L'appiglio più piccolo del mondo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'appiglio più piccolo del mondo."

Transcript

1 Page 1 of 6 L'appiglio più piccolo del mondo. L'arrampicata in placca di Manolo. di Oscar Durbiano Maurizio Zanolla, meglio conosciuto come "Manolo", è chiamato "Mago" dagli intimi. Mago perché, verso la fine degli anni anni '70, questo giovane arrampicatore trentino aveva raggiunto livelli di arrampicata tali che qualcuno, per dare una spiegazione al fenomeno, cominciò a prendere in considerazione ipotesi che prevedevano arti magiche o stregoneria. A parte gli scherzi Manolo, a quei tempi, veramente piombò sul pianeta della montagna e dell'arrampicata, come un ciclone che sconvolse letteralmente un ambiente ormai tranquillo da troppo tempo. Da allora niente fu più come prima. Mago Manolo rappresentò uno dei principali input del cambiamento etico-morale degli anni '80. A lui, e a pochi altri, si deve la genesi di quella che oggi è diventata la moderna arrampicata. Manolo atterrò quindi come un ufo sul pianeta verticale. Una scia luminosa, una stella polare che fece intuire direzioni e sviluppi dell'arrampicata del futuro. Un oggetto non identificato quindi, quasi si trattasse di un alieno, un qualcosa fuori dal mondo, difficile da raccontare perché complicato da interpretare, come molte novità importanti del resto. Col passare del tempo la storia del Mago diventa sempre più misteriosa, progressivamente avvolta da un alone mistico che sfiora la leggenda. Il tutto amplificato dai seguaci che idolatrano l'uomo schivo che non ama la folla e vive nella tranquillità dell'armonia interiore. Metà degli anni '80. Arrivano le prime gare di arrampicata. Manolo è presente ma non vi partecipa perchè infortunato. Iniziano le polemiche che mettono in discussione il valore dell'atleta e dell'uomo. Addirittura qualcuno lo accusa di aver mentito su alcune sue realizzazioni sulle pagine di una rivista d'arrampicata (Punto Rosso, n.6, luglio 1991). Perchè tutto questo? Solo perchè non ama il confronto sportivo e quindi non partecipa alle gare? Le sue vie sono sempre state a disposizione di tutti e pare più che lecita una scelta di campo fatta da un personaggio che, a quel punto della sua carriera sportiva, aveva tutto da perdere e poco da guadagnare. Dove sta quindi la verità e sopratutto, cos'è diventata oggi l'arrampicata di Manolo? Coniglio bagnato. Manolo, in seguito alle polemiche, rimase molto deluso e amareggiato. Le contestazioni arrivarono farcite d'invidia, stupidità e, in qualche caso, anche di cattiveria. Tutto ciò a che fine se non per distruggere una reputazione? Se si comincia a dubitare delle persone, senza peraltro presentare controprove precise, allora bisogna mettere in discussione l'intera storia dell'alpinismo. In ogni caso, a prescindere da ogni polemica, Manolo non ha mai detto, o preteso, di essere il migliore. Ha semplicemente cercato di condurre un'esistenza professionale legata al mondo dell'arrampicata conquistandosi, nel tempo, un'immagine di un certo tipo grazie a un lavoro serio e costante nel tempo. Non è certamente colpa sua se altri non sono riusciti a fare altrettanto. Lasciate dietro le polemiche, il Mago ha continuato la sua vita di sempre, tra boschi e crode. Una vita semplice e riservata la sua, divisa tra famiglia, lavoro, natura e arrampicata. Il tempo, poi, ha fatto il resto. Alcuni sponsor hanno continuato ad appoggiarlo, perchè conoscono il personaggio e credono nell'immagine che rappresenta, altri si sono succeduti nel tempo. Uno di questi, la Sector, lo ha promosso uomo immagine della filosofia dell'estremo "No Limits". I media continuano a interpellarlo regolarmente e oggi più che mai Manolo resta il personaggio di riferimento legato all'arrampicata per l'immaginario collettivo. Si tratta indubbiamente di un uomo vero, di quelli che lasciano il segno, nel bene e nel male. Facendo un parallelo, ovviamente con le dovute cautele, potremmo dire che affiora quasi un caso alla "Baggio", sublime artista del pallone amato dal pubblico ma avverso agli allenatori per eccesso di popolarità. Roby Baggio un giorno venne definito dall'avvocato (quello con la "A" maiuscola) Agnelli il "Raffaello" del calcio. In un secondo tempo, sempre l'avvocato, ricorse a un'altra icona, legando l'immagine del fantasista di Caldogno alla metafora del "coniglio bagnato", in certi casi un po' triste e sfigato, ma che fa tenerezza e proprio per questo ben voluto da tutti. Manolo è il Baggio dell'arrampicata, genio e sregolatezza, un po' Raffaello e un po' coniglio bagnato. Personaggio amato e discusso come pochi in questi ultimi anni, Manolo ha diviso l'opinione pubblica, arroccandosi su posizioni etico-morali ben precise : no alle competizioni, si alla libertà di pensiero e movimento. Questo ha detto e questo ha fatto, da quindici anni a questa parte. Quante cose sono passate nel frattempo e quanti personaggi si sono susseguiti alla ribalta. Manolo è sempre lì, severo e maestoso come un'aquila appollaiata su una roccia inaccessibile che osserva il mondo sottostante, ovviamente sempre più strapiombante. Ed è bello oggi, a distanza di qualche tempo, tornare a parlare di certe cose, di certi momenti che hanno rappresentato le tappe fondamentali di quello che oggi è diventata la moderna arrampicata. Manolo ci racconta quindi la "sua" verticale : gli esordi, gli slanci della passione motoria, l'esplorazione dell'estremo e dei suoi limiti. Una storia di roccia e fantasia, ingenuità e magnificenza, motricità e neuroni. Il figlio del vento. Il mago è sempre lo stesso. Un po' invecchiato, un po' noioso perchè si lamenta sempre dell'ennesimo Manolo Ritratto Arrampicata In Manolo Anni70 (ph.mariacher) ManoloAnni70 (Ph.Simion)

2 Page 2 of 6 infortunio, ma è sempre lo stesso. Magnifico e un po' folle. Lo tradisce la luce negli occhi, il luccichio della passione che si accende non appena inizia a parlare di arrampicata e movimento. In certe cose però è quasi banale : mai una volta che riesca a mascherare qualcosa che gli brucia dentro. Se fosse un assassino, ad esempio, lo beccherebbero subito, e questo non è un bene perchè nella vita non si sa mai. In ogni caso il Mago non sa fingere, almeno per certe cose. Manolo è un istintivo e un montanaro. O meglio, un montanaro istintivo. Bisogna voler bene agli istintivi, occorre capire le persone prima di amarle. Sono cordiali ma solitari e, a volte, anche un po' diffidenti. Odiano le mezze misure: amore o odio. Col tempo amore o indifferenza. Quando però è amore tutto è amplificato e il Mago, da sempre, è innamorato dell'arrampicata. Roccia e movimento. Aria e cielo. Fantasia e pensiero. Manolo è un artista della verticale, un animale selvaggio e solitario : genio e sregolatezza, prendere o lasciare. Manolo è un ragno, la roccia la sua tela. Si muove nel suo ambiente con naturalezza, istintivamente arrampica pareti che, col tempo, sono diventate la storia dell'arrampicata sportiva nazionale e non solo. Linee magiche, intrise di fascino e malinconia. L'arrampicata diventa un modo di comunicare con l'ambiente che lo circonda e Manolo lo fa in modo affascinante, quasi si esprimesse con un linguaggio d'altri tempi, armonioso perchè onomatopeico, bello da ascoltare quasi si trattasse di una musica che parla di momenti irripetibili, emozioni verticali. È sempre bello sentir parlare di certe cose, perchè fa tornare indietro nel tempo e ci fa sognare. E il sogno è il regno della fantasia, dove non ci sono regole e confini. La vita di Manolo, per molti di noi, è stata e continua ad essere un sogno. Leggende, chiacchiere, incomprensioni a parte. Manolo è un personaggio "vero", semplice e allo stesso tempo complesso. Proprio per questo interessante. Fantasia e intuizioni illuminate dalla fantasia. Manolo è un uomo libero, nel vero senso della parola. E al giorno d'oggi, credetemi, la libertà, quella vera dello spirito, è l'unica cosa che ci arricchisce interiormente, per il semplice fatto che ci permette di realizzare le cose che amiamo. E Manolo questo lo ha capito prima di altri. Un uomo d'altri tempi quindi, quasi fosse uscito da una macchina del tempo. Che ama guardare le nuvole rincorrersi nel cielo, libere e felici. In un mondo dell'arrampicata sempre più fisico e strapiombante cosa ha rappresentato per Manolo la placca? Invecchiando inizio a fare confusione, faccio fatica a distinguere i ricordi tra placche appoggiate, muri verticali, etc... Direi semplicemente che si trattava del modo di arrampicare di quei tempi e quindi fine anni '70. Io ho iniziato ad arrampicare a diciasette anni. Allora non si andava troppo per il sottile, l'importante era scalare, sempre e comunque. Alla base di tutto c'era un gran entusiasmo per questa nuova espressione motoria. Il terreno di gioco erano quindi placche, fessure e diedri. Direi che in quei primi anni lo strapiombo non veniva quasi concepito. Allora si immaginava che su quel tipo di arrampicata fossero necessarie prese grandi e noi facevamo il contrario : cercavamo di tenere appigli sempre più piccoli, ovviamente su pareti non strapiombanti. In quegli anni l'evoluzione passava attraverso il rimpicciolimento degli appigli, si ricercavano percorsi sempre più tecnici, quindi verticali o appena appoggiati con appigli sempre più piccoli e precari. Ad Arco e in Totoga l'evoluzione delle difficoltà di quel periodo avvenne così. Penso che per un certo periodo, almeno finché lo sviluppo dell'arrampicata mantenne una certa direzione, fummo sicuramente all'avanguardia, in Italia e non solo. Poi la mutazione delle difficoltà si è spostò verso altre inclinazioni. Quando hai scoperto il Totoga? Era il Ben presto mi resi conto che per continuare ad arrampicare anche quando in montagna era finita la stagione, dovevo trovare qualcosa a bassa quota, in valle. Sopratutto da queste parti, dove l'autunno è freddo e l'inverno è lungo. Un giorno, appena tornato dal Verdon, e quindi illuminato da quel tipo di arrampicata indirizzata verso alla ricerca della difficoltà, cominciai a guardare con occhi diversi quella grande parete che da sempre avevo davanti agli occhi. Pochi giorni dopo iniziai la mia storia col Totoga : era l'autunno del '79. Hai parlato del Verdon. Cosa rappresentò per te quell esperienza? In quel periodo avevo già fatto cose interessanti in giro, mi riferisco a salite in libera di itinerari già esistenti. Nel 77 avevo liberato la Cassin alla torre Trieste, oggi valutabile 6c. nel 78 avevo ripetuto nello stesso stile la Bonatti al Capucin, pochi giorni dopo la prima libera di Jean Claude Drojer. In ogni si trattave sempre di difficoltà in montagna. Mai fino allora mi era venuto in mente di ricercare la difficoltà nelel strutture di bassa quota. L illuminazione avvenne in Verdon che rappresentò, quindi, un po la genesi della mia arrampicata sportiva. Quell'episodio rappresentò la scopertà di una nuova dimensione, un modo diverso di vedere le cose finalizzandole alla ricerca della difficoltà? Esatto. Nel '78 finii il militare e iniziai un periodo particolarmente intenso dedicato arrampicata. Ripetevo vie in montagna e tentavo sempre di salirle in libera. Spesso si trattava vecchie linee aperte in artificiale. Aprivo anche nuove vie. Di quel periodo ricordo I Piazaroi, sulla Cima della Madonna nelle Pale di San Martino. La via per i tempi era molto difficile, chiodata lunga e coi gradi stretti : un 7b molto esposto, se si ripete il persorso originale. Tutto questo per dire che allora ero veramente in palla per certe cose, come ad esempio ricercare il massimo della difficoltà col minimo di protezioni. Forse ero anche un po' incoscente. Il Verdon quindi si rivelò uno shock, sotto diversi punti di vista. Abituato all'esposizione, alla roccia non sempre buona e alle protezioni lontane, ritrovarmi su calcare splendido con chiodi ogni tre metri non mi sembrava vero. Onestamente fare a vista quello che si riteneva il 7a di allora, quello di vie come Mangoustine Scatophage o Dengomaniaque, mi sembrava facile. La frequentazione di quell'ambiente mi fece capire molto, mi aprì gli occhi sulle potenzialità dell'arrampicata sportiva. I primi spit li hai quindi visti in Verdon? Diretta al Gran Diedro 7a+ (Ph. Bellenzier) Microappigli Della (Ph. Bellenzier) Tramonto acrobatico (Ph.Simion) Arrampicata Precaria Solitaria Su Trimurti 7b Ph. Simion

3 Page 3 of 6 Certo. Ci ho messo poi circa tre anni ad utilizzarli dalle mie parti, perchè restavo legato a un'etica tradizionale, che non ne prevedeva l'uso. In ogni caso il chiodo a pressione ha rappresentato il mezzo attraverso il quale è stato possibile percorrere un certo percorso alla ricerca della difficoltà, senza rischiare la vita. Il Mattino dei maghi, ad esempio, non sarebbe stato possibile senza il chiodo a pressione messo nell'81. Che effetto ti fecero gli spit in mezzo a una placca? Rimasi sopratutto sorpreso e per diversi motivi. Subito non capivo come si potessero mettere quelle protezioni dal basso, perchè per me l'unico modo di aprire una via, allora, era di farlo dal basso. Poi mi chiesi perchè ne utilizassero così tanti. Ricordo che salii Mangoustine Scatophage con tre rinvii, e non per fare il furbo, ma semplicemente perché per me era naturale arrampicare con pochi chiodi. Solo dopo Jean Marc e Stèphane Troussier, Patrick Berhault e "Pshitt " Perrier, mi spiegarono che le vie si chiodavano sia dal basso appendendosi ai "cliff -hanger", dei piccoli uncini metallici di provenienza americana, che dall'alto, calandosi sulla via. Tornato dalla Francia cominciai a guardarmi intorni con occhi nuovi. Poco tempo dopo nasceva la prima via del Totoga, Lucertola schizofrenica 6c. Logicamente aperta dal basso e con pochi chiodi normali. Da quell'episodio è partita l'avventura del Totoga. Per quanto tempo hai arrampicato sul Totoga? Praticamente sei-sette mesi all'anno per almeno dieci anni. Poi sempre meno, anche se ci torno volentieri. Sai, il Totoga ha un po' rappresentato il mio "laboratorio" del gesto e quindi, anche quando arrampicavo molto fuori, amavo provare, sperimentare nuove soluzioni sul terreno di casa. Quali sono stati i tuoi primi sponsor? La ditta Ande, che ai tempi importava la "Vertical", una ditta di abbigliamento tecnico. Poi "La Sportiva" per le scarpette di arrampicata. E oggi? Degli storici è rimasta solo La Sportiva. Collaboro da quasi un decennio con gli orologi "Sector" che mi forniscono anche l'abbigliamento "No Limits". Ho poi Longoni Sport per il materiale ed infine "Gensan" come integratori alimentari. Cosa hanno rappresentato gli sponsor per Manolo? Mi hanno permesso di vivere la vita che ho sempre desiderato. Mi hanno reso indipenente economicamente e libero di dedicarmi a tempo pieno all'arrampicata. Gli sponsor mi hanno dato molto e io penso di aver dato altrettanto a loro. Non sono certamente un uomo d'affari, altrimenti avrei intrapreso altre strade, sicuramente più remunerative. Quando hai scoperto Arco? Un giorno rispondo al telefono e sento dall'altra parte : " Sono Roberto Bassi. Vuoi arrampicare con me? ". Quel giorno nacque un'amicizia importante e portai Roby ad arrampicare, in Totoga. L'inverno successivo Roberto cominciò a chiodare l'area di San Paolo ad Arco e io andai a trovarlo sul calcare del Garda. Siamo nei primi anni '80, direi '82. Quell'inverno scesi a provare le sue prime vie ed iniziai a divertirmi, scoprivo il piacere dell'arrampicata anche sui monotiri fuori dal Totoga. Contemporaneamente iniziai a girare per visitare i centri di arrampicata più in voga dell'epoca : Verdon, Finale, Valle dell'orco, Sardegna. Fuori casa mi concentravo sull'arrampicata a vista o in pochi tentativi. Il lavorato lo riservavo al Totoga. Chi c'era ad Arco in quel periodo? Poca gente : Roberto Bassi, Heinz Mariacher, Luisa Iovane e, qualche volta, Bruno Pederiva. Eravamo un bel gruppo, affiatati e entusiasti. Penso che si trattò del periodo più bello della mia vita, eravamo amici con poche preoccupazioni e pensavamo solo ad arrampicare. L'incantesimo durò un paio d'anni. Quali i più bei ricordi di quella magnifica stagione? Mi riaffiorano momenti su La signora degli appigli, 7c alla Spiaggia delle Lucertole. Rammento la salita a vista di Tom e Jerry, forse uno dei primi 7c fatti in quello stile ad Arco e anche Impedita, un 7c nella Gola di Toblino. Ricordo battaglie epiche su Nisida e Indiana Jones, l'essenza di un certo tipo arrampicata, tutta di movimento su piccoli appigli e molto di testa. E poi Dracurella a San Paolo, forse uno dei primi 8a di Arco. Infine La Sfinge, una via bellissima di 7c/8a nella Gola di Toblino, salita nell'autunno '85. Esaurita la stagione di Arco come è proseguita l'avventura della tua arrampicata in placca? Come già detto, quando ero fuori casa, arrampicavo a vista, o su veloci lavorati. La difficoltà pura la ricercavo sui muri del Totoga, dove potevo dedicare più tempo ai progetti che avevo in cantiere. Alla fine, prova e riprova, quasi sempre riuscivo a risolverli. Quindici anni fa, sei stato uno dei primi a discutere di "intelligenza motoria", dell'importanza di conoscere e saper dialogare con corpo e mente per migliorare la qualità dell'arrampicata. Cosa pensi oggi, a proposito dell'argomento? Penso che si tratti di un aspetto fondamentale, sopratutto nell'ambito di una disciplina motoria particolare come l'arrampicata, dove la qualità della prestazione ha una grande dipendenza dalla preparazione fisica ma anche dall'aspetto mentale e dall'equilibrio psico-fisico. L'arrampicata tecnica di quel periodo ha sicuramente contribuito a stimolare le capacità di adattamento del mio corpo a certe esigenze di interpretazione del movimento. Ho anche migliorato alcune caratteristiche specifiche di forza, come quella nelle dita, dando un certo tipo di impronta al mio stile di arrampicata. In ogni caso penso di essere nato con certe caratteristiche fisiche più indirizzate verso un certo tipo di Su (Ph. Zagonel) Manolo In Totoga (Archivio Manolo) Manolo In Totoga (Archivio Manolo) Manolo Su Ultimo Movimento 8b Manolo Ritratto Baby Rabbit 8b (Ph. Bellenzier)

4 Page 4 of 6 arrampicata che altre. Quando, ad esempio, l'evoluzione delle difficoltà è andata verso lo strapiombo, ho iniziato a segnare il passo, perché di forza generale negli arti superiori non ne ho mai avuta molta. Non sono mai stato, ad esempio, molto forte nei grandi strapiombi e ho sempre dovuto soffrire più di altri per fare le stesse cose. In ogni caso ho sempre cercato di agire in modo spontaneo. Mi è venuto quindi naturale cercare di compensare le carenze genetiche del mio fisico sviluppandone altre. Quali? Avendo poca forza di base negli arti superiori ho cercato di finalizzare al massimo la progressione, privilegiando la velocità di esecuzione e la rapidità nei movimenti nelle vie a vista, basata completamente sull'intuito di progressione. Ricordo che qualche anno fa, quando ho fatto a vista un 8a a Cïmai, En un combat doteaux, non ci messo più di dieci minuti e ricordo di aver letto di una prestazione analoga di Alberto Gnerro, effettuata qualche anno prima, dove lui era stato quasi un'ora sul tiro! Per me si tratta di una cosa inconcepibile proprio perché non ne ho le possibilità fisiche. Io devo andare come un razzo, perché non posso fare altrimenti. Per questo ho sempre rifiutato di memorizzare i passaggi delle vie, tranne logicamente le sezioni chiave delle vie lavorate, proprio per sviluppare al massimo un intuito motorio che è diventato la caratteristica principale della mia arrampicata. Ecco svelato uno dei segreti del Mago... Non penso che si tratti di qualcosa di particolare. Semplicemente è la chiave di interpretazione personale del gioco-arrampicata. L'arrampicata è, e deve rimanere, sopratutto un gioco, un'attività da fare con la mente aperta perchè ci permette di sognare e ci rende liberi di muoverci, nel modo più efficace, nell'ambiente che ci circonda. Se l'arrampicata, come ha detto qualcuno, è il modo più lento per spostarci sul pianeta, l'arrampicata tecnica ci costringe a rallentare ulteriormente, ci obbliga a pensare. E concentrarsi fa bene al cervello, ci rende vivi. Quando stiamo bene con noi stessi pensiamo più velocemente, ci spostiamo con maggior rapidità e tutto diventa più piacevole, meno faticoso : diventiamo spontanei e integrati nella natura rocciosa. Interessante questo concetto : spontaneità e razionalità all'insegna dell'efficacia del gesto? Direi proprio di si. A un giovane che inizia con l'arrampicata oggi, col senno di poi, consiglierei di partire curando al massimo la tecnica, oltre che la forza. Suggerirei a tutti di avere un po' pazienza prima di ricercare il valore numerico della prestazione e di applicarsi in esercizi di decodificazione motoria, di ottimizzare il gesto. Nessuno dovrebbe trascurare l'aspetto emozionale dell'arrampicata, e quindi perseguire il "piacere" del gesto motorio finalizzato all'obbiettivo che ognuno di noi si pone. Senza dubbio arrampicare bene sul tecnico non porta che benefici alla qualità dell'arrampicata di ognuno. Vedo che sempre più gente sposta l'interesse oltre la verticale, rincorrendo erroneamente il semplice valore numerico della prestazione. Una vera difesa a favore dell'arrampicata tecnica! Sono convinto di quello che dico. Chi recepisce il concetto non ha che da guadagnare in tutti i campi dell'arrampicata, a prescindere dalle qualità fisiche di base. Se uno arrampica bene e in modo efficace ne trarrà beneficio sempre e comunque. Ad esempio, dal mio punto di vista, l'importanza dei piedi è enorme, in ogni frangente. Addirittura in certi casi superiore alla qualità dell'allenamento. Sono convinto che l'arrampicata ha ancora molto da dire in questo campo. Penso che in questi ultimi anni si siano trascurati questi aspetti perchè c'era ancora indubbiamente molto da fare nel campo degli allenamenti. Oggi che ci siamo avvicinati ai limiti fisiologici, muscolarmente parlando, penso sia arrivato il momento di occuparsi meglio dell'aspetto tattico-mentale. L'arrampicata del futuro, ovviamente in ambiente naturale, andrà verso queste direzioni, verso sfide sempre più complesse da risolvere, rebus motori che necessitano molti requisiti, non solo fisici, per essere risolti. Quindi sfruttare al meglio l'uso dei piedi e delle gambe per andare veramente al limite, lavorare sulla scioltezza articolare per ampliare le possibilità di movimento, riuscire a mantenere la concentrazione ottimale anche quando sei veramente al limite, etc... Quanto è importante l'aspetto mentale nell'arrampicata estrema? Dal mio punto di vista direi oltre il 60%. E lo dico perché sono convinto che noi, come esseri umani, abbiamo delle risorse mentali incredibili. Il problema è che raramente ci rendiamo conto delle nostre possibilità. Io, ad esempio, certe capacità riesco ad esprimerle solo in alcuni frangenti. Non partecipo alle competizioni perchè non mi sono mai piaciute, ma comunque sono certo che non avrei l'attitudine mentale alla gara e alla concentrazione per sostenere la competizione e sopportare la tensione nervosa che ne deriva. Di questo me ne accorgo quando arrampico per i fatti miei. Solo quando sono completamente rilassato ti rendi esattamente conto delle potenzialità fisiche che hai e riesci ad andare veramente al limite. In tutti gli altri frangenti non riesci mai a sfruttare interamente le tue potenzialità e qui entra in gioco l'importanza dell'aspetto mentale, della concentrazione. Hai detto che, geneticamente, sei nato meno dotato di altri per quanto riguarda la forza negli arti superiori. Quanto pensi sia stato importante sviluppare una muscolatura armoniosa e completa ai fini della tua arrampicata? Direi che fino a una certa inclinazione della parete non hai bisogno di una grandissima forza, o perlomeno l'importanza di questa è relativa. In ogni caso è difficile pensare a un itinerio in placca, per quanto impegnativo, che non presenti un riposo, anche se parziale. Su uno strapiombo estremo la continuità è asfissiante. Su un muro, anche di 8b, credo che bene o male se uno sa veramente arrampicare ci siano sempre delle possibilità per scuotere una mano o decontrarsi prima di una sezione impegnativa. In placca la "tecnicità" è sicuramente premiante perché ti permette di sfruttare la globalità del corpo ed economizzare la progressione. Direi che su certi stili di arrampicata la "tecnicità" di progressione è assolutamente determinante. Ad esempio è fondamentale per andare veramente al limite sfruttare al massimo la forza dei piedi. Hai fatto qualche lavoro specifico per esercitare queste caratteristiche? Baby Rabbit 8b Baby Rabbit 8b su Border Line 8a + Su Border Line 8a + Su Cavallieri Selvaggi 7c 8a

5 Page 5 of 6 Niente di particolare. Anche qui sono sempre stato istintivo. Al contrario delle braccia, gli arti inferiori li ho sempre avuti abbastanza forti. Penso semplicemente di aver sfruttato le mie caratteristiche fisiche applicandole alla motricità verticale. È chiaro che su una certa tipologia di arrampicata come quella di placche e muri tecnici sono riuscito a dare il meglio di me stesso. Ho sfruttato molto i piedi, favorito anche da una certa scioltezza articolare del bacino, che mi permette di alzare molto i piedi per poi sfruttare la loro spinta. È per questo motivo che ho sempre preferito scarpette d'arrampicata morbide, per "sentire" meglio gli appoggi sotto i piedi, quasi come per "stringerli" come si fa con le mani. La scarpetta diventa quindi uno strumento determinante per la qualità dell'arrampicata? Indubbiamente. È l'unico intermediario tra il corpo umano e la roccia. La sua caratteristica di costruzione ci permette di avere un certo rapporto e quindi un certo "contatto", invece di un altro, con la roccia. Ecco il motivo per cui diventa determinante la scelta della scarpetta giusta, che meglio si adatta a quelle che sono le nostre caratteristiche. Io scelgo le scarpe morbide perchè favoriscono la fantasia e la libertà di movimento. Trovo che la scarpa rigida sia limitante, perchè non permette certe cose e frena l'immaginazione. Mi rendo conto che in certi frangenti una certa rigidità strutturale mi potrebbe aiutare. Il morbido amplifica il piacere dell'arrampicata. La scarpa morbida diventa, quindi, uno strumento di evoluzione motoria? Io, a quarantadue anni, non posso più pretendere più di tanto dall'arrampicata, tranne una cosa : voglio gustarmi fino in fondo il piacere di muovermi bene, salendo una parete. Arrampicare con una scarpa morbida esalta la sensibilità e mi da una percezione più completa di tutto il movimento. L'arrampicata diventa più naturale, più libera e ti permette di conoscere meglio il tuo corpo, di sfruttarlo completamente. Qual'è il tuo consiglio nei confronti dell'arrampicata tecnica alle nuove generazioni? L'arrampicata tecnica oggi è un po fuori moda, basta vedere quanta gente frequenta i posti in voga quindici anni fa. Indubbiamente bisogna avere forti motivazioni di base : è certamente più semplice portarsi a casa un 7c strapiombante che non uno verticale. Il concetto fondamentale però è un altro. Se un giovane è veramente appasionato e mira a migliorare la qualità globale della sua arrampicata, non può trascurare l'aspetto tecnico perchè è troppo importante. L'aspetto tecnico poi è anche di testa, e quindi emozionale. Un climber, come ogni qualsiasi altro sportivo motivato a migliorare la qualità della sua passione, dovrebbe porsi delle domande : per cosa arrampico? Per fare numeri, per vincere le gare o per il semplice piacere di farlo? Se uno arrampica principalmente per una gratificazione personale allora deve seguire la strada dell'istinto che solitamente porta all'emozione. Da questo punto di vista l'arrampicata tecnica sicuramente rappresenta un gran patrimonio emozionale, anche perchè trasmette sensazioni che poi portano beneficio al piacere "globale" del movimento. Dove sta andando la tua arrampicata? Sta andando in pensione! A parte gli scherzi, acciacchi permettendo e nonostante le lodi che fino ad ora abbiamo tessuto all'arrampicata in placca, guardo con molto interesse anche agli strapiombi, proprio perchè sono il terreno dove "soffro" di più e quindi ne sono affascinato. Lo strapiombo rispetto alla placca regala una dimensione in più : la profondità. È chiaro che per goderne bisogna avere un fisico adatto. Ho avuto indubbiamente molta più soddisfazione a fare il mio primo 8a a vista in strapiombo che non il primo in placca. L'importante, però, è la motivazione che sta alla base di tutto. Io, in fondo, sono sempre un ragazzino entusiasta perché sono attratto dai miei limiti. Finchè continuo ad aver voglia di giocare su questo, vuol dire che l'arrampicata resta una componente fondamentale della mia vita, la luce della mia fantasia. Nome: Cognome: Soprannome: Altezza: Peso: Maurizio Zanolla BOX Manolo o Mago 1,78 cm da 70 a 73 kg Luogo e data di nascita: Feltre, Residente: Titolo di studio: Professione: Realizzazioni a vista: Realizzazioni lavorate: Transacqua (Tn) diploma professionale guida alpina 5 vie di 8a+ e circa 30 di 8a. In montagna vie lunghe fino all'8a come la Bonvecchio, alle Pale di San Martino e Acacia, nel Ratikön svizzero. The Dream is free, 8c, Goblin Area in Val Noana (Tn). Il maratoneta a Paklenika, Malvasia Dvingrad 8b/c Su Cavallieri Selvaggi 7c 8a Su Gli Inaffidabili 8a SuI Mattino Dei Maghi 7c+ (Ph.Simion) Su JukeBox All' Idrogeno 8a Totoga Su JukeBox All' Idrogeno 8a Totoga ( Ph. Simion)

6 Page 6 of 6 Su Uomini E Topi 7c (Ph.Simions) Manolo Su Velluto Grigio 7b Su Terminator 8a+ Totoga Sul Granito Della (Ph.Bellenzier) Home - Gare

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta

Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare. È Natale ogni volta che... di Madre Teresa di Calcutta Il Test dei Tre Filtri di Socrate da meditare e applicare Nell antica Grecia, Socrate era stimato avere una somma conoscenza. Un giorno, un conoscente incontrò il grande filosofo e disse: "Socrate, sapete

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio

Distribuito da : Precept Minstry Italia. Traduzione a cura di Luigi Incarnato e Jonathan Sproloquio 4 Minuti Cosa Uno studio biblico di sei settimane ci riserva il Futuro Precept Ministry International Kay Arthur George Huber Distribuito da : Precept Minstry Italia Traduzione a cura di Luigi Incarnato

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento!

GLI OGRIN. Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! GLI OGRIN Il sistema di Punti scambiabili nei servizi ANKAMA Eh, sì, lo sappiamo: gli Ogrin sono semplici, ma ci vuole un po di tempo per spiegare il loro funzionamento! Si tratta, in primo luogo, di un

Dettagli

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA?

L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? dott.ssa Anna Campiotti Marazza (appunti non rivisti dall autrice; sottotitoli aggiunti dal redattore) L ADULTO CHE SA EDUCARE: REGOLE O PRESENZA? primo incontro del ciclo Il rischio di educare organizzato

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO

UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO UTILIZZO DELLA PSICOCINETICA NELLA SCUOLA PRIMARIA E IN AMBITO SPORTIVO Le capacità cognitive richieste per far fronte alle infinite modalità di risoluzione dei problemi motori e di azioni di gioco soprattutto

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO

GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO GUIDA PER ORGANIZZARE IL TRASLOCO Consigli e trucchi da esperti del settore IN QUESTA GUIDA: I. COME ORGANIZZARE UN TRASLOCO II. PRIMA DEL TRASLOCO III. DURANTE IL TRASLOCO IV. DOPO IL TRASLOCO V. SCEGLIERE

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli