODOLOGIA DEL GIOCO LE CARATTERISTICHE E LE REGOLE DEL GIOCO Le caratteristiche fondamentali delle attività di gioco sono: a) la spontaneità, cioè la mancanza

Dettagli

Lo sviluppo socio-relazionale

Lo sviluppo socio-relazionale Lo sviluppo socio-relazionale È costituito dai cambiamenti che caratterizzano il modo di mettersi in relazione con le altre persone da parte del bambino. Dipende: Dallo sviluppo delle funzioni cognitive

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee?

ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella ADOLESCENZA - ADOLESCENZE 1 ADOLESCENZA? Proviamo con un Brain Storming di immagini e idee? 2 1 3 ADOLESCENZA Qual è il periodo

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo

Bambini malati in ospedale. Prof.ssa Natascia Bobbo Bambini malati in ospedale Prof.ssa Natascia Bobbo Infanzia A partire dalla nascita fino all adolescenza, verso gli 11, 12 anni, il bambino affronta numerosi compiti evolutivi su diverse dimensioni del

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo SVILUPPO E CICLO DI VITA 1 Cosa determina lo sviluppo? Il processo di sviluppo è innato (deriva dalla

Dettagli

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi

Il Counseling Maieutico Orientamenti teorici e operativi IlCounselingMaieutico Orientamentiteoricieoperativi 1.IlconflittocomerisorsaperilCounselingMaieutico Dr.DanieleNovara Responsabilescientifico Il Counseling Maieutico è uno strumento innovativo nato dopo

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice

Sociologia Giuridica della devianza e del mutamento sociale. Indice INSEGNAMENTO DI SOCIOLOGIA GIURIDICA DELLA DEVIANZA E DEL MUTAMENTO SOCIALE LEZIONE IV LA DEVIANZA COME COSTRUZIONE SOCIALE PROF. ALFREDO GRADO Indice 1 L importanza dei paradigmi costruzionisti ---------------------------------------------------------

Dettagli

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk

La Psicoterapia Psicodinamica. Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk La Psicoterapia Psicodinamica Università Lumsa di Roma Dott. P. Cruciani, Dott.ssa P. Szczepanczyk Definizione: Una terapia che rivolge una profonda attenzione all interazione terapeutapaziente, con interpretazioni

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA FORUM PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA SCUOLA CONVEGNO Venerdi 19 agosto 2011 - TREVANO (Lugano) - AULA MAGNA SUPSI - 8,30/16,30 LE RISORSE EMOTIVE NELLA SCUOLA

Dettagli

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo

ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE. Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo ADOZIONE E ADOLESCENZA: LA TEMPESTA DOPO LA QUIETE Gli imprevisti e le opportunità dell'essere genitori di un adolescente adottivo «La crisi adolescenziale non lo è più di quanto non lo sia il parto; è

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016

PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 2015-2016 Il Progetto Educativo di Istituto (PEI) che definisce l identità e le finalità educative e culturali dell istituto Bertoni

Dettagli

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento.

DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. DSA - Disturbi specifici dell apprendimento: tra disturbo e apprendimento. Monica Buemi 1 La psicoanalisi non esiste se non tenendo conto dei significanti che circolano nell Altro, si rende quindi necessario

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO IN ETA EVOLUTIVA IL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE / IPERATTIVITA. 1. Che cos è l ADHD Il Disturbo da deficit di attenzione ed iperattività (DDAI), conosciuto anche con

Dettagli

L età del NON PIÙ e del NON ANCORA

L età del NON PIÙ e del NON ANCORA L età del NON PIÙ e del NON ANCORA PREADOLESCENZA non più e non ancora Pensiero: principio di realtà Intelligenza: pensiero operatorio astratto Mondo di riferimento: coetanei Relazione: collaborativa BAMBINO

Dettagli

Edvard Munch - Adolescenza (1894)

Edvard Munch - Adolescenza (1894) SESSUALITÀ IN ADOLESCENZA L adolescenza è una fase di transizione che ha inizio con una metamorfosi unica e irripetibile: quella del corpo (è la fase così detta della pubertà). Da sempre la pubertà segna

Dettagli

Il bambino con labiopalatoschisi

Il bambino con labiopalatoschisi Il bambino con labiopalatoschisi Aspetti psicologici e ruolo dello psicologo Ornella Manca Uccheddu La nascita del figlio A. M. Di Vita (Palermo, 2002) Ha messo in evidenza una differenza fra padri e madri

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU)

IL GIOCO. La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) IL GIOCO La natura vuole che i bambini siano bambini prima di diventare adulti. (J.J.ROUSSEAU) Il gioco insegna a muoversi, a immaginare, a pensare (M. LAENG) Lo sport ed il gioco sono elementi fondamentali

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

Giovedì 15 Marzo 2012

Giovedì 15 Marzo 2012 Giovedì 15 Marzo 2012 L ESPERIENZA DEL MORIRE COME AIUTARE I BAMBINI AD AFFRONTARE LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA SILVIA VARANI Psicoterapeuta Fondazione ANT Italia Onlus Fratelli, a un tempo stesso, Amore

Dettagli

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza

Appunti della lezione dell 8 marzo 2010. 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza Appunti della lezione dell 8 marzo 2010 Cap 1 adolescenza e compiti di sviluppo 1- Adolescenza: viene considerata la fase di iniziazione alla tossicodipendenza L adolescenza è caratterizzata dal superamento

Dettagli

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1

XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998. Guido Maura 1 XXV Convegno Nazionale, Torino, gennaio febbraio 1998 Telefono amico e le contraddizioni della società della comunicazione Guido Maura 1 Telefono Amico, come altri servizi dedicati a favorire contatti

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO Piccoli PA.S.S.I.- Parrocchia di San Prospero Sostegno Scolastico Integrato di bambini e ragazzi con Disturbi Specifici dell Apprendimento e Bisogni Educativi Speciali PREMESSA In ambito scolastico e,

Dettagli

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi

Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione. su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Il trauma della separazione: effetti psicologici della separazione su coniugi e figli 4 marzo 2013 Dr.ssa Elena Canavesi Focus La trattazione delle conseguenze psicologiche della separazione su: CHI DECIDE

Dettagli

Sintesi delle fasi dello sviluppo umano secondo Freud, Piaget ed Erickson

Sintesi delle fasi dello sviluppo umano secondo Freud, Piaget ed Erickson Sintesi delle fasi dello sviluppo umano secondo Freud, Piaget ed Erickson Nel processo di sviluppo dell individuo si possono rilevare degli stadi, o fasi, o periodi, ciascuno con specifici tratti e compiti

Dettagli

CENTRO FEDERATO INER VERONA

CENTRO FEDERATO INER VERONA CENTRO FEDERATO INER VERONA Via Seminario, 8 37129 Verona Referente: Giancarla Stevanella Segreteria :da Lunedì a Venerdì dalle 9,30 alle 14,00 Tel. 045 9276227 - fax 045 9276226 e mail: iner.verona@fecunditas.it

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività

Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Il Disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Dott.ssa Sara Bernardelli Psicologa-Psicoterapeuta SPC-Scuola di Psicoterapia Cognitiva Cos è il disturbo da deficit di attenzione/ iperattività Alessandro

Dettagli

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI

ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relazione Incontro del 15 ottobre 2015 ALLA RICERCA DELLE PROPRIE ORIGINI Relatore: Dott. Marco Chistolini Psicologo, psicoterapeuta e formatore Il tema centrale della ricerca è il rapporto con la storia

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna

PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE. Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna PROMUOVERE LE COMPETENZE GENITORIALI: DALLA VALUTAZIONE INIZIALE AL SOSTEGNO POST-ADOZIONE Jesús Palacios Università di Siviglia, Spagna Milano, 10 giugno, 2011 Genitorialità adottiva Bambini e bambine

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA Premessa L avvio di una nuova esperienza scolastica o il passaggio da una classe all altra dovrebbe avvenire senza cambiamenti bruschi, senza traumi, solo con l entusiasmo di intraprendere

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE

LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE 339 LA PREVENZIONE DEL DISAGIO GIOVANILE STEFANO CALAMANDREI Psichiatra A.S.L. 10 Firenze MOM SMA Q5 1. Il formarsi del senso di realtà. Adolescenti e compiti evolutivi

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Donne che non hanno paura del fuoco

Donne che non hanno paura del fuoco STUDIO DI PSICOLOGIA CORSO DELLE TERME 136 MONTEGROTTO T. (PD) DOTT.SSA MARISA MARTINELLI WWW.VEDEREBENE.IT Donne che non hanno paura del fuoco (Revisione appunti conferenze psicologia del femminile) Perché

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante

RESOCONTTI. Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante Ermeneutica del disegno Progetto:Valutazione delle analisi su disegni infantili Giovanna Durante RESOCONTTI Il presente elaborato è un resoconto dell attività di ricerca del progetto formativo svolto presso

Dettagli

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI

CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CORSI DELL'INDIRIZZO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIOSANITARI SCIENZE UMANE E SOCIALI CLASSI PRIME La famiglia nella società Le nuove famiglie e le varie tipologie Una famiglia per crescere e dialogare La teoria

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

LA CHIAVE D INGRESSO

LA CHIAVE D INGRESSO LA CHIAVE D INGRESSO Una personalità così ricca e così umanamente complessa quale quella che emerge dai manoscritti di Sandra Sabattini non poteva non essere analizzata da un punto di vista psico-grafologico.

Dettagli

Appunti di psicologia

Appunti di psicologia Appunti di psicologia Teorie della personalità TEORIE DELLA PERSONALITà Metodi analitici introspettivi : Freud Metodi cognitivo comportamentali : psicologia della Gestalt Metodi sistemici relazionali:

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano

Indicazione per la scuola dell infanzia in lingua italiana di Bolzano I PRIMI PASSI DELLA RIFORMA SCOLASTICA IN PROVINCIA DI BOLZANO Per la scuola in lingua italiana della provincia autonoma di Bolzano, da un lato, abbiamo voluto evitare un atteggiamento attendista, che

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA

PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Dott.ssa Martina Valente Psicologa master II livello in Psicopatologia dell Apprendimento s.a Psicoterapia cognitivo comportamentale per l infanzia e l adolescenza

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE

PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE PER UN PROTAGONISMO POSITIVO dei SOGGETTI in FORMAZIONE Motivare / Coinvolgere / Recuperare/ Valorizzare/ Giovane e Studente oggi Cambiamenti profondi a livello di: Strutture familiari Sistema formativo

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

Indice. Ringraziamenti 9

Indice. Ringraziamenti 9 Indice Ringraziamenti 9 I LA PAURA DELLA SCUOLA 11 Magda Di Renzo, Federico Bianchi di Castelbianco Per iniziare Le nuove esperienze sono fonte di paura La fobia scolare Eziologia La dinamica familiare

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA

4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA PIANO INTEGRATO DIRITTO ALLO STUDIO Anno Scolastico 2012 2013 4.1- L OFFERTA FORMATIVA CONSULTORIO FAMILIARE E CENTRO FAMIGLIA ZELINDA SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

La funzione dei centri antiviolenza e il loro osservatorio: il sostegno del bambino coinvolto nel percorso di protezione assieme alla madre A cura di Centri antiviolenza Demetra, Linea RosaeSos Donna Formazione

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

DIPENDENZA AFFETTIVA AL FEMMINILE

DIPENDENZA AFFETTIVA AL FEMMINILE DIPENDENZA AFFETTIVA AL FEMMINILE Milano, 19 giugno 2014 Dott.sa Monica Loiodice AMORE SANO/MALATO DIPENDENZA DALLA MADRE DIPENDENZA AFFETTIVA CARATTERISTICHE E COMPORTAMENTI DIPENDENZA AFFETTIVA DIPENDENZA

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli